Home

SANTO GRAAL o meglio, L’ORO MONO ATOMICO

Lascia un commento

Ricevuto da: Anna Dossena

ARTICOLO MOLTO INTERESSANTE Noi siamo esseri umani con emoglobina basata sul ferro e un’anima, appunto la ghiandola Amigdala! Loro sono esseri umani demoni, con emocianina basata sul rame  ecco perché si dice “sangue blu”, e la loro cattiveria è data dalla assenza della ghiandola Amigdala, l’anima appunto. Molto meno intelligenti di noi, ma cattivi e uniti!

Vitamina B17 detta anche Amigdalina (fai una ricerca, e ti accorgerai che la spacciano per veleno)

MA È L’ESATTO OPPOSTO

Essi arrivarono dall’altra parte della parete di ghiaccio comunemente chiamata Antartide, già migliaia di anni fa, per predare ORO dalla porzione di Madre Natura Terra Dio in cui oggi viviamo noi. E depredarlo al popolo di IPERBOREA: gli ARIANI!

Essi usarono il “FASCIO LITTORIO” un’arma a induzione di onde sonore vibrazionali (cioè la luce … Lucifero! Infatti la luce non ha velocità propria, bensì è la reazione a catena dei fotoni, che vengono appunto attivati dalle onde sonore vibrazionali) Tale arma non è altro che la vera ed unica “ARCA DELL’ALLEANZA” con la quale possono provocare terremoti, smottamenti, slavine e valanghe, tsunami, cicloni uragani e tempeste.

Oggi ne hanno una versione addolcita ed “omologata” che si chiama HAARP, composta da 3 elementi separati: Le antenne HAARP in USA, la piattaforma galleggiante HAARP e un immenso “condensatore ionico” nella base di DIEGO GARÇIA!

Bene essi distrussero il 99% di tale avanzatissima civiltà, ma, la loro stessa avidità fece si che si ritrovarono essi stessi a corto di materie prime alimentari, per il fatto che per vincere tale guerra dovettero usare appunto L’Arca dell’alleanza. Cosa che portò ad uno sconvolgimento della geomorfologia terrestre, con conseguenze e danni fuori dalla loro portata tecnologica. Infatti i demoni sono INFERIORI, ma uniti e cattivi.

Abbandonarono quindi la nostra porzione di Terra, per tornare indietro. In seguito arrivarono gli Sciti i Fenici e i Rus (ovvero le derivazioni genotipi che dei Vichinghi che occuparono la Kiev arcaica. O meglio i marinareschi discendenti vagabondi degli ultimi Ariani) chiamati: русский.

E i Tartari (che non sono assolutamente coloro che i libri di storia LORO, ci insegnano!

Quindi, costoro si fusero senza tuttavia perdere identità, in un unico grandissimo impero: L’IMPERO DELLA GRANDE TARTARIA, che comprendeva tutta la grande Russia, la Gallia, Esperia (Italia) Ichnusa (Sardegna) la Sassonia (Germania) l’Anglia (UK) ma non il Nippon, l’India, l’Australia e la New Zealand, il Canada, e ben il 75% ca. dell’Amaruca (si Amaruca, perché Amerigo Vespucci è un personaggio inventato) così come moltissimi altri!

1000 anni di storia INVENTATI!

Passiamo adesso al movente sommo, di tutto ciò: VIVERE A LUNGO:

Carbonio 12, il mattone della vita organica 6 protoni, 6 neutroni e 6 elettroni…666 ti ricorda qualcosa? Il suo isotopo più importante è il Carbonio 7 Carbonio 7= 6 protoni, 1 neutrone e 6 elettroni … 616 Come i 12 apostoli più Gesù….

Leonardo Da Vinci sapeva tutto, ULTIMA CENA ecco perché è considerato il primo…il PRIMO DEGLI ILLUMINATI  il Carbonio 7 è l’unico elemento capace di fondere i tre tipi di oro insieme e come risultato, esce fuori: L’ ORO MONO ATOMICO! che polverizzato ed ingerito (perché l’oro può essere metabolizzato dagli esseri umani o meglio da tutte le forme di vita ORGANICHE)

dato il suo potere (assurdo)  antiossidante, permette agli esseri viventi, sia essi ferro-basati che rame-basati, di poter vivere molti molti anni.

Tavole dei Sumeri:

le tavole dei Sumeri, risalenti a giusto qualche annetto fa, descrivono cronologicamente le epopee dei loro re, e stiamo parlando di regni durati migliaia di anni.

Avrete certamente notato, altrimenti fatelo, le pseudo borsette che i famosi Annunaki hanno sovente in mano, nelle rappresentazioni artistiche che li raffigurano, statue dipinti, incisioni etc. etc., e queste borsette, le hanno con se anche tutti i cosiddetti dei venuti dal cielo, in ogni parte (della nostra porzione) della Terra in cui sono stati rinvenuti, Perù, Guatemala, India, Romania etc. etc.

E sapete bene che in tutte le civiltà antiche l’oro era maniacalmente presente e appannaggio dei reali o dei ceti elevati. Bene in quelle borsette avevano oro mono atomico.

Ecco perché le civiltà della nostra remota antichità erano, come in effetti siamo noi, ossessionati da tale elemento/metallo!

Ma purtroppo il Carbonio 7, o meglio il vero SANTO GRAAL, ha una vita effimera, che tecnicamente è categorizzata come: poco più di tempo zero!

È un elemento instabile, il più instabile. Ma essi, ”essi” lo hanno trovato, al CERN di Ginevra, via LHC (large hadron collider) e gli hanno dato in primis il falso nome di: BOSONE DI HIGGS, per poi subito dopo, dargli il suo vero nome: LA PARTICELLA DI DIO!

