Home

Paura – un’arma e un veleno per il cervello

Lascia un commento

Il caustico salario della paura perpetua 

Postato da: Paul Rosenberg tramite Free-Man’s Perspective

I primi tecnocrati che svilupparono la “scienza dell’ingegneria sociale” studiarono artisti del calibro di Saint-Simon, Pavlov, BF Skinner, Edward Bernays, ecc., E conoscevano perfettamente gli effetti della paura sulle persone e sulle società. Oggi è il loro strumento più utile. ⁃TN Editor 

Ho parlato a lungo sulla paura che rende gli esseri umani stupidi, e persino sul fatto che sia un’arma e un veleno per il cervello. Ma a volte mi sono anche chiesto se le persone avrebbero colpito la stanchezza della paura … quel punto in cui le persone hanno semplicemente avuto abbastanza paura e se ne sono andate.

A quanto pare, tuttavia, ero un po’ ottimista sulla paura della fatica. Ho letto l’ultimo libro di Robert Sapolsky,  Behave: The Biology of Humans at Our Best And Worst, e sono rimasto deluso nell’apprendere ciò che la migliore nuova ricerca mostra sull’applicazione a lungo termine della paura. (O, nella terminologia accademica,  stress sostenuto.)

La mia delusione, tuttavia, fu presto mitigata da due cose:

  1. Ho ottenuto informazioni su come funziona l’avvelenamento da paura.
  2. Quella neurologia umana è immensamente variabile, che ci sono eccezioni a tutto, e che se l’intero quadro fosse effettivamente oscuro come le scoperte più preoccupanti, molto tempo fa ci saremmo trasformati in nient’altro che scimmie assassine.

Ho a malapena bisogno di dirlo, ma il 2020 è stato l’anno della paura. Sono un po’ stupito dalla sua portata. C’è un certo fascino nell’assorbire tutte le storie di paura in tempi normali – la nostra capacità di guardare male negli occhi ci fa sembrare vibranti – ma il 2020 si è spinto ben oltre quel livello. Quello che stiamo incontrando è molto più del semplice porno della paura e ci sono alcuni punti vendita (compresi i siti Web) che posso solo descrivere come osceni.

Questo è più distruttivo di quanto le persone credano. 

Cosa ci fa la paura perpetua 

Cito da Sapolsky, che è uno dei migliori neuroscienziati del nostro tempo. Modificherò un po’ per semplificare e rimuovere i riferimenti all’area cerebrale, e seguirò i passaggi con alcune elaborazioni.

Durante lo stress prolungato, abbiamo più paura, il nostro pensiero è confuso, valutiamo male i rischi e agiamo impulsivamente per abitudine, piuttosto che incorporare nuovi dati”.

Sotto un lungo flusso della paura (come titoli spaventosi), il nostro pensiero si rompe. Mettiamola in modo molto semplice: potresti essere molto intelligente in sostanza, ma quando consumi ore di paura ogni giorno, diventi stupido. E per favore cerca di capire:  questo è biologico. Le tue operazioni cerebrali diventano quelle di una persona stupida. (E sì, sto usando “stupido” in modo molto antiscientifico.)

Ricorda anche che la paura funziona. Le persone che vendono la paura in TV, pagine web e social media vengono ricompensate per questo. Sono diventati, usando i miei termini liberamente ma non ingiustamente, spacciatori di droga, vendendo materiale dannoso da cui le persone diventano dipendenti. Inoltre, questi sono professionisti. Le società di social media sono pienamente consapevoli che i loro modelli di business dipendono dalle persone che ne sono dipendenti. Stanno attenti a mantenerli dipendenti.

Le paure che le persone consumano, quindi, provengono da persone che ne traggono profitto.

Lo stress indebolisce le connessioni che sono essenziali per incorporare nuove informazioni che  dovrebbero  spingere a passare a una nuova strategia, rafforzando al contempo le connessioni con i circuiti cerebrali abituali”.

In altre parole, la paura ti blocca nelle tue abitudini e nelle tue scelte precedenti. Riduce letteralmente i percorsi cerebrali che ti consentono di cambiare idea.

Questo è serio e sospetto che tu abbia già visto esempi di questo.

“In condizioni di stress prolungato elaboriamo le informazioni importanti dal punto di vista emotivo rapidamente e automaticamente, ma in modo meno accurato. La memoria di lavoro, il controllo degli impulsi, il processo decisionale, la valutazione del rischio e lo spostamento dei compiti sono compromessi.”

