Home

Forme ritualizzate di ribellione portano al rafforzamento delle strutture stabilite dell’autorità

Lascia un commento

#FridaysForFuture: 

 

Riscaldamento globale e strato di ozono: cosa c’è di più pericoloso, CO2 o guerra nucleare?

 

4500 attacchi climatici in oltre 100 paesi. Diversi milioni di manifestanti chiedono che i governi di tutto il mondo “prendano provvedimenti” sugli impatti ambientali devastanti dei cambiamenti climatici.

 

Molti attivisti del clima indicano gli impatti distruttivi del capitalismo globale sulla loro vita.

“Capitalismo = morte (o estinzione)”.

 

“Annulla il capitalismo”.

Le vite delle persone vengono distrutte. I politici sono cooptati dai giganti corporativi tra cui Big Oil. Le strutture economiche, ambientali e sociali sono minate. Il risultato è un processo di impoverimento mondiale.

I giganti del petrolio erano indelebilmente sotto tiro. A New York City, gli attivisti del clima hanno affrontato “Big Oil”:

“ExxonKnew: Make Them Pay” aldi fuori di una riunione di amministratori delegati di combustibili fossili erappresentanti del governo presso la Biblioteca e il Museo Morgan , a pochi isolati dal vertice sul clima delle Nazioni Unite a New York.

Chi finanzia il movimento di protesta 

“Exxon: farli pagare”?

La verità non detta è che Big Oil finanzia la campagna contro Big Oil. Sembra contraddittorio?

Gli attivisti del clima sono stati mentiti.

Il Climate Movement (New Green Deal) è finanziato da importanti enti di beneficenza e fondazioni aziendali tra cui il National Endowment for Democracy, Soros Open Society Foundations, il Rockefeller Brothers Trust, Shell Foundation, BP, Goldman Sachs, tra gli altri.

Mentre “Big Oil” è ritenuto responsabile degli impatti devastanti dell’industria dei combustibili fossili, gli architetti di Big Oil, in particolare la famiglia Rockefeller, sono i principali protagonisti del New Deal verde:

 

“A partire dagli anni ’80, il Rockefeller Brothers Fund è diventato il principale sostenitore dell’agenda sul riscaldamento globale. … Nella loro revisione del programma di sviluppo sostenibile, il Rockefeller Brothers Fund si vanta di essere uno dei primi principali attivisti del riscaldamento globale, citando la sua forte difesa sia per la formazione del 1988 del pannello intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) sia per l’istituzione del 1992 del Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. “(L’Istituto legale per l’energia e l’ambiente pubblicato nel 2016).

 

Il dibattito sul clima mondiale è di importanza cruciale.

Ma chi controlla quel dibattito? Le principali fondazioni capitaliste alla fine chiamano i colpi?

C’è un’ovvia relazione contraddittoria. Il movimento di protesta è finanziato da fondazioni corporative.

SecondoWilliam Engdahl, il New Green Deal è un “progetto economico” di svariati miliardi:

Prince Charles, … insieme a Bank of England e City of London hanno promosso “strumenti finanziari verdi”, guidati da Green Bonds, per reindirizzare piani pensionistici e fondi comuni di investimento verso progetti verdi . Un attore chiave nel collegamento delle istituzioni finanziarie mondiali con l’Agenda verde è Mark Carney, capo uscente della Banca d’Inghilterra . Nel dicembre 2015, la Bank for International Settlements ‘Financial Stability Board (FSB), presieduta poi da Carney, ha creato la Task Force sulla divulgazione finanziaria legata al clima (TCFD), per consigliare “investitori, finanziatori e assicurazioni sui rischi legati al clima”. Questo è stato certamente un obiettivo bizzarro per i banchieri centrali mondiali.

 

E il movimento di protesta tra cui l’Estinction Rebellion fornisce una giustificazione per investire in obbligazioni verdi:

 

La onnipresente banca di Wall Street, Goldman Sachs, … ha appena svelato il primo indice globale di titoli ambientali di prim’ordine, realizzato insieme al CDP di Londra, precedentemente Carbon Disclosure Project. Il CDP, in particolare, è finanziato da investitori come HSBC, JPMorgan Chase, Bank of America, Merrill Lynch, Goldman Sachs, American International Group e State Street Corp.

Il nuovo indice, denominato CDP Environment EW e CDP Eurozone EW, mira ad attirare fondi di investimento, sistemi pensionistici statali come CalPERS (il sistema pensionistico dei dipendenti pubblici della California) e CalSTRS (il sistema pensionistico degli insegnanti dello Stato della California) con un combinato di $ 600 + miliardi di attività, da investire in obiettivi scelti con cura.

 

Una breve rassegna suggerisce che le principali organizzazioni climatiche sono invariabilmente finanziate dal capitale aziendale (inclusi i giganti del petrolio):

 

  • ClimateAction ha legami con un certo numero di partner finanziari al fine di promuovere “investimenti verdi” in quella che viene definita “industria della sostenibilità globale”.
  • IlClimate Institute di Climate.org è un’importante entità di ricerca finanziata da Ford Motor Company Fund, GE Foundation, Goldman Sachs, Rockefeller Brothers Fund, Shell Foundation, The Rockefeller Foundation, tra gli altri.
  • IlClimate Leadership Council è un’iniziativa delle principali società che finanzia il consenso globale sul clima.

 

Riscaldamento globale. I concetti

 

Mentre gli attivisti del clima esprimono preoccupazione per i nefasti impatti del capitalismo globale sul clima, compresi quelli relativi alla militarizzazione (e alla spesa per la difesa), l’analisi scientifica del clima sotto gli auspici dell’IPCC si concentra in gran parte su una singola variabile: l’anidride carbonica (CO2), ovvero l’impatto dell’aumento delle emissioni di CO2 derivate dai combustibili fossili (incluso il fracking) sulla temperatura media globale.

L’esaurimento dello strato di ozono è ciò che innesca il riscaldamento globale. Lo strato di ozono si trova nella stratosfera terrestre. “L’ozonoviene costantemente prodotto e distrutto naturalmente. Questo strato di ozono filtra i raggi ultravioletti (UV) dal Sole e protegge la vita sulla Terra.”

Le emissioni di gas serra che colpiscono lo strato di ozono sono in gran parte costituite da vapore acqueo (50%), anidride carbonica (CO2) (20%) e nuvole (25%). I restanti gas serra (5%) sono costituiti da piccole particelle di aerosol, metano (CH4) e protossido di azoto (N2O) (sia un gas serra che un “distruttore di ozono” con impatti devastanti sul clima). (cifre approssimative fornite dalla NASA per il 2011).

La diminuzione dello strato di ozono “aumenteràla quantità di radiazione ultravioletta che raggiunge la superficie terrestre e peggiorerà gli impatti dovuti all’esposizione ai raggi UV”.

Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) è l’organismo chiave delle Nazioni Unite “per valutare la scienza relativa ai cambiamenti climatici”.

L’obiettivo dell’IPCC è stimare il gas serra aggiuntivo di CO2 generato dall’estrazione di combustibili fossili . Si presume che l’aumento delle emissioni di gas a effetto serra dal Pianeta Terra derivi esclusivamente dalle emissioni di CO2 legate all’estrazione di combustibili fossili (compreso il fracking).

Nota: le emissioni di CO2 risultanti dall’estrazione di combustibili fossili rappresentano una percentuale molto piccola delle emissioni totali di CO2 (stimata al 20% delle emissioni totali di gas a effetto serra), vale a dire una percentuale molto piccola del 20%.

L’attuale focus sul dibattito sul clima dell’IPCC è costituito dai seguenti:

  • -L’aumento delle emissioni di CO2 (dai combustibili fossili) costituisce l’unica causa del riscaldamento globale, attribuibile all’esaurimento dello strato di ozono.
  • -Per ridurre l’esaurimento dello strato di ozono è necessario ridurre l’estrazione di combustibili fossili, che costituisce la causa principale dell’aumento delle emissioni di CO2.

Il rapporto IPCC di maggio 2018 intitolato Riscaldamentoglobale di 1,5 ° C presenta la seguente metodologia:

 

“Una comprensione degli impatti del riscaldamento globale di 1,5 ° C al di sopra dei livelli preindustriali e dei relativi percorsi di emissione globali nel contesto del rafforzamento della risposta alla minaccia dei cambiamenti climatici, dello sviluppo sostenibile e degli sforzi per sradicare la povertà”.

La maggior parte dei risultati di questo studio IPCC si basa su simulazioni di modello di probabili impatti confrontando un aumento di 2,0 ° C della temperatura globale media con il riscaldamento globale di 1,5 ° C sopra i livelli preindustriali.

Ilrapporto evidenzia i principali impatti ambientali e sociali che si basano su simulazioni di aumento della temperatura attribuibili all’aumento delle emissioni di CO2 attribuibili all’estrazione di combustibili fossili.

Questi includono gli impatti sulla biodiversità e sugli ecosistemi, la perdita e l’estinzione delle specie (piante, insetti e vertebrati), gli impatti su oceani e corsi d’acqua, nonché gli impatti sociali tra cui la povertà.

Il rapporto distingue tra ecosistemi terrestri, d’acqua dolce e costieri. Esamina gli impatti del riscaldamento globale sulle temperature degli oceani. Affronta anche “aumenti associati dell’acidità degli oceani e diminuzioni dei livelli di ossigeno nell’oceano” e gli impatti sulla vita marina e sulla biodiversità. Anche gli impatti sociali su (ad esempio sulle comunità di pescatori) sono riconosciuti.

Sulla terra, si prevede che gli impatti sulla biodiversità e sugli ecosistemi, compresa la perdita e l’estinzione delle specie, saranno inferiori a 1,5 ° C di riscaldamento globale rispetto a 2 ° C. Allo stesso modo, “si prevede che limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C per ridurre i rischi per la biodiversità marina, la pesca e gli ecosistemi e le loro funzioni e servizi per l’uomo”

 

Critica: analisi a singola variabile

 

Esistono molti altri fattori complessi che influenzano direttamente o indirettamente le strutture climatiche e ambientali, incluso lo strato di ozono, che sono stati esclusi dalle simulazioni del modello IPCC.

I risultati quantitativi dell’IPCC sono a dir poco deterministici. Secondo il professor RichardS Lindzen del MIT:

“Ora ecco la narrativa attualmente popolare riguardante questo sistema. Il clima, un sistema multifattoriale complesso, può essere sintetizzato in una sola variabile, il cambiamento di temperatura mediamente globale, ed è principalmente controllato dalla perturbazione dell’1-2% nel bilancio energetico dovuta a una singola variabile – l’anidride carbonica – tra molte variabili di importanza comparabile.

Questa è una straordinaria coppia di affermazioni basate sul ragionamento che rasenta il pensiero magico. È, tuttavia, la narrazione che è stata ampiamente accettata, anche tra molti scettici.”

Omettono le variabili che influenzano il clima. Ad eccezione del combustibile fossile, non affrontano gli impatti della politica del governo sul clima, né affrontano il modo in cui le guerre guidate dagli Stati Uniti e l’economia di guerra multi-trilione di dollari minacciano il Pianeta Terra.

È l’arte dell’omissione:

  • Un singolo biossido di carbonio (CO2) variabile altamente rilevante “spiega tutto”. (ceteris paribus).
  • Con tutte le altre variabili escluse, per omissione, la CO2 “non spiega nulla”.
  • Le emissioni di CO2 non possono ragionevolmente spiegare la complessità dei cambiamenti climatici.
  • Concentrandosi esclusivamente sulla CO2, il dibattito sul clima ha escluso “tutto il resto”.

Sono state identificate le crisi climatiche e ambientali nelle diverse regioni del mondo. La causalità di base è l’approccio a singola variabile: emissioni di ciaoCO2 dall’estrazione di combustibili fossili.

E i risultati stilizzati dell’IPCC vengono quindi utilizzati per giustificare la bonanza aziendale multi miliardaria di Green New Deal.

Un’intera serie di importanti processi, tra cui biodiversità, vita animale, povertà, perdita di specie, ecc., È stata spiegata dall’IPCC riferendosi esclusivamente all’impatto dell’aumento delle emissioni di CO2 sul riscaldamento globale, nient’altro.

 

Misurazione: letture della temperatura globale distorte e imperfette

 

Esistono seri problemi nella stima delle emissioni di CO2 (da combustibili fossili) e della temperatura globale media.

Il riscaldamento globale non può essere identificato e spiegato da un’unica temperatura globale. Esistono numerose temperature regionali che descrivono le condizioni climatiche. Una temperatura media (ponderata) globale stabilita dalle principali letture geografiche non fornisce una comprensione delle complessità del clima.

Inoltre, ci sono prove che la temperatura media globale è manipolata. Questa temperatura ha un impatto diretto sugli utili e sulle perdite nelle transazioni di commercio del carbonio da miliardi di dollari:

Quando le generazioni future guarderanno indietro alla paura del riscaldamento globale degli ultimi 30 anni, nulla li scioccerà più della misura in cui i registri ufficiali della temperatura – su cui alla fine si è posato l’intero panico – sono stati sistematicamente “adattati” per mostrare alla Terra come avendo riscaldato molto più di quanto i dati reali giustificati. (Telegraph, 7 febbraio 2015)

Questa convinzione si basa su … record di dati ufficiali. … l’amministrazione nazionale oceanica e atmosferica degli Stati Uniti (NOAA), … l’Unità di ricerca climatica dell’Università dell’Anglia orientale, l’Hadley Centre for Climate Prediction, UK Met Office. [nonché] … misurazioni effettuate da satelliti, compilate da Remote Sensing Systems (RSS) ( TheTelegraph, 24 gennaio 2015)

 

L’impatto della radioattività sul clima

 

L’aumento delle emissioni di CO2 da combustibili fossili è l’unica causa dei cambiamenti climatici e del degrado ambientale?

In questo articolo, ci concentriamo brevemente sugli impatti sullo strato di ozono derivanti dall’esplosione di bombe nucleari, un problema che non è stato affrontato dal New Green Deal, nonché dalle radiazioni delle centrali nucleari. Ci concentriamo anche sulle tecniche di modifica ambientale (ENMOD) e sulla “militarizzazione del clima”.

