Home

C’è un silenzio assordante dei media sulle proteste globali

Lascia un commento

Gli agricoltori si riuniscono con i loro veicoli accanto a un segnale di confine tra Germania e Paesi Bassi durante una protesta sull’autostrada A1, vicino a Rijssen, il 29 giugno 2022, contro i piani per l’azoto del governo olandese. VINCENT JANNINK/ANP/AFP tramite Getty Images
Fonte

by Tim Hains dal sito web RealClearPolitics

Schoellhammer: La gente ha accettato le eccentricità della loro minoranza d’élite finché non hanno sentito gli effetti negativi…

C’è un “assordantesilenzio mediatico sulle massicce proteste anti-governative in corso in tutto il mondo, tra cui uno sciopero degli agricoltori in uno dei paesi agricoli più produttivi del mondo, i Paesi Bassi, e un rovesciamento del governo in Sri Lanka, assistente della Webster University il professor Ralph Schoellhammer dice a Sky News .

Trattori guidati da agenti di polizia olandesi di guardia poiché la polizia olandese chiude l’accesso ad Apeldoorn sull’autostrada A1 fermare i potenziali agricoltori che manifestano contro i piani del governo olandese per ridurre le emissioni di gas serra di azoto, il 29 giugno 2022.  (Jeroen Jumelet/ANP/AFP tramite Getty Images)
Fonte

Schoellhammer ha scritto su Newsweek:

Una rivolta popolare contro le élite è diventata globale – Opinione

07 luglio 2022

NEWSETTIMANA 

“Questa è una tendenza più ampia, abbiamo già menzionato la Brexit e l’elezione di Donald Trump sono stati i sintomi del respingimento. Ma la situazione in cui ci troviamo è composta da quattro diversi gruppi”, ha spiegato.

“I primi sono gli attivisti, che credono davvero che la fine del mondo sia dietro l’angolo. E sono sovra rappresentati nei media, nel mondo accademico e nella sfera culturale”.

“Poi ci sono governi e politici a cui piace fare segnali di virtù a quelle persone principalmente perché sono molto attivi su Twitter. Credono di rappresentare una fetta enorme della popolazione”.

“E poi ci sono aziende che vogliono trarne profitto”, ha aggiunto. 

“Non credo che Unilever si preoccupi dell’ambiente, ma è qualcosa che devono dire per assecondare i clienti”.

“La classe operaia e la classe media, o le persone che vogliono solo pagare le tasse e vivere la vita, che non trascorrono molto tempo sui social media sono intrappolate in questo, sta invadendo sempre di più la loro vita quotidiana”.

“Ad esempio, per la Germania lasciare l’energia nucleare alle spalle era una posizione puramente politica e ideologica… si scopre che diventeranno più poveri.

Hanno accettato le idee eccentriche delle loro élite nella misura in cui non pensavano che avrebbero avuto un impatto negativo sulle loro vite. Ma ora vedono l’impatto negativo.”

“È la politica scolastica in Virginia, è la politica agricola nei Paesi Bassi, è il prezzo del gas in Francia, è l’energia nucleare in Germania…

Sono molto curioso di sapere come funzionerà, il futuro sarebbe qualcosa come hai appena menzionato, un partito della classe operaia social-conservatore… lo vedi con gli ispanici e i neri della classe operaia negli Stati Uniti che passano a il GOP perché i progressisti in alcune aree sono pazzi.

Vogliono solo passare a un partito di buon senso, penso che sia quello che vediamo in questo momento.”

“C’è un silenzio assordante dei media su queste proteste”, ha continuato. 

“Se osservi negli Stati Uniti e in Europa dove all’improvviso c’è questa preoccupazione tra la classe politica e dei media per la ‘disinformazione’ e per dire… devono stare attenti a quali informazioni escono là fuori. 

Questo fa parte di questo, il modo migliore per prevenire il respingimento da parte di un gran numero di persone è se non sanno che sta succedendo qualcosa.”

“Pensa alla situazione con i camionisti in Canada (sotto il video), quando hanno ritirato la loro conti bancari, si sono assicurati che GoFundMe ritirasse i propri sforzi di finanziamento.

Questo sta minando la possibilità di queste persone di organizzarsi. Non è una cospirazione, è ciò che fanno i gruppi di interesse e questi attori. 

Vedono una potenziale minaccia al loro potere e cercano di indebolirlo”.

