Home

UNA SCELTA NON INVIDIABILE

Lascia un commento

il ministro di
Relazioni estere della Russia, Sergei Lavrov,
e la sua controparte indiana, Subrahmanyam Jaishankar,
a Nuova Delhi, aprile 2022.
Reuters

La fantasia del mondo “libero” – Le democrazie sono davvero unite contro la Russia ?

di: Shivshankar Menon
dal Sitio Web TeoduloLopezMelendez

Il continente perduto di Kumari Kandam

Lascia un commento

di Ḏḥwty 06 Agosto 2014 dal Sito Web Ancient-Origins traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

La maggior parte delle persone ha familiarità con la storia di Atlantide, la leggendaria città sommersa descritta dall’antico filosofo greco Platone.

Fino ad oggi, l’opinione è ancora divisa sul fatto che questa storia debba essere interpretata letteralmente o presa semplicemente come un racconto morale. Più a est, nel subcontinente indiano, c’è una storia simile, anche se probabilmente meno conosciuta rispetto a quella di Atlantide.

Questo è il ‘continente perduto’ di Lemuria, spesso collegato alla leggenda di Kumari Kandam da persone che parlano la lingua tamil.

Il termine Lemuria ha le sue origini nell’ultima parte del XIX secolo.

Il geologo inglese Philip Sclater è rimasto perplesso dalla presenza di fossili di Lemuri in Madagascar e in India, ma non nell’Africa continentale e nel Medio Oriente.

Così, nel suo articolo del 1864 intitolato “I mammiferi del Madagascar”, Sclater teorizzò che il Madagascar e l’India un tempo facessero parte di un continente più grande e chiamò questa massa continentale mancante “Lemuria”.

La teoria di Sclater fu accettata dalla comunità scientifica di quel periodo come spiegazione del modo in cui, in tempi antichi, i Lemuri avrebbero potuto migrare dal Madagascar all’India e viceversa.

Con l’emergere dei concetti moderni relativi alla deriva dei continenti e delle placche tettoniche, purtroppo, non era più sostenibile la proposta di un continente sommerso di Sclater.

Tuttavia, l’idea di un continente perduto si rifiutava di morire, e alcuni credono ancora che Lemuria fosse un vero continente che nel passato esisteva.

Uno di questi gruppi sono i nazionalisti Tamil

Il termine Kumari Kandam èapparso per la prima volta nel 15 secolo come Kanda Puranam, la versione Tamil dello Skanda Puranam.

Tuttavia, le storie di un’antica terra sommersa nell’Oceano Indiano sono state ritrovate in molte precedenti opere letterarie tamil.

Secondo le storie, c’era una porzione di terra che un tempo era governata dai re Pandiyan e fu inghiottita dal mare.

Quando i racconti su Lemuria arrivarono nell’India coloniale, il paese stava attraversando un periodo in cui il folklore cominciava a permeare la conoscenza storica come fatti.

Di conseguenza, Lemuria fu rapidamente “equiparata” a Kumari Kandam

Bhagavata-Purana, 10° Skanda.

La storia di Kumari Kandam non è considerata solo una “storia”, ma sembra carica di sentimenti nazionalistici.

È stato affermato che i re Pandiyan di Kumari Kandam erano i governanti dell’intero continente indiano e che la civiltà Tamil è la più antica civiltà del mondo.

Quando Kumari Kandam fu sommerso, la sua gente si sparse in tutto il mondo e fondò varie civiltà, da qui l’affermazione che il continente perduto fosse anchela culla della civiltà umana.

Allora, quanta verità c’è nella storia di Kumari Kandam?

Secondo i ricercatori dell’Istituto Nazionale Indiano di Oceanografia, il livello del mare era più basso di 100 metri circa 14.500 anni fa e di 60 metri circa 10.000 anni fa.

Quindi, è del tutto possibile che una volta ci fosse un ponte di terra che collegava l’isola dello Sri Lanka all’India continentale.

Poiché il tasso di riscaldamento globale è aumentato tra 12.000 e 10.000 anni fa, l’innalzamento del livello del mare ha provocato inondazioni periodiche. Ciò avrebbe sommerso gli insediamenti preistorici che si trovavano intorno alle zone costiere basse dell’India e dello Sri Lanka.

Le storie di questi eventi catastrofici potrebbero essere state trasmesse oralmente da una generazione all’altra e infine scritte come la storia di Kumari Kandam.

