Home

La caduta di tutte le etiche

Lascia un commento

Chi è partito per le ferie non ha ben compreso il dramma a cui andiamo incontro questo inverno

di: dammilamanotidounamano

Passi che ognuno spende i suoi soldi come crede, ma far finta di niente mentre tutto aumenta a cominciare dalla distribuzione di energia, che sta già mettendo a dura prova piccole imprese e col culo per terra Aziende molto più grandi, per non capire poi che, quando chi gestisce una attività commerciale e questa diventa ingestibile, per non fallire definitivamente mettono in svendita la loro attività, Aziende che non tremano essendo da tempo in mano a Banche, fanno i loro affari comprando quelle in difficoltà. In pratica fanno come la famosa squadra che compra giocatori, non perché gli servono, ma per impedire che altre squadre possano rafforzarsi e vincere il campionato. Ora vediamo di non commentare queste ultime righe con l’impeto di difendere la squadra del cuore, ma vedere il tutto come una metafora che anticipa quanto poi sarà dato a noi vedere, e c’è da scommetterci che per molti sarà traumatico il futuro prossimo.

Non lasciatevi ingannare dalla narrativa dominante che in questo mondo siamo in troppi, siamo in troppi a voler vivere in prossimità di altri! Vi sono città che raggiungono cifre ragguardevoli come abitanti, ma se se ne esce e ti guardi intorno, oltre all’immenso agglomerato urbano dove vivi poi per chilometri e chilometri non c’è niente di niente, tanto che si può morire per la mancanza di uno studio medico al quale ci si può rivolgere per farsi inoculare un siero antivipera o avere una pillola per il mal di testa e questo può accadere nella nostra piccola Italia, cosi come in Nazioni ampiamente più grandi della nostra.

Pensate alle immense savane senza vita umana in Africa, fatto? Ora immaginate le immense steppe della Russia o come si può constatare chilometri e chilometri da attraversare senza incontrare mai nessuno nella stessa America. Possiamo benissimo affermare che più che l’umanità sia dispersa nel mondo, sono le “comodità” a cui l’uomo moderno sembra non sappia rinunciare ad essere il perno su cui gira la ruota e non a caso, solo parti dell’intero mondo diventano il punto d’incontro tra domanda e richiesta, lasciando cosi disabitato gran parte del pianeta. Ah, non è che io sia un prediletto per vedere ‘ste cose, basta che apri gli occhi e azioni il cervello e potrai fare anche tu le stesse constatazioni. Chi ha come obiettivo ingannare, si aspetta che l’interlocutore non sappia e anche qui sempre non a caso, è la “conoscenza” che vi renderà liberi non certo l’ignoranza!

Sicuramente avrete visto il video del gelataio di Carpi, il quale mostra con riprova della sua denuncia con la bolletta dell’energia dello scorso anno, la scelleratezza che si è visto consegnare con la bolletta odierna, mettendo in evidenza il pagamento del KWh della precedente di 0,09, mentre l’attuale prevede un 0,53 che fa una differenza allucinante.

Questi aumenti non sono che la somma dell’ignavia di tutti noi, nel regno Unito per esempio, la gente indignata non vuole pagare più le bollette per l’energia. Considerate che nonostante tutto questo è niente! Verificate ora quel che si prospetta per settembre e forse comprenderete il reale significato del titolo del post odierno, e, per chi non lo ha capito a fondo probabilmente lo capirà quando i vecchietti che hanno resistito al coviddi, probabilmente loro malgrado saranno questo inverno i protagonisti delle cronache, visto che in molti non potendo pagare l’energia già cara negli anni passati per i loro portafogli, quest’anno si troveranno a dover scegliere se morire di fame con le appena 480 euro al mese o pagare l’energia per scaldare casa questo inverno.

Stessa cosa si troverà ad affrontare il resto della cittadinanza italiana, ovvero quella che ha un reddito di 1000 euro al mese con una famiglia a carico, come pensate che farà per arrivare a fine mese? Fate attenzione, gli antichi che la sapevano lunga… asserivano che “morte tua vita mea” e quando ad esserci di mezzo è la vita, anche al più onesto degli uomini cadono tutte le etiche con le quali ha potuto vivere finora in dignità, ristretta, ma che per quanto sia, si tratta di quella “dignità” che la povertà non può garantire.

