Home

La caduta di tutte le etiche

Lascia un commento

Chi è partito per le ferie non ha ben compreso il dramma a cui andiamo incontro questo inverno

di: dammilamanotidounamano

Passi che ognuno spende i suoi soldi come crede, ma far finta di niente mentre tutto aumenta a cominciare dalla distribuzione di energia, che sta già mettendo a dura prova piccole imprese e col culo per terra Aziende molto più grandi, per non capire poi che, quando chi gestisce una attività commerciale e questa diventa ingestibile, per non fallire definitivamente mettono in svendita la loro attività, Aziende che non tremano essendo da tempo in mano a Banche, fanno i loro affari comprando quelle in difficoltà. In pratica fanno come la famosa squadra che compra giocatori, non perché gli servono, ma per impedire che altre squadre possano rafforzarsi e vincere il campionato. Ora vediamo di non commentare queste ultime righe con l’impeto di difendere la squadra del cuore, ma vedere il tutto come una metafora che anticipa quanto poi sarà dato a noi vedere, e c’è da scommetterci che per molti sarà traumatico il futuro prossimo.

Non lasciatevi ingannare dalla narrativa dominante che in questo mondo siamo in troppi, siamo in troppi a voler vivere in prossimità di altri! Vi sono città che raggiungono cifre ragguardevoli come abitanti, ma se se ne esce e ti guardi intorno, oltre all’immenso agglomerato urbano dove vivi poi per chilometri e chilometri non c’è niente di niente, tanto che si può morire per la mancanza di uno studio medico al quale ci si può rivolgere per farsi inoculare un siero antivipera o avere una pillola per il mal di testa e questo può accadere nella nostra piccola Italia, cosi come in Nazioni ampiamente più grandi della nostra.

Pensate alle immense savane senza vita umana in Africa, fatto? Ora immaginate le immense steppe della Russia o come si può constatare chilometri e chilometri da attraversare senza incontrare mai nessuno nella stessa America. Possiamo benissimo affermare che più che l’umanità sia dispersa nel mondo, sono le “comodità” a cui l’uomo moderno sembra non sappia rinunciare ad essere il perno su cui gira la ruota e non a caso, solo parti dell’intero mondo diventano il punto d’incontro tra domanda e richiesta, lasciando cosi disabitato gran parte del pianeta. Ah, non è che io sia un prediletto per vedere ‘ste cose, basta che apri gli occhi e azioni il cervello e potrai fare anche tu le stesse constatazioni. Chi ha come obiettivo ingannare, si aspetta che l’interlocutore non sappia e anche qui sempre non a caso, è la “conoscenza” che vi renderà liberi non certo l’ignoranza!

Sicuramente avrete visto il video del gelataio di Carpi, il quale mostra con riprova della sua denuncia con la bolletta dell’energia dello scorso anno, la scelleratezza che si è visto consegnare con la bolletta odierna, mettendo in evidenza il pagamento del KWh della precedente di 0,09, mentre l’attuale prevede un 0,53 che fa una differenza allucinante.

Questi aumenti non sono che la somma dell’ignavia di tutti noi, nel regno Unito per esempio, la gente indignata non vuole pagare più le bollette per l’energia. Considerate che nonostante tutto questo è niente! Verificate ora quel che si prospetta per settembre e forse comprenderete il reale significato del titolo del post odierno, e, per chi non lo ha capito a fondo probabilmente lo capirà quando i vecchietti che hanno resistito al coviddi, probabilmente loro malgrado saranno questo inverno i protagonisti delle cronache, visto che in molti non potendo pagare l’energia già cara negli anni passati per i loro portafogli, quest’anno si troveranno a dover scegliere se morire di fame con le appena 480 euro al mese o pagare l’energia per scaldare casa questo inverno.