Radiazioni dalle centrali nucleari (Fukushima)

 

Lo scarico di acqua altamente radioattiva nell’Oceano Pacifico costituisce un potenziale fattore scatenante di un processo di contaminazione radioattiva globale.

A questo proposito, dal 2011, ampiamente documentata, la vita marina e la perdita di specie sono state colpite dal rilascio di plutonio radioattivo nell’Oceano Pacifico a seguito del disastro di Fukushima-Daichi.

Gli elementi radioattivi non sono stati rilevati solo nella catena alimentare in Giappone, ma l’acqua piovana radioattiva è stata registrata in California.

Test nucleari e Fallout radioattivo

I test sulle armi nucleari sono in corso durante l’era successiva alla seconda guerra mondiale. Tra gli oltre 2000 test, un gran numero di questi test sono “non sotterranei” o “sottomarini”, ovvero i test in atmosfera. Secondo un rapporto del 2000 del Comitato scientifico delle Nazioni Unite sugli effettidelle radiazioni atomiche all’Assemblea generale

 

“Il principale contributo artificiale all’esposizione della popolazione mondiale [alle radiazioni] è venuto dai test sulle armi nucleari nell’atmosfera, dal 1945 al 1980. Ogni test nucleare ha provocato un rilascio illimitato nell’ambiente di notevoli quantità di radioattivo materiali , che erano ampiamente dispersi nell’atmosfera e depositati ovunque sulla superficie terrestre.”

 

Il rapporto di cui sopra evidenzia gli impatti delle radiazioni sulle cellule viventi e sull’incidenza concomitante di leucemia, tumore della tiroide, polmone e carcinoma mammario.

 

Quale sarebbe l’impatto dell’esplosione delle armi nucleari sul clima mondiale?

Il problema dell’inverno nucleare è stato affrontato per la prima volta in uno studio del 1983 di RP Turco, OB Toon, TP Ackerman, JB Pollack e Carl Sagan (indicato come TTAPS) “GlobalAtmospher Consequences of Nuclear War”

La pubblicazione dello studio TTAPS al culmine della guerra fredda ha suscitato preoccupazione per gli impatti devastanti della guerra nucleare, compresi i suoi impatti climatici.

Il freddo estremo, i livelli elevati di radiazioni e la diffusa distruzione delle infrastrutture industriali, mediche e di trasporto, insieme alle forniture alimentari e alle colture, causerebbero un enorme tributo di morte per fame, esposizione e malattie.

Lo studio TTAPS ha concluso: “… la possibilità dell’estinzione dell’Homo Sapiens non può essere esclusa.”

Ha anche creato una consapevolezza tra i responsabili delle politiche estere statunitensi, che oggi è totalmente assente. Trump non ha la più pallida idea degli impatti di una guerra nucleare.

Secondo AtomicArchive.com che riassume essenzialmente i concetti dello studio TTAP (p. 22) “Quando un’arma nucleare esplode nell’aria, l’aria circostante viene sottoposta a un grande calore, seguito da un raffreddamento relativamente rapido“. 

 

Queste condizioni sono ideali per la produzione di enormi quantità di ossidnitrici. Questi ossidi vengono trasportati nell’atmosfera superiore, dove riducono la concentrazione di ozono protettivo. L’ozono è necessario per impedire alle radiazioni ultraviolette dannose di raggiungere la superficie terrestre.

Gli ossidi di azoto formano un ciclo catalitico per ridurre lo strato protettivo di ozono.

Gli ossidi nitrici prodotti dalle armi potrebbero ridurre i livelli di ozono nell’emisfero boreale fino a 30-70 percento t. Tale esaurimento potrebbe produrre cambiamenti nel clima terrestre e consentirebbe più radiazioni ultraviolette dal sole attraverso l’atmosfera fino alla superficie terrestre, dove potrebbe produrre ustioni pericolose e una varietà di effetti ecologici potenzialmente pericolosi.

È stato stimato che vengono prodotte fino a 5.000 tonnellate di ossido nitrico per ogni megaton di potenza esplosiva nucleare. Vedi AtomicArchive

 

La simulazione del conflitto nucleare del 2008. Impatti sullo strato di ozono

 

In un importante studio del 2008 di Michael Mills et al. Intitolato Massicciaperdita globale di ozono prevista a seguito di un conflitto nucleare regionale (Accademia delle Scienze degli Stati Uniti) è statacondotta una simulazione (in gran parte basata sui concetti delineati nello studio del TTPS 1983) di un conflitto nucleare coinvolgendo 100 bombe di dimensioni Hiroshima. La simulazione ha confermato che le esplosioni nucleari “potrebbero produrre danni a lungo termine allo strato di ozono, consentendo a livelli superiori a” estremi “di radiazioni ultraviolette di raggiungere la superficie terrestre, (vedi GSN, 16 marzo 2010).

L’aumento dei livelli di radiazione UV dal sole potrebbe persistere per anni, probabilmente con un impatto drastico sull’uomo e sull’ambiente, anche a migliaia di miglia dall’area del conflitto nucleare. …

“Uno scambio nucleare regionale di 100 armi da 15 kiloton … produrrebbe colonne senza ozono senza precedenti su aree popolate in combinazione con le temperature superficiali più fredde sperimentate negli ultimi 1.000 anni e probabilmente si tradurrebbe in una carestia nucleare globale“, …

La ricerca di Mills e colleghi è stata la prima a esaminare la possibilità che un’esplosione nucleare possa portare ad un aumento dei livelli di radiazione ultravioletta sulla Terra, secondo un comunicato stampa dell’NCAR pubblicato durante la conferenza dell’American Association for the Advancement of Science. NTI

 

Secondo il prof.Allan Robock:

Negli anni ’80, utilizzando semplici modelli climatici, abbiamo scoperto che gli arsenali nucleari globali, se usati su città e aree industriali, potrebbero produrre un inverno nucleare e portare alla carestia globale.

Il fumo degli incendi sarebbe durato per anni nell’atmosfera superiore, bloccando la luce solare e rendendola fredda, scura e asciutta sulla superficie terrestre. Distruggerebbe anche l’ozono, migliorando la radiazione ultravioletta che raggiunge la superficie.

Mentre gli effetti immediati degli attacchi nucleari potrebbero uccidere centinaia di migliaia, i numeri che morirebbero di fame negli anni seguenti potrebbero ammontare a miliardi.

Nel vero senso della parola, la guerra nucleare potrebbe potenzialmente portare a un processo di estinzione umana:

Una guerra nucleare molto ampia sarebbe una calamità di proporzioni indescrivibili e conseguenze assolutamente imprevedibili, con le incertezze che tendono verso il peggio. . . . Una guerra nucleare totale significherebbe la distruzione della civiltà contemporanea, gettando indietro l’uomo secoli, causando la morte di centinaia di milioni o miliardi di persone e, con un certo grado di probabilità, causerebbe la distruzione dell’uomo come specie biologica … Andrei Sakharov, Affari esteri, estate 1983

 

Tali preoccupazioni sono state in gran parte escluse dal dibattito sul clima e dalla rivolta dell’estinzione.

Il movimento di protesta di estinzione di ribellione ha gli occhi puntati sulle crescenti emissioni di anidride carbonica (da combustibile fossile), annunciato come “il gas serra più pericoloso e prevalente”.

Tutte le altre variabili sono escluse. Bugie scientifiche per omissione.

.

Impatti dei prodotti chimici sullo strato di ozono

 

Nella storia recente, l’esaurimentodello strato di ozono è stato causato da clorofluorocarburi o CFC. I CFC sono un gas a effetto serra precedentemente utilizzato nelle unità di condizionamento e raffreddamento, compresi i frigoriferi.

L’uso dei CFC è stato vietato ai sensi del protocollo di Montreal. Uno studiodel giugno 2016 conferma tuttavia che il protocollo di Montreal non è riuscito a risolvere completamente il divieto dei CFC:

 

“Quando i paesi hanno iniziato a eliminare gradualmente i CFC, i produttori li hanno sostituiti con idrofluorocarburi (HFC). Gli HFC non riducono l’ozono, ma sono potenti gas serra, che contribuiscono al riscaldamento globale. La sfida futura sarà, quindi, quella di sviluppare nuove alternative agli HFC e far sì che il mondo li adotti ancora una volta.”

 

Inoltre, il protocollo di Montreal non ha eliminato il bromuro di metile (MeBr) che è unasostanza che impoverisce l’ozono.

 

Ilbromuro di metile (MeBr) viene utilizzato sempre più come fumigante biocida, principalmente nei terreni agricoli prima della semina delle colture. Questo utilizzo comporta un potenziale di riduzione dell’ozono stratosferico a causa della catalisi dell’atomo di Br, a seconda di quanto MeBr fuoriesca dai terreni fumigati nell’atmosfera.

 

Le simulazioni IPCC trascurano il fatto che HFC e MeBr costituiscono una minaccia allo strato di ozono.

Un recente rapporto delle Nazioni Unite conferma tuttavia che, nonostante la campana di allarme IPCC, “lo strato di ozono protettivo della Terra sta finalmente guarendo dai danni causati da spray aerosol e refrigeranti, un nuovo rapporto delle Nazioni Unite”.

 

Lo strato di ozono si era assottigliato dalla fine degli anni ’70. Gli scienziati hanno lanciato l’allarme e le sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono sono state eliminate gradualmente in tutto il mondo.

Di conseguenza, lo strato di ozono superiore sopra l’emisfero settentrionale dovrebbe essere completamente riparato negli anni 2030 e il buco nell’ozono antartico dovrebbe scomparire negli anni 2060, secondo una valutazione scientifica pubblicata lunedì in una conferenza a Quito, in Ecuador. L’emisfero australe è un po ‘in ritardo e il suo strato di ozono dovrebbe essere curato entro la metà del secolo. (AP novembre 2018)

 

Questo rapporto sulla riparazione dello strato di ozono non solo contraddice l’hype del combustibile fossile di CO2 IPCC, ma suggerisce anche che l’analisi delle singole variabili e le proiezioni di CO2 sono imperfette.

 

Tecniche di modifica ambientale (ENMOD)

 

La militarizzazione del clima è raramente menzionata nel dibattito sul clima. “Nel 1977, una Convenzione internazionale è stata ratificata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha vietato” l’uso militare o altro ostile di tecniche di modifica ambientale con effetti diffusi, duraturi o gravi”.

 

Ha definito le “tecniche di modifica ambientale” come “qualsiasi tecnica di cambiamento – attraverso la deliberata manipolazione dei processi naturali – la dinamica, la composizione o la struttura della terra, compresi il suo biota, litosfera, idrosfera e atmosfera o spazio esterno”.

Mentre la sostanza della Convenzione del 1977 è stata riaffermata nella Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) firmata al vertice della Terra del 1992 a Rio, il dibattito sulla modifica del clima per uso militare è diventato un tabù scientifico.

Gli analisti militari sono muti sull’argomento. I meteorologi non stanno indagando sulla questione e gli ambientalisti si concentrano sulle emissioni di gas a effetto serra ai sensi del protocollo di Kyoto. Né la possibilità di manipolazioni climatiche o ambientali come parte di un’agenda militare e di intelligence, sebbene tacitamente riconosciuta, fa parte del più ampio dibattito sui cambiamenti climatici sotto l’egida delle Nazioni Unite. (Michel Chossudovsky, TheEcologist, 2007)

 

Gli Stati Uniti possiedono un vasto arsenale di armi elettromagnetiche che sono in grado di sconvolgere il clima attraverso tecniche di modifica ambientale (ENMOD). (Vedigli scritti precedenti dell’autore)

Gli effetti delle tecniche ENMOD per uso militare sono stati documentati dalla CBCTV all’inizio degli anni ’90. Il rapporto ha riconosciuto che la struttura HAARP in Alaska (ora chiusa o trasferita in un’altra posizione) sotto l’egida dell’aeronautica americana aveva la capacità di innescare tifoni, terremoti, inondazioni e siccità:

 

“L’energia diretta è una tecnologia così potente che potrebbe essere utilizzata per riscaldare la ionosfera per trasformare il tempo in un’arma di guerra. Immagina di usare un’alluvione per distruggere una città o tornado per decimare un esercito in avvicinamento nel deserto. I militari hanno dedicato molto tempo alla modifica del clima come concetto per gli ambienti di battaglia. Se un impulso elettromagnetico scoppiasse su una città, praticamente tutte le cose elettroniche in casa sarebbero ammiccanti ed uscivano, e sarebbero state distrutte in modo permanente. “

Video CBC

“Possedere il tempo” per uso militare

Secondo il documentofinale dell’Aeronautica militare statunitense AF 2025, (originariamente all’indirizzo http://csat.au.af.mil/2025/volume3/vol3ch15.pdf)

l’esercito degli Stati Uniti alla fine avrebbe “posseduto il tempo”.

 

Capacità richiesta: Perché dovremmo voler pasticciare con il tempo? [titolo del capitolo 2, dopo l’introduzione]

Secondo il generale Gordon Sullivan, ex capo di stato maggiore dell’esercito, “Mentre saltiamo la tecnologia nel 21 ° secolo, saremo in grado di vedere il nemico giorno o notte, con qualsiasi tempo – e inseguirlo senza sosta”. Globale, preciso, reale – una solida, sistematica e sistematica modifica delle condizioni meteorologiche fornirebbe ai CINC di guerra un potente moltiplicatore di forze per raggiungere obiettivi militari. Poiché il tempo sarà comune a tutti i possibili futuri, una capacità di modifica del tempo sarebbe universalmente applicabile e avrebbe utilità in tutto lo spettro del conflitto. La capacità di influenzare il tempo anche su piccola scala potrebbe cambiarlo da un degradatore di forza in un moltiplicatore di forza.

 

Tecniche avanzate di guerra climatica tra cui tecniche di modifica ambientale:

“Offre al combattente di guerra una vasta gamma di possibili opzioni per sconfiggere o costringere un avversario”, le capacità, si dice, si estendono all’innesco di alluvioni, uragani, siccità e terremoti:

‘La modifica del clima diventerà parte della sicurezza nazionale e internazionale e potrebbe essere effettuata unilateralmente … Potrebbe avere applicazioni offensive e difensive e persino essere utilizzata per scopi dissuasivi. La capacità di generare precipitazioni, nebbia e tempeste sulla terra o di modificare il tempo nello spazio … e la produzione di tempo artificiale fanno tutti parte di un insieme integrato di tecnologie [militari]. ”(Enfasi aggiunta) Documentodell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti Rapporto finale AF 2025

 

fonte: documentofinale dell’aeronautica statunitense AF 2025

 

Osservazioni conclusive

L’instabilità climatica è una preoccupazione importante. Ma non può essere analizzato in modo isolato. È un processo estremamente complesso.

