Home

Perché basta un algoritmo fittizio per cadere nella trappola?

Lascia un commento

L’intelligenza artificiale controlla già le tue decisioni

Gli esperti avvertono dei rischi di Big Tech che continua a utilizzare la stessa tecnologia con più risorse.

Supponiamo che ti venga chiesto di utilizzare un algoritmo per determinare quale politico si adatta meglio alle tue preferenze.

Lo strumento ti pone quindi alcune domande tipiche di un test di personalità, quindi ti offre un risultato in cui sei ragionevolmente ritratto e indica quali sono i candidati più appropriati in base alle informazioni che hai raccolto.

Seguiresti il ​​suo consiglio?

Secondo gli esperimenti condotti da Helena Matute e Ujué Agudo, ricercatori dell’Università di Deusto, per lo studio che hanno appena pubblicato, non solo accetteremmo quella raccomandazione, ma agiremmo anche in base a essa senza mettere in dubbio l’affidabilità di questo sistema, i dettagli di cui non sappiamo e che, in questo caso, non esistono nemmeno.

Le domande erano appiccicose. La valutazione, una risposta generica per tutti i partecipanti – che, tra l’altro, hanno valutato il sistema come “moderato o molto accurato” – e l’algoritmo calcola una randomizzazione.

Lo scopo dei ricercatori, che hanno applicato una serie di variazioni di questo esperimento alla scelta dei candidati politici e dei contatti in un’app di appuntamenti, era vedere se un algoritmo può influenzare le preferenze delle persone attraverso la persuasione esplicita o nascosta.

Nel contesto delle applicazioni di appuntamenti, il metodo più efficace era nascosto, in cui all’utente non veniva detto quale utente è l’utente consigliato, ma veniva mostrato il sondaggio più volte.

Con l’aumentare dell’esposizione, i partecipanti tendevano a scegliere i più visti, guidati da un maggiore senso di familiarità. I ricercatori spiegano che questa differenza potrebbe essere correlata alla preferenza per il consiglio umano in contesti soggettivi, come chi fino ad oggi, mentre abbiamo optato per il consiglio algoritmico nelle decisioni razionali come chi votare.

Tuttavia, gli esperti qualificano la variazione per contesto come qualcosa di “aneddotico” rispetto all’importanza del semplice fatto che questa influenza esiste:” Trovo molto preoccupante che solo perché credi che sia un’intelligenza artificiale a consigliarti cosa fare, ti fidi. Chiediamo all’oracolo, come nei tempi antichi”.

Perché basta un algoritmo fittizio per cadere nella trappola?

Ci sono persone per le quali questi tipi di descrizioni vaghe della personalità possono dire quanto bene funzioni l’oroscopo. È la mente umana, che è molto vulnerabile. Siamo molto esposti a credere a certe cose”, ragionano gli autori.

Per quanto riguarda quanto sia ragionevole per noi che un algoritmo possa, con poche domande, determinare per chi dovremmo votare, entrambi i ricercatori concordano sul fatto che siamo sempre più abituati ad accettare ciecamente tutti i tipi di raccomandazioni.

Siamo esseri ripetibili, quindi gli algoritmi ci conoscono meglio di noi stessi che alla fine ci crederemo. Ma una cosa è che ci conoscano e un’altra che ciò che ci consigliano è il meglio per noi.

Il loro obiettivo non è quello. È che trascorri più tempo possibile sulle loro piattaforme. L’utente deve tenerne conto, perché ci sembra che la decisione sia libera, ma è mediata dalla raccomandazione stessa”.

Inoltre, l’efficacia dell’algoritmo fittizio suggerisce che un sistema più sofisticato come quelli con cui interagiamo ogni giorno nei motori di ricerca, nei social network e nelle piattaforme di streaming, tra gli altri, ha il potenziale per raggiungere livelli di influenza molto più elevati. Un esempio è l’ambito che l’algoritmo di F-ac-eb-oo-k potrebbe avere nella sua nuova app per coppie.

Abbiamo fatto alcuni esperimenti controllati. Le grandi piattaforme che possono, continuamente, perfezionare questo algoritmo e molte volte non sapremmo nemmeno che lo stanno facendo, afferma Agudo.

