Home

Le tendenze della tecnocrazia sono vietate su Twitter

Lascia un commento

 Le notizie e le tendenze della tecnocrazia sono vietate su Twitter! Passa subito a Telegram! 

Pubblicato da: Patrick Wood Luglio 30, 2021 

L’intelligenza artificiale di Technocrat di Twitter ha finalmente inchiodato Notizie e tendenze sulla tecnocrazia come formidabile avversario del colpo di stato di Technocracy, chiudendo sommariamente l’accesso alla piattaforma.

Non mi preoccuperò di fare appello, ma piuttosto abbandonerò del tutto la piattaforma.

Ora puoi seguire TN sul nostro account Telegram. Basta andare sul tuo account (se ne hai già uno) e cercare la parola “tecnocrazia” e cercare Notizie e tendenze sulla tecnocrazia con la mia foto.

In alternativa puoi andare al link diretto: https://t.me/joinchat/w340PrWJwJk2NGMx

Se non hai già un account Telegram, ti consiglio di crearne uno ora. Ci sono app scaricabili per Windows, MacOS, IOS e Android.

Twitter vorrebbe scavare a Telegram proprio come ha fatto con Parler alcuni mesi fa, ma fortunatamente è fuori portata. Telegram sta creando una grande ammaccatura nella base di utenti di Twitter e sta danneggiando anche Facebook.

Quindi, per ora. lo useremo.Fonte: https://it.technocracy.news/le-tendenze-delle-notizie-sulla-tecnocrazia-sono-bandite-su-Twitter-passa-a-Telegram-ora/

®wld

Il nemico invisibile & Terra dai vestiti su misura della Ivy League

Lascia un commento

Ivy League

Società segreta criminale al culmine di un complotto di diversi millenni

Qualcuno vuole una piccola chicca dal X22 Report di oggi?
JoeM, come molti di noi, è stato bannato dai popolari social media Twitter, Facebook, YouTube e simili. Il 29 aprile 2020, JoeM ha scritto quanto segue e oggi, un anno dopo, è diventato ancora più chiaro per noi:


“Sono passate alcune settimane da quando sono stato espulso da Twitter. Ancora nessuna spiegazione, se non che ho “creato account multipli per scopi abusivi”, che ovviamente è una stronzata totale perché avevo solo un account che ho usato.


Ho visto il nemico invisibile e il suo apparato mediatico fare tutto il possibile per prolungare lo shutdown, istituire pratiche di voto non sicure, sopprimere la cura miracolosa idrossiclorochina, e usare ogni altro trucco nel libro per mantenere Co/vid1/9 vivo e danneggiare il popolo americano.


Governatori tirannici hanno mostrato la loro vera natura aiutando ad approvare misure di qu-ar-ant-en-a, mentre sindaci ostili ci hanno incoraggiato a fare la spia sui nostri concittadini e a chiamare la Gestapo per arrestare chiunque non avesse una maschera.


L’America continua a languire negli ultimi anni di una guerra d’ombra globale tra un nemico trincerato che si è infiltrato in ogni livello di governo, struttura aziendale e legale, circondandoci silenziosamente nel sonno in preparazione di niente meno che un sequestro simile a un olocausto di tutto ciò che ci è caro.


Quelli di noi che si sono svegliati a questo attacco a sorpresa, vecchio di molti secoli, alle nostre libertà, stanno ora facendo la guardia alla verità e aiutando ad avvisare i nostri amici illusi di quello che viene chiamato #TheStorm; un’epurazione globale anti-corruzione senza precedenti di proporzioni bibliche che ha iniziato a cambiare il mondo per sempre.

L’ultima speranza dell’umanità riposa ora su una benevola forza ombra di patrioti che sapevano che il nostro mondo era stato soffocato da criminali inimmaginabilmente malvagi e hanno avuto il coraggio di fare qualcosa.


La verità esiste su molti livelli. Al piano terra abbiamo la realtà di ciò che il Partito Democratico è veramente – niente più che un sindacato del crimine organizzato per impiegare i cartelli della droga e del traffico di esseri umani, gli interessi speciali criminali di Big Pharma, il mercato nero degli organi dei bambini, e ogni altro male che potrebbe ottenere un posto al Congresso per consentire [il loro] stupro parassitario industrializzato del pianeta.


