Home

La verdadera verdade

Lascia un commento

di: Dott. Roberto Slaviero 05.11.22 

1 Il Signore rispose a Giobbe di mezzo al turbine:

4 Dov’eri tu quand’io ponevo le fondamenta della terra? Dillo, se hai tanta intelligenza!

5 Chi ha fissato le sue dimensioni, se lo sai, o chi ha teso su di essa la misura?

6 Dove sono fissate le sue basi o chi ha posto la sua pietra angolare,

8 Chi ha chiuso tra due porte il mare, quando erompeva uscendo dal seno materno,

10 Poi gli ho fissato un limite e gli ho messo chiavistello e porte

11 e ho detto: «Fin qui giungerai e non oltre e qui s’infrangerà l’orgoglio delle tue onde». 

http://www.laparola.net/testo.php?riferimento=giobbe38&versioni[]=c.e.i 

Minchiaaa ragazzi….ma … il Creatore è forse un Trapiantista?! Parrebbe di sì, altro che sfera che gira a 1600 km all’ora…

Vabbè, potremmo chiederlo alla attrice italiana della Iss, quella trentina un po’ mascolina coi capelli che volano in alto, causa assenza di gravità…

Già diventata una Star femminile, inserita in tutti i libri di storia recente ed insegnata nelle scuole.

Lo sapete che nelle scuole più alte, universitarie soprattutto, insegnano le tesi di quel…diciamo nazi – malthusiano di Schwabe di Davos, che ha creato questa mierda di Reset di stampo elettrico, insettivoro e depopolante, accordandosi coi potenti del pianeta, buoni e cattivi che siano, a seconda del momento.

Netflix intanto, sta girando un film in Ucraina con il suo Presidente in carica … loro le bombe le schivano.

Realtà distorta a piacere dei potenti.

Gli interessava solo fotterci i soldi con gli aumenti energetici e dei tassi di interesse; chi non è schiattato con le chiusure Covid, schiatterà con gli aumenti.

La loro agenda va avanti, imperterrita! Sarete poveri ma felici.

Nel frattempo, loro si son comprati i territori di mezzo Sud America etc.

Ho sentito che Putin, ha detto che la Polonia vorrebbe annettersi gran parte dell’Ucraina per creare  uno Stato mare-mare, dal Baltico al Mar Nero…

Niente di più probabile con le potenze occidentali d’accordo.

La famigerata 101 aviotrasportata Usa, è già da un pezzo ai confini ucraini, la prima volta in Europa, dopo la 2 guerra mondiale.

Avete ascoltato la notizia sui TG? Eh eh eh

Non vorrei soffermarmi troppo sulle stupide polemiche sul rientro dei medici non inoculati: mi pare molto sinistroide e “ricattosa”, per evitare la commissione di inchiesta parlamentare su Speranza e soci.

Ormai i dati sulle malattie di molti terzo dosati sono pubblicate e direi…guarda e passa…E il capo dei 5S, che accusa il governo di fascismo per i Rave parti…lui che ha chiuso gli italiani in casa, contro tutte le regole costituzionali!

Robe da matti…Speriamo che molti non abbiano perso la memoria!

Del Signore Dio di Giobbe, grazie anche al nuovo corso Vaticano, dopo la soppressione della preghiera anti demoni a San Michele, pochi ci credono.

Sono più interessati ai circuiti microchip, alla falsa ecologia “gretina – schwabica“, alle mucche che scoreggiano troppo CO2, al Metaverso e a tutte le stronzate che questi impostori e ladri ci vogliono inculcare.

Le gerarchie gesuitiche e talmudiche ridacchiano in sottofondo, verificando il grado di idiozia generale. Nel frattempo, fare il pieno elettrico alle auto, costa oltre il 100 % in più dell’anno scorso.

Ecologia…portami via…Il futuro vero è l’idrogeno e le benzine Efeul, il resto pappa fritta e Elon (Muschio) e soci lo sanno…

Razzi su Luna e Marte…ma dai…buffoni di corte … e il Lem, che sarebbe atterrato sulla Luna, fatto di fogli di alluminio luccicanti oltre 50 fa …

Ma smettetela di raccontare palle! Sogni spaziali, per dover accettare una realtà di merda e povertà, per molti infelici del pianeta.

Tutto truccato.

Io vorrei andare in Antartide, oltre il 60mo parallelo, ma non mi concedono l’autorizzazione.

Vorrei andare a vedere anche le distanze del centro del mare del nord, ma non mi lasciano…ho detto; guardate che ho i Moon Boot e la giacca psicogalattoesoterica anti freddo…niente, ciccia…solo i militari possono…

Andè a caghè … bitte! (misto dialetto e tedesco)

Ma porca vacca, si dice che il famoso Baffetto tedesco, sia andato con gli Uboot in Argentina, altro che spararsi nel bunker berlinese…

Non ci credete? Bravi, credete alla Von Der Layen e soci europei antimucchisti…

Mi giunge notizia che al famoso David Icke, è stato negato l’ingresso in Olanda per una conferenza, poiché considerato un terrorista.

Beh … aveva già raccontato anni fa, come l’agenda di controllo e de popolazione mondiale sarebbe andata avanti, per cui…

Tra l’altro parla di “ombre oscure“ che controllano i potenti del pianeta…mi pare che un tempo noi cristiani gli chiamavamo diavoli! Ma va’… i diavoli sono frutto della propria psiche…L’inferno non esiste, ok!

Porca vacca Giobbe, come hai fatto a resistere! Questi devastati mentali che comandano il pianeta, tra cui molti drogati, perversi e pedofili, accettano di fare gli attori degli “oscuri“, che si sono impossessati del pianeta.

Non ci credete? Avete fatto i conti ad esempio di quanti bambini spariscono ogni anno? E stanno sdoganando la pedofilia…

Insomma…ci hanno raccontato praticamente un sacco di palle a scuola e noi le crediamo in nome della scienza ufficiale, che dogmatica più delle religioni, non ammette critiche.

Avete visto il mostro generato dal pensiero unico scientifico nel campo delle malattie, dei virus!

Se ci dicevano…ragazzi … vorremmo fare una sperimentazione generalizzata e verificare i cambiamenti genetici nel Sapiens e vorremmo creare delle razze miste nuove, molti avrebbero accettato.

Quanto mi date ?

Per 10 mila ok, bucatemi 2 volte…..

Per 20 mila, 3 volte…

Magari poi divento più figo e magari mi cresce anche … il membro…O le pere si gonfiano senza siliconarmi…

Insomma oscuri, scendete in accordo con i vostri schiavetti…cosi la vita diventa più interessante e divertente e poi chi schiatta, schiatta…ma intanto viaggia e si diverte con i vostri soldini…

Qualche ricerca imboscata, parlava di decine di miliardi di terrestri viventi in epoche passate sul pianeta. Forse non bevevano troppa Coca cola…

Vogliono portarci a 2 miliardi…E come fanno … in Africa trombano e fanno figli a manetta.

Ok, in occidente gli Lgbt son di moda e si incestuano non secondo le regole del Dio di Giobbe…quindi nessun nato e se qualche, nato in provetta e cresciuto in uteri in affitto.

Ma senti qui, Dio di Giobbe; quanto dobbiamo ancora aspettare per un vero reset, made in Verdadera Verdade?

