Home

WEF: diventate cyborg, scheggiate i vostri figli, impiantate schegge cerebrali

Lascia un commento

Pubblicato da: Alicia Powe tramite Gateway Pundit

Anche cinque anni fa, un titolo del genere sarebbe stato bollato come una “teoria del complotto”, ma ora Klaus Schwab e il World Economic Forum te lo stanno dicendo in faccia. Quando parlano di “The Future We Want”, intendono il futuro ESSI vogliono, cioè solo i Transumani devono fare domanda. ⁃ Editore TN

Il World Economic Forum sta promuovendo la “tecnologia di potenziamento” per trasformare gli esseri umani in cyborg e raccomanda che i bambini vengano impiantati con chip cerebrali.

I chip cerebrali non solo miglioreranno la salute sradicando disabilità come difficoltà di apprendimento e depressione, ma apriranno la strada agli esseri umani per raggiungere capacità sovrumane, sostiene un articolo del 16 agosto pubblicato sul sito web del WEF.

“I supereroi hanno dominato il grande e il piccolo schermo per un po’, ma sta avvenendo un sottile cambiamento. Molti bambini si aspettano di sviluppare loro stessi i superpoteri. Queste aspettative possono sembrare irraggiungibili, ma stiamo già facendo i primi passi verso una “società aumentata”, scrive Kathleen Phillips, “collaboratrice all’ordine del giorno” del WEF nel blog post intitolato “La tecnologia aumentata può cambiare il modo in cui viviamo, ma solo con il giusto supporto e visione”.

L’era dei cyborg è già qui, è solo non equamente distribuita https://t.co/Dg5dzlamMm

— Mary Harrington (@moveincircles) 22 Agosto 2022

Mentre i chip cerebrali o l’aumento, come “impianti cocleari” o “protesi” sono usati per rimediare ai disturbi cognitivi, la tecnologia verrà utilizzata per migliorare la vita di tutti i giorni, in particolare per i bambini che trarrebbero beneficio dallo sviluppo della percezione ultrasensoriale, sostiene l’articolo.

“La tecnologia aumentata aiuterà in tutte le fasi della vita: bambini in un ambiente di apprendimento, professionisti al lavoro e anziani ambiziosi. Ci sono molte possibilità”, osserva Phillips.

“Dovresti impiantare un chip di tracciamento in tuo figlio? Ci sono ragioni solide e razionali per questo, come la sicurezza”, scrive lo scienziato. “Molti bambini con deficit di attenzione lottano a scuola. Nel migliore dei casi, ottengono servizi di istruzione speciale o alloggi in classe. Tuttavia, con una guida visiva e audio aggiuntiva che blocca gli stimoli in eccesso, un bambino altrimenti abilitato può far fronte a un ambiente scolastico standard. E quando la lezione finisce e inizia il tempo di gioco, possono semplicemente togliere gli aiuti. “

Gli impianti cerebrali forniranno benefici per la salute “equivalenti al naso di un cane” in un gadget “che può essere utile per annusare il COVID-19”, assicura il collaboratore dell’agenda del WEF. Ma a differenza dei telefoni che “potrebbero sembrare parte del tuo corpo”, la tecnologia di aumento “diventerà più intrecciata con il corpo sotto forma di impianti”.

L’articolo presenta un video prodotto dal WEF che delinea “un quadro etico per una società tecnologicamente aumentata”.

Phillips ipotizza che una “società aumentata” sia inevitabile e indica le élite globali che stanno stabilendo il monopolio sugli impianti cerebrali per regolare “eticamente” la tecnologia che presto sarà pervasiva in tutto il mondo.

“Il Consiglio d’Europa lanciato di recente un piano d’azione strategico per affrontare le problematiche sollevate dall’applicazione delle neurotecnologie. Un altro esempio, Istituto Rathenau fondata dal governo olandese, opera come istituzione indipendente per riflettere su questioni relative all’impatto della tecnologia sulle nostre vite”, scrive Phillips. “Il Cile è già un passo avanti. L’anno scorso, il paese ha aperto la strada a un disegno di legge per modificare la sua costituzione per proteggere i dati personali del cervello. Diversi Paesi stanno ora esplorando come affrontare questi problemi che circondano gli impianti (cervello). Il compito è scoraggiante poiché gli esperti di etica non dovranno solo esaminare la tecnologia in fiore, ma anche le potenziali applicazioni future”.

