Home

RELOAD: IL DELIRIO ATOMICO

Lascia un commento

 

 

E da Natale che proliferano avvisi e manuali che spiegano a come sopravvivere a un attacco nucleare. Una rinascita del delirio tecnocratico nucleare degli anni Cinquanta e Sessanta.  La storia dell’umanità ha conosciuto ombre e orrori agghiaccianti, ma la storia dei test nucleari non ha neppure la cupa grandezza di un titanismo diabolico, ma piuttosto è una lunga parentesi di imbecillità generale, di cretineria feroce, qualcosa di paragonabile alla crudeltà laboriosa di un pazzo assassino, scriveva Paolo Cortesi. L’umanità continua a dormire, non si è mai resa conto delle 2055 ESPLOSIONI NUCLEARI INFLITTI AL PIANETA. 

 

I consigli pubblicati dal quotidiano americano “Indipendent”: il quotidiano americano ha ripubblicato un articolo del 2017 il cui titolo è “How to survive the first hour of a nuclear attack”. 

 

I consigli per sopravvivere la prima ora: 

 

“Le dimensioni e l’impatto di una bomba nucleare potrebbero variare, ma un’esplosione potrebbe estendersi a un miglio di diametro. Se vedi l’arrivo di un missile sconosciuto che esplode generando una luce intensa,

 

1) non guardarla e tieni la bocca aperta per evitare che i timpani esplodano dalla pressione.

 

2) Allontanati dagli edifici a più piani che potrebbero crollare.

 

3) Se possibile, ascolta le informazioni ufficiali diramate dal Governo tramite la televisione e le radio su dove dirigersi e come comportarsi.

 

4) Se ti trovavi fuori da un centro abitato, raggiungilo e mettiti al riparo in qualsiasi spazio interrato come un garage sotterraneo. Nel caso non ci sia un luogo vicino e sotto terra nel quale rifugiarsi, entra in un edificio in mattoni e cemento. Evita quelli in acciaio e vetro.

 

5) Se sei riuscito a trovare un rifugio, non lasciarlo per cercare i tuoi cari da cui sei stato separato.

 

6) Preparati ad aspettare per almeno 24 ore e mantieni la calma, anche se avvertirai sete e fame.

 

Se sei bloccato all’aperto:

 

7) Sdraiati e proteggi la testa in caso di esplosione. Quindi togliti i vestiti che sono stati a contatto con l’aria e trova un rifugio il più presto possibile. Se possibile, sigilla i tuoi vestiti in un sacchetto di plastica.

 

8) Appena ne avrai la possibilità, lavati con una doccia, facendo attenzione a non graffiare la pelle, e per i capelli usa solo lo shampoo e non il balsamo, in quanto quest’ultimo unisce i materiali e li rende più difficili da lavare.

 

9) In caso di guerra nucleare, considera che la temperatura globale calerebbe di un paio di gradi, mentre l’ozono si ridurrebbe nel corso del prossimo decennio. Crescerebbero meno raccolti e la siccità sarebbe più diffusa, mentre il cancro della pelle e le ustioni sarebbero più probabili a causa dell’esaurimento dello strato di ozono. Pensa, quindi, come poter raggiungere con la tua famiglia il Sud America o l’Africa nelle zone che possono offrire abbondanti risorse alimentari. 

 

10) In questa tua nuova patria, attendi che termini l’inverno nucleare.”  VEDI QUI  E ARTICOLO IN SEGUITO.  

 

Su Motherboard scopriamo: Come sopravvivere a una bomba nucleare, se non sei nella zona dell’esplosione, non è la condanna a morte che pensi sia.  

 

Uno studio su come sopravvivere una carestia dopo un disastro nucleare vi invita:  Se IN FUTURO CI SARA’ UN DISASTRO NUCLEARE ( E HAI ANCORA CAMPO) LEGGI QUESTO POST

 

Uno tsunami di notizie mainstream rivela: Lo dice l’intelligence militare israeliana, l’ Iran avrà uranio bomba nucleare in 2020 e quindi c’è da temere?

Ma qual è la vera minaccia nucleare in Medio Oriente

L’arsenale segreto di Israele, sistematicamente rimosso dai titoli e dalle analisi, non è sottoposto ad alcun controllo poiché Tel Aviv non aderisce al Trattato di non-proliferazione, sottoscritto invece da Teheran commenta Manlio Dinucci. LEGGI QUI  

 

UNA VOLTA CHE TI SEI SALVATO TI ASPETTA L’INVERNO GLOBALE 

 

In caso di guerra nucleare tra le due superpotenze, Stati Uniti e Russia, l’inverno nucleare che seguirebbe coinvolgerebbe tutto il globo o solo parte di esso?

 

Ad esempio regioni quali Australia o Nuova Zelanda, naturalmente qualora non fossero colpite, potrebbero essere risparmiate?

 

A questo interrogativo non è mai seguita una risposta certa da parte degli scienziati perché i fattori e le variabili sono davvero molte ma i ricercatori del Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Rutgers-New Brunswick sembrano aver trovato la risposta definitiva.

 

Secondo i ricercatori, che hanno pubblicato il proprio studio sul Journal of Geophysical Research-Atmospheres, l’inverno nucleare che seguirebbe a una guerra atomica tra le due nazioni coinvolgerebbe l’intero globo e sostanzialmente nessuna regione si salverebbe dagli effetti indiretti.

 

Inoltre durante l’estate, la maggior parte della terraferma nell’emisfero settentrionale sarebbe caratterizzata da una temperatura sotto lo zero e la crescita ridotta dei campi coltivati coinvolgerebbe il 90% delle terre in varie aree del globo.

 

Ciò porterebbe a carestie gravissime che minaccerebbero tutti i 7,7 miliardi di persone che attualmente abitano il pianeta, anche perché la maggior parte di essi conta sul commercio globalizzato degli alimenti per poter sopravvivere.

 

Secondo Joshua Coupe, studente presso la Rutgers e uno degli autori dello studio insieme al professor Alan Robock, una guerra tra Stati Uniti e Russia provocherebbe l’immissione di 150 milioni di tonnellate di fumo nero, risultante dagli incendi nelle città e nelle aree industriali, nell’atmosfera inferiore e superiore.

 

In questi due strati tale massa di materiale potrebbe fermarsi per mesi o anni bloccando gran parte o una buona quantità della luce solare.
Rispetto ad altri calcoli simili effettuati in altre ricerche, stavolta gli scienziati hanno utilizzato un nuovo modello climatico del National Center for Atmospher Research che vanta simulazioni migliori.

 

Questo nuovo modello può caratterizzare la Terra in molte posizioni e include anche altri fattori non presi precedentemente in considerazione come la crescita delle particelle di fumo e la distribuzione dell’ozono dopo il riscaldamento dell’atmosfera. 

 

“Ci sarebbe davvero un inverno nucleare con conseguenze catastrofiche”, dichiara lo stesso Coupe lasciando intendere che le visioni distopiche e apocalittiche che si sono spesso viste nella fantascienza diverrebbero in effetti la realtà. 

 

Approfondimenti

Articoli correlati

FONTE 

GUERRA NUCLEARE LOCALE, CATASTROFE GLOBALE

Ricercatori della NASA simulano la guerra nucleare contro l’effetto serra

L’ USO PERVERSO DELLA SCIENZA – GIOCARE CON IL PIANETA (parte1) 

E ALTRO ANCORA

 

Fonte: https://www.nogeoingegneria.com/

 

®wld 

Forme ritualizzate di ribellione portano al rafforzamento delle strutture stabilite dell’autorità

Lascia un commento

#FridaysForFuture: 

 

Riscaldamento globale e strato di ozono: cosa c’è di più pericoloso, CO2 o guerra nucleare?

 

4500 attacchi climatici in oltre 100 paesi. Diversi milioni di manifestanti chiedono che i governi di tutto il mondo “prendano provvedimenti” sugli impatti ambientali devastanti dei cambiamenti climatici.

 

Molti attivisti del clima indicano gli impatti distruttivi del capitalismo globale sulla loro vita.

“Capitalismo = morte (o estinzione)”.

 

“Annulla il capitalismo”.

Le vite delle persone vengono distrutte. I politici sono cooptati dai giganti corporativi tra cui Big Oil. Le strutture economiche, ambientali e sociali sono minate. Il risultato è un processo di impoverimento mondiale.

