Home

Maschere & Mascherine: Tutto quello che probabilmente non sai

Lascia un commento

Le maschere sono una bomba a orologeria

Analisi del Dr. Joseph Mercola

Storia in breve:

  • Si stima che in tutto il mondo vengano utilizzate 129 miliardi di maschere per il viso ogni mese, il che equivale a circa 3 milioni di maschere al minuto
  • Non solo le maschere non vengono riciclate, ma i loro materiali le rendono probabile che persistano e si accumulino nell’ambiente
  • Poiché le maschere possono essere realizzate direttamente con fibre di plastica microsize con uno spessore compreso tra 1 mm e 10 mm, possono rilasciare particelle microsize nell’ambiente più prontamente – e più velocemente – rispetto a oggetti in plastica più grandi, come i sacchetti di plastica
  • I microbi dalla bocca, noti come commensali orali, entrano frequentemente nei polmoni, dove sono stati collegati al cancro del polmone in stadio avanzato; indossare una maschera potrebbe potenzialmente accelerare questo processo
  • La “nuova normalità” del mascheramento diffuso sta interessando non solo l’ambiente ma anche la salute mentale e fisica degli esseri umani

Il pianeta potrebbe dover affrontare una nuova crisi della plastica, simile a quella provocata dall’acqua in bottiglia, ma questa volta coinvolge le maschere scartate. Il “mascheramento di massa” continua ad essere raccomandato dalla maggior parte dei gruppi di salute pubblica durante la pandemia COVID-19, nonostante la ricerca abbia dimostrato che le maschere non riducono significativamente l’incidenza dell’infezione. 1

Di conseguenza, si stima che in tutto il mondo vengano utilizzate 129 miliardi di maschere per il viso ogni mese, il che equivale a circa 3 milioni di maschere al minuto. La maggior parte di questi sono la varietà usa e getta, realizzata con microfibre di plastica. 2

Di dimensioni variabili da cinque millimetri (mm) a lunghezze microscopiche, le microplastiche, che includono microfibre, vengono ingerite da pesci, plancton e altre forme di vita marina, nonché dalle creature sulla terra che le consumano (compresi gli esseri umani 3 ).

Più di 300 milioni di tonnellate di plastica vengono prodotte a livello globale ogni anno, e questo prima che indossare la maschera diventasse un’abitudine quotidiana. La maggior parte finisce come rifiuto nell’ambiente, portando i ricercatori dell’Università della Danimarca meridionale e dell’Università di Princeton ad avvertire che le maschere potrebbero diventare rapidamente “il prossimo problema di plastica”. 4

Perché le maschere usa e getta possono essere anche peggiori delle bottiglie di plastica

La crisi dell’acqua in bottiglia è ora ben nota come una delle principali fonti di inquinamento ambientale da plastica, ma dovrebbe essere superata da una nuova crisi delle maschere. Mentre circa il 25% delle bottiglie di plastica viene riciclato, “non esiste una guida ufficiale sul riciclaggio delle maschere, il che rende più probabile che venga smaltito come rifiuto solido”, hanno affermato i ricercatori. “Con l’aumento dei rapporti sullo smaltimento inappropriato delle maschere, è urgente riconoscere questa potenziale minaccia ambientale”. 5

Non solo le maschere non vengono riciclate, ma i loro materiali le rendono probabile che persistano e si accumulino nell’ambiente. La maggior parte delle maschere per il viso usa e getta contiene tre strati: uno strato esterno in poliestere, uno strato intermedio in polipropilene o polistirolo e uno strato interno in materiale assorbente come il cotone.

Il polipropilene è già una delle plastiche più problematiche, poiché è ampiamente prodotta e responsabile di un grande accumulo di rifiuti nell’ambiente, oltre ad essere un noto fattore scatenante dell’asma. 6 Inoltre, i ricercatori hanno notato: 7

“Una volta nell’ambiente, la maschera è soggetta alla radiazione solare e al calore, ma la degradazione del polipropilene è ritardata a causa della sua elevata idrofobicità, alto peso molecolare, mancanza di un gruppo funzionale attivo e catena continua di unità metileniche ripetitive. Queste proprietà recalcitranti portano alla persistenza e all’accumulo nell’ambiente.

Hanno anche affermato che quando le maschere vengono esposte alle intemperie nell’ambiente, possono generare un gran numero di particelle di polipropilene microsize nel giro di poche settimane, quindi degradarsi ulteriormente in nanoplastiche di dimensioni inferiori a 1 mm.

Poiché le maschere possono essere realizzate direttamente da fibre di plastica microsize con uno spessore compreso tra 1 mm e 10 mm, possono rilasciare particelle microsize nell’ambiente più prontamente – e più velocemente – rispetto a oggetti di plastica più grandi, come i sacchetti di plastica.

