Home

La Fattoria degli Animali

Lascia un commento

A porte chiuse: laboratori di ricerca medica 

di Jon Rappoport 

Negli ultimi due anni ho commentato ciò che accade nei laboratori di ricerca. La “scienza” pazza, la crudeltà colpita da esseri umani e animali, che sono i soggetti del test.

Il mio lavoro su questo risale agli anni ’80, quando stavo scrivendo il mio primo libro, AIDS INC. Dopo aver letto letteratura rinnegata e trapelata in quel momento, ho fatto la seguente valutazione:

Per dimostrare le loro ipotesi sui germi che causano malattie, i ricercatori faranno prima di tutto per indebolire gli animali, quindi sembra che iniettare loro (presunti) germi li infetti e li faccia ammalare.

Questo “lavoro di preparazione” per indebolire gli animali include:

Modificazione genetica distruttiva;

L’iniezione di sostanze chimiche tossiche e droghe;

La rimozione del sistema immunitario degli animali;

L’iniezione di sieri tossici composti da materiale prelevato da altre specie animali;

Esporre gli animali ad alte dosi di radiazioni;

L’innesto di materiale sugli animali di altre specie;

La messa in gabbia e l’isolamento degli animali per lunghi periodi, che produce grande stress e soppressione del sistema immunitario;

Praticare fori negli animali e attaccare ad essi e al loro interno sistemi di ritenuta e sensori;

Rimproverare gli animali, trattarli come oggetti;

Condurre ricerche in strutture non igieniche e sporche.

E poi, infine, emettere documenti falsificati per supportare bugie sui risultati, al fine di dimostrare conclusioni predestinate.

L’intero catalogo della tortura è formulato e nascosto in un linguaggio tecnico secco ed eufemismo. Le riviste mediche non descrivono NIENTE sulle reazioni degli animali a questa brutale ferocia. Se lo facessero, i ricercatori sarebbero smascherati come sadici di rango, il loro lavoro sarebbe screditato e alla fine ci sarebbe un tumulto pubblico.

Per quanto riguarda i soggetti di prova umani, forse hai sentito parlare degli esperimenti con le radiazioni eseguiti su pazienti negli ospedali statunitensi durante la seconda guerra mondiale.

In conclusione: scienziati e funzionari del governo hanno deciso che avevano bisogno di sapere quante radiazioni avrebbero ucciso un essere umano. Dopotutto, i lavoratori del Manhattan Project stavano cercando di costruire una bomba atomica. Erano esposti alle radiazioni.

Quindi sono stati selezionati i pazienti “malati terminali”. Il consenso informato era fuori questione. I pazienti ignari sono stati segretamente iniettati con alte dosi di elementi radioattivi. Sono stati prelevati e analizzati campioni di tessuto. Come si è scoperto, alcuni dei pazienti non erano terminali. Erano stati diagnosticati erroneamente, oi medici sapevano in anticipo che erano relativamente sani. L’intero studio era altamente classificato e poche persone sapevano della sua esistenza.

Dal rapporto del 2017 della Atomic Heritage Foundation, Human Radiation Experiments, ecco le descrizioni di due dei pazienti:

“Ebb Cade è stato il primo soggetto di prova. Cade era un maschio afroamericano di 53 anni che lavorava per una società di costruzioni di Oak Ridge come betoniera. Il 24 marzo 1945 fu coinvolto in un incidente automobilistico, che gli provocò fratture al braccio e alla gamba. I documenti dell’epoca mostrano che per il resto era sano. Nelle due settimane successive, gli fu dato il nome in codice HP-12, con HP che sta per Human Product [!]. Il Dr. Friedell ha scritto al Dr. Hempelmann a Los Alamos che aveva trovato un soggetto primario per l’esperimento del plutonio.

“Il 10 aprile 1945, il dottor Joseph Howland ha somministrato una dose di plutonio di 4,7 microgrammi a Cade, che era in attesa di una procedura per sistemare le sue ossa. Dal 1943 al 1945, il carico corporeo massimo possibile (MPBB) per il plutonio era stato di 5 microgrammi, in base ai limiti adottati per il radio. Basandosi sulla sperimentazione animale, Langham e Friedell avevano recentemente concluso che poiché il plutonio è rimasto nell’osso più a lungo del radio, l’MPBB dovrebbe essere effettivamente fissato a 1 microgrammo. La dose di Cade era quasi cinque volte quel limite.»

