Home

Un “Abbattimento Pacifico” è in Corso

Lascia un commento

-Un promemoria-

di 2ndSmartestGuyintheWorld 22 ottobre 2022 

dal sito web 2ndSmartestGuyintheWorld 

traduzione di Nicoletta Marino  

Versione originale in inglese 

Versione in spagnolo 

Il Club di Roma è stato fondato nel 1968 per promuovere deliberatamente l’agenda globale del terrorismo climatico al fine di inaugurare l’eventuale Grande Reset planetario.

Oggi, il WEF e l’ONU e le loro varie risorse sono i volti pubblici di questa truffa PSYOP-CLIMATE-CHANGE.

Uno dei fondatori e leader di pensiero del Club di Roma era abbastanza sociopatico da accettare un’intervista in cui ammetteva la loro agenda eugenetica in bella vista:

“We can have 1 Billion people with freedom, or 9 Billion slaves. We’re at over 7 Billion right now, so we need to bring that down to 1 Billion.
I hope that culling can be peaceful and slow and equal between rich and poor.” -Dennis Meadows (author of Limits to Growth) Club of Rome pic.twitter.com/YEwV2ADF7L— Global Freedom Movement (@GlobalFreedomM) April 18, 2022 

Limiti alla crescita – Un resoconto al Club di Roma 

Un modo “speciale” e “pacifico” per spopolare, anzi, in altre parole,

attraverso iniezioni di armi biologiche a lenta uccisione, malattie indotte da cibo e ambiente, stress, esaurimento energetico, iperinflazione, fame, eradicazione radioattiva selettiva, ecc.

Dennis Meadows è l’estensione del culto della Fabian Society.

È un tecnocrate neomarxista e neomalthusiano.

I suoi complici oggi sono, 

le fondazioni CFR, ONU, WEF, OMS, FMI, BIS, Rockefeller e Gates, le agenzie di intelligence e i governi illegittimi e criminali che eseguono i loro programmi su coloro che fingono di rappresentare…

Se la storia ci insegna una lezione è che il male alla fine perde sempre.

La libertà, la moralità e l’interdipendenza illuminata trionfano sempre; cioè, fino a quando la prossima ondata di male si raduna di nuovo.

Il tecno-comunismo fallirà.

Il Grande Reset fallirà.

I CBDC falliranno.

I vari Psyop falliranno e la paura indotta alla massa non funzionerà più su popolazioni sempre più sveglie.

Non ci sarà la Quarta Rivoluzione Industriale; la Quarta Svolta se ne assicurerà.

Ma la vita peggiorerà prima di migliorare.

PS:

Quando Klaus Schwab e i suoi generatori interni di gergo hanno tirato fuori la loro citazione “non possiedi nulla e sarai felice“, stavano semplicemente derubando Brave New World e il suo perma-high sul futurismo tecno-comunista della Soma Fabian Society, vale a dire:

Ma il tono di Henry era quasi, per un momento, malinconico. 

“Sai cos’era quel ritorno?”

“Era un essere umano finalmente e definitivamente scomparso. Finito con uno spruzzo di gas caldo. Sarebbe curioso sapere chi era: un uomo o una donna, un Alpha o un Ypsilon…”

Lui sospirò.

Poi, con voce risolutamente allegra,

“Comunque”, ha concluso, “c’è una cosa di cui possiamo essere certi; chiunque fosse, era felice quando era vivo. 

Adesso sono tutti felici”. 

NON siate accondiscendenti…!

 

LINK 

®wld

WEF: diventate cyborg, scheggiate i vostri figli, impiantate schegge cerebrali

Lascia un commento

Pubblicato da: Alicia Powe tramite Gateway Pundit

Anche cinque anni fa, un titolo del genere sarebbe stato bollato come una “teoria del complotto”, ma ora Klaus Schwab e il World Economic Forum te lo stanno dicendo in faccia. Quando parlano di “The Future We Want”, intendono il futuro ESSI vogliono, cioè solo i Transumani devono fare domanda. ⁃ Editore TN

Il World Economic Forum sta promuovendo la “tecnologia di potenziamento” per trasformare gli esseri umani in cyborg e raccomanda che i bambini vengano impiantati con chip cerebrali.

