Home

Ora la fine dei giochi è a portata di mano

Lascia un commento

Come la C-I-A ha preso il controllo dei media statunitensi

Postato da: Caitlin Johnstone tramite Medium 

I tecnocrati della C-I-A hanno virtualmente preso il controllo dei media statunitensi per creare una narrativa globalista che alla fine non include nemmeno una nazione funzionante. Eisenhower ci ha avvertito del “Complesso industriale militare” e dell ‘”élite tecnologica”, ma i rappresentanti politici non hanno prestato attenzione o azione. Ora la fine dei giochi è a portata di mano. ⁃ TN Editor

Le origini militari / dell’intelligence di Facebook

Postato da: Whitney Webb tramite Hangout illimitato 

La C-I-A insieme al suo braccio di capitale di rischio, In-Q-Tel e D-A-R-P-A (Defense Advanced Research Projects), entrambi i bastioni dell’ingegneria sociale tecnocratica, erano immersi fino al ginocchio nella creazione originale dei social media. Il loro obiettivo era creare folio estesi su ogni cittadino. ⁃ TN Editor 

Flashback: come e perché la C-I-A ha creato Google 

Postato da: Nafeez Ahmed tramite Medium

Questo magistrale white paper documenta gli eventi e le persone che circondano la fondazione di Google. Dovrebbe essere letto e compreso da ogni americano perché rappresenta il più grande programma di ingegneria sociale di tutti i tempi. Google non è stato casuale, né stava semplicemente soddisfacendo le esigenze di un nuovo mercato. ⁃ TN Editor (Corsivo mio: questo articolo si divide in parte 1 e parte 2, è un corposo articolo che richiede un po’ di tempo da dedicare nella lettura)

NB: Gli articoli sopra esposti si possono leggere in lingua italiana perchè? il blog
“TN Editor” permette la trasliterazione in più lingue.

Fonti articoli: https://it.technocracy.news/

®wld

Paura – un’arma e un veleno per il cervello

Lascia un commento

Il caustico salario della paura perpetua 

Postato da: Paul Rosenberg tramite Free-Man’s Perspective

I primi tecnocrati che svilupparono la “scienza dell’ingegneria sociale” studiarono artisti del calibro di Saint-Simon, Pavlov, BF Skinner, Edward Bernays, ecc., E conoscevano perfettamente gli effetti della paura sulle persone e sulle società. Oggi è il loro strumento più utile. ⁃TN Editor 

Ho parlato a lungo sulla paura che rende gli esseri umani stupidi, e persino sul fatto che sia un’arma e un veleno per il cervello. Ma a volte mi sono anche chiesto se le persone avrebbero colpito la stanchezza della paura … quel punto in cui le persone hanno semplicemente avuto abbastanza paura e se ne sono andate.

A quanto pare, tuttavia, ero un po’ ottimista sulla paura della fatica. Ho letto l’ultimo libro di Robert Sapolsky,  Behave: The Biology of Humans at Our Best And Worst, e sono rimasto deluso nell’apprendere ciò che la migliore nuova ricerca mostra sull’applicazione a lungo termine della paura. (O, nella terminologia accademica,  stress sostenuto.)

La mia delusione, tuttavia, fu presto mitigata da due cose:

  1. Ho ottenuto informazioni su come funziona l’avvelenamento da paura.
  2. Quella neurologia umana è immensamente variabile, che ci sono eccezioni a tutto, e che se l’intero quadro fosse effettivamente oscuro come le scoperte più preoccupanti, molto tempo fa ci saremmo trasformati in nient’altro che scimmie assassine.

Ho a malapena bisogno di dirlo, ma il 2020 è stato l’anno della paura. Sono un po’ stupito dalla sua portata. C’è un certo fascino nell’assorbire tutte le storie di paura in tempi normali – la nostra capacità di guardare male negli occhi ci fa sembrare vibranti – ma il 2020 si è spinto ben oltre quel livello. Quello che stiamo incontrando è molto più del semplice porno della paura e ci sono alcuni punti vendita (compresi i siti Web) che posso solo descrivere come osceni.

Questo è più distruttivo di quanto le persone credano. 

Cosa ci fa la paura perpetua 

Cito da Sapolsky, che è uno dei migliori neuroscienziati del nostro tempo. Modificherò un po’ per semplificare e rimuovere i riferimenti all’area cerebrale, e seguirò i passaggi con alcune elaborazioni.

Durante lo stress prolungato, abbiamo più paura, il nostro pensiero è confuso, valutiamo male i rischi e agiamo impulsivamente per abitudine, piuttosto che incorporare nuovi dati”.

Sotto un lungo flusso della paura (come titoli spaventosi), il nostro pensiero si rompe. Mettiamola in modo molto semplice: potresti essere molto intelligente in sostanza, ma quando consumi ore di paura ogni giorno, diventi stupido. E per favore cerca di capire:  questo è biologico. Le tue operazioni cerebrali diventano quelle di una persona stupida. (E sì, sto usando “stupido” in modo molto antiscientifico.)

