Home

Homo capensis: una specie che vive nascosta tra l’umanità?

Lascia un commento

La regina Nefertiti, teschi allungati e mitra del Papa © MRU

byN. Hale

Homo capensis: presunto ominide con un cervello grande e un QI di 180. Avrebbe mantenuto un’egemonia mondiale sin dai tempi antichi.

Ricercatori come il dottor Edward Spencer hanno esposto prove archeologiche di questi ominidi con teschi allungati provenienti da tutto il mondo, prove di 50,000 anni fa in Sud Africa e persino persone come Akhenaton, il faraone egiziano. Molti credono di vivere ancora nascosti tra noi (in Vaticano), che gestiscono la politica mondiale e che potrebbero essere ibridi alieni-umani.

Homo capensis: le sue caratteristiche e il suo complotto

Un importante informatore che ha cercato di smascherarli è Karen Hudes, ex consigliere della Banca Mondiale. Sulla base della sua esperienza e delle sue ricerche, queste “creature non umane” hanno controllato il mondo fin dai tempi antichi. Secondo il dottor Spencer, l’alta cabala è composta da banchieri e società dell’Homo capensis.

Edward Spencer ha concluso che questi esseri con il cranio allungato sono concentrati in Vaticano (!), Dominando il potere della Chiesa cattolica, il centro dello stato degli Illuminati. La religione e l’attività bancaria avrebbero dominato … Il denaro sarebbe stato la più grande invenzione della schiavitù per l’umanità. Tra le sue caratteristiche principali ci sono:

  • Teschi allungati, con maggior volume e cervelli più grandi
  • QI più alto (180 in media)
  • Non hanno creatività o empatia, ma sono legati alla matematica, alla numerologia, alla finanza
  • Sangue a base di rame
  • Lignaggio Rh-negativo (sangue blu)
  • Hanno una base europea in Svizzera (con il 48% di discendenza faraonica)
  • Emotivamente negativi, sono infelici e si uccidono a vicenda
  • Sono schiavisti
  • Adepti di rituali religiosi e sacrifici umani
  • “Schiavi delle dimensioni inferiori”

I cospirazionisti affermano di controllare la NATO, il mercato finanziario e i media. Sono strategicamente posizionati al potere (le famiglie reali avrebbero il fattore del sangue Rh-negativo). Si sono infiltrati in noi, rubando la nostra conoscenza e manipolando l’umanità. Mettono in scena bufale, guerre ed eventi false flag.

Testimonianze storiche e archeologiche

Un libro importante per Spencer è Maps of the Ancient Sea Kings di Charles Hapgood, che rivela che una misteriosa civiltà sconosciuta aveva mappato l’intero pianeta durante l’ultima era glaciale. Quella civiltà sarebbe l’Homo capensis.

Teschi allungati di Paracas © Wikimedia Commons

Ci sono molte prove archeologiche di esseri umani con teschi allungati, in paesi come Sud Africa, Malta, Perù e Russia. Un esempio molto significativo è quello dei crani di Paracas in Perù, che avevano una genetica diversa, un volume cranico più grande del 25% e un peso maggiore del 60% rispetto ai normali teschi umani.

Altri esempi: il Tempio dell’Ipogeo a Malta (dove sono stati trovati anche questi teschi anomali) e in Sud Africa, dove è stato scoperto Boskop Man, datato più di 10,000 anni fa e il suo cranio era il 30% più vecchio di quello umano.

Inoltre, il faraone d’Egitto Akhenaton è stato strettamente associato a Mosè (potrebbero essere la stessa persona). Akhenaton e sua moglie Nefertiti appaiono sempre con teschi allungati nell’arte egizia. Allo stesso modo, Mosè avrebbe avuto un teschio più grande di un normale e avrebbe indossato un copricapo o un cappello simile alla mitra dei vescovi cattolici di oggi.