Inizia a vedere alle 2:02…

Pubblicato sul sito web: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_greatreset134.htm

®wld

Quello che non abbiamo deciso lo hanno già deciso…

Lascia un commento

di :dammilamanotidounamano

Quello che non abbiamo deciso lo hanno già deciso. Ebbene si, dopo più di due decenni in cui anche l’Italia come altre nazioni prossime ai nostri confini, cedendo sovranità su sovranità si sono unite in una nuova entità chiamata Europa, cambiando il senso di un continente che con le Nazioni presa ognuna per proprio conto Europa non significa niente, in quanto ognuno sente di se stesso l’appartenenza atavica al suolo natio, tanto che un francese non si sentirà mai tedesco, come un italiano non vorrebbe mai essere scambiato per un polacco, avendo i primi una storia mentre i secondi solo un posto nella cronologia della stessa. Pur cambiando tempi e opinioni, quando si parla di entità ognuno guarda il suo orticello e si può stare certi, che nessuno cederà una zolla di terreno se questi lo ritiene suo.

Basta solo esporre il pensiero appena fatto, per capire che la gente comune in caso di bisogno si fida solo dei suoi simili essendo accomunati da fratellanza, piuttosto che di una entità che in poco più di venti anni non ha mai fatto ne intrapreso un pasto comune, e, come si è soliti dire almeno qui nella nostra amata Italia “non mi è fratello ma m’è parente, solo chi ha condiviso con me mangiando assieme un quintale di sale, gli altri niente” ora, visto che questo parametro “un quintale di sale mangiando assieme” lo si raggiunge solo con le abituali frequentazioni, diventa evidente che per quanto riguarda la gente comune, essere europei non interessa veramente a nessuno, tant’è che per farci divenire tali, tale imposizione è stata calata dall’alto e chi ha avuto modo di esprimersi a suo tempo, negò tale assenso e lo negherebbe tuttora, visti i precedenti che in questi anni si sono venuti a creare.

Come non ricordare la solidarietà europea, avuta con le mascherine e i macchinari per l’intubazione nella recente psicopandemia. Oppure cambiando tema, la solidarietà avuta dall’Italia con le immigrazioni, che ci ha visti e continua a vederci come unico approdo europeo per l’immigrazione libera e sconsiderata. Solo campane stonate, come sono la dirigenza europea e quelle nazionali dimostrando tutta la strafottenza dei vari casi, continuano imperterrite a imporre e poi di nuovo a imporre come non esistesse un domani, evitando le risoluzioni ai problemi creandone cosi degli altri.

In Italia poi, si misura la subalternità della nostra comunità politica alla Comunità Europea e questo grazie alla inconsistenza della nostra classe politica alla quale anche una sola classe d’asilo della penisola saprebbe fare la differenza, questa in maggior parte è composta da scappati di casa e/o di scappati dalle RSA, vista l’età raggiunta da alcuni di essi, spesa negli anni facendo chiacchiere che producono solo il “nulla di fatto” da una vita. A parole, ma solo a parole, dicono di fare i nonni mentre nella realtà pensano solo agli affari interni di famiglia e se avanza tempo anche quelli di partito, basta che il tutto però non sconfini nella responsabilità delle proprie azioni, alla quale come ben sappiamo la maggior parte dei politici come saprete sono allergici e lo hanno dimostrato sino alla fine del precedente governo, che pur essendo un governo di abusivi, avvallato da altrettanti abusivi essendo refrattari alle elezioni, hanno eletto un Presidente a sua volta abusivo e prono ai diktat europei, grazie al quale ci siamo trovato Draghi come Premier, quando questi grazie al precedente creatosi sul Britannia nel 1992, se avessimo una Magistratura veramente libera e indipendente, questa lo avrebbe dovuto interdire a qualsiasi compito politico e organizzativo all’interno della Nazione. Il resto del discorso lo lascio al come sempre “ottimo” Silver Nervuti, che nelle sue analisi espone fatti riscontrabili e mai banali.

Fonte: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

®wld

La Politica di Ponzio Pilato

Lascia un commento

Ponzio Pilato se ne lava le mani e passa di mano il cerino che ha acceso

di: dammilamanotidounamano

Della serie chi la fa l’aspetti? Eh già, perché mentre l’intero verminaio rosso, come consuetudine, sia mai perdano il vizio secolare di plagiare le menti buttando fumo negli occhi, anche questa volta la campagna elettorale del PD volge a sminuire l’avversario con i soliti e mai dismessi cavalli di battaglia:

Se non votate noi (PD), vi troverete ad affrontare il pericolo fassista. Questo quando neanche più i microscopi riescono più a visualizzare se vi sia un reale pericolo fascismo in Italia, visto che neanche la Meloni ha in pratica teorie fasciste, tanto meno moderne come l’uscita dall’euro da proporre.

