Home

I piani di fuga dei privileggiati – I leader finanziari mondiali sanno qualcosa che noi non sappiamo?

Lascia un commento

Perché i miliardari acquistano terreni lontani dalle coste sulla base di profezie o informazioni privilegiate?

In questi giorni, la vita sul nostro fragile pianeta sembra essere minacciata su numerosi fronti, dal cambiamento climatico all’inquinamento, alla sovrappopolazione, alla guerra nucleare. Naturalmente, rimangono anche varie minacce completamente fuori dal controllo dell’umanità, come la possibilità di un grave spostamento polare, un gigantesco brillamento solare dal Sole o un asteroide, per citare alcuni scenari apocalittici.

Le persone stanno appena iniziando a fare deboli sforzi per affrontare le prime minacce create o aggravate dalle attività umane, ma che dire delle seconde minacce cosmiche naturali? Se seguiamo i soldi, sembra che alcune persone privilegiate abbiano fatto piani di fuga chiari negli ultimi anni.

Un articolo di Forbes segue i miliardari che hanno acquistato terreni agricoli in America e in tutto il mondo. I luoghi, lontani dalle coste, sembrano indicare un intento di fuga in caso di innalzamento del livello del mare, dove i sopravvissuti potrebbero fornire risorse per la sopravvivenza autosufficiente.

“Sembra che i territori aridi degli Stati Uniti come il Montana, il New Mexico, il Wyoming e il Texas siano tutte regioni molto popolari per gli individui più ricchi. Miliardari come  John Malone (attualmente il più grande proprietario terriero in America, possiede 2.200.000 acri tra cui Wyoming e Colorado),  Ted Turner  (2.000.000 acri in Montana, Nebraska, New Mexico e North Dakota),  Philip Anschultz (434.000 acri nel Wyoming), Amazon’s  Jeff Bezos (400.000 acri in Texas) e  Stan Kroenke (225.162 acri nel Montana) hanno tutti accumulato terre importanti. Dopo ulteriori ricerche, molti miliardari si stanno preparando per futuri piani di fuga con “case di vacanza” in località remote. Molti di loro hanno anche i loro aerei privati ​​pronti a partire in un attimo.”

Jim Dobson, collaboratore senior di Forbes, chiede:

“Con tutta questa conoscenza della mappatura futura, i leader finanziari mondiali sanno qualcosa che noi non sappiamo?” 

È una domanda interessante, soprattutto dopo aver visto quanto viene investito.

Di seguito VICE News viaggia per vedere il “piano di fuga dell’Apocalisse dell’uno per cento”:

Alcuni ricchi addetti ai lavori sono a conoscenza di informazioni privilegiate sul destino finale dell’umanità? Possiamo solo speculare, ma ci sono state molte profezie su ciò che potrebbe accadere. Prima di andare oltre, cerchiamo di essere molto chiari; queste sono solo profezie e non basate su fatti noti.

Forbes nota due profeti moderni, il futurista Gordon-Michael Scallion e il sensitivo Edgar Cayce. Entrambi prevedevano che un imminente spostamento dei poli avrebbe portato a disastri. Tuttavia, avevano idee diverse su come ciò potesse accadere.

“Scallion credeva che uno spostamento dei poli sarebbe derivato dal riscaldamento globale, dall’attività nucleare e dall’uso improprio della tecnologia. Un altro teorico e psichico Edgar Cayce predisse uno spostamento di 16-20 gradi, mentre Scallion predisse uno spostamento di 20-45 gradi. Cayce predisse che quando entrambi i Mt. Vulcano Etna in Italia e il Monte. Pelée in Martinica scoppierà insieme, ci saranno circa 90 giorni per evacuare la costa occidentale prima che la massiccia inondazione reclami la costa”.

Gordon-Michael Scallion ha sviluppato mappe future del pianeta, mostrando i cambiamenti estremi nei continenti quando un Diluvio Universale ha investito la terra. In Nord America, sembra che coloro che hanno proprietà lontano dalle coste sarebbero davvero molto saggi. Vedi le mappe qui sotto: https://www.youtube.com/embed/UF-qyLfw1Qs

Ma chi è Gordon-Michael Scallion? Secondo Encylopedia.com:

“Gordon-Michael Scallion, un profeta contemporaneo noto per le sue previsioni di grandi cambiamenti, ha iniziato la sua attuale carriera nel 1979. Come consulente elettronico, stava incontrando un cliente quando inaspettatamente ha perso la voce. Si è ricoverato in un ospedale e durante la sua permanenza ha avuto l’ apparizione  di una donna che è entrata nella sua stanza e si è librata parecchi piedi sopra di lui. Iniziò a raccontargli della sua vita, di ciò che era in serbo per il mese successivo e poi degli eventi che si sarebbero verificati nei decenni successivi. Soprattutto, ha previsto importanti cambiamenti sulla  Terra ciò sarebbe iniziato alla fine degli anni ’80 e sarebbe aumentato ogni anno negli anni ’90. Immediatamente dopo la partenza della donna, la voce di Scallion tornò. Sembrava anche che avesse sperimentato un risveglio psichico. Ha iniziato a vedere le aure intorno alle persone ed è emerso come un guaritore”.

Gordon-Scallion ha pubblicato le sue mappe negli anni ’90, prevedendo che i cambiamenti avrebbero avuto luogo nel prossimo futuro. Rimane attivo in spettacoli come Coast to Coast AM.

Edgar Cayce era un sensitivo e chiaroveggente americano e potrebbe essere “il sensitivo più documentato del 20 °secolo”. Era conosciuto come il profeta addormentato poiché rispondeva alle domande mentre cadeva in uno stato di trance mentre una segretaria prendeva appunti. Alcuni dicono che abbia attinto alla registrazione Akashica, alla coscienza universale di tutti gli eventi del passato, del presente e del futuro.

Le previsioni di Cayce sullo spostamento polare sono documentate su Edgar Cayce.org:

Ci sarà quindi uno spostamento dei poli – così dove c’erano quelli di un gelido o di un semi-tropicale diventerà il più tropicale, e cresceranno muschio e felce …”

L’idea che le zone gelide del pianeta saranno di nuovo calde coincide con le previsioni di Gordon-Michael Scallion sull’Antartide:

“L’Antartide diventerà un territorio fertile, ricco di suolo e agricolo. Verrà creata una nuova terra dalla Penisola Antartica alla Terra del Fuoco e ad est verso l’isola della Georgia del Sud”.

Questa idea di un’Antartide senza ghiaccio non è nuova, poiché una mappa del 1500 mostra l’Antartide come priva di ghiaccio. La mappa, composta dall’ammiraglio turco Piri Reis durante quel periodo, mostra il continente in grande dettaglio con caratteristiche che non avrebbero dovuto esistere. Dopotutto, l’Antartide non fu scoperta fino al 1818. Le mappe rimangono un incredibile mistero.

Nel frattempo, la Russia sarebbe risparmiata rispetto a molti luoghi secondo le mappe di Gordon-Scallion. Questa idea sembra coincidere con un altro sensitivo, il cieco “Nostradamus dai Balcani” di nome Baba Vanga. Ha predetto che la Russia sarebbe salita al dominio globale e il suo leader – attualmente Vladimir Putin – sarebbe stato il “signore del mondo”.

Relazionato: Il profeta cieco Baba Vanga predisse che la Russia dominerà il mondo

Ora, ovviamente, non sono solo profeti e sensitivi auto-nominati a suggerire che gli esseri umani dovrebbero essere preparati per potenziali disastri come un imminente cambiamento polare.

Un rapporto di Science Alert rileva che il nord magnetico della Terra si è spostato a un ritmo relativamente rapido di 30 miglia all’anno.

“È un cambiamento minore per la maggior parte di noi, evidente solo alle persone che stanno tentando di navigare in modo molto preciso molto vicino all’Artico. Ma l’inesorabile deriva del polo nord magnetico suggerisce che qualcosa di strano – e potenzialmente potente – sta avvenendo nelle profondità della Terra”.

Sebbene gli scienziati non siano sicuri di cosa stia succedendo, alcuni ipotizzano che un’inversione dei poli potrebbe essere in procinto di accadere, ma potrebbero essere necessari fino a 1.000 anni per invertire completamente. Nessuno lo sa per certo.

D’altra parte, se un’inversione dei poli non è una vera minaccia, il fisico teorico e divulgatore della scienza, il dottor Michio Kaku, dice che è “inevitabile” che un altro enorme brillamento solare avverrà entro il prossimo secolo o due al massimo. Kaku, insieme ad altri fisici, ha lavorato per implorare il Congresso di sviluppare un piano di riserva per la rete elettrica americana. In caso di un altro flare, i satelliti, la rete elettrica e le centrali nucleari potrebbero essere tutti vulnerabili. Kaku dice che gli effetti potrebbero essere simili a numerosi uragani devastanti contemporaneamente.

Puoi ascoltare il dottor Kaku discutere queste idee e altre affascinanti teorie di seguito: (corsivo mio-video non più disponibile) 

Il dottor Kaku ha anche osservato che l’asteroide Apophis potrebbe rappresentare una leggera minaccia per il pianeta quando volerà nel 2029 e di nuovo nel 2036.

Tuttavia, nel 2013, la NASA ha dichiarato che le possibilità che Apophis colpisca la Terra sono “meno di una su un milione”. È passato una volta prima nel 2004, facendo un approccio ravvicinato che preoccupava gli scienziati dell’epoca. Ora stanno compiendo piccoli passi verso lo sviluppo di una tecnologia per contrastare simili minacce di asteroidi. Tuttavia, sembra che saremmo mal preparati in caso di un asteroide nel 2019.