Il calendario di Adam in Sud Africa

Il calendario di Adam © andrewcollins.com

Un’altra scoperta cruciale è in Sud Africa con il Calendario di Adamo, il più antico calendario megalitico mai scoperto, risalente a più di 50,000 anni fa. Questa struttura ha i suoi blocchi di pietra che formano le mappe degli equinozi e della costellazione di Orione. Nelle vicinanze si trova una piramide lunga quasi la stessa lunghezza della Grande Piramide di Giza, in Egitto.

Nella zona ci sono anche immense costruzioni, come campi agricoli e migliaia di strutture simili a silos… Queste strutture sono state ignorate dall’archeologia accademica. Si pensa che siano stati progettati dall’Homo capensis (costruito con la mano schiava dell’Homo sapiens).

Anunnaki-ibridi alieni umani?

Statua di Akhenaton dal tempio di Aton a Karnak

Secondo varie indagini, come quella di Corey Goode, l’Homo capensis sarebbe ibridi alieni-umani creati da Enki, un antico alieno rettiliano Anunnaki con sangue blu a base di rame. Nella Bibbia sarebbero gli stessi nefilim, descritti anche come ibridi.

Karen Hudes ha parlato molto con il dottor Spencer di questa seconda specie. Crede che il cosiddetto “Papa grigio”, Pepe Orsini, sia l’intermediario in Vaticano tra le autorità cattoliche e l’Homo capensis. Pepe Orsini sarebbe il re dei lignaggi papali del Sacro Romano Impero, che è al di sopra dei Rothschild e dei Rockefeller nella piramide del potere, ma accanto a Breakspear, Aldobrandini e altre linee papali.

Questo tema della cospirazione ha un senso, basato su tutto ciò che abbiamo visto riguardo alla mafia del potere mondiale e alle prove di esseri non umani nella nostra storia. Sì, potrebbe essere correlato alla narrativa dell’élite oscura (chiamata Illuminati) e possiamo anche notare quel collegamento con il Vaticano. Inoltre, tutti quei teschi allungati trovati nel mondo sono una prova molto forte dell’Homo capensis.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in spagnolo il Codigoculto.com

Pubblicato sul sito web: https://mysteriesrunsolved.com/

**********************************************************

Articolo correlato: Le banche sono state in mano agli oscuri Homocapensis una stirpe dal cranio allungato

®wld

La chiusura di Internet emerge come arma di scelta autoritaria

Lascia un commento

Pubblicato da: Issie Lapowsky tramite protocollo

Quando Internet si oscura, anche una serie di servizi che dipendono da esso, come banche, società di servizi, aziende, strutture mediche, social media, chiamate telefoniche VOIP e servizi di notizie. Senza Internet, interi settori della società possono essere resi inoperanti e alla mercé del loro governo. Editor TN

Nell’ultimo decennio, i governi di tutto il mondo hanno intenzionalmente chiuso Internet almeno 850 volte, con un enorme 90% di tali arresti che si sono verificati negli ultimi cinque anni.

Cosa c’è dietro questa preoccupante tendenza? “Sempre più persone si collegano e ottengono l’accesso a Internet”, ha affermato Marianne Díaz Hernández, avvocato in Venezuela e membro dell’organizzazione no-profit Access Now. “Poiché i governi vedono questo come una minaccia, iniziano a pensare che Internet sia qualcosa che devono controllare”.

Queste statistiche sbalorditive provengono da un nuovo rapporto pubblicato mercoledì da Access Now e Jigsaw, una divisione di Alphabet che si concentra sull’affrontare le minacce sociali con la tecnologia. Il rapporto documenta la storia delle chiusure di Internet nell’ultimo decennio, le chiusure dei pedaggi economici sui paesi che le impongono e ciò che i governi e la più ampia comunità imprenditoriale e della società civile possono fare per fermare quella che è diventata rapidamente una diffusa e grave violazione dei diritti umani .

Felicia Anthonio guida la campagna #KeepItOn di Access Now, che documenta gli arresti di Internet dal 2016. “Gli arresti di Internet non garantiscono la stabilità né risolvono le crisi che si stanno verificando”, ha affermato Anthonio. “In realtà sta mettendo in pericolo la vita delle persone”.

