Home

E se l’evolversi della guerra servisse ad altro ad esempio, coprire l’ecatombe ormai prossima dei morti da vaccino?

Lascia un commento

dammilamanotidounamano Scritto il

Come sa bene chi segue i post del blog io non credo al caso, ma credo fortemente a quello che potrebbe benissimo essere definito come un nuovo “casus belli” il quale potrebbe essere scatenato per coprire ben altro teatro e quale migliore occasione per coprire le malefatte fatte in precedenza e da cui ci si aspetta che la gente muoia, coprendo il tutto con una scena apocalittica di guerra, nel malaugurato caso in cui la guerra si tramutasse in una guerra nucleare.

Altro fattore differente dal precedente, avente però lo stesso fine ultimo, è dato dal fatto che chi gestisce il mondo sa che in questo momento si è aperta una nuova “opportunità” ovvero una “finestra” di opportunità che rende realizzabile l’altrimenti irrealizzabile, se a questo poi vi si somma che, l’élite da decenni ha deciso il realizzarsi del depopolamento mondiale, ciò fa scopa con quanto inizialmente ipotizzato. Vi ricordo quel che diceva un noto politico italiano ormai passato a miglior vita: a pensare male si dice sia peccato, ma il più delle volte ci si azzecca! Con questo non voglio dire che ho ricevuto una informazione riservata top segret, no di certo! Ma abituato come sono a leggere quel che non a tutti è dato leggere tra le righe, ho solamente voluto esporre una variante alla narrativa attuale, secondo me, assolutamente da non prendere sottogamba.

Ascoltate ora attentamente cosa dice Cingolani il 13 febbraio dello scorso anno a un meeting, di cui due sono le asserzioni da questi fatte alle quali peraltro sembra essere d’accordo, asserzioni queste che devono per via di forza maggiore far riflettere ognuno di noi. La prima è che secondo lui “Il pianeta è progettato per 3 miliardi di persone”, mentre la seconda asserzione, assurda come la prima, è che “L’essere umano è un parassita perché consuma energia senza produrre nulla“.

Ora riguardo la primma asserzione, non so voi, ma per quanto mi riguarda il primo pensiero è stato “vuoi vedere che Cingolani conosce il Padreterno, il quale ha spiegato lui fin dove può spingersi l’umanità e il limite dato a questa di progredire?” per quanto riguarda invece la seconda asserzione, è che “probabilmente Cingolani pensa che nella vita tutti siano magnati, prelati e politici o al peggio militari, questi si che non hanno mai prodotto nulla di utile nella loro vita mentre con evidenza, ognuno di loro consuma si energia ma senza produrla per se né per gli altri”. Se questo non è un modo “bacato” di pensare, non so proprio cosa altro sia!

Nessuno tra i civili in tutta Europa vuole la guerra e questo tra le Nazioni ricche come quelle povere, solo che la gente comune, pur mettendo in delega i propri voleri presso i governanti, essendo i governanti tutto tranne che gente libera (spero almeno di questo che ve ne siate accorti), sono poi i governanti e chi a loro volta poi li manovra, a decretare il destino dei popoli nel bene come nel male.

Ora non chiedetemi perché, visto che il primo a non saperlo sono proprio io, chiamiamola tutt’al più intuizione, ma visto che Kl*aus Sc*hwab, asserisce di aver istituito una scuola per gestire i leader mondiali del futuro, questo per sostituirli con soggetti a lui fedeli, tra i quali annovera a suo dire anche Putin e grazie ai quali, sarà lui possibile gestire dopo averlo ideato il Gran Reset.

Avere oggi forti dubbi nel futuro delle Nazioni per come le conosciamo, non solo è doveroso, ma appare per i “rari” soggetti pregni tuttora di intelletto che, per quanto li riguarda, diventa molto importante e conseguentemente lecito valutare, ciò che poi per alcuni non è ritenuto lecito o schizzerebbero fuori dagli armadi i scheletri lì celati! Praticamente i discorsi o meglio gli sproloqui, che vengono orditi da gente che si è bevuta il cervello, come quella che si riunisce annualmente in veri e propri deliri di onnipotenza, il tutto e tutti sotto l’elgida del WordEconomicForum.

Visto che l’informazione in Italia è quella che è, e non si può pretendere di più da una Nazione classificata al mondo come 41ª per libertà di stampa, dove pseudo-giornalisti non è la prima volta che mostrano immagini tratte da video game spacciandole per reali, immagino nessuno avrà da ridire se anche io espongo una immagine grafica in tal senso, dove almeno l’autore ci mette oltre che la fantasia per disegnare in sezione un posto nel quale è facile ipotizzare non sia mai entrato, se non altro ci mette la faccia firmandosi con nome e cognome.

