Home

Solo questione di tempo

Lascia un commento

La deriva verso una guerra più ampia

Sfortunatamente, la situazione nell’Europa orientale sta evolvendo rapidamente esattamente come pensavo. La stupidità e l’incompetenza governano la giornata.

Sul fronte militare, Finlandia e Svezia stanno parlando di entrare a far parte della NATO nel prossimo giugno, tra poche settimane. Guarda caso, l’adesione di Finlandia e Svezia alla piena adesione alla NATO oltrepasserebbe chiaramente una linea rossa del Cremlino espressa pubblicamente e probabilmente si tradurrà in una guerra aperta nella regione baltica, forse già quest’estate. 

Per quanto riguarda l’energia, ho capito che la Russia ha interrotto il flusso di gas naturale verso Polonia e Bulgaria, per mancato pagamento in rubli tempestivamente. Il grande gasdotto che va dalla Russia alla Polonia prosegue anche dalla Polonia alla Germania, il che significa che se la fornitura di gas naturale russo alla Polonia è stata interrotta, presumibilmente anche i flussi di gas naturale russo alla Germania sono stati ridotti. L’economia e l’industria tedesche dipendono molto dal gas naturale russo, che è di cattivo auspicio per la nazione tedesca. A meno che Germania, Bulgaria e Polonia non inizieranno presto a pagare per il gas russo in rubli, le loro economie saranno gravemente ostacolate. 

Intanto, nell’exclave russa della Transnistria, lungo il confine tra Moldova e Ucraina, si registrano nelle ultime settimane esplosioni inspiegabili. C’è una guarnigione militare russa in Transnistria e un deposito di armi militari. Inoltre, la popolazione della Transnistria è di lingua russa. Se la Transnistria venisse attaccata, i russi probabilmente interverrebbero militarmente lì. Potrebbe succedere in qualsiasi momento.

E gettando al vento la cautela, l’USSA/NATO/UE continua a versare miliardi di dollari di armi e più personale in Ucraina, alimentando le fiamme della guerra, spingendo il regime di Kiev a portare avanti il ​​conflitto.

L’assedio russo della massiccia acciaieria Azovstal a Mariupol continua a ritmo sostenuto, con l’esercito russo in agguato tutt’intorno alla struttura. Si dice che circa 1.000 combattenti neonazisti del battaglione Azov siano ancora rintanati nel profondo labirinto sotterraneo di tunnel che sta alla base del complesso, insieme a molti ostaggi civili e decine di ufficiali militari della NATO – apparentemente britannici, francesi, polacchi, USSA-Pentagono , tedesco, turco, canadese — presumibilmente includendo anche uno o due generali.

Per quanto riguarda ciò che sta realmente accadendo sottoterra nella tentacolare acciaieria Azovstal, ed esattamente perché il battaglione neonazista Azov e decine di militari della NATO hanno scelto di nascondersi nei livelli sotterranei sotto di essa, chi lo sa per certo? — anche se, tra le altre cose, si dice che implichi macabro, satanico sacrificio umano/tortura/raccolta adrenocromatica di persone e bambini dalla popolazione locale da parte dei nazisti del battaglione Azov e dei loro alleati militari della NATO, o in alternativa un’operazione segreta, altamente pericoloso bio-laboratorio sotterraneo gestito dal Pentagono per lo sviluppo di agenti patogeni sconosciuti per scopi nefasti e sconosciuti.

Se tutto ciò sembra insolitamente ricordare alcune parti della trama del film Resident Evil, forse lo è, forse ha a che fare con la funzione di programmazione predittiva di Hollywood, come sceneggiato dai poteri satanici della CIA e del Pentagono, così che il film di ieri è solo prologo per l’orribile realtà di oggi. Molto probabilmente i russi hanno un’idea abbastanza precisa di cosa c’è laggiù, quindi si prenderanno il loro tempo per entrare in quell’Inferno, preferendo prima lasciare che i demoni si banchettino a vicenda per alcune settimane, prima di fare loro un’offerta che faranno non rifiutare. 

Purtroppo, la guerra è solo all’inizio. Non fatevi illusioni, con tutto il materiale militare e il personale che l’USSA/NATO/UE stanno ora riversando nell’Europa orientale e nella regione baltica, è solo questione di tempo – probabilmente entro la fine dell’anno – fino a quando non ci sarà un conflitto militare diretto tra Russia/Bielorussia e USSA/NATO/UE. E poi l’unico problema da risolvere sarà quanto grande e quanto violento cresce il conflitto e quanto velocemente.