La fase successiva è la più grande stronzata di tutti i tempi, l’agenda “liberale” attentamente costruita e premeditata le cui origini risalgono al Manifesto Comunista di Lenin e Marx. È venduto al pubblico come un codice morale alternativo che dà l’apparenza di virtù, ma è pieno di distorsioni culturali autodistruttive progettate per condurre i cittadini ben intenzionati in una vita di disgregazione familiare, aspirazioni senza scopo, e infine una limitazione della libertà nel fuoco di un distopico governo mondiale unico.


L’infiltrazione è di gran lunga peggiore di qualsiasi invasione che le nostre coste avrebbero potuto sopportare. Un nemico nascosto con una pazienza multi-generazionale e un’elaborata tabella di marcia per l’eliminazione della libertà, per non parlare di uno progettato per essere volontariamente INVITATO dalle persone che cercano di schiavizzare, è senza dubbio il nemico più formidabile che l’umanità abbia mai affrontato. Potresti essere perdonato, dato che ora hai condotto questa società segreta criminale al culmine di un complotto di diversi millenni per la fine del mondo da parte di Satana stesso – il tutto eseguito sulla Terra dai vestiti su misura della Ivy League che lo servono direttamente”.

[Originale] [Italiano]
@QlobalChangeItalia 🇮🇹 

®wld

DELIRIO DI IRRAZIONALITA’

Lascia un commento

Di : Dottor Roberto Slaviero – 11.01.21

Dopo la grande performance dei brogli elettorali in Usa, uno dei giornali della nomenclatura italiana, Repubblica, esce con un titolo:

il voto elettronico può salvare la democrazia

il giornalista, se si può chiamar cosi, apre la strada ad un possibile cambiamento di sistema di votazione anche in Italia.

Infatti, se è più difficile alterare le schede con matita indelebile, con i sistemi elettronici tipo “Dominio”, si può far di tutto.

E l’Italia, pare essersi dimostrata molto attiva nei giochetti elettorali americani pro democratici; chiaramente la dittatura mediatica europea, dice l’esatto contrario, ma lo vedremo nell’immediato futuro.

Nel frattempo, dopo le festività natalizie in clausura, il governo, spaventato dai numeri covidiani in ascesa, prepara nuove chiusure e limitazioni.

C’è addirittura un ebete, non so se virologo o esperto dei parassiti nanometrici, che dichiara che, se una regione ha 250 casi su 100.000, deve diventare automaticamente zona rossa; ciò equivale allo 0,25 % della popolazione! Mamma mia, un rischio colossale per la vita sul pianeta.

Domanda?

Se avete appena chiuso l’Italia ed i numeri sono in aumento: CHE C…O SERVE IL LOCK?

Forse i nanoparassiti si insinuano nelle case attraverso gli spifferi del riscaldamento, ove possono irrobustirsi, per attaccare l’ignaro italico che, stravaccato sul divano, sta chattando sui social o guardando serie Tv!?

Mi pare che vogliano introdurre anche un altro colore, il bianco, ma oramai la confusione regna totale.

La stagione turistica invernale è compromessa nel frattempo, ed i mediocri golpisti se la ridono e se la godono e si danno appuntamento a Davos afine gennaio, per mangiare e bere e farsi beffa dei coglioni che credono ancora al virus mortale o del cinavirus, come lo chiama Trump.

Mi pare che Biden, poco tempo fa, avesse fatto capire che il virus mortale proveniva dall’amata Penisola e non dalla Cina…ma tant’è, l’Italia non mi pare se la stia passando troppo bene ed il peggio a da veni…!

Alla fine del terzo Reich, Hitler, in preda alle ultime follie allucinatorie, fece allagare la Metro di Berlino, facendo crepare quasi 300mila suoi sudditi, che vivevano al suo interno; nessuno deve cadere in mano al nemico!

Pare che il baffetto poi, se la sia svignata in Argentina, fingendo il suicidio di gruppo ..farneticazioni complottologhe…claro!

Quando invase la Russia, era convinto di avere gli Dei dalla sua parte e che il “fuoco“ che muoveva la razza germanica, avrebbe in ogni caso bruciato il “ghiaccio“ della razza russa. Da dove ricavava tali convinzioni?