Fonte: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

®wld

Il successo del vaccino Covid

Lascia un commento

https://video.newsserve.net/v/20200917/2009172023-Trump-challenges-CDC-director-vaccine-timeline_hires.jpg

Come CDC/OMS falsificherà gli effetti del vaccino COVID per farlo sembrare un successo   

di Jon Rappoport

Far sembrare un vaccino un campione non è difficile per le agenzie di sanità pubblica. Esistono numerose strategie.

Naturalmente, queste strategie fraudolente sarebbero crimini gravi. Ma quando questo ha fermato il CDC o l’Organizzazione mondiale della sanità?

Senza un ordine particolare–

UNO: rielabora la definizione di “caso COVID”. Attualmente, il CDC consente assurdamente ai medici di diagnosticare una persona con COVID che ha tosse, brividi e febbre e vive in un’area in cui vengono rivendicati casi. Nessun test necessario.

Quindi cambia questa pratica, una volta approvato il vaccino. Test della domanda per una diagnosi. Afferma che la tosse da sola non è sufficiente. Devono essere presenti anche brividi e febbre. Richiedi che la febbre sia superiore a 100.

Queste e altre modifiche ridurrebbe automaticamente il numero di casi. Il calo dei numeri sarebbe attribuito al vaccino.

Questo “restringimento definitivo” è stato, infatti, applicato negli anni ’50, dopo l’introduzione del vaccino antipolio.

DUE: Ordinare una modifica nel modo in cui viene eseguito il test diagnostico PCR. La pratica di amplificare il campione di prova originale dal paziente avviene in cicli o salti. Maggiore è il numero di cicli, maggiore è la probabilità che il test dia luogo a una diagnosi COVID. Pertanto, ordina un numero ridotto di cicli per tutti i laboratori di prova.

Risultato? Meno diagnosi COVID. Meno numeri di casi. “Il vaccino funziona.”

TRE: Limita tranquillamente l’attuale pratica ospedaliera di scrivere arbitrariamente “COVID” sui casi dei pazienti e sui file di morte.

QUATTRO: Prepara e pubblica falsi studi che mostrano che sempre più persone stanno sviluppando l’immunità al virus. Attribuiscilo al vaccino.

CINQUE: Un altro tipo di falso studio: “la trasmissione del virus da persona a persona sta rallentando, grazie al vaccino”.

SEI: Aumenta il successo del rilascio dei certificati di immunità dopo la vaccinazione. “Le persone si sentono più sicure adesso. Altre attività stanno riaprendo …”

SETTE: Usando la stampa conforme, rilascia semplicemente dichiarazioni calve che il vaccino è un successo.

OTTO: Nascondi i molti casi di lesioni e morte causati dal vaccino. Quando necessario, rivendicare COVID era la causa.

NOVE: avverti che la meravigliosa immunità derivata dal vaccino non è permanente e sono necessari frequenti richiami.

DIECI: Rielabora la definizione di “immunità acquisita da vaccino”. Anche una risposta anticorpale molto debole dall’iniezione si qualificherebbe come “immunità protettiva”.

UNDICI: un numero enorme di persone con malattie simili all’influenza, polmonite e altre infezioni polmonari tradizionali vengono chiamate “COVID”. Cambia questa pratica. Torna a chiamare molte di queste persone “influenza”, “polmonite”, ecc. I numeri dei casi COVID diminuiranno. Afferma che la caduta è l’effetto del vaccino.

DODICI: Attualmente, milioni di cosiddetti casi COVID hanno “co-morbilità”. Queste sono condizioni di salute precedenti gravi che sono, infatti, le vere cause di malattie e morte. Ovviamente questo è negato. Ma dopo che il vaccino è stato introdotto … ridimensionare la pratica di contare tutti questi pazienti co-morbosi malati e deceduti come “COVID”. Il numero di casi e decessi diminuirà. Affermare che il vaccino è il motivo.

TREDICI: Dopo l’introduzione del vaccino, rallenta i test per un breve periodo. Ciò ridurrà automaticamente il tasso di nuovi casi. Attribuire il declino al vaccino.

Commettere questi crimini è una passeggiata nel parco per le agenzie di sanità pubblica.

E nominare portavoce ufficiali per portare bugie al pubblico è facile come addestrare il piccolo Faucis a sedersi e abbaiare.

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/

***************************************

Ecco cosa pensano i medici quando non sanno di essere ripresi

®wld 

Quello strano dossier segreto di Forza Italia

Lascia un commento

1c237df4ef745d0162a64795fd7aeac3

Covid-19. Quello strano dossier ‘segreto’ di Forza Italia fatto trapelare da ‘La Stampa’

 

di Francesco Santoianni

 

Ha gelato il sangue nelle vene di chi lo ha letto” assicura Il Giornale. Che così presenta il dossier riservato, elaborato da una famosa agenzia di ricerche, consegnato ai vertici di Forza Italia: “Covid-19, seconda ondata a inizio 2021: catastrofe al Sud. Gli effetti saranno devastanti. Lo scenario è da incubo, persino peggio dell’inferno dal quale stiamo uscendo”.