Inoltre, “Tali impatti possono essere aggravati da una maschera di nuova generazione, le nanomaschere, che utilizzano direttamente fibre di plastica di dimensioni nanometriche (ad esempio, diametro <1 mm) e aggiungono una nuova fonte di inquinamento nanoplastico”. 8 Un rapporto di OceansAsia ha inoltre stimato che 1,56 miliardi di maschere per il viso potrebbero essere entrate negli oceani del mondo nel 2020, sulla base di una stima di produzione globale di 52 miliardi di maschere prodotte quell’anno e un tasso di perdita del 3%, che è conservativo.

Sulla base di questi dati e di un peso medio da 3 a 4 grammi per una maschera chirurgica in polipropilene monouso, le maschere aggiungerebbero 4.680 a 6.240 tonnellate metriche aggiuntive di inquinamento da plastica all’ambiente marino, che, notano, “prenderà come fino a 450 anni per abbattere, trasformandosi lentamente in microplastiche con un impatto negativo sulla fauna marina e sugli ecosistemi “. 9

Le maschere che entrano in ambienti marini comportano rischi aggiuntivi

È noto che le particelle di plastica percorrono grandi distanze, ponendo rischi immensi praticamente in ogni parte del globo. Piccoli pezzi di plastica segnati dalle intemperie – suggerendo che avevano intrapreso un lungo viaggio – sono stati trovati in cima ai Pirenei nel sud della Francia 10 e “nelle zone più settentrionali e più orientali della Groenlandia e dei mari di Barents”. 11

Definendo l’area dei mari della Groenlandia e di Barents un “vicolo cieco” per i detriti di plastica, i ricercatori hanno ipotizzato che il fondo marino sottostante sarebbe stato un punto di riferimento per l’accumulo di detriti di plastica. 12 In una ricerca separata, è stato anche rivelato che l’inquinamento da plastica ha raggiunto l’Oceano Antartico che circonda l’Antartide, un’area ritenuta per lo più priva di contaminazione. 13 Secondo lo studio presentato: 14

“Quando non sono adeguatamente raccolte e gestite, le maschere possono essere trasportate dalla terra all’acqua dolce e agli ambienti marini tramite il deflusso superficiale, le correnti dei fiumi, le correnti oceaniche, il vento e gli animali (tramite intrappolamento o ingestione). La presenza di maschere di scarto è stata segnalata sempre più in ambienti diversi e i social media hanno condiviso la fauna selvatica aggrovigliata nelle cinghie elastiche delle maschere “.

Tali plastiche contengono anche contaminanti, come gli idrocarburi policiclici (IPA), che possono essere genotossici (cioè causare danni al DNA che potrebbero portare al cancro), insieme a coloranti, plastificanti e altri additivi legati ad ulteriori effetti tossici, tra cui tossicità riproduttiva, cancerogenicità e mutagenicità. 15

A parte la tossicità chimica, l’ingestione di microplastiche da maschere degradate e altri rifiuti di plastica è anche tossica a causa delle particelle stesse e del potenziale che potrebbero trasportare microrganismi patogeni.

Un altro problema di cui si parla raramente è il fatto che quando si indossa una maschera, vengono rilasciate minuscole microfibre, che possono causare problemi di salute se inalate. Il rischio aumenta quando le maschere vengono riutilizzate. Questo rischio è stato evidenziato in uno studio sulle prestazioni che sarà pubblicato nel numero di giugno 2021 del Journal of Hazardous Materials. 16

I ricercatori dell’Università di Xi’an Jiaotong hanno anche affermato che scienziati, produttori e regolatori devono valutare l’inalazione di detriti microplastici e nanoplastici versati dalle maschere, sia usa e getta che di stoffa, osservando: 17

“… [C] i reclami di irritazione alla gola o fastidio alle vie respiratorie da parte di bambini, anziani o altri soggetti sensibili dopo averli indossati possono essere segnali di allarme di quantità eccessive di detriti respirabili inalati da maschere e respiratori fatti in casa.

Nello studio in primo piano i ricercatori hanno anche invitato la comunità di ricerca ambientale a “muoversi velocemente per comprendere e mitigare questi rischi”, suggerendo che le maschere di stoffa riutilizzabili siano promosse al posto delle opzioni usa e getta e che i bidoni della spazzatura con le sole maschere siano impostati per aiutare nella corretta disposizione. 18 Tuttavia, un’altra opzione sarebbe quella di allentare o eliminare i mandati relativi alle maschere, che potrebbero rivelarsi più dannosi che benefici.

