Home

Sappiamo che qualcosa sta arrivando e non è necessario essere sensitivi

Lascia un commento

FEMA CAMP
Campi FEMA

I LOCKDOWNS SONO QUASI FINITI? NON SARANNO MAI FINITI! LA FASE DUE È PRONTA PER INIZIARE !!!

Inserito da Dave Hodges

Le mie fonti mi dicono che covid non è la vera minaccia per il popolo degli Stati Uniti e del mondo. Come sospettavo e scrivevo nel 2014, la vera minaccia per i livelli di popolazione nel mondo è l’Ebola. 

Il mondo ha reagito in modo esagerato al covid poiché ha un impatto solo su una piccola percentuale della popolazione. Sappiamo che qualcosa sta arrivando e non è necessario essere sensitivi. Ieri, il direttore del CDC ha rilasciato la dichiarazione più antiscientifica che abbia mai sentito da un funzionario della sanità pubblica.

Non citando dati, nessuna causa preventiva, ha detto: “Sento un senso di morte imminente”. Perché una persona in una posizione di fiducia dovrebbe fare una dichiarazione così infondata che potrebbe aver causato un panico diffuso? Perché Biden, di fronte alla riapertura dell’America, avrebbe detto ai 50 governatori che avrebbero dovuto ripristinare il mandato della maschera? La risposta ha due possibilità. In primo luogo, la risposta sembra, in superficie per essere semplice, sanno che qualcosa di grande sta arrivando sono personalmente spaventati.La seconda possibilità è che questi funzionari non si preoccupino della salute ma di sottomettere le masse.

I blocchi non funzionano o vengono rimossi. L’America sta lentamente abbandonando lo stato di essere agli arresti domiciliari mentre la nostra economia è stata intenzionalmente distrutta e numeri falsi covid hanno giustificato quanto fossero ampi i tassi di infezione. Ho sempre detto che il vero scopo dietro la plandemia era quello di portare quanti più americani possibile nei campi per eliminare i populisti che sostenevano Trump perché sono un pericolo per l’emergente conquista comunista dell’America.

Ho sempre detto che il vero scopo dietro la plandemia era quello di portare quanti più americani possibile nei campi per eliminare i populisti che sostenevano Trump perché sono un pericolo per l’emergente conquista comunista dell’America.Ho sempre detto che il vero scopo dietro la plandemia era quello di portare quanti più americani possibile nei campi per eliminare i populisti che sostenevano Trump perché sono un pericolo per l’emergente conquista comunista dell’America. 

Credo fermamente che un colpo mortale stia ancora arrivando sulla nostra strada, probabilmente Ebola. Tuttavia, l’eliminazione degli oppositori americani a un nuovo ordine comunista mondiale, è l’obiettivo a breve termine e ho la prova di ciò che viene affermato qui. Il mio stato dell’Arizona, ha la capacità di portarti fuori strada in nome di una pandemia, reale o immaginaria, di cui potresti non essere più sentito.

La legislazione è modellata sui protocolli dei servizi sanitari umani per trattare un patogeno come l’Ebola. Un giorno prima che il governatore dell’Arizona, Doug Ducey revocasse il mandato statale sulle maschere, inviò 41 milioni di dollari in aria covida a 100.000 persone della contea di Mohave. Non ti sembra strano? Dalle mie discussioni con addetti ai lavori fidati, sono giunto alla conclusione che l’incarcerazione di massa è vicina.I confini domestici verranno ripristinati in alcuni casi in cui la domanda di covid supera l’offerta. 

Uno dei motivi per cui credo che l’incarcerazione di massa (cioè un’epurazione) stia arrivando è a causa dell’autorità data al governatore dell’Arizona. Ci sono ottime possibilità che il tuo stato abbia leggi simili. La maggior parte di voi non crederà alle affermazioni in questo articolo. Tuttavia, vengono forniti collegamenti e cronologia. Non c’è dubbio su ciò che viene rivendicato qui. I campi di concentramento sono proprio dietro l’angolo. 

L’Arkansas, presunte vittime di CV-19, sono state trasportate in quella che chiamerei una struttura medica di legge marziale della FEMA. Questo non è un incidente isolato. L’Arizona ha concesso al governatore, Doug Ducey, l’autorità per creare, gestire e mantenere i campi di concentramento. I campi sono presumibilmente per un agente patogeno mortale da cui è determinata la quarantena necessaria. Tuttavia, è il governatore che prende questa decisione, non un consiglio di sanità né il legislatore statale. Questa è la creazione di una dittatura della legge marziale medica. Segue le linee guida HHS per ESF # 8-14.

