Home

L’Enigma dell’Atlantide Brasiliana

Lascia un commento

La ricerca di la terra sottomarina perduta non è finita.
Credito: Foto-Jagla.de Adobe Stock

Riddle of “Brazilian Atlantis” – Scoperte strane rocce di cui il mondo ha dimenticato

di Ellen Lloyd
dal sito AncientPages

Il leggendario continente perduto di Atlantide appare in antichi miti e leggende di tutto il mondo.

Gli antichi conoscevano una terra meravigliosa scomparsa molto tempo fa.

I ricercatori hanno dibattuto per anni sull’esistenza di Atlantide.

Alcuni dicono che il continente non è altro che un mito, mentre altri sono convinti che un giorno scopriremo i resti di questa terra perduta.

Trovare i resti di Atlantide è impegnativo perché è difficile determinare dove guardare.

Inoltre, supponiamo di trovare antiche rovine sottomarine,

come possiamo dire con certezza che questi sono i resti di Atlantide?

Ci sono molte antiche città sommerse …

Ci sono diverse rovine sottomarine in vari luoghi in tutto il mondo e tutte potrebbero far parte di Atlantide.

“Atlantis” in greco significa “Isola di Atlante” …

Il continente sommerso di Atlantide è stato menzionato da Platone nei suoi dialoghi Timeo e Crizia.

Platone narra la leggenda di una potente nazione che intorno al 9.500 a.C. abitava un continente di dimensioni maggiori rispetto all’antica Libia e Asia messe insieme.

Secondo Platone, questa potente nazione ha attaccato e conquistato l’Europa e l’Asia.

Apparentemente, solo i greci furono in grado di prevalere contro di loro.

Come racconta la storia, qualche tempo dopo l’invasione i Greci e gli Atlantidei furono inghiottiti dal mare. Il disastro è avvenuto rapidamente e inaspettatamente.

Nel corso degli anni diversi ricercatori affermano di aver scoperto parti del leggendario continente sommerso e ci sono state diverse speculazioni sulla posizione della terra sommersa.

Ad esempio, in Atlantis – Il continente perduto finalmente ritrovato, il professor Arysio Santos fa un caso convincente e ben studiato per Atlantide che si trova nella regione dell’Indonesia.

“Atlantide non è mai stata trovata perché abbiamo cercato tutti nei posti sbagliati. Rendendoci conto, abbiamo iniziato a cercare il punto in cui un intero continente sommerso poteva nascondersi.

La geologia ha fornito la risposta corretta e inconfutabile:

giù sotto il Mar Cinese Meridionale, ecco dove.

Il resto è seguito in modo abbastanza naturale e, in effetti, molto più fortuitamente di quanto noi stessi avremmo mai potuto immaginare in anticipo”, ha spiegato il defunto professor Arysio Santo

1997 Intervista al Prof. Arysio Santos

Abbiamo visto in precedenti occasioni che gli scienziati stanno compiendo notevoli progressi nell’area dell’archeologia subacquea, ma una parte enorme dei nostri oceani rimane ancora inesplorata.

Secondo il National Ocean Service (NOA), si stima che solo il 5% degli oceani della Terra sia stato esplorato e mappato. Il resto rimane per lo più da scoprire e non visto dagli umani.

Con così tanto territorio ancora da esplorare, possiamo solo immaginare le scoperte che devono ancora venire …!

Negli ultimi anni ci è stato dato il privilegio di vedere foto di notevoli rovine sottomarine come ad esempio la magnifica leggendaria città perduta di Heracleion. Con l’aiuto della tecnologia più recente, abbiamo l’opportunità di esplorare i segreti degli oceani come mai prima d’ora.

La leggendaria città sottomarina perduta di Pavlopetri è spesso descritta come la città più antica del mondo.

C’è chi pensa che queste rovine sottomarine siano i resti della leggendaria città di Atlantide …

Alcuni anni fa, i geologi hanno scoperto rocce sconcertanti al largo della costa di Rio in Brasile.

Secondo Roberto Ventura Santos, un alto funzionario del Servizio di geologia del Brasile (CPRM), i campioni di granito sono stati trovati due anni fa durante le operazioni di dragaggio in un’area nota come “Rio Grande Elevation”, una catena montuosa nelle acque brasiliane e internazionali.