Ricorda anche che la paura funziona. Le persone che vendono la paura in TV, pagine web e social media vengono ricompensate per questo. Sono diventati, usando i miei termini liberamente ma non ingiustamente, spacciatori di droga, vendendo materiale dannoso da cui le persone diventano dipendenti. Inoltre, questi sono professionisti. Le società di social media sono pienamente consapevoli che i loro modelli di business dipendono dalle persone che ne sono dipendenti. Stanno attenti a mantenerli dipendenti.

Le paure che le persone consumano, quindi, provengono da persone che ne traggono profitto.

Lo stress indebolisce le connessioni che sono essenziali per incorporare nuove informazioni che  dovrebbero  spingere a passare a una nuova strategia, rafforzando al contempo le connessioni con i circuiti cerebrali abituali”.

In altre parole, la paura ti blocca nelle tue abitudini e nelle tue scelte precedenti. Riduce letteralmente i percorsi cerebrali che ti consentono di cambiare idea.

Questo è serio e sospetto che tu abbia già visto esempi di questo.

“In condizioni di stress prolungato elaboriamo le informazioni importanti dal punto di vista emotivo rapidamente e automaticamente, ma in modo meno accurato. La memoria di lavoro, il controllo degli impulsi, il processo decisionale, la valutazione del rischio e lo spostamento dei compiti sono compromessi.”

Ancora una volta, la paura prolungata blocca le persone in qualunque percorso si trovino già. E ancora, questo è biologico. I circuiti cerebrali sono direttamente interessati.

Da tutto quello che ho scritto sopra (e ci sono altri effetti sgradevoli come la violenza domestica), sembrerebbe che siamo condannati; che i nostri vicini che hanno bevuto profondamente dal fiume della paura sono bloccati dal cervello e finché il flusso della paura continua (non sembra esserci una fine in vista), diventeranno sempre più rigidi nei loro pregiudizi e quella violenza continuerà e aumenterà.

E per alcune persone tutto quanto sopra sarà vero. La paura distrugge nel modo più diretto: biologicamente.

Eppure … la biologia non è mai semplice, soprattutto a livello umano. Mentre le cose di cui sopra sono generalmente vere, ci sono sempre delle eccezioni; a volte molti di loro. Ed sono proprio quelle eccezioni che ci hanno salvato, di volta in volta.

I salari della paura perpetua sono menti polarizzate e bloccate. E questo porta a un’opposizione istintiva, violenza e omicidio. Lo stiamo vedendo ora e continuremo a vederlo per un po’ di tempo. Il mondo, a quanto pare, è diventato dipendente dalla paura.

Eppure, molti di noi lo rifiutano, e questo è ancora lontano.

Due giorni fa c’è stata una festa nel mio quartiere: musica, parlare, suonare, ridere e così via. È stato il primo rumore gioioso che ho sentito in pubblico da molto tempo.

La vita trova un modo, e soprattutto la vita umana. 

Leggi la storia completa qui … 

Postato su: https://www.technocracy.news/

®wld 

Il nostro futuro distopico – la nuova normalità

Lascia un commento

 

 

Covid-19 e il Nuovo Ordine Mondiale: 13 modi in cui il nostro mondo cambierà

di: Andrew Korybko

Pubblicato da: HAF

COVID-19 ha radicalmente cambiato la vita come la conosciamo, ed è più che probabile che il nostro futuro sarà distopico, dato che vari governi hanno già risposto a questo scoppio virale.

Gli scettici tra noi temono che tutta questa pandemia sia esagerata e sfruttata come una cortina di fumo per rubare le nostre libertà, e mentre il loro atteggiamento nei confronti di questa malattia è discutibile (e molto probabilmente pericoloso), è giustificato il loro sospetto su un governo da parte della società. 

 

Mai prima d’ora i governi avevano così tanto potere sul popolo.  

 

Il problema, tuttavia, è che questi poteri appena assunti probabilmente non si arrenderanno volontariamente dopo la fine di questa epidemia, motivo per cui molte persone sono così preoccupate. Sono convinti che siamo entrati improvvisamente in un periodo di dittatura globale ed è difficile discutere con loro. 

 

Anche molte altre cose stanno cambiando, ed è difficile tenere il passo con il ” COVID World Order ” che ci è stato affidato, ma ciò che segue è un tentativo di descrivere brevemente tutto ciò che è già avvenuto e prevedere ciò che probabilmente seguirà: 

 

1. Legge marziale di fatto … 

 

Non c’è altro modo per descrivere le quarantene “raccomandate” e obbligatorie che molti al mondo stanno sperimentando che chiamarle come sono, uno stato di diritto marziale di fatto, che non viene formalmente dichiarato per non provocare più panico di quello che già esiste. 

 

2. … è la “nuova normalità” 

 

Ora che la legge marziale di fatto di un periodo apparentemente indefinito è stata accettata dalla gente (sia volentieri che a malincuore), probabilmente diventerà la “nuova normalità e sarà implementata innumerevoli volte in futuro, sia essa una “sovrabbondanza di cautela ”in caso di un altro focolaio o sotto qualsiasi altro pretesto. 

