Home

LA CYBERWAR É IMMINENTE E AVRÀ CONSEGUENZE SU TUTTI

1 commento

LA CYBERWAR É IMMINENTE E AVRÀ CONSEGUENZE SU TUTTI, AD AFFERMARLO IL CEO DELLA SOCIETÀ CHE HA SCOPERTO L’HACK DI SOLARWINDS

By Redazione

La società di sicurezza informatica FireEye ha avvertito gli americani che saranno presi di mira dal prossimo grande attacco informatico, che lo sappiano o meno. Seguiranno catene di approvvigionamento interrotte e il caos delle reti cellulari e l’interruzione di Internet.

“ Nel prossimo conflitto i cui i guanti si sfileranno nel cyber, il cittadino verrà trascinato dentro, che lo voglia o no. Punto “, ha detto domenica ad Axios il CEO di FireEye Kevin Mandia su HBO. “Le persone non sanno nemmeno tutte le cose da cui dipendono. All’improvviso la catena di approvvigionamento inizia a subire interruzioni perché i computer non funzionano “, ha continuato, minacciando gli spettatori con la sua descrizione di una discesa rapida e incontrollabile nel caos.

Sottolineando che qualcosa di meno della protezione totale a 360 gradi è inutile, ha aggiunto che ” Bloccare il 99,99999999 percento di tutti gli attacchi significa che verrai compromesso ovunque. 

Se puoi essere hackerato, sarai hackerato.

“ Non c’è una vera fine alla sicurezza informatica. Devi perseguirla ogni giorno“, ha dichiarato Mandia in quello che sembrava un discorso molto costoso per i servizi della sua azienda.

L’assenza di ” regole ” chiare o una giustificazione per quando e come reagire data la quasi impossibilità di determinare la responsabilità anche per un semplice hack – per non parlare della mappa tentacolare di SolarWinds – incoraggerebbe solo gli aggressori a continuare il loro lavoro, ha avvertito Mandia , suggerendo che gli aggressori semplicemente alzano la posta. I continui attacchi degli hacker ” ci lascerebbero scioccati ma non sorpresi “, ha detto, pur suggerendo che i rivali degli Stati Uniti nel cyberspazio non accetterebbero mai le ” regole sullo spionaggio ” e che sarebbe del tutto inutile tentare.

FireEye è stata la prima azienda a esporre pubblicamente l’hack di SolarWinds a gennaio, che ha visto fino a 18.000 clienti della società di gestione della rete compromessi a causa dell’implementazione di backdoor digitali nelle loro reti. Tuttavia, il 30% delle vittime di attacchi informatici non utilizzava affatto SolarWinds, ma utilizzava invece programmi con vulnerabilità simili come il software di cloud computing di Microsoft. Si ritiene che l’attacco sia iniziato a settembre 2019 e non è chiaro come l’azienda sia riuscita a non accorgersene per così tanto tempo. Gli esperti di sicurezza informatica l’hanno considerata una delle peggiori violazioni mai registrate, anche se i dettagli su cosa esattamente (semmai) è stato preso o altrimenti modificato rimangono confusi.

Mentre le agenzie di intelligence statunitensi hanno affermato che l’hack di SolarWinds è stato ” probabilmente di origine russa “, la dichiarazione congiunta rilasciata a gennaio non ha fornito alcuna prova a sostegno di tale suggerimento. L’attacco ha spaventato le società di software che si affidano a una catena di fornitori di software a monte per costruire il framework su cui gira il proprio software, lasciando dietro di sé una crisi di fiducia anche se gli utenti finali rimangono beatamente inconsapevoli della catastrofe.

Nel frattempo, il CEO del World Economic Forum Klaus Schwab ha avvertito a novembre che una nuova ” cyber-pandemia ” potrebbe sminuire l’epidemia di Covid-19 in termini di danni causati. Un simile attacco potrebbe ” porre un arresto completo alla fornitura di energia elettrica, ai trasporti, ai servizi ospedalieri, alla nostra società nel suo insieme “, ha annunciato Schwab in un video discorso, esortando i governi a ” utilizzare la crisi del Covid-19 come un’opportunità tempestiva per riflettere su le lezioni che la comunità della sicurezza informatica può trarre e migliorare la nostra impreparazione a una potenziale pandemia informatica. 

Il WEF sta collaborando con le principali società finanziarie come Visa e Sberbank, giganti della tecnologia come IBM e Mobile Telesystems e persino Interpol per ” mitigare un attacco mirato alla catena di approvvigionamento su un ecosistema aziendale ” a luglio. Le simulazioni del WEF hanno una strana tendenza a rispecchiare i successivi disastri mondiali, come potrebbero ricordare i partecipanti all’evento 201 di novembre 2019, che ha simulato una devastante pandemia di coronavirus.

Sempre su SolarWinds:

Fonte: https://www.databaseitalia.it/la-cyberwar-e-imminente-e-avra-conseguenze-su-tutti-ad-affermarlo-il-ceo-della-societa-che-ha-scoperto-lhack-di-solarwinds/

Canale Telegram: https://t.me/databaseitalia

Correlati:

La guerra al virus segna l’inizio di una nuova epoca storica, in cui niente sarà come prima

Klaus Schwab sta cercando di creare la Quarta Rivoluzione Industriale o sta cercando di creare il Quarto Reich?

I SEMI OGM SONO GIÀ OBSOLETI?

®wld

IL BRACCIO OPERATIVO DEL DEEP STATE.

Lascia un commento

(annadoss) Ricevo da Anna Dossena e pubblico

PROGETTI, OPERAZIONI ED ESPERIMENTI SONO, DA SEMPRE, FINALIZZATI ALLA MANIPOLAZIONE E CONTROLLO DELLA MENTE UMANA E DELL’AMBIENTE. 

L’UNICO OBIETTIVO È MANTENERE IL CONTROLLO RENDENDOCI SCHIAVI INCONSAPEVOLI=DORMIENTI. 