Ancora una volta, la paura prolungata blocca le persone in qualunque percorso si trovino già. E ancora, questo è biologico. I circuiti cerebrali sono direttamente interessati.

Da tutto quello che ho scritto sopra (e ci sono altri effetti sgradevoli come la violenza domestica), sembrerebbe che siamo condannati; che i nostri vicini che hanno bevuto profondamente dal fiume della paura sono bloccati dal cervello e finché il flusso della paura continua (non sembra esserci una fine in vista), diventeranno sempre più rigidi nei loro pregiudizi e quella violenza continuerà e aumenterà.

E per alcune persone tutto quanto sopra sarà vero. La paura distrugge nel modo più diretto: biologicamente.

Eppure … la biologia non è mai semplice, soprattutto a livello umano. Mentre le cose di cui sopra sono generalmente vere, ci sono sempre delle eccezioni; a volte molti di loro. Ed sono proprio quelle eccezioni che ci hanno salvato, di volta in volta.

I salari della paura perpetua sono menti polarizzate e bloccate. E questo porta a un’opposizione istintiva, violenza e omicidio. Lo stiamo vedendo ora e continuremo a vederlo per un po’ di tempo. Il mondo, a quanto pare, è diventato dipendente dalla paura.

Eppure, molti di noi lo rifiutano, e questo è ancora lontano.

Due giorni fa c’è stata una festa nel mio quartiere: musica, parlare, suonare, ridere e così via. È stato il primo rumore gioioso che ho sentito in pubblico da molto tempo.

La vita trova un modo, e soprattutto la vita umana. 

Leggi la storia completa qui … 

Postato su: https://www.technocracy.news/

®wld 

LO SFORZO PER COPRIRE LA VERITA’

Lascia un commento

IL FALLIMENTO DEI MEDIA DI REGIME, E IL LORO SFORZO PER COPRIRE LA VERITA’ !

Dott. Luca La Bella Ph.D Da Dott. Luca La Bella Ph.D

Sta succedendo ormai da tempo ma ieri, il giorno della grande manifestazione di Berlino, la collusione dei Media “Istituzionali” ha toccato il fondo.

Adnkronos, scrive : ” Questa mattina alla manifestazione erano circa mille partecipanti diventati poi 18.000 secondo stime della polizia, che è poi intervenuta per disperdere la marcia a causa proprio della violazione delle regole igieniche.”

Ma il fondo lo si tocca con il Tg di La7 che arriva addirittura a negare la manifestazione dei negazionisti del Covid.
Nel video al minuto 12 :

Peccato che nello stesso momento, nella coraggiosa Berlino, si stavano schierando già centinaia di migliaia di pacifici manifestanti, disposti a presidiare la città per riappropriarsi dei loro diritti e della loro libertà.
Partecipanti da tutto il mondo, e contemporaneamente a Londra e a Parigi accadeva la stessa cosa.

L’ospite d’eccezione Robert Kennedy Junior rilascia diverse interviste ma quella che ci ha colpito di più è la seguente :

“Quando mio zio ( JFK ) venne qui era il 1962, sarebbe rimasto scioccato nel vedere che ,a quel tempo c’era una battaglia par la democrazia tra l’Ovest e l’Est, e che oggi c’è probabilmente la peggiore battaglia nella Storia Umana.
I Governi amano le pandemie e le componenti autoritarie nelle società, amano le Pandemie, perchè offre loro la capacità di usare la paura e usare il terrore per ESERCITARE IL CONTROLLO AUTORITARIO sulla Società, per COSTRINGERE ALL’OBBEDIENZA le persone e, per la prima volta, stiamo vedendo questo avvenire in tutto il Mondo.
Sta accadendo ora e tocca alla nostra generazione insorgere…”

Dopo le rivolte violente e sanguinarie in America, organizzate da Antifa e BLM e finanziate da Soros, assistiamo invece adesso, al trionfo della Pace e dell’autodeterminazione dei Popoli grazie a migliaia di uomini e donne di buona volontà, che hanno deciso di ribellarsi alla Dittatura Mondialista del NWO.

Mentre in Italia De Luca, Presidente della Regione Campania fa gli auguri a Briatore per la prostatite polmonare, il grande saggista e uomo di fede Alessandro Meluzzi bacchetta in modo inequivocabile i Giornali e la Stampa, invitando tutti gli italiani di spegnere la Tv e usare i giornaloni per altri usi più utili.
Grazie Professore per avere interpretato i sentimenti che ognuno di noi prova in questi giorni cupi e bui, in cui la violenza della Stampa è diventata ormai intollerabile ed esasperante.