Affronteremo qualcuno di questi disastri naturali nella nostra vita? Nessuno può dirlo con certezza. Né i migliori scienziati né i più rinomati sensitivi o profeti possono predire il futuro con assoluta certezza. Nel frattempo, ci viene ricordato quanto sia preziosa la vita sulla Terra e che ogni giorno è una vera benedizione.

Insieme, possiamo lavorare per proteggere l’ambiente e creare una società più pacifica e amorevole. Per quanto riguarda l’acquisto di bunker lontano dalle coste, potremmo anche lasciare questo lusso alla classe dei miliardari. Così tanto di cui preoccuparsi quando si ha molto più denaro del 99% della popolazione?

Di seguito, Cathy Plesko del Los Alamos National Laboratory parla di Apophis e di ciò che i migliori scienziati del mondo stanno facendo ora per prepararsi a un futuro attacco di asteroidi.

Immagine in primo piano: Screenshot tramite YouTube

Pubblicato sul sito web: https://www.ancient-code.com/

®wld

Forme ritualizzate di ribellione portano al rafforzamento delle strutture stabilite dell’autorità

Lascia un commento

#FridaysForFuture: 

 

Riscaldamento globale e strato di ozono: cosa c’è di più pericoloso, CO2 o guerra nucleare?

 

4500 attacchi climatici in oltre 100 paesi. Diversi milioni di manifestanti chiedono che i governi di tutto il mondo “prendano provvedimenti” sugli impatti ambientali devastanti dei cambiamenti climatici.

 

Molti attivisti del clima indicano gli impatti distruttivi del capitalismo globale sulla loro vita.

“Capitalismo = morte (o estinzione)”.

 

“Annulla il capitalismo”.

Le vite delle persone vengono distrutte. I politici sono cooptati dai giganti corporativi tra cui Big Oil. Le strutture economiche, ambientali e sociali sono minate. Il risultato è un processo di impoverimento mondiale.

I giganti del petrolio erano indelebilmente sotto tiro. A New York City, gli attivisti del clima hanno affrontato “Big Oil”:

“ExxonKnew: Make Them Pay” aldi fuori di una riunione di amministratori delegati di combustibili fossili erappresentanti del governo presso la Biblioteca e il Museo Morgan , a pochi isolati dal vertice sul clima delle Nazioni Unite a New York.

Chi finanzia il movimento di protesta 

“Exxon: farli pagare”?

La verità non detta è che Big Oil finanzia la campagna contro Big Oil. Sembra contraddittorio?

Gli attivisti del clima sono stati mentiti.

Il Climate Movement (New Green Deal) è finanziato da importanti enti di beneficenza e fondazioni aziendali tra cui il National Endowment for Democracy, Soros Open Society Foundations, il Rockefeller Brothers Trust, Shell Foundation, BP, Goldman Sachs, tra gli altri.

Mentre “Big Oil” è ritenuto responsabile degli impatti devastanti dell’industria dei combustibili fossili, gli architetti di Big Oil, in particolare la famiglia Rockefeller, sono i principali protagonisti del New Deal verde:

 

“A partire dagli anni ’80, il Rockefeller Brothers Fund è diventato il principale sostenitore dell’agenda sul riscaldamento globale. … Nella loro revisione del programma di sviluppo sostenibile, il Rockefeller Brothers Fund si vanta di essere uno dei primi principali attivisti del riscaldamento globale, citando la sua forte difesa sia per la formazione del 1988 del pannello intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) sia per l’istituzione del 1992 del Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. “(L’Istituto legale per l’energia e l’ambiente pubblicato nel 2016).

 

Il dibattito sul clima mondiale è di importanza cruciale.

Ma chi controlla quel dibattito? Le principali fondazioni capitaliste alla fine chiamano i colpi?

C’è un’ovvia relazione contraddittoria. Il movimento di protesta è finanziato da fondazioni corporative.

SecondoWilliam Engdahl, il New Green Deal è un “progetto economico” di svariati miliardi:

Prince Charles, … insieme a Bank of England e City of London hanno promosso “strumenti finanziari verdi”, guidati da Green Bonds, per reindirizzare piani pensionistici e fondi comuni di investimento verso progetti verdi . Un attore chiave nel collegamento delle istituzioni finanziarie mondiali con l’Agenda verde è Mark Carney, capo uscente della Banca d’Inghilterra . Nel dicembre 2015, la Bank for International Settlements ‘Financial Stability Board (FSB), presieduta poi da Carney, ha creato la Task Force sulla divulgazione finanziaria legata al clima (TCFD), per consigliare “investitori, finanziatori e assicurazioni sui rischi legati al clima”. Questo è stato certamente un obiettivo bizzarro per i banchieri centrali mondiali.

 

E il movimento di protesta tra cui l’Estinction Rebellion fornisce una giustificazione per investire in obbligazioni verdi:

 

La onnipresente banca di Wall Street, Goldman Sachs, … ha appena svelato il primo indice globale di titoli ambientali di prim’ordine, realizzato insieme al CDP di Londra, precedentemente Carbon Disclosure Project. Il CDP, in particolare, è finanziato da investitori come HSBC, JPMorgan Chase, Bank of America, Merrill Lynch, Goldman Sachs, American International Group e State Street Corp.

Il nuovo indice, denominato CDP Environment EW e CDP Eurozone EW, mira ad attirare fondi di investimento, sistemi pensionistici statali come CalPERS (il sistema pensionistico dei dipendenti pubblici della California) e CalSTRS (il sistema pensionistico degli insegnanti dello Stato della California) con un combinato di $ 600 + miliardi di attività, da investire in obiettivi scelti con cura.

 

Una breve rassegna suggerisce che le principali organizzazioni climatiche sono invariabilmente finanziate dal capitale aziendale (inclusi i giganti del petrolio):

 

  • ClimateAction ha legami con un certo numero di partner finanziari al fine di promuovere “investimenti verdi” in quella che viene definita “industria della sostenibilità globale”.
  • IlClimate Institute di Climate.org è un’importante entità di ricerca finanziata da Ford Motor Company Fund, GE Foundation, Goldman Sachs, Rockefeller Brothers Fund, Shell Foundation, The Rockefeller Foundation, tra gli altri.
  • IlClimate Leadership Council è un’iniziativa delle principali società che finanzia il consenso globale sul clima.

 

Riscaldamento globale. I concetti

 

Mentre gli attivisti del clima esprimono preoccupazione per i nefasti impatti del capitalismo globale sul clima, compresi quelli relativi alla militarizzazione (e alla spesa per la difesa), l’analisi scientifica del clima sotto gli auspici dell’IPCC si concentra in gran parte su una singola variabile: l’anidride carbonica (CO2), ovvero l’impatto dell’aumento delle emissioni di CO2 derivate dai combustibili fossili (incluso il fracking) sulla temperatura media globale.

L’esaurimento dello strato di ozono è ciò che innesca il riscaldamento globale. Lo strato di ozono si trova nella stratosfera terrestre. “L’ozonoviene costantemente prodotto e distrutto naturalmente. Questo strato di ozono filtra i raggi ultravioletti (UV) dal Sole e protegge la vita sulla Terra.”

Le emissioni di gas serra che colpiscono lo strato di ozono sono in gran parte costituite da vapore acqueo (50%), anidride carbonica (CO2) (20%) e nuvole (25%). I restanti gas serra (5%) sono costituiti da piccole particelle di aerosol, metano (CH4) e protossido di azoto (N2O) (sia un gas serra che un “distruttore di ozono” con impatti devastanti sul clima). (cifre approssimative fornite dalla NASA per il 2011).

La diminuzione dello strato di ozono “aumenteràla quantità di radiazione ultravioletta che raggiunge la superficie terrestre e peggiorerà gli impatti dovuti all’esposizione ai raggi UV”.

Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) è l’organismo chiave delle Nazioni Unite “per valutare la scienza relativa ai cambiamenti climatici”.

L’obiettivo dell’IPCC è stimare il gas serra aggiuntivo di CO2 generato dall’estrazione di combustibili fossili . Si presume che l’aumento delle emissioni di gas a effetto serra dal Pianeta Terra derivi esclusivamente dalle emissioni di CO2 legate all’estrazione di combustibili fossili (compreso il fracking).

Nota: le emissioni di CO2 risultanti dall’estrazione di combustibili fossili rappresentano una percentuale molto piccola delle emissioni totali di CO2 (stimata al 20% delle emissioni totali di gas a effetto serra), vale a dire una percentuale molto piccola del 20%.

L’attuale focus sul dibattito sul clima dell’IPCC è costituito dai seguenti:

  • -L’aumento delle emissioni di CO2 (dai combustibili fossili) costituisce l’unica causa del riscaldamento globale, attribuibile all’esaurimento dello strato di ozono.
  • -Per ridurre l’esaurimento dello strato di ozono è necessario ridurre l’estrazione di combustibili fossili, che costituisce la causa principale dell’aumento delle emissioni di CO2.

Il rapporto IPCC di maggio 2018 intitolato Riscaldamentoglobale di 1,5 ° C presenta la seguente metodologia:

 

“Una comprensione degli impatti del riscaldamento globale di 1,5 ° C al di sopra dei livelli preindustriali e dei relativi percorsi di emissione globali nel contesto del rafforzamento della risposta alla minaccia dei cambiamenti climatici, dello sviluppo sostenibile e degli sforzi per sradicare la povertà”.

La maggior parte dei risultati di questo studio IPCC si basa su simulazioni di modello di probabili impatti confrontando un aumento di 2,0 ° C della temperatura globale media con il riscaldamento globale di 1,5 ° C sopra i livelli preindustriali.

Ilrapporto evidenzia i principali impatti ambientali e sociali che si basano su simulazioni di aumento della temperatura attribuibili all’aumento delle emissioni di CO2 attribuibili all’estrazione di combustibili fossili.

