Home

WEF: diventate cyborg, scheggiate i vostri figli, impiantate schegge cerebrali

Lascia un commento

Pubblicato da: Alicia Powe tramite Gateway Pundit

Anche cinque anni fa, un titolo del genere sarebbe stato bollato come una “teoria del complotto”, ma ora Klaus Schwab e il World Economic Forum te lo stanno dicendo in faccia. Quando parlano di “The Future We Want”, intendono il futuro ESSI vogliono, cioè solo i Transumani devono fare domanda. ⁃ Editore TN

Il World Economic Forum sta promuovendo la “tecnologia di potenziamento” per trasformare gli esseri umani in cyborg e raccomanda che i bambini vengano impiantati con chip cerebrali.

I chip cerebrali non solo miglioreranno la salute sradicando disabilità come difficoltà di apprendimento e depressione, ma apriranno la strada agli esseri umani per raggiungere capacità sovrumane, sostiene un articolo del 16 agosto pubblicato sul sito web del WEF.

“I supereroi hanno dominato il grande e il piccolo schermo per un po’, ma sta avvenendo un sottile cambiamento. Molti bambini si aspettano di sviluppare loro stessi i superpoteri. Queste aspettative possono sembrare irraggiungibili, ma stiamo già facendo i primi passi verso una “società aumentata”, scrive Kathleen Phillips, “collaboratrice all’ordine del giorno” del WEF nel blog post intitolato “La tecnologia aumentata può cambiare il modo in cui viviamo, ma solo con il giusto supporto e visione”.

L’era dei cyborg è già qui, è solo non equamente distribuita https://t.co/Dg5dzlamMm

— Mary Harrington (@moveincircles) 22 Agosto 2022

Mentre i chip cerebrali o l’aumento, come “impianti cocleari” o “protesi” sono usati per rimediare ai disturbi cognitivi, la tecnologia verrà utilizzata per migliorare la vita di tutti i giorni, in particolare per i bambini che trarrebbero beneficio dallo sviluppo della percezione ultrasensoriale, sostiene l’articolo.

“La tecnologia aumentata aiuterà in tutte le fasi della vita: bambini in un ambiente di apprendimento, professionisti al lavoro e anziani ambiziosi. Ci sono molte possibilità”, osserva Phillips.

“Dovresti impiantare un chip di tracciamento in tuo figlio? Ci sono ragioni solide e razionali per questo, come la sicurezza”, scrive lo scienziato. “Molti bambini con deficit di attenzione lottano a scuola. Nel migliore dei casi, ottengono servizi di istruzione speciale o alloggi in classe. Tuttavia, con una guida visiva e audio aggiuntiva che blocca gli stimoli in eccesso, un bambino altrimenti abilitato può far fronte a un ambiente scolastico standard. E quando la lezione finisce e inizia il tempo di gioco, possono semplicemente togliere gli aiuti. “

Gli impianti cerebrali forniranno benefici per la salute “equivalenti al naso di un cane” in un gadget “che può essere utile per annusare il COVID-19”, assicura il collaboratore dell’agenda del WEF. Ma a differenza dei telefoni che “potrebbero sembrare parte del tuo corpo”, la tecnologia di aumento “diventerà più intrecciata con il corpo sotto forma di impianti”.

L’articolo presenta un video prodotto dal WEF che delinea “un quadro etico per una società tecnologicamente aumentata”.

Phillips ipotizza che una “società aumentata” sia inevitabile e indica le élite globali che stanno stabilendo il monopolio sugli impianti cerebrali per regolare “eticamente” la tecnologia che presto sarà pervasiva in tutto il mondo.