Santos ha detto al momento della scoperta che queste rocce facevano probabilmente parte di un continente che affondò nell’oceano quando l’Africa e il Sud America si separarono 100 milioni di anni fa, soprannominando la scoperta “l’Atlantide brasiliana”.

Il servizio di geologia del Brasile ha dragato il fondale marino al largo della costa di Rio, vicino al Rio Grande Elevation. Tra le rocce trovate c’erano campioni di granito che si pensa facciano parte di un continente sommerso dall’Oceano Atlantico quando l’Africa e il Sud America
diviso 100 milioni di anni fa. Credito: servizio geologico del Brasile

“Questa potrebbe essere l’Atlantide brasiliana.

Ne siamo quasi certi, ma dobbiamo rafforzare la nostra ipotesi.

Avremo il riconoscimento (scientifico) finale quest’anno quando condurremo perforazioni nell’area per recuperare più campioni di queste rocce “, ha detto poi Santos.

Potrebbe questa roccia essere parte del leggendario continente perduto di Atlantide? Credito: Servizio geologico del Brasile

Inizialmente, gli scienziati pensavano di essersi sbagliati, ma il loro caso è stato rafforzato quando un team di scienziati brasiliani e giapponesi a bordo del sommergibile di ricerca giapponese Shinkai 6500, ha osservato la formazione geologica sottomarina situata di fronte alla costa brasiliana. Mentre i ricercatori esploravano la regione, hanno iniziato a vedere che l’area potrebbe essere un pezzo di continente scomparso nel mare milioni di anni fa. Queste rocce dovrebbero essere considerate come possibili prove fisiche di Atlantide?

Per il momento è difficile dire qualcosa su questa scoperta. Per confermare le affermazioni dei geologi, qualcuno deve essere interessato a testare queste rocce ed esaminare le formazioni sottomarine.

Purtroppo mancano rapporti di ricerche recenti e sembra che da anni non si faccia nulla.

Accade fin troppo spesso che gli scienziati abbiano scoperto qualcosa di enorme interesse storico, archeologico o geologico, ma i follow-up delle scoperte sono inauditi …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

*******************************************

Articoli correlati:

La Piramide sommersa di Atlantide

ATLANTIDE & QUADRI MISTERIOSI

La Resurrezione di Atlantide

“GIGANTI” – “TITANI” – “umani”

®wld

Il continente perduto di Kumari Kandam

Lascia un commento

di Ḏḥwty 06 Agosto 2014 dal Sito Web Ancient-Origins traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

La maggior parte delle persone ha familiarità con la storia di Atlantide, la leggendaria città sommersa descritta dall’antico filosofo greco Platone.

Fino ad oggi, l’opinione è ancora divisa sul fatto che questa storia debba essere interpretata letteralmente o presa semplicemente come un racconto morale. Più a est, nel subcontinente indiano, c’è una storia simile, anche se probabilmente meno conosciuta rispetto a quella di Atlantide.

Questo è il ‘continente perduto’ di Lemuria, spesso collegato alla leggenda di Kumari Kandam da persone che parlano la lingua tamil.

Il termine Lemuria ha le sue origini nell’ultima parte del XIX secolo.

Il geologo inglese Philip Sclater è rimasto perplesso dalla presenza di fossili di Lemuri in Madagascar e in India, ma non nell’Africa continentale e nel Medio Oriente.

Così, nel suo articolo del 1864 intitolato “I mammiferi del Madagascar”, Sclater teorizzò che il Madagascar e l’India un tempo facessero parte di un continente più grande e chiamò questa massa continentale mancante “Lemuria”.

La teoria di Sclater fu accettata dalla comunità scientifica di quel periodo come spiegazione del modo in cui, in tempi antichi, i Lemuri avrebbero potuto migrare dal Madagascar all’India e viceversa.

Con l’emergere dei concetti moderni relativi alla deriva dei continenti e delle placche tettoniche, purtroppo, non era più sostenibile la proposta di un continente sommerso di Sclater.

