1776

Mandato o libertà: una lettera aperta agli amministratori delegati aziendali

di Jon Rappoport

Siamo franchi. Chi sano di mente farebbe appello agli amministratori delegati aziendali su questioni fondamentali di etica e libertà?

Ma questo è il 1776.

Siamo al bivio.

Ordinerai ai tuoi dipendenti di fare il v@xxino contro il C-O-V-I-D? Hai intenzione di licenziare quelli che non lo faranno? Gli toglierai la libertà, per un v@xxino che ha già provocato 700.000 feriti?

E a proposito, quel numero rappresenta una vasta sottostima. Il noto studio Harvard Pilgrim conclude che le lesioni da v@xxino dovrebbero essere moltiplicate per 100 per arrivare a un numero vero.

Diventiamo reali. Ci saranno molte cause intentate da più parti, per fermare un mandato di v@xxino; ma l’esito di queste azioni legali è molto incerto. Pertanto, voi CEO dovete…

Alzati e rifiuta. Alzati e dì che non imporrai un mandato ai tuoi dipendenti, QUALUNQUE COSA.

Niente più mandati, niente più blocchi, niente ulteriore distruzione dell’economia, niente distruzione di milioni di vite in più.

Tranne che in alcuni stati, non si può fare affidamento sui governatori. Voi amministratori delegati siete una prima linea di difesa, se ne avete il coraggio. Se non lo fai, se la tua solida reputazione è costruita su fondamenta di sabbia, se la tua principale lealtà è verso un governo federale che ti offre salvataggi in denaro in cambio di tradimento contro il sistema della libera impresa, cosa ne resta — allora ti perdi in un’oscurità creata da te.

Ricordi queste parole? “E per il sostegno di questa Dichiarazione, con una ferma fiducia nella protezione della Divina Provvidenza, ci impegniamo reciprocamente le nostre vite, le nostre fortune e il nostro sacro onore”.

Questo è stato il pensiero finale espresso nella Dichiarazione di Indipendenza dai firmatari.

Quelle parole ti suonano vuote adesso? È lì che siamo?

Hai intenzione di lasciare un segno di avvio sul tuo viso per sempre?

Hai intenzione di macinare il tuo avvio sulla stessa libertà che ha permesso alla tua azienda di crescere e prosperare?

Gli echi del 1776 sono così deboli nelle tue menti, non riesci a immaginare come questo terribile 2021 abbia qualcosa a che fare con te?

È necessario fare un passo avanti e fare dichiarazioni e impegni audaci e senza compromessi: nessun mandato. Nessun blocco. Nessuna distruzione del diritto a guadagnarsi da vivere. Nessuna dittatura federale. Nessun arretramento.

Tu e i tuoi colleghi CEO dovete lasciare i vostri uffici e viaggiare attraverso il paese e dire alle persone che siete dalla loro parte, e dovete sul serio. Questa non è la solita campagna di pubbliche relazioni. Questa è onestà, onore e dovere. Se ce l’hai in te.

Prima c’era la storia di un virus. Poi una storia di un test per il virus. Poi la storia dei numeri dei casi. Poi, le mascherine, i blocchi, il distanziamento e l’esplosione dell’economia. Poi il vaccino. Poi l’annunciato mandato vaccinale. Non ti è venuto in mente che questa storia a puntate, con ogni fase successiva, è davvero il pretesto per la tirannia, la dittatura e la conquista?

Devi iniziare a stringere nuove alleanze che vanno ben oltre il tuo mondo di tutti i giorni; alleanze con infermieri, piloti, sceriffi, soldati e altri che rifiutano il vaccino. Alleanze con sindacati che respingono il mandato.

Non sono, in senso stretto, i tuoi “affari”, ma gli affari in America si stanno dirigendo verso l’orlo di un precipizio, nel caso non te ne fossi accorto.

Ecco la storia di uno tuo. Alfie Oakes. Ha 3.200 dipendenti. Il suo negozio ha sede in Florida. Possiede 3.000 acri di terreni agricoli e un impianto di trasformazione alimentare. Guardalo parlare in questo video. Capisce qual è la posta in gioco. Sa che siamo nel 1776. È un brav’uomo che sta facendo la cosa giusta. È un eroe.

Parliamo di valori. Non stiamo parlando di correttezza politica o di succhiare all’infinito il capezzolo del socialismo.

Mi rendo conto che molti di voi amministratori delegati hanno già abbracciato una forma di socialismo, una stretta collaborazione con il governo, perché credete che sia la migliore garanzia per la vostra sopravvivenza. Ma ti sbagli. Ti sbagli in termini strategici, e sbagli quando si tratta di valori e principi.

Ora devi rivoluzionare il tuo modo di pensare. Devi aiutare a superare le forze con cui ti sei allineato.

Devi trovare, abbracciare e lavorare con le persone, ovunque esse siano, chiunque esse siano, che si battono per la libertà. E il lavoro che fai deve essere concepito secondo nuove linee.

“Sono l’amministratore delegato di XYZ. Sono qui oggi a parlarvi, al fianco di sceriffi, poliziotti, lavoratori sindacali, infermieri, soldati, imprenditori, genitori, rappresentanti dello Stato; persone che vogliono di nuovo la libertà in America. Siamo impegnati a resistere ai mandati di vaccino, ai blocchi, alle chiusure e a tutte le misure fallite che ci hanno tenuto in isolamento. Ci stiamo riprendendo ciò che è nostro. Ascolterai queste persone che stanno quassù. Capirai come le loro storie di libertà negata sono le tue storie…”

Questa è una questione di carattere.

Per decenni hai pensato al tuo rapporto con il pubblico come Pubbliche Relazioni, con tutte le manipolazioni che la professione comporta.

Siamo nel 1776. Non puoi più viaggiare in quel modo.

“QUESTI sono i tempi che mettono alla prova le anime degli uomini. Il soldato estivo e il patriota solare, in questa crisi, si ritrarranno dal servizio del loro paese; ma colui che lo sostiene ora, merita l’amore e il ringraziamento dell’uomo e della donna. La tirannia, come l’inferno, non si vince facilmente; eppure abbiamo questa consolazione con noi, che più duro è il conflitto, più glorioso è il trionfo. Ciò che otteniamo troppo a buon mercato, lo stimiamo troppo alla leggera: è solo la carità che dà ad ogni cosa il suo valore. Il cielo sa dare un giusto prezzo ai suoi beni; e sarebbe davvero strano se un articolo così celestiale come FREEDOM non fosse valutato molto bene”.

Vuoi continuare a vendere quello che hai sempre venduto, fino a quando i soldi della gente per comprare le tue merci non si esauriscono? Perché sicuramente ti rendi conto che questo è il Piano. Una restrizione e un’ingerenza governativa dopo l’altra, finché l’unica alternativa è un’economia strutturata e gestita, dall’alto verso il basso.

Sei disposto a conviverci?

Quelli di noi che sono svegli e hanno occhi per vedere possono combattere questa guerra senza di te. Non stiamo aspettando di reclamare la nostra libertà. Scrivo questa lettera perché potete, se lo vorrete, diventare nostri alleati.

Oppure puoi sprofondare in una pozza di oscurità e non farti più sentire.

Nemmeno annotato nei libri di storia.

Cosa farai ora, in questa crisi?

Hai la possibilità di essere grande. Hai la possibilità di aiutare a salvare questo paese. Da qualche parte dentro di te, non hai sempre desiderato una battaglia degna dei tuoi sforzi più profondi?

Puoi formare una linea, oltre la quale i lupi al potere non possono attraversare.

In quest’ora, l’autentico spirito dell’America ti raggiunge.

Lo spirito di libertà, che non muore mai, ti batte sulla spalla.

Ti allontanerai o verrai in aiuto del tuo paese?

Cercherai di mantenere la tua posizione abituale, con i paraocchi, solo per realizzare, presto, che la tua posizione è insostenibile; o creerai una nuova connessione con il Popolo e impegnerai le tue fortune, il tuo onore e le tue vite in una nuova Dichiarazione di Indipendenza da questa ultima versione della Corona, che cerca di colonizzarci in un paesaggio di disperazione?

Che tu scelga di ritirarti o di avanzare, stai rischiando tutto ciò che hai guadagnato. In un caso, lo abbandoni volontariamente, perché non appena sorgerà il sole, il governo continuerà a escogitare modi per portartelo via. Nell’altro caso, rischi tutto per il giusto motivo:

Il sogno di ciò che l’America dovrebbe rappresentare.

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/

®wld