Perdio svegliatevi prima che sia troppo tardi, l’ENI a cui pagate indirettamente la bolletta, ha fatto nel primo semestre 2022 il 700% in più di utili e non li dividerà certo con voi! Chiudo con un consiglio brutale, anche se direttamente o indirettamente a me non piace esserlo: se siete tra quelli che per Natale piace il salmone a tavola, compratelo e congelatelo ora in quanto a dicembre non è detto che lo troviate sui scaffali, cosi come a chi piace per Capodanno bere bicchieri su bicchieri di Champagne, c’è il serio rischio che questa usanza sia rivissuta solo in lontani ricordi di un tempo che non c’è più.

Fonte: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

®wld

C’è un silenzio assordante dei media sulle proteste globali

Lascia un commento

Gli agricoltori si riuniscono con i loro veicoli accanto a un segnale di confine tra Germania e Paesi Bassi durante una protesta sull’autostrada A1, vicino a Rijssen, il 29 giugno 2022, contro i piani per l’azoto del governo olandese. VINCENT JANNINK/ANP/AFP tramite Getty Images
Fonte

by Tim Hains dal sito web RealClearPolitics

Schoellhammer: La gente ha accettato le eccentricità della loro minoranza d’élite finché non hanno sentito gli effetti negativi…

C’è un “assordantesilenzio mediatico sulle massicce proteste anti-governative in corso in tutto il mondo, tra cui uno sciopero degli agricoltori in uno dei paesi agricoli più produttivi del mondo, i Paesi Bassi, e un rovesciamento del governo in Sri Lanka, assistente della Webster University il professor Ralph Schoellhammer dice a Sky News .

Trattori guidati da agenti di polizia olandesi di guardia poiché la polizia olandese chiude l’accesso ad Apeldoorn sull’autostrada A1 fermare i potenziali agricoltori che manifestano contro i piani del governo olandese per ridurre le emissioni di gas serra di azoto, il 29 giugno 2022.  (Jeroen Jumelet/ANP/AFP tramite Getty Images)
Fonte

Schoellhammer ha scritto su Newsweek:

Una rivolta popolare contro le élite è diventata globale – Opinione

07 luglio 2022

NEWSETTIMANA 

“Questa è una tendenza più ampia, abbiamo già menzionato la Brexit e l’elezione di Donald Trump sono stati i sintomi del respingimento. Ma la situazione in cui ci troviamo è composta da quattro diversi gruppi”, ha spiegato.

“I primi sono gli attivisti, che credono davvero che la fine del mondo sia dietro l’angolo. E sono sovra rappresentati nei media, nel mondo accademico e nella sfera culturale”.

“Poi ci sono governi e politici a cui piace fare segnali di virtù a quelle persone principalmente perché sono molto attivi su Twitter. Credono di rappresentare una fetta enorme della popolazione”.

“E poi ci sono aziende che vogliono trarne profitto”, ha aggiunto. 

“Non credo che Unilever si preoccupi dell’ambiente, ma è qualcosa che devono dire per assecondare i clienti”.

“La classe operaia e la classe media, o le persone che vogliono solo pagare le tasse e vivere la vita, che non trascorrono molto tempo sui social media sono intrappolate in questo, sta invadendo sempre di più la loro vita quotidiana”.

“Ad esempio, per la Germania lasciare l’energia nucleare alle spalle era una posizione puramente politica e ideologica… si scopre che diventeranno più poveri.

Hanno accettato le idee eccentriche delle loro élite nella misura in cui non pensavano che avrebbero avuto un impatto negativo sulle loro vite. Ma ora vedono l’impatto negativo.”