Mentre c’è un significativo movimento di base di giovani attivisti, il Consenso sul clima di CO2 ha distratto milioni di persone dalla comprensione delle minacce più ampie e in corso alla vita umana sul Pianeta Terra. A sua volta, il dibattito sul clima ha escluso il fatto ampiamente documentato che il clima può essere utilizzato per servire obiettivi militari.

Questi scioperi climatici si stanno verificando in un momento di crisi, in gran parte segnato dalle minacce statunitensi di condurre la guerra contro l’Iran. È previsto l’uso di armi nucleari tattiche contro l’Iran.

Gli attivisti vengono spesso ingannati da coloro che finanziano la campagna, tra cui Rockefeller et al., Nonché dagli organizzatori e dagli agenti di pubbliche relazioni che coinvolgono celebrità di Hollywood, et al.

La metodologia scientifica di base è sotto molti aspetti imperfetta.

In un’amara ironia, il movimento contro il capitalismo è finanziato dal capitalismo. Si chiama “dissenso prodotto”.

Guerra globale

La guerra globale che utilizza sistemi d’arma avanzati abbinati ad atti deliberati di distruzione, sabotaggio e destabilizzazione dei paesi sovrani costituisce la più grave minaccia alla sopravvivenza dell’umanità.

La globalizzazione della guerra è accoppiata alla deroga dei diritti civili, allo Stato di sorveglianza, alle riforme macroeconomiche neoliberali del FMI-Banca mondiale applicate in tutto il mondo che innescano la povertà di massa, la disoccupazione e la distruzione ambientale. Questo quadro politico globale (controllato da potenti interessi finanziari) abroga i diritti dei lavoratori, distrugge l’agricoltura familiare, mina lo stato sociale portando alla privatizzazione della salute e dell’istruzione, ecc.

Ciò che è richiesto è un ampio movimento di protesta che comprenda queste dimensioni correlate. Le cause alla base di questa crisi mondiale devono essere comprese. Non è causato da una singola variabile (ovvero le emissioni di CO2).

Il dibattito sull’estinzione e la guerra nucleare

Nove paesi tra cui Stati Uniti, Russia, Francia, Cina, Regno Unito, Israele, Pakistan, India, Corea del Nord possiedono insieme quasi 14.000 armi nucleari. (Dati 2017) Gli Stati Uniti e la Russia hanno rispettivamente 6185 e 6500.

Secondo l’ICAN, “Gli Stati Uniti e la Russia mantengono circa 1.800 delle loro armi nucleari in stato di massima allerta – pronti per essere lanciati in pochi minuti dopo un avvertimento”.

Le bombe nucleari odierne (ad eccezione delle cosiddette mini-bombe nucleari) sono significativamente più potenti in termini di capacità esplosiva rispetto a una bomba di Hiroshima.

Il “mini-nuke” B61.11 (classificato come una bomba nucleare “a basso rendimento” “più utilizzabile”) ha una capacità esplosiva tra un terzo e dodici volte una bomba di Hiroshima.

Le persone dovrebbero capire. Ci sono abbastanza bombe nucleari per distruggere la vita sul pianeta Terra più volte. Sicuramente questo dovrebbe far parte del dibattito sull’estinzione.

 

Mentre si può concettualizzare la perdita di vite umane e la distruzione derivante da guerre precedenti, tra cui Iraq e Afghanistan, è impossibile comprendere appieno la devastazione che potrebbe derivare da una terza guerra mondiale, usando “nuove tecnologie” e armi avanzate, fino a quando non si verificherà e diventerà una realtà. La comunità internazionale ha appoggiato la guerra nucleare in nome della pace mondiale. “Rendere il mondo più sicuro” è la giustificazione per l’avvio di un’operazione militare che potrebbe potenzialmente provocare un olocausto nucleare. (Michel Chossudovsky, 2011)

 

La guerra piuttosto che le emissioni di CO2 è la più grande minaccia per l’umanità. Oops, secondo i media, le armi nucleari sono un mezzo per raggiungere la pace nel mondo.

Trump ha un programma di armi nucleari da 1,2 trilioni di dollari, inizialmente istituito da Obama.

 

Mentre questo progetto da molti miliardi di dollari ha lo scopo di “rendere il mondo più sicuro”, queste (costose) armi nucleari sono classificate come “bombe umanitarie” più “utilizzabili”, “sicure per la popolazione circostante”, secondo l’opinione scientifica sul contratto con il Pentagono.

US-NATO e i loro alleati sono coinvolti in atti di guerra illegali. La guerra nucleare è sul tavolo da disegno del Pentagono.

Ma queste guerre non sono più illegali: fanno parte della “responsabilità di proteggere” (R2P ). Si tratta di “guerre umanitarie” o operazioni di “antiterrorismo” nonostante il fatto che milioni di persone siano state uccise e intere nazioni siano state distrutte. Si chiama “danno collaterale”.

Inutile dire che ci sono potenti interessi finanziari dietro la globalizzazione della guerra. e senza un’ampia propaganda mediatica, non potevano avere una gamba su cui stare.

La guerra fa bene agli affari. E fortunatamente per il complesso industriale militare, il movimento contro la guerra è morto.

Prevale il rituale di ribellione.

 

Max Gluckman (1911-1975), sociologo dell’Università di Manchester, nei suoi scritti ha mostrato come forme ritualizzate di ribellione da parte di coloro che protestano contro coloro che detengono il potere “attraverso un’espressione controllata di ostilità verso l’autorità” alla fine portano al rafforzamento delle strutture stabilite dell’autorità.

Non è quello che sta succedendo oggi?

Il movimento contro il capitalismo è finanziato e sostenuto dal capitalismo.

Il movimento contro la guerra è morto. Non ci sono proteste dirette contro la guerra globale e l’uso di armi nucleari in base al primo colpo.

Cosa c’è di più pericoloso, la CO2 o la guerra nucleare?

Fonte: https://www.globalresearch.ca/global-warming-and-the-ozone-layer-whats-more-dangerous-co2-or-nuclear-war/5690216

®wld

Un pianeta sempre più tossico

Lascia un commento

GUARDSlogoUnione globale contro la diffusione delle radiazioni dallo spazio (GUARDS)

GUARDS è una coalizione internazionale contro il WiFi globale dallo spazio, una complessa tecnologia di radiazioni e sostanze chimiche tossiche che mettono in pericolo tutta la vita sulla Terra

Il WiFi globale pianificato dallo spazio distruggerà lo strato di ozono, peggiorerà i cambiamenti climatici e minaccerà la vita sulla Terra

 

Tredici società sono in competizione per coprire l’intera Terra con Internet wireless ad alta velocità da satelliti a bassa orbita entro uno o due anni.

Questo sarebbe un incubo ecologico e di salute pubblica. I giocatori più grandi sono SpaceX (12.000 satelliti), OneWeb (4.560 satelliti) e Boeing (2.956 satelliti)

La scoperta recente, nel 2018, che l’ozono stratosferico è ancora in declino nonostante il Protocollo di Montreal ha colto di sorpresa tutti. Il ritmo crescente di lanci di razzi sempre più potenti è un fattore probabile. I piani imminenti per trasmettere Internet ad alta velocità dallo spazio richiederebbero il lancio di grandi missili quasi ogni giorno. Questo dovrebbe alterare, se non distruggere, lo strato di ozono e contribuire in modo significativo al cambiamento climatico. Sebbene molti nuovi razzi brucino combustibile liquido senza cloro che distrugge l’ozono, l’ipotesi che questo sia rispettoso dell’ambiente si sta rivelando errata.

Martin Ross e colleghi della Aerospace Corporation hanno lanciato l’allarme. Il loro articolo del 2009, “Limiti sul mercato di lancio dello spazio relativo allariduzione dell’ozono stratosferico”, ha evidenziato che sebbene i combustibili liquidi non contengano cloro, producono quantità significative di azoto e ossidi di idrogeno, oltre a vapore acqueo e fuliggine, quando bruciati. Tutti quelli distruggono l’ozono.

Martin Ross della Aerospace Corporation è stato anche l’autore principale di un documento pubblicato nel 2010 dal titolo “Potenziale impatto del carbonio nero emesso dai razzi”. Gli autori hanno sviluppato un modello computerizzato per prevedere cosa accadrebbe in diverse parti del pianeta se il numero di lanci che bruciano cherosene (quindi 25 all’anno) aumentati di un fattore dieci. Il suo modello prevede una perdita di ozono del 4% rispetto ai tropici e subtropici, fino a un aumento di temperatura di 3 gradi Celsius nel Sud del Polo, più di un aumento complessivo di un grado nella temperatura dell’Antartide e una diminuzione nel ghiaccio marino antartico del 5% o più.

In un articolo aerospaziale del 2011 intitolato Emissioni di fuliggine di razzo e cambiamenti climatici, Ross afferma “Lo studio aerospaziale mostra che la forzatura radiativa di fuliggine da un determinato scenario di idrocarburi è pari a 100.000 volte quella del biossido di carbonio dai razzi”. Ovviamente, la fuliggine o le emissioni di anidride carbonica sarebbero un fattore importante per accelerare il cambiamento climatico se i lanci programmati andassero avanti.

Lo scarico a razzo a stato solido non è migliore. Contiene cloro che distrugge l’ozono, vapore acqueo (un gas a effetto serra) e particelle di ossido di alluminio che seminano nuvole stratosferiche. La completa distruzione dell’ozono viene osservata nei pennacchi di scarico dei razzi a stato solido.

Il New York Times (14 maggio 1991, p.4) citava Aleksandr Dunayev dell’Agenzia Spaziale Russa dicendo che “Circa 300 lanci dello shuttle [spaziale] ogni anno sarebbero una catastrofe e lo strato di ozono sarebbe completamente distrutto”.

A quel tempo, il mondo contava in media solo 12 lanci di razzi all’anno. Mantenere una flotta di (in definitiva) 4.000 satelliti, ciascuno con una durata prevista di cinque anni, probabilmente implicherà un numero sufficiente di lanci di razzi annuali come una catastrofe ambientale.

Project Loon utilizza una risorsa scarsa – l’elio – con abbandono spericolato. L’elio è la chiave per la funzione e la produzione di molte tecnologie. L’elio ha anche importanti usi scientifici e ospedalieri. È una risorsa fossile scarsa (http://phys.org/news/2010-08-world-helium-nobel-prize-winner.html) dovrebbe essere conservata, non sprecata.

I palloncini utilizzati da Project Loon sono gonfiati con l’elio che viene rilasciato nell’atmosfera quando i palloncini sono messi a terra. Inoltre, i palloncini sono fatti di plastica in polietilene che non è biodegradabile, tuttavia i palloncini dovrebbero avere una durata di vita di 10 mesi. La nostra migliore stima è che ci vorranno 100.000 palloncini per fornire wireless alle masse terrestri in tutto il mondo. Un sacco di polietilene da smaltire e un sacco di elio da sprecare.

Contrariamente alla percezione popolare, la tecnologia wireless non è una tecnologia sostenibile o rispettosa dell’ambiente perché la connettività wireless utilizza molta più energia rispetto alla connettività cablata. Secondo il consumo di energia nelle reti cablate e ad accesso senza fili , “Le tecnologie wireless continueranno a consumare almeno 10 volte più energia rispetto alle tecnologie cablate quando forniranno tassi di accesso e volumi di traffico comparabili.PON [reti ottiche passive] continuerà ad essere il più energetico- tecnologia di accesso efficiente.” (http://people.eng.unimelb.edu.au/rtucker/publications/files/energy-wired-wireless.pdf), anche se la tecnologia diventa più efficiente dal punto di vista energetico.

Una maggiore quantità di energia viene consumata nel trasmettere grandi quantità di informazioni attraverso l’aria (un mezzo che ha un’elevata resistenza e un alto livello di assorbimento del segnale) rispetto alla trasmissione tramite varie connessioni di comunicazione con filo (ad esempio, in rame o in fibra ottica). Infatti, in un documento che esamina il consumo energetico del cloud computing, gli autori affermano: “I nostri calcoli energetici mostrano che entro il 2015 il cloud wireless consumerà fino a 43 TWh, rispetto ai soli 9,2 TWh del 2012, con un incremento del 460% Si tratta di un aumento dell’impronta di carbonio da 6 megatonnellate di CO2 nel 2012 a fino a 30 megatonnellate di CO2 nel 2015, l’equivalente di aggiungere 4,9 milioni di automobili alle strade: fino al 90% di questo consumo è attribuibile alle tecnologie di rete di accesso wireless, i data center rappresentano solo il 9%. ” (http://www.ceet.unimelb.edu.au/publications/ceet-white-paper-wireless-cloud.pdf)

Mentre l’articolo parla del cloud computing come se fosse un risparmio energetico, è chiaro dalla discussione che quei risparmi energetici si realizzano solo se la nuvola sostituisce la potenza di calcolo individuale. In caso contrario, il cloud computing causerà solo un ulteriore consumo di energia e non dovrebbe essere promosso come tecnologia rispettosa dell’ambiente. Lo spreco energetico della tecnologia wireless dovrebbe causare ovunque gravi interruzioni nella promozione della tecnologia wireless da parte dei governi nazionali e internazionali.

Una seconda area di interesse è la stessa wireless. Sebbene sia ampiamente percepito come un bene non qualificato, il wireless funziona utilizzando impulsi estremamente rapidi di radiazione a microonde – la stessa radiazione utilizzata nei forni a microonde. E una sfilata di studi continua ad essere pubblicata e ignorata implicando la tecnologia wireless nel die-off delle foreste, la scomparsa di rane, pipistrelli e api mellifere, l’estinzione minacciata del passero e il danneggiamento del DNA della specie umana . È vitale per la continuazione della vita che gran parte della terra sia risparmiata dalle radiazioni incessanti che accompagnano le tecnologie wireless.

