Home

Chi erano gli Anunnaki? Gli antichi dei della Mesopotamia

Lascia un commento

by Ancient Code Team

Si ritiene che gli Anunnaki siano i creatori dell’Uomo. Questi potenti Dei hanno lasciato la Terra in un lontano passato, dicendo che un giorno torneranno sulla Terra. Curiosamente, se osserviamo le antiche culture in tutto il mondo, la maggior parte dei loro dei, dei creatori, hanno lasciato la Terra e hanno promesso di tornare un giorno.

Secondo alcuni ricercatori e autori, gli Anunnaki dovrebbero tornare sulla Terra per “sistemare ciò che avevano fatto di sbagliato” in modo da accelerare un risveglio spirituale e l’evoluzione della coscienza umana.

Gli Anunnaki potrebbero tornare sulla Terra, secondo una recente intervista con Stan Deyo che ha affermato che la NASA e il Pentagono credono che gli Annunaki torneranno con l’arrivo del pianeta Nibiru.

Ma … Nibiru, gli Anunnaki e tutta quella roba non sono inesistenti?

Nella mitologia sumera, gli Anunnaki erano un gruppo di divinità e dee buone e cattive che vennero sulla Terra e alla fine crearono la razza umana.

L’esistenza degli antichi Anunnaki, una civiltà extraterrestre giunta sulla Terra in un lontano passato, è stata a lungo contestata dai ricercatori, ma la loro esistenza e il loro arrivo sul pianeta Terra sono ben documentati in molti testi antichi che la storia tradizionale ha completamente ignorato secondo numerosi autori di tutto il mondo.

È interessante notare che alcune culture africane credono che esseri extraterrestri abbiano visitato la Terra per decine di migliaia di anni, ad esempio le leggende Zulu parlano di un’epoca in cui “visitatori dalle stelle” vennero a scavare oro e altre risorse naturali. Queste miniere erano lavorate da schiavi creati dal “Primo Popolo”.

Secondo alcune fonti e interpretazioni, questi dei provenivano da Nibiru.

Gli Assiri ei Babilonesi chiamavano il pianeta ‘Marduk’. I Sumeri dicevano che un anno sul pianeta Nibiru (A SAR) equivale nel tempo a 3.600 anni sulla Terra.

DNA: prove degli dei?

Secondo i ricercatori del Kazakistan, “La nostra ipotesi è che una civiltà extraterrestre più avanzata fosse impegnata nel creare nuova vita e piantarla su vari pianeti. La Terra è solo una di queste”.

I ricercatori indicano che “Quello che vediamo nel nostro DNA è un programma composto da due versioni, un codice strutturato gigante e un codice semplice o di base”.

Il team crede per certo che la prima parte del nostro codice DNA non sia stata scritta sulla Terra e secondo loro è verificabile. In secondo luogo e soprattutto, i geni da soli non sono sufficienti per spiegare il processo di evoluzione/evoluzione brusca e ci deve essere qualcosa di più nel “gioco”.

Secondo Makukov “Prima o poi”, “dobbiamo accettare il fatto che tutta la vita sulla Terra porta il codice genetico dei nostri cugini extraterrestri e che l’evoluzione non è ciò che pensiamo che sia”.

Le implicazioni di queste scoperte scientifiche rafforzano le affermazioni di altri individui e osservatori che affermano di aver avuto contatti con alieni che sembrano umani. Alieni simili a umani avrebbero potuto fornire parte del materiale genetico necessario per l’evoluzione umana.

Citazione da Discovery: Questa interpretazione li porta a una conclusione inverosimile: che il codice genetico “sembra che sia stato inventato al di fuori del sistema solare già diversi miliardi di anni fa”. Questa affermazione avalla l’idea di panspermia, l’ipotesi che la Terra fosse seminata di vita interstellare. È certamente un approccio nuovo e audace alla conquista della galassia se immaginiamo che questo sia stato un tentativo deliberato di Johnny Appleseed da parte di super-esseri…

Teorie alternative?

Secondo Gregg Braden, un autore americano di letteratura New Age, che ha scritto del fenomeno del 2012 ed è diventato famoso per la sua affermazione che la polarità magnetica della terra stava per invertire, abbiamo solo 20 dei 64 codoni nel nostro “on” DNA. Ci si deve chiedere: “Perché la Fonte della creazione ha limitato le nostre capacità genetiche disattivando la maggior parte del nostro DNA?”

Una teoria è che il nostro DNA fosse limitato dagli Anunnaki per mantenerci sottomessi, controllati e conformi ai nostri maestri Anunnaki.

Molti credono che gli Anunnaki siano coloro che ci “controllano” da milioni di anni e conoscono la vera genetica dell’uomo. Molti autori affermano che gli Anunnaki, che potrebbero essere gli dei menzionati in numerose culture che hanno promesso di tornare un giorno, hanno il controllo totale su di noi poiché sono i creatori dell’uomo.

Simon Parkes, un ricercatore UFO, afferma che abbiamo 12 filamenti di DNA e ogni filamento è correlato a una specifica razza galattica. Ipoteticamente, se riusciamo a trovare un modo per accendere i codoni latenti nel nostro DNA, potremmo praticamente fare qualsiasi cosa, come curare istantaneamente ogni persona sul pianeta, così come curare il nostro pianeta.