Ci auguriamo che il Popolo Tedesco possa vincere questa grande sfida, ma intanto possiamo dire che il primo turno dei Mondiali di Calcio ( al Deep State ) 2020, hanno dato questo risultato :
Germania- Italia : 2 a 0 !!

Un ringraziamento anche agli USA per il loro supporto, più o meno visibile, che speriamo si amplifichi presto anche in Italia.

Un ringraziamento anche agli USA per il loro supporto, più o meno visibile, che speriamo si amplifichi presto anche in Italia.

Ad maiora !

Fonte: https://www.databaseitalia.it/

*********************************************

Video Correlato:

**********************************************

Ti potrebbero interessare:

Non c’è un “noi” per fare la svolta

Smart Helmet: Il Robocop italiano

®wld

Il microprocessore più potente del pianeta è tra le tue orecchie

Lascia un commento

anger-794699_1280

Liberati della mente dai media mainstream e dal Lavaggio del cervello 

Di Patrick Henningsen

A partire dalla tipografia di Gutenberg, poi dalla macchina da presa cinematografica di Thomas Edison e dall’introduzione della celluloide e dello schermo argentato, e più tardi del tubo catodico – una ristretta cerchia di istituzioni mediatiche, e gli uomini dietro di loro, hanno goduto del monopolio monolitico sulle informazioni che vediamo e ascoltiamo

La loro macchina è fantastica e apparentemente inarrestabile, e raggiunge tutti gli obiettivi nella mente di tutti ovunque, in qualsiasi momento.

Come si naviga, e tanto meno ha senso, questa matrice del XXI secolo?

Se questa trasformazione fosse veramente un processo organico, allora le menti più critiche sarebbero in grado di affrontare razionalmente la nostra totale immersione nei media. Ma l’evoluzione della tecnologia e il modo in cui interagiamo con essa non è così facile da articolare. Mentre le piattaforme e le scelte continuano a proliferare, la situazione sta diventando più sintonizzata con la teoria del caos che con la teoria darwiniana. I media e le sue moderne armi di marketing ci dicono che sono tutti progressi. Ormai, il loro ruolo è ben definito – come il veicolo espresso iniziale su cui tutte le nuove idee e avanzamenti vengono consegnati nel mainstream. Nella maggior parte dei casi, si potrebbe dire che il pubblico è ora completamente precondizionato per accettare nuovi media all’arrivo.

Che ci importi di ammetterlo o meno, ci sono vari gradi di lavaggio del cervello e condizionamento comportamentale con film e TV. Ecco perché lo chiamano programmazione. Quanti di noi si trovano automaticamente usando citazioni da film o programmi TV popolari? E quanti di noi emulano la moda o le acconciature di quelli che vediamo sullo schermo?

Succede molto più di quanto la maggior parte delle persone si preoccupi di ammetterlo. Molti di noi sono completamente inconsapevoli di quanto imitiamo ciò che vediamo e ripetiamo ciò che ascoltiamo.

Nel classico del 1976, The Network, il personaggio principale del film, un profeta televisivo di nome Howard Beale, consegna un sermone indimenticabile al suo pubblico in studio, descrivendo perfettamente la natura grezza dei mass media in un contesto sociale:

E perché questo guai a noi? Perché voi gente e sessantadue milioni di altri americani mi stanno ascoltando proprio ora. Perché meno del tre per cento delle persone legge libri. Perché meno del quindici percento di voi legge i giornali. Perché l’unica verità che sai è ciò che ottieni su questo tubo. In questo momento, c’è un’intera, un’intera generazione che non ha mai conosciuto nulla che non sia uscito da questo tubo. Questo tubo è il Vangelo. La rivelazione finale! Questo tubo può creare o distruggere presidenti, papi, primi ministri. Questo tubo è la più grande, dannata forza di tutto il mondo senza dio. E guai se cadiamo nelle mani delle persone sbagliate.

Beale doveva sapere che era già caduto nelle mani delle persone sbagliate, cioè il crimine organizzato, la CIA, il Complesso Industriale Militare e l’élite globale transnazionale.

La realtà è che i direttori di studio e discografici, ei loro produttori di media, sono responsabili di gran parte del comportamento della società, così come degli archetipi culturali popolari che le persone adottano. Di sicuro, questa è un’enorme quantità di potere, e non pensare per un momento che i dirigenti non lo sappiano. Lo stesso si può dire per i loro “consiglieri” della CIA e del Pentagono.

