Home

Gli Stati Uniti sono diventati un narcisista maligno infettando tutto ciò che incontrano

Lascia un commento

FILE FOTO:
Il World Trade Center di New York City brucia,
all’inizio dell’11 settembre 2001.
© REUTERS/Jeff Christensen

di Scott Ritter
11 settembre 2021
dal sito web RT

Scott Ritter è un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e autore di “SCORPION KING: America’s Suicidal Embrace of Nuclear Weapons from FDR to Trump”. Ha servito in Unione Sovietica come ispettore per l’attuazione del Trattato INF, nello staff del generale Schwarzkopf durante la Guerra del Golfo e dal 1991 al 1998 come ispettore delle armi delle Nazioni Unite. Seguilo su Twitter @RealScottRitter

20 anni dopo l’11 settembre, Non riconosco più il mio paese. Gli Stati Uniti sono diventati un narcisista maligno, infettando tutto ciò che incontra…

Si dice che diventiamo più forti di fronte alle avversità, poiché il viaggio di ritorno richiede un grado di autoriflessione che incoraggia la guarigione.

Nei due decenni successivi all’11 settembre, tuttavia, gli Stati Uniti non hanno imparato nulla su se stessi. Sono cresciuto come un monello militare – una categoria speciale di giovani americani imbevuti fin dalla tenera età dell’orgoglio di far parte di un collettivo unito dal senso del dovere verso il paese e dall’altruismo del sacrificio quando si trattava di adempiere a quel dovere.


Non c’era alcun concetto di diritto: tutto ciò che ti capitava era guadagnato o sofferto, in base alle tue azioni o alle azioni degli altri nel tuo gruppo.


Il monello militare viveva una vita in cui almeno un genitore, ma a volte entrambi, indossava l’uniforme di uno dei rami delle forze armate degli Stati Uniti d’America. Nel mio caso, è stato mio padre, che ha servito come ufficiale nell’aeronautica americana.

Ci siamo trasferiti in media ogni anno e mezzo, il che significa che, da quando sono nato fino a quando mi sono diplomato, abbiamo fatto le valigie e iniziato una nuova vita da qualche altra parte non meno di 11 volte, e ho frequentato tre diversi licei scuole:

  • uno alle Hawaii
  • uno in Turchia
  • uno in Germania

Abbiamo imparato ad amare il nostro paese non per un senso gonfiato del valore, ma piuttosto dal vederlo come lo vedevano gli altri:

il buono, il brutto e il cattivo, ma soprattutto il buono…

Questa esperienza mi ha definito da adulto, soprattutto quando ho seguito le orme di mio padre e mi sono arruolato nell’esercito – nel mio caso, il Corpo dei Marines – e ho vissuto una vita definita dal servizio all’estero.
La mattina dell’11 settembre 2001 ero una persona che sapeva, sulla base dell’esperienza diretta, che il mio paese era profondamente imperfetto, capace di commettere errori enormi, ma anche dotato di una capacità unica di fare del bene nel mondo se adeguatamente motivato.

Quando, come milioni di altri americani, ho guardato con orrore l’ abbattimento delle Torri Gemelle del World Trade Center, mentre il fumo sgorgava da un buco nel lato del Pentagono e il campo di un contadino è stato deturpato dal relitto di un passeggero jet, tutto a causa delle azioni dei terroristi decisi a fare del male al mio paese, ero pieno di indignazione.

Mentre guardavo il popolo americano riunirsi all’indomani dell’attacco, e la comunità globale stringersi intorno a noi in segno di solidarietà, sono stato confortato dal pensiero che i terroristi avevano perso.

Che, attraverso le loro azioni, non ci avevano sconfitto, ma ci hanno reso più forti, sia come nazione che come parte della comunità globale delle nazioni. Non mi sono mai sbagliato così tanto in tutta la mia vita.
Quasi immediatamente, il mio paese ha iniziato a comportarsi come un monello viziato, insistendo sul fatto che il mondo si unisse a noi in una missione non solo per dare la caccia e punire coloro che hanno pianificato e attuato gli attacchi dell’11 settembre, ma anche per rimodellare il mondo secondo la nostra visione.

In breve, eravamo l’unica nazione che contava e tutti dovevano conformarsi alla nostra direzione.

“O sei con noi”, ha proclamato il nostro presidente, “o con i terroristi “…

Abbiamo invaso l’Afghanistan con lo scopo di esigere vendetta più che cercare giustizia, e poi abbiamo dato seguito a quell’azione invadendo e occupando l’Iraq, una nazione che non aveva assolutamente nulla a che fare con gli eventi dell’11 settembre.

L’Iraq non doveva essere nemmeno un evento isolato, ma, invece, l’azione di avvio di un più ampio sforzo di trasformazione regionale che ha visto gli Stati Uniti cercare di rovesciare i governi di Siria, Iran e altre nazioni allo scopo di installare governi che noi soli ritenevamo accettabili, senza alcuna considerazione per coloro che vivevano in quei paesi, o per coloro che abbiamo insistito per unirsi a noi in queste disavventure.

Guardando indietro ai 20 anni trascorsi dall’11 settembre,

il danno che abbiamo causato al mondo è dolorosamente ovvio per tutti, a quanto pare, tranne che per noi stessi…

Mentre rifletto sull’arroganza nazionale che ha causato tale morte e distruzione, sono colpito da come gli americani abbiano sprecato in modo indegno l’opportunità emersa dalle ceneri dell’11 settembre.

