Home

V-a-c-c-i-n-o eterno, e niente cure …

1 commento

https://www.possibile.com/wp-content/uploads/2017/05/xcurve-thegem-blog-default.jpg.pagespeed.ic.ibLFt-AhxC.jpg

V-a-c-c-i-n-o eterno, e niente cure: è il patto del 12 aprile?

Occhio alla data: 12 aprile. Il primo a evocarla, in Italia, era stato Nicola Bizzi. Tema: l’inizio della fine, per le restrizioni Covid, sulla base di un patto che sarebbe stato siglato, lontano dai riflettori, a fine 2020. Ora una conferma viene dal Regno Unito: è stato Boris Johnson in persona, dopo aver stra-vaccinato gli inglesi, ad annunciare che il 12 aprile la Gran Bretagna avrebbe riaperto i battenti, compresi quelli notturni dei pub. L’effetto del patto evocato da Bizzi? L’accordo – dice lo storico, editore di Aurora Boreale nonché massone e in contatto con fonti di intelligence – avrebbe riguardato la stessa piramide del grande potere, spaccatasi in due: al progetto originario dei “falchi” (prolungare l’emergenza “sanitaria” fino al 2023) si sarebbe opposta la fazione delle “colombe”, capitanata dai Rothschild, decisa a far cessare l’allarme in tempi più ragionevoli. Precisamente, a partire dal 12 aprile 2021. La contropartita, concessa ai “falchi”: il business planetario dei v-a-c-c-i-n-i , al quale peraltro sembra aver dato il via libera lo stesso Mario Draghi, che dichiara di vedere nella vaccinazione di massa l’unica possibile via d’uscita dal Covid.

Draghi

Come dire: vi lasciamo fare, comprandovi tonnellate di dosi vaccinali, a patto che voi – a vostra volta – non ostacoliate la normale ripresa dell’economia e, in generale, della vita sociale. E’ davvero così? Certo, la precisione della “profezia” di Bizzi fa pensare: 12 aprile. Quanto a  Draghi, se un simile tacito accordo esistesse davvero, potrebbe non essere incoerente con l’intera traiettoria dell’azione politica dell’ex capo della Bce. Gioele Magaldi lo presenta come “neoaristocratico pentito”, supermassone già ai vertici dell’élite europea del rigore, ma poi convertitosi e tornato ai lidi keynesiani dell’economia democratica (alla cui scuola, peraltro, il giovane Mario era cresciuto, sotto la guida del professor Federico Caffè). Come si sta muovendo, Draghi? E’ abbastanza evidente: cerca di traghettare l’Italia fuori dai guai, ma senza smascherare gli “inventori” dell’emergenza che ha quasi schiantato il paese, da un lato imponendo il lockdown e dall’altro evitando (per un anno intero) di curare i malati a casa, col risultato di provocare l’inevitabile corsa all’ospedale, spesso fuori tempo massimo.

Bizzi

Pare sia davvero il maggiore dei tabù: fior di medici anche italiani, come i volontari dell’associazione “Ippocrate”, dimostrano che – intervenendo tempestivamente, e con i farmaci giusti – dal Covid si guarisce praticamente sempre, evitando di finire all’ospedale. Il dottor Mariano Amici, di Roma, vanta un bilancio invidiabile: 2.000 pazienti guariti, in un anno, grazie alle cure precoci. Nessuna perdita, nessun ricovero. Chiave di volta: le terapie domiciliari, somministrate in modo sollecito. Domanda: ma se dal Covid si guarisce così, che senso ha vaccinarsi? E che senso ha costringere alla vaccinazione i sanitari, quando sono gli stessi scienziati “ v-a-c-c-i-n-isti” ad ammettere che il V-a-c-c-i-n-o non impedisce al vaccinato di restare contagioso? Poi ovviamente ci sono le incognite di questi farmaci, che in realtà sono “preparati genici” ancora sperimentali: com’è possibile imporne l’inoculo, per legge? E Mario Draghi – sponsorizzato dalla massoneria progressista – non avrebbe dovuto essere il garante di certi diritti, a presidio delle libertà sospese nel tragico 2020?

Non solo: prende quota il “partito” che vorrebbe imporre il “pass vaccinale”. Corollario: dato che i v-a-c-c-i-n-i genici per il Covid garantiscono un’ipotetica copertura solo per qualche mese, si prefigura una sorta di campagna vaccinale permanente, teoricamente prolungabile in eterno, per la gioia di Big Pharma. E’ sempre l’effetto del patto segreto di cui parla Bizzi? In altre parole: all’emergenza eterna si è sostituito l’obbligo vaccinale perenne? Sono domande a cui prima o poi occorrerà rispondere, se si immagina una vera “ripartenza” per il sistema-Italia. Oltretutto, il “corona” non sarà certo l’ultimo virus ad apparire sulla scena: e se si instaura la prassi corrente che cosa facciamo, ogni volta il lockdown in attesa del “salvifico” V-a-c-c-i-n-o? Trattasi, evidentemente, di una deformazione logica, prima ancora che politica o sanitaria.

