Home

Umiliazione e Incompetenza

Lascia un commento

dal sito web di SputnikNews recuperato tramite il sito Web WayBackMachine
© REUTERS / Kevin Lamarque

Il conduttore di Fox News definisce Joe Biden “il presidente più disastroso

Gli Stati Uniti non hanno mai avuto un presidente che sia “così disastroso” e “fa così tanti danni nel suo primo anno “,ha detto Steve Hilton, conduttore di “The Next Revolution” di Fox News , riferendosi a Joe Biden.

Hilton ha sottolineato che Biden ha ereditato “pace e prosperità” dal suo predecessore, il repubblicano Donald Trump.

E mentre alcuni dei media mainstream prendono in giro l’ex presidente, durante la sua presidenza gli Stati Uniti sono riusciti a sconfiggere lo Stato Islamico (un’organizzazione terroristica bandita in Russia) e ad affrontare la Cina, ha ricordato il presentatore.

Washington si è persino seduto al tavolo dei negoziati con Pyongyang

Per quanto riguarda Biden, ha commesso diversi errori, come

  • ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan  
  • l’annullamento della costruzione dell’oleodotto Keystone XL, che doveva trasportare petrolio dalla provincia canadese dell’Alberta al territorio statunitense.

Il presentatore ha definito “non professionali” le azioni del presidente degli Stati Uniti.

Ha sottolineato che, nonostante

“geni stagionati nella politica internazionale” affermano che Biden “ha guidato il consolidamento degli alleati della NATO”,

…in realtà, è stato il presidente della Russia, Vladimir Putin, a farlo davvero, beh,

“Non gli piaceva la prospettiva che i missili della NATO venissero schierati al suo fianco“.

Quanto a Biden, riteneva che,

“Non è in grado di dare ordini, ha persino problemi a lasciare la sua camera da letto”, ha aggiunto scherzando.

Hilton ha affermato che sia Biden che il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris, che ha descritto come,

“macchine del tutto mediocri e senza principi”,

… “disonorano se stessi e gli Stati Uniti”.


Il presentatore ha ricordato che durante la presidenza Trump gli Stati Uniti avevano molti più alleati di adesso.

In particolare Biden,

“ha consegnato l’India, il Sud Africa, il Medio Oriente, il Vietnam e il Brasile nelle mani di Cina e Russia”.

Allo stesso tempo, al momento, Washington ha più nemici di quanti ne avesse diversi anni fa:

Pertanto, la Corea del Nord ha lanciato un missile balistico intercontinentale per la prima volta da novembre 2017.

Ma,

qual è “la principale umiliazione che evidenzia l’incompetenza dell’amministrazione Biden”?

Secondo Hilton, è la chiusura delle centrali nucleari negli Stati Uniti e,

“grazie all’Iran per aver promosso le sue ambizioni nucleari”, che ha definito “una politica estera disgustosa e incoerente”.

Pubblicato su: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_biden19.htm

®wld

Gli Stati Uniti sono diventati un narcisista maligno infettando tutto ciò che incontrano

Lascia un commento

FILE FOTO:
Il World Trade Center di New York City brucia,
all’inizio dell’11 settembre 2001.
© REUTERS/Jeff Christensen

di Scott Ritter
11 settembre 2021
dal sito web RT

Scott Ritter è un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e autore di “SCORPION KING: America’s Suicidal Embrace of Nuclear Weapons from FDR to Trump”. Ha servito in Unione Sovietica come ispettore per l’attuazione del Trattato INF, nello staff del generale Schwarzkopf durante la Guerra del Golfo e dal 1991 al 1998 come ispettore delle armi delle Nazioni Unite. Seguilo su Twitter @RealScottRitter

20 anni dopo l’11 settembre, Non riconosco più il mio paese. Gli Stati Uniti sono diventati un narcisista maligno, infettando tutto ciò che incontra…

Si dice che diventiamo più forti di fronte alle avversità, poiché il viaggio di ritorno richiede un grado di autoriflessione che incoraggia la guarigione.