Vediamone alcuni: 

🔹️PROGETTO BLUEBIRD:

Sperimentazione illegale su esseri umani https://it.m.wikipedia.org/wiki/Progetto_MKULTRAhttps://marisagiudice.com/tag/progetto-bluebird/ 

🔹️PROGETTO BLUEBEAM:

Ingannevoli Proiezioni olografiche di un invasione aliena con arrivo del falso Messia. http://www.marcovuyet.com/ALARMA%20BLUE%20BEAM.htmhttps://oggiscienza.it/2019/07/15/progetto-blue-beam/ 

🔹️MK- NAOMI:

arsenale di armi batteriologiche  https://las0rgente.net/tag/mk-naomi/ 🔹️MK-ULTRA:Programma di Controllo mentale https://www.wired.it/scienza/medicina/2016/08/26/mkultra-controllo-mentale-cia/

🔹️PROGETTO MONARCH:

Prosecuzione Mk-Ultra per il controllo mentale  https://las0rgente.net/tag/mk-naomi/ 

🔹️OPERAZIONI CAOS:

operazione di  False flag= creare il caos, in modo che l’opinione pubblica ne chiedesse al governo la repressione. http://www.guardareavanti.info/marcosacchi/OPERAZIONECHAOS.htm 

🔹️OPERAZIONE GLADIO:

E’ un’organizzazione segreta con l’obiettivo di rimodellare il mondo a propria immagine. https://www.lintellettualedissidente.it/controcultura/storia/operazione-gladio-storia-cia-complotto/http://win.storiain.net/arret/num153/artic6.asp 🇮🇹 

🔹️OPERAZIONE MOCKINGBIRD:

manipolazione dei mezzi di informazione a fini della propaganda. La CIA finanziava organizzazioni studentesche e culturali e riviste come organizzazioni di facciata. http://www.eleonoramora.se/it/2020/04/10/this-is-what-mind-control-looks-like-this-is-operation-mockingbird/ 

🔹️OPERAZIONE PAPERCLIP:

Nazisti tedeschi arruolati dagli americani  https://www.ilpost.it/2020/06/20/scienziati-nazisti-operazione-paperclip/ 

🔹️OPERAZIONE NORTHWOODS:

la CIA creava le condizioni per aver il sostengo degli americani e quindi giustificare le rappresaglie contro Cuba. https://www.cubainformazione.it/?p=27503 

🔹️OPERAZIONE RANCH HAND

Durante la Guedel Vietnam, la CIA utilizzò aerei per spruzzare di defolianti ed erbicidi oltre zone rurali del Vietnam del Sud, nel tentativo di privare il Viet Cong di cibo e vegetazione di copertura.  https://it.qwe.wiki/wiki/Operation_Ranch_Hand 

🔹️OPERAZIONE POPEYE:

Manipolazione Climatica https://it.m.wikipedia.org/wiki/Operazione_Popeye

🔹️COINTELPRO:

Cointelpro (Portmanteau derivato da CO unter INTEL ligence PRO grammo) (1956-1971) fu una serie di segreto , ea volte illegali, progetti condotti dagli Stati Uniti Federal Bureau of Investigation (FBI) volto a sorvegliare, infiltrandosi, discredito, e interrompendo nazionali organizzazioni politiche . https://it.qwe.wiki/wiki/COINTELPRO 

🔹️OPERAZIONE PROJECT SEAL:

l’esercito americano utilizzo’ ordigni capaci di provocare inondazioni Tsunami e terremoti.  https://www.nogeoingegneria.com/timeline/progetti/la-tecnolgia-ce-la-conoscienza-ce-terremoti-e-tsunami-si-puossono-creare/https://www.corriere.it/cronache/13_gennaio_03/test-segreti-bomba-tsunami_729496ac-55a9-11e2-8f89-e98d49fa0bf1.shtml 

🔹️PROGETTO STARGATE

Stargate Project era il nome in codice del 1991 per un’unità segreta dell’esercito americano fondata nel 1978 a Fort Meade , nel Maryland , dalla Defense Intelligence Agency (DIA) e SRI International (un appaltatore della California) per indagare sul potenziale di fenomeni psichici nell’intelligence militare e domestica. https://it.qwe.wiki/wiki/Stargate_Project

🔹️PROGETTO HIGHJUMP:

Spedizione segreta in AntartideUna Base nazista in Antartide sarebbe sopravvissuta alla Seconda Guerra Mondiale e ospiterebbe, forse ancor oggi, i discendenti dei gerarchi e dei criminali di guerra tedeschi. https://scienzamagia.eu/misteri-ufo/operazione-high-jump-e-le-missioni-di-hitler-in-antartide/ 

🔹️OPERAZIONE DELIRIUM:

Psicochimici sperimentati sui soldati e guerra fredda. https://www.npr.org/2012/12/11/166891159/operation-delirium-psychochemicals-and-cold-war 

🔹️PROGETTO RAINBOW:

Tecniche anti-radar https://it.qwe.wiki/wiki/Project_Rainbow 

🔹️OPERAZIONE MIDNIGHT CLIMAX:

Spionaggio illegale della CIA sui cittadini degli Stati Uniti e di come la CIA aveva condotto esperimenti di droga non consensuali. https://it.qwe.wiki/wiki/Operation_Midnight_Climax 

🔹️PROGETTO WOODPECKER:

riguarda il metodo di riscaldamento a risonanza del ciclotrone elettronico che è progettato per “alterare il campo magnetico terrestre … al fine di modificare il tempo, creare o innescare terremoti e vulcani, diffondere virus, creare il fenomeno noto come impulso elettromagnetico (EMP), e, per modificare il controllo del comportamento tra i popolosi”. https://www.sourcewatch.org/index.php/Project_Woodpecker

🔹️PROGETTO STAGATE-GRILL FRAME

:identifica le capacità e le vulnerabilità associate a fenomeni paranormaliaventi applicazioni militari. https://www.cia.gov/library/readingroom/document/cia-rdp96-00788r001100210002-6

🔹️SUN STREAK:

Progetto che testa la percezione sensoriale extra “psicoenergetica”. Il progetto è stato classificato dalla Defense Intelligence Agency (DIA) negli anni ’80.  https://ufo.fandom.com/wiki/Sun_Streak_Project

OGNI PROGETTO, OGNI OPERAZIONE DELLA CIA, PORTA LA FIRMA DELLA C A B A L A

#Q17aa 

Anna Dossena


®wld

TELEFONO OBBLIGATORIO?

Lascia un commento

 

Di: Dottor Roberto Slaviero collaboratore

21.04.20

Ho cercato sulla Carta Costituzionale, l’articolo di legge che preveda per ogni cittadino italiano, il possesso di un telefono cellulare, magari smart: con mio grande stupore non l’ho trovato! Infatti, anche se siamo in uno stato di golpe silenzioso, la Carta Costituzionale dei nostri Padri  Costituenti del dopoguerra, è ancora valida.