I chip cerebrali non solo miglioreranno la salute sradicando disabilità come difficoltà di apprendimento e depressione, ma apriranno la strada agli esseri umani per raggiungere capacità sovrumane, sostiene un articolo del 16 agosto pubblicato sul sito web del WEF.

“I supereroi hanno dominato il grande e il piccolo schermo per un po’, ma sta avvenendo un sottile cambiamento. Molti bambini si aspettano di sviluppare loro stessi i superpoteri. Queste aspettative possono sembrare irraggiungibili, ma stiamo già facendo i primi passi verso una “società aumentata”, scrive Kathleen Phillips, “collaboratrice all’ordine del giorno” del WEF nel blog post intitolato “La tecnologia aumentata può cambiare il modo in cui viviamo, ma solo con il giusto supporto e visione”.

L’era dei cyborg è già qui, è solo non equamente distribuita https://t.co/Dg5dzlamMm

— Mary Harrington (@moveincircles) 22 Agosto 2022

Mentre i chip cerebrali o l’aumento, come “impianti cocleari” o “protesi” sono usati per rimediare ai disturbi cognitivi, la tecnologia verrà utilizzata per migliorare la vita di tutti i giorni, in particolare per i bambini che trarrebbero beneficio dallo sviluppo della percezione ultrasensoriale, sostiene l’articolo.

“La tecnologia aumentata aiuterà in tutte le fasi della vita: bambini in un ambiente di apprendimento, professionisti al lavoro e anziani ambiziosi. Ci sono molte possibilità”, osserva Phillips.

“Dovresti impiantare un chip di tracciamento in tuo figlio? Ci sono ragioni solide e razionali per questo, come la sicurezza”, scrive lo scienziato. “Molti bambini con deficit di attenzione lottano a scuola. Nel migliore dei casi, ottengono servizi di istruzione speciale o alloggi in classe. Tuttavia, con una guida visiva e audio aggiuntiva che blocca gli stimoli in eccesso, un bambino altrimenti abilitato può far fronte a un ambiente scolastico standard. E quando la lezione finisce e inizia il tempo di gioco, possono semplicemente togliere gli aiuti. “

Gli impianti cerebrali forniranno benefici per la salute “equivalenti al naso di un cane” in un gadget “che può essere utile per annusare il COVID-19”, assicura il collaboratore dell’agenda del WEF. Ma a differenza dei telefoni che “potrebbero sembrare parte del tuo corpo”, la tecnologia di aumento “diventerà più intrecciata con il corpo sotto forma di impianti”.

L’articolo presenta un video prodotto dal WEF che delinea “un quadro etico per una società tecnologicamente aumentata”.

Phillips ipotizza che una “società aumentata” sia inevitabile e indica le élite globali che stanno stabilendo il monopolio sugli impianti cerebrali per regolare “eticamente” la tecnologia che presto sarà pervasiva in tutto il mondo.

“Il Consiglio d’Europa lanciato di recente un piano d’azione strategico per affrontare le problematiche sollevate dall’applicazione delle neurotecnologie. Un altro esempio, Istituto Rathenau fondata dal governo olandese, opera come istituzione indipendente per riflettere su questioni relative all’impatto della tecnologia sulle nostre vite”, scrive Phillips. “Il Cile è già un passo avanti. L’anno scorso, il paese ha aperto la strada a un disegno di legge per modificare la sua costituzione per proteggere i dati personali del cervello. Diversi Paesi stanno ora esplorando come affrontare questi problemi che circondano gli impianti (cervello). Il compito è scoraggiante poiché gli esperti di etica non dovranno solo esaminare la tecnologia in fiore, ma anche le potenziali applicazioni future”.