Io mi son proprio rotto i maroni e ne conosco tanti come me…Attendiamo fiduciosi un’altra bella fangaia acquosa …

Allora ragazzi, scrivete una letterina alla Nasa oppure alle altre Agenzie spaziali russe e cinesi e chiedete di venir mandati sulle colonie spaziali, di prossima costruzione.

Però…aspetta … mi par di avere letto che la Russia si ritira dal progetto ISS etc…A si logico, sta pensando alle bombe atomiche.

Secondo voi, come fanno a vivere ad Hiroshima e Nagasaki, se veramente Plutonio e Uranio venne usato?

Forse li utilizzarono per l’innesco di una enorme bomba incendiaria di oltre 1000 gradi, come narrano le cronache Veda di migliaia di anni fa.

Guerre tra Dei!

I raggi gamma rilasciati allora, dovrebbero ancora ammazzare migliaia e migliaia di persone e ciò non accade.

Dicono che molti raggi gamma vennero risucchiati dall’atmosfera…ok Dove abita Mazinga zeta?

Vi ricordate…lame rotanti…uno spettacolo yepppppp Questo mi è simpatico

Il Signore della bottiglia

dissonanza cognitiva…

Stamani avevo mal di testa e ho pensato…azzo la Terra ha diminuito la velocità di rotazione di 100 km…ma no dai, è colpa del Fohn, il vento porta malattie…ma no…azzo adesso ricordo, ieri sera mi son mangiato un sacco di biscotti e cioccolata e vino, dopo avere sorseggiato un gin tonic…

Auguri miei cari e alla prossima!

FONTE

®wld

Le Sirene Greche

Lascia un commento

Il Vaticano va alla piena tecnocrazia con il “Consiglio per il capitalismo inclusivo”

Pubblicato da: Brandon Smith via Alt-Market

Avvertimento: la tecnocrazia NON è capitalismo ed è, in effetti, il suo polo opposto. I due si escludono a vicenda. Allora, perché il Papa ha introdotto un nuovo nome per lo Sviluppo Sostenibile, alias Tecnocrazia? Perché è l’inganno supremo indurre le persone ad accettare un “remake” del capitalismo mentre l’intento è ucciderlo. Questo è paragonabile alle mitologiche sirene greche che invocano le navi di passaggio e le attirano verso il loro destino. ⁃ Editore TN

I Guardiani, Consiglio per il capitalismo inclusivo

L’idea che ci sia un’agenda per il governo globale tra le élite finanziarie e politiche del mondo è stata a lungo definita una “teoria del complotto” all’interno dei media mainstream e dell’establishment. E purtroppo, anche quando riuscirai a convincere le persone a guardare e ad accettare l’evidenza che le istituzioni bancarie e alcuni politici lavorano insieme per i propri scopi, molte persone ANCORA non prenderanno in considerazione l’idea che l’obiettivo finale di questi mercanti di potere sia un impero mondiale. . Semplicemente non possono avvolgere la testa attorno a una cosa del genere.

La gente dirà che l’establishment è guidato solo dall’avidità e che le loro associazioni sono fragili e basate solo sull’interesse personale individuale. Diranno che gli eventi di crisi ei cambiamenti nelle tendenze sociali e politiche sono casuali, non il prodotto di un’ingegneria deliberata. Diranno che gli elitari non potranno mai lavorare insieme perché sono troppo narcisisti, ecc.

Tutti questi argomenti sono un meccanismo per far fronte al pubblico per affrontare prove che non possono altrimenti confutare. Quando i fatti diventeranno concreti e i poteri costituiti ammetteranno apertamente i loro schemi, alcune persone torneranno a negare confusamente. Non vogliono credere che il male organizzato su tale scala possa effettivamente essere reale. Se così fosse, allora tutto ciò che pensavano di sapere sul mondo potrebbe essere sbagliato.

Per molti anni l’agenda per la governance globale è stata solo sussurrata all’interno dei circoli elitari, ma ogni tanto uno di loro ne parlava ad alta voce in pubblico. Forse per arroganza o forse perché sentivano che era giunto il momento di indurre la popolazione ad accettare la possibilità. Ogni volta che lo menzionavano, lo chiamavano il “Nuovo Ordine Mondiale”. I leader mondiali da George HW Bush a Barack Obama a Joe Biden a Gordon Brown a Tony Blair e oltre hanno tutti tenuto discorsi parlando del “Nuovo Ordine Mondiale”. Il denaro e le élite politiche come George Soros e Henry Kissinger hanno menzionato incessantemente il NWO nel corso degli anni.

Una delle citazioni più rivelatrici all’ordine del giorno arriva dal vicesegretario di Stato dell’amministrazione Clinton Strobe Talbot, che ha affermato in Rivista del tempo che:

Nel prossimo secolo le nazioni come le conosciamo saranno obsolete; tutti gli stati riconosceranno un’unica autorità globale… Dopotutto, la sovranità nazionale non è stata una grande idea”.

Nello stesso articolo aggiunge una citazione meno nota:

…Il mondo libero ha formato istituzioni finanziarie multilaterali che dipendono dalla volontà degli Stati membri di rinunciare a un certo grado di sovranità. Il Fondo Monetario Internazionale può virtualmente dettare le politiche fiscali, includendo anche la quantità di tasse che un governo dovrebbe imporre ai suoi cittadini. L’accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio regola l’importo dei dazi che una nazione può addebitare sulle importazioni. Queste organizzazioni possono essere viste come i protoministeri del commercio, della finanza e dello sviluppo per un mondo unito”.

Per capire come funziona l’agenda, offro una citazione del globalista e membro del Council on Foreign Relations Richard Gardner in un articolo su Rivista degli affari esteri nel 1974 intitolato “The Hard Road To World Order”:

“In breve, la “casa dell’ordine mondiale” dovrà essere costruita dal basso verso l’alto piuttosto che dall’alto verso il basso. Sembrerà una grande “confusione in piena espansione”, per usare la famosa descrizione della realtà di William James, ma una corsa alla fine della sovranità nazionale, erodendola pezzo dopo pezzo, realizzerà molto di più del vecchio assalto frontale”.

Da allora il “NWO” ha cambiato nome più volte mentre il pubblico diventa sempre più saggio nei confronti della cospirazione. È stato chiamato Ordine Mondiale Multilaterale, il 4th Rivoluzione industriale, il “Grande Reset”, ecc. I nomi cambiano ma il significato è sempre lo stesso.

Negli ultimi due anni, di fronte a vasti eventi di crisi globale, il “nuovo ordine” di cui hanno parlato i globalisti dell’establishment è arrivato, e quasi senza fanfara o menzione nei media mainstream. Gli inizi del governo globale esistono già e si chiama “Consiglio per il capitalismo inclusivo”.

Ultimamente, molti analisti inclusi, sono stati molto concentrati sul World Economic Forum e sul loro ruolo nell’agenda del governo globale. Soprattutto perché il capo del WEF Klaus Schwab è un tale chiacchierone e non può fare a meno di parlare di piani futuri per la centralizzazione.

Come ho notato in articoli precedenti, il élite all’interno del WEF si sono entusiasmati troppo per la pandemia di covid, pensando di aver avuto la crisi perfetta per attuare numerose politiche globaliste sotto forma del Grande Reset. Come si è scoperto, il covid non era affatto letale come inizialmente previsto durante l’evento 201, e il pubblico non è stato remissivo e compiacente come sperava che saremmo stati. Il WEF ha fatto uscire il gatto dalla borsa troppo presto.