Stessa cosa si troverà ad affrontare il resto della cittadinanza italiana, ovvero quella che ha un reddito di 1000 euro al mese con una famiglia a carico, come pensate che farà per arrivare a fine mese? Fate attenzione, gli antichi che la sapevano lunga… asserivano che “morte tua vita mea” e quando ad esserci di mezzo è la vita, anche al più onesto degli uomini cadono tutte le etiche con le quali ha potuto vivere finora in dignità, ristretta, ma che per quanto sia, si tratta di quella “dignità” che la povertà non può garantire.

Perdio svegliatevi prima che sia troppo tardi, l’ENI a cui pagate indirettamente la bolletta, ha fatto nel primo semestre 2022 il 700% in più di utili e non li dividerà certo con voi! Chiudo con un consiglio brutale, anche se direttamente o indirettamente a me non piace esserlo: se siete tra quelli che per Natale piace il salmone a tavola, compratelo e congelatelo ora in quanto a dicembre non è detto che lo troviate sui scaffali, cosi come a chi piace per Capodanno bere bicchieri su bicchieri di Champagne, c’è il serio rischio che questa usanza sia rivissuta solo in lontani ricordi di un tempo che non c’è più.

Fonte: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

®wld

Addio Italia: se siamo all’apartheid, la democrazia è finita

Lascia un commento

Immagine: Fonte

E’ semplice: basta cedere su un punto cruciale (la verità) e la rovina sarà garantita. La verità omessa è questa: il #Covid è curabilissimo, da casa. La menzogna: il “#vaccino” (che #vaccino non è) resta l’unica soluzione. Falso: la terapia genica sperimentale introdotta nel 2021, che mai sarebbe stata autorizzata se si fosse ammessa l’esistenza delle normali terapie, non solo non riduce affatto i contagi, che di per sé oltretutto non significano nulla; il “non-#vaccino” è anche la corda con cui impiccare quel che resta della democrazia italiana. Addio giustizia, diritti, libertà, privacy. Addio economia, addio socialità. Addio cinema e teatro, addio bar e ristoranti. Addio Italia. Imperdonabile, la scelta di Mario Draghi: puntare tutto solo sul “non-#vaccino”, trascurando in modo sciagurato le terapie. L’associazione medica “Ippocrate” ha appena presentato il suo bilancio, dopo 60.000 pazienti #Covid curati e guariti da casa: nessun ricovero, nessuna vittima. Lo scandalo: l’Italia non ha ancora adottato un protocollo come quello di “Ippocrate”.

Man

Il ministero della sanità è addirittura intervenuto, in sede giudiziaria, per bloccare l’adozione delle cure precoci: quelle che azzerano il rischio di ospedalizzazione, facendo crollare i numeri su cui si basa l’emergenza sanitaria che tiene in ostaggio l’Occidente. La vergogna: Tachipirina e “vigile attesa” (dell’aggravamento) rappresentano ancora l’autostrada per l’inferno che l’esecutivo tiene aperta. Scandalo nello scandalo: Roberto Speranza è tuttora ministro della sanità. E personaggi come Franco Brusaferro (alla guida del catastrofico Comitato Tecnico-Scientifico, oltre che dell’Istituto Superiore di Sanità) hanno fatto a gara per nasconderla, la verità, con colleghi del calibro dei pomposi virologi televisivi, o di “esperti” come Nino Cartabellotta, che regge la fondazione Gimbe (narrata come indipendente, ma che in realtà si finanzia lavorando per le Big Pharma). Il clan italico dell’epoca Conte-Arcuri è ancora determinante, a quanto pare, se ha la forza di imporre l’apartheid sanitario anche sotto il regno di sua santità Mario Draghi, che non ha voluto (o potuto) emarginare la menzogna. L’ha lasciata al potere, con la facoltà di rovinare la vita a milioni di italiani, spalancando prospettive da incubo. Giorgia Meloni parla di fine della democrazia, mentre il timidissimo Salvini si limita a giudicare irrealistica l’estensione universale del Green Pass per via della carenza di dosi “#vaccinali”. L’ex grillino Pino Cabras mette a fuoco lucidamente la questione: se il “#vaccino” non limita affatto i contagi, che senso ha imporlo come condizione per sedersi al ristorante?