Tuttavia, l’idea di un continente perduto si rifiutava di morire, e alcuni credono ancora che Lemuria fosse un vero continente che nel passato esisteva.

Uno di questi gruppi sono i nazionalisti Tamil

Il termine Kumari Kandam èapparso per la prima volta nel 15 secolo come Kanda Puranam, la versione Tamil dello Skanda Puranam.

Tuttavia, le storie di un’antica terra sommersa nell’Oceano Indiano sono state ritrovate in molte precedenti opere letterarie tamil.

Secondo le storie, c’era una porzione di terra che un tempo era governata dai re Pandiyan e fu inghiottita dal mare.

Quando i racconti su Lemuria arrivarono nell’India coloniale, il paese stava attraversando un periodo in cui il folklore cominciava a permeare la conoscenza storica come fatti.

Di conseguenza, Lemuria fu rapidamente “equiparata” a Kumari Kandam

Bhagavata-Purana, 10° Skanda.

La storia di Kumari Kandam non è considerata solo una “storia”, ma sembra carica di sentimenti nazionalistici.

È stato affermato che i re Pandiyan di Kumari Kandam erano i governanti dell’intero continente indiano e che la civiltà Tamil è la più antica civiltà del mondo.

Quando Kumari Kandam fu sommerso, la sua gente si sparse in tutto il mondo e fondò varie civiltà, da qui l’affermazione che il continente perduto fosse anchela culla della civiltà umana.

Allora, quanta verità c’è nella storia di Kumari Kandam?

Secondo i ricercatori dell’Istituto Nazionale Indiano di Oceanografia, il livello del mare era più basso di 100 metri circa 14.500 anni fa e di 60 metri circa 10.000 anni fa.

Quindi, è del tutto possibile che una volta ci fosse un ponte di terra che collegava l’isola dello Sri Lanka all’India continentale.

Poiché il tasso di riscaldamento globale è aumentato tra 12.000 e 10.000 anni fa, l’innalzamento del livello del mare ha provocato inondazioni periodiche. Ciò avrebbe sommerso gli insediamenti preistorici che si trovavano intorno alle zone costiere basse dell’India e dello Sri Lanka.

Le storie di questi eventi catastrofici potrebbero essere state trasmesse oralmente da una generazione all’altra e infine scritte come la storia di Kumari Kandam.

Un elemento di prova utilizzato per sostenere l’esistenza di Kumari Kandam è il Ponte di Adamo (chiamato anche Ponte di Rama), una catena di banchi calcarei costituiti da sabbia, limo e piccoli ciottoli situata nello stretto di Palk che si estende per 18 miglia dall’India continentale allo Sri Lanka.

Una volta si credeva che questa striscia di terra fosse una formazione naturale, tuttavia, altri sostengono che le immagini scattate da un satellite della NASA raffigurano questa formazione terrestre come un lungo ponte interrotto sotto la superficie dell’oceano.

La posizione del ponte di Adam tra India e Sri Lanka

L’esistenza di un ponte in questo luogo è supportata anche da un’altra antica leggenda.

Il Ramayana racconta

la storia di Sita, la moglie di Rama, tenuta prigioniera sull’isola di Lanka.

Rama commissiona un imponente progetto per costruire un ponte per trasportare il suo esercito di Vanara (uomini scimmia) attraverso l’oceano fino a Lanka.

Come con la maggior parte dei cosiddetti miti, sembra probabile che ci sia almeno un po ‘di verità nelle antiche leggende Tamil di Kumari Kandam, ma quanto deve ancora essere individuato…

Bibliografia

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

La corruzione nel mondo classico

Lascia un commento

Demostene che pratica l’oratorio
di Jean-Jules-Antoine Lecomte du Nouy
(1842-1923)

di Ronan McLaverty-Head dal sito web di ClassicalWisdom

Che tu abbia guardato o meno il “dibattito presidenziale degli Stati Uniti” questa settimana, probabilmente ne avrai sentito parlare.

E quello che probabilmente hai sentito, indipendentemente da dove ti trovi nello spettro politico, è che come dibattito non è stato di gran lunga inferiore a uno scambio civile.

Alcuni lo considerano un segno di un’America fratturata, persino condannata, altri incrociano le braccia e dicono che non è così facile rovesciare una superpotenza.