“La tecnologia ha sempre avuto il potenziale per trasformare la società e migliorare la nostra vita quotidiana e professionale. Così fa la tecnologia di aumento”, conclude l’articolo del WEF. “Va di pari passo con un’evoluzione dall’assistenza sanitaria all'”assistenza sanitaria”, dove non si tratta più solo di risolvere una menomazione. Si tratta di una tecnologia che ti supporta e migliora la qualità complessiva della tua vita”.

Il capo del WEF Klaus Schwab sostiene che il transumanesimo, o la fusione dell’uomo con la macchina, è fondamentale per ottenere il “Grande ripristino” o “quarta rivoluzione industriale.”

“Ciò a cui porterà la quarta rivoluzione industriale è una fusione delle nostre identità fisiche, digitali e biologiche”, ha detto Schwab al Chicago Council on Global Affairs nel 2019.

“Ciò a cui porterà la Quarta Rivoluzione Industriale è una fusione delle nostre identità fisiche, digitali e biologiche”.

~ Klaus Schwab, 2019 pic.twitter.com/HdUZBtPVPh

– James Melville (@JamesMelville) 21 Agosto 2022

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

Articolo correlato: Poi arrivarono i tecnocrati per i bambini…

®wld

Ogni volta che paghi in contanti, spiega al destinatario perché lo stai facendo e incoraggialo a fare lo stesso

Lascia un commento

Le persone usano uno sportello automatico fuori da una filiale della banca Barclays nel centro di Londra in occasione del 50° compleanno dell’ATM (Foto: PA)

“Tutto tranne una società senza contanti”: i consumatori del Regno Unito sfidano la guerra ai contanti delle banche

Pubblicato da: tramite ZeroHedge

Più resisti alle carte di credito di plastica a favore del contante, stai contribuendo alla resistenza mondiale contro il controllo totale della banca. Sebbene il contante possa essere meno conveniente per alcuni, ostacola le banche globali, le banche centrali, la Banca dei regolamenti internazionali e il Forum economico mondiale. Ogni volta che paghi in contanti, spiega al destinatario perché lo stai facendo e incoraggialo a fare lo stesso. ⁃ Editore TN

Il World Economic Forum (WEF) sta spingendo duramente per una “società senza contanti” in un mondo post-pandemia, sebbene il denaro fisico sia tornato in auge in almeno un paese europeo poiché i consumatori utilizzano sempre più banconote e monete per aiutarli a bilanciare i bilanci familiari tra un tempesta inflazionistica.

L’ufficio postale britannico ha pubblicato lunedì un rapporto che ha rivelato che, anche se il recente uso accelerato di carte e pagamenti digitali su smartphone, la domanda di contanti è aumentata quest’estate, secondo Il guardiano. Ha affermato che le filiali hanno gestito 801 milioni di sterline in prelievi di contanti personali a luglio, con un aumento dell’8% rispetto a giugno. La variazione annuale rispetto ai dati del mese scorso è aumentata del 20% rispetto alla cifra di luglio 2021 di 665 milioni di sterline.

Attraverso le 11,500 filiali dell’ufficio postale, a luglio sono stati depositati e ritirati 3.31 miliardi di sterline in contanti, un record per ogni mese risalente a oltre tre secoli di attività.

Il rapporto ha sottolineato che l’aumento della domanda di denaro fisico è dovuto principalmente al numero maggiore di persone che gestiscono i propri budget tramite banconote e monete “giorno per giorno”. Ha detto che alcuni prelievi provenivano da vacanzieri che avevano bisogno di contanti per “soggiorno” nel Regno Unito. Secondo l’ufficio postale, circa 600,000 pagamenti in contanti per un totale di 90 milioni di sterline provenivano da persone che hanno ricevuto il supporto per le bollette elettriche dal governo.

La Gran Bretagna è tutt’altro che una società senza contanti,” secondo Martin Kearsley, direttore bancario dell’ufficio postale.