L’uso della maschera può comportare un rischio di cancro al polmone in stadio avanzato

Sebbene sia risaputo che il microbiota intestinale influisce sul sistema immunitario e sul rischio di malattie croniche, è stato a lungo ritenuto che i polmoni fossero sterili. Ora è noto che i microbi della tua bocca, noti come commensali orali, entrano frequentemente nei tuoi polmoni. 19 Non solo, ma i ricercatori della Grossman School of Medicine della New York University (NYU) hanno rivelato che quando questi commensali orali sono “arricchiti” nei polmoni, è associato al cancro. 20

In particolare, in uno studio su 83 adulti con cancro ai polmoni, quelli con cancro in stadio avanzato avevano più commensali orali nei polmoni rispetto a quelli con cancro in stadio iniziale. Quelli con un arricchimento di commensali orali nei polmoni avevano anche una ridotta sopravvivenza e un peggioramento della progressione del tumore.

Sebbene lo studio non abbia esaminato il modo in cui l’uso della maschera potrebbe influenzare i commensali orali nei polmoni, hanno notato: “Il microbiota delle vie aeree inferiori, sia in stato di salute che di malattia, è principalmente influenzato dall’aspirazione delle secrezioni orali e dal microbiota delle vie aeree inferiori. i prodotti sono in costante interazione con il sistema immunitario dell’ospite.” 21

Sembra altamente probabile che indossare una maschera acceleri l’accumulo di microbi orali nei polmoni, sollevando così la questione se l’uso della maschera possa essere collegato al cancro del polmone in stadio avanzato. Il National Institutes of Health ha anche condotto uno studio 22 che ha confermato che quando si indossa una maschera la maggior parte del vapore acqueo che normalmente si espirerebbe rimane nella maschera, si condensa e viene nuovamente inalata. 23

Sono arrivati ​​al punto di suggerire che indossare una maschera umida e inalare l’aria umida del proprio respiro fosse una buona cosa, perché avrebbe idratato le vie respiratorie. Ma data la scoperta che l’inalazione dei microbi dalla bocca può aumentare il rischio di cancro avanzato, questo non suona affatto come un vantaggio.

Per non parlare, l’umidità all’interno della maschera consentirà ai batteri patogeni di crescere e moltiplicarsi rapidamente e, poiché la maschera rende più difficile respirare, è probabile che respiri più pesantemente, rischiando così di inalare i microbi ancora più in profondità nei tuoi polmoni.

Le maschere danneggiano bambini e adulti

La “nuova normalità” del mascheramento diffuso sta interessando non solo l’ambiente ma anche la salute mentale e fisica degli esseri umani, compresi i bambini. Si presume in gran parte che le maschere facciali siano “sicure” per i bambini da indossare per lunghi periodi, ad esempio durante la scuola, ma non è stata effettuata alcuna valutazione del rischio. 24 Inoltre, come dimostra il primo registro tedesco che registra l’esperienza vissuta dai bambini con le maschere. 25

Utilizzando i dati su 25.930 bambini, sono stati segnalati 24 problemi di salute associati all’uso di maschere che rientrano nelle categorie di problemi fisici, psicologici e comportamentali. 26 Hanno registrato sintomi che: 27

“… inclusi irritabilità (60%), mal di testa (53%), difficoltà di concentrazione (50%), meno felicità (49%), riluttanza ad andare a scuola / all’asilo (44%), malessere (42%), disturbi dell’apprendimento 38%) e sonnolenza o affaticamento (37%). “

Hanno anche scoperto che il 29,7% ha riferito di sentirsi a corto di fiato, il 26,4% di vertigini e il 17,9% di non voler muoversi o giocare. 28 Centinaia di più esperti “respirazione accelerata, senso di oppressione al petto, debolezza e compromissione della coscienza a breve termine”.

È anche noto che le microplastiche esistono nella placenta umana, 29 e studi sugli animali mostrano che le particelle di plastica inalate passano attraverso la placenta e nel cuore e nel cervello dei feti. 30 Anche i feti esposti alle microplastiche hanno guadagnato meno peso nell’ultima parte della gravidanza. 31

“Abbiamo trovato le nanoparticelle di plastica ovunque guardassimo: nei tessuti materni, nella placenta e nei tessuti fetali. Li abbiamo trovati nel cuore, nel cervello, nei polmoni, nel fegato e nei reni del feto”, ha detto al Guardian Phoebe Stapleton della Rutgers University. 32

Il dottor Jim Meehan, un oftalmologo e specialista in medicina preventiva che ha eseguito più di 10.000 procedure chirurgiche ed è anche un ex editore della rivista medica Ocular Immunology and Inflammation, ha anche condotto un’analisi scientifica basata sull’evidenza sulle maschere, che mostra che non solo le persone sane non dovrebbero indossare maschere, ma potrebbero essere danneggiate di conseguenza. 33