Fatti su Anunnaki:

Secondo The Oxford Companion to World Mythology, gli Anunnaki: “…sono le divinità sumere dell’antica linea primordiale; sono  divinità ctonie  della fertilità, associate alla fine con gli inferi, dove divennero giudici. Prendono il nome dal vecchio dio del cielo An ( Anu ).”

  1. Una delle traduzioni più popolari di Anunnaki è (sumerico) “coloro che scesero dai cieli”.
  2. “Adamo” in ebraico sta per “uomo”. “Adamu” è ciò che i Sumeri chiamano “primo uomo”, gli schiavi Anunnaki .
  3. Gli Anunnaki provengono da un enorme pianeta chiamato Nibiru. Questo pianeta si trova nella parte più esterna del nostro sistema solare.
  4. Nibiru ha un’orbita ellittica di 3.600 anni . Gli Anunnaki vennero da Nibiru per estrarre l’ Oro sulla Terra . I minerali e le risorse di Nibiru si stavano esaurendo, in particolare l’oro.
  5. Tutti i tipi di terribili fenomeni gravitazionali sono collegati a Nibiru e alcuni sostengono addirittura che il pianeta X o Nibiru  rappresenti una minaccia per la Terra e che un giorno entrerà in collisione con il nostro pianeta. La scienza spiega che potrebbe esistere, ma non l’hanno ancora visto. Mitologicamente parlando, Nibiru è reale .
  6. Secondo il mito assiro e babilonese successivo, gli Anunnaki erano i figli di  Anu Ki , divinità fratello e sorella.
  7. Gli Anunnaki compaiono nel mito della creazione babilonese, Enuma Elish.
  8. Gli Anunnaki sono menzionati  nell’Epopea di Gilgamesh  quando  Utnapishtim  racconta la storia del diluvio.
  9. Ci sono quattro divinità principali: Anu, Enlil, Enki e Ninhursag.
  10. Si crede che Anu sia la prima divinità del Padre del Cielo attestata. Nella religione sumera, era anche “Re degli dei”, “Signore delle costellazioni, degli spiriti e dei demoni” e “Supremo Sovrano del Regno dei Cieli”.
  11. È interessante notare che Anu esisteva nella cosmogonia sumera come una cupola che copriva la terra piatta; Al di fuori di questa cupola c’era lo specchio d’acqua primordiale noto come Nammu.
  12. Enlil  è considerato il dio del respiro, del vento, dell’altezza e della larghezza (altezza e distanza). Enlil è associata all’antica città di  Nippur, a volte indicata come la città di culto di Enlil.
  13. Enki era la divinità dell’artigianato, del male; acqua, acqua di mare, acqua di lago, intelligenza e creazione. Il significato esatto del suo nome è incerto: la traduzione comune è “Signore della Terra”.
  14. Ci sono tre divinità del cielo: Inanna / Ishtar, Nanna / Sin e Utu / Shamash.
  15. Ci sono anche dieci divinità principali: Adad, Dumuzid / Tammuz, Enkimdu, Ereshkigal , King , Geshtinanna , Lahar , Marduk , Nergal , Ninurta .
  16. Gli Igigi sono un gruppo degli dei del cielo nell’antica mitologia sumera. Gli Igigi erano gli dei più giovani e talvolta sono sinonimi del termine Anunnaki.
  17. Prima che gli umani venissero creati, gli Igigi erano usati dagli antichi Anunnaki come loro forza lavoro principale.
  18. I ricercatori ritengono che il termine Igigi sia di origine semitica e indichi il gruppo di divinità nel pantheon mesopotamico. Non è ancora chiaro quali divinità antiche appartenessero agli Igigi, ma molti studiosi suggeriscono che Marduk – il dio protettore della città di Babilonia – fosse uno degli Igigi.
  19. Secondo la teoria degli antichi astronauti, migliaia di anni fa, ancor prima che la storia documentata, il nostro pianeta fosse visitato da astronauti di un altro mondo, questi esseri erano gli Anunnaki.
  20. Secondo molti autori, la prova dell’esistenza degli antichi Anunnaki può essere trovata in tutto il mondo. Dobbiamo solo guardare alla civiltà antica e alla loro capacità di erigere enormi monumenti e trasportare pietre che pesano centinaia di tonnellate. In ogni cultura antica troveremo una connessione con gli Anunnaki.
  21. Nel 1976 l’autore Sitchin pubblicò le sue traduzioni personali dei testi sumeri in una serie di libri intitolata “ Le cronache della terra ”. In quel libro, Sitchin descrive in modo approfondito gli Anunnaki e la loro storia.
  22. Il lavoro di Sitchin è pesantemente criticato. Molti archeologi e storici non sono d’accordo con Sitchin. Secondo Sitchin, le tavolette di argilla descrivono una razza aliena conosciuta come  Anunnaki , che venne sulla Terra per estrarre l’oro.
  23. Sitchin suggerisce che 450.000 anni fa, su Nibiru, un lontano membro del nostro sistema solare, la vita rischia una lenta estinzione a causa dell’erosione dell’atmosfera del pianeta.
  24. Quasi mezzo milione di anni fa, deposto da Anu, il sovrano Alalu fugge su un’astronave e trova rifugio sulla Terra. Scopre che la Terra ha dell’oro che può essere utilizzato per proteggere l’atmosfera di Nibiru.
  25. Sitchin afferma che le antiche tavolette sumere indicano che circa 445.000 anni fa, guidati da Enki, figlio di Anu, la terra degli Anunnaki sulla Terra, fondarono Eridu, la stazione terrestre I, per estrarre l’oro dalle acque del Golfo Persico.
  26. Secondo gli antichi Sumeri, si credeva che ‘ Eridu ‘, l’odierna Abu Shahrein, Iraq, fosse stata la prima città mai creata e fosse la città natale del grande Dio Enki. Si pensa che la città sia stata fondata intorno al 5400 a.C.
  27. Circa 300.000 anni fa , Enki e Ninhursag creano Lavoratori Primitivi attraverso la manipolazione genetica.
  28. Gli esseri umani erano una specie ibrida e non potevano procreare. Poiché la richiesta di esseri umani come lavoratori è aumentata, gli antichi Anunnaki hanno manipolato ancora una volta l’umanità antica in modo che potesse riprodursi da sola.
  29. Guardando indietro nella storia recente dell’umanità, Sitchin ci dice che intorno al 7.400 aC . gli Anunnaki concedono all’Umanità nuovi progressi; inizia il Neolitico. I semidei governano l’Egitto.
  30. Subito dopo, intorno al 3.800 aC , la civiltà urbana inizia a Sumer quando gli Anunnaki vi ristabiliscono le Città Antiche, a cominciare da Eridu e Nippur.

