Home

L’intelligenza artificiale sta lentamente rendendo l’umanità non necessaria, inferiore e obsoleta

Lascia un commento

Whitehead: il metaverso è “libertà” inflitta da tiranni tecnologici

Pubblicato da: John Whitehead tramite l’Istituto Rutherford 12 Novembre 2021

Per tutti coloro che non vedono l’ora di vivere il Metaverso, sei stato avvertito. Se permetti ai tuoi figli di partecipare al Metaverso, sei stato avvertito. Se pensi che sia solo un gioco, uno strumento educativo o un luogo di intrattenimento a basso costo, sei stato avvisato. Il Metaverso è un luogo dove le anime saranno intrappolate e rese schiave. Editor TN

Il termine metaverso, come il termine meritocrazia, è stato coniato in un romanzo distopico di fantascienza scritto come racconto ammonitore. Poi i tecnici hanno preso il metaverso e i tecnocrati hanno preso la meritocrazia e hanno adottato con entusiasmo ciò che doveva ispirare l’orrore. “-Antonio García Martínez

Benvenuti in Matrix (cioè il metaverso), dove la realtà è virtuale, la libertà è libera solo nella misura consentita dai propri padroni tecnologici e l’intelligenza artificiale sta lentamente rendendo l’umanità non necessaria, inferiore e obsoleta.

Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, vede questo universo digitale—il metaverso—come il prossimo passo nella nostra trasformazione evolutiva da una società guidata dall’uomo a una tecnologica.

Eppure, mentre la visione di Zuckerberg per questa frontiera digitale è stata accolta con un certo grado di scetticismo, la verità, come conclude il giornalista Antonio García Martínez, è che stiamo già vivendo nel metaverso.

Il metaverso è, a sua volta, una meritocrazia distopica, in cui la libertà è un costrutto condizionale basato sulla propria dignità e conformità.

In una meritocrazia, i diritti sono privilegi, concessi a chi li ha guadagnati. Non ci può essere tolleranza per l’indipendenza o l’individualità in una meritocrazia, dove il politicamente corretto è formalizzato, legalizzato e istituzionalizzato. Allo stesso modo, non può esserci vera libertà quando la capacità di esprimersi, muoversi, impegnarsi nel commercio e funzionare nella società è basata sulla misura in cui si è disposti ad “adattarsi”.

Siamo quasi a quella fase ora.

Considera che nel nostro attuale mondo di virtù, in cui il fascismo si traveste da tolleranza, l’unico modo per godere anche solo di una parvenza di libertà è scegliere di censurarsi volontariamente, conformarsi, conformarsi e marciare di pari passo con qualsiasi punto di vista prevalente domini.

Se non lo fai – osando sposare idee “pericolose” o sostenere movimenti politici impopolari – ti ritroverai escluso dal commercio, dal lavoro e dalla società: Facebook ti bandirà, Twitter ti chiuderà, Instagram de-piattaforma tu e il tuo datore di lavoro emettere ultimatum che ti costringeranno a scegliere tra le tue cosiddette libertà e la sopravvivenza economica.

Questo è esattamente il modo in cui Corporate America intende prepararci per un mondo in cui “noi il popolo” siamo automi sconsiderati, non resistenti e servilmente obbedienti, schiavi di un Deep State controllato da algoritmi informatici.

La fantascienza è diventata realtà.

Vent’anni dopo l’iconico film dei Wachowski, La matrice, ci ha presentato un mondo futuristico in cui gli esseri umani esistono in una non realtà simulata al computer alimentata da macchine autoritarie– un mondo in cui la scelta tra esistere in uno stato di sogno virtuale dominato dalla negazione o affrontare le dure e difficili realtà della vita si riduce a una pillola blu o una pillola rossa – siamo sull’orlo di una matrice dominata dalla tecnologia di nostra creazione.

Stiamo vivendo il prequel di La matrice ogni giorno che passa, cadendo sempre più sotto l’incantesimo di comunità virtuali guidate dalla tecnologia, realtà virtuali e comodità virtuali gestite da macchine artificialmente intelligenti che sono sulla buona strada per sostituire gli esseri umani e alla fine dominare ogni aspetto della nostra vita.

In La matriceIl programmatore di computer Thomas Anderson aka hacker Neo viene svegliato da un sonno virtuale da Morpheus, un combattente per la libertà che cerca di liberare l’umanità da uno stato di ibernazione permanente imposto da macchine di intelligenza artificiale iper-avanzate che si affidano agli esseri umani come fonte di energia organica. Con la mente collegata a una realtà virtuale perfettamente realizzata, pochi umani si rendono conto di vivere in un mondo di sogno artificiale.

Neo ha una scelta: prendere la pillola rossa, svegliarsi e unirsi alla resistenza, o prendere la pillola blu, rimanere addormentato e servire da foraggio per i poteri forti.

La maggior parte delle persone sceglie la pillola blu.

Nel nostro caso, la pillola blu, un biglietto di sola andata per un’ergastolo in un campo di concentramento elettronico, è stata rivestita di miele per nascondere il retrogusto amaro, venduta a noi in nome dell’opportunità e consegnata tramite Internet incredibilmente veloce , segnali di telefoni cellulari che non interrompono mai una chiamata, termostati che ci mantengono alla temperatura perfetta senza che dobbiamo alzare un dito e intrattenimento che può essere trasmesso contemporaneamente in streaming a TV, tablet e telefoni cellulari.

Eppure non siamo semplicemente schiavi di queste tecnologie che avevano lo scopo di semplificarci la vita. Ne siamo diventati schiavi.

