Home

Ora la fine dei giochi è a portata di mano

Lascia un commento

Come la C-I-A ha preso il controllo dei media statunitensi

Postato da: Caitlin Johnstone tramite Medium 

I tecnocrati della C-I-A hanno virtualmente preso il controllo dei media statunitensi per creare una narrativa globalista che alla fine non include nemmeno una nazione funzionante. Eisenhower ci ha avvertito del “Complesso industriale militare” e dell ‘”élite tecnologica”, ma i rappresentanti politici non hanno prestato attenzione o azione. Ora la fine dei giochi è a portata di mano. ⁃ TN Editor

Le origini militari / dell’intelligence di Facebook

Postato da: Whitney Webb tramite Hangout illimitato 

La C-I-A insieme al suo braccio di capitale di rischio, In-Q-Tel e D-A-R-P-A (Defense Advanced Research Projects), entrambi i bastioni dell’ingegneria sociale tecnocratica, erano immersi fino al ginocchio nella creazione originale dei social media. Il loro obiettivo era creare folio estesi su ogni cittadino. ⁃ TN Editor 

Flashback: come e perché la C-I-A ha creato Google 

Postato da: Nafeez Ahmed tramite Medium

Questo magistrale white paper documenta gli eventi e le persone che circondano la fondazione di Google. Dovrebbe essere letto e compreso da ogni americano perché rappresenta il più grande programma di ingegneria sociale di tutti i tempi. Google non è stato casuale, né stava semplicemente soddisfacendo le esigenze di un nuovo mercato. ⁃ TN Editor (Corsivo mio: questo articolo si divide in parte 1 e parte 2, è un corposo articolo che richiede un po’ di tempo da dedicare nella lettura)

NB: Gli articoli sopra esposti si possono leggere in lingua italiana perchè? il blog
“TN Editor” permette la trasliterazione in più lingue.

Fonti articoli: https://it.technocracy.news/

®wld

Dopo i cookie, Ad Tech vuole utilizzare la tua email per rintracciarti ovunque

Lascia un commento

Di Bennett Cyphers

I cookie stanno morendo e l’industria del monitoraggio sta cercando di sostituirli. Google ha proposto Federated Learning of Cohorts (FLoC), TURTLEDOVE e altre tecnologie a tema uccelli che farebbero sì che i browser eseguano alcuni dei profili comportamentali che i tracker di terze parti fanno oggi. Ma una coalizione di inserzionisti di sorveglianza indipendenti ha un piano diverso. Invece di inserire più tecnologia di tracciamento nel browser (che non controllano), vorrebbero utilizzare identificatori più stabili, come indirizzi e-mail, per identificare e tracciare gli utenti sui loro dispositivi.

Ci sono diverse proposte da parte dei fornitori di tecnologia pubblicitaria per preservare i “media indirizzabili” (leggi: pubblicità di sorveglianza personalizzata) dopo che i cookie sono morti. Ci concentreremo su uno solo: Unified Identifier 2.0, o UID2 in breve, sviluppato dalla società di tecnologia pubblicitaria indipendente The Trade Desk. UID2 è il successore dell”ID unificato” basato sui cookie di The Trade Desk . Proprio come FLoC, UID2 non è un sostituto immediato per i cookie, ma mira a sostituire alcune delle loro funzionalità. Non replicherà tutti i problemi di privacy dei cookie di terze parti, ma ne creerà di nuovi.

Ci sono differenze fondamentali tra UID2 e le proposte di Google. FLoC non consentirà a tracker di terze parti di identificare persone specifiche da solo. Ci sono ancora grossi problemi con FLoC: continua a consentire danni ausiliari di annunci mirati, come la discriminazione, e rafforza altri metodi di tracciamento, come il rilevamento delle impronte digitali. Ma i progettisti di FLoC intendono spostarsi verso un mondo con tracciamento di terze parti meno individualizzato. FLoC è uno sforzo fuorviante con alcuni obiettivi lodevoli.

Al contrario, l’UID2 dovrebbe rendere più facile per i tracker identificare le persone. Si raddoppia sul modello di business target track-profile-target. Se l’UID2 ha successo, le società di tecnologia pubblicitaria e i data broker senza volto continueranno a seguirti sul Web e avranno un tempo più facile legare la tua navigazione sul Web alla tua attività su altri dispositivi. I sostenitori di UID2 vogliono che gli inserzionisti abbiano accesso a profili comportamentali a lungo termine che catturano quasi tutto ciò che fai su qualsiasi dispositivo connesso a Internet e vogliono che sia più facile per i tracker condividere i tuoi dati tra loro. Nonostante le affermazioni sconsiderate dei suoi progettisti in merito a “privacy” e “trasparenza”, UID2 è un passo indietro per la privacy degli utenti.

Come funziona l’UID2?

In poche parole, l’UID2 è una serie di protocolli per la raccolta, l’elaborazione e la trasmissione delle informazioni di identificazione personale (“PII”) degli utenti. A differenza dei cookie o FLoC, UID2 non mira a modificare il funzionamento dei browser; piuttosto, i suoi progettisti vogliono standardizzare il modo in cui gli inserzionisti condividono le informazioni. Gli autori di UID2 hanno pubblicato una bozza di standard tecnico su Github. Le informazioni si muovono nel sistema in questo modo:

  1. Un editore (come un sito web o un’app) chiede a un utente le proprie informazioni di identificazione personale (PII), come un indirizzo email o un numero di telefono.
  2. L’editore condivide le informazioni personali con un “operatore” UID2 (una società di tecnologia pubblicitaria).
  3. L’operatore esegue l’hashing delle PII per generare un “Unified Identifier” (l’UID2). Questo è il numero che identifica l’utente nel sistema.
  4. Un amministratore centralizzato (forse The Trade Desk stesso) distribuisce le chiavi di crittografia all’operatore, che crittografa l’UID2 per generare un “token”. L’operatore invia questo token crittografato all’editore.
  5. L’editore condivide il token con gli inserzionisti.
  6. Gli inserzionisti che ricevono il token possono condividerlo liberamente attraverso la catena di fornitura della pubblicità.
  7. Qualsiasi azienda di tecnologia pubblicitaria che è un “membro conforme” dell’ecosistema può ricevere le chiavi di decrittografia dall’amministratore. Queste aziende possono decrittografare il token in un identificatore grezzo (un UID2).
  8. L’UID2 funge da base per un profilo utente e consente ai tracker di collegare insieme diversi dati su una persona. Gli UID2 non elaborati possono essere condivisi con broker di dati e altri attori all’interno del sistema per facilitare l’unione dei dati degli utenti.