Nei due decenni successivi all’11 settembre, tuttavia, gli Stati Uniti non hanno imparato nulla su se stessi. Sono cresciuto come un monello militare – una categoria speciale di giovani americani imbevuti fin dalla tenera età dell’orgoglio di far parte di un collettivo unito dal senso del dovere verso il paese e dall’altruismo del sacrificio quando si trattava di adempiere a quel dovere.


Non c’era alcun concetto di diritto: tutto ciò che ti capitava era guadagnato o sofferto, in base alle tue azioni o alle azioni degli altri nel tuo gruppo.


Il monello militare viveva una vita in cui almeno un genitore, ma a volte entrambi, indossava l’uniforme di uno dei rami delle forze armate degli Stati Uniti d’America. Nel mio caso, è stato mio padre, che ha servito come ufficiale nell’aeronautica americana.

Ci siamo trasferiti in media ogni anno e mezzo, il che significa che, da quando sono nato fino a quando mi sono diplomato, abbiamo fatto le valigie e iniziato una nuova vita da qualche altra parte non meno di 11 volte, e ho frequentato tre diversi licei scuole:

  • uno alle Hawaii
  • uno in Turchia
  • uno in Germania

Abbiamo imparato ad amare il nostro paese non per un senso gonfiato del valore, ma piuttosto dal vederlo come lo vedevano gli altri:

il buono, il brutto e il cattivo, ma soprattutto il buono…

Questa esperienza mi ha definito da adulto, soprattutto quando ho seguito le orme di mio padre e mi sono arruolato nell’esercito – nel mio caso, il Corpo dei Marines – e ho vissuto una vita definita dal servizio all’estero.
La mattina dell’11 settembre 2001 ero una persona che sapeva, sulla base dell’esperienza diretta, che il mio paese era profondamente imperfetto, capace di commettere errori enormi, ma anche dotato di una capacità unica di fare del bene nel mondo se adeguatamente motivato.

Quando, come milioni di altri americani, ho guardato con orrore l’ abbattimento delle Torri Gemelle del World Trade Center, mentre il fumo sgorgava da un buco nel lato del Pentagono e il campo di un contadino è stato deturpato dal relitto di un passeggero jet, tutto a causa delle azioni dei terroristi decisi a fare del male al mio paese, ero pieno di indignazione.

Mentre guardavo il popolo americano riunirsi all’indomani dell’attacco, e la comunità globale stringersi intorno a noi in segno di solidarietà, sono stato confortato dal pensiero che i terroristi avevano perso.

Che, attraverso le loro azioni, non ci avevano sconfitto, ma ci hanno reso più forti, sia come nazione che come parte della comunità globale delle nazioni. Non mi sono mai sbagliato così tanto in tutta la mia vita.
Quasi immediatamente, il mio paese ha iniziato a comportarsi come un monello viziato, insistendo sul fatto che il mondo si unisse a noi in una missione non solo per dare la caccia e punire coloro che hanno pianificato e attuato gli attacchi dell’11 settembre, ma anche per rimodellare il mondo secondo la nostra visione.

In breve, eravamo l’unica nazione che contava e tutti dovevano conformarsi alla nostra direzione.

“O sei con noi”, ha proclamato il nostro presidente, “o con i terroristi “…

Abbiamo invaso l’Afghanistan con lo scopo di esigere vendetta più che cercare giustizia, e poi abbiamo dato seguito a quell’azione invadendo e occupando l’Iraq, una nazione che non aveva assolutamente nulla a che fare con gli eventi dell’11 settembre.

L’Iraq non doveva essere nemmeno un evento isolato, ma, invece, l’azione di avvio di un più ampio sforzo di trasformazione regionale che ha visto gli Stati Uniti cercare di rovesciare i governi di Siria, Iran e altre nazioni allo scopo di installare governi che noi soli ritenevamo accettabili, senza alcuna considerazione per coloro che vivevano in quei paesi, o per coloro che abbiamo insistito per unirsi a noi in queste disavventure.