L’enigma dietro gli Anunnaki, dei creatori della nostra civiltà

Gli  Anunnaki  (trascritti anche come  AnunakiAnunnaAnanaki) sono un gruppo di divinità che compaiono nelle leggende mitologiche degli antichi Sumeri, Accadi, Assiri e Babilonesi.

Gli Anunnaki sono le divinità più influenti nel pantheon, erano i discendenti di An, il dio dei cieli, e la loro funzione primaria è quella di giudicare il destino dell’umanità.

Secondo la mitologia mesopotamica, gli Anunna erano, inizialmente, gli dei più potenti e vivevano con Anu nel cielo.

Nella poesia Enûma Elish, è stato Marduk a creare l’umanità e poi ha diviso gli Anunna tra cielo e terra e ha assegnato loro dei compiti. Quindi gli Anunna, grati a Marduk, fondarono Babilonia e costruirono un tempio in loro onore chiamato Esagila.

La reinvenzione del termine Anunnaki attraverso la sua forma acadiana, Anunnaki, è emersa nel 1964 dopo la pubblicazione di “Ancient Mesopotamia: Portrait of a Dead Civilization”, dell’assiriologo Adolph Leo Oppenheim, che ha reso popolare questo concetto.

Fu Zecharia Sitchin a rendere popolare ulteriormente il termine degli Anunnaki.

I primi usi conosciuti del termine  Anunnaki  provengono da iscrizioni scritte durante il regno di Gudea e la  terza dinastia di Ur.

Nei primi testi, il nome è applicato alle divinità più importanti e potenti dell’antico pantheon sumero: i discendenti del dio del cielo  An.

Zecharia Sitchin ha pubblicato una dozzina di libri noti come Cronache della Terra degli anni ’70 che si sono ulteriormente soffermati nello studio degli antichi Anunnaki.

Nei libri pubblicati da Sitchin, tavolette sumere di scrittura cuneiforme e testi biblici sarebbero stati tradotti nella loro scrittura originale, rivelando dettagli affascinanti che hanno rapidamente guadagnato popolarità tra i lettori.

Nel libro Il dodicesimo pianeta, l’autore descrive l’arrivo degli Anunnaki sulla Terra da un presunto pianeta chiamato Nibiru circa 450.000 anni fa. Gli Anunnaki erano esseri alti, circa 3 metri di altezza, pelle pallida, capelli lunghi e barbe, che si sarebbero stabiliti in Mesopotamia e, con l’ingegneria genetica, avrebbero accelerato l’evoluzione dei Neanderthal all’Homo Sapiens apportando la loro genetica, creando così l’umanità.

La storia di come gli Anunnaki hanno creato l’umanità è abbastanza simile alla creazione dell’uomo da parte di Dio, come è scritto nella Bibbia. La storia racconta che Enki prese l’argilla e le diede forma nonostante il fatto che la sua prima prova non avesse avuto successo.

I primi umani consideravano gli antichi Anunnaki come dei, poiché erano estremamente intelligenti con loro e possedevano tecnologie che l’umanità non aveva mai visto prima.

Alcuni autori sostengono che le prove degli Anunnaki si possono trovare nella Bibbia, dove vengono chiamati “Nephilim”, sebbene alcune altre traduzioni li chiamino “giganti”.