Dalla teoria di un Ingegnere austriaco, un genialoide, che aveva inventato una valvola per motori, che avrebbe rivoluzionato energia e trasporti

“la valvola di Hoebriger

l’Ing, ebbe un giorno dei pensieri e visioni e formulò una interessantissima teoria sull’evoluzione del nostro cosmo.

Tale teoria, vede fuoco e ghiaccio  contendersi e disputarsi le varie fasi evolutive del sistema solare, con la Luna, una sfera di ghiaccio, che ogni tot. centinaia di migliaia di anni, cade a spirale, come acqua e sassi, sul pianeta Terra e modifica il tutto, compreso gli esseri viventi…quelli che sopravvivono logicamente.

Parla di un’età dell’oro quando, i Re Giganti, insegnarono agli umani le arti e la scienza.

Una teoria che di primo acchito può sembrare folle, ma forse molto folle non lo è!

Egli mori nel 1931 e nel mondo “esoterico“ del nascente nazionalsocialismo degli anni 20, tale teoria venne assunta come il credo assoluto.

“quando i giganti  erano ancora mescolati agli uomini, nei tempi in cui mai nessuno parlò“ diceva tra gli altri Hugo Victor

Nel 1942, Hitler mandò una spedizione nell’isola baltica di Ruegen, al comando del fisico esperto di raggi infrarossi, Heinz Fischer; dopo la guerra, egli si trasferii negli Usa e partecipò allo sviluppo della Bomba H, denigrando la sua vecchia spedizione nazista.

Cosa cercavano?

La Terra non sarebbe convessa, ovvero, noi vivremmo all’interno di una sfera, limitata esternamente dalla volta celeste; sole e luna sarebbero molto più vicini e le galassie non sarebbero altro che una nebulosa sospesa principalmente sopra il centro del pianeta.

Parlavano di Terra vuota o concava! Ma la Genesi biblica non dice più o meno le  stesse cose? Andate a vedervi le recenti rilevazioni ad infrarossi a grandi distanze…

I nazisti, avevano già sviluppato auto teleguidate, nonché  dischi volanti e razzi a lunga gittata V1 e V2, insomma forse qualche aiutino “esterno“  l’avevano avuto…poi tutto passo di mano, in direzione principalmente Anglo-Usa e Russia.

Il barone nazista Werner Von Braun, realizzatore nazista delle V1 e V2, negli Usa poi nel 1958, realizzò il più grande inganno moderno, la Nasa!

Adesso ci pensa Elon Musk a far sognare gli umani intorpiditi, con viaggi marziani…claro, se la Luna è ghiacciata…ah ah ah.

Probabilmente, se fosse stato ancora vivo, Hoerbiger, avrebbe fatto ragionare meglio Hitler, su razze pure etc e forse avremmo evitato disgrazie e milioni di morti.

Ma la storia quasi sempre combina disastri.

In ogni teoria, c’è un qualcosa di buono, ma se viene estremizzata … ahi ahi, son dolori.

Ed infatti adesso, abbiamo i teorici del “reset“, che stanno rivoluzionando il mondo occidentale, stanno facendo una rivoluzione a 180 gradi, una rivoluzione a testa in giù, ossia; normalmente sono i popoli che, sottomessi, si ribellano e poi favoriti comunque da qualche “supporter ricco“, abbattono gli steccati e vanno al potere.

Adesso, i già straricchi, vogliono irretire ancor di più i normali. Per farlo, hanno comprato  partiti, governi, sindacati, media, giornali ed oggi con il virus, medici ed esperti sanitari.

Facebook e Twitter, per non fare nomi, hanno oscurato  il profilo dell’ancora, per 9 giorni, Presidente degli Usa.

Ve lo potevate immaginare 10 anni fa, qualunque cosa si pensi o si dica di un politico, che ha gestito per 4 anni la più potente nazione del pianeta?

Questi gruppi privati, principalmente made in Usa, Silicon Valley, hanno corrotto a suon di miliardi tutta la politica.

Hanno creato enormi strutture di potere mondiale e dettano legge con le loro informazioni teleguidate.