Quando è in alto, questa macchina per la cultura comanda uno qualsiasi dei seguenti comportamenti in massa; linguaggio volgare, oscenità, promiscuità sessuale, relazioni pre-matrimoniali ed extra coniugali, uso e abuso di droghe, relazioni disfunzionali e familiari, tensioni razziali, violenza, deturpazione di simboli religiosi, ritualismo satanico, indebolimento di figure di autorità come padri, insegnanti, clero e persino il culto dello stato di sicurezza orwelliano. È un gioco onesto per l’industria dei media e dell’intrattenimento.

Come ci si aspetta che qualcuno sopravviva a questo assalto psicologico e spirituale?

La persona media per sopravvivere

La persona media che vive in una società del primo mondo tecnologicamente avanzata guarderà in media tre ore al giorno di televisione, e altre due o tre ore passate su dispositivi elettronici computerizzati. Se vogliamo sopravvivere con le nostre menti e le nostre anime intatte, ad un certo punto della nostra vita dobbiamo raccogliere il coraggio di spegnere e spegnere.

Il semplice volume di contenuti ora disponibile significa che ogni persona deve essere giudiziosa su come trascorre il proprio tempo. La vecchia opzione binaria per “Generazione X”, quando hai detto a te stesso “Va bene, ho tre ore per me stesso. Come ho intenzione di passare quel tempo? Guardo la TV o leggo un libro? “Potrebbe non essere più applicabile.

Per Millennials (e anche altri), è più come, “Guardo TV, YouTube, Hangout su Periscope, Instagram, Facebook, o faccio streaming su Hulu, Amazon Prime, iTunes o Roku, o leggo online, con il mio Kindle, o il mio angolo, o chissà, forse un libro?”

Mi viene in mente anche il termine binge watching. Sette stagioni con 10 episodi ciascuna, con una trama, trama intercambiabile continua – abbastanza suspense e intrighi per attivare le endorfine nel cervello per tenerti sveglio tutta la notte, abbastanza per guardare un’intera stagione di 24 … in 24 ore.

Se le cose stanno davvero così male, o ti senti ansioso per l’ossessione di stare al passo con i contenuti, allora c’è un’alta probabilità che tu sia sotto un certo controllo mentale controllato dai media.

Il primo passo verso la liberazione dalla macchina è diventare un consumatore più attivo di informazioni e contenuti, anziché essere un passivo setaccio. Questo non vuol dire che non puoi goderti un film, o guardare una buona partita a pallone di tanto in tanto – tutti hanno bisogno di scendere dalla ruota panoramica e dedicarsi all’intrattenimento di volta in volta.

Per sconfiggere il tubo lineare di alimentazione forzata dell’informazione e del condizionamento sociale di Hollywood e dei media mainstream … leggi di più. Leggi tutto quello che riesci a mettere le mani su: libri, riviste di stampa, riviste, articoli online e giornali. Il tuo tasso di fidelizzazione della conoscenza sarà più alto, e l’esperienza della lettura migliorerà la concentrazione mentale, l’autoriflessione e la chiarezza del pensiero.

Piuttosto che sprecare ore a guardare la TV oa guardare una produzione cinematografica hollywoodiana con sottotitoli che alla fine sapete sarà deludente, provate invece ad ascoltare programmi radiofonici o podcast. Invece di andare alla deriva su buche di conigli su YouTube, visita invece siti come Soundcloud e immergiti nella loro vasta giungla audio.

Un’altra pratica utile per liberare la mente dal pensiero di gruppo e rimanere meno sensibili al lavaggio del cervello tradizionale è fare uno sforzo concertato per leggere, guardare o ascoltare di tanto in tanto contenuti o fonti che non ti piacciono, o in genere non sei in accordo. Questo è importante per una serie di motivi. Se sei veramente sicuro delle tue convinzioni politiche, della tua visione del mondo o della tua comprensione degli eventi attuali e storici, allora non dovrebbe preoccuparti di sentire cosa ha da dire “l’altra parte”. Se vuoi davvero difendere con successo la tua posizione, opinione, o ideologia, o la tua parte dello spettro politico – allora aiuta a conoscere gli argomenti contrari e dovresti analizzarli il più possibile. Questo tipo di consumo di informazioni di mentalità aperta è esattamente ciò che gli organizzatori della cultura e gli operatori della matrice non vogliono che tu sia coinvolto – perché una voce sicura, ben informata e obiettiva è antitetica alla divisione e alla regola prevalenti, paradigma politico bipolare programma che gli ingegneri sociali corrono attualmente nella società occidentale.