La mia reazione è stata nessuna delle due. Invece, ho avuto un flashback sulla Atene classica.

I brutti scambi tra Demostene e Eschine nella Grecia del IV secolo danno filo da torcere al tiro alla fune Trump-Biden, lascia che te lo dica.

In effetti, gli omicidi di personaggi non sono una novità per l’ordine politico, come il collaboratore di Classical Wisdom Ronan McLaverty-Head chiarisce abbondantemente nell’articolo incluso sulla corruzione nel mondo classico.

Che si tratti di Biden che accusa Trump di essere un bugiardo senza peli sulla lingua (“Credi per un momento a quello che ti sta dicendo, alla luce di tutte le bugie che ti ha detto sull’intera questione relativa a Covid?”) O Trump che mette apertamente in dubbio l’intelligenza di Biden (“Hai usato la parola” intelligente “?”), Gli ad hominems hanno preso più della loro giusta quota dei riflettori nel dibattito di martedì 29 settembre 2020.

Erano esposte anche accuse di corruzione, come nell’antica Grecia.

Ciò che l’articolo di Ronan chiede alla società ateniese, possiamo chiedere della società statunitense:

Cosa dicono queste accuse su come gli americani vedono la corruzione politica oggi?

Kristin Deasy
Senior Editor
Classical Wisdom



Le barbe di scambi tra Demostene e Aeschines a 4 ° secolo aC Atene non sarebbe fuori luogo su notizie via cavo oggi.

Dopo il loro tentativo di redigere un trattato tra Atene e Filippo di Macedonia , Demostene ed Eschine caddero in modo spettacolare.

Demostene ha accusato Eschine di corruzione di primissimo ordine – tradimento (παραπρεσβεία γραφή “falsa ambasciata”) – sostenendo che Eschine era stato corrotto da Filippo.

Eschine replicò con un ad hominem, sostenendo che Timarco, che aveva sostenuto Demostene, era presumibilmente un prostituto maschio la cui reputazione come tale lo invalidò.

Demostene rispose accusando Eschine di un’ulteriore serie di inganni.

Demostene ha cercato di dimostrare la corruzione, ma mancava di prove sufficienti.

Qui abbiamo uno dei principali problemi con le accuse di corruzione:

hanno lo scopo di denigrare un avversario …

In effetti, sono omicidi di personaggi e dovrebbero spesso essere presi con un pizzico di sale.

Tuttavia, il punto qui non è tanto se Eschine fosse effettivamente corrotto, ma che la società ateniese aveva chiaramente una visione di qualcosa che contava come corruzione:

corruzione…

“Per quanto riguarda la questione della corruzione o della non corruzione, ovviamente sei d’accordo sul fatto che è un reato scandaloso e abominevole accettare denaro per atti dannosi per il Commonwealth …

L’uomo che li prende e viene così corrotto non può più essere considerato dallo Stato un giudice di sana politica “.

Demostene, sulla falsa ambasciata

Le opinioni sulla corruzione nell’antica Roma erano simili.

Nel 70 a.C. Cicerone si fece conoscere come avvocato in una serie di discorsi nel processo per corruzione di Gaio Verres, l’ex governatore della Sicilia.

Le accuse di Cicerone contro Verres includevano appropriazione indebita ed estorsione.

Come spesso accade con Cicerone, a volte è difficile separare i suoi svolazzi retorici dai fatti, ma ancora una volta, ciò che conta qui è che il suo pubblico già considerava l’appropriazione indebita e l’estorsione come pratiche inadatte a un pubblico ufficiale.

Come dice Frank H. Cowles , Verres,

“rappresentava l’intero sistema corrotto”.

Demostene
lasciando l’Assemblea nella vergogna
dopo il suo primo fallimento nel parlare in pubblico,
di Walter Crane

La preoccupazione per la corruzione è arrivata ai vertici della società romana .

L’imperatore Alessandro Severo ( 208-235 d.C.) incriminò un funzionario imperiale che aveva ricevuto denaro per spacciare influenza a corte.