Il rapporto, pubblicato nella pubblicazione di Jigsaw The Current, fa risalire la recente ondata di chiusure di Internet alla chiusura di cinque giorni in Egitto nel 2011. Sebbene i dati esatti su ogni arresto che sia mai avvenuto siano inesistenti e i blackout su piccola scala si fossero verificati prima, gli autori scrivono, “mai prima d’ora c’era un intero paese, uno in cui più di un quarto della popolazione era connesso a Internet, si è semplicemente separato dal web aperto”.

La chiusura dell’Egitto ha suscitato la condanna di alcuni paesi occidentali, scrivono gli autori, ma da allora il numero dei blackout di Internet è solo aumentato. Questi sono spesso programmati per le elezioni nei paesi di tutto il mondo, che costano miliardi di dollari alle economie di quei paesi. Una stima citata nello studio ha suggerito che il Myanmar, che ha avuto una stringa di arresti anomali gravi, potrebbe aver perso di conseguenza il 2.5% del suo PIL. Si tratta di “metà del danno causato dalla Grande Recessione negli Stati Uniti in meno di un terzo del tempo”, scrivono gli autori.

Questo per non parlare dell’impatto degli arresti sugli individui, alcuni dei quali hanno condiviso le loro storie con Access Now per il rapporto. Una donna ugandese ha raccontato la storia di come è andata in città per usare il bancomat solo per scoprire che non funzionava e nemmeno nient’altro era connesso a Internet. “Tutto era giù e tutti sembravano confusi su ciò che stava accadendo e bloccati come me”, ha scritto la donna.

Una persona in Etiopia ha descritto l’interruzione avvenuta dopo un attacco del governo al Tigray, dicendo che non ha avuto modo di contattare suo padre, che è in cattive condizioni di salute. “Di recente qualcuno è passato da Addis Abeba e mi ha detto che stavano bene, ma non posso esserne sicuro. Non ho ancora sentito la sua voce”, ha scritto la persona.

L’arresto egiziano del 2011 e altri da allora hanno attirato l’attenzione sul ruolo svolto dai fornitori di servizi Internet in paesi in cui ne esistono pochissimi. “Nei mercati altamente sviluppati come gli Stati Uniti, dove ci sono migliaia di ISP, la vastità del mercato fornisce un certo grado di protezione. Ma in molti paesi, come in Egitto nel 2011, il web può essere bloccato con poche telefonate”, scrivono gli autori.

Access Now chiede agli ISP di quei paesi di resistere alle pressioni del governo per bloccare o limitare l’accesso a Internet e per segnalare le richieste che ricevono. Le aziende globali come Facebook e Google, nel frattempo, hanno un ruolo da svolgere nel tracciare le interruzioni di Internet e determinare se fossero intenzionali, ha affermato Anthonio.

“Forse Facebook viene bloccato o le piattaforme Google vengono chiuse in queste aree. Riesci a scoprire cosa sta succedendo a terra? Quel contesto è sempre importante”, ha detto. “Puoi vedere un calo del traffico, ma una volta che hai il contesto come, OK, ci sono imminenti elezioni, c’è un conflitto in corso – quindi siamo in grado di vedere se questo è un tentativo intenzionale da parte delle autorità di mantenere il resto del mondo al buio o se questo è un problema tecnico.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/chiusura-di-Internet-che-emerge-come-arma-autoritaria-preferita/

***************************************************

Ti potrebbe interessare: Non c’è tempo da perdere – lo sapevate che …

®wld

La misteriosa borsetta degli dei

Lascia un commento

Share: FacebookTwitterPinterest

La misteriosa “Borsa degli dei” – Raffigurata in Sumer, America e Göbekli Tepe

di: Ancient Code Team
dal sito web: AncientCode

Com’è possibile che raffigurazioni millenarie degli Anunnaki mostrino gli dei che trasportano una borsa misteriosa, e dall’altra parte del mondo troviamo la stessa cosa raffigurata dalle antiche civiltà mesoamericane ?