I giganti del petrolio erano indelebilmente sotto tiro. A New York City, gli attivisti del clima hanno affrontato “Big Oil”:

“ExxonKnew: Make Them Pay” aldi fuori di una riunione di amministratori delegati di combustibili fossili erappresentanti del governo presso la Biblioteca e il Museo Morgan , a pochi isolati dal vertice sul clima delle Nazioni Unite a New York.

Chi finanzia il movimento di protesta 

“Exxon: farli pagare”?

La verità non detta è che Big Oil finanzia la campagna contro Big Oil. Sembra contraddittorio?

Gli attivisti del clima sono stati mentiti.

Il Climate Movement (New Green Deal) è finanziato da importanti enti di beneficenza e fondazioni aziendali tra cui il National Endowment for Democracy, Soros Open Society Foundations, il Rockefeller Brothers Trust, Shell Foundation, BP, Goldman Sachs, tra gli altri.

Mentre “Big Oil” è ritenuto responsabile degli impatti devastanti dell’industria dei combustibili fossili, gli architetti di Big Oil, in particolare la famiglia Rockefeller, sono i principali protagonisti del New Deal verde:

 

“A partire dagli anni ’80, il Rockefeller Brothers Fund è diventato il principale sostenitore dell’agenda sul riscaldamento globale. … Nella loro revisione del programma di sviluppo sostenibile, il Rockefeller Brothers Fund si vanta di essere uno dei primi principali attivisti del riscaldamento globale, citando la sua forte difesa sia per la formazione del 1988 del pannello intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) sia per l’istituzione del 1992 del Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. “(L’Istituto legale per l’energia e l’ambiente pubblicato nel 2016).

 

Il dibattito sul clima mondiale è di importanza cruciale.

Ma chi controlla quel dibattito? Le principali fondazioni capitaliste alla fine chiamano i colpi?

C’è un’ovvia relazione contraddittoria. Il movimento di protesta è finanziato da fondazioni corporative.

SecondoWilliam Engdahl, il New Green Deal è un “progetto economico” di svariati miliardi:

Prince Charles, … insieme a Bank of England e City of London hanno promosso “strumenti finanziari verdi”, guidati da Green Bonds, per reindirizzare piani pensionistici e fondi comuni di investimento verso progetti verdi . Un attore chiave nel collegamento delle istituzioni finanziarie mondiali con l’Agenda verde è Mark Carney, capo uscente della Banca d’Inghilterra . Nel dicembre 2015, la Bank for International Settlements ‘Financial Stability Board (FSB), presieduta poi da Carney, ha creato la Task Force sulla divulgazione finanziaria legata al clima (TCFD), per consigliare “investitori, finanziatori e assicurazioni sui rischi legati al clima”. Questo è stato certamente un obiettivo bizzarro per i banchieri centrali mondiali.

 

E il movimento di protesta tra cui l’Estinction Rebellion fornisce una giustificazione per investire in obbligazioni verdi:

 

La onnipresente banca di Wall Street, Goldman Sachs, … ha appena svelato il primo indice globale di titoli ambientali di prim’ordine, realizzato insieme al CDP di Londra, precedentemente Carbon Disclosure Project. Il CDP, in particolare, è finanziato da investitori come HSBC, JPMorgan Chase, Bank of America, Merrill Lynch, Goldman Sachs, American International Group e State Street Corp.

Il nuovo indice, denominato CDP Environment EW e CDP Eurozone EW, mira ad attirare fondi di investimento, sistemi pensionistici statali come CalPERS (il sistema pensionistico dei dipendenti pubblici della California) e CalSTRS (il sistema pensionistico degli insegnanti dello Stato della California) con un combinato di $ 600 + miliardi di attività, da investire in obiettivi scelti con cura.

 

Una breve rassegna suggerisce che le principali organizzazioni climatiche sono invariabilmente finanziate dal capitale aziendale (inclusi i giganti del petrolio):

 

  • ClimateAction ha legami con un certo numero di partner finanziari al fine di promuovere “investimenti verdi” in quella che viene definita “industria della sostenibilità globale”.
  • IlClimate Institute di Climate.org è un’importante entità di ricerca finanziata da Ford Motor Company Fund, GE Foundation, Goldman Sachs, Rockefeller Brothers Fund, Shell Foundation, The Rockefeller Foundation, tra gli altri.
  • IlClimate Leadership Council è un’iniziativa delle principali società che finanzia il consenso globale sul clima.

 

Riscaldamento globale. I concetti

 

Mentre gli attivisti del clima esprimono preoccupazione per i nefasti impatti del capitalismo globale sul clima, compresi quelli relativi alla militarizzazione (e alla spesa per la difesa), l’analisi scientifica del clima sotto gli auspici dell’IPCC si concentra in gran parte su una singola variabile: l’anidride carbonica (CO2), ovvero l’impatto dell’aumento delle emissioni di CO2 derivate dai combustibili fossili (incluso il fracking) sulla temperatura media globale.

L’esaurimento dello strato di ozono è ciò che innesca il riscaldamento globale. Lo strato di ozono si trova nella stratosfera terrestre. “L’ozonoviene costantemente prodotto e distrutto naturalmente. Questo strato di ozono filtra i raggi ultravioletti (UV) dal Sole e protegge la vita sulla Terra.”

Le emissioni di gas serra che colpiscono lo strato di ozono sono in gran parte costituite da vapore acqueo (50%), anidride carbonica (CO2) (20%) e nuvole (25%). I restanti gas serra (5%) sono costituiti da piccole particelle di aerosol, metano (CH4) e protossido di azoto (N2O) (sia un gas serra che un “distruttore di ozono” con impatti devastanti sul clima). (cifre approssimative fornite dalla NASA per il 2011).

La diminuzione dello strato di ozono “aumenteràla quantità di radiazione ultravioletta che raggiunge la superficie terrestre e peggiorerà gli impatti dovuti all’esposizione ai raggi UV”.

Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) è l’organismo chiave delle Nazioni Unite “per valutare la scienza relativa ai cambiamenti climatici”.

L’obiettivo dell’IPCC è stimare il gas serra aggiuntivo di CO2 generato dall’estrazione di combustibili fossili . Si presume che l’aumento delle emissioni di gas a effetto serra dal Pianeta Terra derivi esclusivamente dalle emissioni di CO2 legate all’estrazione di combustibili fossili (compreso il fracking).

Nota: le emissioni di CO2 risultanti dall’estrazione di combustibili fossili rappresentano una percentuale molto piccola delle emissioni totali di CO2 (stimata al 20% delle emissioni totali di gas a effetto serra), vale a dire una percentuale molto piccola del 20%.

L’attuale focus sul dibattito sul clima dell’IPCC è costituito dai seguenti:

  • -L’aumento delle emissioni di CO2 (dai combustibili fossili) costituisce l’unica causa del riscaldamento globale, attribuibile all’esaurimento dello strato di ozono.
  • -Per ridurre l’esaurimento dello strato di ozono è necessario ridurre l’estrazione di combustibili fossili, che costituisce la causa principale dell’aumento delle emissioni di CO2.

Il rapporto IPCC di maggio 2018 intitolato Riscaldamentoglobale di 1,5 ° C presenta la seguente metodologia:

 

“Una comprensione degli impatti del riscaldamento globale di 1,5 ° C al di sopra dei livelli preindustriali e dei relativi percorsi di emissione globali nel contesto del rafforzamento della risposta alla minaccia dei cambiamenti climatici, dello sviluppo sostenibile e degli sforzi per sradicare la povertà”.

La maggior parte dei risultati di questo studio IPCC si basa su simulazioni di modello di probabili impatti confrontando un aumento di 2,0 ° C della temperatura globale media con il riscaldamento globale di 1,5 ° C sopra i livelli preindustriali.

Ilrapporto evidenzia i principali impatti ambientali e sociali che si basano su simulazioni di aumento della temperatura attribuibili all’aumento delle emissioni di CO2 attribuibili all’estrazione di combustibili fossili.

Questi includono gli impatti sulla biodiversità e sugli ecosistemi, la perdita e l’estinzione delle specie (piante, insetti e vertebrati), gli impatti su oceani e corsi d’acqua, nonché gli impatti sociali tra cui la povertà.

Il rapporto distingue tra ecosistemi terrestri, d’acqua dolce e costieri. Esamina gli impatti del riscaldamento globale sulle temperature degli oceani. Affronta anche “aumenti associati dell’acidità degli oceani e diminuzioni dei livelli di ossigeno nell’oceano” e gli impatti sulla vita marina e sulla biodiversità. Anche gli impatti sociali su (ad esempio sulle comunità di pescatori) sono riconosciuti.

