Perché alcune persone sostengono la tirannia mentre altre la sfidano ?

di Brandon Smith
12 agosto 2021
dal sito web di Alt-Market

C’è una domanda fondamentale che assilla le pagine della storia ed è una domanda che non è mai stata affrontata in maniera soddisfacente.

Esistono molte scuole di pensiero sul perché e sul modo in cui la tirannia sorge in una determinata società e tutte mancano il bersaglio in termini di spiegazioni, principalmente perché consentono ai loro pregiudizi di governare le loro conclusioni e li accecano agli aspetti più profondi del potere e della cospirazione.

In altre parole, sono disposti a scendere nella tana del coniglio solo fino a un certo punto, e poi negano che la tana del coniglio esista.

L’assunto comune quando si tratta di autocrazia o oligarchia è che le persone sono “stupide” e facilmente manipolate nel seguire personalità convincenti che fanno promesse che non intendono mantenere.

Questa è una stupida semplificazione. In verità, il livello di manipolazione necessario per attirare la maggioranza delle persone nella dittatura è così complesso che richiede una comprensione avanzata della psicologia umana.

Nella nostra era moderna, non si può semplicemente ordinare alle persone di sottomettersi sotto tiro, almeno non subito.

Devono essere indotti con l’inganno a conformarsi, e non solo, ma devono essere indotti a pensare che sia stata la LORO IDEA per tutto il tempo. Senza questa dinamica di autocensura e autoasservimento, la popolazione alla fine si ribellerà, non importa quanto sia oppressivo il regime.

Una tirannia millenaria non può esistere a meno che un certo numero di persone non sia costretta ad applaudirla o ne tragga direttamente beneficio.

Ed è qui che troviamo la vera chiave del totalitarismo: prospera solo perché c’è una parte intrinseca di una data società che segretamente la ama e vuole che esista.

Potremmo chiamare queste persone utili idioti, ma è molto di più.

  • non sono necessariamente ignari di quello che stanno facendo
  • capiscono in una certa misura che stanno aiutando nella distruzione delle libertà di altre persone
  • e si divertono in esso…

Certo, ci sono elitari e globalisti che impongono cospirazioni fondamentali e cercano sempre più controllo, ma non potrebbero ottenere molto senza l’aiuto dell’esercito di aberrazioni sociopatiche che vivono tra di noi. Questa caratteristica strana e distruttiva è oggi sempre visibile alla luce dei lockdown C-o-v-i-d e della spinta alle v-a-c-c-in-a-zioni forzate.


È chiaro che ci sono alcune persone là fuori che sono eccessivamente preoccupate per le decisioni sulla salute personale di tutti gli altri.

La scienza e le statistiche dimostrano che non c’è nulla di cui preoccuparsi per il virus, ma,

Ignorano la scienza.

Hanno sete del gusto del potere.

Sono diventati una setta che ignora ogni logica e pretende fedeltà alla loro narrativa fraudolenta.

A loro non interessano i fatti, a loro importa solo che rispettiamo.

Bene, come ho detto più e più volte:

We Will Not Rispettare …!

E così inizia l’epico conflitto:

una storia antica quanto la civiltà stessa…

Ci sono due tipi di persone in questo mondo:

  • quelli che vogliono controllare gli altri
  • quelli che vogliono essere lasciati soli

Ma cosa motiva i maniaci del controllo? Perché sono come sono?

Esaminiamo alcune delle cause…


Il motore della paura

Ci sono persone che sono guidate dal successo, dal merito, dalla speranza, dalla prosperità, dalla fede, dall’ottimismo, dall’amore e dall’onore.

E poi ci sono persone spinte dalla paura

Ci sono centinaia di paure diverse, ma solo pochi modi per reagire a ognuna di esse.

I collettivisti rispondono alla paura con un disperato bisogno di microgestire il loro ambiente; credono che se possono dettare persone ed eventi in una certa misura, possono eliminare risultati imprevisti ed essere liberi dalla paura.

Ma la vita non funziona in questo modo e mai lo farà.

Il livello di influenza che queste persone cercano è così lontano da loro che non può mai essere raggiunto. Vale a dire, non saranno mai soddisfatti finché non ne otterranno di più.

Le loro paure li perseguiteranno sempre perché le paure non possono essere affrontate dall’esterno, possono essere affrontate solo dall’interno.

Inoltre, le cose che temono spesso ruotano attorno al loro stesso narcisismo e sono di loro creazione .

Temono il fallimento, ma raramente lavorano abbastanza duramente per avere successo.

Temono di essere scoperti, ma solo perché mentono costantemente. 

Temono il conflitto, ma solo perché sono deboli nel corpo e nel carattere. 

Temono la morte, perché non credono in niente di più grande di loro stessi.

Chiedono a gran voce il dominio di ciò che li circonda perché credono erroneamente di poter ingannare il destino e le conseguenze delle proprie scelte terribili.