Mask-scuola

Sentire persone che ancora si ostinano a ragionare onestamente fa quasi tenerezza: se avessimo la macchina del tempo, sarebbe come vedere qualcuno che tenta di convincere le SS, spiegando loro che gli ebrei non sono colpevoli di niente. Trascurando – per pietà – qualsiasi osservazione sugli imbarazzanti “#vaccini genici”, c’è da friggere di rabbia di fronte allo spettacolo di un governo che, si dice, aveva il compito di risollevare il paese dopo la micidiale cura-Conte, imposta dai peggiori poteri oscuri legati all’oligarchia reazionaria mondiale. Bastava che Draghi – oltre a fornire le dosi “#vaccinali” per i più sprovveduti, in preda al panico – avesse avuto cura di disporre, parallelamente, un adeguato protocollo sanitario nazionale per la terapia domiciliare dell’influenza 2019, con tutte le sue ovvie “varianti”. Non solo non l’ha fatto, ma ora obbliga gli italiani a subire un regime di apartheid: in nome di una farmacologia solo sperimentale, in base a cui imporre una sorta di Tso, inflitto in primis agli stessi medici, in barba alla Costituzione.

Dog

Tecnicamente, ha ragione Meloni: se così stanno le cose, allora la democrazia è proprio finita. Addio, Italia. Ormai non ha più senso neppure continuare ad affannarsi a scrivere sui blog: chi doveva capire, ha capito. Ad aprire gli occhi ai dormienti, probabilmente, provvederà la spietata durezza dei giorni che verranno, per la gioia del potere mondiale che ha programmato la più clamorosa campagna terroristica della storia, sulla base di una epidemia influenzale dalla letalità pressoché irrisoria. Basta curarli in tempi ragionevoli – dicono i medici di “Ippocrate” – e persino i novantenni evitano di essere ricoverati. La verità è questa, ma il governo la calpesta: la sotterra, insieme alla dignità e alla libertà dei cittadini, peraltro in gran parte ridotti a zombie, alcuni rimbecilliti al punto da circolare ancora per strada con il volto coperto da uno straccetto completamente inutile, oltre che dannoso per la salute. Ora siamo all’ultimo atto, l’apartheid: non è il caso, davvero, di spendere altre parole.

E’ finita: si è arrivati esattamente dove si temeva si potesse giungere. Di fronte a questo, impallidisce ogni altro argomento di attualità, politica o economia: non vale la pena affrontarlo, perché è oscurato dall’emergenza democratica che sbriciola i diritti umani. Un sentito grazie, intanto, a chi ha ostinatamente, ottusamente rifiutato di riconoscere la cinica premeditazione degli eventi. E un grazie ancora più grande va a tutte le pecore che, con la loro zelante sottomissione, hanno permesso al lupo di sbranare anche chi pecora non è. Merito loro, se la democrazia si spegne: nessuna dittatura potrebbe mai prevalere, se non potesse contare su milioni di servi, pronti persino a denunciare il vicino di casa. Quello è il bivio, definitivo, in cui due umanità distinte si separano: per sempre.

Fonte: https://www.libreidee.org/2021/07/addio-italia-se-siamo-allapartheid-la-democrazia-e-finita/

®wld 

Great Reset: Il sacerdozio del tecno-totalitarismo

Lascia un commento

La rivoluzione di Davos e la ricostruzione della civiltà

Pubblicato da: Carl Teichrib e xx tramite Forcing Change

Carl Teichrib ci accompagna all’interno del meeting del 2021 del World Economic Forum con il Great Reset. Il sacerdozio del tecno-totalitarismo sta guidando la trasformazione globale in un’esistenza ultraterrena priva di scelte umane e dignità. ⁃ TN Editor

Il Grande Ripristino penzola davanti a noi: una partnership globale pubblico-privato che segue il percorso mistico dei sentimenti sociali, la sacra scrittura della politica del consenso e gli auto-consacrati profeti della finanza internazionale … tutti vegliati dai sacerdoti della tecnologia digitale. È il sistema operativo della New Age collettiva, una rivoluzione algoritmico-tecnocratica – massima efficienza per un’armonia gestita – e, naturalmente, è tutto per il “bene superiore”.