Sulla terra, si prevede che gli impatti sulla biodiversità e sugli ecosistemi, compresa la perdita e l’estinzione delle specie, saranno inferiori a 1,5 ° C di riscaldamento globale rispetto a 2 ° C. Allo stesso modo, “si prevede che limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C per ridurre i rischi per la biodiversità marina, la pesca e gli ecosistemi e le loro funzioni e servizi per l’uomo”

 

Critica: analisi a singola variabile

 

Esistono molti altri fattori complessi che influenzano direttamente o indirettamente le strutture climatiche e ambientali, incluso lo strato di ozono, che sono stati esclusi dalle simulazioni del modello IPCC.

I risultati quantitativi dell’IPCC sono a dir poco deterministici. Secondo il professor RichardS Lindzen del MIT:

“Ora ecco la narrativa attualmente popolare riguardante questo sistema. Il clima, un sistema multifattoriale complesso, può essere sintetizzato in una sola variabile, il cambiamento di temperatura mediamente globale, ed è principalmente controllato dalla perturbazione dell’1-2% nel bilancio energetico dovuta a una singola variabile – l’anidride carbonica – tra molte variabili di importanza comparabile.

Questa è una straordinaria coppia di affermazioni basate sul ragionamento che rasenta il pensiero magico. È, tuttavia, la narrazione che è stata ampiamente accettata, anche tra molti scettici.”

Omettono le variabili che influenzano il clima. Ad eccezione del combustibile fossile, non affrontano gli impatti della politica del governo sul clima, né affrontano il modo in cui le guerre guidate dagli Stati Uniti e l’economia di guerra multi-trilione di dollari minacciano il Pianeta Terra.

È l’arte dell’omissione:

  • Un singolo biossido di carbonio (CO2) variabile altamente rilevante “spiega tutto”. (ceteris paribus).
  • Con tutte le altre variabili escluse, per omissione, la CO2 “non spiega nulla”.
  • Le emissioni di CO2 non possono ragionevolmente spiegare la complessità dei cambiamenti climatici.
  • Concentrandosi esclusivamente sulla CO2, il dibattito sul clima ha escluso “tutto il resto”.

Sono state identificate le crisi climatiche e ambientali nelle diverse regioni del mondo. La causalità di base è l’approccio a singola variabile: emissioni di ciaoCO2 dall’estrazione di combustibili fossili.

E i risultati stilizzati dell’IPCC vengono quindi utilizzati per giustificare la bonanza aziendale multi miliardaria di Green New Deal.

Un’intera serie di importanti processi, tra cui biodiversità, vita animale, povertà, perdita di specie, ecc., È stata spiegata dall’IPCC riferendosi esclusivamente all’impatto dell’aumento delle emissioni di CO2 sul riscaldamento globale, nient’altro.

 

Misurazione: letture della temperatura globale distorte e imperfette

 

Esistono seri problemi nella stima delle emissioni di CO2 (da combustibili fossili) e della temperatura globale media.

Il riscaldamento globale non può essere identificato e spiegato da un’unica temperatura globale. Esistono numerose temperature regionali che descrivono le condizioni climatiche. Una temperatura media (ponderata) globale stabilita dalle principali letture geografiche non fornisce una comprensione delle complessità del clima.

Inoltre, ci sono prove che la temperatura media globale è manipolata. Questa temperatura ha un impatto diretto sugli utili e sulle perdite nelle transazioni di commercio del carbonio da miliardi di dollari:

Quando le generazioni future guarderanno indietro alla paura del riscaldamento globale degli ultimi 30 anni, nulla li scioccerà più della misura in cui i registri ufficiali della temperatura – su cui alla fine si è posato l’intero panico – sono stati sistematicamente “adattati” per mostrare alla Terra come avendo riscaldato molto più di quanto i dati reali giustificati. (Telegraph, 7 febbraio 2015)

Questa convinzione si basa su … record di dati ufficiali. … l’amministrazione nazionale oceanica e atmosferica degli Stati Uniti (NOAA), … l’Unità di ricerca climatica dell’Università dell’Anglia orientale, l’Hadley Centre for Climate Prediction, UK Met Office. [nonché] … misurazioni effettuate da satelliti, compilate da Remote Sensing Systems (RSS) ( TheTelegraph, 24 gennaio 2015)

 

L’impatto della radioattività sul clima

 

L’aumento delle emissioni di CO2 da combustibili fossili è l’unica causa dei cambiamenti climatici e del degrado ambientale?

In questo articolo, ci concentriamo brevemente sugli impatti sullo strato di ozono derivanti dall’esplosione di bombe nucleari, un problema che non è stato affrontato dal New Green Deal, nonché dalle radiazioni delle centrali nucleari. Ci concentriamo anche sulle tecniche di modifica ambientale (ENMOD) e sulla “militarizzazione del clima”.

Radiazioni dalle centrali nucleari (Fukushima)

 

Lo scarico di acqua altamente radioattiva nell’Oceano Pacifico costituisce un potenziale fattore scatenante di un processo di contaminazione radioattiva globale.

A questo proposito, dal 2011, ampiamente documentata, la vita marina e la perdita di specie sono state colpite dal rilascio di plutonio radioattivo nell’Oceano Pacifico a seguito del disastro di Fukushima-Daichi.

Gli elementi radioattivi non sono stati rilevati solo nella catena alimentare in Giappone, ma l’acqua piovana radioattiva è stata registrata in California.

Test nucleari e Fallout radioattivo

I test sulle armi nucleari sono in corso durante l’era successiva alla seconda guerra mondiale. Tra gli oltre 2000 test, un gran numero di questi test sono “non sotterranei” o “sottomarini”, ovvero i test in atmosfera. Secondo un rapporto del 2000 del Comitato scientifico delle Nazioni Unite sugli effettidelle radiazioni atomiche all’Assemblea generale

 

“Il principale contributo artificiale all’esposizione della popolazione mondiale [alle radiazioni] è venuto dai test sulle armi nucleari nell’atmosfera, dal 1945 al 1980. Ogni test nucleare ha provocato un rilascio illimitato nell’ambiente di notevoli quantità di radioattivo materiali , che erano ampiamente dispersi nell’atmosfera e depositati ovunque sulla superficie terrestre.”

 

Il rapporto di cui sopra evidenzia gli impatti delle radiazioni sulle cellule viventi e sull’incidenza concomitante di leucemia, tumore della tiroide, polmone e carcinoma mammario.

 

Quale sarebbe l’impatto dell’esplosione delle armi nucleari sul clima mondiale?

Il problema dell’inverno nucleare è stato affrontato per la prima volta in uno studio del 1983 di RP Turco, OB Toon, TP Ackerman, JB Pollack e Carl Sagan (indicato come TTAPS) “GlobalAtmospher Consequences of Nuclear War”

La pubblicazione dello studio TTAPS al culmine della guerra fredda ha suscitato preoccupazione per gli impatti devastanti della guerra nucleare, compresi i suoi impatti climatici.

Il freddo estremo, i livelli elevati di radiazioni e la diffusa distruzione delle infrastrutture industriali, mediche e di trasporto, insieme alle forniture alimentari e alle colture, causerebbero un enorme tributo di morte per fame, esposizione e malattie.

Lo studio TTAPS ha concluso: “… la possibilità dell’estinzione dell’Homo Sapiens non può essere esclusa.”

Ha anche creato una consapevolezza tra i responsabili delle politiche estere statunitensi, che oggi è totalmente assente. Trump non ha la più pallida idea degli impatti di una guerra nucleare.

Secondo AtomicArchive.com che riassume essenzialmente i concetti dello studio TTAP (p. 22) “Quando un’arma nucleare esplode nell’aria, l’aria circostante viene sottoposta a un grande calore, seguito da un raffreddamento relativamente rapido“. 

 

Queste condizioni sono ideali per la produzione di enormi quantità di ossidnitrici. Questi ossidi vengono trasportati nell’atmosfera superiore, dove riducono la concentrazione di ozono protettivo. L’ozono è necessario per impedire alle radiazioni ultraviolette dannose di raggiungere la superficie terrestre.

Gli ossidi di azoto formano un ciclo catalitico per ridurre lo strato protettivo di ozono.

