Home

Non dimenticate mai che la vita è un paradiso di bugie

Lascia un commento

A cosa servono gli aumenti alla pompa di benzina? A pagare “voi” la guerra in Ucraina, non certo a diminuire il debito!

Il Governo dei migliori “cialtroni” colpisce ancora e come suo consueto, lo fa colpendo le tasche degli italiani col bene placido del Presidente di turno, tanto questo o quello sarebbe la stessa cosa, se sono questi gli ordini di scuderia dettati dall’alto!Tranquilli però, al ritorno dalle vacanze che i vacanzieri dell’ultimo anno (eh si, mettetelo in preventivo che è l’ultimo anno in cui la maggior parte delle persone potrà permettersi una vacanza, ma soprattutto ditelo ai figli che non andrete più in vacanza se avete ancora coraggio, coraggio che peraltro non si riscontra ne per questa né per altre facezie…) potranno a fare, prima che si rendano conto che il mondo in cui finora abbiamo vissuto volge tristemente al termine. Sappiate in qualsiasi caso, che se ciò accade è anche e soprattutto colpa della vostra ignavia, in quanto siete ancora sulla terra, non certo in Paradiso dove i canoni di vita, almeno per suffragio, questi canoni si spera siano diversi. Non dimenticate mai che la vita è un paradiso di bugie e chi le racconta meglio avrà vita facile, mentre chi non le sa raccontare pagherà inevitabilmente pegno e chi appartiene al Popolo per quanto io ne sappia, solitamente è tra questi.Una considerazione a cui non venire meno o quantomeno non può essere ignorata, è che la categoria di politici nella loro interezza, quindi non solo quelli nazionali che ci riguardano, nel modo con il quale si adoperano e questo non solo da oggi ma di sempre, inevitabilmente non sono simbolo dei tempi, ma dei modi con i quali pensando di fare del bene a se stessi, questi soggetti poi fanno del male a tutti gli altri. Non voglio né posso pensare che non ne siano consapevoli, visto che quando sono fuori dalle sacre stanze i più vengono inveiti con impropreri, segno questo che non è tutto oro che luccica cara Signora la Marchesa!

I camionisti non ne possono più, i pescatori non ne possono più, i contadini non ne possono più, i stessi medici dentro gli ospedali non ne possono più, gli addetti delle forze dell’ordine non ne possono più, la gente che ha perso il lavoro è disperata, chi già non lavorava perde ogni speranza, la gioventù non vede sbocchi per il futuro, i vecchi dopo essere stati sfruttati per una vita vedono oggi affibiarsi il termine di mangiatori inutili, chi aveva avuto modo di alzare la testa entrando di diritto nella classe media oggi è un fallito, non per aver sbagliato investimento, ma perché fatto fallire da uno Stato che non paga i suoi debiti. Gira che ti rigira il problema che si riscontra è sempre e unicamente gestionale, e questo vale in Italia cosi come nel resto del mondo, ma per quanto sia sono sempre i soliti che pagano pegno, ovvero gli ultimi fatti diventare invisibili per non disturbare la dicotomia imperante.

Ora, dopo quanto esposto sopra continuare a pensare che questi non ne siano consapevoli, peraltro con una informazione calibrata al loro stato di essere, non può essere accettata se non da loro simili, i quali ben sapendo quel che fanno stringono alleanze tra di loro nei salotti buoni, nelle feste da questi organizzate, dove amici degli amici pendono dalle loro labbra per essere a loro volta ammessi, pur sapendo che se rifiutati perderanno definitivamente la faccia come le loro fortune. Addirittura c’è chi per entrare dentro certi circoli elitari, è disposto a investire soldi per accedervi, è il caso di giovani rampanti che senza arte né parte si iscrivono a scuole non aperte a tutti, come quella per chi ispira a divenire leader e prendere un domani posto dentro lo Stato, come fan’ questi, che non è ovviamente come fan’ tutti. Gente questa non solo viziata abituata a pensare solo a se stessa, ma tra di loro, c’è gente che pensa che il resto del modo serva per appagare i loro vuoti e bisogni o che i loro simili nascano con l’unico intento di prostrarsi loro, come se questi fossero dei.Non smetterò mai di ripeterlo: la povertà è una esperienza funesta che per fortuna può essere sovvertita, mentre la ricchezza è una malattia dalla quale il malato non vuole essere curato confidando peraltro in un aggravamento del suo stato, che gli permetterà riuscendovi a giocare a fare Dio e di esempi in questo campo ultimamente purtroppo di certo non mancano.

