Home

L’Idra

Lascia un commento

Chiunque sia al di sopra di tutto questo cielo, di tutte queste stelle, di tutto questo nero e dello spazio immenso che chiamiamo infinito, deve aver trovato uno svago nuovo, una nuova passione che gli ha fatto dimenticare questo pianeta e tutta l’umanità che vi abita.

Qualche cosa si è ormai rotto in modo inconfutabile e come un’enorme valanga, sta trascinando a valle tutto quello che trova, travolgendo ogni cosa umana e non. Scoperchia le viscere della nostra terra che ci rivela così orrendi mondi e pratiche inverosimili.

Sono saltate tutte le storie che ci raccontavamo, tutti i sogni, le avventure e i desideri. Sono esplosi come tappati per secoli dentro una bolla di vetro, i denti digrignati di un’intera umanità sofferente, che non aspettava altro che riversarsi nelle strade, negli uffici e invadere la vita di sempre, per devastarla e ammorbarla con il suo terribile tanfo.

Siamo una collettività allo sbando che non riconosce più la via di casa, non sente più il calore del sole, non ha più amici, non ha più da mangiare ed ha perso le redini del proprio futuro. Siamo rimasti soli su questo pianeta, senza più lo sguardo di chi nell’oscurità dello spazio ci consigliava, guidava e sosteneva. Nell’imminente apocalisse che ci sta per travolgere, non riusciamo più a riconoscere i nostri simili e ci combattiamo gli uni contro gli altri, mentre la grande Idra che ci sovrasta, semina morte, panico e distruzione.

Non serve che qualche valoroso arrivi a ferirla o a tagliarne la testa, perchè da quella testa tagliata, ne crescono altre e ogni volta l’Idra diventa più feroce, più violenta e più assassina. Non c’è tra noi un Eracle che ci salvi. Per combattere questa Idra che sta devastando l’intera umanità, non ci sono strategie enigmatiche o piani macchinosi. C’è un solo modo, unirsi per tagliarle la testa immortale. Perché anche Eracle per annientarla, ebbe bisogno di Iolao.

Invece noi ormai lasciati soli dal Dio che ci aveva in consegna, ci siamo sparsi urlando e correndo verso chissà chi e chissà dove. Orrore dell’orrore, siamo ormai talmente offuscati dal fiato dell’Idra, che gli sacrifichiamo in un ultimo tentativo di salvezza, quello che più di prezioso abbiamo. Quello che abbiamo noi stessi procreato, per proseguire la strada da noi tracciata. Per portare un pezzo di noi, un ricordo di noi nel futuro: i nostri figli.

Come in un rito antico in processione, migliaia di madri, quelle che sono state deputate a far crescere il futuro dentro di loro, stanno offrendo all’altare di un inutile e barbaro sacrificio i propri figli, nella speranza di salvare questa umanità. Non si è mai visto nei secoli dei secoli, tagliare la testa a un figlio per salvare la propria. Gli Spartani lanciavano dalla rupe Tarpea i bimbi deformi vero, ma si sacrificarono, si unirono e ad un prezzo altissimo, difesero la loro città, il loro popolo, la loro libertà e i loro figli respingendo il nemico Serse. Noi stiamo gettando dalla rupe, migliaia di figli che avrebbero dovuto essere il futuro di questa terra. Avrebbero dovuto illuminare questo pianeta e accompagnarci in una sorta di storia che si ripete, lungo il viale che ci porterà alle soglie dell’aldilà, sostenendoci e confortandoci, esattamente come noi avremmo dovuto fare con loro. Stiamo annientando il nostro futuro e il futuro di questo pianeta.

Dio o chi per lui, ha smesso di interessarsi a questo mondo. Ha smesso di interloquire con gli umani e ha sicuramente trovato qualche cosa di più interessante da fare. Così siamo alla fine soli, così come soli saremo quando attraverseremo l’Acheronte di Dantesca memoria. Soli senza il conforto dei nostri figli, che avremo sacrificato per allontanare anche solo di poco, l’incontro con Caronte. Quello che sta accadendo, va contro la logica di qualsiasi morale di qualsiasi codice genetico che qualcuno (Dio?) ha messo dentro di noi. Quello che stiamo compiendo è un atto terribile che comporterà perdite e sconvolgimenti impressionanti.