Gli ossidi nitrici prodotti dalle armi potrebbero ridurre i livelli di ozono nell’emisfero boreale fino a 30-70 percento t. Tale esaurimento potrebbe produrre cambiamenti nel clima terrestre e consentirebbe più radiazioni ultraviolette dal sole attraverso l’atmosfera fino alla superficie terrestre, dove potrebbe produrre ustioni pericolose e una varietà di effetti ecologici potenzialmente pericolosi.

È stato stimato che vengono prodotte fino a 5.000 tonnellate di ossido nitrico per ogni megaton di potenza esplosiva nucleare. Vedi AtomicArchive

 

La simulazione del conflitto nucleare del 2008. Impatti sullo strato di ozono

 

In un importante studio del 2008 di Michael Mills et al. Intitolato Massicciaperdita globale di ozono prevista a seguito di un conflitto nucleare regionale (Accademia delle Scienze degli Stati Uniti) è statacondotta una simulazione (in gran parte basata sui concetti delineati nello studio del TTPS 1983) di un conflitto nucleare coinvolgendo 100 bombe di dimensioni Hiroshima. La simulazione ha confermato che le esplosioni nucleari “potrebbero produrre danni a lungo termine allo strato di ozono, consentendo a livelli superiori a” estremi “di radiazioni ultraviolette di raggiungere la superficie terrestre, (vedi GSN, 16 marzo 2010).

L’aumento dei livelli di radiazione UV dal sole potrebbe persistere per anni, probabilmente con un impatto drastico sull’uomo e sull’ambiente, anche a migliaia di miglia dall’area del conflitto nucleare. …

“Uno scambio nucleare regionale di 100 armi da 15 kiloton … produrrebbe colonne senza ozono senza precedenti su aree popolate in combinazione con le temperature superficiali più fredde sperimentate negli ultimi 1.000 anni e probabilmente si tradurrebbe in una carestia nucleare globale“, …

La ricerca di Mills e colleghi è stata la prima a esaminare la possibilità che un’esplosione nucleare possa portare ad un aumento dei livelli di radiazione ultravioletta sulla Terra, secondo un comunicato stampa dell’NCAR pubblicato durante la conferenza dell’American Association for the Advancement of Science. NTI

 

Secondo il prof.Allan Robock:

Negli anni ’80, utilizzando semplici modelli climatici, abbiamo scoperto che gli arsenali nucleari globali, se usati su città e aree industriali, potrebbero produrre un inverno nucleare e portare alla carestia globale.

Il fumo degli incendi sarebbe durato per anni nell’atmosfera superiore, bloccando la luce solare e rendendola fredda, scura e asciutta sulla superficie terrestre. Distruggerebbe anche l’ozono, migliorando la radiazione ultravioletta che raggiunge la superficie.

Mentre gli effetti immediati degli attacchi nucleari potrebbero uccidere centinaia di migliaia, i numeri che morirebbero di fame negli anni seguenti potrebbero ammontare a miliardi.

Nel vero senso della parola, la guerra nucleare potrebbe potenzialmente portare a un processo di estinzione umana:

Una guerra nucleare molto ampia sarebbe una calamità di proporzioni indescrivibili e conseguenze assolutamente imprevedibili, con le incertezze che tendono verso il peggio. . . . Una guerra nucleare totale significherebbe la distruzione della civiltà contemporanea, gettando indietro l’uomo secoli, causando la morte di centinaia di milioni o miliardi di persone e, con un certo grado di probabilità, causerebbe la distruzione dell’uomo come specie biologica … Andrei Sakharov, Affari esteri, estate 1983

 

Tali preoccupazioni sono state in gran parte escluse dal dibattito sul clima e dalla rivolta dell’estinzione.

Il movimento di protesta di estinzione di ribellione ha gli occhi puntati sulle crescenti emissioni di anidride carbonica (da combustibile fossile), annunciato come “il gas serra più pericoloso e prevalente”.

Tutte le altre variabili sono escluse. Bugie scientifiche per omissione.

.

Impatti dei prodotti chimici sullo strato di ozono

 

Nella storia recente, l’esaurimentodello strato di ozono è stato causato da clorofluorocarburi o CFC. I CFC sono un gas a effetto serra precedentemente utilizzato nelle unità di condizionamento e raffreddamento, compresi i frigoriferi.

L’uso dei CFC è stato vietato ai sensi del protocollo di Montreal. Uno studiodel giugno 2016 conferma tuttavia che il protocollo di Montreal non è riuscito a risolvere completamente il divieto dei CFC:

 

“Quando i paesi hanno iniziato a eliminare gradualmente i CFC, i produttori li hanno sostituiti con idrofluorocarburi (HFC). Gli HFC non riducono l’ozono, ma sono potenti gas serra, che contribuiscono al riscaldamento globale. La sfida futura sarà, quindi, quella di sviluppare nuove alternative agli HFC e far sì che il mondo li adotti ancora una volta.”

 

Inoltre, il protocollo di Montreal non ha eliminato il bromuro di metile (MeBr) che è unasostanza che impoverisce l’ozono.

 

Ilbromuro di metile (MeBr) viene utilizzato sempre più come fumigante biocida, principalmente nei terreni agricoli prima della semina delle colture. Questo utilizzo comporta un potenziale di riduzione dell’ozono stratosferico a causa della catalisi dell’atomo di Br, a seconda di quanto MeBr fuoriesca dai terreni fumigati nell’atmosfera.

 

Le simulazioni IPCC trascurano il fatto che HFC e MeBr costituiscono una minaccia allo strato di ozono.

Un recente rapporto delle Nazioni Unite conferma tuttavia che, nonostante la campana di allarme IPCC, “lo strato di ozono protettivo della Terra sta finalmente guarendo dai danni causati da spray aerosol e refrigeranti, un nuovo rapporto delle Nazioni Unite”.

 

Lo strato di ozono si era assottigliato dalla fine degli anni ’70. Gli scienziati hanno lanciato l’allarme e le sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono sono state eliminate gradualmente in tutto il mondo.

Di conseguenza, lo strato di ozono superiore sopra l’emisfero settentrionale dovrebbe essere completamente riparato negli anni 2030 e il buco nell’ozono antartico dovrebbe scomparire negli anni 2060, secondo una valutazione scientifica pubblicata lunedì in una conferenza a Quito, in Ecuador. L’emisfero australe è un po ‘in ritardo e il suo strato di ozono dovrebbe essere curato entro la metà del secolo. (AP novembre 2018)

 

Questo rapporto sulla riparazione dello strato di ozono non solo contraddice l’hype del combustibile fossile di CO2 IPCC, ma suggerisce anche che l’analisi delle singole variabili e le proiezioni di CO2 sono imperfette.

 

Tecniche di modifica ambientale (ENMOD)

 

La militarizzazione del clima è raramente menzionata nel dibattito sul clima. “Nel 1977, una Convenzione internazionale è stata ratificata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha vietato” l’uso militare o altro ostile di tecniche di modifica ambientale con effetti diffusi, duraturi o gravi”.

 

Ha definito le “tecniche di modifica ambientale” come “qualsiasi tecnica di cambiamento – attraverso la deliberata manipolazione dei processi naturali – la dinamica, la composizione o la struttura della terra, compresi il suo biota, litosfera, idrosfera e atmosfera o spazio esterno”.

Mentre la sostanza della Convenzione del 1977 è stata riaffermata nella Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) firmata al vertice della Terra del 1992 a Rio, il dibattito sulla modifica del clima per uso militare è diventato un tabù scientifico.

Gli analisti militari sono muti sull’argomento. I meteorologi non stanno indagando sulla questione e gli ambientalisti si concentrano sulle emissioni di gas a effetto serra ai sensi del protocollo di Kyoto. Né la possibilità di manipolazioni climatiche o ambientali come parte di un’agenda militare e di intelligence, sebbene tacitamente riconosciuta, fa parte del più ampio dibattito sui cambiamenti climatici sotto l’egida delle Nazioni Unite. (Michel Chossudovsky, TheEcologist, 2007)

 

Gli Stati Uniti possiedono un vasto arsenale di armi elettromagnetiche che sono in grado di sconvolgere il clima attraverso tecniche di modifica ambientale (ENMOD). (Vedigli scritti precedenti dell’autore)

Gli effetti delle tecniche ENMOD per uso militare sono stati documentati dalla CBCTV all’inizio degli anni ’90. Il rapporto ha riconosciuto che la struttura HAARP in Alaska (ora chiusa o trasferita in un’altra posizione) sotto l’egida dell’aeronautica americana aveva la capacità di innescare tifoni, terremoti, inondazioni e siccità:

 

“L’energia diretta è una tecnologia così potente che potrebbe essere utilizzata per riscaldare la ionosfera per trasformare il tempo in un’arma di guerra. Immagina di usare un’alluvione per distruggere una città o tornado per decimare un esercito in avvicinamento nel deserto. I militari hanno dedicato molto tempo alla modifica del clima come concetto per gli ambienti di battaglia. Se un impulso elettromagnetico scoppiasse su una città, praticamente tutte le cose elettroniche in casa sarebbero ammiccanti ed uscivano, e sarebbero state distrutte in modo permanente. “

Video CBC

“Possedere il tempo” per uso militare

Secondo il documentofinale dell’Aeronautica militare statunitense AF 2025, (originariamente all’indirizzo http://csat.au.af.mil/2025/volume3/vol3ch15.pdf)

l’esercito degli Stati Uniti alla fine avrebbe “posseduto il tempo”.