“La tecnologia ha sempre avuto il potenziale per trasformare la società e migliorare la nostra vita quotidiana e professionale. Così fa la tecnologia di aumento”, conclude l’articolo del WEF. “Va di pari passo con un’evoluzione dall’assistenza sanitaria all'”assistenza sanitaria”, dove non si tratta più solo di risolvere una menomazione. Si tratta di una tecnologia che ti supporta e migliora la qualità complessiva della tua vita”.

Il capo del WEF Klaus Schwab sostiene che il transumanesimo, o la fusione dell’uomo con la macchina, è fondamentale per ottenere il “Grande ripristino” o “quarta rivoluzione industriale.”

“Ciò a cui porterà la quarta rivoluzione industriale è una fusione delle nostre identità fisiche, digitali e biologiche”, ha detto Schwab al Chicago Council on Global Affairs nel 2019.

“Ciò a cui porterà la Quarta Rivoluzione Industriale è una fusione delle nostre identità fisiche, digitali e biologiche”.

~ Klaus Schwab, 2019 pic.twitter.com/HdUZBtPVPh

– James Melville (@JamesMelville) 21 Agosto 2022

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

Articolo correlato: Poi arrivarono i tecnocrati per i bambini…

®wld

Nell’intera storia dell’umanità non c’è mai stata un’élite politica sinceramente preoccupata per il benessere delle persone normali

Lascia un commento

Christine Anderson, membro tedesco del Parlamento europeo

Il membro del Parlamento europeo Christine Anderson: la coercizione sui v@xxini è il “più grande crimine mai commesso sull’umanità”

Pubblicato da: Steve Watson tramite Summit News

Le persone a tutti i livelli si stanno svegliando alla distopia della v@xxin@zione forzata, anche se non capiscono nulla di tecnocrazia o transumanesimo. Christine Anderson, membro del Parlamento europeo, riempie le orecchie dei colleghi con l’accusa di condotta criminale, che è esattamente ciò che ho affermato in qualità di membro della task force sui crimini contro l’umanità. ⁃ Editore TN

In un discorso al Parlamento europeo all’inizio di questo mese, la deputata tedesca Christine Anderson ha descritto la coercizione delle persone a prendere i vaccini C-O-V-I-D come il “più grande crimine mai commesso sull’umanità”.

“Questa campagna v@xxin@le sarà considerata il più grande scandalo nella storia della medicina”, ha dichiarato Anderson, aggiungendo “inoltre, sarà conosciuto come il più grande crimine mai commesso sull’umanità”.

Sì e io intendevo ogni parola se fosse! https://t.co/Pk4QS7eM2V

— Christine Anderson (@AndersonAfDMdEP) Luglio 25, 2022

L’eurodeputato stava affrontando le cancellazioni di massa dei voli e la carenza di personale negli aeroporti e sugli aerei, affermando che mentre si sostiene che la situazione derivi dal fatto che le aziende non hanno riassunto personale sufficiente dopo la p@ndemi@, il vero motivo è che i piloti e altro personale si sono rifiutati di farsi vaccinare.

Anderson ha inoltre avvertito che “élite globaliste senza scrupoli” hanno usato la p@ndemi@ per i propri fini, chiedendosi “Cosa in nome di Dio hanno fatto con questo?”

Rivolgendosi a “ogni rappresentante eletto del popolo in ogni democrazia occidentale”, Anderson ha chiesto “Che cosa hai fatto?”

“Non hai fatto il tuo lavoro e non dirmi che non lo sapevi”, ha ulteriormente affermato Anderson, aggiungendo “è tuo compito proteggere le persone da cui sei stato eletto”.

Deve guardare molto potente.

Nell’intera storia dell’umanità non c’è mai stata un’élite politica sinceramente preoccupata per il benessere delle persone normali. Ciò che fa pensare a qualcuno di noi che ora sia diverso. – Christine Anderson Parlamento europeo”. pic.twitter.com/oSVYzg81p5

— Sikh per la verità (@SikhForTruth) October 29, 2021

Ha continuato: “Ci sono così tante cose che vengono alla luce, tutti gli effetti collaterali negativi, numerosi studi ora disponibili, sulle alterazioni fetali … difetti genetici dei bambini nati da donne che sono state vaccinate”.

“Che diavolo sta succedendo qui?” Anderson ha esortato, giurando “Faremo tutto il possibile per assicurarci che questo venga portato alla luce e garantire la protezione dei diritti delle persone”.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

®wld  

Rapporto: Lavorare nel Metaverso riduce la produttività, provoca ansia

Lascia un commento

Pubblicato da: Lucas Nolan via Breitbart

Il Metaverse è destinato a un enorme fallimento poiché i lavoratori già sperimentano nausea, intenso affaticamento degli occhi e ansia, rivelando il tributo fisico, emotivo e mentale. Se questo è l’effetto sugli adulti, immagina gli orrori che infliggerà ai giovani. Gli esseri umani sono progettati per vivere in una realtà falsa creata da sognatori transumani. ⁃ Editore TN

Secondo un recente rapporto, i volontari che hanno trascorso una settimana lavorando in un ambiente di realtà virtuale simile al metaverso proposto da Facebook di Mark Zuckerberg hanno riportato più ansia, minore produttività e sofferenza di emicrania.

