Home

CO2 – una copertura per la povertà forzata e il minor consumo di energia

Lascia un commento

La gente sta morendo di fame e il cielo è sereno

by Jon Rappoport

Lasciatemi mettere sul tavolo questo: l’inflazione È il loro piano per il cambiamento climatico.

Quel vecchio truffatore demente in panne, Joe Biden, ha detto che il prezzo del gas alla pompa era opera dei PROPRIETARI DI STAZIONI DI SERVIZIO, e tutto ciò che dovevano fare era tagliare il prezzo.

La sinistra politica, che significa globalisti, vuole limitare la guida, i viaggi e l’uso del petrolio su tutta la linea. Questa è l’agenda del limite di CO2.

Ma quell’agenda era ed è una copertura per la povertà forzata e il minor consumo di energia.

Quell’agenda è il futuro pianificato dai globalisti per tutti noi.

Un paese decrepito che lotta per mantenere qualsiasi tipo di economia funzionante.

Perché quel paese è più facile da conquistare.

Non ha nulla a che fare con il riscaldamento globale e la CO2, che è stata una truffa fin dall’inizio. Un modo per limitare l’industria.

Ogni tiranno nel corso della storia ha desiderato ardentemente il giorno in cui avrebbe potuto dire al popolo: “Se non vuoi morire di fame, lascia che mi prenda cura di te. Lo farò. Devi solo obbedire a tutti i miei ordini.

Non so cosa stiano facendo gli amministratori delegati delle compagnie petrolifere in questi giorni. Ma se crescessero un paio di palle, troverebbero un modo per fornire petrolio a un prezzo ragionevole, anche se dovessero infrangere la legge per farlo e costringere il governo federale a inviare truppe per fermarli. ALLORA il pubblico saprebbe cosa sta succedendo. ALLORA la gente parlerebbe. POI avremmo qualcosa.

Il problema è che i dirigenti petroliferi hanno succhiato il denaro federale per troppo tempo. Sono diventati collaboratori.

Non sanno come andare in pubblico e parlare direttamente alla gente. Sanno solo come fare discorsi aziendali, stronzate spazzate via dall’aria.

L’hanno avuto troppo facile.

Abbiamo avuto un’anteprima del coraggio aziendale quando Trump si è fatto da parte e ha lasciato che quel verme, il piccolo Anthony Fauci, prendesse il controllo del paese durante la pandemia fraudolenta. Il blocco nazionale è stato dichiarato e i capi delle grandi aziende non hanno fatto NULLA per ribellarsi e tenere aperte le porte agli affari. Si sono appena radunati intorno alla vasca di salvataggio federale e hanno sbuffato in contanti.

ANCORA non vedono cosa li aspetta lungo la strada. Il piano globalista per imporre la povertà significa che le basi dei clienti di quelle società si ridurranno e continueranno a ridursi.

Sempre di più, le corporazioni diventeranno gigantesche burocrazie del governo federale.

Nessuno di questi amministratori delegati si alzerà in piedi e dirà: “America, questo è ciò che sta VERAMENTE succedendo… il governo ti sta portando alla povertà. Non ci sediamo qui a prenderlo. Ad oggi, siamo ribelli a oltranza, ma abbiamo bisogno di milioni di voi per sostenerci…”

L’America è a 10 CEO e 10 microfoni dall’inizio di una rivoluzione.

Se la gente potesse vederlo.

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/

®wld

La differenza tra una previsione e un’ipotesi

Lascia un commento

di Tyler Durden

Scritto da Charles Hugh Smith tramite il blog OfTwoMinds,

Ogni previsione o ipotesi ha una qualità rinfrescante: una sarà giusta e le altre saranno sbagliate.

Qual è la differenza tra una  previsione  e  un’ipotesi ?  Da un lato, la risposta è “nessuno”: il futuro è sconosciuto e anche la previsione più informata è ancora un’ipotesi. La prova di ciò è il notevole numero di previsioni informate che si dimostrano completamente fuori base come le ipotesi più selvagge.

