Home

NASA: ha scelto di lasciare che la bufala del riscaldamento globale causata dall’uomo persista e si diffonda, a scapito della libertà umana

Lascia un commento

LA NASA AMMETTE: IL CAMBIAMENTO CLIMATICO SI VERIFICA A CAUSA DEI CAMBIAMENTI NELL’ORBITA SOLARE TERRESTRE E NON A CAUSA DEI COMBUSTIBILI FOSSILI

by Enzo Ragusa

Di Ethan Huff – 30 Agosto 2019

Da oltre 60 anni, la National Aeronautics and Space Administration (NASA) sa che i cambiamenti che si verificano nei modelli meteorologici planetari sono completamente naturali e normali. Ma l’agenzia spaziale, per qualsiasi ragione, ha scelto di lasciare che la bufala del riscaldamento globale causata dall’uomo persista e si diffonda, a scapito della libertà umana.

Correva l’anno 1958, per essere precisi, quando la NASA osservò per la prima volta che i cambiamenti nell’orbita solare della terra, insieme alle alterazioni dell’inclinazione assiale della terra, sono entrambi responsabili di ciò che gli scienziati del clima oggi hanno soprannominato “riscaldamento” (o “raffreddamento”, a seconda della loro agenda). In nessun modo, o forma, gli esseri umani riscaldano o raffreddano il pianeta guidando SUV o mangiando carne di manzo, in altre parole.

Ma la NASA finora non è riuscita a mettere le cose in chiaro, e ha invece scelto di sedersi in silenzio e guardare mentre i liberali impazziscono per il fatto che il mondo dovrebbe finire tra 12 anni a causa del troppo bestiame o delle troppe cannucce di plastica.

Nell’anno 2000, la NASA ha pubblicato informazioni sul suo sito web dell’Osservatorio della Terra sulla teoria del clima di Milankovitch, rivelando che il pianeta sta, in effetti, cambiando a causa di fattori estranei che non hanno assolutamente nulla a che fare con l’attività umana. Ma, ancora una volta, queste informazioni devono ancora diventare mainstream, circa 19 anni dopo, motivo per cui la sinistra squilibrata e ossessionata dal clima ha ora iniziato a sostenere che abbiamo davvero solo 18 mesi prima che il pianeta muoia per un eccesso di anidride carbonica ( CO2).

La verità, tuttavia, è molto più in linea con quanto proposto dall’astrofisico serbo Milutin Milankovitch, da cui prende il nome la teoria del clima di Milankovitch, su come le variazioni stagionali e latitudinali della radiazione solare che colpiscono la terra in modi diversi e in tempi diversi, hanno il maggiore impatto sui cambiamenti climatici della Terra.

Le due immagini sottostanti (di Robert Simmon, NASA GSFC) aiutano a illustrare questo, con la prima che mostra la terra a un’orbita quasi zero e la seconda che mostra la terra a un’orbita di 0,07. Questo cambiamento orbitale è rappresentato dalla forma ovale eccentrica nella seconda immagine, che è stata intenzionalmente esagerata allo scopo di mostrare il massiccio cambiamento di distanza che si verifica tra la terra e il sole, a seconda che si trovi al perielio o all’afelio.

“Anche la massima eccentricità dell’orbita terrestre – 0,07 – sarebbe impossibile da mostrare alla risoluzione di una pagina web”, osserva l’ Hal Turner Radio Show. “Anche così, all’attuale eccentricità di .017, la Terra è 5 milioni di chilometri più vicina al Sole al perielio che all’afelio”.

Il più grande fattore che influenza il clima terrestre è il SOLE

Per quanto riguarda l’obliquità terrestre, o il suo cambiamento nell’inclinazione assiale, le due immagini sottostanti (Robert Simmon, NASA GSFC) mostrano il grado in cui la terra può spostarsi sia sul suo asse che sul suo orientamento rotazionale. Alle pendenze più alte, le stagioni della terra diventano molto più estreme, mentre alle pendenze più basse diventano molto più miti. Una situazione simile esiste per l’asse di rotazione terrestre, che a seconda dell’emisfero puntato verso il sole durante il perielio, può avere un forte impatto sugli estremi stagionali tra i due emisferi.