L’ho già scritto mesi fa…uscite dai social, uscite da sta palude controllata che vi controlla, che vi mette uno contro l’altro; ritrovate la vostra indipendenza ed identità.

Nell’immediato futuro, la morsa del controllo si stringerà sempre di più, sempre più blogger e persone indesiderate saranno oscurate, avete solo una via d’uscita:

ANDATEVENE FUORI DA STA MIERDA!

Se non lo farete, sarete loro complici, come per il caso cinavirus!

Non date più uno spicciolo dei vostri soldi, non date più uno spicciolo della vostra attenzione a questi psicopatici, drogati e pedofili magari.

Loro soffrono di Delirio di Irrazionalità, credendosi i sapienti del cosmo; d il cosmo a tempi brevi li punirà.

Ma come sempre, prima, giungerà la follia umana che  includerà molti innocenti, come nella Metro di Berlino – (leggi al paragrafo “La Sconfitta“) o nelle case di una Dresda bombardata a morte e senza pietà per giorni e giorni, con bombe incendiarie dagli anglo-americani a guerra già praticamente vinta e finita.

Cattiverie spinte da odi spaventosi, creati ad arte da chi prima finanzia e fa il saccente e poi toglie e distrugge.

La Ford americana ha creato gran parte dell’esercito Nazi e la finanza Usa l’ha finanziato, anche il Senior Bush!

Nel recente; arte di credito a tutti, mutui a tutti, mutui casa finanziati al 120% ETC…

E adesso? Sono gli stessi del cinavirus! Lo capite  o no? Vi porteranno via quasi tutto, lavoro, beni e benessere!

Soldi con prestiti della banca mondiale nel terzo mondo e poi … rubate tutte le ricchezze del sottosuolo.

Schiavi che lavorano peggio delle bestie, per ricavare metalli rari, per fabbricare i vostri cazzo di telefoni smart e le vostre batterie per le auto elettriche!

A proposito, Toyota e qualche produttore tedesco, cominciano a dire che non sarà possibile una totale riconversione dal motore a scoppio all’elettrico…ma va…sul serio?

Pensate ai lobotomizzati elettrici che, in massa, alla sera mettono in carico tutte le loro auto o scooter, milioni tutti insieme: immaginate cosa accadrà al sistema elettrico del paese…plufffffff

E allora? Minchia che famo? …e…famo e centrali atomiche …per favor in poco tiempo…no se puede volver al diesel, es muy inquinante!

Negli anni 70, ricordate? Diesel diesel please, la benzina es una mierda inquinante!

Pochi anni prima però; “metti un tigre nel motore”! I meno giovani, ricorderanno la pubblicità

Manipolati sempre, creduloni sempre … ma non vi siete rotti los bananitos, ma non vi siete rotti di ascoltare questi inetti politici ed economisti racconta palle, al soldo e busta paga dei manipolatori?

La valvola di Hoeringer esiste, i suoi figli hanno sviluppato una grande azienda, la sua capacità intuitiva, ha coniato parte della storia dei motori e la sua teoria evolutiva … super bistrattata dai falsi odierni?

Chiedete un po’ ai ricconi, come mai si sono creati strutture enormi, tipo nelle Isole Svalbard in Norvegia, per preservare semi e sementi da possibili disgrazie diluviane?

Non è che sotto sotto … in effetti anche molti antichi parlavano di una Terra senza Selene…non è una figa ragazzi, è il nome greco della Luna, della Dea della Luna!

Ogni tanto si scioglie e cade in testa a sti stronzoidi umanoidi, che non capiscono una mazza e si fanno sempre infinocchiare dai potenti di turno!

A Sele’…dai…datte una mossa…ce semo rotti dei colori…cavolo…e i Daltonici?

https://it.wikipedia.org/wiki/Acromatopsia

Presidente e Governatori italiani: attendiamo con estrema sollecitudine, meglio verso una tarda ora serale, una vostra decisione in merito!

Le forze di polizia, devono aver ben chiare le idee, per applicare al meglio le vostre rigide leggi anti cinavirus….o… italianvirus…i tempi cambiano, cari democratici di tutti i tempi !!