Quindi, andiamo avanti, con crisi dopo crisi come tessere del domino che cadono fino ad arrivare all’unico evento che secondo loro spingerà le masse ad accettare il governo mondiale. E mentre il WEF è regolarmente frequentato da globalisti di alto livello, sono più un think tank di alto livello, il Council for Inclusive Capitalism sembra riguardare l’implementazione piuttosto che la teoria.

Il fondatore del gruppo è Lynn Forester de Rothschild, membro della famigerata dinastia Rothschild che è stata a lungo coinvolta finanziariamente nell’influenzare i governi per generazioni. Papa Francesco e il Vaticano pubblicamente allineato con il consiglio nel 2020, e una delle principali narrazioni del CIC è che tutte le religioni devono unirsi ai leader del capitale per costruire una società e un’economia che sia “equa per tutti”.

Questa dichiarazione di intenti è piuttosto familiare, poiché fa eco agli obiettivi del WEF e al suo concetto di la “Economia Condivisa”: Un sistema in cui non possiedi nulla, non avrai privacy, prendi in prestito tutto, fai completamente affidamento sul governo per la tua sopravvivenza e ti “piacerà”.

In altre parole, lo scopo del “capitalismo inclusivo” è di indurre le masse ad accettare una versione ribattezzata del comunismo. La promessa sarà che non dovrai più preoccuparti del tuo futuro economico, ma il costo sarà la tua libertà.

Il CIC è guidato da un gruppo centrale di leader globali a cui si riferiscono come “The Guardians” (No, non sto scherzando, questo è reale).

Tra i membri del CIC figurano: Mastercard, Allianz, Dupont, ONU, Teachers Insurance and Annuity Association of America (TIAA), CalPERS, BP, Bank of America, Johnson & Johnson, Visa, Rockefeller Foundation, Ford Foundation, Mark Carney, il tesoriere dello Stato della California e di molte altre aziende in tutto il mondo. L’elenco è ampio, ma ciò che rappresenta è una sorta di governo guidato dalle corporazioni con un congresso di rappresentanti delle corporazioni mescolato a leader politici malleabili.

Una delle principali missioni del CIC è stata quella di cambiare i nostri modelli economici per “promuovere l’equità e l’inclusione”. Esilarante, i sostenitori del CIC sostengono che “troppa ricchezza è stata accumulata nelle mani di troppo poche persone e questo dimostra che il capitalismo esistente non funziona, eppure sono proprio LORO le persone che hanno truccato il sistema per centralizzare quella ricchezza nelle LORO MANI. Non sono “capitalisti”, sono un’aristocrazia. Pensi davvero che queste persone costruiranno un sistema completamente nuovo che non continua a beneficiarne?

Se vi siete mai chiesti perché il Papa ha spinto l’ideologia sveglia, l’allarmismo climatico e la retorica di una religione mondiale in conflitto con la dottrina cristiana tradizionale, ecco perché – Sta seguendo i dettami del CIC.

Un’altra missione del CIC è quella di imporre il controllo del carbonio e la tassazione in nome del “cambiamento climatico” con lo scopo di raggiungere emissioni “nette zero”.. Come tutti sappiamo, l’azzeramento delle emissioni di carbonio sarà impossibile senza uno sconvolgimento completo della nostra economia e industria, insieme alla morte di miliardi di persone nel processo. È uno scenario irraggiungibile, per questo è perfetto per i globalisti. Gli esseri umani sono il nemico della Terra, affermano, quindi dobbiamo lasciare che le élite controllino ogni nostra azione per assicurarci di non distruggere il pianeta e noi stessi, e il processo non finirà mai perché ci saranno sempre emissioni di carbonio da affrontare .

I membri del CIC, tra cui il capo della Banca d’America, suggeriscono apertamente che in realtà non hanno bisogno che i governi cooperino per raggiungere i loro obiettivi. Dicono che le società possono implementare la maggior parte dell’ingegneria sociale senza aiuti politici. In altre parole, è l’ogni definizione di “governo ombra” – Una massiccia cabala aziendale che lavora in tandem per implementare i cambiamenti sociali senza alcuna supervisione. Come notato, l’abbiamo già visto con la diffusione dell’ideologia sveglia da parte di centinaia se non migliaia di società che lavorano come un alveare.

Il CIC è l’ultima forma di governo globale? No, probabilmente no. Ma ne è l’inizio; un governo di corporazioni ed élite monetarie per corporazioni ed élite monetarie. Ignora ogni rappresentanza politica, ogni controllo e contrappeso e ogni partecipazione elettorale. Sono i conglomerati ei loro partner a prendere le decisioni per la nostra società unilateralmente e in modo centralizzato. E, poiché le grandi imprese si comportano come se fossero separate dal governo piuttosto che partner con il governo, possono affermare di essere autorizzate a fare tutto ciò che vogliono.

Tuttavia, con le aziende e i globalisti che mostrano sempre più i loro veri colori e agiscono come se dovessero essere al comando, il pubblico deve ritenerli responsabili come se facessero parte del governo. E se si scopre che sono autoritari e corrotti, devono essere rovesciati come qualsiasi altra dittatura politica.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

®wld

La Religione della Paura

Lascia un commento

Sarà il Sole a svegliarci: lo teme la Religione della Paura

La deriva transumanista a cui stiamo assistendo è il frutto di uno scontro di civiltà. Un emblematico, inesauribile scontro: non solo fra due culture, fra due concezioni del mondo, ma addirittura fra due opposte e inconciliabili forme di civiltà. Una potremmo definirla algida, fredda, pseudo-lineare, agorafobica, già vecchia e stantia nonostante i suoi appena tre secoli di età. E’ una cultura sorta dal razionalismo di fine Seicento e da quella che è passata alla storia come la rivoluzione scientifica. Una cultura che è stata nutrita da una miope incomprensione dell’esperienza illuministica, pur liberatoria, che però si è incanutita precocemente, fossilizzandosi negli ingranaggi del pensiero meccanicistico. L’altra cultura è invece antica come l’alba della conoscenza (e della coscienza), come e più delle stesse piramidi e di quei miti che produssero. Eppure quella cultura è sempre giovane: perché è immortale, orgogliosa e ottimistica, come quegli stessi dèi che la donarono agli esseri umani.

Bergoglio

E’ una cultura inclusiva, conciliatrice dei complessi rapporti tra uomo e natura. E soprattutto: è profondamente radicata nella più arcaica e radicale delle esperienze umane: la percezione magica del sacro. Lo scontro in corso rappresenta una delle ultime fasi di un conflitto, molto antico, tra la dimensione gnostica – prometeica, titanica, estatica – e la sua drammatica emarginazione e persecuzione ad opera di una falsa religiosità assolutistica, quella del monoteismo patriarcale che si instaurò con il rovesciamento degli antichi dèi. Una deriva che, poi, ha portato a quel delirio teologico che è stato fatto proprio dalla cultura giudaico-cristiana. Ha pesato la sua applicazione totalmente exoterizzante, che ha escluso ogni aspetto esoterico-iniziatico. E ha voluto ritagliare, nella grande spirale del tempo eterno (venerata da tutte le antiche culture del pianeta), un segmento progettuale artificioso: quello di un dio totemico, tanto geloso quanto violento, nemico di tutte le tradizioni fondate sulla conoscenza e sull’esperienza.

