Home

L’intero pianeta è in uno stato di caos economico e sociale

Lascia un commento

“La crisi mondiale della corona, colpo di stato globale contro l’umanità” di Michel Chossudovsky Distruggere la società civile, depressione economica ingegnerizzata

By The Global Research Team and Prof Michel Chossudovsky,

Fin dall’inizio, nel gennaio 2020, le persone in tutto il mondo sono state portate a credere e ad accettare l’esistenza di a

epidemia in rapido progresso e pericolosa. La disinformazione dei media e la campagna sulla paura sono state determinanti nel sostenere la narrativa del C-O-V-I-D-1-9. Le bugie e le falsità scientifiche sono state utilizzate per sostenere la legittimità dei mandati politici del C-O-V-I-D-1-9, inclusi i blocchi, l’imposizione della maschera facciale, il distanziamento sociale e la soppressione di diritti umani fondamentali.

Le persone in tutto il mondo sono state indotte a credere che le iniezioni di v@xxino C-O-V-I-D-1-9 di Big Pharma fossero la “soluzione”.

Si sta sviluppando una struttura di “governo globale” dominata da potenti interessi finanziari che mina la democrazia e le istituzioni della società civile. Più di 7 miliardi di persone in tutto il mondo sono direttamente o indirettamente colpite dalla crisi della c@r@n@ e dai mandati distruttivi attuati da governi nazionali moralmente depravati. L’intero pianeta è in uno stato di caos economico e sociale.

Michel Chossudovsky esamina in dettaglio come questo progetto insidioso “distrugge la vita delle persone”. Fornisce un’analisi completa di tutto ciò che è necessario sapere sulla “pandemia”, dalle dimensioni mediche alle ripercussioni economiche e sociali, alle basi politiche e agli impatti mentali e psicologici.  

“Il mio obiettivo come autore è informare le persone in tutto il mondo e confutare la narrativa ufficiale che è stata utilizzata come giustificazione per destabilizzare il tessuto economico e sociale di interi paesi, seguita dall’imposizione del “vaccino” C-O-V-I-D-1-9 “mortale”. Questa crisi colpisce l’intera umanità: quasi 8 miliardi di persone. Siamo solidali con i nostri simili e i nostri bambini in tutto il mondo. La verità è uno strumento potente”.


“La crisi mondiale della corona, colpo di stato globale contro l’umanità” di Michel Chossudovsky

ISBN:  978-0-9879389-3-0,  Anno: 2022, pdf Ebook,

15 capitoli, 164 pagine, prezzo: $ 11,50 

FONTE

®wld

Quando i mandati non ottengono i risultati sperati

2 commenti

Immagine: Adobe Stock

Tecnocrazia: come i mandati sui v@xxini sono diventati un’arma politica

Pubblicato da: Geoff Shullenberger via UnHerd Gennaio 14, 2022

Sebbene questo articolo si concentri sull’attuale amministrazione, è una strategia globale impiegata dai tecnocrati in tutto il mondo. Sicuramente le iniezioni hanno uno scopo separato ma correlato, si osserva chiaramente l’uso dei governi per imporre politiche distopiche. Quando la loro utilità sarà finita, questi stessi governi saranno scaraventati sotto il bus Technocrat. ⁃ Editore TN

Poco prima di Natale, mentre l’ondata di Omicron stava prendendo piede, il coordinatore della risposta al coronavirus della Casa Bianca Jeffrey Zients ha  rilasciato  una dichiarazione notevole. Ha iniziato rassicurando “i v@xxinati” che “hai fatto la cosa giusta e ce la faremo”, ma ha seguito questo ottimista bromuro con una dose di fuoco e zolfo: “Per i non v@xxinati, stai guardando un inverno di gravi malattie e morte per voi stessi, per le vostre famiglie e per gli ospedali che presto potreste travolgere”.