 

Ma quale sarebbe questa “famosa agenzia di ricerche”? Su cosa basa un così inedito e drammatico scenario? E, soprattutto, perché questo dossier non è stato ancora consegnato al Governo ma – assicura il Giornale (proprietà di Berlusconi) – discusso solo con “i governatori di centrodestra del sud per analizzare la situazione e prendere le necessarie contromisure”. In attesa di saperlo, diamo una occhiata all’unica riga dell’articolo che lascia trapelare un punto esposto nel dossier: “E se nel 2020 la morte arrivava da Est, stavolta il Covid-19 colpirà dall’Africa e dalle Americhe.” Già da questo si può dedurre che il dossier commissionato da Forza Italia ha la stessa attendibilità del Calendario di Frate Indovino.

Una ennesima bufala da archiviare? Meglio porsi prima una domanda: quali motivi avrebbero spinto Forza Italia a far trapelare, dapprima su La Stampa, un documento così ansiogeno?

Una risposta può essere suggerita riflettendo sulle conseguenze politiche dell’epidemia che, registrando il bilancio più tragico in Lombardia, Veneto e Piemonte, (regioni governate dalla Lega) rendono improponibile il recondito obiettivo di Salvini: staccare da una Italia, additata come inefficiente e sprecona, le sue regioni più ricche. Obiettivo ora apertamente contrastato anche da Confindustria anche perché la crisi che attanaglia le aziende del nord condannerebbe queste ad essere rapidamente fagocitate dal capitale tedesco.

Il dossier segreto di Forza Italia (che fa da pendant con un analogo catastrofico scenario prospettato nel “Piano segreto” del ministero della salute, trapelato, guarda caso appena qualche giorno fa), si direbbe muoversi in questo panorama. E appare essere un minaccioso avvertimento (del PD e di Berlusconi) verso Salvini e i suoi governatori: invece di chiuderla subito (magari con il commissariamento delle Regioni Lombardia e Veneto) questa faccenda Covid-19, possiamo tenerla in vita a lungo – ad esempio prospettando una catastrofica riproposizione dell’epidemia – e orientarla in un senso o nell’altro grazie ai nostri media; tu, intanto, datti una regolata e rientra nei ranghi imposti dall’Unione Europea.

Fantapolitica? Di certo le già numerose inchieste giudiziarie – incredibilmente, rivolte solo contro la Regione Lombardia – in assenza di un persistente allarme epidemia rischierebbero di essere percepite come una sorta di manovra di palazzo contro la quale scendere in piazza.

Fantapolitica? Dipende se queste inchieste giudiziarie dureranno dopo che (anche) Salvini avrà accettato la stipula del nuovo MES.

P.S. Sulle già numerose indagini indirizzate SOLO contro la Regione Lombardia, ora santificate dall’OMS, sarà il caso di ritornarci.

 

Fonte: https://www.lantidiplomatico.it/

 

®wld

Almanacco di gennaio 2019

Lascia un commento

Project Soli(tudine)

 

Di Fiorenzo Fraioli

 

Questa dittatura distopica viene presentata dagli avatars del M5S come “Nuova Cittadinanza Digitale”: una cosa tanto figa quanto inevitabile, la versione tecnologica del There Is No Alternative. E così sono contento di essere diventato vecchio perché morirò prima di essere costretto a vivere in un mondo in cui, al condizionamento già presente da tempo, ma al quale sono riuscito (quasi) sempre a resistere, si aggiungerà anche il controllo, ancora più pervasivo.

 

L’anello di raccordo di questa, come di altre tecnologie hardware e software, è il protocollo IPv6 basato sull’uso di indirizzi IP a 128 bit. Un indirizzo IPv6 a 128 bit è anche chiamato UUID (Universal Unique IDentifier) oppure GUID (Global Unique IDentifier) una cosa che noi programmatori usiamo da tempo per generare chiavi indice uniche per la gestione dei database. Seguite questo link per un generatore online di guid. Continua QUI

 

***********************

 messora mazzucco chiesa fusaro

Chiesa, Mazzucco, Messora, Fusaro: quante verità oscurate

«È la stampa, bellezza. E tu non puoi farci niente». Lo dice uno straordinario Humphrey Bogart alla fine del film “Deadline” di Richard Brooks (in italiano, “L’ultima minaccia”). Era il 1952: una profezia. Ancora oggi, ufficialmente, le Torri Gemelle sono crollate per colpa dell’impatto con aerei dirottati.

La “demolizione programmata” è stata ormai dimostrata da oltre duemila architetti e ingegneri, eppure per l’11 Settembre la “verità” resta quella palesemente falsa. Grazie a chi? Ai media mainstream, che spacciano “fake news” governative. Il primo a denunciarlo, riguardo al caso delle Twin Towers, in Italia fu Giulietto Chiesa, con il libro “La guerra infinita”, uscito nel 2003 per Feltrinelli (e vendutissimo, nonostante il silenzio di giornali e televisioni).