“Stiamo vedendo sempre più persone dipendono sempre più dal contante come il modo collaudato per gestire un budget. Che sia per un soggiorno nel Regno Unito o per aiutare a prepararsi pressioni finanziarie attese in autunno, l’accesso ai contanti in ogni comunità è fondamentale”, disse Kearsley.

Abbiamo notato che nel febbraio 2021 la più grande rete ATM del Regno Unito ha visto precipitando domanda poiché i consumatori hanno ridotto l’utilizzo di denaro contante. All’epoca ci siamo posti questa domanda: “Quanto durerà il desiderio di buone banconote vecchio stile?

… e la risposta non è lunga secondo il nuovo rapporto dell’ufficio postale, come spiega The Guardian: “l’inflazione in aumento e molte bollette dovrebbero aumentare ulteriormente – ha portato un numero crescente di persone a rivolgersi ancora una volta ai contanti per aiutarli a pianificare le proprie spese”. 

Tanto per il WEF, le banche centrali e le grandi società che spingono per società senza contanti in tutto il mondo, cosa ancora più importante, cercando di inaugurare una situazione iper-centralizzata Distopia CBDC. Con il cashback fisico in grande stile nel Regno Unito, il passaggio a una società senza contanti potrebbe essere un compito molto più impegnativo per le élite di quanto si pensasse in precedenza.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

®wld

Le Sirene Greche

Lascia un commento

Il Vaticano va alla piena tecnocrazia con il “Consiglio per il capitalismo inclusivo”

Pubblicato da: Brandon Smith via Alt-Market

Avvertimento: la tecnocrazia NON è capitalismo ed è, in effetti, il suo polo opposto. I due si escludono a vicenda. Allora, perché il Papa ha introdotto un nuovo nome per lo Sviluppo Sostenibile, alias Tecnocrazia? Perché è l’inganno supremo indurre le persone ad accettare un “remake” del capitalismo mentre l’intento è ucciderlo. Questo è paragonabile alle mitologiche sirene greche che invocano le navi di passaggio e le attirano verso il loro destino. ⁃ Editore TN

I Guardiani, Consiglio per il capitalismo inclusivo

L’idea che ci sia un’agenda per il governo globale tra le élite finanziarie e politiche del mondo è stata a lungo definita una “teoria del complotto” all’interno dei media mainstream e dell’establishment. E purtroppo, anche quando riuscirai a convincere le persone a guardare e ad accettare l’evidenza che le istituzioni bancarie e alcuni politici lavorano insieme per i propri scopi, molte persone ANCORA non prenderanno in considerazione l’idea che l’obiettivo finale di questi mercanti di potere sia un impero mondiale. . Semplicemente non possono avvolgere la testa attorno a una cosa del genere.

La gente dirà che l’establishment è guidato solo dall’avidità e che le loro associazioni sono fragili e basate solo sull’interesse personale individuale. Diranno che gli eventi di crisi ei cambiamenti nelle tendenze sociali e politiche sono casuali, non il prodotto di un’ingegneria deliberata. Diranno che gli elitari non potranno mai lavorare insieme perché sono troppo narcisisti, ecc.

Tutti questi argomenti sono un meccanismo per far fronte al pubblico per affrontare prove che non possono altrimenti confutare. Quando i fatti diventeranno concreti e i poteri costituiti ammetteranno apertamente i loro schemi, alcune persone torneranno a negare confusamente. Non vogliono credere che il male organizzato su tale scala possa effettivamente essere reale. Se così fosse, allora tutto ciò che pensavano di sapere sul mondo potrebbe essere sbagliato.