Razionalismo, rivoluzione scientifica e rivoluzione industriale: oggi Klaus Schwab parla di Quarta Rivoluzione Industriale, a conferma del fatto che sono sempre gli stessi, a cantarsela e suonarsela da soli. Hanno voluto separare il sacro dal profano, l’immanente dal trascendente. Negli ultimi tre secoli hanno tentato, in tutti i modi, di estirpare la spiritualità dalla concezione umana, dalle espressioni della nostra cultura. E spesso e volentieri lo hanno fatto a braccetto con la Chiesa cattolica. Ora siamo giunti a una fase ancora più avanzata: non servono neppure più, le masse. Lo spiega bene Marco Della Luna: le masse sono ormai divenute superflue, per questo potere che vorrebbe “depopolare” il pianeta. Ormai mirano solo al controllo: si aggrappano come pazzi ai residui brandelli del loro potere. Puntano al controllo totale: quindi vogliono la digitalizzazione forzata, il transumanesimo, la sostituzione definitiva dell’uomo con le macchine e la riduzione in schiavitù dei pochi superstiti.

Sole

Schiavi: privati di coscienza, di libero arbitrio, di raziocinio. Privati di ogni libertà, di ogni diritto. Un po’ come recita lo slogan dell’europea Id 2030: non possiederemo più nulla, ma saremo tutti felici. Vi piacerebbe, vero? Ma non andrà così. Pensiamo a quelli che oggi recitano l’Om nelle piazze: sono comunque segnali di un risveglio spirituale. In tutte le grandi epoche di crfilosofiaisi e transizione, c’è sempre stato anche un grande impulso della spiritualità. L’umanità ha periodicamente compiuto balzi quantici, a livello intellettuale e spirituale. Ebbene: sono stati determinati anche dalle eruzioni solari. Ce ne ha appena riparlato l’astrofisica Giuliana Conforto: ci ha spiegato che il campo magnetico della Terra sta mutando velocemente, andando a saldarsi con quello del Sole, oltre che con il campo magnetico della galassia.

La prima tempesta solare registrata con strumentazioni moderne risale agli anni Sessanta dell’800: mise fuori uso i telegrafi di tutto il mondo. Se dovesse avvenire oggi, una tempesta solare di quel tipo farebbe saltare tutti i satelliti e le reti di telecomunicazione, inclusa la telefonia cellulare, e probabilmente manderebbe in tilt le stesse centrali elettriche. Non è detto che certi preparativi di una crisi energetica – vera o presunta che sia – non siano anche finalizzati a “coprire” eventuali tempeste solari in arrivo. Ma attenzione: tempeste solari di entità ben maggiore, avvenute ciclicamente, sono state ben documentate: dall’analisi degli anelli degli alberi, secondo la “dendrocronologia”, e anche dai carotaggi dei ghiacci, effettuati sia in Groenlandia che in Antartide. Fra l’altro, è stato anche dimostrato che nel VII secolo avanti Cristo si verificò una tempesta solare oltre 10 volte più devastante di quella del 1864. Non esitendo la telematica, l’umanità la percepì in maniera molto diversa: al limite la videro, sotto forma di aurore boreali alle nostre latitudini e forse ancora più a Sud.

Sabato Scala

Gli effetti sull’uomo, però, non tardarono a manifestarsi: nel VI secolo avanti Cristo l’umanità visse un vero salto quantico. Se è vero che può distruggere, il Sole può anche dare la vita: può fornire un impulso vitale per la nostra intelligenza. Nel VI secolo, infatti, sorsero – simultaneamente – decine di movimenti religiosi innovativi, senza contare l’esplosione della filosofia in Grecia. Nacquero Pitagora, Zarathustra, il Buddha. Fenomeni che rispondono a regole cosmiche, magnetiche? Come in alto, così in basso: quello che accade nella galassia è interconnesso con ciò che avviene sul nostro pianeta. Noi siamo un microcosmo, in rapporto con un macrocosmo. Evidentemente, le tempeste solari sono in grado di farci evolvere anche da un punto di vista spirituale. Altre tempeste solari, del resto, erano avvenute anche in precedenza: una – grandissima, risalente al 1200 avanti Cristo – si verificò in concomitanza con la nascita dei Misteri Eleusini, cioè con l’arrivo a Eleusi della dea Demetra. E ne sono avvenute moltissime altre, sempre in corrispondenza di fatti epocali.

Quindi, probabilmente, i gestori della Matrix – quelli che ci dominano – sono anche terrorizzati dalla possibilità di eventi (incluse appunto le tempeste solari) che possano determinare un balzo evolutivo, un salto quantico dell’umanità. Ovvero: se l’umanità prende coscienza di sé, si libera delle proprie catene. Come hanno potuto assoggettare gli esseri umani, per oltre 10.000 anni? Con l’inganno, con i dogmi: con catene mentali e spirituali. Un bravissimo ricercatore come Sabato Scala, studioso del Cristianesimo delle origini, insiste sulla necessità del saper diversificare il Cristianesimo originario dal Cristianesimo “politico”, creato a tavolino – per fini di potere – da personaggi come Giuseppe Flavio, Paolo di Tarso e il filosofo romano Seneca. Ci sono le prove, dei loro complotti: molto abilmente, crearono una nuova religione solo in apparenza derivata dal Cristianesimo delle origini. L’obiettivo qual era? Prendere il potere a Roma e impadronirsi delle redini dell’Impero. E ci riuscirono.

L'inquisitore de Il Nome della Rosa

Il coronamento del loro delirio fu il famigerato Editto di Tessalonica, promulgato da Teodosio. Non è sbagliato paragonarlo al Green Pass: l’obbligo di aderire alla nuova religione fu imposto con la forza a una popolazione di 60 milioni di abitanti, di cui soltanto il 15% aveva aderito al nuovo credo. A tutti gli altri, il Cristianesimo “paolino” venne imposto con la violenza: chi non si fosse convertito avrebbe perso ogni diritto civile (rischiando anche la vita, in molti casi). Comunque: si perdeva il diritto a frequentare le scuole, a entrare nell’esercito, a rivestire cariche pubbliche, persino ad accedere ai pubblici edifici. Esattamente come oggi: questi non hanno fantasia, ripetono sempre gli stessi atti.

Quello che Sabato Scala ci ha indicato è la presenza di precise leve psicologiche, utilizzate dalla nuova religione romana proprio per assoggettare le masse. Secondo la scienza di oggi, queste leve sono elementi certi, assodati, per la manipolazione comportamentale. Si tratta di elementi – scrive Scala – che intervengono nel minare i fondamenti di una psiche sana: perché è proprio la psiche sana, che vogliono attaccare, rendendola malata. Come? Introducendo degli effetti, rinforzati da un apparato mitologico e simbolico creato ad arte, che vanno a scardinare alla radice i pilastri di un sano equilibrio psichico (equilibrio che, nelle antiche tradizioni religiose, era sempre esistito). Quali sono, questi obiettivi? Primo: l’autostima (e l’auto-efficacia). Secondo punto: la consapevolezza delle proprie azioni, e di conseguenza l’assenza di sensi di colpa. Terzo: un equilibrato rapporto corpo-psiche, ovvero una relazione armonica con la propria istintualità.