Questa pratica era nota come fumum vendere – “vendita di fumo” – e la punizione era cupamente appropriata: un fuoco di tronchi bagnati fu appiccato intorno all’imputato e lui morì soffocato.

“Allora Alexander gli ordinò di essere incriminato, e quando tutte le accuse furono provate dai testimoni …

Diede istruzioni per legarlo a un palo [e] ordinò che fosse fatto un fuoco di paglia e tronchi bagnati e lo fece soffocare dal fumo, e per tutto il tempo un araldo gridò ad alta voce,

“Il venditore di fumo è punito dal fumo”. “

Historia Augusta: Vita di Alessandro Severo

(Ironia della sorte, Alessandro Severo, durante una campagna contro le tribù germaniche, ha cercato di comprare la pace impegnandosi nella corruzione. Questo ha alienato molti nel suo esercito e alla fine ha portato al suo rovesciamento.)

Manoscritto Pal. lat. 899
che contiene la Historia Augusta.
Fonte: heidelberg.de

Qualsiasi lettore moderno dei classici potrebbe concludere che il mondo antico per lo più ha chiuso un occhio su ciò che considereremmo corruzione, dato che l’argomento non viene fuori così spesso.

Una conclusione del genere, tuttavia, sarebbe sbagliata.

Perchè è questo?

Prima di tutto, sia nel mondo antico che in quello moderno, la corruzione è spesso abbastanza difficile da perseguire. In secondo luogo, ciò che potremmo vedere come corruzione potrebbe non essere stata corruzione se giudicata secondo gli standard classici.

I funzionari erano spesso non stipendiati e l’addebito di tasse era un modo per raccogliere entrate e gestire l’accesso al tempo di un funzionario.

Allo stesso modo, un intero sistema di mecenatismo – mi gratti la schiena, io graffio la tua – potrebbe essere aggirato da coloro che non hanno collegamenti con lo scambio di denaro.

La “corruzione” era in questo senso un livellatore sociale …

Una cosa del genere conta come corruzione? Molto dipende da chi ne trae vantaggio.

L’ammonimento di Cicerone suona ancora vero:

“Coloro che devono presiedere allo stato obbediscano a due precetti di Platone:

uno, che guardano così tanto al benessere dei loro concittadini da farvi riferimento in qualunque cosa facciano, dimenticando i propri interessi privati.

l’altro, che si prendono cura di tutto il corpo politico, e non, mentre vegliano su una parte di esso, trascurano altre parti “.

Cicerone, sui doveri morali

Alla fine, Demostene aveva ragione:

la corruzione è “dannosa per il Commonwealth” …

Come ha concluso un recente panel delle Nazioni Unite, la moderna corruzione ad alto livello sotto forma di evasione fiscale e riciclaggio di denaro costa alla società 500 miliardi di dollari ogni anno:

“Siamo tutti derubati, specialmente i poveri del mondo”.

Ahimè, la salus populi di Cicerone non è ancora suprema lex

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

*****************************************

Ti potrebbero interessare:

La Nuova Normalità

Il potere dell’intenzione nel mondo fisico

®wld

Cinismo & Stoicismo

Lascia un commento

Statua di un filosofo cinico sconosciuto dai Musei Capitolini di Roma. Questa statua è una copia di epoca romana di una precedente statua greca del III secolo a.C.

 

Cinismo antica Filosofia, una maniera per vivere   

 

di Jacob Bell dal Sito Web ClassicalWisdom traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

 

Ho preso alcune decisioni piuttosto strane e inaspettate che sono fuori delle norme sociali ed economiche del nostro 21° secolo.

 

Il sogno americano, almeno per me, è morto… e in un certo senso, potrei invece seguire in linea generale il sogno cinico. Dico in linea generale perché i Cinici dell’antica Grecia erano un gruppo molto radicale.

 

La scuola di filosofia conosciuta come i Cinici nacque intorno al V° secolo a.C. e iniziò a svanire quasi mille anni dopo, nel V° secolo d.C.

