Home

Dopo i passaporti dei v-a-c-c-i-n-i sono “indennizzi personali di carbonio”

Lascia un commento

Pubblicato da: Wesley J. Smith tramite The Epoch Times 14 settembre 2021

La p-a-n-d-e-m-i-a e l’isteria del riscaldamento globale sono la stessa cosa, emanate dagli stessi tecnocrati pazzi. Pertanto, proprio come vengono promossi i passaporti dei v-a-c-c-i-n-i per salvarci tutti dal C-O-V-I-D, i “Personal Carbon Allowance” (PCA) ci salveranno tutti dal riscaldamento globale. Editor TN

La p-a-n-d-e-m-i-a di C-O-V-I-D-1-9 ha offerto una scusa senza precedenti per aspiranti autoritari per soffocare la libertà.

Per combattere il v-i-r-u-s, abbondano i controlli governativi un tempo impensabili. Intere economie sono state chiuse, aziende chiuse involontariamente e persone licenziate.

Le app di tracciamento dei contatti sono state inventate per avvisare l’utente quando esposto a qualcuno con il v-i-r-u-s,, ma tengono anche un registro chiaro dei movimenti individuali.

I mandati sui v-a-c-c-i-n-i imposti attraverso “passaporti” facilitati da app telefoniche stanno ora proliferando. Presto, il mantenimento dell’occupazione o la capacità di partecipare liberamente alla società potrebbero dipendere dalla prova di aver ricevuto un v-a-c-c-i-n-o .

Ok, Wesley. È certamente una medicina difficile, ma era necessaria come misura di salute pubblica per sconfiggere una pericolosa malattia trasmissibile. Una volta che il C-O-V-I-D-1-9 svanisce o diventa endemico come l’influenza, tutto torna alla normalità. Destra?

Non se i tecnocrati ottengono ciò che vogliono. Il C-O-V-I-D-1-9 ha stimolato il loro appetito per il potere e ora vogliono che la loro attuale influenza “temporanea” sul modo in cui viviamo diventi un elemento permanente della società.

La domanda è come convincere le persone a rinunciare a più libertà. Un potenziale piano imporrebbe un controllo tecnocratico internazionale in nome della prevenzione di future pandemie.

Tale approccio è stato presentato nel 2020 dal Dr. Anthony Fauci in un articolo di cui è coautore su una rivista scientifica che sostiene che le Nazioni Unite e l’OMS siano autorizzate a mettere in atto misure che avrebbero “ricostruire l’infrastruttura dell’esistenza umana. “

Combattente il riscaldamento globale presenta un pretesto ancora più inquietante per stabilire il sistema di regole da parte degli esperti. Le restrizioni alla libertà personale sono state a lungo promosse come profilassi necessaria per prevenire il degrado ambientale. Ma ora vengono spacciati come mezzo per proteggere la salute e il benessere umani.

E la “buona notizia” – dal punto di vista autocratico – è che, a differenza di C-O-V-I-D-1-9, l’obiettivo di emissioni di carbonio “nette zero”, che ci dicono deve essere imposto per impedirci di bollire come un’aragosta nella pentola , non potrebbe mai essere raggiunto. Genio! Ciò significa che la tecnocrazia non finirebbe mai.

Un recente editoriale sul Journal of Medical Ethics delinea la mentalità.

“Molti governi hanno affrontato la minaccia della p-a-n-d-e-m-i-a di C-O-V-I-D-1-9 con finanziamenti senza precedenti”, si legge nell’editoriale. “La crisi ambientale richiede una risposta di emergenza simile”.

Ma non si tratterebbe solo di spendere più soldi. Lo farà solo il rimodellamento più radicale della società.

I governi dobbiamo apportare cambiamenti fondamentali al modo in cui le nostre società ed economie sono organizzate e al modo in cui viviamo”, afferma l’editoriale. “I governi devono intervenire per supportare la riprogettazione dei sistemi di trasporto, città, produzione e distribuzione di cibo, mercati per investimenti finanziari, sistemi sanitari e molto altro”.

Se questo suona sospettosamente come il dottor Fauci, è perché tutti i tecnocrati la pensano allo stesso modo.

I piani elaborati dagli “esperti” limiterebbero anche la nostra libertà sottoponendoci tutti a un sistema di sorveglianza ad alta tecnologia, inquietantemente simile al tirannico sistema cinese di credito sociale. Una difesa articolo nella prestigiosa rivista scientifica Nature di quattro “esperti” ambientali, presenta una di queste proposte molto inquietanti: un mezzo per limitare il comportamento individuale noto come “permessi personali di carbonio” o PCA.

“Uno schema PCA sarebbe ‘una politica nazionale obbligatoria’ che comporterebbe che tutti gli adulti ricevano un’indennità di carbonio negoziabile uguale che si riduce nel tempo in linea con gli obiettivi nazionali [di carbonio]”, si legge nell’articolo.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/dopo-i-passaporti-del-vaccino-le-sue-quote-di-carbonio-personali/

®wld

Quando si esegue il test a più di 35 cicli, i falsi positivi fuoriescono come acqua da una manichetta antincendio.

Lascia un commento

fire hydrant 3d illustration isolated on white

Trasformare i casi di influenza in C-O-V-I-D attraverso la manipolazione, facile come fare una torta

by Jon Rappoport

Dal 1988, ho sottolineato che la rietichettatura e il riconfezionamento della malattia sono procedure operative standard nel campo della “medicina pandemica”.

E ora abbiamo questo, da FOX News (7/25/21): “Ma mentre i casi di C-O-V-I-D-1-9 sono aumentati vertiginosamente a livello nazionale, i ricoveri e i decessi causati dall’influenza sono diminuiti”.

“Secondo i dati rilasciati dal C-D-C all’inizio di questo mese, i tassi di mortalità per influenza sono stati significativamente più bassi nel 2020 rispetto agli anni precedenti”.

“Nel 2020 sono stati segnalati 646 decessi relativi all’influenza tra gli adulti, mentre nel 2019 il C-D-C ha stimato che tra 24.000 e 62.000 persone sono morte per malattie legate all’influenza”.

Potresti voler rileggere quei numeri. Il calo dei decessi per influenza è stato miracoloso. Forse il Vaticano ha un indizio.

Rochester Regional Health ha pubblicato un rapporto sull’influenza che copre gli stessi periodi di tempo: “A partire dagli aggiornamenti più recenti del C-D-C, la stagione influenzale del 2021 ha avuto un impatto su un numero di persone molto inferiore al solito in tutte le principali regioni degli Stati Uniti”.

“Ecco alcuni numeri per riassumere la stagione influenzale 2020/2021, che va dal 1 ottobre 2020 al 1 aprile 2021… 646 decessi sono stati attribuiti all’influenza”.