Guardando indietro ai 20 anni trascorsi dall’11 settembre,

il danno che abbiamo causato al mondo è dolorosamente ovvio per tutti, a quanto pare, tranne che per noi stessi…

Mentre rifletto sull’arroganza nazionale che ha causato tale morte e distruzione, sono colpito da come gli americani abbiano sprecato in modo indegno l’opportunità emersa dalle ceneri dell’11 settembre.

Il mondo si era radunato intorno a noi all’indomani di quell’orribile giorno, e noi avevamo la scelta di,

  • o lavorare con il mondo per risolvere i problemi manifestati dalle azioni dei terroristi che ci avevano attaccato
  • o sprecare questa opportunità insistendo sul fatto che l’11 settembre riguardasse solo noi, al diavolo il resto del mondo…

Abbiamo scelto quest’ultimo…

Nel tentativo di spiegare le azioni degli Stati Uniti dopo l’11 settembre, la diagnosi più accurata che mi è venuta in mente è un disturbo narcisistico di personalità

Questa è una condizione mentale definita da un senso gonfiato della propria importanza, un profondo bisogno di eccessiva attenzione e ammirazione, relazioni travagliate e mancanza di empatia per gli altri.

In particolare, sotto questa patina di estrema fiducia in se stessi c’è un fragile ego vulnerabile alla minima critica.

Quando si riflette sul senso di diritto mostrato dall’America all’indomani dell’11 settembre, e continua a mostrare fino ad oggi, i segni e i sintomi del disturbo narcisistico collettivo di personalità diventano manifesti, come evidenziato nella retorica del nostro governo:

  • L’America è la più grande nazione sulla terra (la nostra esagerata presunzione)
  • Le regole si applicano agli altri, ma non a noi (il nostro senso di diritto e un bisogno di costante eccessiva ammirazione)
     
  • Noi siamo il potere indispensabile al mondo, nonostante aver perso due guerre (la nostra aspettativa che ci dovrebbe essere riconosciuto come superiore anche senza i risultati che lo giustificano)
     
  • Abbiamo il più grande esercito del mondo (la nostra esagerazione delle nostre capacità e talenti)
     
  • Possiamo ricostruire meglio (la nostra preoccupazione per le fantasie sul nostro successo, potere e brillantezza)
     
  • L’America è l’ideale globale a cui gli altri devono aspirare (la nostra fede nella nostra supremazia)

Gli altri sintomi escono dalla lingua, prontamente riconosciuti da chiunque sia capace di autoriflessione:

  • monopolizzare le conversazioni e sminuire o disprezzare le persone che percepiscono come inferiori
  • aspettandosi favori speciali e rispetto incondizionato delle loro aspettative
  • approfittare degli altri per ottenere ciò che vogliono
  • avere l’incapacità o la riluttanza a riconoscere i bisogni e i sentimenti degli altri
  • essere invidiosi degli altri e credere che gli altri li invidiano
  • comportarsi in modo arrogante o altezzoso, presentandosi come presuntuoso, vanaglorioso e pretenzioso
  • insistendo per avere il meglio di tutto

Forse siamo sempre stati così, e ci è voluto l’11 settembre per portare in superficie questi tratti orribili.

Ma riflettendo sugli ultimi 20 anni, non riconosco il paese che siamo diventati: una nazione di narcisisti che hanno permesso alla malignità della nostra condizione di avere un impatto negativo sul resto del mondo.

So che la mia nazione può fare di meglio…

Ma per farlo, dobbiamo riflettere su ciò che siamo diventati, riconoscere che questa condizione non è accettabile ed essere disposti a intraprendere qualsiasi rimedio sia necessario per correggere la condizione sottostante.

Sfortunatamente, come nazione di narcisisti, dubito che siamo in grado di farlo.

Nel 20 ° anniversario dell’11 settembre, temo che i sintomi sottostanti del nostro disturbo di personalità nazionale stiano solo peggiorando, con la nostra malignità che infetta tutto ciò che incontriamo.

Questa potrebbe non essere l’eredità che la gente pensa che meritiamo dopo gli orrori dell’11 settembre, ma è l’eredità che ci siamo guadagnati attraverso le nostre azioni.

Pubblicato su: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_americanempire418.htm

®wld