Illuminante oggi il contro sondaggio su scenarieconomici.it su chi sia per i lettori su quale sarebbe “il partito che non voteresti nemmeno morto” beh nonostante i sondaggiggisti vogliano tale partito tra i primi nelle grazie degli italiani, non diventa poi difficile intuire quale sia il partito, che da vent’anni non si riesce a togliercelo dai coglioni e questo grazie a due presidenti, che violando ambedue la Costituzione con un doppio mandato non previsto, pur dovendo essere per il loro ruolo neutrali e il PD pur perdendo sistematicamente le elezioni si ritrova nonostante tutto a governare contro il “volere” dell’intera Italia, essendo ambedue i presidenti dello stesso partito non è certo un caso, semmai l’abuso sistematico che fanno della democrazia i due ultimi presidenti, sperando che siano veramente gli ultimi di tale partito ipocrita oltre ogni modo.

Quel che da’ poi veramente nell’occhio, è l’atteggiamento irresponsabile e allo stesso modo irrequieto degli occupanti di Parlamento e Senato, i quali più che sedersi tra gli scranni per dare voce al Popolo, sembra che, più che da onorevoli agiscono come dei veri e propri pack-man il cui motto sembra essere: in francia o spagna purché se magna e con questo fare, passano da un partito ad un altro con la stessa velocità e ingenuità con la quale un bambino passa a sua volta da un gioco ad un altro, dimostrando nel caso ve ne fosse ancora bisogno, tutta la loro vergognosa inconcludenza e inconsistenza.

Con la caduta del Governo Draghi, che nonostante la caduta continua a far danni con gli Affari Correnti vendendo nel corrente mese l’acqua pubblica, nonostante gli italiani abbiano negato il loro assenzo a tale vendita con un referendum nel 2011, per far partire poi in un prossimo futuro le espropriazioni immobiliari per favorire i potentati dai quali Draghi peraltro proviene, finalmente siamo giunti alle tanto sospirate elezioni.

Elezioni che non porteranno a niente di buono, cosi come è valso per tutte le altre elezioni anche questa non sarà differente, ed i partiti lo sanno talmente bene che faranno di tutto per non vincere le prossime elezioni, sapendo che andranno a gestire “macelleria sociale” perdendo definitivamente la faccia a chi tocca.

Turarsi il naso ormai, è diventato per il Popolo italiano sport nazionale, ma non basterà questa volta come lo è stato per le precedenti.

Una cosa però diventa imprescindibile, togliere dai posti di comando il ministro della Salute, quello degli Affari Interni e tutti i tecnici portati da Draghi o diventa inutile che sia caduto il Governo, in quanto in Italia più che nuovi partiti, serve una nuova classe politica e la cacciata totale con “disonore” degli attuali politici, che nemmeno per sbaglio negli anni, si sono degnati una volta di fare gli interessi degli italiani questo nella Nazione come in Europa.

Fonte: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

®wld  

La crisi del capitalismo mascherata da emergenza sanitaria

Lascia un commento

Di cosa parlava veramente il Covid? Innescare una crisi del debito globale multimiliardaria. “Rafforzare una strategia imperialista”?

Di Colin Todhunter

“E così rende sempre più evidente il grande fatto centrale che la causa della miserabile condizione della classe operaia va cercata, non in questi piccoli rancori, ma nello stesso sistema capitalistico”. Friedrich Engels, La condizione della classe operaia in Inghilterra (1845) (prefazione all’edizione inglese, p.36)  

Il FMI e la Banca Mondiale hanno promosso per decenni un’agenda politica basata su tagli ai servizi pubblici, aumenti delle tasse pagate dai più poveri e iniziative per minare i diritti e le tutele del lavoro.

Le politiche di “adeguamento strutturale” del FMI hanno comportato l’affidamento che il 52% degli africani non ha accesso all’assistenza sanitaria e l’83% non ha reti di sicurezza su cui fare in caso di perdita del o malattia. Anche il FMI ha dimostrato che le politiche neoliberiste alimentano la povertà e la disuguaglianza

Nel 2021, una revisione Oxfam dei prestiti del FMI C-O-V-I-D-19 ha mostrato che 33 paesi africani sono stati incoraggiati a politiche di austerità. I più poveri del mondo devono pagare 43 miliardi di dollari di rimborso del debito nel 2022, che potrebbero altrimenti coprire i costi dei loro paesi del cibo.

Oxfam Development Finance International (DFI) anche rivelato che 43 dei 55 Stati membri dell’Unione africana hanno ottenuto tagli alla spesa pubblica per un totale di 183 miliardi di dollari nei cinque anni.

Secondo il professor  Michel Chossudovsky  del Center for Research on Globalization, la chiusura dell’economia mondiale (11 marzo 2020 Lockdown imposto a più di 190 paesi) ha innescato un processo di indebitamento globale senza precedenti. I governi sono ora sotto il controllo dei creditori globali nell’era post-C-O-V-I-D.

Quello che stiamo vedendo è una privatizzazione de facto dello stato mentre i governi capitolano ai bisogni delle istituzioni finanziarie occidentali.