Ebbe più fortuna mediatica qualche anno dopo Massimo Mazzucco, con il suo esplosivo documentario “Inganno globale”, trasmesso da Mentana in prima serata a “Matrix”, su Canale 5. Un’eccezione, mai più ripetuta. «Arrivato a La7 – dice Mazzucco – Mentana poteva essere “il primo degli ultimi”, dando voce agli esclusi, e invece ha scelto di restare “l’ultimo dei primi”, accodandosi all’ufficialità». In compenso, ormai l’opinione pubblica più disincantata è letteralmente esplosa: milioni di persone, anche in Italia, la verità ufficiale non se la bevono più. Continua QUI

***********************

 

 trumpcovers-768x646.jpg

Tutte Storie

 

di Massimo Lupicino

Claas Relotius, reporter dello Spiegel, era il ragazzo prodigio del giornalismo europeo: “Migliore Reporter Tedesco” nel 2013 e 2016, “Giornalista dell’Anno” per la CNN nel 2014, nel 2017 vince il Premio Europeo “Distinguished Writing Award” per “La storia di Ahmed ed Alin”, due bambini siriani in fuga da Aleppo a causa del perfido Assad. Una storia rivelatasi piena di falsità, persino nella sua declinazione successiva, fatta di ulteriori articoli in cui il giornalista-prodigio, indossate le vesti del filantropo, descrive i suoi tentativi (mai esistiti) di aiutare i bambini in questione.

Il fatto è che il Relotius di bufale ne ha fabbricate tante. Almeno 14 gli articoli già accertati come falsi. E non si parla di inesattezze o di orpelli giornalistici, ma di invenzioni di sana pianta. Come la storia/intervista del prigioniero detenuto “ingiustamente” a Guantanamo: una storia totalmente inventata, a fronte di una intervista mai nemmeno fatta. Continua QUI

***********************

 

ivo-caizzi-e1546940845206

IL CORRIERE HA SPARATO FAKE NEWS. LO DICE UNO DEL CORRIERE.

 

di Maurizio Blondet

Ivo Caizzi è il corrispondente da Bruxelles per il Corriere della Sera. In un esposto al Comitato di redazione del suo giornale e a tutti i colleghi  (lo postiamo in fondo),  rivela e spiega come

 

  • Il direttore abbia sparato in prima pagina, il 1 novembre, che contro il governo italiano “era pronta una procedura d’infrazione UE” che invece Caizzi sapeva (ed aveva riferito al giornale)  non esisteva, anzi era tecnicamente impossibile. “Si può aprire la prima pagina del Corriere ccon una “notizia che non c’è” del genere?”, domanda Caizzi ai colleghi.
  • E spiega come la direzione ribaltasse o sminuisse o nascondesse le notizie vere che lui, Caizzi, mandava da Bruxelles, allo scopo evidente di far apparire l’Italia sotto accusa, in  trincea, isolata e in pericolo di punizioni  – un clima  di tragedia che  ha danneggiato le quotazioni del debito italiano, ma che  lui, presente ai fatti, non constatava.
  • Ad esempio, Caizzi spiegava come  “i governi più influenti, Francia e Germania, avevano incaricato di mediare un compromesso con l’Italia – sulla manovra – il presidente dell’Eurogruppo Centeno, che guida l’organo politico che di fatto decide sull’eventuale procedura d’infrazione”,  quindi che la UE aveva scelto la politica del dialogo, e  Il Corriere titolava “La mediazione nell’Eurogruppo per evitare il “processo”  all’Italia”,  come se il processo fosse davvero imminente.
  • Caizzi spiega (e spiega anche a noi adesso) che manda un articolo in cui Moscovici smentisce “le anticipazioni sulla procedura contro l’Italia da parte della Commissione Ue, che anzi Moscovici le bollava come “fake news” e indicava come prioritaria la linea del “dialogo, dialogo, dialogo” con Roma.
  • Caizzi ripete in vari articoli che effettivamente c’è la trattativa fra Italia ed UE, ed è tutt’altro che uno scontro sotto minaccia di procedura d’infrazione..
  • – e il direttore Fontana li pubblica sì, ma all’interno, mentre dà “con risalto” massimo ed “ampio spazio”,   un retroscena che fa apparire Tria isolato e solo davanti ai 18 paesi euro ostili.  Titolo: “la trincea del ministro [Tria] isolato nel confronto con i 18 paesi euro”

 

Continua QUI

 

***********************

 

proxy.duckduckgo.com

 

Beppe Grillo contro gli anti-vaccinisti

Ragazzi, questa notizia è di oggi. Io ve la rilancio, ma sinceramente non ce la faccio a commentare. Fate voi. di Massimo Mazzucco