Un elemento di prova utilizzato per sostenere l’esistenza di Kumari Kandam è il Ponte di Adamo (chiamato anche Ponte di Rama), una catena di banchi calcarei costituiti da sabbia, limo e piccoli ciottoli situata nello stretto di Palk che si estende per 18 miglia dall’India continentale allo Sri Lanka.

Una volta si credeva che questa striscia di terra fosse una formazione naturale, tuttavia, altri sostengono che le immagini scattate da un satellite della NASA raffigurano questa formazione terrestre come un lungo ponte interrotto sotto la superficie dell’oceano.

La posizione del ponte di Adam tra India e Sri Lanka

L’esistenza di un ponte in questo luogo è supportata anche da un’altra antica leggenda.

Il Ramayana racconta

la storia di Sita, la moglie di Rama, tenuta prigioniera sull’isola di Lanka.

Rama commissiona un imponente progetto per costruire un ponte per trasportare il suo esercito di Vanara (uomini scimmia) attraverso l’oceano fino a Lanka.

Come con la maggior parte dei cosiddetti miti, sembra probabile che ci sia almeno un po ‘di verità nelle antiche leggende Tamil di Kumari Kandam, ma quanto deve ancora essere individuato…

Bibliografia

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il Fuoco degli dei

Lascia un commento

 

Fuoco degli dei, armi mitologiche del passato antico

 

by Ivan

Armi mitologiche

Una delle storie più conosciute della mitologia greca è la leggenda di Prometheus. Questo potente Titano governò il Regno del fuoco, e in un atto di sfida passò la sua sacra conoscenza all’umanità (nonostante gli ordini di Zeus di mantenere questa conoscenza proibita). Questo strumento di calore ha permesso ai nostri antenati di sopravvivere al freddo, cuocere vasi di argilla, e per piantare chiare foreste. Ha letteralmente aiutato l’umanità a salire dall’età della pietra a un mondo di cultura e tecnologia.

Ma secondo la mitologia indù, questo dono ardente andò ben oltre l’uso primitivo di fusione del metallo e alla cottura della carne. Nelle mani degli dèi, il fuoco era uno strumento profondo e mortale, capace di incenerire i nemici e annientare intere civiltà.

Agneyastra era una di queste armi, creata dal Dio del fuoco Agni. È stato descritto come una fiamma a forma di freccia che richiedeva una grande conoscenza e abilità per poterla usare. La leggenda dice che l’Agneyastra è stata utilizzata dall’eroe Sagara per annientare con le fiamme i suoi nemici.

Un’altra arma, creata dal Dio Vishnu, fu la Narayanastra che lanciava una miriade di missili sui suoi nemici. Si diceva che l’intensità del fuoco aumentava, più un nemico resisteva e diminuìva quando mostrarono la loro sottomissione. Per mantenere un equilibrio, questa arma poteva essere usata una sola volta. Se qualcuno avesse tentato di usarla due volte, avrebbe divorato chi la stava usando e tutto il suo esercito al seguito.

Il Brahmastra (forgiato dal Signor Brahma) era una delle armi più letali della mitologia. Venivano richiesti giorni di intensa meditazione per attivarla, e quando veniva lanciata, quasi nulla poteva fermarla. Dopo l’impatto, si verificava un potente inferno capace di annientare un’intera nazione. L’arma creava anche gravi danni ambientali (non dissimili alle ricadute radioattive). Dovunque i Brahmastra fossero cadute, la terra circostante sarebbe diventata sterile per tutta la vita biologica.

Infine, c’era l’arma più letale di tutti, il Pashupatastra. Sia Shiva che Kali si diceva che avessero posseduto questo dispositivo, che fu dimesso dal potere e dal pensiero di essere usata. Era vietato l’essere usata contro nemici minori. Questa arma catastrofica è stato detto di essere in grado di distruggere la creazione e sconfiggere tutta la vita. L’eroe indù, Arjuna, ottenne quest’arma da Signore Shiva, ma non la usò mai, aveva paura di distruggere il mondo.

Tutte queste armi potenti suonano in modo poco consono agli strumenti di distruzione di massa che abbiamo oggi. Forse gli dei avevano un messaggio per noi. Non è un caso che Oppenheimer, creatore della bomba atomica, usò questa citazione della mitologia indù “ora sono diventata la morte, il distruttore dei mondi”. Viviamo in un’epoca in cui il fuoco degli dei è ora a nostra disposizione. È possibile che ci fosse un motivo per cui Zeus proibì a Prometeo di condividere questa sacra conoscenza? Possiamo veramente fidarci del fuoco degli dei?

https://www.ancient-code.com/

®wld