“Cade non è stato curato per le ferite al braccio e alla gamba fino al 15 aprile, cinque giorni dopo l’iniezione, in modo che i medici potessero fare una biopsia dei suoi campioni di ossa. Ciò ha incluso l’estrazione di 15 dei suoi denti, che sono stati successivamente spediti a Wright Langham a Los Alamos. Non è chiaro se Cade soffrisse di carie dentaria legittima. Poco dopo che le sue ossa erano state sistemate, Cade si è improvvisamente dimesso dall’ospedale. Si trasferì dal Tennessee e morì di insufficienza cardiaca il 13 aprile 1953, 8 anni dopo l’iniezione di Oak Ridge.

“Un altro caso discutibile è stato CAL-2, un bambino di quattro anni di nome Simeon Shaw affetto da cancro terminale alle ossa. È stato trasportato con sua madre all’ospedale UCSF in un aereo militare americano dall’Australia, apparentemente sotto il consiglio di un medico in Australia. Arrivò in California nell’aprile 1946 e fu ricoverato in ospedale. Per qualche tempo è stato separato [da] sua madre, a cui erano consentite solo visite periodiche. Simeon ha ricevuto un’iniezione di plutonio all’UCSF sotto la supervisione di Joseph Hamilton ed è stato dimesso dall’ospedale entro un mese. Gli Shaw tornarono in Australia e non furono mai condotti follow-up. Simeone morì otto mesi dopo».

“I medici coinvolti [nell’intero progetto] sapevano che le procedure non avevano benefici terapeutici e sarebbero state dannose a lungo termine se i pazienti fossero sopravvissuti. La sperimentazione umana era giustificata dall’affermazione che i pazienti erano malati terminali; tuttavia, questo non era vero in tutti i casi. Sono stati commessi errori ripetuti nella diagnosi, nella procedura, nella documentazione e nella ricerca, mettendo infine in discussione l’efficacia degli esperimenti stessi”.

I medici ei burocrati non avevano nemmeno l’etica o il buon senso per rendere utilizzabili i loro referti.

Niente è cambiato. I v@xxini C-O-V-I-D stanno ferendo e uccidendo un numero enorme di persone in tutto il mondo e i governi e i media insistono nel coprire e distorcere i fatti sul più grande esperimento della storia umana.

Dai leader di governo in decine di paesi, fino agli esperti decrepiti come Noam Chomsky, la parola è sparsa: i non v@xxinati sono lebbrosi e devono essere isolati dal resto della società.

Ma a volte i soggetti del test si ribellano e escono dalle loro gabbie. Quando lo fanno, non sono bravi ragazzi e ragazze.

Allora si chiamano insurrezionisti e terroristi. Ma la verità è molto più semplice.

Agli esseri viventi non piace essere torturati.

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/2021/10/28/behind-closed-doors-medical-research-labs/

®wld

Super Galline & Zanzare Terminators

3 commenti

Share: FacebookTwitterPinterest

Il Sequel di Crolla Cabala, Crolla! – Parte 9

Qlobal-Change Italia

@QlobalChangeItalia

Da Bill Gates come salvatore dell’umanità e del pianeta Terra, alle sue attività più sconosciute e segrete, la sua ossessione per la modificazione genetica praticamente su ogni cosa sui cui possa mettere le mani, oltre ai suoi legami con l’esercito degli Stati Uniti e il suo interesse per la guerra biologica. Diamo uno sguardo ad alcune delle attività di Gates di cui potresti non aver sentito nei notiziari…

DOWNLOAD & REUPLOAD di tutti i nostri video esplicitamente DESIDERATI! Il nostro lavoro gratuito dovrebbe essere disponibile ovunque.

Seguite Q su
https://qposts.in/

Qlobal-Change è una piattaforma che unisce le notizie alternativi.

Blog:
https://qlobal-change-italy.blogspot.com

Telegram: t.me/QlobalChangeItalia

NewsFEED su Telegram: t.me/QC_Italia_BlogFEED

La parte 8 QUI

Se ti sei perso i “Sequel” dei video precedenti, li puoi trovare QUI  

®wld