 

(da Repubblica.it)

 

Beppe Grillo e Matteo Renzi hanno firmato un patto trasversale per difendere la scienza dalle divulgazioni di ciarlatani e pseudoscienziati. A promuoverlo è il noto virologo Roberto Burioni. Che sul suo sito scrive: “Oggi è successa una cosa molto importante: Beppe Grillo e Matteo Renzi hanno sottoscritto (insieme a molti altri), un patto a difesa della scienza. Perché ci si può dividere su tutto, ma una base comune deve esserci. La scienza deve fare parte di questa base. Perché non ascoltare la scienza significa non solo oscurantismo e superstizione, ma anche dolore, sofferenza e morte di esseri umani”. Continua QUI

 

***********************

 

banner-1

A Carnevale ogni idiota vale… Grillo-il-coerente, Burioni-l’umile e Renzi-il-genio

 

di Marcello Pamio

 

Il fustigatore dei cattivi, il finto guru della blue economy, l’ideatore del Vaffa, il garante del Movimento 5 stelle ha ricevuto l’illuminazione sulla strada di Genova.

Giuseppe Pietro Grillo, dopo i bagordi delle festività e dopo l’Epifania (etimologicamente appunto «apparizione» e «manifestazione») ha compreso che la Scienza, quella con la esse maiuscola, va difesa a spada tratta.

Per fare questo, essendo carnevale, ha tolto la sua maschera per indossarne subito una in tema e si è messo a braccetto con coloro che ha sempre criticato e attaccato.

«Mi impegno – ha proclamato il diversamente-coerente – a non sostenere o tollerare in alcun modo forme di pseudoscienza e/o di pseudomedicina che mettono a repentaglio la salute pubblica».

Basterebbe rivedere i suoi video passati per capire che gli è accaduto qualcosa di grave.

Si può sempre, per amor di dio, cambiare idea, ma in questo caso Grillo ha cambiato anche il DNA…

Quindi l’ex comico ha sottoscritto il «Patto per la Scienza», già firmato dall’ex premier Matteo Renzi e dal virologo Roberto Burioni. Continua QUI

***********************

 

immagine

NEO – Lobotomizzato: segretezza e “dis-illuminazione”

GordonDuff, redattore capo

 

di Gordon Duff, VT ​​Sr. Editor, … con NewEastern Outlook, a Mosca

Quando entriamo nel 2019, una cosa sopra ogni altra è chiara, i meccanismi dell’impegno umano, dell’educazione, dei media e delle informazioni, anche quello che passa per contatto umano attraverso i social media e la posta elettronica, sono tutti sottoposti a “algoritmi”, qualunque essi siano.

È stato Snowden a portarlo alla nostra attenzione, da parte del Guardian nel 2014:

“Sempre più, non siamo osservati dalle persone ma dagli algoritmi. Amazon e Netflix tengono traccia dei libri che acquistiamo e dei film che trasmettiamo e suggeriamo altri libri e film basati sulle nostre abitudini. Google e Facebook guardano ciò che facciamo e ciò che diciamo e ci mostrano annunci pubblicitari in base al nostro comportamento.

Google modifica anche i risultati della ricerca Web in base al nostro comportamento precedente. Le app di navigazione per smartphone ci guardano mentre guidiamo e aggiornano le informazioni suggerite sul percorso in base alla congestione del traffico. E l’Agenzia per la sicurezza nazionale, ovviamente, monitora le nostre telefonate, e-mail e luoghi, quindi usa queste informazioni per cercare di identificare i terroristi. ” Continua QUI in lingua inglese.

 

***********************

 

 weather-changes

Tim Ball: nella propaganda del clima, la norma viene promossa come anormale

 

Inserito da: Dr. Tim Ball 

 

Quasi ogni giorno ci sono storie sui media su eventi climatici o climatici che creano l’impressione di essere nuove e al di fuori del normale schema. Nessuno di loro lo sono. Sono inganni creati e manipolati da tecnocrati. L’obiettivo è sensazionalizzare la storia, utilizzando un periodo di registrazione che fornisce il risultato desiderato. È nella pratica della politica moderna definita da HL Mencken alcuni anni fa.

“L’obiettivo generale della politica pratica è di tenere la popolazione allarmata, e quindi clamorosa, di essere condotta alla sicurezza, minacciandola con una serie infinita di hobgoblin, tutti immaginari”.

Un semplice trucco con un clima hobgoblin è scegliere un periodo in cui il tuo reclamo è valido.

Il primo esempio importante e classico è stato presentato nel capitolo 8 del rapporto Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) del 1995. Hanno mostrato come prova del riscaldamento causato dall’uomo un grafico della “temperatura superiore dell’atmosfera“. Continua QUI in lingua inglese 

 

***********************

 

 cellphone-tower-mobile-phone

I veicoli Ford dispiegheranno la tecnologia del cancro al cervello con il 5G nei veicoli entro il 2020, friggendoti il cervello mentre guidi

di: Isabelle Z.