Su un altro livello, c’è una grande differenza tra una  previsione informata  e  un’ipotesi, se la  previsione informata  ha le dinamiche di sistema consequenziali corrette.  Il mondo è complicato e discernere le dinamiche consequenziali nel groviglio della complessità è difficile.

Contesto e prospettiva contano. Così fanno gli incentivi.  Per fare un esempio tra i tanti, i pianificatori di guerra nell’era del Vietnam guardavano alla guerra dal punto di vista delle “metriche scientifiche” incentrate sulla raccolta di dati sull’efficacia delle sortite e delle missioni di combattimento. Ciò ha provocato il famigerato “conta dei cadaveri”.

Il contesto più ampio era che la guerra poteva essere distillata in modo produttivo fino a parametri, costi e logoramento: si presumeva che il nemico fosse un giocatore razionale che si arrenderà quando il dolore e il costo diventeranno troppo alti.

I pianificatori che si accovacciano in uffici confortevoli hanno molti incentivi per “andare d’accordo”: e virare in dinamiche che non possono essere misurate convenientemente e mettere in discussione l’intera base della pianificazione e dell’esecuzione della guerra ti farà spedire nella burocratica Siberia. “Ottenere con il programma” ti farà ottenere complimenti e promozione.

Hmm, quale sceglierà la maggior parte delle persone? I Pentagon Papers  sono circolati tra centinaia di alti funzionari e parti del rapporto sono circolate tra migliaia di dipendenti di rango inferiore. Solo una persona ha corso il rischio di condividere il rapporto con il pubblico americano.

Quando è importante, devi mentire.  Infatti.  C’è una differenza tra le previsioni emesse per i consumi pubblici e le previsioni così inquietanti da essere segreti di stato/aziendali.

Previsioni che finiscono per essere giuste possono essere sbagliate per anni.  Un’analogia è l’erosione del suolo sotto una casa arroccata su una scogliera. Coloro che hanno esperienza che guardano alla fonte dell’erosione e ne proiettano le eventuali conseguenze – la casa si rompe in pezzi che scivolano giù per la collina – danno l’allarme, ma il costo e la difficoltà della riparazione sono scomodi e sgraditi, quindi la previsione è respinta come eccessivamente terribile. Sicuramente c’è una soluzione rapida, ovviamente c’è, se sono presenti i giusti incentivi.

È facile trovare persone che emetteranno una previsione più rosea a pagamento o sosterranno il danno più visibile per scopi estetici. Vedi, tutti gli sventurati avevano torto. Questa casa è solida come una roccia.

Se l’erosione è nascosta alla vista, l’apparente stabilità della casa offre una “prova” che gli scettici si sbagliano.  Questo è ciò che è accaduto nel 2004-2008, quando quelli di noi che hanno individuato le fonti della futura instabilità del mercato immobiliare sono stati ignorati o derisi. Anno dopo anno, la dinamica destabilizzante si è espansa, minando alla fine l’intero sistema finanziario globale. Ma gli incentivi a ignorare i titoli progettati per fallire, i prestiti bugiardi, gli HELOC, le sovra valutazioni in bolla, ecc., erano semplicemente troppo potenti:  stiamo registrando profitti folli, quindi continua a fare quello che stai facendo.

E così razionalizzazioni, pio desiderio e aggrapparsi a illusioni di stabilità istituzionale (“i mercati si auto-correggono”, “la liquidità appianerà eventuali urti”, “i titoli garantiti da ipoteca hanno un rating AAA”, ecc.) hanno regnato sovrani fino a quando la casa improvvisamente crollò e scivolò giù per la scogliera.