Sulla base di queste diverse variabili, Milankovitch è stato in grado di elaborare un modello matematico completo in grado di calcolare le temperature della superficie terrestre andando indietro nel tempo, e la conclusione è semplice: il clima terrestre è sempre cambiato ed è in costante stato di flusso dovuto non a nostra colpa come esseri umani.

Quando Milankovitch ha proposto per la prima volta il suo modello, è stato ignorato per quasi mezzo secolo. Poi, nel 1976, uno studio pubblicato sulla rivista Science ha confermato che la teoria di Milankovitch è, in effetti, accurata e che corrisponde a vari periodi di cambiamento climatico che si sono verificati nel corso della storia.

Nel 1982, sei anni dopo la pubblicazione di questo studio, il Consiglio Nazionale delle Ricerche dell’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti adottò la teoria di Milankovitch come verità, dichiarando che:

… le variazioni orbitali rimangono il meccanismo più approfondito del cambiamento climatico su scale temporali di decine di migliaia di anni e sono di gran lunga il caso più chiaro di un effetto diretto del cambiamento dell’insolazione sulla bassa atmosfera della Terra.

Se dovessimo riassumere il tutto in una semplice frase, potremmo dire questo: il fattore più importante che influenza i modelli meteorologici e climatici sulla terra è il sole, punto. A seconda della posizione della Terra rispetto al Sole in un dato momento, le condizioni climatiche varieranno notevolmente e creeranno anche drastiche anomalie che sfidano tutto ciò che gli umani pensavano di sapere sul funzionamento della Terra.

Ma piuttosto che abbracciare questa verità, gli “scienziati” del clima di oggi, insieme a politici di sinistra e media mainstream complici, insistono sul fatto che non usare sacchetti della spesa riutilizzabili al supermercato e non avere un veicolo elettrico stanno distruggendo il pianeta così rapidamente che dobbiamo assolutamente implementare le tasse globali sul clima come soluzione.

“Il dibattito sul cambiamento climatico non riguarda la scienza. È uno sforzo per imporre controlli politici ed economici sulla popolazione da parte dell’élite”, ha scritto un commentatore all’Hal Turner Radio Show.

“Ed è un altro modo per dividere la popolazione contro se stessa, con alcuni che credono nel riscaldamento globale causato dall’uomo e altri no, cioè divide et impera”.

Puoi leggere il rapporto completo di Hal Turner Radio Show a questo link.

Fonte : Sott Net

Pubblicato sul sito web: https://www.attivitasolare.com/

®wld

Conferma del non coinvolgimento di CO² nel riscaldamento globale

Lascia un commento

Influenze solari
Centro di analisi dei dati

by Roger HiggsSeptember 23, 2021
from Principia-Scientific Website

Riscaldamento globale – – il raffreddamento imita le variazioni solari (ritardo di 150 anni), assorbe la CO 2 , fa presagire 50 anni più freddi , confermando il riscaldamento gonfiato 1980-2020NASA-HadCRUTGrafici ad alta risoluzione pubblicati dell’attività solare e delle temperature della Groenlandia (proxy; Wu, Vinther ) degli ultimi 9.000 anni (9ky) sono fortemente correlati visivamente, con picchi e tendenze centenario-millennio chiaramente corrispondenti ( Diapositiva 2 ).

(Grafico di Marcott a contrasto della temperatura globale dell’Olocene, senza spike a causa della minore risoluzione e livellamento, inserto della diapositiva 2).

La correlazione è ancora più chiara dopo aver inclinato all’indietro (de-trend) il grafico della temperatura per compensare il raffreddamento a lungo termine dovuto all’obliquità in calo della Terra (riquadro della diapositiva 2).