Entrambe le parti sono armate molto pesantemente nucleari, quindi oltre un certo punto è del tutto possibile che i silos di missili nucleari si aprano e scoppi l’inferno. Il nuovo missile russo Sarmat trasporta un carico utile fino a 15 testate nucleari, mirabili in modo indipendente, e può colpire l’altra parte del pianeta, cioè l’USSA continentale, alias The Lower 48, entro meno di 30 minuti dal lancio. I russi hanno anche missili nucleari Bulava, che possono essere lanciati dai sottomarini di classe Borei della Marina russa dal Nord Atlantico, dal Golfo del Messico, dal Mar dei Caraibi o dall’Oceano Pacifico o Artico, così come i missili nucleari Topol-M mobili da strada, che può essere lanciato dal territorio russo attraverso il Polo Nord verso il Nord America. I missili Sarmat arriveranno urlanti all’orizzonte a 18.000 mph, mentre i missili Bulava e Topol-M”

Naturalmente, il Pentagono dispone di 450 missili nucleari Minuteman-III in North Dakota, Nebraska, Wyoming, Colorado e Montana. Sono una generazione più vecchia di tecnologia missilistica nucleare rispetto ai missili russi Bulava, Topol-M e Sarmat, ma hanno testate nucleari e presumibilmente la maggior parte di loro consegnerebbe le loro testate su obiettivi in ​​Russia, se sparati. La USSA Navy ha anche una propria flotta di Trident, sottomarini che lanciano missili nucleari che pattugliano il Pacifico, l’Oceano Artico e l’Oceano Atlantico, il Mar Mediterraneo e chissà dove altro. 

E poi sia la Russia che l’USSA hanno molti bombardieri pesanti in grado di lanciare missili da crociera nucleari da distanze di stallo. 

Ora conosco persone, e probabilmente anche tu, che credono che i benevoli “alieni” o Dio o semplicemente la decenza umana non permetteranno mai che accada una cosa così terribile, perché è semplicemente troppo orribile e orribile; che uno scambio di missili nucleari non può avvenire, a causa del suo essere così terribile e infernale.

Ho sentito questa obiezione molte volte nel corso degli anni, fino ai giorni nostri, e mi permetto di dissentire. Le armi nucleari esistono concretamente, sono schierate a migliaia, ci sono piani attivi da entrambe le parti per lanciarle e continua la costante tendenza verso uno scontro militare diretto tra USA/NATO/UE e Russia/Bielorussia. 

Ergo, concludo che la possibilità di uno scambio di missili nucleari sia decisamente reale. Se si verifica, sarà estremamente veloce e violento oltre ogni immaginazione. E il mondo che conoscevamo scomparirà all’istante per sempre, per non tornare mai più.

FONTE

®wld

E’ tempo di affrontare l’elefante nella stanza

Lascia un commento

Sanzioni sulla Russia utilizzate per accelerare il grande ripristino

Pubblicato da: Kit Knightly tramite Off-Guardian (Regno Unito) 1 aprile 2022

Le sanzioni alla Russia stanno uccidendo l’Occidente, non la Russia. Come mai? Perché la guerra non riguarda la Russia, ma piuttosto l’uccisione del capitalismo e della libera impresa, che è un requisito per il Grande Reset, noto anche come Tecnocrazia, per conquistare il mondo. Questo articolo perspicace è assolutamente da leggere. ⁃ Editore TN

Prezzo del petrolio in rialzo, crisi energetica e alimentare all’orizzonte…è possibile che il VERO obiettivo di questa guerra economica siamo noi?

Il primo tweet che ho visto stamattina quando ho controllato la mia cronologia è stato dell’analista di politica estera Clint Ehlirch, sottolineando che il rublo russo ha già iniziato a riprendersi dal calo creato dalle sanzioni occidentali, ed è quasi ai livelli prebellici:

Il rublo russo si sta avvicinando al suo valore pre-invasione.

Le sanzioni sono state progettate per far crollare il suo valore. Hanno fallito. pic.twitter.com/OLmVIsS34E

– Clint Ehrlich (@ClintEhrlich) 29 Marzo 2022

Ehrlich afferma, “le sanzioni erano pensate per far crollare il valore del Rublo, sono fallite”.

…a cui posso solo rispondere, beh “erano?”

…e forse ancora più importante, “loro?”

Perché non sembra proprio così, vero?

Semmai, le sanzioni sembrano essere nel migliore dei casi piuttosto impotenti, e nel peggiore sorprendentemente controproducenti.

Non è che USA/UE/NATO non sappiano come paralizzare le economie. Hanno avuto anni di pratica facendo morire di fame il popolo di Cuba, Iraq, Venezuela e troppi altri da elencare.

Ora, si potrebbe sostenere che la Russia è un’economia più grande e più sviluppata di quei paesi, ed è vero, ma gli Stati Uniti ei loro alleati in precedenza sono riusciti a danneggiare l’economia russa in modo abbastanza drastico.

Di recente, nel 2014, in seguito all'”annessione” della Crimea, le sanzioni occidentali sono state modeste rispetto alle recenti misure senza precedenti, ma in modo cruciale gli Stati Uniti hanno aumentato in modo massiccio la propria produzione di petrolio, poi nello stesso anno (a seguito di una visita di Segretario di Stato americano John Kerry) L’Arabia Saudita ha fatto lo stesso.

Nonostante le obiezioni di altri membri dell’OPEC, principalmente Venezuela e Iran, i sauditi inondato il mercato di petrolio.

Il risultato di queste mosse è stato il più grande calo dei prezzi del petrolio degli ultimi decenni, dal quale è crollato $ 109 al barile, nel giugno 2014, a $ 44 entro gennaio 2015.