Trovo persuasivi due tipi di previsioni:  1) quelle basate sul fatto che gli esseri umani stanno ancora utilizzando Wetware V1.0 e quindi la storia non fa solo rima, anche le armonie si ripetono e 2) una comprensione a livello di sistema in cui input e processi può essere identificato e confrontato con i risultati ha una probabilità molto maggiore di essere sulla strada giusta rispetto ad altri approcci.

L’altro vantaggio di questo approccio è che le ipotesi di base sono distinguibili.  Ad esempio, se una previsione si basa esclusivamente su parametri finanziari, possiamo facilmente discernere il suo difetto principale: l’economia globale è passata dall’abbondanza di risorse a basso costo alla scarsità del mondo reale e la finanza sta lentamente ma inesorabilmente perdendo il suo predominio. Altri input stanno diventando più consequenziali.

Un colpo di meteorite cambia tutto in un colpo.  L’erosione è lenta e noiosa fino a quando le conseguenze non si accumulano e innescano il drammatico crollo della casa, un crollo che il mainstream ha definito “impossibile” a causa di tutte le riparazioni truccate dalla giuria.

Gli scettici sono stati derisi come  sventurati  e derisi per aver sbagliato per anni. Quando finalmente la loro previsione si manifesta, coloro che sono stati colti alla sprovvista provano risentimento per coloro che avevano ragione.

Ogni previsione o ipotesi ha una qualità rinfrescante: una sarà giusta e le altre saranno sbagliate.  Il decadimento viene spazzato via fino a quando la conflagrazione non ha consumato tutto ciò che si presumeva fosse permanentemente stabile a causa di “meccanismi di autocorrezione”. Peccato che la gravità non si auto-corregge.

FONTE

®wld

Il vero “Reset” sta arrivando

Lascia un commento

di Victor Davis Hanson
dal sito web TheEpochTimes

(LR) Ambasciatore degli Stati Uniti in Colombia Philip Goldberg, Segretario al Commercio Gina Raimondo, Segretario di Stato Antony Blinken, Presidente Joe Biden, e il Segretario alla Difesa Lloyd Austin incontrare il presidente colombiano Ivan Duque alla Casa Bianca il 10 marzo 2022. I leader hanno parlato dei recenti incontri tra USA e Venezuela, dove la possibilità di allentamento Sanzioni petrolifere statunitensi al Venezuela sono stati discussi dopo che Biden aveva bandito Importazioni russe di petrolio negli Stati Uniti (Doug Mills/Piscina/Getty Images)

Il presidente Joe Biden crede che la guerra in Ucraina segnerà l’inizio di un “Nuovo Ordine Mondiale“.

Nel mezzo della “pandemia” globale C-O-V-I-D, anche Klaus Schwab e Global Elites hanno annunciato un “grande ripristino”. Di conseguenza, le nazioni del mondo dovrebbero cedere la loro sovranità a un corpo internazionale di esperti. Ci illuminerebbero su tasse, diversità e politiche verdi. Quando l’ex presidente Donald Trump è stato eletto nel 2016, i giornalisti del tendone hanno annunciato che i rapporti di parte avrebbero dovuto sostituire il vecchio approccio presumibilmente disinteressato alle notizie. C’è un tema comune qui.

In tempi normali i progressisti temono di non avere il sostegno pubblico per le loro politiche. Solo nelle crisi sentono che la sinistra politica e i media possono fondersi per usare tempi apocalittici per sfondare approcci solitamente impopolari ai problemi interni e stranieri.

Lo abbiamo visto l’anno scorso:

fuggendo dall’Afghanistan, abbracciando la teoria critica della razza, cercando di porre fine all’ostruzionismo, impacchettare la corte, rovinare il collegio elettorale e nazionalizzare le leggi sul voto…

Questi “nuovi ordini” e “reset” comportano sempre un governo molto più grande e burocrazie più potenti e non elette.