Per molti anni l’agenda per la governance globale è stata solo sussurrata all’interno dei circoli elitari, ma ogni tanto uno di loro ne parlava ad alta voce in pubblico. Forse per arroganza o forse perché sentivano che era giunto il momento di indurre la popolazione ad accettare la possibilità. Ogni volta che lo menzionavano, lo chiamavano il “Nuovo Ordine Mondiale”. I leader mondiali da George HW Bush a Barack Obama a Joe Biden a Gordon Brown a Tony Blair e oltre hanno tutti tenuto discorsi parlando del “Nuovo Ordine Mondiale”. Il denaro e le élite politiche come George Soros e Henry Kissinger hanno menzionato incessantemente il NWO nel corso degli anni.

Una delle citazioni più rivelatrici all’ordine del giorno arriva dal vicesegretario di Stato dell’amministrazione Clinton Strobe Talbot, che ha affermato in Rivista del tempo che:

Nel prossimo secolo le nazioni come le conosciamo saranno obsolete; tutti gli stati riconosceranno un’unica autorità globale… Dopotutto, la sovranità nazionale non è stata una grande idea”.

Nello stesso articolo aggiunge una citazione meno nota:

…Il mondo libero ha formato istituzioni finanziarie multilaterali che dipendono dalla volontà degli Stati membri di rinunciare a un certo grado di sovranità. Il Fondo Monetario Internazionale può virtualmente dettare le politiche fiscali, includendo anche la quantità di tasse che un governo dovrebbe imporre ai suoi cittadini. L’accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio regola l’importo dei dazi che una nazione può addebitare sulle importazioni. Queste organizzazioni possono essere viste come i protoministeri del commercio, della finanza e dello sviluppo per un mondo unito”.

Per capire come funziona l’agenda, offro una citazione del globalista e membro del Council on Foreign Relations Richard Gardner in un articolo su Rivista degli affari esteri nel 1974 intitolato “The Hard Road To World Order”:

“In breve, la “casa dell’ordine mondiale” dovrà essere costruita dal basso verso l’alto piuttosto che dall’alto verso il basso. Sembrerà una grande “confusione in piena espansione”, per usare la famosa descrizione della realtà di William James, ma una corsa alla fine della sovranità nazionale, erodendola pezzo dopo pezzo, realizzerà molto di più del vecchio assalto frontale”.

Da allora il “NWO” ha cambiato nome più volte mentre il pubblico diventa sempre più saggio nei confronti della cospirazione. È stato chiamato Ordine Mondiale Multilaterale, il 4th Rivoluzione industriale, il “Grande Reset”, ecc. I nomi cambiano ma il significato è sempre lo stesso.

Negli ultimi due anni, di fronte a vasti eventi di crisi globale, il “nuovo ordine” di cui hanno parlato i globalisti dell’establishment è arrivato, e quasi senza fanfara o menzione nei media mainstream. Gli inizi del governo globale esistono già e si chiama “Consiglio per il capitalismo inclusivo”.

Ultimamente, molti analisti inclusi, sono stati molto concentrati sul World Economic Forum e sul loro ruolo nell’agenda del governo globale. Soprattutto perché il capo del WEF Klaus Schwab è un tale chiacchierone e non può fare a meno di parlare di piani futuri per la centralizzazione.

Come ho notato in articoli precedenti, il élite all’interno del WEF si sono entusiasmati troppo per la pandemia di covid, pensando di aver avuto la crisi perfetta per attuare numerose politiche globaliste sotto forma del Grande Reset. Come si è scoperto, il covid non era affatto letale come inizialmente previsto durante l’evento 201, e il pubblico non è stato remissivo e compiacente come sperava che saremmo stati. Il WEF ha fatto uscire il gatto dalla borsa troppo presto.

Quindi, andiamo avanti, con crisi dopo crisi come tessere del domino che cadono fino ad arrivare all’unico evento che secondo loro spingerà le masse ad accettare il governo mondiale. E mentre il WEF è regolarmente frequentato da globalisti di alto livello, sono più un think tank di alto livello, il Council for Inclusive Capitalism sembra riguardare l’implementazione piuttosto che la teoria.