Prometeo

Fin dalla sua prima elaborazione, il Cristianesimo “politico” imposto a Roma, quello che poi ha preso il potere arrivando fino all’Inquisizione e alla caccia alle streghe, ha costruito ad arte un sistema mitologico, un “palinsesto” di rituali e di norme, comportamentali e morali, finalizzato a utilizzare in modo coordinato, secondo un’accurata programmazione neuro-linguistica, tutte e tre le leve citate: autostima, consapevolezza ed equilibrio corpo-psiche. In pratica, attraverso questa manipolazione, sono arrivati a sottomettere le masse con il dogma, impedendo e mortificando l’accesso alla conoscenza. Perché Eva fu cacciata, insieme ad Adamo, dal Paradiso Terrestre? Perché aveva colto il frutto dall’Albero della Conoscenza. Non sia mai: l’essere umano non deve avvicinarsi alla conoscenza. Se lo fa, i dominatori sono perduti.

Prometeo, il grande dio Titano, tentò in extremis di salvare l’umanità, che già era caduta sotto il giogo dei nuovi dèi, rubando a Zeus la fiaccola della conoscenza per donarla a noi. Purtroppo quel suo gesto non servì, perché Zeus riprese il sopravvento. Ma quello di Prometeo resta un gesto simbolico importantissimo. Quella stessa fiaccola è rappresentata dalla Statua della Libertà che si erge davanti al porto di New York (e pochi sanno che il prototipo di quella statua è presente sulla facciata del Duomo di Milano). Lo ribadisco: questo è un momento storico, tutti i nodi verranno al pettine. Ci saranno tante macerie, ma siamo sicuramente all’alba di una nuova era. E c’è qualcuno che sta facendo di tutto per non farla cominciare, questa nuova era. L’intento dei dominatori è quello di ancorarsi al loro potere: per questo stanno facendo di tutto per sottomettere l’umanità, per impedirle di evolversi e di compiere questo salto quantico. Soprattutto: all’umanità vogliono impedire di ricordare chi è.

Se noi ricordiamo chi siamo – se riconnettiamo la nostra parte animica, divina, con gli dèi creatori, recuperando la memoria genetica che ci hanno trasmesso – allora non ci incatena più nessuno. Se riprendiamo possesso delle nostre capacità, delle nostre vere facoltà, questo li spaventa. E tanto per essere chiari: era scomodo anche il Cristianesimo delle origini, che infatti è stato perseguitato dal Cristianesimo “politico”, progettato per il dominio. E’ proprio al Cristianesimo delle origini che si ispirarono i Catari e anche i Templari, che volevano rovesciare il Papato (si rifacevano infatti alla tradizione giovannita, che era stata spodestata). Erano scomode anche moltissime tradizioni misteriche – come quella eleusina, a cui io appartengo. Entrate in clandestinità, nel medioevo hanno tentato anch’esse, a più riprese, di spodestare la Chiesa: non ci sono riuscite, ma c’è mancato veramente poco.

Catari al rogo

Il Rinascimento non è stato solo una rinascita delle arti e della cultura classica: ha rappresentato una vera rinascita delle scienze e delle coscienze, guidata (sottotraccia) proprio dalle antiche tradizioni misteriche che, come un fiume carsico, erano sopravvissute nel sottosuolo per tornare a riaffiorare e alzare la testa, con la stagione rinascimentale. Potevano farlo, avendo in mano la maggior parte degli Stati e delle signorie dell’epoca, contrapposte al Vaticano. Oggi la Chiesa è molto preoccupata, dalla rinascita di certe tradizioni, che vede esprimersi anche nella new age. Premetto: io non l’ho mai amata, la cultura new age; magari era nata con buone intenzioni, ma poi è stata manipolata (soprattutto negli Usa, dalla Cia) per finalità politiche. Diciamo che, anche in questo caso, bisogna separare la farina dalla crusca.

Tornando alla Chiesa cattolica: sta procedendo ormai verso una deriva transumanista, improntata al Grande Reset di Davos. Lo dimostrano anche le scandalose politiche vaccinali del Vaticano: una deriva totalitaria che non trova invece il consenso della maggior parte delle Chiese Ortodosse. Il cattolicesimo romano, al contrario, è totalmente appiattito sull’Operazione Corona, anche perché rappresenta un potere che di cristiano non ha più niente. Ebbene: il potere cattolico è oggi spaventato anche da quello che, genericamente, chiama “gnosticismo”. Il termine però è impreciso: c’è infatti anche uno gnosticismo cristiano, c’è uno gnosticismo di origine ermetica, e c’è uno gnosticismo impropriamente definito “pagano”. Comunque, “gnosi” vuol dire “conoscenza”: quindi, nello gnosticismo possiamo annoverare tante tradizioni. Le gerarchie vaticane usano questo termine, in modo un po’ dispregiativo, per indicare qualcosa di pericoloso. E la polemica non è solo di oggi, risale agli anni Novanta.

Louis Pauwels

Interessante il caso di Louis Pauwels, autore de “Il mattino dei maghi”: un libro che, negli anni Sessanta, ha fatto la storia dell’esoterismo occidentale (e anche, in parte, del movimento new age). Poi, in età avanzata, Pauwels ebbe un repentino cambio di rotta: divenne un intransigente cattolico e si mise ad attaccare tutte quelle dottrine esoteriche che escono dai binari della Chiesa. Molto strana, la sua pseudo-conversione: avvenne in seguito a uno strano incidente che quasi gli costò la vita. Mi ricorda la situazione di oggi, in cui molte persone si lasciano manipolare dalla paura, al punto da rinunciare ai loro diritti costituzionali e alla propria libertà. Negli ultimi anni della sua vita, Pauwels arrivò a parlare di un “complotto mondiale neo-gnostico”, ordito da “forze anti-cristiane” che mirerebbero a “indebolire la fede dei cattolici”(sembrano parole di Don Curzio Nitoglia). Comunque, gli attacchi allo gnosticismo – che stanno avvenendo proprio in questi giorni – hanno svariati precedenti nei decenni scorsi, ben oltre il semplice caso Pauwels.

Nel 1990, all’indomani del crollo dei regimi dell’Est Europa, l’arcivescovo di Bruxelles, cardinale Godfried Danneels, in una sua lettera pastorale fece una dichiarazione molto inquietante, poi pubblicata nel 1991 sul settimanale “Il Sabato”. «La riesumazione della vecchia gnosi – scrisse, testualmente – è un rischio mortale, che potrebbe portare alla distruzione del Cristianesimo. E il clima di festa e di liberazione dal comunismo non può assolutamente far dimenticare il sorgere di questo nuovo, insidioso avversario». A breve distanza, anche il Pontefice (Giovanni Paolo II) fece una dichiarazione simile, poi inclusa nel libro-intervista “Varcare le soglie”, curato da Vittorio Messori. Lo stesso Wojtyla, dunque, espresse preoccupazione per «la rinascita delle antiche idee gnostiche». Rinascita definita «un nuovo modo di praticare la gnosi, cioè quell’atteggiamento dello spirito che, in nome di una profonda e presunta conoscenza di Dio, finisce poi per stravolgere la sua parola».

Giovanni Paolo II

Obiettivamente parlando, qui siamo al ridicolo. Una religione che si considera solida – plurimillenaria – di cosa può mai avere paura? Del risorgere di forme di consapevolezza legate al passato? Evidentemente sì: ne ha tanta paura. E in questi giorni, sempre in ambiti cattolici – anche ambienti giornalistici, persino quelli della cosiddetta controinformazione – si levano le voci di chi pure asserisce di essere contrario alla “deriva autoritaria” in corso, ma poi si mette, curiosamente, ad attaccare proprio lo gnosticismo. Mi domando: ma dov’è, questo gnosticismo? Vedete chiese gnostiche? Movimenti gnostici al potere? Evidentemente, costoro temono una presa di coscienza: temono la riscoperta, da parte delle masse, di antiche tradizioni spirituali (mai sopite). E in maniera un po’ generica e ipocrita, le definiscono con l’etichetta di “gnosticismo”. Lo fanno per non nominarle, per non pronunciare i loro veri nomi.