Inoltre, questi debiti sono in gran parte denominati in dollari, contribuendo a rafforzare il dollaro USA e la leva statunitense sui paesi.

Sorge la domanda: di cosa si tratta veramente il C-O-V-I-D?

Milioni di persone hanno posto questa domanda da quando sono iniziati i blocchi e le restrizioni all’inizio del 2020. Se si trattasse davvero di salute pubblica, perché chiudere la maggior parte dei servizi sanitari e dell’economia globale sapendo benissimo quali sarebbero le enormi implicazioni sanitarie, economiche e del debito?

Perché organizzare una campagna di propaganda in stile militare per censurare scienziati di fama mondiale e terrorizzare intere popolazioni e usare tutta la forza e la brutalità della polizia per garantire la conformità?

Queste azioni erano del tutto sproporzionate rispetto a qualsiasi rischio posto per la salute pubblica, soprattutto se si considera il modo in cui le definizioni e i dati di “morte C-O-V-I-D” venivano spesso manipolati e il modo in cui i test PCR venivano utilizzati in modo improprio per spaventare le popolazioni alla sottomissione.

Il professor  Fabio Vighi dell’Università di Cardiff suggerisce che deve essere dovuto essere sospettosi fin dall’inizio quando le “élite al potere senza scrupoli” di solito hanno congelato l’economia globale di fronte a un agente patogeno che prende di mira quasi esclusivamente gliduttivi (gli over 80).

Il C-O-V-I-D è stata una crisi del capitalismo mascherata da emergenza sanitaria.

Capitalismo  

Il capitalismo ha bisogno di continuare ad espandersi o creare nuovi mercati per garantire l’accumulo di capitale per compensare la tendenza alla caduta del generale saggio di profitto. Il capitalista ha bisogno di accumulare capitale (ricchezza) per poterlo reinvestire e realizzare ulteriori profitti. Esercitando una pressione al ribasso sui salari dei lavoratori, il capitalista estrae un plusvalore sufficiente per poterlo fare.

Ma quando il capitalista non è in grado di reinvestire a sufficienza (a causa del calo della domanda di merci, della mancanza di opportunità e mercati di investimento, ecc.), la ricchezza (capitale) si accumula, si svaluta e il sistema entra in crisi. Per evitare la crisi, il capitalismo richiede una crescita costante, mercati e una domanda sufficiente.

Secondo lo scrittore  Ted Reese, il tasso di profitto capitalista è sceso da una stima del 43% negli anni ’70 dell’Ottocento al 17% negli anni 2000. Sebbene i salari e le tasse sulle società siano stati ridotti, lo sfruttamento del lavoro è stato sempre più insufficiente per soddisfare le esigenze dell’accumulazione di capitale.

Entro la fine del 2019, molte aziende non potevano generare profitti sufficienti. Prevalevano il calo del fatturato, i flussi di cassa limitati e i bilanci altamente indebitati.

La crescita economica si stava indebolendo in vista del massiccio  crollo del mercato azionario  nel febbraio 2020, che ha visto trilioni di miliardi di dollari in più pompati nel sistema sotto le spoglie di “sollievo C-O-V-I-D”.

Per evitare la crisi fino a quel momento, erano state impiegate varie tattiche.

I mercati del credito sono stati ampliati e il debito personale è aumentato per mantenere la domanda dei consumatori mentre i salari dei lavoratori sono stati ridotti. Si è verificata la regolamentazione finanziaria e al capitale speculativo è stato consentito di sfruttare nuove aree e opportunità di investimento. Allo stesso tempo, i riacquisti di azioni, l’economia del debitosco, l’allentamento debito e massicci salvataggi e sussidi e un’espansione del militarismo hanno contribuito a mantenere la crescita economica.

C’è stata anche un’accelerazione di una strategia imperialista che ha visto i sistemi di produzione indigeni all’estero essere soppiantati da corporazioni globali e stati sottoposti a pressioni per ritirarsi dalle aree di attività economica, lasciando gli attori transnazionali ad occupare lo spazio lasciato aperto.

Sebbene queste strategie abbiano prodotto bolle speculative e portato a una sopravvalutazione delle attività e all’aumento del debito personale e pubblico, hanno contribuito a continuare a garantire profitti sostenibili e ritorni sugli investimenti.

Ma nel 2019, l’ex governatore della Banca d’Inghilterra Mervyn King  ha avvertito che il mondo si stava avvicinando a una nuova crisi economica e finanziaria che avrebbe conseguenze devastanti. Ha affermato che l’economia globale è rimasta bloccata in una trappola di bassa crescita e che la ripresa dalla crisi del 2008 è stata più debole di quella dopo la Grande Depressione.

King ha concluso che era tempo che la Federal Reserve e le altre banche centrali iniziassero i colloqui a porte chiuse con i politici.