Boris Johnson

Dall’incubo – ormai appare evidente, agli osservatori attenti – si uscirà in un solo modo: chiarendo com’è facile, sotto controllo medico, guarire presto e bene. Ma dirlo, ancora, non si può. E lo stesso Draghi finge di non saperlo. Il che la dice lunga, probabilmente, sul genere di minaccia che incombe: se ai “falchi” non si lascia il “premio di consolazione” del V-a-c-c-i-n-o, dobbiamo aspettarci il peggio? In questi termini, la missione di Draghi (dando per buono il suo impegno per il paese) si mostra estremamente ardua: come se l’Italia non potesse permettersi di svelare il trucco, dovendo innanzitutto uscire dal ruolo di Cenerentola europea, al quale l’hanno relegata gli oligarchi dell’austerity. Quasi  che Draghi, tra le righe, dicesse: posso mettercela tutta per far cessare il rigore, ponendo le basi per un cambio di paradigma storico, a livello europeo; ma non chiedetemi anche di denunciare il raggiro del “terrorismo sanitario”. Non ce la possiamo ancora consentire, dunque, la verità sul Covid?

In realtà, non se la consente quasi nessuno, in Europa: Germania e Francia sono allineate alla consegna del coprifuoco, e la Gran Bretagna – che in modo quasi spavaldo voleva puntare sui contagi in libertà per raggiungere l’immunità di gregge, è stata ricondotta all’ovile (è il caso di dirlo) con “l’incidente” che ha portato Boris Johnson in serio pericolo di vita. A cantare tutt’altra canzone sono paesi come la Svizzera e la Svezia, per non parlare della Russia: la prima, con Putin, a decretare l’uscita dall’emergenza. Ancora una volta: decisioni politiche, non sanitarie. Sembra che tutti la conoscano, la “vera verità”, ma non se la possano permettere: passi, che a subire il copione fosse – in Italia – un signor nessuno come l’imbarazzante prestanome Giuseppe Conte, prono a qualsiasi diktat. Se però ad accodarsi all’ipocrisia generale è anche un certo Mario Draghi, tuttora presidente del Gruppo dei Trenta, significa che la partita – ancora pienamente in corso – ha un rilievo che probabilmente non è sbagliato definire storico.

Fonte articolo: https://www.libreidee.org/

**********************************************

Ti potrebbe interessare:

Alcuni gruppi hanno iniziato a sfidare la narrativa del 5G

Strane Fibre vive simili a vermi trovate nelle maschere

®wld

Ventiquattro Paesi vogliono mettere le mani sul Mondo

Lascia un commento

24 world leaders announce international pandemic treaty to implement great reset agenda

24 leader mondiali annunciano un trattato pandemico internazionale per attuare l’agenda del grande ripristino

by Michael Haynes

Una serie di leader mondiali ha lanciato un appello per un trattato sulla pandemia globale, presumibilmente al fine di prevenire future pandemie, distribuire vaccinazioni e attuare un approccio unilaterale alla governance globale.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Angela Merkel, il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), così come altri 20 leader mondiali, hanno unito le forze per scrivere una lettera congiunta con l’apparente intenzione di ottenere il sostegno popolare per il piano globalista.

Scrivendo sul giornale britannico The Telegraph, così come su altre pubblicazioni come Le Monde in Francia, i leader hanno dichiarato la loro intenzione di “costruire un’architettura sanitaria internazionale più solida che proteggerà le generazioni future”.

Definendo COVID-19 la “più grande sfida per la comunità globale dagli anni ’40”, i 24 leader hanno predetto che “ci saranno altre pandemie e altre importanti emergenze sanitarie”.

“Nessun governo o agenzia multilaterale può affrontare da solo questa minaccia”, hanno dichiarato.

“La domanda non è se, ma quando. Insieme, dobbiamo essere meglio preparati per prevedere, prevenire, rilevare, valutare e rispondere efficacemente alle pandemie in modo altamente coordinato. La pandemia di Covid-19 è stata un duro e doloroso promemoria che nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro “.

Questa frase finale potrebbe indicare l’influenza di cui gode il fondatore del World Economic Forum (WEF) e il globalista impegnato Klaus Schwab sui 24 leader.

Solo poche settimane fa, Schwab ha dichiarato:

“Fino a quando non tutti sono vaccinati, nessuno sarà al sicuro”, una dichiarazione che di per sé pone una domanda interessante circa la fiducia che tali leader ripongono in loro tanto lodato, ma pericolose, sperimentali iniezioni.

I leader hanno riaffermato il loro obiettivo comune di vaccinazione globale, descrivendolo come “bene pubblico globale”.

Al fine di raggiungere quel “bene pubblico” e garantire una rapida diffusione dei v-a-c-c-i-n-i in tutto il mondo, i 24 globalisti hanno avviato il loro nuovo trattato internazionale:

“[Noi] crediamo che le nazioni dovrebbero lavorare insieme per un nuovo trattato internazionale per la preparazione e la risposta alle pandemie. Un impegno collettivo così rinnovato rappresenterebbe una pietra miliare nell’intensificare la preparazione alla pandemia al più alto livello politico “.

Questo trattato si baserebbe sui principi dell’OMS, attingendo alla costituzione dell’OMS, oltre a invitare “altre organizzazioni pertinenti alla chiave di questo sforzo”.

Il direttore generale dell’OMS, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, è stato uno dei firmatari della dichiarazione.

“L’obiettivo principale di questo trattato sarebbe quello di promuovere un approccio a tutto il governo e a tutta la società, rafforzando le capacità nazionali, regionali e globali e la resilienza a future pandemie”, hanno dichiarato i leader.

“Ciò include il potenziamento della cooperazione internazionale per migliorare, ad esempio, i sistemi di allarme, la condivisione dei dati, la ricerca e la produzione e distribuzione locale, regionale e globale di contromisure mediche e di salute pubblica come v-a-c-c-i-n-i, medicinali, diagnostica e protezione personale attrezzatura.”