Il fondatore del gruppo è Lynn Forester de Rothschild, membro della famigerata dinastia Rothschild che è stata a lungo coinvolta finanziariamente nell’influenzare i governi per generazioni. Papa Francesco e il Vaticano pubblicamente allineato con il consiglio nel 2020, e una delle principali narrazioni del CIC è che tutte le religioni devono unirsi ai leader del capitale per costruire una società e un’economia che sia “equa per tutti”.

Questa dichiarazione di intenti è piuttosto familiare, poiché fa eco agli obiettivi del WEF e al suo concetto di la “Economia Condivisa”: Un sistema in cui non possiedi nulla, non avrai privacy, prendi in prestito tutto, fai completamente affidamento sul governo per la tua sopravvivenza e ti “piacerà”.

In altre parole, lo scopo del “capitalismo inclusivo” è di indurre le masse ad accettare una versione ribattezzata del comunismo. La promessa sarà che non dovrai più preoccuparti del tuo futuro economico, ma il costo sarà la tua libertà.

Il CIC è guidato da un gruppo centrale di leader globali a cui si riferiscono come “The Guardians” (No, non sto scherzando, questo è reale).

Tra i membri del CIC figurano: Mastercard, Allianz, Dupont, ONU, Teachers Insurance and Annuity Association of America (TIAA), CalPERS, BP, Bank of America, Johnson & Johnson, Visa, Rockefeller Foundation, Ford Foundation, Mark Carney, il tesoriere dello Stato della California e di molte altre aziende in tutto il mondo. L’elenco è ampio, ma ciò che rappresenta è una sorta di governo guidato dalle corporazioni con un congresso di rappresentanti delle corporazioni mescolato a leader politici malleabili.

Una delle principali missioni del CIC è stata quella di cambiare i nostri modelli economici per “promuovere l’equità e l’inclusione”. Esilarante, i sostenitori del CIC sostengono che “troppa ricchezza è stata accumulata nelle mani di troppo poche persone e questo dimostra che il capitalismo esistente non funziona, eppure sono proprio LORO le persone che hanno truccato il sistema per centralizzare quella ricchezza nelle LORO MANI. Non sono “capitalisti”, sono un’aristocrazia. Pensi davvero che queste persone costruiranno un sistema completamente nuovo che non continua a beneficiarne?

Se vi siete mai chiesti perché il Papa ha spinto l’ideologia sveglia, l’allarmismo climatico e la retorica di una religione mondiale in conflitto con la dottrina cristiana tradizionale, ecco perché – Sta seguendo i dettami del CIC.

Un’altra missione del CIC è quella di imporre il controllo del carbonio e la tassazione in nome del “cambiamento climatico” con lo scopo di raggiungere emissioni “nette zero”.. Come tutti sappiamo, l’azzeramento delle emissioni di carbonio sarà impossibile senza uno sconvolgimento completo della nostra economia e industria, insieme alla morte di miliardi di persone nel processo. È uno scenario irraggiungibile, per questo è perfetto per i globalisti. Gli esseri umani sono il nemico della Terra, affermano, quindi dobbiamo lasciare che le élite controllino ogni nostra azione per assicurarci di non distruggere il pianeta e noi stessi, e il processo non finirà mai perché ci saranno sempre emissioni di carbonio da affrontare .

I membri del CIC, tra cui il capo della Banca d’America, suggeriscono apertamente che in realtà non hanno bisogno che i governi cooperino per raggiungere i loro obiettivi. Dicono che le società possono implementare la maggior parte dell’ingegneria sociale senza aiuti politici. In altre parole, è l’ogni definizione di “governo ombra” – Una massiccia cabala aziendale che lavora in tandem per implementare i cambiamenti sociali senza alcuna supervisione. Come notato, l’abbiamo già visto con la diffusione dell’ideologia sveglia da parte di centinaia se non migliaia di società che lavorano come un alveare.