 

I Cinici hanno avuto un ruolo importante nell’influenzare diverse altre scuole di filosofia, come gli Stoici, che hanno adattato ed evoluto molti dei principi fondamentali del cinismo (e tralasciato gran parte della pazzia, come la defecazione pubblica)…

 

A differenza della filosofia speculativa di figure come Platone e Aristotele, la filosofia cinica era una filosofia vissuta. I cinici hanno sviluppato teorie filosofiche come mezzo per vivere bene e hanno ignorato la maggior parte della filosofia astratta.

 

I cinici sono stati contrari a una vita superficiale, favorendo,

 

“una vita vissuta in accordo con la natura”.

 

Per loro, vivere secondo la natura significava seguire un percorso di autosufficienza, libertà e ragionamento lucido.

 

Credevano che le convenzioni sociali avessero la capacità di ostacolare la “bella vita” e che potessero condurre alla corruzione,

 

“compromettere la libertà e stabilire un codice di condotta che si contrapponga alla natura e alla ragione”.

 

Se me lo chiedete è una specie di musica come quella di un raduno hippy...

 

 Gli hippies sono Cinici?

 

Per i Cinici, la natura potrebbe offrire molto divertimento e intrattenimento.

 

Hanno trovato conforto e felicità in piaceri semplici come

  • uscire a passeggiare

  • sentire il calore del sole
  • bere un bicchiere di acqua fresca in una giornata calda…

 

Concordo in tutto questo… tranne che cambierei l’acqua per una bella birra artigianale fredda, che probabilmente sarebbe troppo pretenziosa per il vero cinico. Va bene…

 

Questo perché i Cinici denunciarono lusso e ricchezza.

 

Credevano che nella loro ricerca, l’uomo si impegnava in inutili lavori giorno dopo giorno.

 

Per i Cinici, una vita fatta di un’azione frenetica in cerca della ricchezza o del potere era assurda.

 

Questo tipo di vita farebbe allontanare sia l’uomo antico che quello moderno dalla natura e instillerebbe in lui un bisogno di superficialità che non sarebbe mai soddisfatta.

 

Non essendo mai soddisfatto e desiderando sempre di più, l’uomo diventerebbe schiavo dei suoi desideri.

 

 

Diogene seduto nella sua botte di Jean-Léon Gérôme (1860)

 

Il filosofo greco Diogene (404-323 a.C.) è seduto nella sua dimora, la botte di terracotta, nel Metroon, ad Atene, mentre accende la lampada alla luce del giorno con la quale doveva cercare un uomo onesto. 

 

I suoi compagni erano dei cani che servivano anche come emblema della sua filosofia “cinica” (greca: “kynikos”, simile a un cane), che enfatizzava un’esistenza austera. 

 

Tre anni dopo che questo dipinto fu esposto per la prima volta, Gerome fu nominato professore di pittura all’Ecole des Beaux-Arts dove avrebbe istruito molti studenti, sia francesi che stranieri.

 

Il più famoso tra i cinici era un uomo di nome Diogene di Sinope, spesso chiamato Diogene il Cane a causa del suo comportamento radicale, compresa la defecazione pubblica.

 

Chiaramente, ha portato la filosofia cinica all’estremo.

Ha abbracciato il dolore, le difficoltà e la povertà.

Viveva in una botte di terracotta, mangiava avanzi e guadagnava gran parte dei suoi beni con l’accattonaggio.

Diogene il Cane ha passato il tempo prendendo in giro le convenzioni sociali e richiamando l’attenzione sull’assurdità di un comportamento simile a quello di un robot da parte di coloro che lo circondavano (anche a personaggi come Alessandro Magno!)

 

 

“Alessandro e Diogene” di Caspar de Crayer. Diogene una volta chiese ad Alessandro Magno di spegnere la sua luce.

 

Diogene considerava gran parte delle attività dell’umanità alla maniera di Sisifo.

 

Cioè, proprio come Sisifo che trasportava il masso su per la montagna giorno dopo giorno, solo per farlo rotolare giù, le ricerche dell’uomo per la ricchezza e il potere erano altrettanto inutili e insignificanti…

 

Non abbiamo bisogno di seguire gli esatti valori stabiliti dai Cinici per beneficiare della loro saggezza, perché, beh, ciò sarebbe seguire una convenzione sociale e sfidere l’intera idea della filosofia cinica!

