Home

La politica pubblica più distruttiva del secolo sta crescendo e non sembra rallentare

Lascia un commento

Il Blocco un anno dopo – Non funziona, non ha mai funzionato e non avrebbe dovuto funzionare …!

by Kit Knightly

rom Off-Guardian Website

Accendi la candela solitaria sulla torta di compleanno più triste del mondo! La politica pubblica più distruttiva del secolo sta crescendo e non sembra rallentare.

E così arriviamo al 23 marzo ° , e il primo compleanno di blocco. O, come le chiamiamo qui, le due settimane più lunghe della storia.

1 anno.

12 mesi di calendario.

365 giorni sempre più estenuanti.

È passato molto tempo da quando “2 settimane per appiattire la curva”, è diventata un’ovvia bugia.

Qualche volta a luglio si è trasformato in uno scherzo malato …

La curva è stata appiattita, il SSN protetto e l’applauso è stato caloroso e significativo …

… e niente di tutto ciò ha fatto alcuna differenza.

Questo non è stato un sacrificio per il “bene superiore”. Non è stata una decisione difficile con argomenti da entrambe le parti.

Non era uno scenario rischio-beneficio …

I “rischi” erano infatti certezze, e i “benefici” del tutto fittizi.

Perché i blocchi non funzionano …!

È davvero importante ricordarlo.

Anche se sottoscrivi la convinzione che “Sars-Cov-2” sia un’entità unica e discreta (che è tutt’altro che provata), o che sia incredibilmente pericolosa (il che è dimostrabilmente falso), il blocco non ha funzionato, in nessun modo, limitare questa presunta minaccia.

I Blocchi … Non … Funzionano …

Non fanno alcuna differenza, le curve non si appiattiscono e il numero R0 non scende e le vite non vengono salvate ( al contrario, come abbiamo visto tutti).

Guarda i grafici.

Questo, confrontando le “morti di Covid” nel Regno Unito (blocco) e in Svezia (nessun blocco):

O questo, confrontando “Morti di Covid” in California (blocco) e Florida (senza blocco):

Dalla Bielorussia alla Svezia, alla Florida, dal Nicaragua alla Tanzania, le prove sono chiare.

“Covid”, qualunque cosa significhi in termini reali , non è influenzato dai blocchi …

Mettere l’intera popolazione agli arresti domiciliari non giova alla salute pubblica.

In effetti, è (piuttosto prevedibile) incredibilmente controproducente …

Il danno fatto da,

… è stato discusso a morte.

La portata dell’impatto non può essere sopravvalutata.

Il dottor David Nabarro , inviato speciale dell’Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ) per Covid-19 , ha detto questo dei blocchi a ottobre:

“Noi dell’Organizzazione mondiale della sanità non sosteniamo i blocchi come mezzo principale di controllo del virus […] 

J ust un’occhiata a quello che è successo per l’industria del turismo … Guardate cosa sta succedendo alle piccole-holding agricoltori […] sembra che possa avere un raddoppio della povertà nel mondo entro il prossimo anno. 

Potremmo avere almeno un raddoppio della malnutrizione infantile […] 

Questa è una terribile, orribile catastrofe globale “.

  GUARDA: Il dottor David Nabarro, inviato speciale dell’OMS su Covid-19, dice ad Andrew Neil: “Facciamo appello a tutti i leader mondiali: smetti di usare il blocco come metodo di controllo principale”. Guarda l’intervista completa qui: https://t.co/XLdaedsKVS #SpectatorTV @afneil | @davidnabarro pic.twitter.com/1M4xf3VnXQ– The Spectator (@spectator) 9 ottobre 2020

Una terribile catastrofe globale … Un raddoppio della malnutrizione infantile

La “pandemia” non ha fatto questo, i blocchi hanno fatto quello … 

Non avrebbero mai raggiunto i loro obiettivi dichiarati. 

E per di più, non sono mai stati concepiti per raggiungere questi obiettivi.

Troppo spesso il linguaggio morbido nei media parla di “valutazioni errate” o “errori” o “incompetenza”.

I presunti critici affermano che il governo “è andato nel panico” o “ha reagito in modo eccessivo”. Questa è una sciocchezza. La scusa più semplice e sdolcinata che sia mai esistita.

“Whoops” , dicono, con un’alzata di spalle enfatica e un ghigno divoratore di merda “Immagino che abbiamo fatto un pasticcio!”

Poco lusinghiero, ma meglio della verità.

Perché la verità è che il governo non si sbaglia, non ha paura o è stupido … sono maligni. E disonesto. E crudele.

Tutta la sofferenza del blocco era del tutto prevedibile e deliberatamente imposta. Per ragioni che non hanno nulla a che fare con l’aiutare le persone e tutto il necessario per controllarle.

È stato più che evidente per la maggior parte delle ultime cinquantadue settimane che l’agenda del blocco ,

non era salute pubblica, ma gettare le basi per la “nuova normalità” e il “grande ripristino”. 

Una serie di programmi progettati per minare completamente le libertà civili in tutto il mondo, invertendo decenni (se non secoli) di progresso sociale.

Una ri-feudalizzazione della società, con il 99% che indossa allegramente i camici da contadino “per proteggere i vulnerabili”, mentre l’élite fa proselitismo sul valore delle regole che ammettono felicemente non si applicano a loro.

E tutti abbiamo avuto vite rovinate e un anno di tempo prezioso sprecato. Per niente…

Sei stato rinchiuso per due settimane che sono durate 365 giorni.

Per niente…

… o meglio, per tutto. Perché è quello che stanno cercando di portarci via. Qualunque cosa. E l’unico modo per fermarli è non lasciarli. Per negare semplicemente il consenso

Non lasciamo che il blocco abbia un secondo compleanno …!