Meehan suggerisce che l’idea di indossare una maschera sfida il buon senso e la ragione, considerando che la maggior parte della popolazione ha un rischio molto basso o quasi nullo di ammalarsi gravemente a causa del COVID-19. Ha anche compilato 17 modi in cui le maschere possono causare danni: 34

  • Le maschere mediche influenzano negativamente la fisiologia e la funzione respiratoria
  • Le maschere mediche abbassano i livelli di ossigeno nel sangue
  • Le maschere mediche aumentano i livelli di anidride carbonica nel sangue
  • SAR-CoV-2 ha un sito di “scissione della pelliccia” che lo rende più patogeno e il virus entra nelle cellule più facilmente quando i livelli di ossigeno arterioso diminuiscono, il che significa che indossare una maschera potrebbe aumentare la gravità del COVID-19
  • Le maschere mediche intrappolano il virus esalato nella bocca / maschera, aumentando la carica virale / infettiva e aumentando la gravità della malattia
  • SARS-CoV-2 diventa più pericoloso quando i livelli di ossigeno nel sangue diminuiscono
  • Il sito di scissione della furina di SARS-CoV-2 aumenta l’invasione cellulare, specialmente durante bassi livelli di ossigeno nel sangue
  • Le maschere in tessuto possono aumentare il rischio di contrarre COVID-19 e altre infezioni respiratorie
  • Indossare una maschera facciale può dare un falso senso di sicurezza
  • Le maschere compromettono la comunicazione e riducono le distanze sociali
  • La gestione inadeguata e inadeguata delle maschere per il viso è comune
  • Le maschere indossate in modo imperfetto sono pericolose
  • Le maschere raccolgono e colonizzano virus, batteri e muffe
  • Indossare una maschera per il viso fa entrare l’aria espirata negli occhi
  • Studi di tracciamento del contatto mostrano che la trasmissione asintomatica da portatori è molto rara
  • Le maschere per il viso e gli ordini di permanenza a casa impediscono lo sviluppo dell’immunità della mandria
  • Le maschere per il viso sono pericolose e controindicate per un gran numero di persone con condizioni mediche e disabilità preesistenti

Aggiungendo la beffa al danno, il primo studio controllato randomizzato di oltre 6.000 individui per valutare l’efficacia delle maschere chirurgiche contro l’infezione da SARS-CoV-2 ha rilevato che le maschere non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l’incidenza dell’infezione. 35

Considerando la mancanza di prove per il loro uso e i potenziali danni alla salute umana e all’ambiente, non c’è da meravigliarsi che stiano crescendo le richieste di disobbedienza civile pacifica contro il mascheramento obbligatorio. L’organizzazione no profit statunitense Stand for Health Freedom dispone di un widget che puoi utilizzare per contattare i rappresentanti del tuo governo e informarli che indossare una maschera deve essere una scelta personale.

Fonte: https://articles.mercola.com/

®wld

Una Tecnica disastrosa per i sistemi meteorologici che nessuno può prevedere.

1 commento

Bill Gates di ‘End Times Villain’ prosegue con il piano di ‘Bloccare il Sole’

from HumansAreFree Website

Bill Gates, il cattivo della fine dei tempi sta andando avanti con il piano di “bloccare il Sole” spruzzando milioni di tonnellate di gesso nell’atmosfera per riflettere la lucxe solare


Bill Gates vuole spruzzare milioni di tonnellate di GESSO nella stratosfera per riflettere la luce solare e rallentare il “riscaldamento globale“, ma i critici temono che possa essere disastroso. So che questo articolo ti fa sentire come se stessi visitandoThe Babylon Bee, ma purtroppo è fin troppo reale.
Ricordi quel programma The Outer Limits?

“Non c’è niente di sbagliato nel tuo televisore. Non tentare di regolare l’immagine. Stiamo controllando la trasmissione. Se vogliamo aumentare il volume, alzeremo il volume.”

Sì, è lì che siamo nella sequenza temporale della fine dei tempi …

Le cose quaggiù sul Pianeta Terra diventano sempre più strane di ora in ora, quindi allaccia le cinture.

“Guardate fra le nazioni, e guardate e meravigliatevi in ​​modo meraviglioso: poiché nei vostri giorni lavorerò un’opera alla quale non crederete, sebbene vi venga detto”.

Abacuc 1: 5 (KJB)

Bill Gates potrebbe diventare più malvagio, più strano o più fastidioso …?

Di sicuro può …

Aspetta solo che inizi a “costruire cose” sui suoi 250.000 acri di terreno agricolo, non sarà divertente?

Aspettate solo che costringa tutti a mangiare carne finta coltivata in laboratorio, buonissimo!

