Home

Chi erano gli Anunnaki? Gli antichi dei della Mesopotamia

Lascia un commento

by Ancient Code Team

Si ritiene che gli Anunnaki siano i creatori dell’Uomo. Questi potenti Dei hanno lasciato la Terra in un lontano passato, dicendo che un giorno torneranno sulla Terra. Curiosamente, se osserviamo le antiche culture in tutto il mondo, la maggior parte dei loro dei, dei creatori, hanno lasciato la Terra e hanno promesso di tornare un giorno.

Secondo alcuni ricercatori e autori, gli Anunnaki dovrebbero tornare sulla Terra per “sistemare ciò che avevano fatto di sbagliato” in modo da accelerare un risveglio spirituale e l’evoluzione della coscienza umana.

Gli Anunnaki potrebbero tornare sulla Terra, secondo una recente intervista con Stan Deyo che ha affermato che la NASA e il Pentagono credono che gli Annunaki torneranno con l’arrivo del pianeta Nibiru.

Ma … Nibiru, gli Anunnaki e tutta quella roba non sono inesistenti?

Nella mitologia sumera, gli Anunnaki erano un gruppo di divinità e dee buone e cattive che vennero sulla Terra e alla fine crearono la razza umana.

L’esistenza degli antichi Anunnaki, una civiltà extraterrestre giunta sulla Terra in un lontano passato, è stata a lungo contestata dai ricercatori, ma la loro esistenza e il loro arrivo sul pianeta Terra sono ben documentati in molti testi antichi che la storia tradizionale ha completamente ignorato secondo numerosi autori di tutto il mondo.

È interessante notare che alcune culture africane credono che esseri extraterrestri abbiano visitato la Terra per decine di migliaia di anni, ad esempio le leggende Zulu parlano di un’epoca in cui “visitatori dalle stelle” vennero a scavare oro e altre risorse naturali. Queste miniere erano lavorate da schiavi creati dal “Primo Popolo”.

Secondo alcune fonti e interpretazioni, questi dei provenivano da Nibiru.

Gli Assiri ei Babilonesi chiamavano il pianeta ‘Marduk’. I Sumeri dicevano che un anno sul pianeta Nibiru (A SAR) equivale nel tempo a 3.600 anni sulla Terra.

DNA: prove degli dei?

Secondo i ricercatori del Kazakistan, “La nostra ipotesi è che una civiltà extraterrestre più avanzata fosse impegnata nel creare nuova vita e piantarla su vari pianeti. La Terra è solo una di queste”.

I ricercatori indicano che “Quello che vediamo nel nostro DNA è un programma composto da due versioni, un codice strutturato gigante e un codice semplice o di base”.

Il team crede per certo che la prima parte del nostro codice DNA non sia stata scritta sulla Terra e secondo loro è verificabile. In secondo luogo e soprattutto, i geni da soli non sono sufficienti per spiegare il processo di evoluzione/evoluzione brusca e ci deve essere qualcosa di più nel “gioco”.

Secondo Makukov “Prima o poi”, “dobbiamo accettare il fatto che tutta la vita sulla Terra porta il codice genetico dei nostri cugini extraterrestri e che l’evoluzione non è ciò che pensiamo che sia”.

Le implicazioni di queste scoperte scientifiche rafforzano le affermazioni di altri individui e osservatori che affermano di aver avuto contatti con alieni che sembrano umani. Alieni simili a umani avrebbero potuto fornire parte del materiale genetico necessario per l’evoluzione umana.

Citazione da Discovery: Questa interpretazione li porta a una conclusione inverosimile: che il codice genetico “sembra che sia stato inventato al di fuori del sistema solare già diversi miliardi di anni fa”. Questa affermazione avalla l’idea di panspermia, l’ipotesi che la Terra fosse seminata di vita interstellare. È certamente un approccio nuovo e audace alla conquista della galassia se immaginiamo che questo sia stato un tentativo deliberato di Johnny Appleseed da parte di super-esseri…

Teorie alternative?

Secondo Gregg Braden, un autore americano di letteratura New Age, che ha scritto del fenomeno del 2012 ed è diventato famoso per la sua affermazione che la polarità magnetica della terra stava per invertire, abbiamo solo 20 dei 64 codoni nel nostro “on” DNA. Ci si deve chiedere: “Perché la Fonte della creazione ha limitato le nostre capacità genetiche disattivando la maggior parte del nostro DNA?”

Una teoria è che il nostro DNA fosse limitato dagli Anunnaki per mantenerci sottomessi, controllati e conformi ai nostri maestri Anunnaki.

Molti credono che gli Anunnaki siano coloro che ci “controllano” da milioni di anni e conoscono la vera genetica dell’uomo. Molti autori affermano che gli Anunnaki, che potrebbero essere gli dei menzionati in numerose culture che hanno promesso di tornare un giorno, hanno il controllo totale su di noi poiché sono i creatori dell’uomo.

Simon Parkes, un ricercatore UFO, afferma che abbiamo 12 filamenti di DNA e ogni filamento è correlato a una specifica razza galattica. Ipoteticamente, se riusciamo a trovare un modo per accendere i codoni latenti nel nostro DNA, potremmo praticamente fare qualsiasi cosa, come curare istantaneamente ogni persona sul pianeta, così come curare il nostro pianeta.

Fatti su Anunnaki:

Secondo The Oxford Companion to World Mythology, gli Anunnaki: “…sono le divinità sumere dell’antica linea primordiale; sono  divinità ctonie  della fertilità, associate alla fine con gli inferi, dove divennero giudici. Prendono il nome dal vecchio dio del cielo An ( Anu ).”

