Home

Bambini: come impostare limiti adeguati sull’uso della tecnologia

Lascia un commento

 

 

Una nuova ricerca mostra cosa fa stare troppo tempo sullo schermo per lo sviluppo del cervello dei bambini

 

Di Alanna Ketler

 

In breve:

I fatti

Sono emerse ulteriori ricerche che dimostrano che troppo tempo sullo schermo può essere dannoso per lo sviluppo del cervello.

 

Riflettere su:

Come è cambiata l’infanzia per neonati e giovani adolescenti? Sono stati effettuati test di sicurezza adeguati sui nostri gadget preferiti? Dovrebbero essere ammessi a scuola?

 

Negli ultimi dieci anni circa, il modo in cui viviamo la nostra vita è drasticamente cambiato per molti di noi. Gli schermi (smartphone, tablet, computer, televisori) sono diventati parti integranti della nostra vita che non notiamo nemmeno quanta attenzione abbiamo prestato a questi dispositivi. Per impostazione predefinita, anche i bambini sono esposti a più tempo sullo schermo e le implicazioni di questo stanno finalmente emergendo. Una nuova ricerca mostra come più di due ore di schermo al giorno possano danneggiare l’integrità strutturale della materia bianca nel cervello dei bambini in età prescolare, danneggiando potenzialmente lo sviluppo delle loro abilità linguistiche e di alfabetizzazione.

 

Per favore, comprendi: l’intenzione di condividere queste informazioni non è di far vergognare, giudicare o puntare il dito contro alcun genitore. Capisco che essere genitori è difficile e stressante e che a volte far guardare un cartone animato o lasciarli giocare è ciò che serve per ottenere qualsiasi tipo di pausa per te stesso. Questo ha semplicemente lo scopo di aumentare la consapevolezza di un problema nella speranza di mitigare gli effetti dannosi.

 

L’American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda di limitare l’uso per 2-5 anni a un massimo di un’ora al giorno di ciò che considerano “programmazione di alta qualità” e idealmente, guardandolo con loro per aiutarli nell’apprendimento e nella gestione della nuova informazione.

 

Oltre questo periodo di tempo ha il potenziale per danneggiare lo sviluppo del cervello dei bambini, secondo uno studio condotto da ricercatori del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center. Quei bambini con una maggiore esposizione al tempo dello schermo avevano una “bassa integrità microstrutturale” della sostanza bianca del cervello, un’area collegata al linguaggio e alla funzione cognitiva.

 

Lo studio

 

Durante lo studio, che ha coinvolto 47 bambini di età compresa tra 3 e 5 anni, è stata utilizzata una tecnologia chiamata ScreenQ per tracciare il tempo dello schermo in conformità con le raccomandazioni AAP. I fattori studiati includevano l’accesso agli schermi, la frequenza e la durata dell’uso, il tipo di contenuto visualizzato e la presenza o meno di un adulto durante la visione e se il contenuto veniva discusso o meno con il bambino.

 

Più alto è il punteggio ScreenQ, più tempo si è verificato sullo schermo. Le scansioni MRI sono state utilizzate per valutare il cervello dei bambini. È stato rivelato che più tempo sullo schermo era dannoso per la materia bianca nel loro cervello.

 

“Anche se non siamo ancora in grado di determinare se il tempo sullo schermo causa questi cambiamenti strutturali o implica rischi a lungo termine per lo sviluppo neurologico”, ha dichiarato il dott. John Hutton, direttore del Centro di lettura e letteratura presso Cincinnati Children e autore principale dello studio in un comunicato stampa, “Questi risultati giustificano ulteriori studi per capire cosa significano e come impostare limiti adeguati sull’uso della tecnologia”.

 

Il tempo di visualizzazione è particolarmente dannoso per i bambini di età inferiore ai due anni e l’AAP raccomanda di evitare del tutto l’uso dei media digitali, ad eccezione delle chat video occasionali.

 

Evita o limita il tempo dello schermo per la salute dei bambini

 

Tieni presente che se questi schermi sono dannosi per la salute dei tuoi figli, è probabile che abbiano un impatto anche sui tuoi. I bambini imparano con l’esempio, a loro piace copiare ciò che fanno i loro genitori e gli altri adulti. Se sei costantemente al telefono o davanti alla televisione, i tuoi figli potrebbero sentirsi più inclini a imitare ciò che fai. Se ti vedono leggere un libro, uscire e rimanere attivo, è più probabile che sviluppino queste abitudini per se stessi.