E mentre noi cerchiamo di salvare noi stessi da una cosa che non è possibile fermare o cambiare come la morte e, ci aggiriamo senza più una meta, un’idea, una parola o un gesto che ci riporti alla nostra umana condizione, l’Idra cresce. Diventa ogni giorno più forte. Si nutre di questa devastazione, del terrore che ha preso l’umanità, della paura che attanaglia questo mondo. Calpesta tutto quello che trova lasciando dietro di sé solo rovine e un’oscurità sempre più nera. Ogni giorno, ogni momento questa belva inumana e feroce cresce di potenza, acquisisce maggiore consapevolezza e sferra colpi micidiali su tutti noi.

Noi l’abbiamo creata, noi l’abbiamo nutrita e aiutata, noi l’abbiamo resa potente. Non ci si illuda che la belva si fermi. Non si pensi che prima o poi venga mossa a pietà. Le belve feroci si nutrono di paura, di terrore e oggi, il nostro mondo è attanagliato dal terrore. Siamo una palla impazzita nell’infinito equilibrio dell’universo, che trabocca paura e l’Idra questo lo sa molto bene. Non c’è pietà nei suoi occhi, non c’è speranza nei suoi gesti, non ci sono migliorie. C’è soltanto lo sterminio totale, il silenzio tombale e la costruzione di un mondo dove lei possa muoversi nella melma e nel fetore, ebbra di una vittoria che abbiamo alimentato noi stessi.

Noi saremo gli artefici della sua vittoria, sacrificando i nostri figli alle sue voglie. Chiunque di noi abbia già respirato il fetore dell’Idra è ormai perduto e chiunque ne abbia calpestato le orme è ormai perso.

Ma non siamo noi che l’Idra vuole. La bestia vuole i nostri figli, vuole cancellare questo immondo popolo per costruirne uno suo a sua immagine e somiglianza e costringere i pochi superstiti a servirla in tutto e per tutto. La bestia, vuole un mondo dove possa esercitare il suo potere, dove possa decidere sulla vita e sulla morte di coloro che resteranno, obbligando le madri a partorire figli per saziare la sua fame. Vuole il nostro futuro per costruire un tempo senza futuro, un tempo dove l’attimo non abbia più attimi a seguire.

Dov’è finito quel Dio che ci ha seguito per tanto tempo? Dove sono dirette le sue attenzioni ora? Epicuro diceva: “Dio può e vuole; ma poiché il male esiste allora Dio esiste ma non si interessa dell’uomo.” (paradosso di Epicuro)

Se Epicuro aveva ragione, allora è solo tutta nostra la colpa e solo noi siamo gli artefici di quello che sta accadendo. Siamo noi che abbiamo costruito tutto questo in una sorta di consacrazione di quello che i fratelli Wachowski ci avevano consegnato nel 1999 sul grande schermo. Una sorta di Matrix dell’umanità, dove siamo solo capaci a far venire fuori il male che abbiamo dentro e, a distruggerci tra noi perché non siamo mai stati fratelli. Non siamo mai stati vicini, non siamo mai stati un pianeta solo.

Ma se è vero che noi e solo noi, siamo gli artefici di tutto questo, allora basta un cambio nel codice, una virgola al posto di un punto esclamativo per alterare il corso della storia. Basta una piccola rifrazione di luce, un alito di vento da chissà quale cielo, perché arrivi il tempo del risveglio e, un Eracle sconosciuto assieme a centinaia di Iolao si uniscano, per combattere e sconfiggere questo mostro immondo che risponde al nome di Idra.

Photo of Bruno Marro

Bruno Marro

http://brunomarro.it/

https://brunomarro.blogspot.com/

https://t.me/databaseitalia

https://www.databaseitalia.it/lidra/

®wld

No! Questo sulle TV del pensiero unico non le troverai

Lascia un commento

Clicca sull’immagine per vedre il video
Clicca sull’immagine per vedre il video

Devi vedere il video per comprendere la distopia dei Figli del grande ripristino

®wld

BAMBINI: unici e irripetibili

Lascia un commento

Dedicato ai miei nipoti, nonno wlady

 

CONOSCERE PER VIVERE 

 

Cari bambini che state andando a scuola, tutti nasciamo in un mondo già fatto, ed è naturale che per viverci dentro dobbiamo conoscerlo bene. 

 

La nostra adolescenza e la nostra giovinezza vengono in gran parte spese a capire dove siamo ospitati. Infatti, tutto quanto sfugge alla nostra comprensione rimane estraneo alla vita e non possiamo giovarcene. Non solo: se questa curiosità non viene nutrita, se ignoriamo il Sapere, rischiamo di prendere in continuazione fischi per fiaschi, cioè di essere puntualmente delusi nelle aspettative. 

 

Quindi la conoscenza è fondamentale alla nostra esistenza. 

 

Il mondo si svela piano piano e, di concerto, noi ci sveliamo a noi stessi e miglioriamo. Purtroppo nella nostra caotica, massificata, e spesso confusa società, molte cose ci distraggono, ci assordano, lasciandoci di rado soli con noi stessi. 

 

Ci riconosciamo in gruppo, insieme andiamo a scuola, ai concerti, alle feste, in vacanza. Così, col tempo, abbiamo l’impressione di esistere solo in funzione di come gli altri ci vedono e ci giudicano. 

 

E questo non va bene perché nel fondo può catturarci uno strano senso di vuoto, di solitudine, di smarrimento. Insomma ogni tanto bisognerebbe guardarsi allo specchio e riconoscersi per unici e irripetibili, diversi dagli altri. 

 

L’uomo per questo, ha inventato uno strumento preziosissimo: la scrittura. Chi scrive altro non fa che verbalizzare ciò che ha dentro, non fa che mettere ordine nei suoi pensieri e nei suoi sentimenti. Non fa cioè che immagazzinare informazioni dentro una originale visone del mondo. 

 

Scrivere ci fa crescere, e anche leggere ci fa crescere, perché gli scrittori offrono altri sguardi sul nostro vivere. Si va più lontano con la scrittura se contemporaneamente si legge qualche libro. Così, conoscendo meglio noi e quel che ci circonda, si vive con più distacco e con più passione.

 

BAMBINI 

 

I bambini li stanno facendo diventare antipatici per la prosopopea retorica e demagogica da cui vengono letteralmente soffocati. Ad accarezzarne uno per strada si rischia il linciaggio, tranne poi vederli diventare grandi e pronti a loro volta al linciaggio. 

 

Diventano antipatici come l’erbetta dei prati che non si può più calpestare: inavvicinabili come la Gioconda; protetti come i panda; sott’olio come i carciofini. Guai a chi lancia loro qualche urlaccio di contadina memoria, gui a turbarne l’equilibro scontentandoli. 

 

Li spingono a guardarti dal basso in alto con occhi quasi di sfida, e alla fine il modo migliore per non creare loro problemi è far finta di non vederli. 

 

I bambini in quanto tali, sono oggi una categoria interclassista, la loro condizione di possibile vittime della crudeltà adulta cancella ogni differenza: il poverissimo niño brasiliano, l’affamata creatura africana, il ragazzino per bene che va in piscina appartengono alla stessa specie da proteggere perché i loro nemici sono tanti e vestono panni diversi a seconda del luogo nel quale vivono. 

 

Questo è vero, ma una visione così riduttiva e generalizzata dalla questione (non certo nuova), invece di promuovere soluzioni concrete, non fa che aprire le inutili porte del cuore e dar voce ai sentimenti più lacrimevoli e ipocriti, a innondare la televisione di vuoti appelli a mielose trasmissioni interrotte con la pubblicità dei giocattoli e delle costosissime scarpe da tennis perché i genitori, catturati dalla paura del senso di colpa, vengano presi dall’impulso di far contenti i loro piccoli acquistando per loro qualcosa di utile e piacevole. 

 

Tutti i bambini sono buoni e bravi, anche quelli viziati, quelli dispettosi, quelli stupidi. Sono innocenti per definizione. Anche questo è vero. Però c’è da chiedersi quale pedagogia è possibile quando viene svuotato il senso della responsabilità personale e della diversità tra individui. 

 

Quante volte infatti, oggi, un genitore che assiste a una malefatta del figliuolo se ne sta zitto e va a cercare le colpe in sé stesso, nel suo rapporto con il consorte e con la prppria famiglia? 

 

Sembra che non veda l’ora di colpevolizzarsi per continuare ad inseguire una prospettiva diversa, una impossibile svolta nella propria vita e quella di chi gli sta intorno. 

 

L’enfatizzazione, in realtà, rimove ogni conflitto, giacché da sola basta a mettere a posto la coscienza. Commuoversi davanti a un appello per la condizione di schiavi cui sono realmente ridotti molti bambini del pianeta soddisfa e tranquillizza gli animi. 

