Home

Chi erano gli Anunnaki? Gli antichi dei della Mesopotamia

Lascia un commento

by Ancient Code Team

Si ritiene che gli Anunnaki siano i creatori dell’Uomo. Questi potenti Dei hanno lasciato la Terra in un lontano passato, dicendo che un giorno torneranno sulla Terra. Curiosamente, se osserviamo le antiche culture in tutto il mondo, la maggior parte dei loro dei, dei creatori, hanno lasciato la Terra e hanno promesso di tornare un giorno.

Secondo alcuni ricercatori e autori, gli Anunnaki dovrebbero tornare sulla Terra per “sistemare ciò che avevano fatto di sbagliato” in modo da accelerare un risveglio spirituale e l’evoluzione della coscienza umana.

Gli Anunnaki potrebbero tornare sulla Terra, secondo una recente intervista con Stan Deyo che ha affermato che la NASA e il Pentagono credono che gli Annunaki torneranno con l’arrivo del pianeta Nibiru.

Ma … Nibiru, gli Anunnaki e tutta quella roba non sono inesistenti?

Nella mitologia sumera, gli Anunnaki erano un gruppo di divinità e dee buone e cattive che vennero sulla Terra e alla fine crearono la razza umana.

L’esistenza degli antichi Anunnaki, una civiltà extraterrestre giunta sulla Terra in un lontano passato, è stata a lungo contestata dai ricercatori, ma la loro esistenza e il loro arrivo sul pianeta Terra sono ben documentati in molti testi antichi che la storia tradizionale ha completamente ignorato secondo numerosi autori di tutto il mondo.

È interessante notare che alcune culture africane credono che esseri extraterrestri abbiano visitato la Terra per decine di migliaia di anni, ad esempio le leggende Zulu parlano di un’epoca in cui “visitatori dalle stelle” vennero a scavare oro e altre risorse naturali. Queste miniere erano lavorate da schiavi creati dal “Primo Popolo”.

Secondo alcune fonti e interpretazioni, questi dei provenivano da Nibiru.

Gli Assiri ei Babilonesi chiamavano il pianeta ‘Marduk’. I Sumeri dicevano che un anno sul pianeta Nibiru (A SAR) equivale nel tempo a 3.600 anni sulla Terra.

DNA: prove degli dei?

Secondo i ricercatori del Kazakistan, “La nostra ipotesi è che una civiltà extraterrestre più avanzata fosse impegnata nel creare nuova vita e piantarla su vari pianeti. La Terra è solo una di queste”.

I ricercatori indicano che “Quello che vediamo nel nostro DNA è un programma composto da due versioni, un codice strutturato gigante e un codice semplice o di base”.

Il team crede per certo che la prima parte del nostro codice DNA non sia stata scritta sulla Terra e secondo loro è verificabile. In secondo luogo e soprattutto, i geni da soli non sono sufficienti per spiegare il processo di evoluzione/evoluzione brusca e ci deve essere qualcosa di più nel “gioco”.

Secondo Makukov “Prima o poi”, “dobbiamo accettare il fatto che tutta la vita sulla Terra porta il codice genetico dei nostri cugini extraterrestri e che l’evoluzione non è ciò che pensiamo che sia”.

Le implicazioni di queste scoperte scientifiche rafforzano le affermazioni di altri individui e osservatori che affermano di aver avuto contatti con alieni che sembrano umani. Alieni simili a umani avrebbero potuto fornire parte del materiale genetico necessario per l’evoluzione umana.

Citazione da Discovery: Questa interpretazione li porta a una conclusione inverosimile: che il codice genetico “sembra che sia stato inventato al di fuori del sistema solare già diversi miliardi di anni fa”. Questa affermazione avalla l’idea di panspermia, l’ipotesi che la Terra fosse seminata di vita interstellare. È certamente un approccio nuovo e audace alla conquista della galassia se immaginiamo che questo sia stato un tentativo deliberato di Johnny Appleseed da parte di super-esseri…

Teorie alternative?

Secondo Gregg Braden, un autore americano di letteratura New Age, che ha scritto del fenomeno del 2012 ed è diventato famoso per la sua affermazione che la polarità magnetica della terra stava per invertire, abbiamo solo 20 dei 64 codoni nel nostro “on” DNA. Ci si deve chiedere: “Perché la Fonte della creazione ha limitato le nostre capacità genetiche disattivando la maggior parte del nostro DNA?”

Una teoria è che il nostro DNA fosse limitato dagli Anunnaki per mantenerci sottomessi, controllati e conformi ai nostri maestri Anunnaki.

Molti credono che gli Anunnaki siano coloro che ci “controllano” da milioni di anni e conoscono la vera genetica dell’uomo. Molti autori affermano che gli Anunnaki, che potrebbero essere gli dei menzionati in numerose culture che hanno promesso di tornare un giorno, hanno il controllo totale su di noi poiché sono i creatori dell’uomo.

Simon Parkes, un ricercatore UFO, afferma che abbiamo 12 filamenti di DNA e ogni filamento è correlato a una specifica razza galattica. Ipoteticamente, se riusciamo a trovare un modo per accendere i codoni latenti nel nostro DNA, potremmo praticamente fare qualsiasi cosa, come curare istantaneamente ogni persona sul pianeta, così come curare il nostro pianeta.

Fatti su Anunnaki:

Secondo The Oxford Companion to World Mythology, gli Anunnaki: “…sono le divinità sumere dell’antica linea primordiale; sono  divinità ctonie  della fertilità, associate alla fine con gli inferi, dove divennero giudici. Prendono il nome dal vecchio dio del cielo An ( Anu ).”