Viganò

E’ emblematico, il fenomeno: conferma la paura del risveglio. A Firenze, il 14 novembre, sono state schierate le camionette della polizia davanti alla Porta del Paradiso, al Battistero del Duomo, dove si erano radunate migliaia di persone a recitare l’Om. A chi potevano far paura, quelle persone? Alla Curia, immagino, ben più che al governo Draghi. A quanto pare, a quella ritualità di piazza viene attribuita un’importanza enorme. In effetti, davanti alla Porta del Paradiso si prega per qualcosa che va contro i dettami globalisti e transumanisti dell’attuale Chiesa. E allora si sprecano gli attacchi contro queste “nuove forme di gnosticismo”, pericolosissime. In realtà attaccano la rinascita della consapevolezza: è quella, che fa paura. Parallelamente, da parte dell’élite di potere, ci sono progetti per arrivare a una nuova religione mondiale. In realtà risalgono all’Ottocento, e molti sono già naufragati: ma certe fazioni non vi hanno mai rinunciato. Nell’ottica della Quarta Rivoluzione Industriale, vorrebbero arrivare a fondere le tre grandi religioni monoteistiche in una nuova pseudo-religione con i suoi dogmi, i suoi riti e i suoi simboli.

Il piano però è già fallito in partenza, sia per il rifiuto (motivato) da parte dell’ebraismo, che per il rifiuto (più che motivato) da parte dell’Islam: quando Bergoglio è andato a Baghdad, per poi animare un incontro interreligioso davanti alla ziqqurat babilonese di Ur, il grande ayatollah Al-Sistani (una delle massime guide spirituali dell’Islam sciita) gli ha risposto: potevi anche fare a meno di venire qui. Come a dire: noi non ci stiamo, non accettiamo questa deriva globalista né tantomeno accettiamo di rinunciare alla nostra tradizione, per fonderci in una religione che sia consona ai poteri di certe élite. Non ha funzionato nemmeno l’incontro interreligioso tenutosi nella Piramide di Astana, in Kazakhstan, perché non ci sono i presupposti per realizzare quel progetto. Aderendo a questa operazione, fino ad imporre addirittura il Green Pass a messa (siamo al delirio, ormai), la Chiesa dimostra di aver perso ogni legittimità residua, agli occhi dei fedeli.

Bizzi

Così come gli stessi media manistream, giudicati inattendibili, anche il Vaticano sconta ormai la sfiducia della maggioranza della popolazione: oltre il 60% dei cattolici italiani, probabilmente, rifiutano la piega mondialista del pontificato di Bergoglio, non riconoscendosi più in questa Chiesa. E’ probabile che il cattolicesimo romano vada incontro a uno scisma, che per ora è stato soltanto rimandato. Ed è interessante che gli attacchi anti-gnostici provengano anche da ambienti clericali tradizionalisti: alcuni sono stati sferrati da personaggi come quel noto arcivescovo (Carlo Maria Viganò, ndr) che pure ha fatto proclami importanti, contro la politica di Bergoglio. Anche lui s’è messo a denunciare lo gnosticismo montante. Mi domando: di cosa hanno paura? Del risveglio delle coscienze? Temono di non riuscire più a irreggimentarle?

Intendiamoci: la spiritualità non può essere ingabbiata, recintata. Secondo me, l’umanità è destinata (in buona parte) a un grande balzo evolutivo, a una rinascita della coscienza, a una nuova consapevolezza. E questo la porterà davvero ad evolversi, e a liberarsi finalmente da tante catene e da tanti condizionamenti. Il che spaventa enormemente il potere. E’ probabile che ci sarà il tentativo di creare nuovi movimenti di stampo new age, riadattati al presente, per cercare di ingabbiare le persone. E invece, secondo me, oggi possono nascere nuove, grandi correnti spirituali, di portata epocale. Perché siamo veramente a un momento di svolta. Chi vivrà vedrà, ma a mio parere assisteremo a eventi incredibili. Se ci sarà un risveglio della consapevolezza, ci sarà anche un balzo in avanti della società, sotto tutti gli aspetti: un salto quantico, dal mondo scientifico fino alla dimensione del sociale. C’è solo da augurarselo. Prima, però, deve cadere questa impalcatura malvagia, legata all’anti-umanesimo.

(Nicola Bizzi, “La spiritualità della nuova era”: dichiarazioni rilasciate a Gianluca Lamberti il 14 novembre 2021, nella trasmissione “Il Sentiero di Atlantide”, sul canale YouTube “Facciamo Finta Che”).

Pubblicato su: https://www.libreidee.org/2021/11/sara-il-sole-a-svegliarci-lo-teme-la-religione-della-paura/

®wld

Perché adesso, tutto insieme, di colpo? Perché tanta fretta? Che bisogno c’è, di far precipitare il mondo in un’emergenza infinita, utilizzata per imporre cambiamenti planetari e immediati?

Lascia un commento

Apocalypse Earth (2013) - Se online | Blockbuster

V*i*r*u*s, v@xxini, clima, CinqueG, Ufo: perché proprio adesso?

Perché proprio adesso? La domanda può sembrare fuori luogo, ma probabilmente non lo è. Il pianeta è sottoposto a uno stress-test senza precedenti, nella storia contemporanea. Una congiuntura più che allarmante, fatta di eventi concentrici e convergenti, spesso traumatici, comunque sconcertanti. Tutti avvenimenti pressoché contemporanei, a partire dal più problematico. Dunque: perché l’operazione Covid è scattata proprio adesso? Un piano dal respiro planetario, che tende a instaurare un controllo totale sulle persone, attraverso la gestione ultra-emergenziale di una strana epidemia influenzale. E perché proprio adesso una certa élite spinge per la digitalizzazione sistematica dell’essere umano, utilizzando – come primo passo – proprio la schedatura di massa ottenuta con la leva “vaccinale”? E poi: perché proprio adesso imporre l’inoculo di un preparato genico controverso e ancora sperimentale, ben poco efficace come misura di protezione, nei confronti – oltretutto – di un patologia molto meno pericolosa di tante altre, facilmente curabile nella maggior parte dei casi?

Coming

Inoltre: perché, proprio adesso, introdurre la prassi “v@xxinale” universale, in previsione della ventilata, progressiva diffusione di nanochip corporei? Qualcuno dirà: è il progresso, tutto qui. Altri innalzeranno barricate, evocando il Grande Reset annunciato a Davos: non un oscuro complotto, ma – al contrario – un progetto di ingegneria sociale (e bio-politica) apertamente esposto. Colpiscono le concomitanze, piuttosto ridondanti, che fanno da corollario all’avvento dell’Era #Pandemica: per esempio l’estensione della copertura Internet in ogni angolo del globo e la capillare diffusione della rete wireless CinqueG, supportata da milioni di antenne e migliaia di satelliti. Altra domanda: perché proprio adesso – parallelamente – è diventata ormai vistosa l’attività di geoingegneria atmosferica, condotta attraverso il rilascio quotidiano (da parte degli aerei) di scie biancastre e persistenti, fino a velare regolarmente il cielo sereno? Ancora: perché proprio adesso – dopo decenni di “negazionismo” ufficiale – viene improvvisamente sdoganata la presenza, sempre nei cieli, di oggetti volanti definiti “non identificati”, cioè teoricamente non rispondenti ad alcunché di noto, a livello terrestre?