Questi includono gli impatti sulla biodiversità e sugli ecosistemi, la perdita e l’estinzione delle specie (piante, insetti e vertebrati), gli impatti su oceani e corsi d’acqua, nonché gli impatti sociali tra cui la povertà.

Il rapporto distingue tra ecosistemi terrestri, d’acqua dolce e costieri. Esamina gli impatti del riscaldamento globale sulle temperature degli oceani. Affronta anche “aumenti associati dell’acidità degli oceani e diminuzioni dei livelli di ossigeno nell’oceano” e gli impatti sulla vita marina e sulla biodiversità. Anche gli impatti sociali su (ad esempio sulle comunità di pescatori) sono riconosciuti.

Sulla terra, si prevede che gli impatti sulla biodiversità e sugli ecosistemi, compresa la perdita e l’estinzione delle specie, saranno inferiori a 1,5 ° C di riscaldamento globale rispetto a 2 ° C. Allo stesso modo, “si prevede che limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C per ridurre i rischi per la biodiversità marina, la pesca e gli ecosistemi e le loro funzioni e servizi per l’uomo”

 

Critica: analisi a singola variabile

 

Esistono molti altri fattori complessi che influenzano direttamente o indirettamente le strutture climatiche e ambientali, incluso lo strato di ozono, che sono stati esclusi dalle simulazioni del modello IPCC.

I risultati quantitativi dell’IPCC sono a dir poco deterministici. Secondo il professor RichardS Lindzen del MIT:

“Ora ecco la narrativa attualmente popolare riguardante questo sistema. Il clima, un sistema multifattoriale complesso, può essere sintetizzato in una sola variabile, il cambiamento di temperatura mediamente globale, ed è principalmente controllato dalla perturbazione dell’1-2% nel bilancio energetico dovuta a una singola variabile – l’anidride carbonica – tra molte variabili di importanza comparabile.

Questa è una straordinaria coppia di affermazioni basate sul ragionamento che rasenta il pensiero magico. È, tuttavia, la narrazione che è stata ampiamente accettata, anche tra molti scettici.”

Omettono le variabili che influenzano il clima. Ad eccezione del combustibile fossile, non affrontano gli impatti della politica del governo sul clima, né affrontano il modo in cui le guerre guidate dagli Stati Uniti e l’economia di guerra multi-trilione di dollari minacciano il Pianeta Terra.

È l’arte dell’omissione:

  • Un singolo biossido di carbonio (CO2) variabile altamente rilevante “spiega tutto”. (ceteris paribus).
  • Con tutte le altre variabili escluse, per omissione, la CO2 “non spiega nulla”.
  • Le emissioni di CO2 non possono ragionevolmente spiegare la complessità dei cambiamenti climatici.
  • Concentrandosi esclusivamente sulla CO2, il dibattito sul clima ha escluso “tutto il resto”.

Sono state identificate le crisi climatiche e ambientali nelle diverse regioni del mondo. La causalità di base è l’approccio a singola variabile: emissioni di ciaoCO2 dall’estrazione di combustibili fossili.

E i risultati stilizzati dell’IPCC vengono quindi utilizzati per giustificare la bonanza aziendale multi miliardaria di Green New Deal.

Un’intera serie di importanti processi, tra cui biodiversità, vita animale, povertà, perdita di specie, ecc., È stata spiegata dall’IPCC riferendosi esclusivamente all’impatto dell’aumento delle emissioni di CO2 sul riscaldamento globale, nient’altro.

 

Misurazione: letture della temperatura globale distorte e imperfette

 

Esistono seri problemi nella stima delle emissioni di CO2 (da combustibili fossili) e della temperatura globale media.

Il riscaldamento globale non può essere identificato e spiegato da un’unica temperatura globale. Esistono numerose temperature regionali che descrivono le condizioni climatiche. Una temperatura media (ponderata) globale stabilita dalle principali letture geografiche non fornisce una comprensione delle complessità del clima.

Inoltre, ci sono prove che la temperatura media globale è manipolata. Questa temperatura ha un impatto diretto sugli utili e sulle perdite nelle transazioni di commercio del carbonio da miliardi di dollari:

Quando le generazioni future guarderanno indietro alla paura del riscaldamento globale degli ultimi 30 anni, nulla li scioccerà più della misura in cui i registri ufficiali della temperatura – su cui alla fine si è posato l’intero panico – sono stati sistematicamente “adattati” per mostrare alla Terra come avendo riscaldato molto più di quanto i dati reali giustificati. (Telegraph, 7 febbraio 2015)

Questa convinzione si basa su … record di dati ufficiali. … l’amministrazione nazionale oceanica e atmosferica degli Stati Uniti (NOAA), … l’Unità di ricerca climatica dell’Università dell’Anglia orientale, l’Hadley Centre for Climate Prediction, UK Met Office. [nonché] … misurazioni effettuate da satelliti, compilate da Remote Sensing Systems (RSS) ( TheTelegraph, 24 gennaio 2015)

 

L’impatto della radioattività sul clima

 

L’aumento delle emissioni di CO2 da combustibili fossili è l’unica causa dei cambiamenti climatici e del degrado ambientale?

In questo articolo, ci concentriamo brevemente sugli impatti sullo strato di ozono derivanti dall’esplosione di bombe nucleari, un problema che non è stato affrontato dal New Green Deal, nonché dalle radiazioni delle centrali nucleari. Ci concentriamo anche sulle tecniche di modifica ambientale (ENMOD) e sulla “militarizzazione del clima”.

Radiazioni dalle centrali nucleari (Fukushima)

 

Lo scarico di acqua altamente radioattiva nell’Oceano Pacifico costituisce un potenziale fattore scatenante di un processo di contaminazione radioattiva globale.

A questo proposito, dal 2011, ampiamente documentata, la vita marina e la perdita di specie sono state colpite dal rilascio di plutonio radioattivo nell’Oceano Pacifico a seguito del disastro di Fukushima-Daichi.

Gli elementi radioattivi non sono stati rilevati solo nella catena alimentare in Giappone, ma l’acqua piovana radioattiva è stata registrata in California.

Test nucleari e Fallout radioattivo

I test sulle armi nucleari sono in corso durante l’era successiva alla seconda guerra mondiale. Tra gli oltre 2000 test, un gran numero di questi test sono “non sotterranei” o “sottomarini”, ovvero i test in atmosfera. Secondo un rapporto del 2000 del Comitato scientifico delle Nazioni Unite sugli effettidelle radiazioni atomiche all’Assemblea generale

 

“Il principale contributo artificiale all’esposizione della popolazione mondiale [alle radiazioni] è venuto dai test sulle armi nucleari nell’atmosfera, dal 1945 al 1980. Ogni test nucleare ha provocato un rilascio illimitato nell’ambiente di notevoli quantità di radioattivo materiali , che erano ampiamente dispersi nell’atmosfera e depositati ovunque sulla superficie terrestre.”

 

Il rapporto di cui sopra evidenzia gli impatti delle radiazioni sulle cellule viventi e sull’incidenza concomitante di leucemia, tumore della tiroide, polmone e carcinoma mammario.

 

Quale sarebbe l’impatto dell’esplosione delle armi nucleari sul clima mondiale?

Il problema dell’inverno nucleare è stato affrontato per la prima volta in uno studio del 1983 di RP Turco, OB Toon, TP Ackerman, JB Pollack e Carl Sagan (indicato come TTAPS) “GlobalAtmospher Consequences of Nuclear War”

La pubblicazione dello studio TTAPS al culmine della guerra fredda ha suscitato preoccupazione per gli impatti devastanti della guerra nucleare, compresi i suoi impatti climatici.

Il freddo estremo, i livelli elevati di radiazioni e la diffusa distruzione delle infrastrutture industriali, mediche e di trasporto, insieme alle forniture alimentari e alle colture, causerebbero un enorme tributo di morte per fame, esposizione e malattie.

Lo studio TTAPS ha concluso: “… la possibilità dell’estinzione dell’Homo Sapiens non può essere esclusa.”

Ha anche creato una consapevolezza tra i responsabili delle politiche estere statunitensi, che oggi è totalmente assente. Trump non ha la più pallida idea degli impatti di una guerra nucleare.

Secondo AtomicArchive.com che riassume essenzialmente i concetti dello studio TTAP (p. 22) “Quando un’arma nucleare esplode nell’aria, l’aria circostante viene sottoposta a un grande calore, seguito da un raffreddamento relativamente rapido“. 

 

Queste condizioni sono ideali per la produzione di enormi quantità di ossidnitrici. Questi ossidi vengono trasportati nell’atmosfera superiore, dove riducono la concentrazione di ozono protettivo. L’ozono è necessario per impedire alle radiazioni ultraviolette dannose di raggiungere la superficie terrestre.

Gli ossidi di azoto formano un ciclo catalitico per ridurre lo strato protettivo di ozono.

Gli ossidi nitrici prodotti dalle armi potrebbero ridurre i livelli di ozono nell’emisfero boreale fino a 30-70 percento t. Tale esaurimento potrebbe produrre cambiamenti nel clima terrestre e consentirebbe più radiazioni ultraviolette dal sole attraverso l’atmosfera fino alla superficie terrestre, dove potrebbe produrre ustioni pericolose e una varietà di effetti ecologici potenzialmente pericolosi.