Guardati intorno. Ovunque ti giri, le persone sono così dipendenti dai loro dispositivi con schermo connesso a Internet – smartphone, tablet, computer, televisori – che possono rimanere per ore immerse in un mondo virtuale in cui l’interazione umana è filtrata attraverso il mezzo della tecnologia.

Questa non è libertà. Questo non è nemmeno progresso.

Questa è la tirannia tecnologica e il controllo del pugno di ferro fornito dallo stato di sorveglianza, da giganti aziendali come Google e Facebook e da agenzie di spionaggio governative come la National Security Agency.

Siamo così consumati dal servirci di tutte le ultime tecnologie che abbiamo risparmiato a malapena un pensiero per le ramificazioni del nostro incapace e incauto inciampare verso un mondo in cui la nostra abietta dipendenza da gadget e aggeggi connessi a Internet ci sta preparando per un futuro in quale libertà è un’illusione.

Eppure non è solo la libertà a essere in bilico. L’umanità stessa è in gioco.

Se mai gli americani si trovassero schiavi dei tiranni tecnologici, dovremo incolpare solo noi stessi per aver forgiato le catene attraverso la nostra stanchezza, pigrizia e abietta dipendenza da gadget e aggeggi connessi a Internet che ci rendono del tutto irrilevanti.

In effetti, ci stiamo avvicinando rapidamente alla visione del futuro di Philip K.Dick rappresentata nel film Minority Report. Lì, le agenzie di polizia arrestano i criminali prima che possano commettere un crimine, le auto senza conducente popolano le autostrade e la biometria di una persona viene costantemente sottoposta a scansione e utilizzata per tracciare i loro movimenti, indirizzarli alla pubblicità e tenerli sotto la sorveglianza perpetua.

Indica l’alba dell’era dell’Internet delle cose (IoT), in cui le “cose” connesse a Internet monitorano la tua casa, la tua salute e le tue abitudini al fine di mantenere la tua dispensa rifornita, le tue utenze regolate e la tua vita sotto controllo e relativamente senza preoccupazioni.

La parola chiave qui, tuttavia, è controllo.

In un futuro non troppo lontano, “quasi tutti i dispositivi che possiedi, e anche prodotti come le sedie, in cui normalmente non ti aspetti di vedere la tecnologia, saranno collegati e parleranno tra loro. “

Entro la fine del 2018, “c’erano circa 22 miliardi di dispositivi Internet of Things connessi in uso in tutto il mondo … Le previsioni suggeriscono che entro il 2030 circa 50 miliardi di questi dispositivi IoT saranno in uso in tutto il mondo, creando un’enorme rete di dispositivi interconnessi dispositivi che coprono tutto, dagli smartphone agli elettrodomestici da cucina “.

Man mano che le tecnologie che alimentano questi dispositivi sono diventate sempre più sofisticate, sono anche diventate sempre più diffuse, comprendendo di tutto, dagli spazzolini da denti e lampadine alle automobili, ai contatori intelligenti e alle apparecchiature mediche.

Si stima che 127 nuovi dispositivi IoT sono connessi al web ogni secondo.

Questo settore “connesso” è diventato la prossima grande trasformazione sociale, proprio lì con la rivoluzione industriale, un momento fondamentale nella tecnologia e nella cultura.

Tra auto senza conducente che mancano completamente di volante, acceleratore o pedale del freno e pillole intelligenti incorporate con chip per computer, sensori, telecamere e robot, siamo pronti a superare l’immaginazione di scrittori di fantascienza come Philip K.Dick e Isaac Asimov . (A proposito, non esiste un’auto senza conducente. Qualcuno o qualcosa guiderà, ma non sarai tu.)

Questi gadget tecnologici connessi a Internet includono lampadine intelligenti che scoraggia i ladri facendo sembrare occupata la tua casa, termostati intelligenti che regolano la temperatura della tua casa in base alle tue attività e campanelli intelligenti che ti consente di vedere chi è alla tua porta di casa senza lasciare il comfort del tuo divano.

Nest, la suite di prodotti per la casa intelligente di Google, è stata in prima linea nel settore “connesso”, con tali prodotti comodità tecnologicamente esperte come una serratura intelligente che dice al tuo termostato chi è casa, quali temperature preferiscono e quando la tua casa non è occupata; un sistema di servizi di telefonia domestica che interagisce con i dispositivi collegati per “imparare quando vai e vai” e avvisarti se i tuoi figli non tornano a casa; e un sistema di sonno che controllerà quando ti addormenti, quando ti svegli e mantieni i rumori e la temperatura della casa in uno stato favorevole al sonno.

L’obiettivo di questi dispositivi connessi a Internet, come proclama Nest, è quello di fare “la tua casa una casa più premurosa e consapevole. ”Ad esempio, la tua auto può segnalare in anticipo che stai tornando a casa, mentre le luci Hue possono accendersi e spegnersi per attirare la tua attenzione se Nest Protect rileva che qualcosa non va. La tua caffettiera, basandosi sui dati dei sensori di fitness e del sonno, lo farà preparare una caffettiera più forte per te se hai avuto una notte inquieta.