La sicurezza della folla

Il problema della paura si estende alla mentalità comune dei totalitari e al modo in cui trovano sicurezza.

L’idea di stare in piedi da soli e di attenersi ai propri principi di fronte all’opposizione è completamente estranea a loro. Evitano queste situazioni ad ogni costo e la nozione di rischio è ripugnante per loro. Quindi, cercano invece una folla in cui mimetizzarsi.

Questo li fa sentire al sicuro nell’oscurità mentre esercitano anche la forza attraverso l’azione collettivista. Possono sentirsi potenti e allo stesso tempo essere pietosi e deboli.

Queste persone operano quasi sempre attraverso grandi gruppi unificati che puniscono qualsiasi dissenso nei ranghi, di solito con guardiani che moderano le motivazioni dell’alveare.

La mafia stessa è un’arma, il suo unico scopo al di là del conforto dei suoi aderenti è distruggere quelle persone che non hanno le stesse credenze o valori dei controllori.

Non c’è alcuno scopo difensivo per la folla; è lo strumento di un assassino, è una bomba nucleare.

E, come abbiamo visto in ogni moderna dittatura da,

  • i bolscevichi in Russia
  • i fascisti in Germania
  • i comunisti nella Cina di Mao,

…la folla totalitaria è in grado di uccidere più persone di qualsiasi arma nucleare esistente, tutto in nome di,

“il maggior bene del maggior numero”…

Falsa pietà al posto dell’autostima

Tutti i tiranni credono di essere giusti nella loro causa , anche quando sanno che le loro azioni sono moralmente ripugnanti.

Ho visto questa dinamica in mostra audace durante i mandati Covid e le iniziative sui passaporti vaccinali.

Considera per un momento che,

  • Il 99,7% della popolazione non è sotto la legittima minaccia del virus Covid
  • non moriranno per questo
  • nella stragrande maggioranza dei casi si riprenderanno rapidamente da esso…

Eppure il culto del Covid sostiene costantemente che le persone che rifiutano i mandati, i blocchi e i vaccini mettono a rischio gli altri, motivo per cui dobbiamo essere “costretti” a sottometterci.

La maggior parte di loro sa secondo i dati che il Covid non è una minaccia , ma la narrazione dà loro l’opportunità di applicare il potere attraverso il “giudizio morale”, e quindi mentono, e continuano a mentire sui dati finché non pensano che la bugia lo farà. essere accettato come realtà.

Questo è un aspetto comune alla maggior parte dei culti e delle religioni fondamentaliste che si sono smarrite.

L’abitudine degli aderenti a valutare si trova sui fatti e sulle prove non perché cercano di proteggere la loro fede, ma perché offre loro la possibilità di sentirsi pii e superiori a coloro che sono determinati a danneggiare.

Coloro che non sono d’accordo sono etichettati come eretici, gli ultimi tra i bassi, i terroristi impuri…

La folla anti-mandato viene così spogliata della sua umanità e dipinta come demoniaca.

Le persone che vogliono rimanere libere diventano mostri e i mostri totalitari diventano eroi per salvare il mondo.

Come disse una volta l’ autore Robert Anton Wilson :

“Gli obbedienti pensano sempre a se stessi come virtuosi piuttosto che codardi”…

L’amore di una gabbia

Mi sento come se capissi questa mentalità in una certa misura, ma non smette mai di scioccarmi il modo in cui le persone che graffiano e raschiano per il potere sugli altri sembrano amare anche essere schiave del sistema.

Non sono così sicuro che sia ironico, poiché l’autoritarismo mantiene alcune delle sue promesse di “sicurezza” purché le persone coinvolte siano disposte a rinunciare a qualsiasi impulso di libertà.

Se fai sempre ciò che ti viene detto e servi il sistema senza fallo, allora ci sono buone probabilità che sarai in grado di aggrapparti alle magre necessità della sopravvivenza.

Vivrai una vita, anche se probabilmente non felice.

Per coloro che vanno al di là e mettono da parte tutti i principi personali per promuovere gli obiettivi del sistema, potrebbero anche godere di un minimo di ricchezza oltre i loro pari.

Vedete, in una società dispotica, le persone più prive di onore sono le persone più ricompensate.

Non hanno bisogno di merito, o realizzazione, o abilità, o anche cervello; tutto quello che devono fare è vendere le loro anime e fare tutto il necessario per attirare l’attenzione dell’oligarchia.

Non devono essere bravi in ​​niente, tutto ciò che devono fare è essere malvagi, e per alcune persone è facile.

In questo modo il sistema diventa una comoda coperta in cui altrimenti inutili devianti possono essere fasciati.

Si avvolgono in esso e si crogiolano nel suo calore.

Non sono interessati alla libertà perché la libertà sembra fredda per loro.

La libertà può isolare e l’esistenza della scelta è terrificante. Quando tutte le tue scelte sono fatte per te non c’è mai alcun dubbio o stress interno.