Il CIC è l’ultima forma di governo globale? No, probabilmente no. Ma ne è l’inizio; un governo di corporazioni ed élite monetarie per corporazioni ed élite monetarie. Ignora ogni rappresentanza politica, ogni controllo e contrappeso e ogni partecipazione elettorale. Sono i conglomerati ei loro partner a prendere le decisioni per la nostra società unilateralmente e in modo centralizzato. E, poiché le grandi imprese si comportano come se fossero separate dal governo piuttosto che partner con il governo, possono affermare di essere autorizzate a fare tutto ciò che vogliono.

Tuttavia, con le aziende e i globalisti che mostrano sempre più i loro veri colori e agiscono come se dovessero essere al comando, il pubblico deve ritenerli responsabili come se facessero parte del governo. E se si scopre che sono autoritari e corrotti, devono essere rovesciati come qualsiasi altra dittatura politica.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

®wld

Un buco aperto nella matrice economica – siate felici. Va tutto bene

Lascia un commento

di Jon Rappoport 14 Aprile 2022 dal Sito Web NoMoreFakeNews traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

I Globalisti non hanno Grosso Problema – Dietro Bilderberg, la Trilaterale, il WEF …

Ultimamente ho pubblicato articoli sui gruppi della Elite Globale e sui loro legami storici con la Russia.

Ecco un pezzo che solleva un problema che questi gruppi di potere hanno dovuto affrontare, un problema che non andrà via. Ho scritto e pubblicato questo articolo il 10 giugno 2015.

Continuiamo insieme. Vedrai di cosa sono veramente preoccupati i poteri forti.

Puoi arrivare a:

…e ai numerosi trattati commerciali in corso di completamento…

Puoi inserire tutte queste forze dei Globalisti Rockefeller in un’unica grande agenda aziendale e…

C’è un problema. 

Un problema per la globalizzazione. 

Questo è ciò di cui sussurrano i titani del controllo dietro le quinte…

Inizia qui:

Capisci che le mega-corporazioni sono gli strumenti del dominio del mondo

Si trasferiscono in paesi dove abbondano manodopera, terra e risorse a basso costo e prendono il sopravvento

Questo è ciò che dovrebbero fare. 

Questo è il piano…

Le agenzie di intelligence e gli eserciti possono precederli, ma le corporazioni sono le organizzazioni più capaci del pianeta, quando si tratta di esercitare un controllo duraturo …

Si stima che le prime tre o quattrocento corporazioni siano responsabili di almeno il 25% di tutto il commercio mondiale.

Comunque… ecco il problema:

  • poiché le politiche globaliste consentono alle società di chiudere le fabbriche nazionali nei propri paesi industrializzati e aprire quelle stesse fabbriche in luoghi in cui i salari degli schiavi sono all’ordine del giorno
  • poiché le tariffe sulle merci importate vengono cancellate, uccidendo le imprese che cercano di competere con le mega-corporazioni
  • con il declino delle principali economie,

…la base di consumatori di queste mega-corporazioni si restringe.

Per dirla in modo semplice:

Le società vendono prodotti. 

Hanno bisogno di acquirenti, in tutto il mondo. 

Le principali aziende manifatturiere gestiscono le loro catene di montaggio a circa metà della capacità.. 

Potrebbero produrre molto, molto di più di ciò che vendono.

Ma solo circa un ottavo della popolazione mondiale ha i mezzi per acquistare questi prodotti.

Ci sono soluzioni parziali per il problema:

  • guerre a scopo di lucro
  • vendita di prodotti aziendali ai governi
  • i governi fondamentalmente pagano i cittadini in modo che possano acquistare determinati prodotti…

Ma, a lungo termine, queste soluzioni non vanno.

Le mega-corporazioni mancano ancora di consumatori. Puoi creare solo così tanti acquirenti artificiali.Oltre a ciò, il sistema di mercato tende irrimediabilmente al ribasso.

Le mega-corporazioni hanno il potenziale per produrre e vendere sempre di più. La base dei consumatori si sta riducendo…

La globalizzazione, lo stesso sistema determinato ad elevare il potere delle mega-corporazioni, sta diminuendo il numero di persone che possono consumare ciò che fanno le multinazionali.