Tuttavia, data la velocità e la traiettoria con cui queste tecnologie si stanno sviluppando, non passerà molto tempo prima che questi dispositivi funzionino in modo completamente indipendente dai loro creatori umani, il che pone una serie di preoccupazioni completamente nuove. Come esperto di tecnologia Nicholas Carr note, “Non appena si consente ai robot o ai programmi software di agire liberamente nel mondo, si imbatteranno in situazioni eticamente gravose e dovranno affrontare scelte difficili che non possono essere risolte attraverso modelli statistici. Ciò sarà vero per le auto a guida autonoma, i droni a guida autonoma e i robot sul campo di battaglia, proprio come è già vero, su scala minore, con aspirapolvere automatici e tosaerba. “

Ad esempio, proprio come il robot aspirapolvere, Roomba, “non fa distinzione tra un coniglietto di polvere e un insetto“, i droni armati non saranno in grado di distinguere tra un criminale in fuga e qualcuno che si limita a fare jogging per strada. Del resto, come ti difendi da un poliziotto robotico—come l’Atlante Android sviluppato dal Pentagono—Che cosa è stato programmato per rispondere a qualsiasi minaccia percepita con la violenza?

Inoltre, non sono solo le nostre case e i nostri dispositivi personali che vengono riordinati e reinventati in questa era connessa: sono i nostri luoghi di lavoro, i nostri sistemi sanitari, il nostro governo, i nostri corpi e i nostri pensieri più intimi che vengono collegati a una matrice su cui non abbiamo vero controllo.

Si prevede che entro il 2030 tutti sperimenteremo l’Internet of Senses (IoS), abilitato da Intelligenza Artificiale (AI), Realtà Virtuale (VR), Realtà Aumentata (AR), 5G e automazione. L’Internet dei sensi si basa sulla tecnologia connessa che interagisce con i nostri sensi di vista, udito, gusto, olfatto e tatto tramite il cervello come interfaccia utente. Come spiega la giornalista Susan Fourtane:

Molti lo prevedono entro il 2030, i confini tra pensare e fare si confonderanno. Il 2030% dei consumatori crede che saremo in grado di vedere i percorsi della mappa sugli occhiali VR semplicemente pensando a una destinazione … Entro il XNUMX, la tecnologia è pronta a rispondere ai nostri pensieri e persino a condividerli con gli altri … Usando il cervello come un l’interfaccia potrebbe significare la fine di tastiere, mouse, controller di gioco e, in definitiva, interfacce utente per qualsiasi dispositivo digitale. L’utente deve pensare solo ai comandi e verranno eseguiti. Gli smartphone potrebbero funzionare anche senza touch screen.

In altre parole, l’IoS farà affidamento sulla tecnologia in grado di accedere e agire in base ai tuoi pensieri.

Contorni di Fourtane diverse tendenze relative all’IoS che dovrebbero diventare realtà entro il 2030:

1: I pensieri diventano azione: utilizzando il cervello come interfaccia, ad esempio, gli utenti saranno in grado di vedere i percorsi della mappa sugli occhiali VR semplicemente pensando a una destinazione.

2: I suoni diventeranno un’estensione della realtà virtuale ideata: gli utenti potrebbero imitare la voce di chiunque in modo abbastanza realistico da ingannare anche i membri della famiglia.

3: Il cibo reale diventerà secondario rispetto ai gusti immaginari. Un dispositivo sensoriale per la tua bocca potrebbe migliorare digitalmente tutto ciò che mangi, in modo che ogni cibo possa avere il sapore del tuo piatto preferito.

4: Gli odori diventeranno una proiezione di questa realtà virtuale in modo che le visite virtuali, ad esempio nelle foreste o in campagna, includano l’esperienza di tutti gli odori naturali di quei luoghi.

5: Tocco totale: gli smartphone con schermi trasmettono la forma e la consistenza delle icone digitali e dei pulsanti che stanno premendo.

6: Realtà unita: i mondi di gioco VR diventeranno indistinguibili dalla realtà fisica entro il 2030.

Questo è il metaverso, avvolto nel canto delle sirene della convenienza e venduto a noi come il segreto del successo, del divertimento e della felicità.

È una falsa promessa, una trappola malvagia per intrappolarci, con un unico obiettivo: il controllo totale.

George Orwell lo ha capito.

Il capolavoro di Orwell, 1984, ritrae una società globale di controllo totale in cui alle persone non è consentito avere pensieri che in alcun modo siano in disaccordo con lo stato aziendale. Non c’è libertà personale e la tecnologia avanzata è diventata la forza trainante di una società guidata dalla sorveglianza. Spini e telecamere sono ovunque. E le persone sono soggette alla polizia del pensiero, che si occupa di chiunque sia colpevole di crimini di pensiero. Il governo, o “Partito”, è guidato dal Grande Fratello, che appare sui manifesti ovunque con le parole: “Il Grande Fratello ti sta guardando”.

Come chiarisco nel mio libro Battlefield America: The War on the American People e nella sua controparte immaginaria I diari di Erik Blair, il controllo totale su ogni aspetto della nostra vita, fino ai nostri pensieri interiori, è l’obiettivo di qualsiasi regime totalitario.

Il Metaverso è solo il Grande Fratello travestito.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://it.technocracy.news/whiitehead-metaverse-%C3%A8-la-libert%C3%A0-inflitta-dai-tiranni-tecnologici/

®wld

Una città del futuro solo per ricchi

Lascia un commento

Telosa: una città tecnocratica in divenire

Pubblicato da: Matt Nilsson tramite WhatAboutTheroads 28 settembre 2021

Utopia, alias Tecnocracy, con qualsiasi altro nome è ancora Utopia e nessun tentativo di costruirla è mai riuscito. Eppure, la classe dei miliardari continua il mito promuovendo nuovi sforzi praticamente in ogni continente della terra. Telosa è l’ultima iterazione per costruire una città da zero per modellare i loro sogni. Editor TN

Uno dei grandi miti dell’era moderna è quello del benefico miliardario. La storia è semplice e raccontata in soli due atti. Nel primo atto questi uomini e donne si elevano da umili origini per accumulare quantità smisurate di ricchezza, potere e influenza sulla società. Il loro secondo atto inizia quando rinascono come filantropi il cui unico scopo nella vita è salvare il pianeta.

