Home

LA CYBERWAR É IMMINENTE E AVRÀ CONSEGUENZE SU TUTTI

1 commento

LA CYBERWAR É IMMINENTE E AVRÀ CONSEGUENZE SU TUTTI, AD AFFERMARLO IL CEO DELLA SOCIETÀ CHE HA SCOPERTO L’HACK DI SOLARWINDS

By Redazione

La società di sicurezza informatica FireEye ha avvertito gli americani che saranno presi di mira dal prossimo grande attacco informatico, che lo sappiano o meno. Seguiranno catene di approvvigionamento interrotte e il caos delle reti cellulari e l’interruzione di Internet.

“ Nel prossimo conflitto i cui i guanti si sfileranno nel cyber, il cittadino verrà trascinato dentro, che lo voglia o no. Punto “, ha detto domenica ad Axios il CEO di FireEye Kevin Mandia su HBO. “Le persone non sanno nemmeno tutte le cose da cui dipendono. All’improvviso la catena di approvvigionamento inizia a subire interruzioni perché i computer non funzionano “, ha continuato, minacciando gli spettatori con la sua descrizione di una discesa rapida e incontrollabile nel caos.

Sottolineando che qualcosa di meno della protezione totale a 360 gradi è inutile, ha aggiunto che ” Bloccare il 99,99999999 percento di tutti gli attacchi significa che verrai compromesso ovunque. 

Se puoi essere hackerato, sarai hackerato.

“ Non c’è una vera fine alla sicurezza informatica. Devi perseguirla ogni giorno“, ha dichiarato Mandia in quello che sembrava un discorso molto costoso per i servizi della sua azienda.

L’assenza di ” regole ” chiare o una giustificazione per quando e come reagire data la quasi impossibilità di determinare la responsabilità anche per un semplice hack – per non parlare della mappa tentacolare di SolarWinds – incoraggerebbe solo gli aggressori a continuare il loro lavoro, ha avvertito Mandia , suggerendo che gli aggressori semplicemente alzano la posta. I continui attacchi degli hacker ” ci lascerebbero scioccati ma non sorpresi “, ha detto, pur suggerendo che i rivali degli Stati Uniti nel cyberspazio non accetterebbero mai le ” regole sullo spionaggio ” e che sarebbe del tutto inutile tentare.

FireEye è stata la prima azienda a esporre pubblicamente l’hack di SolarWinds a gennaio, che ha visto fino a 18.000 clienti della società di gestione della rete compromessi a causa dell’implementazione di backdoor digitali nelle loro reti. Tuttavia, il 30% delle vittime di attacchi informatici non utilizzava affatto SolarWinds, ma utilizzava invece programmi con vulnerabilità simili come il software di cloud computing di Microsoft. Si ritiene che l’attacco sia iniziato a settembre 2019 e non è chiaro come l’azienda sia riuscita a non accorgersene per così tanto tempo. Gli esperti di sicurezza informatica l’hanno considerata una delle peggiori violazioni mai registrate, anche se i dettagli su cosa esattamente (semmai) è stato preso o altrimenti modificato rimangono confusi.

Mentre le agenzie di intelligence statunitensi hanno affermato che l’hack di SolarWinds è stato ” probabilmente di origine russa “, la dichiarazione congiunta rilasciata a gennaio non ha fornito alcuna prova a sostegno di tale suggerimento. L’attacco ha spaventato le società di software che si affidano a una catena di fornitori di software a monte per costruire il framework su cui gira il proprio software, lasciando dietro di sé una crisi di fiducia anche se gli utenti finali rimangono beatamente inconsapevoli della catastrofe.

Nel frattempo, il CEO del World Economic Forum Klaus Schwab ha avvertito a novembre che una nuova ” cyber-pandemia ” potrebbe sminuire l’epidemia di Covid-19 in termini di danni causati. Un simile attacco potrebbe ” porre un arresto completo alla fornitura di energia elettrica, ai trasporti, ai servizi ospedalieri, alla nostra società nel suo insieme “, ha annunciato Schwab in un video discorso, esortando i governi a ” utilizzare la crisi del Covid-19 come un’opportunità tempestiva per riflettere su le lezioni che la comunità della sicurezza informatica può trarre e migliorare la nostra impreparazione a una potenziale pandemia informatica. 