Attualmente ad Airzona e presumo anche nel vostro stato, lo stato può imprigionarvi per sintomi “sospetti” e possono vaccinare forzatamente altre cure su una o più persone. In breve, i governatori si stanno concedendo l’autorità per avere il controllo completo sulla tua libertà, sul tuo corpo e persino sulla tua vita. 

Gli estratti della statua dell’Arizona sono elencati di seguito in relazione all’argomento in questione. Le mie risposte alle singole parti di questa tirannia sono elencate nella documentazione in grassetto. 

QUI la versione intera in lingua inglese

®wld

Non si tratta della pandemia – Sono i Blocchi Pandemici che fanno veramente Male

Lascia un commento

Sotterfugio di stagflazione: il vero disastro nascosto dalla pandemia

Questo articolo è stato scritto da Brandon Smith e originariamente pubblicato presso Birch Gold Group

Nelle recenti notizie economiche, i titoli sono dominati dalle preoccupazioni per l’aumento dei rendimenti obbligazionari. L’aumento dei rendimenti obbligazionari è un segno di un possibile picco dell’inflazione e, logicamente, chiedono alla Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse al fine di prevenire tale inflazione.

Rendimenti obbligazionari più elevati significano anche che esiste un’alternativa competitiva alle azioni per gli investitori, entrambi fattori che potrebbero innescare un tuffo nel mercato azionario.

Se si studia la  vera  storia dietro il crollo del mercato azionario durante la Grande Depressione, si scoprirà che sono stati gli aumenti dei tassi di interesse della  Federal Reserve a  causare e prolungare il disastro dopo aver creato un ambiente di denaro facile e conveniente per tutti gli anni ’20. L’ex presidente Ben Bernanke ha ammesso apertamente che la Fed era responsabile nel 2002 in un  discorso in onore di Milton Friedman. Ha dichiarato:

“In breve, secondo Friedman e Schwartz, a causa dei cambiamenti istituzionali e delle dottrine fuorvianti, i panici bancari della Grande Contrazione furono molto più gravi e diffusi di quanto si sarebbe normalmente verificato durante una recessione. Vorrei concludere il mio discorso abusando leggermente del mio status di rappresentante ufficiale della Federal Reserve. Vorrei dire a Milton e Anna: riguardo alla Grande Depressione. Hai ragione, l’abbiamo fatto. Siamo molto dispiaciuti. Ma grazie a te, non lo faremo più. “

Ciò solleva quindi la domanda: inflazione o deflazione? La Fed “lo farà di nuovo?”

Probabilmente non esattamente allo stesso modo, ma presto vedremo elementi di inflazione e deflazione sotto forma di  stagflazione.

È un Catch-22 creato dalla banca centrale e molti (me compreso) credono che la Fed abbia creato deliberatamente l’enigma. Tutte le banche centrali sono legate insieme dalla Banca dei regolamenti internazionali (BRI) e la BRI è un’istituzione globalista in tutto e per tutto. L’agenda globalista cerca di innescare quello che chiamano il “Grande Reset”, una  riforma completa dell’economia globale e del capitalismo  in un unico sistema socialista mondiale … gestito dagli stessi globalisti, ovviamente.

A mio avviso, la Fed è sempre stata una specie di attentatore suicida istituzionale; il suo compito è quello di autodistruggersi al momento giusto e abbattere l’economia degli Stati Uniti, tutto in nome della diffusione della sua ideologia globalista simile a un culto.

L’unica incognita a questo punto è come faranno il loro sabotaggio. La banca centrale continuerà a consentire  all’inflazione di far esplodere  il costo della vita negli Stati Uniti o interverrà con  tassi di interesse più alti  e consentirà il crollo dei mercati azionari?

In ogni caso, nel prossimo futuro dobbiamo affrontare una grave crisi economica.

L’aumento dell’inflazione significa ripresa economica?

Gli economisti tradizionali sostengono spesso che l’aumento dei rendimenti e dell’inflazione sono una “buona cosa”. Affermano che questo è un segno di una rapida ripresa economica. Non sono d’accordo.

Se “inflazione” fosse stata la stessa cosa della “ripresa”, non ci sarebbero stati crolli economici totali in Argentina nel 2002, in Jugoslavia nel 1994 o nella  Germania di Weimar all’inizio degli anni ’20.

Non vedo ripresa. Quello che vedo è la rapida svalutazione del potere d’acquisto del dollaro a causa della massiccia stampa fiat attraverso misure di stimolo. La Fed e il governo degli Stati Uniti stanno acquistando un’impennata a breve termine dell’attività economica, ma a un costo nascosto. Questa è una condizione che l’indice del dollaro non inizia nemmeno ad affrontare, ma  evidente  nei prezzi dei beni e delle materie prime necessarie.

