I monopolisti della rivoluzione industriale

Pubblicato da: Cristiano Lima, Aaron Schaffer tramite MSN News Gennaio 10, 2022

Google sta utilizzando tutti gli strumenti e le tecnologie disponibili per schiacciare i suoi concorrenti e mantenere il suo dominio nell’estrazione del surplus comportamentale dall’umanità. Nel 1800 si estraeva il petrolio dalla terra; ora, i tecnocrati digitalizzano ed estraggono il comportamento umano per la certezza del controllo e della manipolazione. ⁃ Editore TN

Google sta già affrontando crescenti sfide legali da parte delle autorità di regolamentazione a livello globale che accusano il gigante della tecnologia di mantenere un monopolio illegale sulle sue attività di ricerca e pubblicità digitale.

Ma ora uno dei suoi rivali più importanti sostiene che il titano stia abusando delle estensioni del browser per favorire i suoi prodotti e soffocare i concorrenti, aggiungendo una nuova ruga al dibattito antitrust ad alto rischio e slancio alle richieste di una nuova regolamentazione.

CEO di DuckDuckGo Gabriel Weinberg, la cui azienda offre un motore di ricerca concorrente che promuove le sue protezioni della privacy, martedì durante un’intervista a me stesso e Gerrit De Vynck abbiamo detto che Google sta implementando funzionalità di progettazione manipolativa, note come “modelli oscuri”, per indurre gli utenti ad abbandonare i prodotti rivali.

Secondo DuckDuckGo, Google per anni ha utilizzato notifiche fuorvianti per indurre gli utenti a disabilitare le estensioni del browser del suo rivale e per scoraggiarli dal cambiare i motori di ricerca predefiniti sul suo browser Web, Chrome. Ma Weinberg ha affermato che Google nell’agosto 2020 ha ottimizzato i prompt per allontanare gli utenti dal saltare la nave in modo più sfacciato.

Le modifiche includono la richiesta agli utenti di rispondere se preferiscono “tornare alla ricerca di Google” dopo aver aggiunto l’estensione DuckDuckGo e aver mostrato agli utenti un pulsante evidenziato più grande quando si dà loro la possibilità di “cambiarlo indietro” o meno.

Weinberg ha affermato che le modifiche, sebbene sottili, hanno avuto un impatto importante. 

Da quando Google ha implementato le modifiche, DuckDuckGo ha affermato di aver visto un calo significativo – 10 percento – nel numero di nuovi utenti che è stato in grado di trattenere sui suoi servizi su Chrome. DuckDuckGo ha detto che si è tradotto in centinaia di migliaia di nuovi utenti persi. (Chrome è il browser desktop più diffuso al mondo con un ampio margine.)

È la prima volta che l’azienda parla pubblicamente di come la pratica ha influito sulla sua attività, compresi quelli che secondo lei sono milioni di potenziali mancati guadagni da quando Google ha cambiato i suoi suggerimenti nel 2020.

“Per i motori di ricerca come noi che stanno cercando di consentire attivamente ai consumatori di cambiare, [o] scegliere un’alternativa, stanno rendendo irragionevolmente complicato farlo e confondono i consumatori”, ha detto Weinberg di Google.

La portavoce di Google Julie Tarallo McAlister ha dichiarato in una dichiarazione che gli utenti di Chrome “possono modificare direttamente le impostazioni di ricerca predefinite in qualsiasi momento”, ma spesso si lamentano “quando scaricano un’estensione che modifica inaspettatamente queste impostazioni a loro insaputa”.

Ha aggiunto: “Questo problema è stato ben documentato per molto tempo ed è il motivo per cui abbiamo da tempo chiari requisiti di divulgazione per le estensioni e mostrato agli utenti una notifica se un’estensione tenta di modificare le impostazioni di ricerca, come un modo per confermare le loro intenzioni. “

McAlister ha affermato che la notifica appare “indipendentemente dal provider di ricerca scelto dall’utente” e che alcuni altri browser hanno “politiche simili”.

Weinberg ha detto che spera parlando della tattica che rafforzerà le richieste legge antitrust bipartisan allo studio a Capitol Hill vietare alle principali piattaforme di dare la priorità ai propri prodotti e svantaggiare i rivali. 

Le proposte sono solo alcune delle numerose proposte di legge che prendono di mira ciò che i legislatori statunitensi affermano essere abusi anticoncorrenziali da parte di aziende come Google. Ma le bollette condutto by Sen. Amy Klobuchar (D-Minn) e Rep. David Cicilline (DR.I.), vantano un ampio sostegno da parte di Democratici e Repubblicani, il che li rende tra i più minacciosi per i giganti della Silicon Valley. Sono visti come elementi portanti della più ampia spinta antitrust.

Weinberg ha affermato che il calo della fidelizzazione degli utenti tramite la loro estensione su Chrome, che in precedenza non era stato segnalato, è una delle prove più “dirette” che hanno visto su come le pratiche di Google abbiano danneggiato la loro attività.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://it.technocracy.news/caricare-i-concorrenti-martellanti-di-Google-manipolando-le-estensioni-del-browser/

®wld