Secondo gli scritti di Sitchin, la tecnologia e il potere degli Anunnaki sono ancora lontani dalla nostra portata, poiché gli Anunnaki avevano la capacità di viaggiare nello spazio e di ingegneria genetica 450.000 anni fa.

Si ritiene che gli antichi Anunnaki abbiano contribuito notevolmente alla Terra con una tecnologia a noi ancora sconosciuta e che siano stati coinvolti nella costruzione di piramidi in tutto il mondo e numerosi altri antichi siti megalitici.

Le ipotesi di Sitchin sono state respinte da scienziati, storici e archeologi, che non sono d’accordo con la sua “traduzione” di testi antichi e la sua incomprensione della fisica.

Allora chi erano gli Anunnaki? Erano solo parte di una grande leggenda antica? Oppure è possibile, come affermano molti autori, che le antiche divinità mesopotamiche siano state proprio le responsabili della creazione della nostra civiltà?

Circa 250.000 anni fa, secondo Sitchin, gli antichi Anunnaki unirono i loro geni alieni con quello di Homo Erectus e crearono una specie nota come Homo Sapiens, ottenendo, di conseguenza, una specie geneticamente bicamerale. Tuttavia, gli esseri umani erano una specie ibrida e non potevano procreare. Poiché la richiesta di esseri umani come lavoratori è aumentata, gli antichi Anunnaki hanno manipolato ancora una volta l’umanità antica in modo che potesse riprodursi da sola.

Basato su The Cosmic Code: The Sixth Book of The Earth Chronicles di Zecharia Sitchin, questa è la vera linea temporale storica del nostro pianeta:

Per ulteriori informazioni, guarda questa clip di Ancient Aliens di History Channel, Stagione 11, Episodio 10:

Fonte: https://www.ancient-code.com/anunnaki/

®wld

La scienza ufficiale ha sostituito le religioni

Lascia un commento

 

LUMINOSITA’ SOLARE  E MUTAMENTI

 

04.04.20

Di: Dottor Roberto Slaviero collaboratore

 

In questi giorni, vista la scarsa o nulla circolazione di aerei, riusciamo a vedere meglio il cielo, diurno e notturno.

Già da tempo, si può verificare che la luce solare, è molto più potente, nella sua luminosità di BIANCA purezza.

Infatti il sole, appare molto più bianco, rispetto al colore arancione di qualche decennio fa, ma a causa dell’inquinamento, pochi lo potevano percepire.

Un dato interessante, è che da quasi un anno il sole è senza macchie solari;

tecnicamente si dice in gergo, periodo di bassa attività solare.

http://www.meteoweb.eu/2019/12/sole-riposo-attivita-solare-minimo-senza-macchie-1913/1362289/

Sorprendente è il fatto che ciò non accadeva dal 1913….

Pare che in questo mese di aprile, il sole raggiunga la sua minima attività, con però conseguenti emissioni di particelle ionizzanti più forti (vento solare) e potenzialmente più dannose, si dice.

Abbiamo vari strati atmosferici sopra noi, che ci riparano dalle varie radiazioni; si potrebbe però supporre che, stia accadendo qualcosa di potente, a livello del sistema Sole-Terra e che ciò, potrebbe essere anche messo in relazione alle vicende, che tutto il pianeta sta vivendo in questi giorni!

Tutti ricorderete gli incendi terribili di pochi mesi fa in Australia, con temperature altissime, ad esempio.

Ma cosa accadde di strano nel 1913…? il 21.06.1913 … per la prima volta … una donna si paracadutò da un aereo …

http://www.mondi.it/almanacco/voce/1031001

Fantastico…ah ah ah cerchiamo anche di rilassarci, visto il periodo di castigo che stiamo subendo!

Torno serio…

Poco dopo il 1913, esattamente il 28.07.1914, scoppiò la Prima guerra mondiale, una delle più grandi tragedie della storia umana.

Una lampadina mi si è accesa, tipo Archimede pitagorico, nell’insistenza del continuo “restate a casa“

Ok, oggi ho addirittura sentito che un membro dell’Oms, pare abbia detto che ….

”il virus scorre nell’aria“ e quindi di usare protezioni anche all’esterno.

L’idiozia della sparata mi sembra neanche da commento, anche se verrà presa in considerazione da molti; oggi la scienza “ufficiale” ha sostituito le religioni.

Ma questo continuo richiamo, crea sospetti di altro tipo, rispetto ad un coroncino…

Facciamo un ipotesi.

Ci troviamo di fronte ad un cambio radicale della struttura planetaria e le possibilità sono:

 

  • – chi conosce la verità, inventa una pandemia e cerca di creare una specie di prigionia di massa, per evitare un risveglio di molti, una ionizzazione salubre a livello planetario, con conseguente rivoluzione sociale e perdita del potere dei pochissimi sui moltissimi.

