FDA uguale terrorismo: quando ci informerà la Homeland Security?

by Jon Rappoport

(L’episodio 13 di Rappoport Podcasts — “The Real President” — è ora pubblicato nel mio substack. È un blockbuster. Per ascoltare, fare clic qui. Per saperne di più su questo episodio di Rappoport Podcast, fare clic qui.)


Se lavorassi per un’agenzia federale che ignora diligentemente un tasso di uccisioni di 100.000 americani all’anno, ogni anno, come un orologio, e se lo sapessi, non ti sentiresti in dovere di dire o fare qualcosa al riguardo?

Alla FDA, che è quell’agenzia federale, nessuno ha mai sentito il bisogno di farsi avanti e parlare.

Spostiamo la sede e facciamo la stessa domanda. Se tu fossi un giornalista medico per un importante mezzo di comunicazione negli Stati Uniti, e sapessi il fatto di cui sopra, non daresti una priorità a dire qualcosa, scrivere qualcosa, fare qualcosa?

E con questo, andiamo alle pistole fumanti. La citazione medica è: BMJ 7 giugno 2012 (BMJ 2012:344:e3989). Autore, Jeanne Lenzer.

Lenzer fa riferimento a un rapporto dell’Institute for Safe Medication Practices: “[Il rapporto] ha calcolato che nel 2011 i farmaci da prescrizione erano associati a da due a quattro milioni di persone negli Stati Uniti che hanno subito ‘lesioni gravi, invalidanti o mortali, inclusi 128.000 morti.’”

Il rapporto ha definito questo “uno dei pericoli più significativi per l’uomo derivanti dall’attività umana”.

Ed ecco l’ultimo pugnale. Il rapporto è stato compilato da ricercatori esterni che sono entrati nel database della FDA di “eventi avversi gravi [di farmaci]”.

Pertanto, dire che la FDA non è a conoscenza di questo risultato sarebbe assurdo. La FDA lo sa. La FDA lo sa e non dice nulla al riguardo, perché la FDA certifica, come sicuri ed efficaci, tutti i farmaci che regolarmente mutilano e uccidono gli americani.

E negli ultimi 10 anni circa, ho scritto e citato un rapporto pubblicato dalla defunta dott.ssa Barbara Starfield che indica che 106.000 persone negli Stati Uniti vengono uccise dai farmaci ogni anno. Fino alla sua morte nel 2011, la dottoressa Starfield ha lavorato presso la Johns Hopkins School of Public Health. Il suo rapporto, “La salute degli Stati Uniti è davvero la migliore al mondo?” , è stato pubblicato sul Journal of American Medical Association il 26 luglio 2000.

Dal momento che il Dipartimento per la sicurezza interna si sta facendo strada in ogni angolo della vita americana, estendendo il suo mandato per proteggerci tutti da tutto, perché il DHS non dovrebbe indagare sulla FDA come organizzazione terroristica?

Di quante pistole fumanti abbiamo bisogno prima che un presidente in carica chiuda gli edifici della FDA, fumiga il posto e persegua un gran numero di dipendenti della FDA?

Abbiamo bisogno di 100.000 pistole fumanti ogni anno? Abbiamo bisogno dei parenti delle persone che sono morte tutte nell’arco di appena un anno, per gli effetti velenosi dei farmaci approvati dalla FDA, portando i cadaveri alle porte della sede della FDA?

E permettimi un’altra domanda. Se invece di farmaci come warfarin, dabigatran, levofloxacina, carboplatino e lisinopril (i cinque principali killer nel database della FDA), i 100.000 decessi all’anno sono stati guidati da gingko, ginseng, vitamina D, niacina e latte crudo, cosa ne pensi? pensi che sarebbe successo?

Ti dirò cosa accadrebbe. SEALS, Delta Force, squadre SWAT, cecchini, droni predatori, carri armati e fanteria si sarebbero allineati e si sarebbero librati fuori da ogni negozio di alimenti naturali e produttore di integratori alimentari in America.