Il WEF sta collaborando con le principali società finanziarie come Visa e Sberbank, giganti della tecnologia come IBM e Mobile Telesystems e persino Interpol per ” mitigare un attacco mirato alla catena di approvvigionamento su un ecosistema aziendale ” a luglio. Le simulazioni del WEF hanno una strana tendenza a rispecchiare i successivi disastri mondiali, come potrebbero ricordare i partecipanti all’evento 201 di novembre 2019, che ha simulato una devastante pandemia di coronavirus.

Sempre su SolarWinds:

Fonte: https://www.databaseitalia.it/la-cyberwar-e-imminente-e-avra-conseguenze-su-tutti-ad-affermarlo-il-ceo-della-societa-che-ha-scoperto-lhack-di-solarwinds/

Canale Telegram: https://t.me/databaseitalia

Correlati:

La guerra al virus segna l’inizio di una nuova epoca storica, in cui niente sarà come prima

Klaus Schwab sta cercando di creare la Quarta Rivoluzione Industriale o sta cercando di creare il Quarto Reich?

I SEMI OGM SONO GIÀ OBSOLETI?

®wld

Elon Musk: una fusione tra Tony Stark e Faust

Lascia un commento

I terrificanti passi avanti nella tecnologia

di: Davide Cavaliere

Abbiamo una scimmia con un impianto wireless nel cranio con piccoli fili che possono giocare ai videogiochi con la sua mente. Non puoi vedere dove si trova la pianta ed è una scimmia felice. Abbiamo le strutture per scimmie più belle del mondo. Vogliamo che giochino a Mind-Pong a vicenda.

Così dice il talebano della tecnologia che va sotto il nome di Elon Musk. Per chi non lo conosce, il suddetto è un imprenditore che ha cercato di fondere in se stesso Tony Stark e Faust. La fusione ha prodotto una merda spazzatura dedicata a affermazioni roboanti e deliranti.

Nel suo tempo libero, quando non costruisce macchine inutili come le Tesla, Musk infila elettrodi nei teschi dei mammiferi. Tutto è iniziato lo scorso agosto quando è stato installato un impianto nel cranio di una femmina di maiale di nome Gertrude. L’animale ha partecipato a una conferenza stampa insieme al californiano Stark e ai suoi giovani scienziati – circa un centinaio – e ha trasmesso le sue sensazioni su uno schermo correndo su un tapis roulant o bevendo latte da una bottiglia. Ora è il turno di una scimmia, trasformata in uno degli esempi più demenziali di esseri umani: il “gamer”. Musk ha rubato un primate dal suo ambiente naturale, ci ha messo una parrucca di fili e lo ha reso un geek. L’ideatore di questa impresa di fantascienza ci tiene a sottolineare che la scimmia “è felice”. Ovviamente.L’anno prossimo costruirà un raggio laser per trasformare i gorilla in cosplayer svantaggiati.

Elon Musk non suona “facciamo finta che io sia Dio”, oh no, è un filantropo e lavora per il bene dell’umanità. Il progetto Neuralink – che nome ovvio – aiuterà a combattere l’Alzheimer e la depressione. È tutto così bello, così umano, così scienziato, così californiano. Tuttavia, la luce che illumina la Silicon Valley proietta ombre molto lunghe e scure.

In un futuro dominato dai giganti digitali, sarà possibile inserire processori nel cervello umano non solo per curare malattie neurodegenerative, ma anche per impiantare falsi ricordi felici, cancellare quelli traumatici, resettare la memoria individuale e ricostruirla dall’inizio. Se l’eliminazione di alcuni ricordi di violenza subita può essere desiderabile, tali tecnologie potranno raggiungere il vecchio obiettivo totalitario della “tabula rasa” del passato. Le dittature del futuro faranno passare per sciocchezze quelle del ventesimo secolo.