  • – chi conosce la verità, ha un animo molto buono e vuole salvare gran parte dell’umanità dalla strage di un sole troppo caldo…mhhh difficile da credere, visti gli usurai incalliti che ci comandano

  • – nessuno conosce la verità, ma alla Erode…sa che sta per accadere qualcosa di strabiliante e trova un modo per imprigionare molti ed ucciderne il più possibile

  • – le fazioni opposte del pianeta, si stan facendo la guerra e vogliono nel frattempo verificare, la tenuta mentale dei terrestri e le capacità di adattamento ad un nuovo tipo di schiavismo

  • – sono solo degli psicopatici incalliti e si divertono a distruggere economie, per accaparrarsi le risorse del pianeta

  • – il sottoscritto dice un sacco di minchiate e dovrebbe dedicarsi al giardinaggio, oppure alla navigazione perenne virtuale…preferisco la prima.

Ma or dunque, veniamo al rapporto etereo, che esiste tra il sole e la terra.

Lasciate perdere per un attimo, le vostre conoscenze astronomiche della scienza classica. In tempi non sospetti, anni fa scrissi un articolo, sulle anomalie solari e sulla mancanza di spiegazioni ufficiali

https://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?anomaliesolari

Il Sole, motore del nostro universo, di purezza assoluta, emette delle radiazioni che, attraverso la quintessenza, ovvero l’Etere, giungono sul nostro pianeta, permettendone lo sviluppo della vita.

La Terra, utilizza l’energia eterica e la rispedisce al Sole, poiché venga da lui nuovamente riconvertita, riattivata, purificata e rimandata alla Terra.

E’ il ritmo a spirale Sole – Terra, tanto caro al grande Ighina !!

https://www.fortunadrago.it/approfondimenti/pierluigi-ighina/

Quando l’energia, dalla Terra risale al Sole, produce sullo stesso delle Macchie, appunto le macchie solari, che poi verranno ripulite e riconvertite in energia pura e vitale.

Perché oggi ci troviamo nella stessa situazione del 1913, con un Sole senza macchie per cosi tanto tempo?

Si potrebbe immaginare che, il pianeta Terra abbia imprigionato l’energia eterica e non la liberi, per un lavoro profondo che la stessa, sta compiendo: una pulizia, o comunque un’ attività, che preveda un mutamento radicale anche di chi la abita!

L’ipotesi sopra è la migliore.

La Terra non libera l’energia poiché “qualcuno” la mantiene bloccata, per manipolarla a propri fini: chiaramente in questo caso, parliamo di persone od entità tecnologicamente molto avanzate, oppure di cicli naturali, tuttora inspiegabili, ma avvenuti più volte, con conseguenti lotte, guerre ed epidemie varie.

Dal 1645 al 1715, vi fu un periodo di una attività solare molto scarsa

https://it.wikipedia.org/wiki/Minimo_di_Maunder con mancanza di macchie solari!

Questo ha coinciso con una piccola era glaciale; vi sono raffigurazioni della Fiera del Ghiaccio sul Tamigi a Londra

nel 1683-84!

La terribile guerra dei 30 anni, che pare fece circa 12 milioni di morti in Europa, creando danni micidiali, soprattutto nell’odierna Germania, fini nel 1648 con la Pace di Westfalia

https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_dei_trent%27anni#Fine_del_conflitto:_la_pace_di_Vestfalia_(1648)

Come si vede, la fine della guerra, coincide con l’inizio della scarsa attività solare, iniziata nel 1645.

Si può quindi dedurre che, dall’attività solare, dipenda non solo il clima , ma anche gli avvenimenti delle genti e degli esseri viventi sul pianeta Terra. Probabilmente le menti umane, interagiscono con l’etere solare, come ben spiegò l’Ing Todeschini, nella sua Psicobiofisica.

 https://www.circolotodeschini.com/chi-era-marco-todeschini/

Essendo, purtroppo le menti umane, preda di predatori del profondo e basso strato eterico, o meglio basso astrale, su vibrazioni non solari, che il grande Castaneda defini Voladores,

https://it.wikipedia.org/wiki/Carlos_Castaneda

gli accadimenti terrestri, sono per lo più deviati in azioni, non di sublime purezza, ma di schiavitù, lotte fratricide ed assolutismo!

Qualcuno non permette, anzi ostacola,  alla purezza solare, di permeare ed illuminare le menti umane.

Ed è a causa di ciò, che a periodi cosmici, interviene direttamente la pura essenza solare, che si incarna nella materia!

La situazione caotica, nella quale viviamo oggi, rappresenta sicuramente la fase finale, di una lotta fratricida!

Anzi di una lotta che, gli “dei“ usurpatori del pianeta, hanno deciso di riproporre in forma moderna; ma con ben poche differenze, rispetto alle guerre ai tempi di Zeus, Yahve o Enki ed Enlil, per fare dei nomi del passato storico-leggendario.

La perfidia e le falsità di un sistema sanitario mondiale, che volendo continuare la quarantena,  parla di virus che volano nell’aria, impaurendo le persone, anzi facendo in modo che, respirando la loro CO2 ed i loro virus e batteri intestnali, si ammalino di più, la dice lunga con chi abbiamo a che fare!

In ogni caso, alla faccia di questi insani personaggi, il ciclo cosmico che è iniziato a partire dal 2012, sta accelerando e durante quest’anno subirà la massima espansione eterica, come ben dimostra l’attività solare! Starà a noi, esseri umani, decidere quale strada vogliamo percorrere: quella della paura e dello schiavismo che ci ricondurrà ad eventi tragici di più grande dimensione, o quella della rinascita etereo-solare!