  1. Una delle traduzioni più popolari di Anunnaki è (sumerico) “coloro che scesero dai cieli”.
  2. “Adamo” in ebraico sta per “uomo”. “Adamu” è ciò che i Sumeri chiamano “primo uomo”, gli schiavi Anunnaki .
  3. Gli Anunnaki provengono da un enorme pianeta chiamato Nibiru. Questo pianeta si trova nella parte più esterna del nostro sistema solare.
  4. Nibiru ha un’orbita ellittica di 3.600 anni . Gli Anunnaki vennero da Nibiru per estrarre l’ Oro sulla Terra . I minerali e le risorse di Nibiru si stavano esaurendo, in particolare l’oro.
  5. Tutti i tipi di terribili fenomeni gravitazionali sono collegati a Nibiru e alcuni sostengono addirittura che il pianeta X o Nibiru  rappresenti una minaccia per la Terra e che un giorno entrerà in collisione con il nostro pianeta. La scienza spiega che potrebbe esistere, ma non l’hanno ancora visto. Mitologicamente parlando, Nibiru è reale .
  6. Secondo il mito assiro e babilonese successivo, gli Anunnaki erano i figli di  Anu Ki , divinità fratello e sorella.
  7. Gli Anunnaki compaiono nel mito della creazione babilonese, Enuma Elish.
  8. Gli Anunnaki sono menzionati  nell’Epopea di Gilgamesh  quando  Utnapishtim  racconta la storia del diluvio.
  9. Ci sono quattro divinità principali: Anu, Enlil, Enki e Ninhursag.
  10. Si crede che Anu sia la prima divinità del Padre del Cielo attestata. Nella religione sumera, era anche “Re degli dei”, “Signore delle costellazioni, degli spiriti e dei demoni” e “Supremo Sovrano del Regno dei Cieli”.
  11. È interessante notare che Anu esisteva nella cosmogonia sumera come una cupola che copriva la terra piatta; Al di fuori di questa cupola c’era lo specchio d’acqua primordiale noto come Nammu.
  12. Enlil  è considerato il dio del respiro, del vento, dell’altezza e della larghezza (altezza e distanza). Enlil è associata all’antica città di  Nippur, a volte indicata come la città di culto di Enlil.
  13. Enki era la divinità dell’artigianato, del male; acqua, acqua di mare, acqua di lago, intelligenza e creazione. Il significato esatto del suo nome è incerto: la traduzione comune è “Signore della Terra”.
  14. Ci sono tre divinità del cielo: Inanna / Ishtar, Nanna / Sin e Utu / Shamash.
  15. Ci sono anche dieci divinità principali: Adad, Dumuzid / Tammuz, Enkimdu, Ereshkigal , King , Geshtinanna , Lahar , Marduk , Nergal , Ninurta .
  16. Gli Igigi sono un gruppo degli dei del cielo nell’antica mitologia sumera. Gli Igigi erano gli dei più giovani e talvolta sono sinonimi del termine Anunnaki.
  17. Prima che gli umani venissero creati, gli Igigi erano usati dagli antichi Anunnaki come loro forza lavoro principale.
  18. I ricercatori ritengono che il termine Igigi sia di origine semitica e indichi il gruppo di divinità nel pantheon mesopotamico. Non è ancora chiaro quali divinità antiche appartenessero agli Igigi, ma molti studiosi suggeriscono che Marduk – il dio protettore della città di Babilonia – fosse uno degli Igigi.
  19. Secondo la teoria degli antichi astronauti, migliaia di anni fa, ancor prima che la storia documentata, il nostro pianeta fosse visitato da astronauti di un altro mondo, questi esseri erano gli Anunnaki.
  20. Secondo molti autori, la prova dell’esistenza degli antichi Anunnaki può essere trovata in tutto il mondo. Dobbiamo solo guardare alla civiltà antica e alla loro capacità di erigere enormi monumenti e trasportare pietre che pesano centinaia di tonnellate. In ogni cultura antica troveremo una connessione con gli Anunnaki.
  21. Nel 1976 l’autore Sitchin pubblicò le sue traduzioni personali dei testi sumeri in una serie di libri intitolata “ Le cronache della terra ”. In quel libro, Sitchin descrive in modo approfondito gli Anunnaki e la loro storia.
  22. Il lavoro di Sitchin è pesantemente criticato. Molti archeologi e storici non sono d’accordo con Sitchin. Secondo Sitchin, le tavolette di argilla descrivono una razza aliena conosciuta come  Anunnaki , che venne sulla Terra per estrarre l’oro.
  23. Sitchin suggerisce che 450.000 anni fa, su Nibiru, un lontano membro del nostro sistema solare, la vita rischia una lenta estinzione a causa dell’erosione dell’atmosfera del pianeta.
  24. Quasi mezzo milione di anni fa, deposto da Anu, il sovrano Alalu fugge su un’astronave e trova rifugio sulla Terra. Scopre che la Terra ha dell’oro che può essere utilizzato per proteggere l’atmosfera di Nibiru.
  25. Sitchin afferma che le antiche tavolette sumere indicano che circa 445.000 anni fa, guidati da Enki, figlio di Anu, la terra degli Anunnaki sulla Terra, fondarono Eridu, la stazione terrestre I, per estrarre l’oro dalle acque del Golfo Persico.
  26. Secondo gli antichi Sumeri, si credeva che ‘ Eridu ‘, l’odierna Abu Shahrein, Iraq, fosse stata la prima città mai creata e fosse la città natale del grande Dio Enki. Si pensa che la città sia stata fondata intorno al 5400 a.C.
  27. Circa 300.000 anni fa , Enki e Ninhursag creano Lavoratori Primitivi attraverso la manipolazione genetica.
  28. Gli esseri umani erano una specie ibrida e non potevano procreare. Poiché la richiesta di esseri umani come lavoratori è aumentata, gli antichi Anunnaki hanno manipolato ancora una volta l’umanità antica in modo che potesse riprodursi da sola.
  29. Guardando indietro nella storia recente dell’umanità, Sitchin ci dice che intorno al 7.400 aC . gli Anunnaki concedono all’Umanità nuovi progressi; inizia il Neolitico. I semidei governano l’Egitto.
  30. Subito dopo, intorno al 3.800 aC , la civiltà urbana inizia a Sumer quando gli Anunnaki vi ristabiliscono le Città Antiche, a cominciare da Eridu e Nippur.