Che sia stata stracciata, in nome di un virus cinese, che comunque nel mondo, ha fatto meno morti della normale influenza stagionale, dovremo chiederlo in seguito a chi occupa i posti di garanzia costituzionale, nel nostro paese!

E dovranno rendercene conto; il popolo è sovrano e non come lo intendono i falsi oppositori di prima e di oggi…partiti politici in primis chiaramente!

Comunque, notizia di ieri, il Gov Zaia, renderà obbligatoria la App Immun, per tutti i cittadini residenti in Veneto; altrimenti non si potrà girare liberamente…il cattivo Covid vi aspetta in tutti gli angoli di piazze e bar, ristoranti e spiaggie e come una pulce vi salterà adosso!

Sull’applicazione di tale App e sui problemi di privacy etc, vi invito a guardare il video qui sotto:

https://www.youtube.com/watch?v=mqKyVj50T3c&feature=youtu.be

Mi sembra che vogliano adottare la stessa modalità di Singapore, mentre la Corea del Sud ha usato il sistema a Gps…in Cina non lo so.

Con tutto il rispetto per le popolazioni sopra citate, una domanda; VOLETE RIDURRE IL PAESE DELLA PIU’ GRANDE STORIA LETTERARIA, PITTORICA, RINASCIMENTALE UMANISTICA, A DEGLI AUTOMI CONTROLLATI ATTRAVERSO APP E DRONI?

Ma voi politici responsabili eletti, chi cazzo siete, a chi rispondete, a che interessi tirate la corsa?

State portando la nazione sul baratro, avete gestito malamente l’emergenza e adesso, che sapete che i soldi stanno finendo, perché se chiudi tutto, non entrano nelle casse, Iva ed imposte varie, per pararvi il culo e per riaprire tutto, causa fallimento, volete obbligare i cittadini alla delazione e tracciamento!

VERGOGNATEVI! E agli italiani che vi seguiranno dico; VERGOGNATEVI ANCORA DI PIU’… PECORE IDIOTE!

Non si baratta la libertà e la sacra indipendenza personale, per qualsiasi motivo, tanto più per una FALSA PANDEMIA!

Non siamo in guerra, svegliatevi! E se invece lo fossimo, allora giustizia morale direbbe di adottare, come negli Usa il Secondo emendamento;

 

«Essendo necessaria, alla sicurezza di uno Stato libero, una milizia ben regolamentata, il diritto dei cittadini di detenere e portare Armi non potrà essere infranto.»

https://it.wikipedia.org/wiki/II_emendamento_della_Costituzione_degli_Stati_Uniti_d%27America

 

Ieri Trump, lo ha evocato negli Usa per alcuni Stati, dove la popolazione è scesa nelle strade per protestare contro la chiusura da covid e alla perdita di lavoro!

Con rammarico si cominciano a vedere scene di forza pubblica, che entra nelle Chiese per bloccare le Messe o che inveisce su anziani per i 20 minuti di “aria libera“, che segue con i droni, gente che corre nei prati e che picchia ed arresta italiani incazzati e stufi, che scendono nelle strade ed alzano la voce.

Ma ragazzi, che cazzo succede, voi dovete stare dalla parte della popolazione per difenderla, non per offenderla!

Speriamo siano casi isolati di pochi facinorosi, teste calde ci sono dappertutto e tutti sono umani.

Abbassate i toni ed anche se siete stressati e vi pagano gli straordinari una vergogna, non incazzatevi con la gente comune, ma cercate di aiutarla.

Non contribuite a far cadere il paese nel caos e nella ribellione.

Se purtroppo abbiamo al comando gente incapace ed impreparata, casomai rivolgetevi a loro e fateli capire che le loro decisioni sono irrealizzabili o pericolose per l’ordine pubblico!

Lo capite che questa orribile farsa è orchestrata dalle multinazionali dei vaccini e della tecnologia estrema delle dittature mediatiche?

Volete schifarvi un pochettino e vedere in un audizione al Parlamento, cosa hanno trovato dei biologi nei vaccini, che inoculano da alcuni anni obbligatoriamente ai bambini? Prego signori, accomodatevi, c’è anche del Dna di scimmia nei vaccini

https://www.youtube.com/watch?v=QbYBfPZC62k&feature=youtu.be

Dovrebbe essere immediatamente sospesa la legge in vigore ed indagate le case produttrici e chi in Italia, non ha controllato bene ed analizzato, prima di decidere la dittatura vaccinale … ma nessuno fa e dice niente.

E adesso, sempre con la scusa di un virus, vi hanno rinchiuso in casa e vi vogliono rovinare finanziariamente e psichicamente!

Non avete reagito prima …dicevate…ma va dai…è giusto: bisogna proteggere tutti dai virus e batteri cattivi!

Ve l’ho già detto;

 

STATE DISPREZZANDO LA CREAZIONE ED IL VOSTRO SISTEMA IMMUNE!

AVETE PERSO LA FEDE NELLA VITA E NEL SUO MISTERO CRISTICO!

 

Il tempo stringe, tic tac…tic tac…l’orologio della distruzione del nostro modo di vivere e della nostra libertà procede inesorabilmente: e guardate che non arriva nessuno dal cielo per salvarvi, su nuvole od astronavi e sapete perché: perché la maggior parte di voi crede solo al dio denaro ed è corrotto e senza scrupoli, soprattutto chi gestisce la Res Publica

È utile partire, per comprendere il concetto di res publica, dalla definizione proposta da uno dei più grandi pensatori dell’età repubblicana, Marco TullioCicerone, nel suo trattato politico de re publica (I, 25, 39): «La res publica è cosa del popolo; e il popolo non è un qualsiasi aggregato di gente, ma un insieme di persone associatosi intorno alla condivisione del diritto e per la tutela del proprio interesse»[1].

https://it.wikipedia.org/wiki/Res_publica

DEL DIRITTO E PER LA TUTELA DEL PROPRIO INTERESSE

AVETE CAPITO?