“È la politica scolastica in Virginia, è la politica agricola nei Paesi Bassi, è il prezzo del gas in Francia, è l’energia nucleare in Germania…

Sono molto curioso di sapere come funzionerà, il futuro sarebbe qualcosa come hai appena menzionato, un partito della classe operaia social-conservatore… lo vedi con gli ispanici e i neri della classe operaia negli Stati Uniti che passano a il GOP perché i progressisti in alcune aree sono pazzi.

Vogliono solo passare a un partito di buon senso, penso che sia quello che vediamo in questo momento.”

“C’è un silenzio assordante dei media su queste proteste”, ha continuato. 

“Se osservi negli Stati Uniti e in Europa dove all’improvviso c’è questa preoccupazione tra la classe politica e dei media per la ‘disinformazione’ e per dire… devono stare attenti a quali informazioni escono là fuori. 

Questo fa parte di questo, il modo migliore per prevenire il respingimento da parte di un gran numero di persone è se non sanno che sta succedendo qualcosa.”

“Pensa alla situazione con i camionisti in Canada (sotto il video), quando hanno ritirato la loro conti bancari, si sono assicurati che GoFundMe ritirasse i propri sforzi di finanziamento.

Questo sta minando la possibilità di queste persone di organizzarsi. Non è una cospirazione, è ciò che fanno i gruppi di interesse e questi attori. 

Vedono una potenziale minaccia al loro potere e cercano di indebolirlo”.

Inizia a vedere alle 2:02…

Pubblicato sul sito web: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_greatreset134.htm

®wld

L’ultimo pugnale

Lascia un commento

FDA uguale terrorismo: quando ci informerà la Homeland Security?

by Jon Rappoport

(L’episodio 13 di Rappoport Podcasts — “The Real President” — è ora pubblicato nel mio substack. È un blockbuster. Per ascoltare, fare clic qui. Per saperne di più su questo episodio di Rappoport Podcast, fare clic qui.)


Se lavorassi per un’agenzia federale che ignora diligentemente un tasso di uccisioni di 100.000 americani all’anno, ogni anno, come un orologio, e se lo sapessi, non ti sentiresti in dovere di dire o fare qualcosa al riguardo?

Alla FDA, che è quell’agenzia federale, nessuno ha mai sentito il bisogno di farsi avanti e parlare.

Spostiamo la sede e facciamo la stessa domanda. Se tu fossi un giornalista medico per un importante mezzo di comunicazione negli Stati Uniti, e sapessi il fatto di cui sopra, non daresti una priorità a dire qualcosa, scrivere qualcosa, fare qualcosa?

E con questo, andiamo alle pistole fumanti. La citazione medica è: BMJ 7 giugno 2012 (BMJ 2012:344:e3989). Autore, Jeanne Lenzer.

Lenzer fa riferimento a un rapporto dell’Institute for Safe Medication Practices: “[Il rapporto] ha calcolato che nel 2011 i farmaci da prescrizione erano associati a da due a quattro milioni di persone negli Stati Uniti che hanno subito ‘lesioni gravi, invalidanti o mortali, inclusi 128.000 morti.’”

Il rapporto ha definito questo “uno dei pericoli più significativi per l’uomo derivanti dall’attività umana”.

Ed ecco l’ultimo pugnale. Il rapporto è stato compilato da ricercatori esterni che sono entrati nel database della FDA di “eventi avversi gravi [di farmaci]”.

Pertanto, dire che la FDA non è a conoscenza di questo risultato sarebbe assurdo. La FDA lo sa. La FDA lo sa e non dice nulla al riguardo, perché la FDA certifica, come sicuri ed efficaci, tutti i farmaci che regolarmente mutilano e uccidono gli americani.

E negli ultimi 10 anni circa, ho scritto e citato un rapporto pubblicato dalla defunta dott.ssa Barbara Starfield che indica che 106.000 persone negli Stati Uniti vengono uccise dai farmaci ogni anno. Fino alla sua morte nel 2011, la dottoressa Starfield ha lavorato presso la Johns Hopkins School of Public Health. Il suo rapporto, “La salute degli Stati Uniti è davvero la migliore al mondo?” , è stato pubblicato sul Journal of American Medical Association il 26 luglio 2000.