  1. Una delle traduzioni più popolari di Anunnaki è (sumerico) “coloro che scesero dai cieli”.
  2. “Adamo” in ebraico sta per “uomo”. “Adamu” è ciò che i Sumeri chiamano “primo uomo”, gli schiavi Anunnaki .
  3. Gli Anunnaki provengono da un enorme pianeta chiamato Nibiru. Questo pianeta si trova nella parte più esterna del nostro sistema solare.
  4. Nibiru ha un’orbita ellittica di 3.600 anni . Gli Anunnaki vennero da Nibiru per estrarre l’ Oro sulla Terra . I minerali e le risorse di Nibiru si stavano esaurendo, in particolare l’oro.
  5. Tutti i tipi di terribili fenomeni gravitazionali sono collegati a Nibiru e alcuni sostengono addirittura che il pianeta X o Nibiru  rappresenti una minaccia per la Terra e che un giorno entrerà in collisione con il nostro pianeta. La scienza spiega che potrebbe esistere, ma non l’hanno ancora visto. Mitologicamente parlando, Nibiru è reale .
  6. Secondo il mito assiro e babilonese successivo, gli Anunnaki erano i figli di  Anu Ki , divinità fratello e sorella.
  7. Gli Anunnaki compaiono nel mito della creazione babilonese, Enuma Elish.
  8. Gli Anunnaki sono menzionati  nell’Epopea di Gilgamesh  quando  Utnapishtim  racconta la storia del diluvio.
  9. Ci sono quattro divinità principali: Anu, Enlil, Enki e Ninhursag.
  10. Si crede che Anu sia la prima divinità del Padre del Cielo attestata. Nella religione sumera, era anche “Re degli dei”, “Signore delle costellazioni, degli spiriti e dei demoni” e “Supremo Sovrano del Regno dei Cieli”.
  11. È interessante notare che Anu esisteva nella cosmogonia sumera come una cupola che copriva la terra piatta; Al di fuori di questa cupola c’era lo specchio d’acqua primordiale noto come Nammu.
  12. Enlil  è considerato il dio del respiro, del vento, dell’altezza e della larghezza (altezza e distanza). Enlil è associata all’antica città di  Nippur, a volte indicata come la città di culto di Enlil.
  13. Enki era la divinità dell’artigianato, del male; acqua, acqua di mare, acqua di lago, intelligenza e creazione. Il significato esatto del suo nome è incerto: la traduzione comune è “Signore della Terra”.
  14. Ci sono tre divinità del cielo: Inanna / Ishtar, Nanna / Sin e Utu / Shamash.
  15. Ci sono anche dieci divinità principali: Adad, Dumuzid / Tammuz, Enkimdu, Ereshkigal , King , Geshtinanna , Lahar , Marduk , Nergal , Ninurta .
  16. Gli Igigi sono un gruppo degli dei del cielo nell’antica mitologia sumera. Gli Igigi erano gli dei più giovani e talvolta sono sinonimi del termine Anunnaki.
  17. Prima che gli umani venissero creati, gli Igigi erano usati dagli antichi Anunnaki come loro forza lavoro principale.
  18. I ricercatori ritengono che il termine Igigi sia di origine semitica e indichi il gruppo di divinità nel pantheon mesopotamico. Non è ancora chiaro quali divinità antiche appartenessero agli Igigi, ma molti studiosi suggeriscono che Marduk – il dio protettore della città di Babilonia – fosse uno degli Igigi.
  19. Secondo la teoria degli antichi astronauti, migliaia di anni fa, ancor prima che la storia documentata, il nostro pianeta fosse visitato da astronauti di un altro mondo, questi esseri erano gli Anunnaki.
  20. Secondo molti autori, la prova dell’esistenza degli antichi Anunnaki può essere trovata in tutto il mondo. Dobbiamo solo guardare alla civiltà antica e alla loro capacità di erigere enormi monumenti e trasportare pietre che pesano centinaia di tonnellate. In ogni cultura antica troveremo una connessione con gli Anunnaki.
  21. Nel 1976 l’autore Sitchin pubblicò le sue traduzioni personali dei testi sumeri in una serie di libri intitolata “ Le cronache della terra ”. In quel libro, Sitchin descrive in modo approfondito gli Anunnaki e la loro storia.
  22. Il lavoro di Sitchin è pesantemente criticato. Molti archeologi e storici non sono d’accordo con Sitchin. Secondo Sitchin, le tavolette di argilla descrivono una razza aliena conosciuta come  Anunnaki , che venne sulla Terra per estrarre l’oro.
  23. Sitchin suggerisce che 450.000 anni fa, su Nibiru, un lontano membro del nostro sistema solare, la vita rischia una lenta estinzione a causa dell’erosione dell’atmosfera del pianeta.
  24. Quasi mezzo milione di anni fa, deposto da Anu, il sovrano Alalu fugge su un’astronave e trova rifugio sulla Terra. Scopre che la Terra ha dell’oro che può essere utilizzato per proteggere l’atmosfera di Nibiru.
  25. Sitchin afferma che le antiche tavolette sumere indicano che circa 445.000 anni fa, guidati da Enki, figlio di Anu, la terra degli Anunnaki sulla Terra, fondarono Eridu, la stazione terrestre I, per estrarre l’oro dalle acque del Golfo Persico.
  26. Secondo gli antichi Sumeri, si credeva che ‘ Eridu ‘, l’odierna Abu Shahrein, Iraq, fosse stata la prima città mai creata e fosse la città natale del grande Dio Enki. Si pensa che la città sia stata fondata intorno al 5400 a.C.
  27. Circa 300.000 anni fa , Enki e Ninhursag creano Lavoratori Primitivi attraverso la manipolazione genetica.
  28. Gli esseri umani erano una specie ibrida e non potevano procreare. Poiché la richiesta di esseri umani come lavoratori è aumentata, gli antichi Anunnaki hanno manipolato ancora una volta l’umanità antica in modo che potesse riprodursi da sola.
  29. Guardando indietro nella storia recente dell’umanità, Sitchin ci dice che intorno al 7.400 aC . gli Anunnaki concedono all’Umanità nuovi progressi; inizia il Neolitico. I semidei governano l’Egitto.
  30. Subito dopo, intorno al 3.800 aC , la civiltà urbana inizia a Sumer quando gli Anunnaki vi ristabiliscono le Città Antiche, a cominciare da Eridu e Nippur.

L’enigma dietro gli Anunnaki, dei creatori della nostra civiltà

Gli  Anunnaki  (trascritti anche come  AnunakiAnunnaAnanaki) sono un gruppo di divinità che compaiono nelle leggende mitologiche degli antichi Sumeri, Accadi, Assiri e Babilonesi.

Gli Anunnaki sono le divinità più influenti nel pantheon, erano i discendenti di An, il dio dei cieli, e la loro funzione primaria è quella di giudicare il destino dell’umanità.

Secondo la mitologia mesopotamica, gli Anunna erano, inizialmente, gli dei più potenti e vivevano con Anu nel cielo.

Nella poesia Enûma Elish, è stato Marduk a creare l’umanità e poi ha diviso gli Anunna tra cielo e terra e ha assegnato loro dei compiti. Quindi gli Anunna, grati a Marduk, fondarono Babilonia e costruirono un tempio in loro onore chiamato Esagila.

La reinvenzione del termine Anunnaki attraverso la sua forma acadiana, Anunnaki, è emersa nel 1964 dopo la pubblicazione di “Ancient Mesopotamia: Portrait of a Dead Civilization”, dell’assiriologo Adolph Leo Oppenheim, che ha reso popolare questo concetto.

Fu Zecharia Sitchin a rendere popolare ulteriormente il termine degli Anunnaki.

I primi usi conosciuti del termine  Anunnaki  provengono da iscrizioni scritte durante il regno di Gudea e la  terza dinastia di Ur.

Nei primi testi, il nome è applicato alle divinità più importanti e potenti dell’antico pantheon sumero: i discendenti del dio del cielo  An.

Zecharia Sitchin ha pubblicato una dozzina di libri noti come Cronache della Terra degli anni ’70 che si sono ulteriormente soffermati nello studio degli antichi Anunnaki.

Nei libri pubblicati da Sitchin, tavolette sumere di scrittura cuneiforme e testi biblici sarebbero stati tradotti nella loro scrittura originale, rivelando dettagli affascinanti che hanno rapidamente guadagnato popolarità tra i lettori.

Nel libro Il dodicesimo pianeta, l’autore descrive l’arrivo degli Anunnaki sulla Terra da un presunto pianeta chiamato Nibiru circa 450.000 anni fa. Gli Anunnaki erano esseri alti, circa 3 metri di altezza, pelle pallida, capelli lunghi e barbe, che si sarebbero stabiliti in Mesopotamia e, con l’ingegneria genetica, avrebbero accelerato l’evoluzione dei Neanderthal all’Homo Sapiens apportando la loro genetica, creando così l’umanità.

La storia di come gli Anunnaki hanno creato l’umanità è abbastanza simile alla creazione dell’uomo da parte di Dio, come è scritto nella Bibbia. La storia racconta che Enki prese l’argilla e le diede forma nonostante il fatto che la sua prima prova non avesse avuto successo.

I primi umani consideravano gli antichi Anunnaki come dei, poiché erano estremamente intelligenti con loro e possedevano tecnologie che l’umanità non aveva mai visto prima.

Alcuni autori sostengono che le prove degli Anunnaki si possono trovare nella Bibbia, dove vengono chiamati “Nephilim”, sebbene alcune altre traduzioni li chiamino “giganti”.

Secondo gli scritti di Sitchin, la tecnologia e il potere degli Anunnaki sono ancora lontani dalla nostra portata, poiché gli Anunnaki avevano la capacità di viaggiare nello spazio e di ingegneria genetica 450.000 anni fa.

Si ritiene che gli antichi Anunnaki abbiano contribuito notevolmente alla Terra con una tecnologia a noi ancora sconosciuta e che siano stati coinvolti nella costruzione di piramidi in tutto il mondo e numerosi altri antichi siti megalitici.

Le ipotesi di Sitchin sono state respinte da scienziati, storici e archeologi, che non sono d’accordo con la sua “traduzione” di testi antichi e la sua incomprensione della fisica.

Allora chi erano gli Anunnaki? Erano solo parte di una grande leggenda antica? Oppure è possibile, come affermano molti autori, che le antiche divinità mesopotamiche siano state proprio le responsabili della creazione della nostra civiltà?

Circa 250.000 anni fa, secondo Sitchin, gli antichi Anunnaki unirono i loro geni alieni con quello di Homo Erectus e crearono una specie nota come Homo Sapiens, ottenendo, di conseguenza, una specie geneticamente bicamerale. Tuttavia, gli esseri umani erano una specie ibrida e non potevano procreare. Poiché la richiesta di esseri umani come lavoratori è aumentata, gli antichi Anunnaki hanno manipolato ancora una volta l’umanità antica in modo che potesse riprodursi da sola.

Basato su The Cosmic Code: The Sixth Book of The Earth Chronicles di Zecharia Sitchin, questa è la vera linea temporale storica del nostro pianeta:

Per ulteriori informazioni, guarda questa clip di Ancient Aliens di History Channel, Stagione 11, Episodio 10:

Fonte: https://www.ancient-code.com/anunnaki/

®wld

Vita sulla Terra: una civiltà creatrice aliena e Panspermia diretta

Lascia un commento

Francis Crick: Il segreto della vita e una civiltà creatrice aliena

by Ancient Code Team

Francis Harry Compton Crick, uno dei più famosi biologhi molecolari, biofisici e neuroscienziati britannici, noto per essere stato il co-scopritore della struttura della molecola del DNA nel 1953 con James Watson, aveva alcune idee affascinanti su come la vita “è sorta” sulla Terra .