 

Sono in corso ulteriori ricerche sulle potenziali implicazioni per la salute di troppo tempo sullo schermo, ma c’è già abbastanza per dimostrare che è possibile iniziare a monitorare e limitarlo ora. Non c’è bisogno di aspettare, questo gioverà solo a te e ai tuoi bambini! Immagina tutto il tempo di qualità che potrebbe essere speso se gli schermi non fossero parte integrante dell’immagine.

 

Non sono solo gli schermi a destare preoccupazione, ma anche ciò che li accompagna: troppo tempo sullo schermo equivale a troppo tempo trascorso a a stare seduti, un potenziale danno agli occhi e una maggiore esposizione ai campi elettromagnetici (EMF).

 

Naturalmente la nostra società sta avanzando verso l’uso di sempre più tecnologia nelle nostre vite, tuttavia c’è un tempo e un posto per la tecnologia. Dobbiamo assicurarci di utilizzare la tecnologia e non viceversa. Anche se i tuoi figli sono più grandi, potresti prendere in considerazione attività senza schermo e periodi durante i quali sei presente insieme. Forse passare il tempo all’aperto, giocare a carte o giochi da tavolo, cucinare o andare a nuotare: le possibilità sono infinite! Abbiamo appena dimenticato cosa facevamo prima che gli schermi prendessero il sopravvento, e non è nemmeno passato tanto tempo!

 

Articoli correlati:  

 

50 cose che potresti fare invece di fissare uno schermo
 

Sei dipendente da “The Scroll?” Questo è il momento di affrontare la dipendenza da smartphone e riprendere il tuo potere

 

Fonye Articolo: https://www.collective-evolution.com/ 

 

®wld

Latente tossicodipendenza dei bambini

1 commento

internet-addiction-777x437

 

Genitori attenzione: una generazione di bambini tossicodipendenti

 

Wikimedia Commons

Inserito da: Katherine Rushton

 

La naturale inclinazione umana verso la dipendenza è già abbastanza grave, ma gli algoritmi di YouTube guidano volutamente la gioventù verso materiale inappropriato e inquietante che non dovrebbe impressionare le giovani menti. Se hai figli o nipoti, questo è un articolo da leggere. ⁃ Editor TN

 

I bambini sono diventati tali tossicodipendenti che stanno abbandonando i loro amici e gli hobby, oggi un importante rapporto ci avverte avverte.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini al di sotto dei cinque anni trascorrono un’ora e 16 minuti al giorno online. Il tempo di visualizzazione dello schermo è di quattro ore e 16 minuti quando sono inclusi giochi e televisione.

I giovani di età compresa tra i 12 e i 15 anni trascorrono in media quasi tre ore al giorno sul web, oltre a due ore in più guardando la TV. Lo studio ha detto che YouTube è stata “una caratteristica quasi permanente” di molte giovani vite e sette su dieci di età compresa tra i 12 e i 15 anni hanno portato gli smartphone a letto.

Conclusione: “I bambini guardavano le persone su YouTube a perseguire gli hobby che non avevano fatto da soli o che avevano abbandonato di recente offline”.

Un numero crescente di genitori ha ammesso ai ricercatori di aver perso il controllo delle abitudini online dei propri figli.

 

9105382-0-image-m-68_1548716148350

Il principale studio di Ofcom arriva quando l’analisi mostra che gli iPad possono ostacolare lo sviluppo dei bambini

  9106616-6642161-image-a-88_1548717932897

 Quasi il 20% dei bambini con meno di cinque anni ha una compressa, che sale alla metà dei bambini più grandi (immagine)

 

Gli attivisti hanno descritto il rapporto del controllore dei media Ofcom come terrificante.

“Nei primi anni, i bambini hanno bisogno di interagire con altre persone e giocare – è fondamentale per le loro abilità sociali”, ha affermato Sue Palmer del gruppo Toxic Childhood.

‘Se ciò non accade quando sono piccoli, non so dove conduce. C’è lo stesso tempo dello schermo e poi c’è lo spostamento dell’ora sullo schermo.”