Il mondo si era radunato intorno a noi all’indomani di quell’orribile giorno, e noi avevamo la scelta di,

  • o lavorare con il mondo per risolvere i problemi manifestati dalle azioni dei terroristi che ci avevano attaccato
  • o sprecare questa opportunità insistendo sul fatto che l’11 settembre riguardasse solo noi, al diavolo il resto del mondo…

Abbiamo scelto quest’ultimo…

Nel tentativo di spiegare le azioni degli Stati Uniti dopo l’11 settembre, la diagnosi più accurata che mi è venuta in mente è un disturbo narcisistico di personalità

Questa è una condizione mentale definita da un senso gonfiato della propria importanza, un profondo bisogno di eccessiva attenzione e ammirazione, relazioni travagliate e mancanza di empatia per gli altri.

In particolare, sotto questa patina di estrema fiducia in se stessi c’è un fragile ego vulnerabile alla minima critica.

Quando si riflette sul senso di diritto mostrato dall’America all’indomani dell’11 settembre, e continua a mostrare fino ad oggi, i segni e i sintomi del disturbo narcisistico collettivo di personalità diventano manifesti, come evidenziato nella retorica del nostro governo:

  • L’America è la più grande nazione sulla terra (la nostra esagerata presunzione)
  • Le regole si applicano agli altri, ma non a noi (il nostro senso di diritto e un bisogno di costante eccessiva ammirazione)
     
  • Noi siamo il potere indispensabile al mondo, nonostante aver perso due guerre (la nostra aspettativa che ci dovrebbe essere riconosciuto come superiore anche senza i risultati che lo giustificano)
     
  • Abbiamo il più grande esercito del mondo (la nostra esagerazione delle nostre capacità e talenti)
     
  • Possiamo ricostruire meglio (la nostra preoccupazione per le fantasie sul nostro successo, potere e brillantezza)
     
  • L’America è l’ideale globale a cui gli altri devono aspirare (la nostra fede nella nostra supremazia)

Gli altri sintomi escono dalla lingua, prontamente riconosciuti da chiunque sia capace di autoriflessione:

  • monopolizzare le conversazioni e sminuire o disprezzare le persone che percepiscono come inferiori
  • aspettandosi favori speciali e rispetto incondizionato delle loro aspettative
  • approfittare degli altri per ottenere ciò che vogliono
  • avere l’incapacità o la riluttanza a riconoscere i bisogni e i sentimenti degli altri
  • essere invidiosi degli altri e credere che gli altri li invidiano
  • comportarsi in modo arrogante o altezzoso, presentandosi come presuntuoso, vanaglorioso e pretenzioso
  • insistendo per avere il meglio di tutto

Forse siamo sempre stati così, e ci è voluto l’11 settembre per portare in superficie questi tratti orribili.

Ma riflettendo sugli ultimi 20 anni, non riconosco il paese che siamo diventati: una nazione di narcisisti che hanno permesso alla malignità della nostra condizione di avere un impatto negativo sul resto del mondo.

So che la mia nazione può fare di meglio…

Ma per farlo, dobbiamo riflettere su ciò che siamo diventati, riconoscere che questa condizione non è accettabile ed essere disposti a intraprendere qualsiasi rimedio sia necessario per correggere la condizione sottostante.

Sfortunatamente, come nazione di narcisisti, dubito che siamo in grado di farlo.

Nel 20 ° anniversario dell’11 settembre, temo che i sintomi sottostanti del nostro disturbo di personalità nazionale stiano solo peggiorando, con la nostra malignità che infetta tutto ciò che incontriamo.

Questa potrebbe non essere l’eredità che la gente pensa che meritiamo dopo gli orrori dell’11 settembre, ma è l’eredità che ci siamo guadagnati attraverso le nostre azioni.

Pubblicato su: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_americanempire418.htm

®wld

Le Favolose Tavolette del Destino Babilonese

Lascia un commento

syria-2932498_1280

 

INTERVENTO ARCHEOLOGICO?

 

Da qualche tempo propongo la speculazione che l’intervento militare americano in Iraq e in Siria e che la “primavera araba” sponsorizzata dagli Stati Uniti in Egitto, abbia avuto, come ragione più profonda e segreta, il controllo di siti di antichità e una ricerca, forse, per scoprire informazioni sull’antica tecnologia perduta e antica. Quando il saccheggio del museo di Baghdad avvenne poco dopo che le forze americane raggiunsero quella città, i miei sospetti andarono nella zona rossa, e allora credetti, e credo ora, che il saccheggio fosse “un lavoro interno”, e fatto proprio per acquisire informazioni. L’Iraq, in altre parole, mi ha reso estremamente sospettoso che lo sforzo archeologico fosse al primo posto tra le priorità americane di qualsiasi altra ragione pubblicamente dichiarata all’epoca sulle “armi di distruzione di massa”. In effetti, ho intrattenuto la possibilità – e ancora lo intrattengo – che queste “armi di distruzione di massa” che stavamo cercando (e presumibilmente mai trovato) non fossero il tipo a cui tutti stavano pensando (atomico, biologico e chimico), ma di un tipo molto diverso, molto più esotico e molto antico. Nel mio scenario, ci veniva detta una verità, ma una verità parziale che conteneva molte indicazioni errate. Poi venne la Siria, un paese con le sue ricche antichità, e poi la spinta per un’azione militare contro l’Iran, l’ennesimo paese con ricche antichità.