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

I Sumeri, il popolo attraverso il quale tale alta forma di civiltà ha potuto realizzarsi

Lascia un commento

2015-PM-HERA-FEATb

 

DIVINITÀ DEL CIELO E DELLA TERRA

 

Come avvenne che dopo centinaia di migliaia e persino milioni di anni di lento e faticoso sviluppo umano, le cose cambiarono d’un tratto così completamente da trasformare dei nomadi primitivi, dediti alla caccia e alla raccolta di semi e frutti, in agricoltori stanziali e fabbricanti di terraglie, e poi in costruttori di case, ingegneri, matematici, astronomi, fabbricanti di metalli, musicisti, giudici, medici, scrittori, bibliotecari, sacerdoti? E potremmo andare ancora più avanti e domandarci, come ha fatto il professor Robert J. Braidwood (Prehistoric Men, «Gli uomini preistorici»): «Perché tutto questo è accaduto? Perché gli esseri umani non vivono ancora come nell’età della pietra?».

I Sumeri, il popolo attraverso il quale tale alta forma di civiltà ha potuto realizzarsi, avevano una risposta a questa domanda. Essa si trova incisa su una delle innumerevoli iscrizioni dell’antica Mesopotamia portate alla luce dagli scavi archeologici: «Tutto ciò che appare bello lo abbiamo fatto per grazia degli dèi». Gli dèi di Sumer, dunque. Ma chi erano? Erano forse simili agli dèi greci, che vivevano nella grande e maestosa casa di Zeus nei cieli: l’Olimpo, che corrispondeva, sulla Terra, al monte più alto della Grecia, il Monte Olimpo, appunto? I Greci descrivevano i loro dèi come essere antropomorfi, simili ai mortali nel fisico come nel carattere: sapevano essere arrabbiati e gelosi; si innamoravano, litigavano, combattevano;e, come gli esseri umani, procreavano, generavano figli attraverso rapporti sessuali tra loro o con i mortali.

Erano irraggiungibili, eppure costantemente presenti nelle faccende dell’uomo. Potevano coprire distanze enormi viaggiando a grande velocità, apparire e scomparire a loro piacimento; disponevano di armi dotate di un immenso e strano potere. Ognuno di loro aveva una funzione specifica e, di conseguenza, ogni specifica attività umana poteva essere influenzata, nel bene o nel male, dall’atteggiamento del dio preposto a quella particolare attività; i rituali di culto e le offerte agli dèi miravano quindi a ottenerne il favore.

La principale divinità dei Greci era Zeus, “Padre degli dèi edegli uomini”, “Signore del fuoco celeste”. Il suo simbolo e arma principale era il fulmine. Egli era il re dei cieli, ma “regnava” anche sulla Terra, prendeva decisioni e dispensava bene e male tra i mortali, eppure il suo dominio originario era nei cieli. Quello di Zeus non era il primo caso di commistione tra cielo e Terra. Nella mitologia greca – che altro non è che una mescolanza tra teologia e cosmologia – al principio di tutto vi era il Caos; poi apparvero Gea (la Terra) e il suo consorte Urano (il cielo), i quali generarono i dodici Titani, sei maschi esei femmine.

Questi compirono le loro imprese sulla Terra, sebbene si attribuisse loro anche una corrispondenza astrale. Crono, il maschio più giovane dei Titani, divenne la figura principale dell’Olimpo mitologico. Ottenne con la forza una posizione di supremazia sugli altri Titani, dopo aver evirato suo padre Urano; quindi, timoroso della reazione dei suoi fratelli, li imprigionò e poi li scacciò. Per questo fu maledetto da sua madre, che gli predisse che anch’egli avrebbe subito lo stesso destino di suo padre e sarebbe stato detronizzato dai suoi stessi figli. Crono si unì con sua sorella Rea e generò tre figli maschi e tre femmine: Ade, Poseidone e Zeus; Estia, Demetra ed Era. Ancora una volta, era destino che fosse il figlio più giovane a rovesciare suo padre e la maledizione di Gea si avverò quando Zeus detronizzò Crono, suo padre.

Il colpo di mano non fu, però, né facile né rapido: perparecchi anni, infatti, si susseguirono battaglie tra gli dèi e altri esseri soprannaturali, che culminarono con la lotta tra Zeus e Tifone, una divinità dalle sembianze di serpente. Fu una battaglia senza esclusione di colpi, che si svolse tanto sulla Terra quanto in cielo e che si concluse presso il Monte Casio,vicino al confine tra Egitto e Arabia – a quanto pare in qualche punto della penisola del Sinai. (vedi foto sotto)

 

zeus vs ade

 

Zeus, che aveva vinto la battaglia, fu riconosciuto come la divinità suprema, ma doveva dividere il potere con i suoi fratelli. Che sia stato dunque per scelta o, come dicono alcuni, affidandosi a un lancio di dadi, i tre giunsero a un accordo: Zeus avrebbe avuto il controllo dei cieli, il fratello maggiore Ade quello degli Inferi, mentre Poseidone avrebbe avuto il dominio dei mari. Anche se col tempo Ade e il suo territorio divennero sinonimo di Inferno, originariamente il suo dominio era collocato in una imprecisata zona “molto in basso”, che comprendeva terre deserte e paludose e zone bagnate da fiumi impetuosi.

Ade era considerato “l’invisibile”, colui che incute timore, rigoroso e austero. Poseidone, invece, era spesso rappresentato con in mano il suo simbolo, il tridente. Oltre a dominare i mari, egli era anche signore dell’arte, della sculturae della lavorazione dei metalli, e anche un mago particolarmente astuto. Se Zeus veniva visto, nella tradizione greca, come un dio severo con il genere umano, tanto da volerne, ad un certo punto, addirittura l’annientamento, Poseidone era invece considerato amico della stirpe umana, e anzi faceva di tutto per ottenere le lodi dei mortali.

I tre fratelli e le loro tre sorelle, tutti figli di Crono e Rea, costituivano la parte più antica della cerchia dell’Olimpo, il gruppo dei dodici Grandi Dèi. Gli altri sei erano tutti figli di Zeus e la mitologia greca tratta con molta precisione della loro genealogia e dei reciproci rapporti. Tutti gli dèi e le dee che si considerano figli di Zeus avevano madri diverse. Unitosi inizialmente con una dea di nome Meti, Zeus ebbe da lei una figlia, Atena, che divenne la dea della sapienza.