 

Invece,

 

Possiamo vedere il vantaggio nella semplicità e possiamo guardare all’interno dei nostri valori.

 

Possiamo liberarci dalle convenzioni sociali restrittive e coltivare una vita che troviamo appagante e che abbia un significato.

 

Non sto suggerendo di abbandonare il vostro lavoro quotidiano o di seguire una vita ascetica.

 

Rimanendo fedele ai Cinici, sarebbe sbagliato per me dirvi “come vivere”…

 

Ma non è necessariamente una cattiva idea riprendere una prospettiva cinica e rivalutare di tanto in tanto le cose al fine di perseguire ciò che trovate soddisfacente e con un significato interiore.

 

Dopotutto, indipendentemente dal nostro stato di ricchezza o povertà, nessuno di noi ne esce vivo, e quindi potremmo anche essere noi a scegliere il masso che portiamo giorno dopo giorno sulla montagna…

 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

 

®wld 

Graham Hancock – tra il 10.800 e il 9.600 a.C.

Lascia un commento

  

A Roma lo scrittore Hancock, tra divinità, archeo-ingegneria e mito-storia: “la Terra è sempre stata caratterizzata da eventi cataclismatici ciclici di enorme portata”. Può riaccadere?

 

di Stefania Abazia

 

Sala gremita. Siamo tutti in attesa di ascoltare Hancock che torna a Roma 10 anni dopo in un’evento organizzato dalla casa editrice capitolina ‘Spazio Interiore’. Graham Hancock è conosciuto in tutto il mondo. È nato in Scozia, a Edimburgo, ma ha vissuto a lungo in India, dove il padre lavorava come chirurgo. Tornato in patria, si è laureato in sociologia presso la Durham University, ed ha iniziato una splendida carriera arrivando a firmare articoli per Guardian, Times e Independent. Dal 1980 inizia a scrivere libri che diventano best-seller internazionali. Ne ricordiamo alcuni: “Il Segno ed il Sigillo”, “Impronte degli Dei”, “Il messaggio della Sfinge”, “Civiltà sommerse”, “Sciamani”. 

 

Link

 

La conferenza a cui abbiamo assistito s’intitola “Il Ritorno degli Dei” e si apre con una domanda: “È possibile che sia esistita una civiltà molto evoluta prima dell’era glaciale di cui poi si è persa traccia?” E prosegue sollevando un’altra domanda: “Che connessione c’è tra le opere dei Maya, degli Atzechi, degli Incas e le monumentali costruzioni egiziane?” Hancock rivela un messaggio universale celato nelle grandi opere e riportato nei miti e nelle leggende di tutte le popolazioni. Partendo da Nazca fino ad arrivare in Egitto, passando da Perù, Bolivia e Messico, l’autore va alla ricerca di una connessione, un legame, tra mappe, miti e opere architettoniche, lasciateci da popolazioni geograficamente lontane le une dalle altre e con una preparazione culturale, tecnologica e ingegneristica apparentemente non così avanzata da poter realizzare tali opere.

 

Secondo Hancock, vi sono prove sufficienti che suggeriscono che tra il 10.800 e il 9.600 a.C., uno tsunami di proporzioni epiche spazzò via interi continenti, a causa dell’impatto di una cometa. Nel tempio di Horus, nell’antica città egiziana di Edfu, celebri iscrizioni descrivono come Dèi gli esseri che vi si erano rifugiati, “provenienti da un’isola sacra, distrutta da inondazioni e incendi”. L’autore sostiene che un evento di estinzione antica “spazzò via Atlantide e le società avanzate di 12.000 anni fa”.

 

Gli egittologi affermano che il nome Atlantide non compaia in nessun testo. In effetti ce n’è solo uno risalente al 230 a.C. presente nel tempio di Horus (costruito su un tempio precedente). È Platone che parla chiaramente di Atlantide dicendo che è stata distrutta in una sola notte poiché dopo tanta evoluzione ricchezza ed elevazione materiale e spirituale, la popolazione era arrivata ai massimi livelli di materialismo e corruzione e al bisogno di potere e controllo sul mondo. Platone afferma di aver ricevuto questa storia da Solone che aveva visitato l’Egitto un secolo e mezzo a.C. ed aveva incontrato i sacerdoti Egizi. Era lui l’eredità di Atlantide e parla di quest’isola come la “Casa degli Esseri Primordiali”. Era una sorta di modello cosmico usato per costruire tutti i templi futuri, compreso le Piramidi.