Vita sulla Terra: una civiltà creatrice aliena e Panspermia diretta

La panspermia diretta può essere interpretata come il trasporto deliberato di microrganismi nello spazio da utilizzare come specie introdotte su pianeti senza vita.

È interessante notare che Shklovskii e Sagan nel 1966, e Crick e Orgel prima di loro nel 1973, hanno teorizzato come la vita sulla Terra possa essere stata seminata deliberatamente da civiltà aliene, provenienti da altre parti dell’universo.

L’idea di Diretto Panspermia può essere fatta risalire all’opera di fantascienza intitolata Last and First Men  di Olaf Stapledon, pubblicata nel 1930.

Nel 1953 Francis Crick disse come: “ …gli organismi sono stati deliberatamente trasmessi sulla terra da esseri intelligenti su un altro pianeta. Concludiamo che è possibile che la vita abbia raggiunto la terra in questo modo, ma che l’evidenza scientifica è inadeguata al momento attuale per dire qualcosa sulla probabilità…”

Inoltre, le idee di Crick sulla teoria secondo cui siamo il risultato di “un mucchio di molecole che si scontrano l’una contro l’altra” sono che è probabile quanto l’assemblaggio di un Jumbo Jet, colpito da un uragano in una discarica.

Nel libro intitolato “La vita stessa”, Francis Crick ha scritto che NON C’E’ ALCUN MODO POSSIBILE che la molecola di DNA possa essere iniziata casualmente sulla Terra e che deve aver avuto origine da altrove. Diretta Panspermia.

Crick si chiedeva come fosse possibile che la “natura” creasse contemporaneamente due elementi tra loro interdipendenti per dare origine alla vita. Crick ha avuto difficoltà a capire come il materiale genetico (acidi nucleici, come il DNA o l’RNA) e il meccanismo che ne consente la perpetuazione (proteine ​​chiamate enzimi) siano nati contemporaneamente e spontaneamente.

Inoltre, se la sintesi degli acidi nucleici è dipendente dalle proteine ​​e le proteine, a loro volta, si basano sugli acidi nucleici, Crick e il suo collaboratore Leslie Orgel hanno affrontato un problema simile a quello dell’uovo e della gallina, cosa è venuto prima?

Pertanto, il dinamico duo di menti è giunto alla conclusione che la vita terrestre potrebbe/potrebbe aver avuto origine in un mondo in cui esisteva una sorta di “minerale o composto” che avrebbe potuto sostituire la funzione degli enzimi, da cui sarebbe stata disseminata ad altri pianeti, come il nostro, attraverso “un’attività deliberata di una società extraterrestre”.

Sebbene questa fosse tutt’altro che un’ipotesi convenzionale, la verità è che Crick ha cercato di rispondere a una domanda incisiva, in un dato momento. Sarebbero passati molti anni dalla scoperta della doppia elica del DNA fino a quando si scoprisse che l’RNA può funzionare come un enzima, senza bisogno di proteine, ovvero la soluzione al problema che ha ispirato la teoria della panspermia aliena di Crick.

Così, nel 1993, Crick e Orgel pubblicarono un nuovo articolo scientifico in cui non menzionavano più un presunto intervento extraterrestre.

Il problema dell’uovo e del pollo “potrebbe essere risolto se, all’inizio dell’evoluzione della vita, gli acidi nucleici agissero da catalizzatori”, scrivono gli scienziati.

Sicuramente una civiltà aliena super avanzata sarebbe stata capace di qualcosa del genere, se ovviamente ce n’è una da qualche parte nel cosmo.

Noi, la nostra civiltà, per esempio, siamo in grado di seminare la vita su pianeti senza vita.

Claudius Gros, fisico teorico della Johann Wolfgang Goethe University, ha proposto l’idea di trapiantare la vita su altri pianeti in un saggio pubblicato su Astrophysics and Space Science. Si riferisce all’idea come Project Genesis.

L’idea è di inviare veicoli spaziali robotici a basso costo che contengano un carico pieno di forme di vita microbiche – batteri ed eucarioti unicellulari – e dirigerli verso esopianeti identificati dagli astronomi come potenzialmente abitabili.

Quindi, se possiamo farlo oggi, come facciamo a sapere che qualcuno non ci ha piantati qui sulla Terra in un lontano passato?

Cibo per la mente?

FONTE

®wld

Le mega-corporazioni statunitensi si precipitano ad abbandonare i mandati illegali di V@x

Lascia un commento

Pubblicato da: Daniel McAdams tramite Ron Paul Institute Dicembre 14, 2021

Ops. L’illegalità dell’amministrazione Biden sui mandati di v@xxinazione è stata esposta e, con essa, il malaffare mega-aziendale che l’ha accompagnata. Con lo svanire del sostegno del governo, queste stesse aziende si stanno affrettando a invertire i propri mandati per evitare una causa infernale. Mentre il governo può nascondersi dietro l’immunità legale, le società non possono. Editor TN

L’annientamento a livello nazionale di questa settimana del mandato di v@xxino dell’appaltatore federale di Biden per mano del giudice federale della Georgia R. Stan Baker ha portato a una ritirata colossale di mega-corporazioni codarde dal loro prepotente prepotente nei confronti dei lavoratori americani.

La scommessa illegale di Biden, il mandato per il v@xxino dell’appaltatore federale a livello nazionale, ha come il suo precedente mandato Medicare e il mandato OSHA se-hai-100-lavoratori-obbligatorio-v@x è stato fatto a pezzi nelle prime fasi dei tribunali.

I mandati di Biden sono sempre stati una scommessa prepotente, un’ammissione che sapevano di essere coinvolti in atti illegali ma che avrebbero continuato a usare le armi non insignificanti del ramo esecutivo per far esplodere il maggior danno possibile fino a quando i tribunali non sono intervenuti e hanno notato l’ovvio: “Non puoi farlo!”

I cinici – e io sono solidale – diranno che i tribunali avrebbero potuto decidere in entrambi i modi, quindi non agitarti troppo.

Questa è la lezione degli ultimi due anni: non c’è niente sotto di noi mentre guardiamo in basso. Ci toglie il fiato. Ora capiamo che la nostra civiltà è stata costruita su un mucchio di sabbia e qualsiasi entità determinata potrebbe scavare sotto di noi poiché siamo distratti dalle necessità umane di provvedere alle nostre famiglie e vivere le nostre vite limitate nel miglior modo possibile.

Questa orribile realtà non può essere nascosta.

In precedenza consideravamo i nostri governanti – dall’accalappiacani al presidente – come malevoli ma per la maggior parte a distanza. Non avremmo mai pensato che avrebbero allungato la mano con il loro pugno di ferro acquisito gradualmente ma costantemente e spremuto l’ossigeno dai nostri polmoni: “Fai un colpo o muori di fame!”

Allo stesso modo, gli ungheresi all’inizio del 1918 furono scioccati dal fatto che a vivere un po’ in silenzio tra loro ci fossero alieni che si attivavano nel momento esatto più fertile e letteralmente capovolgevano il loro stato di sonnambulo, imponendo “mandati” alla loro società che includevano una forca mobile – un rozzo precedente forma di v@xxinazione forzata.

Con la gradita disintegrazione di questo malvagio decreto del governo – tramite la sentenza del giudice Baker che il mandato dell’appaltatore è illegale – una per una anche le mega-corporazioni vedono la loro posizione spostata verso l’insostenibile. Si stanno salvando il più velocemente possibile.

Alcuni 83,000 operatori sanitari della Florida non dovrà più affrontare l’essere buttato in strada dal terrorismo sponsorizzato dal governo degli Stati Uniti, fino a questa settimana doverosamente imposto dalle prostitute del “libero mercato” a letto con lo stato.

Come ha fatto l’eroe Alex Berenson segnalato giovedì, anche le mega corporazioni negli Stati Uniti stanno improvvisamente guardando sotto se stesse e scoprendo di essere sole. Niente più pistole del governo puntate su chi non ha potere… almeno per il momento.

General Electric, 3M, Verizon e Oracle negli ultimi giorni hanno coperto le loro scommesse e sono sgattaiolati fuori dal letto con il governo degli Stati Uniti: niente più requisiti vax! Si tratta di un folto gruppo di persone non più legate dalla confraternita dell’ago.

Per ora stiamo vincendo e dovremmo fermarci a berlo.

Ma allo stesso tempo dobbiamo anche guardare a cosa è marcito nella nostra civiltà che avrebbe permesso a una tale forza di capovolgerci, di scatenare questo pugno di ferro un tempo nascosto in un guanto di velluto. La vita non sarà più la stessa sapendo cosa ci hanno fatto queste persone. Non devono mai essere autorizzati a dimenticarlo.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://it.technocracy.news/noi-mega-corporazioni-ci-affrettiamo-ad-abbandonare-i-mandati-vax-illegali/

®wld

La Religione della Paura

Lascia un commento

Sarà il Sole a svegliarci: lo teme la Religione della Paura

La deriva transumanista a cui stiamo assistendo è il frutto di uno scontro di civiltà. Un emblematico, inesauribile scontro: non solo fra due culture, fra due concezioni del mondo, ma addirittura fra due opposte e inconciliabili forme di civiltà. Una potremmo definirla algida, fredda, pseudo-lineare, agorafobica, già vecchia e stantia nonostante i suoi appena tre secoli di età. E’ una cultura sorta dal razionalismo di fine Seicento e da quella che è passata alla storia come la rivoluzione scientifica. Una cultura che è stata nutrita da una miope incomprensione dell’esperienza illuministica, pur liberatoria, che però si è incanutita precocemente, fossilizzandosi negli ingranaggi del pensiero meccanicistico. L’altra cultura è invece antica come l’alba della conoscenza (e della coscienza), come e più delle stesse piramidi e di quei miti che produssero. Eppure quella cultura è sempre giovane: perché è immortale, orgogliosa e ottimistica, come quegli stessi dèi che la donarono agli esseri umani.

Bergoglio

E’ una cultura inclusiva, conciliatrice dei complessi rapporti tra uomo e natura. E soprattutto: è profondamente radicata nella più arcaica e radicale delle esperienze umane: la percezione magica del sacro. Lo scontro in corso rappresenta una delle ultime fasi di un conflitto, molto antico, tra la dimensione gnostica – prometeica, titanica, estatica – e la sua drammatica emarginazione e persecuzione ad opera di una falsa religiosità assolutistica, quella del monoteismo patriarcale che si instaurò con il rovesciamento degli antichi dèi. Una deriva che, poi, ha portato a quel delirio teologico che è stato fatto proprio dalla cultura giudaico-cristiana. Ha pesato la sua applicazione totalmente exoterizzante, che ha escluso ogni aspetto esoterico-iniziatico. E ha voluto ritagliare, nella grande spirale del tempo eterno (venerata da tutte le antiche culture del pianeta), un segmento progettuale artificioso: quello di un dio totemico, tanto geloso quanto violento, nemico di tutte le tradizioni fondate sulla conoscenza e sull’esperienza.

Razionalismo, rivoluzione scientifica e rivoluzione industriale: oggi Klaus Schwab parla di Quarta Rivoluzione Industriale, a conferma del fatto che sono sempre gli stessi, a cantarsela e suonarsela da soli. Hanno voluto separare il sacro dal profano, l’immanente dal trascendente. Negli ultimi tre secoli hanno tentato, in tutti i modi, di estirpare la spiritualità dalla concezione umana, dalle espressioni della nostra cultura. E spesso e volentieri lo hanno fatto a braccetto con la Chiesa cattolica. Ora siamo giunti a una fase ancora più avanzata: non servono neppure più, le masse. Lo spiega bene Marco Della Luna: le masse sono ormai divenute superflue, per questo potere che vorrebbe “depopolare” il pianeta. Ormai mirano solo al controllo: si aggrappano come pazzi ai residui brandelli del loro potere. Puntano al controllo totale: quindi vogliono la digitalizzazione forzata, il transumanesimo, la sostituzione definitiva dell’uomo con le macchine e la riduzione in schiavitù dei pochi superstiti.

Sole

Schiavi: privati di coscienza, di libero arbitrio, di raziocinio. Privati di ogni libertà, di ogni diritto. Un po’ come recita lo slogan dell’europea Id 2030: non possiederemo più nulla, ma saremo tutti felici. Vi piacerebbe, vero? Ma non andrà così. Pensiamo a quelli che oggi recitano l’Om nelle piazze: sono comunque segnali di un risveglio spirituale. In tutte le grandi epoche di crfilosofiaisi e transizione, c’è sempre stato anche un grande impulso della spiritualità. L’umanità ha periodicamente compiuto balzi quantici, a livello intellettuale e spirituale. Ebbene: sono stati determinati anche dalle eruzioni solari. Ce ne ha appena riparlato l’astrofisica Giuliana Conforto: ci ha spiegato che il campo magnetico della Terra sta mutando velocemente, andando a saldarsi con quello del Sole, oltre che con il campo magnetico della galassia.

La prima tempesta solare registrata con strumentazioni moderne risale agli anni Sessanta dell’800: mise fuori uso i telegrafi di tutto il mondo. Se dovesse avvenire oggi, una tempesta solare di quel tipo farebbe saltare tutti i satelliti e le reti di telecomunicazione, inclusa la telefonia cellulare, e probabilmente manderebbe in tilt le stesse centrali elettriche. Non è detto che certi preparativi di una crisi energetica – vera o presunta che sia – non siano anche finalizzati a “coprire” eventuali tempeste solari in arrivo. Ma attenzione: tempeste solari di entità ben maggiore, avvenute ciclicamente, sono state ben documentate: dall’analisi degli anelli degli alberi, secondo la “dendrocronologia”, e anche dai carotaggi dei ghiacci, effettuati sia in Groenlandia che in Antartide. Fra l’altro, è stato anche dimostrato che nel VII secolo avanti Cristo si verificò una tempesta solare oltre 10 volte più devastante di quella del 1864. Non esitendo la telematica, l’umanità la percepì in maniera molto diversa: al limite la videro, sotto forma di aurore boreali alle nostre latitudini e forse ancora più a Sud.

Sabato Scala

Gli effetti sull’uomo, però, non tardarono a manifestarsi: nel VI secolo avanti Cristo l’umanità visse un vero salto quantico. Se è vero che può distruggere, il Sole può anche dare la vita: può fornire un impulso vitale per la nostra intelligenza. Nel VI secolo, infatti, sorsero – simultaneamente – decine di movimenti religiosi innovativi, senza contare l’esplosione della filosofia in Grecia. Nacquero Pitagora, Zarathustra, il Buddha. Fenomeni che rispondono a regole cosmiche, magnetiche? Come in alto, così in basso: quello che accade nella galassia è interconnesso con ciò che avviene sul nostro pianeta. Noi siamo un microcosmo, in rapporto con un macrocosmo. Evidentemente, le tempeste solari sono in grado di farci evolvere anche da un punto di vista spirituale. Altre tempeste solari, del resto, erano avvenute anche in precedenza: una – grandissima, risalente al 1200 avanti Cristo – si verificò in concomitanza con la nascita dei Misteri Eleusini, cioè con l’arrivo a Eleusi della dea Demetra. E ne sono avvenute moltissime altre, sempre in corrispondenza di fatti epocali.

Quindi, probabilmente, i gestori della Matrix – quelli che ci dominano – sono anche terrorizzati dalla possibilità di eventi (incluse appunto le tempeste solari) che possano determinare un balzo evolutivo, un salto quantico dell’umanità. Ovvero: se l’umanità prende coscienza di sé, si libera delle proprie catene. Come hanno potuto assoggettare gli esseri umani, per oltre 10.000 anni? Con l’inganno, con i dogmi: con catene mentali e spirituali. Un bravissimo ricercatore come Sabato Scala, studioso del Cristianesimo delle origini, insiste sulla necessità del saper diversificare il Cristianesimo originario dal Cristianesimo “politico”, creato a tavolino – per fini di potere – da personaggi come Giuseppe Flavio, Paolo di Tarso e il filosofo romano Seneca. Ci sono le prove, dei loro complotti: molto abilmente, crearono una nuova religione solo in apparenza derivata dal Cristianesimo delle origini. L’obiettivo qual era? Prendere il potere a Roma e impadronirsi delle redini dell’Impero. E ci riuscirono.

L'inquisitore de Il Nome della Rosa

Il coronamento del loro delirio fu il famigerato Editto di Tessalonica, promulgato da Teodosio. Non è sbagliato paragonarlo al Green Pass: l’obbligo di aderire alla nuova religione fu imposto con la forza a una popolazione di 60 milioni di abitanti, di cui soltanto il 15% aveva aderito al nuovo credo. A tutti gli altri, il Cristianesimo “paolino” venne imposto con la violenza: chi non si fosse convertito avrebbe perso ogni diritto civile (rischiando anche la vita, in molti casi). Comunque: si perdeva il diritto a frequentare le scuole, a entrare nell’esercito, a rivestire cariche pubbliche, persino ad accedere ai pubblici edifici. Esattamente come oggi: questi non hanno fantasia, ripetono sempre gli stessi atti.

Quello che Sabato Scala ci ha indicato è la presenza di precise leve psicologiche, utilizzate dalla nuova religione romana proprio per assoggettare le masse. Secondo la scienza di oggi, queste leve sono elementi certi, assodati, per la manipolazione comportamentale. Si tratta di elementi – scrive Scala – che intervengono nel minare i fondamenti di una psiche sana: perché è proprio la psiche sana, che vogliono attaccare, rendendola malata. Come? Introducendo degli effetti, rinforzati da un apparato mitologico e simbolico creato ad arte, che vanno a scardinare alla radice i pilastri di un sano equilibrio psichico (equilibrio che, nelle antiche tradizioni religiose, era sempre esistito). Quali sono, questi obiettivi? Primo: l’autostima (e l’auto-efficacia). Secondo punto: la consapevolezza delle proprie azioni, e di conseguenza l’assenza di sensi di colpa. Terzo: un equilibrato rapporto corpo-psiche, ovvero una relazione armonica con la propria istintualità.

Prometeo

Fin dalla sua prima elaborazione, il Cristianesimo “politico” imposto a Roma, quello che poi ha preso il potere arrivando fino all’Inquisizione e alla caccia alle streghe, ha costruito ad arte un sistema mitologico, un “palinsesto” di rituali e di norme, comportamentali e morali, finalizzato a utilizzare in modo coordinato, secondo un’accurata programmazione neuro-linguistica, tutte e tre le leve citate: autostima, consapevolezza ed equilibrio corpo-psiche. In pratica, attraverso questa manipolazione, sono arrivati a sottomettere le masse con il dogma, impedendo e mortificando l’accesso alla conoscenza. Perché Eva fu cacciata, insieme ad Adamo, dal Paradiso Terrestre? Perché aveva colto il frutto dall’Albero della Conoscenza. Non sia mai: l’essere umano non deve avvicinarsi alla conoscenza. Se lo fa, i dominatori sono perduti.

Prometeo, il grande dio Titano, tentò in extremis di salvare l’umanità, che già era caduta sotto il giogo dei nuovi dèi, rubando a Zeus la fiaccola della conoscenza per donarla a noi. Purtroppo quel suo gesto non servì, perché Zeus riprese il sopravvento. Ma quello di Prometeo resta un gesto simbolico importantissimo. Quella stessa fiaccola è rappresentata dalla Statua della Libertà che si erge davanti al porto di New York (e pochi sanno che il prototipo di quella statua è presente sulla facciata del Duomo di Milano). Lo ribadisco: questo è un momento storico, tutti i nodi verranno al pettine. Ci saranno tante macerie, ma siamo sicuramente all’alba di una nuova era. E c’è qualcuno che sta facendo di tutto per non farla cominciare, questa nuova era. L’intento dei dominatori è quello di ancorarsi al loro potere: per questo stanno facendo di tutto per sottomettere l’umanità, per impedirle di evolversi e di compiere questo salto quantico. Soprattutto: all’umanità vogliono impedire di ricordare chi è.

Se noi ricordiamo chi siamo – se riconnettiamo la nostra parte animica, divina, con gli dèi creatori, recuperando la memoria genetica che ci hanno trasmesso – allora non ci incatena più nessuno. Se riprendiamo possesso delle nostre capacità, delle nostre vere facoltà, questo li spaventa. E tanto per essere chiari: era scomodo anche il Cristianesimo delle origini, che infatti è stato perseguitato dal Cristianesimo “politico”, progettato per il dominio. E’ proprio al Cristianesimo delle origini che si ispirarono i Catari e anche i Templari, che volevano rovesciare il Papato (si rifacevano infatti alla tradizione giovannita, che era stata spodestata). Erano scomode anche moltissime tradizioni misteriche – come quella eleusina, a cui io appartengo. Entrate in clandestinità, nel medioevo hanno tentato anch’esse, a più riprese, di spodestare la Chiesa: non ci sono riuscite, ma c’è mancato veramente poco.

Catari al rogo

Il Rinascimento non è stato solo una rinascita delle arti e della cultura classica: ha rappresentato una vera rinascita delle scienze e delle coscienze, guidata (sottotraccia) proprio dalle antiche tradizioni misteriche che, come un fiume carsico, erano sopravvissute nel sottosuolo per tornare a riaffiorare e alzare la testa, con la stagione rinascimentale. Potevano farlo, avendo in mano la maggior parte degli Stati e delle signorie dell’epoca, contrapposte al Vaticano. Oggi la Chiesa è molto preoccupata, dalla rinascita di certe tradizioni, che vede esprimersi anche nella new age. Premetto: io non l’ho mai amata, la cultura new age; magari era nata con buone intenzioni, ma poi è stata manipolata (soprattutto negli Usa, dalla Cia) per finalità politiche. Diciamo che, anche in questo caso, bisogna separare la farina dalla crusca.

Tornando alla Chiesa cattolica: sta procedendo ormai verso una deriva transumanista, improntata al Grande Reset di Davos. Lo dimostrano anche le scandalose politiche vaccinali del Vaticano: una deriva totalitaria che non trova invece il consenso della maggior parte delle Chiese Ortodosse. Il cattolicesimo romano, al contrario, è totalmente appiattito sull’Operazione Corona, anche perché rappresenta un potere che di cristiano non ha più niente. Ebbene: il potere cattolico è oggi spaventato anche da quello che, genericamente, chiama “gnosticismo”. Il termine però è impreciso: c’è infatti anche uno gnosticismo cristiano, c’è uno gnosticismo di origine ermetica, e c’è uno gnosticismo impropriamente definito “pagano”. Comunque, “gnosi” vuol dire “conoscenza”: quindi, nello gnosticismo possiamo annoverare tante tradizioni. Le gerarchie vaticane usano questo termine, in modo un po’ dispregiativo, per indicare qualcosa di pericoloso. E la polemica non è solo di oggi, risale agli anni Novanta.

Louis Pauwels

Interessante il caso di Louis Pauwels, autore de “Il mattino dei maghi”: un libro che, negli anni Sessanta, ha fatto la storia dell’esoterismo occidentale (e anche, in parte, del movimento new age). Poi, in età avanzata, Pauwels ebbe un repentino cambio di rotta: divenne un intransigente cattolico e si mise ad attaccare tutte quelle dottrine esoteriche che escono dai binari della Chiesa. Molto strana, la sua pseudo-conversione: avvenne in seguito a uno strano incidente che quasi gli costò la vita. Mi ricorda la situazione di oggi, in cui molte persone si lasciano manipolare dalla paura, al punto da rinunciare ai loro diritti costituzionali e alla propria libertà. Negli ultimi anni della sua vita, Pauwels arrivò a parlare di un “complotto mondiale neo-gnostico”, ordito da “forze anti-cristiane” che mirerebbero a “indebolire la fede dei cattolici”(sembrano parole di Don Curzio Nitoglia). Comunque, gli attacchi allo gnosticismo – che stanno avvenendo proprio in questi giorni – hanno svariati precedenti nei decenni scorsi, ben oltre il semplice caso Pauwels.

Nel 1990, all’indomani del crollo dei regimi dell’Est Europa, l’arcivescovo di Bruxelles, cardinale Godfried Danneels, in una sua lettera pastorale fece una dichiarazione molto inquietante, poi pubblicata nel 1991 sul settimanale “Il Sabato”. «La riesumazione della vecchia gnosi – scrisse, testualmente – è un rischio mortale, che potrebbe portare alla distruzione del Cristianesimo. E il clima di festa e di liberazione dal comunismo non può assolutamente far dimenticare il sorgere di questo nuovo, insidioso avversario». A breve distanza, anche il Pontefice (Giovanni Paolo II) fece una dichiarazione simile, poi inclusa nel libro-intervista “Varcare le soglie”, curato da Vittorio Messori. Lo stesso Wojtyla, dunque, espresse preoccupazione per «la rinascita delle antiche idee gnostiche». Rinascita definita «un nuovo modo di praticare la gnosi, cioè quell’atteggiamento dello spirito che, in nome di una profonda e presunta conoscenza di Dio, finisce poi per stravolgere la sua parola».