Ma poiché era stata anche l’unica a rimanere al fianco di Zeus durante il suo combattimento con Tifone, mentre tutti gli altri dèi erano scappati, Atena si vide attribuire anche doti marziali e divenne anche la dea della guerra. Essa era la “vergine perfetta” e non sposò nessuno; ma talvolta nei racconti mitologici viene associata a suo zio Poseidone, il quale, pur avendo come moglie ufficiale la dea che era anche la Signora del Labirinto sull’isola di Creta, non disdegnava sua nipote Atena come amante.

Zeus si unì poi ad altre dee, ma i figli che ebbe da loro non entrarono a far parte della cerchia dell’Olimpo. Quando ritenne che fosse giunto il momento di assicurarsi un erede maschio, Zeus si rivolse a una delle sue sorelle. La maggiore, Estia, era una specie di eremita – forse troppo vecchia o troppo malata per essere oggetto di attenzioni matrimoniali – e così Zeus non ebbe bisogno di molte scuse per scegliere Demetra, la sorella mediana, la dea della fertilità.

Ma, invece di un figlio maschio, essa gli generò una femmina, Persefone, che divenne moglie di suo zio Ade e con lui divise il dominio sul mondo degli Inferi. Deluso per non essere riuscito ad avere figli maschi, Zeus cercò amore e conforto in altre dee. Armonia gli diede nove figlie. Poi fu la volta di Leto, che gli diede una figlia femmina e un maschio, Artemide e Apollo, i quali vennero finalmente ammessi nel gruppo delle divinità maggiori.

Apollo, come primo figlio maschio di Zeus, fu una delle figure più importanti del pantheon ellenico, temuto dagli uomini come dagli dèi. Egli era colui che interpretava per imortali il volere di suo padre Zeus e perciò era la massima autorità in fatto di culto e di legge religiosa. In quanto rappresentante delle leggi morali e divine, era l’emblema della purificazione e della perfezione, tanto spirituale quanto fisica. Il secondo figlio di Zeus era Ermes, figlio della dea Maia. Protettore dei pastori, guardiano delle greggi e delle mandrie, egli meno importante di suo fratello Apollo, ma più vicino alle faccende umane; qualunque voltafaccia della fortuna veniva attribuito a lui.

Come dispensatore di fortuna, era il dio preposto al commercio, protettore di mercanti e viaggiatori. Ma il suo ruolo principale, nella mitologia come nell’epica, era quello di messaggero degli dèi. Spinto dalle tradizioni dinastiche, Zeus era ancora alla ricerca di un figlio maschio da concepire con una delle sue sorelle: si rivolse dunque alla più giovane, Era. Dopo averla sposata con un rito sacro e ufficiale, la proclamò regina degli dèi, la Madre Dea. Dal loro matrimonio nacque un figlio maschio, Ares, e due femmine, ma il rapporto era interrotto dalle continue infedeltà di Zeus e da una presunta infedeltà anche da parte di Era, che getta qualche dubbio sulla reale paternità di un altro figlio, Efesto.

Ares venne anch’egli ammesso tra i Grandi dell’Olimpo e divenne anzi il braccio destro di Zeus, il dio della guerra. Era rappresentato come l’emblema stesso della combattività, eppure era tutt’altro che invincibile: mentre combatteva dalla parte dei Troiani nella guerra di Troia, si procurò una ferita che solo Zeus potè guarire. Efesto, da parte sua, dovette lottare non poco per essere ammesso nell’Olimpo.

Egli era il dio della creatività, capace dicostruire oggetti magici per gli uomini e per gli dèi; a lui si doveva il fuoco delle fornaci e l’arte di lavorare i metalli. Secondo la leggenda, egli era nato zoppo e per questo fu scacciato dalla madre Era; un’altra versione, però, senza dubbio più credibile, attribuisce a Zeus la cacciata di Efesto, forse a causa della sua paternità incerta. Efesto, comunque, usò i suoi magici poteri creativi per costringere Zeus ad ammetterlo tra i Grandi Dèi.

La leggenda dice anche che un giorno Efesto costruì una rete invisibile che avrebbe circondato il letto di sua moglie se questo fosse stato scaldato da un amante; e in effetti una tale precauzione poteva non rivelarsi inutile, visto che sua moglie era Afrodite, dea dell’amore e della bellezza. Su di lei, naturalmente, si raccontavano numerose storie d’amore, molte delle quali riguardavano Ares, fratello di Efesto (uno dei frutti di questo amore illecito fu Eros, il dio dell’amore.) Afrodite fu ammessa tra i dodici Grandi Dèi dell’Olimpo e le circostanze di questa ammissione gettano luce su ciò di cui ci stiamo occupando. Afrodite non era né sorella né figlia di Zeus, eppure non poteva essere ignorata.

Essa proveniva dalle coste asiatiche del Mediterraneo di fronte alla Grecia (secondo il poeta greco Esiodo era arrivata attraverso Cipro) e si dice che fosse nata per opera di Urano stesso. Apparteneva dunque a una generazione precedente a quella di Zeus, essendo, per così dire, sorella di suo padre e incarnazione del progenitore degli dèi, colui che era stato evirato.

 

afrodite

 

Vedi figura sopra Afrodite, dunque, doveva essere inclusa tra gli dèi dell’Olimpo, senza tuttavia che fosse superato il numero complessivo di dodici. Come fare? Semplice: qualcuno doveva andarsene per far posto a lei, e questo qualcuno fu Ade. Poiché a lui era stato dato il dominio sugli Inferi, egli non poteva rimanere nell’Olimpo con gli altri dèi: ecco, dunque, che venivaa crearsi un posto libero, perfetto per essere occupato da Afrodite. Sembra proprio che il dodici fosse un requisito assolutamente imprescindibile per gli dèi dell’Olimpo: essi non dovevano essere di più, ma neanche meno di dodici, come dimostrano le circostanze che portarono all’ammissione di Dioniso nel circolo dell’Olimpo. Dioniso era frutto di una relazione adulterina di Zeus con la propria figlia Semele; dovendo nascondersi dal furore di Era, legittima moglie di Zeus, egli venne mandato in terre lontane – fino in India – e dovunque andò introdusse la pratica di coltivare la vite e diprodurre il vino.

Nel frattempo, nell’Olimpo si era creato un posto libero, poiché Estia, la sorella maggiore di Zeus, troppo vecchia e debole, era stata allontanata dal circolo dei dodici. Dioniso potè quindi tornare in Grecia e occupare il posto di Estia: gli dèi olimpici erano ancora una volta dodici. Sebbene la mitologia greca non sia troppo chiara riguardo all’origine del genere umano, leggende e tradizioni attribuiscono a eroi e re un’origine divina.