Adesso fermati un attimo e pensa … PENSA!

Cosa manca a costoro che GOVERNANO IL MONDO? Hanno le ricchezze, i soldi tramite le LORO banche Hanno il POTERE, sia economico, sia dei media (informazione e quindi descritto bene da G. Orwell, e da Orson Welles: il 4° potere) sia giuridico!

Che cosa gli manca, o meglio, a cosa possono ambire costoro che HANNO TUTTO? Ad annientarci? NO! Lo avrebbero potuto fare molto tempo fa, ma purtroppo loro hanno la forza della cattiveria, ma noi abbiamo l’INTELLIGENZA!

Allora?

Gli manca il potere di poter vivere a lungo! E solo con l’oro, essi possono avere la possibilità di raggiungere il loro obiettivo! Come detto prima, purtroppo però, loro non hanno il nostro intelletto, e quindi devono IMPIEGARE gli UOMINI (quindi l’umanità) per ottenere il SANTO GRAAL o meglio, L’ORO MONO ATOMICO!

Stranamente la Cina sta costruendo un acceleratore di particelle, 10 volte la grandezza del CERN!

di: Stefano Desio

*****************************

Articoli correlati di:Dottor Roberto Slaviero

LE DUE IMMORTALITA’

di Mauro Biglino:

L’oro monoatomico e il Dio della steppa

®wld

Dal Mito alla Realtà

Lascia un commento

Un archeologo dell’Autorità Israeliana per le Antichità
cammina ciò che è, secondo quanto dicono le autorità israeliane,
un tunnel di drenaggio di 2000 anni
che conduce alla Città Vecchia di Gerusalemme.
Dan Balilty |AP

Archeologi Sionisti stanno usando la Bibia per riscrivere la Storia

di Miko Peled dal Sito Web MintPressNews traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in ing

Miko Peled è uno scrittore e attivista per i diritti umani nato a Gerusalemme.

È autore di “Il figlio del generale. Viaggio di un israeliano in Palestina” e

Injustice, the Story of Holy Land Foundation Five

La storia della Palestina, una gloriosa tradizione di cultura e religione, politica, commercio, arte e architettura ineguagliabili, è stata quasi persa tanto che i Sionisti possono affermare di essere i veri successori di Giosuè e del re David

Una delle tante gemme che esistono nella città di Londra è una libreria unica con il nome di Jarndyce Booksellers.

Jarndyce è specializzata in prime edizioni, libri rari e meravigliose edizioni da collezione delle opere complete di Shakespeare, Dickens e molti altri.

Nel negozio sono esposte anche enormi copie illustrate antiche della Bibbia. Questi libri giganteschi sono splendidamente decorati con illustrazioni che danno vita a personaggi e storie bibliche.

Ricordo di essermi seduto da bambino, sfogliando una vecchia copia illustrata di una Bibbia che faceva parte della collezione di libri di mio padre. Anch’essa aveva illustrazioni meravigliose, e io mi sedevo lì e guardavo le immagini dei grandi uomini e donne, e sperimentavo i grandi momenti descritti nella Bibbia.

L’angelo che fermò Abramo mentre stava per sacrificare suo figlio; Mosè che scende dal monte Sinai; il giovane Davide che uccide il gigante Golia e molti altri.

Si sono animate tutte davanti ai miei occhi ed era chiaro a me da bambino come lo è oggi e a tanti altri, che quelle storie descrivono eventi storici reali.

Queste adorabili interpretazioni avevano lo scopo di creare l’impressione che la Bibbia narrasse storie storicamente vere.

Portano i lettori e anche coloro che non leggono, ma ascoltano le storie e guardano le illustrazioni, a credere che si trattasse di persone reali e di eventi reali che hanno avuto luogo.

L’Ambasciatore degli Stati Uniti in Israele David Friedman
parla all’inaugurazione di una “strada antica”
che attraversa il quartiere palestinese di Silwan.
Tsafrir Abayov | AP

È abbastanza facile indicare un’antica città della Palestina, diciamo Betlemme o Gerusalemme o qualche angolo del deserto vicino a Bi’r Saba, e affermare che lì ebbe luogo un particolare evento biblico.

Questa lettura letterale della Bibbia, e in particolare dell’Antico Testamento, ha dato e continua a dare un enorme impulso al Sionismo.

I Sionisti fanno affidamento su milioni di persone in tutto il mondo che sono state indotte in errore nel credere che ci sia una verità storica nella Bibbia, che pensano che l’Israele di oggi sia il vero e legittimo successore dell’Israele biblico e che consentono ai Sionisti di rivendicare la Bibbia come il loro libro della vera storia.

Mitologia, religione e storia

I Greci e il popolo nordico sostituirono le loro antiche mitologie indigene con il Cristianesimo, conservando la loro mitologia come parte della loro storia culturale.

In India, la mitologia antica è molto viva e gli dei antichi sono ancora adorati nei templi di tutto il paese, ma ciò non viene mai confuso con la storia reale dell’India.

Vishnu non è mai confuso con Ashoka o Buddha con Akbar.

Ognuno ha il suo rispettivo posto all’interno della ricca cultura indiana.

Né il popolo greco, né il popolo nordico, o anche coloro che praticano varie fedi in India, considerano la loro mitologia come storia.

Non troverete archeologi greci che scavano per trovare la casa di Zeus.