Il rapporto annuale, basato su 2.000 interviste, ha rivelato anche che:

 

  • I bambini di età compresa tra i 5 e i 15 anni trascorrono 20 minuti in più online al giorno che a guardare la TV;
  • Un bambino su cinque pre-scolaresca e due quinti dei bambini di età compresa tra cinque e otto anni hanno un dispositivo iPad o tablet;
  • Un quinto dei bambini di età compresa tra 8 e 12 anni è sui social media – nonostante un presunto divieto di minori di 13 anni;
  • Quasi un bambino su cinque tra i 12 e i 16 anni ha speso accidentalmente denaro online.

 

I bambini di tre e quattro anni guardano ancora più la televisione rispetto ai video online, ma il loro consumo televisivo si sta riducendo mentre il loro tempo online è sbalorditivo.

Molti si affollano su YouTube e trascorrono ore a guardare video a misura di bambino come il modo di fabbricare la melma o disegnare animali. Altri cercano video “unboxing” in cui le stelle di YouTube sfornano nuovi prodotti.

Alcuni giovani stanno diventando così ossessionati dalle celebrità di YouTube che li idolatrano come modelli di riferimento, ha affermato il rapporto Ofcom.

Alcuni caricano i loro video, sperando di fare carriera da soli. Disturbingly, molti guardano lo stile di vita dei “vlogger” che perseguono gli hobby e interagiscono con gli amici invece di farlo da soli.

9106626-6642161-Many_new_parents_consider_the_opportunity_to_hand_their_children-a-1_1548720278906.jpg

Molti nuovi genitori considerano l’opportunità di offrire ai loro figli un iPad o un tablet con cui giocare considerandoli essere una manna dal cielo – ma le cifre mostrano che più giovani si stanno allontanando dai vecchi hobby

 

Ofcom ha parlato con un numero di bambini che avevano abbandonato i loro hobby – come disegnare e fare acrobazie in scooter – per guardare film su YouTube.

Un bambino che si è descritto come “molto arty” ha ammesso di aver provato raramente qualsiasi tipo di artigianato, e ha preferito guardare gli altri a essere creativi online.

Alcuni giovani hanno dichiarato di socializzare meno con gli amici, perché uscire di casa era “troppo sforzo” quando potevano interagire con loro online.

“YouTube è stata una caratteristica quasi permanente della vita di molti bambini, utilizzata durante il giorno”, hanno affermato i ricercatori.

Ma molti bambini che vanno online per guardare video innocui si trovano a guardare materiale profondamente inquietante. Spesso incontrano contenuti non adatti per sbaglio, quando cercano qualcos’altro.

A volte cercano semplicemente materiale che sono troppo giovani per vedere. Sono anche guidati da questo algoritmo di YouTube che fornisce loro suggerimenti basati sui loro gusti, ha rilevato Ofcom.

 

9106622-6642161-image-a-96_1548718155196.jpg

 Solo uno su cento dei minori di 5 anni ha uno smartphone, ma a 11 è cresciuto del 35%

I bambini preferiscono YouTube ai servizi televisivi o TV on-demand vecchio stile perché “potevano facilmente accedere esattamente a ciò che volevano vedere e venivano offerti con un flusso infinito di raccomandazioni su misura per i loro gusti”, afferma il rapporto.

Molti dei genitori coinvolti nella ricerca sono rimasti scioccati nello scoprire cosa stavano guardando i loro figli. Due quinti di quelli con bambini dai 5 ai 15 anni temevano che i loro figli fossero sotto pressione per spendere soldi sul web.

La metà era preoccupata per le imprese tecnologiche che raccoglievano troppe informazioni sui loro figli, e circa un terzo temeva che i loro figli vedessero contenuti inadatti o fossero radicalizzati dagli estremisti.

Nonostante queste paure, molti genitori di adolescenti hanno ammesso di avere difficoltà a controllare la quantità di tempo trascorso dai loro figli online.

Secondo il rapporto parte del problema era che i giovani preferiscono guardare i contenuti sul web da soli.

Guardano la TV in diretta come un’attività di famiglia, ma si sentono molto più a loro agio su un dispositivo che possono controllare in privato.

I bambini usano spesso più schermi contemporaneamente, ma le ore che dedicano a ciascuno vengono contate separatamente per la ricerca Ofcom.

Stanno anche utilizzando più profili di social media per progettare un ‘immagine perfetta’ e per evitare il bullismo. Il numero di persone di età compresa tra 12 e 15 anni vittime di bullismo online è quasi raddoppiato dal 5% nel 2017 al 9% l’anno scorso.

I giovani ora usano spesso diversi account per progettare diverse versioni di se stessi in modo che il loro “sé reale” possa evitare lo stigma sociale, afferma il rapporto.