Ma tranquilli eh, è tempo di vacanze e mentre c’è chi sogna di evadere, allo stesso tempo e per non perdere il vizio di sfruttare i suoi simili, c’è già chi si frega le mani pensando agli utili raccolti a fine stagione. La benzina anche se la vendono i privati, il primo a guadaganrci è lo Stato il quale si sa i proventi li usa pro domo sua, per casa nostra invece ci ha illuso col 110% e c’è invece chi i soldi non li ha mai visti, come c’è chi dovrà renderli.

Fonte: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/a-cosa-servono-gli-aumenti-alla-pompa-di-benzina-a-pagare-voi-la-guerra-in-ucraina-non-certo-a-diminuire-il-debito/

https://t.me/ningishz

Rapporto: Lavorare nel Metaverso riduce la produttività, provoca ansia

Lascia un commento

Pubblicato da: Lucas Nolan via Breitbart

Il Metaverse è destinato a un enorme fallimento poiché i lavoratori già sperimentano nausea, intenso affaticamento degli occhi e ansia, rivelando il tributo fisico, emotivo e mentale. Se questo è l’effetto sugli adulti, immagina gli orrori che infliggerà ai giovani. Gli esseri umani sono progettati per vivere in una realtà falsa creata da sognatori transumani. ⁃ Editore TN

Secondo un recente rapporto, i volontari che hanno trascorso una settimana lavorando in un ambiente di realtà virtuale simile al metaverso proposto da Facebook di Mark Zuckerberg hanno riportato più ansia, minore produttività e sofferenza di emicrania.

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha spinto per lo sviluppo di un metaverso digitale completo, in cui le persone lavoreranno, giocheranno e socializzeranno in un mondo virtuale basato sui visori VR di Facebook. Ma un recente rapporto di New Scientist ha scoperto che i volontari che hanno trascorso una settimana a vivere nel metaverso non erano entusiasti del concetto.

I lavoratori che hanno trascorso una settimana nel metaverso per lunghi periodi di tempo hanno riportato livelli più elevati di ansia, una maggiore percezione di carichi di lavoro più elevati e alcuni hanno subito effetti fisici avversi. Lo studio è stato condotto da ricercatori di istituzioni europee tra cui l’Università di Coburg in Germania e l’Università di Cambridge nel Regno Unito.

Il personale di 16 universi e i partecipanti alla ricerca hanno trascorso la loro settimana lavorativa di 35 ore in normali uffici fisici, e poi un’altra settimana svolgendo lo stesso carico di lavoro nella realtà virtuale. I ricercatori hanno scoperto che quando si trattava di salute e produttività, quasi tutti i partecipanti hanno riportato “valutazioni significativamente peggiori nella maggior parte delle misure”.

I partecipanti hanno riportato una maggiore ansia per il loro lavoro, un aumento medio del 19% mentre lavoravano nel metaverso. Anche la loro percezione di quanto lavoro dovevano fare è cresciuta del 35% rispetto alla settimana trascorsa nell’ufficio fisico. I lavoratori hanno anche riferito di una maggiore “frustrazione”, essendo in grado di completare il proprio lavoro in modo tempestivo. I ricercatori hanno anche scoperto che la produttività è diminuita di circa il 16%.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

®wld

La Marcia Su Roma

Lascia un commento

ERO A SAN GIOVANNI IERI E VI RACCONTO CHI C’ERA (VERAMENTE) IN PIAZZA

La censura o i maldestri tentativi dei media italiani sulle manifestazioni che hanno riempito le piazze di tutta l’Italia (non solo Roma e Milano, ma anche Genova e Trieste) nella giornata di ieri sono segnali.

Parlando diffusamente delle mobilitazioni per il clima di venerdì a Roma o di quella sempre nella giornata di ieri delle donne a Piazza del Popolo, si cerca di nascondere i fallimentari flop rispetto alle decine di migliaia (si parla di 100.000 a Roma a Piazza San Giovanni) di cittadini che hanno manifestato contro il green pass e contro il governo Draghi.

Derubricare a “quattro fascisti violenti e qualche folle no vax” il tutto però non è possibile più.

Quindi meglio la censura, è la libera informazione bellezza!

Sono stata a piazza San Giovanni.

Ho cercato di guardarmi intorno, di capire chi ci fosse davvero in piazza.

Intanto, devo dire che non si vedeva Piazza San Giovanni così piena, partecipata, dai tempi delle mobilitazioni sindacali del passato ormai remoto.

C’erano moltissime famiglie con i bambini, anziani e giovanissimi, lavoratori e studenti, docenti e operai.

C’erano anche i poliziotti.

Sparsi tra la folla con magliette verdi o blu per riconoscersi.

C’erano medici, insegnanti, dipendenti pubblici e privati, c’erano dirigenti ministeriali. C’erano moltissimi ex attivisti storici del Movimento 5 Stelle, c’erano parlamentari espulsi dal 5 stelle e oggi membri della componente L’Alternativa c’è in Parlamento.

C’erano moltissime associazioni, da quella nata dopo il “suicidio” di De Donno ai vari comitati per le cure domiciliari, c’erano i dipendenti di Alitalia, che ieri hanno bloccato Fiumicino.

Non era una piazza “di destra”, anzi, dal palco sono state lanciate molte frecciate contro Salvini.

Una piazza che ha iniziato cantando canzoni antifasciste di resistenza e ha concluso con El Pueblo Unido cantato a squarciagola, mentre partiva un lunghissimo applauso in onore e ricordo di De Donno.

Le parole chiave sono state Resistenza, Costituzione, Stato di diritto, Lavoro, Dignità.

Dal palco si sono succeduti interventi di medici, economisti, imprenditori, docenti universitari.

Ha parlato anche la vicequestore di Roma, la dottoressa Nunzia Alessandra Schilirò, affermando che il compito delle forze dell’ordine è difendere la Costituzione su cui ha giurato e questo faranno, a qualsiasi costo.

Insomma, non c’è trippa per gatti.

Impossibile strumentalizzare un segnale così chiaro e forte.

Una massa di cittadini che si sono autoconvocati nello stesso giorno in tutta Italia, hanno isolato le provocazioni, per manifestazione pacificamente il proprio dissenso sulle norme imposte da questo indefinibile assembramento di governo che ha esaurotato la democrazia parlamentare e va avanti a colpi di fiducia e propaganda mediatica.

Quindi, meglio censurare e tacere.

Qualsiasi politico che onori il proprio ruolo rappresentativo o di governo dovrebbe almeno porsi qualche domanda.

Se non lo fa si può presupporre che il consenso non lo interessi affatto, che considera la democrazia già un retaggio del passato.

AGATA IOCONA

FONTE https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-ero_a_san_giovanni_ieri_e_vi_racconto_chi_cera_veramente_in_piazza/39130_43204/

FOTODOCUMENTAZIONE https://comedonchisciotte.org/la-grande-manifestazione-del-25-settembre-a-roma/

LE NOTIZIE FALSE E LA MACCHINA DEL FANGO SULLA MANIFESTAZIONE DI PIAZZA SAN GIOVANNI

Pubblicato su: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld

Il fallimento del multiculturalismo tedesco

Lascia un commento

 

La Merkel ammette: il multiculturalismo tedesco ha “completamente fallito”

 

Postato da: Matthew Weaver 

 

Il compianto Peter Sutherland, membro della Commissione Trilaterale, in origine ha spinto il multiculturalismo in tutta Europa come un assoluto necessario per raggiungere lo Sviluppo Sostenibile. Inutile dire che ha mentito.

NOTA: questa storia è stata originariamente pubblicata nel 2010, ma apparentemente è stata inclusa per sbaglio in un recente feed RSS come se fosse stata appena pubblicata. TN consentirà alla storia di rimanere perché è ancora un’importante intuizione storica del fallimento del multiculturalismo. ⁃ Editor TN

 

Il cancelliere tedesco, Angela Merkel, ha corteggiato la crescente opinione anti-immigrati in Germania sostenendo che i tentativi del paese di creare una società multiculturale sono “del tutto falliti”.

Parlando a una riunione di giovani membri del suo partito dell’Unione democristiana, la Merkel ha affermato che l’idea di persone di diversa estrazione culturale che vivono felici “fianco a fianco” non ha funzionato.