Questa è la storia di molti degli individui più ricchi del mondo. Variazioni di esso si applicano a artisti del calibro di Mark Zuckerberg, Bill Gates, Oprah Winfrey, Richard Branson e Pierre Omidyar.

Ad unirsi ai loro ranghi c’è Marc Lore, imprenditore ed ex CEO dell’e-commerce di Walmart. Il suo primo atto è proprio come quelli degli altri benefica miliardari. Lore era solo un normale ragazzo di Staten Island che avrebbe continuato a fondare e poi vendere diverse aziende di successo che gli avevano già accumulato un’enorme fortuna prima di entrare in Walmart.

Il suo secondo atto è solo all’inizio. È stato solo lo scorso gennaio che Lore si è dimesso dal suo ruolo in Walmart. in an colloquio dato al momento ha dichiarato che stava passando dal gigante del commercio al dettaglio per impegnarsi in “un progetto pluridecennale per costruire una ‘città del futuro’ sostenuta da ‘una versione riformata del capitalismo’”. Quella città ora è stata dato un nome, Telosa.

I dettagli dei piani di Lore per costruire la città e le nozioni su come sarà la vita a Telosa sono ancora relativamente scarsi. Quello che si sa è che nei prossimi 40 anni Telosa crescerà fino a coprire 150,000 acri e ospiterà 5 milioni di persone. Questa è approssimativamente la dimensione di Chicago con il doppio della popolazione. La prima fase di costruzione, che ospiterà 50,000 residenti su 1,500 acri, ha un costo stimato di $ 25 miliardi e sarà pronta entro il 2030 (dove abbiamo visto quell’anno prima??) Il intero progetto dovrebbe superare i 400 miliardi di dollari.

Dove sarà costruita la città deve ancora essere determinato, ma i pianificatori del progetto stanno guardando al deserto americano. Con stati come il Nevada che accolgono piani per città tecnocratiche come Telosa passando legislatura favorevole questa è una scelta ovvia.

sito web della città è pieno di parole d’ordine e slogan di marketing intesi a ritrarre il piano come volto al miglioramento dell’umanità. Ai potenziali residenti viene detto che possono aspettarsi una città che “stabilisca uno standard globale per la vita urbana, espanda il potenziale umano e diventi un progetto per le generazioni future”. Parole come “sostenibile”, “equo” e “inclusivo” sono sparse ovunque per buona misura.

Molti possono già vedere oltre l’elegante impiallacciatura del sito Web e i punti di discussione di marketing fluidi, chiamando l’idea per tale città a Las Vegas imbiancata, la cui creazione sembra impossibile o semplicemente in malafede. Mettere in ridicolo questa città pianificata è un ottimo inizio, ma cos’altro viene rivelato in questi piani se non vengono visti come il progetto per la città verde inclusiva del futuro, ma piuttosto come la tecnocratica schiavizzante Plannedopolis dei nostri incubi?

Non tratteremo ogni dettaglio, ma scorriamo il sito e diamo un’occhiata ad alcuni dei punti salienti.

A Telosa vivrai dove lavori e sei sempre connesso alla natura. Le donne nelle foto che mostrano questo stile di vita indossano entrambe cuffie per la realtà virtuale, a indicare che i dispositivi indossabili dell’Internet of Bodies (IoB) saranno la chiave per lavorare e connettersi in città. Il compromesso potrebbe essere il totale fine dell’autonomia corporea.

Con le auto a combustibili fossili vietate, l’unico modo per spostarsi saranno i veicoli autonomi. Nonostante la promessa di una governance aperta, equa e inclusiva, e se ci fosse una protesta pianificata al di fuori della “torre dell’equità” nel centro della città? Le auto e gli elicotteri autonomi porteranno ancora passeggeri alla protesta?

Gli urbanisti promettono che ogni studente avrà accesso ai migliori insegnanti e risorse. Tuttavia, gli studenti vengono mostrati mentre interagiscono con gli iPad piuttosto che con gli esseri umani. Si parla di “programmi completi di formazione e aggiornamento delle competenze” per continuare l’istruzione, ma la donna mostrata partecipando a tali programmi indossa ancora una volta un visore per la realtà virtuale. Questo suona molto più come il “paga per il successo” modello di istruzione in cui gli investitori modellano i curricula e i risultati di cui mette in guardia la ricercatrice Julianne Romanello piuttosto che un’istruzione classica destinata ad espandere la mente. E di certo non sembra esserci molta interazione da uomo a uomo a Telosa.

In che modo i pianificatori Telosa intendono affrontare i bisogni sanitari dei suoi cittadini? “Tutti i cittadini avranno accesso alle cliniche sanitarie locali, alle tecnologie sanitarie e all’educazione sul benessere e alle cure preventive per migliorare la qualità della vita”, affermano. L’immagine stock che hanno scelto di mostrare accanto a questa diapositiva è, ovviamente, un’app per smartphone che mostra il “Punteggio di salute” dell’utente. Si può solo supporre che ciò rientri in qualsiasi schema di passaporto per i vaccini venga implementato in città. Lo spettatore qui si chiede ancora una volta quanto della vita esista solo attraverso gli schermi e la realtà virtuale.