Più della metà dei bambini intervistati ha affermato che i social media presentano un’immagine non realistica, e alcuni ricercatori hanno affermato che i filtri glamour e lusinghieri per renderli più “graziosi” sono stati utilizzati in molti casi. Circa il 20% delle ragazze ha dichiarato di aver bisogno di apparire online sempre “online” rispetto a solo l’11% dei ragazzi.

Il cane da guardia ha scoperto che i bambini dovevano affrontare il bullismo sempre più spesso attraverso servizi come WhatsApp.

La scorsa settimana il padre della quattordicenne Molly Russell ha accusato Instagram per la sua morte, dopo aver visto post sul social network che ha affascinato il suicidio e l’autolesionismo.

Anche la piattaforma YouTube di proprietà di Google è stata messa sotto accusa per consentire jihadisti, attivisti di estrema destra e predicatori di odio.

****************************

Come gli iPad possono ostacolare lo sviluppo

Lasciare che i bambini in età prescolare giochino su iPad e guardino un sacco di televisione può danneggiare il loro sviluppo, hanno scoperto i ricercatori.

Hanno detto che quelli che sono stati esposti maggior tempo sullo schermo all’età di due anni hanno mostrato abilità generali più limitate all’età di tre anni.

I ricercatori, dell’Università di Calgary in Canada, hanno dichiarato: “I media e gli schermi digitali sono ormai onnipresenti nella vita dei bambini.

“Sebbene siano stati identificati alcuni benefici del tempo sullo schermo interattivo di alta qualità, il tempo di schermatura eccessivo è stato associato a deleteri risultati fisici, comportamentali e cognitivi. Lo studio ha esaminato i risultati durante un periodo critico di crescita e maturazione, rivelando che il tempo trascorso sullo schermo può interferire con la capacità dei bambini di svilupparsi in modo ottimale.

“Quando osservano gli schermi, possono mancare importanti opportunità per praticare e padroneggiare le capacità interpersonali, motorie e comunicative.”

Lo studio, pubblicato sulla rivista medica JAMA Pediatrics, monitorava 2.400 bambini.

 

Leggi l’articolo completo in lingua originale qui …

 

Fonte: https://www.dailymail.co.uk/

 

®wld

Noi non siamo manichini

Lascia un commento

  

PhoneGate, lo scandalo dei cellulari fuori legge (ritirati dal mercato). Ecco la lista incriminata. Marc Arazi: “Quante sono le vittime?” – ESCLUSIVA OASI SANA 

 

di Maurizio Martucci 

 

Limiti soglia superiori ai livelli regolamentati. L’affondo: “Miliardi di consumatori sono stati consapevolmente fuorviati sui reali limiti di esposizione alle onde elettromagnetiche nell’utilizzo dei cellulari a contatto col corpo, tenuti in tasca, in mano o nel reggiseno”. Il più grosso scandalo al mondo sull’irradiazione irregolare emessa da Smartphone e telefoni cellulari si chiama PhoneGate. E’ scoppiato in Francia nel 2017 dopo l’avanzata delle ricerche di Marc Arazi, battagliero medico transalpino che nei giorni scorsi in Polonia, nel 3° Forum Internazionale “Protezione dell’ambiente dall’inquinamento delle radiofrequenze”, ha presentato nella sede municipale di Cracovia i dati di un clamoroso scandalo di portata mondiale, clamorosamente ignorato dalla stampa italiana. Sostiene Arazi: “Per più di 20 anni i produttori potrebbero aver messo sul mercato telefoni cellulari rischiosi per la salute e la sicurezza degli utenti. Diverse centinaia di milioni di modelli di cellulari e Smartphone di Apple, Samsung, Nokia, Alcatel, LG, Huawei, Sony, HTC, Motorola, Blackberry hanno fatto registrare valori preoccupanti”. Per Arazi, tutto è cominciato così. Pochi anni fa: “I risultati complessivi mostrarono che il SAR per il tronco e le estremità di 9 telefoni su 10 era superiore al valore limite quando i telefoni sono stati testati a contatto con il corpo. Alcuni telefoni cellulari hanno superato da 3 a 4 volte i valori limite”.