“I dati finali sulla [precedente] stagione influenzale 2019/2020 sono stati rilasciati dal C-D-C ad aprile mentre il C-O-V-I-D-1-9 ha continuato a diffondersi negli Stati Uniti. Tra il 1° ottobre 2019 e il 4 aprile 2020, l’influenza ha provocato: da 24.000 a 62.000 decessi”.

“Ehi Bob, potresti farmi un favore? Ho bisogno di un sacco di numeri di morte per C-O-V-I-D. Puoi mettere qui un po’ dei tuoi numeri di morte per influenza?”

“Sicuro. Nessun problema, Bill. Lavoriamo per la stessa agenzia. Siamo tutti sulla stessa barca. Ma se ti do migliaia di numeri di morti per influenza, rivoglio qualcosa in cambio. Un pezzo del tuo finanziamento per la ricerca sul C-O-V-I-D. I nostri soldi per l’influenza in questi giorni basterebbero a malapena a finanziare un viaggio per una dozzina di noi alle Bahamas.

“Mio povero cugino. Il trasferimento di fondi per la ricerca è complicato. Troppi occhi coinvolti. Dirti cosa. Che ne dici di una cena a base di bistecca e aragosta, due notti in un hotel locale e una delle prostitute che siede al bar?”

“Tre notti, tutte le spese pagate.”

“Fatto.”

Ecco due articoli precedenti che ho scritto sul gioco delle conchiglie rietichettatura/riconfezionamento della malattia:

-La malattia switcheroo; non lo insegnano alla facoltà di medicina—

Ho menzionato questo gioco di conchiglie centinaia di volte in articoli e conferenze nel corso degli anni. Qui voglio ridurlo a un protocollo che ha fruttato al cartello medico trilioni di dollari.

Iniziamo la storia con un “focolaio”. Da qualche parte sulla Terra, ci viene detto che c’è un gruppo di casi insoliti di malattia.

La parola chiave è “insolito”. Altrimenti, a chi importerebbe? La gente direbbe invece: “Quaranta persone a #Wuhan hanno una congestione polmonare”. E questo non susciterà alcun interesse.

A Wuhan, era “polmonite insolita”. Come mai? Nessuna risposta convincente. Alcune persone hanno citato un aspetto a “vetro smerigliato” nelle immagini dei polmoni dei pazienti. Significa aree grigie o opacità. Un’altra affermazione: i pazienti avevano un’estrema mancanza di respiro.

Ma l’opacità e la mancanza di respiro sono state menzionate e descritte nella letteratura medica molto prima del C-O-V-I-D.

Bisogna offrire qualcos’altro, per giustificare il termine “casi insoliti”. E lo capiamo quasi immediatamente, mentre stiamo ancora cercando di capire cosa rende nuova e diversa la malattia di questi pazienti:

È un v-i-r-u-s. Un v-i-r-u-s mai visto prima.

È già in corso uno switcheroo. In realtà non c’è nulla di insolito nel cluster di casi di #Wuhan. E proprio mentre stiamo per rendercene conto, siamo colpiti da un “nuovo v-i-r-u-s”. E poi dimentichiamo che non c’era motivo di cercare un nuovo virus in primo luogo.

L’inquinamento atmosferico mortale incombe su Wuhan da molto tempo. Spiega tutti i tipi di infezioni polmonari, inclusa la polmonite, un sintomo cardinale del C-O-V-I-D. E tra l’altro, circa 300.000 persone in Cina muoiono ogni anno di polmonite.

Il “nuovo virus” è strombazzato. Ma ovviamente, come ho dimostrato molte volte, in realtà non è stato trovato. Nessuno l’ha isolato. Il cosiddetto sequenziamento genetico era un castello immaginario nell’aria basato su supposizioni. Come potrebbe essere altrimenti? Nessuno ha un campione isolato e purificato del virus che possa essere analizzato.

Accettare il “nuovo virus” come un fatto produce questa situazione: un elenco di sintomi clinici molto familiari può ora essere definito unico, perché la causa è unica.

Improvvisamente, tosse, brividi, febbre, affaticamento, congestione, mancanza di respiro, che sono stati chiamati influenza, o semplicemente infezione o altri nomi, sono C-O-V-I-D. Questo è il grande switcheroo.

Andando ancora oltre, come ho riportato in diversi articoli, i tre principali studi clinici sui v-a-c-c-i-n-i R-N-A C-O-V-I-D sono stati progettati per dimostrare nient’altro che questo: il v-a-c-c-i-n-o potrebbe proteggere da tosse, brividi e febbre. Potresti chiamarlo un v-a-c-c-i-n-o contro l’influenza lieve.

Passaggio successivo: fornire un test diagnostico per “il virus” che sputerebbe automaticamente falsi positivi come l’acqua di una caserma dei pompieri. Questa è la P-C-R. Ho smontato la P-C-R in sei modi da domenica e l’ho smascherata come una frode.

Con la P-C-R in mano, lo switcheroo è approfondito. Quell’elenco di sintomi di malattie familiari, preso insieme al test, dipinge il quadro di milioni di casi di una “nuova piaga”.

Tutta questa fabbricazione è dell’ordine di: “Ehi, Jim, le vendite del nostro widget numero 6 sono finite. Cosa possiamo fare? A meno che… chiamiamolo widget numero 7, mettilo in una nuova scatola…”

La gente dice: “Ma CI SONO misteriosi casi di C-O-V-I-D che non possono essere spiegati come infezioni polmonari riconfezionate…”

Certo che ci sono. Quando la rete diventa abbastanza grande, spazzerà via in gruppi di casi che sembrano sfidare ogni spiegazione. Ma quando ti avvicini abbastanza, scopri, ad esempio, nuove campagne di v-a-c–c-i-n-a-zione velenose e pesticidi tossici e lagune di feci negli allevamenti di maiali giganti. Queste e altre cause simili di malattia e morte emergono.

Ho scoperto per la prima volta lo switcheroo nel 1987, quando stavo facendo ricerche per il mio primo libro, A-I-D-S INC. Scienziati in Africa stavano studiando un “nuovo” focolaio tra le persone che, “incidentalmente”, soffrivano di malnutrizione proteico-calorica, fame , e la fame.

Gli scienziati, truffatori da quattro soldi, la chiamavano “sindrome da deperimento”, poi “malattia da magro” e infine “AIDS”. Hanno annunciato che la causa era l’H-I-V, un virus che nessuno aveva isolato.