Sembrava improbabile che questa retorica spaventasse qualcuno dei riluttanti al v@xxino a farsi prendere a pugni. Dopotutto, sono già stati esposti a molti terribili avvertimenti sul virus ed è improbabile che siano ricettivi agli ammonimenti di un’amministrazione che hanno già ignorato. Piuttosto, i veri destinatari del sermone di Zients erano i v@xxinati, che potevano assicurarsi di essere dalla parte dei buoni.

All’inizio dell’era del C-o-v-i-d, molti credevano che il virus avesse chiarito che “siamo tutti insieme”. La pandemia, ci è stato detto, avrebbe instillato un senso di responsabilità collettiva basato sulla nostra interconnessione biologica. Eppure la realtà, chiaramente rivelata dalla proclamazione di Zients, è che siamo entrati in una nuova era di balcanizzazione biopolitica, evidente non solo nella drastica divergenza politica tra stati rossi e blu, ma anche nei tentativi di questi ultimi di escludere i non v@xxinati dalla vita pubblica.

Il capo di Zients, Joe Biden, ha condotto una campagna sull’idea che la competenza tecnocratica e la fiducia nelle competenze avrebbero posto fine alla pandemia. Ha anche promesso di ridimensionare le guerre culturali dell’era Trump. “Possiamo”, ha detto nel suo discorso inaugurale, “unire le forze, fermare le urla e abbassare la temperatura”. Questo potrebbe essere stato un normale pablum politico, ma rifletteva una genuina speranza che quattro anni meno divisivi – anche piacevolmente noiosi – potessero seguire la tumultuosa era di Trump.

Invece, a un anno dall’inizio dell’amministrazione Biden, abbiamo assistito all’intensificarsi dell’armamento propagandistico della “scienza” e una serie di colpi autoinflitti alla credibilità degli esperti. Molto è stato detto sulla messaggistica incoerente del CDC e durante l’attuale ondata di Omicron, come durante le precedenti ondate, l’amministrazione è stata criticata sia per essere eccessivamente aggressiva che eccessivamente timida. Ma alla base di queste incongruenze c’è una nuova modalità di governo tecnocratico liberale, guidata dal fervore moralistico e dall’animo partigiano piuttosto che dalla calma neutralità e dal calcolo razionale.

Questa nuova strategia di governo pone l’amministrazione di Biden in contrasto con quella di Barack Obama, in cui ha servito come vicepresidente. Sebbene la retorica impennata della sua campagna elettorale del 2008 a volte suggerisse il contrario, Obama era motivato dalla convinzione che una gestione competente, non discorsi visionari, potesse unire la nazione. Gli impulsi stravaganti e le connessioni accademiche dell’ex professore di giurisprudenza lo hanno portato nel fiorente campo dell’economia comportamentale, in particolare il lavoro del suo ex collega dell’Università di Chicago Cass Sunstein, che ha servito come suo zar di regolamentazione tra il 2009 e il 2012.

Sunstein ha aperto la strada all’approccio noto come “nudge”, che ha dato il titolo al libro del 2008 di cui è coautore con Richard Thaler. Invece di imporre o vietare comportamenti, ha suggerito Sunstein, i governi potrebbero alterare “l’architettura della scelta” per incentivare tacitamente i comportamenti desiderati e scoraggiare quelli indesiderati. Un esempio spesso citato è l’accettazione dell’impostazione predefinita su determinate decisioni, come l’iscrizione ai contributi pensionistici o al registro dei donatori di organi. Questi cambiamenti apparentemente piccoli, credevano i “nudger”, potrebbero riprogettare il comportamento di massa in una direzione prosociale. Sunstein e Thaler,  nota di David V. Johnson, ha affermato di aver “trovato la via d’oro tra il conservatorismo del libero mercato di Reagan e il liberalismo guidato dallo stato di FDR”. Le loro idee avevano un naturale appeal su un presidente che aveva promesso di superare le divisioni tra l’America rossoblù.