 

 

La querelle si riferisce ai valori SAR, ovvero ai limiti di emissione elettromagnetica stabiliti dall’’Unione europea e condivisi in quasi 150 paesi al mondo, concordati sulla base delle raccomandazioni della ‘Commissione internazionale sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti’ (ICNIRP). Si tratta – come spiego nel mio ultimo libro d’inchiesta “Manuale di autodifesa per elettrosensibili” (Terra Nuova Edizioni) – dell’unita di misura individuata per lo standard di sicurezza del telefono cellulare, creato su un limite soglia dedotto empiricamente dagli effetti termici, stabilito cioè non sulla possibile reazione umana registrata al momento dell’impatto con l’elettrosmog, ma sull’analisi di un campione di manichini riempito di gel, i phantoms, i cosiddetti fantasmi, che mimerebbero il punto di surriscaldamento registrato sulla materia vivente (ma noi non siamo manichini!) 

 

Infatti il SAR (specific absorption rate, cioè l’indice di assorbimento elettromagnetico di un tessuto stimato in 2W/Kg in Europa, generalmente indicato nelle istruzioni allegate a un telefono cellulare al momento dell’acquisto) è stato calcolato proprio in simulazioni di laboratorio, durante obsoleti e inadeguati test con fantocci imbottiti di una sostanza gelatinosa: un campione per altro non rappresentativo quanto a categorie di peso, altezza e capacita dielettriche dell’organismo umano e dei fluidi di un ‘cervello vivo’, non riproducibili con materiali sintetici. Questo perché l’Organizzazione Mondiale della Sanita non ha ritenuto doveroso considerare esami di tipo biologico in grado di investigare sui possibili effetti genetici ed epigenetici dovuti all’esposizione elettromagnetica, evidenziati invece nei risultati scientifici di 833 studi censiti da Henry Lai dell’University of Washington. Lo stesso Arazi, chiarisce: “Gli standard di controllo per la SAR non sono un metodo affidabile per determinare il livello di radiazione semplicemente perché la distanza alla quale il tronco SAR e le estremità del corpo sono misurate non è realistica”. 

 

“Il limite SAR è di 2,0 W / kg in media su 10 grammi di tessuto umano per 6 minuti di esposizione alla testa, al tronco e agli arti” – al cospetto di numerosi ricercatori e scienziati, ha detto a Cracovia Arazi, mostrando la presentazione che OASI SANA riporta in esclusiva per il pubblico italiano – “Per l’esposizione dell’intero corpo, la soglia SAR cosiddetta ‘corpo intero’ è di 0,08 W / kg, media per tutto il corpo. Negli Stati Uniti, in Canada e in altri 17 paesi, la Federal Communications Commission (FCC) ha richiesto dal 1998 che i telefoni commercializzati adottassero un livello SAR inferiore a 1,6 watt per chilogrammo (W / kg) in media su 1 grammo di tessuto umano per 6 minuti di esposizione per la testa e il tronco e 30 minuti per gli arti”.

 

Ebbene, in Francia nel 2015 l’Agenzia nazionale delle frequenze (ANSES) testò i cellulari disponibili sul mercato, evidenziando come su 95 telefoni cellulari, acquistati a campione dai negozi di vendita regolarmente autorizzati, ben l’89% faceva registrare un tasso di assorbimento specifico (SAR) superiore a 2,0 W / kg, ovvero con il 25% del valore SAR superiore addirittura al doppio, a ben 4,0 W / kg. Inoltre, contrariamente all’ingaggio di un’informazione trasparente per il consumatore, le istruzioni operative allegate nella scatola d’acquisto del 25% dei telefoni testati non indicavano nemmeno una distanza minima di sicurezza da dottare per l’utilizzo.

 

Da qui l’azione intrapresa dall’Organizzazione non governativa PhoneGate Alert, guidata proprio da Marc Arazi, che ha invitato l’ANSES ad “indicare se questi superamenti dei valori SAR registrati tra il 2012 e il 2016 possono causare effetti sulla salute ” e studiare in particolare le conseguenze per i bambini poiché ” possano essere più esposti degli adulti”. Le tappe dello scandalo PhoneGate portano impressi i medi dell’anno corrente: 

 

Ad Aprile 2018 la svolta. In Francia inizia il ritiro dal mercato dei primi 100.000 telefoni cellulari irregolari (Hapi 30, fabbricato da MOBIWIRE e commercializzato in Francia da Orange);  

• Il 29 Maggio 2018 tocca ai telefoni NEFFOS X1 TP902 importati dalla società TP-Link France, mentre l’ANFR annuncia di aver richiesto l’aggiornamento di tre telefoni dei marchi Alcatel PIXI 4-6, Eco Star Plus e Huawei Honor 8.