“Una crisi è un evento produttivo.” – Guy Parmelin, Presidente della Confederazione Svizzera.

Dagli anni ‘1970, la comunità sciistica di Davos, in Svizzera, è stata spesso un luogo di ritrovo per le élite globali durante il mese di gennaio. Ospitata dal World Economic Forum, un’organizzazione a cui è stato concesso uno status speciale dal governo svizzero, la conferenza di Davos riunisce una serie di power-broker selezionati; governatori di banche centrali, finanzieri internazionali, capi di stato, leader delle Nazioni Unite, amministratori delegati delle più grandi società e personalità dei media ben piazzate. Essere un “uomo di Davos” in genere significa che hai abbracciato una prospettiva internazionale e hai la capacità di influenzare i cambiamenti a lungo termine nella cultura politica ed economica. Fai parte di un club d’élite con il compito auto-consacrato di orientamento cambiamento globale.

A causa delle complicazioni di Covid, la riunione annuale del WEF di quest’anno è stata posticipata e da allora è stata riprogrammata con la speranza di riunirsi a Singapore alla fine di agosto. Tuttavia, l’ultima settimana di gennaio 2021 è stata ancora testimone di un evento significativo del WEF; una conferenza virtuale intitolata Agenda di Davos, che potrebbe essere monitorato dal vivo da chiunque sia disposto a prendersi il tempo.

Qual è stato il fulcro di questo incontro online? Il grande ripristino.

Prima di andare oltre, è importante notare che questo articolo graffia solo la superficie di ciò che è accaduto. E come potrebbe fare altro che? Il Agenda di Davos è durato cinque giorni, ciascuno della durata di 10-12 ore e con la maggior parte delle fasce orarie in cui si tenevano dibattiti multipli e simultanei. Per darvi un’idea del programma, il primo giorno – lunedì 25 gennaio – ha avuto un totale di 29 sessioni individuali. Era un sovraccarico di informazioni.

Va anche detto che non tutti quelli che hanno partecipato ufficialmente erano sulla stessa pagina del Forum economico mondiale. Ad esempio, Benjamin Netanyahu ha tenuto un discorso delineando come ha risolto intenzionalmente la burocrazia per garantire le vaccinazioni Covid, assicurandosi che la sua nazione avesse le forniture di cui aveva bisogno. Il suo approccio non si adattava al consenso del WEF sulla “solidarietà del vaccino”, per agire a livello globale di fronte ai propri interessi nazionali – dopotutto, come ha spiegato un altro oratore, “il vaccino deve essere un bene pubblico”. La frase “nazionalismo vaccinale” è stata usata per tutta la settimana, un termine dispregiativo per coloro che cercavano obiettivi di salute nazionale al di sopra della collaborazione globale.

Un altro esempio è stato il ministro degli Esteri brasiliano, Ernesto Araujo, che ha pubblicamente incoraggiato gli Stati Uniti a mantenere la rotta come “superpotenza della libertà”. Araujo ha continuato dicendo che il Brasile desiderava un’economia aperta basata sulla libertà, osservando che ciò avrebbe sfidato l’emergere globale di un crescente “tecno-totalitarismo”.

“Non sono un grande fan del concetto di Great Reset”, ha dichiarato Araujo, spiegando che mentre in generale sosteneva idee come lo sviluppo sostenibile, c’era un problema. Al Great Reset mancavano “libertà e democrazia”.

La maggior parte degli altri, tuttavia, erano a bordo o in altro modo giocavano al gioco.

Il presidente della Cina, Xi Jinping – introdotto da Klaus Schwab, fondatore del WEF – ha sottolineato l’azione collaborativa; dobbiamo creare un modello economico nuovo e globale, dobbiamo “abbandonare i pregiudizi ideologici e seguire insieme un percorso di pacifica convivenza” e dobbiamo portare “prosperità per tutti”. Un “futuro condiviso per l’umanità”, ha spiegato, è necessario. Ciò includerebbe il rafforzamento della governance economica globale, l’impegno a rispettare il sistema di diritto mondiale delle Nazioni Unite e il sostegno all’Organizzazione mondiale della sanità mentre costruisce “una comunità globale di salute per tutti”. Ma chi aprirà la strada?