Le élite presumono che i loro cambiamenti radicali nell’uso dell’energia, nei resoconti dei media, nel voto, nella sovranità e nelle quote razziali ed etniche non si applicheranno mai a se stesse, gli artefici di tali cambiamenti dall’alto verso il basso.


Quindi noi gente comune dobbiamo abbandonare i combustibili fossili, ma non quelli che hanno bisogno di usare jet aziendali.

I muri non rovineranno i nostri confini ma proteggeranno le case di,

Il laptop smarrito di Hunter Biden sarà dichiarato, per fiat, non novità. Al contrario, la falsadi Alfa Banksarà per settimane un titolo nazionale.


Gli stili di vita della classe media saranno frenati man mano che ci viene chiesto di lottare per la sostenibilità e il passaggio alla vita in appartamento e al trasporto di massa.

Ma gli Obama manterranno ancora le loro tre ville e i futuristi della Silicon Valley insisteranno sull’esenzione per i loro yacht…

In verità, stiamo per assistere a un ripristino radicale – del ripristino attuale. Sarà un tipo di trasformazione diverso da quello che le élite si aspettano e che dovrebbero temere molto.


Il mondo e gli Stati Uniti sono furiosi per l’iperinflazione che potrebbe presto superare il 10 per cento all’anno. Saremo fortunati se finirà solo in recessione o stagflazione, piuttosto che in una depressione globale.


Il pasticcio è stato creato dallo stesso apparato che ha acquistato la “teoria monetaria moderna”.

Quella sciocca idea universitaria sosteneva che la prosperità sarebbe seguita a un’enorme espansione dell’offerta di moneta, mantenendo i tassi di interesse a livelli de facto zero, con enormi deficit annuali, accumulando debiti nazionali insostenibili e sovvenzionando i lavoratori per rimanere a casa.


I costi del gas naturale e del petrolio stanno ora salendo a livelli insostenibili – e al punto che la classe media semplicemente non sarà in grado di viaggiare, riscaldarsi d’inverno o rinfrescarsi d’estate.

Sia in Europa che negli Stati Uniti i governi di sinistra hanno deliberatamente frenato le perforazioni e gli oleodotti non russi.

Hanno chiuso le centrali nucleari e sovvenzionato progetti solari ed eolici costosi e inefficienti.

Sono finiti non con l’utopia, ma con la carenza di carburante, i prezzi elevati e la dipendenza energetica dai regimi più repressivi del mondo.
La rivoluzione sveglia in Occidente avrebbe dovuto insegnarci che il mondo occidentale dominato dai “maschi bianchi” è tossico. 

Le sue origini, l’ascesa e il tempo libero e la ricchezza attuali erano presumibilmente dovuti solo allo sfruttamento sistematico, al razzismo e al sessismo.

Le élite introdotte,

…per far vergognare questi presunti sfruttatori e per distruggere le loro vite e carriere.

Pochi si sono chiesti come un presunto Occidente nocivo della durata di circa 2.500 anni sia diventato la destinazione numero uno di milioni di migranti globali non occidentali e abbia offerto il massimo grado di prosperità e libertà globali ai suoi cittadini.

Quindi sta arrivando una resa dei conti, in reazione ai “nuovi ordini” sostenuti da Biden e dal set di Davos

Nel midterm di novembre 2022, è probabile che vedremo uno storico ” No! ” a,

l’agenda ortodossa di sinistra che ha portato a un’inflazione insostenibile, energia insostenibile, guerra e umiliazione all’estero, criminalità in aumento, ostilità razziale,

… così come l’arrogante sfida di coloro che hanno deliberatamente messo in atto queste politiche disastrose.

Ciò che lo sostituirà è un ritorno a ciò che fino a poco tempo aveva funzionato.
Ritorneranno frontiere chiuse e sicure con solo un’immigrazione legale e misurata.

Gli americani richiederanno una severa applicazione della polizia e una condanna deterrente, e un ritorno all’integrazione e al primato del carattere individuale piuttosto che fissazioni separatiste sul “colore della nostra pelle”.

