L’indovinello di Romulus: il leggendario primo re di Roma esisteva davvero?

Recenti scavi a Roma hanno riacceso il dibattito sul fatto che il leggendario primo re di Roma, Romolo, fosse un personaggio storico o solo un’opera di fantasia. In effetti, all’inizio di quest’anno, gli archeologi hanno portato alla luce  un presunto santuario di Romolo  che risale a circa 2.600 anni fa. Oltre a questa scoperta, gli archeologi negli ultimi decenni hanno  fatto scoperte  che sembrano essere collegate al mito canonico della fondazione di Roma. Mentre la maggior parte degli accademici ha a lungo scritto Romolo come una “fabbricazione letteraria”,  alcuni hanno contestato  questa opinione prevalente e hanno sollevato nuove prove; ma ce n’è abbastanza per risolvere finalmente la controversia?

Il caso contro l’esistenza di re Romolo

Il caso contro il leggendario fondatore e re romano, Romolo, è piuttosto semplice: ci sono episodi fantastici nel racconto di Romolo che semplicemente non possono essere veri. Dopotutto, per non dire altro, sembra altamente improbabile che Romolo fosse il figlio del  dio Marte, fu salvato da una lupa carnivora selvaggia e ascese miracolosamente nei cieli, dopodiché divenne il dio Quirino che vegliava sullo stato romano . Se queste storie dubbie non fossero abbastanza dannose, ci sono altre leggende della fondazione romana in competizione che non si concentrano su un eroe omonimo.

Oltre a queste questioni, alcuni accademici hanno sostenuto che la datazione archeologica di Roma non è in linea con la presunta fondazione della città nel 753 a.C., e ci sono pochissime, se non nessuna, prove iniziali convincenti dell’esistenza del re  Romolo . Mentre gli scettici di Romolo fanno molti punti giusti, non chiudono necessariamente il caso contro un fondatore omonimo di Roma.

Denario con la testa laureata, dai capelli lunghi e barbuta di Quirino (Romolo). (Classical Numismatic Group, Inc./  CC BY SA 3.0  )

Spiegazioni del mondo reale per le leggende di Romulus

Prima di tutto, semplicemente perché nella leggenda di Romolo esistono componenti soprannaturali non significa che la nozione di fondatore di un eroe sia priva di credibilità, soprattutto considerando che c’erano alternative più plausibili e antiche. Per uno, alcuni storici antichi credevano che il padre di Romolo non fosse il dio della guerra. Piuttosto,  un ammiratore o il re canaglia di Alba Longa  – Amulio – violentò selvaggiamente e impregnò la madre di Romolo – nota come Rea Silvia – portando alla scandalosa gravidanza.

Anche la leggenda della lupa  è di origine discutibile, dato che i lupi hanno maggiori probabilità di divorare i bambini che di allattarli. Tuttavia, alcuni storici antichi sostenevano che un lupo di nome Lupa non avesse aiutato il piccolo Romolo. Invece, una prostituta lo ha fatto, e la giustificazione di questa convinzione è  che  lupa  era un termine antico  che si traduceva essenzialmente in “puttana”. Quindi, una prostituta – forse chiamata Acca Larentia – piuttosto che un lupo avrebbe potuto prendersi cura di Romulus.

Replica della lupa romana, Romolo e Remo, Capitole, Roma, Italia. ( CC0 )

Infine, l’ascensione di Romolo nei cieli dovrebbe essere motivo di scetticismo. La maggior parte dei pensatori moderni richiede prove di qualche tipo quando si confrontano con tali individui che si suppone si smaterializzino e diventino vere divinità, specialmente quelli appartenenti ai pantheon di quelle che ora sono religioni morte. Ma alcuni scrittori romani e greci credevano che la verità sulla morte e scomparsa di Romolo fosse molto più semplice: un quadro di romani  stanchi del regno dispotico e ingiusto del re Romolo, spietatamente  lo uccise,  smembrò il suo corpo, nascose i resti e poi disse a tutti che aveva subito un’apoteosi miracolosa.

Pertanto, l’esistenza di episodi soprannaturali nella leggenda canonica non è necessariamente uno sciopero contro Romolo, dato che esistevano alternative antiche più plausibili. I componenti spettacolari potrebbero essere stati creati solo per rafforzare la reputazione di re Romolo e nascondere verità sgradevoli al pubblico romano.

L’orgoglio del re Romolo. ( Dominio pubblico )

Le vedute dei miti e dell’archeologia moderna

Gli antichi scrittori conoscevano  diversi miti di fondazione  che variavano anche al di là di questi.  Dionigi di Alicarnasso  menzionò di conoscere 14 leggende,  Plutarco  ricordò 13, Festo 10 e Servio 8, ma lo stimato storico moderno TP Wiseman affermò di aver scoperto almeno  60 resoconti diversi  che esistono in qualche forma. Alcuni sono simili alla versione canonica; altri variano notevolmente; ci sono numerosi nomi diversi del fondatore e primo re di Roma, inclusi Rhomos, Rhomus, Rhomylos e, naturalmente, Romulus (molte di queste varianti hanno anche diverse genealogie); e alcune narrazioni non menzionano nemmeno un fondatore omonimo. Infatti, ha  scritto Plutarco , “Alcuni dicono che i Pelasgi, dopo aver vagato per la maggior parte della terra abitabile e sottomesso la maggior parte dell’umanità, si stabilirono in quel sito, e che grazie alla loro  forza  in guerra chiamarono la loro città Roma.”

Di solito, le numerose narrazioni contraddittorie sarebbero prove convincenti contro l’esistenza di un eroe fondatore di Roma, ma la maggior parte dei resoconti afferma che qualcuno – il cui nome era Romolo o un derivato simile – ha svolto un ruolo critico nella  fondazione di Roma. Inoltre, ogni volta che venivano incluse le date, gli antichi concordavano ampiamente che Roma fosse stata fondata intorno all’800-700 a.C.