È stato stimato che vengono prodotte fino a 5.000 tonnellate di ossido nitrico per ogni megaton di potenza esplosiva nucleare. Vedi AtomicArchive

 

La simulazione del conflitto nucleare del 2008. Impatti sullo strato di ozono

 

In un importante studio del 2008 di Michael Mills et al. Intitolato Massicciaperdita globale di ozono prevista a seguito di un conflitto nucleare regionale (Accademia delle Scienze degli Stati Uniti) è statacondotta una simulazione (in gran parte basata sui concetti delineati nello studio del TTPS 1983) di un conflitto nucleare coinvolgendo 100 bombe di dimensioni Hiroshima. La simulazione ha confermato che le esplosioni nucleari “potrebbero produrre danni a lungo termine allo strato di ozono, consentendo a livelli superiori a” estremi “di radiazioni ultraviolette di raggiungere la superficie terrestre, (vedi GSN, 16 marzo 2010).

L’aumento dei livelli di radiazione UV dal sole potrebbe persistere per anni, probabilmente con un impatto drastico sull’uomo e sull’ambiente, anche a migliaia di miglia dall’area del conflitto nucleare. …

“Uno scambio nucleare regionale di 100 armi da 15 kiloton … produrrebbe colonne senza ozono senza precedenti su aree popolate in combinazione con le temperature superficiali più fredde sperimentate negli ultimi 1.000 anni e probabilmente si tradurrebbe in una carestia nucleare globale“, …

La ricerca di Mills e colleghi è stata la prima a esaminare la possibilità che un’esplosione nucleare possa portare ad un aumento dei livelli di radiazione ultravioletta sulla Terra, secondo un comunicato stampa dell’NCAR pubblicato durante la conferenza dell’American Association for the Advancement of Science. NTI

 

Secondo il prof.Allan Robock:

Negli anni ’80, utilizzando semplici modelli climatici, abbiamo scoperto che gli arsenali nucleari globali, se usati su città e aree industriali, potrebbero produrre un inverno nucleare e portare alla carestia globale.

Il fumo degli incendi sarebbe durato per anni nell’atmosfera superiore, bloccando la luce solare e rendendola fredda, scura e asciutta sulla superficie terrestre. Distruggerebbe anche l’ozono, migliorando la radiazione ultravioletta che raggiunge la superficie.

Mentre gli effetti immediati degli attacchi nucleari potrebbero uccidere centinaia di migliaia, i numeri che morirebbero di fame negli anni seguenti potrebbero ammontare a miliardi.

Nel vero senso della parola, la guerra nucleare potrebbe potenzialmente portare a un processo di estinzione umana:

Una guerra nucleare molto ampia sarebbe una calamità di proporzioni indescrivibili e conseguenze assolutamente imprevedibili, con le incertezze che tendono verso il peggio. . . . Una guerra nucleare totale significherebbe la distruzione della civiltà contemporanea, gettando indietro l’uomo secoli, causando la morte di centinaia di milioni o miliardi di persone e, con un certo grado di probabilità, causerebbe la distruzione dell’uomo come specie biologica … Andrei Sakharov, Affari esteri, estate 1983

 

Tali preoccupazioni sono state in gran parte escluse dal dibattito sul clima e dalla rivolta dell’estinzione.

Il movimento di protesta di estinzione di ribellione ha gli occhi puntati sulle crescenti emissioni di anidride carbonica (da combustibile fossile), annunciato come “il gas serra più pericoloso e prevalente”.

Tutte le altre variabili sono escluse. Bugie scientifiche per omissione.

.

Impatti dei prodotti chimici sullo strato di ozono

 

Nella storia recente, l’esaurimentodello strato di ozono è stato causato da clorofluorocarburi o CFC. I CFC sono un gas a effetto serra precedentemente utilizzato nelle unità di condizionamento e raffreddamento, compresi i frigoriferi.

L’uso dei CFC è stato vietato ai sensi del protocollo di Montreal. Uno studiodel giugno 2016 conferma tuttavia che il protocollo di Montreal non è riuscito a risolvere completamente il divieto dei CFC:

 

“Quando i paesi hanno iniziato a eliminare gradualmente i CFC, i produttori li hanno sostituiti con idrofluorocarburi (HFC). Gli HFC non riducono l’ozono, ma sono potenti gas serra, che contribuiscono al riscaldamento globale. La sfida futura sarà, quindi, quella di sviluppare nuove alternative agli HFC e far sì che il mondo li adotti ancora una volta.”

 

Inoltre, il protocollo di Montreal non ha eliminato il bromuro di metile (MeBr) che è unasostanza che impoverisce l’ozono.

 

Ilbromuro di metile (MeBr) viene utilizzato sempre più come fumigante biocida, principalmente nei terreni agricoli prima della semina delle colture. Questo utilizzo comporta un potenziale di riduzione dell’ozono stratosferico a causa della catalisi dell’atomo di Br, a seconda di quanto MeBr fuoriesca dai terreni fumigati nell’atmosfera.

 

Le simulazioni IPCC trascurano il fatto che HFC e MeBr costituiscono una minaccia allo strato di ozono.

Un recente rapporto delle Nazioni Unite conferma tuttavia che, nonostante la campana di allarme IPCC, “lo strato di ozono protettivo della Terra sta finalmente guarendo dai danni causati da spray aerosol e refrigeranti, un nuovo rapporto delle Nazioni Unite”.

 

Lo strato di ozono si era assottigliato dalla fine degli anni ’70. Gli scienziati hanno lanciato l’allarme e le sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono sono state eliminate gradualmente in tutto il mondo.

Di conseguenza, lo strato di ozono superiore sopra l’emisfero settentrionale dovrebbe essere completamente riparato negli anni 2030 e il buco nell’ozono antartico dovrebbe scomparire negli anni 2060, secondo una valutazione scientifica pubblicata lunedì in una conferenza a Quito, in Ecuador. L’emisfero australe è un po ‘in ritardo e il suo strato di ozono dovrebbe essere curato entro la metà del secolo. (AP novembre 2018)

 

Questo rapporto sulla riparazione dello strato di ozono non solo contraddice l’hype del combustibile fossile di CO2 IPCC, ma suggerisce anche che l’analisi delle singole variabili e le proiezioni di CO2 sono imperfette.

 

Tecniche di modifica ambientale (ENMOD)

 

La militarizzazione del clima è raramente menzionata nel dibattito sul clima. “Nel 1977, una Convenzione internazionale è stata ratificata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha vietato” l’uso militare o altro ostile di tecniche di modifica ambientale con effetti diffusi, duraturi o gravi”.

 

Ha definito le “tecniche di modifica ambientale” come “qualsiasi tecnica di cambiamento – attraverso la deliberata manipolazione dei processi naturali – la dinamica, la composizione o la struttura della terra, compresi il suo biota, litosfera, idrosfera e atmosfera o spazio esterno”.

Mentre la sostanza della Convenzione del 1977 è stata riaffermata nella Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) firmata al vertice della Terra del 1992 a Rio, il dibattito sulla modifica del clima per uso militare è diventato un tabù scientifico.

Gli analisti militari sono muti sull’argomento. I meteorologi non stanno indagando sulla questione e gli ambientalisti si concentrano sulle emissioni di gas a effetto serra ai sensi del protocollo di Kyoto. Né la possibilità di manipolazioni climatiche o ambientali come parte di un’agenda militare e di intelligence, sebbene tacitamente riconosciuta, fa parte del più ampio dibattito sui cambiamenti climatici sotto l’egida delle Nazioni Unite. (Michel Chossudovsky, TheEcologist, 2007)

 

Gli Stati Uniti possiedono un vasto arsenale di armi elettromagnetiche che sono in grado di sconvolgere il clima attraverso tecniche di modifica ambientale (ENMOD). (Vedigli scritti precedenti dell’autore)

Gli effetti delle tecniche ENMOD per uso militare sono stati documentati dalla CBCTV all’inizio degli anni ’90. Il rapporto ha riconosciuto che la struttura HAARP in Alaska (ora chiusa o trasferita in un’altra posizione) sotto l’egida dell’aeronautica americana aveva la capacità di innescare tifoni, terremoti, inondazioni e siccità:

 

“L’energia diretta è una tecnologia così potente che potrebbe essere utilizzata per riscaldare la ionosfera per trasformare il tempo in un’arma di guerra. Immagina di usare un’alluvione per distruggere una città o tornado per decimare un esercito in avvicinamento nel deserto. I militari hanno dedicato molto tempo alla modifica del clima come concetto per gli ambienti di battaglia. Se un impulso elettromagnetico scoppiasse su una città, praticamente tutte le cose elettroniche in casa sarebbero ammiccanti ed uscivano, e sarebbero state distrutte in modo permanente. “

Video CBC

“Possedere il tempo” per uso militare

Secondo il documentofinale dell’Aeronautica militare statunitense AF 2025, (originariamente all’indirizzo http://csat.au.af.mil/2025/volume3/vol3ch15.pdf)

l’esercito degli Stati Uniti alla fine avrebbe “posseduto il tempo”.

 

Capacità richiesta: Perché dovremmo voler pasticciare con il tempo? [titolo del capitolo 2, dopo l’introduzione]

Secondo il generale Gordon Sullivan, ex capo di stato maggiore dell’esercito, “Mentre saltiamo la tecnologia nel 21 ° secolo, saremo in grado di vedere il nemico giorno o notte, con qualsiasi tempo – e inseguirlo senza sosta”. Globale, preciso, reale – una solida, sistematica e sistematica modifica delle condizioni meteorologiche fornirebbe ai CINC di guerra un potente moltiplicatore di forze per raggiungere obiettivi militari. Poiché il tempo sarà comune a tutti i possibili futuri, una capacità di modifica del tempo sarebbe universalmente applicabile e avrebbe utilità in tutto lo spettro del conflitto. La capacità di influenzare il tempo anche su piccola scala potrebbe cambiarlo da un degradatore di forza in un moltiplicatore di forza.