 

Fondamentale per le mie speculazioni qui è una vecchia “epica” babilonese chiamata epica di Ninurta, che ho incluso nel mio libro La guerra cosmica, nella sua interezza, perché volevo che le persone fossero effettivamente in grado di leggere qualcosa che gli accademici consideravano un “epico.” “Bene, Homer non lo è. È emozionante quasi quanto leggere l’indice del catalogo Sears, perché in effetti è quello che è, un inventario di “cose” associate a un’antica “guerra degli dei” e potenzialmente le favolose babilonesi “Tablets of Destinies”. “Alcune caratteristiche del testo suggeriscono che sta descrivendo una tecnologia di qualche tipo. Certo, questa è un’ipotesi altamente speculativa e l’intera idea di invadere i paesi per il fine ultimo nascosto di ottenere l’accesso o informazioni su tali cose putative sembra, a prima vista, scandalosa. Ma ancora una volta, se esistessero queste cose, darebbero a chiunque le acquisisse un’enorme leva tecnologica, a tal punto che si potrebbe davvero rischiare interventi militari semplicemente per acquisirla e impedire ad altri di farlo.

 

Finora, tuttavia, questa è stata una speculazione interamente discussa, a seconda del punto di connessione e della speculazione lungo il percorso su ciascun punto dati. In altre parole, è una proposta molto “incerta”. Ma ora c’è una storia molto affascinante là fuori che è stata avvistata da FLM e ha passato una lunga, e a mio avviso, tende a confermare la mia selvaggia speculazione ad alto numero di ottani sugli interventi militari che hanno uno scopo in definitiva archeologico:

 

 Israeli-secret-biblical-dig-Syria-600x315-cropped

 

Le truppe russe proteggono lo scavo biblico segreto in Siria

 

Uno scavo top-secret si sta svolgendo nella città di Palmira, in Siria, allo scopo di trovare antichità bibliche ebraiche sotto la protezione delle truppe militari russe. Tre archeologi israeliani senza nome, sostenuti da truppe russe, stanno prendendo parte… Continua a leggere

La cosa molto interessante in questo articolo è la seguente serie di dichiarazioni:

A Palmira, secondo le fonti, i soldati e l’intelligence russi hanno lavorato a lungo con mercenari e soldati del regime siriano. Durante quel periodo, furono partner nella rapina e nella vendita di manufatti archeologici in base al loro potere e presenza militare; tuttavia, questa collaborazione non durò a lungo poiché i russi rivelarono rapidamente le loro intenzioni. Hanno escluso il regime e individuato il potere per se stessi nel cuore della città storica che è considerato un museo pieno di tesori e antichità rari da trovare nel mondo. 

 

Forse i russi hanno individuato il potere per se stessi spiegando anche se in ritardo il segreto dietro Mosca si precipita a partecipare a una forza efficace senza precedenti per riconquistare la città. Mosca fece precipitare truppe di terra efficaci accompagnate da intensi e violenti raid aerei.

L’entità delle perdite subite dai russi sul fronte di Palmyra può dare una chiara idea dello slancio della corsa russa. I russi hanno subito la più grande perdita di Palmira dal suo intervento diretto e immediato nella guerra siriana.

Le nostre fonti private hanno chiarito che i russi hanno recintato il loro accampamento nel cuore della città storica e hanno vietato a qualsiasi personale del regime o mercenari di entrare o avvicinarsi all’area sotto pena e responsabilità.

Questa procedura è andata di pari passo con l’arrivo di 3 esperti stranieri che hanno iniziato a spostarsi tra i punti di riferimento di Palmyra con guardie e protezione intensiva. Risiedevano nel campo russo situato nelle piste dei cammelli e nei cimiteri che si estendevano al teatro e al Bel Temple.

Le fonti affermano che gli esperti stanno comunicando con il russo esclusivamente tramite un interprete. Il loro lavoro si limita principalmente alla ricerca di incisioni ebraiche che potrebbero essere un documento per collocare Palmyra nella prima delle città ebraiche in base a ciò che stanno cercando. (Enfasi aggiunte)

In altre parole, se le affermazioni di questo articolo sono vere, c’era una chiara motivazione archeologica dietro l’intervento russo in Siria, e quell’intervento includeva mettere un sito archeologico noto e famoso sotto il controllo dell ‘”intelligenza”, in questo caso, presumibilmente Intelligence militare russa. Non posso fare a meno di tracciare qui il parallelo con l’Iraq prima dell’invasione americana dopo l’11 settembre di quel paese, poiché si ricorderà che prima di quell’invasione, sia la Francia che la Germania avevano squadre di archeologi che scavavano in Iraq per Saddam Hussein, e Si dice che la Germania avesse una forte presenza della sua agenzia di intelligence del BND in quel paese. Ciò di per sé non è sorprendente, dal momento che c’era stata una rete di intelligence tedesca che operava in quel paese durante la seconda guerra mondiale che ha contribuito a organizzare il colpo di stato in Iraq e costringendo gli inglesi a spendere risorse militari per metterlo da parte. (In effetti, ho fortemente sospettato che, dal momento che la storia del saccheggio di Baghdad è stata interrotta per la prima volta dai media tedeschi , l’intero saccheggio potrebbe essere stato un’operazione tedesca, con individui che indossavano uniformi americane.)