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha spinto per lo sviluppo di un metaverso digitale completo, in cui le persone lavoreranno, giocheranno e socializzeranno in un mondo virtuale basato sui visori VR di Facebook. Ma un recente rapporto di New Scientist ha scoperto che i volontari che hanno trascorso una settimana a vivere nel metaverso non erano entusiasti del concetto.

I lavoratori che hanno trascorso una settimana nel metaverso per lunghi periodi di tempo hanno riportato livelli più elevati di ansia, una maggiore percezione di carichi di lavoro più elevati e alcuni hanno subito effetti fisici avversi. Lo studio è stato condotto da ricercatori di istituzioni europee tra cui l’Università di Coburg in Germania e l’Università di Cambridge nel Regno Unito.

Il personale di 16 universi e i partecipanti alla ricerca hanno trascorso la loro settimana lavorativa di 35 ore in normali uffici fisici, e poi un’altra settimana svolgendo lo stesso carico di lavoro nella realtà virtuale. I ricercatori hanno scoperto che quando si trattava di salute e produttività, quasi tutti i partecipanti hanno riportato “valutazioni significativamente peggiori nella maggior parte delle misure”.

I partecipanti hanno riportato una maggiore ansia per il loro lavoro, un aumento medio del 19% mentre lavoravano nel metaverso. Anche la loro percezione di quanto lavoro dovevano fare è cresciuta del 35% rispetto alla settimana trascorsa nell’ufficio fisico. I lavoratori hanno anche riferito di una maggiore “frustrazione”, essendo in grado di completare il proprio lavoro in modo tempestivo. I ricercatori hanno anche scoperto che la produttività è diminuita di circa il 16%.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

®wld

L’invasione russa dell’Ucraina fa parte del “Piano”…?

Lascia un commento

del Dr. Joseph Mercola dal sito web Mercola

Storia in breve

  • The Great Reset è un piano globalista che si sta muovendo molto velocemente. La pandemia di COVID-19 faceva parte di quel piano, ma per soddisfare le ambizioni dei tecnocrati è probabile che sia necessaria una sorta di guerra.
     
  • Affinché le persone si arrendano al controllo tirannico, sono necessari disastri, molte vittime e caos finanziario per causare disperazione.
     
  • Il World Economic Forum (WEF) promuove da molti anni l’idea di implementare un ID digitale e garantire che tutti nel mondo abbiano un’identità digitale legale come parte degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030 delle Nazioni Unite.
     
  • C’è una grande differenza tra identità e identificazione. L’identificazione si riferisce a documenti che dimostrano che sei chi dici di essere. L’identità digitale NON è una forma di identificazione. La tua “identità” dimostra chi sei veramente e un’identità digitale terrà traccia delle tue scelte e dei tuoi comportamenti, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Tuttavia, questi dati possono essere utilizzati contro di te
     
  • Il WEF ha affermato che la nostra identità digitale determinerà “a quali prodotti, servizi e informazioni possiamo accedere o, al contrario, non sono adatti a noi”

Il COVID-19 è stato solo l’inizio: una guerra mondiale potrebbe essere imminente…
Il Great Reset si sta muovendo molto velocemente e insieme ad esso, ci sono due nuove minacce: guerra e tempeste meteorologiche. Le tempeste e la guerra sono già iniziate.

L’accesa retorica, le minacce e il terrore ha un senso quando scopre come tutto si adatta a ‘The Plan’.

Scopri dove siamo diretti…

Che le persone se ne rendano conto o meno, il Great Reset è un piano globalista che si muove molto velocemente.

La pandemia di COVID-19 faceva parte di quel piano, come dettagliato nel libro di Klaus Schwab, intitolato “Covid-19 – The Great Reset“, 1 ma per soddisfare le ambizioni dei tecnocrati, probabilmente ci vorrà una sorta di guerra

Secondo il dottor Vernon Coleman : 2

“Ora che hanno la maggior parte delle persone dietro il divano o sotto il letto, a causa della falsa minaccia del COVID, hanno creato due nuove minacce: guerra e tempeste. Qualcosa che sarebbe successo ad un certo punto.