Il resto del suo discorso si è concentrato su come la Cina, in quanto “paese socialista moderno”, sta aprendo la strada, compresa l’iniziativa Belt and Road e la promozione di un “nuovo tipo di relazioni internazionali”. Il suo discorso si è concluso con parole di solidarietà,

“C’è solo una Terra e un futuro condiviso per l’umanità. Mentre affrontiamo la crisi attuale e ci sforziamo di rendere una giornata migliore per tutti, dobbiamo essere uniti e lavorare insieme. Ci è stato dimostrato più volte che mendicare il tuo vicino, andare da solo e scivolare in un isolamento arrogante fallirà sempre. Uniamoci tutti per mano e lasciamo che il multilateralismo illumini la nostra strada verso una comunità con un futuro condiviso per l’umanità”.

Klaus ha risposto ringraziando Xi Jinping per “un discorso così importante, che in questo movimento cruciale della storia, ci fornisce un quadro veramente completo per plasmare il futuro”.

La Cina è stata spesso applaudita durante il Agenda di Davos, ammirato per il suo balzo in avanti digitale. Ma c’erano alcune preoccupazioni, anche se inquadrate in una visione del mondo globalista.

Ad esempio, poche ore dopo che il leader cinese ha parlato, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha sottolineato la crescente spaccatura tra Cina e Stati Uniti, rilevando che entrambi i paesi stavano dividendo il mondo con le loro agende separate. Quello che era necessario, ha detto, era “un’economia globale con rispetto universale per il diritto internazionale”.

Un’altra performance da star è stata di Ursula von der Leyen, il presidente della Commissione europea. Ci sono voluti solo pochi minuti prima che schiaffeggiasse l’ex amministrazione Trump, dicendo: “la democrazia stessa potrebbe essere stata danneggiata in modo permanente negli ultimi quattro anni”. E come altri durante la settimana, ha collegato Covid al cambiamento climatico. Ursula era chiara; “Dobbiamo imparare da questa crisi. Dobbiamo cambiare il modo in cui viviamo e facciamo affari “.

Il suo discorso ha indicato il Green New Deal europeo, la spinta dell’UE per la neutralità del carbonio entro il 2050 e il modo in cui le società private dovranno affrontare una maggiore diligenza normativa. Per quanto riguarda la governance digitale, poiché è fondamentale che le piattaforme online frenino le fake news mentre affermano la democrazia, Ursula ha chiesto agli Stati Uniti di aderire all’UE e, insieme, creare un regolamento digitale mondiale “basato sui nostri valori”.

Tutto quanto sopra – come la prima collaborazione pandemica tra l’UE, il WEF e la Fondazione Gates – rappresenta il modo in cui “l’Europa è determinata a contribuire a questo bene comune globale”. Alla fine del suo discorso preparato, ha affermato a Schwab che saranno necessarie nuove alleanze: “Questo è ciò per cui lavoreremo – e so di poter contare su te e sul Forum economico mondiale per aiutarci a costruirlo”.

Schwab era entusiasta, dicendo in seguito che questo discorso rappresentava il significato pratico del Grande Reset. Ha parafrasato un take-away; ciò di cui abbiamo bisogno è un “sistema di governance sociale basato sui valori” connesso tramite un web digitale.