Né sarebbe incentrato esclusivamente sulle agende vaccinali globaliste. Grazie all’approccio “One Health” dei leader, si baserebbe sul principio di una connessione tra “la salute degli esseri umani, degli animali e del nostro pianeta”.

Con un linguaggio che ricorda l’agenda del Great Reset, promossa dal WEF e da Klaus Schwab, i leader hanno affermato che il nuovo trattato porterebbe a una mancanza di interessi nazionali e a maggiori preoccupazioni internazionali:

“[S] uch un trattato dovrebbe portare a una maggiore responsabilità reciproca e responsabilità condivisa, trasparenza e cooperazione all’interno del sistema internazionale e con le sue regole e norme.”

Nessuna parte della società sarebbe esentata dall’essere coinvolta nel nuovo trattato, qualunque cosa possa sembrare, con i leader mondiali che sottolineano che “lavoreremo con i capi di stato e di governo a livello globale, e tutte le parti interessate, compresa la società civile e settore privato. “

Dichiarando che il coronavirus, che ha avuto origine a Wuhan, in Cina, aveva “sfruttato le nostre debolezze e divisioni”, i leader hanno affermato che è loro “responsabilità” “garantire che il mondo apprenda le lezioni della pandemia Covid-19” e “Cogliere questa opportunità e unirsi come una comunità globale per una cooperazione pacifica che si estende oltre questa crisi”.

La proposta dovrebbe essere ulteriormente discussa tra i leader nazionali al vertice del G7 di giugno in Cornovaglia nel Regno Unito, dove Boris Johnson si unirà ai suoi omologhi provenienti da Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Stati Uniti e UE. i firmatari hanno avvertito che il loro nuovo piano “richiederà tempo e richiederà un impegno politico, finanziario e sociale sostenuto per molti anni”.

Parlando a BBC Radio, l’inviato speciale COVID dell’OMS, il dottor David Nabarro, ha fatto eco al linguaggio impiegato dai 24 leader, osservando che sarebbe stato il 2022 prima che l’agenda globalista della vaccinazione mondiale fosse completa, e quindi ha accennato a “tutti i tipi di problemi con varianti “, prima che l’obiettivo fosse completato.

“Tutto ciò che i leader dicono è ‘questo problema è così grande che dobbiamo lavorare insieme per affrontarlo'”, ha aggiunto Nabarro.

Il trattato pianificato sembra allinearsi molto strettamente con gli obiettivi del Great Reset di Klaus Schwab. La promozione del Reset da parte del World Economic Forum impiega persino una terminologia corrispondente, descrivendo “leader” che “si trovano a un bivio storico”.

Il disagio sociale causato dal virus Wuhan rappresenta “una finestra di opportunità unica per plasmare la ripresa” per Schwab, che ha aggiunto che “questa iniziativa offrirà spunti per aiutare a informare tutti coloro che determinano lo stato futuro delle relazioni globali, la direzione delle economie nazionali , le priorità delle società, la natura dei modelli di business e la gestione di un bene comune globale “.

In effetti, il legame tra il nuovo trattato internazionale e il Grande Reset ha indotto il presentatore veterano Richie Allen a scrivere: “Questo è terrificante. Per molti anni ho presentato scrittori, ricercatori e accademici che ci hanno avvertito che questo sarebbe accaduto. Questa è la fine del gioco. “

Un simile trattato riguardava semplicemente “concentrare il potere nelle mani di una piccola élite”, ha spiegato Allen. “È ciò per cui i globalisti hanno lavorato per decenni”.

Di seguito è riportato l’elenco completo dei firmatari:

JV Bainimarama, primo ministro delle Fiji; António Luís Santos da Costa, primo ministro del Portogallo; Klaus Iohannis, presidente della Romania; Boris Johnson, primo ministro del Regno Unito; Paul Kagame, presidente del Ruanda; Uhuru Kenyatta, presidente del Kenya; Emmanuel Macron, presidente della Francia; Angela Merkel, cancelliera della Germania; Charles Michel, presidente del Consiglio europeo; Kyriakos Mitsotakis, primo ministro della Grecia; Moon Jae-in, presidente della Repubblica di Corea; Sebastián Piñera, presidente del Cile; Carlos Alvarado Quesada, presidente del Costa Rica; Edi Rama, primo ministro albanese; Cyril Ramaphosa, presidente del Sud Africa; Keith Rowley, primo ministro di Trinidad e Tobago; Mark Rutte, primo ministro dei Paesi Bassi; Kais Saied, presidente della Tunisia; Macky Sall, presidente del Senegal; Pedro Sánchez,Primo Ministro spagnolo; Erna Solberg, primo ministro norvegese; Aleksandar Vučić, presidente della Serbia; Joko Widodo, presidente dell’Indonesia; Volodymyr Zelensky, presidente dell’Ucraina; Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Pubblicato sul sito web: https://humansarefree.com/

®wld

I leader mondiali chiedono una maggiore globalizzazione per risolvere la pandemia globale

Lascia un commento

I leader mondiali chiedono una maggiore globalizzazione per risolvere la pandemia globale

Postato da: Patrick Wood

La risposta alla pandemia, portata a noi dagli oligarchi d’élite della globalizzazione, è più globalizzazione.

Questa è la menzogna del secolo, ed esattamente la stessa trippa ascoltata alla conferenza Agenda 21 nel 1992 a Rio, chiamata UNCED (Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo economico) Questo gruppo aveva già distrutto la maggior parte dell’ecologia mondiale negli ultimi 50 anni, ma ha insistito sul fatto che la risposta a tutti questi problemi sarebbe stata più sviluppo. Secondo le Nazioni Unite, eliminerebbe la povertà, fornirebbe istruzione a tutti, posti di lavoro dignitosi, standard di vita, ecc. Oggi, quasi 30 anni dopo, la menzogna è completamente smascherata, ma la gente continua a innamorarsene ancora e ancora.