Ciò ha spinto la Russia in una piena recessione e ha visto il PIL russo ridursi per la prima volta sotto la guida di Putin.

Ancora una volta, solo due anni fa, presumibilmente come parte della competizione con la Russia per una quota del mercato petrolifero, l’Arabia Saudita ancora una volta ha invaso il mercato con petrolio a buon mercato.

Quindi, l’Occidente sa come danneggiare la Russia, se lo vuole davvero, aumentando la produzione di petrolio, inondando il mercato e facendo aumentare il prezzo.

Ma questa volta gli Stati Uniti hanno aumentato la loro produzione di petrolio? Si sono affidati ai loro alleati del Golfo per fare lo stesso?

Affatto.

Infatti, in un punto di bella sincronicità narrativa, gli Stati Uniti affermano di “non essere in grado” di aumentare la propria produzione di petrolio a causa della “carenza di personale” causata da quel dono che continua a fare – Covidien.

Allo stesso modo, l’Arabia Saudita non sta riempiendo il mercato petrolifero, ma deliberatamente prezzi in aumento.

Sì, in questo momento, con gli alleati occidentali bloccati in una presunta guerra economica con la Russia, il prezzo del petrolio lo è impennata, e forse continuare a farlo.

Questa è una buona notizia per l’economia russa, al punto può anche compensare il danno causato dalle brutali sanzioni.

L’alto prezzo del petrolio e del bisogno “non fare affidamento sul gas di Putin” or “de-russify” la nostra fornitura di energia sarà senza dubbio risultato in milioni essere versato tecnologia “verde”..

Quelle sanzioni occidentali prendono di mira anche altre esportazioni russe, compresi i cereali e il cibo in generale.

La Russia è a esportatore netto di cibo, nel senso che esportano più cibo di quello che importano. Al contrario, molti paesi dell’Europa occidentale fanno affidamento sul cibo importato, incluso il Regno Unito che importa oltre il 48% del suo approvvigionamento alimentare.

Se l’Europa si rifiuta di acquistare cibo russo, l’effetto netto è che la Russia ha cibo… e l’Occidente non.

E, proprio come con il petrolio, l’aumento dei prezzi dei generi alimentari aiuterà piuttosto che ostacolare l’economia russa.

Prendiamo ad esempio il grano, di cui la Russia è il maggiore esportatore nel mondo. La stragrande maggioranza di questo grano non viene nemmeno venduta ai paesi occidentali – ma invece a Cina, Kazakistan, Egitto, Nigeria e Pakistan – e quindi non è nemmeno soggetta a sanzioni.

Ciononostante, le sanzioni e la guerra ne hanno effettivamente determinato il prezzo grano fino a quasi il 30%.

Questo è anche buono per l’economia russa.

Nel frattempo, secondo la CNN, è probabile che gli Stati Uniti entrino in una vera e propria recessione entro il 2023, la Francia sta valutando i buoni alimentari e si prevede che i paesi di tutto il mondo inizieranno a razionare il carburante.

Quindi, le sanzioni radicali imposte contro la Russia dall’Occidente, presumibilmente in risposta all’invasione dell’Ucraina, non hanno il loro scopo dichiarato – assaltare l’economia russa – ma cambiano ciclicamente facendo salire il prezzo del petrolio, creando potenziali carenze di energia e cibo in Occidente ed esacerbando la crisi del “costo della vita” creata dalla “pandemia”.

Dovresti sempre diffidare di chiunque – individuo o istituzione – le cui azioni raggiungano accidentalmente il esatto opposto del loro scopo dichiarato. Questa è una semplice regola da rispettare.

Ricorda come Orwell descrisse l’evoluzione del concetto di guerra nel 1984:

La guerra, si vedrà, è ormai un affare puramente interno. In passato, i gruppi dirigenti di tutti i paesi, sebbene potessero riconoscere il loro interesse comune e quindi limitare la distruttività della guerra, combattevano l’uno contro l’altro e il vincitore depredava sempre i vinti. Ai nostri giorni non combattono affatto l’uno contro l’altro. La guerra è condotta da ciascun gruppo dirigente contro i propri sudditi, e lo scopo della guerra non è quello di fare o impedire conquiste di territorio, ma di mantenere intatta la struttura della società.

Richiama questo “la peggiore carenza di cibo degli ultimi cinquant’anni” erano previste a causa del Covid. Ma non si sono mai materializzati.

Allo stesso modo, avremmo dovuto sperimentare interruzioni energetiche legate al Covid e tagli di potenza. A parte l’umido squib del Regno Unito di a “crisi benzina”, non sono mai arrivati ​​davvero.

Ma ora dopotutto si stanno dirigendo verso di noi, a causa della guerra e delle sanzioni

Aumento dei prezzi dei generi alimentari, diminuzione dell’uso di combustibili fossili, abbassamento del tenore di vita, denaro pubblico riversato nelle “rinnovabili”. Tutto questo fa parte di un’agenda molto familiare, vero?

Indipendentemente da ciò che provi per Putin, Zelensky, la guerra in generale oi nazisti ucraini, è tempo di affrontare l’elefante nella stanza.