 

Tecniche avanzate di guerra climatica tra cui tecniche di modifica ambientale:

“Offre al combattente di guerra una vasta gamma di possibili opzioni per sconfiggere o costringere un avversario”, le capacità, si dice, si estendono all’innesco di alluvioni, uragani, siccità e terremoti:

‘La modifica del clima diventerà parte della sicurezza nazionale e internazionale e potrebbe essere effettuata unilateralmente … Potrebbe avere applicazioni offensive e difensive e persino essere utilizzata per scopi dissuasivi. La capacità di generare precipitazioni, nebbia e tempeste sulla terra o di modificare il tempo nello spazio … e la produzione di tempo artificiale fanno tutti parte di un insieme integrato di tecnologie [militari]. ”(Enfasi aggiunta) Documentodell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti Rapporto finale AF 2025

 

fonte: documentofinale dell’aeronautica statunitense AF 2025

 

Osservazioni conclusive

L’instabilità climatica è una preoccupazione importante. Ma non può essere analizzato in modo isolato. È un processo estremamente complesso.

Mentre c’è un significativo movimento di base di giovani attivisti, il Consenso sul clima di CO2 ha distratto milioni di persone dalla comprensione delle minacce più ampie e in corso alla vita umana sul Pianeta Terra. A sua volta, il dibattito sul clima ha escluso il fatto ampiamente documentato che il clima può essere utilizzato per servire obiettivi militari.

Questi scioperi climatici si stanno verificando in un momento di crisi, in gran parte segnato dalle minacce statunitensi di condurre la guerra contro l’Iran. È previsto l’uso di armi nucleari tattiche contro l’Iran.

Gli attivisti vengono spesso ingannati da coloro che finanziano la campagna, tra cui Rockefeller et al., Nonché dagli organizzatori e dagli agenti di pubbliche relazioni che coinvolgono celebrità di Hollywood, et al.

La metodologia scientifica di base è sotto molti aspetti imperfetta.

In un’amara ironia, il movimento contro il capitalismo è finanziato dal capitalismo. Si chiama “dissenso prodotto”.

Guerra globale

La guerra globale che utilizza sistemi d’arma avanzati abbinati ad atti deliberati di distruzione, sabotaggio e destabilizzazione dei paesi sovrani costituisce la più grave minaccia alla sopravvivenza dell’umanità.

La globalizzazione della guerra è accoppiata alla deroga dei diritti civili, allo Stato di sorveglianza, alle riforme macroeconomiche neoliberali del FMI-Banca mondiale applicate in tutto il mondo che innescano la povertà di massa, la disoccupazione e la distruzione ambientale. Questo quadro politico globale (controllato da potenti interessi finanziari) abroga i diritti dei lavoratori, distrugge l’agricoltura familiare, mina lo stato sociale portando alla privatizzazione della salute e dell’istruzione, ecc.

Ciò che è richiesto è un ampio movimento di protesta che comprenda queste dimensioni correlate. Le cause alla base di questa crisi mondiale devono essere comprese. Non è causato da una singola variabile (ovvero le emissioni di CO2).

Il dibattito sull’estinzione e la guerra nucleare

Nove paesi tra cui Stati Uniti, Russia, Francia, Cina, Regno Unito, Israele, Pakistan, India, Corea del Nord possiedono insieme quasi 14.000 armi nucleari. (Dati 2017) Gli Stati Uniti e la Russia hanno rispettivamente 6185 e 6500.

Secondo l’ICAN, “Gli Stati Uniti e la Russia mantengono circa 1.800 delle loro armi nucleari in stato di massima allerta – pronti per essere lanciati in pochi minuti dopo un avvertimento”.

Le bombe nucleari odierne (ad eccezione delle cosiddette mini-bombe nucleari) sono significativamente più potenti in termini di capacità esplosiva rispetto a una bomba di Hiroshima.

Il “mini-nuke” B61.11 (classificato come una bomba nucleare “a basso rendimento” “più utilizzabile”) ha una capacità esplosiva tra un terzo e dodici volte una bomba di Hiroshima.

Le persone dovrebbero capire. Ci sono abbastanza bombe nucleari per distruggere la vita sul pianeta Terra più volte. Sicuramente questo dovrebbe far parte del dibattito sull’estinzione.

 

Mentre si può concettualizzare la perdita di vite umane e la distruzione derivante da guerre precedenti, tra cui Iraq e Afghanistan, è impossibile comprendere appieno la devastazione che potrebbe derivare da una terza guerra mondiale, usando “nuove tecnologie” e armi avanzate, fino a quando non si verificherà e diventerà una realtà. La comunità internazionale ha appoggiato la guerra nucleare in nome della pace mondiale. “Rendere il mondo più sicuro” è la giustificazione per l’avvio di un’operazione militare che potrebbe potenzialmente provocare un olocausto nucleare. (Michel Chossudovsky, 2011)

 

La guerra piuttosto che le emissioni di CO2 è la più grande minaccia per l’umanità. Oops, secondo i media, le armi nucleari sono un mezzo per raggiungere la pace nel mondo.

Trump ha un programma di armi nucleari da 1,2 trilioni di dollari, inizialmente istituito da Obama.

 

Mentre questo progetto da molti miliardi di dollari ha lo scopo di “rendere il mondo più sicuro”, queste (costose) armi nucleari sono classificate come “bombe umanitarie” più “utilizzabili”, “sicure per la popolazione circostante”, secondo l’opinione scientifica sul contratto con il Pentagono.

US-NATO e i loro alleati sono coinvolti in atti di guerra illegali. La guerra nucleare è sul tavolo da disegno del Pentagono.

Ma queste guerre non sono più illegali: fanno parte della “responsabilità di proteggere” (R2P ). Si tratta di “guerre umanitarie” o operazioni di “antiterrorismo” nonostante il fatto che milioni di persone siano state uccise e intere nazioni siano state distrutte. Si chiama “danno collaterale”.

Inutile dire che ci sono potenti interessi finanziari dietro la globalizzazione della guerra. e senza un’ampia propaganda mediatica, non potevano avere una gamba su cui stare.

La guerra fa bene agli affari. E fortunatamente per il complesso industriale militare, il movimento contro la guerra è morto.

Prevale il rituale di ribellione.

 

Max Gluckman (1911-1975), sociologo dell’Università di Manchester, nei suoi scritti ha mostrato come forme ritualizzate di ribellione da parte di coloro che protestano contro coloro che detengono il potere “attraverso un’espressione controllata di ostilità verso l’autorità” alla fine portano al rafforzamento delle strutture stabilite dell’autorità.

Non è quello che sta succedendo oggi?

Il movimento contro il capitalismo è finanziato e sostenuto dal capitalismo.

Il movimento contro la guerra è morto. Non ci sono proteste dirette contro la guerra globale e l’uso di armi nucleari in base al primo colpo.

Cosa c’è di più pericoloso, la CO2 o la guerra nucleare?

Fonte: https://www.globalresearch.ca/global-warming-and-the-ozone-layer-whats-more-dangerous-co2-or-nuclear-war/5690216

®wld

Zelotei e false narrazioni l’oscuro buio del nichilismo

2 commenti

sheepslaughter1

Come le persone diventano facilmente controllate dai tiranni

di Brandon Smith

La domanda spesso sorge nei circoli del movimento della libertà su come arriviamo al punto di una tirannia in piena regola all’interno di una società. Ci sono numerosi fattori che determinano questo risultato, ma attraverso tutti i vari sistemi totalitari nella storia ci sono denominatori comuni – elementi che devono essere lì per far prevalere i tiranni. Quando siamo in grado di identificare questi elementi comuni in modo obiettivo, rendiamo molto più difficile il mantenimento delle strutture dispotiche.

Questo è un problema molto complesso, ma lo analizzerò nel miglior modo possibile …  

 

La psicologia del tiranno

Per venire a patti con il modo in cui i tiranni controllano la società, dobbiamo prima esaminare come opera la mente di un tiranno, perché nella maggior parte dei casi queste persone non pensano come pensa l’essere umano medio. È uno dei pochi casi in cui incoraggerei le persone a “alterare” un altro gruppo. I tiranni sono psicologicamente anormali a un livello così estremo che è difficile classificarli come umani.

Credo che la chiave per capire le motivazioni dei tiranni e da dove queste persone provengano dipende dalla nostra comprensione della sociopatia narcisistica. Ho scritto molto su questo argomento nel mio articolo ‘Global Elitists Are Not Human,’ quindi fornirò solo un riassunto qui.

I tratti narcisistici e sociopatici, come molti tratti psicologici, sono innati. Sono presenti in circa il 5% -10% di qualsiasi società in un dato momento. Nella stragrande maggioranza dei casi, questi tratti rimangono “latenti” e non influenzano in larga misura le azioni o le relazioni di una persona. In una minoranza di casi, tuttavia, il narcisismo e la sociopatia diventano i fattori determinanti della psiche di una persona. Ciò si verifica in meno dell’1% di una popolazione.

Per essere chiari, non tutti i narcisisti sono sociopatici e non tutti i sociopatici sono narcisisti. Ci sono persone che sono narcisisti di basso livello che eccellono nella società e mantengono una coscienza. Ci sono sociopatici di basso livello nella società che svolgono importanti funzioni nelle carriere che le persone empatiche troveranno difficili, come certi lavori nel campo militare o in campo medico. Ciò a cui mi riferisco qui sono sociopatici narcisistici di ALTO LIVELLO – il tipo di persone che diventano assassini, stupratori, pedofili e sì, tiranni.

Un narcisista sociopatico è motivato solo dal desiderio personale. Sono incapaci di empatia per gli altri e vedono le persone come una specie di cibo e fonte di carburante piuttosto che i compagni di viaggio nella vita. Considerano la loro mancanza di coscienza come un vantaggio evolutivo; uno strumento che li aiuta a sopravvivere e prosperare calpestando, rubando, manipolando e uccidendo se necessario senza sensi di colpa o rimpianti.