C’è un ulteriore fattore qui, e questa è la presenza di un’antica comunità ebraica a Palmira, che potrebbe implicare che i russi stiano cercando “qualcosa”. E data la “alleanza” della Russia con l’Iran, è forse pertinente notare che la Russia, con le sue vaste riserve di petrolio e gas naturale, non ha quasi bisogno dell’Iran. Quindi quella “alleanza” di più per impedire a Occidente / America di accedere ai siti di antichità dell’Iran? (E allo stesso modo, e dal momento che siamo in tema: la Russia ha squadre archeologiche che esplorano l’Iran?)

Qualunque cosa si faccia di queste domande e speculazioni, questo articolo sembra corroborare i miei sospetti originali di “intervento archeologico”, sollevandolo di una o due tacche.

Fonte: https://gizadeathstar.com/

 

Qualche ipotetico addentellato li si può trovare nel quinto capitolo dei questo pdf de: Il Pianeta degli Dei di Zacharia Sitchin Capitolo Quinto “NEFILIM: IL POPOLO DEI RAZZI FIAMMEGGIANTI

 

Nota mia:

L’articolo sopra parla di Ninurta, va detto che nelle raffigurazioni antiche Ninurta tiene sempre in mano un’arma molto particolare, senza dubbio la stessa arma con laquale scagliava “dardi di luce”.

 

®wld

Persi per sempre per la follia umana

Lascia un commento

 

4 siti biblici distrutti e saccheggiati dall’ISIS

 

Negli ultimi anni, quando l’ISIS ha distrutto e saccheggiato vari siti nella loro roccaforte di Siria e Iraq; importante per quasi ogni religione e cultura – e poi ha iniziato a vendere oggetti su Facebook – ha rattristato molti storici, archeologi e leader religiosi in tutto il mondo. Molti di questi siti sono siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO e importanti per il loro significato storico e culturale.

 

L’idea di saccheggiare è più antica di quanto sappiamo, con gli incisivi che saccheggiano le cose sepolte come i defunti che nel tempo hanno avuto una storia, e con alcuni resoconti che risalgono ad almeno 1.700 a.C., se non prima. La culla della civiltà – quella che era conosciuta come Mesopotamia – fu dilagantemente saccheggiata, e continua ancora oggi da persone colpite dalle guerre regionali e dallo stress economico.

 

Dura-Europos

 

Fondata nel 303 a.C. e sede di una chiesa paleocristiana risalente al 230 CE, il primo ad essere conosciuto, Dura-Europos, che si traduce in Fort Europos, fu costruito in cima a una scogliera sulle sponde del fiume Eufrate. All’interno della chiesa c’è un battistero, un cortile e una sala riunioni, mentre si mostrano una varietà di scene cristiane nei dipinti. Un dipinto veramente importante è quello del miracolo di Gesù che camminava sull’acqua.

 

 

Un altro sito che l’ISIS ha catturato nel 2014, è stato l’obiettivo di “saccheggi estremamente pesanti”. Un’altra vittima della guerra siriana, l’esercito siriano è stato in grado di riconquistare il sito nel 2017, anche se i ricercatori non sono sicuri di quanto sia danneggiato, e quanta parte della chiesa attuale si trova ancora oggi. Fortunatamente, più di 12.000 reliquie sono state conservate dopo che l’Accademia francese delle iscrizioni e lettere e le squadre di Yale le hanno scavate tra il 1920 e il 1940 e sono ospitate presso la Galleria d’Arte dell’Università di Yale.

 

Nimrud

 

Nimrud è un’antica città assira situata nell’attuale Iraq. Alla fine divenne la capitale dell’impero assiro, dopo che Ashurnasirpal II trasferì il governo lì da Ashur. Evidenziato nel Libro della Genesi, Nimrud (chiamato anche Kalah o, nella Bibbia ebraica, Calah) era uno dei centri commerciali più importanti dell’Impero. Oltre ad essere intitolato a Nimrod, il pronipote di Noè – sì, lo stesso Noè che ha costruito l’Arca – si ritiene che Nimrud sia stata “una delle prime città costruite dopo il Diluvio Universale”.

 

 

Intorno al 630 aEV, Nimrud si fratturò, si spezzò, fu invaso dai Babilonesi, dai Medi, dai Persiani e dagli Sciti nel 625 aEV, e poi bruciata nel 612 aEV, quando fu abbandonato per più di 2.000 anni. Gli archeologi hanno scoperto Nimrud e iniziato a scavare la città nel 1845, ma inizialmente credevano che fosse Ninive.

Andando avanti velocemente al 2003, quando gli Stati Uniti invasero l’Iraq e tutti i tipi di persone, locali e non, saccheggiarono la città. Secondo alcuni reperti è stato saccheggiato anche il Museo Nazionale iracheno. Più tardi nel 2014, l’ISIS invase e conquistò la città, distruggendola e saccheggiandola nel processo fino al 2016, quando le forze irachene la riconquistarono.

Ninive

 

Ninive è un’altra città assira in quello che è l’odierna Mosul, in Iraq, esistendo almeno dal 6000 a.C. Perché Ninive si trova su una linea di faglia, spesso soccombe ai terremoti – e la fa ancora – danneggiando molti degli edifici antichi. Ninive subì lo stesso destino di Nimrud nel 625 e nel 612 aEV, quello che fu invaso dalle stesse forze efacendo terra bruciata.

Ninive è biblicamente importante per una serie di motivi. La Bibbia menziona la città in una profezia del Libro di Nahum che presumibilmente prevedeva la distruzione della città. Nahum disse della città che era:

“… La città del sangue, piena di bugie, piena di saccheggi, mai senza vittime.”