Tuttavia, senza spingerci in previsioni così cupe, una popolazione con un tale dispositivo collocato nella sua materia grigia avrà un potere illimitato sulla sua psiche. Sarà utilizzato per eliminare qualsiasi emozione “negativa”. Gli uomini prodotti dalla tecnologia non conosceranno né tristezza né sofferenza, vivranno in uno stato di euforia permanente. Non saranno in grado di provare rabbia, insoddisfazione, desiderio di vendetta.

Alcuni vedono nella società post-umana un Eden restituito di felicità e amore collettivo, ma è un’illusione. Un’umanità artificialmente soddisfatta assomiglierà, in modo impressionante, all’Eloi descritto da HG Wells nel suo romanzo più famoso. Grazie alla diavoleria tecnica “generosamente” offerta dai seguaci di Elon Musk, le masse saranno ridotte a una schiavitù dorata. Dopo aver lavorato per ore in uno stato euforico, torneranno ai loro cubicoli viventi per riposarsi e giocare ai videogiochi. Avranno milioni di avventure digitali, ma una miserabile esistenza reale.

Inoltre, la scomparsa dello spettro delle emozioni negative dall’animo umano renderà tutti incapaci di creare e godere di opere artistiche. La letteratura, la musica, la pittura, la poesia nascono spesso da desideri insoddisfatti e da un disagio verso il presente. Questi ultimi stati dell’essere saranno sconosciuti.

Il senso del tragico, dell’angoscia, della nostalgia, della paura della morte – e con loro la nostra umanità – scompariranno in una notte tecnica.

**********************************

Colonna originale di Davide Cavaliere: https://www.geopolitica.ru/en

Traduzione di Costantino Ceoldo

Postato su: https://www.geopolitica.ru/en/

®wld

INTELLIGENZA IN CADUTA LIBERA, MENO PAROLE, MENO PENSIERI, MENO SPIRITO CRITICO.

Lascia un commento

L’EVOLUZIONE DEL QUOZIENTE DI INTELLIGENZA

Il QI medio della popolazione mondiale, che dal dopoguerra alla fine degli anni 90 era sempre aumentato, nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione.
È l’inversione dell’Effetto Flynn. Sembra che il livello d’intelligenza misurato dai test diminuisca nei Paesi più sviluppati. Molte possono essere le cause di questo fenomeno. Una di queste potrebbe essere l’impoverimento del linguaggio.

Diversi studi dimostrano infatti la diminuzione della conoscenza lessicale e l’impoverimento della lingua: non si tratta solo della riduzione del vocabolario utilizzato, ma anche delle sottigliezze linguistiche che permettono di elaborare e formulare un pensiero complesso. La graduale scomparsa dei tempi (congiuntivo, imperfetto, forme composte del futuro, participio passato) dà luogo a un pensiero quasi sempre al presente, limitato al momento: incapace di proiezioni nel tempo.

La semplificazione dei tutorial, la scomparsa delle maiuscole e della punteggiatura sono esempi di “colpi mortali” alla precisione e alla varietà dell’espressione. Solo un esempio: eliminare la parola “signorina” (ormai desueta) non vuol dire solo rinunciare all’estetica di una parola, ma anche promuovere involontariamente l’idea che tra una bambina e una donna non ci siano fasi intermedie.

Meno parole e meno verbi coniugati implicano meno capacità di esprimere le emozioni e meno possibilità di elaborare un pensiero. Gli studi hanno dimostrato come parte della violenza nella sfera pubblica e privata derivi direttamente dall’incapacità di descrivere le proprie emozioni attraverso le parole.

Senza parole per costruire un ragionamento, il pensiero complesso è reso impossibile. Più povero è il linguaggio, più il pensiero scompare. La storia è ricca di esempi e molti libri (Georges Orwell – 1984; Ray Bradbury – Fahrenheit 451) hanno raccontato come tutti i regimi totalitari hanno sempre ostacolato il pensiero, attraverso una riduzione del numero e del senso delle parole.