Pubblicato sul sito web: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

V-a-c-c-i-n-o eterno, e niente cure …

1 commento

https://www.possibile.com/wp-content/uploads/2017/05/xcurve-thegem-blog-default.jpg.pagespeed.ic.ibLFt-AhxC.jpg

V-a-c-c-i-n-o eterno, e niente cure: è il patto del 12 aprile?

Occhio alla data: 12 aprile. Il primo a evocarla, in Italia, era stato Nicola Bizzi. Tema: l’inizio della fine, per le restrizioni Covid, sulla base di un patto che sarebbe stato siglato, lontano dai riflettori, a fine 2020. Ora una conferma viene dal Regno Unito: è stato Boris Johnson in persona, dopo aver stra-vaccinato gli inglesi, ad annunciare che il 12 aprile la Gran Bretagna avrebbe riaperto i battenti, compresi quelli notturni dei pub. L’effetto del patto evocato da Bizzi? L’accordo – dice lo storico, editore di Aurora Boreale nonché massone e in contatto con fonti di intelligence – avrebbe riguardato la stessa piramide del grande potere, spaccatasi in due: al progetto originario dei “falchi” (prolungare l’emergenza “sanitaria” fino al 2023) si sarebbe opposta la fazione delle “colombe”, capitanata dai Rothschild, decisa a far cessare l’allarme in tempi più ragionevoli. Precisamente, a partire dal 12 aprile 2021. La contropartita, concessa ai “falchi”: il business planetario dei v-a-c-c-i-n-i , al quale peraltro sembra aver dato il via libera lo stesso Mario Draghi, che dichiara di vedere nella vaccinazione di massa l’unica possibile via d’uscita dal Covid.

Draghi

Come dire: vi lasciamo fare, comprandovi tonnellate di dosi vaccinali, a patto che voi – a vostra volta – non ostacoliate la normale ripresa dell’economia e, in generale, della vita sociale. E’ davvero così? Certo, la precisione della “profezia” di Bizzi fa pensare: 12 aprile. Quanto a  Draghi, se un simile tacito accordo esistesse davvero, potrebbe non essere incoerente con l’intera traiettoria dell’azione politica dell’ex capo della Bce. Gioele Magaldi lo presenta come “neoaristocratico pentito”, supermassone già ai vertici dell’élite europea del rigore, ma poi convertitosi e tornato ai lidi keynesiani dell’economia democratica (alla cui scuola, peraltro, il giovane Mario era cresciuto, sotto la guida del professor Federico Caffè). Come si sta muovendo, Draghi? E’ abbastanza evidente: cerca di traghettare l’Italia fuori dai guai, ma senza smascherare gli “inventori” dell’emergenza che ha quasi schiantato il paese, da un lato imponendo il lockdown e dall’altro evitando (per un anno intero) di curare i malati a casa, col risultato di provocare l’inevitabile corsa all’ospedale, spesso fuori tempo massimo.

Bizzi

Pare sia davvero il maggiore dei tabù: fior di medici anche italiani, come i volontari dell’associazione “Ippocrate”, dimostrano che – intervenendo tempestivamente, e con i farmaci giusti – dal Covid si guarisce praticamente sempre, evitando di finire all’ospedale. Il dottor Mariano Amici, di Roma, vanta un bilancio invidiabile: 2.000 pazienti guariti, in un anno, grazie alle cure precoci. Nessuna perdita, nessun ricovero. Chiave di volta: le terapie domiciliari, somministrate in modo sollecito. Domanda: ma se dal Covid si guarisce così, che senso ha vaccinarsi? E che senso ha costringere alla vaccinazione i sanitari, quando sono gli stessi scienziati “ v-a-c-c-i-n-isti” ad ammettere che il V-a-c-c-i-n-o non impedisce al vaccinato di restare contagioso? Poi ovviamente ci sono le incognite di questi farmaci, che in realtà sono “preparati genici” ancora sperimentali: com’è possibile imporne l’inoculo, per legge? E Mario Draghi – sponsorizzato dalla massoneria progressista – non avrebbe dovuto essere il garante di certi diritti, a presidio delle libertà sospese nel tragico 2020?

Non solo: prende quota il “partito” che vorrebbe imporre il “pass vaccinale”. Corollario: dato che i v-a-c-c-i-n-i genici per il Covid garantiscono un’ipotetica copertura solo per qualche mese, si prefigura una sorta di campagna vaccinale permanente, teoricamente prolungabile in eterno, per la gioia di Big Pharma. E’ sempre l’effetto del patto segreto di cui parla Bizzi? In altre parole: all’emergenza eterna si è sostituito l’obbligo vaccinale perenne? Sono domande a cui prima o poi occorrerà rispondere, se si immagina una vera “ripartenza” per il sistema-Italia. Oltretutto, il “corona” non sarà certo l’ultimo virus ad apparire sulla scena: e se si instaura la prassi corrente che cosa facciamo, ogni volta il lockdown in attesa del “salvifico” V-a-c-c-i-n-o? Trattasi, evidentemente, di una deformazione logica, prima ancora che politica o sanitaria.