Tutto ciò che serve è svegliarsi ogni giorno e obbedire.

Per le persone deboli e ignoranti, la sottomissione è un dono invece di una maledizione. Credono che una gabbia sia fatta per essere dorata, non per fuggire, e chiunque cerchi una fuga deve essere pazzo o pericoloso.

Se esistono persone libere, allora gli schiavi sono costretti a mettere in discussione la propria condizione e il proprio rispetto, quindi tutti devono essere schiavizzati per rimuovere ogni dubbio dalla società.

La mente dell’alveare è posta al di sopra di ogni altra cosa.

Il ribelle e il libero

I piccoli tiranni che si infiltrano nell’umanità probabilmente considerano i sostenitori della libertà come una sorta di creature aliene provenienti da ben oltre i confini del loro universo.

Non riescono proprio a immaginare come sia possibile per qualcuno sfidare il sistema , opporsi alla mafia o al collettivo, anche quando sono in inferiorità numerica o quando il rischio è così alto.

Presumono che sia una forma di follia o mancanza di intelligenza:

perché, come potrebbe qualcuno intelligente pensare di avere una possibilità di combattere contro la dittatura?

Le persone Liberty sono individualisti per natura , ma ci preoccupiamo anche delle libertà degli altri.

C’è una narrativa di propaganda comune che afferma che gli individualisti sono “egoisti”, ma non è affatto così. Non è sufficiente per noi soli sfuggire alla schiavitù, non staremo a guardare nemmeno gli altri essere costretti alla schiavitù.

Siamo disposti a rischiare le nostre vite non solo per salvare noi stessi, ma anche per salvare le generazioni future dall’autocrazia.

Mentre i passaporti e i mandati dei vaccini continuano ad aumentare, i totalitari si ritroveranno ancora più sconcertati, perché ogni nuovo meccanismo di controllo risulterà in uno slancio ancora maggiore per la ribellione, e francamente a questo punto saremo noi o loro.

Non fermeranno la loro ricerca del dominio e noi non ci adegueremo, quindi siamo in una situazione di stallo.

Le nostre due tribù non possono coesistere all’interno della stessa società, forse nemmeno sullo stesso pianeta.

La verità è che se il volontariato fosse un ideale apprezzato, allora tutta questa lotta potrebbe essere evitata.

Se il culto collettivista fosse disposto ad accettare l’idea che possono scegliere di vivere in un ambiente altamente microgestito mentre altri possono scegliere di vivere in modo indipendente, allora non ci sarebbe crisi.

Potremmo facilmente prendere strade diverse…

Ma non è così che pensano i totalitari:

Per loro, tutte le persone sono beni mobili, noi siamo proprietà da mettere in gioco e rieducare fino a quando non vedremo la luce.

E se non vediamo la luce, saremo eliminati e cancellati.

Questo è il motivo per cui sono assolutamente da biasimare per la guerra che sta arrivando.

Non possono impedirsi di aggrapparsi alle nostre gole e alle nostre menti.

Sono dipendenti dalla supremazia.

Vivono in un sogno febbrile e l’unica droga che rinfresca le loro vene è l’oppressione totale di tutti coloro che li circondano.

Vedo cosa succederà dopo e non è carino per nessuna delle due parti, ma sarà particolarmente raccapricciante per i collettivisti perché non possono immaginare uno scenario in cui perdono.

Sono così sicuri della loro preminenza e della sicurezza delle loro prigioni autoimposte che vedranno il fallimento come un fantasma, un fantasma che non può toccarli.

Ci vorrebbe solo una manciata di piccole sconfitte per abbatterli, ma ciò richiede che i sostenitori della libertà diventino più organizzati di quanto non siano.

La linea di fondo è questa:

I sistemi tirannici sono pianificati da gruppi elitari e governi e sono loro che traggono i maggiori benefici dalla distruzione delle libertà pubbliche.

È davvero una cospirazione e i blocchi per la pandemia e la risposta forzata ai vaccini non fanno eccezione.

Tuttavia, i sistemi tirannici non potrebbero essere eseguiti senza l’aiuto di un più ampio contingente psicopatico della popolazione, e queste persone si riuniscono insieme per far accadere cose terribili.

È come se sentissero un fischio silenzioso di un cane mentre cresce il totalitarismo, o fiutassero nell’aria il sangue di vittime innocenti.

Chiamali di sinistra, chiamali comunisti, chiamali collettivisti, chiamali come vuoi… ma sappi che i globalisti non sono la nostra unica preoccupazione.

C’è un muro di peoni egocentrici e assetati di potere sulla strada, e vogliono tutti gli scarti che riescono a ottenere dal tavolo del ragazzone.

Non sono ignari.

Non sono stati indotti a fare le cose che fanno.

Sono un gruppo triste e patetico, ma sono ancora pericolosi nelle loro ambizioni.

Continueranno a sgusciare fuori dagli schemi man mano che l’agenda del Covid progredisce…

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld