Home

Un “Abbattimento Pacifico” è in Corso

Lascia un commento

-Un promemoria-

di 2ndSmartestGuyintheWorld 22 ottobre 2022 

dal sito web 2ndSmartestGuyintheWorld 

traduzione di Nicoletta Marino  

Versione originale in inglese 

Versione in spagnolo 

Il Club di Roma è stato fondato nel 1968 per promuovere deliberatamente l’agenda globale del terrorismo climatico al fine di inaugurare l’eventuale Grande Reset planetario.

Oggi, il WEF e l’ONU e le loro varie risorse sono i volti pubblici di questa truffa PSYOP-CLIMATE-CHANGE.

Uno dei fondatori e leader di pensiero del Club di Roma era abbastanza sociopatico da accettare un’intervista in cui ammetteva la loro agenda eugenetica in bella vista:

“We can have 1 Billion people with freedom, or 9 Billion slaves. We’re at over 7 Billion right now, so we need to bring that down to 1 Billion.
I hope that culling can be peaceful and slow and equal between rich and poor.” -Dennis Meadows (author of Limits to Growth) Club of Rome pic.twitter.com/YEwV2ADF7L— Global Freedom Movement (@GlobalFreedomM) April 18, 2022 

Limiti alla crescita – Un resoconto al Club di Roma 

Un modo “speciale” e “pacifico” per spopolare, anzi, in altre parole,

attraverso iniezioni di armi biologiche a lenta uccisione, malattie indotte da cibo e ambiente, stress, esaurimento energetico, iperinflazione, fame, eradicazione radioattiva selettiva, ecc.

Dennis Meadows è l’estensione del culto della Fabian Society.

È un tecnocrate neomarxista e neomalthusiano.

I suoi complici oggi sono, 

le fondazioni CFR, ONU, WEF, OMS, FMI, BIS, Rockefeller e Gates, le agenzie di intelligence e i governi illegittimi e criminali che eseguono i loro programmi su coloro che fingono di rappresentare…

Se la storia ci insegna una lezione è che il male alla fine perde sempre.

La libertà, la moralità e l’interdipendenza illuminata trionfano sempre; cioè, fino a quando la prossima ondata di male si raduna di nuovo.

Il tecno-comunismo fallirà.

Il Grande Reset fallirà.

I CBDC falliranno.

I vari Psyop falliranno e la paura indotta alla massa non funzionerà più su popolazioni sempre più sveglie.

Non ci sarà la Quarta Rivoluzione Industriale; la Quarta Svolta se ne assicurerà.

Ma la vita peggiorerà prima di migliorare.

PS:

Quando Klaus Schwab e i suoi generatori interni di gergo hanno tirato fuori la loro citazione “non possiedi nulla e sarai felice“, stavano semplicemente derubando Brave New World e il suo perma-high sul futurismo tecno-comunista della Soma Fabian Society, vale a dire:

Ma il tono di Henry era quasi, per un momento, malinconico. 

“Sai cos’era quel ritorno?”

“Era un essere umano finalmente e definitivamente scomparso. Finito con uno spruzzo di gas caldo. Sarebbe curioso sapere chi era: un uomo o una donna, un Alpha o un Ypsilon…”

Lui sospirò.

Poi, con voce risolutamente allegra,

“Comunque”, ha concluso, “c’è una cosa di cui possiamo essere certi; chiunque fosse, era felice quando era vivo. 

Adesso sono tutti felici”. 

NON siate accondiscendenti…!

 

LINK 

®wld

Come la corrotta Organizzazione Mondiale della Sanità promuove la tirannia medica in tutto il mondo

3 commenti

Pubblicato da: Dr. Joseph Mercola

Qualunque cosa fosse l’OMS all’inizio, è stata totalmente assorbita da attori globali come Bill Gates, la Fondazione Rockefeller, GAVI e Big Pharma. In quanto agenzia delle Nazioni Unite a tutti gli effetti, l’OMS è corrotta da cima a fondo e totalmente dedita allo sviluppo sostenibile, noto anche come tecnocrazia. Editor TN

STORIA IN BREVE-

> “TrustWHO”, film documentario prodotto da Lilian Franck, rivela le influenze clandestine che stanno controllando l’Organizzazione Mondiale della Sanità, a rischio della salute pubblica

> Bill Gates è il finanziatore n. 1 dell’OMS, contribuendo al budget biennale di 4.84 miliardi di dollari dell’OMS più di qualsiasi governo membro

> Le aziende farmaceutiche hanno precedentemente influenzato la dichiarazione di pandemia dell’OMS del 2009; gli esperti in seguito hanno definito l’influenza suina una “falsa pandemia” che è stata guidata da Big Pharma, che ha poi incassato l’allarme per la salute

> L’OMS ha una forte fedeltà alla Cina e la sua indagine sull’origine del COVID-19 è stata fin dall’inizio un’indagine “falsa”

> Anche prima della pandemia di COVID-19, l’OMS ha rilasciato una dichiarazione secondo cui aveva discusso con Facebook per “assicurare che le persone possano accedere a informazioni autorevoli sui vaccini e ridurre la diffusione delle imprecisioni”

> La storia dell’OMS illustra chiaramente la sua fedeltà a Big Pharma e ad altre industrie, compresa la minimizzazione degli effetti sulla salute causati dal disastro nucleare di Chernobyl del 1986 e la collaborazione con il gigante degli oppiacei Purdue

> Data la forte e continua evidenza che l’OMS è fortemente conflittuale e controllata dall’industria, la sua utilità come custode della salute pubblica deve essere seriamente rivalutata

“TrustWHO”, un film documentario prodotto da Lilian Franck, rivela le influenze clandestine che stanno controllando l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) – e lo sono state fin dall’inizio. Fondata nel 1948 da 61 Stati membri i cui contributi hanno inizialmente finanziato l’organizzazione, l’OMS è stata rapidamente infiltrata dall’industria.

Da Big Tobacco all’industria nucleare e farmaceutica, l’industria ha storicamente dettato l’agenda globale dell’OMS e continua a farlo ai giorni nostri, mettendo profitti e potere davanti alla salute pubblica.1

Bill Gates è il finanziatore n. 1 dell’OMS

Nell’aprile 2020, Donald Trump ha sospeso i finanziamenti statunitensi all’OMS mentre l’amministrazione ha condotto una revisione sul suo “ruolo nella grave cattiva gestione e nel nascondere la diffusione del coronavirus”.2 Ciò ha chiaramente spinto la Fondazione Bill & Melinda Gates nella posizione di primo finanziatore dell’OMS. Dopo l’elezione, il presidente Joe Biden ha annullato la decisione dell’amministrazione Trump, ripristinando i finanziamenti statunitensi all’OMS.3

Tuttavia, Bill Gates è ancora il finanziatore numero 1, contribuendo maggiormente al budget biennale di 4.84 miliardi di dollari dell’OMS4 rispetto a qualsiasi governo di uno Stato membro. Come rivelato in una copia di anteprima che ho ricevuto di “Vax-Unvax”,5 Il nuovo libro di Robert F. Kennedy Jr., che uscirà nel novembre 2021, “Gates ha usato strategicamente i suoi soldi per infettare le agenzie di aiuto internazionali con le sue distorte priorità egoistiche. Gli Stati Uniti sono stati storicamente il più grande donatore diretto dell’OMS”.

Tuttavia, Bill Gates contribuisce all’OMS attraverso molteplici vie, tra cui la Bill & Melinda Gates Foundation e GAVI, che è stata fondata dalla Gates Foundation in collaborazione con l’OMS, la Banca mondiale e vari produttori di vaccini.

A partire dal 2018, i contributi cumulativi della Gates Foundation e della GAVI hanno reso Gates lo sponsor principale non ufficiale dell’OMS, anche prima della mossa dell’amministrazione Trump del 2020 di tagliare tutto il suo sostegno all’organizzazione. E infatti Gates dà così tanto che Politico ha scritto un articolo molto critico6 sulla sua indebita influenza finanziaria sulle operazioni dell’OMS nel 2017, che secondo Politico stava causando la spesa dell’agenzia:

“… una quantità sproporzionata delle sue risorse su progetti con i risultati misurabili che Gates preferisce… La sua influenza ha preoccupato le ONG e gli accademici. Alcuni sostenitori della salute temono che, poiché il denaro della Fondazione Gates proviene da investimenti in grandi imprese, potrebbe fungere da cavallo di Troia per gli interessi aziendali per minare il ruolo dell’OMS nella definizione degli standard e nella definizione delle politiche sanitarie”.

Inoltre, Gates “instrada anche finanziamenti all’OMS attraverso SAGE [Strategic Advisory Group of Experts] e UNICEF e Rotary International portando i suoi contributi totali a oltre $ 1 miliardo”, spiega Kennedy nel libro, aggiungendo che queste donazioni deducibili dalle tasse danno a Gates la leva finanziaria e il controllo sulla politica sanitaria internazionale, “che dirige in gran parte per servire gli interessi di profitto dei suoi partner farmaceutici”.

Come notato nel film in primo piano, quando è stato fondato, l’OMS poteva decidere come distribuire i suoi contributi. Ora, il 70% del suo budget è legato a progetti specifici, paesi o regioni, che sono dettati dai finanziatori.7 In quanto tali, le priorità di Gates sono la spina dorsale dell’OMS, e non è stata una coincidenza quando ha detto dell’OMS: “Le nostre priorità, sono le vostre priorità”.8

“L’ossessione per i vaccini di Gates ha deviato le donazioni dell’OMS dalla riduzione della povertà, dalla nutrizione e dall’acqua pulita per far sì che il vaccino assuma la sua metrica preminente per la salute pubblica. E Gates non ha paura di dare il suo peso”, secondo il libro di Kennedy. “… La vastità dei contributi finanziari della sua fondazione ha reso Bill Gates un leader non ufficiale, anche se non eletto, dell’OMS.”

Incassare assegni farmaceutici e OMS in precedenti pandemie

Durante la pandemia H2009N1 (influenza suina) del 1, sono stati stipulati accordi segreti tra Germania, Gran Bretagna, Italia e Francia con l’industria farmaceutica prima dell’inizio della pandemia H1N1, che stabiliva che avrebbero acquistato le vaccinazioni antinfluenzali H1N1 – ma solo se una pandemia di livello 6 è stato dichiarato dall’OMS.

Il documentario “TrustWHO” mostra come, sei settimane prima che la pandemia fosse dichiarata, nessuno all’OMS era preoccupato per il virus, ma i media stavano comunque esagerando i pericoli. Quindi, nel mese precedente alla pandemia H2009N1 del 1, l’OMS ha cambiato la definizione ufficiale di pandemia, rimuovendo i criteri di gravità e alta mortalità e lasciando la definizione di pandemia come “un’epidemia mondiale di una malattia”.9

Questo cambio di definizione ha permesso all’OMS di dichiarare l’influenza suina una pandemia dopo che solo 144 persone erano morte a causa dell’infezione in tutto il mondo. Nel 2010, il dottor Wolfgang Wodarg, allora capo della sanità presso il Consiglio d’Europa, ha accusato le aziende farmaceutiche di influenzare la dichiarazione di pandemia dell’OMS, definendo l’influenza suina una “falsa pandemia” guidata da Big Pharma, che ha incassato l’allarme sanitario.10

Secondo Wodarg, la pandemia di influenza suina è stata “uno dei più grandi scandali medici del secolo”.11 Nell’indagine sulla falsificazione di una pandemia da parte dell’OMS e di Big Pharma, un’inchiesta ha dichiarato:12

“… al fine di promuovere i loro farmaci e vaccini brevettati contro l’influenza, le aziende farmaceutiche hanno influenzato scienziati e agenzie ufficiali responsabili degli standard di salute pubblica per allarmare i governi di tutto il mondo e farli sprecare risorse sanitarie limitate per strategie di vaccini inefficienti ed esporre inutilmente milioni di persone sane a il rischio di una quantità sconosciuta di effetti collaterali di vaccini non sufficientemente testati”.

Mentre i governi si sono ritrovati con scorte di vaccini che non avrebbero mai usato, molti di coloro che hanno ricevuto il vaccino contro l’influenza suina H1N1 hanno sofferto di effetti avversi tra cui la sindrome di Guillian-Barre, la narcolessia, la cataplessia e altre forme di danno cerebrale.13

La copertura delle origini

Anche l’indagine dell’OMS sull’origine del COVID-19 è stata fin dall’inizio un’indagine “falsa”. Alla Cina è stato permesso di scegliere a mano i membri del team investigativo dell’OMS, che includeva Peter Daszak, Ph.D., che ha stretti legami professionali con l’Istituto di virologia di Wuhan (WIV).

L’inclusione di Dazsak in questo team ha praticamente garantito il rigetto della teoria dell’origine di laboratorio e, nel febbraio 2021, l’OMS ha autorizzato il WIV e altri due laboratori di livello 4 di biosicurezza a Wuhan, in Cina, da atti illeciti, affermando che questi laboratori non avevano nulla a che fare con il Epidemia di covid19.14

Solo dopo un contraccolpo, inclusa una lettera aperta firmata da 26 scienziati che chiedono un’indagine forense completa e senza restrizioni sulle origini della pandemia,15 L’OMS è entrata in modalità di controllo dei danni, con il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus e altri 13 leader mondiali che si sono uniti al governo degli Stati Uniti nell’esprimere “frustrazione per il livello di accesso che la Cina ha concesso a una missione internazionale a Wuhan”.16

Un paio di punti degni di nota – Gates ha scelto Ghebreyesus come direttore generale dell’OMS, non per le sue qualifiche – Tedros non ha una laurea in medicina e un background che include accuse di violazioni dei diritti umani – ma a causa di questa lealtà a Gates, sempre secondo il libro di Kennedy.

Inoltre, la fedeltà dell’OMS alla Cina è stata assicurata anni prima, quando la Cina si è assicurata i voti dell’OMS per garantire che i suoi candidati diventassero direttore generale. Un’indagine del Sunday Times ha anche rivelato che l’indipendenza dell’OMS è stata gravemente compromessa e i suoi stretti legami con la Cina hanno permesso al COVID-19 di diffondersi nei primi giorni della pandemia, offuscando l’indagine sulle sue origini. Secondo il Sunday Times:17

“La leadership dell’OMS ha dato la priorità agli interessi economici della Cina rispetto all’arresto della diffusione del virus quando è emerso per la prima volta il Covid-19. La Cina ha esercitato il controllo finale sull’indagine dell’OMS sulle origini di Covid-19, nominando i suoi esperti scelti e negoziando un accordo dietro le quinte per annacquare il mandato”.

I legami con la Cina dell’OMS hanno giocato un “ruolo decisivo” nella pandemia

Il 28 gennaio 2020, quattro settimane dopo che Taiwan aveva avvisato l’OMS che una misteriosa malattia respiratoria si stava diffondendo in Cina, l’OMS non aveva ancora preso provvedimenti e continuava a lodare la Cina.

Tedros ha persino elogiato la Cina per la sua trasparenza e ha affermato che il presidente cinese ha “mostrato ‘rara leadership’ e meritato ‘gratitudine e rispetto’ per aver agito per contenere l’epidemia nell’epicentro”, ha riferito il Sunday Times. “Questi ‘passaggi straordinari’ avevano impedito un’ulteriore diffusione del virus, ed è per questo che, ha affermato, c’erano solo ‘pochi casi di trasmissione da uomo a uomo al di fuori della Cina, che stiamo monitorando molto da vicino'”.18

Parlando con il Sunday Times, il professor Richard Ebright del Waksman Institute of Microbiology della Rutgers University nel New Jersey, ha affermato che è stata questa stretta connessione che alla fine ha guidato il corso della pandemia:19

“Non solo ha avuto un ruolo; ha avuto un ruolo decisivo. Era l’unica motivazione. Non c’era alcuna giustificazione scientifica o medica o politica per la posizione assunta dall’OMS a gennaio e febbraio 2020. La premessa era interamente basata sul mantenimento di legami soddisfacenti con il governo cinese.

Quindi, ad ogni passo, l’OMS ha promosso la posizione ricercata dal governo cinese… l’OMS ha resistito attivamente e ha ostacolato gli sforzi di altre nazioni per attuare controlli alle frontiere efficaci che avrebbero potuto limitare la diffusione o addirittura contenere la diffusione dell’epidemia .

È impossibile per me credere che i funzionari di Ginevra, che stavano rilasciando tali dichiarazioni, credessero che tali dichiarazioni fossero in accordo con i fatti a loro disposizione al momento in cui le dichiarazioni sono state rese. È difficile non vedere che l’origine diretta di ciò è il sostegno del governo cinese all’elezione di Tedros a direttore generale…

Questo è stato un notevole ritorno sull’investimento [della Cina] con le somme relativamente piccole che sono state investite nel sostenere la sua elezione. Ha pagato su larga scala per il governo cinese”.

La corruzione dell’OMS è profonda

Anche prima della pandemia, l’OMS aveva rilasciato una dichiarazione secondo cui aveva discusso con Facebook per “assicurare che le persone possano accedere a informazioni autorevoli sui vaccini e ridurre la diffusione delle imprecisioni”.20 Al primo vertice globale sulla vaccinazione dell’OMS, tenutosi a Bruxelles nel settembre 2019, Jason Hirsch, responsabile delle politiche pubbliche di Facebook, ha alluso alla censura e alla manipolazione dei media che sarebbero seguite:21

“La prima cosa che stiamo facendo è ridurre la distribuzione di disinformazione sulle vaccinazioni e la seconda cosa che stiamo facendo è aumentare l’esposizione a contenuti credibili e autorevoli sulle vaccinazioni”.

Piuttosto che mettere al primo posto la salute pubblica, ad esempio spingendo per studi sulla sicurezza nella vaccinazione, la storia dell’OMS illustra chiaramente la sua fedeltà a Big Pharma e ad altre industrie. L’OMS, ad esempio, ha minimizzato gli effetti sulla salute causati dal disastro nucleare di Chernobyl del 1986, affermando che solo 50 morti sono state causate direttamente dall’incidente e che “un totale fino a 4,000 persone potrebbero eventualmente morire a causa dell’esposizione alle radiazioni” a causa del disastro.22

L’OMS ha firmato un accordo con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), che “promuove l’uso pacifico dell’energia atomica”, nel 1959, rendendola subordinata all’agenzia in relazione alle radiazioni ionizzanti.