Boris Johnson

Dall’incubo – ormai appare evidente, agli osservatori attenti – si uscirà in un solo modo: chiarendo com’è facile, sotto controllo medico, guarire presto e bene. Ma dirlo, ancora, non si può. E lo stesso Draghi finge di non saperlo. Il che la dice lunga, probabilmente, sul genere di minaccia che incombe: se ai “falchi” non si lascia il “premio di consolazione” del V-a-c-c-i-n-o, dobbiamo aspettarci il peggio? In questi termini, la missione di Draghi (dando per buono il suo impegno per il paese) si mostra estremamente ardua: come se l’Italia non potesse permettersi di svelare il trucco, dovendo innanzitutto uscire dal ruolo di Cenerentola europea, al quale l’hanno relegata gli oligarchi dell’austerity. Quasi  che Draghi, tra le righe, dicesse: posso mettercela tutta per far cessare il rigore, ponendo le basi per un cambio di paradigma storico, a livello europeo; ma non chiedetemi anche di denunciare il raggiro del “terrorismo sanitario”. Non ce la possiamo ancora consentire, dunque, la verità sul Covid?

In realtà, non se la consente quasi nessuno, in Europa: Germania e Francia sono allineate alla consegna del coprifuoco, e la Gran Bretagna – che in modo quasi spavaldo voleva puntare sui contagi in libertà per raggiungere l’immunità di gregge, è stata ricondotta all’ovile (è il caso di dirlo) con “l’incidente” che ha portato Boris Johnson in serio pericolo di vita. A cantare tutt’altra canzone sono paesi come la Svizzera e la Svezia, per non parlare della Russia: la prima, con Putin, a decretare l’uscita dall’emergenza. Ancora una volta: decisioni politiche, non sanitarie. Sembra che tutti la conoscano, la “vera verità”, ma non se la possano permettere: passi, che a subire il copione fosse – in Italia – un signor nessuno come l’imbarazzante prestanome Giuseppe Conte, prono a qualsiasi diktat. Se però ad accodarsi all’ipocrisia generale è anche un certo Mario Draghi, tuttora presidente del Gruppo dei Trenta, significa che la partita – ancora pienamente in corso – ha un rilievo che probabilmente non è sbagliato definire storico.

Fonte articolo: https://www.libreidee.org/

**********************************************

Ti potrebbe interessare:

Alcuni gruppi hanno iniziato a sfidare la narrativa del 5G

Strane Fibre vive simili a vermi trovate nelle maschere

®wld

Rekor sta usando il COVID come scusa per creare segretamente un programma di sorveglianza

Lascia un commento

COVID è diventata una scusa per eseguire programmi di sorveglianza in tutto lo stato

Postato da: MassPrivateI

I tecnocrati inventano perché possono, soprattutto quando si tratta di sorveglianza e monitoraggio. L’attività di Recor sfrutta l’uso del tracciamento AI offrendo nuovi flussi di entrate agli stati a corto di liquidità. ⁃ TN Editor

Gli stati a corto di soldi stanno usando COVID come scusa per creare programmi di riconoscimento dei veicoli basati sull’intelligenza artificiale o programmi di sorveglianza per lettori di targhe.

Come si  vanta con orgoglio il presidente e CEO di Rekor System, Robert Berman, “poiché la nostra tecnologia funziona così bene per il riconoscimento dei veicoli, facciamo di più, identifichiamo la marca, il modello, il colore, il tipo di carrozzeria del veicolo, gli adesivi per paraurti o le decalcomanie per vetri, ruggine, ammaccature e altre cose come la velocità di viaggio e la direzione del veicolo. ” (circa 2,40 del video.)

Berman ha rivelato che i ristoranti fast-food utilizzano  il  programma di sorveglianza dei veicoli di Rekor “perché aiuta le persone che stanno preparando il cibo a farlo in modo più efficiente”, sostenendo che aiuta aziende come Starbucks, i clienti di ID che ordinano la stessa cosa ogni giorno.

Berman ha anche ammesso che  il programma di sorveglianza dei veicoli di Rekor  è legato alla sorveglianza delle città intelligenti, dicendo “è qui che le cose stanno andando, è qui che le cose convergeranno”.

Rekor si autodefinisce  una società di riconoscimento dei veicoli basata sull’intelligenza artificiale, ma in realtà è tutto; è una società di lettori di targhe basata sull’intelligenza artificiale che  “opera in oltre 500 regioni in tutto il mondo”.

Un recente  articolo  su  One Zero, ha rivelato che l’Oklahoma sta usando COVID come scusa per creare segretamente un programma di sorveglianza di veicoli di massa in tutto lo stato usando  Rekor  per aiutare a raccogliere fondi tanto necessari.

“L’Oklahoma, che ha visto le sue entrate fiscali precipitare insieme al calo dei prezzi del petrolio, ha annunciato il lancio di Rekor One in tutto lo stato a novembre per rintracciare gli automobilisti non assicurati”.

Dagli aeroporti alle scuole e ora ai veicoli, non c’è fine all’uso di COVID per aumentare la sorveglianza pubblica?

Un  comunicato  stampa Rekor  del novembre 2020 rivela quanto sia grande il loro programma di sorveglianza dei veicoli.

“L’utilizzo della piattaforma Rekor One da parte del programma UVED (Uninsured Vehicle Enforcement Diversion Program) dell’Oklahoma promuove la missione dello stato di ridurre il numero di automobilisti non assicurati sulla strada e tenere le questioni fuori dal sistema giudiziario. La piattaforma consente il rilevamento in tempo reale dei veicoli non conformi e il consolidamento istantaneo dei dati in un database assicurativo aggiornato regolarmente collegato ai programmi di applicazione dello stato. Inoltre, la tecnologia basata sull’intelligenza artificiale di Rekor identifica la marca, il modello e il colore di un veicolo, fornendo un’ulteriore convalida per confermare l’identificazione del veicolo “.

Rekor  e il Consiglio dei procuratori distrettuali dell’Oklahoma affermano che il programma è un miglioramento rispetto all’essere fermato e multato dalle forze dell’ordine.