Saluti e salute a tutti, soprattutto ai veri irrazionali genialoidi e di gran cuore!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Complottando ma … non troppo!

Lascia un commento

Proteste di Lockdown – Il Grande Risveglio in tutto il mondo Enorme Compilazione Maggio 2020 – QUI il link alternativo nell’eventuale rimozione

MONTANARI II – LA RIVINCITA – vediamo se anche questo video verrà rimosso QUI le motivazioni sulla violazione della “community” – Poliziotti attoniti e increduli QUI

IN GERMANIA SI STANNO RIBELLANDO SUL SERIO (ndr) e noi multati ma…solo alcuni – Dicono: Video non disponibile Questo video è stato rimosso dall’utente che lo ha caricato

 

https://mail.google.com/mail/u/0?ui=2&ik=d230fda565&attid=0.1&permmsgid=msg-f:1666507597025746186&th=17209fd478359d0a&view=att&disp=safe&realattid=17209fb280dc0b3df411Silvana Demari #complottista 11 Maggio  silvana.demarchiocciolalibero.it

______________________________________________________________________

QUI invece: Portano via un bambino alla madre per non mantenere la distanza sociale! Qui non si tratta neppure più di dittatura, qui si tratta di sorprusi inumani! Due risposte a frequenti commenti: 1) E´recentissimo ed è avvenuto in Australia dove l’uso di mascherine (come in Germania) non è obbligatorio in luoghi aperti. Ma se anche non fosse recente NULLA giustificherebbe un tale comportamento. 

2) Se c’è una legge va rispettata. Con questo ragionamento allora tutti i nazisti dovrebbero essere scusati: obbedivano agli ordini. ANZI, ovviamente non si giustificano, ma e´più comprensibile il comportamento dei nazisti che quello degli odierni poliziotti. I nazisti o ubbidivano o finivano fucilati. I poliziotti odierni NON RISCHIANO NULLA, ma agiscono di propria volonta´. Non per nulla nelle forze dell´”ordine” abbiamo una grande percentuale di individui con QI basso e particolarmente crudeli. Devono solo UBBIDIRE. CHIUNQUE che abbia un minimo di intelligenza ed empatia non puo´che indignarsi.

______________________________________________________________________

  

 

Twitter alza la barra della censura su COVID-19

 

Twitter è pieno di tecnocrati che vogliono controllare la narrazione di ogni problema. Una volta iniziata la censura su COVID-19, è andata in una sola direzione: più di essa. Ora, Twitter ti avvertirà e / o censurerà su tutto ciò che differisce dalla narrativa ufficiale WHO / CDC. ⁃ Editor TN  

 

Sembra che sia stato solo ieri che  abbiamo sottolineato  che la macchina censuratrice di Twitter era andata in overdrive, occupandosi di commenti meschini di polizia e parolacce. Ora, la macchina della censura sta scivolando ancora più in basso lungo il pendio scivoloso.

In un  post sul blog  pubblicato ieri, Twitter ha affermato che sarebbe “l’introduzione di nuove etichette e messaggi di avviso che forniranno ulteriori contesto e informazioni su alcuni tweet contenenti informazioni contestate o fuorvianti relative a COVID-19”. 

 

In altre parole, gli sforzi del sito per sorvegliare la discussione sul coronavirus usando l’OMS come una rubrica di verità – che ha portato al divieto permanente di Zero Hedge  dal sito  di prevedere con precisione che l’Istituto di Virologia di Wuhan era probabilmente al centro dell’attuale pandemia globale – è stato abbastanza. 

 

Il sito afferma che ora aggiungerà etichette ai Tweet “contenenti informazioni potenzialmente dannose e fuorvianti relative a COVID-19” e che la modifica sarà adattata a tutti i Tweet precedenti.

 

Le etichette si collegheranno a una “pagina curata da Twitter  o a una fonte attendibile esterna contenente informazioni aggiuntive sui reclami presentati all’interno del Tweet”.

 

Gli avvisi potrebbero anche essere applicati ai Tweet, ha detto il sito. Gli avvertimenti “informeranno le persone che le informazioni contenute nel Tweet sono in conflitto con le indicazioni degli esperti di salute pubblica prima che le visualizzino.”