L’enigma dietro gli Anunnaki, dei creatori della nostra civiltà

Gli  Anunnaki  (trascritti anche come  AnunakiAnunnaAnanaki) sono un gruppo di divinità che compaiono nelle leggende mitologiche degli antichi Sumeri, Accadi, Assiri e Babilonesi.

Gli Anunnaki sono le divinità più influenti nel pantheon, erano i discendenti di An, il dio dei cieli, e la loro funzione primaria è quella di giudicare il destino dell’umanità.

Secondo la mitologia mesopotamica, gli Anunna erano, inizialmente, gli dei più potenti e vivevano con Anu nel cielo.

Nella poesia Enûma Elish, è stato Marduk a creare l’umanità e poi ha diviso gli Anunna tra cielo e terra e ha assegnato loro dei compiti. Quindi gli Anunna, grati a Marduk, fondarono Babilonia e costruirono un tempio in loro onore chiamato Esagila.

La reinvenzione del termine Anunnaki attraverso la sua forma acadiana, Anunnaki, è emersa nel 1964 dopo la pubblicazione di “Ancient Mesopotamia: Portrait of a Dead Civilization”, dell’assiriologo Adolph Leo Oppenheim, che ha reso popolare questo concetto.

Fu Zecharia Sitchin a rendere popolare ulteriormente il termine degli Anunnaki.

I primi usi conosciuti del termine  Anunnaki  provengono da iscrizioni scritte durante il regno di Gudea e la  terza dinastia di Ur.

Nei primi testi, il nome è applicato alle divinità più importanti e potenti dell’antico pantheon sumero: i discendenti del dio del cielo  An.

Zecharia Sitchin ha pubblicato una dozzina di libri noti come Cronache della Terra degli anni ’70 che si sono ulteriormente soffermati nello studio degli antichi Anunnaki.

Nei libri pubblicati da Sitchin, tavolette sumere di scrittura cuneiforme e testi biblici sarebbero stati tradotti nella loro scrittura originale, rivelando dettagli affascinanti che hanno rapidamente guadagnato popolarità tra i lettori.

Nel libro Il dodicesimo pianeta, l’autore descrive l’arrivo degli Anunnaki sulla Terra da un presunto pianeta chiamato Nibiru circa 450.000 anni fa. Gli Anunnaki erano esseri alti, circa 3 metri di altezza, pelle pallida, capelli lunghi e barbe, che si sarebbero stabiliti in Mesopotamia e, con l’ingegneria genetica, avrebbero accelerato l’evoluzione dei Neanderthal all’Homo Sapiens apportando la loro genetica, creando così l’umanità.

La storia di come gli Anunnaki hanno creato l’umanità è abbastanza simile alla creazione dell’uomo da parte di Dio, come è scritto nella Bibbia. La storia racconta che Enki prese l’argilla e le diede forma nonostante il fatto che la sua prima prova non avesse avuto successo.

I primi umani consideravano gli antichi Anunnaki come dei, poiché erano estremamente intelligenti con loro e possedevano tecnologie che l’umanità non aveva mai visto prima.

Alcuni autori sostengono che le prove degli Anunnaki si possono trovare nella Bibbia, dove vengono chiamati “Nephilim”, sebbene alcune altre traduzioni li chiamino “giganti”.

Secondo gli scritti di Sitchin, la tecnologia e il potere degli Anunnaki sono ancora lontani dalla nostra portata, poiché gli Anunnaki avevano la capacità di viaggiare nello spazio e di ingegneria genetica 450.000 anni fa.

Si ritiene che gli antichi Anunnaki abbiano contribuito notevolmente alla Terra con una tecnologia a noi ancora sconosciuta e che siano stati coinvolti nella costruzione di piramidi in tutto il mondo e numerosi altri antichi siti megalitici.

Le ipotesi di Sitchin sono state respinte da scienziati, storici e archeologi, che non sono d’accordo con la sua “traduzione” di testi antichi e la sua incomprensione della fisica.

Allora chi erano gli Anunnaki? Erano solo parte di una grande leggenda antica? Oppure è possibile, come affermano molti autori, che le antiche divinità mesopotamiche siano state proprio le responsabili della creazione della nostra civiltà?

Circa 250.000 anni fa, secondo Sitchin, gli antichi Anunnaki unirono i loro geni alieni con quello di Homo Erectus e crearono una specie nota come Homo Sapiens, ottenendo, di conseguenza, una specie geneticamente bicamerale. Tuttavia, gli esseri umani erano una specie ibrida e non potevano procreare. Poiché la richiesta di esseri umani come lavoratori è aumentata, gli antichi Anunnaki hanno manipolato ancora una volta l’umanità antica in modo che potesse riprodursi da sola.