 

Capacità richiesta: Perché dovremmo voler pasticciare con il tempo? [titolo del capitolo 2, dopo l’introduzione]

Secondo il generale Gordon Sullivan, ex capo di stato maggiore dell’esercito, “Mentre saltiamo la tecnologia nel 21 ° secolo, saremo in grado di vedere il nemico giorno o notte, con qualsiasi tempo – e inseguirlo senza sosta”. Globale, preciso, reale – una solida, sistematica e sistematica modifica delle condizioni meteorologiche fornirebbe ai CINC di guerra un potente moltiplicatore di forze per raggiungere obiettivi militari. Poiché il tempo sarà comune a tutti i possibili futuri, una capacità di modifica del tempo sarebbe universalmente applicabile e avrebbe utilità in tutto lo spettro del conflitto. La capacità di influenzare il tempo anche su piccola scala potrebbe cambiarlo da un degradatore di forza in un moltiplicatore di forza.

 

Tecniche avanzate di guerra climatica tra cui tecniche di modifica ambientale:

“Offre al combattente di guerra una vasta gamma di possibili opzioni per sconfiggere o costringere un avversario”, le capacità, si dice, si estendono all’innesco di alluvioni, uragani, siccità e terremoti:

‘La modifica del clima diventerà parte della sicurezza nazionale e internazionale e potrebbe essere effettuata unilateralmente … Potrebbe avere applicazioni offensive e difensive e persino essere utilizzata per scopi dissuasivi. La capacità di generare precipitazioni, nebbia e tempeste sulla terra o di modificare il tempo nello spazio … e la produzione di tempo artificiale fanno tutti parte di un insieme integrato di tecnologie [militari]. ”(Enfasi aggiunta) Documentodell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti Rapporto finale AF 2025

 

fonte: documentofinale dell’aeronautica statunitense AF 2025

 

Osservazioni conclusive

L’instabilità climatica è una preoccupazione importante. Ma non può essere analizzato in modo isolato. È un processo estremamente complesso.

Mentre c’è un significativo movimento di base di giovani attivisti, il Consenso sul clima di CO2 ha distratto milioni di persone dalla comprensione delle minacce più ampie e in corso alla vita umana sul Pianeta Terra. A sua volta, il dibattito sul clima ha escluso il fatto ampiamente documentato che il clima può essere utilizzato per servire obiettivi militari.

Questi scioperi climatici si stanno verificando in un momento di crisi, in gran parte segnato dalle minacce statunitensi di condurre la guerra contro l’Iran. È previsto l’uso di armi nucleari tattiche contro l’Iran.

Gli attivisti vengono spesso ingannati da coloro che finanziano la campagna, tra cui Rockefeller et al., Nonché dagli organizzatori e dagli agenti di pubbliche relazioni che coinvolgono celebrità di Hollywood, et al.

La metodologia scientifica di base è sotto molti aspetti imperfetta.

In un’amara ironia, il movimento contro il capitalismo è finanziato dal capitalismo. Si chiama “dissenso prodotto”.

Guerra globale

La guerra globale che utilizza sistemi d’arma avanzati abbinati ad atti deliberati di distruzione, sabotaggio e destabilizzazione dei paesi sovrani costituisce la più grave minaccia alla sopravvivenza dell’umanità.

La globalizzazione della guerra è accoppiata alla deroga dei diritti civili, allo Stato di sorveglianza, alle riforme macroeconomiche neoliberali del FMI-Banca mondiale applicate in tutto il mondo che innescano la povertà di massa, la disoccupazione e la distruzione ambientale. Questo quadro politico globale (controllato da potenti interessi finanziari) abroga i diritti dei lavoratori, distrugge l’agricoltura familiare, mina lo stato sociale portando alla privatizzazione della salute e dell’istruzione, ecc.

Ciò che è richiesto è un ampio movimento di protesta che comprenda queste dimensioni correlate. Le cause alla base di questa crisi mondiale devono essere comprese. Non è causato da una singola variabile (ovvero le emissioni di CO2).

Il dibattito sull’estinzione e la guerra nucleare

Nove paesi tra cui Stati Uniti, Russia, Francia, Cina, Regno Unito, Israele, Pakistan, India, Corea del Nord possiedono insieme quasi 14.000 armi nucleari. (Dati 2017) Gli Stati Uniti e la Russia hanno rispettivamente 6185 e 6500.

Secondo l’ICAN, “Gli Stati Uniti e la Russia mantengono circa 1.800 delle loro armi nucleari in stato di massima allerta – pronti per essere lanciati in pochi minuti dopo un avvertimento”.

Le bombe nucleari odierne (ad eccezione delle cosiddette mini-bombe nucleari) sono significativamente più potenti in termini di capacità esplosiva rispetto a una bomba di Hiroshima.

Il “mini-nuke” B61.11 (classificato come una bomba nucleare “a basso rendimento” “più utilizzabile”) ha una capacità esplosiva tra un terzo e dodici volte una bomba di Hiroshima.

Le persone dovrebbero capire. Ci sono abbastanza bombe nucleari per distruggere la vita sul pianeta Terra più volte. Sicuramente questo dovrebbe far parte del dibattito sull’estinzione.

 

Mentre si può concettualizzare la perdita di vite umane e la distruzione derivante da guerre precedenti, tra cui Iraq e Afghanistan, è impossibile comprendere appieno la devastazione che potrebbe derivare da una terza guerra mondiale, usando “nuove tecnologie” e armi avanzate, fino a quando non si verificherà e diventerà una realtà. La comunità internazionale ha appoggiato la guerra nucleare in nome della pace mondiale. “Rendere il mondo più sicuro” è la giustificazione per l’avvio di un’operazione militare che potrebbe potenzialmente provocare un olocausto nucleare. (Michel Chossudovsky, 2011)

 

La guerra piuttosto che le emissioni di CO2 è la più grande minaccia per l’umanità. Oops, secondo i media, le armi nucleari sono un mezzo per raggiungere la pace nel mondo.

Trump ha un programma di armi nucleari da 1,2 trilioni di dollari, inizialmente istituito da Obama.

 

Mentre questo progetto da molti miliardi di dollari ha lo scopo di “rendere il mondo più sicuro”, queste (costose) armi nucleari sono classificate come “bombe umanitarie” più “utilizzabili”, “sicure per la popolazione circostante”, secondo l’opinione scientifica sul contratto con il Pentagono.

US-NATO e i loro alleati sono coinvolti in atti di guerra illegali. La guerra nucleare è sul tavolo da disegno del Pentagono.

Ma queste guerre non sono più illegali: fanno parte della “responsabilità di proteggere” (R2P ). Si tratta di “guerre umanitarie” o operazioni di “antiterrorismo” nonostante il fatto che milioni di persone siano state uccise e intere nazioni siano state distrutte. Si chiama “danno collaterale”.

Inutile dire che ci sono potenti interessi finanziari dietro la globalizzazione della guerra. e senza un’ampia propaganda mediatica, non potevano avere una gamba su cui stare.

La guerra fa bene agli affari. E fortunatamente per il complesso industriale militare, il movimento contro la guerra è morto.

Prevale il rituale di ribellione.

 

Max Gluckman (1911-1975), sociologo dell’Università di Manchester, nei suoi scritti ha mostrato come forme ritualizzate di ribellione da parte di coloro che protestano contro coloro che detengono il potere “attraverso un’espressione controllata di ostilità verso l’autorità” alla fine portano al rafforzamento delle strutture stabilite dell’autorità.

Non è quello che sta succedendo oggi?