“Il corpo umano”, afferma il dott. Gerard J. Hyland dell’Università di Warwick, nel Regno Unito, “è uno strumento elettrochimico di squisita sensibilità”, osservando che, come una radio, può essere disturbato dalle radiazioni in arrivo. Se un segnale può azionare un dispositivo meccanico, può disturbare ogni cellula del corpo umano.

Il 7 febbraio 2014, il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti ha dichiarato che “gli standard di radiazione elettromagnetica utilizzati dalla Federal Communications Commission (FCC) continuano ad essere basati sul riscaldamento termico, un criterio ormai quasi 30 anni non aggiornato e inapplicabile” in riferimento alle linee guida che regolano le frequenze di radiazione WiFi.

Nel 2011 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato le radiazioni emesse da telefoni cellulari e altre infrastrutture commerciali wireless come WiFi e contatori intelligenti come una Classe 2B possibile cancerogeno per l’uomo, insieme a piombo, scarico del motore e DDT. Eppure, i progetti WiFi globali renderebbero questa esposizione onnipresente e ineluttabile.

Una recente lettera inviata da 88 organizzazioni, che rappresentano oltre un milione di persone, al Comitato economico e sociale europeo sottolinea come i governi tradiscono la fiducia del pubblico ignorando i rischi delle radiazioni a radio frequenza / microonde (RF / MW).

Gli studi mostrano che le radiazioni senza fili possono influenzare negativamente lo sviluppo del cervello fetale, oltre a causare rotture del DNA a doppio filamento e causare un ampio spettro dimalattie. GUARDS crede che continuare ed espandere l’esposizione involontaria del pubblico a questa nota tossina viola il Codice dei diritti umani di Norimberga per la sperimentazione non consensuale.

Piani di distribuzione satellitare

Le otto società che cercano di fornire la radiazione WiFi globale includono:

Fonte: http://www.stopglobalwifi.org/

Tratto da: http://www.nogeoingegneria.com/news/5g-attack-from-space/

®wld

Le reali conseguenze dell’irrorazione aerea

Lascia un commento

50 ANNI DOPO “Come Distruggere L’AMBIENTE”: ESTINZIONE ANTROPOGENICA DELLA VITA SULLA TERRA


La guerra trionfa su tutte le attività organizzate dell’umanità. Implica non solo protocolli di segretezza sulla vita e sulla morte ma deforma la trasparenza della ricerca scientifica. La guerra segreta al cambiamento climatico non fa eccezione a questa regola

Traduzione Integrale NoGeoingegneria
.J. Marvin Herndon1 *,Mark Whiteside2e3Ian Baldwin
1Transdyne Corporation, 11044 Red Rock Drive, San Diego, CA 92131, USA.
2Dipartimento della Salute della Florida nella contea di Monroe, 1100 Simonton Street, Key West, FL 33040, USA.
3Chelsea Green Publishing Company, 85 North Main Street, White River Junction, VT 05001, USA.
I contributi degli autori: Questo lavoro è stato uno sforzo congiunto tra gli autori che fa parte di una collaborazione in corso volta a fornire implicazioni per la salute scientifica, medica, pubblica e ambientali e fornire le prove relative all’attività geoingegneria segreta di quasi quotiano e quasi globale. L’ Autore JMH ha progettato lo studio. Tutti gli autori hanno contribuito alla scrittura, e hanno letto e approvato il manoscritto finale
Obiettivi: Cinquant’anni fa, il geoscienziato Gordon J. F. MacDonald scrisse un capitolo del libro intitolato “Come distruggere l’ambiente”, in cui descriveva come una nazione potrebbe alterare l’ambiente in modo da infliggere in modo nascosto un danno a una nazione nemica. Il nostro obiettivo è quello di esaminare i suggerimenti strategici di guerra ambientale di MacDonald alla luce dei successivi progressi tecnologici e nel contesto dell’applicazione attuale dei metodi di guerra da lui descritti.
Metodi: Esaminiamo la letteratura interdisciplinare storica, scientifica e medica.
Risultati: MacDonald ha parlato di guerra meteorologica palese e segreta basata sullainseminazione delle nuvole per provocare precipitazioni. Successivamente è stato sviluppato un metodo per inibire le precipitazioni posizionando dei getti di particelle inquinanti dove si formano nuvole. Per almeno due decenni i cittadini hanno osservato con frequenza crescente queste scie di particolato. Indagini scientifiche forensi mostrano che le ceneri di carbone tossico sono il loro principale costituente. Intorno al 2010 l’irrorazione aerea del particolato è salita a un livello pressochè giornaliero, e pressochè globale. Presumibilmente, un accordo internazionale segreto ha imposto l’irrorazione aerea come un “parasole” per la Terra. Tuttavia, l’irrorazione aerea, piuttosto che raffreddare, riscalda l’atmosfera, ritarda la dispersione del calore della Terra e causa il riscaldamento globale. MacDonald trattava anche della distruzione dell’ozono atmosferico e dell’ innesco di terremoti ed eruzioni vulcaniche, attività ora possibili con riscaldatori ionosferici ad alta frequenza.
Conclusioni: la decisione attuale dei militari statunitensi di armare l’ambiente a fini di sicurezza nazionale è stata accuratamente prevista da MacDonald. Ma non riuscì a rendersi conto che le forze armate nazionali potevano e sarebbero state cooptate da un accordo internazionale segreto la cui conseguenza, per quanto involontaria, era di condurre una guerra al pianeta Terra, a tutto il suo biota e ai suoi processi naturali e bio-geo-chimici. A meno che e fino a quando i politici, giornalisti, scienziati e altri membri della nostra società non affrontino la verità su ciò che sta accadendo davanti ai loro occhi e chiedano collettivamente un’arresto di queste nascoste attività tecnologiche, continueremo a marciare verso la prima estinzione di massa provocata dall’uomo.
1 INTRODUZIONE
Il politicamente potente geoscienziato Gordon JF MacDonald (1929-2002) ha scritto un saggio autorevole intitolato “Come distruggere l’ambiente”, che è stato pubblicato nel 1968 nel volume intitolato A meno che non venga la pace [1].In un momento in cui l’attenzione dei militari era incentrata sulla guerra nucleare, MacDonald profeticamente suggerì: “Tra gli strumenti futuri per ottenere con la forza obiettivi nazionali, una possibilità dipende dalla capacità dell’uomo di controllare e manipolare l’ambiente del pianeta.” MacDonald, un top consigliere scientifico del presidentee partecipò a discussioni nazionali di scienza e di politica, era ben qualificato ad indirizzare il soggetto di future possibilità di guerra ambientale.
Molto di ciò che MacDonald ha predetto o speculato, è avvenuto, non con la tecnologia da lui descritta, ma con una tecnologia potenzialmente molto più efficace e devastante, sviluppata nel corso dei successivi cinquant’anni.
Come MacDonald osservò nel 1968: “La chiave per la guerra geofisica è l’identificazione delle instabilità ambientali, a cui l’aggiunta di una piccola quantità di energia libererebbe una notevolmente maggiore quantità di energia”. MacDonald ragionava sull’innescare l’instabilità su larga scala nei sistemi naturali come il meteo, il clima, gli oceani, e il cervello umano, compresi fenomeni come uragani, terremoti, tsunami e per l’uso in guerra. Era consapevole, considerando i limiti della comprensione geofisica, che si dovrebbero anche anticipare le conseguenze negative impreviste che potrebbero derivare dal disturbare deliberatamente i sistemi naturali complessi che hanno ‘punti critici’ sconosciuti.
Durante i cinquant’anni dalla pubblicazione indicativa di MacDonald [1], la tecnologia necessaria per la militarizzazione dell’ambiente ha visto importanti progressi, ben noti a coloro che hanno finanziato la ricerca. Parallelamente, la comprensione scientifica del comportamento della Terra ha pure registrato importanti progressi nel corso dell’ultimo mezzo secolo.
Tuttavia, i nuovi concetti principali di Geofisica – come quelli in fase di sviluppo da parte del ‘complesso militare industriale’ – sono stati in genere per decenni ignorati dalla comunità della geoscienza. Non è sorprendente quindi, che l’implementazione di tecnologie radicali di guerra ambientali che alterano fondamentalmente i processi naturali del nostro pianeta, sta procedendo senza avvertimenti scientifici o una piena comprensione dei rischi geodinamici sottostanti, che tali tecnologie comportano per la vita umana e in generale. Ad esempio, per essere abitabile la Terra deve mantenere un delicato equilibrio energetico, irradiando nello spazio sostanzialmente tutta l’energia che riceve dal sole e dalle sue fonti geofisiche ed energetiche antropiche intrinseche. Dalla fine degli anni ’90, v’è stato uno sforzo ben organizzato, orchestrato dal Gruppo intergovernativo di esperti delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) e altri, di promuovere l’idea che i gas serra di origine antropica, preminentemente l’anidride carbonica, pregiudicano negativamente la perdita di calore della Terra, provocando il riscaldamento globale [2]. Per compensare, l’IPCC promuove ripetutamente l’idea di impegnarsi nella futura geoingegneria, cioè, piazzando sostanze in atmosfera per bloccare una porzione di luce solare [3]. Tuttavia, l’IPCC non ha riconosciuto la possibilità che la geoingegneria militare venga condotta per decenni con portata e gamma sempre maggiori e che la conseguenza principale non è di raffreddare la Terra, ma provocare il riscaldamento globale e il caos climatico.
Qui, passiamo in rassegna alcune delle idee espresse da MacDonald in “Come distruggere l’ambiente” [1], alla luce degli sviluppi tecnologici successivi Esaminiamo anche la prova, che le tecnologie militari destabilizzanti per l’ambiente sono stati impiegati su scala globale. Laddove applicabile, discutiamo dei potenziali rischi per il nostro pianeta e il suo biota, che probabilmente sono sottovalutati dai responsabili.
2 METODI
Abbiamo esaminato la letteratura interdisciplinare, storica, scientifica e medica.
3 RISULTATI E DISCUSSIONI
Un vecchio sogno dei pianificatori militari di controllare il tempo metereologico cominciò a diventare realtà con la scoperta, nel 1946, che le nuvole, quando inseminate con ioduro d’argento o ghiaccio secco (anidride carbonica solida), in circostanze appropriate, possono provocare pioggia o neve [4 ]. MacDonald [1] ha discusso quella forma di inseminazione delle nuvole e del suo potenziale militare sia per causare piogge per ostacolare le operazioni nemiche di terra, sia per causare segretamente siccità di lunga durata, forzando le nubi a rilasciare la loro umidità prima di raggiungere il paese di destinazione. Queste sono state questioni di serio interesse per l’esercito degli Stati Uniti di allora e di oggi [5].
Il meteo è diventato un’arma di guerra durante la guerra del Vietnam, quando sono state condotte le operazioni di Cloud Seeding per prolungare la stagione dei monsoni sul sentiero di Ho Chi Minh, ostacolando i movimenti di forniture e truppe (Operazione Popeye) [5]. L’esercito americano inseminava anche nuvole a Cuba, nel tentativo di provocare siccità e rovinare il raccolto di canna da zucchero [6].
Inseminare nuvole per causare pioggia, come descritto da MacDonald [1], è stato solo il primo passo nella manipolazione meteorologica. La ricerca successiva ha prodotto la tecnologia per impedire la caduta della pioggia. Affinché le nubi producano pioggia, le minuscole goccioline devono essere nucleate e poi fondersi per formare gocce sufficientemente grosse da cadere sulla Terra.
La tecnologia per impedire la pioggia è nota dalle ricerche sull’inquinamento. Un numero sufficientemente grande di particelle inquinanti, disperse nella regione in cui si formano le nuvole, crea impedimenti alle minuscole goccioline, bloccando e impedendole la coalescenza e quindi di diventare grosse da poter cadere come pioggia. Alla fine il carico di umidità diventa insostenibile e le nuvole rilasciano la loro umidità in diluvi.
Alla fine degli anni novanta i cittadini diventarono preoccupati per i particolati nelle tracce aeree, che si estendevano nei cieli al di sopra di loro da un orizzonte all’altro.
Con il passare del tempo, queste tracce aeree divennero più frequenti, mentre allo stesso tempo, il pubblico veniva fuorviato, dicendo che si trattava di scie di condensa innocue, cristalli di ghiaccio formati dal vapore di scarico [7]. Intorno al 2010 l’irrorazione aerea si espandeva in un’attività quasi quotidiana su gran parte del globo [8]. (Fig. 1)
La modificazione del meteo è un fenomeno limitato nel tempo ed estensione geografica, mentre la modifica del clima è necessariamente globale. L’attuale irrorazione aerea, quasi giornaliera e quasi globale, sembra rappresentare un tentativo di modifica del clima, che MacDonald ha anche discusso [1], e probabilmente riguarda anche l’attività di modifica del meteo. Come ha osservato MacDonald: “il clima è determinato principalmente dall’equilibrio tra la radiazione a onde corte in arrivo dal sole (principalmente luce) e la perdita di radiazione ad onde lunghe uscenti (principalmente di calore).” Egli continua a elencare i tre fattori che dominano questo equilibrio: 1) l’energia solare; 2) la trasparenza atmosferica della Terra alle diverse forme di energia irradiata; e 3) caratteristiche della superficie dellaTerra. L’alterazione di uno dei tre può modificare il clima.
Alterare l’uscita dell’energia del sole non è tecnologicamente fattibile nemmeno oggi, ma ci sono vari modi di effettuare il trasporto di energia radiante attraverso l’atmosfera terrestre. Tra le possibilità menzionate da MacDonald [1], pur senza specificare, è l’idea di immettere nell’atmosfera superiore del materiale che “assorbe la luce in arrivo (perciò raffreddando la superficie) o di calore in uscita (perciò riscaldando la superficie).” Speculando a proposito di tale possibilità, MacDonald ha notato: “Allo stato attuale tuttavia sappiamo troppo poco circa gli effetti paradossali di riscaldamento e raffreddamento, da poter dire quali potrebbero essere i risultati.” Questa affermazione è vera oggi come quando è stata pubblicato 50 anni fa.
La spiegazione del comportamento del materiale posto nell’atmosfera superiore, come indicato da
MacDonald, è semplicistica e non corretta. Così pure, è la proposizione spesso ripetuta dai membri della comunità


Fig. 1. Tracce di particolato per la manipolazione del clima. (Fotografie con permesso) In senso orario da sinistra in alto: Parigi, Francia (Patrick Roddie); Karnak, Eqypt (autore JMH); London, England (autore IB); California del Nord, Stati Uniti d’America (Patrick Roddie); Ginevra, Svizzera (Beatrice Wright); Yosemite, California (Patrick Roddie); Jaipur, India (autore JMH)
La comunità geoscientifica ora discute la possibilità di collocare del materiale nell’atmosfera superiore per riflettere una parte della luce solare verso lo spazio, ‘ombrelloni per la Terra‘.
Come vedremo di seguito, le particelle posizionate nell’atmosfera mostrano in risposta alla radiazione incidente un comportamento che è molto più complesso di quanto descritto da MacDonald, così come le loro reazioni fisiche e chimiche nell’atmosfera e sulla superfice della Terra.
Come notato sopra, l’esercito statunitense è impegnato da decenni in irrorazioni di particolato in aeree delle regioni dove si formano le nuvole per modificare il tempo atmosferico e per altre ragioni, ad esempio per migliorare i sistemi di comunicazione associati ai programmi di radiazione elettromagnetica.
L’irrorazione aerea sembra essere diventata un’operazione internazionale intorno al 2010, ed è presumibilmente basata su un accordo internazionale segreto poiché l’attività di modifica del clima osservata deve coinvolgere, ipso facto,la collaborazione di più stati. Come le figg. 1 e 2 illustrano, diversi paesi indipendenti sono coinvolti. MacDonald suggeriva che la lezione chiave del programma di modifica del meteo altamente segreto durante la guerra del Vietnam, Project Popeye, non era l’incapacità di alterare il risultato della guerra, ma che “si può condurre in una democrazia operazioni coperte che utilizzano una nuova tecnologia, senza che il popolo ne sia conoscenza”[1].
Nel caso di un eventuale accordo internazionale segreto di modificare il clima, la presunzione sarebbe che fosse fatta per avvantaggiare l’umanità.
Tuttavia, come si mostra, la sua attuazione sta aggravando il problema del riscaldamento globale e provoca il caos climatico, ed effetti nocivi per la salute degli organismi, compresi gli esseri umani.
A guardare bene, sembrerebbe che le effettive conseguenze geofisiche e biologiche di tali operazioni militari segrete sarebbero non coerenti con un programma internazionale per il bene del genere umano, a meno che tale accordo/intesa segreta internazionale si basasse su una interpretazione sbagliata. Se è così, una strana dicotomia segna il tema della modifica di meteo e clima, caratterizzato da una palese contraddizione fra fini e mezzi, intenzione e conseguenze.
La scienza dovrebbe essere basata sulla verità, ma la amministrazione impropria e il finanziamento della scienza ha corrotto l’integrità della scienza [9]. Dal 1989, il Gruppo intergovernativo di esperti delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) è rimasto in silenzio sulle irrorazione aeree militari di particolato, e non ha tenuto conto delle sue conseguenze geofisiche nei suoi modelli climatici [10].
Attualmente, la collocazione aerea di particolato su larga scala può avvenire solo sotto l’egida di entità militari, ma c’è uno sforzo globale per incoraggiare la governance che consente alle entità non militari, come le università e le società a scopo di lucro, di impegnarsi anche loro in interventi climatici [11].
Quale motivo è stato dato ai governi nazionali per farli accettare di diventare parti collaborative in queste azioni di dispersione di particolato, quasi tutti i giorni e quasi globalmente, nell’atmosfera? Pochi capi di governo, politici e burocrati sono preparati nelle scienze. E’ stato loro detto che le irrorazioni aeree di particolato agiranno come un parasole per raffreddare la Terra per compensare il presunto riscaldamento globale antropogenico di gas serra?
Se è così, sono stati ingannati sulla più grande truffa “basata sulla scienza” mai perpetrata [12]: Causare il riscaldamento globale e il caos climatico con irrorazioni aeree quotidiane e poi accusare i gas serra antropogenici del surriscaldamento per indebolire l’autorità degli stati nazionali, ed erigere nuove strutture di governance mondiale transnazionale per regolamentare le emissioni di origine antropica di gas serra.
3.1 Le conseguenze reali dell’irrorazione aerea
Uno degli scopi militari originali della dispersione aerea di particolato nelle aree dove si formano nuvole era quello di impedire la precipitazione e di provocare la siccità in un paese ostile. In effetti, l’ex presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha accusato i paesi occidentali di fare proprio questo [13]. Fig. 2 mostra scie di particolato che ricoprono la Repubblica di Cipro, i cui cittadini hanno chiesto al loro governo, finora senza successo, una spiegazione sull’oscuramento intenzionale del loro cielo [14]. Non ci sono informazioni a disposizione per il pubblico circa la portata della guerra climatica. È interessante notare che, la guerra ambientale sotto copertura è stata predetta da MacDonald [1]: “… rimuovere l’umidità dall’atmosfera in modo che una nazione dipendente dall’acqua … potrebbe essere soggetta ad anni di siccità. L’operazione può essere nascosta dalle irregolarità statistiche dell’atmosfera. Una nazione che possiede una tecnologia superiore di manipolazione ambientale potrebbe danneggiare un avversario senza rivelare il suo intento.”Non solo l’avversario, ma i cittadini del paese stesso dell’aggressore non si renderebbero conto. Come già detto, MacDonald ha osservato che, in una democrazia“si possono condurre operazioni segrete utilizzando una nuova tecnologia senza la presa di coscienza della gente.”
Presumibilmente un uso di particolato poco costoso già disponibile è stato considerato una necessità pratica ed è stato attuato senza riguardo per i suoi possibili effetti negativi sulla salute. Sappiamo che questo è stato fatto in Vietnam [5].
L’accordo internazionale non divulgato sulla irrorazione aerea, quasi tutti i giorni e globale, e il suo finanziamento concomitante, ha permesso alle entità militari di esporre indiscriminatamente milioni di cittadini non informati al particolato disperso giorno dopo giorno, anno dopo anno, all’interno dei loro paesi sovrani. Inoltre, l’irrorazione aerea è stata accompagnata da una campagna di disinformazione concertata per ingannare il pubblico, così come la comunità scientifica, sulle sue conseguenze negative sulla salute [7,15-17]. Nelle sezioni seguenti, passiamo in rassegna varie conseguenze di irrorazione aerea.
 
3.1.1 Composizione del particolato di aeresol
La composizione (i) del particolato aereo militare spruzzato nell’atmosfera è stata tenuta gelosamente a lungo un segreto. All’inizio del 21° secolo, i cittadini interessati hanno prelevato campioni di acqua piovana dopo le irrorazioni e li avevano analizzati presso laboratori commerciali.

Fig. 2. L’immagine satellitare NASA Worldview dal 4 febbraio del 2016 mostra scie di particolato rilasciate dai jet, che sbiancano l’aria sopra la Repubblica di Cipro, ma sono quasi assenti nelle regioni circostanti. Il Dipartimento dei servizi ambientali del governo di Cipro aveva promesso di indagare sulle irrorazioni aeree, in seguito alla presentazioni al Comitato Ambientale parlamentare nel febbraio del 2016, ma ad oggi non v’è alcun segno di un’indagine.
Di solito è stato richiesta solo l’analisi dell’alluminio; occasionalmente di alluminio e bario; raramente alluminio, bario e stronzio. La presenza di questi elementi nell’acqua piovana indicavano ad uno di noi (JMH) che il particolato spruzzato nell’atmosfera era in grado di essere rapidamente lisciviato dall’acqua atmosferica, elementi estratti parzialmente dal particolato nell’acqua (come il thè è fatto con le foglie di thè), giusto come il rifiuto tossico prodotto dalla combustione di carbone industriale, le ceneri volanti (CFA), viene facilmente dilavato dall’acqua.
Confrontando la CFA percolata in laboratorio [18,19] con campioni di acqua piovana dopo le irrorarizioni [8,20,21], abbiamo dimostrato che le particelle di aerosol corrispondono alle ceneri volanti di carbone. Abbiamo inoltre dimostrato che la proporzione (relazione) degli elementi misurati nella polvere sospesa in aria, e nella materia venuta giù con neve e pioggia raccolta dopo la spruzzatura, corrisponde a proporzioni simili misurati di CFA [18,19].
Le ceneri volanti di carbone si formano nei gas caldi sopra il combustore del carbone. La CFA si forma tipicamente come sfere, del diamaetro di 0,01 – 50 μm [22].
Già disponibile in tutto il mondo a basso costo, la granulometria fine di questo importante prodotto industriale di scarto significa, che poca ulteriore lavorazione è necessaria prima che venga distribuito in forma di aerosol nell’atmosfera.Gran parte del metallo pesante tossico e degli elementi radioattivi originariamente presenti nel carbone finiscono concentrati nelle CFA [23]. A causa della sua tossicità, le normative delle nazioni occidentali richiedono che le CFA vengano raccolte, in genere intrappolandole in precipitatori elettrostatici, piuttosto che all’uscita dalle ciminiere.
Le circostanze della formazione di CFA sono diverse dalle circostanze riscontrate nell’ambiente naturale (eccetto quando i depositi di carbone prendono fuoco).
Poichè le reazioni chimiche durante la formazione di CFA sono diverse dalle reazioni di solito trovate in natura, molti degli elementi presenti in CFA sono in grado di essere parzialmente estratte per esposizione all’umidità [18].
Per i militari questo è vantaggioso, poiché la diffusione di CFA aerea rende l’acqua atmosferica elettricamente più conduttiva, a causa dei numerosi elementi ionizzati disciolti, e quindi più sensibili alle radiazioni elettromagnetiche. Ma per gli esseri umani, le piante e gli animali esposti a queste tossine, le conseguenze sono devastanti.
3.1.2 Preoccupazioni per la salute pubblica e ambientale
Indagini epidemiologiche sull’inquinamento di particolato di aerosol nella stessa fascia dimensionale delle particelle CFA, forniscono alcune indicazioni per gli effetti negativi del particolato spruzzato nella troposfera e nella bassa stratosfera sulla salute. Le particelle di inquinamento nella gamma di dimensioni (PM 2,5) [24] sono associate a stati patologici e mortalità prematura [25-27], la malattia di Alzheimer [28,29], rischio di malattie cardiovascolari [30], il rischio di ictus [31], cancro al polmone [32], infiammazione polmonare e il diabete [33], diminuzione della fertilità maschile [34], ridotta funzione renale nei maschi più anziani [35], insorgenza di asma [36], un aumento dei ricoveri ospedalieri [37], e basso peso alla nascita [38].
Le conseguenze negative degli aerosol CFA per la salute sono gravi. L’inquinamento atmosferico contribuisce globalmente, e con un peso crescente, alle malattie respiratorie, cancro al polmone [39,40]. L’inalazione di aerosol CFA con il suo complemento di sostanze cancerogene, quali arsenico, cromo VI e radionuclidi, si deposita nella profondità delle vie aeree terminali e alveoli, dove rimane e può comportare rischi per il cancro ai polmoni [41].
Magnetite sferico esogena (Fe3O4), nanoparticelle scoperte recentemente nel tessuto cerebrale di persone con demenza [42], suggeriscono un’origine nel tipo di inquinamento atmosferico prodotto da CFA che è caratterizzata da particelle sferiche. Ossidi e allumino silicati di ferro, componenti primari di CFA, si trovano tutti nelle proteine anomale che caratterizzano la demenza di Alzheimer, che porta a stress ossidativo e infiammazione cronica del tessuto cerebrale [43].
Ceneri volanti, se esposte a fluidi corporei o umidità, rilasciano numerose tossine, tra cui alluminio in una forma chimicamente mobile, che è ecologicamente e biologicamente in uno stato innaturale [18]. L’alluminio chimicamente mobile è letale per le piante e alberi nonché anfibi [44]. L’alluminio è associato ai disturbi neurologici [8], ed è stato trovato in alti livelli nelle api [45].
3.1.3 Conseguenze termiche dell’irrorazione aerea di particolato
Oltre a inibire le precipitazioni interferendo con la coalescenza delle goccioline di umidità, le particelle spruzzate nella troposfera e nella bassa stratosfera riflettono una porzione di luce solare verso lo spazio. Ma una parte della luce solare incidente viene assorbita dalle particelle come calore. Questo calore può essere trasferito in atmosfera via collisioni molecolari o può essere irradiato in qualsiasi direzione, e non restituito nello spazio. Le particelle di aerosol agiscono limitando la perdita di radiazione infrarossa dalla superficie terrestre e quindi diventano fonte di riscaldamento atmosferico – riscaldamento globale[46].
Gli ossidi di ferro, una componente significativa di CFA, assorbono fortemente nella gamma degli ultravioletti ma riflettono nell’infrarosso [47]. La maggior parte delle particelle di ossido di ferro, disperse nell’aria osservate nei deflussi continentali di origine antropica dalla Cina, consistono in nanoparticelle di magnetite o particelle di ferro connesse di CFA [48]. Gli aerosol come quelli della CFA, che assorbono fortemente la luce, riscaldano direttamente l’atmosfera e indirettamente riducono l’albedo della neve con il loro effetto di riscaldamento [49]. Poiché le particelle di aerosol cadono a terra, soprattutto nelle lontane regioni del nord e del sud, cambiano l’albedo del ghiaccio/neve, il chè permette alla terra di assorbire più energia solare [50]. Questo comportamento, soprattutto se considerato nel contesto delle irrorazioni di aerosol di quasi tutti i giorni e quasi globalmente, chiaramente può contribuire al riscaldamento globale. Di conseguenza, lo stato termico della Terra è polarizzato verso il riscaldamento, l’esatto opposto delle rivendicazioni ufficiali della geoingegneria.
Ci sono altre conseguenze del particolato atmosferico CFA nella troposfera e bassa stratosfera che portano verso un ulteriore riscaldamento. Ad esempio, le particelle CFA possono causare nell’alta atmosfera goccioline di umidità sovraraffreddate in modo di formare cristalli di ghiaccio, che formano cirri il cui effetto è quello di ritardare la perdita di calore a infrarossi della Terra [51,52]. Si stima che i livelli attuali di emissioni di CFA contribuiscano con un 0,1-0,6 W / m2 ad un surriscaldamento extra attraverso il loro ruolo nella formazione di nubi di cirri [53]. Questa stima, tuttavia, non tiene conto delle massicce quantità di CFA utilizzate nell’irrorazione di particelle aeree.
Con tutte le preoccupazioni espresse sulla stampa e altrove per il riscaldamento globale, sembra per noi inconcepibile che i leader politici avrebbero consapevolmente firmato un accordo internazionale segreto che favorisce il riscaldamento globale. L’alternativa presunta è che i leader politici sono stati ingannati a credere che stavano accettando una operazione che avrebbe raffreddato la Terra, quando in realtà l’effetto netto delle attività scalda la terra e distruggerà la vita se consentito ancora.
3.1.4 Distruzione dell’ozono
Nel 1968 MacDonald [1] ha messo in guardia: “ Sono prevedibili gli effetti più improvvisi, forse più o meno brevi ma tuttavia disastrosi nel caso di sviluppare mezzi chimici e fisici per attaccare uno dei costituenti naturali dell’ozono atmosferico. Negli anni successivi, tali mezzi sono stati sviluppati e dispiegati. I mezzi chimici si sono principalmente manifestati sotto forma di aerosol CFA; i mezzi fisici via radiofrequenze dei riscaldatori ionosferici (ndt:non solo).
Molti ritengono che lo strato protettivo di ozono nella stratosfera si stia lentamente riprendendo, in primo luogo a causa del divieto internazionale nel protocollo di Montreal di clorofluorocarburi (CFC) [54], e che il buco dell’ozono sopra l’Antartide stia lentamente riparandosi [55]. Tuttavia, è venuta alla luce che queste ipotesi possono essere sbagliate. Ci sono prove nuove della continua perdita di ozono nella stratosfera inferiore [56]. Si ritiene che una riduzione di ozono nella stratosfera tropicale, dove si forma la maggior parte dell’ozono, conduce al trasporto di questa aria ricca di ozono alle latitudini medie tramite la circolazione Brewer-Dobson [56].
Nella colonna di ozono le perdite a latitudine alta sono dell’ordine del 6% [57]. L’assottigliamento dell’ozono stratosferico inferiore è stato attribuito precedentemente alla rapida crescita di sostanze antropiche (alcune naturali) di breve durata che contengono cloro o bromo [56]. Tuttavia, l’aerosol CFA utilizzato per l’ingegneria del clima, ora condotta quasi giornalmente e quasi globalmente, rilasciamassicce quantità di cloro, bromo, fluoro e iodio nell’atmosfera (Tabella 1), comprese nano-particelle altamente reattive.Questi sono potenziali distruttori di ozono [58].
C’è un parallelo inquietante per questo degrado dell’ecosistema: nonostante il rafforzamento delle normative sulle emissioni di mercurio èaumentato nelle misurazioni dell’acqua piovana [60]. Poiché si è scoperto ora che la troposfera superiore contiene mercurio ossidato e particolato [61], non è improbabile che l’aerosol CFA occultato, che contiene fino a 2 ug/g di mercurio, sia una delle principali fonti di inquinamento da mercurio quando spruzzato nella atmosfera [21].
Oltre alla distruzione chimica dell’ozono stratosferico, vi sono indicazioni che riscaldatori ionosferici ad alta frequenza, ora disperse globalmente [62,63], possono influenzare negativamente l’ozono stratosferico.
Gli scienziati russi hanno scoperto un nuovo fenomeno fisico della diminuzione dell’intensità dell’emissione a microonde dalla mesosfera nella linea dell’ozono con la modifica della ionosfera con onde radio di alta frequenza (HF) e ad alta potenza [64,65].
La struttura Sura per la generazione di onde radio ad alta potenza, che si trova vicino al villaggio di Vasilsursk in Russia, ha un trasmettitore di potenza effettiva irradiata da 190 MW ed opera nella modalità 30 min on/30 min off. La temperatura della radiazione nella linea spettrale dell’ozono, ad una frequenza di 110836.04 MHz, è diminuita di intensità durante la porzione di riscaldamento del ciclo di una media del 10 ± 2% in tutte le sessioni di misurazione nel marzo 2009, come mostrato nella Tabella 2.
3.1.5 Dirigere l’ambiente contro l’umanità
La scoperta russa potrebbe essere un precursore per gravi problemi a venire. Per 60 anni gli Stati Uniti e altre principali potenze militari hanno condotto ‘sperimentazioni’ di modifiche della ionosfera senza considerare l’integrità dello strato di ozono o la vita in generale, sfruttando la ionosfera per molteplici fini militari, incluso le comunicazioni con i sottomarini, la mappatura delle risorse e lo sfruttamento e militarizzazione del meteo e il clima [5,66]. Nel 1968, MacDonald [1] prevedeva la possibilità che in futuro l’esercito potrebbe su richiesta sviluppare mezzi segreti di modificazioni ambientali per innescare tempeste, inondazioni, siccità, terremoti e maremoti. Anche se non ci si aspetterebbe dai militari immersi nella segretezza un’ammissione, una e-mail all’allora Segretario di Stato Hillary Clinton [67], inviata il 21 febbraio 2011 alle 19:35 dichiara il “terremoto di magnitudo 6,3 a Christchurch, Nuova Zelanda e al momento giusto…”[enfasi aggiunta]. La frase “E al momento giusto”, sembra indicare che il momento di un terremoto di magnitudo 6.3 in Nuova Zelanda era noto in anticipo, probabilmente un’indicazione che il terremoto è stato deliberatamente innescato.
Tabella 1. Gamma di composizioni di elementi alogeni di CFA [59]