Durante il suo secondo mandato, Obama ha firmato un ordine esecutivo che impegnava il governo a “usare le intuizioni delle scienze comportamentali” e  ha lanciato  un Social and Behavioral Science Team che metteva in pratica la “teoria del nudge”. I risultati di queste iniziative furono modesti. Ad esempio, l’amministrazione ha tentato di utilizzare i promemoria dei messaggi di testo per aumentare l’immatricolazione universitaria tra i diplomati delle scuole superiori a basso reddito. Tali sforzi, un promemoria del periodo precedente al 2016, quando armeggiare ai margini del possibile era ancora visto come una modalità di governo nobile e vitale, sembrano pittoreschi oggi.

Nei suoi scritti, Sunstein contrappone direttamente gli sforzi di tipo spinta ai mandati e sostiene che i primi sono preferibili perché “preservano la scelta”. Ad esempio, l’impostazione predefinita delle preferenze per l’energia verde sui servizi pubblici predispone i consumatori a scelte favorevoli dal punto di vista ambientale, ma dà loro comunque una via di fuga. A coloro che si irritano contro i mandati del C-o-v-i-d, questo “paternalismo libertario” potrebbe sembrare preferibile all’attuale stile di governo democratico.

Ma anche l’economia comportamentale ha ricevuto la sua parte di critiche al culmine della sua influenza. I critici hanno sostenuto che le politiche di tipo nudge sono spesso tentativi di aggirare la deliberazione collettiva su questioni di interesse comune. Eppure questa è stata una delle fonti del loro appello: dopo il midterm del 2010, la Casa Bianca ha affrontato un Congresso ostile che ha vanificato le ambizioni di Obama. Per un dirigente incastrato in questo modo, come ha  osservato Johnson  negli ultimi mesi dell’amministrazione, “una spintarella può garantire il successo politico senza richiedere l’approvazione del Congresso”.

Nell’era del C-o-v-i-d, l’amministrazione Biden e i suoi alleati a livello statale hanno fatto un duro passo dall’approccio spinto verso l’abbraccio dei mandati. La presunta giustificazione di questo spostamento è che la gravità della crisi del C-o-v-i-d ha richiesto misure più drastiche. Ma qualcos’altro differenzia la tecnocrazia C-o-v-i-d dai suoi predecessori: una notevole incuriosita sul fatto che le restrizioni che impone funzionino davvero. Questa curiosità è diventata ancora più evidente nelle ultime settimane, poiché Omicron ha portato i casi a livelli senza precedenti in città come  New York, dove sono in vigore sia i passaporti per i v@xxini che le mascherine.

L’approccio nudge, d’altra parte, è almeno apparentemente orientato al risultato: valuta gli interventi sulla base del loro impatto misurabile. Quindi uno dei problemi con i mandati, dal punto di vista dei nudger, è che rischiano di confondere intenzione e risultato. I mandati sono spesso difficili da far rispettare e generano contraccolpi e quindi possono rivelarsi controproducenti. Ma possono rimanere in vigore, nonostante non riescano a raggiungere i loro obiettivi, perché dimostrano un impegno morale per uno scopo desiderato.

E come ha dimostrato l’annuncio delle vacanze di Zients, quando i mandati non ottengono i risultati sperati, è colpa di chi non segue le regole, non di chi le ha imposte. Un approccio più empirico tratterebbe la realtà della non conformità come parte di ciò che deve essere misurato per valutare l’efficacia di una politica proposta. Ma una tale strategia implicherebbe che gli stessi tecnocrati, piuttosto che gli anti-vaxxer o gli anti-mascheratori, dovrebbero essere ritenuti responsabili dei fallimenti politici. Non c’è da stupirsi che sia caduto in disgrazia.

Prima dell’anno scorso poteva sembrare ovvio che l’ethos guida della tecnocrazia fosse il freddo calcolo utilitaristico, ma negli ultimi due anni è diventato qualcosa di simile al contrario: il fervore morale. Vari fattori hanno determinato questo cambiamento, ma la reazione dei tecnocrati e del loro collegio elettorale a Trump, con la sua “guerra allo stato amministrativo” e l’amore per i “poco istruiti”, è stata probabilmente quella cruciale. Armeggiare dietro le quinte, come era favorito nell’era Obama, non era più un approccio praticabile per una classe che sentiva i propri interessi minacciati.