Ha affermato che l’onere degli immigrati è di fare di più per integrarsi nella società tedesca.

“Questo approccio [multiculturale] è fallito, completamente fallito”, ha detto Merkel alla riunione di Potsdam, a ovest di Berlino.

Le sue osservazioni susciteranno un dibattito sull’immigrazione in un paese che ospita circa 4 milioni di musulmani.

La scorsa settimana, Horst Seehofer, il premier della Baviera e membro della Christian Social Union – parte della coalizione di governo della Merkel – ha chiesto di fermare l’immigrazione turca e araba.

In passato, la Merkel ha cercato di superare entrambi i lati della discussione parlando duramente di integrazione ma chiedendo anche l’accettazione delle moschee.

Ma affronta la pressione all’interno del CDU per prendere una linea più dura sugli immigrati che mostrano resistenza ad essere integrati nella società tedesca.

Il discorso di ieri è ampiamente visto come uno sbandamento a destra progettato per placare quell’elemento nel suo partito.

Merkel ha detto che troppo poco è stato richiesto agli immigrati in passato e ha ribadito la sua tesi che dovrebbero imparare il tedesco per far fronte a scuola e sfruttare le opportunità nel mercato del lavoro.

La disputa sugli stranieri in Germania è cambiata da quando l’ex banchiere centrale Thilo Sarrazin ha pubblicato un libro molto controverso in cui ha accusato gli immigrati musulmani di abbassare l’intelligenza della società tedesca.

Sarrazin fu censurato per le sue opinioni e licenziato dalla Bundesbank, ma il suo libro si rivelò popolare e i sondaggi mostrarono che i tedeschi erano solidali con la spinta dei suoi argomenti.

Un recente sondaggio ha mostrato che un terzo dei tedeschi riteneva che il paese fosse “invaso da stranieri” .

Ha inoltre rilevato che il 55% dei tedeschi ritiene che gli arabi siano “spiacevoli”, rispetto al 44% che ha espresso il proprio parere sette anni fa.

Nel suo discorso, la Merkel ha detto che l’educazione dei disoccupati tedeschi dovrebbe avere la priorità sul reclutamento di lavoratori dall’estero, pur osservando che la Germania non potrebbe cavarsela senza qualificati lavoratori stranieri.

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

Rinconada: la povertà che uccide mentre si sogna un mondo migliore

Lascia un commento

  gold-switzerland

“L’oro del sangue a La Rinconada, Paradiso del diavolo nelle Ande peruviane: Città criminale a banda aperta, i diritti umani non esistono.

di Peter Koenig

La Rinconada, 5.000 a 5.400 metri sopra il livello del mare, baracche di ferro ondulato, incollate sulle colline delle montagne circostanti, abitano da 50.000 a 70.000 abitanti delle miniere e gruppi di mafia in competizione che li controllano. La Rinconada, nelle Ande peruviane, le miniere d’oro più alte, caotiche, velenose e illegali del mondo, circa 210 km a nord est di Puno, a 4 ore di macchina in auto su strade parzialmente asfaltate, anche se piene di buche. La Rinconada, nei pressi della città mineraria Ananea, poco più civilizzata (circa 4.700 m sul livello del mare), è anche considerata uno dei luoghi più orribili del mondo: una città criminale a bande, che si estende attraverso una valle e le colline, no acqua corrente, nessuna rete fognaria, nessuna rete elettrica. La Rinconada ha un aspetto e un odore come una discarica immensa, infestata da una brezza lentamente contaminata dal mercurio giallastro-brunastra – residui di goldmining illegale – quello che era un lago di montagna incontaminato.

L’aria sottile, povera di ossigeno, è carica di vapore di mercurio che penetra lentamente nei polmoni delle persone, influenzando nel tempo il sistema nervoso, la memoria, il motore del corpo, portando spesso alla paralisi e alla morte prematura. L’aspettativa di vita media di un lavoratore minerario è di 30-35 anni, circa la metà della speranza di vita media peruviana.

la-rinconada-92

 Fonte: amusingplanet.com

La vita non ha valore Le persone vengono uccise per il trasporto di una roccia che può contenere alcune piccole vene d’oro. I corpi vengono spesso gettati su mucchi di immondizia per marcire. Occasionalmente viene trovato un corpo e poi seppellito proprio sulla discarica. Non è raro trovare una tomba nel bel mezzo di un campo di spazzatura.

I diritti umani non esistono a Rinconada. Il lavoro minorile è un luogo comune. E così anche la prostituzione infantile, le donne e il traffico di droga. Il tempo libero è una vita di ubriachezza e delirio di droga. La vita è senza valore Vedi anche il saggio di Andre Vltchek.

*

rinconanda

I piccoli ragazzi sono abituati a lavorare nelle gallerie minerarie sotterranee, dove gli adulti difficilmente si adattano. Quando le gallerie crollano e un bambino – o diversi – muore – a nessuno importa. Molti non sono nemmeno identificati. Molto probabilmente non sono mancati. Sono figli di non-genitori, come nei non-umani, quelli che gestiscono questa industria mineraria infernale e quelli che mandano i loro figli lì per aiutarli a guadagnarsi da vivere. Nessun amore, nessuna etica, nessun rispetto per nient’altro che la leggendaria pepita d’oro, per avidità e necessità. Nessuna pietà. Quello è La Rinconada.

I minatori vengono volontariamente. Nessuno li costringe. La maggior parte sono poveri. Alcuni sono semplicemente avidi – il “Rausch d’oro” che non muore mai li attira. Il sogno di diventare ricchi nella miniera d’oro li fa accettare le condizioni di lavoro e di vita più orrende: sopravvivere in una discarica aperta di tutto, spazzatura, metalli pesanti tossici, guadare in sterili inquinati da mercurio, aria sottile, contaminata da vapori velenosi, senza riscaldamento, la maggior parte dell’anno temperature di congelamento sub-detriti e detriti ovunque. Ma i minatori non si lamentano. Alcuni portano le loro mogli, pochi portano anche i loro figli – è una loro scelta. Alcuni rimangono “temporaneamente” solo, 6 mesi, 12 mesi, 2 anni? – Per alcuni il sogno di colpire le ricchezze non muore mai; rimangono finché non muoiono. – Sanno che saranno abusati, ridotti in schiavitù. Loro sanno, possono prenderlo o lasciarlo.

I minatori lavorano solitamente per lunghe ore e lavorano gratuitamente per 29 giorni. Il 30 ° giorno possono tenere qualunque cosa tengano dal terreno, ammontando a circa 800-1000 soli al mese (US $ 250 – $ 320). A volte il giorno 30 non porta nulla. A volte alcune rocce con tracce d’oro. Tutti sperano in una pepita d’oro. Questo tipo di salario minerario non è unico in Perù. La Bolivia e altri paesi andini che sono aperti all’industria più ambientalmente e socialmente distruttiva – l’industria mineraria – applicano sistemi simili. L’illusione di colpirlo GRANDE trovando il leggendario “rock d’oro” è una passione; è ossessivo. E se e quando un minatore trova un tesoro da conservare, è vulnerabile di essere derubato, persino ucciso, il corpo scartato – un altro minatore scomparso. O no. Appena scomparso. Forse in una discarica. Sono senza fine a Rinconada. Riflettono il carattere di Rinconada. Rifiuti, rifiuti, puzza e morte.

Child-panning-gold-in-the-sewer-of-La-Rinconada-Peru-Fact-finding-mission-GAMA-1999

Fonte: researchgate

A nessuno importa – o non abbastanza per indagare sulla morte, sui dispersi. È il nome del gioco. I minatori provengono dal loro libero arbitrio. Non sono coerciti. Si schiavizzano da soli, nella banderuola la speranza di diventare ricchi. Invece, si inebriano dai vapori di mercurio, da un ambiente totalmente velenoso, dall’esposizione giornaliera ai metalli pesanti. Il loro sistema nervoso li fallisce lentamente ma inesorabilmente. Perdita di memoria; danno cerebrale, distrofia muscolare, polmoni collassanti, paralisi, morte precoce. Per molti, è un sogno morto. Questo è ciò che fa la povertà; uccide mentre sogna un mondo migliore.