Cloro (ug / g)

Bromo (ug / g)

Fluoro (ug / g)

Iodio (ug / g)

13 – 25.000

,3-670

,4-624

,1-200

Tabella 2. Confronto della riduzione della densità di O3 x109 durante la fase di
 
riscaldamento di trenta minuti l’emissione di onde radio polarizzate ad alta potenza X a 4,3 MHz. Dati da [64].

DATA >>>

3/14/2009

3/15/2009

3/16/2009

3/17/2009

Notte

12.1 ± 0.7

13,6 ± 0,7

13.6 ± 0.5

Giorno

9.37 ± 0.48

9.60 ± 0.50

9.55 ± 0.40

9.82 ± 0.35

HF pompaggio

8.03 ± 0.38

8.31 ± 0.29

7.32 ± 0.47

8.97 ± 0.49

Giorno

9.09 ± 0.42

9.23 ± 0.21

9.01 ± 0.24

9.67 ± 0.30

Notte

12,8 ± 0,6

14,4 ± 0,7

11,9 ± 0,6

12.2± 0.5

Nel 1997 il Segretario della Difesa William Cohen ha dichiarato direttamente [68]: “Altri sono impegnati … in un tipo di eco-terrorismo, per cui essi possono alterare il clima, innescare terremoti, [e] vulcani a distanza attraverso l’uso di onde elettromagnetiche … .Questo è reale, e questo è il motivo per cui dobbiamo intensificare i nostri sforzi “.
 
Cinquant’anni fa MacDonald [1] ha osservato: “Le aumentate oscillazioni elettriche a bassa frequenza nella cavità ionosferica terrestre si riferiscono a possibili sistemi di armi attraverso l’aspetto poco compreso della fisiologia del cervello….Non importa quanto profondamente inquietante sia il pensiero di usare l’ambiente per manipolare il comportamento per un vantaggio nazionale, la tecnologia che consente tale utilizzo molto probabilmente si svilupperà entro i prossimi decenni “.
 
Con i trasmettitori di riscaldamento della ionosfera sparsi in tutto il mondo, quel tempo – mezzo secolo secondo le previsioni di MacDonald– potrebbe essere a portata di mano.
 
3.1.6 Estinzione della vita sulla terra
 
Storicamente, i militari delle maggiori potenze del mondo hanno mostrato poca o nessuna preoccupazione per la salute dei propri cittadini, quando sono in gioco quelli che percepiscono come obiettivi di “sicurezza nazionale” [69, 70]. Durante gli anni 1950 e 1960, più di un centinaio di ordigni nucleari sono stati fatti esplodere in superficie in Nevada (USA) [71]. Senza essere stati informati dei potenziali rischi per la salute, migliaia di militari sono stati deliberatamente esposti alle esplosioni nucleari, incluse manovre di “giochi di guerra” che hanno avuto luogo direttamente sotto le nuvole atomiche[71,72].
 
Neppure i residenti locali sono stati chiaramente informati sui rischi o provveduto in modo di minimizzare tali rischi [71]. La ricaduta radioattiva non si è verificata solo nella zona vicino alle esplosioni nucleari, ma i venti spingevano la nube radioattiva attraverso gli Stati Uniti, la ricaduta è avvenuta lungo le traiettorie, mostrate in fig. 3, che dipendevano dalle condizioni meteorologiche locali.
 
I test nucleari atmosferici di superficie sono terminati soltanto come risultato della protesta pubblica dopo che i notiziari avevano riportato che lo stronzio -90 radioattivo, prodotto dalla bomba, si trovava nel latte vaccino ponendo soprattutto pericoli di essere incorporato nei denti e nelle ossa di neonati e nei bambini [73].
 
Ora, più di mezzo secolo dopo, la comunità scientifica tace sui vasti esperimenti militari nei sistemi terrestri, come lo è il clima, e i media di tutto il mondo altrettanto tacciono. Tuttavia, i pericoli della irrorazione di particelle aeree e delle attività di riscaldamento ionosferico, considerate nel loro complesso, possono rivelarsi tanto gravi quanto quelli che una volta erano prodotti dai test nucleari atmosferici[41,43,74].
 
Se non fermati, questi esperimenti militari nella nostra atmosfera rappresentano un rischio di estinzione della vita sulla Terra.
 
Estinzione di massa, così definita quando la Terra perde più di tre quarti della sua specie in un periodo di tempo geologicamente breve, è successo solo cinque volte negli ultimi 540 milioni di anni [75]. Caratteristiche comuni dei “Big Five” suggeriscono che le sinergie importanti possono coinvolgere insolite dinamiche climatiche, composizione atmosferica, e fattori di stress ecologici globali che interessano le discendenze in vari modi.
Fig. 3. L’immagine dell’US Department of Energy indica zone degli Stati Uniti continentali attraversate da più di una nuvola nucleare da detonazioni di superficie, come indicato in nero, tra il 1950 del 1960 (per gentile concessione di US Department of Energy) [76]. Drizo et al. [77] hanno affermato che giusto negli ultimi 500 anni gli umani hanno innescato un’ondata di estinzione, minaccia e declino della popolazione, già comparabile in termini di velocità e magnitudo con le precedenti estinzioni. La Terra sta vivendo un’enorme ondata di declino della popolazione e di estirpazioni, con conseguenze a cascata nel funzionamento dell’ecosistema e delle risorse vitali per la civiltà moderna.
Per esempio, un recente studio documenta negli ultimi tre decenni in aree protette della Germania un preoccupante calo, una riduzione del 75%, nelle popolazioni di insetti (biomassa) [78]. Il termine “annientamento biologico” è stato utilizzato per evidenziare lo stato attuale della sesta grande estinzione della Terra in corso [79].
 
3.1.7 Ignoranza geofisica , arroganza e segretezza
Le grandi estinzioni della Terra sono in correlazione con i fenomeni vulcanici epici denominati Large Igneous Province [80]. L’estinzione di massa più estrema della Terra, alla fine del Permiano (o “Great Death – Grande Morte”), 250 milioni di anni fa, coincise con il LIP delle Siberian Traps, una massiccia effusione di lava e intrusione di magma sotterraneo. Il magma sotterraneo mescolato con spessi strati di carbone, una miscela calda di carbone-basalto, fuoriesce in superficie in numerosi luoghi, producendo pennacchi di ceneri piroclastiche, fuliggine, solfato e polvere basaltica che salgono fino nell’atmosfera superiore. [81]. Questo materiale è stato disperso a livello globale, e i conseguenti depositi di carbone nella roccia di età permiana sono stati rilevati come molto simili alle ceneri di carbone volanti odierni [82]. Il Permiano è stato caratterizzato da alti livelli di biossido di carbonio, gas metano e di rapido riscaldamento globale a livelli letali per la maggior parte degli organismi viventi [83]. Un periodo di stress mortale delle radiazioni ultraviolette durante il periodo Permiano può essere il risultato dell’esaurimento dell’ozono stratosferico mediante la massiccia produzione di organoalogeno idrotermico dal vasto vulcanismo delle Siberian Traps, [84].
Le fessurazioni che si sono verificate a est degli Urali 250 milioni di anni fa, hanno come risultato uno dei più grandi giacimenti di petrolio e gas del mondo, come illustrato in Fig. 4 [85]. Vi è una considerevole quantità di metano congelato intrappolato nel permafrost in quella vasta area del nord [86]. Il riscaldamento globale antropogenico, causato dalle quasi quotidiane e globali irrorazioni aeree di particolato, pongono un serio rischio di scongelamento e rilascio massiccio nell’atmosfera di quel metano.