All’inizio della pandemia, lo scrittore Alex Hochuli  ha descritto  la pandemia come “la manifestazione di fine vita della tecnocrazia”. Almeno temporaneamente, aveva rimesso al posto di guida gli esperti diffamati nel corso del mezzo decennio precedente. Ma il fervore populista che aveva guidato il movimento Trump si è rianimato in reazione ai blocchi e ai mandati di maschere e v@xxini. Inizialmente, questo sembrava mettere i tecnocrati in una posizione inattaccabile, poiché potevano impugnare i loro alleati come aiutanti e sostenitori della malattia e della morte.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://it.technocracy.news/technocracy-how-vaccine-mandates-became-a-political-weapon/

®wld

Chi ti ha brevettato?

Lascia un commento

Non il tuo? I “v@xxini” a m-R-N-A/D-N-A sollevano interrogativi sui diritti di proprietà brevettati

Pubblicato da: via DownTheChupacabraHole 24 Novembre 2021

La questione dei diritti di proprietà brevettabili sulla modificazione genetica è già stata posta per semi, animali e insetti. Con l’avvento dell’m-R-N-A e delle iniezioni genetiche del DNA, che dire degli umani? Il v@xxinato può essere rivendicato come proprietà brevettata? La giurisprudenza suggerisce “sì”.

Vedi anche: Il c-o-r-o-n-a-v-i-r-u-s potrebbe portare a una rivalutazione delle leggi sui brevetti sui v@xxini? ⁃ Editor TN

Per la prima volta nella storia, i v@xxini m-R-N-A vengono utilizzati su larga scala. I governi globali richiedono che ogni uomo, donna e bambino riceva l’infusione sperimentale. Le autorità affermano che tali misure sono per la “sicurezza pubblica”, ma i produttori di farmaci ammettono che i loro prodotti non prevengono la trasmissione o l’infezione di C-O-V-I-D-1-9.

Le segnalazioni di reazioni avverse raggiungono livelli senza precedenti ogni giorno che passa. I paesi con i più alti tassi di inoculazione hanno registrato picchi significativi di condizioni cardiache, coaguli di sangue e ictus. Molti dei passanti preoccupati che si oppongono al mandato medico si chiedono: perché la spinta? Un ricercatore argentino crede di conoscere la risposta.

La Dott.ssa Chinda Brandolino è un operatore sanitario specializzato in linfologia, flebologia e medicina del lavoro. Man mano che più pazienti venivano immunizzati, lei diventava sempre più disturbata. Un numero allarmante ha subito complicazioni gravi e debilitanti.

Mentre osservava queste preoccupanti afflizioni, il medico iniziò a studiare l’acido ribonucleico messaggero e i suoi effetti sulla genetica. Un’indagine diligente l’ha portata a un caso specifico del 2013. Nel Sentenza della Corte Suprema di Association of Molecular Pathology contro Myriad LLC, i legislatori hanno dichiarato che i genomi umani alterati dai v@xxini m-R-N-A possono essere brevettati.

Durante una recente conferenza ha elaborato le terribili implicazioni del decreto:

“Quando modifichi il genoma con un v@xxino adeno-v-i-r-u-s, quella persona v@xxinata è già una persona transgenica, una persona transumana. Secondo quanto legalmente stabilito dal diritto internazionale, sarà di proprietà del titolare del brevetto. Ma la cosa più drammatica di tutte è che, quando sarà transumana, quella persona non sarà considerata umana secondo i Diritti Umani che conosciamo. La situazione è estremamente grave e ho la sensazione che le persone non si rendano conto della gravità di ciò che stiamo affrontando. Non sono solo le malattie che il v@xxino produrrà, spesso fatali, ma anche il fatto che i sopravvissuti avranno un genoma modificato e che questa modifica sarà trasmessa ai loro discendenti. Poiché il loro genoma è modificato, tale modifica è brevettata. Tutto ciò che è brevettato appartiene al titolare del brevetto”.