Non ci sono segni che il popolo nordico stia cercando l’antica città in cui risiedevano Odino e Thor, e anche in India, dove gli antichi dei sono parte integrante della vita, non ci si aspetta che la città di Shiva venga scavata da archeologi.

Questo perché la separazione tra mito e religionee storia è chiara, tranne nel caso del Sionismo…

I Sionisti, sia cristiani che ebrei, mantengono fermamente la loro rivendicazione che ‘la Bibbia è storia‘…

Gli archeologi che lavorano in nome dei Sionisti hanno scavato la Palestina per due secoli, spesso ignorando o addirittura distruggendo preziosi manufatti che non servono al loro scopo.

Questo perché gli archeologi sionisti sono motivati non dalla curiosità scientifica, ma da un’agenda politica.

Ignorano la ricchezza della storia e dell’archeologia che esistono in Palestina e cercano prove delle proprie teorie.

Distruzione dei monumenti

La necessità di convalidare le affermazioni sioniste che collegano l’attuale Israele con gli antichi Ebrei e la mitologia glorificata come viene presentata in parti dell’Antico Testamento, spesso viene a scapito di importanti siti e monumenti storici.

In effetti, non è raro vedere siti storici inestimabili, distrutti da un programma per mano delle istituzioni sioniste.

Il cimitero di Mamilla è uno di questi esempi.

Si tratta di un antico luogo di sepoltura musulmano e luogo sacro nel centro di Gerusalemme che si ritiene risalga al settimo secolo.

Numerosi santi della fede sufi e migliaia di funzionari, studiosi, notabili e famiglie di Gerusalemme sono stati sepolti nel cimitero negli ultimi 1.000 anni.

Si diceva che vi fossero sepolti i compagni del profeta Maometto, ma dalla conquista sionista di Gerusalemme ovest, il cimitero è caduto in rovina, con antiche lapidi distrutte e profanate.

Nell’ultimo decennio, una parte significativa del cimitero è stata rasa al suolo e resti umani sono stati profanati in modo che il Centro Simon Wiesenthal potesse costruire una struttura, spudoratamente chiamata Museo della Tolleranza.

Il Cimitero di Mamilla,
mostrato qui in una foto aerea del 1951,
rimase per secoli non manomesso fino a che il governo israeliano
ha dato il via alla costruzione del
Museo della Tolleranza sopra le sue rovine storiche

Dal 2010, il Centro per i Diritti Costituzionali e la Campagna per preservare il cimitero di Mamilla hanno lavorato per fermare la costruzione della nuova struttura e preservare ciò che resta dell’antico sito.

A tal fine, sono state presentate petizioni a vari organismi delle Nazioni Unite, tra cui l’UNESCO, per proteggere il sito sacro.

Il “Museo della Tolleranza”, come viene chiamato, ha portato al dissotterramento di centinaia di tombe e non si sa dove si trovino gli innumerevoli resti umani che sono stati smaltiti.

Riconosciuto come uno dei cimiteri musulmani più importanti al mondo, dove sono sepolti settantamila guerrieri degli eserciti di Saladino, ora è quasi sparito.

Bab al-Rahmeh è ancora un altro famoso cimitero islamico a Gerusalemme.

Si estende dalla Porta dei Leoni all’estremità del muro della Moschea di Al-Aqsa, vicino ai palazzi degli Omayyadi a sud. 

Il governo israeliano è in procinto di confiscare parti del cimitero per attuare un progetto di insediamento. 

I piani includono la creazione di “percorsi di giardini biblici”, cancellando ancora una volta siti storici al fine di costruire monumenti per commemorare una storia che non è mai stata.

Un altro classico esempio della distruzione della storia reale per amore della mitologia è,

l’apertura della cosiddetta “Stazione del Battesimo del Tempio” sul terreno storico dei palazzi degli Omayyadi nella Città Vecchia di Gerusalemme.

Il Tempio in questione è il Tempio Ebraico e i palazzi degli Omayyadi su cui sarà costruito risalgono a quasi 1.400 anni fa, costruiti nella prima fase del periodo islamico, e utilizzati per ospitare i califfi islamici e le istituzioni che gestivano gli affari di Gerusalemme e la Moschea di Al-Aqsa.

Monumenti in rovina

Le autorità sioniste non solo hanno distrutto siti storici preziosi alla ricerca di siti mitici, ma hanno anche permesso che siti storici inestimabili cadessero in rovina.

Ci sono innumerevoli siti di questo tipo in tutta la Palestina, come la moschea di Dhaher Al-Umar a Tabariya, che ora si trova da sola, in rovina, un solitario testimone del glorioso passato arabo della città.

Daher al-Umar era un leader palestinese che ha governato la maggior parte della Palestina e ha plasmato la sua storia per tutto il XVIII° secolo. Non solo la sua memoria è stata cancellata, ma i monumenti che portano il suo nome e che ancora esistono ora giacciono in rovina.

La mitologia dell’Antico Testamento è stata trasformata in storia attraverso un tentativo riuscito di trasformare le storie e le figure di queste storie, per quanto mitiche possano essere state, in eventi e personaggi storici reali.

Allo stesso tempo, la vera storia della Palestina, una gloriosa storia di cultura e religione, politica, commercio e arte e architettura senza eguali, è stata del tutto persa in modo che i Sionisti possano affermare di essere i veri successori di Giosuè e del re Davide.

Non c’è nulla di male nel godere delle meravigliose illustrazioni che adornano la Bibbia.