È importante stare all’erta, poiché alcuni temporali saranno molto violenti. E forse saranno tutti fabbricati

In effetti, ci saranno ondate di caldo, forti nevicate e uno o due tsunami (che saranno causati da un’esplosione sottomarina).

Ovviamente non può uccidere miliardi di persone con il maltempo, ma può far salire i prezzi del cibo e dell’energia, così come uccidere milioni di persone con economia povera, povertà e fame.

I temporali nel Regno Unito hanno causato la chiusura di scuole, ferrovie (“nel caso cadesse un albero e facesse male a qualcuno”) e l’interruzione della distribuzione nei supermercati.

Tutto questo era troppo per fare più danni alla società e all’economia. È necessario ricordare che il controllo della popolazione è uno degli scopi di tutto ciò che accade.

Stanno arrivando anche le guerre, proprio come minacciavano tempo fa. Di recente ci siamo diretti verso un’altra Guerra Fredda con Russia e Cina da una parte e Stati Uniti ed Europa dall’altra.

È difficile scrollarsi di dosso la sensazione che Schwab sia dietro a tutto e abbia il controllo.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, se l’Occidente deciderà di intervenire militarmente, sarà perché i cospiratori vogliono che accada e lo vedono come un modo per danneggiare ulteriormente l’economia globale e causare qualche milione di morti. Notare che,

distruggere l’economia globale è un passo essenziale sulla strada del Grande Reset…

La retorica che viene da Washington e Londra suggerisce che sia Biden che Johnson desiderano disperatamente peggiorare la situazione, causare più terrore, aumentare i prezzi dell’energia e terrorizzare tutti.

Una volta capito qual è il tuo piano, è facile vedere cosa accadrà.

Ricorda, la truffa COVID era solo l’inizio…

I cospiratori hanno iniziato la loro campagna per prendere il pieno controllo”.

Controllo totale ricercato tramite ID digitali

Sfortunatamente, hai ragione.

Non c’è dubbio che gli eventi meteorologici e la guerra mondiale abbiano fatto parte del piano sin dall’inizio.

Affinché le persone si arrendano al controllo tirannico, sono necessari disastri, molte vittime e caos finanziario per causare disperazione.

Ma il disastro non è l’unico strumento nel piano dei tecnocrati.

Usano anche incentivi e desiderabilità percepita.

Il World Economic Forum (WEF) promuove da molti anni l’idea di implementare l’identificazione digitale e garantire che tutti nel mondo abbiano un’identità digitale legale nell’ambito degli Obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 delle Nazioni Unite. 3 La “convenienza” è un incentivo molto importante per gli ID digitali. Se hai un ID digitale nel tuo telefono (e, a un certo punto, un chip impiantato), sarai in grado di fare di tutto, dal check-in in uno studio medico per ottenere un mutuo. In un articolo 4

Sostenendo gli ID digitali, il WEF sottolinea anche che milioni di persone in fuga dai loro paesi d’origine a causa di guerre o persecuzioni non possono ottenere lo status di rifugiato perché hanno perso i documenti di identità.

A quanto pare vogliono

Crediamo che nessuno scapperebbe da una realtà senza il cellulare con la propria identità digitale…

O magari andare direttamente agli impianti?

Affermano inoltre che quasi un miliardo di persone non ha identità legale e quindi non può aprire un conto in banca o ottenere un prestito e non può votare.

Ma,

Sarà una giustificazione sufficiente per imporre ID digitali a tutti, che ne abbiano una reale necessità o meno?

No, non si tratta di necessità. Non si tratta di comodità.

Si tratta di loro che prendono il controllo su di noi…

A chi serve la trasparenza finanziaria?

In quello stesso articolo 5 il WEF analizza un’applicazione di identificazione digitale con un ingegnoso “motore di trasparenza”.

L’argomento è che questa funzione consentirebbe agli enti di beneficenza di “tracciare i soldi che inviano ai progetti”. In questo modo, possono spiegare da dove provengono tutte le donazioni.

Chiunque abbia studiato i piani del WEF sa che questo esempio è una pura sciocchezza. Un sistema di trasparenza finanziaria non sarà mai utilizzato per rendere le persone consapevoli dei rapporti finanziari di un’organizzazione.

Verrà utilizzato per fornire alla tecnocrazia dominante una panoramica delle nostre transazioni finanziarie.

Il Canadian Freedom Convoy, e l’appello del Primo Ministro Justin Trudeau all’Emergencies Act, hanno offerto una visione molto rara del potere che vogliono sulle loro finanze.