Basato su The Cosmic Code: The Sixth Book of The Earth Chronicles di Zecharia Sitchin, questa è la vera linea temporale storica del nostro pianeta:

Per ulteriori informazioni, guarda questa clip di Ancient Aliens di History Channel, Stagione 11, Episodio 10:

Fonte: https://www.ancient-code.com/anunnaki/

®wld

Gli Stati Uniti sono diventati un narcisista maligno infettando tutto ciò che incontrano

Lascia un commento

FILE FOTO:
Il World Trade Center di New York City brucia,
all’inizio dell’11 settembre 2001.
© REUTERS/Jeff Christensen

di Scott Ritter
11 settembre 2021
dal sito web RT

Scott Ritter è un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e autore di “SCORPION KING: America’s Suicidal Embrace of Nuclear Weapons from FDR to Trump”. Ha servito in Unione Sovietica come ispettore per l’attuazione del Trattato INF, nello staff del generale Schwarzkopf durante la Guerra del Golfo e dal 1991 al 1998 come ispettore delle armi delle Nazioni Unite. Seguilo su Twitter @RealScottRitter

20 anni dopo l’11 settembre, Non riconosco più il mio paese. Gli Stati Uniti sono diventati un narcisista maligno, infettando tutto ciò che incontra…

Si dice che diventiamo più forti di fronte alle avversità, poiché il viaggio di ritorno richiede un grado di autoriflessione che incoraggia la guarigione.

Nei due decenni successivi all’11 settembre, tuttavia, gli Stati Uniti non hanno imparato nulla su se stessi. Sono cresciuto come un monello militare – una categoria speciale di giovani americani imbevuti fin dalla tenera età dell’orgoglio di far parte di un collettivo unito dal senso del dovere verso il paese e dall’altruismo del sacrificio quando si trattava di adempiere a quel dovere.


Non c’era alcun concetto di diritto: tutto ciò che ti capitava era guadagnato o sofferto, in base alle tue azioni o alle azioni degli altri nel tuo gruppo.


Il monello militare viveva una vita in cui almeno un genitore, ma a volte entrambi, indossava l’uniforme di uno dei rami delle forze armate degli Stati Uniti d’America. Nel mio caso, è stato mio padre, che ha servito come ufficiale nell’aeronautica americana.

Ci siamo trasferiti in media ogni anno e mezzo, il che significa che, da quando sono nato fino a quando mi sono diplomato, abbiamo fatto le valigie e iniziato una nuova vita da qualche altra parte non meno di 11 volte, e ho frequentato tre diversi licei scuole:

  • uno alle Hawaii
  • uno in Turchia
  • uno in Germania

Abbiamo imparato ad amare il nostro paese non per un senso gonfiato del valore, ma piuttosto dal vederlo come lo vedevano gli altri:

il buono, il brutto e il cattivo, ma soprattutto il buono…

Questa esperienza mi ha definito da adulto, soprattutto quando ho seguito le orme di mio padre e mi sono arruolato nell’esercito – nel mio caso, il Corpo dei Marines – e ho vissuto una vita definita dal servizio all’estero.
La mattina dell’11 settembre 2001 ero una persona che sapeva, sulla base dell’esperienza diretta, che il mio paese era profondamente imperfetto, capace di commettere errori enormi, ma anche dotato di una capacità unica di fare del bene nel mondo se adeguatamente motivato.

Quando, come milioni di altri americani, ho guardato con orrore l’ abbattimento delle Torri Gemelle del World Trade Center, mentre il fumo sgorgava da un buco nel lato del Pentagono e il campo di un contadino è stato deturpato dal relitto di un passeggero jet, tutto a causa delle azioni dei terroristi decisi a fare del male al mio paese, ero pieno di indignazione.

Mentre guardavo il popolo americano riunirsi all’indomani dell’attacco, e la comunità globale stringersi intorno a noi in segno di solidarietà, sono stato confortato dal pensiero che i terroristi avevano perso.

Che, attraverso le loro azioni, non ci avevano sconfitto, ma ci hanno reso più forti, sia come nazione che come parte della comunità globale delle nazioni. Non mi sono mai sbagliato così tanto in tutta la mia vita.
Quasi immediatamente, il mio paese ha iniziato a comportarsi come un monello viziato, insistendo sul fatto che il mondo si unisse a noi in una missione non solo per dare la caccia e punire coloro che hanno pianificato e attuato gli attacchi dell’11 settembre, ma anche per rimodellare il mondo secondo la nostra visione.

In breve, eravamo l’unica nazione che contava e tutti dovevano conformarsi alla nostra direzione.

“O sei con noi”, ha proclamato il nostro presidente, “o con i terroristi “…

Abbiamo invaso l’Afghanistan con lo scopo di esigere vendetta più che cercare giustizia, e poi abbiamo dato seguito a quell’azione invadendo e occupando l’Iraq, una nazione che non aveva assolutamente nulla a che fare con gli eventi dell’11 settembre.

L’Iraq non doveva essere nemmeno un evento isolato, ma, invece, l’azione di avvio di un più ampio sforzo di trasformazione regionale che ha visto gli Stati Uniti cercare di rovesciare i governi di Siria, Iran e altre nazioni allo scopo di installare governi che noi soli ritenevamo accettabili, senza alcuna considerazione per coloro che vivevano in quei paesi, o per coloro che abbiamo insistito per unirsi a noi in queste disavventure.

Guardando indietro ai 20 anni trascorsi dall’11 settembre,

il danno che abbiamo causato al mondo è dolorosamente ovvio per tutti, a quanto pare, tranne che per noi stessi…

Mentre rifletto sull’arroganza nazionale che ha causato tale morte e distruzione, sono colpito da come gli americani abbiano sprecato in modo indegno l’opportunità emersa dalle ceneri dell’11 settembre.

Il mondo si era radunato intorno a noi all’indomani di quell’orribile giorno, e noi avevamo la scelta di,

  • o lavorare con il mondo per risolvere i problemi manifestati dalle azioni dei terroristi che ci avevano attaccato
  • o sprecare questa opportunità insistendo sul fatto che l’11 settembre riguardasse solo noi, al diavolo il resto del mondo…

Abbiamo scelto quest’ultimo…

Nel tentativo di spiegare le azioni degli Stati Uniti dopo l’11 settembre, la diagnosi più accurata che mi è venuta in mente è un disturbo narcisistico di personalità

Questa è una condizione mentale definita da un senso gonfiato della propria importanza, un profondo bisogno di eccessiva attenzione e ammirazione, relazioni travagliate e mancanza di empatia per gli altri.