Tuttavia, dobbiamo stare attenti a non confondere quelle storie e le illustrazioni con la storia reale della Palestina…

Nota dell’autore:

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Ricordare che: Ogni fine è un nuovo inizio e con ogni fallimento nasce una nuova conoscenza

Lascia un commento

Zoroastrismo – La divinità e la “lotta tra il bene e il male”

di Lydia Serrant dal sito web ClassicalWisdom

Lo zoroastrismo è una delle religioni più antiche del mondo, il cui numero è in declino.

Altrimenti noto come Mazadayasna da coloro che lo seguono, le radici dello zoroastrismo risalgono al secondo millennio a.C. e sono state la religione di stato della Persia e di altri imperi iraniani per più di un millennio.

Le origini dello zoroastrismo


La religione prende il nome dal suo fondatore, Zoroastro (o Zarathushtra) che visse nell’antico Iran (la data esatta è attualmente contestata).

Nato sotto una religione politeista, Zoroastro ricevette una visione di Vohu Manah (approssimativamente inteso come il Dio del Bene ) che lo portò in viaggio verso l’Amesha Spenta, una coorte di entità divine e il Signore dell’Essere e della Saggezza noto come Ahura Mazda – la più alta divinità dello zoroastrismo.


E così è nato lo zoroastrismo …

Zoroastro condannò l’adorazione di molteplici divinità, aprì politicamente il cuneo tra iraniani e ariani indiani nell’antico Iran e storicamente introdusse nel mondo una delle prime fedi monoteiste.

La nascita del bene e del male


Dallo Zoroastrismo, il concetto di un Dio singolare si fece strada nelle Tre Grandi Religioni:

  • cristianesimo
  • Giudaismo
  • Islam

E mentre lo Zoroastrismo faceva del suo meglio per diffondere il concetto di un Dio singolare del Bene e della Saggezza in tutta la civiltà primitiva, un altro concetto si diffuse con esso:

Il male…

Jacob Wrestling with the Angel, Alexandre-Louis Leloir, 1865.

Sebbene non siano adorati dalle principali religioni, il Male e gli spiriti che rappresentano il Male erano certamente considerati come divinità nello Zoroastrismo e sono ancora oggi nelle Tre Grandi religioni sotto forma di,

  • Demoni
  • Jinns
  • Dybukks

Come nelle principali religioni odierne, lo zoroastrismo si occupa principalmente della battaglia tra il Bene e il Male, per cui gli spiriti e le forze di entrambe le parti fanno del loro meglio per influenzare l’umanità e manifestarsi nel mondo materiale attraverso le azioni degli esseri mortali.

Il male e il concetto che l’accompagna di tentazione , svolgono un ruolo vitale nella morte e nella formazione dell’Aldilà.


La battaglia tra il bene e il male porta alla luce che la maggior parte delle fedi monoteiste sono religioni della dualità.

L’influenza del monoteismo dualistico è evidente nello sviluppo del Paradiso e dell’Inferno, dove risiedono gli Dei della Luce e dell’Oscurità, che si immischiano nelle vite degli uomini finché tutto non è distrutto nei giorni del Giudizio Finale.

L’aldilà e l’evoluzione del paradiso

Ci sono alcune prove che suggeriscono che questi temi si siano fatti strada nel giudaismo e nelle religioni successive che derivano dagli insegnamenti giudaici, dopo la liberazione degli ebrei dall’imperatore persiano Ciro il Grande .

Poco dopo e durante questo periodo emersero divinità come Belzebù , una figura che in seguito divenne Satana del cristianesimo e Sheytan dell’Islam.


Dopo la conquista persiana dei territori greci, anche la filosofia greca iniziò ad adottare alcune caratteristiche del pensiero zoroastriano.

Fino all’influenza persiana, i greci credevano che gli esseri umani fossero semplicemente marionette degli dei e che il corso della propria vita fosse scandito dagli dei del destino.

Dopo che lo zoroastrismo persiano raggiunse le loro coste, i greci iniziarono a parlare del potere dell’individuo e di come le scelte che facciamo nella vita abbiano avuto un impatto sulla qualità della nostra morte .

Guide alate


Gli dei del bene e del male spesso si affidano agli agenti per interagire con l’umanità per eseguire i loro ordini.

Quando viene chiesto di pensare a un agente degli dei, spesso vengono in mente immagini di angeli piumati o demoni con ali simili a pipistrelli .

Ma,

Da dove vengono queste immagini?

Qual è il legame tra volo e divinità?

Peri Banu e Price Ahmed, Edmund Dulac 1882


Peri, (o Pari) sono belle donne ajlate della mitologia persiana.

Potrebbero essere paragonati agli angeli del cristianesimo, tranne che per la loro origine.

Inizialmente vietato entrare in paradiso fino a quando non è stata pagata la giusta penitenza, i Peri rappresentano gli spiriti che vagano tra i mondi.

Mentre inizialmente venivano descritti come spiriti del male, una volta introdotti nell’Islam e incorporati nella mitologia turca e armena, Peri divenne spiriti benevoli che si opposero a Jinn , Div e altri spiriti delle tenebre.


Da lì in poi, Peri è diventata la guida dell’umanità.

I testi religiosi parlano di Peri sia in termini psicologici che fisici, descrivendo casi di esseri umani rapiti da Peri per partecipare a eventi sociali divini, o Peri che appare nei sogni per trasmettere messaggi importanti.

Anche il matrimonio era ritenuto possibile tra umani e Peri.

In una leggenda, si crede che la regina di Saba sia il prodotto di tale unione.

Tuttavia, a causa dell’oscurità naturale che risiede in tutti gli uomini, è scritto che il rapporto tra Peri e l’Umanità è destinato a fallire.