Raffigurata dalle antiche rappresentazioni sumere degli Anunnaki, la misteriosa “borsetta” degli dei è vista in diverse culture in America e in Göbekli Tepe.

Coincidenza…?

Prove convincenti – trovate negli ultimi due decenni – hanno dimostrato che l’ umanità è una specie con amnesia

Le innumerevoli scoperte fatte in tutto il mondo ci hanno costretti a mettere in discussione tutto ciò che riguarda l’origine dell’umanità, le culture antiche e la storia in generale.

Lentamente e pezzo per pezzo, abbiamo esplorato e raccolto piccoli pezzi di un ENORME puzzle che ci hanno guidato nella giusta direzione durante la ricerca di risposte che gli studiosi tradizionali non sono stati in grado di rispondere completamente.

Come puoi spiegare le innumerevoli somiglianze tra le civiltà che abitavano la Terra migliaia di anni fa, separate da decine di migliaia di chilometri?

Perché quasi tutte le antiche culture sulla Terra hanno deciso di costruire piramidi ?

E perché così tante piramidi sono stranamente simili?

È come se quasi tutte le civiltà antiche seguissero lo stesso modello.

È come se in qualche modo le culture antiche fossero interconnesse migliaia di anni fa.

Uno degli enigmi più interessanti e sbalorditivi può essere fatto risalire all’antica Mesopotamia – comunemente indicata come la culla della civiltà – dove un motivo misterioso ha spinto molti autori a mettere in discussione la storia come ci è stato insegnato.

Gli antichi Sumeri raffiguravano gli Antichi Anunnaki con oggetti curiosi.

Due degli oggetti più interessanti visti nelle antiche divinità sumere erano l ‘ ” orologio da polso ” visto su quasi tutte le raffigurazioni e la misteriosa ” borsa ” portata dagli dei.

Curiosamente, se percorriamo migliaia di chilometri in tutto il mondo dalla Mesopotamia alle Americhe, scopriremo che gli antichi Maya, gli Aztechi e altre antiche civiltà utilizzavano lo stesso motivo quando descrivevano le loro divinità.

Inoltre, se viaggiamo in Egitto, vedremo che il simbolo Ankh era anche portato in giro dagli dei proprio come la borsa misteriosa nell’antica Mesopotamia e nelle Americhe.

Perché antiche civiltà in America, Egitto e antica Mesopotamia raffiguravano le loro divinità che portavano in mano un oggetto misterioso ?

È possibile che tutte le antiche culture in America, Egitto e Mesopotamia siano state visitate dagli stessi “Dei”?

È interessante notare che gli Antichi Anunnaki erano quasi sempre rappresentati in una forma umanoide, anche se numerosi tratti indicano chiare differenze tra gli Anunnaki e gli umani ordinari, i lineamenti del viso degli Antichi Dei Anunnaki erano sempre ben nascosti grazie alle grandi barbe.

Proprio come gli antichi Sumeri raffiguravano le loro divinità in una forma umanoide, gli antichi egizi e le diverse culture delle Americhe facevano la stessa cosa.

La domanda ovvia qui è,

Perché…?

Perché le culture antiche – separate a migliaia di chilometri l’una dall’altra – rappresentavano le loro divinità in un modo quasi identico?

Inoltre, com’è possibile che gli antichi Sumeri raffigurassero i loro dei che trasportavano una borsa misteriosa e che le persone dall’altra parte del mondo facessero la stessa cosa?

Nel sito archeologico di La Venta, troveremo una stele di pietra raffigurante l’antico dio mesoamericano Quetzalcoatl, che curiosamente tiene in mano la stessa “Borsa” che vediamo nelle antiche raffigurazioni sumere.

Ma questo non è l’unico sito in Messico in cui è stata trovata la curiosa rappresentazione.

Se viaggiamo a Tula – un importante centro regionale che raggiunse il suo apice come capitale dell’Impero Tolteco tra la caduta di Teotihuacan e l’ascesa di Tenochtitlan – troveremo le loro massicce statue “atlantidee”, e se osserviamo da vicino, lo vedremo notare che ancora una volta è presente la misteriosa borsetta.