Questi semidèi rappresentavano il legame tra il destino umano – con le sue fatiche quotidiane, la dipendenza dagli elementi, le malattie, la morte – e un passato lontano e felice, quando sulla Terra si aggiravano soltanto gli dèi. E anche se, tra gli dèi, molti erano nati sulla Terra, il ristretto circolo dei dodici rappresentava, per così dire, l’aspetto “celestiale” del pantheon divino. Nell’Odissea si afferma che l’Olimpo si trovava nella “pura aria superiore”; i dodici dèi maggiori erano dèi del cielo che erano discesi sulla Terra e rappresentavano i dodici corpi celesti della” volta del cielo”.

I nomi latini che i Romani attribuirono agli dèi greci confermano questa sorta di associazione astrale: Gea divenne la Terra; Ermes, Mercurio; Afrodite, Venere; Ares, Marte; Crono, Saturno; e Zeus divenne Giove. Come per i Greci, anche per i Romani Giove era una divinità “tonante” armata di fulmine eassociata al toro (vedi figura sotto).

 

Toro.png

Inserisci una didascalia

Quasi tutti gli studiosi concordano ormai nell’affermare chele basi della civiltà greca siano da ricercare sull’isola di Creta, dove, tra il 2700 e il 1400 a.C. circa, fiorì la civiltà minoica.Nel complesso di miti e leggende che caratterizzano la civiltà minoica, un ruolo preminente è svolto dal “minotauro”, mezzouomo e mezzo toro, frutto dell’unione tra Pasifae, moglie di Minosse, e un toro.

Numerosi reperti archeologici confermano questo esteso culto minoico del toro, che in alcune raffigurazioni si presenta come un’entità divina accompagnata da una croce, simbolo, probabilmente, di qualche stella o pianeta non ancora identificato. Si pensa, quindi, che il toro che i Minoici adoravano non fosse il comune animale terreno, ma il Toro celeste – la costellazione del Toro, appunto – in onore diqualche evento che era avvenuto quando il Sole, all’equinozio di primavera, era apparso in quella costellazione, intorno al 4000 a.C. (vedi figura sotto).

 

Immagine

Secondo la tradizione greca, Zeus arrivò in Grecia via Creta,da dove era fuggito, attraverso il Mediterraneo, dopo averrapito Europa, la bellissima figlia del re di Tiro, la città fenicia. In effetti, quando Cyrus H. Gordon riuscì a decifrare il più antico scritto in lingua minoica, fu dimostrato che si trattava di «un dialetto semitico originario delle coste del Mediterraneo orientale».

I Greci, infatti, non avevano mai detto che i loro dèi olimpici fossero arrivati in Grecia direttamente dal cielo. Zeus, come abbiamo visto, era arrivato attraverso il Mediterraneo, via Creta. Poseidone (Nettuno per i Romani) arrivò a cavallo dall’Asia Minore. Atena portò “l’olivo, fertile e spontaneo” in Grecia dalle terre bibliche. Non vi è dubbio che le tradizioni e i culti religiosi elleni ci siano arrivati in Grecia dal Vicino Oriente, attraverso l’Asia Minore e le isole del Mediterraneo.

È qui, dunque, che vanno ricercate le radici del pantheon dei Greci, le origini dei loro dèi e le relazioni astrali con il numero dodici. L’induismo, l’antica religione dell’India, considera i Veda – composizioni formate da inni, formule sacrificali e altri detti riguardanti gli dèi – come scritture sacre, “non di origine umana”: gli dèi stessi le avrebbero composte in un’età precedente a quella attuale.

Con il passare del tempo, però, degli originari 100.000 e più versi tramandati oralmente di generazione in generazione, gran parte andò perduta, finché un saggio decise di scrivere i versi che ancora rimanevano, li suddivise in quattro libri e li affidò a quattro dei suoi discepoli, perché ne conservassero uno ciascuno.

Quando, nel XIX secolo, gli studiosi cominciarono adecifrare le lingue antiche e a individuarne le reciproche interconnessioni, si accorsero che i Veda erano scritti inun’antichissima lingua indoeuropea, antenata del sanscrito – dalla cui radice sarebbe poi nato l’indiano – del greco, del latino e delle altre lingue europee.

Quando poi furono finalmente ingrado di leggere e analizzare i Veda, rimasero molto sorpresi di vedere le indubbie analogie tra i racconti vedici sugli dèi e quelli dei Greci. Gli dèi, secondo i Veda, erano tutti membri di un unico, non necessariamente tranquillo, gruppo familiare.

In mezzo airacconti di salite al cielo e discese sulla Terra, battaglie celestia suon di armi portentose, amicizie e rivalità, matrimoni e infedeltà, sembra esservi stata anche una certa preoccupazione di indicare i principali rapporti genealogici: chi era il padre e chi il figlio, qual era il primogenito e di chi, ecc. Gli dèi sulla Terra erano originari del cielo, e i principali tra essi, anche sulla Terra, continuavano a rappresentare la corrispondenza con corpi celesti.

Continua …

Di ZECHARIA SITCHIN IL PIANETA DEGLI DEI
(The 12th Planet,1976) – Capitolo terzo

 

®wld

La Caduta degli Imperi – Molto prima del riscaldamento globale

Lascia un commento

 

GRANDI MINIMI SOLARI E LA CADUTA DEGLI IMPERI

 

Di Capp Allon – 11 Ottobre 2018

La Terra sta gradualmente scivolando nella sua prossima era glaciale – e lo ha fatto negli ultimi 10.000 anni – ora la civiltà moderna è al culmine di una caduta stratosferica, e ha tutto a che fare con il sole.

Le società prosperano durante i periodi caldi e di alta attività solare – i periodi di riscaldamento minoico, romano e medievale ne sono una testimonianza.

 Le civiltà sono costruite su un presunto clima costante e prevedibile che arriva con i grandi massimi solari, e la dipendenza dell’uomo dalle proprie fragili infrastrutture cresce solo con il trascorrere dal periodo di clima affidabile.

 Ma quando la costante si spezza, si spezza velocemente e il sistema non può adattarsi abbastanza velocemente per far fronte al freddo incombente.