Le immagini di ibridi umani e uccelli, o uccelli simpatici per l’uomo, non sono affatto rare nella mitologia antica.


Un ulteriore esempio è Simurgh, un antico uccello del folclore persiano, moderno iraniano e curdo che si diffuse in gran parte dell’Impero Romano d’Oriente con i persiani.

Il volo di Simurgh c.1590 Collezione Sadruddin Aga Khan

Simurgh è spesso raffigurato come un uccello con la testa di un uomo o di un leone, tuttavia, l’uccello è considerato una dea, figura materna e guaritrice.

Simile al Peri, è una messaggera che viaggia tra il cielo e la terra, offrendo la guida divina a coloro che hanno la fortuna di intravedere sua maestà.


È noto che Simurgh adotta uomini umani e, considerando il suo ruolo di Grande Madre, non ci sono rapporti sul fatto che abbia dato alla luce qualcosa di diverso da se stessa.

Simurgh è il precursore della Fenice, un uccello di fuoco che rinasce dalle sue ceneri.

È la somma di tutta la conoscenza, avendo visto molte volte la distruzione e la rinascita del mondo.

Altre interpretazioni di Spirits of Paradise compaiono nei successivi testi islamici sotto forma di Houri, belle donne che accompagnano i morti nell’aldilà.

Gli Houri ricordano anche le Valchirie, antichi spiriti norreni descritti come belle donne che accompagnano coloro che sono morti in battaglia nel Valhalla.

Le Valchirie sono raffigurate con le ali o in groppa a cavalli alati.

Sebbene Houri non abbia le ali, alla morte uno spirito umano riceve un Houri come ricompensa per ogni giorno di digiuno o per una buona azione compiuta nella vita.

Con l’Houri, vediamo l’evoluzione del dare ricompense e la promessa che le azioni compiute nella vita saranno ricompensate – o punite – nell’aldilà e che la buona fortuna è un dono del cielo.

L’Huma, un uccello divino della mitologia Sufi e Diwan e “Uccello del paradiso” nella leggenda ottomana, elargisce doni a coloro che sono ritenuti degni e può predire o conferire la regalità.

Questo è forse un primo esempio della fede nel diritto divino dei re

Particolare del mosaico dell’uccello Huma alla Madrasa Nadir Divan-begi a Bukhara, Uzbekistan Preso da RK

.

L’Huma è androgino, con attributi sia maschili che femminili.

Ancora una volta, il filo conduttore della dualità riemerge, e ci viene presentata una creatura simbolica che incarna armonie maschili e femminili che si riproducono da sole, rappresentando ulteriormente il ciclo della rinascita.


Le rappresentazioni di ibridi di uccelli e umani sono simboliche delle forze del bene e del male e di altre dualità in natura, che per ogni azione c’è una reazione e questo processo è un elemento essenziale della creazione stessa.

Questo, credo, è il messaggio dello zoroastrismo e delle religioni che lo hanno seguito.

Le ali degli Angeli, Peri e altre creature alate rappresentano il Volo dell’Anima , la Soppressione dello Spirito e la Mente Umana , in contrasto con il mondo fisico, il materialismo e la natura, rappresentati dalle caratteristiche umane, dalle simpatie e dalle unioni .

La simbologia parla di uno spirito umano che non nasce buono o cattivo, ma è modellato dalle scelte che fa nel corso di una vita (o molte vite, secondo i buddisti).

L’Huma, Phoenix, e Simurgh non solo rappresentano il ciclo della vita e della morte, ma anche la dualità del maschile e energie femminili.

La natura non può esistere senza questi elementi riproduttivi …

Pertanto, gli uccelli del paradiso sono il collegamento tra la vita e la morte e servono a ricordare che ogni fine è un nuovo inizio e con ogni fallimento nasce una nuova conoscenza.

Questi sono archetipi vecchi come il tempo …

Le rappresentazioni zoroastriane di creature simili a uccelli si sono sviluppate per fare appello alla natura interiore dell’umanità.

La scelta personale è centrale nel testo zoroastriano, poiché uno deve guadagnarsi il proprio posto in paradiso e la responsabilità personale per le proprie azioni non potrebbe esistere senza un concetto di base di libero arbitrio.

Lo zoroastrismo riconosceva che sia il Bene che il Male sono centrali per la natura umana, e ora, come allora,

siamo vulnerabili a forze esterne che ci sfidano a scegliere tra i due

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

************************************

Consigliato: Shahmaran – La regina dei serpenti

®wld

Paura – un’arma e un veleno per il cervello

Scritto il Pubblicato inAntropologia , ATTUALITA’ , Canzoni & Musica , Costume & Società , Internet , Psicologia , Salute & Medicina , sapere , Tecnocrazia , Web

Il caustico salario della paura perpetua 

Postato da: Paul Rosenberg tramite Free-Man’s Perspective

I primi tecnocrati che svilupparono la “scienza dell’ingegneria sociale” studiarono artisti del calibro di Saint-Simon, Pavlov, BF Skinner, Edward Bernays, ecc., E conoscevano perfettamente gli effetti della paura sulle persone e sulle società. Oggi è il loro strumento più utile. ⁃TN Editor 

Ho parlato a lungo sulla paura che rende gli esseri umani stupidi, e persino sul fatto che sia un’arma e un veleno per il cervello. Ma a volte mi sono anche chiesto se le persone avrebbero colpito la stanchezza della paura … quel punto in cui le persone hanno semplicemente avuto abbastanza paura e se ne sono andate.