 

La teoria di Hancock è che la storia del nostro pianeta è sempre stata caratterizzata da eventi cataclismatici ciclici di enorme portata. E, nonostante si affermi il contrario, sono elevatissimi i rischi che ciò accada ancora. Più di 60 scienziati di varie discipline confermano con prove sempre più schiaccianti che la Terra 12.500 anni fa fu bombardata da una serie di comete. Normalmente le comete tendono a disintegrarsi. Una gigante di esse deve essere entrata nel nostro sistema solare e deve aver iniziato a disintegrarsi in diversi frammenti fino ad entrare in collisionecon la Terra. Il più grande di questi frammenti aveva il diametro di un chilometro, e dai dati emergerebbe che l’epicentro di queste impatto c’è stato nel Nord America che all’epoca era ancora sotto i ghiacci, provocando un’enorme inondazione di acqua dolce nell’ Oceano Atlantico e fermando quindi la Corrente del Golfo causando un’altra Era Glaciale per ulteriori 1200 anni. Questa civiltà molto evoluta che si è estinta quasi del tutto ed ha lasciato degli eredi che secondo la teoria di Hancock ci sono stabiliti in varie parti del mondo per tramandare insegnamenti importanti a tribù indigene meno evolute.

 

Di questi passaggi Hanckoc ci rivela in anteprima tracce che lui stesso è andato a verificare e studiare nei siti archeologici. Ci ha parlato di iscrizioni rupestri e incisioni sui muri megalitici identici sia nel nord che nel sud America. Queste iscrizioni riguardano tutte il tema della morte. Importantissima scoperta sconcertante di Hancock è che le stesse identiche tradizioni degli egizi sul viaggio che compie l’anima dopo la morte nel regno del Dual, sono ripetute in maniera identica in questi monumenti del Nord America, così come nelle giungle dell’Amazzonia. Quindi questa è la prova per lui assolutamente schiacciante che un’antica civiltà perduta dimenticata sia esistita ben prima di quanto ci tramandi la nostra storia ufficiale.

Nel “Ritorno degli dèi” Hancock identifica e documenta le tracce che dimostrano l’esistenza di questa civiltà evoluta preesistente all’era glaciale e si pone in una prospettiva nuova riguardo all’eredità del passato. Per ricominciare con le varie arti (artigianato, agricoltura, caccia) siamo stati aiutati e guidati dagli “Déi Costruttori”, i Sapienti sopravvissuti all’epoca antidiluviana che tramandando alle generazioni future tradizioni e sapienza derivanti da un’epoca precedente riuscirono a rinnovarsi, come la mitica fenice. La loro missione non fu però soltanto quella di consegnarci il patrimonio di conoscenze con cui ricominciare, ma anche di lasciarci un messaggio: sarebbe successo ancora! Un nuovo cataclisma incomberà sulla Terra e il “ritorno della fenice”, a cui sono da sempre associati distruzione e rinnovamento, avverrà proprio nei nostri tempi, un possibile futuro che dobbiamo prepararci ad affrontare.

 

 

Attualmente i popoli che potrebbero sopravvivere ad un cataclisma così grave sono i meno evoluti, quelli meno dipendenti dalla tecnologia. Quella tecnologia che invece di usarla nelle armi dovremmo usarla per prevenire i cataclismi. Questo è il vero messaggio di Hancock. Perché se non lo facciamo, se come fu per il popolo di Atlantide, faremo prendere il sopravvento all’arroganza e alla smania di potere, allora potremmo essere proprio noi un giorno ad estinguerci, e quel giorno, a quanto pare, non è affatto così lontano. E non è affatto escluso che la Terra possa impattare con un meteorite anche di 30 km! Perciò assicuriamoci di non essere la prossima Civiltà perduta. Siamo in un momento cruciale e ancora troppe poche persone si stanno Risvegliando

Fonte: https://oasisana.com/

®wld