Con il ripristino in mente, il Agenda di Davos incentrato su sette argomenti interconnessi: “Come salvare il pianeta”, “Economie più giuste”, “Tecnologia per il bene”, “Società e futuro del lavoro”, “Affari migliori”, “Futuri sani” e “Oltre la geopolitica”. Una montagna di spunti di discussione è emersa da questi temi avvolgenti. Tuttavia, ne evidenzieremo solo alcuni:

1. Covid: Parlando della pandemia, Li Xin della Caixin Media con sede in Cina, ci ha detto che questa “crisi non dovrebbe essere sprecata”. Nemmeno lo era. Ci è stato costantemente ricordato che Covid ha rivelato la nostra interdipendenza mentre indicava il problema del nazionalismo. I vecchi valori e convenzioni non funzionano più; la catena di approvvigionamento globale deve essere digitalizzata, l’Organizzazione mondiale della sanità deve essere responsabilizzata, abbiamo bisogno di un sistema sanitario universale, ci deve essere un programma centralizzato per mettere in comune i dati sanitari nazionali e la ripresa economica dovrebbe essere legata ai criteri di vaccinazione.

“Avrai bisogno del vaccino anno dopo anno, anno dopo anno”, ci è stato detto.

2. Clima: Se Covid era la nostra crisi esistenziale, il clima è la nostra emergenza planetaria. E per affrontare questa presunta sfida planetaria, il mondo deve perseguire una significativa riduzione delle emissioni di carbonio, fino allo zero netto entro il 2050 al più tardi. Ciò richiede niente di meno che una revisione completa della produzione di energia, del settore dei trasporti, di tutta l’industria e in particolare dell’agricoltura e del nostro comportamento personale.

Lo zero netto non è un esercizio astratto. La Nuova Zelanda e il Regno Unito hanno già approvato una legislazione che li vincola allo zero netto entro il 2050 e proposte simili sono sul tavolo in Canada, Corea del Sud e Unione europea. Inoltre, il Gruppo dei Trenta – un organo consultivo di alto livello composto dalle figure più influenti nel settore delle banche centrali e dei finanziamenti internazionali, molte delle quali con collegamenti WEF – sta spingendo per lo zero netto attraverso lo spettro dell’attività economica globale. [1] Negli Stati Uniti, solo pochi giorni dopo Davos, le Accademie Nazionali hanno pubblicato il loro rapporto sulla decarbonizzazione – “un progetto tecnico e un manuale politico” – creando così una tabella di marcia per lo zero netto entro la metà del secolo. [2] E sì, ci sono collegamenti di lavoro tra le Accademie e il WEF.

Quindi non è stata una sorpresa che il 27 gennaio, il terzo giorno del Agenda di Davos – John Kerry, inviato speciale per il clima del presidente Biden, ha ricordato al pubblico del WEF come il suo governo stia “rendendo il clima centrale per la pianificazione della politica estera e la preparazione alla sicurezza nazionale”. Kerry ha spiegato che “un futuro a zero emissioni” porterà nuove opportunità per una crescita verde: “Per usare le parole del presidente, per ‘ricostruire meglio’ dalla crisi economica globale”.

Kerry ha ribadito che il clima è responsabilità di tutti: “Il mondo intero deve venire a questo tavolo per risolvere il problema”.

3. Giustizia sociale: Un mondo inclusivo per tutti era il mantra – a meno che, ovviamente, non siate d’accordo con il consenso globale. Tuttavia, i temi della giustizia sociale sono direttamente collegati alla struttura del Grande Reset. Dalle questioni razziali alle rivendicazioni di genere, la giustizia sociale lascia il segno. Tuttavia, è necessario prendere in considerazione una serie di altri giudici, come l’eco-giustizia, la giustizia climatica e la giustizia dei vaccini. Ciascuna di queste questioni di giustizia era collegata, in una certa misura, alla struttura di Reset che si stava sviluppando.

Nel pannello sulla creazione di un nuovo contratto sociale, giustizia economica era davanti e al centro. Deve entrare in gioco un Fondo di protezione sociale globale, abbinando la riduzione del debito internazionale a un’economia sociale universale di “salari viventi e comunità viventi”. Nello stesso pannello, James Quincey, CEO di Coca-Cola, ha descritto come la sua azienda si sta occupando della giustizia sociale modellando un ecosistema economico interno, razziale / sociale. Inoltre, le società leader del settore devono influenzare le aziende più piccole a seguire l’esempio, in particolare quelle nelle loro catene di approvvigionamento. Interi settori devono riallineare i loro modelli economici alle priorità della giustizia sociale, e questa è l’essenza dello Stakeholder Capitalism.

