Home

Il Re della Carità

Lascia un commento

Il Sequel di Crolla Cabala, Crolla! – Parte 10

Qlobal-Change Italia

Di più su Bill Gates… Siamo ben lungi dall’aver terminato con il Re della Carità! Unisciti a noi nella ricerca dei suoi interessi finanziari, alcuni dei suoi maggiori investimenti, i suoi legami con alcune delle società più curiose.
Dal suo interesse per i bambini ai suoi soggiorni sull’isola di Epstein. Dal suo feticcio del v-a-c-c-i-n-o all’A-d-r-e-n-o-c-r-o-m-o.

Andiamo più in fondo nella tana del Bianconiglio…

Odysee: https://odysee.com/@QlobalChangeItalia:2/Il-Sequel-di-Crolla-Cabala,-Crolla!—Parte-10:e

DOWNLOAD & REUPLOAD di tutti i nostri video esplicitamente DESIDERATI! Il nostro lavoro gratuito dovrebbe essere disponibile ovunque.

Seguite Q su
https://qposts.in/

Qlobal-Change è una piattaforma che unisce le notizie alternativi.

Blog:
https://qlobal-change-italy.blogspot.com

Telegram: t.me/QlobalChangeItalia

NewsFEED su Telegram: t.me/QC_Italia_BlogFEED

La parte 9 QUI

La parte 8 QUI

Se ti sei perso i “Sequel” dei video precedenti, li puoi trovare QUI  

®wld

Il Dragone Nazionale

Lascia un commento

TgSole24 – 3 febbraio 2021 – Arriva l’Imperatore Lucertola e recita il De Profundis dell’Italia

Il Gruppo dei 30 (G30) ha pubblicato il proprio rapporto 2020 raccomandando una buona dose di “distruzione creativa” per realizzare la transizione globale all’economia “carbon-free”. Il G30, per chi non lo sapesse, riunisce banchieri centrali (alcuni in carica, altri non più), accademici e finanzieri. Quando Mario Draghi fu eletto presidente della BCE, l’Ombudsman europeo considerò la sua partecipazione al G30 in conflitto con la nuova carica e lo invitò a dimettersi dal G30 (https://www.ombudsman.europa.eu/it/press-release/en/88696). Draghi non si dimise e il 14 dicembre ha presentato il nuovo rapporto.

Leggi l’intero articolo QUI 

Mario Draghi e la MMT

di: Massimo Bordin

I ruffiani della stampa tessono lodi sperticate (e ridicole) al Presidente del Consiglio in pectore Mario Draghi. Sui social, in direzione oposta e contraria, ciò che resta del sovranismo tira in ballo il panfilo Britannia e si straccia le vesti perché arriva il liquidatore finale.

Se Draghi non è di certo un italiano vero, come Toto Cutugno, stavolta si può valutare una narrazione diversa e più ottimistica perché poco dopo la scadenza del mandato in BCE, Draghi aveva lasciato dichiarazioni curiose, per non dire sorprendenti.

Vediamo di che si tratta

Stando ad un filmato reso pubblico da Bloomberg (questo), Draghi stava rispondendo a domande dei parlamentari sulla distribuzione della ricchezza. Qual è il modo migliore per incanalare il denaro al fine di far crescere l’economia in modo di attenuare le disuguaglianze? Chiesero al nostro eroe. Mentre tutti si aspettavano una risposta sulla lotta alla GORRUZZZZIONE e contro gli sprechi dei luridi Stati-Nazione di ottocentesca memoria, Superman Draghi ha roteato su se stesso più veloce della luce ed ha citato la

MMT

la MMT di Warren Mosler!

L’articolo continua QUI

La controrivoluzione di Mario Draghi non salverà l’Italia (era il simbolo della difesa dell’euro, ma potrebbe essere l’uomo che farà uscire il Paese dall’Unione Monetaria)

Ambrose Evans–Pritchard per The Telegraph

L’Italia è passata attraverso tutti gli ingranaggi.

