È un problema serio e reale, indicano gli esperti.

Allarme per un possibile black-out globale: quando sarà?

Le voci si sono diffuse nelle ultime settimane e sono già tre i Paesi che stanno dando istruzioni alla popolazione su come agire di fronte a un evento di queste caratteristiche.

Christian GaravagliaChristian Garavaglia

Meteored Argentina

Le voci su un possibile blackout globale si sono diffuse nelle ultime settimane, al punto che alcuni politici hanno dato istruzioni in varie città nel caso si verificasse un evento del genere. Gli occhi sono puntati sull’Europa, dove un blackout massiccio potrebbe interessare alcune aree specifiche. Antonio Turiel, ricercatore presso l’Istituto di Scienze Marine del Consiglio Superiore per la Ricerca Scientifica spagnolo (CSIC), ha sottolineato, sul giornale spagnolo NIUS, che questi allarmi nascono dalla mancanza di gas in più di un paese europeo.

Quando si parla del grande blackout, c’è un rischio reale. È possibile che ci sarà uno scompenso molto grande su larga scala, a livello europeo e che ci sarà una situazione di collasso. Negli ultimi anni, ogni volta che c’è uno scompenso, vengono utilizzati impianti elettrici di grandi centrali che possono essere collegati e scollegati facilmente, come nel caso delle centrali termiche. Ma ora siamo a corto di benzina e il prezzo è in aumento, stiamo esaurendo un importante strumento di compensazione”, ha assicurato.

Turiel ha affermato che ogni volta che si realizza una di queste compensazioni, si spende più gas, fatto che preoccupa i governi del Vecchio Continente. Secondo questo esperto, è un problema che si conosce da tempo, tuttavia, la mancanza di gas e il recente aumento dei prezzi hanno catturato l’attenzione dei governi.

Quando potrebbe verificarsi?

“Gli esperti prevedono un blackout nei prossimi cinque anni”, ha riportato la tv spagnola Antena3. Paesi come la Svizzera hanno esortato le loro popolazioni a prepararsi in caso di interruzione di corrente durante l’inverno di quest’anno. E sebbene non ci sia una data che indichi quando si verificherà l’evento, diversi governi hanno iniziato a negoziare in anticipo piani di riserva.

Austria, Germania e Svizzera sono stati i primi paesi a lanciare allarmi per la loro popolazione.

”Questo è un problema serio e reale, stiamo parlando di tre Paesi importanti che stanno lanciando l’allarme. Le ragioni di un improbabile ma possibile blackout generalizzato riguardano soprattutto l’instabilità elettrica causata dalla mancanza di gas”, ha detto Turiel.

Cosa dicono i governi?

Il primo ad attivare gli allarmi è stato il governo austriaco. “La domanda non è se ci sarà un grande blackout, ma quando”, ha detto la ministra della Difesa Klaudia Tanner. Il governo ha lanciato la campagna “Cosa fare quando tutto si ferma?”, che mira a informare i propri cittadini su cosa fare nel caso in cui si verifichi l’evento che qualificano come “un rischio reale”.

L’Ufficio federale tedesco per la protezione civile e l’assistenza in caso di calamità ha avviato una campagna simile in Germania. E anche la Svizzera ha aderito all’allerta. “Presto inizieremo a vedere movimenti simili in altri paesi, come la Francia”, ha detto Antonio Turiel. Il Ministero della Difesa austriaco consiglia di rifornirsi di carburante, candele, batterie, conserve e acqua potabile. Raccomandano inoltre di concordare con la famiglia e gli amici un punto d’incontro e di creare una rete di cooperazione tra vicini.

Fonte: https://www.ilmeteo.net/notizie/attualita/allarme-possibile-black-out-globale-quando.html

®wld