Il telefono e laptop per la privacy definitivi di Purism (Ad)

La descrizione del sistema solleva diverse domande. Per esempio:

  • Chi fungerà da “amministratore” nel sistema? Ce ne saranno uno o più e in che modo influirà sulla concorrenza su Internet?
  • Chi fungerà da “operatore?” Al di fuori degli operatori, chi saranno i “membri” del sistema? Quali responsabilità avranno questi attori nei confronti dei dati degli utenti?
  • Chi avrà accesso agli identificatori UID2 non elaborati? La bozza di specifica implica che gli editori vedranno solo token crittografati, ma la maggior parte degli inserzionisti e dei data broker vedrà identificatori grezzi e stabili.

Quello che sappiamo è che un nuovo identificatore, l’UID2, verrà generato dalla tua email. Questo UID2 sarà condiviso tra inserzionisti e data broker e ancorerà i loro profili comportamentali su di te. E il tuo UID2 sarà lo stesso su tutti i tuoi dispositivi.

Come si confronta l’UID2 con i cookie?

I cookie sono associati a un singolo browser. Ciò rende facile per i tracker raccogliere la cronologia di navigazione. Tuttavia, devono ancora collegare gli ID dei cookie ad altre informazioni, spesso collaborando con un broker di dati di terze parti, per collegare la cronologia di navigazione all’attività su telefoni, TV o nel mondo reale.

Gli UID2 saranno collegati alle persone, non ai dispositivi. Ciò significa che un inserzionista che raccoglie l’UID2 da un sito Web può collegarlo agli UID2 che raccoglie tramite app, TV connesse e veicoli connessi appartenenti alla stessa persona. È qui che entra in gioco la parte “unificata” di UID2: dovrebbe rendere il monitoraggio cross-device facile come lo era il monitoraggio cross-site.

UID2 non è un sostituto immediato per i cookie. Una delle caratteristiche più pericolose dei cookie è che consentono ai tracker di perseguitare gli utenti in modo “anonimo”. Un tracker può impostare un cookie nel tuo browser la prima volta che apri una nuova finestra; può quindi utilizzare quel cookie per iniziare a profilare il tuo comportamento prima che sappia chi sei. Questo profilo “anonimo” può quindi essere utilizzato per indirizzare gli annunci da solo (“non sappiamo chi sia questa persona, ma sappiamo come si comporta”) oppure può essere memorizzato e unito a informazioni di identificazione personale in un secondo momento.

Al contrario, il sistema UID2 non sarà in grado di funzionare senza un qualche tipo di input da parte dell’utente. In un certo senso, questo è un bene: significa che se rifiuti di condividere le tue informazioni personali sul Web, non puoi essere profilato con UID2. Ma questo creerà anche nuovi incentivi per siti, app e dispositivi collegati a chiedere agli utenti i loro indirizzi email. I documenti UID2 indicano che questo fa parte del piano:

La pubblicità indirizzabile consente a editori e sviluppatori di fornire i contenuti e i servizi di cui i consumatori godono, sia tramite app mobili, TV in streaming o esperienze web. … [UID2] consente ai creatori di contenuti di avere conversazioni di scambio di valore con i consumatori, dando loro più controllo e trasparenza sui propri dati.

Gli autori standard danno per scontato che la “pubblicità indirizzabile” (e il monitoraggio e la profilazione) sia necessaria per mantenere gli editori in attività (non lo è). Inoltre chiariscono che, nell’ambito del framework UID2, gli editori dovrebbero richiedere PII in cambio di contenuto.

Come funzionerà l’UID2 sui siti web, secondo la documentazione.

Questo crea cattivi nuovi incentivi per gli editori. Alcuni siti richiedono già l’accesso per visualizzare il contenuto. Se l’UID2 decolla, aspettati che molti altri siti web basati sulla pubblicità chiedano la tua email prima di farti entrare. Con UID2, gli inserzionisti segnalano che gli editori dovranno acquisire e condividere le informazioni personali degli utenti prima di poter offrire gli annunci più redditizi.

Dove si inserisce Google?

A marzo, Google ha annunciato che “non creerà identificatori alternativi per monitorare le persone mentre navigano sul Web, né … li utilizzerà nei [suoi] prodotti”. Google ha chiarito che non si unirà alla coalizione UID2 e non sosterrà sforzi simili per abilitare il monitoraggio web di terze parti. Questa è una buona notizia: presumibilmente significa che gli inserzionisti non saranno in grado di indirizzare gli utenti con UID2 nei prodotti pubblicitari di Google, i più popolari al mondo. Ma l’UID2 potrebbe avere successo nonostante l’opposizione di Google.

Unified ID 2.0 è progettato per funzionare senza l’aiuto del browser. Si basa sugli utenti che condividono informazioni personali, come indirizzi e-mail, con i siti che visitano e quindi utilizza tali informazioni come base per un identificatore cross-context. Anche se Chrome, Firefox, Safari e altri browser vogliono frenare il monitoraggio tra siti, avranno difficoltà a impedire ai siti Web di chiedere l’indirizzo e-mail di un utente.