 

Alcuni adirittura, organizzando concerti e trasmissioni, simposi e convegni, guadagnano fama e soldi nel cercare di commuovere il prossimo sul ricattatorio tema dei bambini. Che lontani dalle nostre lacrime continuano imperterriti a morire di fame, a essere trattati come cavalli da soma, a essere brutalizzati dall’orrore del turismo sessuale. 

Ogni giorno nel mondo 8 mila bambini muoiono di fame 

Ogni giorno nel mondo scompaiono 22mila bambini 

Nel mondo sono più di 220 milioni i bambini abusati sessualmente, senza parlare del traffico di organi che va oltre ogni immaginazione.

Tratto dalle mie letture di Vincenzo CeramiPensieri Così

Articolo correlato: Un numero crescente di genitori ha ammesso ai ricercatori di aver perso il controllo delle abitudini online dei propri figli.

®wld

Il Culto della Morte e il Pre-Crime

Lascia un commento

 

 

Culto della morte I democratici dicono che uccidere i neonati il ​​giorno in cui sono nati fa bene all’economia, quindi cosa c’è dopo, sterminaniamo gli anziani?

(Naturale News)

 

È ormai legale a New York uccidere un neonato perfettamente sano dopo essere uscito dall’utero della madre, il giorno della nascita, se la mamma e il dottore sono d’accordo che la mamma non lo vuole.

 

Gli aborigeni usano metodi malati e contorti per uccidere anche questi giovani umani, tra cui forzare gli strumenti nelle zone morbide della testa, torcere la testa dal collo o tagliare le corde spinali con le forbici.

 

I bambini sopravvissuti all’aborto non sono così rari come si potrebbe pensare. Migliaia di bambini sono sopravvissuti all’aborto nei quattro decenni da quando è stato legalizzato a livello nazionale. In termini prudenti, almeno 1.200 bambini sopravvivono all’aborto ogni anno negli Stati Uniti da soli. Ora, i Death Cult Democrats (DDC) hanno appena votato per lasciare che questi stessi sopravvissuti all’aborto soffochino a morte di fronte alla madre, se lo desidera, dal momento che nessuna copertura medica può essere utilizzata per salvarlo. Per la DDC, questo è un invito alla celebrazione di massa. Prendi i coriandoli e lo champagne e brinda all’infanticidio.

Il numero di nati vivi dopo l’aborto è in realtà molto più alto di 1.200 all’anno, poiché la segnalazione di questo crimine efferato è volontaria. La maggior parte dei bambini nati vivi dopo i falliti tentativi di aborto sono lasciati a morire.

Quindi, se il DDC trova questo non solo accettabile, ma qualcosa che vale la pena celebrare, come hanno fatto quando hanno firmato il disegno di legge a New York, e allora qual è il prossimo? Sicuramente questa è solo la punta dell’iceberg per il controllo della popolazione a partire dal 2019. AOC (Alexandria Ocasio-Cortez) ha già dichiarato che tutti dovrebbero pensarci due volte (suggerimento) prima di avere figli, a partire da ora (tutto basato sulla scia del riscaldamento globale con la minaccia che tutto il mondo eploda in 12 anni).

Forse il DDC estenderà la regola dell’aborto-fallito-omicidio a una settimana dopo la nascita, o anche un mese o un anno. Perchè no? Forse la madre ha bisogno di un po’ di più per pensare se possa o meno, voglia o meno allevare quel bambino. Perché non torcere la testa al loro primo compleanno, dal momento che, secondo la DDC, i neonati non hanno anime o sentono dolore comunque?

E che dire degli anziani? Adolf Hitler voleva sterminare chiunque fosse un “fardello finanziario” o “economico” per la società. Il DDC passerà una legge per uccidere la nonna e il nonno per gli stessi motivi per cui hanno creato e approvato il disegno di legge sull’infanticidio? E che dire di neri, cristiani ed ebrei? è più che ovvio che i Democratici li odiano anche loro.

I democratici chiedono alla polizia di prelevare il campione di DNA durante gli arresti e creare un database, quindi quali sono gli arresti PRE-CRIME?