(Natural News)

Ford ha annunciato che distribuirà la tecnologia di veicolo-a-tutto (C-V2X) cellulare in tutti i suoi nuovi modelli di auto americani a partire dall’anno 2022 in poi. La tecnologia consentirà ai veicoli di comunicare tra loro e alle infrastrutture di gestione del traffico come i semafori. I pedoni avranno anche la possibilità di trasmettere le loro posizioni alle auto, aumentando apparentemente la sicurezza di escursionisti e ciclisti.

Il produttore di automobili afferma che sarà utile per situazioni come le soste a quattro vie, consentendo ai veicoli di comunicare tra loro su chi ha il diritto di precedenza. Potrebbe anche essere utilizzato per veicoli che sono coinvolti in incidenti per dare all’avanzamento dei veicoli lo stato di avanzamento della situazione in modo che possano evitare il pericolo. I semafori, nel frattempo, sarebbero in grado di inviare segnali di guida per avvisarli quando stanno per diventare rossi o verdi o per fargli sapere se stanno per eseguire un semaforo rosso.

In un post Medio che annunciava la mossa, la Ford Connected Vehicle Platform e il direttore esecutivo del prodotto Don Butler esprimevano l’entusiasmo di Ford per la tecnologia, ma non ha menzionato l’enorme svantaggio di tutta questa connettività.

Butler ha scritto che il tempismo dello sforzo era “perfetto” alla luce della spinta dell’industria cellulare per la costruzione di reti 5G, ma quale prezzo pagheremo tutti per questo? Per tutte le sue maggiori velocità e connettività, il 5G potrebbe mettere a serio rischio la nostra salute. Continua QUI in lingua inglese

®wld  

Come l’accedere alle informazioni può far rompere il videogioco alla élite

1 commento

internet272_01_small

Wikipedia Commons 

L’accesso alle informazioni ha guidato l’originale rivoluzione nordamericana alla fase finale ora in corso …  

di Tim Ball

Maggio 18, 2018

from Technocracy Website

Filosofo elisabettiano e scienziato, le idee del visconte Francesco Bacone (1561-1626) sono considerate le prime basi della scienza moderna.

Forse il suo commento più noto, “La conoscenza è potere”, è più vero oggi di quando lo disse 400 anni fa. Per quasi tutto il tempo, l’élite del potere controllava le informazioni e quindi controllava le persone.

Ho parlato prima dell’attuale situazione politica negli Stati Uniti come fase finale della rivoluzione americana. Per la seconda volta nella storia degli Stati Uniti le persone hanno trovato un modo per superare il controllo delle informazioni.

Questa capacità ha segnato l’inizio e ha promosso il successo della rivoluzione. Ora, segna la fase finale e garantisce la continuità della rivoluzione.

Tuttavia, come ha detto Benjamin Franklin quando gli è stato chiesto se durante i negoziati si erano stabiliti per una repubblica o una democrazia, ha risposto,

una repubblica, se puoi tenerla …

Le persone ora hanno accesso alle informazioni, se possono tenerle.

Nel corso dei 400 anni, vari tentativi da parte della popolazione di rovesciare l’élite del potere fallirono. La rivoluzione francese, come Macron sta imparando, non ha cambiato nulla.

Il grado del fallimento è dato dal fatto che Giscard D’Estaing divenne presidente perché la famiglia Giscard acquistò la porzione D’Estaing da una famiglia nobile estinta.

Le parole ‘de’ o ‘d’ ‘in un nome francese sono un segno del patrimonio aristocratico . Pochi erano più arroganti e dominarono sul popolo di Charles de Gaulle.

Lo stesso è vero in Inghilterra. Oliver Cromwell eseguì Carlo I nel 1649, ma suo figlio Carlo II fu restituito al trono solo 11 anni dopo, nel 1660.

Marx non ha mai pensato che sarebbe avvenuta una rivoluzione in Russia. Aveva ragione, Putin è solo un altro zar.

Allo stesso modo, in Cina, l’attuale Presidente Xi Jinping, con il suo cambiamento delle regole per permettergli una Presidenza permanente, è solo un altro Imperatore.

Le persone, in particolare persone come John F. Kennedy, acclamano la Magna Carta come un documento rivoluzionario nel progresso della libertà della gente. Non lo era.

Era un piccolo gruppo di élite del potere che controllava la maggior parte della terra dicendo al Re che non li stava trattando correttamente.

Le persone di nuovo nelle loro proprietà erano servi della gleba, essenzialmente schiave del proprietario. Molte di queste terre sono ancora controllate da una manciata di persone.

Una storia del 2010 nel Daily Mail dice:

Più di un terzo della terra britannica è ancora nelle mani di un piccolo gruppo di aristocratici, secondo la più ampia indagine di proprietà in quasi 140 anni.