 

3. La censura dei social media si intensificherà 

 

Big Brother” è già qui, ma diventerà un bullo più grande che mai intensificando la sua censura sui post dei social media delle persone sulla base del fatto che sono “socialmente irresponsabili” (ad esempio, mettendo in discussione la gravità di questa malattia), dopo che la rete “politicamente scorretta” si allargherà per includere anche altri argomenti. 

 

4. Il viaggio non sarà più lo stesso 

 

I viaggi nazionali e internazionali non saranno mai più gli stessi, con le restrizioni interne ai movimenti che diventeranno probabilmente banali e la maggior parte degli ospiti stranieri dovrà auto-mettere in quarantena per un periodo di tempo, tranne in circostanze speciali, quindi quasi uccidendo l’industria del turismo globale. 

 

5. Il controllo delle frontiere diventerà più robusto 

 

Sono finiti i tempi dei cosiddetti “confini aperti” in cui chiunque può spostarsi liberamente tra giurisdizioni a piacimento (sia legalmente che altrimenti), con controlli più severi che vengono messi in atto per [presumibilmente] proteggere la popolazione locale dagli estranei (incluso il proprio connazionali provenienti da altre parti del paese). 

 

6. Vaccini obbligatori stanno arrivando 

 

Per qualunque cosa si pensi ai vaccini, probabilmente non c’è modo di impedire che diventino obbligatori dopo la pandemia di COVID-19, con la previsione che le persone dovranno dimostrare di essere state vaccinate per fare qualsiasi cosa, come lo studio, lavorare, viaggiare e ricevere benefici pubblici.

 

 

7. L’apprendimento e il lavoro a distanza aumenteranno 

 

Con così tante persone bloccate a casa e incapaci di andarsene se non per l’acquisto di beni essenziali nella maggior parte dei casi, è prevedibile che l’apprendimento e il lavoro a distanza (quest’ultimo che sarà ovviamente per coloro i cui lavori gli permettono di farlo) riprenderanno nel futuro in arrivo quando la società si abitua a questo modo di fare le cose. 

8. Il 5G è inevitabile 

 

Il massiccio aumento del traffico online da parte di persone che stanno imparando, lavorando o semplicemente intrattenendosi online richiederà il rapido lancio della tecnologia 5G, nonostante ciò che alcune persone sospettano siano le sue serie preoccupazioni per la salute . 

9. La società dipende solo da pochi lavori per funzionare 

 

La “nuova normalità” della legge marziale di fatto ha fatto capire a molte persone che la società in realtà dipende solo da alcuni lavori per continuare a funzionare al minimo indispensabile, con dipendenti tecnologici, drogherie e farmacie, impiegati di banca, assistenza sanitaria professionisti, addetti alla ristorazione, agricoltori e camionisti. 

10. La nazionalizzazione potrebbe essere imminente 

 

Nel bene e nel male, i governi di tutto il mondo potrebbero intraprendere una corsa alla nazionalizzazione al fine di assumere il controllo di quelle che considerano “industrie essenziali” (anche se alcuni di loro sono davvero o meno è un’altra storia), che potrebbe portare al imposizione informale di modelli economici socialisti o fascisti. 

11. “Reddito di base universale” 

 

Data la portata e la portata del collasso economico globale che è stato catalizzato dalla risposta a COVID-19, è prevedibile che i governi sveleranno quello che è stato descritto come un “reddito di base universale” al fine di garantire che i loro cittadini possano continuare almeno ad acquistare beni e servizi di base.

 

 

12. Formazione medica obbligatoria in cambio di benefici statali 

 

La formazione medica è probabilmente più importante del servizio militare al giorno d’oggi, quindi lo stato probabilmente lo renderà obbligatorio nelle scuole da qui in poi e per chiunque voglia ricevere benefici dal governo, consentendo così al governo di redigere in futuro ogni volta che c’è una carenza di operatori sanitari.

13. Dì addio ai contanti  

 

Sta arrivando la società senza contanti, giustificata dalla paura (reale, falsa o esagerata) che i virus letali possano essere diffusi attraverso la moneta cartacea o come il metodo preferito dal governo per disperdere il suo “reddito di base universale” , il che significa che le autorità possono tagliare la gente fuori dai loro fondi in qualsiasi momento che vogliono.

 

Nel mirino dell’establishment

Lascia un commento

vaccine-check-point

Rivelata la nuova legge proposta per imprigionare “Anti-Vaxxers” e i punti di discussione sui media basati sulla paura del CDC!

 

di Spiro Skouras

Questo articolo è stato scritto da Spiro Skouras e originariamente pubblicato su Activist Post

Un gruppo controverso attualmente nel mirino dell’establishment, che è stato anche discusso all’evento 201, è noto come movimento anti-vaccino. E ora vediamo il governo del Regno Unito lavorare su una nuova legge per incarcerare le persone che diffondono “Propaganda anti-vaccino” online. Attualmente, le persone sono protette da procedimenti giudiziari se credono sinceramente che la disinformazione o la propaganda siano reali, ma il governo sta cercando di riformare questa disposizione e rendere reato la pubblicazione di qualsiasi cosa online, in particolare i social media, che è considerato “Anti- Vaccino.”