Giovanni Paolo II

Obiettivamente parlando, qui siamo al ridicolo. Una religione che si considera solida – plurimillenaria – di cosa può mai avere paura? Del risorgere di forme di consapevolezza legate al passato? Evidentemente sì: ne ha tanta paura. E in questi giorni, sempre in ambiti cattolici – anche ambienti giornalistici, persino quelli della cosiddetta controinformazione – si levano le voci di chi pure asserisce di essere contrario alla “deriva autoritaria” in corso, ma poi si mette, curiosamente, ad attaccare proprio lo gnosticismo. Mi domando: ma dov’è, questo gnosticismo? Vedete chiese gnostiche? Movimenti gnostici al potere? Evidentemente, costoro temono una presa di coscienza: temono la riscoperta, da parte delle masse, di antiche tradizioni spirituali (mai sopite). E in maniera un po’ generica e ipocrita, le definiscono con l’etichetta di “gnosticismo”. Lo fanno per non nominarle, per non pronunciare i loro veri nomi.

Viganò

E’ emblematico, il fenomeno: conferma la paura del risveglio. A Firenze, il 14 novembre, sono state schierate le camionette della polizia davanti alla Porta del Paradiso, al Battistero del Duomo, dove si erano radunate migliaia di persone a recitare l’Om. A chi potevano far paura, quelle persone? Alla Curia, immagino, ben più che al governo Draghi. A quanto pare, a quella ritualità di piazza viene attribuita un’importanza enorme. In effetti, davanti alla Porta del Paradiso si prega per qualcosa che va contro i dettami globalisti e transumanisti dell’attuale Chiesa. E allora si sprecano gli attacchi contro queste “nuove forme di gnosticismo”, pericolosissime. In realtà attaccano la rinascita della consapevolezza: è quella, che fa paura. Parallelamente, da parte dell’élite di potere, ci sono progetti per arrivare a una nuova religione mondiale. In realtà risalgono all’Ottocento, e molti sono già naufragati: ma certe fazioni non vi hanno mai rinunciato. Nell’ottica della Quarta Rivoluzione Industriale, vorrebbero arrivare a fondere le tre grandi religioni monoteistiche in una nuova pseudo-religione con i suoi dogmi, i suoi riti e i suoi simboli.

Il piano però è già fallito in partenza, sia per il rifiuto (motivato) da parte dell’ebraismo, che per il rifiuto (più che motivato) da parte dell’Islam: quando Bergoglio è andato a Baghdad, per poi animare un incontro interreligioso davanti alla ziqqurat babilonese di Ur, il grande ayatollah Al-Sistani (una delle massime guide spirituali dell’Islam sciita) gli ha risposto: potevi anche fare a meno di venire qui. Come a dire: noi non ci stiamo, non accettiamo questa deriva globalista né tantomeno accettiamo di rinunciare alla nostra tradizione, per fonderci in una religione che sia consona ai poteri di certe élite. Non ha funzionato nemmeno l’incontro interreligioso tenutosi nella Piramide di Astana, in Kazakhstan, perché non ci sono i presupposti per realizzare quel progetto. Aderendo a questa operazione, fino ad imporre addirittura il Green Pass a messa (siamo al delirio, ormai), la Chiesa dimostra di aver perso ogni legittimità residua, agli occhi dei fedeli.

Bizzi

Così come gli stessi media manistream, giudicati inattendibili, anche il Vaticano sconta ormai la sfiducia della maggioranza della popolazione: oltre il 60% dei cattolici italiani, probabilmente, rifiutano la piega mondialista del pontificato di Bergoglio, non riconoscendosi più in questa Chiesa. E’ probabile che il cattolicesimo romano vada incontro a uno scisma, che per ora è stato soltanto rimandato. Ed è interessante che gli attacchi anti-gnostici provengano anche da ambienti clericali tradizionalisti: alcuni sono stati sferrati da personaggi come quel noto arcivescovo (Carlo Maria Viganò, ndr) che pure ha fatto proclami importanti, contro la politica di Bergoglio. Anche lui s’è messo a denunciare lo gnosticismo montante. Mi domando: di cosa hanno paura? Del risveglio delle coscienze? Temono di non riuscire più a irreggimentarle?

Intendiamoci: la spiritualità non può essere ingabbiata, recintata. Secondo me, l’umanità è destinata (in buona parte) a un grande balzo evolutivo, a una rinascita della coscienza, a una nuova consapevolezza. E questo la porterà davvero ad evolversi, e a liberarsi finalmente da tante catene e da tanti condizionamenti. Il che spaventa enormemente il potere. E’ probabile che ci sarà il tentativo di creare nuovi movimenti di stampo new age, riadattati al presente, per cercare di ingabbiare le persone. E invece, secondo me, oggi possono nascere nuove, grandi correnti spirituali, di portata epocale. Perché siamo veramente a un momento di svolta. Chi vivrà vedrà, ma a mio parere assisteremo a eventi incredibili. Se ci sarà un risveglio della consapevolezza, ci sarà anche un balzo in avanti della società, sotto tutti gli aspetti: un salto quantico, dal mondo scientifico fino alla dimensione del sociale. C’è solo da augurarselo. Prima, però, deve cadere questa impalcatura malvagia, legata all’anti-umanesimo.

(Nicola Bizzi, “La spiritualità della nuova era”: dichiarazioni rilasciate a Gianluca Lamberti il 14 novembre 2021, nella trasmissione “Il Sentiero di Atlantide”, sul canale YouTube “Facciamo Finta Che”).

Pubblicato su: https://www.libreidee.org/2021/11/sara-il-sole-a-svegliarci-lo-teme-la-religione-della-paura/

®wld

Great Reset: Il sacerdozio del tecno-totalitarismo

Lascia un commento

La rivoluzione di Davos e la ricostruzione della civiltà

Pubblicato da: Carl Teichrib e xx tramite Forcing Change

Carl Teichrib ci accompagna all’interno del meeting del 2021 del World Economic Forum con il Great Reset. Il sacerdozio del tecno-totalitarismo sta guidando la trasformazione globale in un’esistenza ultraterrena priva di scelte umane e dignità. ⁃ TN Editor

Il Grande Ripristino penzola davanti a noi: una partnership globale pubblico-privato che segue il percorso mistico dei sentimenti sociali, la sacra scrittura della politica del consenso e gli auto-consacrati profeti della finanza internazionale … tutti vegliati dai sacerdoti della tecnologia digitale. È il sistema operativo della New Age collettiva, una rivoluzione algoritmico-tecnocratica – massima efficienza per un’armonia gestita – e, naturalmente, è tutto per il “bene superiore”.

“Una crisi è un evento produttivo.” – Guy Parmelin, Presidente della Confederazione Svizzera.

Dagli anni ‘1970, la comunità sciistica di Davos, in Svizzera, è stata spesso un luogo di ritrovo per le élite globali durante il mese di gennaio. Ospitata dal World Economic Forum, un’organizzazione a cui è stato concesso uno status speciale dal governo svizzero, la conferenza di Davos riunisce una serie di power-broker selezionati; governatori di banche centrali, finanzieri internazionali, capi di stato, leader delle Nazioni Unite, amministratori delegati delle più grandi società e personalità dei media ben piazzate. Essere un “uomo di Davos” in genere significa che hai abbracciato una prospettiva internazionale e hai la capacità di influenzare i cambiamenti a lungo termine nella cultura politica ed economica. Fai parte di un club d’élite con il compito auto-consacrato di orientamento cambiamento globale.

A causa delle complicazioni di Covid, la riunione annuale del WEF di quest’anno è stata posticipata e da allora è stata riprogrammata con la speranza di riunirsi a Singapore alla fine di agosto. Tuttavia, l’ultima settimana di gennaio 2021 è stata ancora testimone di un evento significativo del WEF; una conferenza virtuale intitolata Agenda di Davos, che potrebbe essere monitorato dal vivo da chiunque sia disposto a prendersi il tempo.

Qual è stato il fulcro di questo incontro online? Il grande ripristino.

Prima di andare oltre, è importante notare che questo articolo graffia solo la superficie di ciò che è accaduto. E come potrebbe fare altro che? Il Agenda di Davos è durato cinque giorni, ciascuno della durata di 10-12 ore e con la maggior parte delle fasce orarie in cui si tenevano dibattiti multipli e simultanei. Per darvi un’idea del programma, il primo giorno – lunedì 25 gennaio – ha avuto un totale di 29 sessioni individuali. Era un sovraccarico di informazioni.

Va anche detto che non tutti quelli che hanno partecipato ufficialmente erano sulla stessa pagina del Forum economico mondiale. Ad esempio, Benjamin Netanyahu ha tenuto un discorso delineando come ha risolto intenzionalmente la burocrazia per garantire le vaccinazioni Covid, assicurandosi che la sua nazione avesse le forniture di cui aveva bisogno. Il suo approccio non si adattava al consenso del WEF sulla “solidarietà del vaccino”, per agire a livello globale di fronte ai propri interessi nazionali – dopotutto, come ha spiegato un altro oratore, “il vaccino deve essere un bene pubblico”. La frase “nazionalismo vaccinale” è stata usata per tutta la settimana, un termine dispregiativo per coloro che cercavano obiettivi di salute nazionale al di sopra della collaborazione globale.