Dalla rivolta democratica contro “l’euro e le élite eurofile” fino all’estremo opposto, quello di un “governo di tecnocrati“ guidato dall’ultimo Mr. Euro, senza che ci siano state elezioni lungo la strada.

La fregatura è stata mozzafiato anche per coloro che pensavano di aver già visto tutto in Italia.

In un certo senso, la nomina di Mario Draghi è astuta.

Ma coloro che stanno celebrando la “riconquista”, nei circoli dell’UE e nei mercati obbligazionari, dovrebbero stare attenti a cosa desiderano.

Nella disavventura dell’Italia con l’Unione Monetaria è stata giocata l’ultima carta. Non ne esistono altre.

L’UM equivale a due decenni perduti, caratterizzati dal crollo costante dell’economia e dai “tassi di disoccupazione giovanile” al 50pc in tutto il Mezzogiorno, culminati infine in una trappola debito-deflazione.

Dicevano che avrebbe funzionato meglio!

L’articolo continua QUI

Clicca sull’immagine per guardare il video

DRAGHI: IL CURRICULUM DI UN PRIVATIZZATORE

Mario Draghi è pronto a diventare il nuovo Primo Ministro italiano. Salvatore della patria, alto profilo, un tecnico al di sopra della politica. Con queste solenni parole il Presidente della Repubblica e la stampa mainstream hanno presentato l’arrivo di Draghi a Palazzo Chigi. Ma chi è davvero Mario Draghi, l’uomo che dovrebbe traghettare l’Italia nel prossimo futuro?

Draghi e il Britannia: l’inizio delle privatizzazioni

Economista e accademico, la carriera di Draghi è iniziata a metà degli anni’80 durante l’ultima fase della I Repubblica. Da allora la sua ascesa è stata segnata da passaggi repentini tra incarichi pubblici e privati, ruoli di rilievo nelle istituzioni statali e in enti sovranazionali.

Prima diventa consigliere del Ministero del Tesoro nel Governo Craxi per poi entrare nella Banca Mondiale come Direttore esecutivo fino al 1990. Sono però gli anni ’90 il periodo dove la storia italiana risente maggiormente dell’influenza di Draghi.

Come Direttore Generale del Ministero del Tesoro dal 1991 al 2001, Draghi è stato infatti uno dei principali artefici della stagione delle privatizzazioni dei grandi asset strategici italiani. Un periodo inaugurato con un discorso pronunciato dallo stesso Draghi sul panfilo Britannia nel 1992, alla presenza dei principali rappresentanti delle istituzioni finanziarie mondiali.

Poiché le privatizzazioni sono così cruciali nello sforzo riformatore del Paese, i mercati le vedono come il test di credibilità del nostro sforzo di consolidamento fiscale. E i mercati sono pronti a ricompensare l’Italia come hanno fatto in altre occasioni.

Questo uno dei tanti passaggi del discorso di Draghi sul Britannia a cui fece seguito la privatizzazione dell’IRI, di Autostrade, della Banca Commerciale italiana, del Credito italiano, dell’IMI, della STET di AGIP, di parte dell’ENEL e di ENI e molte altre aziende prima in mano pubblica. Una stagione che è coincisa con il declino italiano e ha portato ad una conseguente perdita progressiva di sovranità politica ed economica.

Da Goldman Sachs alla lettera a Berlusconi

Terminate le privatizzazioni, finisce anche l’incarico di Draghi al Ministero del Tesoro. L’economista entra così nella banca d’affari americana Goldman Sachs fino al 2005. La porta scorrevole tra pubblico e privato continua però ad aprirsi e con nonchalance Draghi dopo Goldman Sachs diventa Governatore della Banca d’Italia. In questo ruolo esercita pressioni sui Governi italiani per tagliare la spesa pubblica, ridurre l’inflazione e riformare il mercato del lavoro.

Infine Draghi viene nominato Presidente della BCE nel 2011 e si distingue subito per la lettera cofirmata insieme al Presidente uscente Jean Claude Trichet e indirizzata all’allora Governo Berlusconi.