Vogliono essere in grado di individuare ogni persona che contribuisce a una causa contro il sistema, anche se si tratta di pochi miseri dollari, e sequestrare tutto ciò che hanno come punizione.

Trudeau ha dovuto invocare poteri straordinari di emergenza per farlo.

In futuro, la cabala regnante vuole essere in grado di farlo automaticamente e continuamente. Non commettere errori, l’idea di digitalizzare la tua identità e le tue finanze significa che avranno il potere di influenzare le tue finanze se ti comporti male.

Nel peggiore dei casi, avranno il potere di trasformarti in un nessuno e di escluderti del tutto dalle tue credenziali di identità.

Non posso sopravvalutare il pericolo di digitalizzare e collegare tutti i tuoi record personali.

Come ha sottolineato lo stesso WEF, la nostra identità digitale,

“determina a quali prodotti, servizi e informazioni possiamo accedere o, al contrario, a cosa non siamo idonei”. 6

Non ti dice tutto quello che devi sapere…?


Come comprendere la portata dell'”identità digitale”


In un articolo sul portale The Sociable, Tim Hinchliffe avverte: 7

“La tua identità digitale può essere usata contro di te in caso di un grande reset.

Sebbene le identità digitali mostrino una grande promessa nel migliorare i mezzi di sussistenza di milioni di persone, vengono utilizzate anche dai governi autoritari per profilare e monitorare il comportamento dei cittadini nell’ambito di un sistema di credito sociale. 8

L’idea alla base delle identità digitali è molto semplice.

Tutti i dati raccolti da ogni interazione online che fai con il settore pubblico e privato formano la tua identità digitale…

Questi dati possono includere le seguenti informazioni personali:

  • Cronologia delle ricerche
  • Interazioni sui social media
  • profili in linea
  • posizione del dispositivo
  • Cartelle cliniche
  • Contabilità
  • Documenti legali,

…e altro ancora.
Unendo tutte le tue interazioni online/offline, il WEF si aspetta che la tua identità digitale sia correlata a:

  • Ogni clic, commento e cosa che condividi sui social network
  • Ogni transazione finanziaria che fai
  • La tua posizione e dove stai viaggiando
  • Cosa compri e vendi
  • I tuoi dati sanitari personali e le cartelle cliniche
  • I siti web che visiti
  • La tua partecipazione a funzioni civiche (es. voto, tasse, benefici, ecc.)
  • Quanta energia consuma,

…e altro ancora.
Pertanto, la tua identità digitale diventa un resoconto del tuo comportamento sociale, che può essere monitorato.

Ci sarà un sistema di classi in cui le persone avranno accesso a informazioni, prodotti e servizi privilegiati in base ai dati registrati nelle loro identità digitali”.

Tutto sarà connesso alla tua identità digitale, mentre il tuo comportamento, le tue convinzioni e le tue opinioni determineranno ciò che puoi e non puoi fare all’interno della società.

Ciò consentirà a qualcuno come te di essere accolto e di negare l’accesso a chi non gli appartiene.

Se pensi che l’idea dei passaporti vaccinali sia pazza, aspetta che il tuo accesso alle infrastrutture e ai servizi più importanti dipenda non solo dal tuo stato di vaccinazione, ma anche da,

i libri che hai comprato, le idee che hai condiviso e con cui hai parlato, dato soldi o supporto emotivo…


Differenza tra identificazione e identità digitale

Hinchliffe afferma che esiste una grande differenza tra identità e identificazione.

L’identificazione si riferisce a documenti che dimostrano che sei chi dici di essere.

L’identità digitale NON è una forma di identificazione.

Come puoi vedere dagli elenchi sopra, è molto di più.

La tua “identità” dimostra chi sei veramente e un’identità digitale terrà traccia delle tue scelte e dei tuoi comportamenti, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

“L’identità racchiude tutto ciò che ti rende unico e la tua identità è ciò a cui il WEF tiene davvero. 

Se superi il limite, ogni interazione sui social media in cui ti impegni, ogni centesimo che scambi e ogni mossa che fai possono essere usati contro di te”, secondo Hinchliffe.8

Infatti, avere accesso all’identità digitale di tutti è molto importante per manipolare e controllare con successo la popolazione di tutto il mondo.

Trent Lipinski, un hacker e dirigente IT, ha scritto quanto segue per il portale Coin Telegraph: 10

“Grazie ad alcune modifiche al codice, gli autoritari possono influenzare la blockchain per costruire schiavitù e sistemi di credito sociale.