Dal momento che il Dipartimento per la sicurezza interna si sta facendo strada in ogni angolo della vita americana, estendendo il suo mandato per proteggerci tutti da tutto, perché il DHS non dovrebbe indagare sulla FDA come organizzazione terroristica?

Di quante pistole fumanti abbiamo bisogno prima che un presidente in carica chiuda gli edifici della FDA, fumiga il posto e persegua un gran numero di dipendenti della FDA?

Abbiamo bisogno di 100.000 pistole fumanti ogni anno? Abbiamo bisogno dei parenti delle persone che sono morte tutte nell’arco di appena un anno, per gli effetti velenosi dei farmaci approvati dalla FDA, portando i cadaveri alle porte della sede della FDA?

E permettimi un’altra domanda. Se invece di farmaci come warfarin, dabigatran, levofloxacina, carboplatino e lisinopril (i cinque principali killer nel database della FDA), i 100.000 decessi all’anno sono stati guidati da gingko, ginseng, vitamina D, niacina e latte crudo, cosa ne pensi? pensi che sarebbe successo?

Ti dirò cosa accadrebbe. SEALS, Delta Force, squadre SWAT, cecchini, droni predatori, carri armati e fanteria si sarebbero allineati e si sarebbero librati fuori da ogni negozio di alimenti naturali e produttore di integratori alimentari in America.

Tutte quelle storie false sulla stampa, riportate diligentemente dai cosiddetti giornalisti medici? Le storie su scoperte forse-potrebbero-essere-miracoli possibili appena oltre l’orizzonte della ricerca medica all’avanguardia? Quelle storie sono lì per oscurare i fatti molto, molto duri della morte per cause mediche sul campo.

Il dollaro si ferma alla FDA.

Tranne nel mondo reale, non è così. Il che ti dice qualcosa sul cosiddetto mondo reale e quanto di esso sia composto da propaganda.

Nessun farmaco negli Stati Uniti può essere rilasciato per uso pubblico a meno che e fino a quando la FDA non dichiari che è sicuro ed efficace. Questa è la regola. La FDA sta sputando approvazioni di farmaci mese dopo mese e anno dopo anno, e i farmaci stanno regolarmente uccidendo 100.000 persone all’anno e mutilando altri due milioni, il che aggiunge fino a un milione di morti ogni decennio e 20 milioni di mutilazioni ogni decennio. La FDA e il governo federale non stanno facendo nulla al riguardo, anche se sanno cosa sta succedendo. Questo è un omicidio di massa. Morte non accidentale. Omicidio. Un olocausto.

Vuoi un’altra citazione?

Ecco alcune citazioni orribili. Discuterò la fonte in seguito:

“… farmaci da prescrizione opportunamente prescritti sono la quarta causa di morte … Circa 330.000 pazienti muoiono ogni anno a causa di farmaci da prescrizione negli Stati Uniti e in Europa.”

“Loro [i farmaci] causano un’epidemia di circa 20 volte più [6,6 milioni all’anno] ricoveri, oltre a cadute, incidenti stradali e circa 80 milioni [all’anno] problemi medici minori come dolori, disagi e disfunzioni che zoppicare la produttività o la capacità di prendersi cura degli altri”.

“Le morti per overmedication, errori e automedicazione aumenterebbero queste cifre”.

In altre parole, i 330.000 decessi all’anno, i 6,6 milioni di ricoveri all’anno e gli 80 milioni di problemi “medicalmente minori” all’anno… tutto questo deriva da farmaci CORRETTAMENTE PRESCRITTI.

Le citazioni provengono dalla pubblicazione ASA [American Sociological Association] chiamata Footnotes, nel numero di novembre 2014. L’articolo è “L’epidemia di malattia e morte da farmaci da prescrizione”. L’autore dell’articolo è Donald W Light.

Donald W Light è un professore di sociologia medica ed economica. È membro fondatore del Center for Bioethics dell’Università della Pennsylvania. Nel 2013 è stato ricercatore presso l’Edmond J. Safra Center for Ethics di Harvard. È un Lokey Visiting Professor presso la Stanford University e un Fellow della Royal Society of Medicine.