E’ necessaria una complessiva, radicale e credibile strategia di riforme, inclusa la piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali e dei servizi professionali. Questo dovrebbe applicarsi in particolare alla fornitura di servizi locali attraverso privatizzazioni su larga scala. C’è anche l’esigenza di riformare ulteriormente il sistema di contrattazione salariale collettiva, permettendo accordi al livello d’impresa in modo da ritagliare i salari e le condizioni di lavoro alle esigenze specifiche delle aziende e rendendo questi accordi più rilevanti rispetto ad altri livelli di negoziazione.

Il Governo Berlusconi rifiutò di applicare queste proposte e sappiamo poi com’è andata a finire. Quello di Draghi è quindi un profilo decisamente controverso ed è curiosa la definizione riservatagli dall’ex Presidente della Repubblica Francesco Cossiga. “Un vile affarista e liquidatore dell’industria pubblica italiana”. Parole che pesano e devono far riflettere prima di affidare il destino dell’Italia a questo personaggio.

Fonte:https://www.byoblu.com/

®wld

Le cosiddette opere di carità …

Lascia un commento

Questa parte riguarda le 5500 ONG, collegate all’ONU, che fanno le cosiddette opere di carità. Indagando le loro stesse carte finanziarie, abbiamo scoperto che le ONG non sono altro che il modello di business perfetto per riciclare denaro (miliardi di dollari!), per evitare di pagare le tasse, e per investire nell’obiettivo principale della Cabala: lo spopolamento e il dominio del mondo. Unitevi a noi per sbucciare qualche altro strato di questa cipolla, per scoprire chi è veramente la Cabala!

Guarda QUI la parte 6 precedente

®wld

L’Epifania tutte le Libertà porta Via

Lascia un commento

Stiamo vivendo il gioco del poliziotto buono e poliziotto cattivo, tattica per imporre la decisione gradualmente, testando volta per volta le reazioni della gente. video censurato da YT)

Silver Nervutti

Una pandemia organizzata ad arte Qual è stato il ruolo giocato dai media Quali le conseguenze su economia e finanza Come si è trasformata la nostra vita quotidiana Stiamo entrando in una società del controllo.

Enrico Montesano

***************************************

nda, corsivo mio: Due video importanti per riflettere dove l’umanità non è altro che un mero prodotto di consumo. Fate girare e inotrate a tutte le persone di buona volontà.

®wld

I globalisti e i baroni della facile gomma finanziaria

1 commento

Follia ideologica: lo sviluppo umano non può più essere tollerato

Luis R. Miranda

Uno dei miti più gridati è che lo sviluppo umano sia avvenuto sulle spalle di una certa parte della popolazione. Questa convinzione è ripetuta a pappagallo dai miliardari che affermano di essere a favore del pagamento di più tasse per aiutare i più bisognosi, quindi c’è più uguaglianza nella società.

Ciò che questi scagnozzi ideologici non ti dicono è che la loro ricchezza è stata creata nello stesso modo in cui ora affermano di essere negativa per la società, per l’ambiente e per il pianeta.

Non è raro leggere nelle pubblicazioni globaliste che le nazioni ricche si sono sviluppate e si sono avvantaggiate del resto del pianeta sulle spalle di paesi meno intellettualmente e meno dotati di natura. In effetti, tutti vogliono pagare le retribuzioni e ridistribuire la ricchezza per livellare il tavolo.

In sintesi, hanno accumulato così tanto potere e ricchezza che ora vogliono impedire alle persone di godere dei benefici di vivere in migliori condizioni sociali, sanitarie ed economiche perché ciò significherebbe, dicono, la distruzione del pianeta.

L’ultimo pezzo di propaganda su questo argomento non proviene da nessun altro luogo se non dalle Nazioni Unite, un’organizzazione creata da e per i globalisti e i baroni della facile gomma finanziaria.

Secondo il suo indice di sviluppo umano, la Norvegia, il paese più sviluppato del mondo, dovrebbe essere, per il suo contributo alle emissioni di CO2 e “la pressione che esercita sul pianeta” mentre si sviluppa, nella posizione 15 della lista. Secondo questo indice, l’Islanda occupa 26 posizioni, l’Australia 72 e gli Stati Uniti 45.