Immagine: Herrera et al 2015

Un evidente ritardo della temperatura di 100-200 anni (diapositiva 2) è attribuibile all’inerzia termica oceanica (grande capacità termica, lenta circolazione globale AMOC; cfr. Abdussamatov 15-20 anni di ritardo teorico).

Il ritardo allinea, ad esempio, il distico raffreddamento-riscaldamento dell’evento di 8,2 chilometri (nadir 6210 a.C.) con un eccezionale distico di grande minimo-massimo solare (nadir 6435 a.C.) e allinea il “riscaldamento” moderno (dal 1850; ripresa in corso da Piccola era glaciale) con l’ondata del Sole del 1695-1958 d.C., allo stesso modo la più forte in 9ky (Diapositiva 2).

Concentrandosi sull’ultimo 1ky, l’output solare (Brehm) corrisponde alla temperatura globale (PAGES2k); Il ritardo di 150-200 anni allinea la Piccola Era Glaciale (1440-1920) e i minimi solari di Wolf-through-Maunder (1270-1720; Diapositiva 3).

Infine, i grafici del termometro globale quasi identici della NASA e di HadCRUT imitano la serie di macchie solari levigate 1700-2020; Il ritardo di 140-160 anni allinea i rispettivi picchi moderni e ribassi pluridecennali (ad esempio, il minimo Dalton 1795-1820 equivale al raffreddamento 1945-75; Diapositiva 4 ).

Esponendo l’inesattezza della NASA-HadCRUT, la correlazione prevede un calore approssimativamente uguale per gli incantesimi caldi del 1930-50 (“dustbowl”) e del 2000-20 (basato sull’uguaglianza delle loro corrispondenti “gobbe” solari; Diapositiva 4), ma la NASA-HadCRUT afferma che il 2000- Il 2020 è stato molto più caldo (~0,7 °C) ( diapositive 5, 6 ), nonostante il loro differenziale artico sia inferiore (~0,5 °C; diapositiva 5), ​​violando l’amplificazione polare.

L’intervallo di caldo 2000-2020 segue (e continua) 20 anni di riscaldamento terrestre (superficie-aria) presumibilmente due volte più veloce della temperatura superficiale del mare (SST; Diapositive 4, 6 ); inspiegabilmente questo è iniziato bruscamente (1980; Diapositiva 6). Tale disaccoppiamento terra-mare è impossibile perché SST detta la temperatura media terra-aria (Humlum; presumibilmente per avvezione dell’aria di mare riscaldata [o raffreddata] dal mare), come evidenziato anche dalla loro uguaglianza (entro errore) fino al 1980 ( Slide 6 ).

Ciò conferma che la NASA-HadCRUT ha gonfiato le temperature del terreno post-1980 mediante aggiustamenti dell’urbanizzazione impropri (McKitrick, Richard, Heller, Connolly).

Nell’intero 9ky, l’unica somiglianza tra CO 2 e temperatura è il loro aumento simultaneo da ~1850 (inizio della rivoluzione industriale) (Diapositiva 7).

Ma la CO 2 sta accelerando, a differenza del riscaldamento (eccetto il grafico terrestre manipolato, Diapositiva 6); e la CO 2 non esprime i raffreddamenti del 1880-1910 e 1945-75, o la pausa del 1998-2012 (Slide 7); né esprime nessuno dei riscaldamenti precedenti al 1850 che rivaleggiavano con il tasso di riscaldamento moderno (diapositiva 7).

Così il nostro Sole guida il clima (Denton); Il potenziale di riscaldamento serra teorico della CO 2 , già (alle 400 di sera) ridotto “ben al regime di saturazione” (van Wijngaarden), deve essere annullato da feedback negativi (Higgs1, Higgs2).

Sapere che il ritardo oceanico è ~ 150 aa consente la previsione della temperatura.

Il raffreddamento in corso dal picco caldo del 2016 (equivale al picco del 1870 del ciclo 11, diapositiva 4) delle macchie solari durerà altri 5-10 anni (riduzione netta dei cicli 11-12).