Nonostante abbia assistito a innumerevoli morti, il Dr. Brandolino rimane concentrato sulle ripercussioni permanenti per i sopravvissuti al v@xxino. Questi colpi rendono i cambiamenti genetici irreversibili. Ogni dose e successivo richiamo trasforma i destinatari in una forma sempre più sintetica. Ha gravi preoccupazioni per il futuro della nostra specie. Innumerevoli secoli di evoluzione naturale sono stati dirottati.

Il controllo della metamorfosi deliberata è una forza sinistra che cerca la completa proprietà degli esseri umani. Miliardi di persone in tutto il mondo sono ora cyborg brevettati. Il vaso di Pandora è aperto e le conseguenze imminenti non possono essere completamente scandagliate.

Un’acquisizione insidiosa e meticolosamente pianificata si è svolta durante l’era della pandemia. Tutto ciò che accade è anti-umano nella sua essenza. Le maschere per il viso trasformano chi le indossa in figure autonome prive di ossigeno. Il distanziamento sociale nega l’affetto essenziale e gli abbracci amorevoli. I blocchi trasformano le case in celle di prigione isolanti. I pali della porta si muovono continuamente e schiacciano lo spirito di chiunque non capisca che questo non è progettato per finire. Forse i nostri corpi sono l’ultima frontiera per coloro che cercano il controllo finale.

L’umanità sta sull’orlo di un precipizio. Per un numero incalcolabile di persone, non si torna indietro. Solo il tempo dirà con precisione come si svolgono gli eventi attuali.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://it.technocracy.news/non-i-tuoi-vaccini-mrna-dna-sollevano-domande-sui-diritti-di-propriet%C3%A0-brevettati/

®wld

Dov’è l’oscillazione?

Lascia un commento

V@xxino C-O-V-I-D: chiave mancante

di Jon Rappoport

—Solo negli Stati Uniti, le lesioni da v@xxino C-O-V-I-D segnalate hanno superato le 600.000 . Il noto studio di Harvard Pilgrim conclude che dovresti moltiplicare il numero di lesioni da v@xxino riportate per 100 per arrivare a un numero vero:

In ogni campo in cui l’informazione è vitale, le omissioni sono spesso peggiori delle bugie.

In questo articolo, segnalo una di queste evidenti omissioni, quando si tratta della sicurezza dei v@xxini C-O-V-I-D.

Tracciare le lesioni e le morti da v@xxino attraverso i rapporti ai database è una strada; un’altra strada sarebbe studi diretti di persone che sono state v@xxinate.

Non sono stati fatti studi adeguati. Omissione.

Questo sarebbe uno studio appropriato: per cominciare, sulla base di ciò che MOLTI medici stanno vedendo, sviluppare/confermare veri marcatori per: coaguli di sangue, inclusi i micro-coaguli; disfunzioni cardiache specifiche; aborti spontanei; interruzione del ciclo mestruale; infertilità; effetti tossici sulle cellule (es. presenza di ossido di grafene); l’aspetto della proteina spike nelle cellule, nelle aree del corpo in cui la proteina non dovrebbe apparire.

Iscrivere, in un modesto studio pilota, 1000 persone che hanno ricevuto uno dei v@xxini R-N-A C-O-V-I-D. Esegui test su queste persone (sangue, tessuti, immagini) alla ricerca di questi marcatori.

NON sto parlando di alcune foto del sangue di un paziente. Sto parlando di uno studio completo di 1000 persone, per cominciare.

Penseresti che uno studio del genere sia già stato fatto, perché solo degli ignoranti o dei criminali non si renderebbero conto che, quando inietti delle sostanze alle persone, dovresti scoprirne gli effetti STUDIANDO GLI EFFETTI.