Fig. 4. Il rapporto fra maggiore petrolio e pozzi di produzione di gas naturale e il confine delle Siberian Traps, indicato dalla linea nera. La fusione dei depositi di idrato di metano, attualmente bloccati all’interno del permafrost di questa estesa area, rappresentano una grave catastrofe. Da [85]
Le attività militari volte a manipolare l’ambiente terrestre inquinando l’atmosfera con CFA e utilizzando riscaldatori ionosferici per causare terremoti, eruzioni vulcaniche e altri scopi non rilevati stanno causando, sosteniamo, gravi danni alla vita sulla Terra. Uno dei tanti punti cruciali con cui le forze armate più importanti del mondo giocano coinvolge il sistema globale dei monsoni della Terra, che impatta direttamente due terzi dell’umanità, la maggior parte dei quali nel Sud del mondo. Nelle discussioni accademiche sui possibili impatti della deliberata gestione climatica dell’aerosol atmosferico, è ampiamente riconosciuto che il sistema globale dei monsoni è attualmente imperfettamente compreso; che impegnarsi nella deliberata alterazione del regime climatico globale potrebbe distorcere o disturbare il persistente ribaltamento dell’atmosfera sui tropici, con implicazioni potenzialmente gravi per inondazioni, siccità e agricoltura in Africa, Cina, India e Sud-Est asiatico [87,88].
E’ dubbio che l’assenso a un regime di ingegneria climatica segreta da parte delle élite nelle nazioni in via di sviluppo, fortemente dipendenti dal funzionamento naturale del sistema globale dei monsoni, sia un assenso pienamente informato. L’esercito classifica le informazioni che ritiene importanti per l’attuazione dei suoi obiettivi di sicurezza e di guerra, uno dei quali è la lotta contro il cambiamento climatico [90]. Il mondo civile non ha accesso a questi segreti, tranne i più alti e più specializzati livelli di governo [89]. I regimi militari coinvolti nell’esecuzione del massiccio programma sul cambiamento climatico discussi in questo documento sono come l’apprendista stregone: presuntuoso, agisce in segreto e inconsapevolmente arrogante.
4. CONCLUSIONI
La decisione di modificare il funzionamento naturale del nostro pianeta, di inquinare l’aria che respiriamo, di sconvolgere il clima naturale, di militarizzare processi geofisici naturali, di disturbare la ionosfera che ci protegge dalle radiazioni elettromagnetiche mortali del sole, e ad indurre in errore il pubblico sui rischi per la salute, è stato accuratamente previsto nel 1968 da Gordon JF MacDonald nel suo saggio opportunamente intitolato “Come distruggere l’ambiente”. Ma la visione di MacDonald non era al 20/20 (ndt 100/100). Immaginò che una nazione sarebbe stata in grado di sviluppare la tecnologia militare a beneficio dei propri interessi nazionali naturali, ma non è riuscito a prevedere l’evoluzione di un “nemico” planetario e le pressioni risultanti sui militari dei singoli stati ad agire in un concerto planetario contro questo cosiddetto nemico – il cambiamento climatico.
MacDonald non è riuscito a valutare appieno gli impatti negativi delle future tecnologie di guerra ambientale, compreso il loro impatto sulla salute umana e ambientale [20,21,58,41,43,74]. Il novanta per cento (90%) della popolazione mondiale vive oggi in aree con aria malsana. Prodotti di carbone-combustione sono il contributo singolo più importante a questo inquinamento atmosferico globale, con l’esposizione al PM 2,5 particelle che caratterizzano ceneri volanti di carbone il principale fattore di rischio ambientale per così tanti morti (4,5 milioni nel 2015) [91]. L’inquinamento atmosferico colpisce in modo sproporzionato il giovane e il vecchio e quelli con malattie croniche.
La guerra trionfa su tutte le altre attività organizzate dell’umanità. Implica non solo protocolli di segretezza sulla vita e sulla morte ma deforma la trasparenza della ricerca scientifica [92,93]. La guerra segreta al cambiamento climatico non fa eccezione a questa regola. MacDonald non si rese conto mezzo secolo fa, che gli eserciti di tutto il mondo potrebbero essere cooptati da un accordo internazionale segreto per condurre per la prima volta la guerra al sistema planetario della Terra, a tutto il biota della Terra e ai suoi processi biogeochimici fondamentali.
A meno che e fino a quando politici, giornalisti, scienziati e altri membri della nostra società non affrontino la verità su ciò che sta accadendo davanti ai loro occhi e chiedano collettivamente uno stop a queste attività tecnologiche segrete, continueremo a marciare verso la prima estinzione di massa della vita sulla Terra, provocata dall’uomo.
Dichiarazione etica AUTORI
Gli autori sostengono che le rappresentazioni tecniche, scientifiche, mediche e di sanità pubblica fatte nella letteratura scientifica in generale, compresa questa rivista in particolare, dovrebbero essere e sono veritiere e accurate nella massima misura possibile, e dovrebbero servire al massimo grado possibile per proteggere la salute e il benessere dell’umanità e dell’ambiente naturale della Terra.
Interessi in competizione
Gli autori hanno dichiarato che non esistono interessi in competizione.
VEDI ANCHE
Articoli di Marvin Herndon

®wld

La distruzione dell’ozono – Molto più grave di un danno collaterale

Lascia un commento

 
IL MOMENTO DELLA VERITÀ È ARRIVATO!
Lo strato di ozono indebolito lascia passare la radiazione cosmica La vita terrena muore. Prova fornita, ragioni chiarite. E adesso?

Claudia von Werlhof (1)

La radiazione cosmica mortale raggiunge la superficie terrestre

Non c’è possibilità di errori dal 04.04.2018. Al di là di tutte le affermazioni ufficiali e le speculazioni sull’aumento delle emissioni di CO2 come una minaccia per la vita della terra, ora c’è la prova del contrario. La vera minaccia alla vita è la mortale radiazione cosmica ultravioletta che nel frattempo raggiunge la superficie terrestre perché lo strato di ozono non può più fermarlo.

Ciò significa che una parte dell’atmosfera, il famoso e unico Blu del pianeta Terra, che tutti gli astronauti adorano, è in fase di dissoluzione. L’atmosfera non offre più la protezione per la quale è stata creata nel corso della vita terrena. Nello specifico, lo strato di ozono sta scomparendo, responsabile di questa protezione. Già alla fine del Perm 250 milioni di anni fa quasi tutta la vita sulla terra si estinse, perché non crebbe più nulla. La cosiddetta “Grande Moria” aveva allora probabilmente la stessa ragione (Gabbattis 2018).

Oggi il problema consiste non solo nell’esistenza dei famigerati buchi dell’ozono sopra l’Antartico e oltre l’Artico, ma anche nel fatto che esse, contrariamente alle aspettative, non accennano a chiudersi (Titze 2018), e che il livello dell’ozono  come tale nel frattempo diventa generalmente molto debole (Dönges 2017). Ciò significa che lascia passare la radiazione cosmica anche lontano dai buchi dell’ozono. Che questo sia possibile, è sempre stato negato.

Il portatore dell’orrendo messaggio è la dott.ssa Marvin Herndon insieme a Raymond Hoisington e Mark Whiteside, i cui rispettivi risultati di ricerca sono appena stati pubblicati sul Journal of Geography, Environment and Earth Science International, 14 (2): 1-11, 2018, Articolo n°. JGEESI.40245 intitolato:

“Incredibile penetrazione di UV-C e UV-B ultravioletti sulla superficie terrestre: implicazioni per la salute umana e ambientale” 

Nel loro articolo, gli autori spiegano che la radiazione UV-B è un “fattore di stress”, che ha un’influenza negativa sulla sopravvivenza e sulla crescita degli organismi in acqua dolce e marina, ad esempio il plancton, sia come vegetale che come animale. Pertanto, la base alimentare degli abitanti marini e in generale dell’acqua è in pericolo. Inoltre, l’UV-B può influenzare la fotosintesi, la crescita e il metabolismo del mondo sottomarino, può disturbare le comunità delle barriere coralline e distruggerle con lo sbiancamento dei coralli, oltre a provocare un’instabilità genomica delle piante. Tuttavia, la radiazione UV è anche dannosa sulla terra, ad esempio in genere per gli alberi perché altera il loro ambiente biologico e chimico. Le conifere possono produrre un polline carente sotto le radiazioni UV-B e essere disturbate nella loro riproduzione o addirittura diventare sterili. La tossicità di UV-B è nota. Si applica anche a tutti gli altri esseri viventi.

L’UV-C, ancora una volta, ha ad esempio effetti letali su insetti e microrganismi. Porta persino a una morte cellulare programmata nelle piante. Nei ratti, causa danni alle cellule, nell’uomo, a seconda della durata dell’irradiazione, almeno danni alla pelle.

Nell’annuncio della pubblicazione, c’è un riassunto: (inizio della citazione):

“RILASCIO IMMEDIATO”

 La Transdyne Corporation Rivela

Le radiazioni ultraviolette mortali ora raggiungono la superficie terrestre 

SAN DIEGO, 2 aprile 2018 –

È opinione diffusa che l’ozono atmosferico blocchi la porzione mortale della radiazione solare, UV-C e la maggior parte dei raggi UV-B, dal raggiungere la superficie terrestre. Un documento scientifico appena pubblicato contesta questa ipotesi. Pubblicato questa settimana sul Journal of Geography, Environment and Earth Science International, il lavoro di J. Marvin Herndon, PhD, di Trans dyne Corporation, Raymond D Hoisington di I Ray Spectra Metrics e Mark Whiteside, MD, MPH, un dipartimento della Florida del medico della salute, conferma le prove pubblicate dalla NASA e poi non è riuscito a dare seguito nel 2007.”

La NASA è stata informata da anni 

” Undici anni fa, gli scienziati della NASA hanno pubblicato la prima prova che UV-C e UV-B stavano penetrando nello strato di ozono e raggiungevano la superficie terrestre, evidenza ora confermata da Herndon et al. Dopo che il documento di D’Antoni et al. Del 2007 ha mostrato che UV-C e UV-B raggiungono la superficie terrestre, contrariamente ai protocolli etici, la NASA non ha condotto indagini di follow-up, nonostante le gravi implicazioni delle proprie misurazioni. L’articolo afferma: Nella scienza, quando viene fatta una scoperta che contraddice la comprensione attuale, gli scienziati hanno la responsabilità di tentare di confutare la scoperta oltre ogni ragionevole dubbio. Se non fosse in grado di farlo, le implicazioni della nuova scoperta dovrebbero essere discusse nella letteratura scientifica. Il 2007 D’Antoni et al. la scoperta delle radiazioni UV-C che raggiungono la superficie terrestre avrebbe dovuto essere oggetto di un’intensa indagine da parte della NASA per due motivi, uno scientifico e uno etico.

Nonostante le implicazioni delle scoperte della NASA per la scienza atmosferica del 2007 e nonostante le loro profonde implicazioni per la salute umana e ambientale, la NASA non ha condotto un’indagine di follow-up …. Questa inazione solleva la domanda: la NASA è complice di una attività segreta globale, come la proiezione aerea di “jet-difesa” aerea di polveri di carbone tossico che pone seri rischi per la vita sulla Terra?

Per almeno 20 anni, con quantità e durata sempre maggiori, i militari si sono impegnati a irrorare particelle nella regione in cui le nuvole si formano per manipolare e armare l’atmosfera e le condizioni meteorologiche. I dati analitici su campioni di pioggia e neve sono coerenti con le ceneri volanti di carbone tossico come principale sostanza aerosolica utilizzata. Dal 2010 circa questa irrorazione aerea è diventata un’operazione quasi quotidiana, quasi globale. Come rivela l’articolo, l’irrorazione aerea “sparge grandi quantità di cloro, bromo, fluoro e iodio nell’atmosfera che possono esaurire l’ozono … Potenzialmente altre sostanze negli aerosol di cenere volante di carbone, tra cui nanoparticelle, potrebbero influire negativamente sull’ozono atmosferico” . L’esaurimento dell’ozono è ormai globale e sta permettendo che l’ultravioletto mortale raggiunga il livello del suolo. L’articolo rileva inoltre che la radiazione ultravioletta è la componente più dannosa e genotossica dello spettro della radiazione solare. La mutagenicità e l’azione letale della luce solare mostrano due massimi, entrambi nella regione UV dello spettro. Gli autori forniscono informazioni introduttive sugli effetti devastanti di UV-B e UV-C su esseri umani, fitoplancton, coralli, insetti e piante’. I militari potrebbero considerare tutto questo come un “danno collaterale”, ma è molto più grave, minacciando praticamente tutta la vita sulla Terra.

Informazioni e pdf: http://www.nuclearplanet.com/uv.html Fonte: J. Marvin Herndon, Ph.D. Trans dyne Corporation Email: mherndon@san.rr.com Sito web: http://NuclearPlanet.com

Figura 1 Didascalia: tracce di polveri tossiche di carbone tossico spruzzate a getto su Soddy-Daisy, TN (USA) con il permesso di David Tulis.

Figura 2 Didascalia: misure spettrometriche solari. Nota la misurazione del 2002 che illustra l’errata concezione comune di nessuna radiazione UV-C sulla superficie della Terra. “(Fine della citazione)

Altri motivi per cui si dissolve l’ozono: l’intera geoingegneria militare

Per quanto riguarda Herndon et al. Se pensiamo anche allo studio di Rosalie Bertell “Pianeta Terra. The Latest Weapon of War “(in tedesco” Kriegswaffe Planet Erde “), poi diventa chiaro cosa, oltre alla continua irrorazione dell’atmosfera con le nanoparticelle, la cosiddetta “Solar Radiation Management”, SRM, che ora è anche ufficialmente praticata da geo ingegneri civili, contribuendo alla distruzione dello strato di ozono e continua a contribuire, anzi sempre più:

  1. Radioattività: 

Ci sono stati 2.200 test nucleari, compresi quelli con bombe all’idrogeno, in particolare nell’atmosfera tra il 1958 e il 1998, 2/3 dei quali sono stati effettuati dagli Stati Uniti, 1/3 dall’Unione Sovietica; a questo si aggiunge il danno causato dagli incidenti delle centrali nucleari da Harrisburg a Chernobyl a Fukushima, che dal 2011 deve essere considerato un LAA permanente (il presunto più grande incidente) che rimane inarrestabile ed è responsabile per la prima apparizione di un buco dell’ozono sopra Artico; inoltre c’è la nano polvere di innumerevoli tonnellate di munizioni di uranio (munizioni DU da “uranio impoverito”, per lo più rifiuti dell’industria nucleare) utilizzate in tutte le guerre dalla prima guerra del Golfo nei Balcani, nel Medio Oriente e in Afghanistan (recentemente Hänsel 2017); e ci sono certamente carichi radioattivi di cui non sappiamo nulla (segreto militare), o che non sono contati come il normale funzionamento delle centrali nucleari.

Già negli anni ’50 Wilhelm Reich scoprì che la radioattività sta distruggendo l’energia vitale che chiamò “orgone”, specialmente dell’aria (vedi Senf 2003).