“Invece di ricevere una citazione da un tribunale penale e una multa di $ 250, gli automobilisti non assicurati catturati dalle telecamere di Rekor, montate su pali di servizio e rimorchi mobili, ricevono una notifica di violazione a casa loro, ricevono una citazione di $ 174 e devono polizza assicurativa tramite il portale assicurativo di Rekor. “

Quindi, invece di essere fermati e multati da funzionari pubblici, i conducenti dell’Oklahoma dovrebbero accettare un programma di sorveglianza dei veicoli in tutto lo stato progettato per ottenere più soldi dalle persone inviando multe alle loro case e costringendoli a utilizzare  l’  assicurazione Rekor ?

Come   sottolinea One Zero , se le persone non possono permettersi di pagare i loro padroni aziendali potrebbero essere perseguite.

Se un individuo non può pagare, tuttavia, potrebbe essere perseguito. “La discrezione del pubblico ministero si occupa di coloro che dimostrano gravi difficoltà finanziarie”, ha dichiarato in una e-mail Amanda Arnall Couch, direttore del programma UVED / procuratore. “Lo scopo di questo programma è aiutare i più vulnerabili.”

La  ribellione del Tea Party è  iniziata molto meno di quanto stanno facendo stati come l’Oklahoma.

La sorveglianza di massa mascherata da sicurezza pubblica che porta a multe aziendali e azioni penali, perché qualcuno non poteva permettersi di pagare la propria assicurazione automobilistica durante una pandemia, sembra una forzatura anche per lo Stato di polizia.

Rekor  vuole che il proprio programma di sorveglianza dei veicoli aziendali / delle forze dell’ordine si diffonda in tutto il paese.

“È prassi commerciale comune che tu voglia espandere il tuo successo. Sappiamo di avere successo nello stato dell’Oklahoma e altri stati lo hanno notato “, ha detto il vicepresidente esecutivo di Rekor Charles Deglimini.

I governi a corto di soldi si stanno rivolgendo alla tecnologia che converte le telecamere in lettori di targhe automatizzati per identificare, tracciare e penalizzare i conducenti per tutti i tipi di reati.

Stati come la  Louisiana, il  Nevada e la  Florida  hanno monitorato gli automobilisti non assicurati con ALPR, ma l’Oklahoma è il primo a implementare un programma di sorveglianza dei veicoli in tutto lo stato.

“Quest’anno, il Texas, il  Tennessee e la  Florida hanno  introdotto una legislazione che richiederebbe programmi di applicazione dell’assicurazione assistita da ALPR in tutto lo stato. A febbraio, Rekor ha annunciato un programma pilota in  tre parchi nazionali  nel Nord Dakota. Un  recente disegno di legge dello stato di New York  proibirebbe a individui e aziende di utilizzare i dati ALPR, ma espande il potere statale delineando la sorveglianza ALPR come uno strumento praticabile per identificare i parcheggi e le violazioni del traffico, violazioni dei requisiti di registrazione e violazioni dei requisiti di ispezione “

Rekor utilizza campanelli video per creare reti di sorveglianza dei veicoli di quartiere 

Come ho scritto circa l’anno scorso,  Rekor  utilizza campanelli video come Ring per creare una  rete di sorveglianza di 68 milioni di veicoli di quartiere.

“Rekor sta facendo di tutto per trasformare le case intelligenti in reti di sorveglianza dei veicoli di quartiere. Per attirare i residenti suburbani, offre un forte calo dei prezzi: dai $ 50 al mese addebita alle imprese e alle forze dell’ordine i $ 5 al mese, meno del prezzo di un abbonamento a un giornale. Rekor consente inoltre al tuo vicino di identificare un numero limitato di veicoli per $ 99, $ 395 o $ 1995 al mese “.

E non è tutto,  Rekor  rintraccia, identifica e multa anche i veicoli nei  parcheggi e consente solo i parcheggi .

Una cosa è chiara, i funzionari governativi stanno usando COVID come scusa per creare programmi di sorveglianza di massa gestiti da società private.

“Quello che sembra che tu abbia qui è un programma di sorveglianza di massa creato per soddisfare il settore assicurativo e per generare potenzialmente denaro per il governo”, ha avvertito Dave Maas, direttore della Electronic Frontier Foundation. 

I mass media e i funzionari governativi vogliono che tutti guardino dall’altra parte mentre usano COVID come scusa per consentire alle aziende di trarre profitto da tutti i modi di sorveglianza pubblica.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://www.technocracy.news/

®wld

L’opera d’arte occulta

1 commento

La narrativa COVID come “opera d’arte occulta”

di Jon Rappoport
dal sito NoMoreFakeNews

versione spagnola

I lettori che sono stati con me l’anno scorso sanno che ho smantellato ogni pezzo della narrativa ufficiale di COVID.

Di fatto. Scientificamente …

Sapevo da 30 anni di esperienza – indagando su HIV / AIDS, West Nile, SARS1, influenza suina, Ebola e Zika – cosa cercare nella falsa scienza COVID .

Voglio anche considerare la narrativa COVID come un’opera d’arte occulta

Cioè, coinvolge la persona disinformata in una sorta di iniziazione , con la promessa di una rivelazione finale e di un salvataggio .

Le iniziazioni occulte sono “misteri”, nel senso che il credente riceve passi e procedure che non riesce a capire o che comprende solo parzialmente.

Questo è utile.

L’immaginazione del credente è impegnata senza che lui lo sappia.

Attribuisce il significato a parole senza senso.

Ma nessuno vuole scoprire che le immagini e le speculazioni che sta intrattenendo sono vuote e aride. PREFERISCE che una cerimonia sia molto carica e, a un certo livello, è importante per lui.