Dobbiamo chiederci: Qual è esattamente il vero scopo di queste sanzioni? E come mai si allineano così perfettamente con il grande reset?

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://it.technocracy.news/sanzioni-alla-Russia-utilizzate-per-accelerare-il-grande-reset/

®wld

Il Codice QR – la Nuova stella a sei punte

Lascia un commento

La Commissione europea introduce i passaporti COVID a livello di UE

Pubblicato da: Jan Mortier via Civitatis Forum

Questa follia sta investendo il mondo e sicuramente colpirà l’America come una tonnellata di mattoni. Tuttavia, non cercare entità governative qui per implementarlo; piuttosto, saranno le corporazioni globali dalla mentalità tecnocratica ad operare nell’UE e quindi a portare qui le loro politiche. ⁃ TN Editor

La Commissione Europea propone di creare un file Certificato verde digitale per “facilitare la libera circolazione sicura all’interno dell’UE durante la pandemia COVID-19”. La Commissione ha poteri antidemocratici per pubblicare un regolamento, che è una legge per decreto, che tutti gli Stati membri dell’UE devono attuare nelle proprie giurisdizioni come legge statale. Di solito, gli Stati membri attraversano due anni di dibattito parlamentare e ratifica dei regolamenti CE, che diventa automaticamente legge due anni dalla pubblicazione da parte della Commissione o prima.

Questo decreto a livello dell’UE per un passaporto vaccino / Covid che in realtà è una carta d’identità digitale che traccia il portatore, si applicherà a tutti gli Stati membri dell’UE a 27 ea tutti i 447 milioni di persone dell’UE. Nessuno di loro ha avuto voce in capitolo in questo decreto, che ora deve essere loro imposto dalla Commissione europea, anche se alcuni negoziati sono consentiti agli Stati membri.

“Il vicepresidente per i valori e la trasparenza presso la Commissione europea, V? Ra Jourová ha dichiarato:” Il certificato verde digitale offre una soluzione a livello di UE … ” Ognuno dei 447 milioni di cittadini dell’UE dovrà ora avere questa carta d’identità digitale, che la commissione sostiene non è un passaporto Covid, e “garantirà che i cittadini dell’UE beneficino di uno strumento digitale armonizzato per sostenere la libera circolazione nell’UE”. Ignorando apparentemente che uno dei diritti umani e dei principi fondanti dell’UE è già la libertà di circolazione delle persone, sembra che la Commissione pensi che la loro “Soluzione” sia basata su una “App” che ti rende libero.

La Commissione Europea, che è un ente non eletto, sostiene che i “Certificati Verdi Digitali” non saranno discriminatori, perché tutti, non importa chi siano, dovranno portare il “Certificato Verde Digitale, in particolare i non vaccinati e i visitatori del UNIONE EUROPEA. La Commissione propone che coloro che devono sopportare questa App non diventino cittadini di seconda classe e saranno comunque gratuiti perché avranno la possibilità di avere un codice QR cartaceo o un’app di codice QR digitale nel proprio telefono che includerà, il loro nomi, data di nascita e numero assegnato nel codice.

Il codice QR è un codice a barre bidimensionale. Quindi tutti i 447milioni cittadini dell’UE ora, dalla Commissione europea, la legge promulgata deve avere il proprio marchio con codice a barre unico. Non è chiaro il destino di coloro che sono ritenuti indesiderabili o che si rifiutano di portare questo marchio.

Nel 1942, quando gli Stati Uniti e i canadesi decretarono che i giapponesi americani e canadesi erano “indesiderabili” e “nemici alieni dello stato” attraverso la Proclamazione 2537 del presidente Roosevelt e l’Ordine del Primo Ministro Mackenzie King nel Consiglio del 1665, tutti i giapponesi che vivevano in questi paesi erano obbligatori ottenere un “Certificato di identificazione” e portarlo “sempre”. Sebbene non dovessero indossare una stella colorata, ai giapponesi non era permesso entrare nelle aree riservate; i trasgressori di questi regolamenti sono stati soggetti ad arresto, detenzione e internamento nei campi per tutta la durata della guerra. Molti di loro hanno trascorso nove anni nei campi e hanno perso le loro case, tutti i beni, i loro affari e i loro cari.

La Commissione Europea sostiene che il “Certificato Verde Digitale” sarà solo temporaneo fino a quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità non dichiarerà la pandemia finita. Ma nel luglio 2020 il comitato di emergenza dell’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito che la pandemia di coronavirus sarebbe stata probabilmente “lunga”.

Come ci mostra la guerra, un rapido “intervento militare” o un attacco chirurgico “può trasformarsi troppo facilmente in una guerra, un conflitto e un’occupazione di decenni. E quanto velocemente pochi giorni per appiattire la curva sono diventati un anno? Quale sarà questa politica se il virus muta regolarmente o raggiunge il 100% di infezione della popolazione mondiale? Dobbiamo vivere in blocchi permanenti che richiedono il permesso del governo per andare a fare una passeggiata o al negozio, o per vedere i parenti morenti? Ciò richiederà l’applicazione della legge marziale? Dove porterà questo stato di cose? E che ne sarà di quegli obiettori di coscienza che non vorranno seguire i decreti del nuovo Covidismo? Verranno dichiarati i nuovi “indesiderabili” e “nemici dello stato”?