Persone di ogni reddito e provenienza avranno una selezione diversificata di alloggi tra cui scegliere. Le immagini che mostrano le opzioni abitative a Telosa vanno da magnifici grattacieli a sobborghi di cattivo gusto, fino a container. Non viene discusso come questo sia diverso dal mondo di oggi, dove i ricchi e i potenti vivono nell’opulenza rispetto alla maggior parte della società.

Una delle più grandi promesse fatte dai pianificatori di Telosa è la responsabilità del governo. Tutte le riunioni cittadine sono aperte e accessibili in modo che i cittadini possano partecipare facilmente ed efficacemente al processo decisionale e di budget. Ma cosa succede se in uno di questi incontri i residenti criticano questi decisori? Quelli al potere lo faranno? spegnerlo e andare via? Se il punteggio di salute di un residente è troppo basso, potrà partecipare?

La cura dell’ambiente è una priorità assoluta in Telosa. L’uso efficiente dell’acqua, l’energia rinnovabile e una rete elettrica flessibile fanno tutti parte del piano. La promessa di “metriche chiare e standard elevati per preservare le nostre risorse naturali e gli spazi aperti” viene fatta ai potenziali futuri residenti. Con gli urbanisti che controllano l’uso di tutte le risorse naturali, cosa impedisce loro di tagliare le risorse a qualsiasi cittadino che ritengono abbia mancato ai propri doveri civici? O chiudere gli spazi pubblici in caso di epidemia di un virus? Se l’acqua o un’altra risorsa scarseggia, verrà razionata e in caso affermativo a chi?

Queste e molte altre domande su come funzionerà effettivamente Telosa necessitano di risposte. Sono necessarie anche ulteriori indagini su Marc Lore e sui suoi contatti. Per ora, tuttavia, ne sappiamo abbastanza per vedere uno schema in cui il benefico miliardario sta cercando di entrare e salvare la situazione. Sappiamo che queste persone non hanno amore nei loro cuori per le masse. Perché dovremmo aspettarci qualcosa di diverso questa volta?

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://it.technocracy.news/telosa-una-citt%C3%A0-tecnocratica-in-divenire/

®wld

Come verranno uccisi due piccioni con una fava

Lascia un commento

ZeroHedge: criminali cripto/informatici da equiparare a terroristi

Pubblicato da: Zerohedge

Per l’imminente guerra alla criminalità informatica, verranno uccisi due piccioni con una fava. Innanzitutto, la privacy su Internet evaporerà, consentendo l’invasione totale della tua vita privata. In secondo luogo, verrà abolita la trasparenza per la criptovaluta, consentendo il monitoraggio di ogni transazione finanziaria immaginabile. Editor TN

Il Dipartimento di Giustizia ha annunciato lunedì di averne recuperati alcuni $ 4.4 milioni di dollari di Bitcoin pagato in riscatto agli hacker che hanno provocato la chiusura del Colonial Pipeline, secondo CNN, che osserva che “Il recupero del riscatto è un risultato raro per un’azienda che è stata vittima di un attacco informatico debilitante nel fiorente business criminale del ransomware”.

Joseph Blount, CEO di Colonial Pipeline Co., ha dichiarato al Wall Street Journal in an colloquio pubblicato il mese scorso che la società ha rispettato la richiesta di riscatto di $ 4.4 milioni perché i funzionari non sapevano l’entità dell’intrusione da parte degli hacker e quanto tempo ci sarebbe voluto per ripristinare le operazioni.

Ma dietro le quinte, la società ha preso i primi provvedimenti per informare l’FBI e ha seguito le istruzioni che hanno aiutato gli investigatori a tracciare il pagamento su un portafoglio di criptovaluta utilizzato dagli hacker, che si ritiene abbia sede in Russia. Funzionari statunitensi hanno collegato l’attacco coloniale a un gruppo di hacker criminali noto come Darkside che si dice condivida i suoi strumenti malware con altri hacker criminali. -CNN

L’annuncio di lunedì fa parte di una nuova iniziativa del Dipartimento di Giustizia per reprimere tutti i tipi di crimini informatici federali, tra cui botnet, riciclaggio di denaro e “hosting antiproiettile”, secondo Ars TechnicaLa mossa eleverà le indagini sui ransomware allo stesso livello di quello del terrorismo.

“Per assicurarci di poter stabilire i collegamenti necessari tra casi e indagini nazionali e globali… dobbiamo migliorare e centralizzare il nostro monitoraggio interno delle indagini e dei procedimenti penali dei gruppi ransomware e dell’infrastruttura e delle reti che consentono alle minacce di persistere“, ha dichiarato il vice procuratore generale Lisa Moreno in a Giovedì promemoria Thursday segnalato per la prima volta da Reuters.

Secondo l’ Arse: La nuova direttiva si applica non solo ai casi o alle indagini che coinvolgono ransomware, ma a una serie di flagelli correlati, tra cui:

  • Servizi antivirus contatore
  • Forum o mercati online illeciti
  • Scambi di criptovaluta
  • Servizi di hosting a prova di proiettile
  • botnet
  • Servizi di riciclaggio di denaro online

Naturalmente, questo contraddice direttamente le paure del segretario al Tesoro Janet Yellen su Bitcoin consentendo al ransomware “anonimo” di spazzare via il mondo, richiedendo così la supervisione vigile del fratello maggiore.