Così, all’inizio, quando “il virus viene scoperto” e viene introdotta l’ iniziazione , l’immaginazione del credente scatta e sente di essere su una nuova traccia dell’esperienza.

È estasiato:

Questa non è più la vita ordinaria.

Questo è diverso.

Paura, interesse, eccitazione, anticipazione sono tutti disponibili.

Che sono esattamente ciò che le iniziazioni occulte dovrebbero provocare: il senso di possibilità amplificato .

L’Ordinario è andato.

“I ricercatori hanno trovato un nuovo virus, che sta causando un’epidemia”.

Trovato un virus?

Che cosa significa? Il virus è stato isolato.

Che cosa significa? Il virus è stato sequenziato.

Che cosa significa? Il credente può applicare automaticamente le proprie immagini, pensieri, sensazioni e sentimenti a questo mistero .

E in effetti, l’intero “processo di scoperta del virus” È stato condotto a porte chiuse, in strutture di massima sicurezza, in un santuario dove solo i sacerdoti possono operare. Perché possiedono la magia .

Hanno trovato il nemico

Poi arriva un nuovo pezzo di magia. Il test’…

I sacerdoti hanno ideato un sistema molto complesso di disposizione e sfregamento degli amuleti, al fine di rilevare la presenza del virus in un essere umano.

Come ci sono riusciti e così velocemente? Attraverso AMPLIFICAZIONE .

L’essenza del campione prelevato dal paziente – di per sé una fase iniziatica – è così piccola che nessun microscopio può registrarla. Ma attraverso una serie successiva di “raddoppiamenti”, l’esemplare si trasforma in un oggetto visibile.

E il credente farà questo test (PCR). Un altro passo sulla strada

I sacerdoti minori annunceranno al credente l’esito della prova:

positivo o negativo…

Ora il significato di “il virus” affonda in:

infetto o non infetto …

In ogni caso, l’iniziazione sta procedendo.

Se infettato, ci saranno pozioni. “Anti-virali” …

Ventilatori, per portare ciò che il credente potrebbe non essere in grado di fornire a se stesso: il “respiro della vita” …

E sì, uno dei possibili esiti è la morte.

Questa non è un’iniziazione superficiale .

La posta in gioco è alta, molto alta.

Veniamo, ovviamente, alla maschera .

L’identità del credente sarà protetta.

Il mascheramento fa di uno un membro anonimo di un gruppo molto numeroso, che stanno tutti subendo la stessa cerimonia e la impongono agli altri. “Società segreta” … Il

mascheramento, tradizionalmente, è anche per i criminali. (Il brivido del fuorilegge.) Il

mascheramento cancella anche l’identità. Il credente può trovare (immaginare) una nuova persona .

Il mascheramento include un senso di sacrificio. “Elimino chi ero, per la Causa.”

Il mascheramento introduce tocchi di umiliazione, colpa e orgoglio.

Tutti gli elementi standard dell’iniziazione.

La distanza fornisce “l’isolamento necessario”, in modo che il processo iniziatico per l’individuo possa procedere senza ostacoli.

Distanziamento (come mascheramento) separa il Clean dal Immondi .

Il blocco è un ulteriore isolamento.

Allontanamento dalle influenze del mondo esterno e dalle sue distrazioni.

“Il monaco nella sua cella.”

Grande sacrificio dei mezzi di sostegno finanziario, al fine di raggiungere la purezza.

Rinuncia al lavoro ordinario (impiego) per uno scopo superiore; purificazione.

E infine, salvataggio e rivelazione: il v-a-c-c-i-n-o.

L’iniezione.

La trasformazione delle cellule del corpo, che ora producono una proteina che stimola l’azione del sistema immunitario; una proteina che in circostanze normali non sarebbe mai nata.

Miracolo…

Si ottengono immunità e purezza.

Lo status Elite si ottiene sopportando l’intero rituale precedente.

Viene creato e registrato un documento (certificato di benessere).

L’iniziato può ora rientrare nel mondo.

È fatto di nuovo …

Se ha sofferto dell’iniezione – beh, era parte di ciò che doveva sopportare.

Se moriva, anche quello era “degno”.

Un sacrificio sull’altare del ‘Gruppo’ …

Naturalmente, questa iniziazione COVID non vuole essere una cerimonia occulta COSCIENTE.

La persona non è destinata a sapere di essere in una setta . Percepisce barlumi e rivoli di rituali. Nuota in mezzo a loro. Sa molto poco, ma SENTE.

Come per ogni processo occulto, la realtà è creata per lui.

L’intero scopo dei gradini sulla scala per la redenzione è:

lo spegnimento del fuoco creativo della persona, con il quale può inventare il proprio futuro, liberamente …

In effetti, gli artisti di culto dicono:

“Non sei tu a fare il tuo dipinto; il nostro dipinto ti fa.”

Attraverso il finto “scienza” di virologia (isolamento, falso sequenziamento) e il finto “scienza” della vaccinologia (finto immunità), lo Stato – che è già un’entità autoritaria – diventa un ‘Cult’ …

legge precedente (la Costituzione) è esclusa; è anatema.

Non ha tenuto conto del nuovo grande nemico: il virus.

“L’eterna vigilanza è il prezzo della libertà” è sostituito da “Il virus eterno richiede la limitazione della libertà”.

“Science” è la storia di copertina che nasconde l’ incitamento ipnotico occulto

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/ciencia3/ciencia_coronavirus324.htm

****************************************************************

Correlato:

Avete 27 minuti da dedicare a CAPIRE cosa stia accadendo?