Anche la risposta dell’OMS al disastro delle radiazioni di Fukushima nel 2011 è stata criticata, con prove di un insabbiamento di alto livello.23 L’OMS ha ancora una volta minimizzato i rischi, affermando che “i rischi previsti sono bassi e non sono previsti aumenti osservabili dei tassi di cancro al di sopra dei tassi di base”.24

L’OMS ha anche ricevuto più di 1.6 milioni di dollari dal gigante degli oppiacei Purdue dal 1999 al 2010 e ha utilizzato i dati sugli oppioidi supportati dall’industria per incorporarli nelle sue linee guida ufficiali sugli oppioidi. Secondo l’Alleanza per la protezione della ricerca umana, la collaborazione dell’OMS con Purdue ha portato all’aumento dell’uso di oppiacei e alla dipendenza globale.25

A causa della sua accettazione di denaro privato, una recensione del Journal of Integrative Medicine & Therapy è arrivata al punto di dire che la corruzione dell’OMS è la “più grande minaccia per la salute pubblica mondiale del nostro tempo”, in particolare per quanto riguarda il farmaco dell’OMS raccomandazioni – compreso il suo “elenco di medicinali essenziali” – che ritiene sia parziale e non affidabile.26

Data la forte e continua evidenza che l’OMS è fortemente conflittuale e controllata dall’industria, la sua utilità come custode della salute pubblica deve essere seriamente rivalutata.

 Fonti e riferimenti

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/come-la-corrotta-organizzazione-mondiale-della-sanit%C3%A0-promuove-la-tirannia-medica-in-tutto-il-mondo/

Ti potrebbero interessare:

Mai più un 8 SETTEMBRE!

È la fine, è l’inizio della nuova era.

®wld

Looking Glass – Vedere il Passato e il Futuro attraverso lo Specchio.

Lascia un commento

Looking Glass – Vedere il Passato e il Futuro attraverso lo Specchio.

Ricevo da: Anna Dossena [9/2, 12:35]

Bisogna stare attenti con social che potrebbero essere trappole per identificare I Qanon. Per ora non ci sono prove che quel social sia stato creato da Trump. Suo figlio nei video non ne parla

[9/2, 12:38] Anna Dossena: Che cosa è Looking Glass

Q ha più volte citato il Progetto Looking Glass in vari Drop. Ad esempio nel Q Drop 3585 dice “Andare avanti per poter guardare indietro”. 

Ma … Come sono possibili le previsioni con anni di anticipo e con così grande precisione?

Il Progetto Looking Glass inizia alla fine della seconda guerra mondiale come uno dei tanti progetti segreti militari della CIA. Inizia con lo studio degli slargate o dei sistemi idonei ai viaggi nel tempo. In quell’ambito iniziarono gli studi di un dispositivo per vedere il passato e il futuro, sotto il nome Looking Glass (Specchio).

Sono riusciti a creare un dispositivo tipo ologramma per vedere ciò che accade oltre la curvatura spazio tempo nel passato ma soprattutto nel futuro.

Attenzione: si vede NON IL FUTURO ma le FUTURE POSSIBILITA’ CHE POSSONO ACCADERE.

Le due cose sono ben diverse.

Vedere il futuro vorrebbe dire mostrare un fatto certo e predefinito, e ciò non è vero.

Mostrare le future possibilità, non il futuro e basta, significa che ci sono LINEE TEMPORALI con diverse possibilità di evoluzione dal presente verso il futuro (la parola Timeline è comparsa molte volte nei QDrop).

E quindi? Esiste il YELLOW CUBE. 

Questa è una tecnologia consegnata dalle Forze Galattiche provenienti da Orione nel 1946 a Eisenhower che lo dette alle Nazioni Unite (ONU – inteso come organismo interessato alla pace ed al benessere di tutti i popoli)  a scopi benefici. Invece fu fatto sparire dai militari…(cercatevi approfondimenti su Dan Burish).

Con YC l’osservatore interagisce con ciò che osserva attraverso LG e può modificare gli eventi.

Semplificando: vedo il futuro attraverso LG; con YC modifico l’evento futuro e cambio il presente.

N.B: fatta semplicissimissima

Q cita Looking Glass per informarci dell’utilizzo di queste tecnologie per distorcere e controllare la storia dell’umanità!  E’ dagli anni della guerra fredda (circa anni 50) che i potenti della terra usano queste tecnologie per controllare tutto e tutti per soggiogarci.

Secondo Dan Burish (in un’intervista antecedente al 2016) ad un certo punto i LG sono stati spenti (tra il 2000 e il 2007)  perché davano sempre gli stessi risultati … cioè non funzionavano più. Inoltre sarebbero stati riaccesi intorno al 2017 (che caso che Trump sia stato eletto nel ’16).

E’ come se il tempo stesse giungendo ad un “collo di bottiglia” ove tutte le timeline si riducono ad UNA!  Si può usare come metafora una clessidra.   Il passaggio del sistema solare nel piano galattico costituisce un “momento” particolarmente intenso che equivale alla strettoia della clessidra. In questo punto particolare, le variabili che identificano le diverse opzioni o probabilità per il futuro convergono in un solo punto: LA TIMELINE DIVENTA UNA SOLA! 

 Nel video, Bill Wood fa un esempio che è oltremodo interessante per noi che seguiamo il fenomeno Q: per spiegare questa convergenza egli parla di due giocatori di scacchi di fronte ad una scacchiera e una partita che in 7 mosse finirà in scacco matto.

Lo sa chi perderà, lo sa chi vincerà!? Le ultime 7 mosse sono forzate da chi sa che vincerà, perché chi perderà cercherà di prolungare quanto possibile sperando SOLO in una cosa: un eventuale errore del vincitore!

E Bill Wood aggiunge una frase importante: “chi vincerà sa cosa deve fare, quindi l’errore è impossibile!” Penso di poter dire che Wood ha piena comprensione del fenomeno Q, e la metafora che sceglie è senza dubbio di altra risonanza con il gergo di Q.

Egli nel servizio dice, infatti, che le timeline su cui gli hanno ordinato di lavorare erano sostanzialmente ridotte a 2:

timeline 1, 

il risveglio o evoluzione della coscienza;

timeline 2, 

una grande catastrofe che avrebbe costretto tutti sottoterra e pochi in superficie e al comando.

Osserva ironicamente che anche coloro che avrebbero in ogni modo preferito la timeline 2 … l’anno numerata come “2”, sapendo che quanto è invece previsto in questo momento particolare è timeline 1, il risveglio.

“Loro” hanno smesso di utilizzare LG e YC perché non c’era verso di promuovere la timeline 2 rispetto alla timeline 1; non si continua a chiedere se la risposta è sempre opposta a ciò che vuoi!? Dice anche che gli LG sono stati spenti perché nessuno doveva sapere cosa contenesse la timeline 1!

Posto tutto quanto ho illustrato sin qui, penso di poter dire che, come previsto da Dan Burish, ci sia qualcuno che ha deciso di riaccendere i dispositivi LG, perché invece orientato a favorire la timeline 1, il risveglio!

Quindi, se tale ipotesi è corretta (ed a me pare di sì) allora i riferimenti a Looking Glass nei post di Q riferiscono esattamente a questi contenuti. Quel “Progetto Looking Glass? Andare avanti per poter guardare indietro. Q” significa che, finalmente, su questo pianeta il dominio di certe élite che hanno fatto di tutto per dominare l’umanità con la paura e la violenza, volge al termine e che c’è chi invece sostiene con forza la timeline 1 e l’evoluzione della coscienza del genere umano.

Antonella Renzullo

Werner Krcivoj

Scritto da Andrea Zunino

********************************

Articolo correlato: 

La scienza elevata a uno stato di divinità immutabile

®wld

Le buone intenzioni, ma tanto contraddette dai fatti

1 commento

Joe Biden Imperatore

di Thierry Meyssan

Lo stato di salute non consentirà al presidente Biden di governare. Già ora un gruppo di militanti predispone i suoi atti. Ha firmato decreti emblematici della cultura woke, lontanissimi dal programma elettorale, che lo allontanano dalla maggioranza degli americani. Ma non basta, i gruppuscoli di estrema sinistra già hanno cominciato a manifestare contro di lui. Gli Stati Uniti sprofondano nella divisione.

JPEG - 51.5 Kb

Il discorso d’investitura del presidente Biden del 20 gennaio 2021 era zeppo di buone intenzioni, ma contraddetto tanto dai fatti che da lui stesso [ 1 ].

Era un’ode alla democrazia e un richiamo all’unità nazionale.
- Ebbene, ascoltare un uomo eletto con un voto non-democratico accusare il predecessore e i suoi elettori di essere contrari alla democrazia è stato grottesco. Non dimentichiamoci che in molti casi lo spoglio è avvenuto a porte chiuse, senza spettatori né osservatori, come in una dittatura. Per inciso, è davvero scioccante il silenzio degli Stati cosiddetti democratici.
- Per giunta, l’appello all’unità nazionale, pronunciato davanti a un pugno di privilegiati protetti da 25 mila uomini armati, aveva un che di surreale.

Quanto al resto del discorso, è stato un annuncio del ritorno all’imperialismo giustificato dall’eccezionalismo statunitense. Il presidente Biden ha dichiarato: «Siamo una grande nazione. Siamo buoni» (…) «Possiamo instaurare la giustizia razziale e far sì che l’America torni a essere la prima forza del Bene nel mondo» (sic). Afghani, iracheni, libici, siriani, yemeniti e libanesi apprezzeranno.

Cosa ha già fatto Biden

Joseph Robinette Biden Jr. (78 anni) è in politica da oltre mezzo secolo. È stato sette volte senatore (dal 1973 al 2009) e due volte vicepresidente (2009-2017).

Come eletto del Delaware contribuì alle operazioni contro quei paradisi fiscali che gli Stati Uniti non controllavano. Obiettivo: costringere i detentori di capitali a trasferirli nello Stato diventato il più grande paradiso fiscale del mondo, il Delaware appunto.