Inoltre, dovresti mai ritrovarti stanco di leggere su di esso, quindi andare e provarlo.

Impara a come imparare

Il poeta americano Robert Frost ha detto che “procediamo tutti con una conoscenza insufficiente”.

Nell’educazione della mente, ognuno deve sottomettersi (almeno una volta al giorno) al fatto che, per quanto intelligente o competente pensi di essere in un determinato argomento o evento, in realtà tu sai molto poco. Potresti conoscere più della persona che ti sta accanto e potresti anche essere un esperto su uno strato di un reticolo, ma più che probabile avrebbe solo una conoscenza superiore alla media di un angolo della galassia che è la tua area di competenza.

Sfortunatamente, per quanto riguarda i social media, rimane una piattaforma grezza per l’interazione e l’apprendimento umano. Lo schermo del tuo laptop da 13,5 pollici non sempre è in grado di offrire una stimolazione umana e una velocità di scambio ottimali per le conversazioni umane. La soluzione a questo problema è semplice: dobbiamo parlare di più. Parla di più e parla di qualsiasi cosa. Il microprocessore più potente del pianeta non si trova nel seminterrato dell’NSA a Provo, nello Utah, né nei palchi dei server di Jeff Bezos in Colorado – è tra le tue orecchie.

Inoltre, piuttosto che predicare al coro, prova a fare conversazioni con persone più intelligenti o più esperte di te. Questo è uno dei modi più veloci per aumentare la tua base di conoscenze e ottenere informazioni preziose che non potrai mai ottenere dai media mainstream, o persino trovare negli annali del Ministero della Verità (Wikipedia).

Ricorda: non sei un robot, quindi smetti di comportarti come uno di loro.

C’è un grande mondo là fuori – ed è molto più grande di qualsiasi cosa all’interno della tua TV o smartphone.

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/

0e521-riga-antica

obeytv

Persone scioccate conformemente e accondiscendenti

 

Di Joseph P. Farrell

 

Bene gente, i “buoni” della Diabolically Apocalyptic Research Projects Agency (DARPA) ci sono ancora e vado via da questo articolo, condiviso dalla signora MW, con la sensazione che “loro” possano aver finalmente fatto “esso”, “esso”in questo caso è di miniaturizzare la terapia dell’elettroshock e impiantarlo permanentemente su un chip, per modificare “l’umore”. Ecco l’articolo:

Impianti cerebrali controllati dall’IA per i disturbi dell’umore testati nelle persone

Sospetto che i lettori abituali qui sappiano già quali paragrafi di questo articolo hanno attirato la mia attenzione, ma per la cronaca, sono questi:

Gli impianti cerebrali che erogano impulsi elettrici sintonizzati sulle sensazioni e sul comportamento di una persona vengono testati per la prima volta nelle persone. Due squadre finanziate dal braccio di ricerca dell’esercito americano, la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), hanno iniziato le prove preliminari di impianti cerebrali “a ciclo chiuso” che utilizzano algoritmi per rilevare modelli associati a disturbi dell’umore. Questi dispositivi possono scioccare il cervello in uno stato sano senza l’intervento di un medico.

L’approccio generale – utilizzando un impianto cerebrale per fornire impulsi elettrici che alterano l’attività neurale – è noto come stimolazione cerebrale profonda. È usato per trattare disordini del movimento come il morbo di Parkinson, ma ha avuto meno successo quando testato contro i disturbi dell’umore. Prove preliminari hanno suggerito che la costante stimolazione di alcune regioni del cervello potrebbe alleviare la depressione cronica, ma uno studio importante che ha coinvolto 90 persone con depressione non ha trovato alcun miglioramento dopo un anno di trattamento. 1

Oh, che meraviglia, si sta facendo tutto per aiutare le persone con “disturbi dell’umore” e, oh, a proposito, l’epilessia:

I gruppi stanno sviluppando le loro tecnologie in esperimenti con persone con epilessia che hanno già elettrodi impiantati nel cervello per seguire i loro attacchi. I ricercatori possono utilizzare questi elettrodi per registrare ciò che accade in quanto stimolano il cervello in modo intermittente – piuttosto che costantemente, come con gli impianti più vecchi.

E come parte di questi meravigliosi “benefici per la salute”, stanno anche sviluppando una variazione su ciò che ho chiamato “dizionari elettroencefalografici” nel mio precedente libro Microcosmo e mezzo. Questi sono, letteralmente, dizionari di onde cerebrali associate a parole particolari, che, monitorando le onde cerebrali, consentono letteralmente alla gente di “leggere la mente”, la conversazione interiore che molti di noi hanno nella nostra mente e, secondo alcuni, il contrario il processo è possibile: trasmettendo i modelli di questi dizionari elettroencefalografici, si può interferire con quella conversazione interna. Alcuni ricercatori nelle tecnologie di manipolazione della mente chiamano questi tipi di dispositivi “la voce di Dio” tecnologie, e non credo che ci sia un modo migliore per descriverlo.