Qualcuno subisce un colpo alla testa, fai una foto alla testa e guardi gli effetti. Qualcuno inietta a una persona un liquido contenente 10 ingredienti, si eseguono test per scoprire quali conseguenze negative potrebbero essersi verificate.

Sfortunatamente, la maggior parte delle persone è così ipnotizzata dall’IDEA della scienza medica, che presume che se uno studio non è stato fatto, non è necessario farlo.

Gli operatori di laboratorio di tutto il mondo tortureranno gli animali da esperimento, iniettando loro dosi sempre maggiori di un composto in un nuovo cosmetico, per scoprire la dose che uccide gli animali. Ma fare test innocui su persone che hanno ricevuto un nuovo v@xxino è fuori discussione.

Per ottenere informazioni sugli scienziati che si rifiutano di eseguire i test che sto proponendo sulle persone v@xxinate, questi sono gli stessi scienziati che dicono: “Sì, un certo numero di persone è morto dopo la v@xxinazione, ma non ci sono prove che l’iniezione abbia causato quelle morti. “

Quello che vogliono dire è: “Non abbiamo cercato di vedere se il v@xxino ha causato le morti e, inoltre, non sappiamo come stabilire la causalità. Non l’abbiamo mai capito”.

Che è come dire: “La sostanza chimica che è entrata nel fiume da un tubo in fabbrica? Non abbiamo fatto studi sufficienti sulla sostanza chimica per determinare se provoca il cancro. Pertanto, i 96 querelanti malati di cancro che stanno facendo causa alla società non hanno alcun caso. La causalità non può essere dimostrata. Non sarà mai dimostrato, perché non studieremo mai la sostanza chimica”.

C’è un altro fattore all’opera. Molte persone interessate agli scandali sono interessate solo ai dettagli di crimini palesi. “Gli hanno sparato e seppellito il suo corpo in una discarica? Ci sono immagini del cadavere in decomposizione? L’assassino era sposato con la sorella della vittima? Era coinvolta?”

“Clinton e Monica in una stanzetta fuori dallo Studio Ovale? Hai visto la foto del vestito macchiato?”

Se dici a queste persone che il più grande scandalo in una situazione è l’OMISSIONE – cosa NON È SUCCESSO, COSA DOVREBBE ESSERE FATTO, MA NON È STATO – svaniscono e se ne vanno.

Poni a queste persone la seguente domanda: quale preferisci? GUARDANDO una foto al microscopio di una goccia di sangue di una persona v@xxinata che potrebbe mostrare una linea dimenante che potrebbe essere un organismo vivo? O SAPERE che lo studio di sicurezza assolutamente essenziale di un v@xxino che è stato iniettato in 3,6 miliardi di persone non è mai stato fatto?

“Fammi vedere la foto. Voglio vedere la foto. Dov’è l’oscillazione?”

Questo articolo è per le persone che danno l’altra risposta.

E per gli scienziati che sanno che le mutilazioni e le uccisioni di massa comportano anche un crimine di omissione.

“Sappiamo che i v@xxini sono sicuri perché non abbiamo studiato le persone che hanno ricevuto il v@xxino”.

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/2021/11/18/covid-vaccine-missing-key/

®wld

Nel caso non te ne fossi accorto si stanno dirigendo verso l’orlo di un precipizio

Lascia un commento

1776

Mandato o libertà: una lettera aperta agli amministratori delegati aziendali

di Jon Rappoport

Siamo franchi. Chi sano di mente farebbe appello agli amministratori delegati aziendali su questioni fondamentali di etica e libertà?

Ma questo è il 1776.

Siamo al bivio.

Ordinerai ai tuoi dipendenti di fare il v@xxino contro il C-O-V-I-D? Hai intenzione di licenziare quelli che non lo faranno? Gli toglierai la libertà, per un v@xxino che ha già provocato 700.000 feriti?

E a proposito, quel numero rappresenta una vasta sottostima. Il noto studio Harvard Pilgrim conclude che le lesioni da v@xxino dovrebbero essere moltiplicate per 100 per arrivare a un numero vero.