Rovine del tempio tolteco a Tula, in Messico Credito: Pinterest

Se viaggiamo a Göbekli Tepe, situato su una remota collina nel sud della Turchia, troveremo la stessa COSA. Göbekli Tepe è uno dei templi megalitici più antichi (se non “il più antico”) del nostro pianeta.

Lì, intricati massicci pilastri di pietra disposti in una serie di anelli si ergono alti e orgogliosi raccontando una storia millenaria quando diverse civiltà governavano il pianeta.

Le pietre enormi si credeva di essere stato scolpito da neolitici cacciatori-raccoglitori circa 12.000 anni fa, anche se le recenti prove indicano verso il fatto che Gobekli Tepe è stato infatti costruito da una società molto più avanzato di quanto i ricercatori sono disposti ad accettare ..

Il misterioso tempio, che consiste di tre enormi cerchi di pietre è stato deliberatamente sepolto per una ragione sconosciuta in un lontano passato.

Dopo 13 anni di scavi, gli archeologi che indagavano sull’antico sito non sono riusciti a recuperare un solo strumento per il taglio della pietra.

Nessuno è stato in grado di capire come l’umanità antica, che si credeva incapace di tali feste, abbia eretto alcune delle più grandi opere in pietra del pianeta.

La presenza della misteriosa borsa, portata dagli dei, indica che queste due culture si sono collegate in modo misterioso?

Perché le culture antiche rappresentavano i loro dei che portavano la misteriosa borsetta?

Cosa c’era dentro?

E, cosa più importante, com’è possibile che la misteriosa borsetta sia presente in diverse civiltà in tutto il mondo, che secondo gli studiosi tradizionali non sono mai state collegate?

E se gli Antichi Anunnaki – rappresentati dagli Antichi Sumeri – e gli Dei che hanno visitato le antiche civiltà Maya, Azteca, Tolteca e Olmeca fossero in realtà la STESSA …?

Cosa pensi che questa borsa misteriosa debba rappresentare?

Pensi che sia solo una coincidenza che questi tre siti – e ce ne sono altri – siano tutti uguali?

Cosa poteva essere stato portato dagli “Dei” di così importante che quasi tutte le culture antiche dovevano illustrarlo

video

Pubblicato sul sito web: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Davanti agli occhi – oltre il mistero delle costruzioni antiche

Lascia un commento

 

 

Gli strumenti usati per costruire antichi monumenti potrebbero esserci stati davanti agli occhi da sempre   

di HAF

 

Uno dei motivi principali per cui oggi restiamo affascinati dalle strutture antiche è il mistero di quanto spesso le pietre massicce venissero tagliate e montate insieme con una precisione inspiegabile.

Usando i tuoi occhi, un chiaro difetto nella narrativa tradizionale diventa palesemente evidente.

Le spiegazioni tradizionali suggeriscono che strumenti ordinari e primitivi combinati con straordinarie imprese dello sforzo umano hanno reso tutto possibile.

Non c’è una buona spiegazione del perché le tecniche di costruzione e i progetti condividano così tante somiglianze in tutto il pianeta quando emerge il quadro generale.  

 

Oltre al mistero della costruzione, c’è un altro anello mancante: cosa è successo agli strumenti? Inoltre, perché non vediamo le informazioni registrate che spiegano questi sorprendenti metodi di costruzione?

Questi metodi erano intenzionalmente tenuti segreti o le risposte ci hanno sempre guardato in faccia?

È la ragione per cui non abbiamo trovato prove evidenti di strumenti perché uno di questi è il suono e le vibrazioni effimere? E, è un’altra ragione perché abbiamo frainteso gli strumenti utilizzati?

Le “Pietre veliche d’Egitto”

Un antico racconto di un antico storico e geografo arabo suggerisce che gli egiziani usassero il suono per trasportare enormi blocchi di pietra. Conosciuto come Erodoto degli Arabi, registrò una leggenda secolare nel 947 d.C.