Rinconada – regole della mafia. La polizia lavora in connivenza. Omicidi e omicidi sono dell’ordine. Prostituzione, abuso di alcool e droghe è dilagante. A nessuno importa. È la sopravvivenza del più adatto – e spesso la sopravvivenza soccombe alle difficoltà, alla miseria e tuttavia spera in una vita migliore.

Queste organizzazioni criminali sono tutte locali, vale a dire nelle vicinanze, Puno, Juliaca e dintorni. Non sono ammesse compagnie minerarie straniere. Loro, enormi (in) famose corporazioni di oro e metalli preziosi, stanno aspettando “a valle” per comprare gli arsenali, senza identità, senza origini. In modo che nessuno possa rintracciarli al crimine.

Le donne generalmente non lavorano nelle miniere. Superstizione. Portano sfortuna. Fanno sparire le vene d’oro. Distaccano gli uomini. Le miniere sono maschili. Solo gli uomini sono autorizzati a lavorarli. Le montagne possono diventare gelose e chissà cosa è in grado di fare la gelosia. Le donne hanno altre faccende: raccogliere rocce sciolte che possono contenere resti di oro; puliscono, preparano il cibo, badano alla famiglia, ai bambini, se una famiglia non è abbastanza saggia da portare la loro prole in questo inferno – e, stanno “prendendo cura degli uomini”, in più di un modo.

La Rinconada – uno dei posti più orribili del mondo. Poco conosciuto nel resto del mondo. La maggior parte della gente a Lima, la capitale del Perù, non ha idea che Rinconada esista e, se hanno sentito il nome, lo associano ad un lussureggiante country club nel quartiere elitario de “La Molina” di Lima. – Non sanno cosa significa anche – Il paradiso del diavolo.

Ciò che produce Rinconada è “oro di sangue”, simile a diamanti di sangue, smeraldi di sangue in altre parti del mondo. 

Chi compra questo oro?

Grandi società Uno di questi è il Metalor registrato in Svizzera, una delle più grandi fonderie d’oro del mondo. Ogni anno vengono estratte da 3000 a 3.500 tonnellate di oro in tutto il mondo.

Grandi società Uno di questi è il Metalor registrato in Svizzera, una delle più grandi fonderie d’oro del mondo. Ogni anno vengono estratte da 3000 a 3.500 tonnellate di oro in tutto il mondo. La Svizzera raffina circa il 70% -80% di tutto l’oro del mondo. Si stima che dal 20% al 30% di esso sia considerato “oro del sangue” – oro che deriva da pratiche illecite di estrazione mineraria, lavoro minorile, distruzioni ambientali e sociali, furto di terreni, corruzione – come da Rinconada.

A partire da ora, la Svizzera, che ospita le più grandi società minerarie e fonderie d’oro del mondo, non vuole conoscere l’origine dell’oro, forse il metallo prezioso più dannoso per l’ambiente e la società. La Svizzera non impone un codice etico alle corporazioni che godono del paradiso fiscale svizzero. Il governo svizzero fa finta che queste società minerarie abbiano i propri codici di condotta e le autorità svizzere confidano nel fatto che aderiscono ai propri standard etici. Che facile via d’uscita!

Quando viene contestato con prove del contrario, cioè Rinconada, o Espinar (anche il Perù), dove Glencore picchia indifese indifese, perché cercano di proteggere le loro proprietà e l’acqua dalla confisca illegale di Glencore – con l’aiuto corrotto delle autorità locali peruviane – le autorità svizzere chiudono gli occhi per aprire i crimini delle loro società e, se pressate, dicono semplicemente “se siamo troppo dure con loro, lasceranno la Svizzera” – e – “se stanno facendo qualcosa di illegale, sono responsabili nei loro confronti paese ospitante “, apparentemente ignorando che la corruzione compra tutto nella maggior parte di questi” paesi ospitanti “.

Questo è il livello di etica che uno dei paesi più ricchi e reputamente più nobili dell’universo si applica per mantenere le sue società felici. Naturalmente, la Svizzera è anche l’unico membro dell’OCSE che consente ai suoi parlamentari di sedersi in tutti i consigli di amministrazione aziendali che desiderano. Immaginare! – Un conflitto di

La Svizzera raffina circa il 70% -80% di tutto l’oro del mondo. Si stima che dal 20% al 30% di esso sia considerato “oro del sangue” – oro che deriva da pratiche illecite di estrazione mineraria, lavoro minorile, distruzioni ambientali e sociali, furto di terreni, corruzione – come da Rinconada.