Aspetta finché non blocca il sole con una bomba di gesso da 12 tonnellate, aspetta … cosa?

L’idea è stata pesantemente criticata sin dal suo inizio, con il direttore del progetto Frank Keutsch che ha persino definito la necessità di questa scala di geoingegneria “terrificante”.

Da DAILY MAIL UK:

Il primo test di un progetto sostenuto per spruzzare milioni di tonnellate di gesso nella stratosfera, nel tentativo di “oscurare il sole” e raffreddare la Terra (più di questo …?), Potrebbe avvenire a giugno.

E gli esperti hanno avvertito che la tecnica insolita potrebbe essere disastrosa per i sistemi meteorologici in modi che nessuno può prevedere.

Sostenuta da una serie di donatori privati, tra cui Gates, la missione di prova sta per partire dalla Svezia in quanto potrebbero offrire un lancio entro la fine di questa estate.

Il test userebbe
un pallone scientifico ad alta quota (nella foto)
per sollevare circa 2 kg di polvere di carbonato di calcio
– le dimensioni di un sacco di farina – nell’atmosfera
12 miglia sopra la superficie fonte

Ci vorrebbero tonnellate di polvere e pennacchi per molte centinaia di chilometri per fare la differenza – la teoria è che la polvere creerebbe un enorme ombrellone

Riferimenti

Avviso dell’ultimo minuto :

Pubblicato sul sito web: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_win-micro-gates98.htm

*****************************************************

Correlato:

La Filantropia è il nemico della Giustizia

®wld

Dopo le chiusure delle attività economiche, sono in arrivo i blocchi climatici

Lascia un commento

Sulla base del successo pandemico, i “blocchi climatici” sono i prossimi

Postato da: Robert Wenzel tramite Economic Policy Journal

Il grande panico del 2020 è stato perpetrato dagli stessi allarmisti climatici che hanno guidato il panico da riscaldamento globale. Ora, riuscendo a chiudere l’attività economica, stanno proponendo distopici “Blocchi climatici”. ⁃ TN Editor

Pensi che non possa andare molto peggio dei blocchi di COVID-19?

Pensa di nuovo.

Un professore mancino collegato all’establishemnt, afferma che “nel prossimo futuro, il mondo potrebbe dover ricorrere di nuovo ai blocchi, questa volta per affrontare un’emergenza climatica”.

“In un ‘blocco climatico’, i governi limiterebbero l’uso di veicoli privati, vieterebbero il consumo di carne rossa e imporrebbero misure estreme di risparmio energetico, mentre le aziende di combustibili fossili dovrebbero smettere di perforare”, scrive Mariana Mazzucato, professore presso il Economics of Innovation and Public Value Center presso l’University College di Londra, in un documento intitolato “Evitare un blocco climatico“.

Il titolo del suo articolo è molto fuorviante. Crede che i blocchi climatici saranno necessari a meno che non “rivediamo le nostre strutture economiche e facciamo il capitalismo in modo diverso”.

Tre ostacoli alla revisione devono essere rimossi, afferma, “affari guidati dagli azionisti anziché guidati dagli stakeholder, finanza utilizzata in modi inadeguati e inappropriati e governo basato su un pensiero economico obsoleto e presupposti errati”. Sta davvero parlando di economia fascista, dove i governi stabiliscono le politiche delle imprese del settore “privato”:

[G] l’assistenza finanziaria alle imprese deve riguardare meno sussidi, garanzie e salvataggi e più che altro sulla costruzione di partnership. Ciò significa applicare condizioni rigorose a qualsiasi salvataggio aziendale per garantire che il denaro dei contribuenti sia destinato a un uso produttivo e generi valore pubblico a lungo termine, non profitti privati ​​a breve termine … Poiché i mercati non guideranno da soli una rivoluzione verde, la politica del governo deve guidare loro in quella direzione. Ciò richiederà uno stato imprenditoriale che innova, si assume rischi e investe insieme al settore privato.

Dal  New York Times:

Il suo messaggio ha attirato una serie di politici americani. La senatrice Elizabeth Warren, democratica del Massachusetts … ha incorporato il pensiero del dottor Mazzucato in diverse implementazioni politiche, tra cui una che userebbe “R & S federale per creare posti di lavoro interni e investimenti sostenibili in futuro” e un’altra che autorizzerebbe il governo a ricevere un ritorno sugli investimenti nell’industria farmaceutica. La Dott.ssa Mazzucato ha anche consultato la Rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez, Democratica di New York, e il suo team sui modi in cui una politica industriale più attiva potrebbe catalizzare un Green New Deal …

Anche i repubblicani hanno trovato qualcosa che gli piace. A maggio [2019], il senatore Marco Rubio della Florida ha accreditato più volte il lavoro del dottor Mazzucato in “Investimenti americani nel 21 ° secolo”, la sua proposta per far ripartire la crescita economica. “Dobbiamo costruire un’economia in grado di superare la pressione per comprendere la creazione di valore in termini finanziari ristretti e di breve periodo”, ha scritto nell’introduzione, “e invece immaginare un futuro in cui vale la pena investire a lungo termine”. ..