L’impegno di Google a evitare gli identificatori di terze parti non significa che tali identificatori stiano andando via. E non giustifica la creazione di una nuova tecnologia di targeting come FLoC. Google potrebbe provare a presentare queste tecnologie come alternative e costringerci a scegliere: vedi, FLoC non sembra così male se confrontato con Unified ID 2.0. Ma questa è una falsa dicotomia. È più probabile che, se Google sceglie di implementare FLoC, integrerà, non sostituirà, una nuova generazione di identificatori come UID2.

L’UID2 si concentra sull’identità, mentre FLoC e altre proposte di “sandbox per la privacy” di Google si concentrano sulla rivelazione delle tendenze nel tuo comportamento. UID2 aiuterà i tracker a catturare informazioni dettagliate sulla tua attività sulle app e sui siti web a cui riveli la tua identità. FLoC riassumerà come interagisci con il resto dei siti sul web. Distribuiti insieme, potrebbero essere un potente cocktail di sorveglianza: identificatori specifici e contestuali collegati a etichette comportamentali complete.

Cosa succede dopo?

UID2 non è una tecnologia rivoluzionaria. È un altro passo nella direzione in cui l’industria si è diretta da tempo. L’utilizzo di identificatori del mondo reale è sempre stato più conveniente per i tracker rispetto all’utilizzo di cookie pseudonimi. Fin dall’introduzione dello smartphone, gli inserzionisti hanno voluto collegare la tua attività sul Web a ciò che fai sugli altri tuoi dispositivi. Nel corso degli anni, si è sviluppata un’industria artigianale tra i broker di dati, che vendono servizi di tracciamento basati sul Web che collegano gli ID dei cookie agli identificatori di annunci per dispositivi mobili e alle informazioni del mondo reale.

La proposta UID2 è il culmine di questa tendenza. L’UID2 è più un cambiamento di politica che tecnico: il settore pubblicitario si sta allontanando dalla profilazione anonima abilitata dai cookie e sta pianificando di richiedere indirizzi e-mail e altre PII.

La fine dei biscotti è buona. Ma se la tecnologia di tracciamento basata sull’identità del mondo reale li sostituisce, sarà un passo indietro per gli utenti in modi importanti. In primo luogo, renderà più difficile per gli utenti in situazioni pericolose, per le quali l’attività web potrebbe essere ostacolata, accedere ai contenuti in modo sicuro. La navigazione sul Web in modo anonimo può diventare più difficile o addirittura impossibile. L’UID2 e il suo genere renderanno probabilmente più facile per le forze dell’ordine, le agenzie di intelligence, i militari e gli attori privati ​​acquistare o richiedere dati sensibili su persone reali.

In secondo luogo, l’UID2 incentiverà i siti web basati sulla pubblicità a erigere “trackerwalls”, rifiutando l’accesso agli utenti che preferirebbero non condividere le loro informazioni personali. Sebbene i suoi progettisti pubblicizzino il “consenso” come principio guida, è più probabile che l’UID2 costringa gli utenti a consegnare dati sensibili in cambio di contenuto. Per molti, questa non sarà affatto una scelta. L’UID2 potrebbe normalizzare il “pagamento per la privacy“, ampliando il divario tra coloro che sono costretti a rinunciare alla propria privacy per un accesso di prima classe a Internet e coloro che possono permettersi di non farlo.

Fonte: EFF

Bennett è un tecnologo dello staff del team Tech Projects. Lavora con una varietà di team in EFF, concentrandosi sulla privacy dei consumatori, la concorrenza e la legislazione statale. Assiste anche allo sviluppo di Privacy Badger. Al di fuori del lavoro ha degli hobby e gli piace divertirsi.

Immagine in alto: Pixabay

Postato sul sito web: https://www.activistpost.com/

®wld

Tutto quello che puoi fare è … collegare i puntini

Lascia un commento

Un team legale vuole che il “Secondo Tribunale di Norimberga” provi i promotori del blocco globale per i crimini contro l’umanità

di Leo Hohmann dal sito LeoHohmann

I tecnocrati che hanno spinto i governi a bloccare i loro cittadini dovrebbero essere processati per crimini contro l’umanità?

Un importante avvocato tedesco, che è anche autorizzato a esercitare la professione legale in America, pensa che dovrebbero.

E sta organizzando una squadra di migliaia di avvocati partecipanti che vogliono perseguire un “secondo tribunale di Norimberga” contro un gruppo di élite internazionali responsabili di quello che lui chiama lo “scandalo della frode corona”.

Rivolgendosi al Forum economico mondiale (WEF) di Davos, con sede in Svizzera, e ai suoi devoti tra i leader politici globali, l’avvocato Reiner Fuellmich afferma:

sono colpevoli di crimini contro l’umanità per aver perpetrato le politiche di risposta COVID che hanno portato a chiusure forzate, aziende distrutte, famiglie impoverite, vite spezzate e un aumento dei tassi di suicidio.

Ha formato il Comitato investigativo tedesco della Corona per perseguire le accuse civili contro i principali responsabili, tra cui il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ) delle Nazioni Unite, il dott. Tedros Adhanom .

Spera che una causa collettiva di successo porti anche ad accuse penali.

Fuellmich faceva parte del team legale che ha vinto un’importante causa contro la casa automobilistica tedesca Volkswagen in un caso del 2015 riguardante convertitori catalitici manomessi negli Stati Uniti

È stato anche coinvolto in una causa che ha denunciato una delle più grandi banche tedesche, la Deutsche Bank , come impresa criminale.

La banca è stata recentemente condannata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti a pagare 130 milioni di dollari per risolvere pratiche di corruzione che includevano riciclaggio di denaro, corruzione e frode tra gli anni 2009 e 2016.

Fuellmich è autorizzato a esercitare la professione legale in Germania e nello stato della California.

Crede che le frodi commesse da Volkswagen e Deutsche Bank impallidiscano rispetto ai danni provocati da coloro che hanno venduto la crisi del Covid-19 come la peggiore epidemia virale che ha colpito il mondo in più di un secolo e l’hanno usata per causare il panico guidato dai media, sovraffollamento del governo e sofferenza umana su una scala ancora non del tutto quantificata.