Il “Certificato verde digitale” europeo e il “Passaporto vaccino” britannico, il loro codice a barre QR e l’app, saranno in grado di monitorare e tracciare il movimento di tutti i cittadini dell’UE e del Regno Unito per garantire la loro sicurezza e libertà. Forse i governi riterranno i cittadini più sicuri rimanendo a quindici chilometri dalle loro case? La scansione di un codice QR nel tuo telefono consente ai produttori e ai proprietari del codice QR di monitorare il tuo telefono, accedere ai tuoi dati privati ​​e tracciare e registrare i tuoi movimenti e le tue parole. All’inizio della crisi Covid, molti governi colsero l’opportunità per approvare in silenzio leggi di sorveglianza draconiane che avrebbero fatto arrossire Hitler. Tutti gli smartphone sono diventati automaticamente strumenti di sorveglianza potenziati dello stato e della grande tecnologia, e nessuno ha obiettato perché venivano pagati per stare a casa e guardare la TV.

Il Partito Comunista Cinese ha utilizzato con successo il sistema di app del codice QR e carte d’identità digitali e certificati per il loro sistema di punteggio di credito sociale, che è l’invidia dei leader dell’occidente che hanno sogni bagnati di controllo feudale sui mangiatori inutili e sui grandi non lavati che potrebbero insorgere contro di loro e trascinarli fuori dalle loro torri d’avorio nelle strade per aver forzato la chiusura dei loro mezzi di sussistenza se non fosse per il pubblico che viene comprato con assegni salariali al costo di centinaia di miliardi di debiti futuri che lo faranno aumentare seriamente il carico fiscale sulla cittadinanza europea per le generazioni a venire.

Il leader del partito laburista britannico e l’avvocato per i diritti umani Sir Keir Starmer QC ha avuto un assaggio di ciò che verrà per i politici dalla sua disastrosa visita a un pub a Bath dove è stato buttato fuori e poi bloccato dal proprietario del pub Rod Humphris per aver parlato. fino al signor Humphris. Humphris ha accusato Starmer di non fare il suo lavoro di opposizione alle politiche di blocco del governo, e poi gli ha chiesto: “Perché abbiamo appena accettato la perdita di tutte le nostre libertà?” Starmer ha detto a Humphris “Non ho bisogno di avere lezioni da te”.

Ha quindi proceduto a vagare nel pub dell’uomo invitando un’espulsione rabbiosa. Le attuali normative Covid nel Regno Unito vietano l’accesso ai pub, richiedendo che i frequentatori dei pub siano seduti solo all’esterno. Forse se Sir Keir avesse avuto un’app per la libertà del codice QR sul suo telefono, lo avrebbe avvisato che non gli era stato permesso di entrare nel pub in primo luogo o che non gli era stato permesso di aver viaggiato per quindici chilometri da casa sua, risparmiando così Starmer il suo imbarazzo.

Quindi codici QR, certificati digitali e punteggi di credito sociale devono essere la nuova normalità. Nel 2015, la Banca popolare cinese ha concesso a otto società una licenza per avviare una sperimentazione sui sistemi di credito sociale che si sono evoluti in una lista nera decretata dal governo che ha negato con successo i viaggi aerei ad almeno 27 milioni di persone e i viaggi in treno a 6 milioni di persone che sono considerate da il governo ad essere “disonesto”.

Il punteggio di credito sociale è collegato allo stato di credito bancario e all’opinione del governo o del partito al governo. In occidente questo sistema svantaggerebbe i poveri, criminalizzandoli efficacemente e impedendogli di viaggiare, mentre l’uno per cento arriva a volare sui propri jet privati ​​per visitare località turistiche senza essere disturbato dalle orde di contadini ormai assenti e rinchiuse.

Qui in Europa abbiamo le nostre amate libertà, o almeno pensiamo di avere, dopo migliaia di anni di storia umana, i diritti umani sono un concetto molto giovane che è stato realmente codificato solo dopo i processi di Norimberga settantacinque anni fa. L’Europa prima della seconda guerra mondiale ha dimostrato che il sistema economico occidentale è abbastanza compatibile con il totalitarismo politico.

È quindi dovere della società civile europea guardarsi dagli eccessi dei nostri leader e chiedere loro di rendere conto delle loro azioni. Se i cittadini europei devono perdere le loro libertà e libertà concesse loro dai leader del contratto sociale del dopoguerra, allora i nostri leader dovrebbero offrirci un reale sviluppo economico, opportunità e prosperità come hanno fatto i leader cinesi per il loro popolo, che sembra accettare meno libertà in cambio di maggiore prosperità.