Se non esistono pensieri, non esistono pensieri critici. E non c’è pensiero senza parole. Come si può costruire un pensiero ipotetico-deduttivo senza il condizionale? Come si può prendere in considerazione il futuro senza una coniugazione al futuro? Come è possibile catturare una temporalità, una successione di elementi nel tempo, siano essi passati o futuri, e la loro durata relativa, senza una lingua che distingue tra ciò che avrebbe potuto essere, ciò che è stato, ciò che è, ciò che potrebbe essere, e ciò che sarà dopo che ciò che sarebbe potuto accadere, è realmente accaduto? Cari genitori e insegnanti: facciamo parlare, leggere e scrivere i nostri figli, i nostri studenti. Insegnare e praticare la lingua nelle sue forme più diverse.

Anche se sembra complicata. Soprattutto se è complicata. Perché in questo sforzo c’è la libertà.

Coloro che affermano la necessità di semplificare l’ortografia, scontare la lingua dei suoi “difetti”, abolire i generi, i tempi, le sfumature, tutto ciò che crea complessità, sono i veri artefici dell’impoverimento della mente umana

Non c’è libertà senza necessità.

Non c’è bellezza senza il pensiero della bellezza.
Christophe Clavé

FONTE

LA DEMENZA DIGITALE

Non sarà trascorso molto tempo da che sul calendario sarà passato l’anno 2000, che si manifesterà – a partire dall’America – un divieto, non diretto, ma comunque un divieto di ogni tipo di pensare, una legge che avrà lo scopo di soffocare ogni pensiero individuale.

Da un certo punto di vista l’inizio di ciò si può ravvisare in ciò che oggi fa la medicina puramente materialistica, dove l’anima non trova più posto, dove l’uomo viene trattato come una macchina solo sulla base di esperimenti esteriori.

Rudolf Steiner (O.O.167)

Pubblicato su: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld

A-L-E-X-A … PARLA CON IL CINQUE GI

Lascia un commento

LA GABBIA DEL CINQUE GI – IL DOCUMENTARIO DI JAMES CORBETT [VIDEO]

Sinossi del documentario di James Corbett -The 5G Dragnet- tradotta in Italiano

Le società di telecomunicazioni si sono lanciate nell’implementazione della tecnologia cellulare di quinta generazione. Ma il mondo del 5G è un mondo dove tutti gli oggetti sono connessi tra loro e continuamente scambiano dati. L’oscura verità è che lo sviluppo di reti 5G e la moltitudine di prodotti connessi che vedremo nascere nelle infrastrutture delle città smart globali, rappresenta la più grande minaccia alla libertà della storia umana.

James Corbett

Introduzione di Giulio Bona, traduttore e doppiatore del documentario:

James Corbett, Canadese di nascita, Giapponese di adozione, giornalista indipendente, analizza molto lucidamente l’attuale stato di questa nuova tecnologia, che si sta sviluppando ultimamente. Mai nella storia c’è stata una repulsione così diffusa tra il popolo, ed alla stessa misura una così grande ostinazione da parte delle multinazionali, per l’implementazione di una tecnologia così inutile, frivola, nociva per la salute, e soprattutto, che distrugge la libertà e la privacy degli individui.

In un mondo dove il cancro ed i tumori sono tra le cause più diffuse di morte, e dove è anche ultra risaputo che le radiazioni sono tra le maggiori cause di queste malattie, oggi ci stiamo impegnando in una saturazione completa dell’etere di onde e radiazioni. Il 5G porterà questo e molto altro, e senza un motivo o un bisogno apparente di questa tecnologia.

Il motivo per molti definiti “complottisti” è la costruzione di un’infrastruttura che raccoglierà costantemente dati in tempo reale sulla normale vita delle persone, questi dati verranno poi trattati dalle raffinatissime intelligenze artificiali, le quali potranno estrarre profili accurati e prevedibili delle persone comuni. Queste informazioni poi chissà dove vengono portate, come vengono elaborate, o chi, magari tra i servizi di intelligence, prende vantaggio da queste stesse informazioni.

Potere prevedere o controllare le persone nella propria intimità è il sogno proibito di tutti i tiranni della storia, probabilmente essi stessi credono che nella storia abbiano sempre fallito perché non potevano prevedere le mosse del popolo così nel dettaglio, così da vicino, se solo avessero potuto…

Be’, oggi si può! La tecnologia di oggi ce lo consente. E questo non è “complottismo”, è un semplice dato di fatto.