No, non stai leggendo una scena dal libro “1984” di George Orwell. Il Culto della morte democratico vuole iniziare ad arrestare le persone solo pensando a cose cattive (Dio solo sa cosa pensano di fare ogni giorno con i sostenitori di Trump). Più di 60 dipartimenti di polizia negli Stati Uniti stanno già accumulando database di DNA per rintracciare criminali (e non criminali), senza restrizioni su chi può accedervi, o per quanto tempo le informazioni sono conservate a verbale (il che significa probabilmente per sempre).

Le agenzie locali stanno elaborando le proprie regole per la catalogazione del DNA, anche per i bambini (che non vengono arrestati tra l’altro) e per le persone che non sono nemmeno arrestate. Aspetta cosa? Sì. Potresti semplicemente essere fermato per una violazione del traffico di routine o solo per il sospetto di un DUI, e voilà – i tuoi geni sono appena stati basati sui dati come un progetto. Tutto quello di cui hanno bisogno sono alcune cellule, diciamo da un tampone a bocca, e si “scucono” su file. E proprio così, sorpresa, sorpresa, sei appena stato tamponato, catalogato e preparato per un futuro arresto pre-crimine.

Gli stati e i federali in genere richiedono una condanna, un arresto o un mandato prima che il campione di DNA venga inserito nelle loro raccolte, ma non il “po-po” locale. Stanno sbagliando tutti i regolamenti. Inoltre, non è più necessario attendere che lo stato o i federali saltino per aiutare a risolvere un caso. I laboratori privati ​​stanno restituendo campioni di DNA entro un mese ai poliziotti. Chi paga per questo? La polizia usa i soldi dei beni criminali sequestrati.

Minority Report

Allora, qual è il prossimo? Hai mai visto la serie “Person of Interest” di Netflix o il film di successo con Tom Cruz intitolato “Minority Report?”

 

Prossimamente al tuo collo dei boschi: la sistematica rimozione di tutti i tuoi diritti costituzionali da parte del Democrat Death Cult

Mentre i democratici continuano a rimuovere sistematicamente i diritti costituzionali dei cittadini degli Stati Uniti, non siamo troppo lontani dalle profonde sinistra di stato che arrestano la gente per i pre-crimini. Pensaci. Stanno già chiamando per la confisca di armi di massa in tutto il paese. Abbiamo già visto il DDC far rispettare le leggi sulla confisca della “bandiera rossa” nel Maryland, la vaccinazione forzata sotto la minaccia di armi da fuoco in tutto lo stato della California e gli aborti di New York e il blocco della banconota “Born Alive“.

Le leggi della bandiera rossa permettono a chiunque, compreso il tuo vicino di casa o il tuo medico, di ipotizzare e dire che credono che potresti essere una minaccia, e la squadra swat si presenta alla tua porta alle 4 del mattino per portare via le armi legali sotto la minaccia delle armi.

Quindi, basta combinare il database medico con il nuovo database locale del DNA e scrub quello contro tutti i tuoi post sui social media, e presto il DDC arresta in massa chiunque supporti Trump o le cattive bocche dei Clinton o AOC. Ecco che arriva la gente del socialismo.

Pre-crimine sta prendendo piede velocemente. Non la penso così? Il nuovo sistema “PredPol” è già in uso dalla polizia in California, nel Maryland e in Florida. Dicono che riduce il pregiudizio umano nella polizia, ma in realtà aumenta il razzismo e il pregiudizio in generale.

Vedete, gli algoritmi PredPol (abbreviazione di predator policing) portano gli ufficiali in alcuni quartieri che hanno un alto numero di minoranze razziali, indipendentemente dal reale tasso di criminalità per quella zona. Ops. Questi sono chiamati “feedback loop” e sono piuttosto pericolosi per i diritti umani e civili.

Sintonizzati su Abortions.news per gli aggiornamenti sul DDC, Jeff “Bozo” Bezos, Bill “Vaccine Genocide” Gates, AOC e i giganti della tecnologia, tutti cercando di ridurre la popolazione dell’America di 100.000.000 di persone nei prossimi dieci anni, tutto ottenere i loro seguaci zombi morti di cervello per votare per questo.

 

Le fonti per questo articolo includono:  

LiveAction.org  

NaturalNews.com  

ChicagoTribune.com  

FoxNews.com  

 

Fonte: https://www.naturalnews.com/

 

®wld

Lo spreco della ricchezza umana

Lascia un commento

 

 

Se lo Stato non fa la sua parte come può pretenderlo dagli altri?  