“Il Consiglio d’Europa lanciato di recente un piano d’azione strategico per affrontare le problematiche sollevate dall’applicazione delle neurotecnologie. Un altro esempio, Istituto Rathenau fondata dal governo olandese, opera come istituzione indipendente per riflettere su questioni relative all’impatto della tecnologia sulle nostre vite”, scrive Phillips. “Il Cile è già un passo avanti. L’anno scorso, il paese ha aperto la strada a un disegno di legge per modificare la sua costituzione per proteggere i dati personali del cervello. Diversi Paesi stanno ora esplorando come affrontare questi problemi che circondano gli impianti (cervello). Il compito è scoraggiante poiché gli esperti di etica non dovranno solo esaminare la tecnologia in fiore, ma anche le potenziali applicazioni future”.

“La tecnologia ha sempre avuto il potenziale per trasformare la società e migliorare la nostra vita quotidiana e professionale. Così fa la tecnologia di aumento”, conclude l’articolo del WEF. “Va di pari passo con un’evoluzione dall’assistenza sanitaria all'”assistenza sanitaria”, dove non si tratta più solo di risolvere una menomazione. Si tratta di una tecnologia che ti supporta e migliora la qualità complessiva della tua vita”.

Il capo del WEF Klaus Schwab sostiene che il transumanesimo, o la fusione dell’uomo con la macchina, è fondamentale per ottenere il “Grande ripristino” o “quarta rivoluzione industriale.”

“Ciò a cui porterà la quarta rivoluzione industriale è una fusione delle nostre identità fisiche, digitali e biologiche”, ha detto Schwab al Chicago Council on Global Affairs nel 2019.

“Ciò a cui porterà la Quarta Rivoluzione Industriale è una fusione delle nostre identità fisiche, digitali e biologiche”.

~ Klaus Schwab, 2019 pic.twitter.com/HdUZBtPVPh

– James Melville (@JamesMelville) 21 Agosto 2022

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

Articolo correlato: Poi arrivarono i tecnocrati per i bambini…

®wld

Ora è infinitamente più facile “Controllare un miliardo di persone” che “Uccidere un miliardo di persone”

Lascia un commento

di Dylan Charles
dal sito web WakingTimes

Quante persone conosci personalmente che dedicano i loro sforzi creativi nella vita alla ricerca di modi in cui controllare o uccidere le persone?

sono là fuori…

Nel 2008 in un discorso al think tank per gli affari internazionali Chatham House, il defunto, grande creatura della palude Zbigniev Brezynksi ha fatto il seguente commento (sotto il video):

All’inizio era più facile controllare un milione di persone che ucciderne un milione.

Oggi è infinitamente più facile uccidere un milione di persone che controllarne un milione…

Brezynski lo avrebbe saputo, dato che per decenni ha infestato le sale delle organizzazioni e dei think tank più potenti del mondo.

Aveva una prospettiva unicamente elitaria sul mondo e nel suo classico libro globalista The Grand Chessboard – American Primacy and Its Geostrategic Imperatives ha condiviso uno sguardo dall’interno a questa mentalità.  

Quelli al potere vedono il mondo intero come,

un parco giochi da manipolare, controllare, conquistare e, se necessario, distruggere…

Le nostre vite sono le pedine dei tiranni… come la vedono loro.

Questa è la maledizione del governo, che non è niente senza forza e violenza, e Brezynski è stato un attore chiave e artefice dell’attuale tensione globale che tutti noi dobbiamo sopportare.

Mi chiedo, però, se avesse vissuto abbastanza a lungo per svolgere un ruolo nella presa di potere della p@ndemi@,

sarebbe stato colpito dai progressi nella capacità di controllare così tante persone senza dispiegare truppe, bombe intelligenti e sanzioni?

La mia palla magica dice:

‘puoi fare affidamento su di esso’…

Vedete, una cosa che abbiamo imparato (che lo riconosciate o meno) è che ora è molto più facile che mai controllare le persone.

Come mai?

Semplice. Li metti da parte programmandoli per impegnarsi in comportamenti auto-sabotanti e autodistruttivi

E come lo realizzi?

Controllo mentale

Il controllo mentale si presenta in molte forme, ma in sostanza,

è la capacità di indurre le persone a credere, pensare e agire contro i loro impulsi naturali e secondo un’agenda imposta.