Il pubblico continuerà a staccarsi dai media “mainstream” partigiani e mediocri .

Vedremo un maggiore aumento della produzione di petrolio e gas naturale per passare lentamente a una più ampia varietà di energia, una forte difesa nazionale e politiche estere deterrenti.

I profeti del ‘Nuovo Ordine Mondiale’,

seminato vento e presto raccoglieranno il vortice di un pubblico arrabbiato esausto dall’incompetenza, dall’arroganza e dall’ignoranza dell’élite…

Pubblicato su: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il Dio dei managers, non è il tuo Dio, è il Dio nelle storie raccontate dai leader politici

Lascia un commento

Il grande reset è il grande imbroglio

by Jon Rappoport

Più di un anno fa, ho sottolineato che non dovresti cercare una logica nel cercare di capire perché il COVID richiede The Great Reset.

È un trambusto, e non molto buono.

Il principale truffatore di pubbliche relazioni, Klaus Schwab, fondatore del World Economic Forum, sottolinea le devastanti conseguenze economiche derivanti dalla pandemia. Ecco perché dobbiamo riordinare l’intero pianeta.

Ma scavando qualche centimetro sotto la sua bloviation, vediamo questo: la devastazione economica è uguale a THE LOCKDOWNS.

In altre parole, la politica di blocco dei governi ha portato alla storia dell’orrore economico – e ora, per correggere QUELLA azione – che non avrebbe mai dovuto essere intrapresa in primo luogo – dobbiamo trasformare il mondo mettendo i globalisti nel controllo completo.

Se compri quella linea di pensiero, ho appartamenti in vendita su Jupiter.

Ecco un’altra traduzione di ciò che Schwab sta dicendo: con le persone che vacillano per le restrizioni COVID, i globalisti possono tirare una sigaretta e specchiarsi e rubare tutto ciò che non hanno già rubato.

Schwab poi fa seguito a questo con una nuova pila di parole senza senso sul trasformare le società in “capitalisti portatori di interessi”.

Significato: queste aziende si preoccuperebbero di più dei loro lavoratori, delle loro comunità, del loro impatto ambientale e del pianeta.

Le vaghe generalità sono una soffiata. Qualcuno dovrà definirli e farli rispettare. Quello sarebbe… chi? Una burocrazia di vaste dimensioni che lavora per un organismo di governo globale.

Se hai fiducia in un sistema del genere, vendo tutto Giove. Solo contanti, in anticipo.

Una parola sugli impatti ambientali. Se le stesse società inquinanti non controllassero i dipartimenti nazionali di giustizia, avremmo già un ambiente molto più pulito. E molti amministratori delegati aziendali, amici di Schwab, sarebbero in prigione.

Trasformare “l’ordine globale” non risolverà i problemi ambientali. Ridurre la “nostra impronta di carbonio” riducendo la produzione di energia in tutto il mondo, creando così più povertà, non è una soluzione.

La necessità di un Reset non deriva dal COVID. La falsa pandemia è stata lanciata IN MODO CHE si potesse inaugurare un Reset.

Sfortunatamente, abbiamo milioni e milioni di rubes e yokels che, quando i miliardari dicono AMORE E PACE e SIAMO TUTTI IN QUESTO INSIEME, si inginocchiano ed esclamano FINALMENTE, UN MONDO MIGLIORE.

In cosa consisterebbe effettivamente quel mondo migliore?

Sorveglianza da parete a parete; reddito garantito universale legato al punteggio di credito sociale; eliminazione della proprietà privata; massiccia censura; congelamento e sequestro di conti bancari; tecnologie impiegate per riprogrammare gli esseri umani – questo “Grande ripristino” è – un miracolo di miracoli – una serie di piani che hanno preso vita in piena regola nelle menti dei leader umanitari DOPO che COVID è stato annunciato nel gennaio del 2020.