Tieni presente che tutto ciò viene fatto per rispondere alla pandemia. La pandemia è l’ultima scusa per la distruzione attiva dell’economia statunitense. Le misure di stimolo si sono devolute al denaro degli elicotteri che viene lanciato a casaccio mentre miliardi vengono sottratti principalmente dalle grandi società e attraverso la frode. Le persone che chiedono a gran voce un assegno di $ 2.000 dal governo non hanno idea che il welfare aziendale sia stato in corso nell’ultimo anno insieme a miliardi di rimborsi fiscali retroattivi. Tutta quella stampa di denaro causerà danni da qualche parte. Non può essere evitato.

Non si tratta della pandemia

Chiariamo prima una cosa: la pandemia NON è la ragione del diluvio di stimoli. La pandemia ha fatto ben poco per danneggiare gli affari reali negli Stati Uniti. Piuttosto, sono stati i  blocchi a  fare la maggior parte dei danni.

Pensaci per un momento: i governi federale e statale hanno schiacciato l’economia con blocchi, quindi hanno offerto la soluzione di vaste misure di stimolo. Questo a sua volta sta distruggendo la stabilità finanziaria e generando una rapida inflazione dei prezzi.

Gli stati conservatori e le contee che hanno rifiutato di chiudere si stanno  riprendendo a un ritmo molto più rapido  rispetto agli stati di sinistra che hanno imposto restrizioni draconiane ai cittadini. Tuttavia, i blocchi non hanno fatto nulla per fermare la diffusione del COVID-19 negli stati blu. Quindi, i blocchi non hanno prodotto vantaggi evidenti per il pubblico, ma hanno fornito alla banca centrale una logica perfetta per erodere ulteriormente il dollaro.

Questa inflazione dei prezzi risultante è qualcosa a cui nemmeno gli stati rossi possono sfuggire.

Ad esempio,  i prezzi delle case si stanno espandendo rapidamente  oltre la bolla del mercato del 2006. Ciò è in parte dovuto ai milioni di persone che partecipano forse alla più grande migrazione negli Stati Uniti dalla Grande Depressione. Chiunque sia in grado si sta spostando dalle grandi città verso le aree suburbane e rurali. Ma i prezzi delle case hanno anche l’abitudine storica di gonfiarsi insieme alla svalutazione della valuta. Il costo per la manutenzione e la ristrutturazione di una vecchia casa, o per la costruzione di una nuova casa, aumenta con l’aumento dei prezzi di materie prime come il legname.

E i prezzi del legname stanno sicuramente aumentando! I prezzi del legname di conifere sono  aumentati di almeno il 110%  rispetto a un anno fa e aumentano fino al 10%  in una settimana .

Anche gli affitti di case non sfuggono all’inflazione, poiché l’aumento dei costi di mantenimento delle proprietà costringe i proprietari ad aumentare gli affitti. Gli unici luoghi in cui gli affitti stanno diminuendo sono le grandi città da cui gli americani cercano di fuggire, come New York e San Francisco.

Inflazione in qualcosa di più del semplice alloggio

La maggior parte delle materie prime continua a vedere l’inflazione dei prezzi su tutta la linea. I prezzi di cibo  ed  energia  sono aumentati strisciando nell’ultimo anno. I governi stanno ancora una volta incolpando la pandemia e lo “stress sulla catena di approvvigionamento”, che poteva essere un’affermazione credibile nove mesi fa, ma non oggi. Qualsiasi cosa per nascondere il fatto che tutto quello stimolo ha conseguenze inflazionistiche.

La svalutazione del dollaro è la più visibile in termini di merci importate. In altre parole, costa più dollari acquistare beni al di fuori degli Stati Uniti quando il valore del dollaro diminuisce. E poiché la maggior parte della vendita al dettaglio negli Stati Uniti è fornita da produttori stranieri, ciò significa che i consumatori americani medi subiranno il peso delle conseguenze inflazionistiche. Lo stress e la rabbia del pubblico saranno alti.

I blocchi pandemici sono solo una scusa

Questo è il motivo per cui i blocchi COVID-19 devono continuare e la fabbrica della paura pandemica deve rimanere attiva. I globalisti hanno bisogno di un evento di copertura per il Reset e hanno bisogno di tenere sotto controllo la cittadinanza, e la pandemia può essere incolpata di qualsiasi cosa. Penso che questo sia il motivo per cui stiamo già vedendo i media sostenere l’esistenza di “mutazioni COVID”. Non sorprenderti se l’Amministrazione Biden cerca di implementare un  blocco nazionale  quest’anno nel nome di fermare la diffusione di una  variante COVID-19 “più mortale” .