Anche se i governi del mondo legiferano sulla tecnologia crittografica per i propri scopi e pervertono i meccanismi di consenso per i propri sistemi di schiavitù centralizzati, ci ritroveremo con valute digitali che possono essere utilizzate contro ogni persona nel mondo”.


La quarta rivoluzione industriale

Le persone non sono confuse su cosa comporti effettivamente l’identità digitale.

Né la maggior parte comprende la portata prevista della Quarta Rivoluzione Industriale, un altro concetto inventato da Schwab e promosso attraverso il WEF.

Schwab ei suoi alleati tecnocratici sognano di trasformare l’umanità in androidi con limitato o nessun libero arbitrio.

L’incapacità di capire o accettare quanto queste persone siano contorte e assetate di potere è un ostacolo psicologico che dobbiamo superare.

La Quarta Rivoluzione Industriale è solo un altro nome per il transumanesimo. Immagino che abbiano deciso che sarebbe stato più facile ingannare le persone con quel termine piuttosto che chiamarlo per quello che è veramente. Immagino che, per la maggior parte, suoni più simile a ciò di cui sono fatti gli incubi. L’incapacità di capire o accettare quanto queste persone siano contorte e assetate di potere è un ostacolo psicologico che dobbiamo superare. Schwab stesso ha detto che,

“la Quarta Rivoluzione Industriale causerà una fusione delle nostre identità fisiche, digitali e biologiche”. undici

Oltre al fatto di essere connesso al cloud 5G “potenziato”, il WEF prevede un futuro prossimo in cui l’identità digitale di tutti è collegata tra loro tramite Internet Bodies (IoB). 12,13
Internet of Bodies
Nel suo documento informativo 2020 Internet of Bodies (IoB), 14 il WEF descrive l’IoB come,

un ecosistema di “un numero senza precedenti di sensori”, inclusi sensori emotivi, “attaccati, impiantati o ingeriti nei corpi umani per monitorare, analizzare e persino modificare i corpi e i comportamenti umani”.

Non sono il solo a prevedere che potrebbero voler modificare il loro comportamento e controllare la loro realtà psicologica.

Sono loro che affermano che questo è ciò che intendono fare…

Ogni nuova tecnologia e ogni nuova opportunità di sorveglianza che presentano è per promuovere questo obiettivo.

“Ora chi potrebbe trarre beneficio dal massiccio consolidamento di ogni dettaglio della loro vita?” chiede Hinchliffe. quindici 

“Secondo un recente rapporto della società RAND, 16 IoB” potrebbero causare progressi nelle conoscenze mediche […] o potrebbero consentire uno stato di sorveglianza di intrusioni e conseguenze senza precedenti.’

Il Partito Comunista Cinese (PCC) si è unito all’IoB creare uno stato di sorveglianza orwelliano che colleghi le identità digitali dei suoi “netizen” a un sistema di credito sociale,

dalle app di tracciamento dei “debitori inadempienti”, che avvisano i cittadini ogni volta che si avvicinano a 500 metri da qualcuno che è indebitato, 17 fino alla fenotipizzazione del DNA 18 di oltre 1 milione di uiguri inviati nei “campi di rieducazione”, 19il PCC è un esempio di alcuni degli orribili modi in cui le identità digitali possono essere sfruttate.

Il grande ripristino non è un mandato del popolo, è in realtà un’ideologia fabbricata e inventata da un gruppo di globalisti non eletti che cercano di convincere gli “stakeholder” a creare una nuova economia e una nuova struttura sociale dalla distruzione del vecchio.

Ma il destino della società dovrebbe essere ordinato dall’élite di Davos …?”


Siamo stati usati come burattini

La realtà è che la pandemia di COVID non è stata un “atto di Dio”.

In realtà, faceva tutto parte del piano.

Nel 2018 e nel 2019, questa cabala globale ha pianificato, praticato e coordinato le proprie risposte durante gli esercizi di simulazione della pandemia (Clade X ed Evento 201).

Le soluzioni create durante questi scenari di pandemia “erano alla pari con il Great Reset”, osserva Hinchliffe. 20

In altre parole, tutte le contromisure pandemiche che tutti abbiamo sperimentato negli ultimi due anni avevano un obiettivo e non avevano nulla a che fare con il salvataggio di vite umane.

Aveva a che fare con la promozione degli obiettivi del Great Reset, che richiedono un governo gerarchico. Lo stesso Schwab si è vantato di aver curato e insediato leader politici nei governi del mondo 21, il che risponde alla domanda su come e perché così tanti leader hanno accettato politiche così distruttive per le loro stesse economie e società. L’unico modo in cui questo ha senso è accettare che i tecnocrati, che per decenni hanno segretamente tirato leve dietro le quinte come il Mago di Oz,

vogliono che le economie falliscano…! 