Il libero arbitrio ci è stato donato

“A maggior forza e a miglior natura liberi soggiacete; e quella crea

la mente in voi, che il ciel non ha in sua cura.

Però, se il mondo presente disvia, in voi è la cagione, in voi si cheggia;
e io te ne sarò or vera spia.

OVVERO

Voi siete soggetti, liberi, a una forza maggiore e a una natura migliore (Dio); e quella crea in voi l’intelletto, che il cielo non ha in suo potere.

Perciò, se il mondo attuale pecca, la ragione è in voi e a voi deve essere attribuita; e io ora te ne darò una dimostrazione.

Purgatorio canto XVI

Aggiungo io: Il Sole è la vita La paura e l’oscurità sono la morte. Riappropriatevi della vostra fiammella DIVINA …adesso, subito, istantaneamente e senza indugi!

12

Esultate, dunque, o cieli,
e voi che abitate in essi.
Ma guai a voi, terra e mare,
perché il diavolo è precipitato sopra di voi
pieno di grande furore,
sapendo che gli resta poco tempo”.

Poco tempo…poco tempo…avete capito?! Sta a voi, ad ognuno di voi. Fiducia e temperanza Mi raccomando !!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

La prospettiva femminile sull’amore nell’antica Mesopotamia

Lascia un commento

 

Il “Piacere di Burney”, che si crede rappresenti o Ishtar, la dea mesopotamica dell’amore e della guerra, o sua sorella maggiore Ereshkigal, regina degli Inferi (aprox. Sec. 19 o 18 AC) BabelStone

 

Nell’antica Mesopotamia il sesso tra gli dèi scosse il Cielo e la terra

 

di Louise Pryke 

22 Aprile 2018 

dal Sito Web TheConversation 

traduzione di Nicoletta Marino 

Versione originale in inglese  

La sessualità era fondamentale nella vita dell’antica Mesopotamia, un’area delll’antico Vicino Oriente che si descrive come la culla della civiltà occidentale e che oggi caorrisponde aprrimativamente a:

  • Irak
  • Kuwait
  • Parti della Siria
  • Iran
  • Turchia

Non era solo così per gli uomini normali ma anche per i re e le divinità.

Le divinità mesopotamiche hanno molte esperienze come gli esseri umani: si sposano con loro, procreano e condividono le case e i doveri famigliari.

Eppure quando l’unione d’amore non continuava, le conseguenze erano terribili sia in cielo che n terra.

Gli studiosi hanno osservato le similitudini tra il “sistema di matrimonio” divino che si trova nelle antiche opere letterarie e il corteggiamento storico degli esseri mortali anche se è difficile distinguere i due più famosi nei cosiddetti “matrimoni sacri” che videro i re mesopotamici sposarsi con divinità

 

IL Sesso divino

Gli dei, essendo immortali e in genere appartenenti a uno status superiore a quello umano, non avevano relazioni sessuali in senso stretto, eppure gli aspetti pratici del tema sembrano aver frenato poco il loro entusiasmo.

Le relazioni sessuali tra le divinità mesopotamiche furono di ispirazione per una ricca varietà di narrativa.

 

Esse comprendono miti sumeri come Enlil e Ninlil e Enki e Ninhursag, dove essi vedeva che le complicate interazioni sessuali tra divinità sono intrise di astuzia, inganni e travestimenti.

 

La dea Ishtar come raffigurata nei Miti e nelle leggende di Babilonia e Assiria, 1916, di Lewis Spence. Wikimedia

In tutti i miti, una divinità maschile adotta un travestimento e poi cerca un approccio sessuale verso la divinità femminile o di evitare la ricerca del suo amante.

Nel primo caso, la dea Ninlil segue il suo amante Enlil fino negli Inferi e cerca dei favori sessuali per ottenere informazioni sul luogo di Enlil.

Usare una falsa identità in questi miti si usa per lasciare intendere le aspettative sociali per il sesso e la fedeltà.

 

Il tradimento sessuale potrebbe significare la fatalità non solo per gli amanti errantima per tutta la società. Quando la Regina degli Inferi, Ereshkigal, è abbandonata dal suo amante Nergal, lei minaccia di far resuscitare i morti a meno che non gli sia restituito, allusione al suo diritto alla sazietà sessuale.

La divinità Ishtar fa la stessa minaccia visto il rifiuto romantico del re di Uruk nell’Epopea di Gilgamesh.

 

E’ interessante osservare che sia Ishtar sia Ereshkigal, che sono sorelle, utilizzano una delle minacce più potenti a loro disposizione per affrontare i temi del cuore.

 

Le trame di questi miti mettono in risalto il potenziale che ha l’inganno per creare l’alienazione tra gli amanti durante il corteggiamento.

 

L’andamento poco soave del corso dell’amore in questi miti e il loro complicato uso di immagini letterarie, ha fatto sì che si realizzino paragoni accademici con le opere di Shakespeare.