Tutte quelle storie false sulla stampa, riportate diligentemente dai cosiddetti giornalisti medici? Le storie su scoperte forse-potrebbero-essere-miracoli possibili appena oltre l’orizzonte della ricerca medica all’avanguardia? Quelle storie sono lì per oscurare i fatti molto, molto duri della morte per cause mediche sul campo.

Il dollaro si ferma alla FDA.

Tranne nel mondo reale, non è così. Il che ti dice qualcosa sul cosiddetto mondo reale e quanto di esso sia composto da propaganda.

Nessun farmaco negli Stati Uniti può essere rilasciato per uso pubblico a meno che e fino a quando la FDA non dichiari che è sicuro ed efficace. Questa è la regola. La FDA sta sputando approvazioni di farmaci mese dopo mese e anno dopo anno, e i farmaci stanno regolarmente uccidendo 100.000 persone all’anno e mutilando altri due milioni, il che aggiunge fino a un milione di morti ogni decennio e 20 milioni di mutilazioni ogni decennio. La FDA e il governo federale non stanno facendo nulla al riguardo, anche se sanno cosa sta succedendo. Questo è un omicidio di massa. Morte non accidentale. Omicidio. Un olocausto.

Vuoi un’altra citazione?

Ecco alcune citazioni orribili. Discuterò la fonte in seguito:

“… farmaci da prescrizione opportunamente prescritti sono la quarta causa di morte … Circa 330.000 pazienti muoiono ogni anno a causa di farmaci da prescrizione negli Stati Uniti e in Europa.”

“Loro [i farmaci] causano un’epidemia di circa 20 volte più [6,6 milioni all’anno] ricoveri, oltre a cadute, incidenti stradali e circa 80 milioni [all’anno] problemi medici minori come dolori, disagi e disfunzioni che zoppicare la produttività o la capacità di prendersi cura degli altri”.

“Le morti per overmedication, errori e automedicazione aumenterebbero queste cifre”.

In altre parole, i 330.000 decessi all’anno, i 6,6 milioni di ricoveri all’anno e gli 80 milioni di problemi “medicalmente minori” all’anno… tutto questo deriva da farmaci CORRETTAMENTE PRESCRITTI.

Le citazioni provengono dalla pubblicazione ASA [American Sociological Association] chiamata Footnotes, nel numero di novembre 2014. L’articolo è “L’epidemia di malattia e morte da farmaci da prescrizione”. L’autore dell’articolo è Donald W Light.

Donald W Light è un professore di sociologia medica ed economica. È membro fondatore del Center for Bioethics dell’Università della Pennsylvania. Nel 2013 è stato ricercatore presso l’Edmond J. Safra Center for Ethics di Harvard. È un Lokey Visiting Professor presso la Stanford University e un Fellow della Royal Society of Medicine.

È stata mia politica citare analisti medici che hanno credenziali tradizionali, quando si tratta di sommare i risultati della distruzione di farmaci.

Lo faccio per dimostrare che, rifiutandosi di riparare l’olocausto, il governo federale, le scuole di medicina e le aziende farmaceutiche non possono affermare che i loro critici e detrattori sono “ricercatori marginali”.

Credetemi, i funzionari che avrebbero dovuto riparare l’enorme tragedia almeno negli ultimi 15 anni sono intenzionati a nasconderla.

Quando ti fermi a pensare al significato di questi numeri medici, una delle cose che ti rendi conto è: questa massiccia distruzione della vita avvolge interi paesi.

Non solo mutila e uccide, ma porta turbamenti emotivi e perdite alle famiglie, agli amici, ai colleghi e ai colleghi di coloro che vengono uccisi e mutilati: i 330.000 uccisi e i 6,6 milioni ricoverati in ospedale e gli 80 milioni i cui la produttività è ridotta o la cui capacità di prendersi cura degli altri è notevolmente ridotta.

Se hai deciso consapevolmente di mettere in ginocchio una nazione;

ucciderlo;

per renderlo incapace di funzionare a qualsiasi livello ragionevole;

sarebbe difficile trovare un metodo più efficace a lungo termine che esporre la popolazione al cartello dei farmaci statunitensi/europei.

FONTE

®wld