Lo psicologo americano e professore emerito alla Stanford University, Phillip Zombardo, si riferisce al controllo mentale come,

“il processo mediante il quale la libertà di scelta e di azione individuale o collettiva è compromessa da agenti o agenzie che modificano o distorcono la percezione, la motivazione, l’affetto, la cognizione o i risultati comportamentali”.

Il suo progetto di ricerca innovativo, The Stanford Prison Experiment, ha dimostrato che,

la maggior parte delle persone è altamente suscettibile all’influenza del comportamento di gruppo e che molti di noi arriverebbero al punto di danneggiare gli altri solo per essere conformi alle direttive di qualcuno in una posizione percepita di autorità. 

Nel mondo fustercluck di oggi, gli effetti del controllo mentale sono evidenti ovunque e nelle condizioni attuali lo sta manifestando anche nella sua forma più pericolosa:

Psicosi di massa …!

Le persone che vivono in questa oscura nuvola di disillusione sono facilmente influenzabili e sacrificheranno prontamente la propria salute e il proprio benessere in ossequio ai consigli e ai mandati di “esperti” e politici che sfruttano la paura e poi offrono una tregua fasulla da essa.

Considera come questo si svolge nella nostra società:

  1. Stupire la popolazione con sedativi chimici inclusi alcol, prodotti farmaceutici e ingredienti alimentari tossici.
  2. Monopolizzare i media sotto il controllo aziendale. Presentare opinioni tossiche e distorte come “notizie” 24 ore al giorno, creando deliberatamente divisione e discordia tra la maggioranza della popolazione.
  3. Censura tutte le informazioni e le opinioni che contrastano la propaganda dello stato corporativo, facendo sembrare che le posizioni autoritarie delle minoranze siano della maggioranza.
  4. Indurre le masse a credere che la censura sia necessaria per la loro protezione e che parlare apertamente in opposizione allo stato corporativo equivalga a una minaccia fisica alla loro sicurezza.
  5. Elevare una cultura del culto delle celebrità e promuovere la degenerazione e la stupidità come forme virtuose di pseudo-ribellione.
  6. Indottrinare i bambini fin dalla tenera età per imparare l’obbedienza al pensiero critico, insegnando loro che lo stato è infallibile, non importa quante atrocità commette.
  7. Isolare le persone l’una dall’altra. Disconnettili dal radicamento e dalla diversa influenza di familiari e amici.
  8. Assalta i sensi della popolazione con un flusso infinito di controllo mentale basato sul trauma e propaganda della paura.
  9. Indurre la gente comune a credere che essere al verde e povero sia virtuoso, incoraggiando al contempo un enorme divario di ricchezza tra le élite e il resto della società.
  10. Destabilizzare le tradizionali strutture comunitarie e familiari incoraggiando la promiscuità, il divorzio e le relazioni disfunzionali.
  11. Sventa il valore dell’unica valuta consentita in modo che i ruoli di genere tipici siano capovolti ed entrambi i membri di una famiglia nucleare debbano lavorare per fornire una vita di base mentre i bambini devono essere mandati in asili nido costosi e scuole gestite dal governo.
  12. Confondere le persone su semplici questioni biologiche come il genere e creare un culto di seguaci della scienza ufficiali che non sono disposti a riconoscere tali fatti scientifici di base.
  13. Distruggi i membri più potenti e capaci della società, i maschi alfa, attraverso campagne mediatiche che li demonizzano.
  14. Focalizza l’attenzione delle masse su una paura invisibile, intangibile, onnipresente come una piaga inarrestabile che cambia continuamente forma.
  15. Richiedere alle persone di chiedere il permesso al governo praticamente per ogni sforzo produttivo possibile.
  16. Reclutare le masse in un sistema di controllo tecnologico che proibisca la libera associazione e la libera impresa e punisca coloro che hanno maggiori probabilità di resistere.
  17. Eleva i membri del governo più pazzi criminalmente e offri loro un accesso libero e illimitato ai media monopolizzati 24 ore su 24.
  18. Sradicare le forme di medicina naturali e olistiche, radunando tutti in un sistema medico allopatico dall’alto verso il basso, taglia unica, a scopo di lucro, assurdamente costoso.
  19. Disconnetti le persone dalla genuina connessione spirituale personale, in modo che vivano con un’insaziabile paura della morte in un costante tumulto interiore.
  20. Nel tempo, ingegnerizza socialmente una tribù sociale di adoratori dello stato disfunzionali, malsani, confusi, risentiti, al verde che potrebbero desiderare di vivere una vita prospera, ma non riescono mai a superare gli impulsi del loro subconscio per agire da soli migliori interessi.