 

Amore per la poesia

 

Gli antichi autori della poesia d’amore sumeri, che rappresentano le gesta delle coppie divine, mostrano una grande quantità di conoscenze pratiche sulle fasi dell’eccitamento sessuale femminile.

 

Alcuni eruditi pensano che questo tipo di poesia può aver avuto storicamente un proposito educativo:

 

insegnare il coito a giovani amanti senza esperienza dell’antica Mesopotamia.

 

Si è anche pensato che i testi avevano intenti religiosi o possibilmente di potenza magica.

Vari testi scrivono sul corteggiamento di una coppia divina Inanna (l’equivalente semita di Ishtar) e del suo amante, la divinità pastore Dumuzi.

La vicinanza degli amanti si vede attraverso una sofisticata combinazione di immagini di poesia e sensualità…

 

La riproduzione di un antico sigillo a cilindro sumero mostra Dumuzid mentre è torturato negli Inferi dai demoni  Museo Britannico

In uno dei poemi, gli elementi dell’eccitazione dell’amante femmina sono catalogati, dall’aumento della lubrificazione della sua vulva fino al “tremito” del suo climax.

Il compagno maschio si vede mentre si diletta della forma fisica della sua compagna e le parla amabilmente. La prospettiva femminile sull’amore si enfatizza nei testi con la descrizione delle fantasie erotiche della dea.

Queste fantasie sono parte dei preparativi della dea per la sua unione e forse contribuiranno alla sua soddisfazione sessuale.

 

I genitali femminili e maschili si potrebbero celebrare in poesia, la presenza del vello pubico scuro nella vulva dela dea è descritto poeticamente con un simbolismo dato da uno stormo di uccelli su un campo ben irrigato” o una porta stretta circondata da lapislazzuli dal nero lucente.

 

La rappresentazione dei genitali può anche aver avuto una funzione religiosa:

 

Gli inventari dei templi hanno rivelato modelli votivi di triangoli pubici, alcuni in argilla altri in bronzo.

 

Sono state trovate delle offerte votive con la forma di una vulva nella città di Assur di prima del 1000 a.C. 

 

Una Dea felice, un regno felice

 

Il sesso divino non era il dominio esclusivo degli dei ma poteva comprendere il re umano.

Pochi temi della Mesopotamia hanno catturato tanto l’immaginazione come il concetto del matrimonio sacro. In questa tradizione, lo storico re mesopotamico si sarebbe sposato con la dea dell’amore Ishtar.

 

Esiste una prova letteraria di tali matrimoni nella Mesopotamia molto antica, prima del 2300 a.C. e il concetto continuò in periodi molto più tardivi.

La relazione tra i re storici e le divinità mesopotamiche fu considerata cruciale per la continuazione positiva dell’ordine terrestre e cosmico.

 

Per il monarca mesopotamico, quindi, per realizzare la relazione sessuale con la dea dell’amore probabilmente ci volle una certa quantità di vigore.

 

 

 Nell’antica Mesopotamia, la vulva di una dea poteva paragonarsi con uno stormo di uccelli. Shutterstock.com

Alcuni eruditi hanno detto che questi matrimoni implicano una espressione fisica tra il re e un’altra persona (come una sacerdotessa) che incarna la dea.

L’opinione generale adesso è che se ci fosse stata una forma fisica per un rituale sacro per il matrimonio, sarebbe stato a livello simbolico invece che carnale, con il re che condivideva forse il suo letto con una statua della dea.

Le immagini agricole si usavano per descrivere l’unione della dea con il re. Il miele, per esempio è descritto come dolce come la bocca e la vulva della dea.

Una canzone d’amore della città di Ur del 2100-2000 a.C è dedicata a Shu-Sin, al re e Ishtar:

 

Nell’alcova inzuppata di miele, lasciaci godere più volte del tuo incanto, o dolce. Signore permettimi di farti le cose più dolci. Mio prezioso dolce lascia che ti porti del miele.

 

Il sesso in questa poesia d’amore è descritta come un’attività piacevole che migliora i sentimenti amorosi intimi.

Si considerava che questa sensazione di maggior vicinanza avrebbe portato allegria al cuore della dea, il che portava buona fortuna e abbondanza a tutta la comunità, forse dimostrando una versione mesopotamica antica del proverbio “sposa felice, vita felice“.

 

La presentazione diversa del sesso divino crea qualcosa di misterioso sulle cause dell’enfasi culturale della copulazione cosmica.

 

Sebbene la presentazione del sesso e del matrimonio divino nell’antica Mesopotamia probabilmente servì a molti propositi, alcuni elementi delle relazioni intime tra gli dei mostrano una certa vicinanza alle unioni umane.

Sebbene la disonestà tra gli amanti potrebbe portare all’alienazione, le interazioni sessuali positive portarono numerosi benefici inclusa una maggiore intimità e una felicità duratura.

 

Il marchio di Caino

Lascia un commento

 enlil 001

 

Dèi e altri antenati

 

Non sapremo mai il nome, ammesso che ne abbia avuto uno, dell’ominide di cui Ti.it fu usato da Ninmah nella miscela genetica per creare il lavoratore degli dèi: a causa dei vari tentativi fu infatti utilizzato più di un ominide.