Questo è il testo completo della lettera scritta da 25 eminenti leader mondiali:

‘La pandemia di Covid-19 è la più grande sfida per la comunità globale dagli anni ’40. A quel tempo, in seguito alla devastazione di due guerre mondiali, i leader politici si unirono per forgiare il sistema multilaterale. Gli obiettivi erano chiari: riunire i paesi, dissipare le tentazioni dell’isolazionismo e del nazionalismo e affrontare le sfide che potevano essere raggiunte solo insieme in uno spirito di solidarietà e cooperazione: vale a dire, pace, prosperità, salute e sicurezza.

“Oggi, nutriamo la stessa speranza che mentre combattiamo per superare insieme la pandemia di Covid-19, possiamo costruire un’architettura sanitaria internazionale più solida che proteggerà le generazioni future. Ci saranno altre pandemie e altre importanti emergenze sanitarie. Nessun governo o agenzia multilaterale può affrontare da solo questa minaccia. La domanda non è se, ma quando. Insieme, dobbiamo essere meglio preparati per prevedere, prevenire, rilevare, valutare e rispondere efficacemente alle pandemie in modo altamente coordinato. La pandemia di Covid-19 è stata un duro e doloroso promemoria che nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro.

“Siamo quindi impegnati a garantire un accesso universale ed equo a v-a-c-c-i-n-i, medicinali e strumenti diagnostici sicuri, efficaci ed economici per questa e le future pandemie. L’immunizzazione è un bene pubblico globale e dovremo essere in grado di sviluppare, produrre e distribuire v-a-c-c-i-n-i il più rapidamente possibile. Questo è il motivo per cui è stato istituito l’Acceleratore degli strumenti per il Covid-19 (ACT-A) al fine di promuovere la parità di accesso a test, trattamenti e v-a-c-c-i-n-i e supportare i sistemi sanitari in tutto il mondo. ACT-A ha prodotto molti aspetti, ma deve ancora essere raggiunto un accesso equo. Possiamo fare di più per promuovere l’accesso globale.

‘A tal fine, crediamo che le nazioni dovrebbero lavorare insieme per un nuovo trattato internazionale per la preparazione e la risposta alle pandemie. Un impegno collettivo così rinnovato rappresenterebbe una pietra miliare nell’intensificare la preparazione alla pandemia al più alto livello politico. Sarebbe radicato nella costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, attingendo ad altre organizzazioni rilevanti chiave per questo sforzo, a sostegno del principio della salute per tutti. Gli strumenti sanitari globali esistenti, in particolare il Regolamento sanitario internazionale, sosterrebbero un tale trattato, garantendo una base solida e collaudata su cui possiamo costruire e migliorare.

‘L’obiettivo principale di questo trattato sarebbe quello di promuovere un approccio per tutto il governo e per tutta la società, rafforzando le capacità nazionali, regionali e globali e la resilienza a future pandemie. Ciò include il potenziamento della cooperazione internazionale per migliorare, ad esempio, i sistemi di allarme, la condivisione dei dati, la ricerca e la produzione e distribuzione locale, regionale e globale di contromisure mediche e di salute pubblica, come v-a-c-c-i-n-i, medicinali, diagnostica e dispositivi di protezione individuale.

“Includerebbe anche il riconoscimento di un approccio” One Health “che collega la salute degli esseri umani, degli animali e del nostro pianeta. E un simile trattato dovrebbe portare a una maggiore responsabilità reciproca e responsabilità condivisa, trasparenza e cooperazione all’interno del sistema internazionale e con le sue regole e norme.

‘Per raggiungere questo obiettivo, lavoreremo con i capi di stato e di governo a livello globale e tutte le parti interessate, compresa la società civile e il settore privato. Siamo convinti che sia nostra responsabilità, come leader di nazioni e istituzioni internazionali, garantire che il mondo apprenda le lezioni della pandemia Covid-19.

‘In un momento in cui Covid-19 ha sfruttato le nostre debolezze e divisioni, dobbiamo cogliere questa opportunità e unirci come una comunità globale per una cooperazione pacifica che va oltre questa crisi. Sviluppare le nostre capacità e i nostri sistemi per farlo richiederà tempo e richiederà un impegno politico, finanziario e sociale sostenuto per molti anni.

‘La nostra solidarietà nel garantire che il mondo sia meglio preparato sarà la nostra eredità che protegge i nostri figli e nipoti e riduce al minimo l’impatto delle future pandemie sulle nostre economie e sulle nostre società. La preparazione alla pandemia richiede una leadership globale per un sistema sanitario globale adatto a questo millennio. Per rendere questo impegno una realtà, dobbiamo essere guidati da solidarietà, correttezza, trasparenza, inclusività ed equità. ‘

Boris Johnson, Primo Ministro del Regno Unito; Emmanuel Macron, presidente della Francia; Angela Merkel, cancelliera della Germania; Dr Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità e altri 21 leader mondiali .