[Una] figura carismatica in un campo controverso che non genera molte star – è stata recentemente profilata nell’edizione del Regno Unito della rivista Wired … Le sue idee … stanno trovando un pubblico ricettivo in tutto il mondo. Nel Regno Unito, il lavoro della dott.ssa Mazzucato ha influenzato Jeremy Corbyn, leader del partito laburista, e Theresa May, ex primo ministro, e ha consigliato al leader scozzese Nicola Sturgeon la progettazione e la creazione di una banca nazionale di investimenti. Fornisce inoltre consulenza a enti governativi in ​​Germania, Sud Africa e altrove. “Nel sporcarmi le mani”, ha detto, “imparo e lo riporto alla teoria …

[S] ha indicato un annuncio sul suo laptop. Era stata nominata per il primo Non il Premio Nobel, un encomio inteso a promuovere “un nuovo pensiero economico”. “I governi si sono resi conto del fatto che il modo di pensare tradizionale non li sta aiutando”, ha detto, spiegando il suo appello a politici e responsabili politici. Pochi giorni dopo, ha vinto.

Il mondo è pieno di economisti con idee pessime, ma le idee di pianificazione centrale di Mazzucato sono tra le peggiori. È piena di idee che porterebbero a molestie nei confronti di individui e aziende indipendenti. Combina questo con quanto segue che sta raccogliendo e la rende estremamente pericolosa.

Goditi i tuoi hamburger finché puoi.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

L’umanità sarà fortunata ad emergere da questo genocidio globale ingegnerizzato con anche un miliardo di sopravvissuti

3 commenti

Non siamo la prima civiltà sulla Terra ad affrontare una catastrofica CANCELLAZIONE

HAF

La civiltà umana come la conosciamo attualmente non sopravviverà a lungo. Oltre ai difetti strutturali critici che l’umanità ha incorporato nei suoi sistemi complessi (come cibo, elettricità, finanza, politica, ecc.), I globalisti anti-umani stanno rapidamente implementando piani per abbattere deliberatamente la razza umana e preparare la Terra per un futuro post-umano.

Quello che poche persone moderne sembrano riconoscere è che questa non è la prima volta che una civiltà umana cade sul pianeta Terra . Almeno un’ex civiltà globale è crollata e quasi tutte le prove della sua esistenza sono state a lungo sepolte o distrutte.

Guardati intorno oggi e fai questa domanda: vedi qualcosa che sopravviverebbe per 1.000 anni se la civiltà umana collassasse?

Nessun edificio rimarrebbe dopo 1.000 anni e quasi tutte le “cose” che definiscono la nostra società odierna scomparirebbero, specialmente se fossero sepolte sotto l’acqua e il fango a seguito dell’impatto di un asteroide o di un altro Diluvio Universale.

L’intero regno digitale della conoscenza umana svanirebbe, poiché oggi non esistono sistemi di archiviazione artificiali in grado di memorizzare informazioni per 1.000 anni. I dischi rigidi perdono la loro integrità in circa un decennio e persino i supporti di memorizzazione ottici si degradano nell’arco di un secolo o due.

Forse le uniche prove che potrebbero rimanere dalla nostra attuale civiltà sarebbero ponti di cemento e uno strato di microplastiche depositate in tutto il mondo, portando i futuri archeologi a dichiarare che questa civiltà collassata è esistita durante l ‘”epoca tossica”.

Le grandi piramidi in Egitto sarebbero sopravvissute, ovviamente. Come hanno già dimostrato attraverso almeno un crollo avvenuto più di 10.000 anni fa.

Leggi anche: Le piramidi di Giza si allineavano perfettamente con la cintura di Orione nell’anno 10.450 a.C.

La civiltà umana è molto più fragile di quanto la maggior parte delle persone riconosca, e con globalisti anti-umani come Bill Gates che ora cercano deliberatamente di far collassare la fotosintesi e l’intero approvvigionamento alimentare globale, non passerà molto tempo prima che la morte di massa acceleri.

L’umanità sarà fortunata ad emergere da questo genocidio globale ingegnerizzato con anche un miliardo di sopravvissuti … e questo è ancora molto più alto di quello che i globalisti stanno cercando di ottenere con le loro armi biologiche, le operazioni di terraformazione per alterare l’atmosfera e le campagne di disinformazione dei media per condurre terrorismo contro l’umanità.

Questo è l’argomento principale dell’odierno aggiornamento della situazione, che porta informazioni sorprendenti sulla vera storia dell’umanità e sul perché la civiltà umana come la conosciamo oggi è sull’orlo di un crollo catastrofico che metterà fine al mondo (umano) come lo conosciamo.

La lista dei re sumeri si estende per oltre 241.000 anni prima di un grande diluvio

Ascolta qui: https://www.brighteon.com/d5cef1c9-3335-4d77-b41e-e816a8394c95

Fonti: Afinalwarning.com ; Brighteon.com

Pubblicato sul sito web: https://humansarefree.com/

Correlati:

Il Sistema Operativo Umano

Come ti piace la tua neve? Naturale? O artificiale?

®wld

SE SON SPINE…

Lascia un commento

SE SON SPINE…

Di: Dottor Roberto Slaviero – 23.02.21

Se son rose … fioriranno, si soleva dire un tempo. Se son spine…pungeranno!

https://www.treccani.it/vocabolario/solere/

Come volevasi dimostrare, il cambio del testimone al governo, era solo il modo per incastrare una parte della cosiddetta “destra”, perché non rompesse troppo le palle alla cabina di regia.

Infatti alla Lega, sono stati conferiti il Ministero del Turismo e dello Sviluppo Economico e Draghi nel suo discorso programmatico, ha dichiarato che il turismo sarà la base di rilancio per l’Italia!

Ed ecco, infatti, che con  il primo Dpcm, mantiene bloccati gli spostamenti tra le regioni, fino a fine marzo. Complimenti!

Per gli impianti di risalita dello sci, avevamo già capito mesi fa l’andazzo e cosi gli eventuali spiccioli della stagione invernale 20-21 … marameo!

I danni sono incalcolabili!

I pagliacci dei virologi della banda Speranza e  Governatori vari, non sapendo più come fare per far continuare le chiusure, stanno trovando svariate forme di varianti corona, estremamente pericolose, a loro dire.

Non possono dire che le varianti, sono semplicemente le solite virosi invernali, che da sempre, da millenni, MUTANO spontaneamente e ci accompagnano in tutti gli inverni passati, presenti e futuri!

Per tale motivo infatti, ogni anno, i classici vaccini antinfluenzali, sono diversi dai precedenti, a causa delle mutazioni.

I virus, principalmente quelli ad unica catena Rna, si modificano rapidamente in qualche mese.

Ma adesso, non si può più dire, la dittatura mediatica e sanitaria ha rincoglionito i più  e poi c’è il succulento Affare Vaccini, che vaccini NON sono.

Mentre in molte parti del pianeta, per fare alcuni nomi,  dalla Russia all’India, dall’Ucraina alla Bielorussia, per non parlare della Cina e dell’Africa, la situazione è praticamente risolta, anche senza vaccinazioni massicce, da noi ed in altri pochi Stati, siamo ancora soggiogati e sottomessi!

Lasciamo perdere lo scandalo di Israel e del suo Primo ministro, che sta facendo esattamente quello che i nazisti, fecero agli ebrei durante la seconda guerra;

marchiati, con colori diversi i vaccinati dai NON. Liberi i vaccinati e gli altri no!

Il governo in carica, ha fatto un accordo con la Pfizer e ci sono di mezzo le elezioni del 23 marzo prossimo; la  dittatura sanitaria, sta rivoltandosi sul proprio popolo.

Tra l’altro, mi pare che la Russia, protettrice della Siria, abbia informato Israel, che nuovi attacchi aerei alla stessa, avranno una contro risposta militare adeguata!

Escalation militare in Medio Oriente, come al solito, come dai tempi biblici … Libano, Palestina, Siria e la Persia…Guerra dei Re, Sodoma e Gomorra…che due palle, calmatevi una volta per tutte!

Pare che, molto amici dell’odierno premier israeliano, siano il nostro Ministro per la Salute e nelle nostre nazioni limitrofe, il Cancelliere austriaco, al quale comunque, sta scoppiando in mano una bomba di corruzione del suo caro amico, ministro delle Finanze. Ma i media tacciono.

Anche in Olanda il governo ha dovuto dimettersi. In Germania, Frau Angela è a fine del suo mandato e mi pare che tutti i centri di vaccinazione quasi coatta, stile Israel, stiano miseramente fallendo…gente in giro al sole nei parchi affollati senza mascherine: meglio la Vit D, alle terapie geniche dei deviati eugenetisti nazisti!

Nel frattempo, il Texas ha subito una 3 giorni di freddo polare, con temperature mai viste nella storia e blocchi elettrici incredibili. E il Texas, sta più o meno sulle latitudini della bassa Spagna e Portogallo.