La verità è rivelata nei numeri, ha detto Fuellmich, citando cifre che mostrano che COVID-19 non ha causato alcun aumento statisticamente significativo nel numero di morti del 2020 rispetto agli anni precedenti.

La truffa perpetrata sull’umanità dipendeva da uno sporco piccolo segreto, ha detto:

il test PCR

Non solo questi test non sono approvati per scopi diagnostici, ma l’inventore del test PCR, il compianto Kary Mullis, ha dichiarato esplicitamente in un’intervista che questo non è mai stato lo scopo del suo test.

Fuellmich spiega nel video qui sotto come la risposta al coronavirus dei governi di tutto il mondo che lavorano in combutta con il

Bill Gates , l’Organizzazione mondiale della sanità delleNazioniUnite,

“sono probabilmente i più grandi crimini contro l’umanità mai commessi”.

Se YouTube rimuove il video sopra, puoi guardare la versione completa qui .

“Un certo numero di scienziati di tutto rispetto (ne cita diversi nel video tra cui un Nobel Laurette della Stanford University ) hanno concluso che non c’è mai stata una pandemia di coronavirus ma solo una pandemia di test PCR”, dice.

“Se qualcuno risulta positivo, non significa che sia infetto da qualcosa, figuriamoci dal virus contagioso SARS-COV-2”, dice Fuellmich nel video.

“Sulla base delle norme del diritto penale, affermando fatti falsi riguardanti i test PCR, o false dichiarazioni intenzionali, che possono essere valutate solo come frode.

In base alle regole del diritto civile, ciò si traduce in “inflizione intenzionale di danni”. “

Ha detto che le persone danneggiate dai blocchi indotti dalla PCR hanno diritto al pieno risarcimento per le loro perdite.

“I crimini commessi dal signor Christian Drosten (un epidemiologo e la versione tedesca del dottor Anthony Fauci) e dal signor Lothar Wieler, un veterinario e capo dell’equivalente tedesco del CDC, e Tedros Adhanom, capo dell’OMS, devono essere legalmente qualificati come crimini effettivi contro l’umanità come definiti nella sezione 7 del codice penale internazionale “.

Ha detto che la causa collettiva è la strada migliore per processare il caso.

In un articolo del 24 febbraio sull’impegno di Fuellmich, la rivista Principia Scientific International lo ha citato dicendo:

“questa crisi del COVID-19 dovrebbe essere ribattezzata ‘Covid-19 Scandal’, e tutti i responsabili dovrebbero essere perseguiti per danni civili dovuti a manipolazioni e protocolli di test falsificati.

Pertanto, una rete internazionale di avvocati d’affari perorerà il più grande caso di illecito civile di tutti i tempi, lo scandalo di frode COVID-19, che nel frattempo si è trasformato nel più grande crimine contro l’umanità mai commesso “.

Ecco una traduzione sintetica dell’ultimo aggiornamento che Fuellmich ha pubblicato sul suo sito web tedesco il 15 febbraio:”Le audizioni di circa 100 scienziati, medici, economisti e avvocati di fama internazionale, condotte dalla Commissione d’inchiesta di Berlino sull’affare COVID-19 dal 10.07.2020, hanno nel frattempo dimostrato con una probabilità vicina alla certezza che il Lo scandalo COVID-19 non è mai stato un problema di salute.

Piuttosto, si trattava di consolidare il potere illegittimo (illegittimo perché ottenuto con metodi criminali) della corrotta ‘cricca di Davos‘ trasferendo la ricchezza della gente ai membri della cricca di Davos, distruggendo, tra le altre cose, piccole e medie imprese di grandi dimensioni in particolare.

Piattaforme come Amazon, Google, Uber, ecc. Potrebbero quindi appropriarsi della loro quota di mercato e della loro ricchezza”.

Il vaccino è stato il motivo del virus?

Forse la conseguenza più eclatante della truffa del coronavirus è stata la paura che non solo ha portato a chiusure devastanti e non scientifiche, ma anche la corsa al mercato di un vaccino sperimentale non provato, che ora sta facendo miliardi di dollari per Big Pharma .

Proprio come i blocchi, il vaccino non è necessario perché ci sono già diversi trattamenti ben documentati che coinvolgono farmaci di lunga data che si sono dimostrati sicuri e ampiamente disponibili.

Inoltre, proprio come i blocchi, questo vaccino ha effetti a lungo termine potenzialmente devastanti sulla salute umana.

Ci sono domande sui suoi effetti sulla fertilità di uomini e donne, e ha già causato più di 1.100 morti negli Stati Uniti e più di 400 morti nel Regno Unito

A peggiorare le cose, sta diventando chiaramente ovvio che l’intento è quello di rendere questo vaccino sperimentale obbligatorio per tutta l’umanità.

È stato l’investitore miliardario di vaccini Bill Gates a lanciare originariamente l’idea, nell’aprile 2020, che,

l’umanità non potrebbe mai tornare alla “normalità” fino a quando “non avremo un vaccino che abbiamo distribuito praticamente in tutto il mondo“.

Questo giornalista ha predetto lo scorso aprile che,

il vaccino alla fine sarebbe stato reso obbligatorio , in gran parte da società che utilizzavano tattiche coercitive …

Israele prende l’iniziativa di istituire la tirannia medica

Tra le nazioni considerate come parte del “mondo libero”, Israele sta prendendo l’iniziativa,

spingendo avanti con un nuovo tipo di società in cui le aziende e i governi lavorano insieme per costringere e alla fine costringere ogni essere umano sul pianeta a ricevere un’iniezione di trattamenti vaccinali sperimentali …

Non dai tempi del Terzo Reich nazista c’è stato così poco rispetto per i diritti dei cittadini all’autonomia sanitaria individuale in una nazione occidentale.