A quanto pare, tuttavia, ero un po’ ottimista sulla paura della fatica. Ho letto l’ultimo libro di Robert Sapolsky,  Behave: The Biology of Humans at Our Best And Worst, e sono rimasto deluso nell’apprendere ciò che la migliore nuova ricerca mostra sull’applicazione a lungo termine della paura. (O, nella terminologia accademica,  stress sostenuto.)

La mia delusione, tuttavia, fu presto mitigata da due cose:

  1. Ho ottenuto informazioni su come funziona l’avvelenamento da paura.
  2. Quella neurologia umana è immensamente variabile, che ci sono eccezioni a tutto, e che se l’intero quadro fosse effettivamente oscuro come le scoperte più preoccupanti, molto tempo fa ci saremmo trasformati in nient’altro che scimmie assassine.

Ho a malapena bisogno di dirlo, ma il 2020 è stato l’anno della paura. Sono un po’ stupito dalla sua portata. C’è un certo fascino nell’assorbire tutte le storie di paura in tempi normali – la nostra capacità di guardare male negli occhi ci fa sembrare vibranti – ma il 2020 si è spinto ben oltre quel livello. Quello che stiamo incontrando è molto più del semplice porno della paura e ci sono alcuni punti vendita (compresi i siti Web) che posso solo descrivere come osceni.

Questo è più distruttivo di quanto le persone credano.

Cosa ci fa la paura perpetua 

Cito da Sapolsky, che è uno dei migliori neuroscienziati del nostro tempo. Modificherò un po’ per semplificare e rimuovere i riferimenti all’area cerebrale, e seguirò i passaggi con alcune elaborazioni.

Durante lo stress prolungato, abbiamo più paura, il nostro pensiero è confuso, valutiamo male i rischi e agiamo impulsivamente per abitudine, piuttosto che incorporare nuovi dati”.

Sotto un lungo flusso della paura (come titoli spaventosi), il nostro pensiero si rompe. Mettiamola in modo molto semplice: potresti essere molto intelligente in sostanza, ma quando consumi ore di paura ogni giorno, diventi stupido. E per favore cerca di capire:  questo è biologico. Le tue operazioni cerebrali diventano quelle di una persona stupida. (E sì, sto usando “stupido” in modo molto antiscientifico.)

Ricorda anche che la paura funziona. Le persone che vendono la paura in TV, pagine web e social media vengono ricompensate per questo. Sono diventati, usando i miei termini liberamente ma non ingiustamente, spacciatori di droga, vendendo materiale dannoso da cui le persone diventano dipendenti. Inoltre, questi sono professionisti. Le società di social media sono pienamente consapevoli che i loro modelli di business dipendono dalle persone che ne sono dipendenti. Stanno attenti a mantenerli dipendenti.

Le paure che le persone consumano, quindi, provengono da persone che ne traggono profitto.

Lo stress indebolisce le connessioni che sono essenziali per incorporare nuove informazioni che  dovrebbero  spingere a passare a una nuova strategia, rafforzando al contempo le connessioni con i circuiti cerebrali abituali”.

In altre parole, la paura ti blocca nelle tue abitudini e nelle tue scelte precedenti. Riduce letteralmente i percorsi cerebrali che ti consentono di cambiare idea.

Questo è serio e sospetto che tu abbia già visto esempi di questo.

“In condizioni di stress prolungato elaboriamo le informazioni importanti dal punto di vista emotivo rapidamente e automaticamente, ma in modo meno accurato. La memoria di lavoro, il controllo degli impulsi, il processo decisionale, la valutazione del rischio e lo spostamento dei compiti sono compromessi.”

Ancora una volta, la paura prolungata blocca le persone in qualunque percorso si trovino già. E ancora, questo è biologico. I circuiti cerebrali sono direttamente interessati.

Da tutto quello che ho scritto sopra (e ci sono altri effetti sgradevoli come la violenza domestica), sembrerebbe che siamo condannati; che i nostri vicini che hanno bevuto profondamente dal fiume della paura sono bloccati dal cervello e finché il flusso della paura continua (non sembra esserci una fine in vista), diventeranno sempre più rigidi nei loro pregiudizi e quella violenza continuerà e aumenterà.

E per alcune persone tutto quanto sopra sarà vero. La paura distrugge nel modo più diretto: biologicamente.

Eppure … la biologia non è mai semplice, soprattutto a livello umano. Mentre le cose di cui sopra sono generalmente vere, ci sono sempre delle eccezioni; a volte molti di loro. Ed sono proprio quelle eccezioni che ci hanno salvato, di volta in volta.

I salari della paura perpetua sono menti polarizzate e bloccate. E questo porta a un’opposizione istintiva, violenza e omicidio. Lo stiamo vedendo ora e continuremo a vederlo per un po’ di tempo. Il mondo, a quanto pare, è diventato dipendente dalla paura.

Eppure, molti di noi lo rifiutano, e questo è ancora lontano.

Due giorni fa c’è stata una festa nel mio quartiere: musica, parlare, suonare, ridere e così via. È stato il primo rumore gioioso che ho sentito in pubblico da molto tempo.

La vita trova un modo, e soprattutto la vita umana. 

Leggi la storia completa qui … 

Postato su: https://www.technocracy.news/

®wld

È possibile che l’Antartide nasconda davvero ‘prove’ di antiche civiltà altamente avanzate?

Lascia un commento

Alla ricerca degli Anunnaki: esplorare l’Antartide

di Janice Friedman

È possibile che l’Antartide nasconda davvero ‘prove’ di antiche civiltà altamente avanzate sotto i suoi spessi strati di ghiaccio? È possibile che la mappa Piri-Reis, la mappa Buache e la mappa Orontius Finaeus siano prove che prima che l’Antartide fosse scoperta nei tempi moderni, qualcuno riuscì a mappare i contenuti prima che fosse coperto di ghiaccio? E, potrebbe essere questo il motivo per cui i nazisti erano così interessati al contenuto ormai ghiacciato?