Durante le cariche ricoperte, Biden è stato soprattutto un difensore degli interessi del Pentagono.


- Durante le guerre di Jugoslavia milita per l’armamento dei mussulmani bosniaci e sostiene l’operato della Legione Araba di Osama bin Laden, nonché quello delle truppe saudite e iraniane [2]. Insieme all’amico senatore repubblicano John McCain, spinge il presidente Bill Clinton a intervenire in Kosovo.


- Durante la guerra in Afghanistan vi si reca per primo a sostenere il presidente afghano-statunitense Hamid Karzai.


- Appoggia l’idea di una guerra contro l’Iraq e l’assassinio del presidente Saddam Hussein. Successivamente darà il nome a un piano di smembramento dell’Iraq in tre Paesi confessionali distinti, conformemente alla strategia Rumsfeld/Cebrowski.


- In quanto vicepresidente, partecipa all’inquinamento della Commissione ONU per i diritti umani in Libia, finalizzato a giustificare la distruzione del Paese. Partecipa anche alla propaganda contro la Siria e sostiene gli jihadisti. Tuttavia, dopo l’intervento russo, quando la Casa Bianca tenta di ritirare l’intero contingente dal Paese, prima di ritrattare riversa la responsabilità dei crimini commessi sull’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e la Turchia.

Joe Biden è altresì grande sostenitore di Hollywood. Ha personalmente vigilato sulla chiusura di siti pirata, come Megaupload, e all’arresto dei loro ideatori, in modo da preservare i diritti d’autore dell’industria cinematografica.

Lo stato di salute di Joe Biden non gli consente di governare

Tutti sanno che il presidente degli Stati Uniti è anziano. Durante la campagna elettorale ha più volte confuso persone e luoghi, ha finanche promosso iniziative del figlio deceduto cinque anni addietro. Non dovrebbe quindi essere in grado di esercitare in prima persona il potere. Al momento dovrebbe essere il capo di gabinetto, Ron Klain, a decidere in sua vece. Il Congresso potrebbe semmai prendere rapidamente atto dell’incapacità del presidente a governare e trasmettere il potere alla vicepresidente, Kamala Harris.

In questa fase Ron Klain è un mero difensore degli interessi transnazionali che mirano a fare profitti in Cina. Sua moglie, Monica Medina, è un’ambientalista. È stata ingaggiata dalla famiglia Wharton, proprietaria della catena di distribuzione Wallmart: miliardari della globalizzazione che traggono ricchezza dalla delocalizzazione in Cina.

I primi passi di Joe Biden

Il sito della Casa Bianca proclama le sei priorità del neopresidente:
- 1. il clima (ossia una rivoluzione per un’energia pulita);
- 2. l’equità razziale (non l’uguaglianza);
- 3. l’economia (ossia il ritorno alla situazione antecedente il Covid-19);
- 4. la salute (vuole semplificare il sistema sanitario e ridurne i costi);
- 5. l’immigrazione (che si tratta di favorire);
- 6. il ripristino della posizione globale dell’America.

Una valanga di testi è stata pubblicata il giorno stesso dell’investitura: illustrano in modo molto parziale il programma e sono stati redatti da personalità di estrema sinistra del partito (ammesso che il termine “estrema sinistra” oggi abbia senso).

Il primo proclama presidenziale ha voluto fare del giorno dell’investitura il giorno dell’unità [ 3 ]. Invocando san Francesco d’Assisi – come prima, nel suo discorso, aveva invocato sant’Agostino – Biden afferma che la democrazia prevale (alludendo ai «deplorevoli» elettori di Donald Trump che non rispettano nulla) ed esorta ogni statunitense a scriverne il prossimo capitolo.

Il presidente Biden afferma poi di voler rientrare nell’Accordo di Parigi sul clima [ 4 ]. Diversamente dalla versione che ne hanno dato i media, si tratta di rientrare nel sistema di compensazione finanziaria che autorizza diritti di emissione di gas serra; un sistema di cui beneficeranno soltanto i proprietari della Borsa di Chicago e che probabilmente non avrà alcun effetto sul clima [5].

Il primo decreto è stato fatto per far progredire l’«equità» razziale [6]. L’uguaglianza razziale presuppone l’uguaglianza di tutti gli esseri umani, dunque l’inesistenza delle razze. Il presidente Biden pensa invece che l’umanità sia divisa in razze e che a ciascuna convenga dare con equità, indipendentemente dalla stazza della popolazione. È una posizione antidemocratica, tipica del pensiero neo-puritano. Joe Biden ha un pesante passato di scherni razzisti (anche contro Barack Obama) che questo decreto vorrebbe far dimenticare.