 

Twitter ha dichiarato che agirà in base a tre grandi categorie:

  • Informazioni fuorvianti  : dichiarazioni o affermazioni che sono state confermate false o fuorvianti da esperti in materia, come le autorità di sanità pubblica.
  • Reclami contestati  – dichiarazioni o asserzioni in cui l’accuratezza, la veridicità o la credibilità del reclamo sono contestate o sconosciute.
  • Reclami non verificati  : informazioni (che potrebbero essere vere o false) non confermate al momento della condivisione.

Ha quindi pubblicato questo grafico vago, che fa ben poco per chiarire qualsiasi cosa:

 

 

Leggi la storia completa qui …

 

®wld

Le emozioni polarizzano gli utenti dei social media

Lascia un commento

 

 (CREDITO IMMAGINE: BBC.com) 

 

di Luis R. Miranda  

Su Twitter i messaggi che fanno appello alle emozioni hanno più successo nel far perdere la testa alle persone.

Un nuovo studio mostra che non solo ci sentiamo più spinti a condividere i tweet, ma anche le parole che si riferiscono alle emozioni e alla morale catturano la nostra attenzione più di quelle neutrali.

Il lavoro degli psicologi Ana P. Gantman, William J. Brady e Jay Van Bavel mostra che i termini che fanno appello a ciò che riteniamo giusto o sbagliato “sono particolarmente efficaci nel catturare la nostra attenzione”.

Questo, come scrivono in un articolo pubblicato sulla rivista Scientific American, “potrebbe aiutare a spiegare la nuova realtà politica”.

Nel primo esperimento del loro lavoro, ai partecipanti sono stati mostrati tweet immaginari con diversi tipi di parole usate come hashtag: quelli relativi alla moralità, alle emozioni o entrambi hanno attirato più attenzione di quelli neutrali.

Oltre a ciò, hanno anche esaminato quasi 50.000 tweet reali su tre argomenti: controllo delle armi, matrimonio tra persone dello stesso sesso e cambiamenti climatici.

I più condivisi tendevano anche a includere termini emotivi e morali. Infatti e secondo un altro studio precedente degli stessi autori, è almeno il 20% in più di probabilità di condividere un tweet se contiene una parola di questo tipo.

Naturalmente, gli autori avvertono che questa non è l’unica ragione che spiegherebbe il successo di una pubblicazione.

Ad esempio, il fatto che sia ampiamente condiviso e già popolare potrebbe aumentare ulteriormente il suo successo.

È più facile per gli utenti dei social media arrabbiarsi

Il ruolo delle emozioni nei social network era già noto, sebbene ciò non abbia impedito loro di essere utilizzate per manipolare le persone con bufale, messaggi politici iperpartigiani e provocazioni.

Jonah Berger, professore all’Università della Pennsylvania, ha già spiegato nel suo libro Contagious, 2013, che le emozioni che ci spingono a condividere contenuti su Internet sono legate allo stupore.

Potrebbe essere già sul lato negativo, come l’indignazione per un fatto riprovevole che ci sorprende, come nel suo aspetto positivo, come l’umorismo.

Il neuroscienziato americano MJ Crockett ha recentemente rivisto gli ultimi studi sul comportamento umano della natura, ricordando che nei social network troviamo più azioni che riteniamo discutibili che di persona.

Forse un giorno vediamo un vicino che non ricicla o verifica con fastidio che il sindaco ha messo su un’altra rotonda caotica, ma nei social network possiamo trovare molti errori e difetti da qualsiasi parte del mondo senza nemmeno muoverci dal divano.

Inoltre, è più facile mostrare il nostro sdegno: non dobbiamo affrontare il nostro vicino, manifestare per le strade o scrivere una lettera arrabbiata al direttore del giornale. Tutto quello che dobbiamo fare è solo ritwittare per inserire un commento.

Tutto ciò non deve essere negativo: l’indignazione pubblica ha anche benefici per la società, consentendo a tutti di punire o almeno recriminare i comportamenti censurati dalla maggioranza, oltre a rafforzare la nostra adesione a una causa o un gruppo sociale con cui ci sentiamo identificati.

Ma ha dei rischi, come sottolinea Crockett; almeno tre:

Innanzitutto, la possibilità che la nostra partecipazione ai movimenti civili e sociali sarà meno significativa.