Dove si trova il CDC su questo problema? Bene, quando esaminiamo un documento CDC pubblicato sul sito web delle Accademie Nazionali, vediamo ciò che chiamano “una ricetta per favorire l’interesse pubblico e la forte domanda di vaccini”.

Il documento CDC sembra contenere chiacchiere esplicite e una strategia da attuare e diffondere al pubblico attraverso i funzionari sanitari e i media.

Non sono un “Anti-Vaxxer”, ma quando vedo un’operazione globale massiccia, guidata dal profitto, che esercita un grande potere e influenza sui governi, che vogliono rendere obbligatori i vaccini e incarcerare coloro che hanno il coraggio di porre domande, che vengono poi propagandate dai media e vendute al pubblico attraverso la paura e l’intimidazione, devo resistere.

Commenti (1)

Vaccino informato, non anti-vaxxer
scritto da Karen F, 4 febbraio 2020

 

Tutti quelli che conosco che sostengono la vaccinazione non hanno trascorso del tempo a esaminare la moltitudine di problemi che circondano i vaccini e tutti quelli che conosco che hanno avuto il tempo di capire i vaccini hanno sviluppato una posizione ferma nei loro confronti. Sono informati sul vaccino, non anti-vaxxer.

Spiro ha fatto un buon lavoro fornendo un breve riassunto, ma quando dice che è solo la punta dell’iceberg … è un eufemismo. CDC, FDA e NIH sono le armi dell’industria farmaceutica: una parte significativa del budget di CDC proviene dalla vendita di vaccini; il CDC e NIH detengono pattens sulla tecnologia dei vaccini e guadagnano royalties sui vaccini venduti; questi stessi vaccini sono accelerati attraverso l’approvazione della FDA con test di sicurezza inadeguati e inseriti nel programma vaccinale del CDC, con la conseguenza che milioni di bambini sono costretti a riceverli per andare a scuola pubblica (gli Stati spesso adottano semplicemente il programma CDC, ma non ogni Stato lo fa); I dipendenti di CDC, NIH e FDA ruotano attraverso le agenzie governative, quindi si spostano verso le aziende farmaceutiche con profitti lucrativi per il loro duro lavoro a beneficio del settore farmaceutico mentre erano al governo – molti di loro ricevono denaro dal settore farmaceutico mentre lavorano per il governo (abituato a essere chiamato conflitto di interessi); la FDA e il CDC accettano studi sulla sicurezza farmaceutica che utilizzano adiuvanti di alluminio e altri vaccini come placebo – non è mai stata usata una sostanza inerte (salina) come placebo; i dati di efficacia sono falsificati per ottenere l’approvazione per i nuovi vaccini (ad es. Merck con il vaccino contro la parotite), e nonostante una causa per informatori al riguardo, la FDA non ha fatto nulla per affrontare questo … e molto, molto altro si potrebbe dire, e ha stato detto. È una vasta rete di corruzione, conflitti di interesse, bugie e frodi.

Gli adulti pensano che si tratti solo di bambini, quindi pensano di essere in chiaro, ma il settore farmaceutico e il CDC arriveranno per gli adulti dopo. Hanno già iniziato con studenti universitari e operatori sanitari. Il CDC ha un programma per i vaccini per adulti ed è solo una questione di tempo prima che si colleghino ai nuovi smart ID e alla capacità di una persona di funzionare nella società con la storia delle vaccinazioni.

Infine, per la folla della teoria della cospirazione, ho trovato questo articolo terrificante, in quanto descriveva la connessione della DARPA con il laboratorio biologico di Wuhan, il loro studio su Coronavirus e pipistrelli e la loro collaborazione con 2 aziende farmaceutiche per produrre un vaccino DNR per il coronavirus (che Sono sicuro che hanno intenzione di chiedere l’approvazione immediata a causa dell’emergenza sanitaria globale di cui hanno parlato e, con il mio sospetto, sono responsabili). Per chi non lo sapesse, i vaccini genetici vengono annunciati come il futuro dei vaccini, dove alterano letteralmente il DNA dei destinatari del vaccino. Pensi di fidarti di loro per farti questo? Se avessero avuto la loro strada, non avresti avuto scelta. Leggi e piangi: https://www.blacklistednews.com/article/76139/bats-gene-editing-and-bioweapons-recent-darpa-experiments-raise-concerns-amid-coronavirus.html

Le persone hanno bisogno di svegliarsi e informarsi sui vaccini, o il tasso di autismo 1 su 35 in NJ non sarà la più grande tragedia che dovremo affrontare.