La proprietà privata della terra era la seconda tappa dell’eccezionalismo nordamericano.

È l’unico paese al mondo formato per rompere quella chiusa a terra. È l’unico paese al mondo che ha la libertà di parola come primo emendamento. Sono cresciuto in Inghilterra sapendo che l’unico posto in quel paese in cui si poteva criticare il governo era all’angolo di Hyde Park.

Da adolescente, ho sentito una battuta sull’angolo che risuona ancora di più con me nell’ambiente di oggi.

Un uomo è in piedi sulla sua scatola di sapone per promuovere una rivoluzione. Fa una serie di promesse precedute dalle parole,

“Vieni alla rivoluzione …”

Alla fine, le promesse diventano meno significative e dice,

“Vieni alla rivoluzione, indosseremo tutti camicie e cravatte!”

Una voce dal retro della folla grida,

“Ma io non voglio indossare una camicia e una cravatta.”

L’oratore risponde,

“Vieni alla rivoluzione, farai ciò che maledettamente fai bene”.

La sfida per i rivoluzionari americani era di portare il loro messaggio alle persone senza accesso ai giornali. Il governo britannico controllava i giornali perché erano di proprietà degli aristocratici fondiari.

Il potere dei giornali era ben noto ai tempi della rivoluzione americana.

La poesia di William Cowper “Progress of error” pubblicata nel 1782 spiega,

Come potrei parlare di te o del tuo potere,
Dio della nostra idolatria, la stampa?
Per te religione, libertà e leggi
Esercitare la loro influenza e far avanzare la loro causa;
Da te piaghe peggiori della terra del faraone,
Diffuso, fai della terra il vestibolo dell’Inferno;
Tu fonte, a cui bevi il buono e il saggio;
Tu molla sempre gorgogliante di infinite bugie;
Come l’albero probatorio morto nell’Eden,
La conoscenza del bene e del male viene da te.

Il punto è che l’élite del potere controlla la stampa, allora e ora.

Allora, come hanno fatto i rivoluzionari americani ad aggirarlo e ottenere informazioni importanti alla gente? Avevano bisogno di sostenere gli spiriti delle persone e di impartire informazioni importanti senza suscitare reazioni da parte degli inglesi.

La risposta è però Pamphlets…

(Pamphlets=Opuscolo, libello di contenuto polemico o satirico cosivo mio)

Robert Parkinson ha scritto:

“Gli opuscoli incanalavano e focalizzavano la resistenza coloniale inquadrando il dissenso attraverso appelli alla storia e all’esperienza politica”.

Credo che Benjamin Franklin sia una delle persone più straordinarie che abbia mai vissuto.

La sua gamma di interessi e competenze, unita alla sua capacità di comunicare con le persone a tutti i livelli e le abilità, non ha eguali. Il suo talento principale era quello di vedere gli eventi e anticipare il loro significato. Aveva una visione più ampia, ma mai con gli occhi oltre l’orizzonte come lo è il tratto degli idioti.

Ad esempio, come primo Postmaster General e familiarità con la Corrente del Golfo e il suo impatto sui tempi di navigazione.

Ordinò ai capitani delle navi che trasportavano la posta in Europa di prendere le letture della temperatura dell’acqua, in modo che potessero andare con il torrente che andava ad est ed evitare di andare verso ovest. Ci sono voluti cinque giorni di navigazione.

Non sorprende quindi che Franklin abbia sviluppato l’opuscolo e dimostrato il suo valore nell’escludere le autorità.

In una presentazione del 1923, William Renwick parlò del primo uso di Pamphlet da parte di Franklin negli anni 1750, dando esempi della sua,

“Destrezza e abilità come libellista.”

Venti anni dopo tre importanti opuscoli tra i tanti circolavano a favore della rivoluzione erano,

  • Thomas Jefferson’s – Una visione sommaria dei diritti degli americani britannici (Williamsburg, 1774)
  • Thomas Paine’s – Common Sense (Philadelphia, 1776)
  • John Adams’- Thoughts on Government (Philadelphia, 1776)

Fin dalla rivoluzione americana, la stampa , con il sostegno diretto e il controllo dell’élite del potere, si è riaffermata.

Siamo ora al punto spiegato da AJ Liebling che,

“La libertà di stampa è garantita solo a chi ne possiede una”.

Nel periodo successivo alla Rivoluzione, la Stampa si è espansa nei media, ma tutti i controlli e le condanne del poema di Cowper si applicano.

La stampa e i media avevano ora il controllo determinando chi avrebbe vinto e chi avrebbe perso. Decidono chi vincerebbe e chi perderebbe. In termini arcaici, divennero i produttori di re e gli spacconi del re.

Ciò significa che chiunque sia in cerca di un incarico politico, in particolare la presidenza, ha avuto bisogno del supporto dei media o di un modo per aggirarli.