Il freddo relativo si verificherà per 50-60 anni (cicli deboli 12-16).

Il successivo riscaldamento (aumento dal ciclo 16) raggiungerà il culmine ~ 2110 (~ 150 anni dopo il superpicco delle macchie solari del ciclo 19 del 1958) o 2140 (superpicco magnetico del ciclo 22 del 1991), a seconda di quale proprietà solare guida il clima (Svensmark).

Le temperature massime potrebbero superare quelle di 6600-5600BC (Diapositiva 2).

Seguiranno decenni di raffreddamento (declino solare in corso dal 1958/1991; (Diapositiva 4). Vedi di più qui …!

Pubblicato su: https://www.bibliotecapleyades.net/ciencia3/ciencia_globalwarmingpseudo262.htm

®wld

Geo-ingegneria Notizie di allerta globale: congelamento/frittura

Lascia un commento

Dane Wigington
GeoengineeringWatch.org

La comunità scientifica sta finalmente ammettendo che lo stato della biosfera è molto più disastroso di quanto precedentemente divulgato e che qualsiasi recupero richiederebbe “milioni di anni”. Quale fattore centrale nell’equazione viene ancora completamente negato? Basta guardare ai nostri cieli per la risposta. Le operazioni di ingegneria del clima continuano ad essere intensificate man mano che lo scenario CV-19 si espande. Nel frattempo il flusso costante di disinformazione e propaganda che viene spinto sulle popolazioni peggiora di giorno in giorno. Troppi stanno ancora cercando di convincersi che se faranno tutto ciò che viene detto loro da “fonti ufficiali”, le loro vite “ritorneranno alla normalità”. L’ultima puntata di Global Alert News è di seguito. I

I geoingegneri si sono costantemente concentrati sul raffreddamento della metà orientale del Nord America (la parte più popolata degli Stati Uniti) per quasi un decennio. In questo modo si mantiene la confusione e la divisione della popolazione riguardo alla vera gravità del riscaldamento planetario. La mappa della NASA “partenza dalla normale temperatura elevata” di seguito rivela il tasso medio di riscaldamento planetario da aprile 2012 ad aprile 2021. La regione terrestre più anomalamente “meno calda” del mondo intero negli ultimi 9 anni consecutivi è chiaramente la regione orientale metà del Nord America. Questo non è il risultato della Natura, è l’ingegneria del clima.

La mappa “previsione” NOAA qui sotto (meteo programmato) è davvero scioccante. La mappa riflette la “partenza dalle normali temperature elevate” che sono “previste” (in fase di progettazione). I responsabili del clima stanno costringendo il sistema climatico ben oltre il punto di rottura, friggendo l’ovest degli Stati Uniti nel tentativo in corso di raffreddare artificialmente altre parti del paese. Le operazioni di ingegneria del clima continuano a creare estremi di congelamento/frittura.

Tutti sono necessari nella  battaglia critica per svegliare le popolazioni  a ciò che sta arrivando,  dobbiamo fare in modo che ogni giorno conti . Condividi  dati credibili  da una fonte credibile, fai sentire la tua voce. Gli sforzi di sensibilizzazione possono essere effettuati dal proprio computer di casa.
DW

Fonte: https://www.geoengineeringwatch.org/category/breaking-news/

________________________________________*_______________________________________

Per saperne di più:

®wld

Le tecnofirme di civiltà aliene avanzate

Lascia un commento

PREPARARE LA NARRATIVA: IL PAPER DELLA NASA AMMETTE DI CERCARE TECNOLOGIA NELLO SPAZIO  

By Joseph P. Farrell 

C’è un articolo curioso sulla rivista Forbes che è stato condiviso da VT, in cui è riportato che un recente documento della NASA sostiene la ricerca di tecnologia da altre civiltà nello spazio:

Rivelato: perché dovremmo cercare antiche astronavi aliene su Luna, Marte e Mercurio secondo gli scienziati della NASA

C’è un’interpretazione interessante da dare a questa storia attraverso un po’ di speculazioni ad alto numero di ottani, ma ci arriveremo. Per prima cosa, tuttavia, per evidenziare questa speculazione, diamo un’occhiata all’articolo e come riassume il documento della NASA. Dall’inizio dell’articolo leggiamo i seguenti paragrafi:

Dai siti degli incidenti UFO su altri pianeti e alieni “in agguato” sugli asteroidi a un radiotelescopio permanente sul lato più lontano della Luna, un nuovo studio finanziato dalla NASA sulla ricerca della vita extraterrestre intelligente (SETI) descrive in dettaglio come le future missioni della NASA potrebbero intenzionalmente cercate le “tecnofirme” di civiltà aliene avanzate.

Descritto come prova dell’uso della tecnologia o dell’attività industriale in altre parti dell’Universo, la ricerca di tecnofirme è appena iniziata, ma potrebbe portare alla luce qualcosa di sorprendente senza molta spesa aggiuntiva, afferma lo studio.

Pubblicato sulla rivista specializzata  Acta Astronautica, lo studio include un elenco di ciò che le missioni della NASA potrebbero rilevare come “prova di vita extraterrestre” oltre la Terra.

Forse la cosa più intrigante, il documento suggerisce che le sonde interstellari potrebbero essere state inviate nel Sistema Solare molto tempo fa, forse durante l’ultimo incontro ravvicinato del nostro Sole con altre stelle.

Questo di per sé è interessante, poiché l’implicazione dell’ultimo paragrafo è una tacita ammissione che “qualcuno” al di fuori di questo sistema solare potrebbe essere “stato qui” molto tempo fa. Con questo, c’è un’ulteriore implicazione, vale a dire che parte della missione della NASA dovrebbe includere – per mancanza di un’espressione migliore – l’archeologia extraterrestre. L’articolo riassume quindi l’elenco della NASA di “cose ​​da cercare”, che, notiamo, include (1) una ricerca per “siti di crash sulla Luna, Marte, Mercurio o Cerere”. Ciò che è interessante ancora una volta sono le implicazioni, poiché i siti di crash implicherebbero “campi di detriti” e chiunque abbia guardato attraverso le istantanee che accompagnano il link del blog di venerdì scorso apprezzerà prontamente il significato di questo punto.

Ancora più peculiari sono i punti (5) e (6). Il punto (5) osserva che la NASA dovrebbe cercare “lurkers on asteroids”. I lettori abituali dei miei libri e blog sapranno che ho preso in considerazione l’ipotesi del pianeta esploso per la creazione della cintura degli asteroidi, un’ipotesi avanzata dagli astronomi nel 19° secolo che postulavano un pianeta ormai scomparso nel sistema solare che esplose e creò non solo molte delle comete in orbita attorno al sole, ma la cintura degli asteroidi del nostro sistema solare, un’ipotesi ripresa nel 20° secolo dal dott. Tom van Flandern dell’Osservatorio navale degli Stati Uniti. In particolare, gli astronomi del 19° secolo chiamarono quel pianeta scomparso “Krypton”. Ancora più interessante è il fatto che la NASA sta ora intrattenendo un’idea che ho avanzato al programma spaziale segreto 2015 a Bastrop, in Texas, dove ho unito l’idea di “The Watchers” trovato in testi antichi come il testo slavo del libro di Enoch, l’ipotesi del pianeta esploso e l’ipotesi di un’antica guerra cosmica.