Vogliono che falliscano in modo che possano essere sostituiti con un nuovo sistema digitale in cui hanno accesso al tuo portafoglio e possono controllare il tuo comportamento attraverso sanzioni finanziarie per comportamenti indesiderati.

Vogliono che le piccole imprese si tolgano di mezzo, in modo che i loro monopoli siano tutto ciò che resta in piedi. 

Vogliono molte morti, perché i robot e l’intelligenza artificiale si occuperanno della maggior parte dei lavori disponibili. Il piano è quello di istituire un salario universale, quindi meno persone ci sono, meglio è.

Vogliono bambini spaventati, ignoranti e socialmente inetti perché sono più facili da trasformare in non pensatori compiacenti che accetteranno cose come tracker emotivi e intelligenza artificiale che dice loro quando prendere una pillola.

A loro non importa cosa vuoi, perché per loro non sei nemmeno umano. 

Sono umani; sei solo una merce e loro hanno capito come incassare ogni mossa che fai, e poi alcuni. 22

Tutto questo parlare di bene comune, giustizia ed equità, sono solo pubbliche relazioni.

L’idea di giustizia ed equità dei tecnocrati è che tutti abbiano lo stesso livello di miseria.

Come affermato dal WEF,

Entro il 2030 non possiedi più niente”….

Quindi chi possiederà tutto? ‘Loro‘ possederanno tutto…


Il prossimo attacco potrebbe essere un attacco informatico

In un altro articolo più recente sul portale Sociable, 23 Hinchliffe evidenzia i rischi per la sicurezza informatica e il Cyber ​​Polygon del World Economic Forum del luglio 2022 , 24 che si concentrerà sull'”aumento della resilienza informatica globale ” nei settori che utilizzano servizi cloud, come,

finanza, vendita al dettaglio, assistenza sanitaria, trasporti e altro ancora…

Secondo Schwab,

“La mancanza di sicurezza informatica è diventata un pericolo chiaro e immediato per la nostra società in tutto il mondo”.

Nel 2020 Schwab ha indicato quanto segue: 25

“Abbiamo bisogno di vaccini per immunizzarci.

Lo stesso vale per gli attacchi informatici. Abbiamo bisogno di costruire infrastrutture IT che dispongano di anticorpi digitali integrati per proteggersi.

Lo sappiamo tutti, ma non prestiamo ancora abbastanza attenzione allo scenario terrificante di un attacco informatico globale, che paralizzerebbe completamente l’approvvigionamento energetico, i trasporti, i servizi ospedalieri e la nostra società nel suo insieme.

La crisi del COVID-19 sembrerebbe una piccola interruzione rispetto a un grande attacco informatico”.

Sulla base di come altri esercizi si sono svolti nel mondo reale, non è irragionevole sospettare che le stesse persone che affermano di volerlo prevenire stiano pianificando un grave attacco informatico.

Ma anche se ciò non accade, una cosa di cui possiamo essere certi è che,

qualunque misura di sicurezza informatica proponga servirà all’agenda tecnocratica per schiavizzare l’umanità in un ecosistema cyborg 5G e raggiungere lo status di divinità, microgestendo la vita di ogni persona attraverso algoritmi e intelligenza artificiale…

Prevenire ciò richiederà un livello senza precedenti di unità e solidarietà tra i popoli del mondo.

Ci sono miliardi di noi e forse solo poche migliaia di loro, ma il loro controllo tecnologico e finanziario rende ancora questa una battaglia tra Davide e Golia.

La differenza tra la nostra situazione nel mondo reale e la versione biblica è che nessun David può vincere questa battaglia da solo.

Dobbiamo unirci e rimanere come uno, come miliardi di formiche che formano un solo corpo.

Potremmo non avere le armi che hanno loro, ma abbiamo il vantaggio dei numeri puri.

Penso che la risposta sia rifiutare tutte le soluzioni” provenienti da questa cabala globale e costruire le nostre società e industrie parallele, che in realtà includono un “ripristino”, ma uno che vogliamo davvero e non quello che hanno pianificato per noi.