Nel trimestre di marzo del 2021, l’economia cinese è cresciuta del 18.30% accelerando bruscamente da una crescita del 6.5% nel quarto trimestre e ha l’obiettivo dichiarato di una crescita del PIL del 6% per il 2021. Rispetto alla crescita del PIL dell’Unione europea, che si è contratta del 4.60% nel quarto trimestre del 2020 e toccando il livello minimo del 13.8% nel luglio 2020.

Gli europei non sono ancora sul punto di dirigersi verso le colline per coltivare cibo e scavare bunker. La recessione europea non è ancora diventata una depressione. Ma lo sarà ufficialmente se non ci sarà un aumento del PIL rispetto alla crescita economica reale entro due anni dai blocchi. È a quel punto in cui si renderà conto che l’opinione pubblica europea probabilmente si ribellerà e trascinerà i politici nelle strade.

Purtroppo oggi, al mondo mancano i principali filosofi architetti delle istituzioni ispirate ai diritti umani come Aristotele, Hugo Grotius, Lionel Curtis, Eleanor Roosevelt, Aristide Briand, Jean Monnet o René Cassin. C’è stata l’unica voce del buon senso politico in questa nuova era di Covidismo nei pensieri di Lord Jonathan Sumption, ma non c’è nessuna voce guida per una rinascita economica che affronti le sfide globali.

Ciò che emana dal favolosamente ricco World Economic Forum è nel migliore dei casi banale e nel peggiore dei casi distopico, e sembra dimenticare i poveri del mondo concentrandosi invece su un grande ripristino, Internet of Things e intelligenza artificiale e che si collegherà alla coscienza umana direttamente da Davos.

I veri bisogni umani sono che più dell’ottanta per cento della popolazione mondiale vive con meno di dieci dollari al giorno. Quasi la metà della popolazione mondiale, oltre tre miliardi di persone, vive con meno di due dollari e cinquanta centesimi al giorno. Queste persone hanno bisogno di cibo, acqua e riparo, non app, server cloud e concetti astratti.

Forse ora è il momento per i leader di considerare l’umiltà in quanto non hanno le risposte alla pandemia e dichiarare guerra a un virus è più o meno efficace quanto dichiarare guerra al vento. Le pandemie evaporano nel tempo. Invece di chiudere e distruggere l’economia dei colletti blu, esentando i colletti bianchi che potrebbero lavorare da casa, gli stati dovrebbero semplicemente aumentare gli investimenti nella costruzione e nell’equipaggiamento degli ospedali e nella formazione del personale medico.

Forse i leader dovrebbero considerare la creazione di una nuova istituzione funzionalista che aiuti l’umanità nei suoi prossimi passi; ci sono abbastanza sfide presenti e future che richiederanno l’integrazione piuttosto che la disintegrazione come modello. Il sistema di pace funzionante della governance globale odierna è più simile al sistema di pace di David Mitrany, costruito attorno ad agenzie internazionali con responsabilità funzionali, piuttosto che al sogno di un mondo federale di Lionel Curtis. L’esperimento dell’Unione europea è stato complicato dalla capacità della Commissione europea di governare per decreto e il Parlamento europeo non è l’autorità esecutiva con iniziativa. Anche le evoluzioni delle agenzie dell’Unione europea sembrano stentate nella loro forma attuale.

La fondazione del Consiglio d’Europa è stata un buon tentativo di un modello più ampio, da cui è uscita la Corte europea dei diritti dell’uomo. Tuttavia, il Consiglio non è mai diventato l’organizzazione universalmente inclusiva che si sperava fosse al suo inizio. La creazione di nuove istituzioni non è sempre la risposta alle sfide sistemiche globali e spesso sono comunque messe da parte dalle grandi potenze o utilizzate come strumenti quando necessario e scartate come giocattoli quando non lo sono.

Ma forse, invece di evocare nuove ideologie di “reimpostazioni” basate sulla tecnologia, i robot volanti, l’orrore acuto del transumanesimo, l’intelligenza artificiale e l’automazione dei lavori umani, che escluderanno dal progresso solo larghe fasce della popolazione mondiale, i leader dovrebbero considerare qualcosa di più rappresentativo delle persone della coscienza collettiva del mondo: un’istituzione che è più serena e meno strutturale pur essendo complementare agli obiettivi delle istituzioni e dei governi attuali, da qualche parte per il pensiero, la discussione e l’azione significativi e ponderati, ma al livello globale.

Con le nuove polarità crescenti nel mondo che esprimono punti di vista, prospettive e obiettivi diversi da coloro che hanno progettato l’architettura del secondo dopoguerra e che offrono persino un modello e un paradigma concettuale diverso del pensiero politico e dello sviluppo economico, forse è il momento per un nuova conversazione multipolare e universale inclusiva sul futuro non solo per il rinnovamento economico globale, ma su quale tipo di futuro vogliamo per tutti i popoli e tutte le nazioni su questo pianeta?; e dove è probabile che si dirigerà la nostra civiltà umana data la traiettoria attuale e le sfide comuni che affrontiamo?, Ma soprattutto, la famiglia umana ha bisogno di una conversazione su che tipo di mondo vogliamo vivere?