Poi arriva il punto numero (6), vale a dire che la NASA dovrebbe condurre “missioni di intercettazione” su “intrusi interstellari”, come la “cometa” Oumuamua che è arrivata strisciando nel nostro Sistema Solare alcuni anni fa, e poi se n’è andata. Alcuni scienziati seri hanno preso in considerazione l’idea che la “cometa” non fosse affatto una cometa, ma un’astronave o una sonda spaziale di qualche tipo. A questo proposito, l’idea di “missioni intercettare” assume un risvolto più che vieta: che cosa dobbiamo fare se ci facciamo intercettare qualcosa di simile? E poi finalmente, un altro storditore, il numero (10): cerca “piccoli asteroidi” che potrebbero in effetti essere “artificiali”.

Ora, tutto questo potrebbe sembrare “nuovo” ed eccitante, tranne per il fatto che non è affatto nuovo. Alla fine degli anni ’50 la NASA commissionò al Brookings Institute uno studio su ciò che ci si poteva aspettare di trovare mentre l’umanità si avventurava nello spazio. Lo studio ha concluso che si potrebbero trovare tutti i tipi di “resti” e “artefatti”, compresa l’alta tecnologia, lasciati da qualche antica civiltà spaziale là fuori. Lo studio ha concluso che, se così fosse, tali scoperte dovrebbero essere gestite con molta attenzione se non mantenute del tutto segrete, per paura che la sua divulgazione sconvolgerebbe i fondamentalisti religiosi. Leggendo tra le righe della relazione, è proprio questo che sottintende uno degli scopi di avventurarsi nello spazio significava recuperare (e presumibilmente, decodificare) tale tecnologia, e qualsiasi vecchia scusa per mantenerla segreta andava bene.

Allora perché sto provando quella storia? A causa dell’odierna speculazione ad alto numero di ottani. Il recente documento della NASA sulla ricerca di tale tecnologia e sulla conduzione di missioni di “intercettazione” non è poi così nuovo. In effetti, la possibilità è stata conosciuta e discussa fin dall’inizio. E se la NASA ci ha pensato, si può essere certi che anche i sovietici – gli unici altri giocatori nella corsa allo spazio in quel momento – lo fecero anche loro. Ma la maggior parte delle persone non ha mai sentito parlare del Brookings Report, e ancora meno si è seduto per leggerlo effettivamente. (Quando uno lo fa, si subisce uno shock, come ho descritto nel mio libro Covert Wars and the Clash of Civilizations). In ogni caso, la novità qui non è il contenuto tanto quanto si parla di queste idee, non in uno studio specializzato in think tank, ma in un importante punto vendita di mezzi di stampa.

Questa, penso sia la vera storia qui. E già che ci sono, uscirò ancora una volta dalla fine del ramoscello della speculazione:

Penso che si stia preparando una nuova narrativa. Dopotutto, negli ultimi tre o quattro anni abbiamo assistito a un definitivo “aumento” nella copertura mediatica principale in streaming lamestream dell’intera questione UFO.

Fonte: https://gizadeathstar.com/

®wld

Quattro sorprendenti scoperte astronomiche dell’antica Grecia

Lascia un commento

 

 

Quattro antiche scoperte dell’astronomia greca che ancora confondono gli esperti 

 

Le storie di Erodoto (dal 484 a.C. al 425 a.C.) offrono una straordinaria finestra sul mondo, come era noto all’antica astronomia greca nella metà del 20 ° secolo a.C. Tuttavia, quasi altrettanto interessante di ciò che sapevano è ciò che non sapevano. Ciò pone le basi per notevoli progressi nella loro comprensione nei prossimi secoli, semplicemente facendo affidamento su ciò che potrebbero osservare con i propri occhi.

Erodoto sosteneva che l’Africa era quasi completamente circondata dal mare. Come lo sapevi? Racconta la storia dei marinai fenici che furono mandati dal re Neco II d’Egitto (intorno al 600 a.C.) a navigare in senso orario attorno all’Africa continentale, iniziando nel Mar Rosso. Questa storia, se vera, racconta la più antica circumnavigazione conosciuta in Africa, ma contiene anche una visione interessante della conoscenza astronomica del mondo antico.