Fonte: http://www.alt-market.com/

***************************************

#TgByoblu 17 – UK SHOCK: IN GALERA CHI NON È PRO-VAX SUI SOCIAL

 

®wld

Poi è arrivata Internet

Lascia un commento

Internet-pericoli e domande dell’era “Zuckerberg”

 

Di Roberto Savio November 14, 2019 from OtherNews Website

 

Editore di OtherNews, 

Roberto Savio italo-argentino 

è un economista, giornalista, esperto di comunicazione, commentatore politico, attivista per la giustizia sociale e climatica e fautore di una governance globale anti neoliberista. Direttore delle relazioni internazionali del Centro europeo per la pace e lo sviluppo. È co-fondatore dell’agenzia di stampa Inter Press Service (IPS) e del suo presidente emerito.

 

Roma, 14 novembre

Quest’anno il Worldwide Web ha trent’anni. Per la prima volta dal 1435, un cittadino brasiliano potrebbe scambiare opinioni e informazioni con un altro in Finlandia.

Internet, l’infrastruttura di comunicazione per il Web è un po’ più vecchia.

 

È stato sviluppato dall’ARPANET, un progetto del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sotto la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA).

I militari lo progettano per decentralizzare le comunicazioni in caso di attacco militare.

Tale rete ha permesso agli scienziati di comunicare via e-mail nelle università.

 

Quindi nel 1989 Tim Berners-Lee al CERN in Svizzera ha inventato Hyperlink e Worldwide Web (www – il Web) passando rapidamente dagli scienziati automatizzando la condivisione delle informazioni tra università e istituti di ricerca ai primi siti Web ora disponibili al pubblico.

Nel 2002 i primi siti di social media sono iniziati come siti web specializzati.

 

  • LinkedIn è stato lanciato nel 2003 (Biblioteca Pleyades nel 2003)
  • FaceBook nel 2004
  • Twitter nel 2006
  • Instagram nel 2010,

 

…e così via…

La mia generazione ha considerato l’arrivo del Web come una “grande prospettiva” per la democrazia .

 

Veniamo dall’era di Gutenberg, un’era che nel 1435 cambiò il mondo.

Dai manoscritti redatti dai monaci per essere letti da alcune persone nei monasteri, l’invenzione del tipo mobile riutilizzabile ha fatto sì che in soli 20 anni già otto milioni di copie di libri stampati siano state distribuite in tutta Europa.

Tra le altre cose ha significato anche la creazione di informazioni.

Le persone che fino a quel momento avevano solo un orizzonte scarso al di là dei loro immediati dintorni, potevano improvvisamente accedere alle informazioni sul loro paese e persino sul mondo intero.

Il primo giornale fu stampato a Strasburgo nel 1605.

Da allora fino al 1989, il mondo era pieno di informazioni.

 

L’informazione aveva un limite molto serio.

 

Era una struttura verticale. Solo poche persone hanno inviato notizie a un gran numero di destinatari; c’è stato un piccolo feedback. Non era partecipativo, richiedeva ingenti investimenti di avvio, era facilmente utilizzato dai poteri economici e politici.

Nel Terzo mondo, il sistema dei media faceva parte dello Stato.

Nel 1976, l’88% dei flussi di notizie mondiali proveniva da soli tre paesi:

 

  • gli Stati Uniti
  • il Regno Unito
  • Francia

 

Sono incluse agenzie di stampa internazionali con sede in questi tre paesi,

 

  • Associated Press (AP)
  • United Press International (UPI)
  • Reuters
  • Agence France Press (AFP)

 

I media di tutto il mondo dipendevano dai loro servizi di notizie.

Alcune agenzie di stampa alternative, come Inter Press Services ( IPS ), sono riuscite a mettere un freno al loro monopolio. Ma ciò che questi media occidentali hanno pubblicato, nel complesso, è stata una finestra di parte sul mondo.

Poi è arrivata Internet e, con essa, è arrivata la comunicazione orizzontale.

 

Ogni destinatario era anche un mittente.

Per la prima volta dal 1435, i media non erano più l’unica finestra sul mondo.

Le persone che la pensano allo stesso modo potrebbero prendere parte alle interazioni sociali, culturali ed economiche.

 

Questo cambiamento è stato evidente nella Conferenza mondiale delle donne delle Nazioni Unite a Pechino, 1995.

 

Le donne hanno creato reti prima della conferenza e hanno presentato un piano d’azione comune.

I governi non erano così preparati, quindi la Dichiarazione di Pechino è stata una svolta, che era del tutto diversa dalle insipide dichiarazioni delle precedenti quattro Conferenze mondiali.

 

Un altro buon esempio è la campagna per eliminare le mine antiuomo, avviata dall’attivista canadese Jody Williams nel 1992.

 

Questo presto sbocciò in una grande coalizione di organizzazioni non governative di oltre 100 paesi.

Sotto la crescente pressione la Norvegia decise di presentare la questione alle Nazioni Unite, dove gli Stati Uniti, la Cina e altri produttori di mine antiuomo come l’URSS, cercarono di bloccare il dibattito, dichiarando che avrebbero votato contro di essa.