E in agguato sullo sfondo, se avevi bisogno di un’altra causa di malattia e morte, c’era la famigerata campagna di v-a-ccinazione contro il vaiolo di massa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in Africa, uno degli esperimenti medici di massa più pericolosi mai effettuati su una popolazione. Quella campagna si era conclusa con l’iniezione di milioni di persone diversi anni prima della “scoperta dell’A-I-D-S”.

La campagna era così pericolosa che, in una riunione segreta dell’O-M-S a Ginevra, fu presa la decisione di non usare mai più quel v-a-c-c-i-n-o, perché aveva causato il vaiolo (o qualcosa che gli assomigliava).

Nel 1987, ho setacciato volumi di riviste mediche presso la biblioteca biomedica dell’U-C-L-A e ho scoperto che la causa più diffusa di deplezione delle cellule T (“A-I-D-S”) nel mondo è la MALNUTRIZIONE.

Malnutrizione, fame, fame, v-a-c-c-i-n-i tossici, povertà opprimente, guerra, fertili terreni agricoli rubati alla gente dalle grandi corporazioni agricole, farmaci tossici… tutto riconfezionato come una nuova malattia causata da un nuovo virus, l’HIV.

Poi ho continuato a studiare ogni cosiddetto gruppo ad alto rischio per l’A-I-D-S. Ho scoperto che in ogni gruppo, tutti i “sintomi dell’A-I-D-S” potevano essere spiegati da cause non virali.

A quel punto, mi sono reso conto che stavo guardando una classica operazione segreta di tipo agenzia di intelligence, applicata all’interno dell’universo medico. Il virus era la storia di copertina. Era usato per nascondere i crimini del governo e delle aziende in corso. Ad esempio: la fame forzata.

Una truffa è una truffa.

Si cambiano solo i nomi delle malattie, per proteggere i colpevoli.

Ecco il secondo articolo sulla truffa:

—Un numero enorme di casi di influenza viene rietichettato come casi di C-O-V-I-D—

Il numero di casi C-O-V-I-D è stato falsificato in vari modi.

La strategia di gran lunga più ampia è la rietichettatura. L’influenza si chiama C-O-V-I-D.

Non abbiamo bisogno di tabelle e grafici per vederlo. È proprio davanti ai nostri occhi.

La definizione di caso C-O-V-I-D consente l’influenza nella porta. Non c’è niente di unico in questa definizione. Ad esempio, una tosse, o brividi e febbre, costituirebbero “un caso lieve di C-O-V-I-D”.

Sarebbe necessario anche un test P-C-R positivo per S-A-R-S-C-o-V-2, ma come ho dimostrato nella mia recente serie sul test, ottenere un falso positivo è facile come una torta.

Tutto quello che devi fare è eseguire il test a più di 35 cicli. La maggior parte dei laboratori esegue il test a 40 cicli. Un ciclo è un salto di qualità nell’ingrandimento del campione di tampone prelevato dal paziente. Quando si esegue il test a più di 35 cicli, i falsi positivi fuoriescono come acqua da una manichetta antincendio.

Quindi … con i normali sintomi dell’influenza più un test P-C-R falso positivo … voila, hai un caso C-O-V-I-D.

Tieni presente che, in modo schiacciante, la maggior parte dei “casi C-O-V-I-D” sono lievi. In altre parole, sono indistinguibili dall’influenza ordinaria.-

Ma qui c’è una tana del coniglio, e possiamo scendere in quella tana molto più lontano. La prossima domanda è: cos’è un caso di influenza? Che cos’è veramente?

Il ricercatore Peter Doshi ha fatto molto per rispondere a questa domanda. Nel dicembre del 2005, il British Medical Journal (online) ha pubblicato il suo rapporto scioccante, che ha creato tremori nelle sale del C-D-C, dove “gli esperti” dicevano alla stampa che 36.000 persone negli Stati Uniti muoiono ogni anno a causa dell’influenza.

Ecco una citazione dal rapporto di Doshi, “Le cifre sulla morte per influenza negli Stati Uniti sono più pubbliche che scientifiche?” (BMJ 2005; 331:1412):

“[Secondo le statistiche del C-D-C], ‘influenza e polmonite’ hanno causato 62.034 vittime nel 2001, 61.777 delle quali attribuibili a polmonite e 257 a influenza, e solo in 18 casi il virus dell’influenza è stato identificato positivamente”.

Boom.

Vedete, il C-D-C ha creato una categoria complessiva che combinava morti per influenza e polmonite. Come mai? Perché hanno supposto ipocritamente che i decessi per polmonite fossero complicazioni derivanti dall’influenza.

Questa è un’ipotesi assurda. La polmonite ha una serie di cause.

Ma ancora peggio, in tutti i decessi per influenza e polmonite, solo 18 hanno rivelato la presenza di un virus influenzale.

Pertanto, il C-D-C ha potuto solo dire, con certezza, che 18 persone sono morte di influenza nel 2001. Non 36.000 morti. 18 morti.

Doshi ha continuato la sua valutazione delle statistiche pubblicate sui decessi per influenza dei C-D-C: “Tra il 1979 e il 2001, i dati [C-D-C] mostrano una media di 1348 morti [influenzali] all’anno (intervallo da 257 a 3006)”. Queste cifre si riferiscono all’influenza separata dalla polmonite.

Questo numero di morti è di gran lunga inferiore alla vecchia cifra di 36.000 pappagalli.

Tuttavia, quando si aggiunge la condizione ragionevole che i test di laboratorio devono effettivamente trovare il virus dell’influenza nei pazienti, il numero di decessi annuali per influenza crolla ulteriormente.

In altre parole, è tutta promozione e clamore.

Ma non abbiamo ancora finito. Perché… quale test stavano usando i ricercatori per decidere che c’erano 18 casi di influenza onesta, in cui è stato trovato e identificato un virus? Risposta: sconosciuta.

È molto probabile che il test non abbia isolato affatto un virus influenzale. Ha identificato solo un marcatore che è stato ASSUNTO, senza prove, unico per un virus influenzale.

Se è così, nella popolazione sono stati trovati ZERO casi di influenza reale.

Invece, quello che avevamo era “malattia simil-influenzale”. Brividi, tosse, congestione, febbre, stanchezza; i sintomi onnipresenti che descrivono circa un miliardo di casi di malattia, ogni anno, in tutto il mondo.

La causa di quei miliardi di casi? Non esiste un’unica causa. Invece, ci sono molti fattori, che vanno dai cambiamenti climatici improvvisi all’inquinamento atmosferico, alla malnutrizione, ai servizi igienico-sanitari al di sotto degli standard … e così via.

Stando così le cose, ora possiamo dire: molti, molti casi di FAKE FLU vengono rietichettati FAKE C-O-V-I-D.

Ora stiamo diventando reali.