In particolare, sotto questa patina di estrema fiducia in se stessi c’è un fragile ego vulnerabile alla minima critica.

Quando si riflette sul senso di diritto mostrato dall’America all’indomani dell’11 settembre, e continua a mostrare fino ad oggi, i segni e i sintomi del disturbo narcisistico collettivo di personalità diventano manifesti, come evidenziato nella retorica del nostro governo:

  • L’America è la più grande nazione sulla terra (la nostra esagerata presunzione)
  • Le regole si applicano agli altri, ma non a noi (il nostro senso di diritto e un bisogno di costante eccessiva ammirazione)
     
  • Noi siamo il potere indispensabile al mondo, nonostante aver perso due guerre (la nostra aspettativa che ci dovrebbe essere riconosciuto come superiore anche senza i risultati che lo giustificano)
     
  • Abbiamo il più grande esercito del mondo (la nostra esagerazione delle nostre capacità e talenti)
     
  • Possiamo ricostruire meglio (la nostra preoccupazione per le fantasie sul nostro successo, potere e brillantezza)
     
  • L’America è l’ideale globale a cui gli altri devono aspirare (la nostra fede nella nostra supremazia)

Gli altri sintomi escono dalla lingua, prontamente riconosciuti da chiunque sia capace di autoriflessione:

  • monopolizzare le conversazioni e sminuire o disprezzare le persone che percepiscono come inferiori
  • aspettandosi favori speciali e rispetto incondizionato delle loro aspettative
  • approfittare degli altri per ottenere ciò che vogliono
  • avere l’incapacità o la riluttanza a riconoscere i bisogni e i sentimenti degli altri
  • essere invidiosi degli altri e credere che gli altri li invidiano
  • comportarsi in modo arrogante o altezzoso, presentandosi come presuntuoso, vanaglorioso e pretenzioso
  • insistendo per avere il meglio di tutto

Forse siamo sempre stati così, e ci è voluto l’11 settembre per portare in superficie questi tratti orribili.

Ma riflettendo sugli ultimi 20 anni, non riconosco il paese che siamo diventati: una nazione di narcisisti che hanno permesso alla malignità della nostra condizione di avere un impatto negativo sul resto del mondo.

So che la mia nazione può fare di meglio…

Ma per farlo, dobbiamo riflettere su ciò che siamo diventati, riconoscere che questa condizione non è accettabile ed essere disposti a intraprendere qualsiasi rimedio sia necessario per correggere la condizione sottostante.

Sfortunatamente, come nazione di narcisisti, dubito che siamo in grado di farlo.

Nel 20 ° anniversario dell’11 settembre, temo che i sintomi sottostanti del nostro disturbo di personalità nazionale stiano solo peggiorando, con la nostra malignità che infetta tutto ciò che incontriamo.

Questa potrebbe non essere l’eredità che la gente pensa che meritiamo dopo gli orrori dell’11 settembre, ma è l’eredità che ci siamo guadagnati attraverso le nostre azioni.

Pubblicato su: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_americanempire418.htm

®wld

Le Favolose Tavolette del Destino Babilonese

Lascia un commento

syria-2932498_1280

 

INTERVENTO ARCHEOLOGICO?

 

Da qualche tempo propongo la speculazione che l’intervento militare americano in Iraq e in Siria e che la “primavera araba” sponsorizzata dagli Stati Uniti in Egitto, abbia avuto, come ragione più profonda e segreta, il controllo di siti di antichità e una ricerca, forse, per scoprire informazioni sull’antica tecnologia perduta e antica. Quando il saccheggio del museo di Baghdad avvenne poco dopo che le forze americane raggiunsero quella città, i miei sospetti andarono nella zona rossa, e allora credetti, e credo ora, che il saccheggio fosse “un lavoro interno”, e fatto proprio per acquisire informazioni. L’Iraq, in altre parole, mi ha reso estremamente sospettoso che lo sforzo archeologico fosse al primo posto tra le priorità americane di qualsiasi altra ragione pubblicamente dichiarata all’epoca sulle “armi di distruzione di massa”. In effetti, ho intrattenuto la possibilità – e ancora lo intrattengo – che queste “armi di distruzione di massa” che stavamo cercando (e presumibilmente mai trovato) non fossero il tipo a cui tutti stavano pensando (atomico, biologico e chimico), ma di un tipo molto diverso, molto più esotico e molto antico. Nel mio scenario, ci veniva detta una verità, ma una verità parziale che conteneva molte indicazioni errate. Poi venne la Siria, un paese con le sue ricche antichità, e poi la spinta per un’azione militare contro l’Iran, l’ennesimo paese con ricche antichità.

 

Fondamentale per le mie speculazioni qui è una vecchia “epica” babilonese chiamata epica di Ninurta, che ho incluso nel mio libro La guerra cosmica, nella sua interezza, perché volevo che le persone fossero effettivamente in grado di leggere qualcosa che gli accademici consideravano un “epico.” “Bene, Homer non lo è. È emozionante quasi quanto leggere l’indice del catalogo Sears, perché in effetti è quello che è, un inventario di “cose” associate a un’antica “guerra degli dei” e potenzialmente le favolose babilonesi “Tablets of Destinies”. “Alcune caratteristiche del testo suggeriscono che sta descrivendo una tecnologia di qualche tipo. Certo, questa è un’ipotesi altamente speculativa e l’intera idea di invadere i paesi per il fine ultimo nascosto di ottenere l’accesso o informazioni su tali cose putative sembra, a prima vista, scandalosa. Ma ancora una volta, se esistessero queste cose, darebbero a chiunque le acquisisse un’enorme leva tecnologica, a tal punto che si potrebbe davvero rischiare interventi militari semplicemente per acquisirla e impedire ad altri di farlo.