Numerosi accademici moderni hanno rifiutato questa datazione e affermano che le prove fisiche non lo confermano. Tuttavia, i ritrovamenti degli ultimi decenni hanno messo in discussione questo punto di vista. Secondo l’ archeologo moderno  Andrea Carandini  – che non è privo di polemiche –  sono stati scoperti un antico muro del Palatino, un pavimento del Foro Romano, manufatti votivi e persino resti di una casa regale sul  Palatino e risalgono a circa 800-700 AVANTI CRISTO.

Riproduzione del blocco di pietra di Lapis Niger con l’iscrizione in latino antico. (Sailko /  CC BY-SA 3.0  ) Gli  antichi romani credevano che il Lapis Niger segnasse la tomba del primo re di Roma, Romolo, o il punto in cui fu ucciso dal senato, o il luogo in cui Faustolo, il padre adottivo di Romolo cadde in battaglia.

Molti di questi reperti sembrano anche potenzialmente legati al mito di Romolo. Dopotutto, si diceva che avesse costruito un muro sul Palatino, forse preparato il Foro per l’uso, innalzato templi dove sono state trovate reliquie votive e persino eretto una casa sul Palatino. Sebbene questi reperti archeologici siano affascinanti, purtroppo nessuno di essi conferma in modo definitivo l’esistenza di Romolo.

Gli scettici di Romolo sottolineano anche che i primi scritti e manufatti conosciuti che raccontano o almeno alludono al mito di Romolo arrivano centinaia di anni dopo la sua presunta morte. La  prima scrittura nota che  menziona il fondatore di un eroe risale alla metà del IV secolo a.C. e la prima arte e moneta indiscussa e ben attestata raffigurante Romolo risale rispettivamente al 296 e al 269/268 a.C. La prima era una statua di Romolo, Remo e Lupa, e la seconda era una moneta d’argento con il trio sul dritto.

Questo è molto tempo dopo che Romolo presumibilmente visse, ma questa non è una prova definitiva contro di lui, considerando che la scrittura e l’arte romana erano relativamente scarse per gran parte della sua storia antica. Inoltre, l’annalista  Livio affermò  che gran parte dell’inestimabile corpus di documenti antichi di Roma andò perduta durante il saccheggio gallico di Roma intorno al 390 aC, sebbene gli storici moderni mettano in dubbio la reale portata della distruzione. A parte questo, sembra lecito ritenere che la maggior parte dei primi documenti e arte di Roma potrebbero non essere sopravvissuti fino all’era moderna.

Romolo, Victor su Acron, trascina il ricco bottino al tempio di Giove. ( Dominio pubblico)

Trovare fatti nella finzione?

Se siamo onesti, alla fine le prove a favore e contro Romolo sono nel migliore dei casi deboli. Le prove archeologiche, artistiche e numismatiche sono inconcludenti, il che lascia solo il record letterario. Plutarco ha insistito sul fatto che la nozione di un fondatore omonimo era la “tradizione più autentica”, e  Dionisio di Alicarnasso  – che raccontò una storia dettagliata della prima Roma – affermò di aver fatto affidamento sugli storici e sui resoconti “meglio accreditati”.

Mentre i documenti esistenti della fondazione di Roma sono tristemente carenti, la maggior parte dei resoconti sembra supportare la teoria di un fondatore di un eroe omonimo. Sebbene questa non sia necessariamente una prova di Romolo di  per sé , il consenso della maggioranza all’interno delle storie scritte sembra suggerire che qualcuno di nome Romolo o qualcosa di simile fosse parte integrante della fondazione di Roma intorno all’800-700 a.C.

E questo potrebbe essere plausibilmente il caso. Dopotutto, è più logico accettare che ci sia un nocciolo di verità all’interno di una leggenda per la quale ci sono ampie prove letterarie, nonostante le sue carenze, e alcune potenzialmente a sostegno di prove archeologiche accessorie   invece di credere in qualcosa quando ce n’è molto meno, se ce ne sono , prova.

Forse dove c’è fumo c’è fuoco e  forse c’è un pizzico di verità  in alcuni dei miti fondanti di Roma. Ricorda che prima che Heinrich Schliemann scoprisse e scavasse Troia, i suoi contemporanei credevano quasi universalmente che Troia e  la famosa guerra di Troia  fossero creazioni di fantasia. Eppure sono stati smentiti e si è scoperto che c’erano frammenti di verità nei racconti antichi. Forse è lo stesso con i vari miti di fondazione romana e Roma prende il nome da una persona che si profilava in grande nella sua storia antica.

Si pensa che lo scrittore e filosofo Albert Camus abbia detto: “La finzione è la menzogna attraverso la quale diciamo la verità”, e questa citazione sembra avere un significato speciale rispetto al dibattito su Romolo. La fondazione di Roma è avvolta nell’incertezza, ed è oscurata dal passare del tempo e da abbellimenti e creazioni letterarie. Tuttavia, è possibile che queste fossero  le bugie attraverso le quali gli antichi dicevano la verità .

Immagine in alto: Romolo, il leggendario primo re di Roma, ( neurobita  / Adobe Stock) esisteva davvero? ( samott  / Adobe Stock)

Di  Marc Hyden

Marc Hyden è il direttore degli affari del governo statale presso il R Street Institute. È anche l’autore di ” Romulus: The Legend of Rome’s Founding Father ” e ” Marius: The Rise and Fall of Rome’s Savior “.

Pubblicato sul siro web: https://www.ancient-origins.net/

®wld