Non importa che i precedenti blocchi fossero inutili e tutti i dati mostrano che mantenere l’economia aperta è una politica superiore. Potrebbe sembrare che la logica stia andando completamente fuori dalla finestra, ma c’è una ragione molto logica per ciò che sta accadendo nelle menti dei globalisti.

La stagflazione entra in gioco attraverso le perdite in alcuni settori dell’economia, l’elevata disoccupazione e l’incapacità dei salari di tenere il passo con i costi.

C’è il continuo smantellamento del settore delle piccole imprese, che, ancora una volta, credo venga deliberatamente distrutto. Non è un errore che le piccole imprese siano state prese di mira prevalentemente come “non essenziali” durante i blocchi. Non è nemmeno una coincidenza che la  maggior parte dei prestiti PPP COVID-19 sia  andata a società di grandi dimensioni mentre le piccole imprese non hanno ricevuto quasi nulla. Il settore delle piccole imprese viene cancellato, lasciando solo il settore delle imprese a provvedere ai consumatori.

Questo potrebbe essere il motivo per cui i Democratici sono così irremovibili nell’aumentare il salario minimo federale a 15 dollari l’ora. I salari stanno già aumentando in base alla domanda del mercato e alla regione. Il lavoratore medio non qualificato negli Stati Uniti guadagna circa $ 11 l’ora. Non è necessario che il governo interferisca, a meno che non abbia secondi fini.

Un salario minimo di $ 15 probabilmente  schiaccerebbe ciò che resta delle piccole imprese e solo le società che stanno ricevendo la maggior parte dei dollari di stimolo potranno permettersi di pagare ai lavoratori la tariffa più alta. Inoltre, tra anni il governo potrebbe affermare di aver “agito” per anticipare la stagflazione aumentando la paga delle persone. Ma un salario minimo di $ 15 è più utile per l’establishment a breve termine perché confonde le acque sulla questione dell’inflazione.

I prezzi continueranno a salire a causa della svalutazione del dollaro, ma i media e il governo diranno che non ha nulla a che fare con il dollaro e tutto a che fare con le aziende che aumentano i prezzi di scaffale per compensare l’aumento del costo del lavoro.

La più grande minaccia nella storia della società americana

Sospetto che l’establishment farà tutto ciò che è in suo potere per distrarre il pubblico dalla più grande minaccia nella storia della società americana: la  bomba a orologeria stagflazionaria .

Se ammettono la sua esistenza, il pubblico potrebbe prepararsi e non lo vogliono. Se gli americani dovessero  decentralizzare le loro economie locali, sostenere le piccole imprese locali invece dei grandi rivenditori al dettaglio, iniziare a produrre le necessità per se stessi e se iniziassero a sviluppare alternative valutarie come il denaro locale sostenuto da materie prime … allora sarebbero in grado di sopravvivere a una crisi finanziaria nazionale .

Infatti, garantisco che qualsiasi comunità, contea o stato che intraprende questi passi sarà immediatamente preso di mira dal governo federale, rivelando ulteriormente la verità: l’establishment vuole che il pubblico soffra.

Vogliono il disastro economico. Non vogliono che le persone abbiano la possibilità di prendersi cura di se stesse. Hanno bisogno di persone spaventate, disperate e malleabili, altrimenti non raggiungeranno mai il  loro programma di ripristino.

Con l’aumento delle tensioni globali, migliaia di americani stanno spostando la loro IRA o 401 (k) in un’IRA sostenuta dall’oro fisico. Ora, grazie a una legge fiscale IRS poco conosciuta, puoi farlo anche tu. Scopri come con un kit informativo gratuito sull’oro di Birch Gold Group. Rivela come i metalli preziosi fisici possono proteggere i tuoi risparmi e come aprire un Gold IRA. Fai clic qui per ottenere il tuo kit informativo gratuito su Gold.

Fonte: https://alt-market.us/

®wld

LA CYBERWAR É IMMINENTE E AVRÀ CONSEGUENZE SU TUTTI

1 commento

LA CYBERWAR É IMMINENTE E AVRÀ CONSEGUENZE SU TUTTI, AD AFFERMARLO IL CEO DELLA SOCIETÀ CHE HA SCOPERTO L’HACK DI SOLARWINDS

By Redazione

La società di sicurezza informatica FireEye ha avvertito gli americani che saranno presi di mira dal prossimo grande attacco informatico, che lo sappiano o meno. Seguiranno catene di approvvigionamento interrotte e il caos delle reti cellulari e l’interruzione di Internet.