Il cartello medico “scopre” (mercati) un numero enorme di cosiddette malattie uniche, ciascuna malattia con una presunta causa specifica: v-i-r-u-s A, v-i-r-u-s B, v-i-r-u-s C…

Per ogni v-i-r-u-s, devono esserci almeno diversi farmaci altamente redditizi che presumibilmente uccidono il germe. E per ogni germe ci deve essere un v-a-c-c-i-n-o che prevenga la malattia.

Seguono miliardi e trilioni di ricompense.

E anche CONTROLLO. Controllo delle menti.

Perché la popolazione è sintonizzata da una propaganda incessante per credere nella rigida nozione di una malattia e un germe.

E quando è il momento giusto, il cartello medico può persino affermare che un nuovo germe sta decimando il mondo e devono “distruggere il villaggio per salvarlo”.

Che è la finzione psicotica in cui ci troviamo, in questo momento.

La Santa Chiesa della mistica biologica ha bisogno del tuo sostegno. Date loro il vostro tempo, i vostri soldi, i vostri mezzi di sussistenza, il vostro futuro, la vostra lealtà, la vostra fede, la vostra salute, la vostra vita.

Se lo fai, sei il loro prodotto più importante.


FONTI:

[1] https://www.foxnews.com/health/cdc-labs-covid-tests-differentiate-flu

[2] https://hive.rochesterregional.org/2020/01/flu-season-2020

Fonte articolo: https://blog.nomorefakenews.com/2021/08/05/turning-flu-cases-into-covid-through-manipulation-easy-as-pie/

®wld

Addio Italia: se siamo all’apartheid, la democrazia è finita

Lascia un commento

Immagine: Fonte

E’ semplice: basta cedere su un punto cruciale (la verità) e la rovina sarà garantita. La verità omessa è questa: il #Covid è curabilissimo, da casa. La menzogna: il “#vaccino” (che #vaccino non è) resta l’unica soluzione. Falso: la terapia genica sperimentale introdotta nel 2021, che mai sarebbe stata autorizzata se si fosse ammessa l’esistenza delle normali terapie, non solo non riduce affatto i contagi, che di per sé oltretutto non significano nulla; il “non-#vaccino” è anche la corda con cui impiccare quel che resta della democrazia italiana. Addio giustizia, diritti, libertà, privacy. Addio economia, addio socialità. Addio cinema e teatro, addio bar e ristoranti. Addio Italia. Imperdonabile, la scelta di Mario Draghi: puntare tutto solo sul “non-#vaccino”, trascurando in modo sciagurato le terapie. L’associazione medica “Ippocrate” ha appena presentato il suo bilancio, dopo 60.000 pazienti #Covid curati e guariti da casa: nessun ricovero, nessuna vittima. Lo scandalo: l’Italia non ha ancora adottato un protocollo come quello di “Ippocrate”.

Man

Il ministero della sanità è addirittura intervenuto, in sede giudiziaria, per bloccare l’adozione delle cure precoci: quelle che azzerano il rischio di ospedalizzazione, facendo crollare i numeri su cui si basa l’emergenza sanitaria che tiene in ostaggio l’Occidente. La vergogna: Tachipirina e “vigile attesa” (dell’aggravamento) rappresentano ancora l’autostrada per l’inferno che l’esecutivo tiene aperta. Scandalo nello scandalo: Roberto Speranza è tuttora ministro della sanità. E personaggi come Franco Brusaferro (alla guida del catastrofico Comitato Tecnico-Scientifico, oltre che dell’Istituto Superiore di Sanità) hanno fatto a gara per nasconderla, la verità, con colleghi del calibro dei pomposi virologi televisivi, o di “esperti” come Nino Cartabellotta, che regge la fondazione Gimbe (narrata come indipendente, ma che in realtà si finanzia lavorando per le Big Pharma). Il clan italico dell’epoca Conte-Arcuri è ancora determinante, a quanto pare, se ha la forza di imporre l’apartheid sanitario anche sotto il regno di sua santità Mario Draghi, che non ha voluto (o potuto) emarginare la menzogna. L’ha lasciata al potere, con la facoltà di rovinare la vita a milioni di italiani, spalancando prospettive da incubo. Giorgia Meloni parla di fine della democrazia, mentre il timidissimo Salvini si limita a giudicare irrealistica l’estensione universale del Green Pass per via della carenza di dosi “#vaccinali”. L’ex grillino Pino Cabras mette a fuoco lucidamente la questione: se il “#vaccino” non limita affatto i contagi, che senso ha imporlo come condizione per sedersi al ristorante?

Mask-scuola

Sentire persone che ancora si ostinano a ragionare onestamente fa quasi tenerezza: se avessimo la macchina del tempo, sarebbe come vedere qualcuno che tenta di convincere le SS, spiegando loro che gli ebrei non sono colpevoli di niente. Trascurando – per pietà – qualsiasi osservazione sugli imbarazzanti “#vaccini genici”, c’è da friggere di rabbia di fronte allo spettacolo di un governo che, si dice, aveva il compito di risollevare il paese dopo la micidiale cura-Conte, imposta dai peggiori poteri oscuri legati all’oligarchia reazionaria mondiale. Bastava che Draghi – oltre a fornire le dosi “#vaccinali” per i più sprovveduti, in preda al panico – avesse avuto cura di disporre, parallelamente, un adeguato protocollo sanitario nazionale per la terapia domiciliare dell’influenza 2019, con tutte le sue ovvie “varianti”. Non solo non l’ha fatto, ma ora obbliga gli italiani a subire un regime di apartheid: in nome di una farmacologia solo sperimentale, in base a cui imporre una sorta di Tso, inflitto in primis agli stessi medici, in barba alla Costituzione.

Dog

Tecnicamente, ha ragione Meloni: se così stanno le cose, allora la democrazia è proprio finita. Addio, Italia. Ormai non ha più senso neppure continuare ad affannarsi a scrivere sui blog: chi doveva capire, ha capito. Ad aprire gli occhi ai dormienti, probabilmente, provvederà la spietata durezza dei giorni che verranno, per la gioia del potere mondiale che ha programmato la più clamorosa campagna terroristica della storia, sulla base di una epidemia influenzale dalla letalità pressoché irrisoria. Basta curarli in tempi ragionevoli – dicono i medici di “Ippocrate” – e persino i novantenni evitano di essere ricoverati. La verità è questa, ma il governo la calpesta: la sotterra, insieme alla dignità e alla libertà dei cittadini, peraltro in gran parte ridotti a zombie, alcuni rimbecilliti al punto da circolare ancora per strada con il volto coperto da uno straccetto completamente inutile, oltre che dannoso per la salute. Ora siamo all’ultimo atto, l’apartheid: non è il caso, davvero, di spendere altre parole.