L’Antartide è uno dei luoghi più misteriosi della Terra. È lì che scienziati e personale militare hanno visto e assistito a molte cose strane.

È un luogo avvolto nel mistero in cui apparentemente sono state fatte scoperte straordinarie.

Dalle piramidi alla tecnologia ultraterrena, sembra che l’Antartide offra tutto.

Ma cosa sta succedendo davvero? C’è una leggera possibilità che ci sia davvero qualcosa nascosto sotto gli spessi strati di ghiaccio in Antartide?

Hai mai pensato che in un lontano passato, quando l’Antartide era molto diversa da come lo è oggi – senza ghiaccio che copre la sua vasta superficie – che in qualche modo la civiltà potrebbe essersi sviluppata lì?

Una mappa scoperta nel 1900 ha creato un dibattito mondiale sull’Antartide e su ciò che realmente è laggiù.

La mappa insolita dettaglia una costa che rispecchiava il continente dell’Antartide. Tuttavia, invece di essere ricoperta di ghiaccio, la mappa raffigura l’Antartide come un continente coperto di vegetazione, pieno di giungle, fiumi senza ghiaccio. La mappa si chiama Piri Reis.

Questa mappa significa che qualcuno ha effettivamente visto il continente dell’Antartide centinaia o forse migliaia di anni fa, quando i continenti non erano coperti dal ghiaccio.

La mappa suggerisce che qualcuno abbia trovato ufficialmente l’Antartide circa trecento anni prima che gli esploratori ufficiali si imbattessero in esso.

Tuttavia, oltre alla mappa Piri-reis, altre carte cartografiche simili sono state scoperte nel corso dei secoli.

Queste mappe suggeriscono che centinaia, forse migliaia di anni fa, potrebbe esistere una civiltà tecnologicamente avanzata sulla Terra.

Gli studiosi tradizionali non sono d’accordo.

Inoltre la mappa di Piri Reis, un’altra controversa carta cartografica è stata creata da un geografo francese di nome Philippe Buache de la Neuville.

La mappa Buache ha due versioni. Si ritiene che una delle carte rappresenti accuratamente la costa libera dai ghiacci dell’Antartide, mentre l’altra non fa alcun riferimento al continente. Molti indicano che Buache non era a conoscenza dell’esistenza del continente ghiacciato e che le sue rappresentazioni non erano altro che un’ipotesi.

La mappa di Orontius Finaeus è un’altra mappa che mostra Antartide senza ghiaccio. È interessante notare che, usando il metodo di datazione del dottor WD Urry della Carnegie Institution di Washington DC, gli scienziati hanno scoperto che i fiumi dell’Antartide, fonti di depositi dispersi fine, scorrevano come raffigurato sulla mappa di Orontius Finaeus, circa 6.000 anni fa.

È interessante notare che i nazisti erano a conoscenza di queste mappe e pensarono a se stessi “L’Antartide deve essere stato un posto molto importante”. Hitler è noto per essere stato fissato sull’occulto, sulle civiltà perdute, sulla tecnologia antica e su Atlantide.

Alla fine si convinse che l’Antartide era la patria di Atlantide e credeva che da qualche parte laggiù avrebbe trovato antichi manufatti mistici sepolti nel ghiaccio che potrebbero aiutarlo a raggiungere il suo obiettivo finale: il dominio del mondo.

Si dice che i nazisti alla fine formarono una squadra per indagare sul continente e durante la loro spedizione esplorativa, crearono un’enorme grotta artificiale nei continenti, che era abbastanza grande da nascondere veicoli e attrezzature militari mentre esploravano la terra ghiacciata.

Si dice che i nazisti abbiano costruito una massiccia base in Antartide chiamata Stazione 211.

Secondo una serie di voci, esisteva la “Stazione 211” e, in caso affermativo, doveva essere stata (forse lo è ancora) situata all’interno della catena montuosa priva di ghiaccio nelle montagne Muhlig-Hofmann del Neuschwabenland, alias Queen Maud Land.

Secondo i geologi che hanno partecipato alla spedizione tedesca, le aree in cui era presente la vegetazione erano dovute a sorgenti termali o altre fonti geotermiche.

Una delle citazioni più interessanti sul Neuschwabenland e sull’Antartide proviene dal grande ammiraglio della marina tedesca Karl Dönitz che ha affermato che: “La flotta sottomarina tedesca è orgogliosa di aver costruito per il Führer in un’altra parte del mondo uno Shangri-La a terra, un inespugnabile fortezza.”

Alla fine, gli americani hanno scoperto che i nazisti esploravano l’Antartide e decidono di lanciare una propria missione esplorativa.

Molte affermazioni dubbie sono state fatte su questa storia. Però. ci sono altre affermazioni che sono supportate da fatti.

Secondo i rapporti di scienziati americani che hanno partecipato alla missione in Antartide, durante il loro soggiorno, hanno assistito a imbarcazioni a forma di disco che volavano nel cielo e una tecnologia tutt’altro che ordinaria.

Ma per anni, scienziati e ricercatori che viaggiano nei continenti ghiacciati hanno visto cose che ricordano ciò che molti chiamano tecnologia ALIEN. Un massiccio avvistamento di UFO avvenne nel 1965 quando scienziati e personale militare della Gran Bretagna, Cile e Argentina, furono testimoni di numerosi UFO vicino all’Antartide. Secondo i rapporti, questi UFO hanno causato malfunzionamenti delle apparecchiature di navigazione e scientifiche.