Il movimento contro il capitalismo è finanziato e sostenuto dal capitalismo.

Il movimento contro la guerra è morto. Non ci sono proteste dirette contro la guerra globale e l’uso di armi nucleari in base al primo colpo.

Cosa c’è di più pericoloso, la CO2 o la guerra nucleare?

Fonte: https://www.globalresearch.ca/global-warming-and-the-ozone-layer-whats-more-dangerous-co2-or-nuclear-war/5690216

®wld

Il modo in cui soffia il vento geo-politico-economico-diplomatico-militare

Lascia un commento

 

 

La guerra programmata contro l’Iran

 

In realtà, la guerra contro l’Iran è già in corso da un po’ di tempo, almeno dal 1953, quando un colpo di stato della CIA contro il governo legalmente eletto di Mohammed Mosaddegh portò al potere il dittatore spietato, Mohammad Reza Pahlavi, che a sua volta fu rovesciato da una rivolta popolare nel 1979.

Naturalmente, il gioco allora, come ora, ruotava attorno al fatto che l’Iran si trova in cima a una vasta riserva di petrolio. Oggi più che mai, l’USA ambisce alle riserve petrolifere iraniane. La ragione fondamentale è piuttosto semplice: il potere e l’influenza globali dell’impero USA sono radicati nella sua emissione e nell’uso globale del petro-dollaro, così chiamato perché basato sul petrolio e sul commercio globale di petrolio, e anche secondariamente in altri prodotti, beni e servizi, molti dei quali sono anche direttamente o indirettamente petroliferi o dipendenti: automobili, plastica, aerei / aviazione, trasporti pubblici, prodotti agricoli, fertilizzanti, ecc.

Il problema per gli USA è che sempre più nazioni stanno abbandonando il petro-dollaro nel commercio internazionale, relegando sempre più il petro-dollaro all’irrilevanza, o almeno molto meno alla rilevanza, in modo tale che il suo status come valuta di riserva globale viene definitivamente e nettamente messo in questione.

Ad esempio, tre settimane fa, la Cina e la Russia hanno firmato un accordo per sviluppare il commercio bilaterale nelle rispettive valute nazionali, il rublo e lo yuan, aggirando efficacemente il dollaro. Dato che esistono già accordi per diverse centinaia di miliardi di dollari di esportazioni di petrolio dalla Russia verso la Cina, questo non è un passo insignificante.

 

E due settimane fa, i funzionari della Russia e dell’Unione europea (UE) hanno annunciato che vogliono “estendere rapidamente” l’uso dell’euro e del rublo nei pagamenti tra la Russia e l’UE, eliminando efficacemente il petro-dollaro dal loro commercio bilaterale.

La scritta è sul muro. Il petro-dollaro è destinato a un rapido, rapido declino. Cina, Russia, UE: questi sono i maggiori poteri globali.

Il potere dell’Impero USA è basato sull’uso globale del petro-dollaro. Se il globo abbandona il petro-dollaro, allora l’intero edificio fasullo e folle del controllo globale imperiale basato sul petro-dollaro arriverà a crollare. Quel giorno è duro per l’USA e la sua élite al potere lo sa.

Questo è assolutamente un fattore enorme nelle continue pressioni politiche, diplomatiche, economiche e militari contro il Venezuela e l’Iran, che si trovano in cima a due delle più grandi riserve di petrolio conosciute sul pianeta.

Un sistema basato sul petro-dollaro che non ha petrolio da vendere e/o commerciare, che non ha petrolio che controlla, è priva di significato, una contraddizione in termini. È semplicemente una nota storica nell’economia politica globale, niente di più. Di qui le manovre aggressive contro il Venezuela e l’Iran, l’obiettivo trasparente è quello di acquisire la proprietà diretta, o almeno il controllo indiretto, sui loro rispettivi enormi giacimenti di petrolio, per assicurarsi che siano venduti e scambiati sul mercato globale in petrodollari.

Il mezzo secolo di dominazione globale dei petro-dollari sta rapidamente volgendo al termine. l’USA si sta rapidamente costringendo a una situazione in cui dovrà usare la sua vasta macchina militare per imporre la supremazia globale dei petrodollari, o rischiare di vedere il crollo dei petrolieri e bruciare, mentre il mondo abbandona sempre più il petro-dollaro nel commercio internazionale. Mentre gli oggetti di scena sono cacciati da sotto il petro-dollaro, l’enorme, multi-trilione di dollari, la casa di carte finanziaria eretta sul valore e (presunto) dominio globale del petro-dollaro arriverà a precipitare, e velocemente.

Siamo a quel punto adesso. La supremazia degli USA sta per finire. Può finire in pace, con una resa dignitosa degli USA alle nuove realtà globali; o può finire in modo iper-violento, se l’USA decide di attaccare militarmente, di imporre la sua volontà schiacciando la forza marziale su altre nazioni.

Sembra che gli USA abbiano scelto la seconda opzione, la rotta della forza militare. Nelle scorse settimane abbiamo visto una piccola ondata di attacchi contro petroliere nel Golfo Persico e nella regione del Golfo di Oman. Gli israeliani sono i più probabili colpevoli di questi attacchi con false bandiere, che sono stati erroneamente imputati all’Iran.

Attacchi di bandiera falsa sono stati usati per secoli per provocare guerre, a volte molto grandi ed estremamente rovinose.

Si veda ad esempio il seguente elenco di punteggi di attacchi con false flag che sono stati impiegati o programmati nel corso dei secoli:

Leggi QUESTO prima di tifare per la prossima guerra
https://www.zerohedge.com/news/2019-06-21/read-cheering-next-war

Nulla mi sorprenderebbe di meno in questo frangente di vedere un flagrante, famigerato attacco a bandiera falsa, progettato per oltraggiare il sentimento pubblico e accendere le fiamme della guerra contro l’Iran. Questo sembra essere il modo in cui gli eventi attuali sono di tendenza, e sia Israele che gli USA hanno una storia deprecabile di impiegare attacchi con bandiere false per promuovere i loro obiettivi politici.

Come succede, Donald Trump si è metodicamente circondato di criminali di guerra e guerrafondai; sono i suoi incaricati personali. Il modo in cui soffia il vento geo-politico-economico-diplomatico-militare sembra certamente che gli USA abbiano optato per la guerra.

A questo punto, l’Impero non mostra segni di morte tranquillamente o pacificamente. Ha una macchina da guerra globale e sembra che intenda usarla. A parte l’intervento benevolo e divino, gli USA mostrano ogni indicazione di perseguire una guerra contro l’Iran, con l’amo o con la truffa (e anche potenzialmente contro il Venezuela, la Russia – che ha anche enormi riserve di petrolio, Cina, Corea del Nord e altro).

Questa è una follia. L’inferno sulla terra giace lungo il percorso che l’USA sembra determinato a perseguire.

Se gli USA persiste nella sua follia, la traiettoria geo-politico-economica-diplomatica-militare che è attualmente in corso non può, e assolutamente non lo farà, finire bene.

Donald Trump ha annunciato un paio di giorni fa che ha interrotto un imminente attacco militare contro l’Iran, perché uno dei suoi generali gli ha detto che probabilmente 150 iraniani sarebbero stati uccisi.

Traduzione: uno dei suoi generali, forse il generale Joseph Francis Dunford, Jr., il presidente dei capi di stato maggiore, gli disse che se fosse stato attaccato, l’Iran avrebbe combattuto ferocemente e che le perdite dell’USA sarebbero ammontate a circa 150.000 soldati il teatro medio-orientale-centro-asiatico-indiano, così come la perdita di forse $ 100 miliardi o più in materiale militare come navi, aerei, elicotteri, munizioni, magazzini, camion, carri armati, artiglieria, missili, basi militari e porti militari. In altre parole, un attacco contro l’Iran comporterebbe tremende perdite di rappresaglia che supererebbero di gran lunga qualsiasi cosa nella storia militare degli USA. Ciò farebbe sembrare Chancellorsville e Antietam come i picnic della scuola domenicale.

Dopo aver visto come l’USA e la NATO hanno ridotto e devastato l’Iraq, l’Afghanistan, la Libia, la Siria, l’ex Jugoslavia, il Vietnam negli anni ’60 e ’70 e la Corea negli anni ’50, gli iraniani andranno sicuramente in difesa della loro gente, della cultura e territorio nazionale.