Un altro esempio è stato il ministro degli Esteri brasiliano, Ernesto Araujo, che ha pubblicamente incoraggiato gli Stati Uniti a mantenere la rotta come “superpotenza della libertà”. Araujo ha continuato dicendo che il Brasile desiderava un’economia aperta basata sulla libertà, osservando che ciò avrebbe sfidato l’emergere globale di un crescente “tecno-totalitarismo”.

“Non sono un grande fan del concetto di Great Reset”, ha dichiarato Araujo, spiegando che mentre in generale sosteneva idee come lo sviluppo sostenibile, c’era un problema. Al Great Reset mancavano “libertà e democrazia”.

La maggior parte degli altri, tuttavia, erano a bordo o in altro modo giocavano al gioco.

Il presidente della Cina, Xi Jinping – introdotto da Klaus Schwab, fondatore del WEF – ha sottolineato l’azione collaborativa; dobbiamo creare un modello economico nuovo e globale, dobbiamo “abbandonare i pregiudizi ideologici e seguire insieme un percorso di pacifica convivenza” e dobbiamo portare “prosperità per tutti”. Un “futuro condiviso per l’umanità”, ha spiegato, è necessario. Ciò includerebbe il rafforzamento della governance economica globale, l’impegno a rispettare il sistema di diritto mondiale delle Nazioni Unite e il sostegno all’Organizzazione mondiale della sanità mentre costruisce “una comunità globale di salute per tutti”. Ma chi aprirà la strada?

Il resto del suo discorso si è concentrato su come la Cina, in quanto “paese socialista moderno”, sta aprendo la strada, compresa l’iniziativa Belt and Road e la promozione di un “nuovo tipo di relazioni internazionali”. Il suo discorso si è concluso con parole di solidarietà,

“C’è solo una Terra e un futuro condiviso per l’umanità. Mentre affrontiamo la crisi attuale e ci sforziamo di rendere una giornata migliore per tutti, dobbiamo essere uniti e lavorare insieme. Ci è stato dimostrato più volte che mendicare il tuo vicino, andare da solo e scivolare in un isolamento arrogante fallirà sempre. Uniamoci tutti per mano e lasciamo che il multilateralismo illumini la nostra strada verso una comunità con un futuro condiviso per l’umanità”.

Klaus ha risposto ringraziando Xi Jinping per “un discorso così importante, che in questo movimento cruciale della storia, ci fornisce un quadro veramente completo per plasmare il futuro”.

La Cina è stata spesso applaudita durante il Agenda di Davos, ammirato per il suo balzo in avanti digitale. Ma c’erano alcune preoccupazioni, anche se inquadrate in una visione del mondo globalista.

Ad esempio, poche ore dopo che il leader cinese ha parlato, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha sottolineato la crescente spaccatura tra Cina e Stati Uniti, rilevando che entrambi i paesi stavano dividendo il mondo con le loro agende separate. Quello che era necessario, ha detto, era “un’economia globale con rispetto universale per il diritto internazionale”.

Un’altra performance da star è stata di Ursula von der Leyen, il presidente della Commissione europea. Ci sono voluti solo pochi minuti prima che schiaffeggiasse l’ex amministrazione Trump, dicendo: “la democrazia stessa potrebbe essere stata danneggiata in modo permanente negli ultimi quattro anni”. E come altri durante la settimana, ha collegato Covid al cambiamento climatico. Ursula era chiara; “Dobbiamo imparare da questa crisi. Dobbiamo cambiare il modo in cui viviamo e facciamo affari “.

Il suo discorso ha indicato il Green New Deal europeo, la spinta dell’UE per la neutralità del carbonio entro il 2050 e il modo in cui le società private dovranno affrontare una maggiore diligenza normativa. Per quanto riguarda la governance digitale, poiché è fondamentale che le piattaforme online frenino le fake news mentre affermano la democrazia, Ursula ha chiesto agli Stati Uniti di aderire all’UE e, insieme, creare un regolamento digitale mondiale “basato sui nostri valori”.

Tutto quanto sopra – come la prima collaborazione pandemica tra l’UE, il WEF e la Fondazione Gates – rappresenta il modo in cui “l’Europa è determinata a contribuire a questo bene comune globale”. Alla fine del suo discorso preparato, ha affermato a Schwab che saranno necessarie nuove alleanze: “Questo è ciò per cui lavoreremo – e so di poter contare su te e sul Forum economico mondiale per aiutarci a costruirlo”.

Schwab era entusiasta, dicendo in seguito che questo discorso rappresentava il significato pratico del Grande Reset. Ha parafrasato un take-away; ciò di cui abbiamo bisogno è un “sistema di governance sociale basato sui valori” connesso tramite un web digitale.

Con il ripristino in mente, il Agenda di Davos incentrato su sette argomenti interconnessi: “Come salvare il pianeta”, “Economie più giuste”, “Tecnologia per il bene”, “Società e futuro del lavoro”, “Affari migliori”, “Futuri sani” e “Oltre la geopolitica”. Una montagna di spunti di discussione è emersa da questi temi avvolgenti. Tuttavia, ne evidenzieremo solo alcuni:

1. Covid: Parlando della pandemia, Li Xin della Caixin Media con sede in Cina, ci ha detto che questa “crisi non dovrebbe essere sprecata”. Nemmeno lo era. Ci è stato costantemente ricordato che Covid ha rivelato la nostra interdipendenza mentre indicava il problema del nazionalismo. I vecchi valori e convenzioni non funzionano più; la catena di approvvigionamento globale deve essere digitalizzata, l’Organizzazione mondiale della sanità deve essere responsabilizzata, abbiamo bisogno di un sistema sanitario universale, ci deve essere un programma centralizzato per mettere in comune i dati sanitari nazionali e la ripresa economica dovrebbe essere legata ai criteri di vaccinazione.

“Avrai bisogno del vaccino anno dopo anno, anno dopo anno”, ci è stato detto.

2. Clima: Se Covid era la nostra crisi esistenziale, il clima è la nostra emergenza planetaria. E per affrontare questa presunta sfida planetaria, il mondo deve perseguire una significativa riduzione delle emissioni di carbonio, fino allo zero netto entro il 2050 al più tardi. Ciò richiede niente di meno che una revisione completa della produzione di energia, del settore dei trasporti, di tutta l’industria e in particolare dell’agricoltura e del nostro comportamento personale.

Lo zero netto non è un esercizio astratto. La Nuova Zelanda e il Regno Unito hanno già approvato una legislazione che li vincola allo zero netto entro il 2050 e proposte simili sono sul tavolo in Canada, Corea del Sud e Unione europea. Inoltre, il Gruppo dei Trenta – un organo consultivo di alto livello composto dalle figure più influenti nel settore delle banche centrali e dei finanziamenti internazionali, molte delle quali con collegamenti WEF – sta spingendo per lo zero netto attraverso lo spettro dell’attività economica globale. [1] Negli Stati Uniti, solo pochi giorni dopo Davos, le Accademie Nazionali hanno pubblicato il loro rapporto sulla decarbonizzazione – “un progetto tecnico e un manuale politico” – creando così una tabella di marcia per lo zero netto entro la metà del secolo. [2] E sì, ci sono collegamenti di lavoro tra le Accademie e il WEF.

Quindi non è stata una sorpresa che il 27 gennaio, il terzo giorno del Agenda di Davos – John Kerry, inviato speciale per il clima del presidente Biden, ha ricordato al pubblico del WEF come il suo governo stia “rendendo il clima centrale per la pianificazione della politica estera e la preparazione alla sicurezza nazionale”. Kerry ha spiegato che “un futuro a zero emissioni” porterà nuove opportunità per una crescita verde: “Per usare le parole del presidente, per ‘ricostruire meglio’ dalla crisi economica globale”.

Kerry ha ribadito che il clima è responsabilità di tutti: “Il mondo intero deve venire a questo tavolo per risolvere il problema”.

3. Giustizia sociale: Un mondo inclusivo per tutti era il mantra – a meno che, ovviamente, non siate d’accordo con il consenso globale. Tuttavia, i temi della giustizia sociale sono direttamente collegati alla struttura del Grande Reset. Dalle questioni razziali alle rivendicazioni di genere, la giustizia sociale lascia il segno. Tuttavia, è necessario prendere in considerazione una serie di altri giudici, come l’eco-giustizia, la giustizia climatica e la giustizia dei vaccini. Ciascuna di queste questioni di giustizia era collegata, in una certa misura, alla struttura di Reset che si stava sviluppando.