Che tu viva in America, Regno Unito, Australia o Europa, se desideri vedere cosa riserva il tuo futuro sotto la “nuova normalità”, guarda Israele

Il governo israeliano ha annunciato che alle persone non sarà permesso di partecipare a una serie di funzioni vitali senza mostrare documenti che offrano la prova che sono stati vaccinati o che hanno avuto e si sono ripresi da COVID.

Una miriade di aziende israeliane tra cui negozi, centri commerciali, mercati, pub, palestre, musei, sinagoghe, hotel e biblioteche è stata autorizzata a riaprire domenica 21 febbraio, riporta il Times of Israel .

Ma solo quegli israeliani che sono stati vaccinati o si sono ripresi dal COVID potranno utilizzare palestre e piscine, partecipare a sinagoghe, eventi sportivi e culturali, imbarcarsi su un volo o soggiornare in hotel.

Per poter aprire le loro porte, il governo ha ordinato a tutte le aziende interessate di scansionare i propri clienti per il cosiddetto “Green Pass”, vietando l’ingresso a chiunque non possa produrre tale documentazione .

Guarda il video qui sotto della guardia del supermercato israeliana che richiede agli acquirenti di mostrare i loro documenti COVID prima che possano entrare nel negozio:

Clicca sull’immagine per guardare il video

Ci sono tre modi per gli israeliani di ottenere il Green Pass:

  • Scaricare l’app Traffic Light ( Ramzor ) su Google Play o l’Apple App Store, inserire i dati personali e ottenere il pass sul proprio telefono.
  • Iscrizione  al sito del Ministero della Salute  e download di un documento personale stampabile.
  • Chiamando la hotline del Ministero della Salute e facendo inviare il pass tramite e-mail o fax.

Anche l’Europa si sta muovendo verso i passaporti per i vaccini

Anche l’Unione europea sembra essere sul punto di abbracciare misure draconiane simili.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha dichiarato questa settimana che il concetto di passaporto vaccinale digitale ha ottenuto “un sostegno unanime all’interno dell’UE“.

“Tutti hanno convenuto che abbiamo bisogno di un certificato di vaccinazione digitale”, ha detto la Merkel mercoledì scorso dopo un incontro con i leader europei.

Anche il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha elogiato il nuovo sistema di Green Pass di Israele .

Il Telegraph riferisce che il governo del Regno Unito si sta avvicinando all’annuncio di nuove regole simili a quelle israeliane in cui nessun britannico potrà entrare in pub, palestre, grandi eventi o hotel senza mostrare il proprio passaporto vaccinale COVID speciale.

Da quando togliamo la libertà per ripristinarla sotto una nuova serie di termini definiti da “esperti” non eletti presso l’Organizzazione mondiale della sanità delle Nazioni Unite …?

Questo è il modo contorto in cui pensano i tecnocrati globalisti.

Pervertire sempre il linguaggio per vendere le loro bugie e invogliare le masse male informate a cadere direttamente nelle loro trappole subdole.

Costringere le persone ad accettare un trattamento medico e a “mostrare i propri documenti” dimostrando di aver ricevuto il trattamento per partecipare alla società è una violazione delle norme internazionali consolidate.

Il Codice di Norimberga è uscito dai tribunali di Norimberga che hanno condannato i principali nazisti tedeschi.

Il Codice afferma che qualsiasi trattamento medico sperimentale non deve essere solo volontario, ma deve includere “consenso informato”, il che significa che la persona non solo si è offerta volontaria ma è stata informata esattamente di ciò che il trattamento comportava e dei rischi coinvolti.

Le élite del potere globale hanno già utilizzato COVID come copertura per reprimere la libertà di parola, l’assemblea, i raduni religiosi e le operazioni di piccole imprese, creando un mondo di ricchi e poveri.

I grandi magazzini come Walmart e il rivenditore online Amazon hanno prosperato, raccogliendo profitti record, mentre le piccole imprese stanno morendo.

Quindi la causa legale collettiva appare giustificata, almeno in teoria.

Una piccola cabala di corporazioni globaliste ed “esperti” presso l’OMS ha creato il problema, ha reso impossibile per le persone vivere la propria vita come normali esseri umani, portando ad ansia di massa e picchi enormi di suicidio.

Ora che tutti sono infelici e disperati per tornare alla normalità, i tecnocrati introducono una terapia genica sperimentale, il vaccino mRNA, e lo stanno offrendo come salvezza , rendendo così allettante per molti mettersi in fila e rimboccarsi le maniche.

Allettante, cioè, se non hai fatto la tua ricerca per scoprire chi sta promuovendo il vaccino, quali sono le loro motivazioni e obiettivi di lunga data e qual è stato il loro precedente curriculum.

Tale ricerca ti porterebbe direttamente alla Bill and Melinda Gates Foundation, che ha investito miliardi in una gamma in continua crescita di vaccini attraverso l’alleanza globale per i vaccini GAVI e altre organizzazioni.

Gates si è vantato dell’enorme “ritorno sull’investimento” di 20 a 1 che ha ottenuto investendo in terapie vaccinali …

Il suo patrimonio netto è aumentato di 17 miliardi di dollari da quando ha spostato l’attenzione dai computer ai vaccini .

Società statunitensi che corrompono i dipendenti per sparare

Diverse società statunitensi stanno corrompendo i propri dipendenti, offrendo bonus in denaro da $ 100 a $ 150 se hanno la possibilità.

Meijer, Kroger, Publix, Dollar General, Aldi, JBS Meat Processing e Trader Joe’s, tra gli altri, sono tutti saltati sul carro …

Sono molto elogiati dagli “esperti di salute” per averlo fatto, quindi cerca altre aziende che seguano l’esempio.

Coloro che rifiutano il vaccino, che è un loro diritto ai sensi dei Codici di Norimberga, diventeranno i nuovi intoccabili in un sistema di caste che divide le persone in base alle linee mediche.