Agli attivisti non importava, e 128 paesi hanno adottato il Trattato sul divieto delle mine nel 1997 con voto contrario di Stati Uniti, Cina e URSS.

Un vasto movimento globale era più potente del tradizionale ruolo del Consiglio di sicurezza.

 

Internet era diventato lo strumento per creare coalizioni mondiali.

Questi sono solo due esempi di quanto Internet potrebbe cambiare il tradizionale sistema di sovranità dello stato della Westfalia come definito alla Conferenza di Westfalia nel 1648.

Internet ha attraversato le frontiere nazionali per avviare una nuova era.

Diciamo, per motivi di simbolismo, che Internet ci ha portato dall’era Gutenberg , all’era Zuckerberg , per citare l’inventore di Facebook e un esempio di ciò che è andato storto con questo mezzo …

Internet ci è venuto incontro con una forza senza precedenti.

 

  • ci sono voluti 38 anni perché la radio raggiungesse 50 milioni di persone

  • la televisione ha impiegato 13 anni
  • il Web a soli 4 anni
  • aveva un miliardo di utenti nel 2005
  • 2 miliardi nel 2011
  • ora ha 3½ miliardi di utenti, 3 miliardi di quelli che usano i social media …

 

Quindi i due pilastri tradizionali del potere,

 

  • il sistema politico
  • il sistema economico,

 

… dovevo anche imparare a usare Internet.

Gli Stati Uniti forniscono un buon esempio.

 

Tutti i media americani (pubblicazioni nazionali e regionali) prevedono la stampa di 50 milioni di copie al giorno.

I giornali di qualità – sia i fogli conservatori come il Wall Street Journal, sia quelli progressisti come il Washington Post o il New York Times – stampano insieme dieci milioni di copie al giorno.

Trump ha sessantatre milioni di follower su Twitter; leggono i tweet di Trump ma non comprano i giornali.

 

Il Web ha avuto due sviluppi imprevisti.

 

  • Uno era il drammatico rafforzamento della società dei consumi. Oggi i budget pubblicitari sono dieci volte più grandi dei budget per l’istruzione e l’educazione dura solo pochi anni rispetto a una vita di pubblicità.

    Con lo sviluppo dei social network, le persone – ora più consumatori che cittadini – sono diventate oggetti per la commercializzazione di beni e servizi e recentemente anche per campagne politiche.

    Tutti i sistemi di informazione e comunicazione estraggono i nostri dati personali, vendendoci come consumatori.

    Ora la TV può vederci mentre la guardiamo.

    Gli smartphone sono diventati microfoni che ascoltano le nostre conversazioni. L’idea di privacy è sparita. Se potessimo accedere ai nostri dati, scopriremmo di essere seguiti ogni minuto della giornata, persino nelle nostre camere da letto.

    Gli algoritmi segreti formano i profili di ognuno di noi.

    Sulla base di questi profili, le piattaforme ci forniscono le notizie, i prodotti e le persone che questi algoritmi credono che ci piaceranno, isolandoci così nelle nostre bolle.

    L’intelligenza artificiale apprende dai dati che accumula.

    La Cina, con 1,35 miliardi di persone, fornirà ai suoi ricercatori più dati di Europa e Stati Uniti insieme. Internet ha dato vita a un’economia estrattiva digitale, in cui la materia prima non è più minerale, ma noi umani.

     

  • L’altro sviluppo che è andato storto è che l’economia estrattiva digitale ha creato ricchezza senza precedenti.

    Jeff Bezos, CEO di Amazon, è stato recentemente divorziato dalla moglie. Nell’insediamento ha ricevuto 36 miliardi di dollari, ma Bezos rimane tra le 10 persone più ricche del mondo.

    Questa è solo una storia di una realtà sempre più triste dell’ingiustizia sociale, in cui 80 delle persone più ricche del mondo detengono la stessa ricchezza di quasi tre miliardi di poveri.

    Un nuovo settore si sta evolvendo, il settore del “capitalismo di sorveglianza”, in cui i soldi non vengono ricavati dalla produzione di beni e servizi, ma dai dati estratti dalle persone.

    Questo nuovo sistema sfrutta gli esseri umani per offrire ai proprietari di questa tecnologia una concentrazione di ricchezza, conoscenza e potere senza precedenti nella storia.

    La capacità di sviluppare il riconoscimento facciale e altri strumenti di sorveglianza non risiede più nei regni della fantascienza. Il governo cinese ha già dato a tutti i cittadini un numero digitale, in cui convergono tutti i loro comportamenti “buoni” e “cattivi”.

    Se un cittadino scende al di sotto di un livello, ai suoi figli non sarà permesso di frequentare una buona scuola e il cittadino stesso, sebbene possa ancora viaggiare in treno, non avrà accesso agli aerei.

    Queste tecnologie saranno presto in uso in tutto il pianeta.

    La città di Londra ora ha 627.000 telecamere di sorveglianza, una per ogni quattordici cittadini; a Pechino è uno per ogni sette.