Ci aspettiamo che la regolamentazione delle criptovalute sia al centro dell’attenzione, nonostante il fatto che il ruolo delle valute digitali nelle attività illecite abbia sostanzialmente toccato il fondo, mentre la narrativa di Yellen (et al.) è stata completamente BTFO (da un ex direttore della CIA nientemeno).

La spinta del Biden DOJ a prendere di mira i criminali informatici arriva non solo dopo l’hack dell’oleodotto coloniale, ma tre settimane dopo un attacco di maggio al produttore di carne JBS, insieme a molti altri hack in vari settori, tra cui Scripps Salute, che continua a recuperare dopo aver preso le loro cartelle cliniche elettroniche offline per settimane.

Nel frattempo, i pubblici ministeri statunitensi hanno accusato una donna lettone di 55 anni in un caso “Trickbot Gang” – il primo test del DOJ Ransomware e Digital Extortion Task Force secondo un comunicato stampa citato dal professionista della sicurezza informatica Shah Sheikh.

Altro via Ars Tecnica:

Utilizzando un gruppo ad hoc per monitorare i casi a livello centrale, i funzionari del Dipartimento di Giustizia sperano che la mossa porti concentrazione e coerenza alle indagini che conduce e ai casi che porta.

Di giovedì, sono emerse almeno due nuove infezioni ransomware. Il primo ha colpito Cox Media Group e, secondo The Record, ha lasciato la società di media incapace di fornire livestreaming per stazioni TV e reti interne. Il secondo colpire UF Health Florida centrale, che gestisce due ospedali. Un portavoce di UF Health ha affermato che l’accesso alla posta elettronica e alla maggior parte delle altre piattaforme di sistema è stato sospeso. Il personale di tutti gli ospedali e le cliniche mediche utilizza ora carta e penna per documentare e ordinare le cure.

Possiamo sentire le imminenti normative crittografiche nelle nostre ossa.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

®wld

PENSIAMO AL DOPO

Lascia un commento

di: Dottor Roberto Slaviero – collaboratore

02.04.2020

La morsa non diminuisce a causa dei dati ancora “preoccupanti”. Sulla raccolta dei dati, ne ho già ampiamente parlato e non ci torno su.

Resta l’anomalia inspiegabile della zona Bg-Bs;

la NBC russa sta eseguendo i suoi controlli, a quanto pare, ma nulla trapela, e se trapelasse, la nuova commissione Rai appena instaurata, ed anche gli altri media tutti appiattiti e succubi alla voce dei padroni, non farebbero probabilmente trapelare nulla. Incredibile come l’Italia, stia diventando a livello informativo, come la vecchia Russia bolscevica della Pravda, organo unico di informazione, nel mentre che, proprio una brigata russa specializzata in guerra chimico-batteriologica, ci stia aiutando a capire: giochi del destino e della rinascita dell’Aquila bicipite Zarista! Comunque la stretta prima o poi finirà, ed allora dovremo NON dimenticare gli accadimenti e controllare come si evolveranno le situazioni post belliche; poiché di guerra mondiale trattasi, guerra che porterà gigantesche variazioni sul potere economico e politico del pianeta.

Mes o non Mes, Bei o non Bei, oggi non sappiamo ancora che fine farà l Italia. Comunque qualsiasi fine farà, non dovremo dimenticarci di:

 

—————–

 

Negli anni ottanta, avevamo circa 500mila posti letto ospedalieri, ed eravamo considerati i numeri uno per assistenza sanitaria sul pianeta.

Oggi, mi pare, i posti letto siano circa 220 mila, con una diminuzione spropositata delle stanze di rianimazione; diminuzione, che è la causa principale del macello a cui stiamo assistendo.

La Germania ha quasi 4 volte i numeri di rianimazione rispetto a noi.

Cominciamo allora, a prendere i più recenti politici ed amministratori della sanità e della spesa pubblica, scendendo poi negli anni a chi è ancora in vita e richiediamo dei processi per attentato alla salute pubblica ed alla Costituzione repubblicana!

Se l’austerità imposta dal mostro brusselliano, chiamato Europa, è stata accettata dai vari governi succedutisi, si sarebbero dovute tagliare altre spese, magari di quella burocrazia, tipo Deep State, che paralizza il nostro paese da decenni!

Invece le amministrazioni, hanno salvaguardato ed implementato loro stesse, a scapito e danno dei cittadini del bene più prezioso, che è la salute.

Se mancavano i soldi, potevano stampare Bot e Cct italici e va a fà un culo il mostro brusselliano!

Non l’hanno fatto e adesso dovranno rispondere al popolo, speriamo, se esiste ancora un minimo di legalità: nel frattempo, ricordatevi di non farvi più fregare dalle finte opposizioni del recente passato e presente: basta Euro, basta Austerità!

Cambiamo l’Europa dal di dentro….ma di che cazzo parlate, sparate solo slogan fornitivi dai gestori del vostro profilo, Face o merde varie: vergognatevi!

Se cambierà l’Europa, sarà per causa della guerra in atto, altro che grazie a voi, falsi sovranisti abbonitori degli incazzati!

Ai giallini e soci del, mai governeremo con voi, dico inoltre; volete digitalizzare tutto, scuole etc, ed andate a nozze adesso col “io resto a casa“, con i vostri ministeri dell’innovazione tecnologiche ed Intel Artif.

State inoltre permettendo che i banditi della telefonia mobile, installino il 5G su tutto il territorio nazionale, senza uno straccio di prova, che tali emissioni non compromettano la salute!