4. Capitalismo degli stakeholder: A differenza del capitalismo degli azionisti modellato dai proprietari delle società e dalle forze di mercato dirette, capitalismo delle parti interessate adotta un approccio sociale. Dall’inizio degli anni ‘1970, Schwab è stato un sostenitore del modello degli stakeholder. Allora era principalmente orientato a incorporare gli interessi del lavoro, dei sindacati e del governo nel processo decisionale aziendale. Oggi, Schwab sta spingendo in modo aggressivo una visione più grandiosa: il capitalismo al servizio del pianeta sostenendo le cause sociali.

In un articolo del WEF pubblicato pochi giorni prima del Agenda di Davos, Schwab ha scritto,

  “Il pianeta è quindi il centro del sistema economico globale e la sua salute dovrebbe essere ottimizzata nelle decisioni prese da tutti gli altri stakeholder.

   La stessa interconnessione può essere osservata per le persone che vivono sul pianeta … spetta a tutti noi come cittadini globali ottimizzare il benessere di tutti”.

In altre parole, il capitalismo si piega alle richieste di gruppi di interesse speciale e “governo verde”. Imprese, industrie e settori, comprese le istituzioni finanziarie, devono modificare i loro modelli di business per apprezzare e accelerare queste nuove norme globali.

Come verrà accertato?

Nel settembre 2020, il WEF ha pubblicato il suo Libro bianco, Misurare il capitale degli stakeholderm, che prevedeva uno standard comune per la “creazione di valore sostenibile”. [3] Ciò che è emerso è stato un insieme di principi e parametri di riferimento che si fondono attorno a tre titoli: ambientale, sociale e governance (ESG). Nel complesso, il quadro ESG deve combaciare con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Per dirla in un acronimo, il processo ESG è il meccanismo del WEF per raggiungere gli SDG.

La difesa dell’ESG sono quattro pilastri: governance, pianeta, persone e prosperità. A supportare queste quattro categorie ci sono 21 metriche principali, insieme a 34 metriche estese per consentire un audit più approfondito, perché questo è essenzialmente ciò che sta accadendo, un audit per garantire la conformità e la cooperazione. Pertanto, ogni metrica funge da nodo di informazioni in un processo di revisione dettagliato e, utilizzando questo strumento, le imprese e le istituzioni possono misurare il proprio scopo e comportamento, tenendo conto delle questioni ambientali e delle aspettative sociali.

Il consiglio ha una rappresentanza di genere e minoranza? Ha preso in considerazione il rischio climatico e quali politiche interne sono state implementate per raggiungere lo zero netto? Quanta terra possiede l’azienda e qual è il suo rapporto con le aree chiave della biodiversità? Salario, età e categorie di occupazione di genere, supporto sanitario, contratti collettivi, consumo di acqua, investimenti nella comunità e livelli di tassazione; l’elenco è lungo e comprende dettagli finanziari, consumo di energia, relazioni con la catena di approvvigionamento, smaltimento dei rifiuti, attività di lobbying, etica sociale e indicatori di diversità e così via.

La traiettoria della corporate governance, quindi, non sarà più “business as usual”. La governance, piuttosto, dovrà sollecitare e incorporare il contributo delle parti interessate che approvano, inclusi gruppi di interesse speciale, sindacati e associazioni di lavoratori, dipartimenti governativi e agenzie internazionali. In altre parole, il capitalismo degli stakeholder è un planetario partenariato pubblico-privato che fa perno sulla licenza sociale.

Dopo che il processo ESG sarà completo e soddisfacente, la tua “azienda orientata allo scopo” sarà certificata all’interno di un ecosistema globale di regolatori e associazioni di settore. Questo stato sarà la chiave per sbloccare fondi di investimento, prezzi assicurativi favorevoli e riconoscimento positivo da parte dei consumatori. Senza raggiungere i benchmark ESG, tuttavia, la tua azienda potrebbe essere tagliata fuori da licenze, fonti di finanziamento, catene di approvvigionamento, contratti governativi o accesso al mercato. Attualmente, l’ESG esiste come criterio di screening utilizzato da alcuni investitori, ma l’agenda del WEF si estende in un ambito più ampio e permanente.