Ed io mi chiedo… Ma quale potrebbe essere il motivo primario per questa ostinazione, investimenti e sforzi per: installare decine di migliaia di sensori e trasmettitori, allacciarli tutti a delle strutture centralizzate di raccolta dati, mandare in orbita migliaia di nuovi satelliti, mandare una marea di pubblicità, coinvolgere i politici, trattare con leggerezza o volutamente ignorare gli studi sulla salute, mentire nei progetti dei nuovi dispositivi installando dispositivi nascosti e miniaturizzati dentro di essi (la dottoressa Shoshana Zuboff ha fatto uno splendido studio su questo), inondare il mercato di suddetti dispositivi, stanziare miliardi e spenderli tutti, stanziare altri miliardi e spenderli tutti, corrompere, avere gente nei posti chiave delle autorità di controllo preposte a proteggere il pubblico… è veramente uno sforzo MASTODONTICO per avere i telefonini che vanno più veloce o per fare in modo che il frigo ordini da solo la birra quando sta per finire!

Corbett si focalizza poco sull’aspetto della salute, lui si preoccupa molto di più di ciò che riguarda sia le libertà individuali che la semplice privacy. Tutti i dati raccolti da questi oggetti smart, se usati impropriamente possono diventare letteralmente un incubo distopico per le persone. L’aspetto della salute non va sottovalutato, ma se in futuro queste compagnie ed entità che stanno spingendo per questo, riusciranno a rendere questa tecnologia innocua per quanto riguarda la salute, non ci sarà più alcuna scusa per non fare un uso selvaggio di essa che avvantaggierà solo coloro che sono al potere.

Le persone crederanno di usare queste tecnologie ma sarà l’esatto contrario, queste tecnologie sfrutteranno le persone come risorse. Ma poniamoci anche un’altra domanda: coloro che possiedono oggi queste tecnologie sono davvero meritevoli della nostra fiducia?
Crediamo davvero che Google o Facebook o qualunque società di comunicazione, applichi alcuna etica nelle loro politiche aziendali? Sono compagnie private che (per statuto) vogliono 2 cose: tendere al monopolio sul mercato e fare soldi.

Questo è troppo potere persino nelle mani delle entità pubbliche statali, che in tanti esempi nella storia hanno abusato del proprio potere a discapito del popolo. Figuriamoci se in mano di compagnie private il cui unico scopo è soffocare la concorrenza e riempirsi le tasche. Non credo sia complottismo avere sfiducia di queste entità sia statali che private, ritengo sia molto ingenuo ed incosciente pensare il contrario, historia docet.

La previsione di Corbett è che se questa tecnologia sarà implementata, funzionerà esattamente come una rete da pesca che intrappola le sue prede mentre viene trascinata in mare. In lingua Italiana ho pensato che la “Gabbia”, che si chiude sulla sua preda, fosse una figura retorica equivalente e della stessa efficacia.

Ricordate che la preda viene sempre attratta dentro la gabbia da luci e suoni magici… e bellissimi… e che la preda siamo noi.

Buona Visione.

FONTE

Pubblicato su: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld

IA L’intelligenza Artificiale – non c’è modo di controllarla

Lascia un commento

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Non si ferma l’IA? Gli scienziati concludono che non ci sarebbe modo di controllare macchine super intelligenti

di Chris Melore

BERLINO, Germania –  Dalle auto a guida autonoma ai computer in grado di vincere i giochi, gli esseri umani hanno una naturale curiosità e interesse per l’intelligenza artificiale (AI). Mentre gli scienziati continuano a rendere le macchine più intelligenti e intelligenti, tuttavia, alcuni si chiedono “cosa succede quando i computer diventano troppo intelligenti per il loro bene?” Da “The Matrix” a “The Terminator”, l’industria dell’intrattenimento ha già iniziato a riflettere se i futuri robot un giorno minacceranno la razza umana. Ora, un nuovo studio conclude che potrebbe non esserci alcun modo per fermare l’ascesa delle macchine. Un team internazionale afferma che gli esseri umani non sarebbero in grado di impedire che la super intelligenza artificiale faccia quello che vuole.

