Sei antiche mappe che non dovrebbero esistere secondo gli studiosi tradizionali

di Squadra del Codice Antico

Nel corso della storia sono state scoperte numerose mappe che ancora oggi rimangono un enigma per studiosi e scettici. Sebbene la maggior parte di noi abbia familiarità con il lavoro di Piri Reis e le sue mappe, non è l’unico ad aver creato carte che rimangono un mistero per la storia.

Mappe come quella di Piri Reis sono state convalidate da studiosi che rimangono perplessi e non riescono a spiegarne la precisione e il livello di dettaglio. Alcuni di loro sono stati creati come se in qualche modo qualcuno fosse in grado di vedere la terra dall’aria prima di disegnare le carte… Ma ricorda, alcune di queste mappe hanno migliaia di anni e una, in particolare, è ancora più antica.

Mentre esamini tutte queste mappe devi chiederti come sono state realizzate queste mappe? Com’è possibile che mostrino caratteristiche sconosciute all’uomo secondo la storia ufficiale…?

Iniziamo con una delle mappe più enigmatiche mai scoperte…

La mappa del Creatore

la-mappa-del-creatore

La pietra Dashka o Mappa del Creatore è, infatti, una gigantesca tavoletta di pietra di origine sconosciuta, scoperta nel villaggio di Chandra nel Bashkortostan, nella Federazione Russa. Ciò che è particolarmente interessante di questa mappa è la sua età. Secondo i ricercatori, si ritiene che la pietra di Dashka abbia 120 milioni di anni ed è una mappa molto dettagliata di  un’area specifica dei Monti Urali, la Bashkiria, che non è cambiata in modo significativo in milioni di anni. Questa antica mappa è raffigurata in scala 1: 1,1 km.

La mappa di Piri Reis

Un’altra incredibile mappa che secondo molti non dovrebbe esistere. La mappa di Piri Reis è presumibilmente una raccolta di mappe ancora più antiche, che mostrano la corretta costa dell’Antartide com’era sotto il ghiaccio. La mappa è stata composta intorno al 1520 e oltre a rappresentare l’Antartide senza ghiaccio, rappresenta accuratamente la geografia del Continente americano con una tale precisione che sembra sia stata realizzata con l’ausilio della fotografia aerea. La perfezione e i dettagli visualizzati sulla mappa sono oggetto di dibattito da anni tra studiosi che non riescono a capire né spiegare come esista questa mappa.

È interessante notare che questa mappa è stata esaminata dall’Ufficio idrografico della Marina degli Stati Uniti, dove è stata confermata la sua autenticità. La mappa si è dimostrata genuina ed è così accurata che è stata presumibilmente utilizzata per correggere gli errori in alcune mappe moderne. Le informazioni geografiche contenute nella mappa indicano che parte del materiale di partenza risalgono a più di 5.000 anni fa.

Piri Reis

L’aviazione americana fu contattata nel 1960 dal professor Charles Hapgood, del Keene College, che chiese loro di rivedere la mappa ei suoi dettagli. Questa è stata la loro risposta:

8 RECONNAISSANCE TECHNICAL SQUADRON (SAC)
AIR FORCE DEGLI STATI UNITI
Westover Air Force Base
Massachusetts

Rispondi all’avv. di: RTC

6 luglio 1960

Oggetto: Mappa del mondo dell’ammiraglio Piri Reis

A: Prof. Charles H. Hapgood
Keene Teachers College
Keene, New Hampshire

Gentile Professore Hapgood,

La tua richiesta di valutazione di alcune caratteristiche insolite della Piri Reis World Map del 1513 da parte di questa organizzazione è stata esaminata.

L’affermazione che la parte inferiore della mappa ritrae la costa della principessa Martha della terra antartica della regina Maud e la penisola di Palmer è ragionevole. Troviamo che questa è l’interpretazione più logica e con ogni probabilità corretta della mappa.

Il dettaglio geografico mostrato nella parte inferiore della mappa concorda notevolmente con i risultati del profilo sismico realizzato sulla sommità della calotta glaciale dalla spedizione antartica svedese-britannica-norvegese del 1949.

Ciò indica che la  costa era stata mappata prima che fosse coperta dalla calotta glaciale .

La calotta glaciale in questa regione è ora spessa circa un miglio. Non abbiamo idea di come i dati di questa mappa possano essere conciliati con il presunto stato delle conoscenze geografiche nel 1513 .

Harold Z. Ohlmeyer
tenente colonnello,
comandante dell’USAF

( fonte )

Poco dopo, un’altra lettera interessante è stata inviata dall’USAF:

8 RECONNAISSANCE TECHNICAL SQUADRON (SAC)
AIR FORCE DEGLI STATI UNITI
Westover Air Force Base, Mass.

14 agosto 61

Mr. Charles H. Hapgood
Keene Teachers College
Keene, NH

Caro professore Hapgood:

Non capita molto spesso di avere l’opportunità di valutare mappe di origine antica. Le mappe di Piri Reis (1513) e Oronteus Fineaus [sic] (1531) inviateci da te, presentavano una sfida deliziosa, poiché non era facilmente concepibile che potessero essere così accurate senza essere contraffatte. Con ulteriore entusiasmo abbiamo accettato questa sfida e abbiamo trascorso molte ore fuori servizio a valutare il tuo manoscritto e le mappe di cui sopra. Sono sicuro che sarai felice di sapere che abbiamo concluso che entrambe queste mappe sono state compilate da mappe originali accurate, indipendentemente dalle date. Quello che segue è un breve riassunto dei nostri risultati:

  1. La soluzione della proiezione portolano usata dall’ammiraglio Piri Reis, sviluppata dalla sua classe di Antropologia, deve essere quasi corretta; perché quando le posizioni geografiche conosciute vengono controllate in relazione alla griglia calcolata dal Sig. Richard W. Strachan (MIT), c’è un accordo notevolmente stretto. L’uso da parte di Piri Reis della proiezione portolano (centrata su Syene, in Egitto) è stata una scelta eccellente, poiché si tratta di una superficie sviluppabile che consentirebbe di mantenere le dimensioni e la forma relativa della terra (a quella latitudine). Riteniamo che coloro che hanno compilato la mappa originale avessero un’ottima conoscenza dei continenti coperti da questa mappa.
  2. Come affermato dal colonnello Harold Z. Ohlmeyer nella sua lettera (6 luglio 1960) a te, la costa della principessa Martha della regina Maud Laud, in Antartide, sembra essere veramente rappresentata nel settore meridionale della mappa di Piri Reis. L’accordo della Piri Reis Map con il profilo sismico di quest’area realizzato dalla spedizione norvegese-britannica-svedese del 1949, supportata dalla tua soluzione della griglia, pone  oltre ogni ragionevole dubbio la conclusione che le mappe di origine originali devono essere state realizzate  prima che  l’attuale calotta glaciale antartica coprisse le coste della Queen Maud Land.
  3. È nostra opinione che l’accuratezza delle caratteristiche cartografiche mostrate nella Carta Oronteus Fineaus [sic] (1531) suggerisca, senza ombra di dubbio, che essa sia stata compilata anche da accurate mappe di origine dell’Antartide, ma in questo caso dell’intero continente. Un attento esame ha dimostrato che le mappe originali devono essere state compilate in un’epoca in cui la massa terrestre e le vie navigabili interne del continente erano relativamente prive di ghiaccio. Questa conclusione è ulteriormente supportata da un confronto della Mappa Oronteus Fineaus [sic] con i risultati ottenuti dai team dell’Anno Geofisico Internazionale nelle loro misurazioni della topgrafia subglaciale. Il confronto suggerisce anche che le mappe originali (compilate nella remota antichità) furono preparate quando l’Antartide era presumibilmente priva di ghiaccio. La proiezione cordiforme usata da Oronteus Fineaus [sic] suggerisce l’uso della matematica avanzata. Inoltre, la forma data al continente antartico suggerisce la possibilità, se non la probabilità, che le mappe di origine originarie siano state compilate su una proiezione di tipo stereografico o gnomico (che prevede l’uso della trigonometria sferica).
  4. Siamo convinti che le scoperte fatte da voi e dai vostri collaboratori siano valide, e che  sollevino questioni estremamente importanti che riguardano la geologia e la storia antica, questioni che richiedono sicuramente ulteriori approfondimenti .