 

Finora, tuttavia, questa è stata una speculazione interamente discussa, a seconda del punto di connessione e della speculazione lungo il percorso su ciascun punto dati. In altre parole, è una proposta molto “incerta”. Ma ora c’è una storia molto affascinante là fuori che è stata avvistata da FLM e ha passato una lunga, e a mio avviso, tende a confermare la mia selvaggia speculazione ad alto numero di ottani sugli interventi militari che hanno uno scopo in definitiva archeologico:

 

 Israeli-secret-biblical-dig-Syria-600x315-cropped

 

Le truppe russe proteggono lo scavo biblico segreto in Siria

 

Uno scavo top-secret si sta svolgendo nella città di Palmira, in Siria, allo scopo di trovare antichità bibliche ebraiche sotto la protezione delle truppe militari russe. Tre archeologi israeliani senza nome, sostenuti da truppe russe, stanno prendendo parte… Continua a leggere

La cosa molto interessante in questo articolo è la seguente serie di dichiarazioni:

A Palmira, secondo le fonti, i soldati e l’intelligence russi hanno lavorato a lungo con mercenari e soldati del regime siriano. Durante quel periodo, furono partner nella rapina e nella vendita di manufatti archeologici in base al loro potere e presenza militare; tuttavia, questa collaborazione non durò a lungo poiché i russi rivelarono rapidamente le loro intenzioni. Hanno escluso il regime e individuato il potere per se stessi nel cuore della città storica che è considerato un museo pieno di tesori e antichità rari da trovare nel mondo. 

 

Forse i russi hanno individuato il potere per se stessi spiegando anche se in ritardo il segreto dietro Mosca si precipita a partecipare a una forza efficace senza precedenti per riconquistare la città. Mosca fece precipitare truppe di terra efficaci accompagnate da intensi e violenti raid aerei.

L’entità delle perdite subite dai russi sul fronte di Palmyra può dare una chiara idea dello slancio della corsa russa. I russi hanno subito la più grande perdita di Palmira dal suo intervento diretto e immediato nella guerra siriana.

Le nostre fonti private hanno chiarito che i russi hanno recintato il loro accampamento nel cuore della città storica e hanno vietato a qualsiasi personale del regime o mercenari di entrare o avvicinarsi all’area sotto pena e responsabilità.

Questa procedura è andata di pari passo con l’arrivo di 3 esperti stranieri che hanno iniziato a spostarsi tra i punti di riferimento di Palmyra con guardie e protezione intensiva. Risiedevano nel campo russo situato nelle piste dei cammelli e nei cimiteri che si estendevano al teatro e al Bel Temple.

Le fonti affermano che gli esperti stanno comunicando con il russo esclusivamente tramite un interprete. Il loro lavoro si limita principalmente alla ricerca di incisioni ebraiche che potrebbero essere un documento per collocare Palmyra nella prima delle città ebraiche in base a ciò che stanno cercando. (Enfasi aggiunte)

In altre parole, se le affermazioni di questo articolo sono vere, c’era una chiara motivazione archeologica dietro l’intervento russo in Siria, e quell’intervento includeva mettere un sito archeologico noto e famoso sotto il controllo dell ‘”intelligenza”, in questo caso, presumibilmente Intelligence militare russa. Non posso fare a meno di tracciare qui il parallelo con l’Iraq prima dell’invasione americana dopo l’11 settembre di quel paese, poiché si ricorderà che prima di quell’invasione, sia la Francia che la Germania avevano squadre di archeologi che scavavano in Iraq per Saddam Hussein, e Si dice che la Germania avesse una forte presenza della sua agenzia di intelligence del BND in quel paese. Ciò di per sé non è sorprendente, dal momento che c’era stata una rete di intelligence tedesca che operava in quel paese durante la seconda guerra mondiale che ha contribuito a organizzare il colpo di stato in Iraq e costringendo gli inglesi a spendere risorse militari per metterlo da parte. (In effetti, ho fortemente sospettato che, dal momento che la storia del saccheggio di Baghdad è stata interrotta per la prima volta dai media tedeschi , l’intero saccheggio potrebbe essere stato un’operazione tedesca, con individui che indossavano uniformi americane.)

C’è un ulteriore fattore qui, e questa è la presenza di un’antica comunità ebraica a Palmira, che potrebbe implicare che i russi stiano cercando “qualcosa”. E data la “alleanza” della Russia con l’Iran, è forse pertinente notare che la Russia, con le sue vaste riserve di petrolio e gas naturale, non ha quasi bisogno dell’Iran. Quindi quella “alleanza” di più per impedire a Occidente / America di accedere ai siti di antichità dell’Iran? (E allo stesso modo, e dal momento che siamo in tema: la Russia ha squadre archeologiche che esplorano l’Iran?)

Qualunque cosa si faccia di queste domande e speculazioni, questo articolo sembra corroborare i miei sospetti originali di “intervento archeologico”, sollevandolo di una o due tacche.

Fonte: https://gizadeathstar.com/

 

Qualche ipotetico addentellato li si può trovare nel quinto capitolo dei questo pdf de: Il Pianeta degli Dei di Zacharia Sitchin Capitolo Quinto “NEFILIM: IL POPOLO DEI RAZZI FIAMMEGGIANTI

 

Nota mia:

L’articolo sopra parla di Ninurta, va detto che nelle raffigurazioni antiche Ninurta tiene sempre in mano un’arma molto particolare, senza dubbio la stessa arma con laquale scagliava “dardi di luce”.

 

®wld

L’ottimo lavoro di Ezechiele nel descrivere ciò a cui ha assistito

Lascia un commento

Il personale Veicolo volante di Dio descritto nel libro di Ezechiele

 

di Tony Gliddon
July 18, 2019
from AncientPages Website

Siamo nell’anno 484 a.C.