Questo è esattamente ciò che è successo quando i principali attori, tra cui BlackRock, il fondo di investimento più potente del mondo, si sono uniti per elaborare una strategia per il futuro. Ciò è avvenuto in vista del C-O-V-I-D.

Oltre ad approfondire la dipendenza dei paesi più poveri dal capitale occidentale, Fabio Vighi afferma che i blocchi e la sospensione globale delle transazioni economiche hanno permesso alla Fed statunitense di inondare i mercati finanziari in difficoltà (sotto le spoglie del C-O-V-I-D) con denaro appena stampato mentre chiudeva l’economia reale per evitare l’iperinflazione. I lockdown hanno sospeso le transazioni commerciali, che hanno prosciugato la domanda di credito e fermato il contagio.

Il C-O-V-I-D ha fornito copertura per un salvataggio multimiliardario per l’economia capitalista che era in crisi prima del C-O-V-I-D. Nonostante un decennio o più di “allentamento quantitativo”, questo nuovo salvataggio è arrivato sotto forma di trilioni di dollari pompati nei mercati finanziari dalla Fed statunitense (nei mesi precedenti a marzo 2020) e il successivo “sollievo C-O-V-I-D”.

Il FMI, la Banca mondiale e i leader globali sapevano benissimo quale sarebbe stato l’impatto sui poveri del mondo della chiusura dell’economia mondiale attraverso i blocchi legati al C-O-V-I-D.

Eppure l’hanno sanzionato e ora c’è  la prospettiva  che oltre un quarto di miliardo di persone in più in tutto il mondo cadrà in livelli estremi di povertà nel solo 2022.

Nell’aprile 2020, il Wall Street Journal ha dichiarato che il FMI e la Banca mondiale hanno dovuto affrontare un diluvio di richieste di aiuti da decine di paesi più poveri in cerca di salvataggi e prestiti da istituzioni finanziarie con $ 1,2 trilioni da prestare.

Oltre ad aiutare a riavviare il sistema finanziario, la chiusura dell’economia globale ha deliberatamente intensificato la dipendenza dei paesi più poveri dai conglomerati globali occidentali e dagli interessi finanziari.

I blocchi hanno anche contribuito ad aumentare la società la ristrutturazione del capitalismo che coinvolge le imprese che sono portate al fallimento o acquistate da monopoli e catene globali, garantendo così profitti sostenibili continui per Big Tech, i giganti dei pagamenti digitali e le online globali come Meta e Amazon e l’eradicazione di milioni di posti di lavoro.

per gli effetti del conflitto in Ucraina non può essere ignorati, con l’economia globale ora di nuovo aperta, l’osta sta e provocando una crisi del “costo della vita”. Con un’economia piena di debiti, c’è spazio limitato per l’aumento dei tassi di interesse per controllare l’imposta.

Ma questa crisi non è inevitabile: l’attuale inflazione non è solo indotta dalla liquidità immessa nel sistema finanziario, ma è anche alimentata dalla speculazione sui mercati delle materie prime alimentari e dall’avidità delle imprese mentre le società energetiche e alimentari continuano a incassare enormi profitti a scapito del normale le persone.

Resistenza  

Tuttavia, la resistenza è fertile.

A parte le numerose manifestazioni anti-restrizioni/pro-libertà durante il C-O-V-I-D, ora stiamo assistendo a un sindacalismo più stridente emergere – almeno in Gran Bretagna – guidato da leader esperti di media come Mick Lynch, segretario generale della National Union of Lavoratori ferroviari, marittimi e dei trasporti (RMT), che sanno come fare appello al pubblico e attingere al risentimento diffuso contro l’aumento vertiginoso del costo della vita.

Insegnanti, operatori sanitari e altri potrebbero seguire l’RMT per intraprendere uno sciopero.

Lynch afferma che milioni di persone in Gran Bretagna devono affrontare standard di vita più bassi e la revoca delle pensioni professionali. Aggiunge:

“Il C-O-V-I-D è stato una cortina fumogena per i ricchi e i potenti di questo paese per ridurre i salari il più lontano possibile”.

Proprio come un decennio di “austerità” imposta è stato utilizzato per ottenere risultati simili in vista del C-O-V-I-D.

Il movimento sindacale dovrebbe ora assumere un ruolo guida nella resistenza all’attacco al tenore di vita e agli ulteriori tentativi di indebolire il welfare fornito dallo stato e privatizzare ciò che resta.

La strategia di smantellare e privatizzare completamente i servizi sanitari e assistenziali sembra sempre più probabile data la necessità di tenere a freno il debito pubblico (correlato al C-O-V-I-D) e la tendenza verso l’IA, l’automazione del posto di lavoro e la disoccupazione.