Pubblicato sul sito web: https://www.technocracy.news/

*************************************

Gli aborti nel Regno Unito aumentano del 366% dopo l’assunzione del v-a-c-c-i-n-o COVID-19

Posted By: Patrick Wood

Ammesso che i numeri siano ancora relativamente piccoli, ma l’aumento statistico è sbalorditivo. Le conseguenze mediche dell’assunzione del v-a-c-c-i-n-i COVID non saranno imminenti da Big Pharma, che invariabilmente afferma che le reazioni sono casuali quando si prende l’iniezione. In altre parole, non sono collegati. ⁃ TN Editor

Perdere un neonato è un’impresa che spezza il cuore, così come il dolore di perdere un bambino non ancora nato. Questo è il motivo per cui siamo entrambi rattristati e scioccati di portarvi l’ultimo aggiornamento sul numero di nascituri e neonati che hanno perso la vita a causa delle madri che hanno ricevuto uno dei v-a-c-c-i-n-i Covid-19 nel Regno Unito.

Il governo ha pubblicato rapporti settimanali sulle reazioni avverse ai v-a-c-c-i-n-i sperimentali Covid-19, il primo dei quali ha riguardato i dati immessi nel sistema di cartellino giallo MHRA dal 9 dicembre 2020 al 24 gennaio 2021. Il loro ultimo rapporto (lo trovi qui), che è il settimo ad essere rilasciato, copre i dati immessi nel sistema di cartellini gialli MHRA dal 9 dicembre 2020 al 7 marzo 2021.

Solo sei settimane separano il primo e il settimo rapporto e lo scioccante aumento del numero di donne che perdono il nascituro e il neonato in quel periodo a causa del v-a-c-c-i-n-o Pfizer o AstraZeneca Covid è spaventoso.

Questo era il consiglio del governo in merito all’approvazione di emergenza del v-a-c-c-i-n-o Pfizer / BioNTech –

Gravidanza” I
dati sull’uso del v-a-c-c-i-n-oCOVID-19 mRNA BNT162b2 non sono disponibili o sono disponibili in quantità limitata.
Gli studi di tossicità riproduttiva sugli animali  non sono stati completati. COVID-19 mRNA  v-a-c-c-i-n-o
BNT162b2 non è raccomandato durante la gravidanza.

Per le donne in età fertile, la gravidanza deve essere esclusa prima della vaccinazione. Inoltre, si
deve consigliare alle donne in età fertile di  evitare la gravidanza per almeno 2 mesi dopo  la seconda dose.

Ve ne abbiamo parlato a dicembre, poiché i consigli del governo includevano anche commenti sull’allattamento al seno e sulla fertilità che erano i seguenti:

Allattamento
Non è noto se il v-a-c-c-i-n-o COVID-19 mRNA BNT162b2 sia escreto nel latte materno.
Non si può escludere un rischio per i neonati / lattanti. Il v-a-c-c-i-n-o COVID-19 mRNA BNT162b2 non deve essere utilizzato
durante l’allattamento.
Fertilità
Non è  noto  se il v-a-c-c-i-n-o COVID-19 mRNA BNT162b2 abbia un  impatto sulla fertilità. “

È a causa di questo consiglio rilasciato dal governo del Regno Unito che siamo rimasti così scioccati nel vedere nel primo rapporto pubblicato di reazioni avverse ai v-a-c-c-i-n-i Covid, utilizzando i dati immessi allo schema della carta gialla MHRA fino al 24 gennaio 2021 per un totale di 4 le donne avevano subito un aborto spontaneo a causa del v-a-c-c-i-n-i Pfizer / BioNTech.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://www.technocracy.news/

Articolo correlato:

La finesttra si sta chiudendo, I Nuovi Normali stanno discutendo la questione dei non v-a-c-c-i-n-a-t-i

®wld

Tutto quello che puoi fare è … collegare i puntini

Lascia un commento

Un team legale vuole che il “Secondo Tribunale di Norimberga” provi i promotori del blocco globale per i crimini contro l’umanità

di Leo Hohmann dal sito LeoHohmann

I tecnocrati che hanno spinto i governi a bloccare i loro cittadini dovrebbero essere processati per crimini contro l’umanità?

Un importante avvocato tedesco, che è anche autorizzato a esercitare la professione legale in America, pensa che dovrebbero.

E sta organizzando una squadra di migliaia di avvocati partecipanti che vogliono perseguire un “secondo tribunale di Norimberga” contro un gruppo di élite internazionali responsabili di quello che lui chiama lo “scandalo della frode corona”.

Rivolgendosi al Forum economico mondiale (WEF) di Davos, con sede in Svizzera, e ai suoi devoti tra i leader politici globali, l’avvocato Reiner Fuellmich afferma:

sono colpevoli di crimini contro l’umanità per aver perpetrato le politiche di risposta COVID che hanno portato a chiusure forzate, aziende distrutte, famiglie impoverite, vite spezzate e un aumento dei tassi di suicidio.

Ha formato il Comitato investigativo tedesco della Corona per perseguire le accuse civili contro i principali responsabili, tra cui il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ) delle Nazioni Unite, il dott. Tedros Adhanom .

Spera che una causa collettiva di successo porti anche ad accuse penali.

Fuellmich faceva parte del team legale che ha vinto un’importante causa contro la casa automobilistica tedesca Volkswagen in un caso del 2015 riguardante convertitori catalitici manomessi negli Stati Uniti

È stato anche coinvolto in una causa che ha denunciato una delle più grandi banche tedesche, la Deutsche Bank , come impresa criminale.

La banca è stata recentemente condannata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti a pagare 130 milioni di dollari per risolvere pratiche di corruzione che includevano riciclaggio di denaro, corruzione e frode tra gli anni 2009 e 2016.

Fuellmich è autorizzato a esercitare la professione legale in Germania e nello stato della California.