Il risultato finale di tutto questo è un individuo che è stato così abbattuto dalle circostanze e dallo stress cronico da richiedere stimolanti tutto il giorno per funzionare e sedativi tutta la notte per far fronte alla follia di tutto ciò.

E convenientemente, capita che ci sia una caffetteria ad ogni angolo e un bar a servizio completo in ogni strada.

Quasi tutti noi ci impegniamo in comportamenti auto-sabotanti e autodistruttivi, il che è ottimo per ragazzi come Brezynski, perché rende il controllo delle masse più facile che mai.

L’atto di vivere ‘normalmente’ in questo ambiente fa di te una non minaccia per chi gestisce la scacchiera.

Sei controllato in virtù della tua incapacità di rimanere sul tuo unico percorso di padronanza di te stesso

Amici, questa è l’ingegneria sociale nella sua forma più avanzata e, sebbene sia utile capire cosa è successo alla nostra società, il vostro imperativo ora è interiorizzare questo come una richiesta di eliminare tali influenze dalla vostra vita.

Devi cercare di capire come queste influenze hanno fatto deragliare il tuo potenziale, e quindi devi impegnarti nel lavoro necessario per riconnetterti con la tua saggezza e autorità interiori.

L’auto-sabotaggio è un dono per l’élite.

Ti mette ai margini della vita e ti fa bruciare costantemente le tue energie in una guerra permanente contro te stesso.

Ti rende quasi impossibile apportare cambiamenti positivi nella tua vita o avere un impatto positivo sulla tua comunità o su questo mondo.

Ti rende distaccato e dipendente dalle direttive di abili profittatori che utilizzano la scienza della mente contro di te.

Quindi, sì, nel mondo di oggi è molto più facile controllare miliardi di persone che ucciderle...

E a meno che non ti impegni a riprendere il controllo della tua vita, stai adempiendo alla tua direttiva come loro pedina.

Pubblicato su: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/esp_sociopol_mindcon121.htm

®wld

La Casa di Carta

Lascia un commento

Freccero: sveglia, il Grande Reset ci ha dichiarato guerra

Sono sconvolto, a Trieste è morta la democrazia. Sono tremendamente preoccupato. La popolazione non vede il grande piano delle élites mondiali, il Grande Reset di Davos. Ne parla Klaus Schwab, il direttore del World Economic Forum nel suo ultimo libro “C-o-v-i-d-1-9, The Great Reset”. La p@ndemia è la motivazione giusta per mettere in atto una costrizione sanitaria, come già illustrato anni fa da Michel Foucault nel suo capolavoro “Sorvegliare e punire”, nel capitolo sul “Panottico”. La seconda tappa è la distruzione dell’economia reale. E questa passa attraverso l’Agenda Verde, la decrescita, le tasse sulle energie fossili. Pochi sanno che nel settembre 2019 la finanza mondiale era in procinto di implodere: un rischio reale di insolvenza delle banche. La soluzione, da parte delle banche centrali, è stata di emettere liquidità sui mercati, senza limiti di sorta. Ma per evitare di creare inflazione bisognava paralizzare i consumi delle popolazioni, imprigionandole nelle loro case con strumenti come i lockdown, il coprifuoco, le limitazioni ai viaggi e agli spostamenti.