Questa è una vera preoccupazione perché, secondo la logica del capitalismo, il lavoro è una condizione per l’esistenza delle classi lavoratrici. Quindi, se una forza lavoro di massa non è più ritenuta necessaria, non c’è bisogno di istruzione di massa, assistenza sociale e assistenza sanitaria e sistemi che tradizionalmente sono serviti a riprodurre e mantenere il lavoro richiesto dall’attività economica capitalista.

Nel 2019, Philip Alston, il relatore delle Nazioni Unite sulla povertà estrema,  ha accusato i ministri del governo britannico  di “immiserazione sistematica di una parte significativa della popolazione britannica” nel decennio successivo al crollo finanziario del 2008.

Alston ha dichiarato:

“Come Thomas Hobbes ha osservato molto tempo fa, un simile approccio condanna i meno abbienti a vivere ‘solitari, poveri, cattivi, brutali e brevi’. Mentre il contratto sociale britannico svanisce lentamente, la previsione di Hobbes rischia di diventare la nuova realtà”.

Post-C-O-V-I-D, le parole di Alston hanno ancora più peso.

Mentre questo articolo volge al termine, si sta diffondendo la notizia che Boris Johnson si è dimesso da primo ministro. Un PM straordinario se non altro per la sua criminalità, mancanza di fondamento morale e doppi standard, applicabili anche a molti dei suoi compari al governo.

Con questo in mente, finiamo da dove abbiamo iniziato. 

“Non ho mai visto una classe così profondamente demoralizzata, così incurabilmente svilita dall’egoismo, così corrosa dentro, così incapace di progresso, come la borghesia inglese…

Perché nulla esiste in questo mondo, se non per amore del denaro, esso stesso non escluso. Non conosce beatitudine se non quella di un rapido guadagno, nessun dolore se non quello di perdere oro.

In presenza di questa avarizia e brama di guadagno, non è possibile che un solo sentimento o opinione umana intatta». Friedrich Engels, La condizione della classe operaia in Inghilterra (1845), p.275

Pubblicato sul sito web: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Caso mai lo aveste dimenticato

Lascia un commento

MEMORIA CORTA

di Bruno Marro

Da un po’ di tempo, ho come la strana sensazione che molte delle persone e delle cose accadute in questi tre anni, si siano perse nelle nebbie del passato.

Non che sia così grave, in fondo noi in questo paese siamo avvezzi a dimenticare alla svelta. Facciamo un esempio: che si ricorda di Zibecchi o Giorgiana Masi? Quasi nessuno. Eppure, si tratta di due casi eclatanti, che negli anni 70 hanno segnato in modo funesto e violento la vita di quel periodo. Se vi dico Piazza Alimonda, quanti di voi si ricordano che cosa successe in quella piazza nel luglio del 2001? Pochi. Non fatevene una colpa, d’altra parte io non ricordo mai il nome di tutti e sette i nani. Eppure da bambino, quando si è maggiormente ricettivi, con quei nani mi hanno frantumato i “cabbasisi” come direbbe il compianto Camilleri.

Ho pensato che in questo periodo di vacanze (per chi riesce ad andarci) e comunque in questi pochi attimi dell’anno in cui ci rilassiamo, pensiamo positivamente, ci lasciamo colpire dai raggi del caldo sole, di fare tutti noi un esercizio di “recall” di richiamo della memoria, per evitare che qualcuno di tutti quelli che hanno infangato, demolito, dissacrato e fatto a pezzi le nostre vite negli ultimi anni, non venga dimenticato.

Comincerei con un nome vicino al PD e a Giuseppe Conte il nostro precedente Presidente del Consiglio: Domenico Arcuri. L’ex Presidente di Invitalia (e già qui avremmo da discutere), viene nominato Commissario straordinario per l’emergenza. Non so se vi ricordate l’emergenza virus, la pandemia, il covid che avrebbe ammazzato tutti se non fossimo rimasti chiusi in casa con le mascherine… ecco appunto di mascherine parliamo.

Le mascherine dannose e inutili per noi, sono invece state fonte di “strabilianti” guadagni per Domenico Arcuri, che ora rischia un processo per abuso d’ufficio. Uno scherzo che al massimo gli costerà l’interdizione alle cariche pubbliche, ma non gli impedirà di pasteggiare a caviale e champagne nei resort di mezzo mondo.

Questo strabiliante individuo nullafacente e di una capacità lavorativa pari a zero, ha invece ordito un diabolico piano, per mettersi in mezzo alla fornitura di 800 milioni di mascherine (ripeto assolutamente inutili), tra le quali molte non conformi alle prescrizioni. La fornitura arrivò dalla Cina, paese a noi inviso per le non proprio simpatiche restrizioni delle libertà personali, ma che era ed è invece apprezzato, per le forniture diciamo così “agili”. Il costo dell’operazione per lo stato, cioè noi popolo, è stato di 1,2 miliardi di euro… Roba da ricostruire tutta la sanità pubblica. Ebbene, caso mai lo aveste dimenticato, questo farabutto criminale che comunque andrà a finire se la spasserà con i soldi della tangente, si chiama: Domenico Arcuri. Segnatevelo.