“ Nel prossimo conflitto i cui i guanti si sfileranno nel cyber, il cittadino verrà trascinato dentro, che lo voglia o no. Punto “, ha detto domenica ad Axios il CEO di FireEye Kevin Mandia su HBO. “Le persone non sanno nemmeno tutte le cose da cui dipendono. All’improvviso la catena di approvvigionamento inizia a subire interruzioni perché i computer non funzionano “, ha continuato, minacciando gli spettatori con la sua descrizione di una discesa rapida e incontrollabile nel caos.

Sottolineando che qualcosa di meno della protezione totale a 360 gradi è inutile, ha aggiunto che ” Bloccare il 99,99999999 percento di tutti gli attacchi significa che verrai compromesso ovunque. 

Se puoi essere hackerato, sarai hackerato.

“ Non c’è una vera fine alla sicurezza informatica. Devi perseguirla ogni giorno“, ha dichiarato Mandia in quello che sembrava un discorso molto costoso per i servizi della sua azienda.

L’assenza di ” regole ” chiare o una giustificazione per quando e come reagire data la quasi impossibilità di determinare la responsabilità anche per un semplice hack – per non parlare della mappa tentacolare di SolarWinds – incoraggerebbe solo gli aggressori a continuare il loro lavoro, ha avvertito Mandia , suggerendo che gli aggressori semplicemente alzano la posta. I continui attacchi degli hacker ” ci lascerebbero scioccati ma non sorpresi “, ha detto, pur suggerendo che i rivali degli Stati Uniti nel cyberspazio non accetterebbero mai le ” regole sullo spionaggio ” e che sarebbe del tutto inutile tentare.

FireEye è stata la prima azienda a esporre pubblicamente l’hack di SolarWinds a gennaio, che ha visto fino a 18.000 clienti della società di gestione della rete compromessi a causa dell’implementazione di backdoor digitali nelle loro reti. Tuttavia, il 30% delle vittime di attacchi informatici non utilizzava affatto SolarWinds, ma utilizzava invece programmi con vulnerabilità simili come il software di cloud computing di Microsoft. Si ritiene che l’attacco sia iniziato a settembre 2019 e non è chiaro come l’azienda sia riuscita a non accorgersene per così tanto tempo. Gli esperti di sicurezza informatica l’hanno considerata una delle peggiori violazioni mai registrate, anche se i dettagli su cosa esattamente (semmai) è stato preso o altrimenti modificato rimangono confusi.

Mentre le agenzie di intelligence statunitensi hanno affermato che l’hack di SolarWinds è stato ” probabilmente di origine russa “, la dichiarazione congiunta rilasciata a gennaio non ha fornito alcuna prova a sostegno di tale suggerimento. L’attacco ha spaventato le società di software che si affidano a una catena di fornitori di software a monte per costruire il framework su cui gira il proprio software, lasciando dietro di sé una crisi di fiducia anche se gli utenti finali rimangono beatamente inconsapevoli della catastrofe.

Nel frattempo, il CEO del World Economic Forum Klaus Schwab ha avvertito a novembre che una nuova ” cyber-pandemia ” potrebbe sminuire l’epidemia di Covid-19 in termini di danni causati. Un simile attacco potrebbe ” porre un arresto completo alla fornitura di energia elettrica, ai trasporti, ai servizi ospedalieri, alla nostra società nel suo insieme “, ha annunciato Schwab in un video discorso, esortando i governi a ” utilizzare la crisi del Covid-19 come un’opportunità tempestiva per riflettere su le lezioni che la comunità della sicurezza informatica può trarre e migliorare la nostra impreparazione a una potenziale pandemia informatica. 

Il WEF sta collaborando con le principali società finanziarie come Visa e Sberbank, giganti della tecnologia come IBM e Mobile Telesystems e persino Interpol per ” mitigare un attacco mirato alla catena di approvvigionamento su un ecosistema aziendale ” a luglio. Le simulazioni del WEF hanno una strana tendenza a rispecchiare i successivi disastri mondiali, come potrebbero ricordare i partecipanti all’evento 201 di novembre 2019, che ha simulato una devastante pandemia di coronavirus.

Sempre su SolarWinds:

Fonte: https://www.databaseitalia.it/la-cyberwar-e-imminente-e-avra-conseguenze-su-tutti-ad-affermarlo-il-ceo-della-societa-che-ha-scoperto-lhack-di-solarwinds/

Canale Telegram: https://t.me/databaseitalia

Correlati:

La guerra al virus segna l’inizio di una nuova epoca storica, in cui niente sarà come prima

Klaus Schwab sta cercando di creare la Quarta Rivoluzione Industriale o sta cercando di creare il Quarto Reich?

I SEMI OGM SONO GIÀ OBSOLETI?