E’ finita: si è arrivati esattamente dove si temeva si potesse giungere. Di fronte a questo, impallidisce ogni altro argomento di attualità, politica o economia: non vale la pena affrontarlo, perché è oscurato dall’emergenza democratica che sbriciola i diritti umani. Un sentito grazie, intanto, a chi ha ostinatamente, ottusamente rifiutato di riconoscere la cinica premeditazione degli eventi. E un grazie ancora più grande va a tutte le pecore che, con la loro zelante sottomissione, hanno permesso al lupo di sbranare anche chi pecora non è. Merito loro, se la democrazia si spegne: nessuna dittatura potrebbe mai prevalere, se non potesse contare su milioni di servi, pronti persino a denunciare il vicino di casa. Quello è il bivio, definitivo, in cui due umanità distinte si separano: per sempre.

Fonte: https://www.libreidee.org/2021/07/addio-italia-se-siamo-allapartheid-la-democrazia-e-finita/

®wld 

Un complotto criminale pluridecennale, internazionale: IL SISTEMA DI ARMI QUATERNARIO

Lascia un commento

SISTEMA DI ARMI QUATERNARIO attivato prima di ogni esplosione a grappolo di coronavirus

da Stato della Nazione
21 maggio 2021 dal sito web di StateOfTheNation

Il modo migliore per capire perché la pandemia di coronavirus è esplosa in tutto il mondo nello stesso anno in cui lo spiegamento militare del 5G è stato notevolmente avanzato,

Cina, Italia, Corea del Sud, Stati Uniti e altre nazioni esperte di IT,

…è vederli entrambi come un sistema d’arma binario, che viene poi coordinato con i programmi di vaccini e le operazioni sulle scie chimiche per funzionare come un sistema d’arma quaternario. Solo se visti attraverso la lente del “sistema d’arma quaternario” è possibile comprendere adeguatamente gli eventi apocalittici del 2020 e rispondere con successo.

5G e COVID-19

La seguente testimonianza personale viene presentata al fine di ottenere informazioni cruciali su ciò che sta realmente accadendo ovunque un cluster di coronavirus spunti dal nulla proprio nel mezzo di una regione ad alta intensità di 5G.

L’estratto che segue offre una prospettiva critica su come la relazione diretta tra l’epidemia di coronavirus di Wuhan e il lancio accelerato del 5G che ha avuto luogo nella provincia di Hubei nel 2019.

A proposito, perché lo spiegamento del 5G a Wuhan è stato così accelerato poco prima dell’epidemia di coronavirus a dicembre?

“La Cina era da tempo destinata a essere la vetrina del 5G per il mondo.

Le principali aree metropolitane e i centri tecnologici come Wuhan sono stati selezionati per essere zone dimostrative 5G ufficiali.

Solo una concentrazione così elevata di trasmettitori a radiofrequenza 5G e torri a microonde consentirebbe una diffusione dell’Internet of Things ( IoT ) in tutta la città.

Il 2019 è stato l’anno in cui Wuhan, la capitale dell’Hubei, è stata,

“Si prevede di avere 10.000 stazioni base 5G entro la fine del 2019, ha affermato Song Qizhu, capo dell’amministrazione provinciale delle comunicazioni di Hubei”.

Poi è arrivato il coronavirus, così è stato detto a tutto il mondo.

Ciò che è realmente accaduto è che una nuova variante del coronavirus è stata rilasciata a Wuhan dopo che gli sperimentatori del 5G hanno visto esplodere un’epidemia di sindrome del 5G.

Le cavie 5G stavano letteralmente cadendo come mosche non appena hanno attivato l’interruttore 5G. I pronto soccorso e le cliniche di pronto soccorso sono stati sopraffatti.

Gli scienziati del 5G che osservavano la crescente crisi della salute pubblica hanno immediatamente attivato il Piano B: dare la colpa a un’influenza virulenta , un coronavirus bioingegnerizzato che produce sintomi simili alla sindrome del 5G.”
Analista dell’intelligence ed ex ufficiale dell’esercito degli Stati Uniti Fonte

La connessione tra 5G e coronavirus è stata saldamente stabilita e non può più essere ignorata, soprattutto dagli americani dipendenti da smartphone.

In effetti,

molti utenti di smartphone soffrono di un’influenza 5G di basso grado o di una sindrome 5G conclamata.

In entrambi i casi, di solito non sono consapevoli della causa principale della loro malattia cronica: il loro smartphone, l’ambiente domestico wireless e/o il WiFi sul posto di lavoro.

Ora aggiungi il COVID-19 al mix…

Chiaramente, il risultato è una situazione globale altamente consequenziale che i media mainstream hanno etichettato come “pandemia” del coronavirus. Tuttavia, quello che stiamo veramente vedendo è,

una nuova piaga artificiale chiamata sindrome da coronavirus…

Questi sviluppi sincronistici sia per quanto riguarda 5G influenza e la sindrome 5G e in rapida intensificazione focolai coronavirus tutto gli Stati Uniti e in tutto il mondo at-large sono ben spiegati nel seguente estratto.

PUNTI CHIAVE

La sindrome 5G è un disturbo medico molto più grave dell’influenza 5G.

La sindrome 5G rappresenta un elenco molto più ampio di sintomi gravi, alcuni dei quali potenzialmente letali. Tuttavia, come il mondo intero ha testimoniato, l’influenza 5G può anche ucciderti – VELOCEMENTE – a seconda del tuo profilo di salute generale e della forza del tuo sistema immunitario.

Ecco perché gli anziani e gli infermi soccombono all’influenza 5G così rapidamente… e i bambini sembrano avere un’immunità naturale.

Tuttavia, è la sindrome 5G che è il killer silenzioso a causa di quanti sintomi si verificheranno completamente sotto il radar nel corso degli anni.

Inoltre, molti di questi sintomi verranno regolarmente interpretati erroneamente come altri processi patologici sia dai medici che dai medici olistici.

Questo tipo di diagnosi errata e sotto-diagnosi da parte dei medici di tutto il mondo si è verificata per diversi decenni per quanto riguarda la malattia da elettroipersensibilità , spesso per la progettazione intenzionale del complesso medico-grande farmaceutica. Poi ci sono quegli individui che soffrono sia di influenza 5G che di sindrome 5G ad esordio precoce; sono quelli che cadono come mosche a Wuhan, in Cina.

La loro dipendenza da smartphone e altri dispositivi wireless li ha resi ciechi agli effetti negativi sulla salute causati dall’improvviso afflusso di energie 5G (che includono gamme di segnali a radiofrequenza estremamente elevate e trasmissioni a microonde ultra potenti) quando hanno attivato l’interruttore nel 2019 nella provincia di Hubei.