Sicuro. Scommetti. Uh Huh.

Il più antico svantaggio è l’esca e l’interruttore.

Attira le persone con una storia su un virus, quindi mentre le stai “proteggendo” dal germe delle fiabe, passa al ripristino. E dì: “Non preoccuparti, fa parte della protezione”.

Ecco un argomento che le persone con problemi mentali amano fare: se vuoi sinceramente e seriamente un pianeta migliore, questo è tutto ciò che conta. I dettagli, e chi si occuperà della creazione di quel pianeta, sono di minore importanza. Lascia il lavoro agli esperti.

Ma il desiderio non lo rende così. Le generalità non si traducono automaticamente nei risultati desiderati.

Come pensi che i leader abbiano sempre truffato i loro seguaci? Promettendo loro dolore, sofferenza, povertà e schiavitù? I leader offrono pace e felicità. Loro devono. La felicità arriverà in questa vita o nella prossima. E sarà gestito da entità promosse dai leader.

Anche quando il manager è Dio stesso, non è il tuo Dio, è il Dio nelle storie raccontate dai leader politici. È quello che vogliono che tu adori. Sanno che hai il tuo e cercano di farti credere che il loro e il tuo siano la stessa cosa.

Dicono che c’è una Piaga nella terra, e Dio o il Diavolo o la Natura o un Laboratorio l’hanno mandata; e appena oltre l’orizzonte si trova la Risposta generale; la bella Alba. La promessa.

Ma non è la Promessa nel tuo cuore. È quello nel loro.

Quindi usa il tuo potere per guardare nei loro cuori.

Guarda cosa c’è.

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/

®wld

I globalisti e i baroni della facile gomma finanziaria

1 commento

Follia ideologica: lo sviluppo umano non può più essere tollerato

Luis R. Miranda

Uno dei miti più gridati è che lo sviluppo umano sia avvenuto sulle spalle di una certa parte della popolazione. Questa convinzione è ripetuta a pappagallo dai miliardari che affermano di essere a favore del pagamento di più tasse per aiutare i più bisognosi, quindi c’è più uguaglianza nella società.

Ciò che questi scagnozzi ideologici non ti dicono è che la loro ricchezza è stata creata nello stesso modo in cui ora affermano di essere negativa per la società, per l’ambiente e per il pianeta.

Non è raro leggere nelle pubblicazioni globaliste che le nazioni ricche si sono sviluppate e si sono avvantaggiate del resto del pianeta sulle spalle di paesi meno intellettualmente e meno dotati di natura. In effetti, tutti vogliono pagare le retribuzioni e ridistribuire la ricchezza per livellare il tavolo.

In sintesi, hanno accumulato così tanto potere e ricchezza che ora vogliono impedire alle persone di godere dei benefici di vivere in migliori condizioni sociali, sanitarie ed economiche perché ciò significherebbe, dicono, la distruzione del pianeta.

L’ultimo pezzo di propaganda su questo argomento non proviene da nessun altro luogo se non dalle Nazioni Unite, un’organizzazione creata da e per i globalisti e i baroni della facile gomma finanziaria.

Secondo il suo indice di sviluppo umano, la Norvegia, il paese più sviluppato del mondo, dovrebbe essere, per il suo contributo alle emissioni di CO2 e “la pressione che esercita sul pianeta” mentre si sviluppa, nella posizione 15 della lista. Secondo questo indice, l’Islanda occupa 26 posizioni, l’Australia 72 e gli Stati Uniti 45.

Nessun paese al mondo ha raggiunto un livello di sviluppo umano molto elevato senza esercitare una grande pressione sul pianeta, afferma il documento. “Ma potremmo essere la prima generazione a correggerlo”, ha spiegato Achim Steiner, amministratore del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) in un incontro con i giornalisti prima della presentazione del nuovo Indice di sviluppo umano 2020.