Non sarà facile, ma l’alternativa è la distruzione dell’umanità…

Fonti e Riferimenti

COVID-19 – El Gran Reset por Klaus Schwab

The Expose’ February 28, 2022

3, 4, 5 World Economic Forum November 20, 2020

WEF Insight Report, Identity in a Digital World September 2018

7, 9, 11, 15, 20 The Sociable November 23, 2020

Business Insider October 29, 2018

10 Coin Telegraph April 12, 2020

12 Rand Corporation October 29, 2020

13 Rand Corporation IoB: Our Connected Future

14 WEF, Shaping the Future of the Internet of Bodies, July 2020

16 Rand Corporation, The Internet of Bodies

17 WEF The Global Risks Report 2019

18 The Sociable December 19, 2019

19 The Sociable December 6, 2019

21 Twitter James Melville January 26, 2022

22 PC Magazine April 27, 2020

23, 25 The Sociable February 16, 2022

24 Cyber Polygon 2022

Pubblicato su: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_greatreset93.htm

®wld

Vita sintetica: vivere, riprodurre gli xenobot 3.0 progettati da AI

Lascia un commento

Pubblicato da: Jonathan Chadwick tramite DailyMail 30 Novembre 2021

I tecnocrati inventano perché possono, non perché vi sia una necessità dimostrata di farlo. La vita sintetica progettata dall’IA è un santo graal sia della tecnocrazia che del transumanesimo, avvicinando l’umanità al Grande Reset. Non è noto cosa accadrà quando le cellule sintetiche interagiranno con il tessuto organico. Editor TN

In una potenziale svolta per la medicina rigenerativa, gli scienziati hanno creato i primi robot viventi in grado di riprodursi.

Le macchine viventi di dimensioni millimetriche, chiamate Xenobot 3.0, non sono né robot tradizionali né una specie animale, ma organismi viventi programmabili.

Realizzati con cellule di rana, gli organismi progettati al computer, creati da un team statunitense, raccolgono singole cellule all’interno di una “bocca” a forma di Pac-Man e rilasciano “bambini” che sembrano e si muovono come i loro genitori.

I bio-robot viventi autoreplicanti potrebbero consentire un trattamento farmacologico più diretto e personalizzato per lesioni traumatiche, difetti alla nascita, cancro, invecchiamento e altro ancora.

Gli xenobot sono opera di biologi e scienziati informatici della Tufts University e dell’Università del Vermont (UVM), che hanno dettagliato la loro creazione in un nuovo studio.

Gli Xenobot 3.0 seguono gli Xenobot originali, segnalati nel 2020 come i primi robot viventi, e gli Xenobot 2.0, che possono auto-promuoversi usando “gambe” simili a capelli chiamate ciglia e hanno la capacità di conservare i ricordi.

‘Abbiamo trovato xenobot che camminano. Abbiamo trovato xenobot che nuotano. E ora, in questo studio, abbiamo trovato Xenobot che si replicano cinematicamente”, ha detto l’autore dello studio Joshua Bongard, scienziato informatico ed esperto di robotica presso l’Università del Vermont.

“Abbiamo scoperto che c’è questo spazio precedentemente sconosciuto all’interno di organismi, o sistemi viventi, ed è uno spazio vasto.”

Secondo il team, gli xenobot aiuteranno a sviluppare organismi progettati al computer per la somministrazione intelligente di farmaci.

“Se sapessimo come dire alle collezioni di cellule di fare ciò che volevamo che facessero, in definitiva, quella sarebbe la medicina rigenerativa – questa è la soluzione a lesioni traumatiche, difetti alla nascita, cancro e invecchiamento”, ha affermato Michael Levin della Tufts University.

‘Tutti questi diversi problemi sono qui perché non sappiamo come prevedere e controllare quali gruppi di cellule andranno a costruire. Gli xenobot sono una nuova piattaforma per insegnarci.’

Nel 2020, gli scienziati hanno rivelato di aver costruito a mano gli Xenobot originali progettati al computer, adattati dalle cellule staminali di Xenopus laevis, una specie di rana trovata in alcune parti dell’Africa.

Le cellule staminali – che possono trasformarsi in qualsiasi tessuto o organo – sono state raccolte dagli embrioni delle rane e lasciate in incubazione.

Quindi, con minuscole pinze e un elettrodo ancora più piccolo, un microchirurgo ha tagliato e unito le singole cellule al microscopio nelle forme specificate da un computer.

Assemblate in forme corporee mai viste in natura, le cellule hanno iniziato a lavorare insieme, alimentate da riserve di energia embrionali.

All’epoca, hanno dimostrato che i robot erano programmati per eseguire una serie di compiti, tra cui la consegna di medicinali direttamente in un punto del corpo.

Questa nuova generazione, gli Xenobot 3.0, utilizza cellule staminali della stessa specie di rana.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://it.technocracy.news/sintetico-vita-vivente-che-riproduce-xenobots-3-0-progettato-da-ai/

®wld

Older Entries