®wld

Un team di esperti si sta già preparando per la prossima crisi globale – Un DNA armato

Lascia un commento

by Chris Melore
February 05, 2021
from StudyFinds Website

I tecnocrati si preparano a incontrare una “sfilata senza fine di minacce biologiche”

COVID-19 è solo l’inizio di una serie infinita di eventi di bio-tirannia che costringeranno i cittadini del mondo a sottometterli e soggiogarli completamente.

Le minacce in sé non sono tanto i problemi, ma la loro risposta.

I tecnocrati sono dediti alla “scienza dell’ingegneria sociale”.

fonte


‘Armi biologiche che alterano il cervello’ alla sorveglianza del DNA – Gli esperti si stanno già preparando per la prossima minaccia biologica
CAMBRIDGE, Regno Unito

Da più di un anno, l’attenzione del mondo si è concentrata direttamente sulla “pandemia” COVID-19.

Con oltre 100 milioni di casi confermati in tutto il mondo e più di due milioni di morti a causa del virus, è difficile immaginare come le cose potrebbero peggiorare.

Nonostante ciò, un team di esperti si sta già preparando per la prossima crisi globale, avvertendo che alcune delle possibilità sarebbero più devastanti dell’attuale “pandemia”.

A partire dall’estate del 2019, un team internazionale di ricercatori ha deciso di elencare le domande chiave che devono affrontare la sicurezza biologica del Regno Unito.

Con l’aiuto di,

  • il Center for Existential Risk (CSER) presso l’Università di Cambridge
  • il progetto BioRISC al St. Catharine’s College,

… 41 accademici, industriali e funzionari governativi hanno posto 450 domande su una possibile crisi biologica.

Dopo aver votato e classificato tutte queste preoccupazioni, è emerso un elenco di 80 delle domande più urgenti.

Nonostante abbia compilato questo elenco mesi prima di COVID-19, il ricercatore capo Dr. Luke Kemp afferma che questo elenco includeva le principali preoccupazioni che ruotano attorno alle minacce di malattie.

Alcune delle preoccupazioni si sono concentrate sul ruolo che il clima avrà su una possibile “pandemia”, mentre altre hanno messo in dubbio l’ uso dei social media per rintracciare i virus emergenti.

È in arrivo una minaccia biologica peggiore del coronavirus?

Alcune delle 80 aziende guardano a una possibilità ancora più sinistra all’orizzonte.

Poiché il test del DNA diventa uno strumento più alla moda sia per i governi che per la gente comune, i ricercatori avvertono che le minacce provenienti da “agenti progettati dall’uomo” rappresentano una minaccia enorme per il mondo intero.

“Potremmo incontrare non solo microbi, ma qualsiasi cosa, dalle armi biologiche che alterano il cervello, alla sorveglianza di massa attraverso i database del DNA agli abiti a basse emissioni di carbonio prodotti dai microrganismi”, dice il dottor Kemp in un comunicato universitario.

“Mentre molti di questi possono sembrare essere nel regno della fantascienza, tali capacità avanzate potrebbero rivelarsi ancora più incisive, nel bene e nel male dell’attuale ‘pandemia’.”

DNA armato

Questo studio (80 domande per la sicurezza biologica del Regno Unito) in realtà ha avuto origine da una precedente “scansione dell’orizzonte” di Kemp e alcuni degli stessi ricercatori che si sono concentrati sul futuro della bioingegneria.

Quel rapporto, pubblicato nell’estate del 2020, ha classificato le 20 domande più urgenti nel campo della ricerca biologica.

Gli autori dello studio hanno anche separato l’elenco dalle preoccupazioni più immediate (che probabilmente si verificheranno entro cinque anni), ai problemi da cinque a dieci anni di distanza, a quelli a più di un decennio dall’essere una realtà.

Sebbene alcuni degli argomenti possano essere utili per l’umanità, Kemp osserva che l’elenco va da “promettente a pietrificante”.

Uno degli argomenti più angoscianti che compaiono in entrambe le liste è la preoccupazione immediata dell’uso del DNA nella sorveglianza del governo.

“La Cina ha già utilizzato il prelievo di sangue per prendere di mira la popolazione musulmana uigura.

I database commerciali del DNA sono diventati popolari e potrebbero diventare la prossima frontiera del “capitalismo di sorveglianza” o sorveglianza statale”, riferisce Kemp.

“La possibilità di utilizzare database genetici per la sorveglianza di massa crescerà solo nei prossimi anni, in particolare con l’ascesa di nuovi metodi di tracciamento e monitoraggio, poteri e app durante la risposta COVID-19”.

In cima alla lista delle minacce future c’è anche l’ uso dannoso della neurochimica .