Queste disuguaglianze tra la ricerca che un’istituzione accademica può svolgere e quelle che vengono condotte privatamente e spesso in modo opaco all’interno di queste aziende vanno oltre il numero di soggetti e anche le tecnologie disponibili.

Possono fare molte più ricerche di noi, non solo perché hanno accesso a più persone, ma anche perché vanno oltre l’etica“, sottolinea Matute. “Abbiamo dovuto fare tutto con cose fittizie. Lo fanno con veri politici in vere elezioni”.

Il ricercatore è particolarmente critico nei confronti dei laboratori e dei comitati etici incorporati da aziende come G-o-og-le.

Soprattutto, quando c’è qualcuno che lo prende sul serio, lo tolgono di mezzo, anche se non si deve lasciare il dibattito etico nelle mani delle aziende tecnologiche.

In questo senso, i ricercatori confidano che il loro lavoro, che comporta anche la pubblicazione dei dati grezzi raccolti, contribuirà ad espandere la ricerca accademica e pubblicamente accessibile su questi argomenti.

Dal nostro punto di vista tutto si sta aprendo sempre di più. Chiunque può analizzare esperimenti, replicarli, valutare ipotesi… Adesso vuoi controllare se l’algoritmo di N-et-fli-x sta dando più importanza all’una o all’altra variabile e non hai modo di saperlo, dice Agudo.

Per quanto riguarda il modo in cui vengono presentate queste raccomandazioni già onnipresenti, Matute sottolinea che sono preferibili quelle presentate in modo esplicito, poiché almeno danno la possibilità all’utente di non essere segretamente influenzato.

Fonte: https://real-agenda.com/

®wld

La nuova app: l’impronta di carbonio per le banche

Lascia un commento

Mastercard lancia il calcolatore dell’impronta di carbonio per le banche

Postato da: Patrick Wood

Verrà un momento in cui la tua banca ti discriminerà per aver superato la tua impronta di carbonio assegnata. La nuova app di calcolo dell’impronta di Mastercard afferma:

“L’impronta di carbonio è la quantità totale di gas serra generata dalle nostre azioni. I gas serra, come l’anidride carbonica, sono dannosi per il pianeta.”

Mastercard non si preoccupa di dire che se non ci fosse CO2 nell’atmosfera, tutte le piante viventi sulla terra morirebbero. Dato che espiri CO2 circa 20.000 volte al giorno, Mastercard suggerisce che sei la più grande minaccia per il futuro dell’umanità.

Possono aiutarti in questo. L’app spiega,

Molte cose contribuiscono alla tua impronta di carbonio, incluso il luogo in cui vivi, le tue abitudini quotidiane e i tuoi acquisti. 

Metti tutte queste cose nell’app e puoi scoprire quanto sei cattivo. Il sito web di Mastercard afferma:

Scopri come viene calcolata la tua impronta di carbonio e ottieni suggerimenti su come ridurre la tua impronta quando spendi. Progettati in collaborazione con i leader del settore, questi approfondimenti possono aiutarti ad apportare modifiche pratiche e semplici che portano a una spesa più consapevole.

Consapevole spesa? Ciò significa acquistare le cose che vogliono che tu compri e rinunciare alle tue vecchie abitudini. Consideralo una ridistribuzione delle abitudini di acquisto.

Ma cosa succede se ancora non riesci a essere all’altezza? E se la tua impronta di carbonio è ancora oltre la quota? Bene, puoi fare penitenza facendo una donazione alla Priceless Planet Coalition per aiutare a ripristinare le foreste in tutto il mondo.

Lodate la carta! Siamo stati tutti consegnati.