Coloro che ottengono l’inniezione potranno rientrare in qualcosa di più vicino alla normalità mentre quelli che lo rifiutano saranno lasciati indietro.

I puntini sono tutti lì,

con il virus, la paura, i blocchi e i mandati delle maschere e i prossimi mandati sui vaccini .

Tutto quello che devi fare è collegarli ..

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_globalelite413.htm

***********************************************************

Se i puntini che hai collegato non ti hanno convinto sarebbe auspicabile che ti prendessi un po’ di tempo e guardare questo video

Clicca sull’immagine per vedere/ascoltare il video in lingua italiana oppure, clicca QUI

®wld

Il 5G è appena in arrivo ma “il 6G è già in lavorazione”

1 commento

Image: Reuters.

di Stephen Silver
dal sito web NationalInterest

 Stephen Silver, uno scrittore di tecnologia per l’ interesse nazionale , è un giornalista, saggista e critico cinematografico, che collabora anche con Philly Voice , Philadelphia Weekly , The Jewish Telegraphic Agency , Living Life Fearless , Backstage magazine, Broad Street Review e Splice Today . Il co-fondatore del Philadelphia Film Critics Circle, Stephen vive nella periferia di Philadelphia con sua moglie e due figli. Seguilo su Twitter su @StephenSilver.

Quanto velocemente potrebbe funzionare? Quando puoi avere un telefono 6G? Pensa agli anni ’30

Durante tutto l’anno 2020, l’implementazione delle reti 5G ha subito un’accelerazione negli Stati Uniti e allo stesso tempo la maggior parte dei principali produttori di smartphone ha lanciato telefoni 5G.
 

Samsung, LG e altri hanno introdotto i telefoni nel corso del 2020 e Apple ha finalmente presentato la sua tanto attesa linea di iPhone 5G questo autunno.

Sebbene ci sia stata qualche preoccupazione, specialmente nelle recensioni di nuovi dispositivi, che le reti non siano ancora all’altezza, ci si aspetta che le reti 5G diventino più robuste col passare del tempo, anche se le teorie del complotto si sono diffuse sul fatto che il 5G sia pericoloso o addirittura responsabile della diffusione del Coronavirus.

Ma proprio quando arriva il 5G, l’industria tecnologica sta già gettando le basi per il suo eventuale successore, il 6G. 

ATIS , l’ Alliance for Telecommunications Industry Solutions (ATIS è un organo di governo) che,

“riunisce le principali società ICT globali per promuovere le priorità di business del settore”. 

Questa settimana hanno annunciato di aver aggiunto alcuni “membri fondatori” alla sua “Next G Alliance”, che ha descritto come,

“un’iniziativa che promuoverà la leadership della tecnologia mobile del Nord America nel 6G e oltre nel prossimo decennio, basandosi sull’evoluzione a lungo termine del 5G”. 

I nuovi membri sono alcuni grandi battitori, tra cui,

Apple, Google, Intel, Hewlett Packard Enterprise, Charter, Cisco, Keysight Technologies, LG Electronics, Mavenir, MITRE e VMware.

Si uniscono a tali membri esistenti del mondo tecnologico e delle telecomunicazioni: 

AT&T, Bell Canada, Ciena, Ericsson, Facebook, InterDigital, JMA Wireless, Microsoft, Nokia, Qualcomm Technologies Inc., Samsung, T-Mobile, TELUS, Telnyx, UScellular e Verizon.

L’alleanza si riunirà la prossima settimana, al fine di formare un gruppo direttivo e un gruppo di lavoro

“I nostri membri fondatori rappresentano le principali parti interessate del settore che guidano l’innovazione nell’ecosistema mobile”, ha affermato Susan Miller, presidente e CEO di ATIS, nell’ambito dell’annuncio.

“Come parte della Next G Alliance, dimostrano il loro impegno a stabilire la rotta per far avanzare la leadership nella tecnologia mobile del Nord America nel futuro”.

L’obiettivo dell’organizzazione, secondo l’annuncio, è quello di,

“gettare le basi per un mercato vivace per l’innovazione nordamericana nelle future generazioni di tecnologia mobile” e “stabilire la preminenza nordamericana nel percorso evolutivo del 5G e nello sviluppo del 6G”.

Secondo un’analisi aziendale della CNN pubblicata all’inizio del 2020, nessuno sa esattamente come sarà il 6G, tranne che probabilmente arriverà nel 2030 e che sarà più veloce del 5G.

L’autore Thomas S. Rappaport , della NYU Wireless , ha scritto che ci si aspetta,

“6G introdurrà la capacità di inviare segnali wireless alla velocità del calcolo umano”.

Rappaport ha aggiunto che,

“6G potrebbe significare che l’intelligenza umana potrebbe eventualmente essere inviata via etere istantaneamente.” 

Fonte https://www.bibliotecapleyades.net/scalar_tech/esp_scalartech_cellphonesmicrowave170.htm

Ti potrebbero interessare

E se … un CME perfetto colpisse la Terra ?

I tecnocrati si preparano a incontrare una sfilata senza fine di minacce biologiche  

No, la Terra NON SI TROVA in una “emergenza climatica” – Delingpole

®wld

La tecnologia sta diventando decisamente inquietante

Lascia un commento

“Great Reset” Transhumanism: Merging Man & Machine
Image: HadelProductions / E+ / Getty Images Plus

Transumanesimo “Great Reset”: fusione di uomo e macchina

di: Alex Newman 

Sotto il nuovo ordine mondiale immaginato dai fautori del “Great Reset” sostenuto dalle Nazioni Unite, gli esseri umani saranno fusi con macchine e tecnologia. Letteralmente. Forse la cosa più incredibile è che i globalisti di Deep State dietro gli sforzi stanno uscendo allo scoperto. In questi giorni, stanno apertamente e letteralmente proclamando la loro intenzione di abolire la proprietà privata della proprietà e persino di fondere microchip nel cervello delle persone che saranno in grado di leggere e manipolare i pensieri degli individui.