Non c’è dubbio che Hillary Clinton fosse totalmente convinta che i media avrebbero garantito la sua elezione. Era una certezza con loro dalla sua parte. Era così convinta che anche quando apparvero i segnali di allarme lei li ignorò. In effetti, i media non l’hanno delusa.

Hanno fatto tutto il possibile per farla eleggere, ma ha fallito …

Perché…?

L’elezione di Trump è stata unica in molti modi. Non era un politico. Ha superato un atteggiamento spiegato 2000 anni fa dai graffiti a Pompei che dicevano quando si parlava di leader,

se ci liberiamo di questo branco di cialtroni, prendiamo un altro gruppo di cialtroni.

Significava che nel corso della storia circa il trenta percento delle persone non votava mai.

A quanto pare Trump capì che i politici erano diventati dei professionisti interessati solo a perpetuare la loro carriera. Il risultato di questa professionalità è stato un movimento dal centro in quanto circa il 20% dei democratici si è spostato a sinistra e il 20% dei repubblicani a destra.

Questa polarizzazione si sta verificando in altri paesi come il Regno Unito e la Francia, tra gli altri.

Trump ha beneficiato di tutti questi problemi. Ignorò il 20% a sinistra e a destra, valutando correttamente che non avrebbero mai ascoltato. Si è concentrato sul 60% degli Stati Uniti nel mezzo, politicamente e geograficamente.

La palude ha cercato di deviarlo etichettandolo come un populista. Quell’accusa ti dice tutto ciò che è sbagliato nella palude. Trump stava facendo l’impensabile, ascoltando la maggior parte della gente e recitando per loro.

Gli abitanti della palude sanno cosa è buono per la gente. È impossibile per questo non-politico e il popolo sapere cosa è buono per loro?

Anche Mitch McConnell ha espresso questa opinione.

Ha portato un’alta percentuale di quelli, circa il 30%, che non votano mai. Tuttavia, non avrebbe mai potuto farlo senza la possibilità di aggirare i media e parlare direttamente alle persone.

L’equivalente moderno dell’opuscolo era Internet quello ha permesso la fase finale della rivoluzione. Trump non avrebbe avuto successo se le persone non avessero avuto un altro accesso alle informazioni.

La rete internet,

  • blogging
  • radio del blog
  • rapporti di testimoni oculari
  • filmati,

… ha portato informazioni che fornivano una prospettiva diversa da quella dei media.

Attraverso i social media, le persone sono state in grado di discutere questioni e ascoltare punti di vista dei concittadini come mai prima d’ora. È diventato un libero mercato di idee ed espressioni.

I politici e i media professionisti, collettivamente e correttamente identificati da Trump come la Palude, consideravano la maggior parte delle azioni e del comportamento di Trump “Un-presidenziali”.

Tuttavia, il suo uso di Twitter li ha infastiditi più di ogni altra cosa, perché ha aggirato il loro controllo delle informazioni.

Trump ha capito il potere di Twitter ma probabilmente non era a conoscenza del poema di Cowper. Ciò nonostante, ha fatto eco alle sue parole 236 anni dopo.

Quando gli è stato chiesto di smettere di usare Twitter, ha risposto,

Smetterò di usarlo quando smetterai di dire bugie.

La sua accusa di “notizie false” si traduce nella “infinita sorgente di infinite bugie” di Cowper.

Una misura della minaccia di Internet è data da come i governi totalitari la controllano. La minaccia è evidenziata dalla creazione di neutralità della rete da parte di Obama.

Il termine è una tipica frase priva di significato creata dai politici per dare una questione di gravità, ma non è minacciosa.

Come tutti questi piani liberali, è fatto usando un nucleo di “salva il popolo dai capitalisti”. Ha affermato che le persone venivano sfruttate dai fornitori di Internet (IP) e avrebbe usato il potere del governo per proteggere le persone povere e ignoranti.

Trump ha mantenuto un’altra promessa per la campagna annullando il programma …

Le recenti udienze del Congresso con Mark Zuckerberg erano una facciata di democratici e repubblicani che incolpavano Facebook di pregiudizi, in modo che potessero sostenere che erano necessari controlli governativi.

In quelle udienze, entrambe le parti hanno sottolineato la loro appartenenza alla palude.

Solo noi, in quanto politici professionisti, sappiamo cosa deve essere fatto e non può includere l’accesso libero e senza restrizioni a tutte le informazioni.

La battaglia su Internet e la conoscenza è la stessa della battaglia sulla libertà di parola. È impossibile limitare in alcun modo perché nel momento in cui lo fai, qualcuno sta decidendo cosa possono dire le altre persone.

Bacone aveva ragione:

‘sapere è potere.’

Ma è l’unica proprietà delle persone e ora loro ce l’hanno, non devono mai lasciar andare …

Fonte

®wld