Nell’ultima versione, questo articolo chiarisce che ora stanno sperimentando la creazione dell’equivalente emotivo/emozionale di quei “dizionari elettroencefalografici:”

Al meeting SfN, l’ingegnere elettronico Omid Sani della University of Southern California di Los Angeles – che sta lavorando con la squadra di Chang – ha mostrato la prima mappa di come l’umore è codificato nel tempo nel cervello …

Il team MGH sta seguendo un approccio diverso. Invece di rilevare un particolare stato d’animo o una malattia mentale, vogliono mappare l’attività cerebrale associata a comportamenti che sono presenti in più disordini – come difficoltà di concentrazione ed empatia. All’incontro SfN, hanno riferito su test di algoritmi che hanno sviluppato per stimolare il cervello quando una persona è distratta da un compito impostato, come ad esempio l’abbinamento di immagini e numeri o l’identificazione di emozioni sui volti.

I ricercatori hanno scoperto che il rilascio di impulsi elettrici nelle aree del cervello coinvolte nel processo decisionale e nelle emozioni ha migliorato significativamente le prestazioni dei partecipanti al test. Il team ha anche mappato l’attività cerebrale che si è verificata quando una persona ha iniziato a fallire o rallentare in un determinato compito perché era smemorata o distratta e ha scoperto di essere in grado di capovolgerla con la stimolazione. (Enfasi aggiunta)

Con quest’ultima frase arriviamo ad un’implicita ammissione di ciò che potrebbe essere l’agenda reale: il miglioramento delle prestazioni umane attraverso la stimolazione elettrica diretta del cervello. In effetti, stiamo esaminando l’ultimo “aggiornamento” alla ricercata, ricerca del Dr. Jose Delgado sul cervello. Per non dimenticare quale fosse l’obiettivo della sua ricerca, era il controllo psicologico della società proprio attraverso tali tecnologie e la loro applicazione di massa.

Come al solito, tutto questo viene “venduto” come una buona cosa a causa dei benefici per la salute di coloro che soffrono di “disturbi dell’umore”, un termine fluido che nelle mani di un buon Gramsciano come il Kotex Occasionale potrebbe trasformarsi in qualcosa che una parte trova “offensiva”. “Pensa solo a quei campi di “rieducazione” dell’era sovietica, per non sbagliare a questo proposito, se riescono a regolare così lo “stato d’animo” degli epilettici, possono regolare lo “stato d’animo” di chiunque.

“Ripeti dopo di me: il socialismo è buono, la libertà è cattiva”. Il paziente non rispondeva e respingeva l’autorità. Shock amministrato. Il Paziente ora è conforme. Mi viene in mente l’osservazione di CS Lewis che quando la “rieducazione” ha soppiantato la giustizia, una delle conseguenze era che un processo a tempo indeterminato era sostituito da uno che aveva una fine definita: la punizione per il crimine poteva essere presa fino ad ora, ma non oltre. La rieducazione non ha fine, in effetti, fino a quando non si ottiene la conformità; è una licenza per praticare una specie di tortura finché la vittima non si sottomette.

E, naturalmente, come avrete intuito, ho alcune speculazioni ad alto numero di ottani per avanzare: è da meravigliarsi che ora stiamo ascoltando questi tipi di tecnologie, mentre “loro” si stanno preparando a lanciare il 5G e così via? Se perdonerai il gioco di parole (intenzionale), l’intera impresa mi sembrerà piuttosto bestiale.

Ma non per niente la chiamiamo DARPA “Diabolicamente Apocalyptic Research Agency Agency” su questo sito. Come ho sentito qualcuno dire ultimamente, se la società e la cultura che sta emergendo ed essendo promossa dall’élite (e io uso questo termine solo per comodità) è sempre più anti-umana, è forse perché la sua principale fonte non è umano a tutti …

Fonte: https://gizadeathstar.com/

 

®wld

Latente tossicodipendenza dei bambini

1 commento

internet-addiction-777x437

 

Genitori attenzione: una generazione di bambini tossicodipendenti

 

Wikimedia Commons

Inserito da: Katherine Rushton

 

La naturale inclinazione umana verso la dipendenza è già abbastanza grave, ma gli algoritmi di YouTube guidano volutamente la gioventù verso materiale inappropriato e inquietante che non dovrebbe impressionare le giovani menti. Se hai figli o nipoti, questo è un articolo da leggere. ⁃ Editor TN

 

I bambini sono diventati tali tossicodipendenti che stanno abbandonando i loro amici e gli hobby, oggi un importante rapporto ci avverte avverte.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini al di sotto dei cinque anni trascorrono un’ora e 16 minuti al giorno online. Il tempo di visualizzazione dello schermo è di quattro ore e 16 minuti quando sono inclusi giochi e televisione.