• Il 26 Luglio 2018 sempre ANFR dichiara che, dai riscontri effettuati, altri due modelli di telefoni cellulari superano il limite SAR, si tratta del Wiko Tommy2 (versione di Bouygues Telecom) e del Sense F23. 

• Lo scandalo acquista dimensioni mondiali: il 27 Luglio anche in Canada vengono ritirati dal mercato altri modelli di Smartphone risultati fuori soglia e il governo vieta la distribuzione dei modelli Alcatel U 50 per il superamento delle soglie di emissione normativa.

 

Il problema, ha poi spiegato Arazi nel forum polacco, è “l’assoluto fallimento delle normative e dei mezzi di controllo internazionali. In Europa, solo pochi paesi tra i quali Francia e Olanda, esercitano il controllo post-mercato. A fronte dei miliardi di euro introitati dalle vendite annuali di telefoni cellulari in Europa, la Francia spende in media 130.000 euro l’anno per il controllo di appena 70 modelli. In realtà, per tutti gli altri strumenti Hi-Tech non viene effettuato alcun controllo, vale per Tablet, Laptop e altri apparecchi wireless”.

 

 

Ma non finisce qui, perché il 28 Giugno 2018 l’associazione Phonegate Alert organizza a Parigi una conferenza stampa per chiedere il ritiro di più di 250 modelli dai mercati di Francia e in Europa (quindi, in Italia molti di questi modelli sono attualmente in vendita regolare). L’elenco dei marchi incriminati secondo Arazi, include le versioni di telefoni cellulari più utilizzati al momento (tra i quali almeno 34 modelli Samsung, 19 della LG, 14 della Wiko, 12 di Nokia, 10 di Huawei, 9 di HTC e di 5 Apple. “La pietosa reazione delle autorità europee – insiste Arazi – è stata quella di rivendicare il principio di segretezza in favore delle aziende produttrici, ovvero la clausola di riservatezza inclusa nell’articolo 5 della direttiva comunitaria 2014/53/UE, valido per tutte le apparecchiature a radiofrequenza e a rischio per la salute umana, ovvero telefoni cellulari, Tablet, computer e giocattoli wireless per bambini”. La domanda, allora, è presto fatta nell’interrogativo del Presidente di PhoneGate Alert: “Quante vittime ci sono già a causa di questa sovraesposizione acuta e cronica ai telefoni cellulari?”

 

Secondo Gilles Brégant, direttore generale dell’ANFR, la SAR di tutto il corpo è “non adatta ai dispositivi mobili, è la stima dell’esposizione per una fonte che è relativamente lontana e che inonderà l’intero corpo, ad esempio un’antenna”. Nuove frequenze (4G e presto pure il 5G) sono certamente più potenti e penetranti. “La ricerca scientifica è sempre in ritardo nell’analisi degli effetti sulla salute delle nuove tecnologie”, conclude Arazi. Ma anche i mezzi d’informazione non scherzano: in Italia l’opinione pubblica è totalmente all’oscuro degli inquietanti dati emersi da PhoneGate, ma soprattutto i cittadini-consumatori restano ignari dei reali livelli d’emissione elettromagnetica, la pericolosa irradiazione prodotta da cellulari, Smartphone, Tablet e Lim di uso comune, soprattutto tra i giovani, le fasce più a rischio e potenzialmente vulnerabili.

 

Riproduzione consentita, citando autore e fonte 

 

Fonte: https://oasisana.com/  

 

®wld

Nda, ho pubblicato questo articolo perchè ancora oggi sono alla ricerca di cosa abbia ucciso mia moglie, e forse qualche relazione potrebbe esserci con l’uso del telefono cellulare, cellulare (Motorola) che nell’anno 1998 regalai a mia moglie in occasione del nostro anniversario di nozze: 

Mia moglie (55 anni) è deceduta nel 2006 dopo quattro anni per un oligodendroglioma di secondo grado (un tumore celebrale infiltrante come un blob che si annidava tra i gangli del cervello, il continuo della disavventura e nefasta fine della mia amata continua QUI, alla fine di un articolo pubblicato in data 20 agosto 2015 che vertiva sulla tossicità dei Radio/Chemio terapici, usati e applicati come protocolli dalla medicina.