In generale, l’influenza 5G è più una malattia acuta mentre la sindrome 5G è una malattia cronica a lungo termine.

Si supportano e si nutrono a vicenda, il che è ciò che li rende così pericolosi e sempre più fatali. Una persona che ha la sindrome 5G è molto più suscettibile a contrarre l’influenza 5G.

E una persona con l’influenza 5G è un buon candidato per lo sviluppo della sindrome 5G.

Uno che ottiene ripetutamente il coronavirus di Wuhan (o influenza 5G), come molti malati cinesi hanno fino ad oggi, mostrerà una maggiore probabilità di sviluppare la sindrome 5G; cioè, se non ne hanno già una custodia.

Gli straordinari tassi di reinfezione per COVID-19, noto anche come arma biologica del coronavirus che innesca l’influenza 5G, offrono prove circostanziali convincenti che si tratta davvero di una malattia causata dalle radiazioni elettromagnetiche più che di un coronavirus bioingegnerizzato; anche se in realtà sono entrambi i co-fattori che lavorano in tandem per caricarsi il turbo l’un l’altro.

In verità, i tassi di reinfezione “inspiegabili” raccontano la storia nascosta di questa pandemia in rapida evoluzione.

L’unico motivo plausibile per le re-infezioni multiple, rispetto a tutti i focolai di coronavirus precedentemente studiati prima dell’era del WiFi, è che gli ex pazienti COVID-19 sono tornati nel loro ambiente wireless, vivono in un hotspot 5G, stanno creando il proprio IoT e/o dormono ancora con lo smartphone – ACCESO – sotto i cuscini. La sindrome 5G si sviluppa in modo insidioso in un periodo di esposizione prolungata a una rete elettrica 5G e/o utilizzo anche di una versione su piccola scala di un IoT domestico o di un edificio per uffici su vasta scala dell’Internet delle cose.

Più a lungo un individuo si trova in quei livelli non sicuri di campi elettromagnetici e microonde diffusi dal 5G, più è probabile che sperimenteranno l’evoluzione della propria forma unica di sindrome 5G.

Alla fine, diventeranno vulnerabili non solo all’influenza 5G (cioè il coronavirus di Wuhan), ma anche all’intera schiera di altri ceppi di influenza bioingegnerizzati e influenze naturali

Il punto più critico qui è che ogni utente abituale di smartphone a lungo termine è a grande rischio di sviluppare l’influenza 5G e la sindrome 5G, o entrambe.

Durante le stagioni influenzali annuali, saranno più suscettibili di altri a qualsiasi tipo di influenza che attraversi il quartiere, in particolare un coronavirus bioingegnerizzato per essere altamente contagioso.
fonte

5G e IoT
I tre maggiori gruppi di sindrome da coronavirus in ciascun continente si trovavano in 3 grandi città che avevano già sperimentato quello che era essenzialmente un dispiegamento militare di una rete elettrica 5G.

Come segue:

“Questo è anche il motivo per cui tre dei più gravi focolai di coronavirus in 3 continenti – Asia, Europa e Nord America – si sono verificati nelle principali aree metropolitane che erano state sottoposte a roll-out avanzati del 5G:

  • Wuhan, Cina
  • Milano, Italia
  • Seattle, Washington,

…rispettivamente.

Ognuna di queste tre “zone dimostrative 5G” ha prodotto i più alti tassi di infezione da COVID-19 e tassi di mortalità nel mondo di oggi.”
Fonte

Aggiornamenti:

La grande area di New York City sta ora vivendo diversi cluster di coronavirus, come previsto, a causa del lancio particolarmente intensivo del 5G lì per tutto il 2019.

Gli Stati Uniti ora superano la Cina per i nuovi casi di COVID-19 e sono sulla buona strada per vedere anche più morti (le città americane con il 5G contribuiranno in modo sostanziale a tale aumento del tasso di mortalità).

La rete elettrica 5G di New York in rapida espansione rappresenta la quarta grande area metropolitana del mondo in cui le zone 5G sono esplose in enormi siti di infezione da coronavirus praticamente da un giorno all’altro.

Esiste senza dubbio una correlazione diretta tra l’utilizzo intensivo del 5G e l’incidenza della sindrome da Coronavirus.

Tutta la scienza ha dimostrato che le energie estremamente potenti e dannose associate a un sistema 5G completamente operativo indeboliscono significativamente il sistema immunitario umano.

Pertanto, le persone che vivono nelle “zone dimostrative 5G” saranno inevitabilmente molto più vulnerabili a tutte le influenze stagionali, e in particolare al COVID-19 altamente opportunistico e virulento.

Alcuni ricercatori medici hanno dichiarato che il 5G innesca effettivamente il COVID-19, che poi mette in moto un processo patologico unico che si manifesta in modo diverso in ciascun paziente.

Poiché sembra esserci una capacità bioingegneristica per COVID-19 di mutare in vivo, l’insieme dei sintomi può cambiare rapidamente o lentamente eludendo così una diagnosi corretta e un trattamento efficace.

Più a lungo un paziente è esposto a un ambiente 5G, più gravi saranno i sintomi. Allo stesso modo, con l’evolversi del processo della malattia, emergeranno anche ulteriori sintomi, alcuni dei quali piuttosto insoliti e pericolosi per la vita.

Non solo il 5G sembra innescare l’insorgenza della sindrome da coronavirus, ma sembra anche causare una straordinaria mutazione e trasformazione del COVID-19 in un agente patogeno del coronavirus completamente diverso, che poi giace latente nel corpo ben dopo che il paziente è stato curato.

Questo è abbastanza simile al virus Epstein-Barr che alla fine si evolve in EBV-Stage 4 dopo aver attraversato gli stadi 1, 2 e 3 in decenni di latenza. La misura in cui un paziente è esposto all’Internet of Things (IoT) rappresenta una sfida ancora maggiore per il suo sistema immunitario.

Questo è il motivo per cui così tante navi da crociera sono diventate ospedali galleggianti così presto dopo l’epidemia di Wuhan (semplicemente non c’era abbastanza tempo per i pazienti o i vettori di Wuhan per salire a bordo delle navi colpite).

Non solo il 5G era pienamente operativo su quelle navi in ​​quarantena, le compagnie di crociera hanno promosso i loro IoT via mare a tutti i passeggeri più giovani, mentre molti dei passeggeri più anziani soffrivano di immunosoppressione o salute compromessa.

Come previsto, le persone anziane hanno subito un tasso di infezione da COVID-19 molto più alto.