I giovani di età compresa tra i 12 e i 15 anni trascorrono in media quasi tre ore al giorno sul web, oltre a due ore in più guardando la TV. Lo studio ha detto che YouTube è stata “una caratteristica quasi permanente” di molte giovani vite e sette su dieci di età compresa tra i 12 e i 15 anni hanno portato gli smartphone a letto.

Conclusione: “I bambini guardavano le persone su YouTube a perseguire gli hobby che non avevano fatto da soli o che avevano abbandonato di recente offline”.

Un numero crescente di genitori ha ammesso ai ricercatori di aver perso il controllo delle abitudini online dei propri figli.

 

9105382-0-image-m-68_1548716148350

Il principale studio di Ofcom arriva quando l’analisi mostra che gli iPad possono ostacolare lo sviluppo dei bambini

  9106616-6642161-image-a-88_1548717932897

 Quasi il 20% dei bambini con meno di cinque anni ha una compressa, che sale alla metà dei bambini più grandi (immagine)

 

Gli attivisti hanno descritto il rapporto del controllore dei media Ofcom come terrificante.

“Nei primi anni, i bambini hanno bisogno di interagire con altre persone e giocare – è fondamentale per le loro abilità sociali”, ha affermato Sue Palmer del gruppo Toxic Childhood.

‘Se ciò non accade quando sono piccoli, non so dove conduce. C’è lo stesso tempo dello schermo e poi c’è lo spostamento dell’ora sullo schermo.”

Il rapporto annuale, basato su 2.000 interviste, ha rivelato anche che:

 

  • I bambini di età compresa tra i 5 e i 15 anni trascorrono 20 minuti in più online al giorno che a guardare la TV;
  • Un bambino su cinque pre-scolaresca e due quinti dei bambini di età compresa tra cinque e otto anni hanno un dispositivo iPad o tablet;
  • Un quinto dei bambini di età compresa tra 8 e 12 anni è sui social media – nonostante un presunto divieto di minori di 13 anni;
  • Quasi un bambino su cinque tra i 12 e i 16 anni ha speso accidentalmente denaro online.

 

I bambini di tre e quattro anni guardano ancora più la televisione rispetto ai video online, ma il loro consumo televisivo si sta riducendo mentre il loro tempo online è sbalorditivo.

Molti si affollano su YouTube e trascorrono ore a guardare video a misura di bambino come il modo di fabbricare la melma o disegnare animali. Altri cercano video “unboxing” in cui le stelle di YouTube sfornano nuovi prodotti.

Alcuni giovani stanno diventando così ossessionati dalle celebrità di YouTube che li idolatrano come modelli di riferimento, ha affermato il rapporto Ofcom.

Alcuni caricano i loro video, sperando di fare carriera da soli. Disturbingly, molti guardano lo stile di vita dei “vlogger” che perseguono gli hobby e interagiscono con gli amici invece di farlo da soli.

9106626-6642161-Many_new_parents_consider_the_opportunity_to_hand_their_children-a-1_1548720278906.jpg

Molti nuovi genitori considerano l’opportunità di offrire ai loro figli un iPad o un tablet con cui giocare considerandoli essere una manna dal cielo – ma le cifre mostrano che più giovani si stanno allontanando dai vecchi hobby

 

Ofcom ha parlato con un numero di bambini che avevano abbandonato i loro hobby – come disegnare e fare acrobazie in scooter – per guardare film su YouTube.

Un bambino che si è descritto come “molto arty” ha ammesso di aver provato raramente qualsiasi tipo di artigianato, e ha preferito guardare gli altri a essere creativi online.

Alcuni giovani hanno dichiarato di socializzare meno con gli amici, perché uscire di casa era “troppo sforzo” quando potevano interagire con loro online.

“YouTube è stata una caratteristica quasi permanente della vita di molti bambini, utilizzata durante il giorno”, hanno affermato i ricercatori.