Siete degli infami lucratori, senza nessuna dignità e senza rispetto per la salute: forse la vostra ignoranza, non vi fa neanche porre il problema del bene o del male…siete pessimi e imperdonabili!

Lo sapete che Whuan è la prima città al mondo, completamente 5gizzata? Tutto controllato 24 ore su 24, peggio che nei film distopici, con droni che controllano anche la vostra temperatura corporea…arrestatelo che ha la peste!

Altro che via della Seta … Una dittatura moderna stile Orwelliano.

E’ questo che volete per i vostri figli? Se ne avete, poiché molti italiani pare si gingillino in altre tecniche amorose ultimamente, magari anche virtuali…uno spettacolo di immaginazione.

Anche dal Vaticano, viene un plauso per i lavoro svolto dai Media, per far sentire meno la solitudine, ai reclusi; bene, ottimo, ma quali informazioni?

Quelle sempre degli stessi virologhi o infettivologhi, che strepitano nei salotti televisivi

la stessa solita solfa del pensiero unico scientifico…e che inoltre denunciano colleghi che non la pensano come loro?!

Peggio dell’Inquisizone ecclesiastica del passato siete; probabilmente prezzolati dai boss dei vaccini &company…vergognatevi!

Tornando a quel che resta del cattolicesimo cristiano, avrei voluto proprio vedere se, non dico il “mio amico” Albino Luciani, Papa del sorriso ed eliminato velocemente dai serpentoni, ma anche se il prode Polacco, distruttore del bolscevismo, avrebbe chiuso la Chiese!

Personalmente preferisco pregare nei boschi, ma credo siate proprio degli svenduti al sistema, per non pensarla peggio; avete fatto a pezzi i sensi della speranza e della fede, in nome di una “pestilenza“, che ha fatto ad oggi 40-50 mila presunti morti “stimati” in tutto il pianeta…

Nulla di fronte, ad esempio, ai poveri bambini orfani e non, seviziati ed uccisi nel mondo, per messe nere, pedofilia e commercio di organi… vergognatevi anche voi!

Quando si ripartirà piano piano, ed a livello economico e sociale raccoglieremo i pezzi di questo disastro, volutamente calcolato dai pochi marpioni serpentoni del pianeta, che con abile tecnica ad orologeria, studiata precisamente nei dettagli, ci hanno imbavagliato grazie al Nemico Invisibile, ricordatevi delle cose sopra elencate e non abbiate pietà soprattutto, di quei pessimi legulei (avvocati di mezza tacca, o anche pedanti e cavillosi), che ci hanno ridotti a sto livello, per arricchire se stessi o per compiacere ai potenti del mondo, svendendoci al miglior acquirente!

Che altro dire; non fare movimento e non prendere il sole fa ammalare!

Se invece l’aria sul pianeta è tossica per qualche altro motivo, potreste allora dircelo…grazie!

Tra l’altro, qualche giorno fa, le PM10, sono schizzate alle stelle soprattutto nella padania, per dei venti provenienti dal Caucaso e dal Mar Caspio, cosi ci è stato riferito, nonostante che aerei ed auto, non siano più in circolazione!

Anni fa, già segnalai più volte, la presenza di nucleotidi radioattivi sui cieli europei, tipo Iodio 131 e Rubidio per fare due nomi.

Nessuno ne parlò e nessuno ne parla … sono fake probabilmente!

Non so in quanto tempo riusciremo a liberarci da questi pessimi e diabolici governanti; forse mai, in quanto i soldi comandano il mondo e tutti hanno il loro prezzo, per dirla alla Lenin.

Comunque un ultimo invito:

 

– non comprate nessun apparecchio 5G o firmate nessun contratto 5G

– non acquistate apparecchi domestici nuovi, poiché hanno già installato il whirless, che dovrebbe dialogare con l’Internet delle cose, del vostro idiotissimo Smart

– riunitevi in assemblee e richiedete ai vostri amministratori municipali, la moratoria assoluta sul 5G

– quando vi chiameranno a votare, se ci andrete, pensate bene a cosa fare

– non guardate mai più i Tg e i salotti degli stronzoidi televisivi, fintanto che, almeno la Tv pubblica, non venga riformata.

 

All’editore famoso, che ho visto in rete, gongolarsi per la salita degli indici di ascolto televisivi e internautici delle sue testate, sfruttando la paura delle persone e terrorizzandole sempre più, con sirene di ambulanze 24 ore su 24 dico:

“Memento, homo, quia pulvis es, et in pulverem reverteris“

ovvero

“Ricordati uomo, che polvere sei e in polvere ritornerai”

“Infatti, che giova ad un uomo se guadagnasse tutto il mondo, ma patisse danno per la sua anima?“

…lo so che non ci credete…ma ci crederete, speriamo quanto prima!

Auguri a tutti e resistere.

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Siamo sulla cuspide di cambiamenti colossali

Lascia un commento

Brookings: chiunque vincerà la corsa all’IA governerà il mondo

Il Brookings Institution è un think tank di vecchia generazione strettamente allineato con la Commissione Trilaterale che originariamente concepì il Nuovo Ordine Economico Internazionale; oggi questo è noto come sviluppo sostenibile, noto anche come tecnocrazia.
 