Angelo Borrelli. So che non ricordate quasi niente, ma questo fine dicitore e affabile comunicatore, si presentava in conferenza stampa tutte le sere sulle reti Rai, per darvi il numero dei contagi e dei morti. Di che cosa fossero contagiati e di che cosa fossero morti, nessuno ovviamente se lo chiedeva anche perché se lo diceva il Capo della Protezione Civile, non c’era motivo per dubitarne.

Oggi sappiamo tutti che quei dati erano falsati, che i rapporti erano fandonie, e che la gestione anche dal punto di vista della “comunicazione” della pandemia, è stata un flop colossale. Il povero Borrelli, un inetto incapace di coordinare una visita in un qualunque bagno pubblico è stato rimosso da Draghi, che appena arrivato al potere lo ha sostituito con Fabrizio Curcio, un altro da cui stare lontani.

Ultimamente Borrelli, si è anche premurato di dichiarare che era molto vicino e sosteneva il suo amico David Piccinini, capo della Protezione Civile di Ancona. Oggi Piccinini è indagato per abuso d’ufficio e truffa ma per Borrelli, Piccinini è un brav’uomo. Questo personaggio di poco valore sia umano che tecnico, ricordatevelo si chiama: Angelo Borrelli. Segnatevelo.

Il Generale Francesco Paolo Figliuolo, viene nominato da Draghi Commissario Straordinario per l’emergenza covid. Il prode “Alpino con la Penna”, si distingue subito per una serie di dichiarazioni straordinarie: “Vaccineremo casa per casa – Verremo sulle spiagge a vaccinare la gente – Abbiamo inoculato un siero che non sappiamo che cosa è perché sperimentale – raggiungeremo l’obbiettivo di 500.000 vaccinazioni al giorno… etc” Vabbè che possiamo dire di questa macchietta sovrappeso, che della lingua italiana ha un vago ricordo e una padronanza al massimo di 7 vocaboli.

Ma è interessante ricordare a tutti, che oggi, dopo aver svolto come un verme strisciante alla corte di quei quattro mentecatti che ci governano, tutti gli ordini (direi pochi e confusi) assegnatigli, sia stato promosso a capo del COA. Ovvero a capo del Comando Operazioni Aerospaziali, che in pratica, è il centro nevralgico di comando e controllo dell’A.M. che assicura 24 ore su 24 la difesa aerea nazionale.

Siamo in buone mani e direi che si possa dormire sonni tranquilli. Tanto come molti osservatori internazionali hanno fatto notare, se dovessimo essere oggetto di un attacco missilistico, verremo sterminati in pochi minuti. Tempo adeguatamente non sufficiente al prode Figliuolo, per formulare un qualsiasi pensiero di qualunque natura e dare un qualunque ordine al comando. Non mi soffermo sullo stipendio che noi, popolo paghiamo a questo analfabeta funzionale, ma vale la pena ricordare che il fratello di questa macchietta, Giuseppe Figliuolo, è stato chiamato a capo di Stellantis, lo stabilimento della Fiat a Mirafiori. Patetica figura, giullare alla corte degli Elkann, anche lui ha avuto la sua ricompensa per i servigi resi al paese.

Si sa gli Elkann pagano sempre bene i loro servi più fedeli. Giuseppe Figliolo caso mai ve lo foste dimenticati, è stato investito da un poco lusinghiero “incidente diplomatico” con la chiesa. Correva l’anno 2013 e dirigeva (guarda caso), lo stabilimento di Pomigliano d’Arco, vanto delle cronache italiane in tutto il mondo. Il cognome Figliuolo quindi, che sia l’uno o l’altro fratello, vale la pena di ricordarlo. Segnatevelo.

Pierpaolo Sileri, sottosegretario al ministero della salute, si distingue per una serie di strabilianti dichiarazioni. A La7 tuona contro i NoVax: “Vi renderemo la vita difficile”. Era il 25 gennaio 2022 e la trasmissione era: Di Martedì. Ora, se scrivete su un social di regime tipo Facebook a un qualunque utente “ti renderò la vita difficile”, verrete bannati immediatamente dal social e vi beccherete quasi sicuramente una denuncia.

Convinto sostenitore del vaccino, ha dichiarato ultimamente: “..servirà una v@xxin@zione annuale come per l’influenza”. A parte che la vaccinazione influenzale non è obbligatoria, non è legata a nessun green pass e non si trascina dietro l’obbligo della mascherina, mi piacerebbe davvero sapere se questo “chirurgo” prestato alla politica, si è mai infilato un ago in una spalla e si è mai iniettato qualcosa di diverso da una fisiologica. Pierpaolo Sileri. Segnatevelo.