Secondo Mysterious Universe, la leggenda dice così:

“Quando costruirono le piramidi, i loro creatori posizionarono con cura ciò che era descritto come magico papiro sotto i bordi delle possenti pietre che dovevano essere usate nel processo di costruzione.

“Poi, uno ad uno, le pietre furono colpite da ciò che era curiosamente, e piuttosto enigmaticamente, descritto solo come un’asta di metallo.

“Ecco, le pietre iniziarono lentamente ad alzarsi in aria e – come soldati diligenti che seguono indubbiamente gli ordini – procedettero in modo lento, metodico, a file singole un numero di piedi sopra un sentiero lastricato circondato da entrambi i lati da simili, aste di metallo misteriose.”

 

 

Lo scettro di Was

 

Abbiamo visto tutti divinità egiziane come Anubi, in piedi con una strana asta in mano come nella foto sopra.

Tuttavia, non molte persone sanno cos’è quell’oggetto. Si chiama Was-sceptre, un bastone con una base a forcella e sormontato da una testa a punta a forma di canino stilizzato o di un altro animale.

L’asta è sottile e perfettamente diritta e associata ad altri oggetti misteriosi come l’Ankh e il Djed. Erano semplicemente simbolici o avrebbero potuto essere strumenti di qualche tipo?

Ankh, Djed & Was di Kyera Giannini (CC BY 2.0)

  Djed di Mark Cartwright (CC-BY-NC-SA)

 

Secondo l’Enciclopedia della storia antica, questi oggetti sono simboli che rappresentano il potere e il dominio reali.

“I tre simboli più importanti, che spesso appaiono in tutti i modi di opere d’arte egiziane, dagli amuleti all’architettura, erano l’ankh, il djed e lo scettro.

“Questi sono stati spesso combinati in iscrizioni e spesso compaiono su sarcofagi insieme in un gruppo o separatamente. Nel caso di ciascuno di questi, la forma rappresenta l’eterno valore del concetto: l’ankh rappresentava la vita; la stabilità djed; era il potere.”

In alcune raffigurazioni, gli scettri Was sono visti sostenere il tetto di un santuario mentre Horus guarda.Allo stesso modo, il Djed è visto su architravi del tempio che sembrano reggere il cielo nel complesso di Djoser a Saqqara.

Un video di Ancient Architects esplora questa idea, mostrando esempi di diapason usati dagli egiziani.

Il narratore Matthew Sibson dal Regno Unito solleva alcune idee affascinanti su come gli egiziani potrebbero aver usato oggetti come lo scettro di Was e le forchette di sintonia per tagliare le pietre più dure usando il potere del suono e delle vibrazioni. (vedi video sotto)

Una statua di diapason è raffigurata su una statua di Iside e Anubi, ognuna con in mano un’asta. Tra le divinità, una scultura mostra due diapason che sembrano essere collegati da fili.

Sotto le forche, un oggetto arrotondato con quattro punte è centrato e appare quasi come una freccia rivolta verso l’alto.

Nel video, Sibson fa apparire un’e-mail interessante ma non verificata sul sito Web KeelyNet.com dal 1997. L’e-mail suggerisce che gli egittologi hanno trovato antiche forcelle in sintonia e potrebbero averle etichettate come “anomale” quando non potevano immaginare quale fosse il loro scopo.

“Alcuni anni fa un amico americano ha scelto la serratura di una porta che conduceva ad un magazzino del museo egiziano di circa 8 piedi x dieci piedi. All’interno ha trovato “centinaia” di ciò che ha descritto come “diapason”.

Queste dimensioni variavano da circa 8 pollici a circa 8 o 9 piedi di lunghezza complessiva e assomigliavano a catapulte, ma con un filo teso teso tra i denti della “forcella”. Insiste, per inciso, sul fatto che questi non erano sicuramente non ferrosi, ma “acciaio”.

Questi oggetti assomigliavano a una lettera “U” con una maniglia (un po’ come un forcone) e, quando il filo veniva strappato, vibravano per un periodo prolungato.