Poi, quando è stato segnalato il primo caso di COVID-19, il lungo periodo di quarantena sulle navi da crociera è servito a diffondere ancora di più il coronavirus negli spazi ristretti.

Indubbiamente, sono gli alti tassi di reinfezione di COVID-19 che illustrano gli effetti drammatici che un ambiente 5G ha su un portatore o su un paziente. Coloro che lasciano l’ospedale come un paziente COVID-19 guarito e rientrano nel loro stesso spazio IT wireless subiranno invariabilmente un tasso più elevato di reinfezione.

Alcuni alla fine subiranno re-infezioni doppie o triple nella stessa stagione influenzale.

PUNTO CHIAVE:

Quando un medico praticante come il dottor Thomas Cowan, MD (vedi foto sopra) discute la connessione diretta tra il coronavirus e il 5G, è tempo di prestare molta attenzione.

Agenda Super-Vaccinazione

  • Innanzitutto, è di fondamentale importanza capire che l’agenda della supervaccinazione è stata implementata dalla prima guerra mondiale.
  • In secondo luogo, che i vaccini rappresentano un assalto profondo contro il corpo umano spesso con conseguenze irreversibili.

In numerosi casi, i bambini vengono uccisi da queste formulazioni tossiche, proprio come gli adulti possono essere debilitati per tutta la vita da un singolo vaccino antinfluenzale.

Qualcuno sa per certo cosa c’è in queste bombe chimiche e biologiche prodotte da Big Pharma?!

I vaccini, in particolare i vaccini antinfluenzali, giocano un ruolo fondamentale in questo sistema d’arma quaternario.

Il vaccino antinfluenzale annuale, che viene spinto in modo aggressivo ogni anno perché è così vitale per questo schema di spopolamento globale, contiene un cocktail di materiale biologico dannoso e composti chimici non sicuri.

Alcuni degli ingredienti del vaccino sono particelle di dimensioni nanometriche che sono sia digitalizzate che controllabili a distanza, che possono devastare il sistema immunitario umano.

Gli anziani sono abbastanza facilmente spaventati nel ricevere il loro vaccino antinfluenzale annuale.

Con ogni vaccino antinfluenzale, vengono iniettati con “RNA digitalizzato e controllabile”, che può quindi essere attivato da bande di onde millimetriche a 60 GHz diffuse dal 5G.

Questo è il motivo per cui le persone anziane che contraggono il coronavirus sono totalmente inabili così rapidamente, con un’alta percentuale di loro che muore in breve tempo.

Anche il tasso di mortalità per i giovani adulti è in aumento, soprattutto per coloro che sono stati regolarmente destinatari del vaccino antinfluenzale e sono utenti regolari di smartphone.

I bambini negli Stati Uniti ora mostrano un tasso di infezione molto più alto rispetto ad altri paesi a causa dei programmi di vaccinazione infantile imposti con forza e degli ambienti domestici wireless.

L’incidenza straordinariamente alta di

ADD e ADHD, autismo e sindrome di Asperger, dislessia e disabilità dello sviluppo,

…sono tutte prove dell’estremo impatto neurologico dei pericolosi vaccini obbligatori per neonati e bambini fragili.

Il popolo americano, collettivamente, è la più grande vittima dell’Agenda sulla Super-Vaccinazione nel mondo a causa dello schiacciante potere politico e dell’influenza corporativa del Grande Complesso Farmaceutico.

Quindi, ci si può aspettare un tasso di infezione e un tasso di mortalità significativamente più alti da COVID-19 in tutti i 50 stati, in particolare in quelle città e contee con il maggior numero di

conformità ai vaccini, reti elettriche ad alta intensità di 5G, scie chimiche e rilasci di coronavirus…

Scie chimiche La geoingegneria chimica ha visto numerosi sviluppi tecnologici in questo millennio che rendono le scie chimiche solo più pericolose di anno in anno.

I soli metalli pesanti, come l’alluminio, stanno alterando irreversibilmente l’atmosfera per renderla più conduttiva per le potenti frequenze elettromagnetiche 5G e le trasmissioni a microonde.

Immagina quanto ossido di alluminio è stato spruzzato nella troposfera per decenni?

Il vero problema qui risiede nei fatti della vita nel 2020 che pochissimi capiscono.

Ad esempio, la maggior parte di noi vive sotto cieli costantemente sottoposti a scie chimiche. Quindi, respiriamo tutti aria inquinata satura di alluminio chimicamente mobile, sali di bario, stronzio, litio e altri contaminanti chimici.

Vivere una vita sotto le nuvole chimiche e la copertura delle nuvole chimiche ha contribuito in modo sostanziale al nostro carico tossico o al carico corporeo totale.

Pertanto, più il cielo di una persona è striato di scie chimiche, più è suscettibile a contrarre qualsiasi tipo di influenza o infezione da coronavirus.

Questi inquinanti atmosferici nocivi servono solo a tassare il sistema respiratorio superiore, creando così un ambiente favorevole affinché un coronavirus possa prima colonizzarlo, quindi proliferare e migrare nei polmoni.

Ora sono disponibili prove convincenti che indicano che le operazioni globali sulle scie chimiche vengono coordinate con il rilascio dell’arma biologica del coronavirus.

In altre parole,

gli ingredienti chimici e biologici specifici che vengono inseriti nelle formulazioni di aerosol di scie chimiche sono progettati per indebolire l’immunità, intossicare il corpo e minare sufficientemente la salute generale.

In tal modo, l’arma biologica COVID-19 produrrà una probabilità molto maggiore di infezione, malattia e morte in aree con intense operazioni di geoingegneria chimica.

Evidentemente, questi due poli degli incessanti attacchi biologici stanno lavorando a stretto contatto per spianare la strada a una pandemia in piena regola.

Davvero, esiste un modo più efficace per preparare le vie aeree umane per un’infezione da coronavirus piuttosto che riempirle con sostanze chimiche e biologiche tossiche presenti nell’aria.

PUNTI CHIAVE:

Quattro dei più grandi cluster di coronavirus al mondo si sono moltiplicati praticamente da un giorno all’altro in grandi aree urbane che avevano quattro denominatori comuni.

Ognuna di quelle grandi città ha vissuto,

  1. un lancio intensivo del 5G
  2. spruzzatura continua di scie chimiche nel corso degli anni
  3. un alto livello di compliance al vaccino antinfluenzale
  4. numerosi attacchi bioterroristici di coronavirus utilizzando COVID-19 o variante

In ordine di apparizione di queste 4 esplosioni di cluster di coronavirus ben documentate,

  • prima c’era Wuhan, in Cina
  • poi c’era Milano, Italia
  • seguito da Kirkland, Washington (vicino a Seattle)
  • ora stiamo assistendo alla grande area di New York City in tempo reale

In ogni caso, il “sistema d’arma quaternario” è stato completamente attivato per provocare quello che sembrava essere un focolaio spontaneo di coronavirus.