Crede che le frodi commesse da Volkswagen e Deutsche Bank impallidiscano rispetto ai danni provocati da coloro che hanno venduto la crisi del Covid-19 come la peggiore epidemia virale che ha colpito il mondo in più di un secolo e l’hanno usata per causare il panico guidato dai media, sovraffollamento del governo e sofferenza umana su una scala ancora non del tutto quantificata.

La verità è rivelata nei numeri, ha detto Fuellmich, citando cifre che mostrano che COVID-19 non ha causato alcun aumento statisticamente significativo nel numero di morti del 2020 rispetto agli anni precedenti.

La truffa perpetrata sull’umanità dipendeva da uno sporco piccolo segreto, ha detto:

il test PCR

Non solo questi test non sono approvati per scopi diagnostici, ma l’inventore del test PCR, il compianto Kary Mullis, ha dichiarato esplicitamente in un’intervista che questo non è mai stato lo scopo del suo test.

Fuellmich spiega nel video qui sotto come la risposta al coronavirus dei governi di tutto il mondo che lavorano in combutta con il

Bill Gates , l’Organizzazione mondiale della sanità delleNazioniUnite,

“sono probabilmente i più grandi crimini contro l’umanità mai commessi”.

Se YouTube rimuove il video sopra, puoi guardare la versione completa qui .

“Un certo numero di scienziati di tutto rispetto (ne cita diversi nel video tra cui un Nobel Laurette della Stanford University ) hanno concluso che non c’è mai stata una pandemia di coronavirus ma solo una pandemia di test PCR”, dice.

“Se qualcuno risulta positivo, non significa che sia infetto da qualcosa, figuriamoci dal virus contagioso SARS-COV-2”, dice Fuellmich nel video.

“Sulla base delle norme del diritto penale, affermando fatti falsi riguardanti i test PCR, o false dichiarazioni intenzionali, che possono essere valutate solo come frode.

In base alle regole del diritto civile, ciò si traduce in “inflizione intenzionale di danni”. “

Ha detto che le persone danneggiate dai blocchi indotti dalla PCR hanno diritto al pieno risarcimento per le loro perdite.

“I crimini commessi dal signor Christian Drosten (un epidemiologo e la versione tedesca del dottor Anthony Fauci) e dal signor Lothar Wieler, un veterinario e capo dell’equivalente tedesco del CDC, e Tedros Adhanom, capo dell’OMS, devono essere legalmente qualificati come crimini effettivi contro l’umanità come definiti nella sezione 7 del codice penale internazionale “.

Ha detto che la causa collettiva è la strada migliore per processare il caso.

In un articolo del 24 febbraio sull’impegno di Fuellmich, la rivista Principia Scientific International lo ha citato dicendo:

“questa crisi del COVID-19 dovrebbe essere ribattezzata ‘Covid-19 Scandal’, e tutti i responsabili dovrebbero essere perseguiti per danni civili dovuti a manipolazioni e protocolli di test falsificati.

Pertanto, una rete internazionale di avvocati d’affari perorerà il più grande caso di illecito civile di tutti i tempi, lo scandalo di frode COVID-19, che nel frattempo si è trasformato nel più grande crimine contro l’umanità mai commesso “.

Ecco una traduzione sintetica dell’ultimo aggiornamento che Fuellmich ha pubblicato sul suo sito web tedesco il 15 febbraio:”Le audizioni di circa 100 scienziati, medici, economisti e avvocati di fama internazionale, condotte dalla Commissione d’inchiesta di Berlino sull’affare COVID-19 dal 10.07.2020, hanno nel frattempo dimostrato con una probabilità vicina alla certezza che il Lo scandalo COVID-19 non è mai stato un problema di salute.

Piuttosto, si trattava di consolidare il potere illegittimo (illegittimo perché ottenuto con metodi criminali) della corrotta ‘cricca di Davos‘ trasferendo la ricchezza della gente ai membri della cricca di Davos, distruggendo, tra le altre cose, piccole e medie imprese di grandi dimensioni in particolare.

Piattaforme come Amazon, Google, Uber, ecc. Potrebbero quindi appropriarsi della loro quota di mercato e della loro ricchezza”.

Il vaccino è stato il motivo del virus?

Forse la conseguenza più eclatante della truffa del coronavirus è stata la paura che non solo ha portato a chiusure devastanti e non scientifiche, ma anche la corsa al mercato di un vaccino sperimentale non provato, che ora sta facendo miliardi di dollari per Big Pharma .

Proprio come i blocchi, il vaccino non è necessario perché ci sono già diversi trattamenti ben documentati che coinvolgono farmaci di lunga data che si sono dimostrati sicuri e ampiamente disponibili.

Inoltre, proprio come i blocchi, questo vaccino ha effetti a lungo termine potenzialmente devastanti sulla salute umana.

Ci sono domande sui suoi effetti sulla fertilità di uomini e donne, e ha già causato più di 1.100 morti negli Stati Uniti e più di 400 morti nel Regno Unito

A peggiorare le cose, sta diventando chiaramente ovvio che l’intento è quello di rendere questo vaccino sperimentale obbligatorio per tutta l’umanità.

È stato l’investitore miliardario di vaccini Bill Gates a lanciare originariamente l’idea, nell’aprile 2020, che,

l’umanità non potrebbe mai tornare alla “normalità” fino a quando “non avremo un vaccino che abbiamo distribuito praticamente in tutto il mondo“.