Finché la tua attività rispetta la narrativa globale, la tua azienda può fare soldi. Chi non gioca a palla verrà espulso dal gioco.

Benvenuto nella “cultura dell’annullamento aziendale”.

5. Digitalizzazione: Niente di meno che un impegno totale e globale sarà sufficiente se vogliamo salvare il pianeta, o almeno così recita la narrativa. Pertanto, abbiamo bisogno di nuovi potenti strumenti per gestire la nostra strada da percorrere. La digitalizzazione diventa il legame che lega e i dati la linfa vitale della nostra nuova era tecnocratica.

In questa visione non troppo futuristica, le informazioni raccolte dalle nostre scelte di vita verranno aggregate, analizzate e utilizzate per modificare i comportamenti per risultati planetari. Uno di Davos i temi erano “Città intelligenti”, sottolineando che le zone urbane sono ricchi ecosistemi di informazioni. Ecco una possibilità emergente: nelle nostre “città intelligenti”, i sensori stradali parleranno con le auto intelligenti e le app di pagamento riceveranno una notifica del tuo movimento, deducendo automaticamente le tasse sul carbonio o i crediti di viaggio dal tuo account. Non è certo inverosimile.

La traiettoria complessiva è una più profonda integrazione con l’intelligenza artificiale, le valute digitali della banca centrale, le reti di dati sanitari universali, le catene di approvvigionamento intelligenti e una maggiore automazione. Imprese ancora più grandi sono davanti a noi: attraverso le tecnologie blockchain, tutto ciò che può essere catalogato ha il potenziale per diventare un asset assegnato numericamente. Pertanto, il ciclo di vita di qualsiasi cosa può essere teoricamente tracciato, dalla risorsa grezza al produttore al punto di consumo. Anche tu puoi diventare un numero nell’era dell ‘”armonia gestita”.

Ciò che non è armonioso, tuttavia, è il pensiero e il comportamento contrari, qualsiasi cosa non allineata con le narrazioni globali approvate. Valori conservatori, determinazione nazionale e nozioni tradizionali di sovranità, diritti personali legati alla proprietà privata: se tali concetti e credenze sono antitetici al Grande Reset, allora fanno parte del grande problema.

L’ultimo giorno, il senatore americano Gillibrand ha chiesto la responsabilità per quanto riguarda i mezzi di informazione di destra. Inoltre, ha sottolineato la necessità di una supervisione delle piattaforme di social media, ritenendoli responsabili del fatto che i messaggi di destra proliferino. Ha poi affermato queste posizioni facendo appello alla sua fede; che abbiamo bisogno di amarci l’un l’altro.

Per i cristiani conservatori, l’idea del Great Reset colpisce qualcosa di più profondo dei punti di discussione. La vera domanda diventa quella della salvezza. Chi alla fine salva il mondo? Gesù Cristo è il nostro messia o l’umanità collettiva si riscatta salvando il pianeta? Sembra che siamo a un bivio di Romani 1, di fronte alla questione dell’adorazione e del servizio della creazione, o il Creatore.

E così, il Reset penzola davanti a noi: una partnership globale pubblico-privato che segue il percorso mistico dei sentimenti sociali, la sacra scrittura della politica del consenso e i profeti della finanza internazionale … tutti sorvegliati e guidati dai sacerdoti della tecnologia . È il sistema operativo della New Age collettiva, una rivoluzione algoritmico-tecnocratica – massima efficienza per un’armonia gestita – e, naturalmente, è tutto per il “bene superiore”.

Forse vale la pena considerare le preoccupazioni espresse dal ministro degli Esteri brasiliano – i pericoli incombenti di un crescente tecno-totalitarismo.

Leggi la storia completa qui …

®wld