    Uno studio condotto da The Rand Corporation stima che entro il 2050 anche l’Europa avrebbe una telecamera per ogni sette cittadini.

 

L’interrelazione tra democrazia e Internet sta ora creando una tardiva consapevolezza nel sistema politico. Il Parlamento europeo ha appena pubblicato uno studio sull’impatto negativo di Internet.

Questi impatti sono:

 

  1. Dipendenza da Internet


    C’è unanimità tra medici e sociologi che sta arrivando una nuova generazione, una molto diversa dalla precedente.

    Oltre il 90% di quelli di età compresa tra 15 e 24 anni utilizza Internet, contro l’11% per gli over 55. I giovani trascorrono 21 ore settimanali sul PC e 18 ore su uno smartphone.

    Ciò lascia poco tempo all’interazione sociale e culturale.

    Il 4,4% degli adolescenti europei ora mostra un uso patologico di Internet “che influenza la propria vita e la propria salute”. L’American Academy of Psychology ha ufficialmente incluso Internet Addiction come nuovo disturbo.

    Gli studi di risonanza magnetica su quelli con disturbo della dipendenza da Internet (IAD) mostrano che presentano le stesse alterazioni della struttura cerebrale di coloro che soffrono di tossicodipendenza o alcolismo.

  2. Danneggiamento dello sviluppo cognitivo
    Viene dato un avvertimento particolare sui bambini di età inferiore ai due anni.

    Più di 20 minuti al giorno di utilizzo dello schermo riducono parte del loro sviluppo neurale. Le persone spinte all’isolamento tendono a sviluppare sintomi di angoscia, rabbia, perdita di controllo, ritiro sociale, conflitti familiari e incapacità di agire nella vita reale.

    Gli utenti di Internet nei test erano più veloci rispetto ai non utenti nel trovare i dati, ma erano meno in grado di conservare i dati.

  3. Sovraccarico di informazioni
    La condizione di disporre di troppe informazioni ostacola la capacità di comprendere un problema o di prendere decisioni efficaci, un problema importante per manager, consumatori e utenti dei social media.

    Secondo Microsoft, l’intervallo di attenzione per un titolo è passato da 12 secondi nel 2000 a 8 secondi nel 2016.

    L’intervallo di attenzione per la lettura è passato da 12 minuti a 8 minuti. Possono essere usati due nuovi termini: uno, il “cervello scoppiettante”, descrive un cervello meno abile ad adattarsi a un ritmo più lento della vita reale e poi c’è “Neuroplasticità”; cioè la capacità di alterare il proprio comportamento dopo una nuova esperienza.

    La frequente immersione nei mondi virtuali può ridurre la neuroplasticità e anche rendere più difficile l’adattamento al ritmo più lento della vita reale. La necessità di competere nella velocità tra i canali dei social media è ben nota.

    Ad esempio, Amazon stima che un secondo di ritardo nelle prestazioni costerebbe 1,16 miliardi di perdite all’anno nelle vendite.

  4. Effetti dannosi nella conoscenza e credenza
    Il fatto che i social media tendano deliberatamente a riunire utenti con visioni, gusti e abitudini simili, sta frammentando la società in modo negativo per la democrazia, dando luogo a sistemi chiusi che non consentono punti di vista alternativi.

    Gli adolescenti non discutono più argomenti significativi. Vanno nel loro mondo virtuale e se incontrano qualcuno di un altro gruppo, tendono a insultarsi a vicenda.

    Internet è pieno di notizie false e informazioni fuorvianti e gli utenti hanno grandi difficoltà a distinguere le informazioni “accurate” da quelle “imprecise”.

    Le camere dell’eco sembrano essere molto più pervasive e possono unire quelle con posizioni politiche e ideologiche più estreme e partigiane, minando quindi le possibilità di discorso e tolleranza civili, sostenendo la radicalizzazione.

  5. Danneggiamento dei confini pubblici / privati
    Internet offusca la distinzione tra privato e pubblico .

    La vita privata diventa pubblica. Ciò è particolarmente negativo per gli adolescenti che perdono il concetto di privacy, ad esempio inviando foto private su Internet.

    Un’osservazione importante è che ora gli adolescenti ottengono la loro educazione sessuale dalla pornografia, in cui le donne sono sempre un oggetto per soddisfare le fantasie sessuali degli uomini.

    Questo a sua volta sta creando una mancanza di rispetto per le donne e una nuova generazione che rischia, per nuove ragioni, di tornare a una società patriarcale.

    Le violazioni di gruppo delle ragazze adolescenti sono chiaramente il risultato di questa tendenza.

  6. Danneggiare le relazioni sociali
    Internet è chiaramente uno strumento potente per creare nuove comunità.

    Tuttavia, se usato negativamente, può anche danneggiare le comunità, a causa della migrazione a Internet di molte attività umane come shopping, commercio, socializzazione, tempo libero, attività professionali e interazione personale.

    Quella migrazione crea comunicazione impoverita, inciviltà e mancanza di fiducia e impegno.

  7. Danneggiare la democrazia
    Internet è stato uno strumento potente per la partecipazione e quindi per la democrazia.