Questo giornalista ha predetto lo scorso aprile che,

il vaccino alla fine sarebbe stato reso obbligatorio , in gran parte da società che utilizzavano tattiche coercitive …

Israele prende l’iniziativa di istituire la tirannia medica

Tra le nazioni considerate come parte del “mondo libero”, Israele sta prendendo l’iniziativa,

spingendo avanti con un nuovo tipo di società in cui le aziende e i governi lavorano insieme per costringere e alla fine costringere ogni essere umano sul pianeta a ricevere un’iniezione di trattamenti vaccinali sperimentali …

Non dai tempi del Terzo Reich nazista c’è stato così poco rispetto per i diritti dei cittadini all’autonomia sanitaria individuale in una nazione occidentale.

Che tu viva in America, Regno Unito, Australia o Europa, se desideri vedere cosa riserva il tuo futuro sotto la “nuova normalità”, guarda Israele

Il governo israeliano ha annunciato che alle persone non sarà permesso di partecipare a una serie di funzioni vitali senza mostrare documenti che offrano la prova che sono stati vaccinati o che hanno avuto e si sono ripresi da COVID.

Una miriade di aziende israeliane tra cui negozi, centri commerciali, mercati, pub, palestre, musei, sinagoghe, hotel e biblioteche è stata autorizzata a riaprire domenica 21 febbraio, riporta il Times of Israel .

Ma solo quegli israeliani che sono stati vaccinati o si sono ripresi dal COVID potranno utilizzare palestre e piscine, partecipare a sinagoghe, eventi sportivi e culturali, imbarcarsi su un volo o soggiornare in hotel.

Per poter aprire le loro porte, il governo ha ordinato a tutte le aziende interessate di scansionare i propri clienti per il cosiddetto “Green Pass”, vietando l’ingresso a chiunque non possa produrre tale documentazione .

Guarda il video qui sotto della guardia del supermercato israeliana che richiede agli acquirenti di mostrare i loro documenti COVID prima che possano entrare nel negozio:

Clicca sull’immagine per guardare il video

Ci sono tre modi per gli israeliani di ottenere il Green Pass:

  • Scaricare l’app Traffic Light ( Ramzor ) su Google Play o l’Apple App Store, inserire i dati personali e ottenere il pass sul proprio telefono.
  • Iscrizione  al sito del Ministero della Salute  e download di un documento personale stampabile.
  • Chiamando la hotline del Ministero della Salute e facendo inviare il pass tramite e-mail o fax.

Anche l’Europa si sta muovendo verso i passaporti per i vaccini

Anche l’Unione europea sembra essere sul punto di abbracciare misure draconiane simili.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha dichiarato questa settimana che il concetto di passaporto vaccinale digitale ha ottenuto “un sostegno unanime all’interno dell’UE“.

“Tutti hanno convenuto che abbiamo bisogno di un certificato di vaccinazione digitale”, ha detto la Merkel mercoledì scorso dopo un incontro con i leader europei.

Anche il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha elogiato il nuovo sistema di Green Pass di Israele .

Il Telegraph riferisce che il governo del Regno Unito si sta avvicinando all’annuncio di nuove regole simili a quelle israeliane in cui nessun britannico potrà entrare in pub, palestre, grandi eventi o hotel senza mostrare il proprio passaporto vaccinale COVID speciale.

Da quando togliamo la libertà per ripristinarla sotto una nuova serie di termini definiti da “esperti” non eletti presso l’Organizzazione mondiale della sanità delle Nazioni Unite …?

Questo è il modo contorto in cui pensano i tecnocrati globalisti.

Pervertire sempre il linguaggio per vendere le loro bugie e invogliare le masse male informate a cadere direttamente nelle loro trappole subdole.

Costringere le persone ad accettare un trattamento medico e a “mostrare i propri documenti” dimostrando di aver ricevuto il trattamento per partecipare alla società è una violazione delle norme internazionali consolidate.

Il Codice di Norimberga è uscito dai tribunali di Norimberga che hanno condannato i principali nazisti tedeschi.

Il Codice afferma che qualsiasi trattamento medico sperimentale non deve essere solo volontario, ma deve includere “consenso informato”, il che significa che la persona non solo si è offerta volontaria ma è stata informata esattamente di ciò che il trattamento comportava e dei rischi coinvolti.

Le élite del potere globale hanno già utilizzato COVID come copertura per reprimere la libertà di parola, l’assemblea, i raduni religiosi e le operazioni di piccole imprese, creando un mondo di ricchi e poveri.

I grandi magazzini come Walmart e il rivenditore online Amazon hanno prosperato, raccogliendo profitti record, mentre le piccole imprese stanno morendo.

Quindi la causa legale collettiva appare giustificata, almeno in teoria.

Una piccola cabala di corporazioni globaliste ed “esperti” presso l’OMS ha creato il problema, ha reso impossibile per le persone vivere la propria vita come normali esseri umani, portando ad ansia di massa e picchi enormi di suicidio.

Ora che tutti sono infelici e disperati per tornare alla normalità, i tecnocrati introducono una terapia genica sperimentale, il vaccino mRNA, e lo stanno offrendo come salvezza , rendendo così allettante per molti mettersi in fila e rimboccarsi le maniche.

Allettante, cioè, se non hai fatto la tua ricerca per scoprire chi sta promuovendo il vaccino, quali sono le loro motivazioni e obiettivi di lunga data e qual è stato il loro precedente curriculum.

Tale ricerca ti porterebbe direttamente alla Bill and Melinda Gates Foundation, che ha investito miliardi in una gamma in continua crescita di vaccini attraverso l’alleanza globale per i vaccini GAVI e altre organizzazioni.