Mi viene in mente di chiedermi se questi dispositivi avrebbero potuto avere degli utensili temprati fissati sul fondo delle loro maniglie e se avrebbero potuto essere usati per tagliare o incidere la pietra, una volta che fossero stati messi in vibrazione.

Sebbene l’e-mail sia solo una prova aneddotica, sembra confermare il geroglifico di diapason sulla statua di Iside e Anubi, con filo teso tra i denti.

Successivamente, vediamo un sigillo Sumerian Cylinder molto più vecchio che mostra una figura che regge quello che sembra essere un diapason. Come vedi di più, sembra che gli antichi sapessero molto di più sugli effetti del suono e delle vibrazioni di quanto attualmente comprendiamo.

Oggi stiamo imparando nuovi modi di guardare alle strutture antiche. L’archeoacustica sta rivelando come il suono abbia giocato un ruolo vitale nella costruzione di siti in tutto il mondo.

Nel frattempo, lo studio dei cimatici rivela come le vibrazioni alterano la geometria della materia in modi intricati e inspiegabili.

Inoltre, i misteri della meccanica quantistica si stanno svelando quando troviamo nuove particelle e utilizziamo algoritmi di intelligenza artificiale per scoprire come funziona la materia stessa.

Potremmo finalmente raggiungere la fase in cui inizieremo a capire esattamente come gli antichi popoli del mondo hanno creato enormi monumenti in tutto il mondo? 

Riferimento: Ancient-code.com

Fonte: https://humansarefree.com/

®wld

Dèi di un Nuovo Ordine Mondiale

Lascia un commento

 41V1qLS4ywL._BO1,204,203,200_

  

Sollevando il Velo

 

Dove sono andati gli dèi, e quali le implicazioni per il futuro? Sono interrogativi che ci portano inevitabilmente a una rivalutazione della storia del mondo, soprattutto per ciò che concerne il periodo che va dal 2000 al 200 a.C.

Un arco di tempo, questo, che iniziò dopo la distruzione nucleare di Sodoma, Gomorra e della base spaziale del Sinai e in cui troviamo personaggi biblici quali Isacco, Giacobbe, Giuseppe e Mosè.

Un periodo a proposito del quale i resoconti scritti abbondano ma scarseggiano le documentazioni archeologiche. Altri periodi presentano il fenomeno inverso: buone documentazioni archeologiche, scarsi resoconti scritti.

Un velo di oscurità discende su un’epoca di grande disordine e di guerre: quando terminò, la gran parte delle città del mondo antico erano state rase al suolo.

Prima del 200 a.C. i Sumeri registravano tutto, anche le cose qutidiane più secondarie. Ma nel periodo 2000-200 a.C. le conache divengono scarse, e ancor meno sono quelle giunte fino a noi.

L’archeologia, pertanto, diventa il principale strumento di conoscenza, ma è uno strumento spuntato che consiste in gran lavoro e in molto a tirar a indovinare e che dunque è assai lontano dall’essere una scienza esatta.

La conseguenza è che possediamo una comprensione molto limitata degli eventi di questo che è un periodo chiave della storia umana.

Pur non essendo uno storico ufficialmente riconosciuto come tale, ho potuto rapidamente rendermi conto che per questo particolare periodo non esistono esperti. Anzi, si finisce con il pensare che gli Imperi siano sorti e poi crollati senza motivo apparente, i misteriosi Hyksos conquistarono l’Egitto, un altrettanto “popolo del mare” comparve dal nulla per mettere a ferro e fuoco il vicino Oriente e civiltà progredite sorsero come dal nulla nel Nuovo Mondo delle

Americhe.

Mentre tentavo di sbirciare sotto il velo della storia per osservare la presenza incessante (o meno) degli dèi, ho potuto appurare che molti inspiegabili avvenimenti storici cominciavano ad avere una logica.

Senza verne l’intenzione stavo mettendo alla prova il nuovo paradigma che sta alla base di questo libro, e i risultati sono positivi a dir poco.

Il mio obiettivo principale era comunque di effettuare delle ricerche sulle attività mdegli dèi, una bella sfida. Come si fa a individuare la presenza degli dèi in un’epoca così tanto caotica?