Proprio l’anno scorso, i piani spacciati sotto lo stendardo del “Great Reset” sarebbero stati liquidati come “folli teorie del complotto”. Oggi, i migliori globalisti come il capo del World Economic Forum Klaus Schwab, il capo delle Nazioni Unite (e leader socialista) Antonio Guterres, il leader del FMI Kristalina Georgieva e altri stanno strombazzando la loro agenda dai tetti. Anche i leader mondiali come il primo ministro canadese di estrema sinistra Justin Trudeau lo stanno facendo, nonostante gli sforzi frenetici dei falsi media per minimizzare il significato.Come ha riportato The New American quest’estate, poco dopo che è stato svelato il programma del “Great Reset“, ci sono molti elementi nella trama. Tutto deve cambiare, dall’istruzione e dal business all’economia e alla governance globali, hanno dichiarato i sostenitori del Great Reset durante il vertice annunciando lo schema. Tuttavia, un settore che non ha ricevuto altrettanta attenzione è il piano per fondere gli esseri umani con la tecnologia con il pretesto di “migliorare” l’umanità.

Il capo del WEF Schwab, il principale marketer del Great Reset che ha recentemente pubblicato un libro con quel titolo, ha affermato che un elemento chiave del “reset” sarà la cosiddetta “Quarta rivoluzione industriale”. E in dichiarazioni molto pubbliche, ha spiegato cosa significa: fondere l’uomo con le macchine. “Ciò a cui porterà la quarta rivoluzione industriale è una fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica”, ha spiegato Schwab in un discorso al Consiglio di Chicago per gli affari globali.

Schwab, il cui accento e comportamento lo fanno sembrare quasi una caricatura di un cattivo cattivo dei cartoni animati, nel 2016 ha persino scritto un libro sull’argomento intitolato Shaping the Future of The Fourth Industrial Revolution . In esso, l’intrigatore globalista spiega come gli incombenti cambiamenti tecnologici consentiranno ai governi di “intromettersi nello spazio fino ad ora privato delle nostre menti, leggere i nostri pensieri e influenzare il nostro comportamento”. 

“Le tecnologie della quarta rivoluzione industriale non si fermeranno a diventare parte del mondo fisico che ci circonda – diventeranno parte di noi”, ha continuato Schwab. “In effetti, alcuni di noi sentono già che i nostri smartphone sono diventati un’estensione di noi stessi. I dispositivi esterni di oggi, dai computer indossabili alle cuffie per realtà virtuale, diventeranno quasi certamente impiantabili nel nostro corpo e nel nostro cervello”.

Tra queste tecnologie ci sono “microchip impiantabili attivi che rompono la barriera cutanea del nostro corpo”, ha spiegato Schwab. Questi “dispositivi impiantabili”, ha continuato Schwab, “probabilmente aiuteranno anche a comunicare pensieri normalmente espressi verbalmente attraverso uno smartphone ‘integrato’ e pensieri o stati d’animo potenzialmente inespressi leggendo le onde cerebrali e altri segnali”.

Ancora più inquietante, forse, è che Schwab abbia suggerito che queste tecnologie sarebbero state utilizzate dai governi per determinare chi può viaggiare e anche per scopi “pre-crimine”. “Man mano che le capacità in quest’area migliorano, aumenterà la tentazione per le forze dell’ordine e i tribunali di utilizzare tecniche per determinare la probabilità di attività criminale, valutare la colpa o addirittura recuperare i ricordi direttamente dal cervello delle persone”, ha spiegato, aggiungendo che le autorità potrebbero “Una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo.”

In un post sul sito web del WEF della parlamentare danese Ida Auken, la direzione e gli obiettivi di tutto questo transumanesimo diventano più chiari. “Benvenuti nell’anno 2030”, scrive Auken. “Non possiedo nulla”, inclusa una casa, e “non ho una vera privacy. No dove posso andare e non essere registrato. So che, da qualche parte, tutto ciò che faccio, penso e sogno è registrato. ” Ma la sua più grande preoccupazione sono coloro che si rifiutano di partecipare. 

“La mia più grande preoccupazione sono tutte le persone che non vivono nella nostra città”, spiega Auken, sottolineando che alcuni individui testardi si sono rifiutati di fondersi con le macchine. “Quelli che abbiamo perso per strada. Quelli che hanno deciso che fosse troppo, tutta questa tecnologia. Quelli che si sentivano obsoleti e inutili quando i robot e l’intelligenza artificiale hanno assunto gran parte del nostro lavoro. Coloro che si sono arrabbiati con il sistema politico e si sono rivoltati contro di esso”.

La spinta verso il transumanesimo e la fusione con i computer sta diventando particolarmente evidente nel sistema “educativo” in mezzo all’isteria che circonda COVID. Dallo spostare tutto online e mettere da parte gli insegnanti all’introduzione di intelligenza artificiale e algoritmi, la tecnologia sta diventando decisamente inquietante. Enormi aziende totalitarie come Google, che discrimina sfacciatamente cristiani e conservatori, sono attori chiave poiché raccolgono enormi quantità di dati sensibili sui bambini e manipolano palesemente il pubblico.

Il WEF, che sta guidando la spinta con l’aiuto delle Nazioni Unite e dell’FMI, è una potenza. Ogni anno riunisce miliardari e persino dittatori assassini di massa da tutto il mondo per promuovere il globalismo e la tecnocrazia con il pretesto di “aiutare” l’umanità. Naturalmente, tutte le principali società tecnologiche – Facebook, Alphabet, Microsoft e così via – sono intimamente coinvolte. Anche i miliardari marginali totalitari come George Soros sono attori chiave.