    Tuttavia, lo studio rileva con preoccupazione che anche un numero crescente di attività sono dannose per la democrazia.

    Questi includono:

    1. L’incivilità di molti discorsi politici online
    2. Polarizzazione politica e ideologica, unicamente possibile utilizzando Internet
    3. Disinformazione e, in particolare, notizie false
    4. Manipolazioni degli elettori attraverso la profilazione basata sulle informazioni raccolte sui social media

    Sappiamo tutti cosa è successo alle elezioni americane con i dati di Cambridge Analytica , raccolti da Facebook, e in che modo migliaia di utenti e bot falsi sul web ora interferiscono pesantemente nelle elezioni.

Dovremmo aggiungere a questo studio alcune altre considerazioni.

 

  • Il primo è che ora la finanza è ora gestita anche da algoritmi.

    Gli algoritmi non solo decidono quando vendere o acquistare azioni, ma ora decidono anche dove investire.

    Il Exchange Exchange Traded Funds (ETFs) il mese scorso ha raggiunto quota 14.400 miliardi di dollari, più di quello negoziato dagli umani.

    Questa tendenza continuerà con lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e presto i finanziamenti diventeranno ancora più disumanizzati. Anche quando gli utenti di Internet si investono, anche loro saranno diretti da macchine e algoritmi.

     

  • Una seconda considerazione è che i giovani leggono sempre meno. Leggere un libro è molto diverso dallo scorrere uno schermo. Stiamo sperimentando una riduzione progressiva dei livelli di cultura. Non è raro avere studenti universitari che commettono errori di grammatica e ortografia.

    Ricordiamo che quando Internet era ancora nuovo, i suoi sostenitori ci dicevano:

non è importante saperlo, piuttosto è importante saperlo trovare.

Siamo sempre più dipendenti dai motori di ricerca, impariamo sempre meno e non siamo in grado di connettere quei dati in un sistema logico olistico personale.

 

È chiaramente necessario un regolamento per ridurre gli aspetti negativi di Internet e rafforzare i valori positivi.

I proprietari delle piattaforme di social media sono ora sottoposti a un maggiore controllo, quindi hanno intrapreso la strada dell’autoregolamentazione. Twitter, ad esempio, ha deciso che non può essere utilizzato per scopi politici.

Zuckerberg è un esponente dei miti del mercato che ci dicono che le buone notizie prevarranno automaticamente sulle notizie false .

 

Tranne che le piattaforme aiutano gli utenti a leggere e trovare solo ciò che vogliono, per mantenere la nostra attenzione, fornendoci ciò che è sorprendente, insolito e provocatorio.

 

Questo non è un mercato libero …

L'”era Zuckerberg” sta chiaramente creando una generazione completamente diversa, molto diversa dalle generazioni dell’era Gutenberg.

Questo solleva molte domande,

 

dalla privacy alla libertà di espressione (ora in mani private), da chi regolerà, cosa regolare e come.

 

Un bambino di cinque anni è ora molto diverso da un bambino di cinque anni di Gutenberg. Siamo in un periodo di transizione.

Il significato della democrazia sta cambiando. Le relazioni internazionali si stanno allontanando dalla ricerca di valori comuni attraverso il multilateralismo, verso una marea di visioni nazionaliste, xenofobe ed egoiste del mondo.

Termini come,

 

pace, cooperazione, responsabilità, partecipazione e trasparenza,

 

… stanno diventando obsoleti.

Ciò che è chiaro è che l’attuale sistema non è più sostenibile ...

 

Le politiche scompaiono dal dibattito, ora indicate solo come “politiche”.

Visione e paradigmi stanno diventando scarsi.

Oltre a tutto ciò, si profila la minaccia del cambiamento climatico; ma lo scorso anno le emissioni tossiche dei cinque maggiori paesi sono aumentate del 5%.

I giovani sono in gran parte assenti dalle istituzioni politiche, come dimostra il voto su BREXIT a cui ha partecipato solo il 23% della fascia di età 18-25 anni.

In questo preciso momento abbiamo grandi manifestazioni in tredici paesi in tutto il mondo.

In quelle strade partecipano i giovani, dimostrando spesso rabbia, frustrazione e violenza.

 

Se non riusciamo a riportare la comunicazione orizzontale su Internet e non la liberiamo dalla frattura commerciale dei giovani, il futuro è appena roseo.

Tuttavia, come dimostrano chiaramente le marce contro i cambiamenti climatici, se i giovani vogliono cambiare il mondo, i valori e la visione torneranno.

È evidente che Internet può essere uno strumento molto potente.

Ma chi risolverà questi fallimenti?

Internet diventerà uno strumento di partecipazione?

Come sarà fatto?

 

Queste sono domande che le istituzioni politiche, se si preoccupano davvero della democrazia, devono rispondere al più presto.

L ‘”era Zuckerberg” deve fare questa scelta adesso, tra qualche anno sarà già troppo tardi …

 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

 

®wld

Older Entries