Bergoglio e Greta

In questo mosaico di fenomenologie non ancora del tutto spiegate in modo convincente, c’è chi include anche l’anomalia dell’atteggiamento del Vaticano. Ovvero: perché, in un momento come questo, la Santa Sede ha avallato – senza esitazioni – tutte le ferree imposizioni dei governi, che hanno provocato enormi sofferenze sociali? E infine: perché, proprio adesso, viene imposta ufficialmente la narrazione ecologistica incarnata dal personaggio Greta Thunberg? E’ notorio, purtroppo, l’impatto antropico sull’ecosistema terrestre: le attività industriali e i consumi di massa hanno aggravato in modo drammatico l’inquinamento dell’aria, delle acque e dei suoli. E allora perché non concentrarsi sull’avvelenamento della Terra? Perché puntare invece il dito sulle variazioni climatiche, storicamente sempre avvenute per effetto dell’attività solare? E’ possibile che nell’alterazione delle temperature vi sia anche il (minimo) concorso dell’umanità; ma per quale motivo dichiarare che, invece, sia l’uomo il vero e unico responsabile del riscaldamento? Perché – proprio adesso – lasciare che venga messo in disparte il reale problema (l’inquinamento, l’erosione delle risorse naturali) per collegare il clima alla soluzione preconfezionata dalla finanza, cioè il “reset” globale emblematizzato dall’auto elettrica?

Clima, ambiente, virus e obblighi vaccinali, digitalizzazione universale, “scie chimiche” e reti wireless. E poi Ufo, cibernetica, “quarta rivoluzione industriale”. Su ogni singolo aspetto dell’assillante attualità di oggi, l’establishment fornisce risposte reticenti o contraddittorie, censurando volentieri ogni voce critica. Il che, inevitabilmente, alimenta anche i più fantasiosi “complottismi”, che finiscono per intorbidire la corretta percezione delle più interessanti analisi eterodosse, scomode in quanto serie e documentate. Il clima? Tutta colpa nostra. Il C*o*v*i*d-1*9? Uno sfortunato incidente. I “v@xxini” genici? L’unica soluzione possibile (scartando quindi le terapie: che invece funzionano benissimo). Il Green Pass? Inevitabile. Le scie nel cielo? Niente di cui preoccuparsi: sciocchezze. Le antenne CinqueG? Innocue. L’interazione uomo-macchina, tramite nano-tecnologie anche inoculabili, oltre che inseribili nel corpo umano mediante ? Tutte straordinarie opportunità. Gli Ufo? E’ vero, esistono: ma si chiamano Uap, e non si ha idea di cosa possano essere. Astronavi aliene? Forse. Dunque esistono, gli alieni? Certo: lo ha dichiarato il generale Haim Eshed, già a capo della sicurezza aerospaziale israeliana.

La Bibbia Nuda

Secondo i teorici della paleoastronautica, gli alieni sono qui da sempre e controllano i destini dell’umanità. Il sumerologo Zecharia Sitchin rileva la presenza della “fabbricazione aliena” dell’Homo Sapiens nei testi mesopotamici. Parallelamente, il biblista Mauro Biglino riscontra nella Genesi una analoga “fabbricazione”, sempre genetica, da parte della comunità degli Elohim. Niente di così strano, osserva Biglino: tutti i “racconti delle origini” alludono al ruolo dei Figli delle Stelle nella nascita dell’umanità, che poi ha voluto chiamare dèi i suoi “padri celesti”, trasformandoli in materia religiosa. Chi segue con attenzione questi contributi culturali sa benissimo che ci staremmo avvicinando a un momento fatidico, l’inizio del 2024: un possibile punto di svolta. Gli studiosi di astrologia confidano nel carattere “rivoluzionario” dell’ingresso di Plutone in Acquario. Tra chi osserva il cielo dal punto di vista astronomico, invece, non manca chi parla dell’avvento di una nuova “era precessionale”, tale da mutare il corso della storia in termini pluri-millenari.

Uno degli argomenti più controversi è il presunto avvicinamento del misterioso Pianeta X, il Nibiru dei Sumeri: lo sfioramento orbitale – si teme – potrebbe comportare cataclismi devastanti. Altri ancora sono convinti che dal 2024 potrebbe non essere più occultabile l’arrivo di nuovi visitatori dallo spazio, probabilmente ostili a quelli che – secondo l’ufologo Roberto Pinotti – sono attualmente presenti sulla Terra (come confermato dallo stesso Eshed) e controllano direttamente l’azione dei governi. Eshed parla addirittura di “basi condivise”, nell’ambito di una Federazione Galattica, localizzate sul nostro pianeta ma anche sulla Luna, su Marte e su altri corpi celesti del Sistema Solare. In ambito mitologico, poi, la tradizione dei Misteri Eleusini (che permeò segretamente anche il Rinascimento italiano, tramite le fratellanze orfiche e pitagoriche) parla in modo esplicito del ritorno dei Titani, le divinità che secondo Esiodo sarebbero state “sfrattate” dagli dèi olimpici dell’antica Grecia, quelli descritti nei poemi omerici.

2024_m

I Titani? Si tratterebbe di “divinità” extraterrestri provenienti da Tau-Ceti. Ebbene: 80.000 anni fa avrebbero dato vita a un particolare progenitore dell’uomo bianco occidentale, il Cro-Magnon, diffusosi a partire dall’Atlantide minuziosamente descritta da Platone nel “Timeo” e nel “Crizia” sulla scorta di precise fonti egizie. Nulla che oggi sia politicamente spendibile, s’intende: l’archeologia ufficiale rifiuta ancora di concorrere a una possibile riscrittura dei nostri esordi, nonostante scoperte come quella dell’origine americana del rame presente a Creta, proveniente dalle miniere dell’Isle Royale sul Lake Superior (Michigan) risalenti al 3700 avanti Cristo. E’ ancora “archeologia proibita” quella che propone la reale datazione delle piramidi, molto più antiche della civiltà dei faraoni, mentre – per fortuna – alcuni siti emersi recentemente (come quello di Göbekli Tepe in Turchia) costringono anche le università ad arrendersi all’evidenza: sul nostro pianeta era presente una civiltà evolutissima e molto più anziana di quelle mesopotamiche o di quelle della Valle dell’Indo.

Proprio l’archeologia non ufficiale, che ha rinvenuto in Bosnia piramidi datate 30.000 anni (e in Sudafrica gli indizi di una possibile “metropoli mineraria” fondata addirittura 200.000 anni fa) sta compiendo passi da gigante, intrecciando le sue scoperte con il lavoro di geologi e climatologi, epigrafisti, astronomi, palentologi. Sta prendendo forma una possibile verità alternativa, sulla nostra vera storia? Parrebbe. E il processo sembra perfettamente speculare rispetto alle tappe della clamorosa “disclosure” aliena, avviata dal Pentagono. Per chi ama divertirsi a “unire i puntini”, nel dubbio che passato e futuro possano presto arrivare a toccarsi, sembra prossima l’ora di rivelazioni definitive, a una manciata di mesi dal fatidico 2024. Nel frattempo, lo spettacolo di fronte ai nostri occhi non è equivocabile, almeno sotto l’aspetto cronologico. I v*i*r*u*s e i “v@xxini digitali”, la possibile cyber-umanità; e poi le scie nel cielo, gli Ufo, le treccine di Greta. Perché adesso, tutto insieme, di colpo? Perché tanta fretta? Che bisogno c’è, di far precipitare il mondo in un’emergenza infinita, utilizzata per imporre cambiamenti planetari e immediati?