Ezechiele, un prete, prigioniero nella terra dei Caldei (Iraq), testimonia e descrive abbastanza bene alcuni veicoli volanti che gli appaiono.

Per un uomo che ha visto solo carri trainati da buoi per veicoli, fa del suo meglio per descrivere ciò che sta vedendo.

 

“Un vortice uscì dal nord, una grande nuvola e un fuoco che si avvolgeva su se stesso, e attorno a esso c’era una luminosità, e fuori da esso come il colore dell’ambra, dal mezzo del fuoco.”
“Anche da ciò è emersa la somiglianza di quattro creature viventi.”

 

Riportando la parola “ambra” all’originale ebraico, scopriamo che significa

 

“bronzo molto lucido” o “bronzo splendente”.

 

Quindi descrive i veicoli mentre si muovono,

 

“E andarono tutti dritti: dovunque andasse lo spirito, andarono; e non si voltarono quando andarono.”

 

Ezechiele è abituato a vedere un carro trainato da buoi controllato e diretto usando le redini.

Questi veicoli non avevano redini, andavano come preferivano e non giravano come andavano. Quindi vede un veicolo madre e altri quattro veicoli volare in formazione.

Continua affermando che sembravano,

 

“ruote dentro le ruote” e “quando andarono, andarono sui loro quattro lati: e non si voltarono quando andarono”.

 

Ruote non in posizione verticale ma appoggiate in piano, ai lati.

Egli afferma inoltre,

 

“E le creature viventi corsero e tornarono come l’apparenza di un lampo.”

 

Veicoli molto, molto veloci!!

 

 Quando questi veicoli arrivano a terra sulla terra scrive Ezechiele,

 

“E i loro piedi erano dritti; e la pianta dei loro piedi era come la pianta del piede di un vitello; e scintillavano come il colore dell’ottone brunito.”

 

Buona descrizione delle piattaforme di atterraggio!

Il veicolo madre aveva a bordo ciò che era,

 

“la somiglianza di un trono: e sulla somiglianza del trono era la somiglianza di un uomo sopra di esso.”

 

E lui afferma,

 

“Ho visto come era l’aspetto del fuoco, e aveva una luminosità intorno.

Come l’aspetto dell’arco che è nella nuvola nel giorno della pioggia, così è stato l’aspetto della sua luminosità intorno. Questa era l’apparizione della somiglianza della gloria dell’Eterno “.

“E quando l’ho visto, sono caduto sulla mia faccia e ho sentito una voce di Colui che parlava. E mi disse: ‘Figlio dell’uomo, alzati in piedi e ti parlerò’.”

Ezechiele assistette a questi veicoli che si spostavano da cima a montagna.

 

“Quando quelli andarono, questi andarono; e quando quelli si alzarono, questi si alzarono; e quando quelli furono sollevati da terra, le ruote furono sollevate contro di loro: poiché lo spirito nella creatura vivente era nelle ruote.”

 

Questi veicoli apparvero ad Ezechiele in tre diverse occasioni.

Continua a dichiarare,

 

“E la somiglianza del firmamento sulle teste delle creature viventi era il colore di un terribile cristallo, teso sopra le teste sopra.”

 

Ottima descrizione della cupola o della cabina di pilotaggio.

 

“Quanto ai loro anelli, erano così alti che erano terribili; e i loro anelli erano pieni di occhi intorno a loro quattro.”

 

Oblò? Le persone dentro?

In conclusione, “DIO” è venuto a visitare e parlare con Ezechiele “di persona” con “il suo” Trono a bordo “, il suo” veicolo personale”. E c’erano altri quattro veicoli in formazione che scortavano il “veicolo di DIO” …

Ezechiele assiste all’apparizione di questi veicoli in tre diverse occasioni. E ‘DIO’ ha un messaggio da portare ‘personalmente’ ogni volta che visita Ezechiele.

Ezechiele fa un ottimo lavoro per un uomo del 484 a.C. nel descrivere ciò a cui ha assistito. Questi non sono UFO così come sono identificati, quindi sono IFO.

Incoraggio tutti a leggere il Libro di Ezechiele e vedere cosa dice delle sue esperienze riguardo alle “visite di DIO” …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

 ®wld

Persi per sempre per la follia umana

Lascia un commento

 

4 siti biblici distrutti e saccheggiati dall’ISIS

 

Negli ultimi anni, quando l’ISIS ha distrutto e saccheggiato vari siti nella loro roccaforte di Siria e Iraq; importante per quasi ogni religione e cultura – e poi ha iniziato a vendere oggetti su Facebook – ha rattristato molti storici, archeologi e leader religiosi in tutto il mondo. Molti di questi siti sono siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO e importanti per il loro significato storico e culturale.

 

L’idea di saccheggiare è più antica di quanto sappiamo, con gli incisivi che saccheggiano le cose sepolte come i defunti che nel tempo hanno avuto una storia, e con alcuni resoconti che risalgono ad almeno 1.700 a.C., se non prima. La culla della civiltà – quella che era conosciuta come Mesopotamia – fu dilagantemente saccheggiata, e continua ancora oggi da persone colpite dalle guerre regionali e dallo stress economico.

 

Dura-Europos

 

Fondata nel 303 a.C. e sede di una chiesa paleocristiana risalente al 230 CE, il primo ad essere conosciuto, Dura-Europos, che si traduce in Fort Europos, fu costruito in cima a una scogliera sulle sponde del fiume Eufrate. All’interno della chiesa c’è un battistero, un cortile e una sala riunioni, mentre si mostrano una varietà di scene cristiane nei dipinti. Un dipinto veramente importante è quello del miracolo di Gesù che camminava sull’acqua.