Ma molti bambini che vanno online per guardare video innocui si trovano a guardare materiale profondamente inquietante. Spesso incontrano contenuti non adatti per sbaglio, quando cercano qualcos’altro.

A volte cercano semplicemente materiale che sono troppo giovani per vedere. Sono anche guidati da questo algoritmo di YouTube che fornisce loro suggerimenti basati sui loro gusti, ha rilevato Ofcom.

 

9106622-6642161-image-a-96_1548718155196.jpg

 Solo uno su cento dei minori di 5 anni ha uno smartphone, ma a 11 è cresciuto del 35%

I bambini preferiscono YouTube ai servizi televisivi o TV on-demand vecchio stile perché “potevano facilmente accedere esattamente a ciò che volevano vedere e venivano offerti con un flusso infinito di raccomandazioni su misura per i loro gusti”, afferma il rapporto.

Molti dei genitori coinvolti nella ricerca sono rimasti scioccati nello scoprire cosa stavano guardando i loro figli. Due quinti di quelli con bambini dai 5 ai 15 anni temevano che i loro figli fossero sotto pressione per spendere soldi sul web.

La metà era preoccupata per le imprese tecnologiche che raccoglievano troppe informazioni sui loro figli, e circa un terzo temeva che i loro figli vedessero contenuti inadatti o fossero radicalizzati dagli estremisti.

Nonostante queste paure, molti genitori di adolescenti hanno ammesso di avere difficoltà a controllare la quantità di tempo trascorso dai loro figli online.

Secondo il rapporto parte del problema era che i giovani preferiscono guardare i contenuti sul web da soli.

Guardano la TV in diretta come un’attività di famiglia, ma si sentono molto più a loro agio su un dispositivo che possono controllare in privato.

I bambini usano spesso più schermi contemporaneamente, ma le ore che dedicano a ciascuno vengono contate separatamente per la ricerca Ofcom.

Stanno anche utilizzando più profili di social media per progettare un ‘immagine perfetta’ e per evitare il bullismo. Il numero di persone di età compresa tra 12 e 15 anni vittime di bullismo online è quasi raddoppiato dal 5% nel 2017 al 9% l’anno scorso.

I giovani ora usano spesso diversi account per progettare diverse versioni di se stessi in modo che il loro “sé reale” possa evitare lo stigma sociale, afferma il rapporto.

Più della metà dei bambini intervistati ha affermato che i social media presentano un’immagine non realistica, e alcuni ricercatori hanno affermato che i filtri glamour e lusinghieri per renderli più “graziosi” sono stati utilizzati in molti casi. Circa il 20% delle ragazze ha dichiarato di aver bisogno di apparire online sempre “online” rispetto a solo l’11% dei ragazzi.

Il cane da guardia ha scoperto che i bambini dovevano affrontare il bullismo sempre più spesso attraverso servizi come WhatsApp.

La scorsa settimana il padre della quattordicenne Molly Russell ha accusato Instagram per la sua morte, dopo aver visto post sul social network che ha affascinato il suicidio e l’autolesionismo.

Anche la piattaforma YouTube di proprietà di Google è stata messa sotto accusa per consentire jihadisti, attivisti di estrema destra e predicatori di odio.

****************************

Come gli iPad possono ostacolare lo sviluppo

Lasciare che i bambini in età prescolare giochino su iPad e guardino un sacco di televisione può danneggiare il loro sviluppo, hanno scoperto i ricercatori.

Hanno detto che quelli che sono stati esposti maggior tempo sullo schermo all’età di due anni hanno mostrato abilità generali più limitate all’età di tre anni.

I ricercatori, dell’Università di Calgary in Canada, hanno dichiarato: “I media e gli schermi digitali sono ormai onnipresenti nella vita dei bambini.

“Sebbene siano stati identificati alcuni benefici del tempo sullo schermo interattivo di alta qualità, il tempo di schermatura eccessivo è stato associato a deleteri risultati fisici, comportamentali e cognitivi. Lo studio ha esaminato i risultati durante un periodo critico di crescita e maturazione, rivelando che il tempo trascorso sullo schermo può interferire con la capacità dei bambini di svilupparsi in modo ottimale.

“Quando osservano gli schermi, possono mancare importanti opportunità per praticare e padroneggiare le capacità interpersonali, motorie e comunicative.”

Lo studio, pubblicato sulla rivista medica JAMA Pediatrics, monitorava 2.400 bambini.

 

Leggi l’articolo completo in lingua originale qui …

 

Fonte: https://www.dailymail.co.uk/

 

®wld