Visita la pagina del Calcolatore dell’impronta di carbonio di Mastercard

Postato sul sito web: https://www.technocracy.news/mastercard-releases-carbon-footprint-calculator-for-banks/

®wld

AMO QUESTO VIRUS

Lascia un commento

,

 

Ricevo da Anna Dossena e pubblico

[21/5, 00:49] Anna Dossena: Serie di motivazioni che voglio elencarVI:

 

Questo Virus riesce a non farti annoiare mai, infatti muta nella stessa città o paese a secondo di dove si trovi: 

  • In palestra a 2 metri non fa nulla 
  • In casa non esiste – In coda al supermercato a 1 metro non fa nulla 
  • Al Mare a 4 metri nessun problema prima è mortale 
  • In città mentre cammini è pericolosissimo 
  • In autobus a 1 metro puoi stare non succede nulla (si vede che non prende l’autobus) 
  • Se corri non riesce a prenderti ma appena ti fermi occhio metti subito la mascherina che ti prende – Se hai meno di 6 anni no problem ma appena compi i 7 occhio.

Amo questo Virus ancora di più perché ha debellato tutte le malattie che esistevano, nessuno muore più di nulla, quindi abbiamo sconfitto infarti, tumori, influenze, ictus etc etc etc.

 

Amo questo virus perché era dal ’92 che non sentivo più la frase “L’HA DETTO LA TELEVISIONE” Amo questo Virus perché ha pure insegnato che fare attività fisica in carenza di ossigeno è salutare, e io che pensavo che l’ossigenazione cellulare fosse importante, che stupida, poi c’è chi ancora dice che la medicina sia scienza esatta. 

 

Amo questo Virus perché ha fatto cambiare idea a chi non voleva far dire la propria a chi non fosse laureato in medicina, oggi invece amano all’inverosimile e addirittura osannano chi non ha mai avuto una laurea in medicina e detta le linee guida dall’OMS (Bill santo subito) Ma ancora di più amo questo Virus perché ha delineato un concetto importantissimo:

 

“la laurea in medicina non è per tutti la stessa cosa, il miglior medico è quello che sta di più in TV da Fazio” Davvero incredibile questo Virus, lo amo perché finalmente ha creato nuove figure lavorative: 

  • I FACT CHECKER, gente o Bot ancora non si sa cosa siano e che decidono se una notizia sia da diffondere o meno, ooops no scusa, reale o meno. 
  • I Task Torcer, uomini (perché donne manco l’ombra) che non hanno mai lavorato in nessun settore commerciale direttamente e decidono le linee guida di chi ci lavora da anni in quei settori. 
  • Le vedette dai balconi 
  • I cantanti dai balconi 
  • I panettieri da casa… 

Per non parlare del fatto che finalmente si capisce a cosa potessero servire questi droni, altro che cercare e scovare spacciatori o trafficanti di uomini, servono a REPRIMERE chi va da solo in spiaggia o si sdraia un attimo a prendere il sole….vero rischio per questa umanità e il pianeta. 

 

Amo questo Virus perché da “Bella Ciao” a “Faccetta Nera” o da “Mai più Campi di Prigionia” a “Rastrelliamoli in casa e staniamoli tutti con le app e le forze dell’ordine” è un attimo.  

 

Amo questo Virus perché ho capito che i miliardi ci sono (almeno a sentire CONTE e la Politica) ma non si vedono, insomma la vera natura della VALUTA FIAT, basata sul nulla.

 

Ma soprattutto Amo questo Virus perché Mi ha permesso di fermarmi un attimo, guardare il mondo e capire che non tutti siamo realmente lobotomizzati. 

Buona giornata a tutte/i” 

 

Cit. Ringrazio anche il contatto da cui ho copiato

 

***********************************

Che cosa c’è nella società che ti delude tanto? || Mr.Robot

GIU’ LA TESTA…NEIN GIU’ LA MASCHERA!

Lascia un commento

di: Dottor Roberto Slaviero collaboratore

06.05.20

Tra minacce di nuove ondate coronali e tra riaperture con distanze e plexiglas vari, il potere governativo si appresta a liberare le pecore rinchiuse e traumatizzate, da due mesi di arresti domiciliari!

La mancanza di sole ed ossigeno ha veramente compromesso molte situazioni, soprattutto tra gli anziani.

La maledetta TV Pravda Italia e i virologi terroristi dei salotti televisivi, hanno creato situazioni di ansia, panico, paranoie ed infarti, nonché ondate di suicidi.

Non ve lo diranno, poiché in Italia, la dittatura mediatica è arrivata ai massimi livelli e la opposizione al governo è nulla se non sterile.