Il secondo proclama è finalizzato a porre fine ai divieti d’ingresso «discriminatori» negli Stati Uniti [7]. Il presidente Trump aveva infatti vietato l’accesso a cittadini di Stati le cui ambasciate non sono in grado di verificare se sono jihadisti. Ebbene, dal momento che Biden e amici hanno devastato il Medio Oriente Allargato, i Paesi interessati dalla misura di Trump sono a forte popolazione mussulmana. Il nuovo presidente ritiene quindi il provvedimento di sicurezza di Trump discriminatorio nei confronti dei mussulmani.

Un secondo decreto stabilisce l’obbligo d’indossare la mascherina chirurgica in tutte le amministrazioni federali [8]. Il presidente Biden vuole seguire le raccomandazioni scientifiche contro il Covid-19 e dichiara perciò di voler proteggere i propri funzionari rendendo obbligatoria la mascherina. Ebbene, il Center for Desease Control and Prevention (CDC, agenzia federale per la lotta alle epidemie) aveva appena passato al setaccio l’intera letteratura sanitaria mondiale sull’argomento al fine di valutarne l’efficacia: indossare mascherine non serve nella vita quotidiana, ma può ridurre l’epidemia in assembramenti di persone che cantano e urlano tutt’insieme (competizioni sportive, concerti e cerimonie religiose). Ma, ubbidiente, il CDC ha immediatamente allineato le proprie raccomandazioni scientifiche al discorso presidenziale.

Il terzo decreto rivede la politica sull’immigrazione [9]. In conformità all’ideologia “risvegliata” (woke), la costruzione del muro alla frontiera messicana va fermata e anzi bisogna organizzare l’arrivo dei migranti sudamericani. Una colonna di decine di migliaia di onduregni s’è immediatamente messa in cammino verso il «Paese della Libertà».

Il successivo decreto modifica le regole del censimento [10]. Il presidente Trump ne aveva escluso gl’immigrati irregolari. Secondo il decreto stesso di Biden, includendo anche questi ultimi si può sperare di aumentare il numero di parlamentari degli Stati federati favorevoli all’immigrazione. Accade di raro che si proceda così apertamente a un intrallazzo elettorale.

Una lettera indirizzata al segretario generale dell’ONU lo informa della rinuncia degli Stati Uniti all’annunciato ritiro dall’Organizzazione Mondiale della Sanità [11]. Il presidente Trump aveva deciso di ritirarsi perché l’Organizzazione era passata dalla subordinazione al CDC statunitense alla subordinazione alla Cina. Anche in questo caso, in assenza di nuovi elementi, il cambiamento di rotta del presidente Biden è meramente ideologico.

Il resto è sulla stessa lunghezza d’onda, come per esempio la decisione di permettere a ognuno di scegliere l’identità di genere, indipendentemente dal proprio sesso [12]. Infatti la rubrica Contattateci (Contact us) del sito internet della Casa Bianca chiede di specificare il genere: maschile, femminile, neutro o altro. E le nuove disposizioni permetteranno agli sportivi di scegliere a quali prove partecipare, maschili o femminili.

È possibile che queste norme non abbiano altro scopo che soddisfare alcuni elettori o che siano state scritte dalla consorteria neo-puritana, ma è altresì possibile che siano indicative della direzione scelta dal presidente Biden. Ed è tanto più sorprendente dal momento che il presidente Trump ha lasciato il potere e ormai è ignorato dal partito repubblicano: non c’è ragione di colpire un uomo già a terra e di provocarne gli elettori. Ed è tanto tanto più fuori luogo l’atteggiamento puerile contro tutto quello che ha fatto il predecessore dal momento che non calma affatto l’estrema sinistra del partito democratico. Ci si aspettavano manifestazioni dei trumpisti il giorno dell’investitura, non ce ne sono state. Sono invece gli Antifa che il giorno successivo hanno provocato sommosse in diverse grandi città, al grido di «Fuck Trump! Fuck Biden!».

Il presidente Biden alimenta di fatto la divisione e s’avvia a propria volta verso la guerra civile.

Thierry Meyssan

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Fonte> https://www.voltairenet.org/article212060.html

Ti potrebbero interessare

Il grande ripristino non è eccezionale e non è nuovo

Le cinque Regine Killer più importanti nella Storia Antica

La propaganda delle fake news sui trichechi morenti

®wld

Le cosiddette opere di carità …

Lascia un commento

Questa parte riguarda le 5500 ONG, collegate all’ONU, che fanno le cosiddette opere di carità. Indagando le loro stesse carte finanziarie, abbiamo scoperto che le ONG non sono altro che il modello di business perfetto per riciclare denaro (miliardi di dollari!), per evitare di pagare le tasse, e per investire nell’obiettivo principale della Cabala: lo spopolamento e il dominio del mondo. Unitevi a noi per sbucciare qualche altro strato di questa cipolla, per scoprire chi è veramente la Cabala!

Guarda QUI la parte 6 precedente

®wld

Older Entries