A partire da ora, la Svizzera, che ospita le più grandi società minerarie e fonderie d’oro del mondo, non vuole conoscere l’origine dell’oro, forse il metallo prezioso più dannoso per l’ambiente e la società. La Svizzera non impone un codice etico alle corporazioni che godono del paradiso fiscale svizzero. Il governo svizzero fa finta che queste società minerarie abbiano i propri codici di condotta e le autorità svizzere confidano nel fatto che aderiscono ai propri standard etici. Che facile via d’uscita!

Quando viene contestato con prove del contrario, cioè Rinconada, o Espinar (anche il Perù), dove Glencore picchia indifese indifese, perché cercano di proteggere le loro proprietà e l’acqua dalla confisca illegale di Glencore – con l’aiuto corrotto delle autorità locali peruviane – le autorità svizzere chiudono gli occhi per aprire i crimini delle loro società e, se pressate, dicono semplicemente “se siamo troppo dure con loro, lasceranno la Svizzera” – e – “se stanno facendo qualcosa di illegale, sono responsabili nei loro confronti paese ospitante “, apparentemente ignorando che la corruzione compra tutto nella maggior parte di questi” paesi ospitanti “.

Questo è il livello di etica che uno dei paesi più ricchi e reputamente più nobili dell’universo si applica per mantenere le sue società felici. Naturalmente, la Svizzera è anche l’unico membro dell’OCSE che consente ai suoi parlamentari di sedersi in tutti i consigli di amministrazione aziendali che desiderano. Immaginare! – Un conflitto di interessi totalmente legalizzato. E nessuno dice “bip”. La popolazione svizzera accetta questa aberrazione smussata – la maggior parte di loro non sa nemmeno che esiste. Vivono confortevolmente e bene, e non si preoccupano molto delle società che abusano dei diritti umani, e meno che il loro Parlamento sia un’enorme lobby aziendale e bancaria incorporata. In questo ambiente di comportamento illecito dei colletti bianchi, società come Metalor e Glencore prosperano.

Un referendum popolare lanciato di recente che propagava “Responsible Mining” è stato minato nel Parlamento svizzero dalla lobby mineraria “integrata”. È prassi comune che il Parlamento, così come l’esecutivo diano il proprio voto prima del voto pubblico su un referendum, un’altra pratica sleale, poiché influenza la decisione finale degli elettori.

*

Nel frattempo, il governo del Perù accusa la fonderia svizzera Metalor di finanziare e acquistare tonnellate d’oro da fonti sospette in Perù, che significa oro illecito – o “oro del sangue”. Metalor è anche indagato per aver partecipato alla criminalità organizzata e al riciclaggio di denaro dalle offerte di oro illecito (OjoPúblico, Perù, 14 marzo 2019):

“Il Gruppo Metalor era l’importatore esclusivo di oro proveniente da attività minerarie illegali, vendute o spedite da Minerales del Sur SRL (Minersur) nel periodo dal 2001 al 2018 per un importo superiore a 3,5 miliardi di dollari USA. Metalor ha la propria sede nel cantone di Neuchatel, in Svizzera. “

Metalor è anche indagato per finanziare le operazioni di acquisto e vendita di oro da fonti illegali di Minersur. Una di queste fonti illegali è La Rinconada. Altre fonti illegali derivano dallo scavo dell’oro nella regione amazzonica del Perù, Madre de Dios, dove migliaia di ettari di foresta pluviale sono stati razziati e devastati da organizzazioni di tipo mafioso, simili a quelle di Rinconada. Metalor nega l’accusa, dicendo che si occupano solo di rispettabili compagnie minerarie. Il caso è spalancato e il fetore dell’illegalità che permea Metalor da molti anni è nauseante quanto lo stesso Rinconada.