®wld

Maschere & Mascherine: Tutto quello che probabilmente non sai

Lascia un commento

Le maschere sono una bomba a orologeria

Analisi del Dr. Joseph Mercola

Storia in breve:

  • Si stima che in tutto il mondo vengano utilizzate 129 miliardi di maschere per il viso ogni mese, il che equivale a circa 3 milioni di maschere al minuto
  • Non solo le maschere non vengono riciclate, ma i loro materiali le rendono probabile che persistano e si accumulino nell’ambiente
  • Poiché le maschere possono essere realizzate direttamente con fibre di plastica microsize con uno spessore compreso tra 1 mm e 10 mm, possono rilasciare particelle microsize nell’ambiente più prontamente – e più velocemente – rispetto a oggetti in plastica più grandi, come i sacchetti di plastica
  • I microbi dalla bocca, noti come commensali orali, entrano frequentemente nei polmoni, dove sono stati collegati al cancro del polmone in stadio avanzato; indossare una maschera potrebbe potenzialmente accelerare questo processo
  • La “nuova normalità” del mascheramento diffuso sta interessando non solo l’ambiente ma anche la salute mentale e fisica degli esseri umani

Il pianeta potrebbe dover affrontare una nuova crisi della plastica, simile a quella provocata dall’acqua in bottiglia, ma questa volta coinvolge le maschere scartate. Il “mascheramento di massa” continua ad essere raccomandato dalla maggior parte dei gruppi di salute pubblica durante la pandemia COVID-19, nonostante la ricerca abbia dimostrato che le maschere non riducono significativamente l’incidenza dell’infezione. 1

Di conseguenza, si stima che in tutto il mondo vengano utilizzate 129 miliardi di maschere per il viso ogni mese, il che equivale a circa 3 milioni di maschere al minuto. La maggior parte di questi sono la varietà usa e getta, realizzata con microfibre di plastica. 2

Di dimensioni variabili da cinque millimetri (mm) a lunghezze microscopiche, le microplastiche, che includono microfibre, vengono ingerite da pesci, plancton e altre forme di vita marina, nonché dalle creature sulla terra che le consumano (compresi gli esseri umani 3 ).

Più di 300 milioni di tonnellate di plastica vengono prodotte a livello globale ogni anno, e questo prima che indossare la maschera diventasse un’abitudine quotidiana. La maggior parte finisce come rifiuto nell’ambiente, portando i ricercatori dell’Università della Danimarca meridionale e dell’Università di Princeton ad avvertire che le maschere potrebbero diventare rapidamente “il prossimo problema di plastica”. 4

Perché le maschere usa e getta possono essere anche peggiori delle bottiglie di plastica

La crisi dell’acqua in bottiglia è ora ben nota come una delle principali fonti di inquinamento ambientale da plastica, ma dovrebbe essere superata da una nuova crisi delle maschere. Mentre circa il 25% delle bottiglie di plastica viene riciclato, “non esiste una guida ufficiale sul riciclaggio delle maschere, il che rende più probabile che venga smaltito come rifiuto solido”, hanno affermato i ricercatori. “Con l’aumento dei rapporti sullo smaltimento inappropriato delle maschere, è urgente riconoscere questa potenziale minaccia ambientale”. 5

Non solo le maschere non vengono riciclate, ma i loro materiali le rendono probabile che persistano e si accumulino nell’ambiente. La maggior parte delle maschere per il viso usa e getta contiene tre strati: uno strato esterno in poliestere, uno strato intermedio in polipropilene o polistirolo e uno strato interno in materiale assorbente come il cotone.

Il polipropilene è già una delle plastiche più problematiche, poiché è ampiamente prodotta e responsabile di un grande accumulo di rifiuti nell’ambiente, oltre ad essere un noto fattore scatenante dell’asma. 6 Inoltre, i ricercatori hanno notato: 7

“Una volta nell’ambiente, la maschera è soggetta alla radiazione solare e al calore, ma la degradazione del polipropilene è ritardata a causa della sua elevata idrofobicità, alto peso molecolare, mancanza di un gruppo funzionale attivo e catena continua di unità metileniche ripetitive. Queste proprietà recalcitranti portano alla persistenza e all’accumulo nell’ambiente.

Hanno anche affermato che quando le maschere vengono esposte alle intemperie nell’ambiente, possono generare un gran numero di particelle di polipropilene microsize nel giro di poche settimane, quindi degradarsi ulteriormente in nanoplastiche di dimensioni inferiori a 1 mm.

Poiché le maschere possono essere realizzate direttamente da fibre di plastica microsize con uno spessore compreso tra 1 mm e 10 mm, possono rilasciare particelle microsize nell’ambiente più prontamente – e più velocemente – rispetto a oggetti di plastica più grandi, come i sacchetti di plastica.

Inoltre, “Tali impatti possono essere aggravati da una maschera di nuova generazione, le nanomaschere, che utilizzano direttamente fibre di plastica di dimensioni nanometriche (ad esempio, diametro <1 mm) e aggiungono una nuova fonte di inquinamento nanoplastico”. 8 Un rapporto di OceansAsia ha inoltre stimato che 1,56 miliardi di maschere per il viso potrebbero essere entrate negli oceani del mondo nel 2020, sulla base di una stima di produzione globale di 52 miliardi di maschere prodotte quell’anno e un tasso di perdita del 3%, che è conservativo.

Sulla base di questi dati e di un peso medio da 3 a 4 grammi per una maschera chirurgica in polipropilene monouso, le maschere aggiungerebbero 4.680 a 6.240 tonnellate metriche aggiuntive di inquinamento da plastica all’ambiente marino, che, notano, “prenderà come fino a 450 anni per abbattere, trasformandosi lentamente in microplastiche con un impatto negativo sulla fauna marina e sugli ecosistemi “. 9

Le maschere che entrano in ambienti marini comportano rischi aggiuntivi

È noto che le particelle di plastica percorrono grandi distanze, ponendo rischi immensi praticamente in ogni parte del globo. Piccoli pezzi di plastica segnati dalle intemperie – suggerendo che avevano intrapreso un lungo viaggio – sono stati trovati in cima ai Pirenei nel sud della Francia 10 e “nelle zone più settentrionali e più orientali della Groenlandia e dei mari di Barents”. 11

Definendo l’area dei mari della Groenlandia e di Barents un “vicolo cieco” per i detriti di plastica, i ricercatori hanno ipotizzato che il fondo marino sottostante sarebbe stato un punto di riferimento per l’accumulo di detriti di plastica. 12 In una ricerca separata, è stato anche rivelato che l’inquinamento da plastica ha raggiunto l’Oceano Antartico che circonda l’Antartide, un’area ritenuta per lo più priva di contaminazione. 13 Secondo lo studio presentato: 14

“Quando non sono adeguatamente raccolte e gestite, le maschere possono essere trasportate dalla terra all’acqua dolce e agli ambienti marini tramite il deflusso superficiale, le correnti dei fiumi, le correnti oceaniche, il vento e gli animali (tramite intrappolamento o ingestione). La presenza di maschere di scarto è stata segnalata sempre più in ambienti diversi e i social media hanno condiviso la fauna selvatica aggrovigliata nelle cinghie elastiche delle maschere “.

Tali plastiche contengono anche contaminanti, come gli idrocarburi policiclici (IPA), che possono essere genotossici (cioè causare danni al DNA che potrebbero portare al cancro), insieme a coloranti, plastificanti e altri additivi legati ad ulteriori effetti tossici, tra cui tossicità riproduttiva, cancerogenicità e mutagenicità. 15

A parte la tossicità chimica, l’ingestione di microplastiche da maschere degradate e altri rifiuti di plastica è anche tossica a causa delle particelle stesse e del potenziale che potrebbero trasportare microrganismi patogeni.

Un altro problema di cui si parla raramente è il fatto che quando si indossa una maschera, vengono rilasciate minuscole microfibre, che possono causare problemi di salute se inalate. Il rischio aumenta quando le maschere vengono riutilizzate. Questo rischio è stato evidenziato in uno studio sulle prestazioni che sarà pubblicato nel numero di giugno 2021 del Journal of Hazardous Materials. 16

I ricercatori dell’Università di Xi’an Jiaotong hanno anche affermato che scienziati, produttori e regolatori devono valutare l’inalazione di detriti microplastici e nanoplastici versati dalle maschere, sia usa e getta che di stoffa, osservando: 17

“… [C] i reclami di irritazione alla gola o fastidio alle vie respiratorie da parte di bambini, anziani o altri soggetti sensibili dopo averli indossati possono essere segnali di allarme di quantità eccessive di detriti respirabili inalati da maschere e respiratori fatti in casa.

Nello studio in primo piano i ricercatori hanno anche invitato la comunità di ricerca ambientale a “muoversi velocemente per comprendere e mitigare questi rischi”, suggerendo che le maschere di stoffa riutilizzabili siano promosse al posto delle opzioni usa e getta e che i bidoni della spazzatura con le sole maschere siano impostati per aiutare nella corretta disposizione. 18 Tuttavia, un’altra opzione sarebbe quella di allentare o eliminare i mandati relativi alle maschere, che potrebbero rivelarsi più dannosi che benefici.

L’uso della maschera può comportare un rischio di cancro al polmone in stadio avanzato

Sebbene sia risaputo che il microbiota intestinale influisce sul sistema immunitario e sul rischio di malattie croniche, è stato a lungo ritenuto che i polmoni fossero sterili. Ora è noto che i microbi della tua bocca, noti come commensali orali, entrano frequentemente nei tuoi polmoni. 19 Non solo, ma i ricercatori della Grossman School of Medicine della New York University (NYU) hanno rivelato che quando questi commensali orali sono “arricchiti” nei polmoni, è associato al cancro. 20

In particolare, in uno studio su 83 adulti con cancro ai polmoni, quelli con cancro in stadio avanzato avevano più commensali orali nei polmoni rispetto a quelli con cancro in stadio iniziale. Quelli con un arricchimento di commensali orali nei polmoni avevano anche una ridotta sopravvivenza e un peggioramento della progressione del tumore.

Sebbene lo studio non abbia esaminato il modo in cui l’uso della maschera potrebbe influenzare i commensali orali nei polmoni, hanno notato: “Il microbiota delle vie aeree inferiori, sia in stato di salute che di malattia, è principalmente influenzato dall’aspirazione delle secrezioni orali e dal microbiota delle vie aeree inferiori. i prodotti sono in costante interazione con il sistema immunitario dell’ospite.” 21

Sembra altamente probabile che indossare una maschera acceleri l’accumulo di microbi orali nei polmoni, sollevando così la questione se l’uso della maschera possa essere collegato al cancro del polmone in stadio avanzato. Il National Institutes of Health ha anche condotto uno studio 22 che ha confermato che quando si indossa una maschera la maggior parte del vapore acqueo che normalmente si espirerebbe rimane nella maschera, si condensa e viene nuovamente inalata. 23

Sono arrivati ​​al punto di suggerire che indossare una maschera umida e inalare l’aria umida del proprio respiro fosse una buona cosa, perché avrebbe idratato le vie respiratorie. Ma data la scoperta che l’inalazione dei microbi dalla bocca può aumentare il rischio di cancro avanzato, questo non suona affatto come un vantaggio.