Penseresti che queste creature siano facili da individuare tra la folla, ma non è sempre così semplice. Hanno la capacità di imitare i comportamenti di coloro che li circondano per apparire più umani. A volte questo li dà via perché non possono fare a meno di pappagallare o rubare comportamenti e manierismi delle persone che incontrano fino al punto di ovvietà. Per quelli inesperti con sociopatici narcisistici, però, la tattica funziona per un po’, perché ciò che la gente pensa di vedere è qualcuno come loro; una riflessione. Immaginalo come un meccanismo di sopravvivenza, come un camaleonte.

Per alcuni tiranni, l’abilità li rende accattivanti per il pubblico per un certo periodo. Possono essere molte cose per molti gruppi e la loro capacità di mentire in modo convincente è eccezionale. Salgono rapidamente la scala del successo e costruiscono sistemi che permettano loro di prosperare. Hanno dubbi e debolezze, però.

Nella maggior parte dei casi sono codardi. Preferiscono ottenere ciò che vogliono attraverso sovversione e inganno, e corrono da uno scontro diretto. Preferiscono usare altre persone (utili idioti) come armi o scudi piuttosto che rischiare di affrontare i loro avversari ideologici. Come parassiti, si concentrano su persone deboli o fragili.

Desiderano disperatamente l’ammirazione dalle stesse persone che hanno perseguitato. Pertanto, sono costantemente costretti a ricoprire ruoli per apparire normali. A loro non piace Sentono che è al di sotto della loro posizione nella vita da dilettare, e sono convinti che dovrebbero essere adorato come loro, non adorato per l’immagine fraudolenta che hanno costruito. Vogliono “uscire allo scoperto”, in un certo senso, come un narcisista sociopatico, ma se lo fanno in un clima sociale stabile saranno evitati o bruciati sul rogo. A volte si uniscono per proteggersi e sono disposti a collaborare finché c’è un vantaggio reciproco.

Quindi, queste “persone” cercano di creare il caos, e quindi di riordinare la società per comportarsi in modo più simile a come agiscono, o pensano più come pensano. Quando le masse sono state convinte ad abbandonare la coscienza, i mostri possono uscire alla luce del giorno senza paura.

Ecco come raggiungono questo obiettivo e come la gente media li aiuta a farlo …  

 

False ipotesi

Quasi tutte le situazioni negative iniziano con false assunzioni basate su pregiudizi piuttosto che fatti o prove. L’ipotesi più pericolosa sulla tirannia è dire “siamo nel giusto, quindi non stiamo sostenendo la tirannia”. La domanda che deve essere posta, tuttavia, è che sono veramente “giusti” secondo i fatti? Se la risposta è “no”, probabilmente stanno alimentando un sistema tirannico.

Innanzitutto, molti esseri umani vogliono essere “giusti” più di quanto vogliono essere corretti. Vale a dire, sono felici di “vincere” discussioni e conflitti indipendentemente dal fatto che la verità sia dalla loro parte. Questo pregiudizio è la radice di molte catastrofi nella storia.

Questo non vuol dire che non abbiano una coscienza. La maggior parte delle persone infatti ha una coscienza che dice loro che le loro supposizioni sono sbagliate, ma possono ancora commettere atti di stupidità e atrocità. È qui che i manipolatori tirannici tendono ad aiutarli.

I tiranni trovano grande gioia nel creare tutti i tipi di errori logici, ginnastica mentale e tiri di vendita moralmente relativi al fine di convincere un gruppo di persone che le loro ipotesi sbagliate sono giuste. La verità diventa nebbiosa e le prove diventano inutili. In questo stato mentale, quando gli individui si fondono in una folla, le ipotesi diventano dettami della setta e “vincere” diventa fondamentale. Falsi presupposti e preconcetti possono essere usati per trasformare persone normali oneste in mostri, tutti perché si sono rifiutati di accettare che la loro posizione ideologica fosse imperfetta; tutto perché avevano paura di sentirsi imbarazzati o ammettere di essere stati truffati.  

Lati falsi 

La presa di schieramenti nel discorso politico è naturale e normale. Anche quando le persone sono completamente oneste sui fatti in mano e concordano sui principi di base della decenza e della libertà umana, ANCORA non saranno d’accordo su quali soluzioni dovrebbero essere utilizzate per affrontare i problemi di fronte a loro. Questo crea uno spettro all’interno della società che è sempre presente; non può essere aiutato o evitato. I tiranni comprendono le basi di questo spettro e cercano di usarlo a loro vantaggio per manipolare le persone lontano dal discorso riflessivo e verso conflitti senza mente.

I tiranni sfruttano le masse più facilmente quando la gente presume che i leader politici e sociali corrotti stiano lavorando per “la loro parte” contro “l’altra parte”. Spesso questi leader possono essere comprati o minacciati in asservimento. I tiranni quindi li usano per guidare lo spettro verso gli estremi più lontani, fino a quando entrambe le parti adottano un atteggiamento di fanatismo.

Ciò accade non solo in politica, ma in geopolitica, poiché intere nazioni sono spinte a fare la guerra l’una dall’altra da presidenti fantoccio e governi su conflitti ingegnerizzati che avvantaggiano solo la cabala dei tiranni dietro il sipario.

Zeloteo e false narrazioni

Considero lo zelotry come una sorta di malattia psicologica che è effettivamente comunicabile – si diffonde come un virus attraverso una cultura fino a quando tutti sono infetti. Lo zelotismo accade quando una persona abbraccia un’ideologia al punto che essa sovrascrive la sua personalità e la sua anima, e non è più in grado di pensare chiaramente come individuo. Questo include considerare la possibilità che si trovino dalla parte sbagliata della storia e della moralità.

Lo zelotry su una scala di massa dipende da un numero di domino impostato in successione. La minaccia di crollo civile e sofferenza economica aiuta. Gli oppositori ideologici devono essere dipinti come una minaccia imminente e vile al tessuto stesso della società. In alcuni casi sono una minaccia reale e creata (opposizione controllata); in altri casi sono una tigre di carta destinata a guidare un altro gruppo per sostenere misure tiranniche.

I tiranni costruiscono false narrazioni. Questo è quello che fanno meglio. Incoraggiano le persone a diventare inconsapevolmente cattivi, o accusano gruppi innocenti di malvagità per seminare divisione. Hanno bisogno di tutti i lati per vedere tutti gli altri come alleati o nemici. Non c’è una via di mezzo. Se una persona non si conforma alle opinioni dello zelota, allora deve essere immediatamente trattato come una minaccia. Ciò causa una camera di eco senza fine che distrugge ogni dissenso o disaccordo, non importa quanto razionale.

Gli zeloti operano principalmente sulla paura, rendendoli facili prede per i tiranni. E come alcuni nerd da qualche parte una volta hanno detto: “La paura è il killer della mente; la paura è la piccola morte che porta alla cancellazione totale”.

 

Apatia e falsa speranza

Più di ogni altra cosa, i tiranni desiderano una popolazione apatica. L’apatia genera compiacimento e inazione, e incoraggia anche il pensiero delirante. Le persone apatiche tendono alla filosofia del pacifismo come mezzo per rivendicare il proprio comportamento, ma questa è semplicemente una maschera progettata per nascondere la loro paura. Potrebbero temere la sofferenza, potrebbero temere la perdita, potrebbero temere il fallimento, ma hanno certamente paura, e impedisce loro di ostacolare gli sviluppi che sanno essere di natura malvagia e che richiedono una risposta aggressiva.

L’apatia può anche essere allevata in una società attraverso l’uso di false speranze. I tiranni evocano scenari in cui si fa credere al pubblico che il “cambiamento” positivo sta per avere luogo, di solito attraverso la politica. Ma non ci saranno cambiamenti per il meglio oltre il cosmetico. Le cose vanno solo peggio. In questo processo di condizionamento, i tiranni raccolgono le speranze delle masse e poi le lanciano a terra più e più volte, finché il pubblico non si arrende.

Il problema non è che le cose non possano cambiare in meglio, ma che il pubblico continui a giocare secondo le regole di un gioco fabbricato proprio dalle persone che stanno causando la loro miseria. Uscire dai limiti di quel gioco ci impone di prendere in mano le cose piuttosto che aspettare che gli altri apportino cambiamenti per noi. Richiede il rischio. Se la farsa della tirannia finisce sempre, tutte le persone sveglie e consapevoli dovranno assumersi molti rischi.

Ho sentito dire che la tirannia è un prodotto naturale e inevitabile della società umana. Che i tiranni non possono essere evitati, che esisteranno sempre e qualsiasi tentativo di rimuoverli li farà sostituire solo con altri tiranni. Questo è l’apice della mentalità patetica. È il buio oscuro del nichilismo.

Si potrebbe anche obiettare che non ha senso lavarsi perché domani ci sporcheremo di nuovo. Ma queste persone alla fine moriranno di malattia. Se la tirannia è una costante umana, allora anche la ribellione deve essere una costante umana, altrimenti l’umanità muore o si trasforma in qualcosa di irriconoscibile.

Fonte:  http://www.alt-market.com/

®wld

Possiamo davvero fare ciò che amiamo in questo tipo di esperienza umana?

Lascia un commento

Siamo nati per fare qualcosa di più piuttosto che adattarsi semplicemente al sistema come andare a scuola, lavorare pagare le bollette e poi morire 

di Arjun Walia
31 maggio 2018
dal sito di Collective-Evolution  
versione spagnola 

Quando mi sono imbattuto in questa discussione innescata da Josh Jones, uno scrittore e musicista con sede a Durham, NC, da filmsforaction.org, non ho potuto fare a meno di riflettere su quante persone là fuori si sentono allo stesso modo riguardo al “lavoro” e ciò che fanno in cambio di cibo da mettere sul tavolo e un tetto sopra le loro teste, tra le altre cose.