Gates si è vantato dell’enorme “ritorno sull’investimento” di 20 a 1 che ha ottenuto investendo in terapie vaccinali …

Il suo patrimonio netto è aumentato di 17 miliardi di dollari da quando ha spostato l’attenzione dai computer ai vaccini .

Società statunitensi che corrompono i dipendenti per sparare

Diverse società statunitensi stanno corrompendo i propri dipendenti, offrendo bonus in denaro da $ 100 a $ 150 se hanno la possibilità.

Meijer, Kroger, Publix, Dollar General, Aldi, JBS Meat Processing e Trader Joe’s, tra gli altri, sono tutti saltati sul carro …

Sono molto elogiati dagli “esperti di salute” per averlo fatto, quindi cerca altre aziende che seguano l’esempio.

Coloro che rifiutano il vaccino, che è un loro diritto ai sensi dei Codici di Norimberga, diventeranno i nuovi intoccabili in un sistema di caste che divide le persone in base alle linee mediche.

Coloro che ottengono l’inniezione potranno rientrare in qualcosa di più vicino alla normalità mentre quelli che lo rifiutano saranno lasciati indietro.

I puntini sono tutti lì,

con il virus, la paura, i blocchi e i mandati delle maschere e i prossimi mandati sui vaccini .

Tutto quello che devi fare è collegarli ..

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_globalelite413.htm

***********************************************************

Se i puntini che hai collegato non ti hanno convinto sarebbe auspicabile che ti prendessi un po’ di tempo e guardare questo video

Clicca sull’immagine per vedere/ascoltare il video in lingua italiana oppure, clicca QUI

®wld

Almanacco di marzo 2021

Lascia un commento

VIDEO: MICROSOFT FORMA IL “MINISTERO DELLA VERITÀ”

Un rapporto video con un’attenta ricerca sul ruolo di Bill Gates nella “Battaglia contro le notizie false”

L’iniziativa Bill Gates è supportata da “Adobe, Arm, BBC, Intel, Microsoft e Truepic in una coalizione per sviluppare uno standard aperto end-to-end per tracciare l’origine e l’evoluzione dei contenuti digitali” Sotto il timone di Bill Gates, “Tecnologia e entità dei media uniscono le forze per creare gruppi di standard volti a creare fiducia nei contenuti online”.

Produzione video di Really Graceful (RG) Fonte https://www.globalresearch.ca/video-microsoft-forms-ministry-of-truth/5738770 e https://www.windowscentral.com/microsoft-joins-battle-against-fake-news

Pubblicato sul sito web: https://www.nogeoingegneria.com/

***********************************************

Il concetto fatale della tecnocrazia che affligge il processo decisionale

Postato da: Vivek Dehejia via Mint

L’analisi critica della tecnocrazia è in rapido aumento durante la pandemia dichiarata dai tecnocrati del 2020. Il processo decisionale non dovrebbe mai essere affidato a tecnocrati dalla mentalità ristretta, tutti in gran parte non eletti e inspiegabili. ⁃ TN Editor (nda, la traduzione dell’articolo intero la si può abilitare nella tendina del link originale)

***********************************************

Scienziati stimolano il cervello per rimuovere la paura, aumentare la “fiducia”

Postato da: John Anderer via StudyFinds

Gli scienziati tecnocrati vogliono accedere al funzionamento interno del cervello per controllare gli impulsi di base tramite la stimolazione e l’intelligenza artificiale. Il potenziale per il lavaggio del cervello utilizzando questa tecnologia è sbalorditivo. ⁃ TN Editor (nda, la traduzione dell’articolo intero la si può abilitare nella tendina del link originale)

***********************************************

I dipartimenti della polizia locale riceveranno i droni con “l’IA più avanzata di sempre”

Postato da: Thomas Brewster via Forbes

In previsione di un’ampia accettazione da parte delle forze dell’ordine locali, Skydio ha già ottenuto una valutazione di 1 miliardo di dollari con iniezioni di capitale di rischio. Questa sorveglianza basata sui droni sarà onnipresente, autonoma e incrollabile e promuoverà la mentalità dello stato di polizia. ⁃ TN Editor (nda, la traduzione dell’articolo intero la si può abilitare nella tendina del link originale)

***********************************************

ATTACCO E CONQUISTA. La guerra normativa

Con il crollo del muro di Berlino ha inizio la Terza guerra mondiale.

Una guerra combattuta più che tra Stati, tra “Prìncipi moderni”: oligarchie private più ricche degli Stati, con propri strumenti politici, comunicativi, legali e militari.

Una guerra in cui il conflitto più taciuto è il più importante: la guerra normativa.

Perché la legge è un’arma, e l’ab-uso del diritto, per conquistare e consolidare il proprio dominio, è una strategia nota da secoli. Eppure, ci siamo fatti trovare impreparati.

A seguito della globalizzazione reggimenti di avvocati e lobbisti si sono dati battaglia, attraverso un vero e proprio “arsenale legale”, seguendo strategie giuridiche a breve, medio e lungo termine che, giocate come una partita a scacchi, non vengono percepite se non quando il progetto è giunto a termine.

La conseguenza di tale “offensiva di tipo giuridico” è che “Prìncipi moderni” hanno assunto il controllo di settori strategici e si sono appropriati in maniera strutturale di risorse vitali: tra queste la più importante è l’acqua.

Analizzare il percorso compiuto per appropriarsi dell’acqua ci consente di comprendere che le modalità attraverso le quali si sono affermate le gestioni delle Big Corporation non sono le regole del mercato, ma l’uso strategico delle leggi.

Pubblicato sul sito web: http://solangemanfredi.blogspot.com/

®wld

Older Entries

koenig2099

The eagle flight