Si comincia comunque a dire che non tutte le morti sono da corona, che forse a Bg-Bs vi è stato un attacco chimico -batteriologico, difficilmente rintracciabile

(virus modificato o gas?), anche perché hanno cremato i corpi.

Purtroppo sappiamo anche che, le prime cure erano errate dal punto di vista medico, perché trattasi di problemi trombotici cardiovascolari e non polmonari virali.

Ovvero, la polmonite interstiziale è provocata da trombi che si generano nel sangue, in seguito ad una infiammazione protratta nel tempo con febbri alte.

Sciogliendo i trombi, si risolve il problema nella grandissima maggior parte dei casi.

E chi muore lo stesso, muore come gli altri quasi 600mila morti annuali in Italia, per patologie varie pregresse.

Sappiamo per certo che l’inquinamento ambientale è la causa principale delle morti:

polveri pm 2,5 e 10

onde elettromagnetiche ad alta frequenza

veleni chimici stagnanti nell’aria.

 

Mi viene in mente la situazione di New York: sapete che le Torri gemelle erano piene di Amianto? secondo voi dove sarà finito tutto quell’amianto?

Città piena di grattacieli, senza finestre, aria impestata e sole che non arriva in molti appartamenti! Come probabilmente in molte altre metropoli. Cosa c’entra un virus?  Avete rotto le palle con queste storie.

Chi sta all’aria aperta praticamente non si ammala…Sole e ossigeno…vit D….

Governi, all’ordine dei golpisti mondiali, che usano tracotanza violenza e falsità con i propri cittadini Uno scandalo abominevole!

Costituzioni stracciate da chi dovrebbe garantirle, con decreti di emergenza!

Economie distrutte e persone distrutte nel loro intimo animico e di dignità lavorativa!

Per un cazzo di virus, che ha fatto poco più di 3 milioni di contagiati nel mondo, quando solo in Italia, la normale influenza ne infetta ogni anno 8 – 10 milioni! Idioti, svegliatevi dal torpore mentale!

Questo è un golpe mondiale economico, fatto anche per schiavizzarvi, l’avete capito o no? Vi vogliono tracciare e attivare o disattivare, attraverso i “vaccini“ chippati con nanotecnologie, peggio che nei film!

Bill e Melinda Gates…forse sono degli attori che inscenano queste commedie, con le loro facce sorridenti …Dietro loro, ci sono magari, i nascosti detentori del potere mondiale, i senza nome che tirano le fila?

Un dubbio viene perché ormai, anche i sassi, sanno che loro vogliono salvare l’umanità con il vaccino contro il cattivone corona ed i politici si prostrano ai loro piedi, dicendo … si,si, finanziamo i progetti del vaccino…l’Europa è con voi con la ricerca del salva tutto, grazie salvatori del pianeta e giù miliardi dei contribuenti … coglioni

Vi sono già i farmaci per curare il tutto, vi sono le immunoglobuline anche specifiche, c’è l’ozonoterapia c’è l’enoxeparina per dissolvere i trombi …dai, basta rompere con ste seghe vaccinali!

Allora: se per caso qualcuno ha creato il virus in laboratorio e poi lo ha “spruzzato” in località ben mirate, per iniziare il panico generale e la chiusura del pianeta, con conseguente catastrofe economica e sociale, va identificato ed eliminato.

Visti ad esempio i casi della Svezia, che ha tenuto tutto aperto, senza che accadesse nulla di particolare rispetto agli anni precedenti, continuando la vita normale senza distruggere la propria economia e vita sociale, vien da pensare ad una specifica guerra in atto, che colpisce principalmente alcuni paesi del mondo, tra i quali purtroppo il nostro (Nord Italia).

Se fosse veramente una Pandemia mondiale, ci sarebbero milioni e milioni di morti, come ai tempi della peste!

Sappiamo bene le tensioni Usa Cina e la dichiarazione di due giorni fa, del Segretario di Stato Usa Pompeo, che accusa il laboratorio di Whuan!

C’è il business soprattutto poi delle bande ad alta frequenza Giga, che sappiamo già oggi essere corresponsabili di una caduta del sistema immune, con conseguenze nefaste per la salute.

Ma a chi gliene frega?

Anzi, più gente crepa e meno pensioni si pagano e meno persone saranno disoccupate,  con l’introduzione dei Robot, le Int Artif che tanto piacciono ai potenti! Non saranno disoccupate, perché sono crepate!

Capite o no, che abbiamo a che fare con assassini e schiavizzatori senza scrupoli. Demoni viventi Incarnati!

Ma la gente non ha capito e non capisce: telefona alla polizia, se vede una persona senza maschera o tre amici che chiacchierano, uno scandalo delatorio che ha reso molti italiani, informatori anonimi, come avviene ancor oggi nei regimi totalitari.

Gli italiani, si stanno scavando la fossa da soli, se continuano a non capire quello che è successo e potrà succedere.

Distanze,

mascherine,

App di tracciamento,

 

isolamento forzato: ubbidienza ceca, per la paura della morte

Perdita di fede totale nel proprio Sistema Immune, un disastro epocale; la gente cammina all’aperto mascherata, respirando le proprie esalazioni tossiche ed aumentando cosi il rischio di gravi malattie, soprattutto bronco polmonari e del sangue, con accumuli di CO2, altro che corona!

Ma i politici si fanno vedere cosi in TV e minacciano di chiudere tutto di nuovo se…non ubbidite. Sottomissione, come per le donne con il burka; incredibile ed impensabile fino a pochi mesi fa.

Martellamento psicologico ed ipnosi televisiva e radiofonica; nelle due guerre mondiali, credo nulla di ciò fosse accaduto.

Pensate adesso di andare al ristorante per divertirvi e socializzare con: …

 

maschere?

Distanze e plexiglass?

Oppure nuotare in piscina?

Oppure ballare in Disco?

 

Non riaprono gli asili, o forse con 3 o 4 bambini alla volta … E nessun bambino o giovane, si è beccato il corona…ma la gente ha paura, non capisce, è stordita e non ragiona più e telefona alle forze dell’ordine:

 

ho visto quello la…senza maschera vicino a uno con la bici …

 

follia mentale assoluta!

Termino dicendo: se hanno spruzzato un virus di laboratorio o gas od altro, facciamoli la guerra ed eliminiamoli dalla faccia del pianeta!

Come dice Montagnier, se il virus è stato manualmente modificatolo si auto distrugge la Natura lo elimina  in poco tempo e quindi il problema è già risolto, come ben si può vedere dai dati reali e non strombazzati dalle falsità governative.

Del famigerato vaccino ne abbiam già parlato; il corona o i corona si modificano cosi rapidamente, che pensare ad un vaccino è RIDICOLO ed antiscientifico, secondo i 4 postulati di Koch; chiedetelo pure a microbiologi non pagati dal regime!

Quello che metteranno dentro, sarà veleno per fottervi la vita!

Il resto è solo controllo psicologico e distruzione economica e sociale: noi siamo lo Stato e chi ha posti di responsabilità, a noi deve rispondere.

Ci dicono…vi è permesso fare questo e questo no…COSA, PERMESSO?

I diritti della Costituzione sono inviolabili!

Consiglio finale: mandate a fan culo questi politici inetti e se trovate per strada per caso chi avete votato, non dategli una carezza. Spegnete la televisione e non credete a nessuna notizia rilasciata dai soliti giornali di regime…quasi tutti.

TUTTO DEVE RIAPRIRE COME FINO AL 23 DI FEBBRAIO 2020…NESSUNA RESTRIZIONE…

E quando siete in giro, NON GIU’ LA TESTA come gli schiavi, ma GIU’ LA MASCHERA ed in ALTO  I CUORI!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

 

®wld

O APP mia APP come farò senza di te …

Lascia un commento

0920_apps-1000x667

 

APP: le insidie che ci possono essere per gli utenti

 

[21/4, 18:10] Anna Dossena mi scrive: mi hanno appena mandato questo importante messaggio:

 <<Lavoro nel settore dello sviluppo software da 25 anni. Ho progettato decine di app, molte delle quali sono, o sono state per mesi nelle classifiche dei download. So come si costruisce un’app e conosco le insidie che ci possono essere per gli utenti quando qualcosa va storto in sede di sviluppo o gestione dei dati. In questi giorni vedo grande entusiasmo da parte dei media per una app destinata a tutti i cittadini che verrà realizzata dal Governo e da una azienda privata (che peraltro stimo e considero degna di fiducia).