Pubblicato su: https://www.libreidee.org/

®wld

Solo l’Italia resta nell’incubo

Lascia un commento

La farsa C-o-v-i-d sta per finire, solo l’Italia resta nell’incubo

Le imminenti elezioni amministrative (valore, da uno a cento: zero) avrebbero in compenso l’effetto di conferire una parvenza di normalità democratica al nuovo stile di vita imposto dal regime di Mario Draghi? Il conto alla rovescia verso l’orwelliano 15 ottobre sembra lastricato di intoppi e di franose retromarce: parla da sola la cessione a “paesi del terzo mondo” di qualcosa come 45 milioni di dosi geniche (“vaccinali”, le chiamano), mentre la stessa Aifa ha convalidato le terapie a base di anticorpi monoclonali. Fa notizia il permesso – restituito ai genitori – di entrare liberamente nelle scuole, senza “lasciapassare”.

E non può sfuggire il vistoso ridimensionamento delle sanzioni ricattatorie ai danni dei lavoratori sprovvisti di Green Pass; non possono più essere sospesi, come ricorda Nicola Bizzi a “L’Orizzonte degli Eventi”: «Rischiano al massimo di restare senza stipendio, ma solo per venti giorni; poi hanno il diritto di vederselo restituire con gli interessi». Tutto dice che la Grande Paura potrebbe avere i mesi contati: è evidente che si va facendo sempre più insostenibile, la narrazione della “pandemia politica” del secolo, viste anche le crepe che si stanno aprendo, destinate a diventare voragini.

Matt Martini

«Ricorda a tutti, sempre, che uniti vinceremo: perché l’amore è verità, e trionfa sempre». Queste le parole che Nunzia Alessandra Schilirò ha rivolto a Michele Giovagnoli, protagonista di uno straordinario tour (“Agorà d’Amore”) nelle piazze italiane.

«Rendetevi conto del coraggio di quella donna, che è vicequestore di Roma: un grado equiparabile a quello di tenente colonnello dei carabinieri». Lo ricorda Matt Martini sempre a “L’Orizzonte degli Eventi”: ormai la verità sta per diventare una valanga, se è vero che persino il mainstream (da Freccero a Giletti, passando per Mieli e Travaglio, Mario Giordano, Barbara Palombelli e tanti altri) sta aprendo finalmente le finestre per far entrare l’aria pulita della realtà, dopo quasi due anni di asfissia “infodemica”.

Guai a chi accusa queste voci di fare “gatekeeping”, avvertono Bizzi e Martini: la paranoia del peggior complottismo acceca chi non riesce a vedere cosa sta davvero accadendo. E cioè: anche l’Italia – ultima ruota del carro, in Occidente – si sta preparando a uscire dall’incubo, nonostante le potenti forze che hanno deciso di cacciarcela, con Conte, e che ora vorrebbero tenercela fino a chissà quando, con il “lasciapassare” introdotto dallo sconcertante Draghi.

Camionisti

«Si sono accorti di aver fatto il passo più lungo della gamba, imponendo restrizioni che rischiano di far collassare il paese».

Lo sostengono gli osservatori de “L’Orizzonte degli Eventi”: «Si è arrivati addirittura a spegnere le telecamere di sicurezza, sulle autostrade, per evitare di mostrare gli ingorghi (documentatissimi) provocati dalla protesta silenziosa dei camionisti».

E’ Matt Mattini (co-autore di “Operazione Corona”, edito da Aurora Boreale ed elogiato da Freccero in un’intervista a “La Verità”) a mettere a fuoco il punto di svolta: quasi tutta l’Europa si sta preparando a salutare la stagione degli spaventapasseri, in Italia incarnata dall’infelice figura del bis-ministro Speranza, ventriloquo di D’Alema (legato alla Cina, come Prodi) nonché esponente della Fabian Society. Se da noi tengono ancora banco le supercazzole dei virologi televisivi e dei tromboni del Cts, il resto d’Europa ha messo la freccia, imboccando la corsia di sorpasso.

Nemmeno la Francia di Macron – lieta di esportare a Roma la “Porta dell’Inferno” di Rodin, da inaugurare proprio il 15 ottobre alle Scuderie del Quirinale – ha avuto il coraggio di imporre un Green Pass così severo, come ha ricordato “Nandra” Schilirò dal palco di piazza San Giovanni.

Jacob Rothschild

L’ultimissima notizia – segnala Martini – riguarda il Portogallo: il paese ha appena decretato la fine di ogni restrizione Covid. Un gesto clamoroso, che fa seguito alla retromarcia (per via giudiziaria) della Spagna e alla storica fermezza del Nord Europa, dove Danimarca e Norvegia hanno imboccato la direzione tracciata dalla Svezia (niente lockdown, niente “lasciapassare” medievali), grazie all’impegno della casa regnante di Stoccolma e, pare, dell’influente massoneria svedese.

La Germania? «Potrebbe accodarsi, magari nel giro di un mese». Quanto all’Est Europa, è come sfondare una porta aperta: i paesi del Gruppo di Visegrad non vogliono saperne, di Green Pass, e il presidente della Croazia (come ricordato da Pino Cabras) ha manifestato il proprio sgomento per l’incredibile posizione dell’Italia.

Come in alto, così in basso: Martini invita a osservare l’atteggiamento “schizofrenico” della Gran Bretagna, che si è lasciata alle spalle ogni autoritarismo all’italiana. Merito di Boris Johnson, che ha invertito la rotta “rigorista”, ma non solo. Di mezzo, a quanto sembra, ci sarebbe anche una famiglia dal cognome importante: Rothschild.

Se da una parte il ramo inglese della dinastia è dominato da Evelyn Rothschild, collegata a Bill Gates tramite l’Imperial College nel segno della “dittatura sanitaria”, osserva Martini, dall’altra – sempre tra le ramificazioni britanniche del potente casato – si segnala la diserzione dichiarata dalla filiera di Jacob Rothschild, impegnata a supportare la fuoriuscita del Regno Unito dall’incubo fabbricato nel 2020 a partire da Wuhan.

Una fuga in avanti distopica, quella che ci ha travolto, apertamente invocata a Davos e magistralmente interpretata, attraverso l’Oms, dal sistema-Cina e dal Deep State americano che fa capo ai democratici, fino ad arrivare all’Italia di Conte e di Draghi, passando per il Vaticano.

Cartina di tornasole della farsa: la disparità che investe l’Australia, dove le peggiori misure restrittive vessano gli abitanti dello Stato di Melbourne (le cui autorità politiche sono vicinissime a Pechino) mentre il resto dell’immenso paese frequenta bar e ristoranti senza più nemmeno le mascherine. «Il fatto stesso che la Norvegia abbia declassato ufficialmente il Covid, ora considerato una semplice “influenza” – chiosa Martini – fa capire l’entità della frode scientifica che ci è stata propinata». Una storia che tiene ancora banco quasi solo nel Draghistan italiano, dove però la popolazione – grazie anche ai medici-coraggio – sta dando segni quotidiani di risveglio.

Fonte: https://www.libreidee.org/

******************************** 

Perchè Speranza è un intoccabile – Davide Rossi

®wld

Older Entries