Questa organizzazione delle Nazioni Unite ha cambiato il modo di misurare il progresso oltre il reddito, il PIL e gli indicatori puramente economici per vendere l’idea che usare la scienza, la tecnologia e le risorse disponibili per portare lo sviluppo ai meno favoriti, è un modo per promuovere la disuguaglianza delle società e anche per ampliare il il cosiddetto “divario di genere”, per il quale deve essere eliminato lo sviluppo sociale ed economico guidato dal capitalismo di mercato.

L’inserimento di indicatori relativi all’impatto dei paesi sull’ambiente provoca importanti variazioni nella parte alta della tabella, cioè nei paesi che hanno avuto il maggior sviluppo negli ultimi 100 anni.

Questa pratica di voler scoraggiare lo sviluppo basato esclusivamente su convinzioni ideologiche folli, come non fornire carburante a buon mercato ai paesi in via di sviluppo per promuovere la loro crescita, va di pari passo con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, che mira a fermare lo sviluppo. e la produttività come unico modo per “salvare il pianeta”.

“In questo momento c’è uno spazio vuoto tra il raggiungimento di un elevato sviluppo umano e una bassa pressione sul pianeta”, ha osservato Pedro Conceição, direttore dell’ufficio UNDP responsabile di questo studio, durante l’incontro virtuale con la stampa.

Nessun paese raggiunge una prosperità estremamente elevata senza un impatto eccessivo sull’ambiente, ma ci sono buoni esempi.

Uno di quelli evidenziati dagli autori è il Costa Rica, che occupa la posizione 62 su 189 nell’ISU, ma sale a 37 posizioni se si tiene conto del suo livello di emissioni e dell’impronta ecologica dei suoi consumi.

“Ha già sfruttato l’energia idroelettrica e ha ampiamente decarbonizzato la produzione di elettricità”, osserva. Quasi il 100% delle fonti energetiche della Costa Rica sono cosiddette rinnovabili, ma ci sono ancora parti del paese in cui le interruzioni di corrente e l’approvvigionamento idrico insufficiente sono comuni, indipendentemente dalla stagione o dalla posizione in un paese di poco più di 51 chilometri quadrati.

The Covid-19 Crisis: The Opportunity for the Great Reset

L’obiettivo di questa nuova misurazione è giustificare l’idea folle che è necessario avere un tipo di sviluppo umano compatibile con i limiti planetari e con forme più eque di ridistribuzione delle risorse. Ciò significa deindustrializzare il mondo occidentale ai livelli del Novecento e prendere da un paese per dare un altro, come supposto per promuoverne la crescita secondo le sue esigenze.

Secondo l’opinione degli ideologi della chiesa dell’ambientalismo, la crisi COVID-19 offre un’opportunità per ottenere una crescita economica limitata. Per questo, la riattivazione di attività paralizzate dai blocchi e la limitazione della mobilità per fermare la pandemia, devono contemplare misure molto diverse da quelle adottate prima del 2020. “Il solito non funziona”, ha insistito Conceição.

Ciò che si vuole è mantenere il maggior numero di persone confinate per ridurre le emissioni e la mobilità e che le persone debbano lavorare a casa o dipendere al 100% da sussidi governativi legati all’obbedienza alle linee guida autoritarie della burocrazia globalista.

Pertanto, l’amministratore UNDP ha sottolineato che “i combustibili fossili sono altamente sovvenzionati”. Nello specifico con cinque trilioni di dollari, o quello che è lo stesso, il 6,5% del PIL globale, secondo uno studio del Fondo monetario internazionale, citato nel rapporto IDH, d’altra parte, le persone vulnerabili non ricevono tale sussidio, dice il documento . E comprensibilmente, dal momento che queste persone non producono nulla di valore, motivo per cui le nazioni sviluppate devono investire nella creazione e nell’applicazione di nuove tecnologie che possano fornire energia, cibo e riparo ai paesi più poveri.