Il serpente si mangia la coda ormai da tempo.

Gli amministratori delegati delle mega aziende ei loro consulenti non sono completamente stupidi. Alcuni di loro vedono la calligrafia sul muro.

Le soluzioni della Banca Mondiale e del FMI non risolveranno questo problema 

Né è un programma di spopolamento drastico. 

Sarebbe andare nella direzione sbagliata: meno consumatori…

Che ne dici di un reset radicale che coinvolge una nuova valuta globale…?

Supponiamo, ad esempio, che ogni abitante del pianeta fosse dotato di una carta di credito gratuita con un notevole potere d’acquisto?

Teoricamente, potrebbe funzionare, se si scartano ciò che faranno le persone che effettivamente si guadagnano da vivere, quando vedranno miliardi di loro simili che non lavorano, dotati di un potere di acquisto paragonabile al loro.

E quella rimbombante guerra di classe sarebbe solo l’inizio tempestoso dei guai.

Creare denaro dal nulla per soddisfare l’avarizia delle banche, per ripagare l’aumento del debito dei governi, per aumentare i profitti delle aziende è una cosa.

Creare soldi dal nulla per guadagnare sei o sette miliardi di nuovi consumatori è un’altra cosa.

In tal caso, la donazione del welfare aziendale porterebbe all’inquinamento e alla distruzione dell’ambiente su una scala tale da far sembrare i livelli attuali come pochi cestini da picnic che perdono durante una gita domenicale al parco.

C’è un altro fattore da considerare:

l’innovazione tecnologica…

Per le mega-corporazioni, ciò significa che robot/macchine sostituiscono gli esseri umani come dipendenti.

Più disoccupazione – a meno che le multinazionali non si trattengano e si astengano dall’attuare la “rivoluzione dell’automazione”.

La spinta aziendale, tuttavia, è sempre quella di andare avanti.

Più robot sul posto di lavoro. 

Catene di montaggio più grandi. 

Maggiore produzione.

Si scopre che l’agenda globalista ha una data di scadenza

Al di là di questo, il sistema si sfalda lungo le cuciture.

La soluzione normale a un problema di questa portata è:

  • pensare a breve termine
  • evitare l’inevitabile
  • fingere che vada tutto bene
  • lasciare le risposte alla prossima generazione…

Consideriamo come reagirebbero i grandi padroni di grandi aziende sempre più avidi, alla seguente proposta:

“Sentite ragazzi, sappiamo che avete la capacità di produrre beni per due o tre pianeti grandi quanto la Terra.

Ma vogliamo che voi serviate solo un decimo di un pianeta e quella base si ridurrà ulteriormente. 

Bene? Non preoccupatevi, siate felici. Va tutto bene…”

Dietro ogni conferenza del Bilderberg, CFR, Trilaterale, questo è lo spettro che si nasconde nell’ombra.

Non sono preoccupati di aumentare il livello del loro controllo politico sulle popolazioni. È l’economia che non torna, non importa quanti buchi nella diga siano temporaneamente tappati.

Ogni punto dell’agenda globalista presente, fa due cose:

a) mira a un controllo più stretto delle popolazioni 

b) impone e abbassa progressivamente un tetto alle megacorporazioni

Rivela un futuro in cui il numero di quelle società sarà drasticamente ridotto.

E questo è il problema. Questo è il fattore nascosto…!

Sì, i ricchi diventano più ricchi ei poveri sempre più poveri.

Ma chiunque pensi che l’analisi sia il fulcro della crisi attuale, non guarda oltre la punta del suo naso.

Si scopre che:

il decentramento del potere, a tutti i livelli, è qualcosa di più della semplice speranza e dei sogni di pochi. 

È un imperativo planetario… ed è in gioco la sopravvivenza.

La più grande matrice economica mai escogitata, sta spegnendo il suo motore…

Pubblicato su: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Older Entries