Il viaggio è durato diversi anni. Dopo aver arrotondato la punta meridionale dell’Africa e aver seguito una rotta verso ovest, i marinai osservarono che il Sole era alla loro destra, sopra l’orizzonte settentrionale. Questa osservazione semplicemente non aveva senso in quel momento perché non sapevano ancora che la Terra avesse una forma sferica e che esistesse un emisfero meridionale.

1. I pianeti orbitano attorno al sole

Pochi secoli dopo, erano stati fatti molti progressi. Aristarco di Samo (dal 310 a.C. al 230 a.C.) sostenne che il Sole era il “fuoco centrale” del cosmo e collocò tutti i pianeti conosciuti nel loro corretto ordine di distanza attorno a loro. Questa è la più antica teoria eliocentrica nota del sistema solare.

Sfortunatamente, il testo originale in cui fa questo argomento è andato perduto nella storia, quindi non possiamo sapere con certezza come l’abbia risolto. Aristarco sapeva che il Sole era molto più grande della Terra o della Luna e avrebbe potuto presumere che dovesse quindi avere la posizione centrale nel Sistema Solare.

Tuttavia, è una scoperta sorprendente, soprattutto se si considera che non è stato riscoperto fino al XVI secolo da Nicolaus Copernicus, che ha persino riconosciuto Aristarco durante lo sviluppo della propria opera.

 

 

Ritratto di Nicola Copernico. Il primo uomo a riscoprire le scoperte di Aristarco dall’antica astronomia greca. (Museo regionale di Toruń / Dominio pubblico)

 

2. La dimensione della luna

Uno dei libri sopravvissuti di Aristarco è sulle dimensioni e le distanze del Sole e della Luna . In questo straordinario trattato, Aristarco presentò i primi tentativi noti di calcolare le dimensioni e le distanze relative al Sole e alla Luna.

Per molto tempo è stato osservato che il sole e la luna sembravano avere la stessa dimensione apparente nel cielo e che il sole era più lontano. L’hanno capito dalle eclissi solari, causate dal passaggio della luna di fronte al sole ad una certa distanza dalla Terra.

Inoltre, nell’istante in cui la luna si trova nel primo o terzo trimestre , Aristarco pensò che il sole, la terra e la luna avrebbero formato un triangolo rettangolo.

Dato che Pitagora aveva determinato come le lunghezze dei lati del triangolo fossero collegate un paio di secoli prima, Aristarco usò il triangolo per stimare che la distanza dal sole era tra 18 e 20 volte la distanza dalla luna. Ha anche calcolato che la dimensione della luna era circa un terzo di quella della Terra, in base all’attento tempismo delle eclissi lunari.


Una riproduzione del X secolo di un diagramma di Aristarco che mostra parte della geometria che ha usato nei suoi calcoli, dimostrando i progressi compiuti nell’antica astronomia greca. (Dominio pubblico)

 

Sebbene la sua distanza stimata dal Sole fosse troppo bassa (il rapporto effettivo è 390), a causa della mancanza di precisione telescopica disponibile al momento, il valore del rapporto tra le dimensioni della Terra e della Luna è sorprendentemente preciso (la Luna è 0,27 volte il diametro della Terra).

Oggi conosciamo le dimensioni e la distanza dalla luna esattamente con una varietà di mezzi, inclusi telescopi precisi, osservazioni radar e riflettori laser che gli astronauti dell’Apollo hanno lasciato in superficie.

3. La circonferenza della Terra

Eratostene (dal 276 a.C. al 195 a.C.) fu capo bibliotecario della Grande Biblioteca di Alessandria e grande sperimentatore. Tra i suoi numerosi successi vi fu il primo calcolo noto della circonferenza terrestre. Pitagora è generalmente considerato il primo difensore di una Terra sferica, sebbene apparentemente non abbia le sue dimensioni. Il famoso e semplice metodo di Eratostene si basava sulla misurazione delle diverse lunghezze di ombre proiettate da pali catturati verticalmente nel terreno, a mezzogiorno nel solstizio d’estate, a diverse latitudini.