Diventiamo reali. Ci saranno molte cause intentate da più parti, per fermare un mandato di v@xxino; ma l’esito di queste azioni legali è molto incerto. Pertanto, voi CEO dovete…

Alzati e rifiuta. Alzati e dì che non imporrai un mandato ai tuoi dipendenti, QUALUNQUE COSA.

Niente più mandati, niente più blocchi, niente ulteriore distruzione dell’economia, niente distruzione di milioni di vite in più.

Tranne che in alcuni stati, non si può fare affidamento sui governatori. Voi amministratori delegati siete una prima linea di difesa, se ne avete il coraggio. Se non lo fai, se la tua solida reputazione è costruita su fondamenta di sabbia, se la tua principale lealtà è verso un governo federale che ti offre salvataggi in denaro in cambio di tradimento contro il sistema della libera impresa, cosa ne resta — allora ti perdi in un’oscurità creata da te.

Ricordi queste parole? “E per il sostegno di questa Dichiarazione, con una ferma fiducia nella protezione della Divina Provvidenza, ci impegniamo reciprocamente le nostre vite, le nostre fortune e il nostro sacro onore”.

Questo è stato il pensiero finale espresso nella Dichiarazione di Indipendenza dai firmatari.

Quelle parole ti suonano vuote adesso? È lì che siamo?

Hai intenzione di lasciare un segno di avvio sul tuo viso per sempre?

Hai intenzione di macinare il tuo avvio sulla stessa libertà che ha permesso alla tua azienda di crescere e prosperare?

Gli echi del 1776 sono così deboli nelle tue menti, non riesci a immaginare come questo terribile 2021 abbia qualcosa a che fare con te?

È necessario fare un passo avanti e fare dichiarazioni e impegni audaci e senza compromessi: nessun mandato. Nessun blocco. Nessuna distruzione del diritto a guadagnarsi da vivere. Nessuna dittatura federale. Nessun arretramento.

Tu e i tuoi colleghi CEO dovete lasciare i vostri uffici e viaggiare attraverso il paese e dire alle persone che siete dalla loro parte, e dovete sul serio. Questa non è la solita campagna di pubbliche relazioni. Questa è onestà, onore e dovere. Se ce l’hai in te.

Prima c’era la storia di un virus. Poi una storia di un test per il virus. Poi la storia dei numeri dei casi. Poi, le mascherine, i blocchi, il distanziamento e l’esplosione dell’economia. Poi il vaccino. Poi l’annunciato mandato vaccinale. Non ti è venuto in mente che questa storia a puntate, con ogni fase successiva, è davvero il pretesto per la tirannia, la dittatura e la conquista?

Devi iniziare a stringere nuove alleanze che vanno ben oltre il tuo mondo di tutti i giorni; alleanze con infermieri, piloti, sceriffi, soldati e altri che rifiutano il vaccino. Alleanze con sindacati che respingono il mandato.

Non sono, in senso stretto, i tuoi “affari”, ma gli affari in America si stanno dirigendo verso l’orlo di un precipizio, nel caso non te ne fossi accorto.

Ecco la storia di uno tuo. Alfie Oakes. Ha 3.200 dipendenti. Il suo negozio ha sede in Florida. Possiede 3.000 acri di terreni agricoli e un impianto di trasformazione alimentare. Guardalo parlare in questo video. Capisce qual è la posta in gioco. Sa che siamo nel 1776. È un brav’uomo che sta facendo la cosa giusta. È un eroe.

Parliamo di valori. Non stiamo parlando di correttezza politica o di succhiare all’infinito il capezzolo del socialismo.

Mi rendo conto che molti di voi amministratori delegati hanno già abbracciato una forma di socialismo, una stretta collaborazione con il governo, perché credete che sia la migliore garanzia per la vostra sopravvivenza. Ma ti sbagli. Ti sbagli in termini strategici, e sbagli quando si tratta di valori e principi.