  1. I voli supersonici contribuiscono alla distruzione dello strato di ozono nell’atmosfera (motivo per cui il progetto civile Concorde sull’introduzione del volo supersonico nel traffico civile è stato abbandonato).
  2. I voli missilistici contribuiscono alla distruzione dell’atmosfera a causa dei loro propellenti, che in parte funzionano con il plutonio (come il razzo Saturno Cassini del 1997 arrivato a Saturno nel 2017).
  3. L’irradiazione della ionosfera con miliardi di onde elettromagnetiche artificiali forti di watt attraverso le installazioni mondiali di “riscaldatori ionosferici”, come HAARP in Alaska, riscalda la ionosfera e la carica estremamente, tagliandola e producendo buchi in essa (es. / Manning 2001). Ogni volta che le onde passano lo strato di ozono sottostante.
  4. Le attività “Star Wars” dei militari dallo spazio, il lavoro sui satelliti e la formazione di griglie elettroniche per monitorare, controllare e influenzare energicamente l’intero spazio terrestre (di recente Freeland 2018) nella forma di un “blocco” planetario, come pure come la loro controparte terrena:
  5. Le microonde, la trasmissione di energia senza fili, gli alberi dei telefoni cellulari e in generale la produzione terrestre di radiazioni cosmiche come i raggi X in medicina, nell’industria alimentare e nella vita quotidiana.
  6. Anche il traffico aereo “normale” è diventato uno dei malfattori dell’esaurimento dell’ozono (Herndon, 2017, già Loppow 1993), per non parlare dell’irrorazione nella troposfera e nella stratosfera di metalli pesanti e altre sostanze tossiche, che menziona in particolare Herndon.

L’intero programma è implementato con la “geoingegneria” militare in corso del MIC, il complesso militare-industriale (vedi Werlhof 2018).

Che cosa si deve fare? 

Quello che viviamo è un processo di distruzione in corso. A quanto pare ora ha raggiunto un punto in cui improvvisamente cambia, cioè, ha iniziato a diventare irreversibile. Ci sono voluti non più di 50 anni per farlo, supponendo la scoperta non riconosciuta delle radiazioni UV-B e – C sulla Terra dalla NASA 2007. Non è molto, considerando che questo processo ha innescato anche effetti planetari che, di fatto, minacciano niente di meno della nostra sopravvivenza sulla terra e finiremmo persino se noi – intendendoci come l’umanità in sé – non fare la cosa giusta ora.

Eppure, la catastrofe è già iniziata: la “molla silenziosa”, predetta da Rachel Carson negli anni ’60 (Carson 1962), si sta già verificando. Il declino delle popolazioni di uccelli e insetti tra il 40 e il 70% è stato notato da tempo ovunque, così come lo sbiancamento dei coralli negli oceani, il vuoto dell’Oceano Pacifico dopo Fukushima e, in generale, l’estinzione quotidiana di animali e specie di piante (WWF 2008).

È ovvio che il processo di distruzione dell’atmosfera attraverso la geoingegneria militare dovrebbe essere fermato quasi immediatamente, in modo che la terra abbia una possibilità di curare le ferite che sono state inflitte su di essa – in particolare l’esaurimento dell’ozono. Quanto tempo ci vorrà? E: ci sarebbe abbastanza tempo per salvare la vita della terra e rinnovarla? O questa possibilità è già passata? Questo sarebbe il caso se gli effetti avvertiti oggi fossero solo la prima parte di quelli che hanno bisogno di 40-60 anni per farsi notare, così che tutto il resto sarebbe ancora seguito, e avremmo solo sperimentato l’inizio di ciò che è già in atto …

In generale, il recupero dello strato di ozono è stato calcolato per durare 50 anni (vedi Ozono). Ma non è successo perché le condizioni non erano affatto presenti. Ci sono persino stati tentativi di attaccare direttamente lo strato di ozono e sperimentarlo per una sorta di “ingegneria del clima”, ad esempio per produrre un buco di ozono sul territorio nemico. Tuttavia, il responsabile, Harry Wexler, più tardi prima della sua morte avvertì esplicitamente contro di essa (Wexler 1962, vedi Fleming 2018). Ora, tuttavia, ci si meraviglia che lo strato di ozono non sia mai stato così sottile come oggi e che appena sopra le nostre teste (Läubli 2018), lontano dai buchi dell’ozono!

Ma non importa come le cose siano comprese, dobbiamo fare qualcosa per le cause del dissolvimento dell’ozono, che fino ad ora non ci erano state generalmente riconosciute e / o che erano state tenute da noi. Non c’è più alternativa. Non fare nulla non è un’opzione e significherebbe in realtà essere d’accordo con il suicidio dell’umanità e il suo assassinio di tutta la vita terrena.

La tesi precedente, che era stata sostenuta dalla scienza, tuttavia, finge ancora che siano i CFC nei frigoriferi a causare i buchi dell’ozono. Poiché i CFC sono vietati, c’era speranza che i buchi dell’ozono venissero ridotti. Ma questo non è accaduto (Titze 2018, generalmente Ozone). La radioattività e altre sostanze e processi non sono mai stati parte del dibattito in ogni caso perché l’esercito è un tabù e ha permesso di fare ciò che vuole. Questo è ciò che alla fine abbiamo appreso attraverso la Commissione europea, quando noi, un gruppo di attivisti europei, organizzato attraverso “Guardie del cielo”, abbiamo presentato una petizione al Parlamento europeo per una revisione rinnovata della geoingegneria e delle sue conseguenze (Fraile 2018). Le attività militari non interessano il Parlamento, siamo stati istruiti dall’alto.

Se queste attività, tuttavia, anche senza guerra, minaccianotutta la vita sulla terra e stanno per distruggerla, allora che cosa?

Finora, tale opinione non era affatto presente nella discussione pubblica e, in caso di dubbio, è stata considerata una meschina condanna o una teoria del complotto. Ora, tuttavia, c’è la prova che è vero e in che modo è così. Anche quelli che “già sapevano” hanno ora la prova nelle loro mani. Questo cambia tutto –

Questa prova è il”messaggio del 21° secolo

Per la prima volta e per tutte le persone sulla terra, non c’è nessun messaggio che sarebbe più importante. Ora tutti possono sapere e nessuno può fare appello per non averlo saputo. Non lo aiuterebbe comunque. Perché non si tratta più di alcuna giustificazione, ma della questione se noi, come presunto “homo sapiens”, riusciremo a preservare la vita sulla terra in effetti e in quanto tali o meno, dato che alla fine alcuni di noi hanno potuto rischiarlo di fronte a o alle nostre spalle.

Eppure: chi comprende veramente queste notizie dopo tutte quelle terribili che costantemente ci stanno inondando? Chi li “sente” e il loro “Appello”? Chi lo fa penetrare nella sua armatura? Chi si spaventa? Chi si alza dalla sedia? Chi riconosce la verità brutale, persino inesprimibile che comunica?

Tuttavia, indipendentemente dalle nostre reazioni o dal loro rifiuto: con questo messaggio, il mondo è già cambiato. C’è un prima e un dopo, indipendentemente da ciò che pensiamo. Oggettivamente, d’ora in poi, ogni cosa ha un significato diverso, qualsiasi cosa facciamo o non facciamo, e se ci pensiamo o no, ciò che è ora noto, e cioè che per la prima volta nella storia c’è la prova che noi umani abbiamo già messo in pericolo il pianeta stesso, se riusciremo a salvarlo, rispettivamente la vita sopra, dentro e sopra di essa, la nostra stessa inclusa o meno.

Una cosa è chiara: il tabù che circonda i militari deve cadere. I “movimenti” sociali e politici, tuttavia, che si affidano alla “giustizia climatica” e alla fine delle emissioni civili di CO2, devono immediatamente fare i conti con il fatto di essere assorbiti in un mito, e il problema in gioco è molto diverso da quello che presumevano – consapevolmente o no. Sarà necessario un radicale ripensamento …

La necessaria rivolta mondiale

In altre parole: ora che le prove sul vero problema sono inevitabilmente sul tavolo, ci deve essere una rivolta mondiale seguita da un movimento altrettanto globale che non può più essere sconcertante e confuso. Perché l’esercito non smetterà da solo di fare quello che fa – ha saputo per almeno 11 anni quello che sta facendo! E questa non sarà l’unica cosa che sa senza che noi lo sappiamo. Al momento, l’esercito sta persino cercando di portare il suo intero programma nella vita civile attraverso la cosiddetta geoingegneria civile nelle università di tutto il mondo, una tattica che ha sempre usato e di nuovo, perché allora è ancora più difficile liberarsi del “risultati” militari.

Ora dobbiamo assicurarci di cambiare questo. In realtà, non abbiamo scelta e soprattutto non c’è tempo. Questo è vero per tutti noi, vale a dire “umanità” stessa. Sembra incredibile, ma “noi” dobbiamo, obiettivamente, ottenere ciò:

  1. nessuna nuova radioattività deve sorgere
  2.  l’esercito ferma i voli supersonici
  3.  nessun altro missile sparato nello spazio
  4.  tutti i sistemi di riscaldamento ionosferici chiusi
  5.  i satelliti si spengono, non ne vengono installati di nuovi
  6.  trasmissioni di potenza wireless e
  7.  il traffico aereo deve essere in gran parte fermato.

Non sembra che ci sia anche la minima possibilità di superare almeno uno di questi punti. Eppure, questo è ciò che è all’ordine del giorno, se funzionerà o no, e se lo vogliamo o no.

Oppure noi umani vogliamo morire insieme agli animali e alle piante di questa terra e alle nostre condizioni di vita, senza nemmeno resistere, sì, senza aver nemmeno capito cosa stava succedendo, perché noi, per esempio, non abbiamo riconosciuto la nostra tecnologia e quindi non potevamo affrontarla, per non parlare delle macchinazioni dietro di essa …? (Vedi BUMERANG 3/2017)

Ecco com’è, improvvisamente. Tutto si rivela completamente diverso da quello che abbiamo sempre pensato. Non c’è più errore, senza dubbio. È un nuovo tempo. Il momento della verità è arrivato. Ora tocca a noi, che ci piaccia o no, che sia preparato o meno, che sia capace o meno. Dipende da noi se la vita terrena finirà o no – e molto rapidamente è così, perché tutte le cause persistono e vengono costantemente sviluppate ulteriormente

Già nel 2000 Rosalie Bertell ci ha avvertito che se il buco dell’ozono raddoppierà, non ci sarà più agricoltura sulla terra. Ora sta per peggiorare ancora.

Non possiamo certo aspettare fino a quando non cresce più niente prima di iniziare a fare qualcosa. È ovvio, vero?

Che risveglio sarà!

  1. Ringrazio Maria Heibel per i suoi suggerimenti e riferimenti

Riferimenti: 

Begich, Nick und Manning, Jeane: Löcher im Himmel, Michaels Verlag, Peiting 2001

(orig .: Begich, Nick und Manning, Jeane: Angels Don’t Gioca a questo HAARP )

Rosalie Bertell: Pianeta Terra. The Latest Weapon of War, London 2000, The Women’s Press

___: Kriegswaffe Planet Erde, Gelnhausen 2013 e 2016, JK Fischer

___: orig .: Pianeta Terra. The Latest Weapon of War, London 2000, The Women-Press

BUMERANG 3, www.fipaz.at/bumerang, 2017

Carson, Rachel: Der Stumme Frühling, Beck, München 1962

orig: Carson, Rachel: Silent Spring, Houghton Mifflin 1962

Dönges, Jan: Ozonloch wirkt offenbar bis in die Tropen.

Das Ozonloch zieht nicht nur Flora und Fauna in Mitleidenschaft, sondern ändert auch das Klimagefüge der Erde. Der Effekt erstreckt sich bis in den tropischen Pazifik, Notizie 14.6.2017

(Jan Dönges: Il Buco dell’ozono sembra avere un effetto per raggiungere i tropici.

Il buco dell’ozono non interessa solo la flora e la fauna, ma cambia anche il clima della terra. L’effetto si estende nel Pacifico tropicale, notizia 14.6.2017)

Fleming James Roger: http://www.nogeoingegneria.com/news-eng/was-harry-wexler-the-man-who-caused-the-ozone-hole/, 2018

Fraile Josefina: Geoingegneria: la verità nascosta negli accordi sul clima di Parigi o l’incapacità morale delle Nazioni Unite di difendere il bene comune, a Werlhof, Cv (Ed.): The New Threat. Donne contro la Geoingegneria e per Madre Terra, Inanna, Toronto 2018 (imminente)

Freeland, Elana: sotto un cielo ionizzato, Feral House, Port Townsend WA 2018

Josh Gabbattis: The Great Dying’: l’evento di estinzione peggiore del mondo’ causato dalle radiazioni UV ‘, News, 8.2.2018

Hänsel, Rudolf: Der Krieg, der nicht zu Ende geht, in: Neue Rheinische Zeitung, NRhZ, Köln, v. 16.10.2017

(Vedi Rudolf Hänsel: Aftermath della guerra USA-NATO sulla Jugoslavia. Gli impatti non espressi delle munizioni radioattive di uranio impoverito, in: Global Research, 24. dicembre 2017)

Herndon, Marvin: http://www.NuclearPlanet.com/uv.html, 2018

____: http://www.thehindu.com/sci-tech/energy-and-environment/aeroplanes

may-be-affecting-ozone-monsoon/article19498497.ece, 2017

Martin Läubli: http://www.sueddeutsche.de/wissen/atmosphaere-die-ozonschicht-ist-so-duenn-wie-noch-nie-1.3856013. SZ, 7.2.2018

Bernd Loppow: Himmelfahrtskommando Luftverkehr? Zeit-online, 5.3.1993, http://www.zeit.de/1993/10/himmelfahrtskommando-luftverkehr

Ozon: http://www.ozonelayer.noaa.gov/science/basics.htm

Senf, Bernd: Die Wiederentdeckung des Lebendigen, Omega, Aquisgrana 2003

(Senf, Bernd: La riscoperta dei vivi)

Sven Titze: Die Ozonschicht erholt sich nicht wie erwartet, NZZ, 6.2.2018

(Sven Titze: lo strato di ozono non si sta riprendendo come previsto)

Claudia von Werlhof: Geoingegneria: da Geo-Weaponry a Geo-Warfare, in dies. (Ed.): La nuova minaccia. Donne contro la Geoingegneria e per Madre Terra, Inanna, Toronto 2018 (imminente)

Harry Wexler: http://www.colby.edu/sts/wexlerozone.pdf, 1962

WWF: Abschied der Arten, Francoforte 2008

(WWF: addio della specie)

Fonte:

http://www.nogeoingegneria.com/news-eng/the-moment-of-truth-has-come/

®wld