Vi ringraziamo per averci esteso l’opportunità di aver partecipato allo studio di queste mappe. I seguenti ufficiali e aviatori si sono offerti volontari per assistere il Capitano Lorenzo W. Burroughs in questa valutazione: Capitano Richard E. Covault, CWO Howard D. Minor, MSgt Clifton M. Dover, MSgt David C. Carter, TSgt James H. Hood, SSgt James L. Carroll e A1C Don R. Vance.

LORENZO W. BURROUGHS
Capitano, Capo USAF
Sezione Cartografica
8th Reconnaissance Technical Sqdn (SAC)
Westover Air Force Base, Massachusetts

( fonte )

La mappa di Zeno è stata disegnata intorno al 1380

Questa incredibile mappa che precede la mappa di Piri Reis delinea la costa dell’odierna Norvegia, Svezia, Danimarca, Scozia e Germania. In aggiunta a ciò, le mappe di Zeno includono la longitudine e la latitudine esatte di un certo numero di isole. Perché questo è importante? Bene, è perché per determinare la longitudine dovresti usare un cronometro, un dispositivo inventato nel 1765. Ancora più incredibilmente, la mappa di Zeno sembra rappresentare la topografia della Groenlandia moderna priva di ghiacciai, il che significa che qualcuno doveva aver visto la Groenlandia prima dell’era glaciale. Questa mappa è una delle scoperte più enigmatiche che ti fa mettere in discussione quasi tutto ciò che ti è stato detto sulla storia come la conosciamo.

Ma ci sono altre mappe ugualmente scioccanti come quelle menzionate sopra

Mappa di Iehudi Ibn ben Zara

Disegnata da qualche parte intorno al 1487, la mappa di Iehudi Ibn ben Zara mostra alcune regioni della Gran Bretagna ricoperte di ghiacciai. La mappa mostra anche le isole del Mediterraneo e del Mar Egeo. Queste isole esistono ancora oggi, solo sott’acqua.

Hamy King Char

Un’altra incredibile mappa disegnata nel 1502 mostra i fiumi della Siberia settentrionale che sfociano nell’Oceano Artico. Questa enigmatica carta rappresenta l’antico Canale di Suez e numerose isole asiatiche che ora sono unite alla terraferma.

La classifica mondiale di King Jaime

Un’altra mappa completamente sconcertante è la King Jaime World Chart che raffigura il deserto del Sahara come una terra fertile con enormi laghi, fiumi e città. Sappiamo che in un lontano passato, il Sahara era una delle regioni più fertili della Terra.

Come puoi vedere, ci sono diverse mappe che puntano verso una storia molto diversa sul passato dell’umanità rispetto a quella che ci raccontano i libri tradizionali.

Le mappe sopra menzionate sono prove che suggeriscono molte cose. Prima di tutto, significherebbe che in un lontano passato, in qualche modo, qualcuno ha organizzato uno sforzo gigantesco per eseguire un’indagine globale del nostro pianeta. Le mappe di cui sopra sono molto probabilmente il risultato di tale indagine. Molto probabilmente l’umanità antica utilizzava strumenti avanzati che consentivano loro di misurare latitudine e longitudine migliaia di anni fa. Ciò indica l’esistenza di una tecnologia antica avanzata perduta. Oltre agli strumenti e agli sforzi, è molto probabile che le “persone preistoriche” fossero molto più avanzate di quanto credono gli studiosi tradizionali. Questi antichi popoli utilizzavano sofisticate formule di trigonometria e misurazioni matematiche che consentivano loro di rappresentare accuratamente, su mappe, alcune aree del nostro pianeta. Ma forse ciò che è più importante di tutto quanto sopra,

Pubblicato su: https://www.ancient-code.com/six-ancient-maps-that-should-not-exist-according-to-mainstream-scholars/

®wld