L’implicazione di base è che ci sarà un vincitore nell’intelligenza artificiale che governerà il mondo. Non importa davvero chi lo sta controllando, perché tutto il mondo soccomberà. ⁃ Editor TN

Un paio di anni fa, Vladimir Putin ha avvertito i russi che il paese che ha guidato le tecnologie che usano l’intelligenza artificiale dominerà il mondo. Aveva ragione a essere preoccupato. La Russia è ora un giocatore minore, e la gara sembra ora essere principalmente tra gli Stati Uniti e la Cina. Ma non contare ancora l’Unione Europea; l’UE è ancora un quinto dell’economia mondiale e ha sottovalutato i punti di forza. La leadership tecnologica richiederà ingenti investimenti digitali, rapida innovazione dei processi aziendali e sistemi fiscali e di trasferimento efficienti. La Cina sembra avere il vantaggio nel primo, gli Stati Uniti nel secondo e l’Europa occidentale nel terzo. Uno su tre non lo farà, e anche due su tre non saranno sufficienti; chi fa tutti e tre i migliori dominerà il resto.

Siamo sulla cuspide di cambiamenti colossali. Ma non devi accettare la parola del signor Putin, né la mia. Questo è ciò che dice Erik Brynjolfsson, direttore della MIT Initiative on the Digital Economy e uno studente serio sugli effetti delle tecnologie digitali:

“Questo è un momento di scelta e opportunità. Potrebbero essere i migliori 10 anni davanti a noi che abbiamo mai avuto nella storia umana o uno dei peggiori, perché abbiamo più potere di quanto non abbiamo mai avuto prima”.

Per capire perché questo è un momento speciale, dobbiamo sapere come questa ondata di tecnologie è diversa da quelle precedenti e come è la stessa. Dobbiamo sapere cosa significano queste tecnologie per persone e aziende. E dobbiamo sapere cosa possono fare i governi e cosa stanno facendo. Con i miei colleghi Wolfgang Fengler, Kenan Karakülah e Ravtosh Bal, ho cercato di sminuire le ricerche di studiosi come David Autor, Erik Brynjolfsson e Diego Comin fino alle lezioni per i laici. Questo blog utilizza il lavoro per prevedere le tendenze nel prossimo decennio.

4 CENNI, 3 FATTI

È utile pensare al cambiamento tecnico come avvenuto in quattro ondate dal 1800, provocato da una sequenza di “tecnologie di uso generale” (GPT). I GPT sono meglio descritti dagli economisti come “cambiamenti che trasformano sia la vita familiare che i modi in cui le aziende conducono affari”. I quattro GPT più importanti degli ultimi due secoli sono stati il ​​motore a vapore, l’energia elettrica, la tecnologia dell’informazione (IT) e artificiale intelligenza (AI).

Tutti questi GPT hanno ispirato innovazioni complementari e cambiamenti nei processi aziendali. I fatti solidi e rilevanti sul progresso tecnologico hanno a che fare con il suo ritmo, i suoi prerequisiti e i suoi problemi:

  • Il cambiamento tecnologico sta diventando più veloce. Mentre il ritmo dell’invenzione potrebbe non aver accelerato, il tempo tra l’invenzione e l’implementazione si è ridotto. Sebbene i ritardi di implementazione medi siano difficili da misurare con precisione, non sarebbe una grossolana semplificazione affermare che sono stati dimezzati con ogni ondata GPT. Sulla base delle prove, il tempo tra l’invenzione e l’uso diffuso è stato ridotto da circa 80 anni per il motore a vapore a 40 anni per l’elettricità e quindi a circa 20 anni per l’IT (Figura 1). Vi sono ragioni per ritenere che il ritardo nell’implementazione delle tecnologie legate all’IA sarà di circa 10 anni. Con l’accelerazione del cambiamento tecnologico e i vantaggi della prima mossa come sempre, la necessità di investimenti grandi e coordinati sta crescendo.
  • Saltare è praticamente impossibile. Mentre una tecnologia per scopi speciali come i telefoni di rete fissa può essere saltata a favore di una nuova tecnologia che fa la stessa cosa, ad esempio, i telefoni cellulari, è difficile per i paesi scavalcare le tecnologie di uso generale. Perché un paese ne superi un altro, deve prima recuperarlo. Il progresso tecnologico è un processo cumulativo. Le innovazioni dei processi aziendali necessarie per utilizzare il motore a vapore erano necessarie per consentire alle aziende di sfruttare l’energia elettrica. Più ovviamente, l’elettricità era un prerequisito per la tecnologia dell’informazione. I regolamenti che facilitano o ostacolano il progresso tecnico, l’istruzione e le infrastrutture e gli atteggiamenti nei confronti del cambiamento sociale che accompagna le nuove tecnologie contano tanto quanto le tecnologie, sottolineando la necessità di politiche complementari che modellano l’economia e la società.
  • L’automazione sta riducendo la quota di lavoro, non lo spostamento del lavoro. Mentre oggi la preoccupazione più comunemente espressa è che la diffusione dell’intelligenza artificiale sostituirà i lavoratori con macchine intelligenti, gli effetti dei precedenti GPT sono meglio sintetizzati riducendo la quota di guadagni della manodopera nel valore aggiunto. Ma l’ evidenza suggerisce anche che dagli anni ’70 l’automazione in economie relativamente avanzate ha messo sotto pressione i guadagni della manodopera. In altre parole, la preoccupazione non dovrebbe essere la disoccupazione diffusa, ma il fatto che i redditi stiano diventando sempre più distorti a favore del capitale sul lavoro. Ciò significa che i paesi che hanno accordi efficaci per affrontare le preoccupazioni distributive hanno un vantaggio rispetto a quelli che non lo fanno.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

Older Entries