Lo dico senza mezzi termini: mi fa paura e mi preoccupa più del virus stesso. Secondo gli annunci questa app sarebbe basata sulla tecnologia Bluetooth e non includerebbe tracciamento degli utenti, sebbene sarebbe utilizzata anche per profilare l’utente in base ai dati sanitari raccolti. Per prima cosa raccogliere quantità enormi di dati sanitari personali apre uno scenario da incubo nel caso questi dati vengano accidentalmente diffusi, e chiunque lavori nel campo del software sa che la diffusione accidentale o fraudolenta di dati personali degli utenti non è questione di se, ma di quando.

Peraltro questa evenienza si è verificata largamente in questi anni (e anche recentemente) sia da parte di aziende private che della Pubblica Amministrazione (vedi caso INPS). Provate solo a pensare cosa succederebbe se questi dati una volta sfuggiti e pubblicati online da qualcuno venissero utilizzati dalle compagnie assicurative che decidono se farci o meno una polizza o da un istituto finanziario che deve decidere se darci un prestito, o più semplicemente da un datore di lavoro che deve decidere se assumerci…

Secondariamente, si garantisce che i cittadini non verranno tracciati nei loro spostamenti, dicono che basterà la tecnologia Bluetooth. Mi permetto di non crederci, sicuramente nella prima fase l’app non traccerà gli spostamenti, ma con un semplice aggiornamento, una volta che l’app verrà accettata e scaricata con entusiasmo, lo farà per certo.

Ditemi un po’ a cosa potrebbero servire quantità enormi di dati puntiformi raccolti col Bluetooth non collegati direttamente alla località fisica in cui sono stati raccolti, mi sembra più che ovvio che prima o poi, ci sarà una classificazione di qualche tipo in base alla località.

Per quanto riguarda l’anonimato poi posso dire una cosa molto semplice: davvero pensate che ci possa essere una remota possibilità che verrà garantito davvero? È più facile incontrare un rettiliano al supermercato credo.

Anche non volendo, ci potrebbe essere qualche bug o qualche errore progettuale (ed è scontato che ci sarà, non esistono app senza bug, anzi non esiste nulla senza bug) che trasformerà i nostri dati da anonimi in espliciti nel giro di pochi mesi.

E per farlo non serve nemmeno attivare la localizzazione del telefono, basta incrociare dati Wi-Fi, altre utenze domestiche connesse e via dicendo.

Ultima considerazione (ma ce ne sarebbero a decine da fare avendo tempo e voglia): tecnologia Bluetooth: sono seduto alla pensilina dell’autobus. L’autobus si ferma, all’interno c’è una persona infetta, il mio cell si connette a quello della persona infetta: per l’app sono entrato in contatto con lei anche se non sono salito sull’autobus. Oppure, sono nel mio appartamento in condominio, nell’appartamento vicino c’è una persona infetta, i cellulari si parlano, ecco che risulta che ho passato una intera giornata insieme a una persona infetta.

Non molto rassicurante come cosa. Concludo con una domanda: siamo sicuri che questa app sarà utile per evitare la diffusione del Codiv-19? Mi risulta che nella sola Lombardia circa il 30% delle persone sia entrato in contatto con il virus secondo calcoli matematici che hanno diffuso i media (ma anche se fosse una percentuale un po’ diversa non cambierebbe molto).

Questo significa che, in pratica, nei primi 10 giorni di utilizzo saremmo tutti marchiati come “persona entrata in contatto col virus”, quindi l’app, così come ce la raccontano, sarebbe del tutto inutile per la famosa fase 2 di cui tutti parlano. Questo è quello che penso io, magari mi sbaglio, a voi ogni considerazione.>>

******************************

Video correlato:

La verità sulle app di tracciamento

DIEGO FUSARO: Verità sconcertante! App Immuni: indovinate chi c’è dietro…

®wld

Older Entries