Nel pannello sulla creazione di un nuovo contratto sociale, giustizia economica era davanti e al centro. Deve entrare in gioco un Fondo di protezione sociale globale, abbinando la riduzione del debito internazionale a un’economia sociale universale di “salari viventi e comunità viventi”. Nello stesso pannello, James Quincey, CEO di Coca-Cola, ha descritto come la sua azienda si sta occupando della giustizia sociale modellando un ecosistema economico interno, razziale / sociale. Inoltre, le società leader del settore devono influenzare le aziende più piccole a seguire l’esempio, in particolare quelle nelle loro catene di approvvigionamento. Interi settori devono riallineare i loro modelli economici alle priorità della giustizia sociale, e questa è l’essenza dello Stakeholder Capitalism.

4. Capitalismo degli stakeholder: A differenza del capitalismo degli azionisti modellato dai proprietari delle società e dalle forze di mercato dirette, capitalismo delle parti interessate adotta un approccio sociale. Dall’inizio degli anni ‘1970, Schwab è stato un sostenitore del modello degli stakeholder. Allora era principalmente orientato a incorporare gli interessi del lavoro, dei sindacati e del governo nel processo decisionale aziendale. Oggi, Schwab sta spingendo in modo aggressivo una visione più grandiosa: il capitalismo al servizio del pianeta sostenendo le cause sociali.

In un articolo del WEF pubblicato pochi giorni prima del Agenda di Davos, Schwab ha scritto,

  “Il pianeta è quindi il centro del sistema economico globale e la sua salute dovrebbe essere ottimizzata nelle decisioni prese da tutti gli altri stakeholder.

   La stessa interconnessione può essere osservata per le persone che vivono sul pianeta … spetta a tutti noi come cittadini globali ottimizzare il benessere di tutti”.

In altre parole, il capitalismo si piega alle richieste di gruppi di interesse speciale e “governo verde”. Imprese, industrie e settori, comprese le istituzioni finanziarie, devono modificare i loro modelli di business per apprezzare e accelerare queste nuove norme globali.

Come verrà accertato?

Nel settembre 2020, il WEF ha pubblicato il suo Libro bianco, Misurare il capitale degli stakeholderm, che prevedeva uno standard comune per la “creazione di valore sostenibile”. [3] Ciò che è emerso è stato un insieme di principi e parametri di riferimento che si fondono attorno a tre titoli: ambientale, sociale e governance (ESG). Nel complesso, il quadro ESG deve combaciare con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Per dirla in un acronimo, il processo ESG è il meccanismo del WEF per raggiungere gli SDG.

La difesa dell’ESG sono quattro pilastri: governance, pianeta, persone e prosperità. A supportare queste quattro categorie ci sono 21 metriche principali, insieme a 34 metriche estese per consentire un audit più approfondito, perché questo è essenzialmente ciò che sta accadendo, un audit per garantire la conformità e la cooperazione. Pertanto, ogni metrica funge da nodo di informazioni in un processo di revisione dettagliato e, utilizzando questo strumento, le imprese e le istituzioni possono misurare il proprio scopo e comportamento, tenendo conto delle questioni ambientali e delle aspettative sociali.

Il consiglio ha una rappresentanza di genere e minoranza? Ha preso in considerazione il rischio climatico e quali politiche interne sono state implementate per raggiungere lo zero netto? Quanta terra possiede l’azienda e qual è il suo rapporto con le aree chiave della biodiversità? Salario, età e categorie di occupazione di genere, supporto sanitario, contratti collettivi, consumo di acqua, investimenti nella comunità e livelli di tassazione; l’elenco è lungo e comprende dettagli finanziari, consumo di energia, relazioni con la catena di approvvigionamento, smaltimento dei rifiuti, attività di lobbying, etica sociale e indicatori di diversità e così via.

La traiettoria della corporate governance, quindi, non sarà più “business as usual”. La governance, piuttosto, dovrà sollecitare e incorporare il contributo delle parti interessate che approvano, inclusi gruppi di interesse speciale, sindacati e associazioni di lavoratori, dipartimenti governativi e agenzie internazionali. In altre parole, il capitalismo degli stakeholder è un planetario partenariato pubblico-privato che fa perno sulla licenza sociale.

Dopo che il processo ESG sarà completo e soddisfacente, la tua “azienda orientata allo scopo” sarà certificata all’interno di un ecosistema globale di regolatori e associazioni di settore. Questo stato sarà la chiave per sbloccare fondi di investimento, prezzi assicurativi favorevoli e riconoscimento positivo da parte dei consumatori. Senza raggiungere i benchmark ESG, tuttavia, la tua azienda potrebbe essere tagliata fuori da licenze, fonti di finanziamento, catene di approvvigionamento, contratti governativi o accesso al mercato. Attualmente, l’ESG esiste come criterio di screening utilizzato da alcuni investitori, ma l’agenda del WEF si estende in un ambito più ampio e permanente.

Finché la tua attività rispetta la narrativa globale, la tua azienda può fare soldi. Chi non gioca a palla verrà espulso dal gioco.

Benvenuto nella “cultura dell’annullamento aziendale”.

5. Digitalizzazione: Niente di meno che un impegno totale e globale sarà sufficiente se vogliamo salvare il pianeta, o almeno così recita la narrativa. Pertanto, abbiamo bisogno di nuovi potenti strumenti per gestire la nostra strada da percorrere. La digitalizzazione diventa il legame che lega e i dati la linfa vitale della nostra nuova era tecnocratica.

In questa visione non troppo futuristica, le informazioni raccolte dalle nostre scelte di vita verranno aggregate, analizzate e utilizzate per modificare i comportamenti per risultati planetari. Uno di Davos i temi erano “Città intelligenti”, sottolineando che le zone urbane sono ricchi ecosistemi di informazioni. Ecco una possibilità emergente: nelle nostre “città intelligenti”, i sensori stradali parleranno con le auto intelligenti e le app di pagamento riceveranno una notifica del tuo movimento, deducendo automaticamente le tasse sul carbonio o i crediti di viaggio dal tuo account. Non è certo inverosimile.

La traiettoria complessiva è una più profonda integrazione con l’intelligenza artificiale, le valute digitali della banca centrale, le reti di dati sanitari universali, le catene di approvvigionamento intelligenti e una maggiore automazione. Imprese ancora più grandi sono davanti a noi: attraverso le tecnologie blockchain, tutto ciò che può essere catalogato ha il potenziale per diventare un asset assegnato numericamente. Pertanto, il ciclo di vita di qualsiasi cosa può essere teoricamente tracciato, dalla risorsa grezza al produttore al punto di consumo. Anche tu puoi diventare un numero nell’era dell ‘”armonia gestita”.

Ciò che non è armonioso, tuttavia, è il pensiero e il comportamento contrari, qualsiasi cosa non allineata con le narrazioni globali approvate. Valori conservatori, determinazione nazionale e nozioni tradizionali di sovranità, diritti personali legati alla proprietà privata: se tali concetti e credenze sono antitetici al Grande Reset, allora fanno parte del grande problema.

L’ultimo giorno, il senatore americano Gillibrand ha chiesto la responsabilità per quanto riguarda i mezzi di informazione di destra. Inoltre, ha sottolineato la necessità di una supervisione delle piattaforme di social media, ritenendoli responsabili del fatto che i messaggi di destra proliferino. Ha poi affermato queste posizioni facendo appello alla sua fede; che abbiamo bisogno di amarci l’un l’altro.

Per i cristiani conservatori, l’idea del Great Reset colpisce qualcosa di più profondo dei punti di discussione. La vera domanda diventa quella della salvezza. Chi alla fine salva il mondo? Gesù Cristo è il nostro messia o l’umanità collettiva si riscatta salvando il pianeta? Sembra che siamo a un bivio di Romani 1, di fronte alla questione dell’adorazione e del servizio della creazione, o il Creatore.

E così, il Reset penzola davanti a noi: una partnership globale pubblico-privato che segue il percorso mistico dei sentimenti sociali, la sacra scrittura della politica del consenso e i profeti della finanza internazionale … tutti sorvegliati e guidati dai sacerdoti della tecnologia . È il sistema operativo della New Age collettiva, una rivoluzione algoritmico-tecnocratica – massima efficienza per un’armonia gestita – e, naturalmente, è tutto per il “bene superiore”.

Forse vale la pena considerare le preoccupazioni espresse dal ministro degli Esteri brasiliano – i pericoli incombenti di un crescente tecno-totalitarismo.

Leggi la storia completa qui …

®wld

Older Entries