Non abbiamo più bisogno di collaborare come volontari o fare donazioni, siamo contenti solo di twittare.

In secondo luogo, anche la barra dell’indignazione si abbassa: poiché l’indignazione è facile, può arrivare un punto in cui non distinguiamo tra reati reali e cose che sono solo spiacevoli per noi.

Terzo, le nostre opinioni tendono a polarizzarsi. I social network stessi ci consentono di raggrupparci in camere ecologiche con un pubblico simile o, come scrive lo psicologo Jonathan Haidt in The Mind of the Righteous, ci uniamo a “gruppi politici che condividono narrazioni morali”.

Alla fine ci abituiamo a rivolgerci a un pubblico con cui siamo d’accordo, cercando soprattutto “premi reputazionali” o, nelle parole di Berger, “valuta sociale”. Cioè, vogliamo guadagnare punti con i nostri, ma non iniziare una conversazione .

Questo rende lo scambio di opinioni con persone che la pensano diversamente per essere mediato da altri membri del gruppo.

Di conseguenza, corriamo il rischio di vedere gli altri come persone malvagie o stupide anziché semplicemente come persone che pensano che esiste un altro modo di fare cose che non corrisponde a ciò che consideriamo più appropriato.

Inoltre, questi meccanismi ci rendono più vulnerabili alla manipolazione: è facile provocare un’ondata di indignazione con l’obiettivo di promuovere una polarizzazione che il politico o il gruppo in servizio considera vantaggiosi per i loro interessi.

Questo può essere evitato?

L’immagine sembra desolante, ma gli autori dello studio sottolineano un paio di indizi che offrono un certo ottimismo.

Fin dall’inizio, sebbene l’attenzione sia spesso rivolta all’indignazione e alla manipolazione, a causa del pericolo che rappresentano, sia le emozioni negative che quelle positive ci commuovono.

L’esperimento ha offerto etichette o parole chiave che innescano le persone su tutti i lati dello spettro politico e ideologico.

In effetti, nel loro articolo hanno messo il vero esempio della diffusione del termine haswins hashtag nel 2015: il giorno in cui gli Stati Uniti hanno legalizzato il matrimonio gay nei suoi 50 stati, l’etichetta ha aggiunto oltre 2,5 milioni di messaggi su Twitter.

Una seconda chiave è che capire come le emozioni ci motivano può aiutarci a mettere in pausa qualche secondo prima di condividere o twittare determinati contenuti.

Allo stesso modo, Chris Wetherell, il designer del pulsante retweet su Twitter, introdotto nel 2009, ha recentemente parlato di questa innovazione, affermando che “forse abbiamo dato una pistola carica a un bambino di 4 anni”.

Nel suo editoriale nel numero di settembre Scientific American suggerisce di immaginare che accanto al pulsante di retweet sia presente un pulsante di pausa. Fare clic su di esso potrebbe aiutarci a pensare se stiamo rispondendo a un tweet che vuole solo generare rumore, se vale la pena leggere l’articolo e non solo essere il proprietario, o se vogliamo solo apparire bene davanti ai nostri amici e follower, mostrando a loro.

Le piattaforme di social media non hanno sviluppato strumenti meno dannosi perché vanno contro l’essenza stessa della loro attività. Più contenuti pubblichiamo o condividiamo, meglio è per loro.

Molte persone come te leggono e supportano il giornalismo indipendente di The Real Agenda News come mai prima d’ora. Diversamente dalle altre organizzazioni giornalistiche, manteniamo il nostro giornalismo accessibile a tutti.

La Real Agenda News è indipendente. Il nostro giornalismo è libero da pregiudizi commerciali, religiosi o politici. Nessuno modifica il nostro editore. Nessuno guida la nostra opinione. L’indipendenza editoriale è ciò che rende diverso il nostro giornalismo in un momento in cui mancano rapporti onesti e concreti altrove.

In cambio, ti chiediamo semplicemente di leggere, mettere mi piace e condividere tutti gli articoli. Questo supporto ci consente di continuare a lavorare come facciamo noi. 

 

Fonte: https://real-agenda.com/

®wld

Older Entries