Gli esperti sostengono che i progressi nelle neuroscienze e nella bioingegneria non solo produrranno farmaci utili, ma anche armi.

“Immagina un mondo in cui le forze dell’ordine usano droghe per placare e controllare le folle, riducendo notevolmente la promessa di movimenti di protesta non violenti sul clima e sulla giustizia sociale”, aggiunge il ricercatore principale.

“La regolamentazione è fondamentale sia a livello internazionale che nazionale.

Dobbiamo garantire che nuove intuizioni sul cervello umano non siano utilizzate come armi né per l’esercito né per le forze di polizia“.

Ci saranno alcune scoperte positive in futuro

Mentre lo studio (Counterevidence of Crime-reduction Effects from Federal grant of Military Equipment to Local Police) dipinge un quadro desolante dei prossimi anni, i ricercatori ritengono che la bioingegneria produrrà anche molte innovazioni positive

Tra questi ci sono nuovi modi di “combattere” il cambiamento climatico, come la produzione di plastica a basse emissioni di carbonio, vestiti e costruzioni con microrganismi rinnovabili.

L’ingegneria metabolica potrebbe consentire la creazione di piante e batteri che assorbono efficacemente le masse di gas serra.

Tali risultati industriali sono lontani, ma plausibili, soprattutto se azioni come il prezzo del carbonio vengono aumentate “, conclude Luke Kemp.

“Il mondo, non solo il Regno Unito, ha bisogno di un modo ponderato, trasparente e basato su prove per identificare i problemi emergenti nella biosicurezza e nella bioingegneria.

 Che si tratti di una nuova “pandemia” influenzale, di nuove armi biologiche o di nuovi modi per sequestrare il carbonio, avvisati è salvato “.

I risultati appaiono sulla rivista PLOS ONE

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/ciencia3/ciencia_bioterrorism18.htm

®wld

Mascheramento: una falsa speranza nelle affermazioni esagerate di un modello obsoleto ed errato

Lascia un commento

Il caso empirico per un mandato di maschera manca di basi scientifiche 

Postato da: Phillip W.Magness tramite AIER

L’Ordine Esecutivo del Presidente Biden “Sfida della maschera dei 100 giorni” è stato firmato il 20 gennaio, ma non è supportato da alcuna scienza credibile.

Piuttosto, si tratta di continuare l’intimidazione e il controllo psicologico dei cittadini americani. ⁃ TN Editor 

Lo scorso autunno, l’Institute for Health Metrics Evaluation (IHME) dell’Università di Washington ha pubblicato uno  studio  accattivante con un’affermazione politicamente accattivante: se gli americani si fossero semplicemente mascherati quando si avventurassero in pubblico, oltre 120.000 vite potrebbero essere salvate all’inizio del l’anno prossimo. Quando Joe Biden entrerà in carica alla fine di questa settimana, è ampiamente previsto che utilizzi ordini esecutivi per  emanare un mandato di maschera nazionale di 100 giorni.

L’azione di Biden si basa direttamente sulle affermazioni dello studio IHME, a cui ha  ripetutamente accennato  nel suo commento pubblico. Ma la scienza dietro questa affermazione è valida?

Come  ho documentato lo scorso autunno, le proiezioni dell’IHME si basavano su un semplice errore di dati. Il modello IHME parte dal presupposto che solo il 49% degli americani indossasse attualmente maschere in pubblico. Aumenta il tasso di adozione della maschera tra l’85% e il 95%, è logico, e salverai oltre centomila vite riducendo la diffusione del Covid-19. Un mandato di maschera nazionale, sottintendevano gli autori, avrebbe funzionato.

Tuttavia, le proiezioni dell’IHME presentavano un problema cruciale. L’IHME ha preso la cifra del 49% di adozione da un sondaggio obsoleto di mesi all’inizio della pandemia. Alla fine di settembre, quando hanno fatto le loro proiezioni, l’adozione delle maschere da parte degli Stati Uniti si è attestata all’80% a livello nazionale. Invece di quasi raddoppiare i tassi di utilizzo delle maschere, un mandato nazionale per le maschere aumenterebbe la conformità solo di circa 5-15 punti percentuali. Il numero di vite che il mandato avrebbe salvato, si è scoperto, era stato enormemente esagerato nel rapporto pubblicato.

Il  direttore dell’IHME ha fatto eccezione  alle mie critiche, anche se in particolare non ha contestato nessuno dei miei calcoli. “[Magness] ha ragione sul fatto che la nostra stima dei tassi di indossare maschere è aumentata” dalla pubblicazione dello studio, ha spiegato Christopher JL Murray in una lettera al  Wall Street Journal. I nuovi dati dell’estate e dell’inizio dell’autunno hanno confermato un aumento dei tassi di adozione di maschere pubbliche. Eppure Murray ha continuato: “[h] e non è corretto suggerire che questo indebolisce il caso per le politiche pubbliche che richiedono maschere”.