 

Anche la tomba di Giona si trova a Ninive, e il Libro di Giona descrive come la città fu “risparmiata dall’ira di Dio”. Anche Ninive compare nei libri di Sofonia e Tobia, così come i Vangeli di Matteo e Luca.

 

 

L’ISIS invase e occupò Ninive nello stesso momento in cui Nimrud cadde da parte del gruppo terroristico. Ma il gruppo mantenne la città fino al 2017, un anno dopo che le truppe irachene riprendevano il controllo di Nimrud. I terroristi hanno saccheggiato e distrutto la tomba durante la loro occupazione. Ma questa potrebbe essere stata una benedizione sotto mentite spoglie, mentre i saccheggiatori scavavano tunnel hanno scoperto un palazzo e antiche iscrizioni.

Raqqa

La prima città conquistata dall’ISIS nel 2013, una coalizione guidata dagli Stati Uniti è stata in grado di riconquistare Raqqa, la città che è stata la loro capitale fino al 2017. Pur non essendo tecnicamente un sito biblico – almeno non per i cristiani – Raqqa è un sito religioso importante all’Islam. In particolare, la moschea Ammar bin Yasir e tre dei suoi santuari ed importanti figure religiose sono stati distrutti. Questa moschea è “un sito di pellegrinaggio sciita”. Sono state danneggiate anche parti della città vecchia, importanti per la cultura perché serviva come capitale abbaside durante il 796 e l’809 CE, così come il museo di Raqqa.

 

Ospitato in un sito storico costruito nel 1861, il museo stesso è stato fondato nel 1981 e ospitava oltre 7.000 reperti antichi provenienti dalla Siria e dalle aree circostanti. L’ISIS non era gentile con il museo. Secondo i rapporti, il gruppo ha saccheggiato “praticamente ogni artefatto e prezioso … (sic)” il museo ha tenuto e li ha venduti per aiutare a finanziare le loro operazioni.

Altri siti culturali antichi distrutti e saccheggiati dall’ISIS


Sebbene l’ISIS sia stato cacciato da molte delle sue antiche roccaforti, la devastazione lasciata alle spalle è quasi inimmaginabile. Siti come Palmyra, uno dei più antichi e importanti siti commerciali della regione, e parte della Via della Seta, sono stati fatti saltare in aria e ora non sono altro che macerie.

Correlati: 5 siti biblici distrutti dai saccheggi negli ultimi anni.

Anche Hatra, una città con un’influenza di influenza romana e greca, faceva parte della Via della Seta. Servì come la capitale di uno stato indipendente (regno) al tempo e fu distrutto dall’ISIS con le mazze – e l’ISIS pubblicò video per dimostrare il loro lavoro.

 

Tra le guerre civili e l’ISIS, sembra che potremmo perdere per sempre questi importanti siti archeologici e biblici. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro secondo articolo, 5 siti biblici distrutti dai saccheggi negli ultimi anni.

Immagine in primo piano: Screenshot tramite video di YouTube

L’Aquila l’Orso e il Drago

Lascia un commento

L’aquila ha dimenticato opportunamente che l’originale e antica Via della Seta metteva in contatto il drago con l’impero romano da secoli – senza intrusi, aldifuori dell’Eurasia – afferma Pepe Escobar.

C’era una volta, nella notte dei tempi, attorno a pochi fuochi da campo nei deserti del sud est dell’Asia, un tempo in cui si raccontava una favola sull’aquila, sull’orso e il dragone per il divertimento dei miei interlocutori arabi e persiani. 

 

Si trattava di come all’inizio del XXI secolo, 

 …si erano tolti i guanti (di pelo) e si erano messi in quello che risultò essere la Guerra Fredda Versione 2.0.

 

Man mano che ci avviciniamo alla fine della seconda decade di questo secolo già incandescente, forse è meglio rendere più bella la favola, con il dovuto rispetto per Jean de la Fontaine.

 

Sono passati i giorni in cui l’orso frustrato si offerse di cooperare ripetutamente con l’aquila e con i suoi seguaci su un tema caldo:  

 

missili nucleari.  

 

L’orso ripetutamente affermò che lo spiegamento di missili e radar per intercettare in questa terra di ciechi che guidava ciechi, l’Europa, era una minaccia.  

 

L’aquila affermò ripetutamente che questo era fatto per proteggerci da quei persiani rinnegati.  

 

Adesso l’aquila, che afferma che il drago sta avendo un viaggio facile, ha disatteso tutti i trattati ed è impegnata nello spiegamento di missili nucleari in determinati luoghi dell’est della terra di ciechi che primeggia su ciechi, puntando essenzialmente all’orso.

Ponte del drago, ljubljana. (Ali Eminov/Creative Commons)

  

Tutto ciò che brilla è seta

 

Più o meno due decadi dopo che il principale orso Putin ha definito quella che è “la maggior catastrofe geopolitica del XX secolo, propose una forma di luce dell’URSS:  

 

un organismo politico/economico chiamata l’Unione Economica dell’Eurasia (EAEU).  

 

L’idea era che la EAEU interagisse con la UE… la principale istituzione dell’equipaggio eterogeneo si riunì come i ciechi che guidano i ciechi.  

 

L’aquila non solo rifiutò la possibile integrazione, ma le venne in mente di mettere in atto uno scenario di rivoluzione dal colore modificato per disunire l’Ucraina dalla EAEU.  

 

Prima di questo, l’aquila aveva voluto stabilire una Nuova Via della Seta sotto il suo totale controllo.  