Ora devi rivoluzionare il tuo modo di pensare. Devi aiutare a superare le forze con cui ti sei allineato.

Devi trovare, abbracciare e lavorare con le persone, ovunque esse siano, chiunque esse siano, che si battono per la libertà. E il lavoro che fai deve essere concepito secondo nuove linee.

“Sono l’amministratore delegato di XYZ. Sono qui oggi a parlarvi, al fianco di sceriffi, poliziotti, lavoratori sindacali, infermieri, soldati, imprenditori, genitori, rappresentanti dello Stato; persone che vogliono di nuovo la libertà in America. Siamo impegnati a resistere ai mandati di vaccino, ai blocchi, alle chiusure e a tutte le misure fallite che ci hanno tenuto in isolamento. Ci stiamo riprendendo ciò che è nostro. Ascolterai queste persone che stanno quassù. Capirai come le loro storie di libertà negata sono le tue storie…”

Questa è una questione di carattere.

Per decenni hai pensato al tuo rapporto con il pubblico come Pubbliche Relazioni, con tutte le manipolazioni che la professione comporta.

Siamo nel 1776. Non puoi più viaggiare in quel modo.

“QUESTI sono i tempi che mettono alla prova le anime degli uomini. Il soldato estivo e il patriota solare, in questa crisi, si ritrarranno dal servizio del loro paese; ma colui che lo sostiene ora, merita l’amore e il ringraziamento dell’uomo e della donna. La tirannia, come l’inferno, non si vince facilmente; eppure abbiamo questa consolazione con noi, che più duro è il conflitto, più glorioso è il trionfo. Ciò che otteniamo troppo a buon mercato, lo stimiamo troppo alla leggera: è solo la carità che dà ad ogni cosa il suo valore. Il cielo sa dare un giusto prezzo ai suoi beni; e sarebbe davvero strano se un articolo così celestiale come FREEDOM non fosse valutato molto bene”.

Vuoi continuare a vendere quello che hai sempre venduto, fino a quando i soldi della gente per comprare le tue merci non si esauriscono? Perché sicuramente ti rendi conto che questo è il Piano. Una restrizione e un’ingerenza governativa dopo l’altra, finché l’unica alternativa è un’economia strutturata e gestita, dall’alto verso il basso.

Sei disposto a conviverci?

Quelli di noi che sono svegli e hanno occhi per vedere possono combattere questa guerra senza di te. Non stiamo aspettando di reclamare la nostra libertà. Scrivo questa lettera perché potete, se lo vorrete, diventare nostri alleati.

Oppure puoi sprofondare in una pozza di oscurità e non farti più sentire.

Nemmeno annotato nei libri di storia.

Cosa farai ora, in questa crisi?

Hai la possibilità di essere grande. Hai la possibilità di aiutare a salvare questo paese. Da qualche parte dentro di te, non hai sempre desiderato una battaglia degna dei tuoi sforzi più profondi?

Puoi formare una linea, oltre la quale i lupi al potere non possono attraversare.

In quest’ora, l’autentico spirito dell’America ti raggiunge.

Lo spirito di libertà, che non muore mai, ti batte sulla spalla.

Ti allontanerai o verrai in aiuto del tuo paese?

Cercherai di mantenere la tua posizione abituale, con i paraocchi, solo per realizzare, presto, che la tua posizione è insostenibile; o creerai una nuova connessione con il Popolo e impegnerai le tue fortune, il tuo onore e le tue vite in una nuova Dichiarazione di Indipendenza da questa ultima versione della Corona, che cerca di colonizzarci in un paesaggio di disperazione?

Che tu scelga di ritirarti o di avanzare, stai rischiando tutto ciò che hai guadagnato. In un caso, lo abbandoni volontariamente, perché non appena sorgerà il sole, il governo continuerà a escogitare modi per portartelo via. Nell’altro caso, rischi tutto per il giusto motivo:

Il sogno di ciò che l’America dovrebbe rappresentare.

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/

®wld