Dal giorno in cui nasciamo, andiamo a scuola per un paio di decenni ci si domanda chi ci ha insegnato di come funziona il mondo, quale strada prendere, perché seguirla e come adattarsi e diventare un membro “produttivo” della società.

Ciò significa fondamentalmente che dobbiamo trascorrere una grande maggioranza delle nostre vite impegnandoci per una laurea o un diploma al fine di qualificarci a lavorare per lunghe ore e successivamente guadagnare il diritto di vivere. Ci sono molte altre radici oltre a questo, beh, molto più attraenti ma richiedono anche che ci mettiamo del nostro tempo.

Questo sentimento mi ricorda un video pubblicato da The School of Life, che mette in luce il fatto che non importa quanto poco dormiamo o i problemi che stiamo avendo a casa, i blocchi mentali e altre cose che possono sorgere durante l’esperienza umana, siamo e ci è stato sempre detto che dobbiamo andare al lavoro in orario, pronti ad andare senza scuse. Questo non sembra normale o quasi naturale, eppure è qualcosa in cui siamo costretti.

La malattia mentale è in aumento, ad esempio la depressione, un problema che ora colpisce più di 15 milioni di adulti, e solo negli Stati Uniti.

  • Potrebbe l’attuale esperienza umana essere quella che sta contribuendo a questa crescita?

  • Ci sono persone più miserabili ora perché praticamente passiamo le nostre vite a fare tutto il possibile per sopravvivere ignorando ciò che il nostro cuore desidera?

  • Non stiamo dando abbastanza tempo ai nostri desideri e desideri al di là del mondo materiale, e abbiamo anche il tempo di farlo?

Josh riassume abbastanza bene nel suo primo paragrafo:

“Perché dobbiamo lavorare tutte le lunghe ore per guadagnarci il diritto di vivere? Perché solo i ricchi hanno accesso al tempo libero, al piacere estetico, all’autorealizzazione …?

Tutti sembrano avere una risposta, secondo la loro inclinazione politica o teologica. Uno spauracchio economico, la cosiddetta economia del “trickle-down”, o “reaganomics”, in realtà anticipa il nostro 40° presidente almeno per qualche centinaio di anni.

L’idea che dobbiamo migliorare noi stessi – o semplicemente sopravvivere – affaticandoci per aumentare la ricchezza e la proprietà degli uomini già ricchi è stata forse articolata in modo esauriente nella dottrina del 18° secolo di “miglioramento”. Per giustificare la privatizzazione della terra comune e costringere i contadini a trovare lavoro per loro”.

La mia parte preferita di questo estratto è il fatto che egli richiama l’attenzione sul fatto che tutti noi stiamo semplicemente lavorando per un piccolo gruppo di persone d’élite che, attraverso le società che gestiscono, controllano praticamente quasi tutti gli aspetti della nostra vita. La loro idea di “globalizzazione” o di “nuovo ordine mondiale” è quella che richiede la nostra partecipazione e il nostro consenso. Questo tipo di sistema, in cui fondamentalmente tutti noi siamo schiavi economici, è quello a cui ci siamo abituati.

Una grande citazione mi viene in mente qui:

“Gli umani sono così strani: possono scalare montagne, esplorare gli oceani più profondi e viaggiare nello spazio. Ma per qualche motivo non possiamo superare questa idea che abbiamo bisogno dei signori politici che ci dicano cosa possiamo e non possiamo fare con le nostre vite”.

Mentre continuiamo ciecamente a seguire gli altri, il mondo ha sperimentato qualcosa che non ha mai sperimentato prima:

Sta accadendo un enorme cambiamento di paradigma, un cambiamento nel modo in cui vediamo, percepiamo e percepiamo il nostro mondo e l’attuale esperienza umana.

Non tutti sono felici e come potrebbero essere?

Quando viviamo su un pianeta dove muori se non puoi pagare per la tua vita, le nostre passioni e i desideri del cuore lentamente si allontanano dalla vista, a meno che non facciamo qualcosa al riguardo.

Mentre siamo rimasti compiacenti e abbiamo semplicemente accettato l’esperienza umana per quello che è, quelli che hanno creato il nostro attuale modello economico continuano a distruggere il nostro pianeta e non hanno assolutamente alcun riguardo per preservare l’integrità del pianeta e tutta la vita su di esso. Allo stesso tempo, traiamo molte informazioni da noi, tutto ciò che sappiamo del nostro mondo è ciò che ci viene dato dalle stesse persone che hanno progettato questa vita per noi:

i media mainstream aziendali.

Le informazioni da sole sono una minaccia per tanti interessi aziendali.

Continua ad evolvere la tua coscienza

Ispirazione e tutti i nostri migliori contenuti, direttamente nella tua casella di posta.

Questo cambiamento è il risultato di nuove informazioni che ora colpiscono gli occhi e le menti di milioni, se non miliardi di persone. Ciò è diventato evidente quando siti di media alternativi che coprono la corruzione aziendale globale, così come le nuove scoperte in vari campi che sono ignorate dal mainstream, come la nuova energia, hanno iniziato a ricevere fino a un miliardo di visualizzazioni all’anno. Inoltre, whistleblower come Edward Snowden e organizzazioni come Wikileaks hanno dato una mano enorme.

Tutto si è fermato quando alcuni di questi siti sono stati etichettati come “notizie false”. Un titolo ironico dai media mainstream, non è vero? Hanno anche nominato chi si sentivano solo per determinare cosa è reale e cosa non lo è, così come hanno iniziato una massiccia campagna per censurare le informazioni che non provengono dalle reti di informazione dei media mainstream.

C’è molto di più al mondo di quello che ci viene presentato. Essendo così occupati con i nove quinti della nostra vita cercando di sopravvivere, molte persone ancora non possono essere disturbate a riguardo. Quando vengono presentate informazioni che sono fuori dagli schemi, è comune che la dissonanza cognitiva affondi. Ciò che è più frustrante dell’esperienza umana corrente è che non deve essere così.

È qui che entra in scena Buckminister Fuller.

Fuller, una delle menti più creative e interessanti della storia moderna una volta disse che,

“Uno su diecimila di noi può fare un progresso tecnologico in grado di supportare tutto il resto. I giovani di oggi hanno assolutamente ragione nel riconoscere questa assurdità di ‘guadagnare un salario”.

Questo è qualcosa di cui siamo ben consapevoli.

Abbiamo incontrato personalmente tecnologie che possono rivoluzionare il pianeta. Sebbene dipenda da ciò che la coscienza sta operando dietro quella tecnologia, che comunque esiste.

Il nostro intero pianeta potrebbe essere, in un modo moderno, completamente fuori dalla griglia. Ci sono così tante meravigliose creazioni e idee là fuori che rendono possibile una società utopica, è così semplice che molte persone hanno difficoltà a crederci. L’idea che non dobbiamo lavorare per vivere su questo pianeta e vivere una buona vita è ancora impossibile da immaginare per la maggior parte delle persone, ed è perché siamo stati indottrinati a credere che l’attuale modello economico mondiale e la globalizzazione siano gli unici modi per l’umanità di andare avanti, quando sta facendo l’esatto opposto.

A mio parere, cibo, vestiti, ripari e altro non dovrebbero richiedere piccoli pezzi di carta insieme a un pezzettino della nostra anima per riceverlo, un’esperienza umana che utilizza tutti i nostri sviluppi invece di nasconderli, uno in cui i nostri leader guardano fuori per l’umanità e i migliori interessi del nostro pianeta invece di seguire gli ordini dei loro padroni finanziari è disperatamente necessario.

La famosa linea di Michael Jackson,

“loro non si preoccupano veramente di noi”, suona vero, ma non è vero per tutti …

Insieme a questo cambiamento di coscienza, questa consapevolezza è che una coperta di lana è stata posata sui nostri occhi, è il fatto che la coscienza interagisce con il nostro mondo materiale fisico in modi che non sono ancora compresi, e questo è un pensiero incoraggiante dato il cambiamento dell’umanità nel pensare riguardo a concetti che potrebbero non adattarsi al frame di circa dieci anni fa.

Non entrerò in nessun esempio specifico. Vi lascerò meditare su come una società utopica potrebbe funzionare, o su come tutte le nostre esigenze potrebbero essere facilmente fornite. La scarsità è qualcosa che non deve esistere, né la domanda e né l’offerta. Queste erano tutte creazioni di quello che è noto oggi come “l’1 per cento“. Il sistema è stato progettato per beneficiarli, non noi. Bisogna creare qualcosa di nuovo, un nuovo modo di vivere che richieda la completa chiusura e il cambiamento del nostro attuale modello economico.

Proprio come ha detto Fuller:

“Non cambi mai le cose combattendo la realtà esistente, per cambiare qualcosa, costruisci un nuovo modello che rende obsoleto il modello esistente”.

Fuller non credeva che dovessimo avere un lavoro salariato per guadagnare, e che se lo facessimo, non saremmo in grado di perseguire le nostre passioni e interessi a meno che non lo siano per guadagno monetario.

Questo è un pensiero interessante, poiché quando cresciamo ci sono diverse “carriere” tra cui scegliere.

È semplicemente l’illusione del libero arbitrio?

Abbiamo già scelto percorsi prestabiliti, ci sono solo tante opzioni e il nostro intero scopo di essere “educati” o, come mi piace definirlo, indottrinati, è fare soldi.

  • Amiamo davvero quello che facciamo?

  • O ci diciamo solo questo?