 

L’aquila opportunamente aveva dimenticato che l’antica Via della Seta, univa il drago con l’impero romano da secoli, senza intrusi che venivano dall’Eurasia.  

 

Quindi potete immaginare lo stupore dell’aquila quando il drago irruppe nello scenario mondiale con le sue Nuove Vie della Seta super cariche, rendendo attuale l’idea originale dell’orso di una zona di libero commercio “da Lisbona a Vladivostock” e anche un corridoio di collegamento molteplice, sia terrestre che marittima, dall’est della Cina all’Europa Occidentale e tutto ciò che si trova in mezzo che comprende tutta l’Eurasia.  

 

Difronte questo nuovo paradigma, i cechi rimasero ciechi per tanto tempo come possiamo ricordare…non hanno potuto reagire in tempo.  

 

L’aquila da parte sua, andò aumentando gradualmente gli attacchi. Lanciò ciò che equivaleva a tutti i propositi pratici per stringere un cappio con le armi in maniera progressiva contro il drago.

 

 

 

L’Aquila ha fatto una serie di movimenti che equivalgono a incitare le nazioni che circondano il Mar della Cina Meridionale per contrapporsi al drago mentre riposizionano una serie di giocattoli (sootomarini nucleari, portaerei, aerei da combattimento) sempre più vicini al territorio del drago. 

 
Per tutto il tempo ciò che il drago ha visto e continua a vedere, è un’aquila maltrattata che cerca di uscire da un declino irreversibile che cerca di intimidire, allontanare e sabotare l’ascesa irreversibile del drago, dove è stato per 18 degli ultimi 20 secoli, insediato come il re della foresta. 
 
Un elemento chiave è che i giocatori di tutta la Eurasia sanno che, con le nuove leggi della giungla, il drago non può e non si ridurrà ad essere un attore secondario. 
 
E i giocatori di tutta l’Eurasia sono troppo intelligenti per imbarcarsi in una Guerra Fredda Versione 2.0 Y che debiliterebbe l’Eurasia stessa.
 
La reazione dell’aquila alla strategia della Via della Nuova Seta del drago ha impiegato un certo tempo dal passaggio della mancata azione alla completa demonizzazione, aggiungendo alla descrizione sia del drago sia dell’orso che sono minacce per l’esistenza… 
 
E senza dubbio nonostante tutto il fuoco incrociato, i giocatori di tutta l’Europa non sono poi molto impressionati da un impero dell’aquila armata fio ai denti. 
 
Specialmente dopo che la cresta dell’aquila fu molto danneggiata dall’insuccesso nella caccia in  
Le portaerei dell’aquila che pattugliano la parte orientale del Mare Nostrum non stanno proprio impaurendo l’orso, i Persiani e i Siriani.
 

James Audubon e il suo diario, pubblicato nel 1899 e reso di Dominio Pubblico. (Wikimedia Commons)

 

Un “nuovo inizio ” tra l’aquila e l’orso è stato sempre un mito.

 
C’è voluto un po’ di tempo e molte difficoltà finanziarie, perché l’orso si rendesse conto che non ci sarebbe stato nessun nuovo inizio, mentre il drago vide solo un nuovo inizio verso un confronto aperto. 
 
Dopo essersi rafforzato, in modo lento ma sicuro come la potenza militare più avanzata del pianeta, con conoscenze ipersoniche l’orso è arrivato a una conclusione sorprendente: 
Non ci interessa ciò che dice o faccia l’aquila… 

Sotto il vulcano infuriato

 
Intanto il drago ha continuato a espandersi inesorabilmente, in tutte le latitudini asiatiche, sia in Africa, sia in America Latina e anche nelle praterie infestate dalla disoccupazione dei ciechi colpiti dall’austerità che hanno diretto i ciechi
 
Il drago è fermamente sicuro che se è messo alle strette da dover ricorrere a una opzione nucleare, ha il potere di far esplodere l’incredibile deficit dell’aquila, di degradare il suo rating e causare devastazioni nel sistema finanziario globale.
 
Non ci deve sembrare strano che l’aquila, sotto una nuvola paranoica di dissonanza cognitiva che l’avvolge da tempo, che alimenta propaganda 24/7 ai suoi sudditi e schiavi nani, continua a espellere lava come un vulcano furioso, 
Fa molto male ammettere che il centro politico/economico di un nuovo mondo multipolare sara l’Asia… in realtà l’Eurasia
 
Man mano che l’aquila diveniva sempre più minacciosa, l’orso e il drago si avvicinavano in una associazione strategica. 
 
Adesso, sia l’orso sia il drago hanno troppi vincoli strategici in tutto il pianeta perché siano intimiditi dal massivo Impero di Basi (militari) dell’aquila o da quelle coalizioni periodiche “a volontà” (un tantino reticente)… 
 

Friedrich Johann Justin Bertuch, La creaturaa mitica del drago, 1806. (Wikimedia Commons)

 
In coincidenza con l’integrazione totale e in avanzata dell’Eurasia, di cui le Nuove Vie della seta sono il simbolo grafico, la furia scatenata dell’aquila, non ha niente da offrire eccezion fatta di una ripetetizione di una guerra contro l’Islam con il ritiro armato di ambedue, l’orso e il drago. 
 
Poi c’è la Persia (Iran) quei maestri di scacchi. 
 
L’aquila ha sparato a zero sugli Iraniani fin da quando non ebbero più il proconsole dell’aquila, lo Sha, nel 1979 e questo dopo che l’aquila e la perfida Albione già avevano schiacciato la democrazia per collocare lo Sha al potere nel 1953 che fece sì che Saddam sembrasse un Gandhi. 
 