Il Sole è abbastanza lontano che ovunque i suoi raggi raggiungano la Terra, sono effettivamente paralleli, come Aristarch aveva precedentemente mostrato. Quindi la differenza nelle ombre ha mostrato quanto la superficie della Terra si curvasse. Eratostene usò questo per stimare la circonferenza della Terra in circa 40.000 km (24.856 miglia). Questo è entro un paio di percento del valore reale, come stabilito dalla moderna geodesia (la scienza della forma della Terra).

Più tardi, un altro scienziato di nome Posidonio (dal 135 a.C. al 51 a.C.) usò un metodo leggermente diverso e trovò quasi esattamente la stessa risposta. Posidonio visse sull’isola di Rodi per gran parte della sua vita. Lì osservò che la stella luminosa Canopo si sarebbe trovata molto vicino all’orizzonte. Tuttavia, quando si trovava ad Alessandria, in Egitto, notò che Canopo sarebbe salito a circa 7,5 gradi sopra l’orizzonte.

Poiché 7,5 gradi sono 1/48 di un cerchio, ha moltiplicato la distanza da Rodi ad Alessandria per 48 e ha anche raggiunto un valore di circa 40.000 km.

4. Il primo calcolatore astronomico

Il calcolatore meccanico sopravvissuto più antico del mondo è il meccanismo Anticythera. Il sorprendente dispositivo fu scoperto in un antico naufragio al largo dell’isola greca di Antikythera nel 1900.

 

 

Questo dispositivo, il meccanismo Anticythera, è considerato il computer più antico del mondo. Attraverso una serie di ingranaggi, è stato utilizzato per prevedere posizioni astronomiche ed eclissi per scopi calendari e astrologici. (Turisti del fine settimana / CC BY 2.0)

 

Il dispositivo ora è frammentato nel tempo, ma quando intatto sarebbe apparso come una scatola che ospita dozzine di ruote dentate in bronzo finemente lavorate. Quando viene ruotato manualmente da una maniglia, la distanza dei segni degli ingranaggi all’esterno mostra le fasi lunari, i tempi delle eclissi lunari e le posizioni dei cinque pianeti conosciuti (Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno) su diversi periodi dell’anno. Questo spiega anche il loro movimento retrogrado, un cambiamento illusorio nel moto dei pianeti attraverso il cielo.

Non sappiamo chi l’abbia costruito, ma risale a qualche tempo tra il III e il I secolo a.C. e potrebbe anche essere stato opera di Archimede. La tecnologia degli ingranaggi con la raffinatezza del Meccanismo Anti-Cythera non è stata vista da mille anni.

Sfortunatamente, la stragrande maggioranza di queste opere è andata perduta nella storia e il nostro risveglio scientifico è stato ritardato di millenni. Come strumento per introdurre la misurazione scientifica, le tecniche di Eratosthenes sono relativamente facili da eseguire e non richiedono attrezzature speciali, consentendo a coloro che hanno appena iniziato il loro interesse per la scienza di capire, sperimentare e, in definitiva, seguire le orme di alcuni dei primi scienziati.

Si può ipotizzare dove potrebbe essere la nostra civiltà ora se questa antica scienza avesse continuato senza sosta. 

 

Immagine di copertina: l’astronomia dell’antica Grecia ha confuso gli esperti per secoli: come facevano a sapere ciò che sapevano tanto tempo fa? Queste quattro scoperte lo incarnano. Nell’immagine: vista della Terra, della Luna e del Sole dagli elementi spaziali (immagine originale della NASA). Fonte: vovan / Adobe stock

 

L’articolo “Quattro scoperte dell’antica astronomia greca ancora sconcertanti per gli esperti” di Gareth Dorain e Ian Whittaker è stato originariamente pubblicato come “Quattro sorprendenti scoperte astronomiche dell’antica Grecia” in The Conversation ed è stato ripubblicato sotto licenza Creative Commons.

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

 

®wld

Older Entries