 

 

Un altro sito che l’ISIS ha catturato nel 2014, è stato l’obiettivo di “saccheggi estremamente pesanti”. Un’altra vittima della guerra siriana, l’esercito siriano è stato in grado di riconquistare il sito nel 2017, anche se i ricercatori non sono sicuri di quanto sia danneggiato, e quanta parte della chiesa attuale si trova ancora oggi. Fortunatamente, più di 12.000 reliquie sono state conservate dopo che l’Accademia francese delle iscrizioni e lettere e le squadre di Yale le hanno scavate tra il 1920 e il 1940 e sono ospitate presso la Galleria d’Arte dell’Università di Yale.

 

Nimrud

 

Nimrud è un’antica città assira situata nell’attuale Iraq. Alla fine divenne la capitale dell’impero assiro, dopo che Ashurnasirpal II trasferì il governo lì da Ashur. Evidenziato nel Libro della Genesi, Nimrud (chiamato anche Kalah o, nella Bibbia ebraica, Calah) era uno dei centri commerciali più importanti dell’Impero. Oltre ad essere intitolato a Nimrod, il pronipote di Noè – sì, lo stesso Noè che ha costruito l’Arca – si ritiene che Nimrud sia stata “una delle prime città costruite dopo il Diluvio Universale”.

 

 

Intorno al 630 aEV, Nimrud si fratturò, si spezzò, fu invaso dai Babilonesi, dai Medi, dai Persiani e dagli Sciti nel 625 aEV, e poi bruciata nel 612 aEV, quando fu abbandonato per più di 2.000 anni. Gli archeologi hanno scoperto Nimrud e iniziato a scavare la città nel 1845, ma inizialmente credevano che fosse Ninive.

Andando avanti velocemente al 2003, quando gli Stati Uniti invasero l’Iraq e tutti i tipi di persone, locali e non, saccheggiarono la città. Secondo alcuni reperti è stato saccheggiato anche il Museo Nazionale iracheno. Più tardi nel 2014, l’ISIS invase e conquistò la città, distruggendola e saccheggiandola nel processo fino al 2016, quando le forze irachene la riconquistarono.

Ninive

 

Ninive è un’altra città assira in quello che è l’odierna Mosul, in Iraq, esistendo almeno dal 6000 a.C. Perché Ninive si trova su una linea di faglia, spesso soccombe ai terremoti – e la fa ancora – danneggiando molti degli edifici antichi. Ninive subì lo stesso destino di Nimrud nel 625 e nel 612 aEV, quello che fu invaso dalle stesse forze efacendo terra bruciata.

Ninive è biblicamente importante per una serie di motivi. La Bibbia menziona la città in una profezia del Libro di Nahum che presumibilmente prevedeva la distruzione della città. Nahum disse della città che era:

“… La città del sangue, piena di bugie, piena di saccheggi, mai senza vittime.”

 

Anche la tomba di Giona si trova a Ninive, e il Libro di Giona descrive come la città fu “risparmiata dall’ira di Dio”. Anche Ninive compare nei libri di Sofonia e Tobia, così come i Vangeli di Matteo e Luca.

 

 

L’ISIS invase e occupò Ninive nello stesso momento in cui Nimrud cadde da parte del gruppo terroristico. Ma il gruppo mantenne la città fino al 2017, un anno dopo che le truppe irachene riprendevano il controllo di Nimrud. I terroristi hanno saccheggiato e distrutto la tomba durante la loro occupazione. Ma questa potrebbe essere stata una benedizione sotto mentite spoglie, mentre i saccheggiatori scavavano tunnel hanno scoperto un palazzo e antiche iscrizioni.

Raqqa

La prima città conquistata dall’ISIS nel 2013, una coalizione guidata dagli Stati Uniti è stata in grado di riconquistare Raqqa, la città che è stata la loro capitale fino al 2017. Pur non essendo tecnicamente un sito biblico – almeno non per i cristiani – Raqqa è un sito religioso importante all’Islam. In particolare, la moschea Ammar bin Yasir e tre dei suoi santuari ed importanti figure religiose sono stati distrutti. Questa moschea è “un sito di pellegrinaggio sciita”. Sono state danneggiate anche parti della città vecchia, importanti per la cultura perché serviva come capitale abbaside durante il 796 e l’809 CE, così come il museo di Raqqa.

 

Ospitato in un sito storico costruito nel 1861, il museo stesso è stato fondato nel 1981 e ospitava oltre 7.000 reperti antichi provenienti dalla Siria e dalle aree circostanti. L’ISIS non era gentile con il museo. Secondo i rapporti, il gruppo ha saccheggiato “praticamente ogni artefatto e prezioso … (sic)” il museo ha tenuto e li ha venduti per aiutare a finanziare le loro operazioni.

Altri siti culturali antichi distrutti e saccheggiati dall’ISIS


Sebbene l’ISIS sia stato cacciato da molte delle sue antiche roccaforti, la devastazione lasciata alle spalle è quasi inimmaginabile. Siti come Palmyra, uno dei più antichi e importanti siti commerciali della regione, e parte della Via della Seta, sono stati fatti saltare in aria e ora non sono altro che macerie.

Correlati: 5 siti biblici distrutti dai saccheggi negli ultimi anni.

Anche Hatra, una città con un’influenza di influenza romana e greca, faceva parte della Via della Seta. Servì come la capitale di uno stato indipendente (regno) al tempo e fu distrutto dall’ISIS con le mazze – e l’ISIS pubblicò video per dimostrare il loro lavoro.

 

Tra le guerre civili e l’ISIS, sembra che potremmo perdere per sempre questi importanti siti archeologici e biblici. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro secondo articolo, 5 siti biblici distrutti dai saccheggi negli ultimi anni.

Immagine in primo piano: Screenshot tramite video di YouTube

Older Entries