È stata mia politica citare analisti medici che hanno credenziali tradizionali, quando si tratta di sommare i risultati della distruzione di farmaci.

Lo faccio per dimostrare che, rifiutandosi di riparare l’olocausto, il governo federale, le scuole di medicina e le aziende farmaceutiche non possono affermare che i loro critici e detrattori sono “ricercatori marginali”.

Credetemi, i funzionari che avrebbero dovuto riparare l’enorme tragedia almeno negli ultimi 15 anni sono intenzionati a nasconderla.

Quando ti fermi a pensare al significato di questi numeri medici, una delle cose che ti rendi conto è: questa massiccia distruzione della vita avvolge interi paesi.

Non solo mutila e uccide, ma porta turbamenti emotivi e perdite alle famiglie, agli amici, ai colleghi e ai colleghi di coloro che vengono uccisi e mutilati: i 330.000 uccisi e i 6,6 milioni ricoverati in ospedale e gli 80 milioni i cui la produttività è ridotta o la cui capacità di prendersi cura degli altri è notevolmente ridotta.

Se hai deciso consapevolmente di mettere in ginocchio una nazione;

ucciderlo;

per renderlo incapace di funzionare a qualsiasi livello ragionevole;

sarebbe difficile trovare un metodo più efficace a lungo termine che esporre la popolazione al cartello dei farmaci statunitensi/europei.

FONTE

®wld

La mania del cambiamento climatico dell’energia verde sta crollando

Lascia un commento

(Chinatopix tramite AP)

Pubblicato da: Stacy Lennox tramite PJ Media

Con l’infuriare della crisi energetica globale, sempre più leader nazionali stanno scoprendo la causa principale, vale a dire, i radicali del greenwashing che hanno promosso fonti di energia alternative dirompenti come l’eolico e il solare, a scapito della distruzione delle fonti esistenti di energia a basso costo come carbone, petrolio e gas naturale . La tendenza si sta invertendo a malincuore poiché la carenza di energia minaccia la depressione economica. ⁃ Editore TN

Mentre il presidente Joe Biden diventa poetico sulla straordinaria “transizione” che influenzerà le sue politiche energetiche, il fervore verde in Europa vacilla. L’ex cancelliera tedesca Angela Merkel ha guidato la carica in Europa. Ha fatto un ottimo lavoro che Spiegel International chiamato l’elettricità un bene di lusso nel 2013. Allora la Germania pagava le tariffe elettriche più alte d’Europa e un supplemento per le energie rinnovabili era pronta ad aumentarle del 20%. Il ministro dell’Ambiente tedesco Peter Altmaier ha fornito il seguente consiglio ai tedeschi che lottano per pagare per il “progetto del secolo” della Merkel, Energiewende. Il progetto politico è passato dall’uso del nucleare all'”energia verde”, come l’eolico e il solare.

“Unisciti e inizia oggi”, scrive Altmaier nell’introduzione. Poi si dedica ad attività quotidiane come la cottura al forno e la cucina. “Evitare il preriscaldamento e utilizzare il calore residuo”, consiglia Altmaier. I telespettatori possono anche risparmiare molta elettricità, anche se a scapito della qualità dell’immagine. “Ad esempio, puoi ridurre la luminosità e il contrasto”, suggerisce il suo opuscolo.

Come sappiamo ora, la Merkel ha adottato un approccio “non nel mio cortile” (NIMBY) e ha aumentato le importazioni di combustibili fossili dalla Russia. Le sue politiche ecologiche sono state uno dei principali fattori che hanno spinto il presidente Biden a revocare le sanzioni sull’oleodotto Nord Stream 2. Molti, incluso il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, credono che Biden cedendo alla Merkel abbia incoraggiato il presidente russo Vladimir Putin nella sua invasione dell’Ucraina. Cibo ed energia sono le cause alla base della maggior parte delle guerre e l’attuale conflitto non fa eccezione.