 

di Domenico Proietti

 

Quando un padre investe nell’istruzione dei propri figli, deve essergli permesso di scaricare totalmente le spese come lo si permette a un imprenditore che scarica ogni che, comprese le cene di lavoro per attrarre nuova clientela. Cosi come, quando un capofamiglia col suo investimento, non solo sottrae ricchezza a se stesso ed al resto della propria famiglia, ma sa che una volta raggiunto lo scopo di un diploma o una laurea su uno o più suoi figli, crea ricchezza umana oltre che per se per la Nazione.

Ora, se la Nazione se ne fa in parte carico, avrà anch’essa in mano parte di quella ricchezza e non la andrà regalando come ha fatto fino ad oggi a altre Nazioni in cambio di niente, semmai la si usa per ridurre un debito, anche per il solo fatto che la ricchezza ce la si scambia tra parenti, non tra concorrenti!

Pensate a quanto debito ci saremmo ripagati se solo lo Stato avesse investito nell’istruzione! Se ogni laureato italiano andato all’estero avesse un valore per lo Stato di 100.000 euro cadauno tra America, Germania, Francia, Regno Unito e resto del mondo più che debito avremmo credito a pretendere, oltre che a creare famiglie felici per essere rientrate dell’investimento fatto.

Lo Stato peraltro avrebbe il dovere di chiedere agli imprenditori che fanno impresa nello Stato, che facciano anch’essi la loro parte, visto che finora dalle risorse lavorative raccolte questi hanno solo raccolto senza restituire alcunché. Un’ingiustizia questa che chiede vendetta se si pensa che per fare lo spazzino si chiede lui il diploma, quando nelle case una colf fa ben oltre e non gli si chiede giustamente nulla!

D’accordo che ci sono lavori a valore aggiunto che, come a un infermiere, viene chiesto lui che anche in mancanza di un medico questi poi come un medico per l’appunto, debba essere in grado per salvare in momenti di urgenza la vita di un paziente, avendo a sua volta nozioni mediche, ma uno spazzino non ha certo bisogno di un ragioniere per contare le foglie morte raccolte, neanche se in discarica si volesse tener di conto di quanto di lui raccolto, l’istruzione ci dovrebbe essere a prescindere come bagaglio personale, ma non per dare al nulla un valore che non ha, in fondo la mondezza raccolta da un diplomato o da un soggetto con licenza media inferiore, sempre mondezza questa resta! Quindi dove non si abbisogna di un valore aggiunto e non è giusto richiederlo, lasciando cosi posti di lavoro a chi istruzione non ha e allo stesso tempo dare valore a chi istruzione l’ha ricevuta e la ricompensa, a chi ha investito nel dargliela.

Questo permette a uno Stato responsabile di avere Cittadinanza altrettanto responsabile o si finisce nella barbarie dalla quale molti stati nel XX° secolo se ne sono tirati fuori e diventa poi un argine per tutti quei Stati dove, governati da irresponsabili questi pensano di mandare in giro la loro cittadinanza e incitano alle migrazioni, solo per liberarsi di responsabilità che come tutti hanno e che per depredare le risorse finanziarie dello Stato che gestiscono, evitano di responsabilizzare e distribuire in parti eque le ricchezze ai Cittadini dello Stato che governano.

Solo con parametri uguali in tutto il mondo si ferma la povertà, la discriminazione e la disuguaglianza sociale, mentre per quanto riguarda le religioni che in questo fango ci sguazzano, dovrebbero aver dentro uno Stato un diritto marginale sui cittadini, in quanto per queste l’eguaglianza sociale equivale a perdere la supremazia che si ha sull’ignoranza, in cui le forme religiose, qualsiasi forma religiosa, ha fatto di soggetti indifesi vittime predestinate, come lo sono i cittadini dimenticati da Dio e dagli uomini che dovrebbero rappresentarlo e visto che per quanto riguarda la maggior parte dei religiosi, i più predicano bene ma poi razzolano male, finché non capiremo che per avere uguaglianza, il comportamento di ”tutti” dovrà seguire linee ben precise e tutte volte alla stessa grazia divina per ottenere l’eguale, questo da nord a sud e da est a ovest o l’uguaglianza dei popoli è e resterà un chimera, oltre che un crimine insoluto.

 
Domenico Proietti
 

Older Entries