I leader militari e politici iraniani hanno ripetutamente, chiaramente e pubblicamente annunciato la loro determinazione ad annientare tutte le forze e le basi USA nella regione, se vengono attaccate. Hanno anche chiarito abbondantemente che livelleranno Tel Aviv e Haifa in Israele.

Bisogna comprendere che l’Iran può fare tutto ciò con i missili balistici e le munizioni convenzionali; le armi nucleari non sono nemmeno necessarie. Il pubblico non apprezza il potere delle moderne armi termobariche, i cui effetti sono orribilmente incredibili e che possono estendersi su aree relativamente grandi. Dieci grandi testate termobariche consegnate a Diego Garcia, per esempio, avrebbero causato l’inferno sacro e avrebbero potuto effettivamente mettere fuori gioco la base. Gli iraniani possono farlo? Non ci scommetterei contro.

Hanno certamente missili che possono far fuori qualsiasi gruppo di battaglia nella portaerei nel Golfo Persico e nella regione del Golfo di Oman, o in qualsiasi base militare USA entro 1.000 miglia dal territorio iraniano.

Conosco tutto questo e non sono nemmeno un militare. In breve, se l’USA dovesse andare in guerra contro l’Iran, potrebbe aspettarsi la mortalità di massa del personale militare USA e molti miliardi di dollari in perdite nel materiale militare USA, proprio il primo giorno del conflitto.

Sì, tu dici, ma cosa succede se gli israeliani o gli USA usano le armi nucleari contro le città iraniane? In tal caso, puoi aspettarti che le città israeliane e statunitensi sarebbero oggetto di distruzione.

Certo, ti ricongiungerai, ma cosa succederebbe se gli israeliani o gli USA distruggessero le strutture nucleari iraniane? Allo stesso modo, aspettiamo che l’inferno nucleare venga in Israele e negli Stati Uniti.

La politica più sana, di gran lunga, sarebbe quella di non attaccare l’Iran e di rimuovere le sanzioni economiche che il regime di Trump ha imposto all’Iran.

Tuttavia, Donald Trump ha annunciato che domani, il 24 giugno 2019, gli USA imporrà sanzioni economiche ancora più restrittive sull’Iran.

Come ho detto sopra, se l’attuale traiettoria politica del regime di Trump rimane invariata, allora la situazione non può, e non andrà, finire bene. Non per l’Iran, non per Israele e certamente non per gli USA.

Se fossi in una posizione politica influente, Consiglierei la pace; ma io non lo sono, e i guerrafondai che occupano quelle posizioni di potere sono un inferno piegato alla guerra. Pertanto, se nulla cambia, la guerra potrebbe essere il risultato.

Fonte: https://eventhorizonchronicle.blogspot.com/

®wld

L’Aquila l’Orso e il Drago

Lascia un commento

L’aquila ha dimenticato opportunamente che l’originale e antica Via della Seta metteva in contatto il drago con l’impero romano da secoli – senza intrusi, aldifuori dell’Eurasia – afferma Pepe Escobar.

C’era una volta, nella notte dei tempi, attorno a pochi fuochi da campo nei deserti del sud est dell’Asia, un tempo in cui si raccontava una favola sull’aquila, sull’orso e il dragone per il divertimento dei miei interlocutori arabi e persiani. 

 

Si trattava di come all’inizio del XXI secolo, 

 …si erano tolti i guanti (di pelo) e si erano messi in quello che risultò essere la Guerra Fredda Versione 2.0.

 

Man mano che ci avviciniamo alla fine della seconda decade di questo secolo già incandescente, forse è meglio rendere più bella la favola, con il dovuto rispetto per Jean de la Fontaine.

 

Sono passati i giorni in cui l’orso frustrato si offerse di cooperare ripetutamente con l’aquila e con i suoi seguaci su un tema caldo:  

 

missili nucleari.  

 

L’orso ripetutamente affermò che lo spiegamento di missili e radar per intercettare in questa terra di ciechi che guidava ciechi, l’Europa, era una minaccia.  

 

L’aquila affermò ripetutamente che questo era fatto per proteggerci da quei persiani rinnegati.  

 

Adesso l’aquila, che afferma che il drago sta avendo un viaggio facile, ha disatteso tutti i trattati ed è impegnata nello spiegamento di missili nucleari in determinati luoghi dell’est della terra di ciechi che primeggia su ciechi, puntando essenzialmente all’orso.

Ponte del drago, ljubljana. (Ali Eminov/Creative Commons)

  

Tutto ciò che brilla è seta

 

Più o meno due decadi dopo che il principale orso Putin ha definito quella che è “la maggior catastrofe geopolitica del XX secolo, propose una forma di luce dell’URSS:  

 

un organismo politico/economico chiamata l’Unione Economica dell’Eurasia (EAEU).  

 

L’idea era che la EAEU interagisse con la UE… la principale istituzione dell’equipaggio eterogeneo si riunì come i ciechi che guidano i ciechi.  

 

L’aquila non solo rifiutò la possibile integrazione, ma le venne in mente di mettere in atto uno scenario di rivoluzione dal colore modificato per disunire l’Ucraina dalla EAEU.  

 

Prima di questo, l’aquila aveva voluto stabilire una Nuova Via della Seta sotto il suo totale controllo.  

 

L’aquila opportunamente aveva dimenticato che l’antica Via della Seta, univa il drago con l’impero romano da secoli, senza intrusi che venivano dall’Eurasia.  

 

Quindi potete immaginare lo stupore dell’aquila quando il drago irruppe nello scenario mondiale con le sue Nuove Vie della Seta super cariche, rendendo attuale l’idea originale dell’orso di una zona di libero commercio “da Lisbona a Vladivostock” e anche un corridoio di collegamento molteplice, sia terrestre che marittima, dall’est della Cina all’Europa Occidentale e tutto ciò che si trova in mezzo che comprende tutta l’Eurasia.  

 

Difronte questo nuovo paradigma, i cechi rimasero ciechi per tanto tempo come possiamo ricordare…non hanno potuto reagire in tempo.  

 

L’aquila da parte sua, andò aumentando gradualmente gli attacchi. Lanciò ciò che equivaleva a tutti i propositi pratici per stringere un cappio con le armi in maniera progressiva contro il drago.

 

 

 

L’Aquila ha fatto una serie di movimenti che equivalgono a incitare le nazioni che circondano il Mar della Cina Meridionale per contrapporsi al drago mentre riposizionano una serie di giocattoli (sootomarini nucleari, portaerei, aerei da combattimento) sempre più vicini al territorio del drago. 

 
Per tutto il tempo ciò che il drago ha visto e continua a vedere, è un’aquila maltrattata che cerca di uscire da un declino irreversibile che cerca di intimidire, allontanare e sabotare l’ascesa irreversibile del drago, dove è stato per 18 degli ultimi 20 secoli, insediato come il re della foresta. 
 
Un elemento chiave è che i giocatori di tutta la Eurasia sanno che, con le nuove leggi della giungla, il drago non può e non si ridurrà ad essere un attore secondario. 
 
E i giocatori di tutta l’Eurasia sono troppo intelligenti per imbarcarsi in una Guerra Fredda Versione 2.0 Y che debiliterebbe l’Eurasia stessa.
 
La reazione dell’aquila alla strategia della Via della Nuova Seta del drago ha impiegato un certo tempo dal passaggio della mancata azione alla completa demonizzazione, aggiungendo alla descrizione sia del drago sia dell’orso che sono minacce per l’esistenza… 
 
E senza dubbio nonostante tutto il fuoco incrociato, i giocatori di tutta l’Europa non sono poi molto impressionati da un impero dell’aquila armata fio ai denti. 
 
Specialmente dopo che la cresta dell’aquila fu molto danneggiata dall’insuccesso nella caccia in  
Le portaerei dell’aquila che pattugliano la parte orientale del Mare Nostrum non stanno proprio impaurendo l’orso, i Persiani e i Siriani.
 

James Audubon e il suo diario, pubblicato nel 1899 e reso di Dominio Pubblico. (Wikimedia Commons)

 

Un “nuovo inizio ” tra l’aquila e l’orso è stato sempre un mito.

 
C’è voluto un po’ di tempo e molte difficoltà finanziarie, perché l’orso si rendesse conto che non ci sarebbe stato nessun nuovo inizio, mentre il drago vide solo un nuovo inizio verso un confronto aperto. 
 
Dopo essersi rafforzato, in modo lento ma sicuro come la potenza militare più avanzata del pianeta, con conoscenze ipersoniche l’orso è arrivato a una conclusione sorprendente: 
Non ci interessa ciò che dice o faccia l’aquila… 

Sotto il vulcano infuriato

 
Intanto il drago ha continuato a espandersi inesorabilmente, in tutte le latitudini asiatiche, sia in Africa, sia in America Latina e anche nelle praterie infestate dalla disoccupazione dei ciechi colpiti dall’austerità che hanno diretto i ciechi
 
Il drago è fermamente sicuro che se è messo alle strette da dover ricorrere a una opzione nucleare, ha il potere di far esplodere l’incredibile deficit dell’aquila, di degradare il suo rating e causare devastazioni nel sistema finanziario globale.
 
Non ci deve sembrare strano che l’aquila, sotto una nuvola paranoica di dissonanza cognitiva che l’avvolge da tempo, che alimenta propaganda 24/7 ai suoi sudditi e schiavi nani, continua a espellere lava come un vulcano furioso, 
Fa molto male ammettere che il centro politico/economico di un nuovo mondo multipolare sara l’Asia… in realtà l’Eurasia
 
Man mano che l’aquila diveniva sempre più minacciosa, l’orso e il drago si avvicinavano in una associazione strategica. 
 
Adesso, sia l’orso sia il drago hanno troppi vincoli strategici in tutto il pianeta perché siano intimiditi dal massivo Impero di Basi (militari) dell’aquila o da quelle coalizioni periodiche “a volontà” (un tantino reticente)… 
 

Friedrich Johann Justin Bertuch, La creaturaa mitica del drago, 1806. (Wikimedia Commons)

 
In coincidenza con l’integrazione totale e in avanzata dell’Eurasia, di cui le Nuove Vie della seta sono il simbolo grafico, la furia scatenata dell’aquila, non ha niente da offrire eccezion fatta di una ripetetizione di una guerra contro l’Islam con il ritiro armato di ambedue, l’orso e il drago. 
 
Poi c’è la Persia (Iran) quei maestri di scacchi. 
 
L’aquila ha sparato a zero sugli Iraniani fin da quando non ebbero più il proconsole dell’aquila, lo Sha, nel 1979 e questo dopo che l’aquila e la perfida Albione già avevano schiacciato la democrazia per collocare lo Sha al potere nel 1953 che fece sì che Saddam sembrasse un Gandhi. 
 
L’aquila vuole recuperare tutto quel petrolio e gas naturale per non parlare di un nuovo Sha come nuovo gendarme del Golfo Persico. 
 
La diffferenza sta nel fatto che adesso l’orso e il drago stanno dicendo ‘in Nessun Modo’
Che farà l’aquila? 
 
Istituire una falsa ideologia per terminare con tutte le altre?
Questo è il punto in cui ci troviamo adesso. 
 
E ancora una volta arriviamo al finale, anche se non è la fine. Tuttavia non c’è morale per questa favola rivisitata. Continuiamo a sopportare le onde e le frecciate di una sorte indegna. 
 
La nostra unica e sottile speranza è che un gruppo di uomini vuoti ossessionati dal ‘Secondo Arrivo‘ non trasformi la Guerra Fredda Versione 2.0 in un Armagedon… 
 
di Pepe Escobar, un veterano periodista brasiliano, è in genere il corrispondente per Asia Times, con sede in Hong Kong. Il suo ultimo libro è ” 2030 “
 
dal Sito Web ConsortiumNews 
traduzione di Nicoletta Marino 
 
 

La stazione MUOS americana di Niscemi

Lascia un commento

 

 

Video: Funzionalità aerospaziali offensive statunitensi dirette contro l’intero pianeta: il sistema di comunicazioni satellitari MUOS in America

 

Di Manlio Dinucci 

Ricerca globale, 13 novembre 2018  

 

“Il M5S (5 Star Movement) si è diviso sul maxi-radar siciliano”, titolava il Corriere della Sera, diffondendo così una maxi falsa notizia – non sulla direzione del Movimento a 5 stelle, che, dopo aver vinto un consenso elettorale con il “No MUOS” in Sicilia, ora sta facendo marcia indietro – ma sull’oggetto stesso della controversia.  

 

Definendo la stazione MUOS di Niscemi come un “maxi-radar”, stanno ingannando l’opinione pubblica facendogli credere che si tratti di un dispositivo di scansione elettronica legato alla Terra, e quindi difensivo. Al contrario, il MUOS (Mobile User Objective System) è un nuovo sistema di comunicazione satellitare che estende la capacità offensiva degli Stati Uniti all’intero pianeta. 

 

Il sistema, sviluppato da Lockheed Martin per la US Navy, è composto da una configurazione iniziale di quattro satelliti (più uno in riserva) in un’orbita geostazionaria, e collegati a quattro stazioni terrestri – due negli Stati Uniti (Hawaï e Virginia ), uno in Sicilia e uno in Australia. Le quattro stazioni sono collegate da una rete di cavi in ​​fibra ottica terrestri e sottomarini (la stazione di Niscemi è collegata direttamente alla stazione in Virginia). 

 

Il MUOS, che è già in funzione, diventerà pienamente operativo nell’estate del 2019, raggiungendo una capacità 16 volte superiore a quella dei sistemi precedenti. Trasmetterà simultaneamente messaggi codificati ad altissima frequenza di materiale vocale, video e dati. Quindi sottomarini e navi da guerra, cacciabombardieri e droni, veicoli militari e unità terrestri degli Stati Uniti e dei loro alleati, saranno quindi collegati a un’unica rete di comando e controllo sotto gli ordini del Pentagono, mentre sono operando in qualsiasi parte del mondo, comprese le regioni polari.

 

Quindi la stazione MUOS di Niscemi non è un “maxi-radar siciliano” che custodisce l’isola, ma un elemento essenziale della macchina da guerra planetaria degli Stati Uniti.

 

Guarda il Video: Il circuito della morte nel “Mediterraneo allargato”

 

 

Lo stesso ruolo è svolto dalle altre principali basi USA e NATO in Italia. La Stazione Aeronavale di Sigonella, a pochi chilometri da Niscemi, è la base per il lancio di operazioni militari principalmente in Medio Oriente e in Africa, condotte da forze speciali e droni. 

La JTAGS (Joint Tactical Ground Station), una stazione satellitare statunitense dello “scudo antimissile” schierata a Sigonella – una delle cinque con portata globale (le altre sono situate negli Stati Uniti, Arabia Saudita, Corea del Sud e Giappone) – serve non solo per la difesa antimissile, ma anche per le operazioni di attacco comandate da posizioni avanzate. 

Il Comando Forze Alleate Alleate a Lago Patria (Napoli), è sotto l’ordine di un ammiraglio statunitense che comanda contemporaneamente le Forze navali statunitensi in Europa (con la Sesta flotta di Gaeta nel Lazio) e le Forze navali USA per l’Africa, di cui la sede è a Napoli-Capodichino. 

Camp Darby, il più grande arsenale degli Stati Uniti al di fuori della patria, fornisce gli Stati Uniti e le forze alleate per le loro guerre in Medio Oriente, Asia e Africa. 

La 173a Brigata Aviotrasportata degli Stati Uniti con sede a Vicenza, opera in Afghanistan, Iraq, Ucraina e altri paesi dell’Europa orientale. 

Le basi di Aviano e Ghedi – i siti di schieramento di combattenti statunitensi e italiani sotto il comando USA e dotati di bombe nucleari B61, che dal 2020 saranno sostituite da B61-12 – sono parte integrante della strategia nucleare del Pentagono. 

Per inciso, Luigi Di Maio e gli altri dirigenti del M5S [1] ricordano che hanno preso un impegno solenne con l’ICAN (Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari) per garantire che l’Italia aderisca al Trattato delle Nazioni Unite, liberando così l’Italia dalle armi nucleari USA ?

*

Nota per i lettori: fai clic sui pulsanti di condivisione sopra. Inoltra questo articolo ai tuoi elenchi di posta elettronica. Crosspost sul tuo blog, forum su internet. eccetera. 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in italiano su Il Manifesto. 

Tradotto da Pete Kimberley 

Manlio Dinucci è un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione. 

Nota 

[1] Il Movimento 5 Stelle è, insieme alla Lega, un partito governativo, in cui Luigi Di Maio è Vice Presidente del Consiglio dei Ministri. 

La fonte originale di questo articolo è Global Research 

Copyright © Manlio Dinucci, Global Research, 2018

Fonte: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Older Entries