Schwab

Altrimenti, come si sarebbe potuto imporre ai cittadini un’agenda tanto assurda? Da quando la pandemia è iniziata, le multinazionali moltiplicano i guadagni, mentre la gente comune è sempre più povera: questo la dice lunga. La gestione della pandemia si è fatta sulla scia del Grande Reset. Al resto basta il piano Schwab. L’obiettivo finale, da raggiungersi entro il 2030, è illustrato da uno slogan del Wef: nel 2030 non possederai nulla, ma sarai felice! Come? Con il fallimento delle piccole e medie imprese a favore di banche e multinazionali. Andiamo verso una nuova rivoluzione industriale, mostruosa. “La quarta rivoluzione industriale”, un altro libro di Schwab, spiega cosa deve accadere. L’uomo deve integrarsi con l’intelligenza artificiale, diventando un ibrido uomo-macchina. Questa ibridazione può essere fatta dall’esterno, con la tessera digitale, e dall’interno: con un chip. Per questo è venuta a volatilizzarsi la privacy, in ogni settore.

E’ un processo legato a quest’ossessione del controllo che ha ispirato Schwab. Nei suoi testi è un elemento cardine. Porterà a un nuovo tipo di società con il fallimento del particolare e del nostro tessuto produttivo. Molti ridicolizzano questo scenario? Non c’è alcun complotto. Cosa è accaduto lo ha spiegato benissimo Warren Buffett, quando ha detto: «La lotta di classe esiste e l’abbiamo vinta noi, le élites». C’è una guerra in atto nell’informazione? Più che guerra direi che c’è una propaganda a senso unico. Accade perché le élites possiedono, oltre a tutta la ricchezza del pianeta, tutti i grandi gruppi di informazione: che sono così pochi da poter essere indicati con le dita della mano. Come la lotta di classe delle élites è stata vinta perché non aveva un antagonista, così anche la propaganda si è imposta in mancanza di antagonisti. Piuttosto oggi c’è una resistenza. Se la società è informazione, la resistenza oggi è resistenza mediatica.

La casa di carta

Con il passaggio dall’economia reale alla finanza, la lotta di classe ha cambiato segno. Nell’economia reale lo sfruttamento passava attraverso la proprietà dei mezzi di produzione; pertanto, la lotta di classe era fra padroni e operai. Nella finanza invece lo sfruttamento passa attraverso la moneta a debito. La nuova lotta di classe, quella di oggi, avviene tra le banche, che possono emettere moneta solo indebitando tutti gli altri, e il resto del popolo è oppresso dal debito. Questo “popolo dell’economia” non comprende solo gli operai, ma anche gli imprenditori, strangolati dal debito. Il serial “La casa di carta” è una grande allegoria di questa nuova lotta di classe: per questo ha avuto un così grande successo. Una banda di Robin Hood decide di svaligiare la banca centrale. Tutti pensano che usciranno da quella banca portando in spalla sacchi di banconote già stampate. Invece si barricano dentro e cominciano a stampare moneta.

Nella lotta di classe tradizionale, la destra sono i padroni e la sinistra gli operai. La sinistra pertanto svolge un ruolo di parte attiva. Nella lotta di classe di oggi, la lotta è tra l’alto e il basso. Le élites oggi sono parte attiva, cioè conducono il gioco. Ma si gioca tra banche e popolo pieno di debiti. Cosa può fare, il popolo? Intanto può solo prendere coscienza. Ma la coscienza che può prendere il popolo non sembrano averla i sindacati, ancora appiattiti sul mito ottocentesco del lavoro come fonte di ricchezza. E in nome di questo lavoro sacrificano i diritti dei lavoratori. In questi due anni, poi, si è molto parlato di scienza e scienziati. Se dal lato epistemologico (cioè della filosofia della scienza) oggi la scienza si pone limiti rigorosi, dal lato della vulgata e della propaganda viene indicato come scientifico proprio ciò che si sottrae ad ogni verifica. Tutti coloro che esprimono dubbi sulla vaccinazione con i nuovi sieri sperimentali (scienziati compresi, perché la comunità è divisa) vengono additati come pazzi, untori, irresponsabili.