Tuttavia, ora stanno emergendo prove concrete che dimostrano una cospirazione criminale internazionale altamente coordinata per progettare una pandemia al fine di innescare il panico.

Conclusione

Quali altre conclusioni possono esserci su questo schema trasparente per produrre una pandemia globale mentre si mette in scena un panico 24 ore su 24, 7 giorni su 7?

Sì, ci sono questi programmi nascosti e non così nascosti che verranno implementati durante il 2020; tuttavia, il GENOCIDE con l’esplicita intenzione di DEPOPOLARE il pianeta sulla strada per un LOCKDOWN globale sono gli obiettivi principali della cabala globalista del Nuovo Ordine Mondiale. Ecco una discussione molto più dettagliata di questo complotto criminale pluridecennale, internazionale, per governare l’intera civiltà planetaria attraverso imprese genocide che impiegano guerre biologiche, chimiche e di frequenza:

OPERATION COVERLEAF – Il programma di test sulle armi più pericolose nella storia del mondo.

L’arma biologica del vaccino contro il Covid, insieme ai programmi annuali di vaccino antinfluenzale per adulti e ai programmi di vaccinazione per l’infanzia, rappresentano la pietra angolare di questo sistema d’arma quaternario.

La rapida attuazione dell’Agenda della Super vaccinazione contro il Covid è in realtà la pietra angolare della cospirazione globalista del Nuovo Ordine Mondiale per imporre un governo mondiale unico all’intera civiltà planetaria.

LINEA DI FONDO:

Chi altro potrebbe finanziare, sviluppare e lanciare sistematicamente un “SISTEMA DI ARMA QUATERNARIO” negli ultimi 100 e più anni se non l’International Banking Cartel & Crime Syndicate.

Esatto, non esiste nessun’altra entità internazionale che possa tenere completamente nascosta questa ondata di crimini plurisecolare dai loro media mainstream interamente posseduti e controllati.

NB

L’International Banking Cartel & Crime Syndicate è davvero un’organizzazione di facciata per numerose società segrete, cabale criminali, camarilla aziendali e mafie internazionali.

Questi agenti clandestini del globalismo sono variamente conosciuti come,

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il successo del vaccino Covid

Lascia un commento

https://video.newsserve.net/v/20200917/2009172023-Trump-challenges-CDC-director-vaccine-timeline_hires.jpg

Come CDC/OMS falsificherà gli effetti del vaccino COVID per farlo sembrare un successo   

di Jon Rappoport

Far sembrare un vaccino un campione non è difficile per le agenzie di sanità pubblica. Esistono numerose strategie.

Naturalmente, queste strategie fraudolente sarebbero crimini gravi. Ma quando questo ha fermato il CDC o l’Organizzazione mondiale della sanità?

Senza un ordine particolare–

UNO: rielabora la definizione di “caso COVID”. Attualmente, il CDC consente assurdamente ai medici di diagnosticare una persona con COVID che ha tosse, brividi e febbre e vive in un’area in cui vengono rivendicati casi. Nessun test necessario.

Quindi cambia questa pratica, una volta approvato il vaccino. Test della domanda per una diagnosi. Afferma che la tosse da sola non è sufficiente. Devono essere presenti anche brividi e febbre. Richiedi che la febbre sia superiore a 100.

Queste e altre modifiche ridurrebbe automaticamente il numero di casi. Il calo dei numeri sarebbe attribuito al vaccino.

Questo “restringimento definitivo” è stato, infatti, applicato negli anni ’50, dopo l’introduzione del vaccino antipolio.

DUE: Ordinare una modifica nel modo in cui viene eseguito il test diagnostico PCR. La pratica di amplificare il campione di prova originale dal paziente avviene in cicli o salti. Maggiore è il numero di cicli, maggiore è la probabilità che il test dia luogo a una diagnosi COVID. Pertanto, ordina un numero ridotto di cicli per tutti i laboratori di prova.

Risultato? Meno diagnosi COVID. Meno numeri di casi. “Il vaccino funziona.”

TRE: Limita tranquillamente l’attuale pratica ospedaliera di scrivere arbitrariamente “COVID” sui casi dei pazienti e sui file di morte.

QUATTRO: Prepara e pubblica falsi studi che mostrano che sempre più persone stanno sviluppando l’immunità al virus. Attribuiscilo al vaccino.

CINQUE: Un altro tipo di falso studio: “la trasmissione del virus da persona a persona sta rallentando, grazie al vaccino”.

SEI: Aumenta il successo del rilascio dei certificati di immunità dopo la vaccinazione. “Le persone si sentono più sicure adesso. Altre attività stanno riaprendo …”

SETTE: Usando la stampa conforme, rilascia semplicemente dichiarazioni calve che il vaccino è un successo.

OTTO: Nascondi i molti casi di lesioni e morte causati dal vaccino. Quando necessario, rivendicare COVID era la causa.

NOVE: avverti che la meravigliosa immunità derivata dal vaccino non è permanente e sono necessari frequenti richiami.

DIECI: Rielabora la definizione di “immunità acquisita da vaccino”. Anche una risposta anticorpale molto debole dall’iniezione si qualificherebbe come “immunità protettiva”.

UNDICI: un numero enorme di persone con malattie simili all’influenza, polmonite e altre infezioni polmonari tradizionali vengono chiamate “COVID”. Cambia questa pratica. Torna a chiamare molte di queste persone “influenza”, “polmonite”, ecc. I numeri dei casi COVID diminuiranno. Afferma che la caduta è l’effetto del vaccino.

DODICI: Attualmente, milioni di cosiddetti casi COVID hanno “co-morbilità”. Queste sono condizioni di salute precedenti gravi che sono, infatti, le vere cause di malattie e morte. Ovviamente questo è negato. Ma dopo che il vaccino è stato introdotto … ridimensionare la pratica di contare tutti questi pazienti co-morbosi malati e deceduti come “COVID”. Il numero di casi e decessi diminuirà. Affermare che il vaccino è il motivo.

TREDICI: Dopo l’introduzione del vaccino, rallenta i test per un breve periodo. Ciò ridurrà automaticamente il tasso di nuovi casi. Attribuire il declino al vaccino.

Commettere questi crimini è una passeggiata nel parco per le agenzie di sanità pubblica.

E nominare portavoce ufficiali per portare bugie al pubblico è facile come addestrare il piccolo Faucis a sedersi e abbaiare.

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/

***************************************

Ecco cosa pensano i medici quando non sanno di essere ripresi

®wld 

Older Entries