Un altro “campione” di idiozie è sicuramente Piergiorgio Palù. Presidente dell’AIFA “esperto…” virologo, annuncia tronfio nel novembre del 2021: “La terza dose è fondamentale”. Nell’ottobre 2020 invece, annunciava parlando dei lock down: “Sono contrario come cittadino perché sarebbe un suicidio per la nostra economia; come scienziato perché penalizzerebbe l’educazione dei giovani, che sono il nostro futuro, e come medico perché vorrebbe dire che i malati, affetti da altre patologie, specialmente tumori, non avrebbero accesso alle cure.

Tutto questo a fronte di una malattia, il Covid-19, che, tutto sommato ha una bassa letalità”. Questo voltagabbana ad aprile di quest’anno ha dichiarato con sicurezza: ”In autunno quarta dose per tutti con il vaccino aggiornato”, e poi non contento ha rincarato: ”Le tre dosi fin qui eseguite nella popolazione generale sono state utili perché chi ha ultimato il ciclo con la terza dose booster evita nel 91% dei casi la malattia e nel 60% dei casi l’infezione, ed anche la mortalità è scesa”.

Purtroppo i dati lo hanno miseramente smentito e la gente con tre/quattro dosi, casca come polli o, i più fortunati, si ritrovano con gravissime reazioni allergiche che si porteranno dietro tutta la vita. Ad oggi, si parla di più di 1.500.000 reazioni allergiche gravi. Comunque immagino che questo mirabolante essere, lo abbiate dimenticato. Si chiama Piergiorgio Palù. Segnatevi anche questo.

Per chiudere e per par condicio, citerei anche chi, dalla nostra parte, ha attraversato come una meteora le nostre piazze per poi finire a fare altro.

A questo proposito, come non ricordare Nunzia Alessandra Schilirò. Ex vicequestore di Roma, si presenta alle manifestazioni No Green Pass come “libera cittadina, per esercitare i miei diritti garantiti dalla Costituzione”. Ha vinto il premio “Simpatia”, per aver coordinato l’equipe romana del progetto “Questo non è amore”, progetto che si prefiggeva di prevenire e reprimere il fenomeno della violenza di genere.

Sale sui palchi di mezza Italia alle manifestazioni contro questa schifezza di governo, contro le restrizioni, dalle mascherine all’obbligo vaccinale al green pass etc. Poi indice una grande manifestazione di sole donne a Firenze. “Chi avrà il coraggio di chiamarci delinquenti, terroristi, criminali se scenderanno in piazza soltanto donne”? Già, come non pensarci prima. Però a condizione che “..tutte indossiate le mascherine e manteniate le distanze di sicurezza…”.

Bene, oggi questa simpatica poetessa trascinatrice di folle femminili, incazzate contro l’obbligo vaccinale e il green pass, ma rigorosamente lige nell’indossare mascherine e mantenere le distanze, fa la scrittrice. “..chi diventa consapevole di essere un bocciolo di rosa, dimenticherà le sue spine e si nutrirà della bellezza che vede intorno a se”. È bene ricordare che è stata sospesa senza stipendio. Giudicate voi, io il mio giudizio su di lei lo tengo per me. Nunzia Alessandra Schilirò: segnatevi anche questo nome.

Ce ne sarebbero decine e decine di nomi da segnarsi bene. Mi auguro che ognuno di noi lo abbia fatto, in modo da non soffrire di “memoria corta”.

Chiudo sempre a proposito di memoria, ricordando il caso Ita Airways. Molti leggendo questo roboante nome anglosassone, non ricordano che Ita Airways è la vecchia Alitalia. I nostri governanti passati e presenti, l’hanno salvata decine di volte, sempre con i nostri soldi.

Oggi l’Araba Fenice, in pochi mesi perde circa 2 milioni di euro al giorno come la vecchia Alitalia, ma ha una flotta ridotta di quasi la metà. Poi ci sono i leasing di 6 aerei nuovi, gli A350 presi dalla compagnia cinese (guarda che combinazione) Hainan. Msc-Lufthansa e Air France-Certares, si aggirano sul moribondo in attesa di sbranarsi quel che resta. Un flop straordinario, che porterà soldi soltanto all’AD della sfasciata compagnia: Fabio Maria Lazzerini, che lascerà gli uffici con in tasca qualche centinaio di milioni di euro. A proposito, è stato indicato dal PD ed ha una “carriera fulminante” alle spalle. Segnatevi anche il suo nome, caso mai vi capiterà di soffrire di “Memoria corta”.

Pubblicato sul sito web: https://www.databaseitalia.it/memoria-corta/

®wld

Older Entries