Freccero

Pensiamo ai vaccini: ci vengono imposti come scientifici senza aver terminato il ciclo di sperimentazione, previsto sul bugiardino nel 2023. Non a caso siamo obbligati a sottoscrivere il cosiddetto consenso informato per liberare da ogni responsabilità l’apparato, lo Stato, che ce li impone. È un assurdo scientifico. Inoltre, le persone vaccinate che chiedono più vaccinazioni credono che i vaccini proteggano dal virus e le vaccinazioni dal contagio. Non è così. Lo abbiamo visto dai numeri. Se i non-vaccinati fossero fanatici, come alcuni vaccinati, dovrebbero richiedere per legge l’allontanamento dei vaccinati. Diverse ricerche americane dimostrano che i Millennials e la Generazione Zeta sono quella parte della società che ha meglio accettato le misure governative di contenimento della pandemia e le campagne di vaccinazione. I Millennials sono nati e cresciuti in un grande Truman Show. Hanno imparato a usare i gadget digitali, prima di imparare a scrivere. Sono quella generazione nata e cresciuta insieme alle tecnologie digitali.

I Millennials si identificano nelle tecnologie e vogliono salvare il mondo attraverso queste; sono consumatori che forse non si rendono conto di essere loro i primi ad essere consumati, perché necessari e strumentali alle web company e a chi le governa. A scuola hanno imparato gli obiettivi dell’Agenda 2030. Nel tempo libero socializzano on line e non dal vero. Questi ragazzi sono cresciuti praticando da sempre il distanziamento sociale ed il lockdown spontaneamente. Per questo li hanno accettati subito come naturali. Questa realtà era già la loro vita. E’ questo il dramma. Sta accadendo qualcosa di nuovo, in Italia? Le piazze piene di queste settimane. Per due anni siamo stati inerti, come paese, mentre tutto il mondo si ribellava. Eravamo in preda a un’ipnosi collettiva che ci paralizzava. Il Green Pass ha prodotto il miracolo. Orgogliose delle loro vittorie, le élites si sono divertite in questi anni a fare a pezzi, attraverso falsi obiettivi e un condizionamento martellante, il valore della solidarietà sociale. Ma prima sono arrivate le parole del vicequestore di Roma Schilirò, poi le piazze piene e oggi i portuali di Trieste. Mi sono commosso. Riportano in vita una parola che era cancellata dal nostro vocabolario: solidarietà. Bisogna ricominciare da lì.

(Carlo Freccero, dichiarazioni rilasciate ad Antonio Amorosi per l’intervista “La pandemia serve a distruggere l’economia, a Trieste è morta la democrazia”, pubblicata da “Affari Italiani” il 18 ottobre 2021).

Pubblicato su: https://www.libreidee.org/2021/10/freccero-sveglia-il-grande-reset-ci-ha-dichiarato-guerra/

®wld

Non possono arrestarci tutti

Lascia un commento

Sen. Rand Paul: ‘Resistere. Non possono arrestarci tutti’

Pubblicato da: Sen. Rand Paul tramite FoxNews

Il senatore Rand Paul è a favore della scelta del v-a-c-c-i-n-o e della libertà. Dice giustamente: “Non dobbiamo accettare i mandati, i blocchi e le politiche dannose dei piccoli tiranni e dei burocrati inetti. Possiamo semplicemente dire di no, non di nuovo”. Questa è una giustificazione per inviare un invito all’azione: “Non rispettare!”

Technocracy News & Trends ha dichiarato guerra alla Technocracy il 15 gennaio 2016 con una buona causa. I tecnocrati pseudo-scientifici stavano usando tutti gli strumenti distopici che vediamo oggi. Ora ci troviamo coinvolti in esso e la libertà è stata schiacciata a perdifiato. Editor TN

Resistere.

Non possono arrestarci tutti. Non possono tenere tutti i tuoi figli a casa da scuola. Non possono tenere chiusi tutti gli edifici del governo, anche se ho una lunga lista di quelli che dovrebbero.

Non dobbiamo accettare i mandati, i blocchi e le politiche dannose dei piccoli tiranni e degli inetti burocrati. Possiamo semplicemente dire di no, non di nuovo.

Speaker Nancy Pelosi — non arresterai né impedirai a me oa nessuno del mio staff di svolgere il nostro lavoro. Tutti abbiamo avuto il C-O-V-I-D, abbiamo avuto il v-a-c-c-i-n-o o ci è stato offerto il v-a-c-c-i-n-o . Faremo le nostre scelte di salute. Non ti mostreremo un passaporto, non indosseremo una maschera, non saremo costretti a screening e test casuali in modo che tu possa continuare a ubriacarti con le redini del potere sul Campidoglio.

Presidente Biden: non accetteremo i mandati delle vostre agenzie o le vostre mosse segnalate verso un blocco. Nessuno dovrebbe seguire i mandati della maschera anti-scienza del C-D-C. E se vuoi chiudere di nuovo le agenzie federali – alcune delle quali non sono nemmeno tornate a funzionare completamente – fermerò ogni proposta di legge che arriva al Senato con un emendamento per tagliare i loro fondi se non tornano a lavorare.

Burocrati locali e capi sindacali: non vi permetteremo di fare più danni ai nostri figli quest’anno. I bambini non sono più a rischio per il C-O-V-I-D di quanto non lo siano per l’influenza stagionale. Ogni adulto che lavora nelle scuole ha avuto il v-a-c-c-i-n-o o ha avuto la possibilità di farlo. Non c’è motivo per mandati di mascherine, scuole part-time o misure di blocco.

I bambini sono in ritardo a scuola e vengono danneggiati fisicamente e psicologicamente dalle tattiche che hai usato per tenerli lontani dall’aula l’anno scorso. Non lo permetteremo più.

Se un sistema scolastico tenta di impedire ai bambini di frequentare la scuola a tempo pieno e di persona, sosterrò ogni disegno di legge con due emendamenti. Uno per finanziarli e un altro per consentire ai genitori di scegliere dove vanno a finire i soldi per l’istruzione dei propri figli.

Ti sembro stufo? È perché lo sono.

Non sono un politico di carriera. Pratico la medicina da 33 anni. Mi sono laureato alla Duke Medical School, ho lavorato in pronto soccorso, ho studiato immunologia e virologia e alla fine ho scelto di diventare un chirurgo.

 Siamo in un momento di verità e ad un bivio. Permetteremo a queste persone di usare la paura e la propaganda per fare ulteriori danni alla nostra società, economia e bambini?

Dico a tutti ormai da un anno che il dottor Anthony Fauci e altri funzionari della sanità pubblica NON seguivano la scienza, e ho avuto ragione più e più volte.

Ma non sono l’unico ad essere stufo. Non posso andare da nessuna parte in questi giorni, dal lavoro, agli eventi, agli aeroporti e Ubers, ristoranti e negozi, senza che le persone vengano da me a ringraziarmi per averli difesi.

Per aver difeso la scienza reale. Per aver lottato per la libertà. Per essersi opposti a mandati, blocchi e prese di potere burocratiche.

Penso che la marea sia cambiata e sempre più persone sono disposte ad alzarsi in piedi. Vedo storie da tutto il paese di genitori che si oppongono ai sindacati degli insegnanti e ai consigli scolastici.

Vedo membri del Congresso rifiutarsi di conformarsi al Petty Tyrant Pelosi.

Siamo in un momento di verità e ad un bivio. Permetteremo a queste persone di usare la paura e la propaganda per fare ulteriori danni alla nostra società, economia e bambini?

Oppure staremo insieme e diremo, assolutamente no. Non questa volta. Scelgo la libertà.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/sen-rand-paul-resiste-non-possono-arrestarci-tutti/

®wld

INTELLIGENZA IN CADUTA LIBERA, MENO PAROLE, MENO PENSIERI, MENO SPIRITO CRITICO.