 La sovrapposizione del picco delle civiltà passate in cima ai dati GISP2 Ice Core illustra chiaramente lo schema:

  

ASCESA E CADUTA DELL’IMPERO ROMANO

Se guardiamo all’impero romano, è evidente che il sole era al centro di tutto.

Il periodo che va dal 200 aC al 150 dC – quando il progetto romano era più salutare – coincideva anche con quello che viene spesso definito come il “Clima romano ottimale”, quando il clima si riscaldava a causa dell’elevata attività solare.

Plinio il Vecchio, scrivendo nel primo secolo dopo Cristo, descrisse come i faggi, che crescevano solo nelle pianure, iniziarono a scalare le montagne quando la temperatura iniziò ad aumentare. Olive e viti furono coltivati più lontano e più a nord. L’impero divenne una gigantesca serra.

Ma il tempo si è drasticamente deteriorato nel 150-400 d.C. quando la produzione di energia solare è caduta – il “Periodo di transizione romano” – ha toccato i minimi di temperatura nella “tarda antichissima piccola era glaciale” del 450-700 d.C.

Le stagioni crescenti furono abbreviate, ne seguì la penuria di cibo, le malattie divennero dilaganti, milioni di persone morirono e l’impero cadde a pezzi.

 RISCALDAMENTO MEDIEVALE

Il periodo caldo medievale – da circa il 900 dC al 1300 d.C. – fu un periodo in cui le temperature globali risultarono di almeno +1,4 ° C rispetto ai livelli attuali.

Gli studi sugli isotopi di ossigeno in Groenlandia, Irlanda, Germania, Svizzera, Tibet, Cina, Nuova Zelanda e altre zone, più i dati sugli anelli degli alberi provenienti da molti siti in tutto il mondo confermano la presenza di un periodo globale medievale caldo.

Il periodo coincise con un Grande Massimo Solare, un periodo di elevata produzione solare prolungata, e gli umani prosperarono ancora una volta.

Don J. Easterbrook scrive in Evidence Climate Science:

I suoi effetti furono evidenti in Europa, dove le coltivazioni di grano fiorivano, le linee degli alberi alpini salivano, molte nuove città sorsero e la popolazione fu più che raddoppiata.

I Vichinghi approfittarono del miglioramento climatico per colonizzare la Groenlandia, e le uve da vino furono coltivate fino a nord come ad esempio in Inghilterra, dove la coltivazione di uva non è ora attuabile fino a circa 500 km a nord degli attuali vigneti in Francia e Germania.

Attualmente le uve vengono coltivate in Germania fino a un’altitudine di circa 560 m, ma dal 1100 dC al 1300 dC circa, i vigneti si estendevano fino a 780 m, con temperature più elevate di circa 1,0-1,4 ° C (Oliver, 1973).

Il grano e l’avena crebbero fino intorno a Trondheim, in Norvegia, suggerendo climi di circa 1 ° C più caldi del presente (Fagan, 2000).

LA PICCOLA ERA GLACIALE

Alla fine del Periodo Caldo Medievale, ~ 1300 d.C., le temperature calarono drasticamente e il periodo freddo che seguì è noto oggi come la Piccola Era Glaciale.

La popolazione europea era diventata dipendente dai cereali durante il Periodo Caldo Medievale, e il clima più freddo, le prime nevicate, le violente tempeste e le inondazioni ricorrenti provocavano un drastico fallimento delle colture, carestie e malattie diffuse (Fagan, 2000; Grove, 2004).

Don J. Easterbrook continua:

La piccola era glaciale non fu un periodo di clima freddo continuo, ma piuttosto periodi ripetuti di raffreddamento e riscaldamento, ognuno dei quali si verificava durante i periodi di minimi solari, caratterizzato da bassi numeri di macchie solari, bassa irradianza solare totale (TSI), diminuzione del magnetismo solare, aumento dell’intensità dei raggi cosmici e aumento della produzione di radiocarbonio e berillio nell’atmosfera superiore.

Secoli di osservazioni del sole hanno dimostrato che le macchie solari, l’irradiamento solare e il magnetismo solare variano nel tempo e questi fenomeni si correlano molto bene con i cambiamenti climatici globali sulla Terra.

Sono stati riconosciuti numerosi Grandi Minimi Solari, periodi di ridotta produzione di energia solare: 

Il minimo del Wolf fu un periodo di bassi numeri di macchie solari e TSI tra il 1300 d.C. e il 1320 d.C.

Si è verificato durante il periodo freddo che ha segnato la fine del Periodo Caldo Medievale e l’inizio della Piccola Era Glaciale circa nel 1300 d.C.

Il passaggio dal caldo del Periodo Caldo Medievale al freddo della Piccola Era Glaciale fu brusco e devastante, portando alla Grande Carestia dal 1310 al 1322.

L’inverno del 1309-1310 d.C. fu eccezionalmente freddo. Il fiume Tamigi si congelò e i poveri furono particolarmente colpiti.

Il minimo di Sporer si è verificato da circa il 1410 al 1540 e, come il Minimo di Wolf, il Minimo di Sporer coincise con un periodo di freddo brutale.

Durante il Minimo di Maunder le temperature minime crollarono in Europa, la stagione di crescita diventò più breve di oltre un mese, il numero di giorni nevosi aumentò da pochi a 20-30 giorni, il terreno ghiacciava, i ghiacciai alpini avanzarono in tutto il mondo, i ghiacciai nelle Alpi Svizzere invasero fattorie e villaggi seppellendoli, i confini di crescita degli alberi nelle Alpi scesero, i porti marittimi vennero bloccati dal ghiaccio marino che circondò l’Islanda e l’Olanda per circa 20 miglia, i raccolti di uva da vino diminuirono e i raccolti di cereali non arrivavano a maturazione, portando a carestie di massa (Fagan, 2007).

Il fiume Tamigi, canali e fiumi dei Paesi Bassi si congelarono durante l’inverno.

La popolazione islandese diminuì di circa la metà.

In alcune zone della Cina, le colture a clima caldo che erano state coltivate per secoli furono abbandonate.

E in Nord America, i primi coloni europei sperimentarono inverni eccezionalmente rigidi.

IlL MODERNO MASSIMO E IL PROFILARSI DI UN MINIMO IMMINENTE

Tutti i segnali indicano la stessa strada, potenzialmente entro i prossimi anni.