Per non parlare, l’umidità all’interno della maschera consentirà ai batteri patogeni di crescere e moltiplicarsi rapidamente e, poiché la maschera rende più difficile respirare, è probabile che respiri più pesantemente, rischiando così di inalare i microbi ancora più in profondità nei tuoi polmoni.

Le maschere danneggiano bambini e adulti

La “nuova normalità” del mascheramento diffuso sta interessando non solo l’ambiente ma anche la salute mentale e fisica degli esseri umani, compresi i bambini. Si presume in gran parte che le maschere facciali siano “sicure” per i bambini da indossare per lunghi periodi, ad esempio durante la scuola, ma non è stata effettuata alcuna valutazione del rischio. 24 Inoltre, come dimostra il primo registro tedesco che registra l’esperienza vissuta dai bambini con le maschere. 25

Utilizzando i dati su 25.930 bambini, sono stati segnalati 24 problemi di salute associati all’uso di maschere che rientrano nelle categorie di problemi fisici, psicologici e comportamentali. 26 Hanno registrato sintomi che: 27

“… inclusi irritabilità (60%), mal di testa (53%), difficoltà di concentrazione (50%), meno felicità (49%), riluttanza ad andare a scuola / all’asilo (44%), malessere (42%), disturbi dell’apprendimento 38%) e sonnolenza o affaticamento (37%). “

Hanno anche scoperto che il 29,7% ha riferito di sentirsi a corto di fiato, il 26,4% di vertigini e il 17,9% di non voler muoversi o giocare. 28 Centinaia di più esperti “respirazione accelerata, senso di oppressione al petto, debolezza e compromissione della coscienza a breve termine”.

È anche noto che le microplastiche esistono nella placenta umana, 29 e studi sugli animali mostrano che le particelle di plastica inalate passano attraverso la placenta e nel cuore e nel cervello dei feti. 30 Anche i feti esposti alle microplastiche hanno guadagnato meno peso nell’ultima parte della gravidanza. 31

“Abbiamo trovato le nanoparticelle di plastica ovunque guardassimo: nei tessuti materni, nella placenta e nei tessuti fetali. Li abbiamo trovati nel cuore, nel cervello, nei polmoni, nel fegato e nei reni del feto”, ha detto al Guardian Phoebe Stapleton della Rutgers University. 32

Il dottor Jim Meehan, un oftalmologo e specialista in medicina preventiva che ha eseguito più di 10.000 procedure chirurgiche ed è anche un ex editore della rivista medica Ocular Immunology and Inflammation, ha anche condotto un’analisi scientifica basata sull’evidenza sulle maschere, che mostra che non solo le persone sane non dovrebbero indossare maschere, ma potrebbero essere danneggiate di conseguenza. 33

Meehan suggerisce che l’idea di indossare una maschera sfida il buon senso e la ragione, considerando che la maggior parte della popolazione ha un rischio molto basso o quasi nullo di ammalarsi gravemente a causa del COVID-19. Ha anche compilato 17 modi in cui le maschere possono causare danni: 34

  • Le maschere mediche influenzano negativamente la fisiologia e la funzione respiratoria
  • Le maschere mediche abbassano i livelli di ossigeno nel sangue
  • Le maschere mediche aumentano i livelli di anidride carbonica nel sangue
  • SAR-CoV-2 ha un sito di “scissione della pelliccia” che lo rende più patogeno e il virus entra nelle cellule più facilmente quando i livelli di ossigeno arterioso diminuiscono, il che significa che indossare una maschera potrebbe aumentare la gravità del COVID-19
  • Le maschere mediche intrappolano il virus esalato nella bocca / maschera, aumentando la carica virale / infettiva e aumentando la gravità della malattia
  • SARS-CoV-2 diventa più pericoloso quando i livelli di ossigeno nel sangue diminuiscono
  • Il sito di scissione della furina di SARS-CoV-2 aumenta l’invasione cellulare, specialmente durante bassi livelli di ossigeno nel sangue
  • Le maschere in tessuto possono aumentare il rischio di contrarre COVID-19 e altre infezioni respiratorie
  • Indossare una maschera facciale può dare un falso senso di sicurezza
  • Le maschere compromettono la comunicazione e riducono le distanze sociali
  • La gestione inadeguata e inadeguata delle maschere per il viso è comune
  • Le maschere indossate in modo imperfetto sono pericolose
  • Le maschere raccolgono e colonizzano virus, batteri e muffe
  • Indossare una maschera per il viso fa entrare l’aria espirata negli occhi
  • Studi di tracciamento del contatto mostrano che la trasmissione asintomatica da portatori è molto rara
  • Le maschere per il viso e gli ordini di permanenza a casa impediscono lo sviluppo dell’immunità della mandria
  • Le maschere per il viso sono pericolose e controindicate per un gran numero di persone con condizioni mediche e disabilità preesistenti

Aggiungendo la beffa al danno, il primo studio controllato randomizzato di oltre 6.000 individui per valutare l’efficacia delle maschere chirurgiche contro l’infezione da SARS-CoV-2 ha rilevato che le maschere non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l’incidenza dell’infezione. 35

Considerando la mancanza di prove per il loro uso e i potenziali danni alla salute umana e all’ambiente, non c’è da meravigliarsi che stiano crescendo le richieste di disobbedienza civile pacifica contro il mascheramento obbligatorio. L’organizzazione no profit statunitense Stand for Health Freedom dispone di un widget che puoi utilizzare per contattare i rappresentanti del tuo governo e informarli che indossare una maschera deve essere una scelta personale.

Fonte: https://articles.mercola.com/

®wld

Older Entries

koenig2099

The eagle flight