Lascia un commento

L’EVOLUZIONE DEL QUOZIENTE DI INTELLIGENZA

Il QI medio della popolazione mondiale, che dal dopoguerra alla fine degli anni 90 era sempre aumentato, nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione.
È l’inversione dell’Effetto Flynn. Sembra che il livello d’intelligenza misurato dai test diminuisca nei Paesi più sviluppati. Molte possono essere le cause di questo fenomeno. Una di queste potrebbe essere l’impoverimento del linguaggio.

Diversi studi dimostrano infatti la diminuzione della conoscenza lessicale e l’impoverimento della lingua: non si tratta solo della riduzione del vocabolario utilizzato, ma anche delle sottigliezze linguistiche che permettono di elaborare e formulare un pensiero complesso. La graduale scomparsa dei tempi (congiuntivo, imperfetto, forme composte del futuro, participio passato) dà luogo a un pensiero quasi sempre al presente, limitato al momento: incapace di proiezioni nel tempo.

La semplificazione dei tutorial, la scomparsa delle maiuscole e della punteggiatura sono esempi di “colpi mortali” alla precisione e alla varietà dell’espressione. Solo un esempio: eliminare la parola “signorina” (ormai desueta) non vuol dire solo rinunciare all’estetica di una parola, ma anche promuovere involontariamente l’idea che tra una bambina e una donna non ci siano fasi intermedie.

Meno parole e meno verbi coniugati implicano meno capacità di esprimere le emozioni e meno possibilità di elaborare un pensiero. Gli studi hanno dimostrato come parte della violenza nella sfera pubblica e privata derivi direttamente dall’incapacità di descrivere le proprie emozioni attraverso le parole.

Senza parole per costruire un ragionamento, il pensiero complesso è reso impossibile. Più povero è il linguaggio, più il pensiero scompare. La storia è ricca di esempi e molti libri (Georges Orwell – 1984; Ray Bradbury – Fahrenheit 451) hanno raccontato come tutti i regimi totalitari hanno sempre ostacolato il pensiero, attraverso una riduzione del numero e del senso delle parole.

Se non esistono pensieri, non esistono pensieri critici. E non c’è pensiero senza parole. Come si può costruire un pensiero ipotetico-deduttivo senza il condizionale? Come si può prendere in considerazione il futuro senza una coniugazione al futuro? Come è possibile catturare una temporalità, una successione di elementi nel tempo, siano essi passati o futuri, e la loro durata relativa, senza una lingua che distingue tra ciò che avrebbe potuto essere, ciò che è stato, ciò che è, ciò che potrebbe essere, e ciò che sarà dopo che ciò che sarebbe potuto accadere, è realmente accaduto? Cari genitori e insegnanti: facciamo parlare, leggere e scrivere i nostri figli, i nostri studenti. Insegnare e praticare la lingua nelle sue forme più diverse.

Anche se sembra complicata. Soprattutto se è complicata. Perché in questo sforzo c’è la libertà.

Coloro che affermano la necessità di semplificare l’ortografia, scontare la lingua dei suoi “difetti”, abolire i generi, i tempi, le sfumature, tutto ciò che crea complessità, sono i veri artefici dell’impoverimento della mente umana

Non c’è libertà senza necessità.

Non c’è bellezza senza il pensiero della bellezza.
Christophe Clavé

FONTE

LA DEMENZA DIGITALE

Non sarà trascorso molto tempo da che sul calendario sarà passato l’anno 2000, che si manifesterà – a partire dall’America – un divieto, non diretto, ma comunque un divieto di ogni tipo di pensare, una legge che avrà lo scopo di soffocare ogni pensiero individuale.

Da un certo punto di vista l’inizio di ciò si può ravvisare in ciò che oggi fa la medicina puramente materialistica, dove l’anima non trova più posto, dove l’uomo viene trattato come una macchina solo sulla base di esperimenti esteriori.

Rudolf Steiner (O.O.167)

Pubblicato su: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld

Older Entries