L’aquila vuole recuperare tutto quel petrolio e gas naturale per non parlare di un nuovo Sha come nuovo gendarme del Golfo Persico. 
 
La diffferenza sta nel fatto che adesso l’orso e il drago stanno dicendo ‘in Nessun Modo’
Che farà l’aquila? 
 
Istituire una falsa ideologia per terminare con tutte le altre?
Questo è il punto in cui ci troviamo adesso. 
 
E ancora una volta arriviamo al finale, anche se non è la fine. Tuttavia non c’è morale per questa favola rivisitata. Continuiamo a sopportare le onde e le frecciate di una sorte indegna. 
 
La nostra unica e sottile speranza è che un gruppo di uomini vuoti ossessionati dal ‘Secondo Arrivo‘ non trasformi la Guerra Fredda Versione 2.0 in un Armagedon… 
 
di Pepe Escobar, un veterano periodista brasiliano, è in genere il corrispondente per Asia Times, con sede in Hong Kong. Il suo ultimo libro è ” 2030 “
 
dal Sito Web ConsortiumNews 
traduzione di Nicoletta Marino 
 
 

Almanacco di maggio 2019

Lascia un commento

L’era della tirannia è iniziata – Washington ha distrutto la libertà occidentale

 

by Paul Craig Roberts
April 26, 2019

di PaulCraigRoberts Website

Un pesce marcisce dalla testa. Nel mondo occidentale il marciume sta accelerando.

Il marciume di Washington si sta diffondendo rapidamente ai governi statali e locali e all’estero ai governi dei vassalli dell’Impero. L’attacco di Washington al giornalismo rappresentato dall’arresto illegale di Julian Assange si è ora diffuso in Francia.

La politica di sanzioni del governo degli Stati Uniti nei confronti dei paesi sovrani che non seguono gli ordini di Washington si è diffusa,

lo stato di New York, dove il governatore ha minacciato sanzioni contro le istituzioni finanziarie che fanno affari con la National Rifle Association (NRA).
In Francia il presidente vassallo di Macron ha detto a tre giornalisti – che hanno rivelato che il governo di Macron ha intenzionalmente venduto armi all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti per massacrare donne e bambini nello Yemen – per presentarsi alle interrogazioni della polizia.

Il rapporto dimostra che il governo di Macron mentì deliberatamente quando disse che non era a conoscenza del fatto che le armi francesi dovevano essere utilizzate per l’attacco piuttosto che per l’uso della difesa in violazione del Trattato sul commercio delle armi del 2014.

I giornalisti sono sotto inchiesta della gestapo francese per,

“compromettere i segreti di difesa nazionale”.

In altre parole, quando il governo francese mente, è una violazione dei segreti di difesa nazionale segnalarlo.

L’intero mondo occidentale sta adottando l’approccio di Washington nei confronti di Assange e criminalizza la pratica del giornalismo, proteggendo così la criminalità dei governi.

Se rivelate un crimine governativo, come ha fatto Wikileaks, sarete perseguiti dal governo criminale per averlo fatto. È come permettere a un criminale di perseguire la polizia e il pubblico ministero che lo vogliono arrestato.

  • Con il Primo Emendamento già sotto attacco e mirato all’eliminazione da parte di Identity Politics per aver permesso “l’incitamento all’odio”
  • Con il decimo emendamento distrutto dal criminale di guerra Abe Lincoln
  • Con l’habeas corpus e il giusto processo distrutti dai regimi di George W. Bush e Obama,

… rimane solo il secondo emendamento, ed è sotto attacco dal governatore di New York, Andrew Cuomo.
Cuomo ha rivelato che la sua minaccia di sanzioni contro le organizzazioni finanziarie ha lo scopo di mettere

“l’NRA è fuori dal mercato, stiamo costringendo l’NRA a compromettere finanziariamente, non ci fermeremo fino a quando non le chiuderemo”.

Il tiranno Cuomo sa che l’ANR non può operare senza un conto bancario e una copertura assicurativa.
Per essere chiari, il successo di Washington nel governo delle armi contro il popolo si è diffuso in tutto l’impero e giù nei governi statali degli Stati Uniti.
Quando aggiungiamo a questo la massa spiando i cittadini resi possibili dalla rivoluzione digitale, abbiamo come risultato la morte della libertà.
Parlare più delle “democrazie occidentali” significa mettere in bocca una menzogna. Ci sono esattamente zero governi occidentali che possono essere ritenuti responsabili dal popolo .

Non ci può essere un governo responsabile senza una stampa libera.

Non c’è libertà economica o libertà di associazione quando le imprese sono punite per avere rapporti commerciali con organizzazioni che sono bersaglio dell’oppressione del governo.
La “guerra al terrore” era un travestimento per un attacco alla Costituzione degli Stati Uniti, un attacco che è riuscito. Il peggior atto di tradimento nella storia è la distruzione da parte del governo degli Stati Uniti della Costituzione degli Stati Uniti.
L’era della tirannia è iniziata. Le elezioni non possono fermarla …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

*******************************

GUERRA ALL’IRAN – SI PREPARA UN FALSE FLAG?

 

di Maurizio Blondet

Domenica  John Bolton, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha minacciato l’Iran di  “forza inesorabile” annunciando lo spiegamento dell’USS Abraham Lincoln Carrier Strike Group e di una task force per i bombardieri nella regione del Golfo Persico,  un messaggio “chiaro e inequivocabile” al regime iraniano.