Abbiamo avuto il nostro Grande Massimo Solare, il nostro periodo di caldo sostenuto e di un clima prevedibile – e l’uomo ha prosperato.

Ma la Total Solar Irradiance è ora prevista in caduta libera.

E anche il “mainstream” è d’accordo, anche se con il loro modello CMIP6 sono leggermente più ottimisti:

Le macchie solari, un grande barometro per l’attività solare, sono state ampiamente assenti nel 2018 e lo saranno nel 2019.

L’analisi della Professoressa Valentina Zharkova ci fa entrare nel prossimo Grande Minimo Solare nel 2020, dato che tutti e quattro i campi magnetici del sole sono sfasati – clicca qui per saperne di più.

Il freddo risultante getterà la società moderna nel caos, proprio come ha fatto con i precedenti GSM.

Le stagioni crescenti si accorceranno, i raccolti falliranno, milioni periranno (per fame/malattie) e l’Impero si sgretolerà.

LA GRANDE CADUTA INCOMBE

I mercati azionari sono già scricchiolanti, con diversi noti economisti e distinti investitori che avvertono di un imminente crollo del mercato azionario del 70%.

Quanto segue è tratto da un articolo Banyanhill dell’11 ottobre 2018:

C’è un avvertimento ben distinto che dovrebbe far venire i brividi lungo la schiena … quello del famoso economista Ted Bauman. Bauman e il suo team hanno previsto correttamente il collasso del 1999 e del 2007

Bauman ora avverte: “Ci sono tre indicatori economici chiave che urlano di VENDERE. Implicano che un collasso del 70% si profila, è già alle nostre porte”.

E se Bauman chiede una correzione del mercato del 70%, si dovrebbe prestare attenzione.

In effetti, negli ultimi trent’anni ha previsto con precisione la crisi finanziaria del 2008, il crollo delle dot.com del 2000, la recessione dei primi anni ’90 e il crollo del 1987.

Il riscaldamento moderno è finito.

I grandi giochi del cosmo contribuiscono al sorgere e alla caduta degli imperi.

Alla fine, l’uomo è eternamente fallibile e nessun impero dura per sempre.

Grand Solar Minimum + Pole Shift

Fonte: Electroverse

Si ringrazia Maurizio per la segnalazione

Fonte: https://www.attivitasolare.com/

**********************************

   

 

Molto prima del riscaldamento globale, un “consenso” di scienziati avvertiva che il RAFFREDDAMENTO globale era responsabile di eventi meteorologici estremi

(Natural News) Prima dell’era del riscaldamento globale, iniziata nel corso degli anni ’80, c’era una teoria diversa che avevano gli scienziati di tutto il mondo che si agitavano nei loro stivali: il raffreddamento globale e l’imminente “era glaciale”. La paura del raffreddamento globale degli anni ’70 ora è proclamato di essere nient’altro che un mito urbano, ma una volta era davvero una preoccupazione molto reale.

Il Centro nazionale per la ricerca atmosferica è la massima autorità del governo federale statunitense in materia di scienze climatiche. E nel 1974 Steven Schneider era al timone. A quel tempo, Schneider era un sostenitore del “raffreddamento globale”, affermando che la discesa delle temperature avrebbero portato a una massiccia mancanza di cibo. Sembra familiare, giusto? Una soluzione proposta all’epoca era quella di sciogliere la calotta polare artica. La narrativa degli anni ’70 rispecchia quella della discussione sul riscaldamento globale di oggi: la temperatura del pianeta sta cambiando, la gente morirà di fame e solo un intervento umano estremo può salvarci da un destino pericoloso. Solo oggi, gli scienziati stanno esplorando opzioni forse ancora più terrificanti – come bloccare i raggi del sole per raffreddare artificialmente la temperatura della Terra.

Nonostante i tentativi degli allarmisti sul clima di far finta che la “paura del raffreddamento globale” non sia mai esistita, rimangono le prove della sua esistenza.

Il raffreddamento globale viene spesso descritto come “falso” e una rapida ricerca rivela che molte fonti di informazione mainstream ora affermano che c’era poco supporto per l’ipotesi della comunità scientifica. Un articolo del 2014 di Gizmodo afferma che la maggior parte degli scienziati era convinta che il riscaldamento globale fosse il vero problema e che la teoria del raffreddamento globale fosse stata respinta in modo schiacciante. ma è proprio vero? Come riporta Breitbart, “[la] grande maggioranza di articoli scientifici (220 su 264) sosteneva la tesi di raffreddamento.” I documenti interni rivelano che negli anni ’70 persino il governo federale stava esaminando il problema del raffreddamento globale.

La storia revisionista è più un problema che mai. Come rivela Kenneth Richard della No Tricks Zone, c’era un consenso dell’86 per cento tra la comunità scientifica che la terra era su un percorso di raffreddamento, nel corso della giornata.

L’eliminazione della “teoria del raffreddamento globale” ha uno scopo: legittimare la teoria del riscaldamento globale. Naturalmente, come spiega Mike Adams in un recente articolo (e video), l’idea che il biossido di carbonio causa il riscaldamento globale è una farsa totale. Non solo l’anidride carbonica è a un livello globale basso, ma è essenziale per la vita delle pianteper farle prosperare.

Adams scrive: “Mentre gli allarmisti del cambiamento climatico affermano assurdamente che la CO2 è un inquinante, trascurano di dirti che senza CO2, moriremo tutti di fame perché ogni ecosistema del pianeta collasserebbe quasi all’istante. Se la CO2 fosse lasciata cadere a zero, la Terra diventerebbe un arido deserto globale di morte completamente incapace di sostenere la vita umana.”

Nonostante i tentativi degli allarmisti sul clima di manipolare la scienza per scioccare le popolazioni del mondo alla sottomissione, il fatto è che il riscaldamento globale e il raffreddamento globale fanno tutti parte della stessa truffa – sono solo a due estremità dello spettro. Il riscaldamento globale è diventato la teoria prevalente nella scienza del clima semplicemente perché è più conveniente. I sostenitori del riscaldamento globale hanno bisogno che la “paura del raffreddamento globale” sia percepita come “falsa” per mantenere la loro autorità e credibilità.

Le fonti includono:

RealClimateScience.com

Breitbart.com

ClimateMonitor.it [PDF]

Fonte: https://www.naturalnews.com/

®wld

Older Entries