Ma, grazie a ulteriori scoperte su tavolette cuneiformi, sappiamo di chi era l’essenza divina o la lingua di sangue usata in quel processo.

Ha importanza? Forse non molta, tenuto conto dei vari altri antenati genealogici e genetici che l’uomo terrestre ha avuto nel corso del tempo.

Ma se certi geni non muoiono mai, allora la questione è interessante, almeno dal punto di vista dal cosa sarebbe successo se, dato che la storia del genere umano, fin dagli inizi biblici, non è una odissea a lieto fine.

E’ un racconto più straziante di quelli di che Shakespeare od Omero abbiano mai potuto concepire: una creatura mirabile, “l’Adamo”, viene realmente creata per essere uno schiavo; messo in un rigoglioso Eden, il suo soggiorno viene interrotto per aver disobbedito a dio.

Reso in grado di procreare, Adamo è condannato a sbarcare il lunario lavorando la terra arrida, mentre Eva è destinata a partorire nel dolore. Mettono al mondo due figli, e sulla terra ci sono così quattro esseri umani; poi caino (un raccoglitore), geloso di Abele (un pastore), uccide suo fratello, riducendo il genere umano a tre individui…

Schiavitù, disobbedienza, fratricidio: fanno parte del nostro corredo genetico perché abbiamo ereditato in massima parte il DNA del regno animale terrestre o perché la linea di sangue selezionata dagli Anunnaki, i “geni alieni”, era quella di un giovane ribelle che aveva incitato i suoi compagni a uccidere Enlil?

Mentre in alcuni testi, compresi i riferienti alla creazione dell’uomo nell’Epica della Creazione, il dio il cui sangue fu usato venne giustiziato per essere stato il capo dei ribelli, altre versioni dell’Atra –Hasis spiegano che la scelta fu dovuta al fatto che il dio aveva il Te’ema giusto, tradotto con “essenza vitale” o “personalità” 8dal punto di vista genetico).

Dove non sono andati perduti del tutto, i segni cuneiformi che indicano il suo nome venivano letti Wéila (in accadico); nuove scoperte di tavolette effettuate a Sippar negli anni ’90 da archeologi iracheni lo chiamavano Alla in accadico e Nagar in sumero, un nome-epiteto che significa “artigiano del metallo”, specificatamente del rame.

Questo potrebbe suggerire una scelta deliberata (piuttosto che una semplice punizione), in considerazione del fatto anche il Nachash serpente/conoscitore di segreti nel racconto bibblico del giardino dell’eden deriva dalla stessa radice verbale in cui deriva Nechoshet, che in ebraico significa rame.

Il fatto che Nagar (e la sua sposa Allatum) siano elencati tra le divinità di Enki nelle varie liste di dèi rafforza il suo ruolo di capo nella insurrezione contro Enil.

Gli studiosi biblici concordano che l’episodio di Caino e Abele rientri nel conflitto interminabile e universale fra agricoltori e pastori per il controllo di terra e acqua.

Tali conflitti sono descritti nei testi sumeri come parte della storia dei primordi dell’umanità, un tema trattato in un testo chiamato dagli studiosi il mito del bestiame e del grano, in cui Enlil, è la divinità dell’Anshan (grano e agricoltura) ed Enki il dio del Lahar (gregge e pastorizia), ruoli portati avanti dal figlio di Enlil Ninurta, che (come raffigurato sul sigillo cilindrico VA-243, vedi figura) diede l’aratro agli uomini, e dal figlio di Enki Dumuzi, che era un pastore.

Come in altri esempi, la Bibbia ha fuso le due divinità (Enlil ed Enki) in un solo “Jahwe”  che accetta gli agnelli offertigli dal pastore (Abele), ma ignora le offerte dei “frutti della terra” fattegli dall’agricoltore (Caino).

Proseguendo il racconto di caino e Abele, la Bibbia dedica il resto del capitolo 4 della Genesi a caino e ai suoi discendenti. Timoroso di essere ucciso per il suo peccato, Caino riceve da Dio un “segno” protettivo visibile (il “marchio di Caino tanto amato dai predicatori della domenica) che durerà per “sette” generazioni.

(Se era trasmissibile di generazione in generazione, dev’essere stato un marcatore genetico).

Come nel racconto del Diluvio lo stesso “Jahweh”, che ce l’aveva con il genere umano ha cercato di eliminarlo ha poi fatto in modo di salvarlo attraverso Noè, anche qui “Jahweh”, dopo aver ignorato, condannato e punito Caino gli concede protezione e salvezza.

Ancora una volta vediamo che la Bibbia  unisce le azioni di Enki a quelle di Enlil attribuendole a un’unica divinità chiamata Jahweh.

Come viene risposto alla domanda di Mosè (Esodo 3,14), il nome significa “io sono colui che sono, un Dio universale che un volta agisce attraverso/come Enlil e un’altra attraverso/come Enki, o a volte mediante altre entità (dèi) che fungono da suoi emissari.

Continua nella “seconda parte” QUI – la “prima parte” che avete già letto) è solo riportata.

Articolo correlato:

CAINO