La dichiarazione di Bolton ha  fatto riferimento a un “numero crescente di indicazioni preoccupanti” dall’Iran. A rincalzo, la corrispondente del Pentagono della CNN Barbara Starr ha precisato   che gli USA  sono al corrente  “specifiche e credibili” minacce iraniane contro le forze e i beni degli Stati Uniti in Siria, Iraq e in mare. L’articolo continua QUI

*******************************

 Più trivelle, meno marines.

 

Posted By Massimo Lupicino

Si parla in questi giorni delle nuove sanzioni all’Iran (embargo totale sulle esportazioni di petrolio) che andranno a colpire in modo pesantissimo l’economia del Paese messo già da tempo nel mirino dall’amministrazione Trump. Le analisi che si leggono in questi giorni sono ovviamente di tipo geopolitico, e ruotano attorno al complesso incrocio di interessi che vedono Stati Uniti, Israele e la monarchia saudita, unirsi appassionatamente nella lotta al regime degli ayatollah. Certamente sono considerazioni che hanno una loro validità. Ma sotto la cenere, al solito, cova altro. E come al solito quando si parla di Medio Oriente, covano temi legati all’energia. L’articolo continua QUI

*******************************

La geopolitica di Internet, vettore dell’egemonia statunitense

di PAUL ANTONOPOULOS

Il semplice fatto che gli Stati Uniti siano stati gli inventore di Internet attraverso il progetto militare DARPA del Pentagono ha impregnato un’egemonia unica, ma questo sta cominciando a essere sminuito dai suoi rivali cibernetici in Cina e in Russia.

La “guerra informatica” è già iniziata e gli Stati Uniti stanno combattendo contro la Cina e la Russia. Ora che il presidente dell’Ecuador, Lenin Moreno, assorto nel puzzolente scandalo INA Papers, ha dato ai suoi capi a Washington in modo non glorioso il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange – di doppia nazionalità australiano-ecuadoriana – un grande dibattito è stato scatenato nel decadente Occidente (‘qualunque cosa significhi’). Riguarda la libertà di espressione e la censura, specialmente nell’era cibernetica dominata dai giganti tecnologici della GAFAT della Silicon Valley (Google, Apple, Facebook, Amazon e Twitter), che irrompono persino nella privacy del codice genetico dei cittadini del valetudinario. L’articolo continua QUI in lingua inglese

*******************************

La UE respinge il termine iraniano di 60 giorni per l’accordo sul nucleare, dice che per il momento rimarrà impegnata.

 

[Nota del redattore: quindi eccoci qui, sia con gli Stati Uniti che con la UE non in conformità con il JCPOA, e l’UE sta attualmente minacciando di più sanzioni contro l’Iran se insiste sul fatto che l’Unione europea rispetti gli obblighi di commercio aperto con l’Iran.

Il provvedimento dell’UE per valutare la propria conformità è semplicemente dire che è da un lato, e dall’altro, promettendo di essere all’altezza dell’affare, ad un certo punto, è un’ammissione che non lo è. I media aziendali non li hanno ancora interpellati su questo.  L’articolo continua QUI in lingua inglese.

*******************************

Le preoccupazioni sulla privacy crescono mano a mano che i dispositivi dello IoT si accendono

di Chris Teale

La grande maggioranza dei cittadini non si fida dell’Internet of Things per due grandi motivi: mancanza di sicurezza e privacy dei dati. I tecnocrati non correggeranno questo senza una legislazione legalmente obbligata. ⁃ Editor TN

La sicurezza e la sicurezza dei dispositivi Internet of Things (IoT) rimane un problema irritante per i legislatori, mentre un’indagine da parte di Internet Society mostra che c’è ancora molta strada da fare prima di raggiungere una diffusa accettazione da parte del pubblico della connettività IoT.

L’indagine, condotta in sei paesi dalla società di sondaggi IPSOS Mori, ha rilevato che il 65% degli intervistati si occupa di come i dispositivi connessi raccolgono dati, mentre il 55% non si fida di tali dispositivi per proteggere la propria privacy. Nel frattempo, il 63% degli intervistati ha dichiarato di trovare i “dispositivi inquietanti”, che sono proiettati in numero di decine di miliardi in tutto il mondo, e sono “inquietanti”. Continua QUI in lingua inglese.

*******************************

Affrontalo: se stai usando Amazon Alexa a casa tua, sei una persona incredibilmente credulona.

Di Ethan Huff

(Natural News) Il tono muto della popolazione americana mainstream è ancora una volta in piena mostra con il continuo successo dei dispositivi di ascolto di Alexa di Amazon, che sono stati ripetutamente esposti come nient’altro che strumenti di sorveglianza del Grande Fratello per tenere sotto controllo persone abbastanza credulone da permettere tale tecnologia nelle loro case “intelligenti”.

Commercializzandoli come “cool” giocattoli tecnologici che presumibilmente rendono la vita più facile e più confortante, Amazon ha davvero fatto una rapida comparsa sul pubblico con il suo stratagemma Alexa – e specialmente quelli abbastanza stupidi da pagare effettivamente per una di queste cose, che fondamentalmente permette a Jeff Bezos e alla sua brigata di spioncini digitali di spiarli 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Non sorprende affatto il fatto che quasi nulla di ciò che Amazon ha da tempo rivendicato sulle protezioni della “privacy” di Alexa sia in realtà vero. L’articolo continua QUI in lingua inglese

®wld

Older Entries