Leggi la storia completa qui …

®wld

Il Dragone Nazionale

Lascia un commento

TgSole24 – 3 febbraio 2021 – Arriva l’Imperatore Lucertola e recita il De Profundis dell’Italia

Il Gruppo dei 30 (G30) ha pubblicato il proprio rapporto 2020 raccomandando una buona dose di “distruzione creativa” per realizzare la transizione globale all’economia “carbon-free”. Il G30, per chi non lo sapesse, riunisce banchieri centrali (alcuni in carica, altri non più), accademici e finanzieri. Quando Mario Draghi fu eletto presidente della BCE, l’Ombudsman europeo considerò la sua partecipazione al G30 in conflitto con la nuova carica e lo invitò a dimettersi dal G30 (https://www.ombudsman.europa.eu/it/press-release/en/88696). Draghi non si dimise e il 14 dicembre ha presentato il nuovo rapporto.

Leggi l’intero articolo QUI 

Mario Draghi e la MMT

di: Massimo Bordin

I ruffiani della stampa tessono lodi sperticate (e ridicole) al Presidente del Consiglio in pectore Mario Draghi. Sui social, in direzione oposta e contraria, ciò che resta del sovranismo tira in ballo il panfilo Britannia e si straccia le vesti perché arriva il liquidatore finale.

Se Draghi non è di certo un italiano vero, come Toto Cutugno, stavolta si può valutare una narrazione diversa e più ottimistica perché poco dopo la scadenza del mandato in BCE, Draghi aveva lasciato dichiarazioni curiose, per non dire sorprendenti.

Vediamo di che si tratta

Stando ad un filmato reso pubblico da Bloomberg (questo), Draghi stava rispondendo a domande dei parlamentari sulla distribuzione della ricchezza. Qual è il modo migliore per incanalare il denaro al fine di far crescere l’economia in modo di attenuare le disuguaglianze? Chiesero al nostro eroe. Mentre tutti si aspettavano una risposta sulla lotta alla GORRUZZZZIONE e contro gli sprechi dei luridi Stati-Nazione di ottocentesca memoria, Superman Draghi ha roteato su se stesso più veloce della luce ed ha citato la

MMT

la MMT di Warren Mosler!

L’articolo continua QUI

La controrivoluzione di Mario Draghi non salverà l’Italia (era il simbolo della difesa dell’euro, ma potrebbe essere l’uomo che farà uscire il Paese dall’Unione Monetaria)

Ambrose Evans–Pritchard per The Telegraph

L’Italia è passata attraverso tutti gli ingranaggi.

Dalla rivolta democratica contro “l’euro e le élite eurofile” fino all’estremo opposto, quello di un “governo di tecnocrati“ guidato dall’ultimo Mr. Euro, senza che ci siano state elezioni lungo la strada.

La fregatura è stata mozzafiato anche per coloro che pensavano di aver già visto tutto in Italia.

In un certo senso, la nomina di Mario Draghi è astuta.

Ma coloro che stanno celebrando la “riconquista”, nei circoli dell’UE e nei mercati obbligazionari, dovrebbero stare attenti a cosa desiderano.

Nella disavventura dell’Italia con l’Unione Monetaria è stata giocata l’ultima carta. Non ne esistono altre.

L’UM equivale a due decenni perduti, caratterizzati dal crollo costante dell’economia e dai “tassi di disoccupazione giovanile” al 50pc in tutto il Mezzogiorno, culminati infine in una trappola debito-deflazione.

Dicevano che avrebbe funzionato meglio!

L’articolo continua QUI

Clicca sull’immagine per guardare il video

DRAGHI: IL CURRICULUM DI UN PRIVATIZZATORE

Mario Draghi è pronto a diventare il nuovo Primo Ministro italiano. Salvatore della patria, alto profilo, un tecnico al di sopra della politica. Con queste solenni parole il Presidente della Repubblica e la stampa mainstream hanno presentato l’arrivo di Draghi a Palazzo Chigi. Ma chi è davvero Mario Draghi, l’uomo che dovrebbe traghettare l’Italia nel prossimo futuro?

Draghi e il Britannia: l’inizio delle privatizzazioni

Economista e accademico, la carriera di Draghi è iniziata a metà degli anni’80 durante l’ultima fase della I Repubblica. Da allora la sua ascesa è stata segnata da passaggi repentini tra incarichi pubblici e privati, ruoli di rilievo nelle istituzioni statali e in enti sovranazionali.

Prima diventa consigliere del Ministero del Tesoro nel Governo Craxi per poi entrare nella Banca Mondiale come Direttore esecutivo fino al 1990. Sono però gli anni ’90 il periodo dove la storia italiana risente maggiormente dell’influenza di Draghi.

Come Direttore Generale del Ministero del Tesoro dal 1991 al 2001, Draghi è stato infatti uno dei principali artefici della stagione delle privatizzazioni dei grandi asset strategici italiani. Un periodo inaugurato con un discorso pronunciato dallo stesso Draghi sul panfilo Britannia nel 1992, alla presenza dei principali rappresentanti delle istituzioni finanziarie mondiali.