Che cos’è l’oro che distrugge l’ambiente, le preziose risorse di acqua dolce, lo spirito umano, seminando conflitti tra intere società, abolendo il loro tessuto sociale e portando la morte a milioni di milioni di persone nelle regioni sfruttate e maltrattate del globo? – Il vero valore industriale dell’oro è solo da circa il 15% al ​​20% del suo valore di mercato speculativo. Ma la febbre dell’oro è tale che le banche hanno inventato l”oro di carta’, nel senso che Mr. and Mrs. Qualcuno può comprare oro senza mai vedere la barra d’oro. La banca emette semplicemente un certificato, un pagherò per una certa quantità di oro che, in teoria, potrebbe essere scambiato per la cosa reale in qualsiasi momento Madame Qualcuno vorrebbe tenere il suo lingotto d’oro nel suo caveau personale domestico. Non così semplice. C’è più di 100 volte più oro cartaceo che galleggia rispetto all’oro reale disponibile sul mercato. Se tutti vorrebbero scambiare la loro carta oro in oro vero, il sistema bancario collasserebbe, o semplicemente non riuscirà a consegnare.

Caso in questione era la Germania. Per tradizione la Germania aveva circa 1.200 tonnellate di oro, del valore di circa $ 50 miliardi, depositate nella FED di New York. Nel 2013, quando l’opinione pubblica tedesca che il loro oro è stato conservato al di fuori dei confini tedeschi ha provocato una protesta pubblica, la Bundesbank ha voluto ritirare e rimpatriare tutto il loro oro depositato all’estero entro il 2020, ma la FED ha detto di no. L’oro era semplicemente non disponibile. La FED utilizzava l’oro e l’oro tedeschi di tanti altri paesi depositati nelle casse della FED per speculazione: renditi in affitto con i beni di qualcun altro?

Sangue e criminalità sono intimamente legati all’oro, a quanto pare. Il nostro sistema monetario occidentale è stato per molto tempo sostenuto dall’oro. Oggi, i soldi occidentali sono moneta legale, nemmeno sostenuti da oro, solo aria calda. Ma il rublo russo e lo yuan cinese sono sostenuti dall’oro, così come dalle rispettive economie. – Chi lo sa – come un ultimo tentativo di salvare il dollaro USA e la piramide del denaro occidentale dal collasso, l’Occidente potrebbe di nuovo tornare a una sorta di gold standard, una follia artificiale, quando in realtà, l’unico vero valore riflette nel sistema monetario di una contea, è la sua economia.

*

Tornando a La Rinconada, Metalor e in Svizzera, sede di oltre due terzi della raffinazione dell’oro a livello mondiale, quanta parte dell’oro di riserva nelle casse dei paesi di tutto il mondo è “oro del sangue”? – Quante persone, bambini e alla fine intere generazioni devono vivere nella miseria, la loro salute degenerata dall’esposizione ai metalli pesanti e alla fine conduce alla morte precoce e dolorosa, finché la coscienza umana non è in grado di fermare la mania dell’oro? – Abbandonarsi alle caverne d’oro come Rinconada e Madre de Dios, miniere d’oro dirompenti e distruttive? – E altre centinaia di mine analoghe che distruggono il mondo. Forse quando il valore dell’oro diventa quello che dovrebbe essere – il suo valore industriale, e niente di più e niente di meno, l’umanità diventa più ricca dei valori della decenza umana e del rispetto reciproco.

*

Nota per i lettori: fai clic sui pulsanti di condivisione qui sotto. Inoltra questo articolo ai tuoi elenchi di posta elettronica. Crosspost sul tuo blog, forum su internet. eccetera. 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su New Eastern Outlook. 

Peter Koenig è un economista e analista geopolitico. È anche un esperto in risorse idriche e ambientale. Ha lavorato per oltre 30 anni con la Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale della Sanità in tutto il mondo nei settori dell’ambiente e dell’acqua. Tiene lezioni in università negli Stati Uniti, in Europa e in Sud America. Scrive regolarmente per la ricerca globale; ICH; RT; Sputnik; PressTV; Il 21 ° secolo; Telesur; The Vineyard of The Saker Blog, New Eastern Outlook (NEO); e altri siti internet. È autore di Implosion – An Economic Thriller about War, Environmental Destruction and Corporate Greed – fiction basato su fatti e su 30 anni di esperienza della World Bank in tutto il mondo. È anche un co-autore di The World Order and Revolution! – Essays from the Resistance. È un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione.

L’immagine in primo piano è di NEO

La fonte originale di questo articolo è Global Research  

Copyright © Peter Koenig, Global Research, 2019

Fonte: https://www.globalresearch.ca/ 

®wld

Older Entries