L’idea che sia necessario ridistribuire la ricchezza è sempre stata la bandiera di guerra dei capisquadra e della servitù globalisti, che dicono di voler aiutare i più bisognosi. Chi potrebbe obiettare a questo?

Quello che vogliono veramente è installare uno stato di bambinaia globale da cui tutti dipendiamo e che tutti obbediamo. Ad esempio l’utilizzo del reddito di base universale, UBI.

“Abbiamo suggerito ai Paesi di approvare un reddito minimo temporaneo per i più poveri, i più colpiti dalla crisi. Se chiudi le economie per contenere il virus, non puoi condannare le persone a nessun reddito e fondamentalmente alla fame. Abbiamo un’emergenza fame e la povertà è in aumento. Sono solo sintomi a breve termine di un percorso di sviluppo che ci ha dato un progresso materiale, ma che ci ha portato sempre più vicini al precipizio, non solo in termini climatici, ma anche socialmente; devi solo guardare le proteste che avvengono in tutto il pianeta. Il rischio è che torneremo a dove eravamo all’inizio del 2020 ”, afferma Steiner.

Questo piano sembra molto favorevole, ma proprio come i blocchi e l’uso illegalmente obbligatorio di maschere, questi piani sono del tutto temporanei. Una volta che le élite tecnocratiche accumulano potere, raramente o mai lo lasciano andare. Il loro piano è centralizzare il controllo, lo sviluppo e ingegnerizzare socialmente tutto.

“Nello sviluppo non si tratta di scegliere tra persone o alberi; dobbiamo solo ripensare a come progrediamo “, ha osservato Steiner. Deve essere fatto, ha aggiunto Conceição, perché “l’attività umana sta cambiando i processi naturali a livello planetario”. La pressione è tale che “non solo stiamo mettendo a rischio noi stessi come specie, ma anche tutta la vita sulla Terra”, ha avvertito.

In questa era geologica che alcuni scienziati hanno accettato di chiamare Antropocene, dal momento che hanno scelto di concentrarsi sul presunto impatto umano sul pianeta, è possibile prendere il controllo per cambiare l’attuale corso verso la distruzione, dicono questi cosiddetti esperti.

“Gli esseri umani hanno più potere sul pianeta che mai. È ora di usare quel potere per ridefinire ciò che chiamiamo progresso, un processo in cui le nostre impronte di carbonio e il nostro consumo non sono più nascosti “, ha osservato Steiner.

Il rapporto elenca alcuni di quei possibili meccanismi di cambiamento. “Primo, attraverso le norme sociali – tirannia tecnocratica letta-. Il secondo sono gli incentivi: sappiamo che attualmente i prezzi determinano le nostre scelte, ma non inglobano danni al pianeta. Terzo, dobbiamo smetterla di considerare la salvaguardia dell’ambiente come qualcosa che limita ciò che possiamo fare; tuttavia, dobbiamo vedere nella natura un’opportunità per continuare lo sviluppo con meno pressione sul pianeta ”, ha riassunto Conceição.

La classificazione dell’HDI tradizionale rispetto a quella nuova adeguata alla pressione sul pianeta si trova a pagina 241 dell’analisi che UNDP ha scritto a sostegno di un’idea: il benessere delle persone è indivisibile dall’abitabilità della Terra .

Pertanto, lo sviluppo umano non può essere definito come lo è stato fino ad ora, ignorando l’ambiente. Per ora l’Organismo Onu ha messo sul tavolo questa proposta “sperimentale”, secondo i suoi termini, per misurare il progresso. L’obiettivo è che i leader prendano decisioni per migliorare la vita umana e preservare ciò che lo rende possibile, dicono.

Fonte: https://real-agenda.com

********************************************

Correlati:

Influenza stagionale non pervenuta

La Chiesa dell’Ultimo Unicorno è responsabile di tutto

®wld

Older Entries