Nessun paese al mondo ha raggiunto un livello di sviluppo umano molto elevato senza esercitare una grande pressione sul pianeta, afferma il documento. “Ma potremmo essere la prima generazione a correggerlo”, ha spiegato Achim Steiner, amministratore del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) in un incontro con i giornalisti prima della presentazione del nuovo Indice di sviluppo umano 2020.

Questa organizzazione delle Nazioni Unite ha cambiato il modo di misurare il progresso oltre il reddito, il PIL e gli indicatori puramente economici per vendere l’idea che usare la scienza, la tecnologia e le risorse disponibili per portare lo sviluppo ai meno favoriti, è un modo per promuovere la disuguaglianza delle società e anche per ampliare il il cosiddetto “divario di genere”, per il quale deve essere eliminato lo sviluppo sociale ed economico guidato dal capitalismo di mercato.

L’inserimento di indicatori relativi all’impatto dei paesi sull’ambiente provoca importanti variazioni nella parte alta della tabella, cioè nei paesi che hanno avuto il maggior sviluppo negli ultimi 100 anni.

Questa pratica di voler scoraggiare lo sviluppo basato esclusivamente su convinzioni ideologiche folli, come non fornire carburante a buon mercato ai paesi in via di sviluppo per promuovere la loro crescita, va di pari passo con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, che mira a fermare lo sviluppo. e la produttività come unico modo per “salvare il pianeta”.

“In questo momento c’è uno spazio vuoto tra il raggiungimento di un elevato sviluppo umano e una bassa pressione sul pianeta”, ha osservato Pedro Conceição, direttore dell’ufficio UNDP responsabile di questo studio, durante l’incontro virtuale con la stampa.

Nessun paese raggiunge una prosperità estremamente elevata senza un impatto eccessivo sull’ambiente, ma ci sono buoni esempi.

Uno di quelli evidenziati dagli autori è il Costa Rica, che occupa la posizione 62 su 189 nell’ISU, ma sale a 37 posizioni se si tiene conto del suo livello di emissioni e dell’impronta ecologica dei suoi consumi.

“Ha già sfruttato l’energia idroelettrica e ha ampiamente decarbonizzato la produzione di elettricità”, osserva. Quasi il 100% delle fonti energetiche della Costa Rica sono cosiddette rinnovabili, ma ci sono ancora parti del paese in cui le interruzioni di corrente e l’approvvigionamento idrico insufficiente sono comuni, indipendentemente dalla stagione o dalla posizione in un paese di poco più di 51 chilometri quadrati.

The Covid-19 Crisis: The Opportunity for the Great Reset

L’obiettivo di questa nuova misurazione è giustificare l’idea folle che è necessario avere un tipo di sviluppo umano compatibile con i limiti planetari e con forme più eque di ridistribuzione delle risorse. Ciò significa deindustrializzare il mondo occidentale ai livelli del Novecento e prendere da un paese per dare un altro, come supposto per promuoverne la crescita secondo le sue esigenze.

Secondo l’opinione degli ideologi della chiesa dell’ambientalismo, la crisi COVID-19 offre un’opportunità per ottenere una crescita economica limitata. Per questo, la riattivazione di attività paralizzate dai blocchi e la limitazione della mobilità per fermare la pandemia, devono contemplare misure molto diverse da quelle adottate prima del 2020. “Il solito non funziona”, ha insistito Conceição.

Ciò che si vuole è mantenere il maggior numero di persone confinate per ridurre le emissioni e la mobilità e che le persone debbano lavorare a casa o dipendere al 100% da sussidi governativi legati all’obbedienza alle linee guida autoritarie della burocrazia globalista.

Pertanto, l’amministratore UNDP ha sottolineato che “i combustibili fossili sono altamente sovvenzionati”. Nello specifico con cinque trilioni di dollari, o quello che è lo stesso, il 6,5% del PIL globale, secondo uno studio del Fondo monetario internazionale, citato nel rapporto IDH, d’altra parte, le persone vulnerabili non ricevono tale sussidio, dice il documento . E comprensibilmente, dal momento che queste persone non producono nulla di valore, motivo per cui le nazioni sviluppate devono investire nella creazione e nell’applicazione di nuove tecnologie che possano fornire energia, cibo e riparo ai paesi più poveri.