Tuttavia, la guerra sta costringendo il nuovo governo tedesco a dare un’occhiata alle politiche a favore della scarsità di energia verde che hanno imposto alla loro popolazione per anni. La Russia sta limitando il flusso di gas naturale verso l’Europa. A differenza della Francia, che non ha ucciso la sua capacità di energia nucleare, la restrizione della Russia colpisce la Germania ancora più duramente perché il presidente Joe Biden ha adottato le stesse ridicole politiche NIMBY impiegate dalla Merkel e gli Stati Uniti non possono aumentare le spedizioni in Germania.

Quindi la Germania sta accendendo centrali a carbone. Secondo l’ Wall Street Journal:

La Germania riavvierà le centrali elettriche a carbone e offrirà incentivi alle aziende per limitare il consumo di gas naturale, segnando un nuovo passo nella guerra economica tra Europa e Russia.

Berlino ha svelato le misure domenica dopo che la Russia ha tagliato le forniture di gas all’Europa la scorsa settimana, reagendo alle sanzioni europee e al sostegno militare all’Ucraina.

I passaggi, parte di una strategia più ampia avviata dopo l’invasione dell’Ucraina, mirano a ridurre il consumo di gas e deviare le consegne di gas agli impianti di stoccaggio per garantire che il paese abbia riserve sufficienti per superare l’inverno.

Nel frattempo, sembra che l’Unione Europea stia cercando di mettere in ginocchio i veicoli eolici, solari ed elettrici. Secondo Rystand Energy:

Un potenziale atto della Commissione Europea (CE) per classificare il litio come tossina riproduttiva di Categoria 1A nel quarto trimestre di quest’anno potrebbe minare il tentativo dell’Unione Europea (UE) di creare e supportare una catena di approvvigionamento di materiali per batterie nazionali. L’UE attualmente fa molto affidamento sulle importazioni di litio per rifornire il suo nascente settore di produzione di veicoli elettrici (EV) e la classificazione potrebbe aumentare la sua dipendenza da altre regioni, in un momento in cui l’unione è focalizzata sulla sicurezza energetica e sulla riduzione delle emissioni.

Le persone che mettono in dubbio la saggezza dell’energia solare ed eolica perché sono fonti a bassa densità hanno spesso indicato la tossicità dei materiali utilizzati nei pannelli solari e nelle batterie. Litio e cobalto, utilizzati nelle batterie agli ioni di litio, hanno entrambi dimostrato tossicità per l’uomo, da qui le avvertenze ogni volta che si riceve un prodotto che ne contiene uno. È anche il motivo per cui non puoi smaltirli in una discarica. Anche l’estrazione di metalli delle terre rare è un pasticcio ambientale. La loro produzione sembra essere un’altra opportunità NIMBY per le nazioni occidentali che non le mineranno a casa, acquistandole invece dalla Cina. La maggior parte dell’estrazione e della raffinazione di questi metalli avviene lì.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

®wld

Quali azioni disperate e pericolose stanno intraprendendo le strutture di potere globali in preparazione?

Lascia un commento

Geoengineering Watch Global Alert News, 4 giugno 2022, n. 356

Domenica 5 giugno è la Giornata Mondiale dell’Ambiente, siamo già troppo tardi per salvare il nostro pianeta morente? Le Nazioni Unite hanno appena emesso un avviso di “collasso totale della società” dovuto alla “violazione dei confini planetari”.

Quali azioni disperate e pericolose stanno intraprendendo le strutture di potere globali in preparazione? La produzione agricola non è l’unica fonte di cibo che sta crollando, così come gli allevamenti ittici e l’industria ittica nel suo insieme.

L’implosione dell’industria dell’allevamento del salmone della Nuova Zelanda è solo un esempio tra innumerevoli altri. Cosa succede quando non c’è abbastanza da mangiare? Mentre molti sono ancora aggrappati alla conclusione che la tecnologia in qualche modo ci salverà da noi stessi, gli studi appena pubblicati continuano a rivelare esattamente il contrario. Che succede ora? L’ultima puntata di Global Alert News è di seguito.

FONTE

®wld

Older Entries