La spinta per il “Grande Reset” non è certo la prima volta che le élite hanno spacciato l’agenda transumanista. Al “Vertice mondiale del governo” del 2018 negli Emirati Arabi Uniti, i migliori globalisti e “leader mondiali” si sono riuniti per promuovere, tra gli altri temi chiave, la normalizzazione e la glorificazione dei “cyborg”. In effetti, la conferenza, che riunisce i massimi leader del governo e delle imprese, ha offerto un ruolo di primo piano a un autoproclamato “cyborg” di nome Neil Harbisson, il quale ha sostenuto che i governi devono facilitare la transizione ad almeno alcune persone che diventano “parte tecnologia, in parte umano. “

“Ho un’antenna che è impiantata nella mia testa, che mi permette di estendere la mia percezione della realtà oltre lo spettro visivo”, ha detto Harbisson, co-fondatore della Cyborg Society e della Transpecies Society che combattono per le persone che si “identificano” come non umano. “Riesco a percepire infrarossi e ultravioletti e ho anche una connessione Internet nella mia testa che mi consente di ricevere colori da altre parti del mondo o di connettermi ai satelliti in modo da poter inviare colori dallo spazio”.

L’anno prima, al Vertice mondiale del governo si sono riuniti i globalisti sotto una replica dell’“Arco di Baal”, un monumento al dio demone dei Cananei a cui si fa spesso riferimento nella Bibbia. Più di pochi commentatori lo hanno visto come un segno minaccioso.

A parte la fusione con macchine e tecnologia, le élite globaliste stanno anche spingendo per la modificazione genetica di tutto, compresi gli esseri umani. In effetti, il magnate di Microsoft Bill Gates ha apertamente spinto per tali schemi. Nel 2018, ha pubblicizzato la tecnologia di editing genetico in Foreign Affairs , il portavoce dell’organo globalista Deep State noto come Council on Foreign Relations. Più recentemente, ha celebrato i vaccini che alterano letteralmente il codice genetico di coloro che li ricevono.

Il movimento transumanista è stato ai margini, sotto il radar, per decenni. Alla fine degli anni ’90, l’economista svedese Nick Bostrom di Oxford e il “filosofo” britannico David Pearce hanno fondato la World Transhumanist Association. E più recentemente, nel suo libro Homo Deus, l’autore e storico israeliano Yuval Noah Harari ha anche spacciato l’idea che l’umanità sia sul punto di evolversi verso uno status divino attraverso la tecnologia. Alla fine, gli esseri umani sarebbero stati riprogettati utilizzando la modificazione genetica e “aggiornamenti” tecnologici.

“È molto probabile che, entro un secolo o due, l’Homo sapiens, come lo conosciamo da migliaia di anni, scomparirà”, ha detto recentemente Harari al Carnegie Council for Ethics in International Affairs. “Useremo la tecnologia per aggiornare noi stessi – o almeno alcuni di noi – a qualcosa di diverso; qualcosa che è molto più diverso da noi di quanto siamo diversi dai Neanderthal.” I media dell’establishment hanno ripetuto senza fiato la sua propaganda.

Naturalmente, il progresso del transumanesimo richiede la distruzione dei principi morali cristiani e la negazione delle verità fondamentali sull’umanità e sulla realtà rivelate nella Bibbia, hanno osservato gli analisti. In effetti, molti dei principali fautori del transumanesimo credono che il loro percorso verso la “vita eterna” implichi il caricamento della loro coscienza su un computer e la fusione con la tecnologia.

Uno degli esperti di spicco che si è espresso contro tutto questo è il dottor Miklos Lukacs de Pereny, professore di scienza e politica tecnologica presso l’Universidad San Martin del Perù. “La quarta rivoluzione industriale è letteralmente, come si suol dire, una rivoluzione trasformativa, non solo in termini di strumenti che utilizzerai per modificare il tuo ambiente, ma per la prima volta nella storia umana per modificare gli esseri umani stessi”, ha detto a LifeSiteNews, aggiungendo che credeva che l’isteria COVID-19 fosse stata progettata per consentire la trasformazione del Great Reset.

Anche se i leader mondiali ne parlano apertamente, in risposta a una reazione pubblica, i media falsi di estrema sinistra come il New York Times e la BBC sono attualmente impegnati in un frenetico “controllo dei danni”. Incredibilmente, stanno persino affermando falsamente che il Great Reset è una “teoria della cospirazione infondata”. Apparentemente lo scrittore del New York Times Davey Alba non ha familiarità con la definizione della parola cospirazione. Ha anche riferito dei suoi sforzi per infastidire le società di social media di Big Tech per censurare i commenti delle persone al riguardo.

Se i commenti sotto i suoi video su YouTube sono indicativi, il globalista Great Reset è meno popolare degli scarafaggi e dei pidocchi. Tuttavia, ciò non significa che il Deep State rinuncerà a cercare di far avanzare la sua agenda con lo slogan, che si adatta perfettamente alle Nazioni Unite e Biden, “Build Back Better” e agli schemi delineati nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. È fondamentalmente la stessa vecchia agenda del “Nuovo Ordine Mondiale”, completa con l’eliminazione della proprietà privata, della privacy, dell’autogoverno e degli stati-nazione, ora fusa con il transumanesimo. Coloro che apprezzano la verità, la libertà e l’umanità devono resistere.

Articoli Correlati: 

UN-Backed “Great Reset” to Usher in New World Order

Creepy “World Government Summit” Targets America, Freedom

UN Agenda 2030: A Recipe for Global Socialism

In Davos, Globalists Hail Leadership of Communist Chinese Tyrant

Coronavirus: Deep State Assault on Economic Freedom

Establishment Pushing “Cashless Society” to Control Humanity

Review of Patrick Wood’s “Technocracy: The Hard Road to World Order”

At “World Government Summit,” Top Globalists Drop The Mask

World Government Summit Brings Together Top Globalists Under Baal’s Arch  

“Be Happy! That’s An Order!”

Fonte articolo: https://thenewamerican.com/

****************************************************

Leggi anche:  L’1% vs il 99%

®wld

Older Entries