L’idea che sia necessario ridistribuire la ricchezza è sempre stata la bandiera di guerra dei capisquadra e della servitù globalisti, che dicono di voler aiutare i più bisognosi. Chi potrebbe obiettare a questo?

Quello che vogliono veramente è installare uno stato di bambinaia globale da cui tutti dipendiamo e che tutti obbediamo. Ad esempio l’utilizzo del reddito di base universale, UBI.

“Abbiamo suggerito ai Paesi di approvare un reddito minimo temporaneo per i più poveri, i più colpiti dalla crisi. Se chiudi le economie per contenere il virus, non puoi condannare le persone a nessun reddito e fondamentalmente alla fame. Abbiamo un’emergenza fame e la povertà è in aumento. Sono solo sintomi a breve termine di un percorso di sviluppo che ci ha dato un progresso materiale, ma che ci ha portato sempre più vicini al precipizio, non solo in termini climatici, ma anche socialmente; devi solo guardare le proteste che avvengono in tutto il pianeta. Il rischio è che torneremo a dove eravamo all’inizio del 2020 ”, afferma Steiner.

Questo piano sembra molto favorevole, ma proprio come i blocchi e l’uso illegalmente obbligatorio di maschere, questi piani sono del tutto temporanei. Una volta che le élite tecnocratiche accumulano potere, raramente o mai lo lasciano andare. Il loro piano è centralizzare il controllo, lo sviluppo e ingegnerizzare socialmente tutto.

“Nello sviluppo non si tratta di scegliere tra persone o alberi; dobbiamo solo ripensare a come progrediamo “, ha osservato Steiner. Deve essere fatto, ha aggiunto Conceição, perché “l’attività umana sta cambiando i processi naturali a livello planetario”. La pressione è tale che “non solo stiamo mettendo a rischio noi stessi come specie, ma anche tutta la vita sulla Terra”, ha avvertito.

In questa era geologica che alcuni scienziati hanno accettato di chiamare Antropocene, dal momento che hanno scelto di concentrarsi sul presunto impatto umano sul pianeta, è possibile prendere il controllo per cambiare l’attuale corso verso la distruzione, dicono questi cosiddetti esperti.

“Gli esseri umani hanno più potere sul pianeta che mai. È ora di usare quel potere per ridefinire ciò che chiamiamo progresso, un processo in cui le nostre impronte di carbonio e il nostro consumo non sono più nascosti “, ha osservato Steiner.

Il rapporto elenca alcuni di quei possibili meccanismi di cambiamento. “Primo, attraverso le norme sociali – tirannia tecnocratica letta-. Il secondo sono gli incentivi: sappiamo che attualmente i prezzi determinano le nostre scelte, ma non inglobano danni al pianeta. Terzo, dobbiamo smetterla di considerare la salvaguardia dell’ambiente come qualcosa che limita ciò che possiamo fare; tuttavia, dobbiamo vedere nella natura un’opportunità per continuare lo sviluppo con meno pressione sul pianeta ”, ha riassunto Conceição.

La classificazione dell’HDI tradizionale rispetto a quella nuova adeguata alla pressione sul pianeta si trova a pagina 241 dell’analisi che UNDP ha scritto a sostegno di un’idea: il benessere delle persone è indivisibile dall’abitabilità della Terra .

Pertanto, lo sviluppo umano non può essere definito come lo è stato fino ad ora, ignorando l’ambiente. Per ora l’Organismo Onu ha messo sul tavolo questa proposta “sperimentale”, secondo i suoi termini, per misurare il progresso. L’obiettivo è che i leader prendano decisioni per migliorare la vita umana e preservare ciò che lo rende possibile, dicono.

Fonte: https://real-agenda.com

********************************************

Correlati:

Influenza stagionale non pervenuta

La Chiesa dell’Ultimo Unicorno è responsabile di tutto

®wld

Older Entries