Nei circa due mesi trascorsi da questo scambio pubblico, il modello di maschera dell’IHME ha subito una curiosa trasformazione. Murray e il suo team hanno aggiornato silenziosamente le loro cifre per riflettere i tassi di adozione della maschera più alti e più realistici. Inoltre, hanno esteso queste correzioni retroattivamente alle proiezioni del loro modello dai mesi estivi.

Il grafico seguente mostra come il modello di maschera IHME è cambiato nel tempo. La linea blu rappresenta l’effettivo tasso di adozione delle maschere negli Stati Uniti, come rilevato dal sondaggio YouGov. Mostra che l’adozione di maschere statunitensi è aumentata rapidamente in primavera fino a raggiungere l’80% circa a metà luglio. Da luglio ad oggi si è mantenuto stabile al livello dell’80% (i sondaggi paralleli di  CDC,  Pew Charitable Trust,  Carnegie Mellon University e  Kaiser Family Foundation  confermano questi risultati).

La linea arancione mostra il modello e le previsioni della maschera dell’IHME il 21 settembre, che è la versione pubblicata sulla rivista  Nature-Medicine. La linea gialla mostra le successive revisioni al rialzo dell’IHME a partire da gennaio 2021, che ora stanno finalmente iniziando a convergere con la realtà. Le loro stime cadono ancora un po’ a corto di quello che le indagini di cui sopra mostrano, ma a partire dal 18 gennaio il modello IHME presuppone che il 76% degli americani indossano maschere in pubblico – poco meno del livello 80%.

Sebbene il team di IHME debba essere lodato per aver corretto il proprio modello per riflettere meglio la realtà, questi aggiustamenti significano anche che rimangono relativamente pochi guadagni aggiuntivi da portare il tasso di adozione della maschera verso l’alto all’85 o 95%. Il più recente dei sondaggi indipendenti – uno studio condotto dalla  Kaiser Family Foundation  a dicembre – riporta addirittura che l’89% degli americani indossa sempre o quasi sempre maschere in pubblico, suggerendo che siamo già vicini o vicini alla soglia di “adozione universale” mirata il modello IHME.

Le correzioni in corso al modello IHME hanno fortemente smorzato i vantaggi promessi di un mandato di maschera nazionale. La figura seguente mostra la previsione di “vite salvate” dell’IHME nell’ambito dell’adozione della maschera universale con una conformità del 95%, come previsto per 4 mesi dalla data di rilascio.

A settembre, il modello IHME prevedeva che oltre 120.000 vite sarebbero state salvate entro gennaio con un mandato di maschera. Ora prevede 31.000 vite salvate entro la fine di aprile.

Durante la lettura di queste proiezioni sempre più restrittive, tieni presente che i modelli di adozione delle maschere statunitensi non sono cambiati in modo significativo dalla metà dell’estate del 2020, prima che l’IHME pubblicasse la sua prima stima di “vite salvate”. È rimasto costante a circa l’80% per tutto questo tempo. Gli unici cambiamenti apparenti sono i dati di input per il modello IHME, che hanno aggiornato sulla scia della mia critica per approssimare meglio la realtà. L’effetto è quello di ridurre la proiezione di “vite salvate” dell’IHME al termine dei 4 mesi a solo un quarto della sua affermazione da prima pagina in autunno.

Questi cambiamenti non significano che le maschere manchino di efficacia ai margini. Rimangono una risposta igienica precauzionale, in particolare in alcuni luoghi interni e intorno a persone vulnerabili. Piuttosto, gli aggiustamenti del modello dell’IHME confermano ciò che molti di noi hanno sottolineato da quando il movimento del mandato della maschera è iniziato sul serio lo scorso anno. I principali vantaggi derivanti dalla mascheratura sono già stati ottenuti. Gli americani  li hanno adottati rapidamente la  scorsa estate e da allora hanno continuato a usarli a tassi costantemente elevati. L’aggiunta di un nuovo mandato di maschera nazionale in aggiunta a questa pratica porterà poco o nessun  vantaggio aggiuntivo a ciò che l’adozione volontaria è già stata ottenuta, sebbene possa alimentare una falsa speranza nelle affermazioni esagerate di un modello obsoleto ed errato.

Leggi la storia completa qui …

Fonte:  https://www.technocracy.news/the-empirical-case-for-a-mask-mandate-lacks-scientific-grounding/

®wld

Older Entries