Ma furono fatte molte altre sensazionali scoperte che hanno portato a numerose spedizioni scientifiche e militari in Antartide.

Ma … cosa c’è di così importante? C’è davvero qualcosa in Antartide che tutti vogliono trovare?

Esistono, come suggeriscono alcuni, le prove di un’antica civiltà tecnologicamente avanzata sepolta sotto gli spessi strati di ghiaccio in Antartide?

Numerosi documentari indicano che per decenni se non secoli, le persone hanno viaggiato in Antartide alla ricerca di qualcosa di prezioso.

Forse, dopo tutto, potrebbero esserci tracce di civiltà tecnologicamente avanzate sepolte sotto il ghiaccio.

Queste civiltà potrebbero essere fiorite nel continente ormai ghiacciato in un lontano passato, quando l’Antartide era coperta da una fitta vegetazione e da una vita animale esotica.

Come sempre, affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie.

Credito immagine in primo piano

https://www.ancient-code.com/

Articoli correlati:

Una strana struttura in Antartide

Antartide: il varco impenetrabile

Leggi anche:

Il rifugio di Enki durante il Diluvio

ANUNNAKI: le Tavole del Destino rubate

®wld

Chiesa cattolica – Alieni & Teorie Teologiche

Lascia un commento

Cosa succederebbe alla religione cattolica se annunciano l’esistenza della vita aliena? Credito: Narvii.com / Walkerssk / Pixabay. Edizione: Erick Nielssen.

Cosa accadrebbe alla “religione cattolica” se annunciassero l’esistenza della vita aliena? 

di Erick Nielssen Wonder 07 aprile 2020 dal sito web CodigoOculto

Un ipotetico annuncio dell’esistenza della vita extraterrestre … Potrebbe cambiare la dottrina cattolica su Dio e sulla creazione? Il sacerdote e l’astronomo gesuita esprime la sua opinione.

Il direttore dell’Osservatorio astronomico vaticano, José Gabriel Funes, ha affermato che la fede cattolica non cambierebbe se gli scienziati venissero ad annunciare l’esistenza della vita extraterrestre.

Questo prete e astronomo crede che Yahweh, il dio giudaico-cristiano, potrebbe aver creato forme di vita aliene su esopianeti. Ciò implicherebbe che Dio potrebbe essere in relazione con loro proprio ora. Gli astronomi hanno scoperto molti esopianeti considerati probabilmente abitabili e simili alla Terra.

Un esempio recente è il pianeta GJ 1061D situato a 12 anni luce dal nostro pianeta. È simile alla Terra …

Vita extraterrestre e Chiesa cattolica: teorie teologiche

Un altro esempio è la scoperta del 2017, quando la NASA ha annunciato la presenza di un sistema planetario extrasolare (al di fuori del Sistema Solare).  

La NASA ha affermato che tre di questi esopianeti si trovano in aree abitabili con caratteristiche di supporto vitale (come gli oceani di acqua).

Questi mondi alieni con un potenziale di sviluppo della vita hanno ispirato nella mente degli studiosi e del pubblico la questione di come la scoperta della vita su altri pianeti influenzerebbe le religioni, in particolare il cristianesimo e la Chiesa cattolica 

Cattedrale di San Pietro, Roma.Credito: papannon / Pixabay

Il prete e astronomo gesuita José Gabriel Funes, ex direttore dell’Osservatorio astronomico vaticano, ritiene che la vita extraterrestre non cambierebbe ciò che la Bibbia dice riguardo al dio giudeo-cristiano. 

Il gesuita disse in una dichiarazione:  

“I cattolici non hanno bisogno di cambiare la nostra visione dell’universo (…) Dio, nella sua libertà, avrebbe potuto creare altre creature che sono anche intelligenti e potrebbero far parte della creazione”.  

“Dio” potrebbe essere in relazione con gli alieni 

Secondo il pensiero di Padre Funes, Dio potrebbe aver creato e persino messo in comunicazione o in relazione con questi ipotetici alieni intelligenti. 

Tuttavia, forse “Gesù Cristo” non avrebbe predicato dove lo hanno fatto.

Per gentile concessione: jasonstadlander.com

Da parte sua, il teologo Vesa Nissinen dell’Università di Helsinki in Finlandia crede,  

Secondo gli ebrei, cristiani e il Vaticano, gli esseri umani sono le scelte persone di ‘Dio’ e per questo, sono loro che avrebbero dovuto predicare su Yahweh ad altre civiltà provenienti da altri pianeti. 

L’altra opzione dice che questo dio avrebbe potuto stabilire diversi tipi di salvezza per diverse civiltà.  

Va anche notato che Papa Francesco ha affermato che se alcuni alieni dovessero sbarcare sul nostro pianeta, la Chiesa cattolica non li respingerebbe e li inviterebbe a conoscere la sua dottrina.   

Come possiamo vedere, un annuncio sulla presenza della vita extraterrestre non sembra molto problematico per una parte dei teologi cattolici.  

Tuttavia, Vesa Nissinen ritiene che, dato il fatto che questi alieni portano le loro “credenze religiose”, ciò potrebbe cambiare o “minacciare” la Chiesa cattolica

Riferimenti 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

***********************************

Correlati:  

“IL DIALOGO” 

La storia della narrazione umana potrebbe non essere come viene raccontata

®wld 

Older Entries

koenig2099

The eagle flight