Poiché le privatizzazioni sono così cruciali nello sforzo riformatore del Paese, i mercati le vedono come il test di credibilità del nostro sforzo di consolidamento fiscale. E i mercati sono pronti a ricompensare l’Italia come hanno fatto in altre occasioni.

Questo uno dei tanti passaggi del discorso di Draghi sul Britannia a cui fece seguito la privatizzazione dell’IRI, di Autostrade, della Banca Commerciale italiana, del Credito italiano, dell’IMI, della STET di AGIP, di parte dell’ENEL e di ENI e molte altre aziende prima in mano pubblica. Una stagione che è coincisa con il declino italiano e ha portato ad una conseguente perdita progressiva di sovranità politica ed economica.

Da Goldman Sachs alla lettera a Berlusconi

Terminate le privatizzazioni, finisce anche l’incarico di Draghi al Ministero del Tesoro. L’economista entra così nella banca d’affari americana Goldman Sachs fino al 2005. La porta scorrevole tra pubblico e privato continua però ad aprirsi e con nonchalance Draghi dopo Goldman Sachs diventa Governatore della Banca d’Italia. In questo ruolo esercita pressioni sui Governi italiani per tagliare la spesa pubblica, ridurre l’inflazione e riformare il mercato del lavoro.

Infine Draghi viene nominato Presidente della BCE nel 2011 e si distingue subito per la lettera cofirmata insieme al Presidente uscente Jean Claude Trichet e indirizzata all’allora Governo Berlusconi.

E’ necessaria una complessiva, radicale e credibile strategia di riforme, inclusa la piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali e dei servizi professionali. Questo dovrebbe applicarsi in particolare alla fornitura di servizi locali attraverso privatizzazioni su larga scala. C’è anche l’esigenza di riformare ulteriormente il sistema di contrattazione salariale collettiva, permettendo accordi al livello d’impresa in modo da ritagliare i salari e le condizioni di lavoro alle esigenze specifiche delle aziende e rendendo questi accordi più rilevanti rispetto ad altri livelli di negoziazione.

Il Governo Berlusconi rifiutò di applicare queste proposte e sappiamo poi com’è andata a finire. Quello di Draghi è quindi un profilo decisamente controverso ed è curiosa la definizione riservatagli dall’ex Presidente della Repubblica Francesco Cossiga. “Un vile affarista e liquidatore dell’industria pubblica italiana”. Parole che pesano e devono far riflettere prima di affidare il destino dell’Italia a questo personaggio.

Fonte:https://www.byoblu.com/

®wld

I conti della serva – Un vero affarone

Lascia un commento

Bandiere Unione Europea acquisto online - Resolfin

[14/12, 23:16] Anna Dossena: 

“209 miliardi dall’Unione Europea!”

Questo in sintesi il messaggio che sta passando sui grandi media da qualche settimana. Il pubblico a casa deve credere che Bruxelles, dall’alto della sua bontà, stia inondando di soldi noi poveri straccioni ingrati italiani.

Ma qual è la verità?

Il Recovery Fund è una fregatura talmente palese da non poter essere nascosta più di tanto. Persino una testata europeista come l’Huffington Post se n’è accorta, il che è tutto dire.

Partiamo dal presupposto (spesso volutamente nascosto) che l’Italia è un CONTRIBUTORE NETTO della UE. Il che significa che il nostro Paese versa ogni anno a Bruxelles più soldi di quanti gliene tornino indietro.

Qualche cifra?

Parliamo finora di 15 miliardi all’anno. In pratica se la piantassimo di trasferire soldi allo straccio blu europeo per sette anni, risparmieremmo 105 miliardi. Lo ha confermato anche l’economista Daniel Gros al noto giornale sovranista La Stampa.

Anche la Corte dei Conti schiaffa in faccia agli euroinomani la realtà: dal 2012 al 2018 l’Italia ha versato nel bilancio UE 112,85 miliardi. Quanti ce ne sono tornati indietro? 76,49.

A quanto pare, anche il bilancio europeo che partirà dal 2021 vedrà il saldo dell’Italia in negativo, circa 2,9 miliardi in meno all’anno. In sette anni mancheranno nelle nostre tasche 20,3 miliardi.

E i 209 miliardi del Recovery Fund? All’Italia andrebbero 81 miliardi “a fondo perduto” (compresi altri piccoli fondi) e 127,6 miliardi IN PRESTITO (soldi che vanno comunque restituiti, dunque NUOVO DEBITO).

Se poi si fanno i conti della serva, grazie al documento dei servizi della Commissione Europea SWD (2020) 98 FINAL, per capire tra soldi in entrata e soldi in uscita come sarà messo il nostro Paese, la situazione risulta disarmante.

Il saldo dell’Italia è positivo per 56,7 miliardi SOLO GRAZIE AI PRESTITI (che, ripeto, sono altro debito). 

Se infatti consideriamo solo gli 81 miliardi a fondo perduto e sottraiamo i 96,3 miliardi che dovremo comunque versare nel bilancio UE proprio per sostenere il Recovery Fund, il risultato è… -15,3 miliardi.

Un affarone, eh?

State ancora sventolando la bandiera europea?

Matteo Brandi

®wld

Older Entries