Ma … è il riscaldamento globale dovuto alla CO2 … coglioni!

Adesso non è più Global Warming, ma parlano di Climate Change!

Il Texas, è lo Stato Usa che ha denunciato i brogli elettorali delle ultime elezioni Usa e sembra avviato alla richiesta di una uscita dalla Confederazione Usa! Sarà un caso, quindi?

Il clima lo stanno controllando da molti anni i militari, attraverso sistemi Haarp etc.

La Cina ha annunciato che entro il 2025, potrà fare quello che vuole con il suo clima, far piovere o fare siccità, a loro discrezione. Quindi, miei cari servi della gleba o ubbidite, oppure cataclismi o siccità…vi ricordate le piaghe d’Egitto  con Mosè ??

Dei e buoi dei paesi tuoi!

Il problema è però che, un soffio di vento ad Hong Kong, può diventare un uragano a Rio: ossia, modificare i venti e l’umidità, ha effetti potenziali su tutto il pianeta!

Torniamo alle nostre miserie, purtroppo.

Come vedete, la struttura ministeriale della nostra Salute è in scacco ed ostaggio, attraverso  infami personaggi, alle varie multinazionali dei vaccini, già dai tempi della Lorenzin e la storia continua, con l’avvallo di quasi tutti.

Infatti se i new entry del governo,  avessero chiesto un cambio nel ministero chiave in una, seppur fantomatica, “emergenza sanitaria“,  le cose sarebbero potute migliorare, ma non l’hanno fatto e quindi, sono tutti collusi, come da sempre!

Collusi ad un progetto di dissoluzione territoriale, finanziaria, culturale, sociale e razziale dell’Italia.

A proposito, il famoso reddito di cittadinanza di 800 o 1000 euro, che viene già da anni fornito ai “non lavoratori“ ( qualcuno dei quali veramente disoccupato ed in crisi, altri per mala voglia di lavorare), non potrebbe essere dato anche e soprattutto a quelle persone che restano a casa, a disposizione della famiglia, ovvero le Casalinghe/i?

Il governo precedente, aveva fornito un credito di imposta di 400 euro per le casalinghe/i, per fare dei corsi online, per trovare altri lavori! E allora, chi si prende cura della casa e della prole? Lo Stato, con le sue sovrastrutture bolsceviche sociali?

La famiglia deve morire, anche la moderna Chiesa gesuitica, non ne vuol più sapere!

Mi pare tra l’altro, che il Vescovo argentino di Roma, parteciperà ad una riunione importante dei riccastri del pianeta ad Astana, nel Kazakistan, in primavera, nella culla degli Illuminati con Piramide.

Bravo! Speriamo contribuisca a fondare la religione unica planetaria, infarcita di milioni di Tenge Kazako

mmhhh….meglio una valuta digitale per controllare tutti ed eventualmente chiudere i conti correnti dei “non allineati“.

Però…adesso ci sono le cripto valute; la’, per ora, nessuno rompe la privacy e frega i soldi, poi si vedrà!

Mi viene in mente la Torre di Babele

“6 Il Signore disse: «Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti una lingua sola; questo è l’inizio della loro opera e ora quanto avranno in progetto di fare, non sarà loro impossibile. 7 Scendiamo dunque e confondiamo la loro lingua, perché non comprendano più l’uno la lingua dell’altro».

8 Il Signore li disperse di là, su tutta la terra ed essi cessarono di costruire la città.

9 Per questo la si chiamò Babele, perché là il Signore confuse la lingua di tutta la terra e di là il Signore li disperse su tutta la terra.”

E allora   ?

Dio allora, vuole tutti uguali o tutti diversi, dove magari le individualità possano rivelarsi?!

Personalmente, io sono difensore di ogni singola individualità e lotto perché il singolo, non venga prevaricato e schiacciato dal sistema degli usurpatori schiavisti, religiosi o dittatori che siano!

Mi pare però che il mondo, giri diversamente e la massificazione della sporca globalizzazione, sembri avanzare a grosse falcate: ma, come sempre avvenne nella Storia, eventi imprevisti e non controllabili dai potenti, accaddero ed accadranno!

Un po’ di pazienza e come dicono i cinesi …

“siediti sulla riva del fiume e aspetta, prima o poi vedrai passare i corpi dei tuoi nemici”

E se lo dicono loro…

Tanti auguri al nuovo governo italico, soprattutto in relazione al reparto turistico!

Se son rose…

Se son spine…sono molto pungenti e possono procurare molti dolori!

Vi ricordate  “un giorno di ordinaria follia“

E’ un attimo impazzire! Anzi, è un attimo risvegliarsi diciamo…leggermente incazzati!

Auguri a tutti!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?sesonspine

®wld

Older Entries

koenig2099

The eagle flight