Sorprendentemente, gli indizzi da seguire erano molti. Per esempio, il nome di un re o di un faraone assai spesso segnala la sua alleanza con un particolare dio. E in modo analogo un’opera artistica raffigura molto spesso la figura di un dio, vuoi nelle sembianze di un serpente o di un toro o anche una dea dal seno nudo. Infine, si sono rivelate utili molte iscrizioni che richiamavano direttamente i nomi di determinati dèi in determinate nazioni.

Procedendo in questo modo è stato possibile costruire un panorama politico generale degli avvenimenti nel mondo. Ma come appurare la presenza fisica di questi dèi? Come essere certo che i sovrani non si stavano rivolgendo a degli dèi assenti?

Il primo indicatore attendibile era costituito da interventi di tipo tecnologico. A volte si trovavano descritti nei testi, per esempio l’Arca dell’Alleanza nella Bibbia. Altre volte risultavano riscontrabili in forma fisica, per esempio nel caso delle Piramidi che ancora oggi esistono a Teotihuacan.

Il secondo indicatore è stato anch’esso fisico: l’intensità delle distruzioni di antiche città. Un’intensità che si evidenzia agli occhi degli archeologi ogni volta che scavano, ma com’è possibile che così tante città abbiano potuto essere rase al suolo soltanto con il fuoco, le spade, gli archi e le frecce?

Il problema maggiore che mi son trovato ad affrontare nel redigere il presente capitolo è stato quello della cronologia. In seguito alla pubblicazione del libro A Test of Time (1995) di David Rohl enormi punti di doanda si sono sollevati sulla cronologia convenzionale dei faraoni egiziani. Inltre, la nuova cronologia di Rohl ha messo in allarme anche altri settori, specie a motivo della datazione del regno del babilonese Hammurabi che viene posticipato di due secoli.

Personalmente trovo la nuova cronologia di Rohl piuttosto convincente e ho quindi deciso di adottarla lingo tutto questo capitolo, indicandola, là dove sia il caso, con le iniziali NC. Comunque, mentre tutti questi temi restano oggetto di dibattito, è buona regola esercitare una certa prudenza.

Torniamo all’inizio

Prima di avviarci alla ricerca della presenza o meno degli dèi dopo il 200 a.C., è bene ripassare brevemente il contesto storico sinora affiorato, prestando particolare attenzione alle origini tribali e alle alleaze dell’uomo.

La nstra rassegna ha inizio con il Diluvio, quando dell’Arca di Noè emersero tre figliazioni umane. Le tribù di pelle scura con Cam per capistipite si diressero verso i territori africani a sud, le tribù di sem si stabilirono nel Levante e nei monti circostanti la Mesopotamia, mentre le tribù di Iafet andarono a nord, all’altopiano dell’Anatolia (la moderna Turchia) e altre ancora.

Ci fu però un’importante eccezione. Prima della guerra degli dèi(c. 8700 a.C.) Caanan un figlio di cam, aveva occupato illegalmente il Libano. Sebbene fosse poi stato concesso alla sua tribù di rimanerci, la Bibbia ci dice che vennero condannati a svolgere mcompiti servili.

Tra i’11000 e il 4000 a.C. l’uomo disponeva del medesimo potenziale di intelligenza di oggi, ma in genere conduceva un’esistenza nomade.

La popolazione crebbe dovunque nel mondo. Poi, dal 3800 a.C. in poi, una serie di sviluppi portano all’avvento di una nuova èlite di uomini civilizzati.

Questa fase iniziò nelle città di Sumer ricostruite negli stessi luoghi in cui erano sorte prima del diluvio. Ciò avvenne in coincidenza del pianeta Nibiru e la visita reale di Anu.

In quello stesso periodo il dio Ishkur avviò una nuova fase della costruzione di Tiahanaco volta alla produzione del bronzo.

Tratto dalle mie letture “Il Mistero della Genesi delleAntiche Civiltà

di: Alan F. Alford

Capitolo 15 P: 391-392-393

®wld

Older Entries