Gli scienziati del Center for Humans and Machines del Max Planck Institute hanno iniziato a immaginare come sarebbe una macchina del genere. Immagina un programma di intelligenza artificiale con un’intelligenza di gran lunga superiore a quella umana. Tanto che potrebbe imparare da solo senza una nuova programmazione. Se fosse connesso a Internet, i ricercatori affermano che l’IA avrebbe accesso a tutti i dati dell’umanità e potrebbe persino prendere il controllo di altre macchine in tutto il mondo.

Gli autori dello studio si chiedono cosa farebbe una simile intelligenza con tutto quel potere? Funzionerebbe per migliorare tutte le nostre vite? Dedicerebbe la sua potenza di elaborazione alla risoluzione di problemi come il cambiamento climatico? Oppure la macchina cercherebbe di impossessarsi delle vite dei suoi vicini umani?

Controllare l’incontrollabile? I pericoli della super intelligenza artificiale

Sia i programmatori di computer che i filosofi hanno studiato se c’è un modo per impedire a un’IA super intelligente di accendere potenzialmente i suoi creatori umani; assicurando che i computer futuri non possano causare danni ai loro proprietari. Il nuovo studio rivela, sfortunatamente, che sembra essere praticamente impossibile mantenere in linea un’IA super intelligente.

“Una macchina super intelligente che controlla il mondo sembra fantascienza. Ma esistono già macchine che eseguono determinati compiti importanti in modo indipendente senza che i programmatori comprendano appieno come l’hanno imparato. Sorge quindi la domanda se questo potrebbe a un certo punto diventare incontrollabile e pericoloso per l’umanità”, dice il coautore dello studio Manuel Cebrian, leader del Digital Mobilization Group presso il Center for Humans and Machines, in un comunicato universitario.

Il team internazionale ha esaminato due diversi modi per controllare l’intelligenza artificiale. Il primo ha frenato il potere della superintelligenza murandola e impedendole di connettersi a Internet. Inoltre, non poteva connettersi ad altri dispositivi tecnici nel mondo esterno. Il problema con questo piano è abbastanza ovvio; un computer del genere non sarebbe in grado di fare molto per aiutare effettivamente gli esseri umani.

Essere gentili con gli umani non calcola

La seconda opzione si è concentrata sulla creazione di un algoritmo che fornisse principi etici al supercomputer. Si spera che ciò costringa l’IA a considerare i migliori interessi dell’umanità.

Lo studio ha creato un algoritmo di contenimento teorico che impedirebbe all’IA di danneggiare le persone in qualsiasi circostanza. Nelle simulazioni, l’IA smetterebbe di funzionare se i ricercatori considerassero le sue azioni dannose. Nonostante impedisca all’intelligenza artificiale di raggiungere il dominio del mondo, gli autori dello studio affermano che questo semplicemente non funzionerebbe nel mondo reale.

“Se si scompone il problema in regole di base dell’informatica teorica , si scopre che un algoritmo che comanderebbe a un’intelligenza artificiale di non distruggere il mondo potrebbe inavvertitamente interrompere le proprie operazioni. Se ciò accadesse, non sapresti se l’algoritmo di contenimento sta ancora analizzando la minaccia o se si è fermato per contenere l’IA dannosa. In effetti, questo rende inutilizzabile l’algoritmo di contenimento”, afferma Iyad Rahwan, Direttore del Center for Humans and Machines.

Lo studio conclude che contenere l’intelligenza artificiale è un problema incomprensibile. Nessun singolo programma per computer può trovare un modo infallibile per impedire che l’intelligenza artificiale agisca in modo dannoso se lo desidera. I ricercatori aggiungono che gli esseri umani potrebbero non rendersi nemmeno conto di quando le macchine super intelligenti arriveranno effettivamente nel mondo tecnologico. Quindi sono già qui?

Lo studio appare nel Journal of Artificial Intelligence Research.

Fonte: https://www.studyfinds.org/no-way-to-control-super-artificial-intelligence-ai/

®wld

Older Entries

koenig2099

The eagle flight