  • Possiamo persino determinare o identificare le nostre passioni, desideri e bisogni in questo mondo?

  • Oppure tutti i nostri desideri, bisogni, desideri e passioni ci vengono dati dal mondo aziendale sotto forma di mass media, pubblicità e marketing?

  • Perché così tanti di noi sono tutti immersi nelle stesse cose materiali, acquisendo le stesse cose materiali, senza mai mettere in discussione l’esperienza umana?

  • Siamo diventati troppo comodi?

Il cambiamento non è mai facile, e sempre salutato dal ridicolo. Questo è esattamente ciò che sta attraversando la razza umana:

stiamo riconoscendo la necessità di cambiare attualmente su quel percorso.

In una colonna del New York Times sul saggio di Russell del 1932 “In Praise of Idleness“, scrive Gary Gutting,

“Per la maggior parte di noi, un lavoro retribuito è ancora assolutamente essenziale – come masse di disoccupati sanno fin troppo bene.

Ma nel nostro sistema economico, la maggior parte di noi vede inevitabilmente il nostro lavoro come un mezzo per qualcos’altro: si guadagna da vivere, ma questa non si può chiamare vita”.

Bertrand Russell, è un eminente filosofo, matematico, storico, scrittore e attivista politico britannico si è dichiarato d’accordo, affermando che,

“Il danno immenso è causato dalla convinzione che il lavoro sia virtuoso.”

Jones lo spiega bene:

“In troppi casi, infatti, il lavoro che dobbiamo fare per sopravvivere ci priva della capacità di vivere rovinando la nostra salute, consumando tutto il nostro tempo precedente e degradando il nostro ambiente”.

Nel suo saggio, Russell sostiene che,

“C’è troppo lavoro nel mondo, il danno immenso è causato dalla convinzione che il lavoro sia virtuoso e che ciò che deve essere predicato nei moderni paesi industriali sia molto diverso da quello che è sempre stato predicato”.

Sono d’accordo…

Tendiamo a glorificare l’idea di “duro lavoro” come qualcosa di cui essere orgogliosi, senza mai fare un passo indietro e guardare questa esperienza umana attraverso l’obiettivo di un osservatore. Russell si riferiva a questo tipo di esistenza come a uno “stato schiavo” operato da “coloro che danno ordini”.

Lui la chiama politica, che ha elaborato come se avesse,

“Nessuna vera conoscenza dei soggetti su quale consiglio è dato, ma solo per manipolare: l’arte di parlare e scrivere persuasivi”.

Questo mi ricorda i sofisti nell’antica Grecia, che usavano la loro intelligenza e i loro modi con le parole per rendere la vita difficile alle persone.

“Cos’è il lavoro?

Il lavoro è di due tipi:

  • in primo luogo, alterando la posizione della materia alla o vicino alla superficie terrestre relativamente ad altra materia

  • secondo, dire agli altri di farlo

Il primo tipo è spiacevole e mal pagato; il secondo è piacevole e molto pagato … In un mondo in cui nessuno è costretto a lavorare più di quattro ore al giorno, ogni persona posseduta dalla curiosità scientifica sarà in grado di soddisfarlo, e ogni pittore sarà in grado di dipingere senza morire di fame, per quanto eccellenti possano essere le sue immagini.

I giovani scrittori non saranno obbligati a richiamare l’attenzione su se stessi da sensazionali calderoni, al fine di acquisire l’indipendenza economica per le opere monumentali, per le quali, quando arriverà il momento, avranno perso il gusto e la capacità”. fonte

Le sue cose sono state discusse per decenni:

“La manipolazione cosciente e intelligente delle abitudini e delle opinioni organizzate dalle masse è un elemento importante nella società democratica. Coloro che manipolano questo meccanismo invisibile della società costituiscono un governo invisibile che è il vero potere dominante del nostro paese. Siamo governati, le nostre menti sono modellate, i nostri gusti si sono formati, le nostre idee suggerite, in gran parte da uomini di cui non abbiamo mai sentito parlare”.

Edward Bernays (“il padre delle pubbliche relazioni”) Propaganda – 1928

Come vedi?

La nostra mancanza di domande e / o compiacimento ha portato a un’esperienza interessante, in cui molti desiderano un cambiamento.

Possiamo davvero fare ciò che amiamo in questo tipo di esperienza umana?

Quindi, è possibile fare ciò che amiamo?

Beh, potrebbe essere un compito capirlo anche quando ci vengono date le nostre scelte e percorsi nella vita.

Inoltre, dobbiamo pagare l’affitto, mettere il cibo nello stomaco e provvedere alle necessità di base. Persino le persone con lavori a tempo pieno stanno lottando per farlo.

Questi lavori occupano fino a 8-10 ore della nostra vita ogni giorno, quindi se vieni dalla convinzione che non puoi perseguire le tue passioni, sei in compagnia di molti, incluse le due brillanti menti elencate in questo titolo.

Per perseguire qualcosa che ami in questo mondo, e ne sei estremamente appassionato, non sarà per un guadagno monetario tutto il tempo. Ma abbiamo ancora tempo per perseguire le cose che amiamo anziché passare il tempo andando ai bar o facendo festa con gli amici.

Non importa quante scuse hai, se ami qualcosa c’è sempre tempo per perseguirlo, ma raccontalo a qualcuno che è appena tornato a casa da una dura giornata di lavoro e non ha energia mentale / fisica.

Sono un grande sostenitore del potere della manifestazione, nel senso che si possono manifestare esperienze nelle loro vite con uno spostamento di coscienza.

Certo, l’attuale esperienza umana è molto dura. Non è facile, e per un’anima prosperare qui significa che sono molto forti, specialmente se non smetteranno di inseguirli per seguire la chiamata del loro cuore.

Detto ciò,

  • Succede che se lasci andare la paura e inizi a fare ciò che ami, per quanto puoi?

  • Che cosa succede se prendi quella strada, e se lo fai senza preoccupazioni, le cose si allenano per te?

Credo che se vogliamo qualcosa di abbastanza grave, attraverso il potere della coscienza, possiamo manifestare la nostra esperienza umana, specialmente se è qualcosa che è radicata nel desiderio di fare del bene a tutti.

Basato su tutta la scienza, la storia, la filosofia e più di tutto, la mia intuizione, questo è qualcosa che credo fermamente.

Sono stato in grado di far parte di una squadra da diversi anni e, prima di questo, è ciò che ho sognato. Essere parte di un team e avere una piattaforma per condividere informazioni che non vedremo mai nei media mainstream e essere in grado di portare nuove idee e informazioni al mondo è tutto quello che volevo fare.

Lo volevo così malalamente che è quello che ho fatto durante la scuola e quando ho dovuto lavorare ho fatto un altro lavoro. Ero sempre impegnato nelle mie passioni, eppure ero sempre affranto dal fatto che non potevo passare attraverso la vita perseguendo unicamente ciò per cui il mio cuore batte.

Ma guardami adesso – Lo sto facendo …

Ho avuto una dura esperienza di risveglio di fatti di cui una volta ero inconsapevole, e per di più era la normale esperienza umana che non stava risuonando con me.

Cosa mi ha aiutato a manifestare la mia esperienza? La prima cosa stava cambiando la mia prospettiva dell’esperienza umana. Invece di vederlo come un sistema simile a uno schiavo, e etichettandolo come tale, ho scelto di vederlo come un’esperienza. Credo che questa breve vita non sia la nostra unica opportunità e che questa sia un’altra opportunità di “giocare” all’interno dell’esperienza umana.

L’ho considerato una sfida e un’opportunità per superare’ molti ostacoli.

Questo ha aiutato la mia visione della vita alla grande, e invece di assumere un ruolo da vittima dove mi sentivo senza speranza e incapace di cambiare qualcosa, la percezione stessa di me che considera la vita come un’opportunità è ciò che mi ha aiutato.

La vita è troppo breve per non dare lo sforzo di perseguire ciò per cui il tuo cuore batte. Sì, non è facile, lo so, e non è difficile capire perché così tante persone credono che sia assolutamente impossibile quando abbiamo così tanti altri doveri da seguire. Personalmente, non l’ho mai percepito come impossibile.

Ero disposto a morire, a diventare senzatetto o altro. Non c’era paura in me. Abbiamo persino una scienza moderna conforme ai fattori associati alla coscienza, come i pensieri, i sentimenti e le emozioni, che possono effettivamente influenzare il nostro mondo materiale fisico.

Se credi che sia possibile, lo è. Se non credi, non lo è …

L’ultima cosa che vorrei dirvi è che non sarà facile e offrirà alla vostra vita una serie di sfide / opportunità di crescita. La gioia si trova all’interno del viaggio stesso, non entro i confini.

Basta immaginare

Immagina, se gli esseri umani hanno creato un’esperienza in cui tutti i nostri bisogni sono stati previsti.

Come accennato in precedenza, abbiamo il potenziale più che sufficiente per farlo …

Cosa faremmo con il nostro tempo? È semplice, vorremmo esplorare, contemplare e scoprire. Dopotutto, questo è il nostro stato naturale dalla nascita, finché non ci viene detto come funziona il mondo e cosa dobbiamo fare in esso.

Siamo stati sottoposti a lavaggio del cervello per così tanto tempo e tolti dal nostro stato naturale che è davvero il momento di creare un’esperienza umana che risuoni con tutti noi, e ciò che noi cerchiamo per tutta la vita siamo carne che vuole fare, e questo è prosperare. Fonte

®wld

La vita della morte è un’animazione toccante e toccante sul giorno in cui la morte si innamora della vita. Dopo essere stato ben accolto in vari festival di animazione e essere stato inserito nel film EYE DVD di Selected Dutch Shorts, è finalmente online!

https://vimeo.com/154739710